Intervenire sul cemento-amianto. Manuale di rapida consultazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervenire sul cemento-amianto. Manuale di rapida consultazione"

Transcript

1 Intervenire sul cemento-amianto Manuale di rapida consultazione Edizione aggiornata al

2 Intervenire sul cemento amianto 1 - Introduzione Con la legge n 257 del 27 marzo 1992 l'italia ha disposto la cessazione di qualsiasi attività di produzione o impiego dell'amianto Il termine amianto designa un gruppo di minerali silicatici fibrosi presenti in natura Essi godono delle proprietà di essere incombustibili, resistenti a trazione, con bassa conducibilità termica, resistenti ad agenti fisici e chimici, separabili meccanicamente in fasci di fibre suscettibili di tessitura La caratteristica fisica principale delle fibre, che è anche causa della loro pericolosità, è quella di fratturarsi longitudinalmente, originando altre fibre estremamente sottili, con diametri anche inferiori ai 2-3 micron Queste fibre, invisibili ad occhio nudo e disperse nell'aria, possono essere inalate tramite le vie respiratorie Numerosi studi epidemiologici hanno ormai da tempo accertato che le fibre inalate possono dare luogo a processi di cancerogenesi a danno dell apparato respiratorio Infatti, oltre a malattie di tipo professionale caratteristiche delle esposizioni più elevate (asbestosi), l amianto è tra le cause accertate di cancro del polmone e di tumore della pleura (mesotelioma) che si riscontra anche in soggetti esposti a concentrazioni non elevate di fibre La massiccia presenza negli ambienti di vita dei materiali contenenti amianto utilizzati in passato, costituisce ancora oggi un rischio di inquinamento ambientale e di esposizione, sia per le categorie professionali direttamente interessate sia per chi vive o lavora in loro prossimità Tra questi materiali grande rilievo rivestono le lastre in cemento-amianto Il problema della bonifica di questo tipo di coperture, data l'enorme quantità tuttora in esercizio, si pone in maniera pressante all'attenzione degli organismi scientifici preposti e dell'opinione pubblica Sullo specifico tema è stato pubblicato, a cura della BE-MA Editrice, il libro La bonifica delle coperture in amianto-cemento L opera, segnalata come la pubblicazione più esauriente sull argomento, ha costituito un importante punto di riferimento per l interpretazione normativa I tre autori infatti sono tra i maggiori esperti italiani in materia e sono stati chiamati a collaborare alla elaborazione delle normative e dei disciplinari tecnici 1

3 Intervenire sul cemento amianto Fulvio D'Orsi è medico del lavoro, direttore del Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro dell azienda USL C di Roma, nonché membro della Commissione per la valutazione dei problemi ambientali e dei rischi sanitari connessi all impiego dell amianto ex art 4 legge 257/92, come rappresentante delle associazioni di protezione ambientale Achille Marconi è chimico industriale e primo ricercatore presso il laboratorio di igiene ambientale dell'istituto Superiore di Sanità di Roma Emilio Renna è chimico industriale, responsabile del Dipartimento tecnico dell Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente (ARPA) dell Emilia Romagna, sezione provinciale di Reggio-Emilia, nonché coordinatore del gruppo regionale amianto della regione Emilia Romagna Ondulit Italiana è stata chiamata a dare il proprio contributo di esperienza applicativa alla realizzazione del libro Ondulit Italiana opera nel settore delle coperture sin dagli anni '50, avvalendosi di avanzate tecnologie che conferiscono ai suoi prodotti caratteristiche prestazionali esclusive Il bagaglio di esperienza e la consistente documentazione tecnica raccolta in tanti anni, unita alla disponibilità dei propri tecnici, hanno costituito un fondamentale apporto per la realizzazione del libro È sempre stato del resto un costante e prioritario impegno aziendale lo studio e l'approfondimento dei molti aspetti tecnici relativi alla progettazione e alla esecuzione di interventi su coperture di ogni tipologia e complessità Tra questi anche il recupero di coperture in cemento-amianto Per questo tipo di tetti, da ben prima che venisse emanata la legge 257/92, Ondulit Italiana aveva messo a punto alcune tecniche di intervento che si sono in seguito dimostrate le più affidabili, e sono state approvate dalla normativa di riferimento quali tecniche di bonifica La presente pubblicazione riporta alcuni stralci del libro, quelli di maggior interesse per proprietari o amministratori di immobili con questo tipo di tetto, ed in particolare delle schede riassuntive del contenuto del libro, strumento di rapida e semplice consultazione Si riporta inoltre una documentazione fotografica commentata da sintetiche didascalie che visualizza le fasi principali ed alcuni particolari tecnici dei diversi metodi di bonificainfine vengono raccolti ed illustrati i contenuti della proposta Ondulit Italiana per la bonifica di coperture in cemento-amianto, evidenziando in particolar modo gli aspetti qualificanti i materiali utilizzati, i sistemi adottati e l'assistenza tecnica assicurata prima e dopo l'intervento di bonifica 2

4 2 - Perchè Queste le più frequenti motivazioni che, singolarmente o in concomitanza tra loro, possono creare la necessità di intervenire su una copertura in cementoamianto: Perdita di efficienza della copertura che da luogo a infiltrazioni, gocciolamenti, ecc Convenienza o opportunità di risolvere definitivamente il problema delle frequenti e costose manutenzioni del tetto, che richiedono le cautele specifiche degli interventi che interessano l'amianto e che comportano gravi rischi di caduta delle maestranze per sfondamento delle vecchie e fragili lastre Danneggiamenti dovuti a fenomeni atmosferici eccezionali (grandinate, trombe d'aria, nevicate) Opportunità di intervenire su una copertura non ancora eccessivamente degradata Perdita di coesione della matrice cementizia con conseguente rilascio di fibre Necessità di migliorare la capacità isolanti della copertura Valorizzazione dell'immobile Ragioni estetiche o di immagine aziendale Coesistenza di più di una delle ragioni sopraelencate La bonifica comunque è sempre preferibile ad interventi parziali di riparazione o sostituzione 3

5 Intervenire sul cemento amianto 3 - Come Occorre innanzitutto premettere che l'intervento su di una copertura in cemento-amianto deve poter raggiungere un duplice scopo: 4 Realizzare un corretto intervento di bonifica Ripristinare o ottimizzare le funzioni primarie, di carattere tecnicoprestazionale, che la copertura è chiamata ad assolvere In particolare è necessario cercare di far coincidere le esigenze di natura sanitaria con il raggiungimento delle tre principali funzioni che una copertura deve assicurare: Impermeabilità e quindi protezione e salvaguardia dell'intero edificio Isolamento termico ed acustico che assicuri un livello di comfort adeguato alle esigenze determinate dalla destinazione d'uso dell'edificio Durabilità La copertura è l'elemento della costruzione maggiormente sollecitato dall'azione degli agenti atmosferici, degli sbalzi termici, e dall'aggressione di sostanze inquinanti presenti nell'atmosfera È necessario quindi che i requisiti prestazionali dei materiali impiegati rispondano validamente a queste sollecitazioni assicurando una adeguata durabilità del sistema Secondo il DM 6994 il proprietario di un edificio di utilizzazione collettiva (luogo di lavoro, locale aperto al pubblico, sede di associazione sportiva, circolo, ecc) ovvero il responsabile dell attività che vi si svolge, dovrà pertanto determinare l esistenza di una situazione di rilascio di fibre, individuando la presenza degli indicatori di rischio stabiliti dalla norma ed in particolare: Friabilità del materiale Stato della superficie ed evidenza di affioramenti di fibre Presenza di sfaldamenti, crepe o rotture Presenza di materiale friabile o polverulento su grondaie, scoli ecc Presenza di piccole stalattiti in corrispondenza dei punti di gocciolamento Questa approfondita verifica dello stato del manto di copertura costituisce la premessa per l'analisi del sistema di bonifica da adottare Sulla scelta dovranno inoltre influire le considerazioni relative alla tipologia strutturale

6 della copertura, alla zona climatica in cui ha sede la costruzione, alla destinazione d'uso dell'edificio ed al tipo di attività che si svolge all'interno È pertanto opportuno che per valutare correttamente questi elementi ci si avvalga della collaborazione di tecnici specializzati di comprovata esperienza e preparazione, in grado di prospettare soluzioni valide e materiali idonei nonché contare sull'opera di imprese applicatrici specializzate È infatti noto che un intervento di bonifica non rappresenta di per sé la soluzione migliore per ridurre l'esposizione ad amianto Se le operazioni non sono condotte correttamente possono causare un aumento del rilascio e della dispersione di fibre e, in caso di rimozione del materiale contenente amianto, possono determinare un inquinamento ambientale anche a distanza dal luogo dell'intervento Gli interventi di bonifica dei materiali contenenti amianto possono essere eseguiti solo da imprese iscritte nell Albo nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti, alla categoria 10: bonifica di beni e siti contenenti amianto Possono intervenire sul cemento-amianto sia le imprese iscritte alla categoria 10 A ( amianto in matrice compatta ), sia quelle iscritte alla categoria 10 B ( tutti i tipi di materiali di amianto ) Ciascuna categoria di iscrizione è inoltre suddivisa in 5 classi in funzione dell importo dei lavori di bonifica cantierabili I dati scientifici disponibili comunque dimostrano che raramente le condizioni di degrado delle coperture siano tali da richiedere un intervento di bonifica urgente e tali da non consentire bonifiche di tipo conservativo Se tuttavia l'urgenza di intervenire è dettata dalla perdita di funzionalità del tetto, gli unici metodi che consentono di ripristinarne l'efficienza sono la rimozione e la sovracopertura I metodi di bonifica previsti dal DM 6994 sono: Rimozione Incapsulamento Sovracopertura A scopo orientativo di seguito si riportano alcune documentazioni fotografiche che esemplificano la fasi principali dei tre diversi metodi di bonifica corredate da descrizioni delle stesse e alcune considerazioni che possono essere un utile riferimento nel processo decisionale Nella tabella alle pagg 24/25, tratta dal libro "La bonifica delle coperture in amianto-cemento", sono messi a confronto vantaggi, inconvenienti, indicazioni, controindicazioni e cautele specifiche relativi ai tre metodi 5

7 Intervenire sul cemento amianto 4 - Rimozione Consiste nello smantellamento della vecchia copertura in cemento-amianto che viene sostituita con un nuovo materiale È l'intervento più radicale ed ha il vantaggio di eliminare definitivamente ogni fonte di rischio Comporta la produzione di notevoli quantità di rifiuti contenenti amianto che devono essere correttamente smaltiti e la necessità di installare una nuova copertura È il metodo che può provocare l'emissione di fibre più elevata Le operazioni devono essere pertanto condotte prevedendo idonee misure di sicurezza per i lavoratori e salvaguardando l'integrità del materiale in ogni fase Per questo intervento di bonifica è necessario prevedere la presentazione alla USL competente di un piano di lavoro particolareggiato oltreché adempiere agli altri obblighi derivanti dall'applicazione del DLgs 494/96 modificato dal DLgs 528/99 Dal punto di vista tecnico questo tipo di intervento è consigliabile qualora sussistano contemporaneamente alcune circostanze: Lastre di copertura estremamente degradate Struttura di supporto discontinua (carpenteria metallica o in legno) Assenza di idonea controsoffittatura che isoli la copertura all'intradosso Nella valutazione preliminare è importante tener presente che l intervento di rimozione comporta nella quasi totalità dei casi l'inagibilità dei locali sottostanti 6

8 1 La superficie delle lastre viene irrorata con una soluzione incapsulante di tipo "D" (DM del 20899) mediante pompe a bassa pressione Questa operazione ha lo scopo di bloccare provvisoriamente la liberazione di fibre dalla superficie della vecchia copertura e garantire la sicurezza degli operatori durante le fasi successive Questa fase del lavoro è certamente quella in cui la protezione individuale delle maestranze (maschera semifacciale, tuta ecc) assume la maggiore importanza 2 Calo a terra delle lastre rimosse Le lastre vengono poi imballate e stoccate provvisoriamente in una area delimitata del cantiere in attesa di essere trasportate alla discarica autorizzata 1 3 Rimozione delle lastre: l'operazione deve avvenire eliminando i fissaggi esistenti ed evitando tagli, rotture e traumi alle lastre 2 3 7

9 Intervenire sul cemento amianto Rimozione Scheda FINALITÀ DELL'INTERVENTO Sostituzione della copertura esistente in cemento-amianto (CA) con una nuova copertura esente da amianto INDICAZIONI E CAMPO DI IMPIEGO Consiste nello smantellamento della vecchia copertura in CA che viene sostituita con un altro materiale esente da amianto È la soluzione più radicale perche elimina f isicamente il CA È una soluzione onerosa a causa della complessità dell'intervento e della necessità di smaltire correttamente le lastre rimosse È un metodo che può provocare elevate emissioni di fibre: vanno quindi adottate idonee misure di protezione per gli operatori, nonché previste una serie di cautele operative allo scopo di minimizzare le emissioni È indicata in caso di coperture degradate, ma può essere comunque attuata in tutte le situazioni Può essere necessaria in caso di coperture notevolmente degradate, non protette inferiormente da controsoffitto o da solaio, anche in ragione del tipo di attività sottostante ADEMPIMENTI PRIMA DELL'INTERVENTO Analisi del materiale per confermare la presenza di amianto Notifica preliminare ai sensi dell art 11 del DLgs 494/96 nei cantieri con presenza anche non contemporanea di due o più imprese (adempimento a carico del committente o del responsabile dei lavori) 8

10 Nomina del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l esecuzione, predisposizione del piano di sicurezza, se è prevista la presenza anche non contemporanea di due o più imprese (adempimento a carico del committente o del responsabile dei lavori) Presentazione alla USL di un piano di lavoro 90 giorni prima dell inizio dei lavori (art 34 DLgs 277/91) Visite mediche preventive o periodiche di idoneità dei lavoratori (in data non antecedente un anno) da parte del medico competente, secondo le norme previste dal DPR 1124/65, DM 21187, DLgs 277/91 Formazione dei lavoratori sul rischio, sulle procedure di sicurezza e sull uso dei dispositivi di protezione individuale, anche attraverso la frequenza ai corsi regionali di abilitazione (art 10 L 257/92; art 26 DLgs 277/91; DM ) Classificazione dei rifiuti (DLgs 22/97, DM n 248) PROCEDURE OPERATIVE (DM CAPO III DLGS 277/91) Allestimento del cantiere rispettando la normativa antinfortunistica ed adottando tutte le misure per prevenire i rischi di caduta dall'alto e di sfondamento delle lastre Valutazione dell'esposizione dei lavoratori mediante misura delle fibre aeroisperse ovvero facendo riferimento ad indagini già effettuate in occasione di precedenti interventi (artt 24 e 30 DLgs 277/91) Adozione dei mezzi di protezione individuale per i lavoratori Trattamento preliminare della superficie delle lastre con soluzioni incapsulanti di tipo "D" (DM del 28899), utilizzando tecniche airless Scheda tratta da "La Bonifica delle coperture in amianto-cemento" BE-MA Editrìce 9

11 Intervenire sul cemento amianto Rimozione Scheda Bonifica del canale di gronda Smontaggio delle lastre evitando interventi distruttivi Impilamento delle lastre, preferibilmente in quota, e calo a terra con adeguati mezzi di sollevamento Imballaggio delle lastre rimosse e impilate Deposito temporaneo delle lastre in area apposita o direttamente nel cotainer destinato al trasporto Pulizia quotidiana dell'area di cantiere a terra ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL'INTERVENTO Consegna dei rifiuti (lastre, indumenti protettivi, filtri, ecc) ad un trasportatore autorizzato al trasporto per conto terzi di rifiuti pericolosi Compilazione del registro di carico e scarico e del formulario di identificazione (DLgs 22/97, DM n 248) Smaltimento definitivo dei rifiuti in discarica autorizzata (DLgs 22/97, DLgs 36/2003, DM n 248) Ricezione del formulario di identificazione controfirmato dal destinatario entro tre mesi dal trasporto o, in caso contrario, comunicazione alla Provincia della mancata ricezione (DLgs 22/797) Compilazione del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale relativo ai rifiuti prodotti e invio alla Camera di Commercio (entro il 30 aprile di ogni anno) Relazione annuale da parte dell impresa di bonifica sulla attività svolta (art 9 L 257/92) ed invio alle Regioni e alle USL competenti sul territorio ove sono avvenute le bonifiche (entro il 28 febbraio di ogni anno) 10

12 VANTAGGI Elimina l'amianto e di conseguenza tutti i problemi connessi alla presenza di materiali di amianto nell'edificio SVANTAGGI Le lastre rimosse devono essere smaltite come rifiuti contenenti amianto rispettando le disposizioni di legge La rimozione del tetto comporta generalmente l'inagibilità dell'edificio durante l'intervento con conseguente fermo delle attività sottostanti Occorre una copertura sostitutiva Durante l'intervento, non si può fissare la rete di sicurezza anticaduta sopra la copertura La rete, quando possibile, deve essere installata sotto la copertura stessa Scheda tratta da "La Bonifica delle coperture in amianto-cemento " BE-MA Editrice 11

13 Intervenire sul cemento amianto 5 - Incapsulamento Consiste in un trattamento della superfìcie della copertura in cemento-amianto con prodotti che inglobano le fibre di amianto e le agganciano alla matrice cementizia, impedendo o riducendo in tal modo il loro rilascio nell'aria Normalmente l'intervento prevede l'applicazione successiva di tre strati, il primo impregnante e gli ultimi due ricoprenti di colore diverso e contrastante; gli spessori e le caratteristiche dei rivestimenti dovranno essere certificati e rispondenti al tipo "A" secondo quanto previsto dalla UNI e DM del L'impresa bonificatrice dovrà rilasciare un attestato circa la conformità dei prodotti impiegati e la rispondenza ai requisiti richiesti dalle norme È il metodo di bonifica che assicura i risultati più modesti in termini di rapporto costi-benefici Infatti, al di là della incerta durata che i materiali incapsulanti possono garantire una volta esposti agli agenti atmosferici, ci sono una serie di considerazioni tecniche sul metodo che lo rendono idoneo solo in pochi specifici casi 12 L'incapsulamento non ripristina la funzionalità e l'impermeabilità del tetto, ed è quindi sconsigliabile quando le lastre siano fragili, rotte o gravemente deteriorate Richiede un programma di controllo e periodici interventi di manutenzione e ripristino delle sostanze incapsulanti La fragilità delle lastre costituisce un grave elemento di rischio sia in fase di prima applicazione che nelle future manutenzioni delle sostanze incapsulanti L'intervento non permette l'impiego di reti di protezioni anticaduta all'estradosso Talvolta queste vernici si comportano da vere e proprie barriere al vapore e vengono sollevate dalle spinte ascensionali generate dalla trasformazione invapore dell'umidità contenuta nelle lastre in cemento-amianto, notoriamente igroscopiche II DM del prevede che i rivestimenti incapsulanti non debbano con tenere sostanze tossiche che diano luogo allo sviluppo di fumi, vapori o gas tossici che possano liberarsi nell'ambiente interno ed esterno a seguito di eventuali incendi che riguardino la struttura incapsulante Ciò impedisce quindi l'impiego di materiali ricoprenti ad alto spessore, come le schiume poliuretaniche, che hanno trovato in passato utilizzo nelle bonifiche nonostante comportassero altri tipi di inconvenienti (impossibilità di successiva rimozione della copertura e accrescimento del volume rifiuti contenenti amianto)

14 Incapsulamento Per ottenere l adesione dell incapsulante è indispensabile procedere ad una preventiva e accurata pulizia delle lastre mediante apposite macchine pulitrici dotate di spazzole rotanti e getti d acqua ad alta pressione Le acque di lavaggio, contenenti notevoli quantità di fibre di amianto, devono essere intercettate (interrompendo i discendenti provenienti dai canali di gronda) e veicolate al sistema di filtraggio In caso di mancanza di canali di gronda occorrerà predisporre un apposito sistema di raccolta delle acque di lavaggio In relazione alle caratteristiche prestazionali, un rivestimento incapsulante viene definito: tipo A a vista all'esterno: se applicato per l'incapsulamento di manufatti in cemento-amianto esposti agli agenti atmosferici e quindi soggetti a degrado progressivo, con affioramento e rilascio di fibre, tipo B a vista all'interno: se applicato per l'incapsulamento di manufatti in cemento-amianto situati all'interno, tipo C non a vista: se applicato per l'incapsulamento di manufatti in cemento-amianto, a supporto degli interventi di confinamento e di sopracopertura, tipo D ausiliario: se applicato per evitare la dispersione di fibre nell'ambiente a supporto degli interventi di rimozione o durante le operazioni di smaltimento di materiali contenenti amianto I prodotti incapsulanti possono essere di tipo penetrante (penetrano nel materiale legando le fibre di amianto tra loro e con la matrice cementizia) o ricoprente (formano una membrana sulla superficie del manufatto) Un ciclo incapsulante può prevedere l'applicazione di un numero qualsiasi di prodotti, di tipo sia penetrante, sia ricoprente Al termine dell intervento il rivestimento incapsulante deve possedere le caratteristiche prestazionali previste dall appendice 1 del DM La rispondenza del trattamento incapsulante ai requisiti fissati dal DM è dimostrata da due distinte attestazioni: l attestazione di conformità del rivestimento incapsulante alle caratteristiche prestazionali previste dalla norma, rilasciata dal produttore del rivestimento incapsulante sulla base di una certificazione di laboratorio ai sensi della norma UNI CEI GN l attestazione dell esecuzione dei lavori in conformità alle disposizioni di legge e alle indicazioni del fornitore del prodotto, rilasciata dal responsabile dei lavori dell'impresa di bonifica In essa l'esecutore della bonifica certifica gli spessori del rivestimento incapsulante secco e indica i metodi, nazionali o internazionali, per la loro misura Nell'attestato vanno inoltre indicati i diversi colori delle ultime due mani del rivestimento incapsulante e la durata minima del trattamento 13

15 Intervenire sul cemento amianto Incapsulamento Scheda FINALITÀ DELL'INTERVENTO Eliminazione del rilascio di fibre dalle coperture INDICAZIONI E CAMPO DI IMPIEGO Consiste nel trattamento della copertura con prodotti che inglobano le fibre di amianto e ne impediscono la dispersione E indicato in caso di coperture poco deteriorate e in buone condizioni di resistenza meccanica La semplice applicazione di prodotti incapsulanti infatti non ripristina la funzionalità del tetto (infiltrazioni, lesioni, coibenza, resistenza meccanica) È controindicato in caso di coperture fragili o, comunque, molto deteriorate (perdita di coesione della matrice) ADEMPIMENTI PRIMA DELL'INTERVENTO Analisi del materiale per confermare la presenza di amianto Notifica preliminare ai sensi dell art 11 del DLgs 494/96 nei cantieri con presenza anche non contemporanea di due o più imprese (adempimento a carico del committente o del responsabile dei lavori) Nomina del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l esecuzione, predisposizione del piano di sicurezza, se è prevista la presenza anche non contemporanea di due o più imprese (adempimento a carico del committente o del responsabile dei lavori) Quando l intervento prevede la sostituzione anche parziale di lastre o la pulizia preliminare della superficie con metodi aggressivi presentazione alla USL di un piano di lavoro 90 giorni prima dell inizio dei lavori (DM 20899) Visite mediche preventive o periodiche di idoneità dei lavoratori (in data non 14

16 antecedente un anno) da parte del medico competente, secondo le norme previste dal DPR 1124/65, DM 21187, DLgs 277/91 Formazione dei lavoratori sul rischio, sulle procedure di sicurezza e sull uso dei dispositivi di protezione individuale, anche attraverso la frequenza ai corsi regionali di abilitazione (art 10 L 257/92; art 26 DLgs 277/91; DM ) PROCEDURE OPERATIVE (DM CAPO III DLGS 277/91) Allestimento del cantiere rispettando la normativa antinfortunistica ed adottando tutte le misure per prevenire i rischi di caduta dall'alto e di sfondamento delle lastre Valutazione dell'esposizione dei lavoratori mediante misura delle fibre aerodisperse ovvero facendo riferimento ad indagini già effettuate in occasione di precedenti interventi (artt 24 e 30 DLgs 277/91) Adozione dei mezzi di protezione individuale per i lavoratori Bonifica del canale di gronda Trattamento di pulizia preliminare delle lastre con attrezzature che consentano il recupero e la filtrazione delle acque reflue Applicazione con tecniche airless di un primo strato impregnante e di due successivi strati di prodotto ricoprente realizzati in colori diversi e contrastanti I prodotti utilizzati dovranno essere di tipo "A" secondo le indicazioni del DM del L'impresa bonificatrice dovrà rilasciare al committente un attestato di conformità ai requisiti richiesti dalle norme sugli incapsulanti Scheda tratta da "La Bonifica delle coperture in amianto-cemento" BE-MA Editrice 15

17 Intervenire sul cemento amianto Incapsulamento Scheda ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL'INTERVENTO Quando siano stati prodotti materiali di risulta contaminati (lastre sostituite, indumenti protettivi, filtri, ecc ) consegna degli stessi ad un trasportatore autorizzato al trasporto per conto terzi di rifiuti pericolosi Compilazione del registro di carico e scarico e del formulario di identificazione (DLgs 22/97, DM n 248) Smaltimento definitivo dei rifiuti in discarica autorizzata (DLgs 22/97, DLgs 36/2003, DM n 248) Ricezione del formulario di identificazione controfirmato dal destinatario entro tre mesi dal trasporto o, in caso contrario, comunicazione alla Provincia della mancata ricezione (DLgs 22/97) Compilazione del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale relativo ai rifiuti prodotti e invio alla Camera di Commercio (entro il 30 aprile di ogni anno) Relazione annuale da parte dell impresa di bonifica sulla attività svolta (art 9 L 257/92) ed invio alle Regioni e alle USL competenti sul territorio ove sono avvenute le bonifiche (entro il 28 febbraio di ogni anno) Predisposizione da parte del proprietario dell immobile di un piano di controllo e manutenzione del materiale di amianto rimasto in sede Il piano deve prevedere il controllo periodico dell integrità del rivestimento incapsulante e della persistenza dell ultimo strato, verificando che non affiori il colore dello strato sottostante; nonché gli interventi previsti allo scopo di ripristinare l efficacia dell incapsulamento (DM 20899) VANTAGGI Migliora la resistenza del CA agli agenti atmosferici, all'irraggiamento solare e alle colonizzazioni organiche Non occorre installare una copertura sostitutiva 16

18 Non occorre smaltire le lastre come rifiuto contenente amianto Non comporta necessariamente l'inagibilità dell'edificio durante l'intervento SVANTAGGI L'amianto rimane in sede Devono essere adottate idonee cautele per i sueccessivi interventi di manutenzione della copertura Non ripristina la funzionalità del tetto II trattamento ha una durata limitata, per cui occorre ripetere l'intervento a distanza di tempo o prevedere una successiva rimozione o sopracopertura Non elimina il rilascio di fibre all'interno all'edificio, dal lato intemo del lastre Quando esiste tale problema occorre incapsulare anche la superficie inferiore della copertura Richiede una pulizia preliminare della copertura e comporta elevate emissioni di fibre che vengono aerodisperse o veicolate nelle acque di lavaggio È necessario ricorrere a macchine che limitano l'emissione di fibre per impatto e raccolgono le acque reflue per filtrarle (DM 6994) Durante l'intervento, non si può fissare la rete di sicurezza anticaduta sopra la copertura La rete, quando possibile, deve essere installata sotto la copertura stessa Col tempo possono verificarsi infiltrazioni di acqua tra lo strato di incapsulante e la copertura che determinano la perdita di adesione del rivestimento e finiscono per compromettere la funzionalità della copertura Scheda tratta da "La Bonìfica delie coperture in amianto-cemento" BE-MA Editrice 17

19 Intervenire sul cemento amianto 6 - Sovracopertura Consiste in un intervento di confinamento realizzato installando una nuova copertura al di sopra di quella in cemento-amianto che viene lasciata in opera Questo sistema di bonifica si rivela in molti casi la soluzione più valida, dato che offre diversi evidenti vantaggi Dal punto di vista ecologico con la sovracopertura si evita la creazione di rifiuti contenenti amianto, di difficile e costoso smaltimento A tal proposito la regione Umbria, per prima, emanò una norma che prevedeva contributi alle industrie che bonificavano le proprie coperture con interventi di tipo conservativo Dal punto di vista tecnico la sovracopertura è l'intervento che offre i più evidenti vantaggi e le migliori garanzie prestazionali: Consente di realizzare una nuova copertura con caratteristiche del tutto indipendenti da quella preesistente Non occorre smaltire rifiuti contenenti amianto Non comporta necessariamente l'inagibilità dell'edificio durante le operazioni di bonifica ed installazione del nuovo tetto Durante l'intervento è possibile impiegare sistemi di sicurezza più efficaci, quali reti anticaduta fissate all'estradosso Permette l'inserimento di un materassino isolante tra vecchia e nuova copertura, consentendo di ottenere un notevole miglioramento delle capacità coibenti del tetto con un sensibile beneficio delle condizioni ambientali interne Si evitano inoltre in tal modo ulteriori fenomeni di degrado del cementoamianto dovuti a shocks termici La durata dell'efficacia del sistema dipende dal tipo di materiale impiegato per la sovracopertura e dalle caratteristiche di affidabilità nel tempo che esso assicura Così anche l'esigenza e la frequenza dei controlli e degli interventi di manutenzione per la nuova copertura A tal proposito il DM raccomanda l'impiego di "materiali che presentino idonee caratteristiche di leggerezza, infrangibilità, insonorizzazione, elevata durata nel tempo e dilatazione termica compatibile con il supporto in cemento-amianto " 18

20 Fase di verniciatura a spruzzo di soluzione incapsulante tipo "C" (DM 20899) Non dovendo assicurare durata nel tempo, la sua applicazione non richiede la preventiva pulizìa della superficie 7 Applicazione della listellatura La nuova orditura secondaria viene posata in corrispondenza della struttura sottostante e ad essa ancorata mediante viti passanti od apposite staffe: in tal modo la nuova copertura viene a gravare direttamente sulla struttura di sostegno e non sulla copertura deteriorata esistente 8 Posa delle nuove lastre di copertura Vengono impiegate lastre in acciaio a protezione multistrato Ondulit- Coverib fomite su misura da colmo a gronda 9 Particolare della finitura in gronda: in questo caso è stato previsto un profilato metallico sigillato a caldo con una membrana bituminosa 19

21 Intervenire sul cemento amianto Sovracopertura Scheda FINALITÀ DELL'INTERVENTO Eliminazione del rilascio di fibre dalle coperture e ripristino della funzionalità del tetto INDICAZIONI E CAMPO DI IMPIEGO Consiste in un intervento di confinamento realizzato installando una nuova copertura al di sopra di quella in CA che viene lasciata in sede La sovrapposizione della nuova copertura permette di interrompere il fenomeno di degradazione della matrice delle lastre in CA sotto l'effetto degli agenti atmosferici Può essere attuata anche su coperture molto deteriorate È necessario tuttavia che le strutture di sostegno del tetto abbiano una resistenza sufficiente a sostenere il peso della nuova copertura Ricorrendo però all'impiego di sopracoperture "leggere" (metalliche ecc), come indicato dal DM del 6994, si ottiene un carico aggiuntivo praticamente irrilevante L'esigenza e la frequenza dei controlli successivi per verificare la tenuta del sistema di confinamento dipende dalla qualità dei materiali di sopracopertura installati Il DM 6994 raccomanda l'impiego di "materiali che presentino idonee caratteristiche di leggerezza, infrangibilità, insonorizzazione, elevata durata nel tempo e dilatazione termica compatibile con il supporto in cementoamianto" ADEMPIMENTI PRIMA DELL'INTERVENTO Analisi del materiale per confermare la presenza di amianto Notifica preliminare ai sensi dell art 11 del DLgs 494/96 nei cantieri con presenza anche non contemporanea di due o più imprese (adempimento a 20

22 carico del committente o del responsabile dei lavori) Nomina del coordinatore per la progettazione, del coordinatore per l esecuzione, predisposizione del piano di sicurezza, se è prevista la presenza anche non contemporanea di due o più imprese (adempimento a carico del committente o del responsabile dei lavori) Visite mediche preventive o periodiche di idoneità dei lavoratori (in data non antecedente un anno) da parte del medico competente, secondo le norme previste dal DPR 1124/65, DM 21187, DLgs 277/91 Formazione dei lavoratori sul rischio, sulle procedure di sicurezza e sull uso dei dispositivi di protezione individuale, anche attraverso la frequenza ai corsi regionali di abilitazione (art 10 L 257/92; art 26 DLgs 277/91; DM ) PROCEDURE OPERATIVE (DM CAPO III DLGS 277/91) Allestimento del cantiere rispettando la normativa antinfortunistica ed adottando tutte le misure per prevenire i rischi di caduta dall'alto e di sfondamento delle lastre Valutazione dell'esposizione dei lavoratori mediante misura delle fibre aerodisperse ovvero facendo riferimento ad indagini già effettuate in occasione di precedenti interventi Essendo l'esposizione dei lavoratori verosimilmente < 0,1 f/ml, si può prescindere dall'effettuare misure strumentali e far riferimento a dati conosciuti quali quelli riportati nel cap 34, purché l'intervento sia effettuato rispettando le medesime cautele Adozione dei mezzi di protezione individuale per i lavoratori Trattamento preliminare della superficie delle lastre mediante irrorazione di prodotto incapsulante con tecniche airless; il prodotto incapsulante dovrà appartenere alla categoria "C" di cui al DM del Scheda tratta da "La Bonifica delle coperture in amianto-cemento" BE-MA Editrice 21

23 Intervenire sul cemento amianto Sovracopertura Scheda Fissaggio della nuova orditura secondaria Montaggio della nuova copertura e degli elementi accessori (colmi, scossaline, ecc) Confinamento della testata delle lastre in CA lungo la linea di gronda ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL'INTERVENTO Quando siano stati prodotti materiali di risulta contaminati (lastre sostituite, indumenti protettivi, filtri, ecc ) consegna degli stessi ad un trasportatore autorizzato al trasporto per conto terzi di rifiuti pericolosi Compilazione del registro di carico e scarico e del formulario di identificazione (DLgs 22/97, DM n 248) Smaltimento definitivo dei rifiuti in discarica autorizzata (DLgs 22/97, DLgs 36/03, DM n 248) Ricezione del formulario di identificazione controfirmato dal destinatario entro tre mesi dal trasporto o, in caso contrario, comunicazione alla Provincia della mancata ricezione (DLgs 22/97) Compilazione del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale relativo ai rifiuti prodotti e invio alla Camera di Commercio (entro il 30 aprile di ogni anno) Relazione annuale da parte dell impresa di bonifica sulla attività svolta (art 9 L 257/92) ed invio alle regioni e alle USL competenti sul territorio ove sono avvenute le bonifiche (entro il 28 febbraio di ogni anno) VANTAGGI Realizza una nuova copertura con caratteristiche del tutto indipendenti da quella preesistente Non occorre smaltire le lastre come rifiuto contenente amianto Non comporta necessariamente l'inagibilità dell'edificio durante i lavori 22

24 Determina bassi livelli di emissione di fibre durante l'intervento, con conseguente scarso inquinamento ambientale e bassa esposizione dei lavoratori Durante l'intervento, è possibile fissare la rete di sicurezza anticaduta sopra la copertura Quando si realizza anche il confinamento della gronda non è necessario rimuovere e smaltire il materiale polverulento contenente amianto presente nella gronda stessa Permette l'inserimento di un materassino isolante che, oltre a migliorare l'isolamento termico degli ambienti sottostanti, consente di evitare ulteriori shock termici e fenomeni di gelività a carico delle lastre in CA, prevenendone l'ulteriore degrado SVANTAGGI L'amianto rimane in sede Devono essere adottate idonee cautele in caso di successivi interventi di manutenzione che possono interessare le lastre in CA Non elimina il rilascio di fibre all'interno dell'edificio, dal lato interno del lastre, se a vista Quando esiste tale problema occorre incapsulare o confinare la superficie inferiore della copertura Dopo l'intervento sono necessari controlli periodici e interventi di manutenzione per mantenere in buono stato la sopracopertura L'esigenza e la frequenza dei controlli dipende dalla qualità del nuovo materiale di copertura installato Scheda tratta da "La Bonifica delle coperture in amianto-cemento" BE-MA Editrice 23

25 Intervenire sul cemento amianto Tabella Riassuntiva VANTAGGI SVANTAGGI RIMOZIONE Elimina l'amianto Occorre una copertura sostitutiva Produce grandi quantità di RCA che devono essere correttamente smaltiti Inagibilità dell'edificio durante l'intervento INCAPSULAMENTO Elimina il rilascio spontaneo di fibre dalla copertura Migliora la resistenza del CA agli agenti atmosferici, UV e microrganismi Non occorre una copertura sostitutiva Non si producono RCA L'amianto rimane in sede Non ripristina la funzionalità del tetto né pone rimedio alla fragilità delle lastre Elevata emissione di fibre durante la pulizia preliminare Non elimina il rilascio di fibre dal lato intemo delle lastre (se esiste questo pericolo) Può essere necessario ripetere l'intervento a distanza di tempo SOVRACOPERTURA Elimina il rilascio spontaneo di fibre dalla copertura Ripristina la funzionalità del tetto realizzando una nuova copertura Determina bassi livelli di emissione di fibre Non si producono RCA L'amianto rimane in sede Non elimina il rilascio di fibre dal lato interno delle lastre (se esiste questo pericolo) 24

26 INDICAZIONI CONTROINDICAZIONI CAUTELE SPECIFICHE Grave ed esteso degrado del materiale, ma può essere attuata in ogni situazione Salvaguardare l'integrità del materiale Trattamento preliminare della copertura con prodotti incapsulanti usando tecniche airless Smaltimento controllato RCA Protezione dei lavoratori Solo in caso di coperture poco deteriorate in buone condizioni di resistenza meccanica Coperture molto deteriorate Effettivo rilascio di fibre all'interno dell'edificio (dal lato interno delle lastre) Idonee attrezzature che riducono l'emissione di fibre in aria e consentono il recupero e la filtrazione delle acque reflue I prodotti incapsulanti devono garantire una buona resistenza agli agenti atmosferici per un adeguato periodo di tempo e rispondere pienamente al DM del Protezione dei lavoratori Può essere attuata anche in caso di coperture fragili o deteriorate Utilizzo di sopracoperture "pesanti" quando la struttura di sostegno del tetto non sia idonea a sopportarne il carico Effettivo rilascio di fibre all'interno dell'edificio (dal lato interno delle lastre) Trattamento preliminare della copertura con prodotti incapsulanti usando tecniche airless Protezione dei lavoratori I materiali di sopracopertura devono avere caratteristiche prestazionali idonee, suggerite dal DM

27 Intervenire sul cemento amianto 7 - La proposta Ondulit Italiana Ondulit opera nel settore delle coperture sin dal 1953 Gli oltre 90 milioni di metri quadrati di tetti attualmente in opera in tutto il mondo nelle più diverse condizioni di esercizio, costituiscono certamente la migliore credenziale di esperienza e di affidabilità L'originaria idea di protezione multistrato dell'acciaio costituisce tuttora il punto di forza di una produzione che con il tempo si è andata sempre più perfezionando nei processi e nella qualità delle materie prime La proposta tecnica Ondulit è attualmente quantomai completa, permettendo di intervenire su strutture di ogni tipologia: a falde, curve, piane, a bassa pendenza La gamma di prodotti si compone di lastre di copertura, pannelli sandwich, sistemi integrati per coperture isolate e ventilate, sistemi per la trasformazione di solai piani in coperture a falde ecc, in grado di soddisfare, con le medesime assolute garanzie di affidabilità, le esigenze tecniche di progettazione più diverse La struttura commerciale, costituita da una rete di centri servizi presenti in ogni provìncia, si avvale dell'opera di ditte di posa in grado di realizzare interventi su ogni tipo di copertura e di un ufficio tecnico centrale in grado di proporre soluzioni personalizzate per qualunque tetto Una assistenza gratuita e completa la cui importanza risulterà tanto maggiore se il tetto su cui intervenire è in cemento-amianto In questi casi la necessità di realizzare una bonifica a norma rende opportuno affidarsi ad organizzazioni di comprovata esperienza e specializzazione L'esperienza maturata in tanti anni di interventi su questo tipo di coperture e la costante collaborazione con gli organismi preposti alla definizione delle normative sull'amianto rende Ondulit l'interlocutore più affidabile Il disbrigo delle pratiche burocratiche con le USL competenti, la consulenza sul metodo di bonifica da scegliere, l'impiego dei materiali più affidabili ed idonei per ogni diverso intervento, costituiscono elementi essenziali della proposta Ondulit Nei casi di bonifica con la tecnica della sovracopertura, Ondulit è in grado di proporre un materiale che risponde punto per punto e meglio di ogni altro ai requisiti stabiliti dal DM 6994 per i materiali di bonifica 26

28 II Decreto Ministeriale 6994 infatti così recita: "Per il sistema della sovracopertura è consigliabile l'impiego di materiali che presentino idonee caratteristiche di leggerezza, infrangibilità, insonorizzazione, elevata durata nel tempo e dilatazione termica compatibile con il supporto in cemento-amianto" Le lastre ONDULIT-COVERIB sono costituite da una lamiera di acciaio zincato rivestita superiormente da un composto plastico anticorrosivo ed insonorizzante a base bituminosa e da una lamina di alluminio ed inferiormente da un primer bituminoso e da una lamina di alluminio Grazie a questa particolare composizione, le lastre ONDULIT-COVERIB sono le uniche a riunire: "leggerezza" Le lastre pesano meno di 8 kg/m 2 ossia circa la metà di una lastra in fibrocemento Questo fa si che la sovracopertura con lastre ONDULIT- COVERIB sia normalmente sopportabile da qualunque struttura di sostegno "infrangibilità" II supporto interno delle lastre ONDULIT-COVERIB è in acciaio zincato Ciò assicura alla copertura assoluta infrangibilità ed eccellente pedonabilità "insonorizzazione" Le lastre Coverib sono le uniche coperture in metallo ad avere una spessa protezione insonorizzante realmente efficace perché posta all estradosso della lamiera Ciò permette di ottenere una attenuazione sonora, sotto l effetto di pioggia o grandine, 8,41 volte maggiore di quella di una lamiera di alluminio e 4,17 volte quella di un pannello sandwich in poliuretano rivestito con lamiera di acciaio (prove certificate Istedil) "durata nel tempo" L'esclusiva protezione multistrato dell'acciaio rende le lastre ONDULIT- COVERIB inattaccabili da fenomeni di corrosione Numerosi esempi di coperture da oltre trenta anni in opera sono la migliore prova di questo Il certificato di idoneità tecnica ITC - Consiglio Nazionale delle Ricerche riconosce alle coperture ONDULIT-COVERIB una durata ultraventennale senza alcuna manutenzione Nessuna altra copertura può vantare una durabilità certificata così lunga "dilatazione termica" II coefficiente di dilatazione termica delle lastre ONDULIT-COVERIB è quello proprio dell'acciaio, che è, tra i metalli impiegati per copertura, quello più contenuto Ciò rende le coperture ONDULIT-COVERIB compatibili con qualunque struttura di sostegno e con il vecchio tetto in cemento-amianto senza alcun rischio di problemi tecnici, anche su lunghi formati 27

29 Intervenire sul cemento amianto CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto Centrale per l Industrializzazione e la Tecnologia Edilizia ICITE CERTIFICATO DI IDONEITA TECNICA N 528/00 Rilascio: Scadenza: Organismo Certificatore: ICITE Categoria del prodotto: Sistema di coperture in lastre ondulate e grecate in lamiera d acciaio Denominazione commerciale: ONDULIT-COVERIB Beneficiario del certificato: ONDULIT ITALIANA SpA - via Portuense 95/E Roma Produttore: ONDULIT ITALIANA SpA Stabilimento: via Appia km Cisterna di Latina (Lt) UNION EUROPEENNE POUR L AGREMENT TECHNIQUE DANS LA CONSTRUCTION - UEAte II Decreto Ministeriale del "Normative e metodologie tecniche di applicazione dell'art 6, comma 3 e dell'art 12, comma 2 della Legge Ciò consente di attribuire al sistema di copertura un comportamento durabile senza particolari interventi manutentivi, per periodi di tempo superiori a 20 anni , n 257, relativa alla cessazione dell'impiego dell'amianto" (SO GU n 220 del ), consiglia le caratteristiche dei materiali impiegabili per la bonifica da amianto con il metodo della sopracopertura Dette caratteristiche rientrano tra le peculiarità del sis tema proposto, per l'utilizzo del quale occorre attenersi scrupolosamente a quanto previsto dal citato Decreto La certificazione tecnica ITC Consiglio Nazionale delle Ricerche riconosce e ufficializza l'idoneità delle coperture ONDULIT-COVERIB ad essere impiegate in interventi di bonifica di coperture in cemento amianto 28

30 8 - Schema di sovracopertura COLMO LASTRE ONDULIT-COVERIB STRATO ANTIRUGIADA ISOLANTE LISTELLI BARRIERA AL VAPORE RETE ANTICADUTA SOLUZIONE PERICOLANTE VECCHIA COPERTURA IN CA GRONDA Una delle possibili soluzioni per il confinamento lungo la linea di gronda La figura mostra schematicamente i vari elementi che compongono l'intervento più completo di sovracopertura Infatti, accanto agli elementi di normale e necessario utilizzo, ne sono stati indicati alcuni che integrano il sistema di copertura ma che possono essere omessi qualora non se ne ravvisi la necessità In particolare: Strato antirugiada, isolante e barriera al vapore: il loro impiego è strettamente legato alla destinazione d'uso dell'edificio, alle condizioni climatiche della zona ed al livello di controllo termoigrometrico della copertura che si desidera ottenere Rete anticaduta: il suo impiego ha lo scopo di aumentare la sicurezza degli operatori su vecchie coperture fragili, pertanto può essere omessa qualora tale scopo sia ottenuto con altri sistemi ovvero la copertura poggi su supporto continuo 29

31 Intervenire sul cemento amianto 9 - Alcuni esempi La molteplicità delle soluzioni messe a punto e la versatilità dei sistemi di copertura ONDULIT-COVERIB permette di intervenire con eccellenti risultati su ogni tipologia di tetto Copertura industriale a falde curve Copertura di complesso di edilizia popolare Copertura con cupolini su travi a Y 30

32 Copertura di edificio d epoca Copertura di edificio residenziale 31

33 Intervenire sul cemento amianto L organizzazione Ondulit In ognuno dei Centri Servizi Ondulit è presente un equipe di tecnici con una specifica preparazione sulla legislazione relativa alle coperture in cementoamianto, ed una vasta esperienza sulle tecniche di bonifica e sui rapporti con le USL competenti Potete richiedere, senza alcun impegno, un sopralluogo gratuito ed una relazione tecnica sullo stato della Vostra copertura, nonché un preventivo completo dell intervento di bonifica I Centri Servizi Ondulit Roma Ondulit Italiana Spa Cagliari Somed srl Genova R da Ros Pescara Edil-Pref snc Milano Ondulit Italiana Spa Torino F Brucato Bologna AR Coper snc Napoli Vassallo snc Bari E Perrini Como Camesasca R srl Bergamo Sirio Covering srl Verona M Pesente Udine A Guerrra Padova C Iannello Firenze Le Coperture- Edilcomponenti Ancona G Arcangeli Ascoli Piceno GIESSE Commerciale Terni Zavka Impianti Industriali sas Campobasso F D Amico Cosenza E Gallo Palermo V Covais Catania Gema Cta srl wwwondulitit Per ricevere maggiori informazioni chiamate il Numero Verde Ondulit oppure inviate il tagliando sottostante al n di Fax Nome Cognome Ditta Via n Città Pr CAP Tel: Fax 32

34 Direzione Generale e Direzione Commerciale I Roma 95/e, Via Portuense Tel (+39) Fax (+39) wwwondulitit Ufficio Commerciale di Milano I Milano 8, Via Vincenzo Monti Tel (+39) Fax (+39) MaRaCo 01/ Ufficio Commerciale di Parigi F Paris 8, Av Victor Hugo Tel (+33-1) Fax (+33-1)

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Ha inoltre collaborato: Maria Riefolo (Regione Emilia-Romagna - Assessorato Politiche per la Salute) Editing: Massimo Saretta (NuovaQuasco - Bologna)

Ha inoltre collaborato: Maria Riefolo (Regione Emilia-Romagna - Assessorato Politiche per la Salute) Editing: Massimo Saretta (NuovaQuasco - Bologna) !" # # $# Responsabili iniziativa regionale: Susi Realti ed Erminia Malferrari (Regione Emilia-Romagna - Ass.to Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro e Pari Opportunità) Progettazione e

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

ESSE A 3 S.r.l. è un azienda con Sistema di Gestione della Qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Attestazione SOA categorie/classifiche OG1/IV

ESSE A 3 S.r.l. è un azienda con Sistema di Gestione della Qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Attestazione SOA categorie/classifiche OG1/IV ESSE A 3 S.r.l. è un azienda con Sistema di Gestione della Qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Attestazione SOA categorie/classifiche OG1/IV OG12/VI OS6/II OS23/II Iscrizione all Albo Nazionale Gestori

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO

LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO A cura della Dott.ssa Gilda Zennaro Indice 1. Premessa 2. Legislazione nazionale a. Il divieto di impiego b. La tutela dei lavoratori 3. La tutela dell ambiente 4. La

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

L'importanza di una corretta carteggiatura

L'importanza di una corretta carteggiatura L'importanza di una corretta carteggiatura La preparazione delle superfici, ed in particolare la carteggiatura, concorrono al risultato finale del trattamento di pitturazione, giocando un ruolo fondamentale

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO 13 TETTO IN LEGNO PIANO ED Tetto caldo e tetto freddo (ventilato) Impermeabilizzazione e isolamento termico dei tetti in legno con manto a vista Il presente documento riguarda l impermeabilizzazione delle

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli