Breve descrizione del processo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Breve descrizione del processo."

Transcript

1 Processo di trasformazione di manufatti in cemento-amianto utilizzando siero di latte esausto e/o scarti acidi provenienti da lavorazione del settore agroalimentare. Prof. Norberto Roveri, Dott. Isidoro Giorgio Lesci, Dott.ssa Sandra Petraroia Nonostante l utilizzo dell amianto sia stato vietato in Italia già dal 7 marzo 1992 con la Legge Fondamentale 257, nell ambiente ne sono presenti enormi quantità a causa dell impiego massiccio fatto nei decenni antecedenti al divieto, per la preparazione dei più svariati tipi di materiali: ammonta infatti a circa 30 milioni di tonnellate la quantità di rifiuti d amianto derivanti dall uso di tale minerale nel secolo scorso. L amianto è una famiglia di minerali di natura a struttura fibrosa appartenenti alla classe minerale dei silicati quali fillosilicati e inosilicati. In base alla normativa italiana ed internazionale per amianto si intendono i seguenti sei minerali fibrosi: crisotilo, crocidolite, amosite, tremolite, actinolite, antofillite. L amianto è stato largamente utilizzato nell ambito dell edilizia in rivestimenti isolanti, ricoprimenti a spruzzo, in rivestimenti di tubi e caldaie, in mattonelle e pavimenti in vinile, stucchi, plastiche rinforzanti e in cemento amianto. In tutte le sue applicazioni l amianto si presenta in percentuale in massa nell intervallo tra 2% - 25%, fatta eccezione dei tessuti e delle corde dove è stato utilizzato al 100%. Nel caso specifico del cemento amianto la concentrazione dell amianto si aggira nell intervallo del 10-15%. È opportuno ricordare che le discariche non risolvono il problema nel tempo, ma lo tramandano alle generazioni future: è pertanto importante studiare una strategia che permetta di inertizzare i RCA e sfruttarli successivamente come raw materials nella produzione di materiali secondari. A questo proposito, oltre alle già studiate tecniche di bonifica, la ricerca scientifica si è prodigata nella messa a punto di nuove metodologie che permettano l inertizzazione ed il successivo riutilizzo dei RCA. Questi comprendono processi di condizionamento i matrici di diversa natura o processi che intervengono direttamente sulla struttura fibrosa del minerale stesso. I primi riducono la pericolosità delle fibre di amianto mediante un azione di contenimento all interno di una determinata matrice, mentre i secondi provvedono ad una trasformazione del prodotto mediante una modifica della struttura fibrosa. I principali processi di trasformazione di RCA si basano su trattamenti chimici per azione di acidi forti e su trattamenti termici o meccano chimici. Una delle problematiche maggiormente rilevate nel riciclaggio dell amianto è il riutilizzo delle materie prime derivanti dai processi di trasformazione chimica indicate dalla tabella b del Dlgs 248/2004. Difatti tutti i processi attualmente noti per la trasformazione chimica dell amianto (vetrificazione, litizzazione, vetroceramizzazione, modificazione meccano chimica, produzione di clincker) richiedono costi elevati dal punto di vista economico-energetico; pertanto la maggior parte degli RCA e dei MCA vengono interrati in apposite discariche. Il processo di trasformazione di manufatti in cemento-amianto è stato ideato e messo a punto presso il LEBSC (Laboratorio di Strutturistica Chimica Ambientale e Biologica) operante presso il Dipartimento di Chimica G. Ciamician dell Alma Mater Studiorum, Università di Bologna e in collaborazione con la Chemical Center S.r.L. (brevetto europeo: EP ).

2 La Chemical Center S.r.l., nasce nel 2009, come società finalizzata alla ricerca per l innovazione tecnologica, e si propone come punto di riferimento nella ricerca sia pubblica sia privata riguardo alla progettazione e studio di nuovi materiali intelligenti e tecnologie innovative per le aziende, al fine di risolvere le più diverse problematiche. In quest ottica Chemical Center ha brevettato, sia a livello italiano che Europeo esteso ai paesi dell est, una metodologia di trasformazione per manufatti in cemento-amianto con siero di latte esausto. E stato recentemente depositato un nuovo brevetto dal LEBSC S.r.L., in collaborazione con Chemical Center S.r.L.. Il brevetto, depositato dal LEBSC S.r.L. (MI2014A000789), prevede di utilizzare soluzioni acide ottenute dalle fermentazioni miste microbiologiche e fungine, in particolare da batteri Acetobacter aceti e lieviti Saccoromyceti cervisae derivanti da substrati solidi e liquidi di scarti alimentari. Il processo prevede quindi il riutilizzo di due materiali di risulta inquinanti, il cui costo di smaltimento in discarica è consistente, per produrre metalli, idrossidi di Ca, carbonato di Ca e fertilizzanti a base di fosfati aventi tutti un valore commerciale. In definitiva, da due rifiuti possiamo ottenere materiali nuovamente e completamente commercializzabili, con grandi benefici per l ambiente e la salute umana. Breve descrizione del processo. Il progetto prevede la realizzazione di un impianto pilota per la realizzazione di un processo di trasformazione di manufatti in cemento-amianto con siero di latte esausto e/o scarti acidi provenienti da lavorazione del settore agroalimentare per poi realizzare un impianto industriale che consenta la lavorazione di / ton di cemento-amianto su base annua. Il processo per decomporre le fibre di amianto contenute all interno dei manufatti di cementoamianto prevede due fasi: 1) decomposizione del carbonato di calcio con liberazione in acqua delle fibre di amianto e 2) decomposizione delle fibre di amianto. In entrambe le fasi non si ha mai dispersione di fibre di amianto in aria perché tutte le due fasi del processo avvengono sempre in liquidi e comunque confinati dentro locali depressurizzati. Il processo denatura due inquinanti : amianto e scarti acidi provenienti dal settore agroalimentare e recupera metalli Mg, Ca, Ni, Mn, produce carbonato di calcio nanostrutturato per l edilizia (oppure bombole di CO2), idropittura, concime e fertilizzanti per l agricoltura e a fine processo non produce rifiuti liquidi o solidi. Da questo processo che presenta in modo immediato già il vantaggio della riconversione nobile si aggiungono altri vantaggi indotti come il risparmio energetico, in quanto l utilizzo di processi naturali prevede un minore utilizzo di energia -la minore estrazione di materia prima dall ambiente, come per esempio la calce e i metalli. La realizzazione di un impianto pilota come da progetto porta a dei risultati finanziari eccezionali in tempi brevissimi.

3 Per ogni ciclo di lavorazione si ha un ricavo derivante dalle seguenti voci: -Introiti da conferimento: ricavi diretti per tonnellata cemento-amianto 100,00 (attualmente il prezzo medio per il deposito in discarica) 25,00 di siero di latte esausto (che corrispondono a 5 ton di siero) -Introiti indiretti (sottoprodotti) 600,00 da idropittura (considerando una resa di 2400 litri ad un costo di 0,25 /L 90,00 da lingotti di Mg (considerando 3,00/kg e una resa di circa 30 kg).altri metalli estratti per via elettrochimica (Ni, Al, Mn, Fe ) 12,5 (corrispondenti a 50 kg a 0,25 /Kg per fertilizzanti innovativi per la cultura biologica e biodinamica) 350 kg di CO2 che può essere liquefatta e venduta ( 2 al Kg) Approssimativamente 1500 a tonnellata di cemento amianto trattato.

4 Sviluppo impianto sperimentale: L impianto viene sviluppato all interno a delle cabine depressurizzate dove non è prevista alcuna presenza dell uomo, se non in caso di manutenzione, che assicurano, nell eventualità di dispersioni di fibre, un aspirazione continua con deposizione delle polveri direttamente nella cisterna di reazione. L impianto è composto da: n 9 Cisterne, di cui: o n 1 Cisterna per lo stoccaggio del cemento-amianto di capacità litri; o n 1 Cisterna per lo stoccaggio del siero di latte esausto di capacità Litri; o n 1 Cisterna Reattore per il trattamento del cemeneto-amianto, costituito da due camere ciascuna di capacità 4000 Litri; o n 2 Cisterne di raffreddamento di capacità 4000 Litri; o n 1 Cisterna per Idropittura di capacità 4000 Litri; o n 1 Cisterna per Idroleb di capacità 4000 Litri; o n 1 Cisterna per stoccaggio acqua Idroleb di capacità Litri; o n 1 Cisterna per stoccaggio siero di latte di capacità Litri. n 2 Nastri trasportatori, di cui: o n 1 Nastro trasportatore, per conferimento dall esterno del materiale; o n 1 Nastro trasportatore, per la fuoriuscita dall impianto degli scarti prodotti dalla lavorazione dei robot (cellophane). n 1 Trituratore primario, adibito alla lacerazione del cemento-amianto. n 1 Trituratore secondario, adibito alla frantumazione del cemento-amianto. n 1 Polverizzatore, adibito alla polverizzazione del composto. n 1 Robot antropomorfo, in grado di de-palettizzare e conferire le lastre cemento-amianto nel trituratore. n 1 Filtropressa a piastre orizzontali per fanghi. n 1 Idroleb, per il trattamento delle acque provenienti dalla reazione idrotermica. n 1 Impianto di pressurizzazione, per l aspirazione delle polveri prodotte durante le lavorazioni. n 1 Cabina di regia. n 1 Compressore, per l alimentazione di tutte le valvole a ghigliottina e pneumatiche; n 1 Cisterna olio diatermico, per il riscaldamento delle cisterne; n 1 Impianto di refrigerazione, per il raffreddamento del composto all uscita del secondo stadio del reattore; n 2 Camere bianche, per favorire l ingresso del personale nel locale B.

5 In Fig.1 è riportata la planimetria dell impianto sperimentale per la trasformazione di manufatti in cemento-amianto secondo il processo brevettato mentre in fig 2 una riproduzione in 3 D dell impianto. Figura 1

6 A D B C Figura 2

7 In fig. 3 è riportato un disegno in 3 D contenete tutti i componenti dell impianto: Figura 3

8 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI G.A. GIOBERT (Asti) SPETTRO AMIANTO Presentazione e relazione a cura della classe 3BCAT Introduzione del Prof. Carlo Roggero e del Prof. Cesare Zollo con il contributo della Dott.ssa Lorenza Fiumi (Istituto sull Inquinamento Atmosferico - IIA CNR)

9 S.O.S. AMIANTO RELAZIONE A CURA DELLA CLASSE 3B-CAT ITCG GIOBERT ASTI

10 Telerilevamento o Remote Sensing

11 I vantaggi del telerilevamento satellitare Visione sinottica del territorio Osservazione ripetuta della terra Aggiornata disponibilità dei dati Costi relativamente bassi

12 Le applicazioni del telerilevamento satellitare Rilievo del territorio Difformità catastali Desertificazione Deforestazione Frane Alluvioni Meteorologia Terremoti Etc.

13 Principi del telerilevamento Lo spettro elettromagnetico è l'insieme di tutte le frequenze delleradiazioni elettromagnetiche. Suddivisione in bande Radiazione microonde 1 m 1 mm Radiazione infrarossa 1 mm 700 nm Radiazione visibile 700 nm 400 nm Radiazione ultravioletta 400 nm 10 nm

14 Esempio di sensore Fotocamere Hasselblad per fotografia multispettrale (1970). Cluster di 9 obiettivi diversamente filtrati per realizzare riprese multispettrali sullo stesso otogra a da Le bande spettrali: Multispettrale Cosa vediamo La scena al suolo viene ripresa in tante diverse bande dello spettro, per produrre altrettante immagini diverse della stessa realtà, resa poi in maniera numerica e con un opportuno codice cromatico

15 Sensore MIVIS Iperspettrale

16 Tipologie e classificazione sensori Sensori passivi utilizzano la radiazione solare riflessa IKONOS-LANDASAT-GEOEYE Sensori attivi utilizzano la radiazione auto-emessa SAR -LIDAR

17 Cenni storici Le prime riprese dall alto Da aerostato o mongolfiera (1850) Da piccione (1903) Da aquilone (1906) Da aereo (1909)

18 Cenni storici Sensori ad alta definizione New York, prima e dopo l 11 settembre (2001) riprese multitemporali effettuate dal satellite Ikonos

19 APPLICAZIONE MIVIS RISOLUZIONE SPAZIALE 3 m PROCESSO CALIBRAZIONE TRASFORMAZIONE PROCEDURA IMAGE BASED CLASSIFICAZIONE

20 APPLICAZIONE Asti Immagine 8bit Google-API Dimensioni 2 km x 2km Risoluzione spaziale 0,5 m (Geoeye based) Metodologia Object oriented

21 Training set

22 APPLICAZIONE PROCESSO PROCEDURA OBJECT BASED (SEGMENTAZIONE AREE RETTANGOLARI) CLASSIFICAZIONE TRAINING SET (NEAR NEIGHBOR) LEGENDA POSSIBILE COPERTURA IN CEMENTO-AMMIANTO

23 Verifica territoriale zone certe falsi positivi

24 GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE

25 APPLICAZIONE SOMMARIO Telerilevamento o Remote Sensing I vantaggi del telerilevamento satellitare Le applicazioni del telerilevamento satellitare Principi del telerilevamento Le bande spettrali: Multispettrale Sensore MIVIS Iperspettrale Tipologie e classificazione sensori Cenni storici Le prime riprese dall alto Cenni storici Sensori ad alta definizione APPLICAZIONE MIVIS APPLICAZIONE Training set

26 CONTRIBUTO Lorenza Fiumi CNR Istituto sull Inquinamento Atmosferico Sono riconoscente agli organizzatori di questo evento che considero molto importante per il tema trattato, in particolar modo, voglio esprimere tutto il mio apprezzamento per questa iniziativa unica nel suo genere, che vede i ragazzi delle scuole superiori protagonisti. Di fatto un palcoscenico dove hanno dimostrato il loro valore, attraverso la necessaria mediazione degli insegnanti, che grazie al loro lavoro sono riusciti a motivarli ad entusiasmarli. Dare voce alle nuove generazioni su un problema sociale come quello dell amianto, ritengo che sia il solo modo per diffondere una nuova cultura fatta di attenzione e rispetto nonché collaborazione attiva e responsabile, verso le tematiche legate all amianto. Il tema trattato rappresenta ancora oggi alle soglie del terzo millennio, come un problema ambientale di particolare entità e gravità per gli effetti nocivi sulla salute dell uomo, provocati dall uso diffuso ed indiscriminato fino agli inizi degli anni 90. Attualmente, le emissioni di fibre di amianto sono provenienti prevalentemente dalle coperture in eternit di fabbricati in particolare da quelli in degrado e dallo smaltimento incontrollato di queste. Le lastre, esposte all'azione degli agenti atmosferici, che con il tempo corrodono la matrice cementizia, rilasciano fibre che vengono immesse nell'ambiente. Una volta immesse nell'atmosfera, le fibre di amianto, non subiscono trasformazioni chimico-fisiche e possono percorrere distanze considerevoli a causa delle loro proprietà aerodinamiche. La nocività del materiale dipende dalla particolare struttura delle fibre liberate che si diffondono nell aria e se respirate penetrano nell apparato respiratorio causando purtroppo le note malattie degenerative. Con grande coinvolgimento, i ragazzi dell Istituto Tecnico per Geometri G.A. Giobert con il contributo del professori Carlo Roggero e Cesare Zollo, nell ambito dell evento hanno dimostrato le potenzialità del telerilevamento nel monitoraggio del territorio con particolare attenzione alla mappatura delle coperture in cemento-amianto. In particolare, i ragazzi delle scuole hanno sviluppato una serie di metodiche che hanno permesso una mappatura di un area campione, visto che, ad oggi, non esiste una mappatura completa nel territorio Astigiano che permette agli Enti preposti un reale controllo sul degrado del materiale. Va detto che, nonostante i pochi mezzi a disposizione (software e dati), i ragazzi hanno trattato l argomento, con rigore scientifico, un corretto uso del lessico, riferimenti opportuni e precisi, evidenziando il lavoro svolto dagli insegnanti. In considerazione del grande interesse suscitato dall uso del telerilevamento nel monitoraggio del territorio, ho contribuito a fornire una serie di spunti per un approfondimento della materia, al fine di proseguire questa esperienza, focalizzando l attenzione in qualcosa che aiuta a conoscere l ambiente che ci circonda.

27 Riporto di seguito brevemente alcune tematiche corredate da immagini. Controllo su discariche in esercizio, dismesse o abusive.. Attraverso l analisi delle risposte spettrali è possibile enfatizzare il rilevato delle discariche interessate a problemi di impermeabilizzazione. Mentre l analisi della risposta della vegetazione nell infrarosso termico medio permette di definire bio-indicatori correlati alla qualità dell ambiente in prossimità del sito. Struttura della vegetazione. Il dato tele rilevato permette la caratterizzazione delle diverse specie arboree al fine di identificare, in funzione del loro stadio fenologico, lo o stato fitosanitario. Controllo inquinamento in acqua.. L elaborazione del dato permette una caratterizzazione di parametri fisici chimici e geofisici (ad esempio immissioni riconducibili a fenomeni di inquinamento antropico in ambienti acquatici (fiumi, laghi, e mari).

28 Individuazione di siti archeologici. L analisi dei dati telerilevati permette di estrarre informazioni sul materiale affiorante, tracce antropiche relative all antica presenza umana sul territorio. I risultati dell attività svolta, in questo specifico settore si sono dimostrati interessanti in particolare modo nell area Archeologica di Tor di Quinto (Roma) nella definizione di strutture archeologiche sepolte.

29 LICEO ARTISTICO B. ALFIERI (Asti) CATALOGAZIONE DATI DI RILEVAMENTO Presentazione e relazione Classe 5 A Introduzione della Prof.ssa Gianna Gandini con il contributo della Dott.ssa Lorenza Fiumi (Istituto sull Inquinamento Atmosferico - IIA CNR)

30 CONVEGNO "S.O.S. AMIANTO" 21 maggio 2014 Istituto di Istruzione Superiore Vittorio Alfieri Liceo Artistico Statale "Benedetto Alfieri" Asti

31 Catalogazione dati di rilevamento a cura della classe 5 AA sezione disegnatori di architettura e arredamento

32 TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI ANAGRAFICA - ENTE PROPRIETARIO persona fisica o giuridica o Ente intestatario del sito o altro soggetto interessato - IDENTIFICATIVO INDIRIZZO COMUNE/PROVINCIA AZIENDA inserire possibilmente all interno dello stesso campo la Via/Viale/Piazza, nr Civico, CAP il Comune e la Provincia di appartenenza - RIFERIMENTI CATASTALI - RIFERIMENTI URBANISTICI TIPOLOGIA - DESCRIZIONE SITO indicare una o più tipologie, descrivere il sito indicare tutti i tipi di materiale contenente amianto presenti nel sito ed eventualmente barrare più caselle. DESCRIZIONE MATERIALE indicare eventuali particolari caratteristiche

33 TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI INDICATORI A. TIPOLOGIA DI MATERIALE CONTENENTE AMIANTO valutare se il materiale contente amianto può essere facilmente sbriciolato o ridotto in polvere con la semplice pressione manuale. Nel caso sia presente sia materiale compatto che materiale friabile, indicare friabile. B. TIPOLOGIA ATTIVITA indicare se il sito è un ambiente di vita con fruibilità da parte della popolazione, accessibile a tutti e posto al servizio della collettività. C. ACCESSIBILITA indicare se c è la possibilità di accedere al luogo dove è ubicato fisicamente il materiale contenente Amianto. D. PRESENZA DI CONFINAMENTO indicare se è presente una barriera fisica permanente che separa l ambiente esterno dal materiale contenente amianto.

34 TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI QUANTITÀ DI MATERIALE STIMATO (Kg) Indicare il range in cui rientra la quantità di materiale contente amianto, stimata come totale tra materiale friabile e compatto. I pesi vanno considerati come totale del materiale contenete amianto e non come % di amianto contenuto. Nel caso di materiale solo compatto, stimare il peso assumendo come parametro medio di riferimento per le lastre di copertura il valore di 17 Kg/mq e per i pavimenti di vinil amianto il valore di 3,5 Kg/mq. PESO STIMATO FRIABILE (Kg) Indicare il peso stimato. PESO STIMATO COMPATTO (Kg) Indicare il peso stimato. PRESENZA DI UN PROGRAMMA DI MANUTENZIONE E CONTROLLO Indicare se sono presenti iniziative documentate finalizzate alla vigilanza della presenza nel sito di amianto al fine del contenimento dell emissione di fibre (Documento previsto dal Decreto Ministeriale 6 settembre 1994).

35 Indicare l area stimata. TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI PRESENZA DI CAUSE CHE CREANO O FAVORISCONO LA DISPERSIONE DI FIBRE Indicare se ci sono situazioni che interferiscono con la presenza di amianto e possono determinare la dispersione di fibre, come ad esempio la presenza di ventilazione nelle vicinanze del materiale contente amianto, la presenza di attività che possono determinare vibrazioni, ecc... CONCENTRAZIONE DI FIBRE AERODISPERSE Nel caso non siano state eseguite delle misure, indicare idati AREA DI ESTENSIONE DEL SITO (m2) Indicare il range in cui rientra tutta l area di estensione del sito e non solo quella interessata dalla presenza di amianto. EFFETTIVA AREA RICOMPRESA NEL PERIMETRO DEL SITO (m2)

36 TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI SUPERFICIE ESPOSTA ALL ARIA (m2) Indicare il range in cui rientra la superficie interessata dalla presenza di materiale contente amianto, esposta all aria ovvero non confinata o incapsulata. EFFETTIVA SUPERFICIE CON AMIANTO FRIABILE (m2) Indicare l area stimata. EFFETTIVA SUPERFICIE CON AMIANTO COMPATTO (m2) Indicare l area stimata. COINVOLGIMENTO DEL SITO IN LAVORI DI URBANIZZAZIONE Indicare se esistono atti amministrativi (permessi, autorizzazioni, altro) attestanti il coinvolgimento del sito in lavori che prevedono interventi su edificato o su suolo. STATO DI CONSERVAZIONE DELLE STRUTTURE EDILI specificare lo stato di conservazione sulla base dell accertamento dello stato di degrado delle strutture/impianti contenti amianto, effettuato ai sensi della DGRV 265/2011. Indicare Dann. <10% se dai risultati dell indice di degrado NON E prevista la bonifica; Dann. >10% se dai risultati dell indice di degrado E prevista la bonifica.

37 TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI TEMPO TRASCORSO DALLA DISMISSIONE (ANNI) Se il sito è ancora in attività, precisarlo. DATA DISMISSIONE Indicare l'eventuale data di dismissione nel formato gg-mm-aaaa. DATI EPIDEMIOLOGICI Segnalare se sono presenti dati epidemiologici indicanti aumento delle patologie correlate all esposizione ad amianto nell area di mappatura (le patologie da intendersi sono l asbestosi ed il mesotelioma con incremento statisticamente significativo al 95%)

38 TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI FREQUENZA DI UTILIZZO Per frequenza OCCASIONALE si intende meno di 1 volta a settimana, PERIODICA 1-2 volte a settimana e COSTANTE più di 2 volte a settimana. Le scuole ricadono sempre nella frequenza COSTANTE. DISTANZA DAL CENTRO URBANO (m) Indicare il range entro cui ricade la distanza dal perimetro del sito al punto di valutazione (indicativamente selezionare 0 se il sito è ubicato in città/paese oppure selezionare >1000 se il sito è ubicato in aperta campagna). DENSITÀ DI POPOLAZIONE Da riferirsi al grado di urbanizzazione del sito e dell area circostante ad esso. ETÀ MEDIA DEI SOGGETTI FREQUENTATORI (anni) Indicare il range in cui rientra l età media dei soggetti che frequentano

39 TIPOLOGIE DI DATI OCCORRENTI STATO DELLA BONIFICA Indicare lo stato della bonifica; per parzialmente bonificato si intende un sito in cui non vi è stata la totale rimozione dei Materiali contenenti Amianto - TIPO DI INTERVENTO Solo nel caso di bonifica selezionare uno o più tipi tra quelli in elenco - COSTI TOTALI STIMATI DELL INTERVENTO ( ) In caso di interventi di bonifica multipli, ad esempio incapsulamento di alcuni materiali contenti amianto e rimozione di altri, andranno quantificati separatamente i costi dei singoli interventi - DATA COMPILAZIONE Il giorno/mese/anno in cui è stata compilata la scheda - PERSONA CHE HA ESEGUITO LA COMPILAZIONE Nome e Cognome della persona che ha eseguito la compilazione

40

41

42

43 ESEMPI DI CLASSIFICAZIONE

44 ESEMPI DI CLASSIFICAZIONE

45 ESEMPI DI CLASSIFICAZIONE

46 ESEMPI DI CLASSIFICAZIONE

47 ESEMPI DI CLASSIFICAZIONE

48 FONTI ARPAV - DIPARTIMENTO REGIONALE LABORATORI SERVIZIO LABORATORIO DI VERONA COMUNE DI CARIATI COMUNE DI VINCHIO COMUNE DI REGGIO CALABRIA

49 CONTRIBUTO Lorenza Fiumi CNR Istituto sull Inquinamento Atmosferico Voglio rivolgere i miei complimenti ai ragazzi del Liceo Artistico B. Alfieri, classe 5^ A, per il lavoro svolto, attraverso un lavoro di ricerca pluridisciplinare hanno sviluppato un argomento fondamentale per la conoscenza dell ambiente che ci circonda, dal titolo: Catalogazione Dati di Rilevamento, con il coordinamento della prof.ssa Gianna Gandini. Partendo dalla considerazione che il requisito previo per tutelare e salvaguardare le persone e l ambiente dal problema amianto è l impegno conoscitivo, citato da molti come: il percorso della conoscenza. Infatti, l attività di inventariazione e catalogazione è fondamentale ed è preliminare ai successivi interventi e a tutti i tipi di attività che interessano gli Enti preposti. Evidenziare i singoli aspetti, ricostruire la storia, le caratteristiche del manufatto, è uno dei principi guida sottesi alle metodologie di una moderna attività di ricognizione documentaria che permettono di registrare tutte le informazioni e i dati ritenuti necessari per l indagine e la conoscenza puntuale del bene. I ragazzi della 5^ A, preparati e determinati, con la guida dell insegnante, hanno presentato il lavoro ispirati al pieno rigore scientifico, descrivendo ed illustrando nelle linee essenziali l impostazione dell attività di catalogazione nell ambito del tema amianto. A partire dalle informazioni anagrafiche e descrizione del sito e materiale presente, hanno inoltre fatto accenno ad indicatori come tipologia di materiale contenete amianto, tipologia di attività, presenza di confinamento e presenza di materiale stimato. Attraverso un importante lavoro di ricerca bibliografica, hanno portato come esempio i lavori di catalogazione mediante sopraluoghi, svolti dagli Enti come l ARPAV, dal Comune di Cariati, dalla Regione Emilia Romagna e dal Comune di Vinchio. Con una corretta opera di catalogazione di dati, i ragazzi hanno puntualmente evidenziato l importanza di avere un quadro conoscitivo, anche di situazioni di pericolo derivanti dalla presenza di amianto deteriorato o friabile, sia di origine antropica che naturale. Mi preme sottolineare che questa iniziativa, alla quale ho dato tutto il mio sostegno, rientra pienamente tra le attività che il CNR è chiamato a svolgere di comunicazione e promozione della ricerca, in particolare curare la diffusione dei relativi risultati, creare un raccordo, incentivare e valorizzare forme di collaborazione tra il settore della ricerca pubblica e il sistema educativo nazionale. Ritengo esprimere un doveroso ma soprattutto sentito ringraziamento agli organizzatori dell iniziativa, a quanti hanno contribuito nelle varie forme alla buona riuscita dell'evento, in particolare ai due organizzatori Ines Fiore e Pasquale De Filippo, dell Osservatorio Nazionale Amianto (ONA).

50 Il loro impegno protagonisti. ha permesso la concretizzazione di questa iniziativa che ha visto i ragazzi Un esperienza di grande valore formativo, che ha permesso agli alunni delle scuole partecipanti di rapportarsi con persone che operano e rivestono ruoli diversi nel vasto settore dell amianto. Sono certa che la disponibilità e l attenzione di tutti coloro che hanno partecipato all iniziativa e di quanti vogliono usufruire dei risultati conseguiti potranno aiutare la diffusione e la crescita della sensibilità verso l ambiente e la sua qualità nonché la salute della popolazione.

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Rifiuti Contenenti Amianto

Rifiuti Contenenti Amianto Mappatura delle discariche che accettano in Italia i Rifiuti Contenenti Amianto e loro capacità di smaltimento passate, presenti e future Edizione 2013 Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Liberi dall amianto I piani regionali, le bonifiche e l impatto sulla salute

Liberi dall amianto I piani regionali, le bonifiche e l impatto sulla salute Liberi dall amianto I piani regionali, le bonifiche e l impatto sulla salute Roma, 28 marzo 2015 Giornata mondiale delle vittime dell amianto A cura di: Andrea Minutolo, Paolo Ceschini e Giorgio Zampetti

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Ha inoltre collaborato: Maria Riefolo (Regione Emilia-Romagna - Assessorato Politiche per la Salute) Editing: Massimo Saretta (NuovaQuasco - Bologna)

Ha inoltre collaborato: Maria Riefolo (Regione Emilia-Romagna - Assessorato Politiche per la Salute) Editing: Massimo Saretta (NuovaQuasco - Bologna) !" # # $# Responsabili iniziativa regionale: Susi Realti ed Erminia Malferrari (Regione Emilia-Romagna - Ass.to Scuola, Formazione Professionale, Università, Lavoro e Pari Opportunità) Progettazione e

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO

LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO A cura della Dott.ssa Gilda Zennaro Indice 1. Premessa 2. Legislazione nazionale a. Il divieto di impiego b. La tutela dei lavoratori 3. La tutela dell ambiente 4. La

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

ESSE A 3 S.r.l. è un azienda con Sistema di Gestione della Qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Attestazione SOA categorie/classifiche OG1/IV

ESSE A 3 S.r.l. è un azienda con Sistema di Gestione della Qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Attestazione SOA categorie/classifiche OG1/IV ESSE A 3 S.r.l. è un azienda con Sistema di Gestione della Qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Attestazione SOA categorie/classifiche OG1/IV OG12/VI OS6/II OS23/II Iscrizione all Albo Nazionale Gestori

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli