Relatrice: dott.ssa Monica Francesca Veronese biologa. Mirano (VE),

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relatrice: dott.ssa Monica Francesca Veronese biologa. Mirano (VE), 09.03.2012"

Transcript

1

2 INQUINAMENTO, AMBIENTE E SALUTE Relatrice: dott.ssa Monica Francesca Veronese biologa Mirano (VE),

3 INTRODUZIONE DEFINIZIONE DI PAESAGGIO ll paesaggio è la particolare fisionomia di un territorio determinata dalle sue caratteristiche fisiche, antropiche, biologiche ed etniche; ed è imprescindibile dall'osservatore e dal modo in cui viene percepito e vissuto. (Wikipedia)

4 Alcune definizioni e considerazioni sul paesaggio <Il paesaggio è la rappresentazione materiale e visibile della patria, coi suoi caratteri fisici particolari, pervenuti a noi attraverso la lenta successione dei secoli > (Benedetto Croce )

5 Alcune definizioni e considerazioni sul paesaggio "Il paesaggio non va protetto perché estetizzato, ma perché è portatore di valori civili, garante della vita associata. È il filo che lega esperienze sociali, delle classi ricche e colte e delle persone umili, a cominciare dai contadini. (Salvatore Settis)

6 Il paesaggio, è anche risultato dell opera dell uomo, di un orizzonte culturale( ) (Salvatore Settis) Allegoria del Buon Governo Ambrogio Lorenzetti , Sala della Pace, Palazzo Pubblico, Siena Effetti del Buon Governo in città, Ambrogio Lorenzetti , Sala della Pace, Palazzo Pubblico, Siena

7 Ripensare oggi al tesoro paesaggistico italiano, florido fino al XIX secolo, e confrontarlo con quello attuale, crea grande malessere in chiunque abbia senso civico e rispetto per la collettività. ( ) Pienza (Salvatore Settis)

8 Assistiamo a un inquinamento antropico, quello risultante dalle attività umane, che provoca una vera e propria angoscia territoriale nei luoghi familiari perché ormai sono irriconoscibili ( ) Solo riconsiderando il paesaggio un bene comune si potrà avere un inversione di tendenza. (Salvatore Settis)

9 Definizione di paesaggio legata ad alcuni concetti di ECOLOGIA

10 ambienti geografici del Veneto ambiente litoraneo ambiente lagunare ambiente planiziale ambiente collinare ambiente palustre ambiente fluviale ambiente forestale ambiente alpino

11 paesaggio elementi fisico-geografici luci colori

12 ambiente elementi fisico-geografici elementi biotici tipo di suolo parametri climatici colori, luci, suoni

13 biotopo ambiente fisico vegetazione comunità faunistica esempi: siepe, fosso, campo di grano, barena

14 il biotopo della siepe igrofila

15 ecosistema ambiente fisico vegetazione comunità faunistica relazioni tra organismi

16 ecosistema della foce fluviale

17 paesaggio ambiente biotopo ecosistema

18 l ecologia studia

19 bioma

20 laguna e valli da pesca: un esempio di paesaggio prossimonaturale

21 laguna di Venezia

22

23

24

25 COSA RESPIRIAMO NOI E I NOSTRI FIGLI? Non solo cosa respirano ma anche cosa bevono, sentono, mangiano e toccano

26 Rischio Chimico Ai sensi della Direttiva Seveso Il R.C. viene considerato per la vicinanza di zone abitative a Industrie ad alto rischio. Vengono soprattutto indicate le immissioni in atmosfera di diossine

27 La direttiva europea detta "direttiva Seveso" (82/501/CEE, recepita in Italia con il DPR 17 maggio 1988, n. 175) impone agli stati membri di identificare i propri siti a rischio. La direttiva è evoluta nel corso del tempo, la versione più recente è la direttiva 96/82/CE ("Seveso 2"), in vigore dal 3 febbraio 1999, concernente il controllo dei rischi da incidenti rilevanti che coinvolgano sostanze pericolose.

28 Con il termine disastro di Seveso si fa riferimento all'incidente avvenuto il 10 luglio 1976 nell'azienda ICMESA di Meda, che provocò la fuoriuscita di una nube di diossina del tipo TCDD, una tra le sostanze tossiche più pericolose. La nube tossica investì una vasta area di terreni nei comuni limitrofi della bassa Brianza, in particolare Seveso.

29 I composti diossine si ripartiscono in due categorie, entrambe derivate da composti di formula bruta C 4 H 4 O 2. Derivati dalla 1,2-diossina, Derivati dalla 1,4-diossina, il capostipite più stabile. La più nota e pericolosa di esse, per contaminazioni ambientali e alimentari, è la 2,3,7,8-tetraclorodibenzo-pdiossina, spesso indicata con l'abbreviazione TCDD.

30 Emissioni di diossina nel nostro territorio Massiccio inquinamento atmosferico da sostanze diossinosimili nella Provincia di Venezia rilasciate da i inceneritori e scarichi industriali periodo Nella popolazione esaminata da uno studio effettuato dal Registro Tumori su incarico del Dipartimento Regionale per la Prevenzione, risulta un significativo eccesso di rischio di sarcoma correlato sia alla durata che all intensità dell esposizione. Le principali fonti inquinanti vanno ricercate nell area industriale di Porto Marghera, nel suo inceneritore SG31, e nell inceneritore Camin di Padova

31 Da tale studio è emerso che gli inceneritori con più alto livello di emissioni in atmosfera sono stati quelli che bruciavano rifiuti urbani Nell ordine sono seguiti quelli per rifiuti ospedalieri e quelli industriali Da altre fonti, si apprende come le immissioni di diossine provengano sicuramente anche da veicoli pesanti, come camion, soprattutto a Diesel, ma anche da autovetture a seguito della combustione dei diversi carburanti.

32 Attualmente, gli inceneritori di nuova generazione, chiamati termovalorizzatori, riducono sicuramente le immissioni di diossine nell atmosfera(v. termov. di Brescia) Bisogna altresì contenere il traffico delle reti viarie dal momento che si rende responsabile della dispersione in atmosfera di cancerogeni che oltre a riconoscere una molteplicità di cellule bersaglio sono in grado di agire per effetto di una bioaccumulazione.

33 Le politiche ambientali dovrebbero porre al centro delle proprie strategie la riduzione della produzione dei rifiuti come necessario obiettivo di prevenzione primaria, la riduzione di imponenti opere urbanistiche e soprattutto tutelare e conservare l ambiente.

34 Inquinamento aria nel nostro territorio Fonti principali -Viabilità: Passante ( aumento inquinamento in base ai recenti dati ARPAV) e Tangenziale di Mestre forieri di gas di scarico di veicoli -Riduzione di aree verdi e consumo di suoli per scelte urbanistiche -Vicinanza al polo industriale di Porto Marghera (incen. SG31) -Vicinanza a reti viarie congestionate (es. Noalese)

35 Inquinanti atmosferici principali Inq. Primari che vengono emessi da fonti chiaramente identificate Inq. Secondari, che si originano da primari per mezzo di reazioni chimiche

36 Inquinanti Primari (tutti cancerogeni) -ossidi di zolfo: SO 2, SO 3 -ossidi di azoto:no, NO 2, NO 3, N 2 O (NO) x -ossidi di carbonio:co, CO 2 -Idrocarburi incombusti e composti aromatici (benzene) -Piombo - Amianto

37 Inquinanti Secondari -Acido solforico, H 2 SO 4 -Ozono, O 3 Secondo l OMS la presenza di elevate concentrazioni di ozono danneggia la salute umana, quella di animali e di piante

38 Polveri atmosferiche in sospensione nell aria PTS (polveri totali sospese) (diametro:da 0,005 μm a 100 μm): - grossolane (diametro: da 2,5 a 30 μm) - fini (diametro inferiore a 2,5 μm) PM (particulate matter): - polveri PM 10 (diam. inf. a 100 μm) - polveri PM 2,5 (diam. inf. a 2,5 μm)

39 Polveri atmosferiche PM 10 polveri inalabili: sono in grado di penetrare nel tratto superiore dell apparato respiratorio, dal naso alla laringe PM 2,5 polveri respirabili: sono in grado di penetrare nel tratto inferiore dell apparato respiratorio, dalla trachea sino agli alveoli polmonari

40 SMOG FOTOCHIMICO Smog = smoke (fumo) e fog (nebbia) E la combinazione degli inquinanti primari, degli inquinanti secondari, come l ozono, per reazioni fotochimiche, e del particolato sospeso

41 MONITORAGGIO DI INQUINANTI ATMOSFERICI CON CAMPIONATORI PASSIVI I campionatori diffusionali (passivi) sono dispositivi brevettati dall Istituto sull Inquinamento Atmosferico. Con essi si può effettuare un campionamento di lungo periodo quale strumento di indagine della qualità dell aria ambiente. Valutazione dell impatto ambientale di sostanze di interesse igienico-sanitario, come: -benzene, un cancerogeno riconosciuto, -ossidi di azoto, tossicità per lungo periodo.

42 MONITORAGGIO DI INQUINANTI ATMOSFERICI A MIRANO IN VIA TORINO E IN ALCUNE LOCALITA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA stazioni fisse rete ARPAV nel 2005 Concentrazioni medie in μg/m 3 di durata settimanale misurate durante il periodo di studio (17/01/05 31/03/05) con campionatori passivi Stazione SO 2 NO 2 CO O 3 PM 10 Maerne Mira , Mirano Malcontenta Parco Bissuola , Via Circonvallazione ,1-60

43 MONITORAGGIO DI INQUINANTI ATMOSFERICI NELLA PROVINCIA DI VENEZIA Localizzazione delle stazioni fisse della rete ARPAV nel 2005 A Mirano è stata collocata una centralina in via Torino Percentuale di dati orari (biorari per PM10) validi misurati durante il periodo di studio Stazione SO 2 NO 2 CO O 3 PM 10 Maerne Mira Mirano Malcontenta Parco Bissuola Via Circonvallazione

44 MONITORAGGIO DI INQUINANTI ATMOSFERICI NELLA PROVINCIA DI VENEZIA Localizzazione delle stazioni fisse della rete ARPAV nel 2005 A Mirano è stata collocata una centralina in via Torino Percentuale di dati validi misurati durante il periodo di studio con campionatori passivi di durata settimanale Stazione C 6 H 6 PM 10 PM 2,5 Maerne Mira Mirano Malcontenta Parco Bissuola Via Circonvallazione

45 DATI RELATIVI AD UNA MAGGIORE INCIDENZA DI CANCRO NELLA REGIONE VENETO RISPETTO AL RESTO D ITALIA Registro Tumori del Veneto Si possono calcolare circa nuovi casi all anno per i maschi e nuovi casi all anno per le femmine Nei maschi il tumore più frequente è alla prostata, seguito da quello al polmone e al colon-retto, vescica, fegato Nelle femmine un terzo dei casi riguarda il tumore alla mammella (4100casi all anno) seguito da quello al colon-retto, utero, polmone L incidenza dei tumori nei maschi del Veneto è più alta del dato medio nazionale

46 Materiali conferiti nella discarica di Luneo Scarti da demolizioni Imballaggi vari Sabbie di fonderie Stampi in gesso Scarti di lavaggio vetrerie Residui industriali a base di silice Fanghi di impianti di depurazione

47 Inquinanti comunemente rinvenibili nei rifiuti Cadmio Mercurio Arsenico Amianto Cromo (esavalente) Nichel Diossine Bifenili policlorurati Idrocarburi aromatici policiclici (IPA)

48 Indagine epidemiologica area discarica di via Luneo a Spinea (VE) Dott.Flavio Valentini Dipartimento di Prevenzione AULSS 13 Veneto Zona di indagine: ex cava di via Luneo Comuni interessati: Spinea, Martellago, Salzano, Mirano Periodo esaminato : dal 1999 al 2004

49 Discarica Ca Perale di Spinea e casello di Mirano Patologie neoplastiche indagate 155 tumori maligni fegato e dotti biliari 170 tumori maligni ossa e cartilagine articolare 171 tumori maligni al tessuto connettivo e altri tessuti molli 172 melanomi maligne alla pelle 191 tumori maligni encefalo 202 linfomi non Hogdkin

50 Inquinamento acque i risultati delle analisi con gli studenti del Liceo scientifico Majorana dal 2003 fino al 2009 Corso d acqua analizzato: Lusore, località Scaltenigo Dati rilevati:eutrofizzazione dovuta a presenza di nitrati e fosfati

51 Conseguenze: anossia del corso d acqua; eccessiva crescita di alghe e vegetazione acquatica superficiale, scarsa o assente biodiversità Fontane artesiane del miranese chiuse nel 1998 con decreto del Sindaco ( riscontrati inquinamenti? Qualche omissione?)

52 AMIANTO (ASBESTO) GRUPPO DI MINERALI NATURALI, APPARTENENTI AI SILICATI RICCHI IN FERRO E MAGNESIO, CON STRUTTURA FIBROSA (il più diffuso è il CRISOTILO) PROPRIETA RESISTENTE AL CALORE RESISTENTE AL FUOCO RESISTENTE ALL AZIONE DEGLI ACIDI RESISTENTE ALLA TRAZIONE MOLTO FLESSIBILE FILABILE PROPRIETA FONOASSORBENTI PROPRIETA TERMO-ISOLANTI IMPIEGO IN DIVERSI CAMPI: DALL EDILIZIA, ALL INDUSTRIA AI TRASPORTI E IN 300 PRODOTTI DIVERSI

53 In Italia l utilizzo dell amianto è stato abolito a causa della sua pericolosità (L.257/1992) IMPIEGHI IN PASSATO FABBRICAZIONE DI PRODOTTI ISOLANTI TERMICI E ACUSTICI FABBRICAZIONE DI TESSUTI IGNIFUGHI MISCELE CON ALTRI MATERIALI EDILI: CALCE, GESSO (PANNELLI PER CONTROSOFFITTATURE) PRODUZIONE DI MATERIALI CEMENTO-AMIANTO PER TETTI ( ETERNIT ) FABBRICAZIONE DI ALCUNI POLIMERI (GOMMA, PVC) FABBRICAZIONE FRENI, FRIZIONI, GUARNIZIONI, COIBENTAZIONI DI TUBI PRESSOCCHE UBIQUITARIO

54 QUALI RISCHI COMPORTA Le sue fibre se disperse nell aria ed inalate possono essere causa di gravi patologie a carico prevalentemente dell apparato respiratorio FIBROSI POLMONARE ASBESTOSI TUMORI: MESOTELIOMA PLEURICO E PERITONEALE

55 COSA DICE LA LEGGE La legge 257/1992 ha determinato la completa dismissione dell amianto e dal 1994 non vengono più prodotti né commercializzati materiali contenenti amianto LA STESSA NORMATIVA PREVEDE CHE LE REGIONI ADOTTINO UN PIANO DI PROTEZIONE, DECONTAMINAZIONE E SMALTIMENTO E BONIFICA LA REGIONE VENETO HA APPROVATO NEL 1996 IL PROPRIO PIANO REGIONALE AMIANTO LA BONIFICA VA EFFETTUATA DA DITTE AUTORIZZATE E SPECIALIZZATE PREVIA PRESENTAZIONE DI UN PIANO DI LAVORO PRESSO LA ASL DI COMPETENZA

56 CHI CONTROLLA Gli Enti competenti per il controllo relativo a protezione, decontaminazione,smaltimento e bonifica: ARPAV con il CENTRO REGIONALE AMIANTO del DIPARTIMENTO PROVINCIALE di VERONA e i SERVIZI TERRITORIALI di tutti i DIPARTIMENTI PROVINCIALI per la tutela degli ambienti di vita LE AZIENDE SANITARIE LOCALI tramite gli SPISAL per la tutela degli ambienti lavorativi

57 Inquinamento acustico In base alla Legge 26 Ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull inquinamento acustico che demanda ai Comuni la rilevazione nonché il controllo delle emissioni sonore dei veicoli è possibile far rilevare i dati all'arpav (Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto)

58 DANNI PROVOCATI DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO L inquinamento acustico costituisce uno dei principali problemi ambientali di tutti i Paesi. In Italia (dati OMS) è piuttosto grave: è stato infatti misurato un inquinamento acustico medio di 70 decibel di giorno e di 65 di notte. Per l'oms la soglia massima di tollerabilità è rispettivamente di 65 e 55.

59 La sensibilità ai rumori varia da persona a persona ma esiste una soglia di tolleranza valida per tutti, oltre questa alcune funzioni dell'organismo possono essere compromesse provocando danni psicofisici. La soglia di rischio per la salute è stata individuata attorno agli 80 decibel: già a 90 si avverte fastidio e a 120 compare dolore, capogiro, nausea e sordità temporanea

60 Un rumore molto elevato - oltre i 120 decibel - può provocare traumi irreversibili per l'udito e per l'orecchio. All'udito perché un rumore eccessivo può danneggiare, se non distruggere, le cellule che elaborano i suoni percepiti. All'orecchio perché, soprattutto se l'intensità del rumore aumenta in tempi brevissimi, potrebbero verificarsi la rottura del timpano o la lussazione degli ossicini nell'orecchio medio.

61 IL RUMORE SI MISURA IN DECIBEL Il decibel è il logaritmo tra la pressione sonora (P) e una pressione di riferimento (PA) moltiplicato per dieci. db = 10 log (P/PA) VARIAZIONE DEL LIVELLO SONORO DESCRIZIONE DELLA SENSAZIONE 0-2 db : non percettibile, è nelle tolleranze di misura ed è senza importanza 1-5 db : appena percettibile, leggera variazione 5-10 db: variazione nettamente percettibile (fruscio delle foglie ) db: variazione notevole 20 db: variazione fortissima e con effetti dell'inquinamento acustico su alcune funzioni dell'organismo (conversazione tra due o più persone equivale a db)

62 La domada all ARPAV, effettuata dal Comune di Mirano, ha dato il suo esito per il posizionamento in data 26/01/2011 di una centralina in via Scaltenigo: una stazione di rilevamento è stata posta all'inizio e un'altra alla metà (fra le due rotatorie) della strada provinciale 26 come richieste dal comitato "Via Scaltenigo". Siamo in attesa dei dati di rilevamento Sicuramente vi è un influenza dovuta al traffico del Passante e alla viabilità del centro

63 Opere di urbanizzazione previste nel miranese e nei territori limitrofi Otto milioni di mq di terreno da occupare per la costruzione di centri polifunzionali e strade commerciali la Nuova Romea la Camionabile lungo l Idrovia Venezia-Padova la Città della moda a Fiesso d Artico Veneto City a Dolo, Mira, Pianiga, Mirano l elettrodotto aerea Dolo-Camin il polo della logistica a Dogaletto di Mira

64 (Garibaldi, Massari, Preve, Salvaggiulo, Sansa) Opere di urbanizzazione previste nel miranese e nei territori limitrofi Otto milioni di mq di terreno da occupare per la costruzione di centri polifunzionali strade commerciali <( )Veneto City occuperà la bellezza di mq, l equivalente di 261 campi da calcio. La superficie edificabile è di mq, come un capannone lungo 25 chilometri ( ) Per rendersi conto dell impatto bisogna guardare le foto prese dal cielo: dove adesso si vede una grande macchia verde, una delle poche rimaste, nascerà il nuovo complesso. ( ) La rivoluzione arriverà con i visitatori previsti ogni giorno, senza contare i veicoli (auto, camion, furgoni) che graviteranno intorno al progetto: fino a ( )> La Colata - Il partito del cemento che sta cancellando l Italia e il suo futuro

65 Ogni territorio confina con un altro <( ) Ma in fondo anche oggi il Veneto sta scivolando verso un unica grande area metropolitana. Basta guardarsi intorno, in questo paesaggio senza variazioni, senza soluzioni di continuità. ( ) Ma gli amministratori che si sono opposti ( ) si contano sulle dita di una mano. ( )> La Colata - Il partito del cemento che sta cancellando l Italia e il suo futuro (Garibaldi, Massari. Preve, Salvaggiulo, Sansa) COSA PERDIAMO?

66 UNA PROPOSTA PER L AMBIENTE MIRANESE I corridoi ecologici: nuovi percorsi ciclabili e pedonali nel verde

67 Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale di Venezia (PTCP) approvato 2010 Tav. Sistema Ambientale Reti Ecologiche Vegetazione arboreo arbustiva perifluviale di rilevanza ecologica

68 Piano Territoriale Regionale di Coordinamento (PTRC) adottato 2009 Tav. 9 Sistema del territorio rurale e della rete ecologica Sistema della rete ecologica Corridoi ecologici

69 Una rete ecologica è un insieme di strategie di intervento per la riqualificazione del territorio e dei processi naturali che lo caratterizzano. Rappresenta un nuovo approccio alla tutela della natura, basato sul concetto di biodiversità, che punta a salvaguardare e potenziare la diversità biologica, fondamentale per la sopravvivenza degli ecosistemi

70 E uno strumento indispensabile sia dal punto di vista tecnico che politico per la pianificazione territoriale e l incremento della qualità del territorio, al fine di creare un nuovo equilibrio tra spazi naturali e contesto antropizzato

71 Gli elementi strutturali di una rete ecologica 1. aree nucleo (core areas), gli ecosistemi più significativi, dotati di un elevata naturalità, che costituiscono l ossatura della rete; 2. aree tampone (buffer zones o aree cuscinetto), contigue alle aree nucleo, che svolgono una funzione di protezione con una sorta di effetto filtro; 3. corridoi ecologici, ovvero porzioni continue di territorio in grado di svolgere funzioni di collegamento per alcune specie o gruppi di specie

72 La gestione della rete ecologica regionale tiene conto della relazione ai diversi ecosistemi che compongono il mosaico ambientale. Una rete ecologica non costituisce un sistema chiuso ma è data da una gerarchia di ambienti da quello locale, provinciale e regionale a quello più vasto di carattere nazionale o transnazionale. Nella realizzazione della rete ecologica del Veneto, ad esempio, non si è potuto prescindere dall'inserimento, seppure in una scala di minor dettaglio, delle regioni o province autonome limitrofe e dell'austria, al di là dei limiti indicati dai confini amministrativi regionali.

73 3. Sono vietati gli interventi che interrompono o deteriorano le funzioni ecosistemiche garantite dai corridoi ecologici. Norme Tecniche PTRC ARTICOLO 25 - Corridoi ecologici 1. Le Province definiscono le azioni necessarie per il miglioramento della funzionalità ecologica degli habitat e delle specie nei corridoi ecologici, individuano e disciplinano i corridoi ecologici 2. I Comuni individuano le misure volte a minimizzare gli effetti causati dai processi di antropizzazione o trasformazione sui corridoi ecologici, anche prevedendo la realizzazione di strutture predisposte a superare barriere naturali o artificiali al fine di consentire la continuità funzionale dei corridoi.

74 Preserviamo il nostro territorio Il fiume Muson

75

76

77

78

79 < ( )Un bel paesaggio una volta distrutto non torna più e se durante la Guerra c erano i campi di sterminio, adesso siamo arrivati allo sterminio dei campi ( )> Andrea Zanzotto

80 < ( ) Io ho la mia casa in campagna in una pianura stupenda, limitata dalle montagne e dalla pianura veneta, attraversata da acque chiare sotto un cielo relativamente mite ( )> Giovanni Comisso

81 GRAZIE DELL ATTENZIONE Relatrice: dott.ssa Monica Francesca Veronese biologa Mirano (VE),

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE...

AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 2 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 2 3 3 4 4 GESTIONE AZIENDALE ORIENTATA ALL AMBIENTE... CAP e L AMBIENTE IL SISTEMA DEI TRASPORTI E L AMBIENTE... 2 Evoluzione della mobilità passeggeri... 2 La mobilità e gli effetti sull ambiente: i costi... 2 LE EMISSIONI IN ATMOSFERA... 2 Le polveri atmosferiche...

Dettagli

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO Dr. Stefano Galavotti Servizio Igiene Pubblica Medolla, 28 febbraio 2015 1 Amianto nelle Scuole 2 Amianto sui giornali 3 EPIDEMIOLOGIA in Italia nei Siti

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

La pericolosità dell amianto e quadro normativo

La pericolosità dell amianto e quadro normativo Dipartimento di Prevenzione S.P.I.S.A.L La pericolosità dell amianto e quadro normativo Dott. Gianfranco Albertin - Medico del Lavoro Terrassa 10 Aprile 2015 Cos è l amianto Materiale di origine minerale,

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 3171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 41 5445511 Fax +39 41 54455 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Stato dell Ambiente Responsabile del Procedimento:

Dettagli

AMIANTO: RISCHI PER LA SALUTE, INTERVENTI DI BONIFICA E MODALITA DI SMALTIMENTO

AMIANTO: RISCHI PER LA SALUTE, INTERVENTI DI BONIFICA E MODALITA DI SMALTIMENTO AMIANTO: RISCHI PER LA SALUTE, INTERVENTI DI BONIFICA E MODALITA DI SMALTIMENTO Martedì 15 maggio 2012 miniera di amianto di Balangero, (Torino) Eternit di Casale Monferrato (Alessandria) febbraio 2012

Dettagli

ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria

ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria ATTIVITA 2 Monitoraggio della qualità dell aria Maria Rosa ARPAV-Dip. Prov. VE ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4 Modellistica applicata

Dettagli

AMIANTO Gestione del rischio negli edifici pubblici e privati

AMIANTO Gestione del rischio negli edifici pubblici e privati DESENZANO DEL GARDA 9 APRILE 2015 Sala Pelèr Palazzo Todeschini AMIANTO Gestione del rischio negli edifici pubblici e privati Cos è l amianto Con il termine amianto, o asbesto, si intende un gruppo di

Dettagli

Qualità dell aria a Palermo

Qualità dell aria a Palermo Comitato di redazione del Bollettino dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Palermo Qualità dell aria a Palermo A cura di: ing.a.bertuglia, ing.m. Sciortino,dott.ssa R.Barbiera Ambiente ed inquinamento

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

IL RISCHIO TUMORI PROVOCATI DA AMIANTO E ALTRI INQUINANTI. del dottor Giorgio Rossi (oncologo)

IL RISCHIO TUMORI PROVOCATI DA AMIANTO E ALTRI INQUINANTI. del dottor Giorgio Rossi (oncologo) IL RISCHIO TUMORI PROVOCATI DA AMIANTO E ALTRI INQUINANTI del dottor Giorgio Rossi (oncologo) GLI ULTIMI 50-60 ANNI SONO STATI CARATTERIZZATI DA UN'ECCEZIONALE ESPANSIONE DELLE ATTIVITA' INDUSTRIALI E

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Sicurezza sul lavoro Cos è l amianto? Il termine «amianto» indica un gruppo di minerali a struttura fibrosa presenti in natura. L amianto è presente

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Impieghi principali dell amianto Panoramica senza lavorazione, pulizia, con lavorazione, pulizia, rimozione rimozione Pagina Amianto fortemente agglomerato

Dettagli

Asbesto. Principali materiali contenenti amianto e loro rilascio di fibre di amianto. Elevato

Asbesto. Principali materiali contenenti amianto e loro rilascio di fibre di amianto. Elevato Asbesto Note in materia di valutazione del rischio ed obblighi di legge 1 Definizione... 1 2 Utilizzo... 1 3 Tossicità... 2 4 Valori limite... 2 5 Obblighi... 2 6 Intervento di bonifica... 3 6.1 Valutazione

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse

Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Allegato 1 Trend dei monitoraggio da stazioni fisse Indice 1 / A1.1 Particolato fine (PM 10) 7 / A1.2 Particolato fine (PM 2.5) 11 / A1.3 Biossido di azoto (NO 2) 14 / A1.4 Monossido di carbonio (CO) 17

Dettagli

dove si trova Usi dell amianto nei mezzi di trasporto Usi dell amianto nell industria

dove si trova Usi dell amianto nei mezzi di trasporto Usi dell amianto nell industria amianto L amianto rappresenta un pericolo per la salute umana. Nel corso degli scorsi decenni se ne è fatto un abbondante uso per via dei suoi bassi costi. Proprio per questo occorre conoscere bene le

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE

ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE ISTRUZIONI PER LA LETTURA DELLE TABELLE Nella colonna viene indicato con una sigla il sistema ed il settore a cui fa riferimento l'indicatore (es. SE.POP.1= (SE) Sistema socioeconomico, (POP) settore popolazione,

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Dipartimento Politiche dell Ambiente. Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie

Dipartimento Politiche dell Ambiente. Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Dipartimento Politiche dell Ambiente Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie A cura di Unità Speciale Amianto (U.S.A.) 2013 Unità Speciale Amianto (U.S.A.) Ing. Salvatore Epifanio Dirigente

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO

I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO I PRINCIPALI ELEMENTI STORICI, NORMATIVI E TECNICI PER IL CONTROLLO DEL RISCHIO AMIANTO NELL AMBIENTE Gabriele Fornaciai AMIANTO: PANDEMIA O BOLLA MEDIATICA? 1 TIPI DI AMIANTO L A. E UN MINERALE COMPOSTO

Dettagli

GUIDA INFORMATIVA AMIANTO

GUIDA INFORMATIVA AMIANTO GUIDA INFORMATIVA AMIANTO CHE COS E L AMIANTO L amianto o asbesto è un minerale presente in natura costituito da silicati a struttura cristallina e fibrosa; di esso esistono giacimenti e miniere in numerosi

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire. correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire. correttamente Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Divisione Sicurezza sul lavoro Lucerna Casella postale, 6002 Lucerna Fax 041 419 59 17 (per ordinazioni) www.suva.ch Amianto: come

Dettagli

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente

Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Amianto: come riconoscerlo e intervenire correttamente Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Divisione Sicurezza sul lavoro Lucerna Casella postale, 6002 Lucerna Fax 041

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

A proposito di... Amianto

A proposito di... Amianto A proposito di... Amianto A proposito di... Amianto a cura di: Arpav Area Tecnico-Scientifica CRA - DAP di Verona Tel. +39 045 807 50 07 ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale

Dettagli

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494

LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Associazione Italiana fra Addetti alla Sicurezza DOCUMENTO D INDIRIZZO CONGIUNTO N. 1 LAVORI DI BONIFICA DA AMIANTO: REQUISITI DEL COORDINATORE 494 Emissione 15 ottobre 2003 SOMMARIO 1. Premessa 2. Gli

Dettagli

l amianto Varie forme di silicati fibrosi

l amianto Varie forme di silicati fibrosi L amianto l amianto minerale naturale a struttura fibrosa appartenente alla classe chimica dei silicati e alle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli Varie forme di silicati fibrosi a) l'actinolite

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L INQUINAMENTO ATMOSFERICO Sommario L Atmosfera Inquinamento Atmosferico Principali Cause dell Inquinamento Atmosferico Principali Conseguenze dell Inquinamento Atmosferico Buco

Dettagli

CAPITOLO 16 - L AMIANTO

CAPITOLO 16 - L AMIANTO CAPITOLO 16 - L AMIANTO 16.1 IL PROBLEMA AMIANTO Il termine amianto (dal greco amiantos: incorruttibile) viene usato per indicare la forma fibrosa di alcuni minerali che in passato sono stati sfruttati

Dettagli

Importanza fisiologica dell aria

Importanza fisiologica dell aria Importanza fisiologica dell aria L aria rappresenta una materia prima indispensabile per la vita degli organismi: è infatti la fonte dell ossigeno necessario ai processi di produzione dell energia che

Dettagli

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic,

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic, LA FLORA INTESTINALE POTREBBE ESSERE RESPONSABILE DI INFARTI E ICTUS DOVUTI alla produzione di un 'veleno' per le arterie, la molecola Tmao, (ossido di Trimetilammina) che viene prodotta da batteri presenti

Dettagli

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria

>>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile. inquinamento atmosferico e danni correlati. Legnago. cambia aria inquinamento atmosferico e danni correlati >>> buone abitudini per uno sviluppo sostenibile Legnago cambia aria L inquinamento: scelte, necessità, priorità. In generale, per inquinamento si intende l alterazione

Dettagli

Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio CONVEGNO COME TRASFORMARE IL PROBLEMA DELL ETERNIT ETERNIT IN UNA OPPORTUNITA!

Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio CONVEGNO COME TRASFORMARE IL PROBLEMA DELL ETERNIT ETERNIT IN UNA OPPORTUNITA! con l alto l Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio CONVEGNO COME TRASFORMARE IL PROBLEMA DELL ETERNIT ETERNIT IN UNA OPPORTUNITA! sito web: www.caspi.it e-mail: info@caspi.it sito web: www.ecocentro.it

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO

INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO INQUINAMENTO URBANO E SOLUZIONI DAL TRASPORTO AUTO Ing. Francesco Andreotti - ISPRA Convegno AIEE - Megalia Gli sviluppi sostenibili del settore trasporto auto Roma, 29 novembre 2011 1. NORMATIVA SULLA

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Contenuti della comunicazione: Il PRUSST della Riviera

Dettagli

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.

Studio Mastracci. P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci. Studio Mastracci P. Le De Matthaeis, 27-03100 Frosinone (FR) Tel. 0775-1880146 - Fax 0775-1880147 info@studiomastracci.it www.studiomastracci.it indice RIFIUTI BONIFICHE INQUINAMENTO DA AGENTI FISICI

Dettagli

AMIANTO: aggiornamenti normativi. AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative

AMIANTO: aggiornamenti normativi. AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative AMIANTO: aggiornamenti normativi AMIANTO: Documentazione, procedure e metodologie operative COS E L AMIANTO? L amianto è un minerale che si trova in natura, in diverse parti del globo terrestre, e si ottiene

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

AMIANTO CENSIMENTO E PROCEDURE DI SMALTIMENTO

AMIANTO CENSIMENTO E PROCEDURE DI SMALTIMENTO AMIANTO CENSIMENTO E PROCEDURE DI SMALTIMENTO E stato approvato in Consiglio regionale, nella seduta del 24 luglio 2012, il provvedimento che modifica e integra la legge 17/2003 relativa al risanamento

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS AMIANTO I rischi dell esposizione

Dettagli

Perciò l amianto è un materiale praticamente indistruttibile, non infiammabile e molto resistente agli attacchi degli acidi e facilmente friabile.

Perciò l amianto è un materiale praticamente indistruttibile, non infiammabile e molto resistente agli attacchi degli acidi e facilmente friabile. COMITATO PROVINCIALE ONA PISA La bonifica dell Amianto Tecniche di rimozione 1. Introduzione 1.1 Incorruttibile e perpetuo In greco la parola amianto significa immacolato ed incorruttibile e asbesto, che

Dettagli

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare

Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria e salute: è ora di cambiare Qualità dell aria: cosa respiriamo? 4 giugno 2015 Marina Camatini Inquadriamo il problema COS È L INQUINAMENTO DELL ARIA? E una modifica alla normale composizione,

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati

AMIANTO. L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati AMIANTO L'amianto è un minerale naturale a struttura fibrosa della classe dei silicati L'amianto resiste al fuoco e al calore, all'azione di agenti biologici, agenti chimici, all abrasione e usura fonoassorbente

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Termovalorizzatori e bugie

Termovalorizzatori e bugie Termovalorizzatori e bugie Testo di Roberto Topino Foto microscopiche di Stefano Montanari La parola termovalorizzatore vorrebbe indicare un macchinario costruito per recuperare energia da qualcosa, che

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

4. Zonizzazione provinciale

4. Zonizzazione provinciale 4. Zonizzazione provinciale Alla luce dei nuovi limiti e delle scadenze temporali imposti dal D.M. 2 aprile 2002, n. 60, le Province dovevano effettuare la zonizzazione del territorio sulla base delle

Dettagli

AMIANTO. Pericoli e rischi

AMIANTO. Pericoli e rischi AMIANTO. Pericoli e rischi per la salute e per la sicurezza Pietro Gino Barbieri Direttore Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Brescia Cemento-amianto: togliamocelo dalla testa I (principali)

Dettagli

Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti

Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti Iscrizione all Albo Nazionale delle imprese esercenti servizi di smaltimento dei rifiuti Categoria 10: Bonifica dei beni contenenti AMIANTO Dott.ssa Anna Bosi Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Piacenza

Dettagli

Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori

Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori 1 Dott. Massimo FREGONESE Responsabile Settore Laboratori RIFIUTO qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l intenzione o abbia l'obbligo di disfarsi (Decreto legislativo 3 aprile

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione)

La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) La pericolosità è funzione di: diametro lunghezza natura dose (concentrazione e tempo di esposizione) E pericoloso quando si trova nelle condizioni di disperdere le sue fibre nell ambiente circostante

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA NELLA PROVINCIA DI TREVISO Comune di Spresiano Periodi di indagine: 23 Luglio 4 Novembre

Dettagli

Protezione da agenti cancerogeni

Protezione da agenti cancerogeni Protezione da agenti cancerogeni Testo unico in materia di Sicurezza D.Lgs 81/08 del 09.04.2008 (Titolo IX capo II) Le prescrizioni da applicare ai fini della protezione dei lavoratori da agenti cancerogeni

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984 concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali ( 84/360/CEE ) IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato

Dettagli

Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano

Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano L inquinamento in Europa (PM 10 ) Grafico tratto da Air Quality 2014 - Agenzia Europea per l ambiente L inquinamento

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI BRESCIA

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI BRESCIA VAUTAZIONE AMBIENTAE STRATEGICA DE PIANO DI GOVERNO DE TERRITORIO DI BRESCIA Committente Comune di Brescia Determinazione n. 2896 del 15/10/2007 Periodo 2007 2008 Tipologia di studio Valutazione Ambientale

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

SVILUPPO INSOSTENIBILE E PATOLOGIE CORRELATE

SVILUPPO INSOSTENIBILE E PATOLOGIE CORRELATE SVILUPPO INSOSTENIBILE E PATOLOGIE CORRELATE 1 CONGRESSO NAZIONALE Società Medica Bioterapica SMB Italia 11 e 12 maggio a Torino Intersezioni in medicina L'INTESTINO RITROVATO NOVITÀ IN CLINICA E TERAPIA

Dettagli

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE COMUNE DI CASSINA DE PECCHI Provincia di Milano PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT 16 OTTOBRE 2008 VERBALE Il giorno 16 ottobre 2008 alle ore 10,30 si è riunita presso la Sede Municipale

Dettagli

Laboratorio di Igiene Industriale Centro Regionale Amianto AUSL VT Dipartimento di Prevenzione

Laboratorio di Igiene Industriale Centro Regionale Amianto AUSL VT Dipartimento di Prevenzione A cura di: Laboratorio di Igiene Industriale Centro Regionale Amianto AUSL VT Dipartimento di Prevenzione Via Nepesina 1/A 01033 Civita Castellana (VT) Tel.0761/5185207 Fax 5185206 mappa.amianto@asl.vt.it

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992

Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Parliamo di.. Componenti in cemento e amianto impiegati negli immobili edificati prima del 1992 Gli autori di detto crimine e i proprietari degli immobili,

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Dipartimento Provinciale ARPAV di Venezia Via Lissa, 6 30171 Venezia Mestre - Italy Tel. +39 041 5445511 Fax +39 041 5445500 e-mail: dapve@arpa.veneto.it Servizio Sistemi Ambientali Responsabile del Procedimento:

Dettagli

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Inquinamento Atmosferico e Salute Umana Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Cosa intendiamo per ambiente? Definizione restrittiva: AMBIENTE = ARIA + ACQUA

Dettagli

INDAGINE DI IGIENE INDUSTRIALE

INDAGINE DI IGIENE INDUSTRIALE INDAGINE DI IGIENE INDUSTRIALE DEFINIZIONI AEROSOL: dispersione di un solido o di un liquido in un mezzo gassoso relativamente stabile in un campo gravitazionale. MONODISPERSO: quando le dimensioni della

Dettagli

Esistono vari tipi di inquinamento:

Esistono vari tipi di inquinamento: L inquinamento L inquinamento è un alterazione delle caratteristiche ambientali. Queste variazioni possono essere provocate da fenomeni naturali e da fenomeni dovuti all azione dell uomo, in particolar

Dettagli

Amianto: riconoscerlo, valutarlo e intervenire correttamente Informazioni utili per gli spazzacamini

Amianto: riconoscerlo, valutarlo e intervenire correttamente Informazioni utili per gli spazzacamini Amianto: riconoscerlo, valutarlo e intervenire correttamente Informazioni utili per gli spazzacamini Informazioni importanti per la vostra salute In Svizzera l amianto è vietato dal 1990. Ciò nonostante,

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SUOLI E GEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO PADOVANO Convegno 23.10.2013 Aula Magna Galileo Galilei

Dettagli

IL PIANETA TERRA: CONOSCERLO PER SALVARLO STUDIO E TUTELA DEGLI ECOSISTEMI

IL PIANETA TERRA: CONOSCERLO PER SALVARLO STUDIO E TUTELA DEGLI ECOSISTEMI 1 CONFERENZA DELL ACCADEMIA INTERNAZIONALE DELLE SCIENZE AMBIENTALI Palazzo Ducale Venezia 23, 24, 25 Ottobre 2003 IL PIANETA TERRA: CONOSCERLO PER SALVARLO STUDIO E TUTELA DEGLI ECOSISTEMI Workshop: Ambiente

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca. e le sue criticità

La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca. e le sue criticità La qualità dell'aria nella Provincia di Lucca come monitorata dalle stazioni della rete provinciale e dalle campagne dei mezzi mobili e le sue criticità Le caratteristiche del territorio della Provincia

Dettagli

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena

Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Piano di Gestione della Qualità dell Aria Provincia di Forlì-Cesena Valutazione e gestione della qualità dell aria (situazione attuale, analisi delle tendenze ed azioni) Incontro con le Associazioni economiche

Dettagli

Oggetto: Procedura di VIA regionale Varianti sostanziali impianto termovalorizzazione Osservazioni.

Oggetto: Procedura di VIA regionale Varianti sostanziali impianto termovalorizzazione Osservazioni. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la Norma UNI EN ISO 9001 24122 Bergamo - Via Borgo Palazzo, 130 Direttore: Dott. Pietro IMBROGNO 035/2270494 fax.035/2270486

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli