arxiv e-print (arxiv: )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "arxiv e-print (arxiv:1411.5368)"

Transcript

1 news

2 arxiv e-print (arxiv: ) Theoretical models for the production of relativistic jets from active galactic nuclei predict that jet power arises from the spin and mass of the central black hole, as well as the magnetic field near the event horizon. The physical mechanism underlying the contribution from the magnetic field is the torque exerted on the rotating black hole by the field amplified by the accreting material. If the squared magnetic field is proportional to the accretion rate, then there will be a correlation between jet power and accretion luminosity. There is evidence for such a correlation, but inadequate knowledge of the accretion luminosity of the limited and inhomogeneous used samples prevented a firm conclusion. Here we report an analysis of archival observations of a sample of blazars (quasars whose jets point towards Earth) that overcomes previous limitations. We find a clear correlation between jet power as measured through the gamma-ray luminosity, and accretion luminosity as measured by the broad emission lines, with the jet power dominating over the disk luminosity, in agreement with numerical simulations. This implies that the magnetic field threading the black hole horizon reaches the maximum value sustainable by the accreting matter.

3 An inevitable consequence of Pjet 10Prad is that the jet power is larger than the disk luminosity. Therefore the process that launches and accelerates jets must be extremely efficient, and might be the most efficient way of transporting energy from the vicinity of the black hole to infinity It will be interesting to explore less luminous jetted sources, to get hints on the possible dependencies of the jet power on the black hole spin and the possible existence of a minimum spin value for the very existence of the jet. In turn, this should shed light on the long standing problem of the radio loud/radio quiet quasar dichotomy

4 Microquasar: Sorgenti X galattiche associate a sistemi binari Poco piu di una decina Moti jets in alcuni casi superluminali Emissione X da accrescimento da cui mini quasar; tempi scala molto piu corti Relativistiche ma non superluminali: SS433 Superluminali: GRS ======================================================== SS433 a circa 6 kpc al centro del resto di Supernova W50 eta circa anni In ottico righe H ed He spostate 70 km/sec (stazionarie) da rotazione differenziale galassia

5 Righe H verso R e B con velocita dell ordine di 0.2c mobili nel tempo con variazioni di v di circa 1000 km/sec da un giorno all altro Trovato andamento periodico con periodo = 164 gg e <v> = km/s Modello: binaria X con jet relativistico + precessione I 2 getti producono i due sistemi di righe mobili con v = 0.26c con precessione con periodi di 164 gg angolo di 80 gradi tra asse cono precessione e linea di vista; semiangolo del cono di precessione di 20 gradi Getti pesanti di barioni non plasma di e + ed e - per cui righe dal getto Torna con formule doppler boosting relativistico; Altre righe semi-stazionarie stazionarie NON dal getto ma dal disco di accrescimento! Binaria non visibile ma disco di accrescimento si, con variazione ciclica righe stazionarie da binaria con periodo 13gg Sembra che accretion sempre accompagnato da outflow!

6 Jets precessano angolo 20 o T 164g

7 Precessione dovuta a precessione disco di accrescimento: Stella compagna per effetti mareali non sferica da cui momento torcente su disco e quindi precessione. Righe mobili molto strette da cui spessore jet deve essere piccolo Si ricava angolo di apertura di 4 5 gradi I getti responsabili deformazione supernova (figura) da cui massa e flusso ed energia cinetica nei getti Si ottengono valori M = 3 x 10-6 M /anno Flusso energia cinetica >> L E per BH di massa solare se ne deduce: Massa BH dell ordine di 50 Masse solari e anche Accrescimento supercritico (quindi BH ruotante!)

8

9 Accretion in super E possibile con BH ruotante ed implica massa in eccesso espulsa (jets) Diffusione radiativa in presenza di forti contrasti di densita minimizza il gradiente della pressione di radiazione e porta al superamento del limite di Eddington Vedi ad es. Begelman 2006: astro-ph/ referenze

10 Superluminal X-ray binaries solo 3 note per ora Emissione fortemente variabile GRS BH accretion disks - collimated jets X-ray luminosita >> limite di Edd Jets leggeri (plasma di e+ ed e- in campo magnetico) intermittenti -- misurato moto in entrambi i jets da cui

11

12 Da studi assorbimento HI risulta D = 12.5 ± 1.5 kpc e diventa V = 0.92c con angolo = 70 gradi se ho D ricavo angolo!!!!! Accretion rate eccezionalmente alto Collegamento tra evoluzione accretion disk e formazione jet relativistico su tempi scali molto piu brevi di QSS Lo svuotamento e successivo riempimento di X-ray emitting disk coincide con emissione jet Con disco quasi vuoto emissione dovrebbe cessare

13

14 Importante e oscuramento AGN da dust e gas Esistono S1 ed S2, esistono Quasar di tipo 2? Quante? per gli oggetti radio loud posso dire che FR II sono la controparte delle QSS, ma per radio quiete? Tutte le galassie hanno un AGN dentro? Radio quieto? Ed alle altre bande? Una forte indicazione che la maggior parte dei fenomeni di accrescimento e oscurato viene dal fondo X. Lo spettro della radiazione di fondo in banda X e piu hard di quello previsto dalla somma degli AGN non oscurati che invece sono in accordo con il fondo X molle. Questo implica la presenza di un numero significativo di AGN la cui emissione X molle e assorbita, ma quella hard no.

15 Radiazione di fondo E presente in diverse bande: Millimetrico: radiazione di fondo di CN -- sicuramente cosmologica Radio ottica e vicino UV e risolta e dovuta a sorgenti discrete X-Ray e Gamma Ray Nella regione intermedia non si puo dire nulla causa assorbimento da H in nostra galassia

16

17 I nuclei attivi 1-10% delle galassie possiedono un nucleo attivo Tre semplici argomenti contro l ipotesi di emissione stellare: 1) Variabilita : tempi scala brevi regioni compatte 2) Spettro di emissione: completamente diverso dallo spettro delle varie popolazioni stellari e indicativo di processi non termici 3) Energia coinvolta

18 La spettro multifrequenza degli AGN Radio sub-mm Infrarosso ottico UV Banda X Nella banda X le frequenze generalmente si misurano in ev o kev: 1 kev = Hz = 12.4 Angstrom = 10 7 K

19 Spettro in energia e fotoni e unita di misura piu comuni Componente principale dello spettro X: legge di potenza Spettro in energia: F(E) = C E -α misurato in kev/cm 2 /s/kev Spettro in fotoni: N(E) = D E -Γ misurato in fotoni/cm 2 /s/kev F(E) = E x N(E) E -α = E x E -Γ = E -(Γ-1) Γ= α+1 α= indice spettrale Γ= indice in fotoni (photon index)

20 Esempio di spettro X Spettro in fotoni N(E) fotoni/cm 2 /s/kev Quasar 3c273 Spettro in ExF(E) kev/cm 2 /s α=0.7 Γ=1.7

21 Spettro X medio: altre componenti oltre alla legge di potenza primaria Riga di emissione del ferro Picco di riflessione Decrescita (cut off) esponenziale alle alte energie Seyfert 1 Seyfert 2

22 Le regioni piu interne dell AGN: il modello base e i meccanismi di emissione M BH = masse solari Compton inverso R g =GM/c 2 =raggio gravitazionale Continuo di riflessione Compton Hot electrons T~ K Emissione termica ~10 2 r g Black hole Accretion disk T~10 6 K T~ K ~10 4 r g

23 Lo spettro in banda X osservatore α 0.9 Hot electrons Black hole Accretion disk Legge di potenza primaria Eccesso soft Continuo di riflessione Riga del ferro F(E) = C E -α e (-E/Ec) [1+ A(E) ] + BB(E) + G(E) Negli AGN radio loud una ulteriore componente dello spettro proviene dal jet

24 Il modello unificato: oscuramento Sy1 ottiche non assorbite in banda X Sy2 ottiche assorbite in banda X Il toro oscurante: gas+polvere, T<10 5 K, r~1-10 pc

25 AGN oscurati T<10 5 K Componente riflessa osservatore Componente trasmessa N H = cm pc F abs (E) ~ F unabs e -N Hσ E + F unabs A toro (E)

26 σ T Sezioni d urto Abbondanze cosmiche dei metalli σ E ~ E -2.5 Solo H + He Edge del ferro a 7.1 kev σ E = sezione d urto per l assorbimento fotoelettrico σ T = sezione d urto per lo scattering Thomson N H = densita di colonna di idrogeno equivalente; unita di misura : cm -2 I obs (E)/I int (E) e -τ τ=-n H σ E σ E E -2.5 l emissione nucleare e trasparente alle alte energie σ T >σ E at E> 10 kev L assorbimento dei fotoni X e essenzialmente dovuto ai metalli

27 Assorbimento fotoelettrico + scattering Linea tratteggiata = solo assorbimento fotoelettrico Linea continua = assorbimento + scattering I obs (E)/I int (E) e -τ τ = -N H σ Per N H >σ T -1 ~ cm -2 un contributo significativo all opacita e dato dallo scattering. Questi oggetti vengono chiamati Compton-thick. Gli oggetti con oscuramento al di sotto di questa soglia vengono detti Compton-thin

28 Esempi di AGN con diversi gradi di oscuramento logn H <24 Compton-thin logn H >24 Compton thick Il gas freddo presente nel toro contribuisce all emissione di riga del ferro Kα. Al crescere della colonna di idrogeno equivalente N H lo spettro e assorbito fino ad energie sempre maggiori.

29 Esempi osservativi QSO Seyfert 2

30 Esempio di spettro Compton-thick con assorbimento logn H =24.5 Spettro non assorbito Spettro assorbito Componente trasmessa Componente riflessa Componente riflessa osservatore Componente trasmessa F abs (E) ~ F unabs e -N Hσ E + F unabs A toro (E)

31 Esempi osservativi di AGN Compton-thick Sorgente IRAS logn H ~24 logn H ~24 Componente trasmessa Componente riflessa logn H >25 Seyfert 2 NGC4595 : logn H ~24 riflessione + trasmissione Seyfert 2 NGC1068 : logn H >25 sola riflessione

32 La scoperta del fondo cosmico in banda X Osservazioni nella banda 2-6 kev I conteggi dei due rivelatori sono maggiori di zero lungo ogni linea di vista fondo di radiazione diffuso Giacconi Il fondo in banda X e stato il primo fondo scoperto

33 Immagine della luna ottenuta col satellite ROSAT (0.5-2 kev) La luna proietta un ombra sul fondo cosmico

34 Impossibile visualizzare l'immagine. Mappe del cielo in banda X ROSAT E~0.25 kev P i a n o g a l a t t i c o HEAO-1 E~10 kev: A queste energie la Galassia e trasparente Grado di isotropia dello XRB: ~3% su scale del grado quadrato L isotropia suggerisce un origine extragalattica P i a n o g a l a t t i c o

35 La radiazione cosmica di fondo nelle varie bande Radiazione di fondo a 3K CMB (cosmic microwave background) ottico=stelle νιν X-ray Background = AGN Infrarosso= stelle(+agn?) soft hard 2 kev

36 Lo spettro del fondo cosmico di raggi X I primi dati (1980) ottenuti nel range 3-60 kev si potevano ben riprodurre tramite uno spettro termico prodotto da un plasma caldo otticamente sottile: F(E)~ E e -E/41keV (bremsstrahlung)

37 Emissione del fondo X dovuta a un gas caldo diffuso che pervade l Universo? No per due motivi: 1) Sottraendo dallo spettro del fondo il contributo degli AGN noti a quel tempo si perdeva la forma di bremsstrahlung 2) Lo spettro della CMB e un black body quasi perfetto: un gas caldo (T~40 kev ~ K) avrebbe prodotto distorsioni sullo spettro della CMB che invece non si osservano Altra ipotesi: il fondo X risulta dalla somma dell emissione di sorgenti puntiformi. Quali sorgenti? AGN: sono le sorgenti extragalattiche piu brillanti e hanno una forte evoluzione cosmologica. Le lievi fluttuazioni del fondo, inferiori al 3% su scale del grado quadrato, indicano che le sorgenti puntiformi responsabili dell emissione di fondo devono essere molto numerose (> 1000 per grado quadrato).

38 Il paradosso spettrale: lo spettro in banda X degli AGN brillanti non oscurati (α~0.9) e troppo ripido per produrre lo spettro del fondo (α~0.4) contributo fondamentale da parte degli AGN oscurati Spettro del fondo: α=0.4

39 Il Modello Unificato

40 Il modello unificato: oscuramento Sy1 ottiche non assorbite in banda X Sy2 ottiche assorbite in banda X Il toro oscurante: gas+polvere, T<10 5 K, r~1-10 pc

41 Esempi osservativi di AGN Compton-thick Sorgente IRAS logn H ~24 logn H ~24 Componente trasmessa Componente riflessa logn H >25 lognh<24 Compton-thin lognh>24 Compton thick Seyfert 2 NGC4945 : logn H ~24 riflessione + trasmissione Seyfert 2 NGC1068 : logn H >25 sola riflessione

42 Il numero degli AGN oscurati e la distribuzione dei loro assorbimenti e nota solo per le galassie di Seyfert nell Universo locale: l evoluzione cosmologica della distribuzione di N H e del rapporto fra AGN oscurati e non e ancora poco conosciuta.. frazione logn H Nonostante gli AGN oscurati, in particolare gli oggetti Compton-thick (N H >10 24 cm -2 ), siano piu difficili da osservare, si stima che nell Universo locale siano almeno 4-5 volte piu numerosi degli AGN non oscurati. Dunque circa l 80-90% della popolazione di AGN locali e oscurata. La meta di essi sono Compton-thick.

43 Gli effetti dell oscuramento sui conteggi di AGN La relazione logn-logs: conteggi di sorgenti al di sopra di un certo flusso S. A flussi molto brillanti dominano gli AGN non oscurati, a flussi deboli dominano gli AGN oscurati Nel caso di un Universo euclideo N(>S)~S -1.5 [cgs] = erg/cm 2 /s

44 L integrazione del fondo cosmico I Spettro in banda X Funzione di luminosita In banda X I(E)=intensita del fondo cosmico. Solitamente si misura in kev/cm 2 /s/sr/kev

45 Rappresentazione schematica della funzione di luminosita ed evoluzione cosmologica degli AGN Evoluzione in luminosita : agn in media piu luminosi in passato Log ρ Evoluzione in densita : agn in media piu numerosi in passato Log ρ z=1 ρ~l -γ1 ρ~l -γ2 L<L B L>L B z=0 z=1 z=0 γ1~1.4 γ2~3.4 logl B (z=0)~44 Log L Log L L(z)=L(0)(1+z) β β~2.6 (z = redshift)

46 Funzione di luminosita degli AGN non assorbiti nella banda soft (0.5-2 kev) L evoluzione osservata e piu complicata rispetto ad una semplice evoluzione in luminosita (Pure Luminosity Evolution, PLE) o in densita Cio che si e osservato di recente e una evoluzione in densita dipendente dalla luminosita (Luminosity Depedent Density Evolution, LDDE) in cui il tasso di evoluzione e piu elevato ad alte luminosita

47 L evoluzione cosmologica degli AGN nella banda kev Densita numerica Densita di luminosita Gli oggetti di alta luminosita hanno un picco di densita a redshift piu alti rispetto agli oggetti di bassa luminosita

48 La funzione di luminosita nella banda hard X (2-10 kev) AGN non oscurati Totale AGN (con rapporto oscurati/non oscurati che cala con la luminosita ) Totale AGN (con rapporto costante) Il numero di AGN contenuti nella funzione di luminosita 2-10 kev e maggiore del numero di AGN contenuti nella funzione di luminosita kev questo perche nella banda 2-10 kev si riescono ad osservare efficacemente anche gli AGN oscurati

49 Dipendenze della frazione di AGN oscurati con la luminosita e il redshift Le osservazioni piu recenti suggeriscono che il numero di AGN oscurati decresce ad alte luminosita intrinseche. Un interpretazione plausibile e che ad alte luminosita la pressione di radiazione spazzi via il materiale oscurante.

50 Il fit allo spettro del fondo cosmico di raggi X Descrizione delle curve: AGN non assorbiti AGN assorbiti Compton-thin AGN assorbiti Compton-thick Totale AGN AGN Compton-thick necessari per riprodurre il fondo a 30 kev

51 I campi piu` profondi in banda X e la frazione di fondo risolto Immagine X del campo Chandra Deep Field North rosso = kev verde = 1-2 kev blu = 2-7 kev 20 arcmin Osservazioni del satellite Chandra, tempo di integrazione = 20 giorni!

52 Il fondo risolto in sorgenti singole Fondo risolto = somma delle sorgenti nei Chandra Deep Fields La maggior parte della radiazione di fondo cosmico nella banda 1-10 kev e stata gia risolta in sorgenti singole nei Chandra Deep Fields. Le successive osservazioni di spettroscopia ottica hanno in effetti dimostrato che tali sorgenti sono in larga maggioranza AGN, in particolare AGN oscurati.

53 XRB isotropo per cui EG lieve anisotropia in banda 2-10 kev dovuto a nostra galassia Anisotropia dipolo dovuto a moto galassia A energie < 0.5 kev emissione galattica ed assorbimento Fotoelettrico da ISM annullano fondo X Quindi fondo X da 0.5 kev a MeV: 4 decadi Maggior parte fondo X tra kev Satelliti X principalmente sui 3-5 kev

54 In banda soft 1 5 kev ROSAT ed ora CHANDRA hanno risolto % di emissione di fondo essenzialmente dovuta ad AGN con BLR Quindi flusso totale visto nel fondo X e in accordo con somma dei Flussi aspettati da AGN in banda soft. Ma spettro AGN e XRB diventano diversi a kev. In questa banda il contributo degli AGN noti cala a 10% Modelli con elevata componente di Compton reflection (X duri) non tornano ne come numero ne come spettro (Setti + Comastri) Soluzione accettata e AGN oscurati visibili quindi solo in regione hard (Comastri et al. 1995, AA 296, 1). Se abbiamo un alto numero di AGN oscurati questi pesano poco niente in regione soft ma diventano importanti in regioni hard. Da fondo X possiamo dedurre numero e proprieta integrate di AGN oscurati e stimare quindi la densita di massa dei BH

55 Con maggiore dettaglio: Tra 0.1 e 0.5 kev origine galattica, una bolla di gas a 10 6 K Tra 0.5 e 2.0 kev legge di potenza con α = Steeper rispetto a estrapolazione di hard X Tra 3 20 kev flat power law con α 0.4 La conoscenza dello spettro di emissione termico esclude che XRB venga da gas diffuso caldo intergalattico che in caso contrario mi avrebbe influenzato la radiazione cosmica di fondo a 3 K

56 Moretti et al A&A 2012: Osservato deep field di CHANDRA con XRT (minore risoluzione angolare, sensibilita inferiore per sorgenti singole, ma livello di fondo inferiore) Sottratte tutte le sorgenti di CHANDRA Rimane una componente di fondo non risolta molto piu dura del fondo X totale oscurati e lontani??

Nuclei Galattici Attivi e Buchi Neri. Lezione 14

Nuclei Galattici Attivi e Buchi Neri. Lezione 14 Nuclei Galattici Attivi e Buchi Neri Lezione 14 Perchè un BH molto massiccio? Quanto massiccio deve essere un buco nero per irraggiare con la luminosità di un AGN? Se richiediamo che che LAGN < LEdd (limite

Dettagli

Il mezzo circumnucleare: Oscuramento. Monday, January 9, 12

Il mezzo circumnucleare: Oscuramento. Monday, January 9, 12 Il mezzo circumnucleare: Oscuramento Riassunto/Ripasso delle Componenti Disco di Accrescimento (sorgente UV-X D < 0.01 pc L = 10 42-10 47 erg/s Spectral Energy Distribution (SED Radio Loud IR bump He 2+

Dettagli

studio AAE Studi/ Prodotti hardware Ricerca

studio AAE Studi/ Prodotti hardware Ricerca ASTROFISICA DELLE SORGENTI GALATTICHE FORMAZIONE ED EVOLUZIONE STELLARE SISTEMI BINARI CON SORGENTI COMPATTE SUPERNOVAE E SUPERNOAE REMNANTS MIGLIORAMENTO DELLA COMPRENSIONE DEI FENOMENI E DEI MODELLI

Dettagli

Indice. Parte I Astrofisica osservativa

Indice. Parte I Astrofisica osservativa Parte I Astrofisica osservativa 1 Sistemi di riferimento astronomici... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Il sistema di coordinate orizzontali o altazimutali................ 4 1.3 Ilsistemaequatoriale... 6 1.4

Dettagli

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

Emissione X da sistemi binari

Emissione X da sistemi binari Emissione X da sistemi binari Le binarie X sono sistemi in cui un oggetto compatto (una nana bianca, una stella di neutroni o un buco nero) cattura materia proveniente da una stella compagna in un orbita

Dettagli

Calibrazione in volo di INTEGRAL SPI/ACS tramite l osservazione dei GRB e aloni di scattering in banda X dovuti alla polvere interstellare

Calibrazione in volo di INTEGRAL SPI/ACS tramite l osservazione dei GRB e aloni di scattering in banda X dovuti alla polvere interstellare Calibrazione in volo di INTEGRAL SPI/ACS tramite l osservazione dei GRB e aloni di scattering in banda X dovuti alla polvere interstellare Relatore esterno: Sandro Mereghetti Relatore interno: Pierre M.

Dettagli

Indice. Parte I Astrofisica osservativa

Indice. Parte I Astrofisica osservativa Parte I Astrofisica osservativa 1 Sistemi di riferimento astronomici... 3 1.1 Introduzione.... 3 1.2 Il sistema di coordinate orizzontali o altazimutali..... 4 1.3 Il sistema equatoriale..... 6 1.4 Altri

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

Sistemi binari e accrescimento

Sistemi binari e accrescimento Sistemi binari e accrescimento Le Stelle Binarie Finora abbiamo considerato le stelle come oggetti luminosi e isolati; le stelle sono alimentate da reazioni di fusione nucleare non interagiscono con il

Dettagli

VARIABILITA' X NEI NUCLEI GALATTICI ATTIVI

VARIABILITA' X NEI NUCLEI GALATTICI ATTIVI VARIABILITA' X NEI NUCLEI GALATTICI ATTIVI Università di Napoli Federico II Ciro Pinto Relatori matr. 358/27 Dr. Maurizio Paolillo Prof. Giuseppe Longo VARIABILITA' NEL DOMINIO X DEI NUCLEI GALATTICI ATTIVI

Dettagli

Le Galassie: il mezzo interstellare. Lezione 7

Le Galassie: il mezzo interstellare. Lezione 7 Le Galassie: il mezzo interstellare Lezione 7 Il cooling time L cooling Molecole (mm) X 0, X + (FIR, Opt, UV) Righe proibite (Opt, IR) Righe risonanti (UV, soft X(< 2keV)) Free-free Righe risonanti Fe

Dettagli

Distribuzione Galattica e modelli globali del Mezzo Interstellare. Distribuzione del gas interstellare nella Galassia

Distribuzione Galattica e modelli globali del Mezzo Interstellare. Distribuzione del gas interstellare nella Galassia Distribuzione Galattica e modelli globali del Mezzo Interstellare Lezione ISM 3 G. Vladilo Astronomia Osservativa C, ISM 3, Vladilo (2011) 1 Distribuzione del gas interstellare nella Galassia Storicamente

Dettagli

PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA

PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA PLASMI ASTROFISICI OTTICAMENTE SOTTILI: CORONE STELLARI E RESTI DI SUPERNOVA Antonio Maggio INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Giuseppe S. Vaiana Visita Commissario INAF Palermo, 10-11 Marzo 2004

Dettagli

L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo

L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo L astronomia X dopo una storia iniziale travagliata sbocciò grazie all ingegno di due scienziati italiani immigrati negli USA: Bruno Rossi e Riccardo Giacconi. La prima osservazione astronomica nei raggi

Dettagli

Il Mezzo Interstellare. Lezione 9

Il Mezzo Interstellare. Lezione 9 Il Mezzo Interstellare Lezione 9 Sommario Nebulose a emissione (regioni HII, nebulose planetarie, resti di supernove); a riflessione; oscure. La polvere interstellare estinzione e arrossamento. Le componenti

Dettagli

Evidenze osservative " delle fasi di formazione stellare e planetaria!

Evidenze osservative  delle fasi di formazione stellare e planetaria! Evidenze osservative " delle fasi di formazione stellare e planetaria! planform1! G. Vladilo! 1! Dal mezzo interstellare alle stelle e pianeti! STELLE! Nucleosintesi! Metalli espulsi! Formazione di polvere!

Dettagli

FILTRI BROAD-BAND E NARROW-BAND

FILTRI BROAD-BAND E NARROW-BAND FILTRI BROAD-BAND E NARROW-BAND Hα B y FWHM Filtro a banda larga Filtro a banda media Filtro a banda stretta BG39 + Filtro Bessell V GG495 f = 0 f 0 (λ )T ( λ) R( λ) S (λ )d λ Il flusso di energia misurato

Dettagli

Analisi dei dati del satellite Swift relativi ai blazars 3C 279 e PKS 1510-08

Analisi dei dati del satellite Swift relativi ai blazars 3C 279 e PKS 1510-08 Analisi dei dati del satellite Swift relativi ai blazars 3C 279 e PKS 1510-08 Umberto Battino Rapporto nr. 108 7 luglio 2008 Rapporto interno attività di Stage (aprile-giugno 2008) Battino Umberto Università

Dettagli

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17

Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17 Introduzione alla Cosmologia Fisica Lezione 17 la radiazione diffusa a micro-onde, la scoperta del Big Bang, Penzias e Wilson Giorgio G.C. Palumbo Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Astronomia

Dettagli

La morte delle stelle. Lezione 12

La morte delle stelle. Lezione 12 La morte delle stelle Lezione 12 Sommario Gli stadi finali dell evoluzione stellare per le stelle di piccola massa (nane rosse, perdite di massa e nebulose planetarie, nane bianche). Evoluzione dei sistemi

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

Tabella periodica degli elementi

Tabella periodica degli elementi Tabella periodica degli elementi Perchè ha questa forma? Ovvero, esiste una regola per l ordinamento dei singoli atomi? Le proprietà dei materiali hanno una relazione con la tabella? L applicazione dei

Dettagli

Fotoni e materia. Spettroscopia Astronomica

Fotoni e materia. Spettroscopia Astronomica Spettroscopia Astronomica Consiste nella misura di spettri: F(n) (flusso specifico, per sorgenti puntiformi) o di B(n) (Brillanza specifica, per sorgenti estese) E Fondamentale! La maggior parte delle

Dettagli

STELLE VARIABILI. Capitolo 14

STELLE VARIABILI. Capitolo 14 Capitolo 14 STELLE VARIABILI Esistono stelle che cambiano periodicamente o irregolarmente o solo occasionalmente la loro luminosità: nell insieme sono chiamate stelle variabili. Già abbiamo citato la loro

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo

I BUCHI NERI. Maurizio Macchiarulo I BUCHI NERI Maurizio Macchiarulo I Buchi Neri nella Fisica Classica 1687 Isaac Newton pubblica i suoi Principia 1783 John Michell formula il concetto di Dark Star 1795 Pierre Simon Laplace pubblica Le

Dettagli

Il ruolo degli astrofili per il monitoraggio delle controparti ottiche delle Binarie X di alta massa

Il ruolo degli astrofili per il monitoraggio delle controparti ottiche delle Binarie X di alta massa Il ruolo degli astrofili per il monitoraggio delle controparti ottiche delle Binarie X di alta massa V.F. Polcaro Istituto Nazionale di AstroFisica Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica Roma

Dettagli

Le survey radio. Le survey radio permettono quindi di studiare la geometria e la struttura su grande scala del cosmo.

Le survey radio. Le survey radio permettono quindi di studiare la geometria e la struttura su grande scala del cosmo. Le survey radio Survey su tutto il cielo a 408 MHz dell'idrogeno neutro ottenuta combinando le osservazioni dei radiotelescopi di Jodrell Bank, Effelsberg e Parkes (rispettivamente in Inghilterra, Germania

Dettagli

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico Capitolo 4 Le spettroscopie 1. Lo spettro elettromagnetico 2) Tipi di spettroscopia Emissione: transizione da livello superiore a livello inferiore Assorbimento: contrario 2.1 Spettroscopie rotazionali,

Dettagli

Franco Vazza (Jacobs University Bremen) Oggi: -Modelli di accelerazione macroscopici per Relitti Radio; - Accenno alle simulazioni numeriche.

Franco Vazza (Jacobs University Bremen) Oggi: -Modelli di accelerazione macroscopici per Relitti Radio; - Accenno alle simulazioni numeriche. Franco Vazza (Jacobs University Bremen) f.vazza@jacobs-university.de oppure vazza@ira.inaf.it ~ Oggi: -Modelli di accelerazione macroscopici per Relitti Radio; - Accenno alle simulazioni numeriche. ~ Slides

Dettagli

Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3. S. Solimeno lezione 3 1

Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3. S. Solimeno lezione 3 1 Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3 S. Solimeno lezione 3 1 S. Solimeno lezione 3 2 S. Solimeno lezione 3 3 S. Solimeno lezione 3 4 S. Solimeno lezione 3 5 spettroscopia gamma di colori che

Dettagli

Il Percorso di Astrofisica Laurea Magistrale in Fisica

Il Percorso di Astrofisica Laurea Magistrale in Fisica Il Percorso di Astrofisica Laurea Magistrale in Fisica Anno Accademico 2011/2012 Corsi di Astrofisica e Docenti ASTRONOMIA I + II (6 + 6) Marco Bersanelli LABORATORIO DI STRUMENTAZIONE SPAZIALE I + II

Dettagli

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58

Indice PREFAZIONE. Capitolo 5 LE LEGGI DEL MOTO DI NEWTON 58 5.1 La terza legge di Newton 58 Indice PREFAZIONE XV Capitolo 1 RICHIAMI DI MATEMATICA 1 1.1 Simboli, notazione scientifica e cifre significative 1 1.2 Algebra 3 1.3 Geometria e trigonometria 5 1.4 Vettori 7 1.5 Sviluppi in serie e approssimazioni

Dettagli

Ricerca dell emissione alle alte energie da parte delle radio galassie FRI e FRII

Ricerca dell emissione alle alte energie da parte delle radio galassie FRI e FRII Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Astrofisica e Cosmologia Dipartimento di Fisica e Astronomia Ricerca dell emissione alle alte energie da parte delle radio

Dettagli

Dispositivi optoelettronici (1)

Dispositivi optoelettronici (1) Dispositivi optoelettronici (1) Sono dispositivi dove giocano un ruolo fondamentale sia le correnti elettriche che i fotoni, le particelle base della radiazione elettromagnetica. Le onde elettromagnetiche

Dettagli

AC6 Misure della massa delle stelle

AC6 Misure della massa delle stelle AC6 Misure della massa delle stelle Stelle doppie e relative misure di parallasse. Ancora il satellite Hypparcos Doppie fotometriche Doppie eclissanti e misure fotometriche di massa Relazione empirica

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tesi svolta presso IASF/INAF di Milano Fabio Fornari Indice l astrofisica gamma e il satellite

Dettagli

Introduzione all Astrofisica AA 2013/2014

Introduzione all Astrofisica AA 2013/2014 Introduzione all Astrofisica AA 2013/2014 Prof. Alessandro Marconi Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Firenze INAF - Osservatorio Astrofisico di Arcetri Contatti, Bibliografia e Lezioni

Dettagli

Le Galassie. Lezione 10

Le Galassie. Lezione 10 Le Galassie Lezione 10 Leggi Scala delle Galassie Si mettono in relazione i vari parametri strutturali ottenibili per una galassia per cercare di capire le proprietà fisiche. Attenzione però a non abusare

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

Indice. Bibliografia... 23

Indice. Bibliografia... 23 Indice 1 Legge del decadimento radioattivo......................... 1 1.1 I fenomeni radioattivi.................................... 1 1.2 La legge esponenziale del decadimento radioattivo........... 4

Dettagli

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento Spettroscopia Raman Quando una radiazione monocromatica di frequenza n o e incidente ad un sistema molecolare la luce viene: assorbita se ha energia pari ad una possibile transizione ad un livello energetico

Dettagli

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X Neutron Imaging Tecniche nucleari per analizzare strutture superficiali o interne di materiali hanno un impiego esteso. Tra le moderne tecniche una delle piu diffuse e quella basata sulla radiografia/radioscopia

Dettagli

Struttura Elettronica degli Atomi

Struttura Elettronica degli Atomi Prof. A. Martinelli Struttura Elettronica degli Atomi Dipartimento di Farmacia 1 La Natura ondulatoria della luce - La luce visibile è una piccola parte dello spettro delle onde elettromagnetiche. 1 La

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation.

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Cover Page The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Author: Bogazzi, Claudio Title: Search for cosmic neutrinos with ANTARES Issue Date: 2014-05-15

Dettagli

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X

TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Dipartimento di Scienze Chimiche TECNICHE SPETTROSCOPICHE PER I BENI CULTURALI: SPETTROMETRIA DI FLUORESCENZA X Analisi superficiali via XRF: Le misure sono effettuate in tempi dell ordine di qualche centinaio

Dettagli

Introduzione all Astrofisica AA 2014/2015

Introduzione all Astrofisica AA 2014/2015 Introduzione all Astrofisica AA 2014/2015 Prof. Alessandro Marconi Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Firenze INAF - Osservatorio Astrofisico di Arcetri Contatti, Bibliografia e Lezioni

Dettagli

DEGLI STUDI DI LECCE DI SCIENZE MM.FF.NN. Studio dei meccanismi di accelerazione dei raggi cosmici di alta energia

DEGLI STUDI DI LECCE DI SCIENZE MM.FF.NN. Studio dei meccanismi di accelerazione dei raggi cosmici di alta energia UNIVERSITÀ FACOLTÀ DEGLI STUDI DI LECCE DI SCIENZE MM.FF.NN Corso di Laurea in Fisica TESI DI LAUREA Studio dei meccanismi di accelerazione dei raggi cosmici di alta energia Relatore Dott. Ivan DE MITRI

Dettagli

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93

INDICE CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 ENERGIA POTENZIALE E POTENZIALI ELETTRICI 663 CAMPO ELETTRICO 613 PROPRIETÀ ELETTRICHE DELLA MATERIA 93 INDICE CAPITOLO 25 CARICA ELETTRICA E LEGGE DI COULOMB 591 25.1 Elettromagnetismo: presentazione 591 25.2 Carica elettrica 592 25.3 Conduttori e isolanti 595 25.4 Legge di Coulomb 597 25.5 Distribuzioni

Dettagli

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac.

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Particelle ed Interazioni fondamentali Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Bosone. Particella a spin intero, che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein.

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo"

Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche disturbo Le stelle nascono all'interno di enormi nuvole di gas e polvere, come quella mostrata nella figura a sinistra, dove, a causa di qualche "disturbo" esterno, si iniziano a formare dei "grumi" più densi che

Dettagli

Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia. Francesco Nobili

Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia. Francesco Nobili Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia Francesco Nobili TECNICHE SPETTROSCOPICHE Le tecniche spettroscopiche sono tecniche analitiche basate sull interazione tra

Dettagli

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce.

L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. L osservazione in luce bianca è, per così dire, l osservazione del Sole al naturale ovviamente dopo averne attenuato la fortissima emissione di luce. Questa attenuazione si ottiene mediante l uso di un

Dettagli

Il Sole: un protagonista molto brillante

Il Sole: un protagonista molto brillante Il Sole: un protagonista molto brillante Il Sole Il Sole si trova in un braccio spirale della nostra Galassia (Via Lattea), chiamato braccio di Orione, a circa 30000 anni-luce dal centro (1 anno-luce=9,5x10

Dettagli

Astrofisica Generale Mod.B

Astrofisica Generale Mod.B AstrofisicaGeneraleMod.B partex Proprietàdelmezzointerstellare LaureaSpecialisticainAstronomia AA2008/09 AlessandroPizzella Mezzointerstellare(ISM) ComponenteTevisibilità HotICM0.005500,000raggiX WIM0.38,000Ha,righeass.IS

Dettagli

La ricerca astrofisica a Firenze. Alessandro Marconi Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Firenze

La ricerca astrofisica a Firenze. Alessandro Marconi Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Firenze La ricerca astrofisica a Firenze Alessandro Marconi Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Firenze La ricerca astrofisica a Firenze Porta Romana Poggio Imperiale Villa il Gioiello Pian dei Giullari

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea Specialistica in Fisica - Indirizzo Astrofisico Tesina di Astrofisica BUCHI NERI SUPERMASSICCI NEI NUCLEI GALATTICI

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Spettroscopia rotazionale

Spettroscopia rotazionale Spettroscopia rotazionale La spettroscopia rotazionale si occupa dello studio delle eccitazioni rotazionali delle molecole. La spettroscopia rotazionale è utile in fase gas, in cui le molecole sono libere

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

EMISSIONE NON TERMICA DA AMMASSI DI GALASSIE

EMISSIONE NON TERMICA DA AMMASSI DI GALASSIE Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Scienze Corso di Laurea in Fisica Istituto di Radioastronomia dell INAF EMISSIONE NON TERMICA DA AMMASSI DI GALASSIE Relatore: Chiar.mo Prof. Gabriele

Dettagli

Fluorescenza IR di eccimeri Xe 2 in gas denso

Fluorescenza IR di eccimeri Xe 2 in gas denso Fluorescenza IR di eccimeri Xe 2 in gas denso A. F. Borghesani *,+ and G. Carugno + * Dipartimento di Fisica, Unità CNISM, Università di Padova + Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sezione di Padova

Dettagli

La diffrazione. Lezioni d'autore

La diffrazione. Lezioni d'autore La diffrazione Lezioni d'autore Figure di diffrazione VIDEO Il potere risolutivo di un sistema ottico (I) Un esperienza classica sulle capacità di una persona di distinguere due oggetti vicini si realizza

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it La Nebulosa

Dettagli

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO

DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO DISTANZA DELLA NEBULOSA DEL GRANCHIO G. Iafrate e M. Ramella INAF - Osservatorio Astronomico di Trieste Informazioni e contatti: wwwas.oats.inaf.it/aidawp5 - aidawp5@oats.inaf.it La Nebulosa del Granchio

Dettagli

Salve ragazze e ragazzi!

Salve ragazze e ragazzi! Salve ragazze e ragazzi! Iniziamo con questa pagina il nostro viaggio che ci porterà dalla scoperta della nostra Galassia fino ai confini dell Universo, così come oggi possiamo osservarli e conoscerli

Dettagli

Compendio della Tesi

Compendio della Tesi Compendio della Tesi Le galassie sono sistemi stellari di enormi proporzioni tenuti insieme dall attrazione gravitazionale, e rappresentano, su grande scala, i mattoni costituenti dell Universo. Ciascuna

Dettagli

Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Palermo. Terza lezione. Antonio Maggio. INAF Osservatorio Astronomico di Palermo

Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Palermo. Terza lezione. Antonio Maggio. INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Palermo Terza lezione Antonio Maggio INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Argomenti e concetti già introdotti Fotometria: il concetto di

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Dal Sidereus Nuncius alla cosmologia fisica:

Dal Sidereus Nuncius alla cosmologia fisica: Dal Sidereus Nuncius alla cosmologia fisica: la fecondità del genio galileiano Giorgio G.C. Palumbo Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Astronomia In un documento datato 25 Settembre 1608

Dettagli

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s.

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. LA LUCE Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. 2012_2013 La luce è una forma di energia che ci fa vedere le forme, i

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. 7 Ottica Fisica II. Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser. Lab 2B CdL Fisica

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. 7 Ottica Fisica II. Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser. Lab 2B CdL Fisica Laboratorio 2B A.A. 2012/2013 7 Ottica Fisica Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser Spettrofotometria: assorbimento ottico La spettroscopia può fornire informazioni sulla natura degli atomi. Esempio:

Dettagli

Studio di sistemi binari Galattici con accrescimento su oggetti compatti. mediante il satellite per astronomia gamma INTEGRAL

Studio di sistemi binari Galattici con accrescimento su oggetti compatti. mediante il satellite per astronomia gamma INTEGRAL Sommario Studio di sistemi binari Galattici con accrescimento su oggetti compatti mediante il satellite per astronomia gamma INTEGRAL Relatore interno: Prof. Pierre M. Pizzochero Relatore esterno: Dott.

Dettagli

Riproduzione vietata. Riproduzione vietata

Riproduzione vietata. Riproduzione vietata Non-Destructive Testing L insieme delle tecniche e delle procedure che hanno come fine la valutazione delle difettosità nei materiali o manufatti e/o su parti di essi, senza doverli distruggere in tutto

Dettagli

Scala di un telescopio

Scala di un telescopio Scala di un telescopio Esprime la corrispondenza fra la separazione lineare (cm, mm) sul piano focale del telescopio e la separazione angolare (gradi, primi, secondi) in cielo Normalmente si esprime in

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto DOMANDE E RISPOSTE 23 Aprile 2007 Soluzioni Quesito 1 La forza con cui la carica positiva 2Q respinge la carica positiva + Q posta nell origine

Dettagli

SPETTROSCOPIA INFRAROSSA

SPETTROSCOPIA INFRAROSSA SPETTROSCOPIA INFRAROSSA Metodi fisici in chimica organica spettroscopia IR Vibrazioni molecolari 400-4000 4000 cm -1 Spettri molto complessi anche per molecole semplici:! Riconoscimento sostanze incognite

Dettagli

Proprietà ottiche di nanocristalli

Proprietà ottiche di nanocristalli Gerelli Yuri Corso di Spettroscopia Proprietà ottiche di nanocristalli Introduzione L esperienza affrontata in laboratorio prevede la caratterizzazione delle basilari proprietà ottiche di cristalli nanostrutturati,

Dettagli

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia.

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. G. Digilio - principi_v10 versione 6.0 LA SPETTROSCOPIA Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. La Spettroscopia di risonanza magnetica

Dettagli

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare

Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare Caratteristiche delle stelle ed evoluzione stellare stelle Corpi celesti di grande massa, che producono al loro interno energia mediante fusione nucleare, e la emettono sotto forma di radiazioni elettromagnetiche.

Dettagli

La spettroscopia stellare

La spettroscopia stellare La spettroscopia stellare Noi studiamo i corpi celesti, e quindi anche le galassie, misurando le radiazioni che ci mandano e che riusciamo a rilevare con i nostri strumenti. La luce che i nostri occhi

Dettagli

QUESTA TESI E STATA SVOLTA NELL AMBITO DELL ATTIVITA DI RICERCA DELL ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA / INAF DI BOLOGNA

QUESTA TESI E STATA SVOLTA NELL AMBITO DELL ATTIVITA DI RICERCA DELL ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA / INAF DI BOLOGNA QUESTA TESI E STATA SVOLTA NELL AMBITO DELL ATTIVITA DI RICERCA DELL ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA / INAF DI BOLOGNA 1 2 Indice Introduzione... 5 Nuclei galattici attivi (AGN)... 7 1.2 Classificazione degli

Dettagli

LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA NATURA DELLA LUCE E IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LIMITI DEL MODELLO ATOMICO DI RUTHERFORD Il modello atomico planetario di Ernest Rutherford, seppure rappresentava un grande passo avanti rispetto al modello

Dettagli

Riproduzione vietata. Riproduzione vietata

Riproduzione vietata. Riproduzione vietata Non-Destructive Testing L insieme delle tecniche e delle procedure che hanno come fine la valutazione delle difettosità nei materiali o manufatti e/o su parti di essi, senza doverli distruggere in tutto

Dettagli

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν 3. Natura quantistica di fotoni e particelle materiali Le particelle utilizzate per studiare i mezzi materiali obbediscono alle regole della meccanica quantistica. La loro natura perciò è duale, nel senso

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

Lezione N. 4 Le galassie

Lezione N. 4 Le galassie Lezione N. 4 Le galassie Pag. 2 -Come identificare in cielo la galassia di Andromeda, unica galassia visibile, (appena visibile) ad occhio nudo nell emisfero boreale. Pag. 3 - Le due nubi di Magellano

Dettagli