Lo Stage all estero. Australia - Tunisia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo Stage all estero. Australia - Tunisia"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Programma Operativo Nazionale Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione Asse III Misura 4/A Azione III.4/A Lo Stage all estero Australia - Tunisia Gli allievi del Master MAFIV MASTER MANAGEMENT DELLA FILIERA VITIVINICOLA Palermo, Gennaio 2005

2 Indice Presentazione pag. 3 Stage in Australia 7 - Valini Wines 9 - Casella Wines 69 - Vasse Felix Bimbadgen Estate Pizzini Wines Galli Estate 205 Stage in Tunisia SMVDA Domaine Neferis 231 2

3 Presentazione La formazione di professionalità, immediatamente spendibile nel campo operativo, richiede oltre ad una robusta preparazione teorico-metodologica, una solida conoscenza-esperienza diretta e personale dell impresa, del comparto, del sistema, a livello regionale, nazionale ed internazionale, in cui si vuole operare professionalmente. Nel progetto del Master-Management della Filiera vitivinicola, una parte cospicua è stata dedicata ad acquisire questa conoscenza-esperienza diretta e personale; infatti il tempo impegnato in attività formative operative è stato ben il 42%, ed in quest ambito ben il 25% è stato dedicato a stage presso imprese vitivinicole ed enologiche siciliane, del resto d Italia, estere. L obiettivo dichiarato è quello di far conoscere dall interno le imprese che operano sul mercato internazionale; far vivere agli allievi l esperienza di lavoro nei diversi aspetti e nelle diverse attività dell impresa; verificare, nel contatto diretto con i dirigenti, le maestranze, i soggetti e gli operatori esterni all impresa, gli standard professionali richiesti dall operatività dell impresa sul mercato internazionale. In particolare lo stage svolto presso imprese estere operanti sul mercato internazionale, in specie quando possono costituire temibili competitors per le imprese italiane, diventa notevolmente importante al fine di conoscere le strategie produttive, commerciali, organizzative e di marketing e gli assetti societari. Tale conoscenza acquisita con l esperienza operativa dall interno dell impresa costituisce elemento professionale e tecnico scientifico di notevole vantaggio per l impresa, il comparto, il sistema vitivinicolo della Sicilia, e non solo. Il percorso formativo degli allievi nell esperienza operativa presso le imprese è stato guidato ed assistito da tutor, tecnici e dirigenti della stessa impresa ed ha riguardato le attività, l organizzazione, la struttura dei processi nei diversi reparti: coltivazione dei vigneti e vendemmia, cantina, area commerciale, area amministrativa, area di marketing. Non è stato né semplice, né facile organizzare gli stages, in special modo per quelli da svolgere in imprese estere. In quest ultimo caso alle difficoltà di natura organizzativa, di rapporti fra istituzione formativa ed impresa si aggiungevano quelle della lingua. Le difficoltà tuttavia sono state alla fine superate e gli stages in Sicilia (con il contributo fattivo dell Assovini), nel resto d Italia ed all estero si sono svolti con grande profitto per gli allievi e con grande e reciproca soddisfazione per le imprese ospitanti e per l Associazione Temporanea d Impresa ISAS e CORERAS. Per lo stage all estero, la scelta quasi obbligata per il coordinamento scientifico del Master è stata: da una parte per un paese nel campo vitivinicolo oggi all avanguardia della tecnologia e dalla organizzazione, l Australia; dall altra parte 3

4 per un paese in via di sviluppo, dove la Sicilia proprio nel campo vitivinicolo potrebbe trovare interessanti opportunità, la Tunisia. Per l organizzazione degli stages è stata preziosa, efficiente e competente la consulenza e la collaborazione per l Australia dell ICE-Sicilia, nelle persone del Dott. Giorgio Ciaccio, già direttore, e della Dott.ssa Ines Aronadio, attuale direttore della sede siciliana, per la Tunisia del Dott. Maurizio Miccichè, Presidente della Casa Vinicola Calatrasi (S. Cipirello PA). In Australia, encomiabile è stata la collaborazione e la consulenza del Dott. Matteo Picariello, direttore dell ICE di Sidney, e della Dott.ssa Liana Arena sua collaboratrice, e l assistenza ad alcuni allievi da parte del responsabile ICE a Perth Dott. Enrico Pennaccini. Le imprese australiane dove sono stati svolti gli stages dagli allievi, con l assistenza dei relativi tutors, sono le seguenti: - Valini Wines, Nedlands Western Australia; tutor: Cath Oates (Wine Making, Contract wine making facilities, Bottling, Laboratory analysis, Cellar door operation, General tastings and Viticulture), Chris Melville (Market Structure, Taxation, Exporting and Importing, Label Regulations, Wine Marketing and Distribution); allievi: G. Barrile, G. Becchina, A.M. Ganci, T. Occhipinti. - Casella Wines, Yenda New South Wales Australia; tutor: Helen Williams (Humane Resouces), John Quarisa (Senior Wine maker), Philip Casella (Pubblic Relations), Marcello Casella (Viticulture), John Casella (General Manager); allievi: M. Buscemi, G. Longo, D. Rera. - Vasse Felix Winery, Cowaramup Western Australia; tutor: Bruce Pearse (Operations Manager), Clive Otto (Senior Winemaker), David Dowien (Winemaker), Julian Ryan (Vineyard Superior); Allievi: F. Bellomo, L. Ciulla. - Bimbadgen Estate, Pokolbin New South Wales Australia; tutor: Jane Turner (Assistent Winemaker); allievi: T. Brancato, A. Corte. - Pizzini Wines, Whitfield Victoria Australia; tutor: Fred Pizzini (General Manager), Katrina Pizzini (Pubblic Relations); allievi: D. Consagra, C. Lobue. - Galli Estate Winery,Rockbank Victoria Australia; tutor: Graham Stenberg (General Manager); allievi: V. Madonia, R. Natalello. 4

5 L impresa tunisina dove è stato svolto lo stage è la SMVDA Domaine Neferis, comune di Grombalia, provincia di Nabeul, Tunisia; tutor: Samia Ben Alì (Enologa), Moammed Alì Dridi (Agronomo), Hamida Dachroni (Agente commerciale), Charbel Yaghi (Project Manager); allievi: A. Alessi, B. Margagliotta, S. Puglia, S. Sortino. Gli allievi avevano il compito durante lo stage di redigere un diario di bordo con la descrizione delle esperienze vissute e delle attività aziendali ed alla fine dello stage di realizzare un report per descrivere ed analizzare le attività, le strutture, l organizzazione dell impresa, il comparto ed il sistema in cui l impresa si trova ad operare. I report realizzati sugli stages all estero sono stati dal coordinamento scientifico del Master meritevoli di una diffusa conoscenza presso le imprese, il comparto, il sistema vitivinicolo siciliano perché possono essere utili per spunti di riflessione alle imprese ed alle istituzioni pubbliche, amministrative e politiche, sulla organizzazione, sulla professionalità e sulla capacità innovativa da una parte su un paese, l Australia, che negli ultimi anni sta assurgendo a figura di produttore e temibile competitore dei paesi tradizionali produttori (fra questi Italia, e dunque la Sicilia) sui mercati internazionali, europei ed extraeuropei, dall altra parte su un paese, la Tunisia, che negli ultimi anni, anche sulla spinta della politica euromediterranea dell Unione Europea, ha intrapreso la strada dello sviluppo economico, avvalendosi della partnership di imprese dei paesi comunitari, anche nel campo della vitivinicoltura. I report che qui sono riportati, per quanto attiene l Australia costituiscono, nonostante le inevitabili ripetizioni ed in qualche caso anche pareri contrastanti o non condivisibili, le tessere di un mosaico che rappresenta bene uno spaccato conoscitivo significativo della razionalità e della cultura tecnico professionale dell ambiente e del sistema vitivinicolo australiano; per quanto riguarda la Tunisia il report evidenzia che nonostante le inevitabili difficoltà ambientali per la vitivinicoltura siciliana può rappresentare una opportunità imprenditoriale interessante, prima che nel paese si espanda e si affermi ulteriormente la presenza tedesca e francese. Il Coordinatore Scientifico del Master Prof. Antonino Bacarella 5

6 6

7 Stage in Australia 7

8 8

9 Valini Wines 9

10 La Valini Wines è una società di marketing e di distribuzione di vini che ha sede a Nedland (Perth) nel Western Australia. La società è costituita da un team di giovani esperti nel campo del marketing e della distribuzione. Attualmente la società si occupa dell esportazione e della distribuzione in ambito locale dei vini di alcune aziende dei territori vitivinicoli dello Swan Valley e di Margaret River con riferimento esclusivo al canale Ho.Re.Ca. Ha recentemente stipulato un accordo di commercializzazione per il Pinot Grigio dal Friuli in Australia e Paesi limitrofi. La Valini accoglie un vasto assortimento di prodotti, il loro obiettivo specifico è promuovere i vini del Western Australia e importare prodotti tipici europei. Giacomo Barrile, Gaspare Becchina, Angela Maria Ganci e Tatiana Occhipinti hanno svolto lo stage presso la Valini Wines sita in Australia nello stato del West Australia, nel comprensorio del Margareth River, nel periodo compreso tra l 8 e il 25 novembre

11 INDICE GENERALE 1. IL SETTORE VITIVINICOLO IN AUSTRALIA 1.1INTRODUZIONE 1.2 IL MERCATO VINICOLO 1.3 CANALI DI DISTRIBUZIONE E LICENZE 1.4 TASSAZIONE 1.5 PROBLEMATICHE RELATIVE AGLI ACCORDI INTERNAZIONALI 1.6 NORMATIVA A TUTELA DEL CONSUMATORE 1.7 NORMATIVA IN MATERIA DI ETICHETTATURA 2. LA VITICOLTURA A MARGARET RIVER 2.1 LA STORIA 2.2 IL SETTORE VITIVINICOLO 2.3 LA VITICOLTURA 2.4 METODOLOGIE ENOLOGICHE 2.5 SICUREZZA E SOSTENIBILITÀ 3. LE AZIENDE VISITATE AZIENDA PORTAVINE AZIENDA BRIAROSE ESTATE AZIENDA EVANS & TATE AZIENDA VASSE FELIX AZIENDA ARLEWOOD AZIENDA XANADU AZIENDA PICARDY AZIENDA FLYING FISH AZIENDA BROOKWOOD ESTATE 4. THE SUNDAY TIMES MARGARET RIVER WINE REGION FESTIVAL 5. CONSIDERAZIONI FINALI 6. BIBLIOGRAFIA 11

12 12

13 1. IL SETTORE VITIVINICOLO IN AUSTRALIA Introduzione L Australia pur essendo ancora un piccolo produttore (in termini di produzione totale) è diventata in pochi anni uno dei più importanti paesi vinicoli al mondo. Un terreno e un clima favorevole, forti investimenti in know how (nuove tecniche di refrigerazione ecc. ) e meccanizzazione hanno permesso di ottenere vini di qualità (caratterizzati da forti aromi di agrumi e freschezza) che stanno conquistando i mercati internazionali. La produzione vinicola e fortemente omologata e caratterizzata da pochi vitigni. La produzione e concentrata in grandi aziende di proprietà di società multinazionali, che utilizzano elevati mezzi finanziari per la commercializzazione dei prodotti. I produttori australiani si organizzano spesso in holding che incorporano le aziende più piccole al fine di diminuire i prezzi e massimizzare i risultati della pubblicità. Il mercato vinicolo australiano é caratterizzato dalla presenza di quattro grandi industrie e da una moltitudine di piccole aziende. A differenza di quanto avvenuto dieci anni fa, quando si é assistito ad una progressiva concentrazione del settore a seguito di numerosissime fusioni aziendali, oggi sempre nuovi produttori di piccole dimensioni stanno entrando sul mercato. L edizione del 2002 del Wine Industry Directory ha stilato circa 1500 produttori di vino oltre ai quattro principali, con un incremento del 10.1% rispetto alle precedente edizione. La stragrande maggioranza dei nuovi produttori (il 74.4%) é rappresentata da piccole aziende che producono meno di 100 tonnellate di uva. L industria del vino é comunque dominata da quattro grandi società, quotate in borsa: Southcorp Wines (che detiene circa il 29% di quota di mercato), BRL Hardy (15%), l Orlando Wyndham (11%) e la Beringer Blass (20%). Queste aziende producono circa l 80,6% dell intero settore e realizzano da sole l 85% dell export. Nel 2001 l Australia si é classificata settima tra i maggiori paesi produttori di vino seguendo Francia, Italia, Spagna, USA, Argentina e Cina. Con circa 1.1 miliardi di litri, l Australia produce oggi circa il 3,8% della produzione totale mondiale. 1 Fonte: Nota di mercato realizzata in occasione dell iniziativa promozionale ICE Borsa Vini Australia 2003 (Sydney e Melbourne, 1 ~ 5 dicembre 2003). ICE Perth Western Australia 13

14 Nel 2000 l Australia si classificò quinta nel mondo in termini di volume di esportazioni dietro l Italia (al primo posto con 1,6 milioni di litri), Francia (1,5 milioni di litri), Spagna (0,8 milioni di litri) e Cile (0,4 milioni di litri). L Australia, esportando litri di vino, ha raggiunto nel 2000 un livello pari al 5% nell ambito del commercio mondiale di tale settore. Dal 1992 al 2001 il valore delle esportazioni di vino australiano é cresciuto da AUD$263m a AUD$1.929m, con un incremento del 633%, nettamente superiore all incremento registrato in volume, pari al 327%. Fig. 1: Il grafico indica l andamento in valore delle esportazioni. Fonte: Nota di Mercato ICE anno

15 1.2 Il mercato vinicolo Il boom legato al giro d affari del settore vinicolo australiano viene fatto risalire a partire dagli anni Ottanta. In tali anni le vendite di vino australiano, legate prevalentemente alle esportazioni, aumentarono del 6% Per quanto riguarda la situazione attuale, l industria vinicola rappresenta in Australia circa lo 0,17 del PIL. Wine and grape industry Variaz % /01 Area coltivata a vigneti (ha) 130, Produzione totale d'uva (t) 1,546, Totale uva pigiata (t) 1,423, Produzione totale di vino (milioni di l) 1, Vendite di vino nel mercato interno (mil di l) Valore delle vendite interne di vino (AUD$ mil) 1, Esportazioni di vino australiano (milioni di l) Importazioni di vino (milioni di l) Fig.2: Dati generali sull industria vitivinicola australiana. Fonte: Nota di Mercato ICE I cinque principali mercati di sbocco delle esportazioni australiane sono stati, in termini di volume, la Gran Bretagna (202 milioni di litri), gli Stati Uniti (95 milioni di litri), la Nuova Zelanda (25 milioni di litri), il Canada (19 milioni di litri) e la Germania (12 milioni di litri). A seguire vi sono poi l Irlanda, l Olanda, il Giappone, la Svizzera e Singapore. Nel 2001 tali paesi hanno consumato AUD$ 1,8 miliardi (ossia il 92%) del totale delle esportazioni australiane. Tradizionalmente la Gran Bretagna é stato il maggiore destinatario delle esportazioni australiane. Negli ultimi anni, tuttavia, si sta affacciando un nuovo grande mercato per i prodotti australiani: gli Stati Uniti. Il volume delle importazioni di vino in Australia é diminuito del 19% nel 2002, ma il valore è aumentato considerevolmente (+41%) raggiungendo nel milioni di USD. Il prezzo medio per litro dei vini importati dall Australia é stato nel 2002 di AUD$ 7.96 considerevolmente più alto rispetto a quello delle esportazioni di vino australiano. Tradizionalmente, i principali paesi dai quali l Australia importa sono la Francia e l Italia. 15

16 Il 2003 conferma il trend positivo delle importazioni che segnano +39% (61 milioni di USD), ma l Italia sebbene abbia avuto un incremento in valore vede diminuire la propria quota dal 16 al 13%, come risulta dalla seguente tabella. Australian Jan-Sep 2002 Jan-Sep 2003 Imports Value % Share Value % Share Fig.3: Importazioni australiane di vino. Fonte: Nota di Mercato ICE % Change World France New Zealand Italy Australia (Re-Imports) 5 Spain United States Da sottolineare vi é, inoltre, il grande incremento delle importazioni australiane dalla Nuova Zelanda, che ha superato l Italia quale secondo paese esportatore. 1.3 Canali di distribuzione e licenze In Australia é richiesta un apposita licenza per vendere bevande alcoliche (che non possono essere quindi vendute nei negozi alimentari o nei supermercati come in Italia), di cui devono essere provvisti sia l importatore, che il grossista, che il dettagliante. Il ruolo dell importatore è in genere svolto da aziende importatrici specializzate o dai grandi gruppi d acquisto, che stanno recentemente crescendo di importanza e che generalmente richiedono alle imprese di stipulare contratti di esclusiva per tutto il territorio. I principali canali commerciali utilizzati nel mercato australiano per la vendita di vino sia locale che importato sono: Licensed wine and spirits merchants : rientrano in questa categoria i grossisti e gli importatori/distributori; Department Stores : si tratta di buyers diretti (tra questi i gruppi: Coles Myer di Melbourne, Liquorland Vintage Cellars e David Jones di Sydney); Liquor Stores denominati anche bottle shops : si tratta di piccoli negozi articolati in catene distributive e specializzati nella vendita al dettaglio di vini e liquori che spesso sono ubicati in grandi centri commerciali; 16

17 Hotels, pubs, restaurant and clubs: si tratta di esercizi pubblici nei quali é consentita la vendita di vini ed alcolici entro determinati orari. Il governo Australiano è molto severo e ottenere la licenza di vendita dell alcol è burocraticamente molto lungo e costoso. Esistono due tipi di licenze: On premises license: vendita e consumo del prodotto nel locale (ristorant, club); Off premises license: vendita senza consumo del prodotto nel locale (supermercati, liquor stores); Un hotel può avere entrambe le licenze. Un altra licenza presente in Australia è la licenza BYO, ma per ottenerla la prassi burocratica è più semplice, perché la BYO è una licenza che consente al cliente di un ristorante o locale, di portare con se la propria bottiglia di vino, quindi la responsabilità ricade sul cliente e non sul venditore. I liquor store hanno una vasta scelta di vini e di prezzi. Questi ultimi sono solitamente contenuti in quanto i proprietari basano i loro profitti non su un elevato guadagno per singola bottiglia, ma sulla più elevata quantità di prodotto venduto. I liquore stores sono maggiormente assortiti di vini economici, anche di qualità medio-bassa, invece, nei ristoranti è maggiormente ricercato il vino di alta qualità. La legge Australiana non prevede l obbligo della licenza per l importazione di vino destinato al consumo. Una cantina che vuole vendere il proprio prodotto all estero necessita di una licenza di esportazione. L esportazione di vino dall Australia richiede un accurato controllo sul vino e sulla bottiglia finita. Controlli severi sono fatti sull etichetta del vino che deve indicare tutto ciò che la legge della nazione di destinazione del prodotto prevede. 17

18 1.4 Tassazione Il mercato australiano é liberalizzato a tutte le merci con alcune restrizioni di carattere sanitario per prodotti alimentari freschi ed in legno. Non ci sono, infatti, significative barriere all entrata per l industria vinicola dal momento che le forme di protezione come le tariffe doganali sulle importazioni sono cadute nel L industria é soggetta ad una tassazione nella forma di imposte sulla licenza per la vendita di alcolici che però riguarda essenzialmente i distributori e i dettaglianti. La GST (l IVA locale pari al 10%) si applica, a partire dal 1 Luglio 2000, a tutte le forniture di beni e servizi forniti da un impresa. Sono previste, tuttavia, alcune eccezioni; il vino che viene offerto in degustazione, per esempio, non é soggetto alla GTS anche se rimane soggetto alla tassazione WET. La WET (Wine Equalisation Tax) si applica a partire dal 1 luglio 2000 a tutte le transazioni di vino tassabili a meno che non si possano applicare delle eccezioni. La WET, che e pari al 29% del prezzo lordo, ed è applicata solo a chi effettua l operazione di vendita; ha sostituito la Wholesale Tax che era del 41%. Anche se un produttore di vino vende il suo vino direttamente a un ristorante o a un albergo / liquor store ecc. il WET tax deve essere dichiarata e pagata. Una volta dichiarata questa tassa, il governo ne rimborserà la somma. Le principali transazioni tassabili sono rappresentate da: vendite all ingrosso, vendite al dettaglio (nel caso non vi sia stata una tassazione sulla precedente vendita all ingrosso) e da importazioni. Le principali eccezioni sono, invece, rappresentate da forniture che sono anche esenti da GST, e da merci importate che siano già state tassate durante la fase di sdoganamento. Inoltre le importazioni prevedono il pagamento di una tassa addizionale pari al 5% (Duty Tax). 1.5 Problematiche relative agli accordi internazionali. Fra Australia ed Unione Europea sussiste oggi un grande problema delle regole. Nonostante l accordo con l UE, entrato in vigore nel , numerose sono le questioni ancora aperte e le accuse reciproche. 2 Vedi sito internet: 18

19 Da parte europea ed italiana si contesta all Australia un eccessiva deregolamentazione del settore che permette, per esempio, l utilizzo di trucioli di quercia quale pratica (non indicata in etichetta) sostitutiva all invecchiamento nelle tradizionali botti di rovere. Tale pratica e' vietata nella Unione Europea, che si e' rivolta al WTO (World Trade Organization) affinche' intervenga contro le esportazioni del vino australiano "truciolato". In molti vedono quindi nei tannini artificiali, nelle chips (trucioli), ecc. il vero pericolo dell offensiva australiana. Secondo gli australiani l UE protegge il proprio mercato attraverso sussidi ai produttori e barriere non doganali (la contesa proprietà delle espressioni superiore, vintage e riserva). Il Governo australiano non paga sussidi ai produttori ma offre, attraverso Austrade (l ICE australiano) sostegno e incentivi alle aziende esportatrici. Secondo l opinione di alcuni esperti australiani tuttavia (vd. Intervista al mensile Gambero Rosso Aprile 2003) il problema della salinità crescente del suolo, e la forte spesa pubblica per contenere il problema, non rende l Australia esente da forme indirette di sussidi. Il forte incremento produttivo e la necessità di irrigare sempre più i terreni (situazione aggravata dalla siccità) stanno infatti creando gravi problemi di salinità del suolo ai produttori. La legislazione australiana non riconosce ancora denominazioni chiare e precise, la legge prevede che un vino debba essere composto per l 80% dalla qualità di uva indicata in etichetta. Se è presente l indicazione geografica di provenienza (e lo e sempre più), almeno l 80% del vino dovrà provenire da quella zona (100% se e presente la denominazione certified appellation wine ). La legge non consente l aggiunta di zuccheri per alzare la gradazione alcolica, è però consentito addizionare al mosto degli acidi. Oggi la quasi totalità dei vini rossi vengono acidificati con la motivazione di renderli stabili nel tempo (a scapito della qualità degli stessi). Ma la questione più dibattuta riguarda forse l utilizzo del nome dei vitigni. In Australia si trovano sempre più prodotti commercializzati con le denominazioni italiane: Dolcetto, Barbera, Nebbiolo, Sangiovese. Recentemente un produttore australiano ha messo in vendita un Cabernet Sauvignon Merlot del 1999 con il nome Moda Amarone, ottenuto «usando il metodo Amarone che ha origine nella regione Valpolicella vicino al Lago di Garda nel Nord Italia». Nella zona di Margaret River (WA) diversi produttori hanno piantato Nebbiolo; nel Sud Australia, ad Adelaide Hills, e nello Stato di Victoria, presso King Valley, si trovano tanti piccoli alcuni ottimi produttori (molti di origine italiana) che producono Barbera e Sangiovese. 19

20 1.6 Normativa a tutela del consumatore Le normative a tutela del consumatore relative al settore vinicolo sono piuttosto severe in Australia. In tutti i locali vengono posti in essere severi controlli per accertare l età dei clienti. Non é, infatti, consentito ai minori di 18 anni entrare in pubs e locali e consumare alcolici. Il consumo di questi ultimi é, inoltre, vietato al di fuori di hotels, pubs, ristoranti e clubs. Severe normative del codice stradale sono previste in relazione al consumo di alcool. Per chi possiede una open driven licence non é consentito guidare se si supera lo 0.05 di percentuale di alcool nel sangue. 1.7 Normativa in materia di etichettatura In Australia, sebbene non esista un ente che registra o approva le etichette, vige una normativa che ne regola la compilazione Food Standards, che stabilisce in particolare l obbligo di apporre in etichetta alcuni essenziali elementi: 1. nome del prodotto (es. Vino o Shiraz o Rosso Dry) 2. volume (es. 750 ml) 3. contenuto in alcol (es. 12.5%) 4. standard drinks (es. Approx. 7.4) 5. eventuali sostanze aggiunte (che possono provocare reazioni nocive all uomo) 6. nome e indirizzo (es. abz/via/città/stato) 7. paese di provenienza (es. prodotto in Australia) In Australia ci sono leggi che tutelano l abuso dell alcol, ciò avviene attraverso l uso dell indicazione sulla etichetta dello Standard Drink. Standard drink è una bevanda che contiene massimo 10 grammi di etanolo, a 20 C. Una bottiglia da 750 ml con vino a gradazione alcolica pari a 12,5 gradi dovrà quindi venire etichettata come segue: CONTAINS APPROXIMATELY 7.4 STANDARD DRINKS. Dal dicembre del 1995 è stato introdotto l obbligo di introdurre questo valore, approssimato, che si calcola moltiplicando il volume (litri) per il vol/alcolico per il peso specifico dell etanolo. Sulla bottiglia il governo Australiano chiede l indicazione dello Standard drink per qualsiasi tipo di vino, sia da tavola che per i liquori, al fine di stabilire il margine di sicurezza per il numero di bicchieri da poter bere in media, specialmente per chi deve guidare. 20

21 La varietà e l annata di produzione (come anche la zona di provenienza) possono essere inseriti solo se la bottiglia contiene vino per l 85% composto rispettivamente da quel vitigno o da uve vinificate in una determinata annata. Per quanto riguarda la zona di provenienza in Australia è stata creata la Geographical Indication (GI) che è una descrizione ufficiale delle zone, regioni e sub-regioni vinicole australiane. Questa legge è entrata in vigore nel 1993 per salvaguardare il consumatore nel momento in cui il vino australiano è stato oggetto di un boom nell export, ed ha dovuto assoggettarsi ad alcune regole internazionali. Lo scopo di questa descrizione è di salvaguardare l uso del nome regionale, limitandone l uso a quei vini realizzati per l 85% con uve coltivate in quell area. Per l importazione del vino si deve inoltre indicare sull etichetta: Nome di chi importa il vino (imported by) Nome del distributore (name of distributor) 21

22 Fig. 4: Cartina delle zone vinicole australiane 22

23 In Australia ci sono nove macroaree 3 : 1. Western Australia 2. South Australia 3. Queensland 4. Victoria 5. Northern Territory 6. Australian Capital Territory 7. New South Wales 8. Tasmania 9. South Eastern Australia All interno di queste è possibile individuare regioni (South West Australia) e subregioni (Margaret River). In Australia quattro sono le regioni di maggiore importanza vitivinicola per la produzione di vino di alta qualità: 1. Hunter Valley New South Wales per le varietà Semillon e Sirah; 2. Mornington Peninsula Victoria per Chardonnay e Pinot Noir; 3. Clare Valley South Australia per il Riesling; 4. Margaret River Western Australia per Chardonnay e Cabernet Sauvignon. L 80% del vino prodotto in tutto il continente appartiene alla fascia AUD$8-12 a bottiglia, del restante 20% la maggior parte è costituita da vini che superano i AUD$16 a bottiglia, di cui le quattro suddette regioni realizzano da sole il 10% della produzione. 3 Dato del Wine Industry Directory- The Australian end New Zealand, pag. 25, Edizione

24 2. LA VITICOLTURA A MARGARET RIVER 2.1 La Storia Nella regione del Western Australia i tre principali poli vitivinicoli sono Swan Valley, Forest Hill e Margaret River. Inizialmente l unica zona coltivata a vite era Swan Valley. Nel 1965 Bill Jamieson ha realizzato un progetto sul quale rifletteva da tanto tempo impiantando, per conto del WA Government, alcuni ettari di vigneto sperimentale nella zona di Forest Hill. Si trattava di una terra vergine, che è stata bonificata con cura allo scopo di introdurre nella zona (oggi notevole polo vitivinicolo circondato da una regione del vino in continua crescita) la coltivazione di vigneti. Dopo due anni l impianto si è dimostrato un fallimento, l innesto non era riuscito, ma B. Jamieson ci ha riprovato, e con l aiuto di Jack e Dorham Mann (due enologi di Swan Valley) ha realizzato nel 1970 la prima produzione di Cabernet Sauvignon e Riesling. Nel 1967, Tom Cullity, traendo forza dall iniziativa di B. Jamieson, ha piantato il primo vigneto a Vasse Felix (nella zona di Margaret River). Questo può definirsi l inizio della storia del vino a Margaret River. Inizialmente le varietà impiantate erano esclusivamente Risling, Cabernet Sauvignon e Sirah, provenienti da Swan Valley, infatti, per timore della fillossera e di altre malattie, non venivano importate piante ne da oltre oceano ne da altre regioni australiane. Poi sono state introdotte nuove varietà certificate dal CSIRO, un Istituto Governativo di Ricerca Agronomica, il quale dopo due anni di quarantena, introduceva sul mercato piante certificate virus-free. 2.2 Il settore vitivinicolo Margaret River è divenuta oggi un area di fama internazionale per la produzione di vini di alta qualità nel mondo. Il 40% dei vini prodotti in questa regione appartiene alla fascia di AUD$16-20 ed il restante 60% supera i AUD$20 a bottiglia. Le caratteristiche della sua produzione derivano dalla posizione geografica di questa regione. L area di Margaret River è investita dalle fresche brezze di due Oceani, Indiano e del Sud, che la circondano su tre lati e influenzano notevolmente le note caratteriali delle varietà coltivate nella regione. Si realizzano così vini apprezzati e venduti in tutto il mondo, la cui concorrenza incute preoccupazione ai paesi che hanno fatto la storia della viticoltura nel mondo. 24

25 In questa regione, così come in tutta l Australia, non si effettua distillazione delle fecce, le stesse sono consegnate ad un azienda che si occupa di fare il compostaggio trasformandole in concimi organici, poiché non vi è un mercato di sbocco per i distillati. Oggi le varietà più coltivate a Margaret River sono: Cabernet Sauvignon, Semillon, Syrah, Sauvignon Blanc e Chardonnay; inoltre in minore quantità è presente il Merlot, il Sangiovese, il Malbec, il Verdello, il Reasling, ed altre. I produttori oggi presenti sono oltre 100 e gli ettari piantati Su una lunghezza di circa 100 Km, da Dunsborough ad Augusta, sono oggi presenti la maggior parte dei produttori (72) che durante tutto l anno aprono le loro cantine ai visitatori. 25

26 Fig.5: Mappa della sub-regione di Margaret River 26

27 In particolare, lungo Caves Rd si trovano le cantine storiche della Regione, fra le quali Vasse Felix, che realizzano vini pregiati che hanno ottenuto diversi riconoscimenti. Dal 1999 ad oggi, a Margaret River, la produzione è passata da tonnellate (62% bianco, 38% rosso) a tonnellate (43% bianco, 57% rosso). Il blend di maggiore rilievo a Margaret River è realizzato con il 60% di Semillon (di cui il 10-30% invecchiato in barriques per almeno 9 mesi) e il 40% di Sauvignon Blanc. Vista l importanza che sta assumendo in quest area la produzione vitivinicola la terra nuda ha un costo di AUD$ ad acro (un acro è pari a 4000 mq), mentre la presenza di vigneti fa lievitare il suo costo da AUD$ a AUD$ ad acro a seconda delle caratteristiche degli stessi. Ogni azienda appartiene ad un unico proprietario, è realizzata in un unico appezzamento di terreno, anche molto esteso, dove in genere il proprietario risiede per essere costantemente presente nella gestione. Una realtà che colpisce è come spesso la proprietà di molte aziende sia nelle mani di gente facoltosa, che ha fatto della produzione del vino un culto ed un hobby, e garantisce alla produzione un sostegno finanziario non indifferente, che facilita la gestione e permette di investire in qualità, non influendo sul rapporto qualità/prezzo. Un lampante esempio di questo tipo è l azienda Vasse Felix, di cui è proprietaria la donna più ricca d Australia, in cui è stato possibile riscontrare una quasi nulla variazione dei prezzi negli ultimi anni, pur con un continuo miglioramento qualitativo. Non mancano tuttavia le eccezioni di alcuni grandi produttori come Evans e Tate e Xanadu che hanno vigneti sparsi in diversi territori, scelti in base alla loro maggiore vocazione produttiva. Infatti, in tutta l Australia non esistono forme di associazioni tra produttori, gli stessi se hanno vigneti di piccoli dimensioni si rivolgono alle grandi cantine come Evans & Tate e Flying Fish, stipulando contratti per la trasformazione delle uve (il cui costo si aggira intorno ai AUD$1000 a tonnellata), o vendono le loro uve ad altri produttori. Anche l imbottigliamento nella maggior parte dei casi è realizzato stipulando dei contratti con aziende di imbottigliamento; infatti, poche sono le aziende che hanno una catena di imbottigliamento. Attualmente a Margaret River esistono due aziende di imbottigliamento, la Vinline che realizza con un impianto mobile circa il 5% del vino imbottigliato, e la Portavinintegrated wine service, di proprietà della Evans & Tate, che imbottiglia circa il 90%. 27

28 In tutta l Australia oltre all uso dei tappi in sughero, per i vini di alta qualità, e dei tappi in silicone, anche se utilizzati in poca quantità, è molto diffuso l uso dei tappi stelvin (a vite). In particolare, nella regione di Margaret River abbiamo verificato la quasi totale assenza dei tappi in silicone, generalmente poco apprezzati. Di contro si sta diffondendo un opinione molto positiva sui tappi a vite. È stato verificato il positivo esito sul vino in seguito all uso di questa tipologia di tappo, infatti, sebbene non consenta la micro ossigenazione garantita dal tappo in sughero, che favorisce una lenta maturazione del prodotto, è rispetto a questo un tappo inerte, che non influenza le caratteristiche organolettiche del vino, e consente di eliminare il rischio del famoso sentore di tappo. Fino a qualche anno fa questa tipologia di tappo era associata ad un prodotto di medio-bassa qualità, ma oggi tutti gli operatori del settore stanno lavorando per educare il consumatore affinché comprenda la positività di questo tipo di tappo, e lo elevi a tappo degno di un cru. L obiettivo è, infatti, una totale sostituzione di tutte le tipologie di tappo con questo, economico, pratico e riciclabile. 28

29 2.3 La viticoltura Nel West Australia più del 50% delle viti impiantate sono franche di piede, mentre la restante parte è costituita da piante innestate, questa scelta è giustificata dal fatto che queste ultime hanno un costo superiore rispetto alle prime e che in questa zona non sono presenti problemi di fillossera e quindi non vi è la necessità di rendere resistente la pianta tramite l innesto. Fig.6: esempio di vigneto nella sub-regione di Margaret River. I suoli della regione hanno una struttura poco fertile; al di sotto di uno-due metri di profondità il suolo diventa pietroso creando problemi per lo sviluppo radicale della pianta, che è ostacolato, nella fase di esplorazione degli strati più profondi del terreno, e quindi nel reperimento di fonti nutritive. Dopo i due metri il suolo è costituita da uno strato argilloso cui segue la roccia. Questa composizione comporta la necessità di monitorare costantemente il suolo, sia per ciò che concerne la presenza di sostanze nutritive sia per il tasso di umidità. Durante il corso dell anno sono effettuate due analisi, una nel mese di maggio, durante il periodo di dormienza della pianta, per verificare il livello di sostanze presenti nel terreno e procedere ad una concimazione minerale; e una nel mese di dicembre, quando la pianta è in piena attività vegetativa, al fine di individuare la carenza di qualche elemento nutritivo, procedendo poi con la ferti-irrigazione. Il suolo ha una tessitura molto compatta il che induce i produttori, nella fase pre-impianto del vigneto ad effettuare una scarificatura limitata alla fascia di terreno 29

30 che ospiterà le piante, al fine di evitare di rimuovere terreno ricco di scheletro, e di contenere i costi. Fig.7: Operazione di scarificatura Fonte: A Guide to Growing Winegrapes in Australia II ediz.di Davidson Fig.8: Esempio di terreno dopo le operazioni di scarificatura pre impianto Fonte: A Guide to Growing Winegrapes in Australia II. ediz.di Davidson 30

31 Il sesto di impianto prescelto in genere dalle aziende (considerando questa situazione pedologica) è pari a tre metri fra le file e ad un metro e mezzo nell interfila, per un totale di circa piante per ettaro. Ciò per consentire alle piante di avere maggiore disponibilità di terreno e quindi di sostanze nutritive evitando fenomeni di competizione radicale, favorire una maggiore irradiazione solare evitando ombreggiamenti e favorire una maggiore circolazione dell aria riducendo il sorgere di alcune fisiopatologie. La forma di allevamento adottata è la controspalliera, con la contemporanea presenza di pali di legno e di alluminio. I pali di testata hanno un altezza di 3 metri e sono calati nel terreno ad una profondità di 1,2 metri, i pali rompitratta hanno un altezza di 2,4 metri e sprofondano nel terreno ad per 0,6 metri. Il palo di legno oltre ad essere utilizzato come testata viene messo ogni tre pali di alluminio, per tutta la lunghezza del filare, ed inoltre il palo di testata è rafforzato da un ulteriore palo di legno per rendere più solido l ancoraggio al terreno. Fig.9: Esempio di struttura portante con pali in legno La distanza fra i pali intermedi è di sei metri, spazio in cui sono collocate quattro piante. Sono presenti sei fili dal basso verso l alto, uno a cm. da terra utilizzato per l impianto di irrigazione (questa breve distanza dal terreno è possibile in quanto non sono effettuate lavorazioni meccaniche sotto la fila), uno portante a 100 cm. da terra per sostenere il capo a frutto e due doppie coppie (distanziate circa 30 e 60 cm dal capo a frutto) per il condizionamento della parete vegetativa. 31

32 Fig.10: Schema di struttura portante di vigneto Fonte: A Guide to Growing Winegrapes in Australia II ediz. di Davidson La parete vegetativa inizia a svilupparsi a 100 cm dal suolo ed è mantenuta a 120/130 cm di altezza, con due successivi condizionamenti i cui tempi dipendono dalla varietà e dalla fase fenologica. Ogni qualvolta la vegetazione supera circa i 40 cm ad di sopra della struttura portante, è eliminata attraverso la cimatura meccanica (topping). In prevalenza sono utilizzati due sistemi di potatura, Cane pruning e Spur pruning. Il sistema di potatura cane pruning è adottato per le varietà con bassa fertilità delle gemme basali e per coltivazioni di tipo intensivo. Si tratta di un sistema di potatura assimilabile al nostro Guyot, ma di tipo bilaterale, in quanto ogni anno si provvede al rinnovo del capo a frutto. Fig.11: Schema di cane pruning con quattro capi a frutto Fonte: A Guide to Growing Winegrapes in Australia II ediz.di Davidson 32

33 Essendo un sistema difficilmente meccanizzabile prevale come sistema di potatura lo spur pruning che è il nostro cordone speronato, allevato anch esso in modo bilaterale. Il sistema di gestione del doppio cordone è quello tradizionalmente utilizzato nei vigneti più vecchi, destinati alla produzione di vini di alta qualità, allo scopo di riequilibrare la produzione che nella pianta con il tempo si riduce. I due sistemi di potatura possono essere tenuti in modo bilaterale semplice o doppio. Figg.12-13: Schema di spur pruning bilaterale semplice e doppio Fonte: A Guide to Growing Winegrapes in Australia II ediz.di Davidson Le operazioni colturali effettuate durante un ciclo produttivo sono costituite da superficiali scarificature (due-tre durante l anno), falciature periodiche delle infestanti nell interfila, con inizio nei mesi di ottobre-novembre, e controllo delle infestanti sulla fila con l uso di prodotti chimici, ed inoltre semina di leguminose nel mese di maggio per fornire al terreno azoto e sostanze organiche. Fig.14: Operazione di sfalcio nell interfilare Fonte: A Guide to Growing Winegrapes in Australia II ediz. di Davidson 33

34 La maggior parte delle operazioni colturali avvengono in genere meccanicamente, partendo dall operazione di scarificatura nella fase di impianto del vigneto, alla potatura, al controllo delle erbe infestanti sulla fila e nell interfila, al controllo delle patologie, alle concimazioni pre e post impianto, sino alla vendemmia. La raccolta, infatti, sin dal , è effettuata meccanicamente fatta eccezione per alcuni vigneti destinati a realizzare vini di alta qualità, come ad esempio lo Xanadu Semillon realizzato con uve raccolte manualmente, che costituisce oggi per importanza il primo vino da varietà Semillon prodotto nella regione di Margaret River. La messa a dimora delle piante avviene generalmente in modo manuale, così come le operazioni di potatura verde (attuate nel mese di novembre lasciando due-tre germogli per ogni sperone). Il numero di irrigazioni e il volume di acqua da fornire al terreno sono gestiti tramite un accurato sistema di controllo, di cui quasi tutte le aziende sono dotate, che sonda a tre diverse profondità il livello di umidità. Questa operazione è eseguita contemporaneamente ad un controllo visivo del vigore della pianta. Figg.15-16: Sistema di controllo della percentuale di umidità del suolo e di alcuni elementi nutritivi (Azienda Arlewood) La zona che va più attenzionata è quella compresa tra zero e sessanta cm di profondità, area in cui si sviluppa l apparato radicale, che va mantenuta costantemente umida. Questo monitoraggio inizia generalmente i primi di novembre con controlli bisettimanali sino alla vendemmia; se la temperatura si alza notevolmente i controlli vengono effettuati giornalmente. 4 Vedi Evolution of the Modern Australian Wine Industry di Bryce RanKine pagg

35 L irrigazione generalmente non viene spinta oltre la seconda settimana prima della raccolta. La concimazione è effettuata in due periodi: - in inverno con le piante in fase di dormienza, interrando i concimi, e portando a livello il più possibile ottimale gli elementi nutritivi (in questo periodo sono utilizzati: azoto ammoniacale e nitrico, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, rame, zingo, manganese), le cui quantità risultano essere variabili in base al risultato delle analisi e delle differenti varietà. - in estate, con le piante in piena attività vegetativa, si provvede dopo avere effettuato una seconda analisi, all apporto di elementi carenti con l ausilio della fertiirrigazione. Fig.17: Sistema per la gestione e il controllo della fertirrigazione (Azienda Briarose Estate) La regione di Margaret River è soggetta ad alcuni problemi fitosanitari causati da agenti fungini ed entomofagi: 1. Powdery Mildew Oidio - (fungo) 2. Downy Mildew Peronospera - (fungo) 3. Botrytis Cinerea Muffa grigia - (fungo) 4. Garden Weevil - (coleottero) Ogni quindici giorni, dal mese di ottobre fino alla vendemmia, sono effettuati trattamenti di copertura con zolfo ramato in soluzione bagnabile (3Kg/ha) per proteggere dagli attacchi fungini. Ed inoltre per combattere il coleottero si effettua un trattamento sul fusto con un insetticida. Si aggiungono ai problemi fitosanitari tre problematiche che affliggono la viticoltura in tutta la regione, il vento, gli uccelli ed i canguri. 35

36 Vista la posizione geografica infatti la regione, che si sviluppa lungo la costa oceanica, è battuta da forti venti che, nei vigneti siti sulle coste meridionali, rompono i germogli se la parete fogliare non è condizionata correttamente, e costringono i produttori a particolari accorgimenti per rendere la struttura più solida (per esempio la presenza del doppio palo in testata di legno). Inoltre la regione è popolata da una varietà di uccelli (Silverei) che sono ghiotti degli acini di uva maturi, il che costringe i produttori a dover sostenere un costo aggiuntivo per eseguire un operazione di copertura del vigneto prima dell invaiatura sino alla vendemmia. Fig.18: Esempio di sistema di copertura di vigneto I vigneti sono predisposti per questa operazione con la presenza di pali di legno lungo il filare, con un altezza superiore a quella dei pali rompitratta, per sostenere i teloni, che sono applicati meccanicamente con l ausilio degli operai che manualmente completano la stesura. L altra problematica, cioè la presenza dei canguri, animali originari dell Australia, è legata al fatto che questi marsupiali si spostano saltando e se entrano all interno dei vigneti possono rompere o danneggiare la struttura, e mangiare i germogli teneri delle piante, ciò rende utile aggiungere agli altri costi quello necessario per mettere in opera una recinzione attorno a tutto il vigneto. 36

37 2.4 Metodologie enologiche Una particolare caratteristica dell enologia australiana è la vinificazione delle uve provenienti da singoli appezzamenti di terreno, dando così risalto all elemento vigneto che a seconda della diversa zona trasferisce all uva e quindi al vino differenti impronte organolettiche. In Australia la cura delle uve è considerata fondamento per la qualità del vino, al punto che già nella fase di progettazione delle strutture si pone attenzione a realizzare sistemi che aggrediscano il meno possibile le qualità organolettiche del prodotto. A conferma di questo in tutte le cantine visitate le strutture sono realizzate, sfruttando il principio della gravità, su diversi livelli, utilizzando il meno possibile pompe per i trasferimenti del prodotto, in particolare dopo la fase di fermentazione. Figg.19-20: Fermentino (Azienda Flying Fish) 37

38 Questa fotografia illustra l importanza data all uso della gravità, infatti questa struttura era presente in tutte le cantine visitate. La struttura metallica sostiene una batteria di fermentini con base troncoconica, dotati di portella di scarico con meccanismo di apertura a fasi alterne, collegati a gruppi di due ad un unica uscita, al di sotto del quale viene posizionata la pressa alla fine della macerazione, consentendo uno svuotamento in tempi brevissimi degli stessi. Tutti i fermentini hanno una capacità massima di 30 tonnellate cadauno. Nella maggior parte delle cantine visitate erano presenti vinificatori orizzontali, rotativi, con la parte finale tronco conica, utilizzati per la macerazione dei rossi, che hanno la caratteristica di favorire un maggiore contatto delle bucce con il mosto. Fig.19: Vinificatori orizzontali, rotativi (Azienda Evans & Tate) Una pratica molto in uso è l aggiunta di ghiaccio secco (CO 2 ) ogni qualvolta si effettuano travasi, colmature o trasferimenti di vino, allo scopo di fare fuoriuscire l O 2 dal recipiente ed evitare alterazioni del prodotto. In Australia il contatto fra il vino e il legno non avviene esclusivamente attraverso il noto uso delle barriques, ma è consentito anche l utilizzo di chips (trucioli di legno) e di staves (doghe di legno). 38

39 Fig.20: Trucioli di legno. I tre sistemi di cessione di tannini del legno hanno costi ed usi differenti; l uso degli stessi dipende dall obiettivo enologico finale. I chips hanno un costo di AUD$10 al Kg e sono utilizzati per la produzione di vini commerciali; per i rossi vengono inseriti nella vasca durante la fermentazione o dopo la fermentazione per due settimane, nella quantità di 1gr/lt, per i bianchi 0,5 gr/lt solo durante la fase della fermentazione. Gli staves si immergono all interno delle vasche per 8-12 mesi effettuando periodicamente delle micro-ossigenazioni della massa, e sono utilizzati per la produzione di vini di fascia media (AUD$10-15). Le barriques sono utilizzate per i vini di alta qualità, vista la notevole incidenza di costo che hanno sul prodotto, dovuta al loro prezzo (che varia dai AUD$600 ai AUD$1200 a seconda della loro provenienza e della qualità del legno) e al più lungo periodo di permanenza del vino nelle stesse (anche fino a 24 mesi). Fig.21: Bariccaia (Azienda Vasse Felix). 39

40 A Margaret River, nella maggior parte dei casi, lo Chardonnay e il Semillon sono realizzati con l 85% di prodotto maturato in legno francese (il 50% in barriques di primo passaggio e il 50% di un anno) e per il 15% di vino in vasca; Il Sauvignon Blanc è realizzato con il 5-30% di vino maturato in legno francese (l 80% in barriques di un anno e il 20% di due anni); Il Cabernet e il Syrah sono realizzati con vino maturato in legno francese per l 80%, il 10% americano e il 10% ungherese (le botti sono per il 30% di primo passaggio, 30% di un anno, 30% di due anni e 10% di tre anni). 40

41 2.5 Sicurezza e sostenibilità Come evidenziato dalle foto, nelle aziende australiane si ha il massimo rispetto delle norme di sicurezza in tutti gli ambienti della cantina. Figg : Doccia di sicurezza in caso di contaminazione con materiali tossici; distributore di tappi per le orecchie da utilizzare durante l imbottigliamento; giubboni e caschi di sicurezza. Inoltre tutte le operazioni svolte in cantina sono eseguite in base a precise istruzioni operative e sono documentate dalla compilazione della relativa modulistica. 41

42 La cultura e la filosofia delle Australian Wine Industries è sempre stata quella di puntare verso l eccellenza del risparmio energetico e della customer satisfaction. Nel 1992 è stato stipulato un accordo fra il Governo australiano e le aziende, per portare avanti una strategia di sviluppo ecologico sostenibile, con l obiettivo di lasciare alle generazioni future un mondo più pulito e vivibile. Le aziende si sono poste come obiettivi il minimo uso delle risorse, la realizzazione di una minima quantità di rifiuti, la soddisfazione dei consumatori e della comunità nella quale sono inserite e una costante verifica della propria performance. Questa filosofia è fortemente radicata nella regione di Margaret River in cui prodotto, processo, qualità e sostenibilità oggi vivono in simbiosi; ma purtroppo non sempre è stato così. La regione di Margaret river è una delle destinazioni turistiche predilette, e una delle aree viticole più prolifiche dello stato. Sfortunatamente, questo sviluppo regionale e la sua associata popolarità è giunto a caro prezzo. Oggi la regione si impatta con le cicatrici di 150 anni di sviluppo, agricolo, industriale, residenziale e ricreativo. Questo significa che l ecologia dell area è degradata a livelli così bassi che sta destando preoccupazioni a tutta la comunità. Per salvaguardare l area e non aggravare le condizioni ambientali, è stata creata un associazione costituita da gruppi locali, che si sono posti l obiettivo di dar vita ad un piano di azione per la salvaguardia della regione. Il Gruppo Evans & Tate ha affiancato questa associazione nella realizzazione di numerosi progetti per la salvaguardia dell ambiente, con sostegni economici e con la realizzazione di un vino Shore-Haven, in vendita presso il Visitor Center di Margaret River. Parte del ricavato della vendita di questo vino sarà destinato direttamente al fondo Margaret River Action Plan. 5 5 Articolo The Margaret River Action Plan pubblicato sul mensile Scoop Traveller 42

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014

POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 C.E.C.A.T. Castelfranco V.to COMUNICATO TECNICO n 1/2014 (9-01-2014) PROGETTO VITE POTATURA DELLA VITE QUANTE GEMME LASCIARE NEL 2014 Per ottenere dal vigneto il risultato migliore intermini di qualità

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA

ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA 1 di 7 24/03/2014 10.53 3 Altro Blog successivo» Crea blog Entra domenica 23 marzo 2014 Informazioni personali ANTHILIA DOP (2012) - DONNAFUGATA completo Roberto Marega Monza e Brianza, Italy Visualizza

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO"

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA SAN COLOMBANO AL LAMBRO O SAN COLOMBANO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA "SAN COLOMBANO AL LAMBRO" O "SAN COLOMBANO" Approvato con DPR 18.07.1984 G.U. 334-05.12.1984 Modificato con DM 13.11.2002 G.U.

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

SCELTA DELLA VARIETA

SCELTA DELLA VARIETA 6. Scelte genetiche: le varietà e i portinnesti 6.1. Le varietà SCELTA DELLA VARIETA La scelta della varietà è in funzione di: tipo di terreno clima obiettivo produttivo o enologico sensibilità alle malattie

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio

Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Il nuovo regolamento sul vino biologico e la posizione di FederBio Roberto Pinton Segretario della Sezione Soci Produttori e Trasformatori FederBio La genesi del regolamento è stata abbastanza sofferta.

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «TRENTINO» Approvato con DPR 04.08.1971 G.U. 221 02.09.1971 Modificato con DPR 07.07.1979 G.U. 324 28.11.1979 Modificato con DPR

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

Vini. Un ristorante della Biondi Gastronomie. Management by

Vini. Un ristorante della Biondi Gastronomie. Management by Vini Un ristorante della Biondi Gastronomie Management by PROSECCO, FRANCIACORTA, VINI DOLCI & CHAMPAGNE cl CHF ITALIA Veneto BiancaVigna Prosecco DOC Brut BiancaVigna 75 49.00 Tipo d'uva: Prosecco Lombardia

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli