5. Il servizio di igiene e decoro urbano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5. Il servizio di igiene e decoro urbano"

Transcript

1 5. Il servizio di igiene e decoro urbno Il servizio di igiene urbn si inqudr nel più mpio servizio dell gestione integrt del ciclo dei rifiuti urbni, che comprende nche le fsi successive ll rccolt: riciclggio, riutilizzo, recupero, trttmento e smltimento. Il settore è stto recentemente interessto d un compless e controvers riform nzionle che vrebbe dovuto semplificre l normtiv mbientle, concentrndol in un sort di testo unico, e che invece h lscito perte numerose questioni interprettive e vuoti normtivi, crendo un clim di estrem incertezz normtiv, crtterizzto dl proliferre di ulteriori interventi orientti modificre, integrre, sospendere o ddirittur invlidre il testo ppen pprovto (Pr. 5.1). Uno dei punti fermi del qudro del settore rimne l obiettivo di utosufficienz livello di ATO o perlomeno livello regionle. A tle proposito, v sottolineto come tnto Rom qunto il Lzio sperimentino un situzione di crenz impintistic e di rretrtezz rispetto gli obiettivi nzionli: l orgnizzzione del servizio Rom e nell ATO di riferimento si inqudr perciò nell mbito del nuovo Pino per uscire dll emergenz rifiuti ppen presentto dll Regione Lzio (Pr ). Dopo un descrizione pprofondit del qudro romno (Pr ) e dopo un breve pnormic sulle possibili soluzioni l problem dell chiusur del ciclo dei rifiuti livello locle, riferit diverse esperienze nzionli (d Pr Pr ), il cpitolo esmin il lto dei costi e delle triffe del servizio (Pr. 5.3). Prticolre ttenzione viene dedict l primo triennio di sperimentzione dell triff nel Comune di Rom ttrverso un nlisi pprofondit (Pr. 5.4). Chiude il cpitolo un prgrfo sul monitorggio dell qulità erogt condotto dll Agenzi nel corso degli ultimi tre nni (Pr. 5.5). Un chive di lettur del cpitolo è l considerzione del ftto che nel settore dell igiene urbn ncor non esiste un normtiv nzionle che definisc forme obbligtorie di regolzione incentivnte: incentivi e penli legti i risultti ottenuti, secondo i csi, dgli Enti Locli o dlle ziende in termini di rispetto degli obiettivi nzionli e degli stndrd di qulità, nche se qulcos tuttvi cominci muoversi si livello nzionle, si livello locle (Pr , e 5.2.5); nell mbito del nuovo Contrtto di servizio, che dovrà essere pprovto entro l nno, quest Agenzi h infine proposto nche per l igiene urbn l introduzione di forme di indennizzo utomtico (già dottte con successo 105

2 Cpitolo 5 per ltri servizi triff, come l energi elettric o i trsporti su roti) in cso di mncto rispetto degli stndrd di qulità d prte del soggetto gestore del servizio (Pr ). 5.1 Evoluzione del qudro normtivo L tutel dell mbiente rientr fr le mterie su cui lo Stto h competenz esclusiv, per cui le Regioni non possono legiferre in derog rispetto gli indirizzi nzionli (rt. 117 dell Costituzione) Contenuti innovtivi del Decreto Ambientle Sull bse di tli competenze, il legisltore nzionle h pprovto il D.Lgs. 3 prile 2006, n. 152 (Decreto mbientle, DA), che disciplin l mteri mbientle con specifico riferimento lle procedure di vlutzione e utorizzzione dei pini e delle opere d elevto imptto mbientle, l settore delle cque e quello dei rifiuti. Il provvedimento, che nelle intenzioni del legisltore dovev rppresentre un sort di testo unico per i settori dei rifiuti e dell cqu, h lscito molti vuoti normtivi ed è stto fortemente contestto d prte delle Regioni che hnno rvvisto nel suo contenuto elementi in conflitto con le proprie competenze legisltive, sollevndo profili di incostituzionlità (Cfr. Pr ). Il nuovo governo, inseditosi successivmente ll pprovzione del Decreto, lo h przilmente rivisto in più punti medinte lo strumento dei decreti ttutivi Modifiche istituzionli Il DA istituisce nche per il settore dei rifiuti le Autorità d Ambito (AA) livello di Ambiti Territorili Ottimli (ATO), richimndo l struttur istituzionle del settore idrico. L AA ssume tutte le competenze degli enti locli che rientrno nell ATO in mteri di gestione integrt dei rifiuti, compres l relizzzione degli impinti; determin l triff, pprov i Pini Finnziri e l reltiv relzione dei soggetti gestori; orgnizz, ffid e controll il servizio integrto nell ATO che, entro cinque nni, deve rggiungere l utosufficienz di smltimento, determinndo gli obiettivi ttrverso il Pino d Ambito Il regime triffrio Con l rt. 238, il DA modific in prte il regime triffrio istituito dl D. Lgs. 5 febbrio 1997, n. 22 (Decreto Ronchi) 2. Dl punto di vist strutturle, l triff mntiene l form binomi (prte fiss e prte vribile), m viene sottolinet l ntur prmetric dell proporzionlità ll produzione di rifiuti, fcendo riferimento ll quntità e qulità medi ordinri del rifiuto prodotto dlle vrie ctegorie di utenti: con ciò si super quindi l precedente impostzione che indicv nell triff puntule uno dei principli strumenti per incentivre l prevenzione 3. Per qunto rigurd le competenze, v segnlto un deciso orientmento ridurre il ruolo del Comune come regoltore del servizio: come già detto, l AA subentr inftti nelle funzioni degli enti locli per qunto concerne l determinzione dell triff e l pprovzione dei Pini Finnziri, mentre l riscossione dell triff viene ttribuit in vi esclusiv ed utomtic i soggetti ffidtri del servizio 4. Per qunto concerne direttmente gli utenti, sono previste 1 Si trtt di interventi mirti ripristinre in prte il pnorm istituzionle, sopprimendo sul nscere l Autorità di vigilnz sulle cque e sui rifiuti (che tuttvi, l di là dell denominzione, non vev i poteri di un utorità indipendente), ripristinndo il Comitto di vigilnz sulle risorse idriche, prorogndo le Autorità di Bcino e nnullndo gli effetti dell soppressione dell Osservtorio Nzionle Rifiuti (D.Lgs. 31 gosto 2006, n. 284); onde llinere l Itli lle censure vnzte dll Comunità Europe il 3 luglio 2006, sono stte dottte definizioni più restrittive delle nozioni di rifiuto e di deposito temporneo (D.Lgs. 8 novembre 2006 n. 284). L pprovzione di tutte le modifiche l DA, ll fine di gennio 2007, è ncor in itinere. 2 L legge Finnziri 2007 h successivmente stbilito che, nelle more dell complet ttuzione del DA, il regime triffrio dottto d ciscun Comune per il 2006 rest invrito per il 2007 (Cfr. Pr ). 3 L triff puntule mette in relzione l prte vribile dell triff ll effettiv produzione di rifiuti del singolo utente, incentivndo comportmenti ecocomptibili (vedi Pr ). 4 Secondo il Decreto Ronchi, er invece fcoltà del Comune decidere se gestire direttmente l riscossione o ffidrl l soggetto ffidtrio del servizio. 106

3 Il servizio di igiene e decoro urbno gevolzioni in cso di utilizzo stgionle o non continutivo dei locli soggetti triff, tenendo conto nche di indici reddituli Obiettivi di differenzizione, riciclo e recupero Vengono contestulmente ggiornti gli obiettivi di rccolt differenzit (RD) e di recupero e riciclo degli imbllggi (Tv. 5.1). In cso di mncto rggiungimento degli obiettivi riferiti gli imbllggi, è previst l introduzione con DPCM di misure economiche differenzite per mterile e proporzionli llo scrto rilevto, il cui introito viene messo disposizione del MATT per promuovere prevenzione, RD, zioni di riciclo e di recupero (rt. 220, comm 5). D notre che viene riproposto per il 2006 l obiettivo del 35% che il Decreto Ronchi vev già fissto per il 2003 (senz tuttvi prevedere snzioni), rispettto solo d un numero reltivmente esiguo di comuni tutti loclizzti nel Nord del pese: si prende tto dunque di un reltà ncor molto lontn dgli obiettivi di legge. Ai fini del rggiungimento degli obiettivi, è uspicbile l effettiv introduzione del sistem di snzioni previsto: questo proposito, f scuol l esperienz dell regolmentzione dell qulità del servizio elettrico, nettmente migliort in seguito ll introduzione di forme di regolzione incentivnti bste su meccnismi di penli e incentivi (Cfr. Pr. 6.3). Tv. 5.1 Obiettivi nzionli di legge per l rccolt differenzit, il recupero e il riciclo imbllggi Rccolt differenzit Imbllggi - obiettivo 2008 Obiettivo 2006: 35% Obiettivo 2008: 45% Obiettivo 2012: 65% Recupero complessivo in peso 60% Riciclo in peso: 55% - 80% Vetro 60% Crt 60% Metlli 50% Legno 35% Plstic 26% Fonte: D.Lgs. 3 prile 2006, n. 152 (Decreto mbientle), rt. 205 e Allegto E Affidmento del servizio Il DA disciplin gli ffidmenti gli rticoli L AA orgnizz l gestione intergrt dei rifiuti urbni, che comprende le ttività di relizzzione, gestione ed erogzione dell intero servizio, comprensivo delle ttività di gestione e relizzzione degli impinti, nonché quelle di rccolt indifferenzit e differenzit, commercilizzzione e smltimento completo di tutti i rifiuti urbni e ssimilti prodotti ll interno dell ATO. L ffidmento deve essere ggiudicto medinte gr, cui i concorrenti prtecipno presentndo un offert e un relzione tecnico-illustrtiv con proposte migliortive dell gestione dei fttori mbientli, di riduzione dei rifiuti smltimento e di riduzione dei corrispettivi. Fr i criteri di selezione, oltre quelli derivnti dl D.Lgs. n. 267/00 5, l AA deve espressmente tenere conto dell mmontre del corrispettivo, delle grnzie di crttere tecnico e delle precedenti esperienze specifiche dei concorrenti; un prticolre ttenzione v ll spetto del peso economico grvnte sugli utenti e sull complessità delle operzioni suo crico. I rpporti fr AA e soggetto ffidtrio sono regolti d un Contrtto di servizio che deve essere llegto l cpitolto di gr sullo schem di un contrtto tipo indicto nel decreto stesso. Il servizio continu d essere esercitto di gestori ttuli fino ll istituzione e orgnizzzione dell gestione integrt d prte delle AA. 5 Art. 113, comm 7, del D.Lgs. 18 gosto 2000, n. 267: [ ] L gr è ggiudict sull bse del migliore livello di qulità e sicurezz e delle condizioni economiche e di prestzione del servizio, dei pini di investimento per lo sviluppo e il potenzimento delle reti e degli impinti, per il loro rinnovo e mnutenzione, nonché dei contenuti di innovzione tecnologic e gestionle. Tli elementi fnno prte integrnte del contrtto di servizio. 107

4 Cpitolo 5 A proposito di ffidmenti, v segnlto che l Autorità grnte dell concorrenz e del mercto, in seguito un denunci, h espresso un prere negtivo in relzione due Deliberzioni dell Giunt Provincile di Rom, riscontrndo in esse motivi di distorsione dell concorrenz 6. Le Deliberzioni in questione inducono inftti i Comuni dell provinci privilegire l ffidmento dei servizi di rccolt differenzit società cpitle intermente pubblico, ddirittur prevedendo l erogzione di sostegni finnziri i Comuni che fccino ricorso ll ffidmento diretto. Il prere dell Antitrust f riferimento ll rt. 202 del DA ove si stbilisce che il servizio di igiene urbn deve essere ssegnto medinte procedur di gr, indipendentemente dll ntur giuridic dei concorrenti e dll titolrità del cpitle, e che l normtiv e l giurisprudenz comunitri limitno rigorosmente le possibilità di ffidmento diverse dll gr Competenze Aumentno le competenze dirette dello Stto nell individuzione, nell loclizzzione e nel finnzimento di impinti di recupero e smltimento rifiuti di interesse nzionle per modernizzre e riequilibrre il pese, nonché nell definizione di ccordi di progrmm per l relizzzione e/o l esercizio ll interno di insedimenti industrili esistenti di impinti di recupero dell rccolt differenzit (RD), di produzione di CDR o di compost non previsti di Pini Regionli, purché si ssicurt l dozione di tecnologie per l tutel mbientle e per l riduzione delle emissioni inquinnti. Le Regioni svolgono le proprie competenze vvlendosi delle Agenzie regionli per l protezione mbientle (ARPA). Sono responsbili del controllo delle operzioni di gestione dei rifiuti, dell funzionlità degli impinti e del rispetto dell normtiv. Fr le preciszioni che il nuovo DA introduce circ le mterie soggette ll disciplin regionle, si trovno: l regolmentzione dell gestione integrt dei rifiuti, dell cooperzione fr enti locli livello di ATO e l previsione dell costituzione delle AA; i criteri di regolzione degli ffidmenti, l definizione dei requisiti tecnici generli per l ttività di gestione rifiuti e l dozione di contrtti di servizio tipo; l dozione di direttive per incrementre l RD (con specifico riferimento ll selezione dell umido) e per fvorire il riciclo degli imbllggi (nche Green Public Procurement, GPP); fr le competenze circ l loclizzzione degli impinti, c è un nuovo riferimento ll incentivzione dell utosmltimento e ll definizione di criteri per individure luoghi o impinti idonei llo smltimento. Per qunto rigurd gli ATO, si segnl che le Regioni definiscono i tipi, le quntità e l origine dei RSU d smltire o recuperre per ATO, potendo dottre incentivi per l utosufficienz; il territorio di un ATO può essere in comune fr più Regioni ovvero uno stesso territorio comunle può essere diviso in più ATO, qulor le dimensioni sino eccedenti quelle medie degli ATO; le Regioni possono dottre modelli orgnizztivi in derog rispetto quello degli ATO, purché il Pino Regionle Rifiuti (PRR) rispetti l normtiv nzionle. Trsferite molte competenze mministrtive e orgnizztive lle AA, le Province restno responsbili soprttutto dell funzione di controllo: controllo dei requisiti per l ppliczione delle procedure semplificte di utorizzzione; controlli periodici su tutte le ttività di gestione, intermedizione e commercio di rifiuti, con poteri ispettivi nei confronti dei soggetti opernti nel settore. Le Cmere di commercio provincili (CCIAA) rccolgono e rchivino dti qulittivi e quntittivi su tutte le ttività locli di rccolt e trsporto rifiuti, trsmettendo periodicmente i dti lle Agenzie regionli e lle pubbliche mministrzioni. Viene soppress l competenz comunle d orgnizzre il servizio integrto e d pprovre i Pini Finnziri del soggetto ffidtrio del servizio. I Comuni concorrono ll disciplin dell gestione dei RSU medinte regolmenti coerenti con i Pini d Ambito e con i PRR; sono inoltre tenuti fornire ll Regione, ll Provinci e lle AA tutte le informzioni richieste. L pprovzione dei progetti di bonific dei siti inquinti viene spostt livello regionle, rimnendo l Comune l potestà di esprimere il proprio prere. Entro un mese dll comuniczione di pprtenenz un ATO, il Comune può presentre motivt e documentt richiest di essere trsferito d un ATO limitrofo diverso dl primo Altre norme nzionli Altre norme rilevnti per il settore sono contenute nell Legge Finnziri 2007 (legge 27 novembre 2006, n. 296), comincire dll prorog del regime triffrio del 2006 tutto il Fr le novità, l introduzione del principio di rivls mministrtiv dello 6 Prere AS361 sulle Deliberzioni n. 188 dell 8 mrzo 2006 e n. 210 del 15 mrzo 2006 dell Giunt Provincile di Rom. 108

5 Il servizio di igiene e decoro urbno Stto contro gli Enti Locli indempienti nei confronti di normtive comunitrie che dnno luogo procedure di infrzione e condnne dell Itli. Viene inoltre pprovto lo slittmento l 31 dicembre 2007 del termine ultimo entro cui le discriche già utorizzte possono continure ricevere i rifiuti definiti nell utorizzzione 7. L legge prevede nche lcuni obiettivi di RD intermedi rispetto quelli stbiliti con il DA, incricndo le Regioni di commissrire gli ATO che non li rispettno: 40% nel 2007, 50% nel 2009 e 60% nel Infine, per il triennio 2007/09 l Legge Finnziri stnzi 250 milioni di Euro destinti ristrutturre e potenzire l Apt come struttur tecnic di controllo sul settore dei rifiuti. A completre il qudro dei rinvii in mteri mbientle vi è poi il D.L. 28 dicembre 2006, n. 300 (c.d. Decreto Milleproroghe) che h spostto l 31 dicembre 2008 il termine ultimo di mmissibilità in discric dei rifiuti con potere clorifico inferiore (PCI) superiore i 13mil kj/kg previsti dll rticolo 6 del D.Lgs. 13 gennio 2003, n. 36, ossi di quei rifiuti che possono essere ltrimenti recuperti Recente normtiv dell Regione Lzio A livello regionle, si segnlno lcune modifiche ll normtiv sull gestione dei rifiuti 8 e l revisione del Pino di interventi di emergenz reltivo ll gestione commissrile, recentemente prorogt dl Governo fino l 31 dicembre L nuov legge regionle consente gli Enti Locli di utorizzre dipendenti comunli o dell ziend di igiene urbn svolgere ccertmenti e contestre violzioni l regolmento comunle per l modlità di conferimento rifiuti l servizio di rccolt. Quest previsione rende finlmente ttubili le snzioni previste nel Regolmento per l gestione dei rifiuti di Rom 9 crico dei produttori di rifiuti che violno le disposizioni: con il nuovo testo, gli illeciti possono essere verblizzti si dl personle ddetto ll vigilnz, si dietro utorizzzione del Sindco dgli stessi dipendenti Am in servizio. Altr novità importnte introdott dll recente modific ll normtiv regionle è l deleg i Comuni di tutte le funzioni mministrtive connesse con gli interventi di bonific dei siti inquinti 10 che, come visto, l normtiv nzionle ffid in prim bttut lle Regioni, slvo il cso in cui i siti stessi ricdno nel territorio di più comuni. L Regione Lzio h recentemente pprovto il nuovo Pino degli interventi di emergenz nel settore dello smltimento dei rifiuti solidi urbni e ssimilti. L nuov impostzione segn un svolt rispetto l precedente orientmento, che vedev nell termovlorizzzione del rifiuto tl qule l soluzione prioritri ll emergenz rifiuti nel Lzio: er inftti previst l relizzzione di 7 termovlorizztori, d loclizzre nelle Province di Rom (4 impinti), Ltin, Viterbo e Frosinone (1 per ogni Provinci). All consegn del Pino per l rtific del Governo (1 febbrio 2007), l prospettiv è quell di puntre sull differenzizione e sul riciclggio, rddoppindo l RD regionle entro il 2007 e portndol l 50% entro il Dl punto di vist impintistico, l soluzione scelt per lo smltimento è quell di termovlorizzre il CDR nziché il rifiuto tl qule (due impinti di trttmento dell indifferenzito per l produzione di CDR sono loclizzti Rom e qusi completti). L nuov potenzilità di smltimento necessri è quntifict in 5 nuove linee di combustione che si ggiungono lle tre già esistenti (due Colleferro e un Sn Vittore). Alle due linee del gssifictore di Mlgrott (l cui relizzzione, già vvit, dovrebbe essere complett entro due nni e mezzo) si ggiungerebbe un second line d ffincre ll impinto esistente di Sn Vittore e ltre due linee di termovlorizzzione, d ffidre ll gestione congiunt di Am e Ace e ncor d loclizzre. Il nuovo Pino modific quindi l ordine delle priorità, puntndo ll prevenzione (si medinte ecotsse e GPP, si incentivndo direttmente l produzione di prodotti bsso imptto mbientle) e quote di rccolt differenzit decismente più significtive 11, oltre che ll vlorizzzione del ptrimonio impintisti- 7 L prorog rigurd i termini definiti dl D.Lgs. 13 gennio 2003, n. 36; non rigurd le discriche di II ctegori, di tipo A, di tipo ex 2 e le discriche per inerti cui si conferiscono mterili di mtrice cementizi contenenti minto. 8 Legge Regionle 5 dicembre 2006, n. 23, che modific l Legge Regionle 9 luglio 1998, n. 27 (Disciplin regionle dell gestione dei rifiuti). 9 Approvto dl Consiglio Comunle di Rom con l Deliberzione n. 105 del 12 mggio Convoczione delle conferenze di servizi, utorizzzione del pino di crtterizzzione dei siti, pprovzione del pino di monitorggio e del progetto opertivo degli interventi di bonific e mess in sicurezz, pprovzione del progetto di bonific. 11 L ccento sull necessità di incrementre l rccolt differenzit si trov già nell Deliberzione di Giunt n. 624 del 3 ottobre 2006, con cui l Regione Lzio h disposto l riprtizione di oltre 10 milioni di Euro fr le Province, il Comune di Rom e vri ltri Comuni di piccole dimensioni, che vevno presentto pposit e circostnzit domnd entro il 30 giugno 2005, per finnzire progetti reltivi ll RD, con priorità l metodo di rccolt port port. Il contributo fvore del Comune di Rom è di oltre 4,5 milioni di Euro. 109

6 Cpitolo 5 co esistente. Il ciclo dei rifiuti livello regionle si dovrebbe chiudere recuperndo e riciclndo le frzioni differenzite umide (compostggio) e secche (crtiere, vetrerie, fonderie; questo scopo, le linee guid prospettno l esigenz di relizzre in regione un struttur impintistic in grdo di riutilizzre le mterie prime seconde, ttulmente crente); selezionndo e biostbilizzndo l indifferenzito (con produzione di CDR di qulità, FOS, ceneri e sovvlli); utilizzndo il CDR in cementifici e termovlorizztori e l FOS per l gestione delle discriche e per operzioni di ripristino mbientle (fr cui le ipotesi di utilizzrl in miscelzione con inerti per l produzione di un suolo precondizionto, detto tecnosuolo); vetrificndo medinte torci l plsm le ceneri; smltendo i sovvlli. Gli scenri proposti sono molto mbiziosi: presuppongono inftti ipotesi di crescit dell RD molto elevte in tempi reltivmente brevi, difficilmente relizzbili lmeno in ssenz delle forme di regolmentzione incentivnte cui si è ccennto nel Pr ; secondo le ssocizioni di ctegori, se fossero relizzti comporterebbero comunque incrementi di costo dell RD fr il 30% e l 80%, con possibili forti ggrvi delle triffe ll utenz 12. Inoltre il volume di sovvlli e degli ltri residui di trttmento e riciclggio d smltire srebbe comunque consistente. 5.2 Orgnizzzione del servizio e indictori di produzione e rccolt L impostzione normtiv comunitri e nzionle dell ultimo decennio h posto l ccento sull necessità di configurre il servizio di igiene urbn come un fse del più mpio ciclo integrto di gestione dei rifiuti solidi urbni con l obiettivo di rggiungere l utosufficienz livello di ATO o lmeno livello regionle. I seguenti prgrfi delineno il qudro dell produzione e dell rccolt livello nzionle, scendendo nel dettglio dell chiusur del ciclo dei rifiuti per il Lzio e soprttutto per il Comune di Rom L produzione e l rccolt dei rifiuti in Itli, nel Lzio e nel Comune di Rom Il dto più recente disponibile sull produzione totle di rifiuti in Itli si riferisce l biennio 2003/04 (Tv. 5.2): le informzioni sui rifiuti specili sono inftti indietro di un nno rispetto quelle sui rifiuti solidi urbni (RSU). I RSU 2004, con un crescit del 3,7%, rppresentno il 23,6% del totle, diminuendo l incidenz sul totle di un punto percentule rispetto l Prllelmente ument il peso reltivo dei rifiuti specili, che fr il 2002 e il 2003 sono cresciuti del 9,2%. Complessivmente, l umento dei rifiuti totli prodotti (+8%) non confort circ l efficci delle politiche di prevenzione finor messe in tto. Le regioni del Centro registrno il mssimo incremento zonle nell produzione di RSU (+5,4%, con un importnte contributo d prte del Lzio: +7,5%) e l più lt produzione medi pro cpite (491 kg/bitnte). Il Nord ssoci ll più bss percentule di crescit dei RSU (+3,1%) il mssimo livello di rccolt differenzit (RD, 35,5%) e dell reltiv dinmic (+2%); inoltre present l minim incidenz dei RSU sui rifiuti totli prodotti, evidenzindo l più intens ttività produttiv. Al Sud l produzione di rifiuti totli per bitnte è più bss rispetto l resto del pese in relzione ll minore produzione di rifiuti specili collegti lle ttività produttive, notorimente meno diffuse in tli regioni. D notre nche i bssi livelli di RD delle regioni meridionli, ssociti per di più incrementi modesti (0,4% nel biennio considerto). Nel Lzio, l incidenz dei RSU sull produzione totle di rifiuti è reltivmente lt (36%), con un produzione pro cpite pri 597 kg/bitnte e un RD pri ll 8,6% in debole crescit (+0,5%). L RD non rggiunge il 9%, un percentule nlog quell delle regioni meridionli. Gli indictori ppen presentti descrivono un performnce del sistem di gestione dei rifiuti piuttosto bss che segnl l esistenz di vere e proprie situzioni di emergenz mbientle in lcune regioni del pese. A cus dell'insufficiente impegno nell differenzizione, nel riciclggio e nel recupero dei rifiuti prodotti (con l corresponsbilità di enti locli, ziende erogtrici del servizio e cittdini), grn prte 12 Fonte: Confservizi Lzio, novembre

7 Il servizio di igiene e decoro urbno Tv. 5.2 Produzione e rccolt di rifiuti in Itli negli nni 2003 (rifiuti specili) e 2004 (RSU) Indictori (dti in tonnellte Comune Totle Nord Centro Sud Lzio se non diversmente specificto) di Rom** Itli POPOLAZIONE incidenz sul totle Itli 45,3% 19,2% 35,5% 9,0% 4,4% 100,0% RIFIUTI TOTALI 2003/ Vrizione rispetto l 2002/3 7,2% 7,3% 10,1% 12,3% n.d. 7,8% Rifiuti totli pro cpite (kg/b) incidenz sul totle Itli 58,9% 18,4% 22,7% 6,7% 1,4% 100,0% RSU (2004) Vrizione RSU rispetto l ,1% 5,4% 3,4% 7,5% 7,1% 3,7% RSU pro cpite (kg/b) incidenz sul totle Itli 45,0% 22,3% 32,7% 10,1% 4,8% 100,0% incidenz su rifiuti totli di zon 18,1% 28,6% 34,0% 35,9% 98,8% 23,6% Rccolt differenzit RD * 35,5% 18,3% 8,1% 8,6% 17,9% 22,7% Vrizione RD rispetto l ,0% 1,2% 0,4% 0,5% 3,7% 1,2% RIFIUTI SPECIALI - RS (2003) Vrizione RS rispetto l ,1% 8,1% 13,9% 15,2% n.d. 9,2% RS pro cpite (kg/b) incidenz sul totle Itli 63,1% 17,2% 19,7% 5,6% 0,0% 100,0% incidenz su rifiuti totli di zon 81,9% 71,4% 66,0% 64,1% 1,2% 76,4% (*) Fonte: Apt, Rpporto Rifiuti, (**) Fonte: Am, Bilncio d esercizio, 2004; Am, Rpporto mbientle, Per l popolzione il dto è riferito l 31 dicembre 2004; fonte: Rom Economi Dip. XV Comune di Rom, documento Popolzione in Mosico Sttistico n. 2, settembre 2006, (elborzioni su dti Istt); sito web: Fonte: elborzioni su dti trtti dl Rpporto Annule sull Gestione dei Rifiuti, ONR, dell popolzione itlin si trov pertnto nell deprecbile situzione di ssistere quel deteriormento del proprio territorio che si ssoci l prevlente utilizzo di impinti di smltimento ltmente inquinnti quli le discriche. Ciò pregiudic il rggiungimento dei livelli minimi dei servizi essenzili di cui lo Stto deve rendersi grnte Orgnizzzione del servizio Am nel Comune di Rom Nel Comune di Rom (Tv. 5.2 e Tv. 5.3), i RSU nel 2004 hnno qusi rggiunto 1,8 milioni di tonnellte (697 kg/bitnte), in umento del 7% rispetto l 2003; si trtt qusi del 5% dei rifiuti urbni complessivmente prodotti in Itli nell nno. L RD nnu 13 h rggiunto il 17,9% (+3,7%). L produzione di rifiuti specili è molto contenut (9 kg/bitnte nel 2003, pri circ l 1,2% dei rifiuti totli prodotti Rom), m si trtt qusi esclusivmente di rifiuti pericolosi: soprttutto di rifiuti snitri, scorie e ceneri. Per Rom sono disponibili nche i dettgli del biennio 2004/2005, che vede l produzione totle crescere del 2%. L produzione di RSU 2005 super l sogli di 1,8 milioni di tonnellte (709 kg/bitnte); si rilev tuttvi un significtivo rllentmento dell 13 Per rccolt differenzit nnu si intende l percentule di rccolt differenzit rispetto ll rccolt totle, che viene clcolt sottrendo l totle di rifiuti un 10% imputto i rifiuti rccolti medinte spzzmento. 111

8 Cpitolo 5 Tv. 5.3 Volumi, vrizione e destinzione dei rifiuti urbni rccolti Rom (nni 2004 e 2005) Tipologi di rifiuti urbni 2004 (t) 2005 (t) Vrizione 2004/2005 Popolzione residente * ,2% - Destinzione 2005 Totle RSU ,5% Vrie, secondo le ctegorie di rifiuto RSU pro cpite (kg/bitnte) ,7% - Indifferenzito ,2% Discric di Mlgrott Rccolt differenzit ,2% Impinti di selezione, riciclggio,recupero RD nnu (%) 17,9% 20,3% +2,4% - Crt e crtone ,1% Pittforme e crtiere derenti l Comieco Multimterile ** ,0% Impinti di selezione e poi consorzi di filier (CoRePl, CoReVe, Cil, CNA) Inerti ,2% Trttmento Rimei S.r.l.e commercilizzto dl CoRiSE per utilizzo nell edilizi Verde, merctle, umido ,3% Impinto di compostggio di Mccrese; Discric di Mlgrott (44,5%) Altro ,1% Vrie destinzioni Altre frzioni merceologiche*** 2003 (t) 2004 (t) 2003/2004 Vrizione Destinzione 2004 Popolzione residente * ,5% - Legno ,3% Riciclggio consorzio RiLegno Beni Durevoli ,2% Riciclggio e recupero Indumenti ,4% Riciclggio e recupero Metlli ,0% Riciclggio e recupero Rifiuti urbni pericolosi ,0% Riciclggio e recupero 50,9%; termovlorizzzione 49,1% Consumbili d stmp ,0% Riciclggio e recupero Rifiuti pericolosi bbndonti ,2% Altri impinti Impinti di recupero e riciclo Totle Rifiuti ,6% 11,2%; termovlorizzzione Specili Pericolosi RSP 63,1%; discric 2,4% Totle RSU+RSP ,6% Vrie, secondo le ctegorie di rifiuto (*) Dti riferiti l 31 dicembre 2003, 2004 e 2005; fonte: Rom Economi Dip. XV Comune di Rom, documento Popolzione in Mosico Sttistico n. 2, settembre 2006, (elborzioni su dti Istt); sito web: (**) Vetro, plstic, lluminio e bnd stgnt. (***) Non essendo disponibile il dto disggregto 2005, si riport il dettglio delle vrie frzioni per gli nni 2003 e Fonte: Rpporti mbientli 2003 e Fonte: elborzioni su dti Am d Bilnci d esercizio 2004 e 2005 e d Rpporti mbientli 2003 e

9 Il servizio di igiene e decoro urbno crescit (+1,5%) cui corrisponde un diminuzione di rifiuto indifferenzito pri ll 1%. L RD nnu super il 20%, nche se il trend di crescit registr un flessione rispetto ll nno precedente (+2,4%). Per qunto rigurd i rifiuti specili pericolosi, infine, le informzioni 2004 rilevno un incremento del 16% (per un totle di 10 kg/bitnte), con un significtivo umento delle plstiche e dei residui degli impinti di trttmento dei rifiuti; l destinzione prevlente dei rifiuti specili è stt l termovlorizzzione (63%), mentre poco più del 2% è stto smltito in discric. Dl 2004 Am h vvito lcune inizitive per l RD, fr cui l sperimentzione dell rccolt port port in lcune zone del Centro Storico (in prticolre l crt per le grndi utenze) e lungo il litorle di Osti, nonché quell dell rccolt monomterile del vetro nel VI Municipio, Corvile e in Pizz Indipendenz. È stt umentt l rccolt del residuo orgnico presso ristornti e mense e sono stti introdotti ppositi scchi per l rccolt merctle; inoltre è stt vvit l rccolt sperimentle dei rifiuti verdi e delle potture nel XIII Municipio. Al 2006 sono inoltre ttive 6 isole ecologiche e 7 centri di rccolt per l RD. L dotzione impintistic Am per il trttmento dei rifiuti comprende due impinti di selezione multimterile (Rocc Cenci per un cpcità di 100 t/g e vi Lurentin per 70 t/g), un impinto di selezione e trttmento dei rifiuti indifferenziti per l produzione di CDR (Rocc Cenci, 750 t/g), un impinto di compostggio (Mccrese, regime dovrebbe trttre t/ di rifiuto umido, con un produzione di compost di qulità pri t/) e un termovlorizztore per rifiuti snitri (Ponte Mlnome, 100 t/g). Oltre gli impinti in esercizio, Am st completndo un secondo impinto per l produzione di CDR (750 t/g; regime il sistem integrto Slrio/Rocc Cenci vrà un cpcità di trttmento pri t/g) e due pittforme per il recupero di beni durevoli e beni elettronici (Ponte Mlnome e Acili-Drgon). È stt inoltre chiest ll Regione l utorizzzione per l relizzzione di un nuovo termovlorizztore, ncor d loclizzre. Per qunto rigurd l discric di Mlgrott, il Commissrio Delegto per l gestione dell emergenz rifiuti nell Regione Lzio h prorogto l utorizzzione llo smltimento fino l completo esurimento dell volumetri disponibile e comunque fino l 31 mggio 2007 (Decreto n. 96 dell 11 novembre 2006) Modelli di gestione del ciclo integrto livello di ATO Il qudro gestionle che emerge dll normtiv in essere, può essere delineto di seguenti obiettivi d rispettre livello di ATO: l utosufficienz in termini di impinti di trttmento e smltimento dei RSU prodotti; l disponibilità di lmeno un impinto tecnologi compless e di un discric; limiti progressivi llo smltimento in discric dei rifiuti biodegrdbili (173 kg/b l 2008; 115 kg/b l 2011; 81 kg/b l 2018); l prte biodegrdbile che non v in discric deve essere sottopost trttmento erobico, nerobico e/o termovlorizzzione; divieto di smltimento in discric per i rifiuti con potere clorifico inferiore (PCI) superiore kj/kg, che possono essere termovlorizzti; obiettivi progressivi di rccolt differenzit (35% l 2006; 45% l 2008; 65% l 2012); obiettivi di recupero/riciclggio degli imbllggi (entro il 2008: lmeno il 60% in peso recuperto; 55%-80% riciclto; Cfr. Tv. 5.1). L obiettivo di fondo è quello di rendere utosufficiente l ATO (potendo nche ricorrere un definizione territorile di ATO divers d quell provincile, per ottimizzre l uso degli impinti) e minimizzre il ricorso ll discric. Dti questi punti fermi, le possibilità di scelt fr diverse soluzioni tecnologiche, impintistiche e di principio è molto mpi. Il riciclggio delle frzioni differenzite umide (compostggio) e secche (crt, vetro, metlli e plstiche reintrodotte nel ciclo produttivo come mterie prime seconde) è un delle possibilità, cui si ggiunge il recupero di mteri e di energi (soprttutto medinte termovlorizzzione delle frzioni secche d lto PCI). Per i rifiuti indifferenziti ci sono ltre opzioni, fr cui l termovlorizzzione del cosiddetto rifiuto tl qule (residuo secco selezionto dll umido, m non pretrttto) ovvero l biostbilizzzione con produzione di CDR e FOS. Le vrie soluzioni orgnizztive e impintistiche vnno combinte insieme per chiudere il ciclo dei rifiuti in modo utosufficiente sul territorio di riferimento. L chiusur del ciclo rppresent dunque il prmetro fondmentle di riferimento, e l progrmmzione impintistic deve ssicurre l coerenz e l comptibilità delle vrie scelte tenendo presente tutte le impliczioni. L incremento delle frzioni rccolte in modo differenzito, d esempio, deve poter contre su sbocchi per il riciclggio nell industri o sull possibilità di recupero energetico o di mteri; l produzione di compost di qulità h senso se può essere utilizzto come mmendnte per terreni gricoli possibilmente locli; l produzione di CDR è giustifict se esiste un impintistic in grdo di utilizzre il combustibile (cementifici, termovlorizztori, centrli elettriche idonee brucire il CDR in miscel con i combustibili fossili trdizionli). In mncnz di sbocchi per l chiusu- 113

10 Cpitolo 5 All estremo opposto si trovno situzioni come quell di Plermo, dell Sicili in generle o di Rom, con un modello di gestione che l 2004 er ncor ssolutmente orientto ll discric. L relizzzione di impinti di biostbilizzzione per un elevt potenzilità di trttmento dell indifferenzito e produzione di CDR, senz progrmmre nche gli impinti di termovlorizzzione per utilizzre il combustibile prodotto o sottovlutndo i ritrdi che l opposizione delle comunità locli può comportre, conduce inver del ciclo, l RD finisce comunque in discric e i trttmenti si riducono pssggi che trsformno i RSU in rifiuti specili d stoccre in qulche modo, riproducendo il meccnismo di ccntonmento delle discriche, con nloghe conseguenze in termini di emergenz rifiuti. Un dimostrzione evidente del ftto che un vst disponibilità impintistic di trttmento non implic necessrimente l utosufficienz (nche se ggir tempornemente l emergenz discriche) si ottiene con l esme del fbbisogno teorico di discric (FTD) 14. Il FTD è un indictore sintetico del grdo di dipendenz del sistem dll discric: prità di FTD, possono esistere scelte impintistiche molto diverse con diversi grdi di emergenz (Cfr. Tv. 5.4). Tv. 5.4 FTD e indictori di trttmento in lcune regioni e province itline (2004) Vlori in percentule sui RSU prodotti Regione/Provinci RD Biostbilizzzione Incenerimento Discric /CDR effettiv NORD Trieste Bresci Treviso Milno CENTRO Firenze Rom SUD Cmpni Sicili Npoli Trnto Plermo ITALIA Fonte: ONR, Rpporto nnule sull gestione dei rifiuti, FTD Tendenzilmente, lti livelli di RD implicno bss dipendenz dll discric: Treviso, d esempio, con un RD pri l 65%, present bssissimi livelli di discric effettiv e di FTD nche senz ricorrere ll incenerimento (il che signific che il tessuto produttivo è in grdo di ssorbire le mterie prime seconde). Anlogmente, le zone che hnno puntto sull termovlorizzzione hnno chiuso il ciclo e risolto l dipendenz dell discric (Trieste, Bresci, Milno e in misur più limitt Trnto). 14 Fonte: ONR. Si trtt dell somm dei RSU smltiti in discric e dei residui stimti dei vri trttmenti. L formul del FTD è: FTD = Totle RSU (95%RD + 80% RSU incenerimento + 60% RSU biostbilizzzione) Può essere clcolto nche in percentule sui RSU: FTD% = FTD/Totle RSU. Più il vlore FTD è vicino l 100%, più il sistem locle dipende dll discric; vicevers, bssi vlori FTD indicno un sistem impintistico di trttmento più sviluppto. 114

11 Il servizio di igiene e decoro urbno ce situzioni instbili: è il cso soprttutto di Npoli e dell Cmpni che, nonostnte il FTD reltivmente bsso, non chiudono il ciclo e si trovno in un situzione di emergenz drmmtic Obiettivi minimi di servizio All luce di queste vlutzioni, è possibile osservre che le disprità nei sistemi di gestione (così come prim osservto nei livelli dell RD tr le vrie regioni del pese) configurno situzioni di oggettiv disprità territorile che, nel cso di un intervento pubblico volto l supermento delle stesse possono gire sull imposizione di obblighi minimi di servizio. Nell mbito delle politiche di gestione dei Fondi strutturli per il periodo , il Ministero dello sviluppo economico (ex Ministero dell economi) h dottto un meccnismo incentivnte per l ttribuzione di prte delle risorse destinte lle Regioni del Mezzogiorno 15. L finlità dell intervento è quell di grntire lle comunità locli il rispetto di obiettivi minimi sui servizi essenzili, legndo l corresponsione di vrie quote di finnzimento l rispetto di ltrettnti obiettivi intermedi (2009) e di obiettivi finli (2013), con l preciszione che il mncto rispetto degli obiettivi intermedi non pregiudic in nessun misur i finnzimenti nel cso in cui si correttmente rispettto l obiettivo finle. Fr i servizi interessti dll incentivzione rientr nche l gestione dei rifiuti, per i seguenti indictori obiettivo: Livello regionle dell rccolt differenzit di rifiuti urbni, misurt in percentule del totle dei rifiuti urbni prodotti. Quntità di frzione umid, proveniente dll rccolt differenzit, trttt in impinti di compostggio (in rpporto ll frzione di umido nel rifiuto urbno totle). Quntità di rifiuto urbno pro cpite smltito in discric. L scelt di obiettivi finli vuole mettere fuoco i risultti, lscindo libere le Amministrzioni di scegliere le zioni di intervento più pproprite second degli specifici contesti. Sebbene il Lzio non rientri fr le Regioni coinvolte dll incentivzione è doveroso segnlre che l situzione di prtenz in relzione l livello del servizio e l grdo di rggiungimento degli obiettivi nzionli non si discost molto di livelli medi delle regioni del Mezzogiorno Politiche e strumenti di prevenzione L definizione comunitri di prevenzione (così recepit nche dl decreto Ronchi e dl DA) è piuttosto restrittiv e rigurd specifictmente i rifiuti d imbllggio: in questo senso, per politiche di prevenzione si intendono tutte le zioni volte limitre l produzione di imbllggi e di rifiuti d imbllggio 16. L OECD nel 1998 vev dottto un definizione più mpi per cui rientrerebbero fr le politiche di prevenzione tutte le zioni che contribuiscono d llungre l durt dell vit dei beni e ridurre le quntità di rifiuti che si determinno. Molte delle zioni intrprese dgli Enti Locli itlini per l sostenibilità dell gestione dei rifiuti possono rientrre in questo concetto llrgto di prevenzione (prevenzione, GPP e ltre forme di riciclo dell RD); tuttvi, l di là delle generiche ffermzioni di principio, si può osservre come l diffusione di concreti interventi di prevenzione si piuttosto loclizzt livello di poche regioni (Tv. 5.6). Le mministrzioni pubbliche vri livelli territorili hnno disposizione diversi strumenti per tture tli politiche. Si può trttre di ccordi con lcune ctegorie di grndi produttori, di obblighi normtivi o nche di incentivi e strumenti di mercto (Tv. 5.5). Per fornire lle mministrzioni locli un supporto nell ttuzione prtic di queste politiche, l ONR in collborzione con Federmbiente h di recente elborto un documento contenente le linee guid per pplicre efficcemente interventi di prevenzione, evidenzindo per i flussi di rifiuti più sensibili, le misure d dottre e le ctegorie di produttori cui indirizzrle 17. L Tv. 5.6 riport le più concrete misure di prevenzione e di incentivzione dell RD livello di enti locli. Come nticipto, le zioni significtive in questo senso sono stte ttute d poche Regioni tutte situte l Centro-Nord; è nche interessnte notre che l mggior prte delle inizitive provincili e comunli sono loclizzte nel territorio delle Regioni più ttive sul fronte dell prevenzione. 15 Quest Agenzi h collborto con il Ministero nell fse di studio del progetto e specifictmente nei lvori di vlutzione e selezione degli indictori ppropriti per il settore dei rifiuti. 16 Direttiv 94/62/CE. L circoscrizione delle linee di prevenzione gli imbllggi non è obbligtori e comunque può essere giustifict dl ftto che in questo cmpo l prevenzione non implic limitzione dei consumi. 17 Federmbiente-ONR, Linee guid nzionli sull prevenzione e minimizzzione dei rifiuti urbni, novembre 2006, sito: NE%20DEI%20RIFIUTI.pdf.0 115

12 Cpitolo 5 Tv. 5.5 Strumenti per le politiche di prevenzione Strumenti Tipologi Esempi Strumenti normtivi Obblighi normtivi Percentuli minime GPP per gli cquisti delle PA Ecotsse Tss sullo smltimento in discric Strumenti economici Accordi e impegni volontri Certificzione di qulità mbientle Triff puntule Sussidi/incentivi Sgrvi fiscli Snzioni Crezione di mercti Accordi di progrmm Impegni politici Mrchi di qulità mbientle Prte vribile dell triff proporzionle ll produzione di rifiuti Finnzimento di progetti di prevenzione Riduzione dell liquot provincile per i comuni in bse l rggiungimento di determinti obiettivi Incremento dell liquot provincile per i comuni in bse l mncto rggiungimento di determinti obiettivi; interdizione ll ccesso di finnzimenti Mercti di scmbio per mterie prime seconde Accordi con ssociz commercinti: riduzione imbllggi. Impegno dell mministrzione per GPP Certificzione di qulità mbientle del prodotto o dei processi ziendli Tv. 5.6 Misure di prevenzione e incentivi per l RD livello di enti locli Ente Locle Regione Mrche Provvedimento 4 seminri 2005 DGR 141/05 DGR 1427/04 DCR 284/99 PRR Obiettivo Strumento Descrizione GPP divulgtivo Crezione di 4 reti provincili sul GPP RD incentivo Cofinnzimento medinte fondi comunitri di progetti di compostggio domestico dei rifiuti umidi prevenzione normtivo Definizione obiettivi e strumenti prevenzione; stim risultti: -10% dl 96 l 2008; strumenti: ccordi di progrmm e finnzimenti regionli Regione Lzio LR 26/03 prevenzione GPP snzione Limiti ll impiego di us e gett per lcune grndi ctegorie di produttori e snzioni in cso di mncto dempimento (fr cui interdizione fondi e finnzimenti regionli) DCR 112/02 prevenzione normtivo GPP: 50%-75% (l 2006) mterile crtceo; 30% crtucce toner ed esuribili d stmp, mterili riciclti per l relizzzione di opere e pplti pubblici LR 28/98 GPP normtivo Obbligo di cquisti GPP per mterile crtceo pri l 40% del fbbisogno Regione Lombrdi LR 26/03 GPP normtivo Obbligo di cquisti GPP pri l 35% del fbbisogno Progetto Remde Itly riciclo divulgtivo Ecotool (mnule per le imprese: sviluppo prodotti bsso imptto mbientle e utilizzo di mterie prime seconde) 116

13 Il servizio di igiene e decoro urbno Tv. 5.6 Misure di prevenzione e incentivi per l RD livello di enti locli (segue) Ente Locle Provvedimento Obiettivo Strumento Descrizione Regione Piemonte LR 24/02 rt. 17 prevenzione RD snzione I comuni con (%RD+%riduzione) < obiettivo %RD di legge sono snzionti in proporzione l n. bitnti e llo scrto fr obiettivo e risultti Regione Veneto LR 3/00 rt. 39 RD incentivo Il tributo per lo smltimento in discric viene pgto in misur ridott di comuni virtuosi in termini di RD: 30% per RD=50%; 65% per RD=35% Regione Toscn DGR 100/03 prevenzione RD 7 ccordi volontri Riciclggio: compost, C&D, plstic, beni durevoli, crt, vetro, legno Prevenzione: plstic, beni durevoli, crt, vetro, legno DCR 24/02 DGR 587-8/02 prevenzione incentivo Finnzimento progetti prevenzione per enti locli (20 comuni in regol con obiettivi RD) e imprese privte (6); selezione medinte gr DGR 286/01 PR imbllggi prevenzione RD normtivo informtivo Ricognizione imbllggi in regione e individuzione soluzioni prevenzione pckging; indiczioni per RD imbllggi Provinci di Firenze Protocollo politico 2005 prevenzione ccordo volontrio Protocollo prevenzione con ATO e Comune di Firenze: coinvolte ziende igiene urbn, Confindustri, Coop, Cn, Confrtiginto e Confcommercio Provinci di Vrese DGP 427/03 prevenzione incentivo snzione Aliquot provincile l 4% per i comuni con riduzione rifiuti>3%; 4,5% per riduzione rifiuti<3%; 5% per umento rifiuti Provinci di Prm Inizitiv Ecofeste 2003 prevenzione RD ccordo incentivo Accordo di progrmm con orgnizztori eventi e comuni per riduzione produzione rifiuti e incremento RD; finnzimenti per inizitive meritevoli Provinci di Torino Provinci di Bergmo DGP 68/03 DGP 1340/02 Fondi in bilncio 2001 e 2002 RD incentivo Bndo per progettzione e relizzzione servizi innovtivi di RD (110 progetti, 9,6 milioni di Euro, copertur mx 70%) prevenzione incentivo Incentivi economici per finnzimento 12 progetti di prevenzione (copertur mx 70%) Provinci di Mntov - prevenzione RD incentivo Riduzioni dell ddizionle provincile in bse i risultti comunli su: riduzione rifiuti, %RD, n. frzioni differenzite, %umido Provinci di Cremon Progetto GPPnet RD divulgtivo Cofinnzito UE Life Ambiente 2001; relizzzione e diffusione di un mnule, formzione del personle degli enti locli - RD incentivo snzione Differenzizione dell tss di smltimento pplict i comuni in bse l volume di rifiuto d smltire pro-cpite (soglie: 230, 260, 300 kg/b) Provinci di Treviso Triff puntule consorzio Priul prevenzione RD triffrio Triff puntule pplict dl consorzio Priul 22 comuni dell provinci di Treviso (cpoluogo escluso); effetti: riduzione dei rifiuti e RD=70% 117

14 Cpitolo 5 Tv. 5.6 Misure di prevenzione e incentivi per l RD livello di enti locli (segue) Ente Locle Provvedimento Obiettivo Strumento Descrizione Comune di Asti Accordo volontrio 2004 prevenzione divulgtivo sgrvi fiscli Accordo con ssocizioni di ctegori commercinti: promozione prodotti limentri e detergenti meno imbllti; grnde distribuzione 23 punti vendit Comune di Bolzno GPP dl 1996 GPP impegno volontrio Uffici comunli: RD rifiuti recuperbili, uso di crt riciclt, toner rigenerti, buste riutilizzbili Progetto Eco-Ufficio 2003/04 GPP divulgtivo Cmpgn informtiv l personle comunle su come perseguire e migliorre comportmenti ecologicmente corretti Comune di Ferrr Progrmm elettorle del sindco 1999/04 GPP impegno volontrio Agend 21: GPP un delle zioni del Pino; cquisti PA selezionti secondo criteri di preferibilità mbientle; elborzione linee guid per tecnici locli Comune di Venezi Progetto CAMBIERESTI? prevenzione RD divulgtivo volontrio Sperimentzione fmiglie venezine: stili di vit e consumo sostenibili (fr gli obiettivi: risprmio energetico, risorse, rifiuti, consumi) Fonte: elborzioni su dti Federmbiente-ONR, Linee guid nzionli sull prevenzione e minimizzzione dei rifiuti urbni, novembre L Regione Lzio h costruito un impinto normtivo piuttosto incisivo fvore dell prevenzione e del riciclggio. Fin dl 1998, con LR n. 27, h stbilito che gli uffici dell Regione e gli Enti Locli devono cquistre lmeno il 40% di crt riciclt. In seguito, il Pino di gestione dei rifiuti (di cui ll Deliberzione del Consiglio Regionle n. 112/2002) h imposto tutti gli uffici, gli Enti pubblici e le ziende regionli, lle Province ed i Comuni lzili l cquisto di quote minime di mterili riciclti per l utilizzo interno 18. Il Pino h individuto, inoltre, le zioni d mettere in tto i fini dell riduzione dell produzione dei rifiuti e dell incremento dell quntità e dell qulità dell rccolt differenzit. Fr queste, si segnlno gli ccordi di progrmm con l distribuzione e con le ssocizioni economiche e di ctegori per ridurre il volume di imbllggi e per il recupero e il riutilizzo dei rifiuti elettrici o elettronici, nonché con il circuito dell ristorzione collettiv privt per limitre l uso di contenitori e stoviglie perdere. D ultimo, l LR n. 26/2003 h introdotto snzioni economiche per i gestori di mense che non impiegno contenitori e stoviglie riutilizzbili o biodegrdbili ed esclude d fondi o finnzimenti regionli gli enti e le ziende che non ottemperno gli obblighi di riciclggio, che non differenzino i rifiuti e che non usno mterili riutilizzbili nelle proprie mense. Circ l efficci delle diverse possibili inizitive, vnno ftti due rilievi importnti: le misure normtive e le eventuli snzioni previste devono essere effettivmente pplicte ed ccompgnte d un vlido sistem di monitorggio; il comportmento dell popolzione locle è molto rilevnte nell influenzre i risultti delle politiche di prevenzione. Per questo motivo può essere utile ccompgnre qulsisi intervento di prevenzione con cmpgne di sensibilizzzione. Occorre infine richimre l ttenzione sull possibilità di introdurre l triff puntule, per proporzionre l spes vribile delle utenze domestiche e non domestiche ll effettiv produzione di RSU. Questo sistem triffrio è un lev importnte per indurre comportmenti ecocomptibili e in genere, dl momento che richiede controlli incisivi, contribuisce migliorre nche l qulità delle RD. È necessrio tuttvi segnlre che tli meccnismi presentno spesso costi più elevti rispetto ll triffzione presuntiv (bst su coefficienti e medie di produzione): richiedono inftti un pprofondito lvoro di preprzione per scegliere fr le soluzioni possibili quell che meglio si dtt ll singol reltà comunle (mobilità, tipologi delle bitzioni, densità e bitudini dell popolzione), sistemi di rccolt mggiore intensità di lvoro, introduzione di tecnologie innovtive, intensificzione dei meccnismi di controllo e cmpgne di sensibilizzzione (Cfr. Pr ). 18 Crt e crtoncini e crtoni d imbllggio: 50% che deve diventre il 75% nel Crtucce, toner ed esuribili d stmp: 30%. Mterili riciclti per l relizzzione di opere pubbliche e di pplti pubblici: 30%. 118

15 Il servizio di igiene e decoro urbno 5.3 Costi e triffe del servizio Con il regime triffrio, gli utenti sono tenuti ll copertur integrle dirett dei costi del servizio di igiene urbn. Ciò signific che i costi dell ziend incrict di erogre il servizio si riflettono sul livello dell triff pgt dgli utenti. I seguenti prgrfi forniscono un qudro comprtivo dei costi unitri del servizio e delle triffe pgte di cittdini nelle principli città itline I costi del servizio di igiene urbn in Itli Le informzioni più recenti sui costi del servizio di igiene urbn sono di fonte Apt e si riferiscono l Per confrontre i costi di reltà urbne differenti vengono utilizzte due ctegorie di indictori di costo: i costi per kg di rifiuto e i costi per bitnte. Il confronto dei primi fornisce informzioni sull efficienz del servizio; quello dei secondi dà l misur del costo medio sopportto di cittdini residenti nelle diverse città. L Tv. 5.7 riport le medie provincili dei costi opertivi e totli per kg di rifiuto prodotto, rccolto e trttto, riferite lle principli città itline, ordinte secondo il criterio dimensionle. Come si può osservre, Venezi crtterizzt d un profilo opertivo tipico present il mssimo livello di costo totle per kg, determinto essenzilmente d un forte sproporzione dei costi di gestione dei rifiuti indifferenziti, lrgmente superiori ll medi del cmpione. Le ltre province possono essere rggruppte su due diversi livelli di costo totle unitrio, l cui differenz è in prte ttribuibile ll scl dimensionle: quelle crtterizzte d cpoluoghi con un numero di bitnti superiore (Rom, Milno, Torino e Plermo) presentno costi superiori ll medi del cmpione, mentre le ltre (con un numero di bitnti inferiore ) presentno costi llineti o inferiori ll medi; ll interno delle due mcro-ctegorie, tuttvi, l vribilità dei costi non è legt solo l fttore popolzione. Un correlzione positiv significtiv fr costi unitri e dimensione dell popolzione si ritrov solo nel cso dello spzzmento (indice di correlzione, i.c.: 0,73; Rom present in questo cso i mssimi costi del cmpione). Fr le specificità delle singole voci di costo, l più evidente è l correlzione invers fr percentule e costo unitrio di RD (i.c.: -0,79), cui corrisponde nche un preciso ndmento geogrfico dei costi, crescenti d Nord verso Sud. Esiste correlzione invers nche fr costi unitri di trttmento e smltimento dell indifferenzito e Fbbisogno teorico di discric 19 (FTD; i.c.: -0,75). Queste ultime osservzioni rivelno l possibile presenz di economie di scl si nell RD, si nelle fsi di trttmento e smltimento dell indifferenzito, mentre evidenzi delle diseconomie di scl nello spzzmento. Per qunto rigurd il dto romno, si rilev soprttutto l lto costo unitrio dello spzzmento (eccedente dell 83% rispetto ll medi), m nche i costi di rccolt sono superiori ll medi del cmpione (+17% per l indifferenzito; +8% per l RD), mentre i costi unitri di trttmento e smltimento sono inferiori (-39%). È interessnte notre che, l netto dei costi di spzzmento, il costo unitrio del servizio di igiene urbn Rom coinciderebbe esttmente con l medi delle grndi città cmpione. In Tv. 5.8 sono contenute le medie provincili dei costi per bitnte. I costi totli pro cpite presentno un correlzione positiv, nche se non fortissim, con l produzione di rifiuti per bitnte (i.c.: 0,63); per qunto rigurd le singole componenti dei costi opertivi per bitnte, si rilev l forte correlzione fr costo dell RD e livello dell RD (i.c.: 0,93) e fr costi di spzzmento e popolzione servit (0,80). Mentre l prim informzione è ovvi, il forte legme fr costi di spzzmento e fttore dimensionle nche in relzione ll indictore pro cpite (che dovrebbe neutrlizzre proprio il fttore dimensionle) è molto significtivo e contribuisce sostenere l ipotesi di diseconomie di scl legte l servizio di spzzmento. 19 Il Fbbisogno teorico di discric è un indictore sintetico dell potenzilità impintistic locle; l formul dell FTD è riportt nell not 14. A prità di ltre condizioni, l FTD diminuisce ll umentre dell RD (e quindi l diminuire dell indifferenzito d trttre e smltire): l correlzione invers fr FTD e costi unitri CTS testimoni dunque l possibile esistenz di economie di scl nelle fsi di trttmento e smltimento dei rifiuti indifferenziti. 119

16 Cpitolo 5 Tv. 5.7 Medie provincili dei costi opertivi e totli per kg di rifiuto gestito nelle vrie fsi del ciclo (2003) Provinci Abitnti del cpoluogo * RD FTD IND CRT CTS DIFF CRD CSL CTOT** CTOT- CSL n. % % Ecent/kg Ecent/kg Ecent/kg Ecent/kg Ecent/kg Ecent/kg Rom ,6 89 8,07 4,60 10,20 6,08 24,29 18,21 Milno ,5 42 5,32 11,19 9,40 4,67 26,55 21,88 Torino ,9 76 5,61 5,96 9,94 2,54 23,09 20,55 Plermo ,1 90 7,57 5,81 19,92 3,34 25,29 21,95 Bologn ,2 46 5,45 7,38 5,69 2,78 18,57 15,79 Firenze ,5 55 2,55 9,20 6,01 2,14 21,98 19,84 Ctni ,5 97 6,94 6,31 29,71 4,67 19,73 15,06 Venezi , ,65 11,72 8,02 4,31 30,85 26,54 Veron ,5 50 7,32 9,95 7,83 2,79 19,36 16,57 Pdov ,5 39 4,22 9,13 9,61 1,57 21,76 20,19 Trnto ,6 96 6,69 4,82 21,97 3,02 17,93 14,91 Bresci ,3 26 7,29 7,70 6,96 2,21 15,28 13,07 Moden ,9 47 6,59 7,02 6,29 2,50 18,22 15,72 Cgliri ,5 79 7,38 6,02 23,85 1,30 15,79 14,49 Medi cmpione ,6 62 6,83 7,63 12,53 3,14 21,34 18,20 Itli ,5 63 6,90 7,51 9,46 3,32 21,11 17,79 Legend RD: rccolt differenzit; FTD: fbbisogno teorico di discric; IND: rifiuti indifferenziti; CRT: costi di rccolt e trsporto; CTS: costi di trttmento e smltimento; DIFF: rifiuti differenziti; CRD: costi dell rccolt differenzit; CSL: costi di spzzmento e lvggio; CTOT: costo totle. (*) Fonte: ISTAT, censimento (**) Il costo totle è mggiore dell somm dei costi opertivi in qunto comprende nche costi comuni e costi d uso del cpitle che non sono riportti in dettglio nell tvol. Fonte: Apt, Rpporto Rifiuti Tv. 5.8 Medie provincili dei costi opertivi e totli pro cpite (2003) Provinci RSU pc RD FTD Tri IND CRT CTS kg/b. % % si/no E/b E/b E/b E/b E/b E/b Rom ,6 89 si 44,65 25,46 6,78 38,10 152,24 114,14 Milno ,5 42 no 15,01 31,59 19,30 23,68 134,74 111,06 Torino ,9 76 no 22,01 23,37 12,96 13,26 120,73 107,47 Plermo 536 7,1 90 no 37,42 28,72 7,53 17,89 135,46 117,57 Bologn ,2 46 no 23,22 31,45 8,18 15,83 105,82 89,99 Firenze ,5 55 no 11,48 41,44 11,88 13,85 142,46 128,61 Ctni 463 4,5 97 no 30,48 27,74 6,24 21,61 91,37 69,76 DIFF CRD CSL CTOT* CTOT- CSL 120

17 Il servizio di igiene e decoro urbno Tv. 5.8 Medie provincili dei costi opertivi e totli pro cpite (2003) (segue) Provinci RSU pc RD FTD Tri IND CRT CTS kg/b. % % si/no E/b E/b E/b E/b E/b E/b Venezi ,8 42 si 59,45 47,54 13,12 25,40 181,73 156,33 Veron ,5 50 no 21,73 29,55 12,96 13,37 92,84 79,47 Pdov ,5 39 no 10,54 22,79 22,65 7,63 105,71 98,08 Trnto 438 5,6 96 no 27,58 19,85 5,35 13,24 78,50 65,26 Bresci ,3 26 no 24,53 25,89 14,11 13,07 90,32 77,25 Moden ,9 47 no 26,88 28,67 12,03 14,97 109,20 94,23 Cgliri 472 4,5 79 no 33,23 27,13 5,05 6,11 74,46 68,35 Medi cmpione , ,73 29,37 11,30 17,00 115,40 98,40 Itli , ,34 28,67 12,85 17,53 111,43 93,90 Legend: RSU pc: produzione di rifiuti urbni pro cpite; RD: rccolt differenzit; FTD: fbbisogno teorico di discric; Tri: eventule presenz del regime triffrio; IND: rifiuti indifferenziti; CRT: costi di rccolt e trsporto; CTS: costi di trttmento e smltimento; DIFF: rifiuti differenziti; CRD: costi dell rccolt differenzit; CSL: costi di spzzmento e lvggio; CTOT: costo totle. (*) Il costo totle è mggiore dell somm dei costi opertivi in qunto comprende nche costi comuni e costi d uso del cpitle che non sono riportti in dettglio nell tvol. Fonte: Apt, Rpporto Rifiuti DIFF CRD CSL CTOT* CTOT- CSL Per qunto rigurd le singole reltà locli, se si esclude Venezi, Rom present il dto più lto del cmpione, evidenzindo un costo medio per bitnte più elevto dell medi delle grndi province itline: nche d questo punto di vist è soprttutto l voce spzzmento e lvggio d incidere negtivmente sull performnce romn Livello delle triffe: confronti nzionli Le triffe di igiene urbn sono composte d un prte fiss e un prte vribile. L prte fiss è proporzionle lle superfici bitte, mentre l prte vribile è proporzionle l numero di componenti il nucleo fmilire. Dll combinzione dei vlori ssegnti lle due prti possono vrire i criteri distributivi dei costi sulle utenze: d esempio, prità di costo totle, un struttur triffri con un prte fiss più elevt e un prte vribile più contenut è crtterizzt d un rtio progressiv, che gevol i nuclei fmiliri numerosi rispetto quelli che bitno pprtmenti di grndi dimensioni. Nei Comuni che ncor dottno l Trsu, invece, il costo del servizio è proporzionle solo lle superfici dei locli. L Tv. 5.9 present un confronto dell spes che l fmigli tipo (3 persone bitnti in un pprtmento di 90 mq) sosterrebbe per l igiene urbn nelle principli città itline. Come si può osservre, per quest tipologi di nucleo fmilire Am present triffe ppen sopr l medi, con un ddizionle provincile fisst ll mssim liquot consentit. Le triffe più lte sono quelle di Npoli, le più bsse quelle di Bresci; Bresci present nche il minimo livello di imposizione provincile, per un costo totle del servizio che è poco più dell metà del prezzo pgto Rom e meno dell metà di quello pgto in città come Rovigo, Venezi, Plermo, Milno e Npoli. L Tv illustr l vrizione del costo del servizio nelle stesse città per diverse tipologie di nucleo fmilire e di unità bittiv. Le città sono ordinte secondo un criterio decrescente riferito ll fmigli tipo già esmint nell Tv. 5.9; le colonne sono ordinte in bse l costo crescente del servizio Rom. Escludendo Picenz, Pistoi e Sien, per tutte le ltre città si può verificre che l progressione delle tipologie è nlog quell di Rom, dove il tendenzile incremento del costo del servizio è più legto ll umentre dell superficie bittiv, che l numero dei componenti (5 persone in 100 mq pgno meno che 4 persone in 110 mq). Il costo Rom è più lto dell medi solo per l fmigli tipo e nel cso di 2 persone per 130 mq, mentre l fmigli d 5 persone per 100 mq è fr le più fvorite. Fr le città con costi del servizio medimente lti, Npoli e Plermo presentno costi supe- 121

18 Cpitolo 5 Tv. 5.9 Importo dell spes per il servizio di igiene urbn per un fmigli tipo di 3 persone bitnte in un pprtmento di 90 mq: confronti nzionli (2006) Comuni Aziend Addizionle provincile Importo IVA 10% A.P.* TOTALE Euro Npoli Asi 5,0% 221,40 22,14 11,07 254,61 Milno Ams 5,0% 205,20 20,52 10,26 235,98 Plermo Ami 5,0% 204,30 20,43 10,22 234,95 Venezi Vest 5,0% 201,14 20,11 10,06 231,31 Rovigo Asm Rovigo 5,0% 199,63 19,96 9,98 229,57 Rom Am 5,0% 195,23 19,52 9,76 224,51 Medi cmpione ,18 17,82 8,51 204,50 Torino Amit 5,0% 174,69 17,47 8,73 200,90 Picenz Enì 4,6% 172,41 17,24 7,93 197,58 Pistoi Publimbiente 5,0% 168,57 16,86 8,43 193,86 Rimini Her 5,0% 165,36 16,54 8,27 190,16 Sien Sienmbiente 5,0% 126,97 12,70 6,35 146,02 Bresci Asm 1,0% 103,23 10,32 1,03 114,58 (*) Addizionle provincile. Fonte: uffici comunli, siti dei Comuni e/o delle ziende che svolgono il servizio di igiene urbn. Tv Vrizione dell spes lord per il servizio di igiene urbn l vrire delle tipologie fmiliri e bittive: confronti nzionli (2006) Componenti nucleo mq Npoli 169,74 212,18 254,61 282,90 311,19 367,77 367,77 Milno 104,88 196,65 235,98 262,20 288,42 340,86 340,86 Plermo 156,63 195,79 234,95 261,05 287,16 339,37 339,37 Venezi 105,41 174,75 231,31 321,53 297,88 259,51 381,21 Rovigo 113,37 192,47 229,57 316,96 263,86 230,19 343,88 Rom 98,45 161,79 224,51 225,62 239,06 268,14 285,19 Torino 133,93 167,41 200,90 223,22 245,54 290,18 290,18 Picenz 80,07 153,39 197,58 273,63 237,01 200,80 307,47 Pistoi 90,24 152,53 193,86 284,36 253,48 196,81 314,38 Rimini 109,20 155,23 190,16 228,68 235,46 240,18 277,12 Sien 69,07 118,16 146,02 204,83 188,66 155,48 230,36 Bresci 56,15 92,66 114,58 136,43 140,16 120,00 155,94 Medi cmpione 107,26 164,42 204,50 251,78 248,99 250,77 302,81 Fonte: uffici comunli, siti dei Comuni e/o delle ziende che svolgono il servizio di igiene urbn. 122

19 Il servizio di igiene e decoro urbno riori ll medi per tutte le osservzioni, mentre Milno e Venezi presentno vlori inferiori solo per l prim tipologi; Rovigo, invece, present un ndmento regressivo, con costi inferiori rispetto ll medi solo nel cso di 2 persone che occupno 130 mq. I costi sono medimente più contenuti per le città elencte nell prte bss dell tvol, nche se le uniche città che presentno costi inferiori ll medi per tutte le tipologie sono Bresci e Sien: le triffe di Rimini sono superiori ll medi solo nel cso di nucleo monocomponente; Picenz e Pistoi presentno un ndmento nlogo, con vlori sopr l medi per i due csi d 5 componenti e, solo per Pistoi, per quello d 4; Torino le triffe superno l medi per il nucleo monocomponente e per entrmbi i bicomponenti Opzioni triffrie nel settore dei rifiuti: le triffe puntuli Un delle possibilità introdotte con il regime triffrio dl Decreto Ronchi è quell di commisurre l prte vribile dell triff ll effettiv produzione di rifiuti dei singoli utenti 20. Dl punto di vist prtico, l dozione di strumenti di misurzione dei rifiuti effettivmente prodotti e conferiti ll rccolt ssume un funzione incentivnte che premi l prevenzione e l RD ed è coerente con il principio comunitrio chi inquin pg. In reltà, l sostituzione dei criteri presuntivi per l stim delle quntità di rifiuti prodotti dlle vrie tipologie di utenz con strumenti puntuli di rilevzione dei rifiuti effettivmente conferiti present costi medimente più elevti e richiede controlli più intensi. Esistono diverse possibilità di misurre l quntità di rifiuti prodotti di singoli utenti. Si v dll impiego di scchi ufficili pgmento differenzito per le vrie tipologie di rifiuto, sistemi che impiegno tecnologie innovtive e costose, come i cssonetti d pertur controllt medinte crte di riconoscimento dell utente, corredti con strumenti di misurzione del peso o del volume conferiti. Perltro, l efficci dei vri sistemi di triffzione puntule dipende nche dl contesto bittivo e socile di riferimento. Nelle zone d lt densità bittiv, d esempio, è più difficile svolgere sufficienti controlli; dove il senso civico è meno sviluppto, inoltre, possono essere messi in tto comportmenti illeciti volti d ggirre l responsbilità triffri, come l utilizzo di scchi flsificti, l bbndono dei rifiuti fuori di cssonetti, il dnneggimento delle tecnologie di lettur o dei sistemi di pertur dei cssonetti e così vi. Per le reltà più complesse possono quindi essere più dtte soluzioni di second best con meccnismi intermedi che commisurno l prte vribile dell triff ll produzione dei rifiuti di qurtiere dell nno precedente Esenzioni e riduzioni triffrie Rom A Rom, l esenzione dll triff per l cs di bitzione viene grntit i nuclei fmiliri che comprendono nzini, minori, invlidi, mlti grvi o persone in stto di disoccupzione-inoccupzione e che rientrno entro limiti definiti di reddito imponibile fmilire dell nno precedente; i limiti per l esenzione dell triff nel 2006 sono riportti in Tv Oltre tli requisiti, il nucleo fmilire non deve possedere o disporre di immobili con vlore ICI superiore ,84 Euro e l bitzione non deve essere subffittt. Sono inoltre esclusi dl pgmento dell triff i locli e/o le ree che non producono rifiuti, se non in misur trscurbile. L triff viene invece pplict in misur ridott in lcuni csi specifici: per le fmiglie che ttuno il compostggio domestico (per cui è richiest l disponibilità di un re verde di lmeno 25 mq/bitnte dell cs) l riduzione è pri l 30% dell prte vribile dell triff; i residenti Rom che hnno disposizione un second cs e gli utenti residenti in ltro comune che occupno slturimente un bitzione (ltrimenti liber) Rom godono di un riduzione del 50% dell prte vribile; se i cssonetti sono situti più di un chilometro di distnz dll bitzione si h diritto un riduzione del 50% dell prte fiss dell triff; in cso di interruzione continutiv del servizio per oltre 30 giorni, si pplic un ridu- 20 Il DA h in reltà ttenuto l possibilità di utilizzre l triff come strumento incentivnte l prevenzione, in qunto sottoline l ntur prmetric dell proporzionlità ll produzione di rifiuti, fcendo riferimento ll quntità e qulità medi ordinri del rifiuto prodotto dll vrie ctegorie di utenti. Tuttvi, in fse di revisione del DA, vle l pen di sottolinere le possibilità offerte dll triff puntule, elencndo sinteticmente le esperienze vvite in Itli. 21 In questo cso l misurzione dei rifiuti può vvenire livello di depositi, con costi minori, m l incentivo ll prevenzione è senz dubbio ttenuto e si rischi comunque che lcuni utenti effettuino il conferimento dei rifiuti fuori dll propri zon. 123

20 Cpitolo 5 Tv Limiti di reddito imponibile fmilire 2005 per l ccesso ll esenzione dell triff 2006 nel Comune di Rom Numero di componenti Limiti ordinri (Euro) Limiti in presenz di lmeno un person diversmente bile (Euro) 1 componente componenti componenti componenti componenti componenti Più di 6 componenti Fonte: Aggiungere per ogni componente ggiuntivo zione pri 1/12 dell prte vribile per ogni mese di interruzione. Queste ultime due condizioni sono vlide nche per le utenze non domestiche. Per le non domestiche sono previste nche: riduzioni per locli ed ree scoperte destinti d uso stgionle o d uso non continutivo (50% dell prte vribile; se l occupzione è inferiore i 105 giorni nell nno o comunque non superiore due giorni/settimn, l riduzione sle l 60%); riduzioni fino l 30% dell prte vribile per le utenze che scelgono il recupero pgmento dei rifiuti ssimilti con un soggetto utorizzto diverso d Am (l riduzione è proporzionle ll quntità di rifiuti ssimilti che il produttore dimostr di ver vvito recupero); le scuole pubbliche e privte e le università godono infine di un riduzione del 66,7% dell triff. Le riduzioni non sono cumulbili; in cso, si pplic l riduzione più significtiv. Nell mggior prte dei csi, le richieste di riduzione o di esenzione vnno rinnovte nnulmente. 5.4 Il primo triennio di sperimentzione dell T.Ri. nel Comune di Rom e il servizio offerto d Am Completto il terzo nno di sperimentzione dell triff nel Comune di Rom si possono comincire vlutre le modlità di gestione del sistem triffrio e i suoi risultti. Dl punto di vist dell utente, è importnte rilevre come il pssggio d tss triff bbi influito non soltnto sul contributo diretto dei singoli cittdini, incrementto in seguito ll obbligo di copertur (integrle dirett) e ll ppliczione del regime IVA, m nche sui processi ziendli di pinificzione dei costi e degli investimenti d imputre l gettito dell triff (Pino Finnzirio), nonché sui meccnismi di controllo d prte dell utorità di regolzione competente. A questo proposito v sottolineto che il DA h recentemente modificto il qudro istituzionle del settore, per cui sembr che le competenze in mteri di pprovzione dei Pini Finnziri debbno essere trsferite dll Amministrzione locle ll rispettiv Autorità d Ambito, costituit livello di ATO. Proprio ll luce di queste novità normtive e del ritrdo di Am nell redzione del Pino Finnzirio 2007 (che, fr le ltre cose, deve nche determinre il 124

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC)

4. Trasporto pubblico non di linea: taxi e noleggio con conducente (NCC) 4. Trsporto pubblico non di line: txi e noleggio con conducente (NCC) L domnd di mobilità dei cittdini incontr un corrispondente offert delle diverse modlità di trsporto, sull bse delle crtteristiche degli

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA ll ASSUNZIONE e ll CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornt l 31 gennio 2015 PROGRAMMA POT Pinificzione Territorile Opertiv PROGRAMMA POT Pinificzione

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE

NOME BUBBICO ROCCO LUIGI CODICE FISCALE Riservto ll Poste itline Sp N. Protocollo t di presentzione UNI CONORME AL PROVVEIMENTO AGENZIA ELLE ENTRATE EL 000 E SUCCESSIVI PROVVEIMENTI Periodo d'impost 0 COGNOME COICE ISCALE Informtiv sul trttmento

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI

PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI PERDITE SU CREDITI E SVALUTAZIONE CREDITI Codice civile: I crediti devono essere iscritti secondo il vlore presumibile di relizzzione; quindi già l netto dell svlutzione derivnte dl monitorggio di ciscun

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine

YOGURT. Dosi per. 150 più secondo il. fermenti. eccezionalee. il nostroo lavorare. intestino. forma. Alla fine YOGURT FATTO IN CASAA CON YOGURTIERA Lo yogurt ftto in cs è senz ltro un modoo sno per crere un limento eccezionlee per l nostr slute. Ricco di ltticii iut intestino fermenti il nostroo lvorre meglioo

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio "Mercury Premier"

Grazie. Normativa sulle emissioni dell'epa. Avviso relativo alla garanzia. Servizio Mercury Premier Grzie per vere cquistto uno dei migliori motori fuoribordo sul mercto che si rivelerà un ottimo investimento per l nutic d diporto. Il fuoribordo è stto fbbricto d Mercury Mrine, leder internzionle nel

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana.

Sommario GIOVANI... 5 DONNE... 7. iscritti nelle liste. di mobilità IRAP... 24. Basilicataa. Piemontee Sicilia Toscana. lle ASSUN ZIONI AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIO NI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALII Guid 2013 PROGRAMMAA POT Pinificzione territorile opertiv Aggiornt l 31 dicembre 20133 Sommrio PRINCIPI GENERALI... 4 GIOVANI...

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW

STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Cod. 1879.185M STUD FOTOVOLTAICO 16 LED 1.2W CW Crtteristiche tecniche Corpo in lluminio pressofuso Portello di chiusur vno cblggio/btterie in termoindurente Riflettore in lluminio vernicito binco Diffusore

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA n u m e r o m o n o g r f i c o IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA PREMESSA Nell Comuniczione dell Commissione Europe del 3 luglio 2008, intitolt Migliorre le competenze per il 21 secolo: un ordine del

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0

Catalogo generale Process Heat 2014 /15. La soluzione giusta per ogni applicazione. We know how. Versione 4.0 Ctlogo generle Process Het 2014 /15 L soluzione giust per ogni ppliczione. Versione 4.0 We know how. Leister Technologies AG, Corporte Center, Kegiswil, Schweiz Leister Technologies AG, Stilimento di produzione,

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

10 Progetto con modelli tirante-puntone

10 Progetto con modelli tirante-puntone 0 Progetto con modelli tirnte-puntone 0. Introduzione I modelli tirnte-puntone (S&T Strut nd Tie) sono utilizzti per l progettzione delle membrture in c.. che non possono essere schemtizzte come solidi

Dettagli

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014

Prot. N 8502/A32 Augusta lì, 18/09/2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STTLE "SLVTORE TODRO" 96011 UGUST (SR) - Via Gramsci - 0931/993733-0931/511970

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE:

LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: LA PREVISIONE DELLE TEMPERATURE MINIME IN TEMPO REALE: DAI MODELLI TRADIZIONALI AI NUOVI APPROCCI REAL-TIME TEMPERATURE MINIMUM PREDICTION: FROM TRADITIONAL MODELS TO NEW APPROACHES Stefno Dll Nor 1, Emnuele

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura

Fatture registro unico. Oggetto della fornitura .S.: - - IC GIOVNNI XXIII/CESTE MIICBC (CF: ) nno Finnzirio: Ftture registro unico Ftture trovte: Numero- Dt Prg Reg Procoll o /B - -- /B - -- /B - -- Tipo Doc fttur fttur fttur Numero Fttur V- /M Dt Fttur

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA Modello 9/11 DIHIRZIONE DI INIZIO TTIVITÀ, VRIZIONE DTI O ESSZIONE TTIVITÀ I FINI IV (IMPRESE INDIVIDULI E LVORTORI UTONOMI) Informativa sul dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

telefono: 0917076129 3299045149 e-mail: agri1.utenzasian@regione.sicilia.it

telefono: 0917076129 3299045149 e-mail: agri1.utenzasian@regione.sicilia.it REPUBBLIC ITLIN Regione Siciliana SSESSORTO GRICOLTUR E FORESTE DIPRTIMENTO REGIONLE INTERVENTI STRUTTURLI Servizio XXI Monitoraggio e controllo dei fondi comunitari U.O.B. n 254 Gestione utenze SIN Viale

Dettagli

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE

CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE Conosimo le norme sull siurezz e sul iritto utore Unità 7 UNITÀ DIDATTICA 7 CONOSCIAMO LE NORME SULLA SICUREZZA E SUL DIRITTO D AUTORE IN QUESTA UNITÀ IMPAREREMO... onosere le norme he regolno il iritto

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI. ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ERCIZI SURUFFINI

ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI. ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ERCIZI SURUFFINI Esercii dell leione di Alger di se ESERCIZI SUI PRODOTTI NOTEVOLI ESERCIZI SUL M.C.D. E m.c.m. ESERCIZI SUL RACCOGLIMENTO A FATTOR COMUNE ES ES ERCIZI SURUFFINI ERCIZI SULLE SEMPLIFICAZIONI DI FRAZIONI

Dettagli

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali i sensi del D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e ss.mm.ii. TESTO UNICO SULL SLUTE E SICUREZZ SUL LVORO ttuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale Biliotec Tecnic Knuf 05/2006 L cutic con Knuf Indice 1. Introduzione...4 2. Suoni e rumori...5 Glorio...5 Rumori erei...5 Rumori impttivi...6 Tempo di rivererzione (T60)...6 Fonoiolmento e fonoorimento...7

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO

IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL LIBRO DI MORMON UN ALTRO TESTAMENTO DI GESÙ CRISTO IL Libro di Mormon RACCONTO SCRITTO SU TAVOLE PER MANO DI MORMON TRATTO DALLE TAVOLE DI NEFI

Dettagli

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani

Codici bifissi ed insiemi Sturmiani Università degli Studi di Plermo Fcoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Lure Specilistic in Mtemtic Codici ifissi ed insiemi Sturmini Studente Frncesco Dolce Reltore Prof. Antonio Restivo Anno Accdemico

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)?

4. Qual è il requisito principale per la saldatura di acciai a basso contenuto di carbonio (acciai dolci)? 1. Qule ei metoi ell eleno è ppliile ll ossizione ell iio? Menio Iniezione Chimio A sintill 2. Qule elle seguenti frsi rigur l punzontur? È un lvorzione lo he non inue grne eformzione el pezzo È un lvorzione

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re.

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. STRUMENTI PRATICI PER UNA VIRTUOSA ED EFFICACE GESTIONE DEI RIFIUTI PREMESSA Il Mo.Re.&Mo.Re., progetto europeo LIFE+, cofinanziato dalla regione Lazio ed iniziato nel Gennaio

Dettagli

MANUALE. GUIDA RAPIDA Alla ricarica con le impostazioni dell'ultimo programma

MANUALE. GUIDA RAPIDA Alla ricarica con le impostazioni dell'ultimo programma MNULE CONGRTULZIONI per l'acquisto di un nuovo professionale a tecnologia switc. Questo modello fa parte di una serie di professionali di CTEK SWEDEN B ed è dotato della tecnologia di ricarica delle batterie

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

ALLEGATO I PERIZIA DI STIMA RELATIVA AL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DELL IMMOBILIE OGGETTO DI DISMISSIONE SITO IN

ALLEGATO I PERIZIA DI STIMA RELATIVA AL PIU PROBABILE VALORE DI MERCATO DELL IMMOBILIE OGGETTO DI DISMISSIONE SITO IN ISTITUTO NZIONLE PER L SSICURZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LVORO CONSULENZ TECNIC PER L EDILIZI SETTORE II COSTRUZIONI D USO DIREZIONLE!! PERIZI DI STIM RELTIV L PIU PROILE VLORE DI MERCTO DELL IMMOILIE

Dettagli

Assisi, la sua terra e chi se ne prende cura. Le aziende dei prodotti tipici in vetrina

Assisi, la sua terra e chi se ne prende cura. Le aziende dei prodotti tipici in vetrina Assisi, l su terr e ci se ne rende cur. Le ziende dei rodotti tiici in vetrin Assisi è un città internzionle voct l turiso, nce l gricoltur di qulità rresent un volno iortnte er l su econoi. Assisi, l

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni Memorie >> Titnio e ue leghe INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà In queto lvoro ono tti ottenuti rivetimenti di Ni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli