GEOMETRA IN CANTIERE L'ATTENZIONE ALLA SICUREZZA IL GEOMETRA VERONESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GEOMETRA IN CANTIERE L'ATTENZIONE ALLA SICUREZZA IL GEOMETRA VERONESE"

Transcript

1 Anno LIV n 02 - Febbraio Poste Italiane Spa - Sped. In A.P. 70% DCO VR IL GEOMETRA VERONESE Mensile di informazione ed aggiornamento professionale ECO FRIENDLY GEOMETRA IN CANTIERE L'ATTENZIONE ALLA SICUREZZA PAG.03 > SEMINARIO SULLA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI PAG.07 > ITS RED, CONSEGNATI I PRIMI DIPLOMI PAG.11 > LA RIFORMA DEL CONDOMINIO E GLI IMPIANTI INDIVIDUALI PAG.18 > VALORI AGRICOLI DEI TERRENI 2014 PAG.23 > I CENT ANNI DELLA GRANDE GUERRA COLLEGIO GEOMETRI e GEOMETRI LAUREATI della PROVINCIA di VERONA - Società Cooperativa Geometri Veronesi - Vicolo Orologio, 3 - VERONA

2 Resina NOVITÀ PP Gres Corso Cavour - Verona MANUFATTI Caprino Veronese, Via XXIV Maggio, 15 - Tel Fax PREFABBRICATI IN CEMENTO ARMATO Sommacampagna VR Tel Fax CITTADELLA DELL EDILIZIA Via Preite, 16 - GARDA VR - Tel Caprino Veronese, Via XXIV Maggio, 15 Tel SHOW ROOM

3 Vi mettiamo al riparo Con noi avete la certezza di coperture e bonifiche allo stato dell arte. Per la vostra sicurezza. Unendo esperienze progettuali, organizzative e operative al massimo livello siamo in grado di bonificare beni e siti inquinati da amianto (friabile o eternit), oltre a fornire e posare coperture metalliche con l utilizzo dei materiali più avanzati. Trattiamo strutture civili e industriali di ogni genere e dimensione. Nelle coperture, ottimizziamo la resistenza meccanica e alla corrosione, l infrangibilità, la termoriflessione, la ventilazione, l insonorizzazione da pioggia/grandine e l isolamento acustico/termico. All occorrenza, operiamo anche in sinergia con i principali fornitori ed installatori di impianti fotovoltaici. Impieghiamo solo materiali nazionali di prima qualità, certificati e documentati. Il nostro personale altamente qualificato applica le normative sull igiene nel lavoro e sulla prevenzione degli infortuni. Siamo iscritti all Albo Nazionale Gestori Ambientali e disponiamo di numerose attestazioni regionali. Bonifiche di beni e terreni inquinati Rimozione e smaltimento di siti con amianto Fornitura e posa di nuove coperture Soluzioni tecniche ad alta efficienza Utilizzo di materiali di prima scelta Personale altamente qualificato Totale rispetto delle normative Interventi su strutture civili e industriali Gestione di piccole e grandi opere risultati alla luce del sole FENICE s.r.l

4

5 TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA CAVALESE (TN) Loc. Podera, 27 MASI DI CAVALESE Tel Fax Cell PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI ///////////////////////////////////////////// ///////////////////////////////////////////

6 ALVEOLATER BIO IL SISTEMA PER ZONA SISMICA CHE NON TEME SMENTITE. BREVETTATO ANTISISMICO TESTATO* *Università degli Studi di Padova (Dip. I.C.E.A.) SICUREZZA BREVETTATA Al top grazie all innovativo schema a raggiera con l armatura confinata. Sicurezza che non prescinde dalla qualità di prodotto: Prima scelta - Categoria 1 a VERSATILE Spessori da 25 e 30 centimetri e formati speciali per la massima semplicità d impiego... senza ponti termici! BIO Taurus, il laterizio microporizzato con farina di legno vergine. La qualità nella Bioedilizia di Gruppo Stabila -25% TEMPI E COSTI In cantiere si ha la prova tangibile che l eccellenza del sistema costruttivo passa anche attraverso la vera semplicità, data da precisione e modularità TAURUS. L ORIGINALE SISTEMA ANTISISMICO BREVETTATO Tutta la gamma Alveolater Alveolater Bio Comune Taurus Bio Tramezze Supporto alla progettazione e alla posa Tel

7 Mensile di informazione ed aggiornamento professionale ECO FRIENDLY Il Geometra Veronese è un mensile di informazione e aggiornamento professionale edito dalla Società Cooperativa Geometri Veronesi. La collaborazione è aperta agli organi rappresentativi di categoria e a tutti i singoli professionisti. Ogni redattore risponde delle proprie affermazioni ed il suo nome è sempre reperibile presso la redazione. PUBBLICAZIONE MENSILE DEL COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI VERONA Autorizzata dal Trib. c.p. di VR con decreto n. 140 del 22 dicembre 1960 REDAZIONE-AMMINISTRAZIONE Verona - Vicolo Orologio, 3 Tel Fax DIRETTORE RESPONSABILE Geom. Pietro Calzavara COMITATO DI REDAZIONE Geom. Gianluca Fasoli Geom. Fiorenzo Furlani Geom. Pietro Guadagnini Geom. Matteo Xamo Geom. Giada Zampieri SEGRETARIO DI REDAZIONE Rag. Maurizio Buin HANNO COLLABORATO: Elisa Tagliani Alessandra Moro PROGETTO GRAFICO E COORDINAMENTO EDITORIALE tagliani,grigoletti immagine e comunicazione srl Verona - Via Macello, 17 Tel Fax PUBBLICITÀ OEPI Pubblicità Peschiera del Garda Loc. OTTELLA 3/B int. 25. Tel Fax STAMPA Sprinter srl - Via Meucci, San Martino B.A. (VR) EDITORE Società Cooperativa Geometri Veronesi VERONA - Vicolo Orologio, 3 SOMMARIO GEOSSERVATORIO 01 DAI MULI AI DRONI: CENT ANNI FA LA GRANDE GUERRA VITA DEL COLLEGIO 03 GEOMETRA IN CANTIERE: L'ATTENZIONE ALLA SICUREZZA 07 ITS RED: CONSEGNATI I PRIMI 23 DIPLOMI A PADOVA FATTI E NOTIZIE 09 LA CURA DEL GARDA 11 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO E GLI IMPIANTI INDIVIDUALI: TUTTO QUELLO CHE C E DA SAPERE 16 ECONEWS 21 SPORTNEWS STATISTICHE 18 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 2014 CULTURA E TERRITORIO 23 I CENT ANNI DELLA GRANDE GUERRA AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE 29 RIVALUTAZIONE DEI TERRENI: RIAPERTI I TERMINI 35 IL DIRITTO AL PANORAMA IN COPERTINA: "PRANZO IN CIMA A UN GRATTACIELO" Charles Clyde Ebbets FEBBRAIO 2014

8 specialedil Costruzioni e ristrutturazioni d avanguardia per il comfort e il Risparmio Energetico Residenza Verona New Life SPECIALEDIL ti assiste prima, durante e dopo i lavori Prima della redazione del progetto, il cliente può effettuare un breve soggiorno in una residenza arredata e corredata, ristrutturata mediante innovative tecniche costruttive volte all adeguamento sismico, energetico ed acustico, Organizzazione della progettazione completa, mediante coordinamento di tutte le figure professionali interessate; attenta selezione di materiali e tecniche Ristrutturazioni chiavi in mano e senza disagi In caso di interventi su immobili esistenti, o in qualsiasi caso sia richiesto dal cliente, l impresa provvederà al servizio di smontaggio, trasporto, sistemazione e conservazione di mobili e cose presso la propria sede. Il Cliente potrà soggiornare, per il periodo necessario all intervento, presso uno degli immobili messi a disposizione dell impresa. Al termine dei lavori l impresa provvederà alla ricollocazione, nei luoghi d origine, di mobili e cose. Redazione di capitolato tecnico descrittivo, di preventivo di spesa chiavi in mano e di programma temporale dei lavori. specialedil Castel D Azzano - Via A. Cesari, 46/c Tel Fax

9 GEOSSERVATORIO DAI MULI AI DRONI: CENT'ANNI FA LA GRANDE GUERRA DAI MULI AI DRONI: CENT ANNI FA LA GRANDE GUERRA Particolarmente ricco questo numero di febbraio; tuttavia vi introduco alla lettura partendo non da un punto di vista tecnico, bensì storico: , cent anni fa scoppiava la Grande Guerra, così definita per la tragica portata. Uno speciale cultura&territorio ne ripercorre le tappe e i luoghi, tutti nell area del Nord-Est: leggete dove e come si è consumato questo dramma, così vicino nella geografia e nelle persone - parliamo dei nostri nonni - e così lontano tuttavia in certi slanci emotivi, patriottici (termine ormai obsoleto, ahimè) e nella parte strumentale. Già: cento anni e dai muli che trainavano i cannoni su impervi sentieri sterrati siamo passati ai droni; purtroppo non è cambiato l intento, bellico e distruttivo. Non è retorico, è umano ammettere, affermare che la guerra deve diventare un ricordo e non una possibilità. Onoriamo i morti, visitiamo i siti della nostra storia, miglioriamo gli animi e lasciamo alle generazioni future l eredità della pace. Sicurezza: la soglia di attenzione per questo imprescindibile requisito nei luoghi di lavoro deve essere sempre massima, per tutti; il Collegio mantiene costante l impegno, siglato da un GEOday dedicato, nel giugno 2012, e dall appena archiviata tappa del percorso Geometra in cantiere, intitolata appunto Geometra in sicurezza, lo scorso 21 febbraio, di cui leggete il report in questo numero, arricchito da un intervista esclusiva al vice commissario Massimo Begal, responsabile del Nucleo Polizia Amministrativa del Comune di Verona. Tutti i soggetti coinvolti hanno confermato la volontà di portare avanti sinergie per far fronte comune contro il dramma degli infortuni - cadute dall alto in primis - e, diamo qualche buona notizia ogni tanto! e hanno dato di Verona il quadro di una città che anno dopo anno eleva la sensibilità al problema della sicurezza nei cantieri, meno sanzioni, meno negligenze. Scuola: abbiamo aperto Il Geometra veronese ai contributi delle scuole, degli istituti, alle notizie che arrivano dal mondo dei prossimi professionisti; sono arrivati i primi diplomi ITS Red a Padova e la prospettiva delle iscrizioni è in ascesa, segno della consapevolezza del valore di questa strada e della sua attualità. Collettore: un incontro comunitario tenutosi a Garda il 17 febbraio ha dato spazio ai soggetti coinvolti nel progetto; Il nuovo collettore per il lago di Garda e il futuro del suo territorio, organizzato da AGS, Depurazioni Benacensi, Garda Uno e Comune di Garda, ha sottolineato la collaborazione di tutti gli enti a sostegno dell infrastruttura. Un altro buon esempio di sinergia, qui raccontato. Buona lettura! Pietro Calzavara FEBBRAIO

10 Il Gpl è gas di petrolio liquefatto. È una fonte di energia di elevata qualità e di facile utilizzo. Viene nazione del petrolio greggio. A temperatura ambiente si trova allo stato liquido con basse pressioni, garantendo un facile stoccaggio e trasporto in apposite bombole o autocisterne. - elevato e costante rendimento termico; - installazione e manutenzione degli impianti facili ed economiche; - agevole trasportabilità ovunque; - stoccaggio con ingombri molto limitati; - non tossicità; - emissioni non inquinanti; - possibilità di autonomia gestionale; vantaggioso rispetto ad altre fonti energetiche; Il Gpl È l ideale per l utilizzo domestico, per l industria, l artigianato, l agricoltura e l allevamento. Via Cave Ghiaia, 3 - Loc. Case Cini Villafranca - Verona Tel Fax

11 VITA DEL COLLEGIO GEOMETRA IN CANTIERE GEOMETRA IN CANTIERE: L'ATTENZIONE ALLA SICUREZZA I COMPITI E LE RESPONSABILITÀ DEI COMMITTENTI O RESPONSABILI DEI LAVORI RUOLO DEL GEOMETRA APPROFONDIMENTO SUI LAVORATORI AUTONOMI Il Collegio Geometri e Geometri laureati della Provincia di Verona, con la Società Cooperativa Geometri veronesi, prosegue il percorso formativo Geometra in cantiere con la tappa dedicata alla sicurezza. Con precisa volontà pragmatica, lo scorso venerdì 21 febbraio si sono declinati tecnicamente i compiti e le responsabilità di committenti e realizzatori, nonché responsabili dei lavori, con focus sul ruolo del geometra. Il tavolo dei relatori ha apportato osservazioni dai vari punti di vista: istituzioni, associazioni, professionisti, e la prima volontà comune che ne è emersa è stata di continuare a fare lavoro di squadra, incrociando dati ed esperienze, per valutare i rischi reali del lavoro in cantiere e concretizzare soluzioni. Come ha sottolineato il presidente del Collegio, Pietro Calzavara, «nessuno scrupolo sarà mai eccessivo nell ottica di aumentare le misure di sicurezza e il Collegio mantiene costante l impegno su questa strada, che è stato già affrontato nel giugno 2012 in un GEOday dedicato; ma dobbiamo essere aggiornati sempre su normative e ruoli. Non solo: avendo il polso della situazione, come tecnici, possiamo anche fornire indicazioni su possibili miglioramenti o adeguamenti delle regole alla realtà lavorativa». Un intento condiviso dal presidente della Cooperativa, Fiorenzo Furlani, che ha ribadito l importanza per i professionisti all opera «di avere cognizioni ben chiare sulla scelta corretta ed appropriata di un materiale, di un prodotto o di un sistema costruttivo» e per far ciò occorre «approfondimento ed aggiornamento, sempre: sia per la fase progettuale, che per l esecuzione dei lavori». Geometra in cantiere risponde a questo, «è un progetto avviato, ormai un marchio. Quella sulla sicurezza è un altra tappa, per mantenere alta la formazione del geometra, sia teorica, soprattutto pratica: dobbiamo essere professionisti di cantiere, avere sempre sott occhio la realtà edilizia e l evoluzione normativa». Sull opportunità imprescindibile di operare sinergicamente ha puntato anche il vicepresidente Ance, Alberto Guerra: «Importantissimo, fondamentale; è anche vero che quella di Verona è una buonissima realtà, già al tempo di Cantieri sicuri c è stata un ottima collaborazione per creare una cultura della sicurezza e tuttora manteniamo altissima l attenzione». Marco Gaiga, geometra della commissione sicurezza del Collegio, fa eco: «Attivare sinergie per avere risultati nell incremento della sicurezza è più che importante, è determinante; in questo quadro, il geometra è figura di riferimento e diffusa su tutto il territorio. Noi oggi ci siamo rivolti in particolare ai committenti, per far presente quali sono mansioni, obblighi, responsabilità; il geometra deve informare il committente e anche assumere incarichi come coordinatore della sicurezza». Silvano Scevaroli, presidente della categoria edili/affini di Confartigianato Verona ha decisamente dichiarato che «Serve meno burocrazia! Tutti i documenti hanno un costo, piccolo o grande che il lavoro sia; secondo noi c è un carico troppo oneroso. E ci tengo a sottolineare che esiste differenza fra artigiano e autonomo e occorre lavorare per coordinare le due figure». Questo proprio uno degli obiettivi del convegno: il geometra Gaetano Zaccarella lo ha confermato: «Faccio parte della commissione sicurezza, interna al Collegio Geometri: un tema molto sentito, oggi alla luce della circolare FEBBRAIO

12 VITA DEL COLLEGIO GEOMETRA IN CANTIERE dell ex ministro Fornero; l attività edile è costituita anche da manodopera autonoma, artigiani, e con questo incontro si è voluto far chiarezza sul loro ruolo, responsabilità e possibilità aggregative. Il nostro impegno non si esaurisce qui: nel prossimo futuro metteremo a fuoco altre figure, come quella dei coordinatori, per tenere sempre alto l interesse sulla sicurezza, per noi geometri e per tutto il comparto edìle». Tra gli ospiti, anche il vicecommissario Massimo Begal, responsabile del Nucleo Polizia Amministrativa del Comune di Verona, che ha illustrato i vari ambiti operativi del reparto, tra cui il controllo su ambiente e territorio. Verona, tirando le somme, è città virtuosa o negligente? «Le infrazioni più comuni che rileviamo sono legate ai vincoli paesaggistici: il territorio è articolato, la normativa è rigida e talvolta può sembrare vessatoria, ad esempio per interventi come variazioni ai colori di facciata o installazione di accessori come parabole o condizionatori, ma così impone la regola: parla di qualunque modifica sul bene vincolante, che è il territorio, pertanto qualunque modifica deve essere segnalata all autorità giudiziaria. In ambito edilizio, forse per il calo di attività, sono calate anche le violazioni in ambito penale; molti interventi riguardano il piano casa con ampliamenti limitati, legati dunque all ambito amministrativo, non penale. Il problema della sicurezza è sempre vivo, ma c è maggior sensibilità; ultimamente invece abbiamo rilevato cattiva gestione dei rifiuti, imprese che smaltiscono abusivamente. Complessivamente quello veronese non è un territorio particolarmente a rischio; i condoni hanno lasciato qualche effetto negativo, ma ora come ora, forse anche per il rallentamento del comparto edilizio e per interventi che sono minimi, familiari, secondo piano casa, la situazione, direi, è buona». E in tema di valutazioni complessive, Manuela Peruzzi di Spisal - Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro, ha portato i risultati della commissione vigilanza: quale lo stato dell arte? «L andamento è positivo: rispetto ai verbali del 2012, nel 2013 si sono ridotte le sanzioni e le ditte sanzionate; ciò significa che le condizioni dei cantieri stanno migliorando. D altra parte, dobbiamo continuare a contrastare i gravi infortuni che si verificano: è un settore, quello edìle, sempre a rischio». L avvocato Luigi Meduri ha dipinto una panoramica sulla normativa relativa alla sicurezza in cantiere: è agevole da affrontare da parte dei professionisti? «Le norme non aiutano, purtroppo sono soggette ad interpretazioni che spesso risultano in contrasto tra loro; questi convegni, allora, servono a far luce su un settore in cui la chiarezza definitiva ancora non c è, in merito alle responsabilità». Serve una facilitazione normativa o maggior coscienza da parte dei lavoratori? «I primi a dover essere coscienziosi e informati devono essere in committenti; i professionisti hanno gli ordini, i collegi che aiutano negli aggiornamenti, cosa che manca ai committenti, a scapito della sicurezza. Occorre maggior sensibilità e cognizione a monte, prima dell inizio dei lavori». All unanimità, il rischio numero uno in cantiere è considerato la caduta dall alto, ma non meno trascurabili altri tipi di 4 FEBBRAIO 2014

13 VITA DEL COLLEGIO GEOMETRA IN CANTIERE infortunio, ovviamente. Regole d oro per la sicurezza in cantiere? Eccole: Massimo Begal «Formazione delle maestranze e controllo delle maestranze stesse da parte degli addetti alla sicurezza, anche per contrastare il lavoro irregolare. La mancanza di professionalità abbassa il livello di sicurezza». Marco Gaiga - «Mantenere il collegamento in tutta la filiera, dal committente ai professionisti alle imprese; essere sempre aggiornati». Alberto Guerra - «Aldilà del prezzo congruo, la verifica delle capacità tecnico-professionali». Manuela Peruzzi - «Misure di prevenzione tecniche, semplificazione della documentazione cartacea e misure concrete, ad esempio i parapetti per prevenire le cadute dall alto». Silvano Scevaroli - «Formare la gente e far diventare la sicurezza una materia scolastica, perché non riguarda solo l edilizia, ma la vita quotidiana, dalla sicurezza stradale a quella, appunto, sui luoghi di attività». LINK Ance Confartigianato Dati Spisal infortuni.html Servizio TV Geometra in sicurezza LE ATTIVITÀ DELLA POLIZIA AMMINISTRATIVA: INTERVISTA AL VICECOMMISSARIO MASSIMO BEGAL Il Reparto Polizia Amministrativa svolge i controlli di polizia amministrativa nelle materie previste dall'ordinamento giuridico e la cui sorveglianza spetta, direttamente o indirettamente, al sindaco: si tratta di competenze che investono la Polizia Municipale di una serie di compiti relativi alle attività economiche, all'ambiente e al territorio, alla pubblicità, ecc. Questo tipo di accertamenti, per la loro complessità e la continua evoluzione della normativa, sono ormai assegnati quasi esclusivamente al personale di questo Reparto, allo scopo di garantire una professionalità specifica sempre crescente. Gli interventi si attivano a seguito di segnalazioni da parte dei cittadini o per iniziativa degli agenti, a supporto degli altri reparti della P.M. che hanno riscontrato il fenomeno sul territorio e in collaborazione o su richiesta degli uffici comunali competenti per materia. Il Reparto di Polizia Amministrativa che, come precisa il vicecommissario responsabile, Massimo Begal, «opera con limite di territorialità nel comune di Verona, non su tutta la provincia», è suddiviso in nuclei specializzati: - Nucleo Polizia Annonaria (commercio e polizia amministrativa in senso stretto), - Nucleo Controllo Ambiente e Territorio articolato in sezione Edilizia, sezione Pubblicità, sezione Polizia Ambientale. La sezione edilizia è incaricata della tutela del territorio, controlla la regolarità delle attività edilizie, reprime eventuali abusi e verifica che i lavori realizzati siano conformi ai permessi rilasciati, attraverso accertamenti di natura amministrativa e giudiziaria. Questa attività riveste particolare importanza in una città come Verona, dove molte zone sono sottoposte a vincoli paesaggistico-ambientali o architettonici e l'abusivismo edilizio creerebbe impatti devastanti. A tutela della salute pubblica e privata, verifica la salubrità e l'abitabilità degli edifici, con particolare riferimento alla corretta destinazione d'uso degli stessi ed all'affollamento in relazione al numero degli occupanti. La sezione pubblicità controlla la regolarità degli impianti pubblicitari fissi e mobili esposti nel territorio comunale, in particolare sulla collocazione della cartellonistica sulle strade cittadine. Questi accertamenti servono principalmente a garantire la sicurezza della circolazione e la tutela dei vincoli paesaggistici ed ambientali. Un impegno particolare è destinato alle verifiche delle pubblicità in occasione di consultazioni elettorali, anche al fine di garantire una regolare e paritaria propaganda politica. La sezione polizia ambientale svolge controlli sul rispetto delle norme a tutela dell'ambiente, contro l'inquinamento del suolo e del sottosuolo: controlli sulle acque di scarico, sulle attività di autodemolizione, sulla gestione, il trasporto, il deposito e lo smaltimento dei rifiuti, con particolare attenzione alle discariche abusive; FEBBRAIO

14 VITA DEL COLLEGIO GEOMETRA IN CANTIERE inoltre interviene per prevenire e reprimere i maltrattamenti sugli animali domestici, selvatici e d'allevamento. Il Nucleo di Controllo Ambiente e Territorio è quello che si occupa specificamente del settore edilizio: precisamente come agisce? «Effettuiamo ispezioni nei cantieri su nostra iniziativa, su esposto o richiesta da parte di edilizia privata, di enti comunali come la soprintendenza, eccetera; i controlli vengono eseguiti a tutto tondo: non solo sulla parte edilizia, ma anche per quanto riguarda la sicurezza nell ambiente di lavoro e la gestione dei rifiuti». - La copertura è sufficiente o sarebbe necessario ulteriore personale di controllo? «C è sempre bisogno di personale, ma quello che c è, supportato dal personale del Comando, le delegazioni territoriali, devo dire che riesce a coprire efficacemente l area di competenza». - Quali sono le infrazioni più comuni? «Il territorio di Verona è sottoposto per circa il 50% a vincolo paesaggistico, le infrazioni più comuni riguardano tale ambito; in ambito edilizio le violazioni sono calate, ma rimane sempre vivo il problema della sicurezza, anche se riscontriamo maggior sensibilità. Invece abbiamo rilevato talvolta una cattiva gestione dei rifiuti, con imprese che li trattano abusivamente, senza essere iscritte all albo nazionale, dunque in nero». - Quali i rischi più gravi e le sanzioni più pesanti? «Per quanto concerne rifiuti e sicurezza, le sanzioni sono di carattere penale, abbastanza pesanti: si parla di qualche migliaio di euro per i rifiuti, mentre per la sicurezza si parte dal penale, ma se le cose vengono sanate si passa ad un quarto della sanzione, in via amministrativa, dunque il tutto più facilmente risolvibile». Polizia Municipale di VERONA cfm?a_id=18781 Elisa Tagliani

15 VITA DEL COLLEGIO ITS RED: CONSEGNATI I PRIMI 23 DIPLOMI A PADOVA ITS RED: CONSEGNATI I PRIMI 23 DIPLOMI A PADOVA VOCE ALLA SCUOLA, LINEA DIRETTA CON LA FORMAZIONE Attivato anche a Verona pochi mesi fa, l ITS RED-Risparmio energetico e nuove tecnologie in bioedilizia di Padova ha consegnato a metà febbraio a Palazzo Bo i 23 diplomi (che danno accesso diretto all esame di stato da geometra) agli studenti che hanno frequentato il corso, promosso da Itg Belzoni-Boaga, presieduto dal dirigente Vincenzo Amato, e da Ance Veneto, in collaborazione con Fòrema Confindustria Padova; premiati anche i tre studenti più meritevoli: Andrea Carta, Nicola Squizzato e Gabriele Carpignani Panebianco. Inaugurato nel 2011, ITS RED forma una figura professionale nuova, che integra alle qualifiche dei normali geometri le conoscenze dei criteri di efficienza nel processo costruttivo, per migliorare, ottimizzare la sostenibilità ambientale e il risparmio energetico; a riprova dell attualità e dell utilità di tale profilo, la notizia che quasi tutti gli studenti, a pochi mesi dalla fine dei corsi (due anni, ore di lezione, di cui in aula e 800 di stage in aziende del territorio veneto), hanno instaurato collaborazioni con ditte e studi professionali della provincia padovana. Le iscrizioni sono in aumento e a settembre si avvieranno altri tre corsi, uno a Padova, uno a Verona e uno a Varese. Presenti alla cerimonia al Bo il professor Francesco Gnesotto, prorettore vicario dell Università di Padova, Luigi Schiavo, presidente regionale di Ance, Paolo Bastianello, membro del comitato educational di Confindustria, Gianluigi Coghi, vice presidente nazionale Ance, Marco Nardini, membro del Consiglio Nazionale Geometri e Pietro Calzavara, presidente del Collegio veronese. L assessore regionale alla formazione, Elena Donazzan, ha sottolineato «l importanza degli Its soprattutto in Veneto, perché danno risposte vere al mondo del lavoro: in un momento delicato come questo è fondamentale investire su nuove professionalità che consentano di gestire responsabilmente le esigenze legate alla sostenibilità ambientale». E Paola Carron, presidente della fondazione IIS RED, ha spiegato che «L innovazione dell offerta formativa risiede nella capacità di rispondere con rapidità e accuratezza alle esigenze del mercato grazie al coinvolgimento diretto delle imprese. I moduli di insegnamento sono flessibili e continuamente aggiornati perché il settore, oggi, ad esempio, votato più alle ristrutturazioni che alle nuove costruzioni, è in mutamento ed evoluzione. L alto livello di specializzazione rendono questo corso più appetibile sotto il profilo occupazionale di molti corsi di laurea triennali». «ITS RED ha dichiarato Pietro Calzavara - rappresenta il futuro dei geometri; esiste la crisi in edilizia, ma ci sarà anche la ripresa, che dovrà fondarsi sulla riqualificazione del patrimonio; importante che ci sia anche a Verona, per affinare la formazione dei giovani tecnici e garantire loro maggiori prospettive occupazionali». Alessandra Moro FEBBRAIO

16 COPERTURE INDUSTRIALI E CIVILI IN ALLUMINIO, ACCIAIO, RAME - LATTONERIE PANNELLI COIBENTATI ISOLAMENTI RIVESTIMENTI - LUCERNARI BONIFICA AMIANTO PULIZIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI con sistemi di ultima generazione con acqua osmotizzata LEGGI COL TUO TABLET IL GEOMETRA VERONESE SU: OEPI.IT PREVENTIVI GRATUITI Sede legale: Velo Veronese (VR) - Via Roma, 22 Sede amministrativa e magazzino: San Martino Buon Albergo (VR) Viale della Repubblica, 2/a Int, 10 Tel Fax Cell tel fax

17 FATTI E NOTIZIE LA CURA DEL GARDA LA CURA DEL GARDA AGS PRESENTA I DATI AGGIORNATI SULLO STATO DI SALUTE DEL MAGGIOR LAGO D ITALIA, CANDIDATO A PATRIMONIO UNESCO Lo scorso 3 gennaio Azienda Gardesana Servizi ha presentato in conferenza stampa i dati sull'acqua del Garda dopo l'entrata in funzione del terzo lotto del depuratore di Peschiera; i valori dei principali parametri è risultato molto al di sotto di quanto previsto dalla legge, attestando che il depuratore migliora l'ambiente idrogeologico e, conseguentemente, la qualità della vita. «I lavori al terzo lotto ha spiegato il presidente di AGS, Alberto Tomei sono cominciati nel 2011 e si sono conclusi la primavera scorsa. Il necessario periodo di collaudo ha fatto partire l attività a novembre, ma i risultati sono incoraggianti e dimostrano come l investimento delle Regioni Veneto e Lombardia sia stato assolutamente lungimirante». Il progetto complessivo di adeguamento del depuratore ha comportato un investimento di circa 16 milioni di euro; il terzo lotto ha un valore di 6,5 milioni di euro, finanziati da Regione Veneto e Regione Lombardia; i dati delle analisi del primo periodo di gestione hanno evidenziato l elevata efficienza dell impianto. E il 17 febbraio si è tenuto a Garda il convegno Il nuovo collettore per il lago di Garda e il futuro del suo territorio, organizzato da AGS, Depurazioni Benacensi, Garda Uno e Comune di Garda, a sottolineare la collaborazione di tutti gli enti a sostegno dell infrastruttura; ha partecipato anche il presidente del Collegio Geometri di Verona, Pietro Calzavara, portando il supporto della categoria, che oggi più che mai si identifica come tecnico attento all ambiente: «Da parte nostra, geometri, c è totale disponibilità a portare avanti l intento di valorizzare sempre più la bellezza, le peculiarità, la storia geologica e antropologica del Garda, e questo necessita un supporto tecnico che la realizzazione del nuovo collettore può dare, per garantire la sicurezza all ambiente con impianti adeguati ai tempi e non farci cogliere impreparati in caso di calamità meteorologiche purtroppo frequenti, vedi cronache delle ultime settimane. Siamo lungimiranti, razionali, concretizziamo quelle che oggi sono parole e agiamo rapidamente per il nostro lago, per la nostra comunità». Ad incrementare l attività di tutela, si registra anche la recente firma di un protocollo fra le associazioni di consumatori, il Consiglio di Bacino Veronese, Acque Veronesi e AGS stessa: si tratta di uno dei primi accordi a livello nazionale sul monitoraggio dei servizi idrici integrati, in applicazione della normativa di cui all art. 2, comma 461 L. 24/12/2007. Notizie, queste riportate, che supportano l ambizioso obiettivo di incoronare il Garda tra i patrimoni mondiali Unesco: tre regioni, tre province, diverse comunità montane, decine di comuni corrono insieme e l ufficializzazione dell iter è giunta all inizio dell anno dal presidente della Comunità del Garda, Giorgio Passionelli, sindaco di Torri del Benaco. FEBBRAIO

18 FATTI E NOTIZIE LA CURA DEL GARDA Nel 2011 alcuni siti archeologici palafitticoli del lago hanno già ricevuto l importante riconoscimento ed ora si punta a totalizzarlo. Le sinergie di cui sopra, dunque, corroborano l impegno a tutelare il comprensorio già localmente, prima di avere benedizioni internazionali. Il Consiglio Regionale Lombardo ha nominato ufficialmente come partner unico della regione la Comunità del Garda, in vista di Expo 2015 ma anche per il Patrimonio Unesco; c è la precedente analoga deliberazione veneta, manca ora solo quella del Trentino per portare avanti la candidatura. I SITI PALAFITTICOLI Svizzera Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia ospitano i 111 siti palafitticoli più famosi tra i 1000 siti noti; essi constano di resti di insediamenti preistorici ubicati sulle rive di laghi o di fiumi, databili dal 5000 al 500 a.c. e in eccellente stato di conservazione dei materiali organici. Le 19 aree archeologiche sul territorio italiano sono dislocate in Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige e rientrano nel progetto Siti palafitticoli preistorici delle Alpi. Questo l elenco completo: Palù di Livenza - Santissima (Caneva/Polcenigo - PN) Lavagnone (Desenzano del Garda/Lonato del Garda - BS) San Sivino, Gabbiano (Manerba del Garda - BS) Lugana Vecchia (Sirmione) West Garda, La Fabbrica (Padenghe sul Garda - BS) Lucone (Polpenazze del Garda - BS) Lagazzi del Vho (Piadena - CR) Bande - Corte Carpani (Cavriana - MN) Castellaro Lagusello - Fondo Tacoli (Monzambano - MN) Isolino Virginia - Camilla - Isola di San Biagio (Biandronno - VA) Bodio centrale o delle Monete (Bodio Lomnago - VA) Lagozza (Besnate - VA) Il Sabbione o Settentrionale (Cadrezzate - VA) La Maraschina-Tafella (Sirmione - BS, Peschiera del Garda - VR) VI.I - Emissario (Viverone - BI, Azeglio - TO) Mercurago (Arona - NO) Molina di Ledro (Molina di Ledro - TN) Fiavé - Lago Carera (Fiavé - TN) Bor di Pacengo (Lazise - VR) La Quercia (Lazise - VR) Dossetto (Nogara - VR) Belvedere (Peschiera del Garda - VR) Frassino (Peschiera del Garda - VR) Tombola (Cerea - VR) Laghetto della Costa (Arquà Petrarca - PD) Il sito di località Belvedere si estende su mq. e, stando alle analisi dei legni e dei materiali ritrovati, dovrebbe essere il più grande e il più antico del Garda, abitato in tutte e tre le Età del Bronzo. Tra i reperti reperiti in 12 anni di lavoro archeosubacqueo, una piccola ciotola contenente alcuni semi di corniolo e una spiga fossilizzata.». Importante per la qualità del materiale ceramico scoperto è invece il sito del laghetto del Frassino: essendo una torbiera, un lago chiuso e senza moto ondoso, gli oggetti sono stati rinvenuti in eccellente stato. Sul lago di Ledro si può visitare il museo delle palafitte: oggetti di vita quotidiana risalenti a 4000 anni fa sono esposti, sullo sfondo dei resti dell antico villaggio palafitticolo, a ricostruire la vita durante l Età del Bronzo; sono stati rinvenuti addirittura resti di pasto sul fondo di alcuni recipienti, a raccontare le abitudini alimentari dei nostri avi: con tutta probabilità, si nutrivano soprattutto di pappe semidense trattate al fuoco, e composte di verdure e cereali; la farina di cereali veniva mescolata con acqua e impastata per farne delle pagnottelle lievitate. Un modo semplice per cuocerle poteva essere quello di avvolgere l'impasto su ciottoli di fiume arroventati (questa tecnica di cottura indiretta è ancora in uso presso alcuni popoli primitivi). Il villaggio sorge nel prato antistante il museo; una piattaforma lignea a sbalzo sull alveo del torrente Ponale sostiene le capanne, due di dimensioni contenute (3x6m), una più grande (5x8m). I criteri costruttivi ricalcano quelli utilizzati in siti analoghi (es. Unterhuldingen, sul lago di Costanza). Alessandra Moro 10 FEBBRAIO 2014

19 FATTI E NOTIZIE LA RIFORMA DEL CONDOMINIO LA RIFORMA DEL CONDOMINIO E GLI IMPIANTI INDIVIDUALI: TUTTO QUEL- LO CHE C E DA SAPERE Con la Riforma del condominio, il singolo ha il diritto di posizionare sulle parti comuni dell edificio il proprio impianto di riproduzione di energia rinnovabile nonché di ricezione radio-televisiva, di qualunque tipologia. La norma che determina questa facoltà è l art bis c.c. Questa si affianca ad altre disposizioni il cui intento è tutelare la posizione del singolo condomino, nel rispetto della coesistenza di altri immobili all interno di una struttura condominiale. Ad esempio l art c.c., permette al condomino di eseguire interventi nel suo alloggio e nelle parti comuni destinate al suo uso individuale: sono possibili tutti gli interventi che non portano danno alle parti comuni, purché vi sia il rispetto della sicurezza, della stabilità e del decoro architettonico dell edificio. Tornando alla norma in esame, i primi due commi trattano in modo indipendente gli impianti radiotelevisivi e quelli relativi alle fonti di energia rinnovabili per poi avere una disciplina unitaria nelle disposizioni successive. Gli impianti tv non centralizzati sono disciplinati dal legislatore per il loro corpo centrale e per tutta la loro diramazione nella struttura dell edificio condominiale sino ad arrivare all utenza, cioè all interno del singolo alloggio a cui servono. Essi possono essere installati e collocati dove creano minor fastidio all edificio. La norma permette la loro creazione a tutto campo, in quanto prevede che essi siano realizzati in modo da recare il minor pregiudizio alle parti comuni e alle unità immobiliari di proprietà individuale. Il legislatore utilizza il termine pregiudizio e non danno, volendo far capire che il pregiudizio deve essere minimo per l edificio. Poiché si esprime in termini di minor pregiudizio, sembra prevalere l interesse del singolo all impianto TV: verificati i luoghi dove eseguire l intervento e dove collocare le diramazioni, l impianto può essere realizzato anche se c è pregiudizio se il condomino al cui favore vi è l impianto dimostra che ricorre il minor pregiudizio. Trattandosi di minor pregiudizio, la comparazione dei possibili luoghi dove poter posizionare l impianto porta come risultato la sua installazione e la sua diramazione dove la complessiva struttura crea meno fastidio alle parti comuni del condominio e/o agli alloggi degli altri condomini. Una perizia tecnica che dimostra questa comparazione e che espone il progetto in termini di minor invasività, stando al rigore letterale della norma, rende lecita tutta la struttura dell impianto. L unico limite che deve essere rispettato è il decoro architettonico. Il decoro architettonico deve essere sempre garantito: la sua tutela è in ogni caso ma anche in via preventiva, dovendo esserne preservato il valore. Se quindi l impianto dovesse essere collocato all esterno del condominio, l elaborato tecnico deve evidenziare, ad esempio, che la sua collocazione non lede l armonia della facciata dello stabile. In questo modo il servizio non centralizzato tv può essere realizzato dal singolo senza che vi possa essere una legittima opposizione da parte degli altri abitanti dell edificio. Vediamo ora la seconda tipologia di impianti individuali. Essi sono quelli di riproduzione di fonti di energia rinnovabili. Per questi non è previsto alcun limite, neppure in termini di pregiudizio: l installazione può essere eseguita in qualunque luogo comune dello stabile, purché idoneo. La norma si esprime in termini di superficie idonea, come se l impianto non dovesse essere collocato al di sotto del piano ma semplicemente appoggiato. E chiaro che il termine è utilizzato per specificare che il luogo condominiale deve essere tale da contenere l impianto. Si può trattare del lastrico solare o di un qualunque altro bene comune. Secondo il testo della norma in esame (secondo comma art. FEBBRAIO

20 FATTI E NOTIZIE LA RIFORMA DEL CONDOMINIO 1122bis c.c.) non è concessa la costruzione di questi servizi individuali sulla singola proprietà di altri condomini. Se così fosse, vi sarebbe la lesione del diritto di proprietà come definito in termini generali dall art. 832 c.c. Come accennato, dal terzo comma in avanti la disciplina è unitaria per entrambi gli impianti. Ciò significa che, ove si rendano opportune modificazioni delle parti comuni, l interessato ne deve dare comunicazione all amministratore, indicando il contenuto specifico nonché le modalità di esecuzione degli interventi. La comunicazione del condomino deve indicare il contenuto specifico degli interventi che vuole attuare: deve specificare i termini concreti dell intervento, compresa l estensione dei lavori sui beni condominiali. Presumendo che il condomino non è un tecnico professionista, questa comunicazione deve essere accompagnata da una relazione tecnica che evidenzi quanto prescritto dalla norma. L avviso del condomino è al fine di permettere all amministratore e all assemblea di evidenziare all interessato un eventuale intervento sostitutivo rispetto a quello preventivato e presentato dall interessato, di contenuto meno invasivo per le parti condominiali coinvolte dall intervento. Così può essere anche per l indicazione di un diverso luogo, dove posizionare l impianto. La normativa prevede subito cosa può disporre la riunione di condominio. Vi è un vuoto normativo, non essendo sancito alcun obbligo dell amministratore di convocare appositamente l assemblea o di attendere di porre questo tema come argomento all ordine del giorno della prima assemblea utile. A parere di chi scrive, l amministratore ha sempre e comunque l onere di convocare un assemblea ad hoc se si considera che: - l intervento del singolo interessa le parti comuni dell edificio - queste subiscono una modifica in ragione del progetto del condomino; - parlando di beni comuni, la titolarità spetta all assemblea, trattandosi di sua specifica competenza; - la riunione di condominio può indicare certe modalità di esecuzione, oltre a poter dettare particolari cautele per l esecuzione dell intervento. E giocoforza quindi che il mandatario sia tenuto a chiamare la riunione dell edificio. Inoltre, poiché l assemblea può dettare modalità alternative, sarebbe opportuno che la stessa si svolga prima dell inizio dei lavori. L iter dovrebbe essere pertanto il seguente: - il singolo dà comunicazione all amministratore degli interventi che intende eseguire e a cui conseguono la modificazioni delle parti comuni; - alla predetta comunicazione allega la relazione peritale redatta dal professionista che espone il contenuto specifico e le modalità di esecuzione degli interventi oltre che il minor pregiudizio nel caso di impianti radiotelevisivi; - l amministratore, ricevute questa comunicazione e relativa documentazione, convoca l assemblea, evidenziando che i lavori saranno eseguiti come da perizia e da comunicazionea sue mani, liberamente consultabile e visionabile da tutti i condomini presso il suo ufficio in vista dell indetta assemblea. La riunione, per poter dettare le regole alternative, deve deliberare con le maggioranze prescritte dal quinto comma dell art c.c. cioè a maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno i 2/3 del valore dell edificio. Questo quorum deve essere rispettato anche in seconda convocazione. Ci si domanda perchè occorre una maggioranza così alta, vista la necessità di tutela dell interesse della collettività a fronte di un interesse di un singolo condominio: pare avere prevalenza l interesse del singolo rispetto a quello del condominio. Potrebbe risultare difficile che l assemblea raggiunga la maggioranza qualificata qui prescritta, anche in caso di seconda convocazione, interrogandoci sul valore che deve essere attribuito alla conseguente mancata deliberazione. Si tratta di una deliberazione c.d. negativa, dove l argomento non è stato deciso in alcun modo in quanto i voti espressi, sia in senso favorevole, sia in senso contrario, non sono stati tali da raggiungere i 2/3 del valore dell edificio. Si dovrebbe forse concludere che il singolo può installare l impianto secondo le modalità da lui indicate - nella comunicazione e nella relativa perizia - all amministratore. Se si raggiunge il quorum necessario per deliberare, L assemblea può prescrivere... adeguate modalità alternative di esecuzione o imporre cautele.... A stretto rigore, il termine possibilità non si qualifica quale necessaria autorizzazione assembleare. Questa conclusione, a parere di chi scrive, non pare corretta. Se si intendesse quale semplice presa d atto da parte del condominio, si avrebbe un illecita possibile invasione dei beni condominiali da parte del singolo andando contro il principio di prevalenza della destinazione dei beni e servizi comuni rispetto agli interessi del singolo. In questo senso può venire in aiuto l ultimo comma della norma, dove dispone che Non sono soggetti ad autorizzazione gli impianti destinati alle singole unità abitative. 12 FEBBRAIO 2014

21 FATTI E NOTIZIE LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Qui si parla correttamente di autorizzazione da parte del condominio. Se gli impianti sono realizzati nella sola struttura immobiliare di chi è titolare dell alloggio al cui servizio sono questi impianti, non occorre l autorizzazione dell assemblea del condominio. Non essendovi alcuna invasione nelle parti collettive, il diritto di proprietà dell alloggio permette al singolo di eseguire i lavori in piena libertà. A contrariis, si deduce che occorre l autorizzazione dell assemblea di condominio nel caso in cui l intervento del singolo vada a toccare parti comuni del condominio. Il legislatore si esprime in termini di autorizzazione assembleare, permettendo l estensione di questa previsione anche - e soprattutto - laddove l impianto va a modificare le parti condominiali sulla scorta del terzo comma della norma di cui sopra. Con ciò si può concludere che l assemblea, mentre detta le modalità alternative dell intervento, autorizza l impianto nei termini con cui la stessa assemblea indica che i lavori devono essere eseguiti. Ritornando al contenuto della deliberazione, le modalità alternative che possono essere autorizzate dalla riunione di condominio devono, secondo la Novella, essere adeguate. Non è dato comprendere il relativo termine di riferimento: l adeguatezza può essere letta sia a tutela dell interesse della collettività sia -e al pari- dell interesse del singolo che intende realizzare l intervento. La previsione di cautele significa che gli interventi non devono creare pregiudizio all edificio sotto i profili della sicurezza, della stabilità o del decoro architettonico. Mentre i primi due parametri sono di facile comprensione, con l indicazione del decoro architettonico si intende il complesso armonico della struttura dell edificio e delle sue parti. Si tratta dell estetica del fabbricato data dall insieme delle linee e delle strutture che connotano lo stabile stesso e gli imprimono una determinata, armonica fisionomia ed una specifica identità. Per quanto riguarda la sola installazione degli impianti di fonti rinnovabili, l assemblea provvede a richiesta degli interessati, a ripartire l uso del lastrico solare e delle altre superfici comuni, salvaguardando le diverse forme di utilizzo previste dal regolamento di condominio o comunque in atto. Poiché la norma si esprime sempre in termini di comunicazione del singolo condomino, si ritiene che la locuzione a richiesta degli interessati contempli in sé anche il caso di un solo condomino interessato agli impianti in questione o alla ripartizione del luogo comune deputato a contenere più impianti individuali, se due o più condomini presentano la medesima richiesta. La decisione del condominio deve salvaguardare le clausole del regolamento, ove vi siano, che hanno come oggetto le diverse forme di utilizzo delle superfici comuni coinvol- FEBBRAIO

22 FATTI E NOTIZIE LA RIFORMA DEL CONDOMINIO te dagli interventi in esame, siano il lastrico solare o altro luogo idoneo. Questa formulazione è interpretabile nel senso che lo spazio del lastrico solare (o di altro bene comune) deve permettere l installazione di tanti impianti quanti sono i singoli condomini, alla luce del principio del pari uso del bene ex art c.c., o comunque deve rispettare la specifica destinazione della superficie che è stata alla stessa impressa dal regolamento di condominio. Si ricorda a questo proposito che la clausola del regolamento in termini di godimento di un bene comune non richiede l unanimità dei consensi, potendo essere assunta anche con il sistema maggioritario. Sotto questo profilo, non vi è alcuna distinzione tra regolamento assembleare e quello contrattuale, diversamente dal caso in cui viene attribuito il diritto di proprietà o altro diritto reale a un singolo condomino di un certo bene che altrimenti ricadrebbe nella comunione condominiale. In quest ultimo caso, la relativa disciplina può essere contenuta solo nel regolamento contrattuale. La locuzione finale non pare essere felice: non si comprende cosa debba essere inteso con l indicazione che devono essere rispettate le diverse forme di utilizzazione del bene comunque in atto. Questa indicazione mostra il fianco al possibile riconoscimento di una situazione di fatto di un certo uso da parte dei condomini tutti o alcuni di essi- del bene comune di riferimento. Si ritiene più corretto ritenere che, con questa specificazione, il legislatore voglia intendere il rispetto della destinazione, anche potenziale, del bene comune. Occorre ricordare il pari uso potenziale spettante in capo ai singoli condomini ex art c.c.: il singolo impianto non può ostacolare o limitare l altrui uso del bene comune, secondo la sua specifica destinazione, anche se al momento della realizzazione dell impianto gli altri condomini non lo stanno materialmente usando o godendo. La norma prosegue disponendo che L assemblea, con la medesima maggioranza, può altresì subordinare l esecuzione alla prestazione, da parte dell interessato, di idonea garanzia per i danni eventuali. La prestazione della garanzia per gli eventuali danni ha natura di deposito cauzionale di una somma di denaro. Nel caso in cui i danni paventati non si verifichino, la garanzia viene meno e il condominio ha l obbligo di restituirne l importo. La garanzia pare avere natura aggiuntiva e non alternativa alle altre misure che l assemblea può indicare. Si ritiene più corretto considerarla tale in quanto la norma sancisce altresì la sua eventuale prescrizione da parte del condominio. La norma sancisce, anche per questa parte, che la deliberazione deve essere presa a maggioranza degli intervenuti alla riunione rappresentanti almeno i 2/3 dei partecipanti al condominio, quindi negli stessi termini delle indicazioni delle modalità alternative di cui sopra. Anche qui ci si domanda perchè occorre una maggioranza così alta, vista la necessità di tutela dell interesse della collettività a fronte di un interesse di un singolo condomino. Non solo. Poiché si tratta di una formula di tutela dell edificio da eventuali danni che potrebbero derivare a causa dell intervento del singolo, a rigore di logica sarebbe stato più corretto prescrivere le ordinarie maggioranze dell assemblea di prima e seconda convocazione. Se l assemblea, convocata per i temi in questione, non ritiene di dover richiedere le cautele previste dalla norma, non avendo da prescrivere alcunché al riguardo? Poiché la delibera ha natura di autorizzazione per le osservazioni sopra formulate occorre che il verbale riporti che l assemblea è stata convocata in ragione della comunicazione ricevuta dall amministratore con cui il singolo ha esposto allegando la perizia tecnica - le modalità di installazione dell impianto, sia esso di radiodiffusione o di fonti rinnovabili. Nel verbale bisogna anche curare la parte concernente il deliberato condominiale, indicando che l assemblea non ha nulla da evidenziare al riguardo, autorizzando la realizzazione del singolo impianto come da comunicazione e documentazione prodotta dal condomino. Questa verbalizzazione assume natura necessaria se si considera che: - la riunione di condominio è stata convocata affinché la stessa procedesse a prenderne atto o -meglio- a autorizzare l impianto; - la riunione è stata chiamata affinché possa indicare le modalità alternative a cui il singolo è obbligato a attenersi se vuole realizzare l impianto, richiedendo, se del caso, la prestazione della garanzia per gli eventuali danni. Se così non fosse, gli interventi del singolo sarebbero sempre esposti al possibile rischio di azioni giudiziarie, non avendo ottenuto alcun riscontro dall assemblea, non essendovene traccia nel verbale della riunione. Ove la riunione non prescrive alcuna diversa modalità di realizzazione dell impianto, la deliberazione si qualifica come autorizzazione tout court di quanto indicato dalla comunicazione e relativa perizia - inviata dal singolo. Matteo Xamo 14 FEBBRAIO 2014

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Fabio Gelli Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Detrazioni fiscali per il risparmio energetico e le Ristrutturazioni Edilizie RISPARMIO ENERGETICO nel condominio bonus dal 50

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

PRIMA DI COSTRUIRE (O ACQUISTARE) LA TUA CASA

PRIMA DI COSTRUIRE (O ACQUISTARE) LA TUA CASA 1LE 8 COSE DA SAPERE PRIMA DI COSTRUIRE (O ACQUISTARE) LA TUA CASA 1Chi è l impresa Prima di affidarsi ad un impresa è fondamentale sapere tutto. È importantissimo che sia certificata, questo ci rassicura

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

ANAGRAFE CONDOMINIALE

ANAGRAFE CONDOMINIALE ANAGRAFE CONDOMINIALE In base all art. 1130 c.c., così come modificato dalla L. 220/12, gli amministratori di condominio hanno l obbligo di curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA. Articolo 1 (Finalità)

LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA. Articolo 1 (Finalità) CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 NOVEMBRE 2008 LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA Articolo 1 (Finalità) 1. In attuazione dell'articolo 9 della Costituzione, la Repubblica promuove e tutela la qualità dell

Dettagli

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO Il Comune di Cavagnolo intende incentivare con un contributo

Dettagli

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 PREMESSE GENERALI Reparto Ambiente Polizia Municipale Viale Brigate Partigiane 19 16129 GENOVA Comune di Genova

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano 2010 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

(approvato con delib. del C.C. n. del )

(approvato con delib. del C.C. n. del ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI AD USO CIVILE ABITAZIONE E RELATIVE PERTINENZE (approvato con delib. del

Dettagli

APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI

APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI APPALTI IN CONDOMINIO: NON SOLO CANTIERI EDILI di Cristoforo Moretti www.millescale.it millescale@libero.it PREMESSA Parlare di appalto in condominio vuole dire prendere in considerazione diverse tipologie

Dettagli

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI

REGOLAMENTO SULL INSTALLAZIONE DEGLI APPARATI DI RICEZIONE DELLE TRASMISSIONI SATELLITARI COMUNE di NOVARA Assessorato all Edilizia Privata e Commercio Assessore dr. Giovanni RIZZO Servizio Gestione Sviluppo del Territorio e dell Economia - Ufficio S.I.T. Dirigente arch. Roberto Stampini Funzionario

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Brescia, 20/04/2015

COMUNE DI BRESCIA. Brescia, 20/04/2015 COMUNE DI BRESCIA Brescia, 20/04/2015 Oggetto: Avviso di procedura comparativa per l affidamento di un incarico professionale di supporto qualificato per la partecipazione del Comune di Brescia a procedure

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

BERGAMO. con il patrocinio del Collegio dei Geometri * CORSO PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI E CONDOMINIALI

BERGAMO. con il patrocinio del Collegio dei Geometri * CORSO PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI E CONDOMINIALI BERGAMO con il patrocinio del Collegio dei Geometri * 20 CORSO PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI E CONDOMINIALI REGOLAMENTO REGOLAMENTO 20 CORSO DI FORMAZIONE PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI - 2015 SEDE LEZIONI

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI REGOLAMENTO

Dettagli

RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEI FABBRICATI IN CONDOMINIO

RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEI FABBRICATI IN CONDOMINIO ANACI VERONA RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEI FABBRICATI IN CONDOMINIO relazione Amministrare il condominio oggi: una professione tra ruoli privati e ruoli pubblici di rilevanza sociale 1. Il rapporto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MATTIOLI, GARDIOL. Regolamentazione dell attività delle imprese di lavanderia e tintoria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MATTIOLI, GARDIOL. Regolamentazione dell attività delle imprese di lavanderia e tintoria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 625 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MATTIOLI, GARDIOL Regolamentazione dell attività delle imprese di lavanderia e tintoria Presentata

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO 1 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2002, n. 282. Modalità di vigilanza in caso di autocontrollo. Formazione del personale alimentarista. Valutazione delle

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Relazione illustrativa al progetto di legge regionale recante Norme regionali per l arte negli edifici pubblici.

Relazione illustrativa al progetto di legge regionale recante Norme regionali per l arte negli edifici pubblici. Relazione illustrativa al progetto di legge regionale recante Norme regionali per l arte negli edifici pubblici. Dopo le modifiche al titolo V della Costituzione, la normativa concernente l arte negli

Dettagli

Servizio Politiche Energetiche

Servizio Politiche Energetiche Servizio Politiche Energetiche FUNZIONI DEL SERVIZIO Controlli impianti termici 1. Sensibilizzazione utenti E l attività di diffusione presso i cittadini delle informazioni (tramite avvisi pubblici affissi

Dettagli

CONTABILITA DEI LAVORI

CONTABILITA DEI LAVORI CONTABILITA DEI LAVORI E un attività che viene svolta, nel processo di realizzazione di ogni opera, in due fasi ben distinte e con due diverse finalità: In fase preventiva: all atto della redazione del

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 293 07. 09. 2012 I bonus per l edilizia: alcuni casi pratici Il maggiore sconto è attualmente previsto fino a giugno 2013 Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

AGENZIA GIOVANI PROVINCIALE

AGENZIA GIOVANI PROVINCIALE AGENZIA GIOVANI PROVINCIALE Istituzione Autonoma della Provincia di Caserta ORDINAMENTO L Agenzia, come prescritto dalla legge, è gestita da un Consiglio di Amministrazione, formato da un Presidente (delegato

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO

COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO UFFICIO TECNICO Allegato A) alla Determinazione n. 166 del 07/07/2015 Prot. 20150005696 UTC/MC/mc li 09 luglio 2015 AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEI COMPONENTI DELLA COMMISSIONE PER IL PAESAGGIO AI SENSI DELL ART.81

Dettagli

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza

LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza LE RESPONSABILITA PENALI DEL Coordinatore Per la Sicurezza ROMA 12 APRILE 2013 Avv. Giulia Adotti Studio Legale ADOTTI & Associati Roma, Viale B. Buozzi n. 68 Frascati, via F. Cecconi n. 37-39 www.adottiassociati.it

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP:

Data di presentazione della DUAAP: N Protocollo / Pratica SUAP: Spazio per la protocollazione/vidimazione MODELLO F - 3 Comunicazione di inizio e fine lavori Variazioni in corso di esecuzione N.B: La presente comunicazione deve essere obbligatoriamente presentata al

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012

COD. PRATICA: 2012-001-51. Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 112 DEL 06/02/2012 OGGETTO: D.Lgs. 192/2005 - Art. 6 Certificazione energetica degli edifici, commi 2-ter e 2-quater. Contratti e

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

LE FONDAZIONI. Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI

LE FONDAZIONI. Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE FONDAZIONI Struttura del patrimonio, bilancio e devoluzione del patrimonio in caso di scioglimento ELENA DEMARZIANI 24 marzo 2015 Sala Convegni C.so Europa,

Dettagli

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139 Indice pag. Articolo 1117. Parti comuni dell edificio 1 Articolo 1117-bis. Ambito di applicabilità 5 Articolo 1117-ter. Modificazioni delle destinazioni d uso 7 Articolo 117-quater. Tutela delle destinazioni

Dettagli

Comma 2. Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all esame dei partecipanti:

Comma 2. Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all esame dei partecipanti: La riunione periodica D.Lgs. n. 81/2008 Articolo 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente. Comma 1. Il datore di lavoro, che esercita le attività di cui all articolo 3, e i dirigenti, che organizzano

Dettagli

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450

Milano, 16 marzo 2005 R0140P01756D10450 Giunta Regionale Direzione Generale Opere Pubbliche, Politiche per la Casa ed Edilizia Residenziale Pubblica Milano, 16 marzo 2005 Il Direttore Generale R0140P01756D10450 Oggetto: Chiarimenti in ordine

Dettagli

Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica dei condomìni con impianto di riscaldamento centralizzato

Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica dei condomìni con impianto di riscaldamento centralizzato Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica dei condomìni con impianto di riscaldamento centralizzato per i Condominii energivori ACCESSO GRATUITO e senza alcun vincolo alla Diagnosi Energetica Campagna

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ******

C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** C O M U N E D I M O D U G N O PROVINCIA DI BARI ****** REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA FIGURA DELL ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI DIFESA AMBIENTALE E CONTROLLO, DEPOSITO,

Dettagli

In cosa possiamo esserti UTILI?

In cosa possiamo esserti UTILI? PRESENTAZIONE In cosa possiamo esserti UTILI? SE ti interessa RISPARMIARE sui costi della energia SE credi che sia giunta l ora l di ricorrere alle fonti RINNOVABILI SE hai bisogno di SMALTIRE e RICICLARE

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI IN IMMOBILI RESIDENZIALI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI TERMICI IN IMMOBILI RESIDENZIALI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI Area IV - Gestione del territorio Servizio Politiche Ambientali Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.62-77 Fax 051/690.03.46 ambiente@comune.molinella.bo.it Indice ART. 1 (FINALITÀ)..........

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

ARPAV. Direttore Generale ARPAV Andrea Drago. Direttore Area Tecnico-Scientifica Sandro Boato

ARPAV. Direttore Generale ARPAV Andrea Drago. Direttore Area Tecnico-Scientifica Sandro Boato ARPAV Direttore Generale ARPAV Andrea Drago Direttore Area Tecnico-Scientifica Sandro Boato Direttore Dipartimento Provinciale di Verona Giancarlo Cunego Responsabile Servizio Osservatorio Regionale Agenti

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO n. 34 del 25/02/2010 OGGETTO: LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE ESTERNA DELLE FACCIATE CON CAPPOTTO TERMICO

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese Sportello Unico Tel. 059 971112 fax 059 971125 C.F. 00273460360 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Da presentare entro 15 giorni dalla Comunicazione

Dettagli

Ricostruzione ANCE EMILIA ROMAGNA. le cose che devi sapere: vademecum per cittadini e imprese

Ricostruzione ANCE EMILIA ROMAGNA. le cose che devi sapere: vademecum per cittadini e imprese Ricostruzione le cose che devi sapere: vademecum per cittadini e imprese ANCE EMILIA ROMAGNA Le cose che devi sapere norme che regolano la ricostruzione attenzione: la ricostruzione è regolamentata da

Dettagli

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA Convocazione Condomini Millesimi Prima maggioranza dei partecipanti al condominio 667/1.000 Seconda un terzo dei partecipanti al condominio

Dettagli

IL NUOVO REVERSE CHARGE IN EDILIZIA

IL NUOVO REVERSE CHARGE IN EDILIZIA Studio Benetti e Associati Srl Via Zanon, 6 Quinto Vicentino (VI) Tel. 0444 17822 Fax 0444 1782299 Via Del Ponte 191 Marola di Torri di Quartesolo (VI) Tel. 0444 17822 Fax 0444 1782599 Vicenza Business

Dettagli

Audizione Disegno di Legge

Audizione Disegno di Legge 2015 Senato della Repubblica 10 a Commissione Industria, commercio, turismo Audizione Disegno di Legge Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AS 2085) Vice Presidente Assopetroli-Assoenergia Giovanni

Dettagli

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Quando nel 2004, come CNVVF siamo stati chiamati a partecipare alla stesura del Testo Unitario

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap.

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap. Comune di Novara RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/1990 come modificato e integrato dall art. 49 della Legge 122/2010)

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI. Comune di Caltagirone Provincia di Catania Servizio Politiche Energetiche Via S.Maria di Gesù,90 95041 Caltagirone (CT) 0933 41410-41448 fax 0933 41461 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014

CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014 CONVEGNO Venerdì 07 febbraio 2014 1- Premesse generali 2- Tipologie di strutture di copertura degli edifici; 3- Tipologie di impianti integrati, considerazioni estetiche e tecniche 4- Dispositivi di sicurezza

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

PROGETTAZIONE E CONSULENZA ALLA REALIZZAZIONE

PROGETTAZIONE E CONSULENZA ALLA REALIZZAZIONE LA NOSTRA MISSION Guidare la clientela nelle scelte tecnico commerciali e di immagine, verso soluzioni innovative nell edilizia industrializzata lombarda PROGETTAZIONE E CONSULENZA ALLA REALIZZAZIONE www.promovas.it

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale (d.g.r. 26 marzo 2004, n. VII/16909) Premessa La Lombardia è stata la prima, tra le

Dettagli

Il/la Sottoscritto/a. (Cod. Fisc/ Partita IVA) nato a ( ) il. Residente a ( ) in Via. Recapiti: Tel.: Fax: Email: in qualità di *********************

Il/la Sottoscritto/a. (Cod. Fisc/ Partita IVA) nato a ( ) il. Residente a ( ) in Via. Recapiti: Tel.: Fax: Email: in qualità di ********************* Protocollo in arrivo Marca da bollo 14,62 SPETT.LE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO PIAZZA GARIBALDI, 5/1 42011 BAGNOLO IN PIANO (RE) OGGETTO: Richiesta di assegnazione contributo finalizzato alla realizzazione

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 5 e 6 dicembre 2002 Progetti di legge regionali e nazionali A cura Dr. G. Fantozzi Osservatorio Legislativo Interregionale Roma 5/6 dicembre 2002 Progetti di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 Con il Decreto 147 del 26 giugno 2012 convertito in legge ad agosto, sono cambiate le regole inerenti la detrazione

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Prot. n. 2267 B38 Aversa, 04 maggio 2016

Prot. n. 2267 B38 Aversa, 04 maggio 2016 Prot. n. 2267 B38 Aversa, 04 maggio 2016 All Albo della Scuola All'Albo on line "Sezione Amm.ne trasparente" www.cimarosaaversa.gov.it A tutte le scuola della Provincia di Caserta Oggetto: BANDO ESTERNO

Dettagli

ficazione e valorizzazione

ficazione e valorizzazione RV GROUP RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE ficazione e valorizzazione RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PROJECT MANAGEMENT IMPRESA DI COSTRUZIONE impianti di climatizzazione e idrosanitari CHI SIAMO CHI

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000)

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Pag.1 RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Chi può richiederla? Elenchiamo di seguito i soggetti che hanno la possibilità di richiedere la detrazione fiscale

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA)

COMUNE DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) COMUNE DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) ASSESSORATO ALLE POLITICHE AMBIENTALI E TURISTICHE RILEVATORI AMBIENTALI Un percorso operativo per la partecipazione attiva alla tutela dell ambiente Il progetto

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001;

IL CIPE. VISTO il decreto legislativo 20 agosto 2002 n. 190, attuativo dell art. 1 della menzionata legge n. 443/2001; LEGGE N. 443/2001 PRIMO PROGRAMMA DELLE OPERE STRATEGICHE SCHEMI IDRICI REGIONE BASILICATA - OPERE PER L INTEGRAZIONE DELLE CONDOTTE MAESTRE, DELLE DIRAMAZIONI, DEI SERBATOI E DEL COMPLETAMENTO DELLE RETI

Dettagli

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro

Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro Convocazione dell Assemblea nelle S.p.A. non quotate della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio Nazionale del Notariato, nello Studio n. 15-2013/I ha illustrato le modalità di pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

CONTRATTO D'APPALTO PER LAVORI PRIVATI

CONTRATTO D'APPALTO PER LAVORI PRIVATI CONTRATTO D'APPALTO PER LAVORI PRIVATI Committente: Appaltatore: Ance Como Associazione Nazionale Costruttori Edili Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Como Collegio dei Periti

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

Regione Emilia Romagna: requisiti volontari

Regione Emilia Romagna: requisiti volontari Regione Emilia Romagna: requisiti volontari TITOLO: Regione Emilia Romagna: requisiti volontari per una qualità ambientale degli interventi edilizi 1. Premessa Il panorama odierno della bioedilizia in

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità SEPPI GIOVANNI VICOLO GUMMER N. 7, 39100 BOLZANO, ITALIA 0471/997301

Dettagli