Infoturismo. Guida ai Servizi. Guida ai Diritti. Numeri Utili. Cartografia. Povegliano Veronese. Comune di Povegliano Veronese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Infoturismo. Guida ai Servizi. Guida ai Diritti. Numeri Utili. Cartografia. Povegliano Veronese. Comune di Povegliano Veronese"

Transcript

1 Comune di Povegliano Veronese ALLE FAMIGLIE E AGLI OPERATORI ECONOMICI - n Dicembre Vivi la Città - Guida ai Diritti del Cittadino e dell Impresa - Aut. Trib. RE n. 788 del 20/02/ Prop. Gruppo Media srl - Euro 0,13 - Copia omaggio - Stampa: Arti Grafiche Soncini - Guastalla (RE) Povegliano Veronese Infoturismo Guida ai Servizi Guida ai Diritti Numeri Utili Cartografia

2 NOI CITTADINI 2007 S ono state due milioni e mezzo le guide distribuite gratuitamente lo scorso anno dal nostro gruppo, con l obiettivo di fornire a tutte le famiglie e a tutti coloro che sono titolari di un attività, uno strumento di utilità quotidiana. Nei mesi scorsi abbiamo raggiunto una famiglia su tre nel Nord Italia, area in cui siamo operativi, dedicando ampio spazio al rapporto con la pubblica amministrazione, ai servizi e ai diritti, con la consulenza di Antonio Lubrano. Abbiamo dato vita ad Europa dei Diritti, un associazione che si occupa di promuovere la cultura dei diritti e siamo oggi in grado di dedicare ai cittadini un progetto innovativo: far convivere le informazioni utili sui servizi e sui diritti all attenzione sulla Salute, come bene fondamentale dell individuo. Oltre alla consulenza editoriale di Antonio Lubrano e alla partecipazione delle Istituzioni e delle Associazioni, la guida Noi Cittadini inaugura così, in questa edizione, l importante collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi. Sono orgoglioso di poter fare omaggio di questo libro ad ogni famiglia e ad ogni operatore economico del territorio comunale. Ringrazio i partner dell iniziativa, i numerosi inserzionisti e invito chiunque intenda seguirci nelle attività di comunicazione del gruppo, a visitare i siti internet: Tiziano Motti Presidente del gruppo editoriale Presidente di Europa dei Diritti 1

3 I tre monumenti in Piazza IV Novembre (foto: Antonietta Sapuppo) Monumento ai Caduti (foto: Antonietta Sapuppo)

4 Una volta si usava dire il cittadino, questo sconosciuto. Perché in effetti fino a una quindicina d anni fa l italiano medio, o se preferite l uomo della strada, era una figura indefinita, scialba. Più che altro un suddito. Oggi invece possiamo dire: il cittadino, questo conosciuto perché non è più anonimo ma finalmente un protagonista. Una persona consapevole della sua forza nella società, che scrive ai giornali, che è interlocutore in televisione, che telefona per protestare o per fare valere le sue ragioni. In altre parole fa sentire la sua voce, fa pesare la sua presenza. (A questa evoluzione credo che abbiano contribuito, a costo di peccare di presunzione, anche Diogene, Mi manda Lubrano e in tempi più recenti il format televisivo Noi Cittadini da cui questa nuova collana ha tratto il titolo e parte dei contenuti). Si va diffondendo, dunque, una cultura della cittadinanza fino a ieri impensabile; basterebbe in proposito ricordare la scarsa fortuna che tra le materie di insegnamento ha avuto l educazione civica. Come utente e come consumatore poi, il cittadino di oggi dimostra una crescente indipendenza, si è trasformato - dice un sociologo - in un professionista dell acquisto, dimentico di antiche soggezioni e reverenze. E diventato, aggiungo io, un eretico. Già; il fenomeno di mercato più vistoso nell ultimo decennio è l infedeltà alla marca. Ossia il cliente non si fa più condizionare dal nome del prodotto ma sperimenta, sceglie in piena autonomia. Ebbene, eresia deriva dal greco hairesis, che vuole dire scelta. Ecco perché eretico. Ed ecco perché vuol essere informato sempre meglio. La Guida ai diritti, parte integrante del volume Noi Cittadini che il lettore ha tra le mani, è la conseguenza logica di questa nuova cultura che vede dialogare correttamente l italiano medio e il produttore di un servizio pubblico o di un bene di consumo. Mi fa piacere presentarla e ne seguirò il cammino come consulente della casa editrice. Anche qui però, voi lettori siate eretici. Se avete delle critiche da fare, fatele.la Guida migliorerà grazie alla vostra collaborazione. E diventerà sempre più uno strumento di utilità civile. Per segnalare ad Antonio Lubrano e ai lettori argomenti, denunce e casi irrisolti: Fax mail: 3

5 Veduta del Campanile e del Municipio da Via Roma (foto: Antonietta Sapuppo) A.D.M. ELETTRICA snc di GREGGIO MASSIMILIANO & C. IMPIANTI ELETTRICI CIVILI E INDUSTRIALI Massimiliano Greggio Sede Legale: POVEGLIANO VERONESE - VIA C. COLOMBO, 37/A Sede Operativa: POVEGLIANO VERONESE - VIALE DEL LAVORO, 41 TEL FAX

6 Comune di Povegliano Veronese Con questo volume l Amministrazione Comunale intende migliorare il dialogo con la comunità locale, fornendo al cittadino una descrizione esauriente delle prestazioni erogate dagli uffici pubblici. Oltre a questo, la guida Noi Cittadini illustra il Comune in tutti i suoi aspetti: dai dati statistici alla storia locale, dalla gastronomia alle manifestazioni, dai servizi comunali ai numeri utili. L idea è di fornire uno strumento utile e di rapida consultazione che risponda alle necessità dei cittadini nelle loro esigenze quotidiane, siano esse professionali o di svago. Per questo motivo Noi Cittadini contiene anche un importante Guida ai Diritti, un vademecum che consentirà al cittadino non solo di orientarsi fra regole e procedure, ma soprattutto di individuare in maniera puntuale le modalità giuridiche con cui soddisfare tutte le diverse aspettative rispetto ai bisogni, alle richieste, all erogazione delle prestazioni. La consulenza di Antonio Lubrano e la collaborazione con la Fondazione Umberto Veronesi sono una garanzia sulla qualità di questa pubblicazione che combina l esigenza di promozione con quella di informazione. Un ringraziamento particolare va a tutti coloro che hanno colto l importanza di tale strumento e che lo hanno sostenuto con il loro contributo. Il Sindaco Avv. Anna Maria Bigon 5

7 SOMMESE s.r.l. P O N T E G G I POVEGLIANO V.SE (VR) TELEFONO FAX CELL

8 EDIZIONE 2007 Consulente Editoriale: ANTONIO LUBRANO Le pubblicazioni informative della nostra collana sono pubblicate in Internet all indirizzo: Guida ai Diritti: Copyright 2006 Casa Editrice: Iniziative Editoriali e Comunicazione srl Direttore Responsabile: Tiziano Motti Testata: Vivi la Città Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 788 del 20/02/1991 Iscrizione al Registro Nazionale della Stampa in Roma n del 18/04/1997 Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 788 del 20/02/1991 La riproduzione di testi, immagini, cartine, della guida ai diritti, dell impostazione editoriale e grafica, è vietata. Guida ai diritti depositata: SIAE n Opera depositata presso il Consiglio dei Ministri, Ufficio della Proprietà Letteraria. Testi giuridici: a cura dell avvocato J. C. Cataliotti Servizi fotografici: Antonietta Sapuppo In copertina: Villa Balladoro L Editore ringrazia gli Enti Pubblici per la collaborazione e per l aggiornamento delle informazioni pubblicate Diffusione: Gratuita ai nuclei famigliari residenti nel Comune e alle attività economiche Distribuzione: a cura dell Ente Poste Italiane Spa Diffusione integrativa: a cura degli Enti Pubblici Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs n. 196 l Editore dichiara che gli indirizzi utilizzati per l invio in abbonamento postale provengono da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili a chiunque e che il trattamento di tali dati non necessita del consenso dell interessato. Ciò nonostante, in base all art. 13 dell informativa, il titolare del trattamento ha diritto di opporsi all utilizzo dei dati facendone espresso divieto tramite comunicazione scritta da inviarsi alla sede di Iniziative Editoriali e Comunicazione Srl. Questo Periodico è iscritto all Unione Stampa Periodica Italiana Sommario Comune di Povegliano Veronese Informazioni e vie di accesso...pag. 8 La Storia...Pag. 9 Assessorati...Pag. 10 Gastronomia...Pag Ricette tipiche Manifestazioni...Pag. 15 Guida ai Servizi...Pag. 17 Guida ai Diritti...Pag. 27 Diritti e Salute dei Cittadini...Pag. 34 Numeri Utili...Pag. 41 NOI AFFARI Elenco Categorico Attività Inserzioniste... Pag. 45 Tiratura: copie Dichiarazione di tiratura resa all Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ai sensi del comma 28, art. 1, legge 23/12/96 n

9 Povegliano Veronese VIE DI ACCESSO In Automobile Autostrada A4: - uscita a Sommacampagna se si proviene da Milano in direzione Venezia; - uscita Verona Sud se si proviene da Venezia in direzione Milano. Autostrada A 22: - uscita Verona Nord se si proviene dal nord in direzione Modena; - uscita Nogarole Rocca se si proviene dal sud in direzione Brennero. Da tutte le uscite proseguire in direzione Villafranca di Verona e quindi Povegliano Veronese. SS n. 62, da Verona e da Mantova, seguire le indicazioni per Villafranca di Verona e svoltare in direzione Povegliano Veronese. In Treno Il Comune di Povegliano Veronese non è servito da linee ferroviarie; la stazione più vicina si trova a Villafranca di Verona, a circa 3 Km. In Aereo Aeroporto di Villafranca (VR) Il Comune Distanza da Verona: 16 Km circa Distanza da Mantova: 20 Km circa Superficie: Kmq 18,64 Altitudine: mt 64 slm Prefisso telefonico: 045 C.A.P.: Popolazione: abitanti (aggiornato al 31/08/2006) Famiglie: (aggiornato al 31/08/2006) Provincia: Verona Confini: Nord-Nord/Ovest: Villafranca di Verona; Est: Castel D Azzano, Vigasio; Sud: Nogarole Rocca, Mozzecane Centri abitati: Madonna dell Uva Secca HOW TO REACH POVEGLIANO VERONESE To reach the town of Povegliano Veronese, take the A4 toll road. Exit at Sommacampagna when arriving from Milan and at South Verona when coming from Venice. When arriving from north or south of Povegliano, take the A22 toll road. Exit at North Verona when arriving from the north, and at Nogarole Rocca when coming from the south. From all exits, proceed in the direction of Villafranca di Verona to reach Povegliano. From Verona or Mantua, take Route SS 62, following signs to Villafranca di Verona and Povegliano. The nearest train station and airport to Povegliano are at Villafranca di Verona, about 3 kilometers away. 8

10 STORIA Le prime tracce della presenza umana nel territorio di Povegliano risalgono alla preistoria. La zona fu poi abitata da popolazioni galliche ed in seguito conquistata dai romani. Dopo i convulsi anni che succedettero la caduta dell Impero Romano, caratterizzati da violente incursioni da parte delle orde barbariche, i primi insediamenti stabili si registrano solo con l arrivo dei Longobardi. Dopo la cacciata di questi da parte dei Franchi e la successiva disgregazione dell impero carolingio, Povegliano si trovò in balia dei signori locali che approfittarono dell assenza di un potere centralizzato per estendere i propri domini sui comuni limitrofi. Documenti del XII secolo dimostrano che quest operazione di unificazione fu intrapresa dalla potente famiglia degli Scaligeri che dominò sul veronese, sino a che non fu annientata dagli interessi egemoni prima dei Visconti, poi della Repubblica di Venezia. Il governo della Serenissima si protrasse fino alla fine del XVIII secolo, quando l esercito francese ebbe la meglio determinandone la definitiva caduta. L epoca moderna fu caratterizzata da un veloce avvicendamento di poteri: dopo Napoleone fu infatti la volta degli austriaci, che governarono su queste terre fino alla terza guerra d indipendenza (1866), grazie alla quale la regione fu annessa al neonato Regno d Italia. L economia di Povegliano rimase per diversi secoli basata sull agricoltura. Fra le coltivazioni che caratterizzarono l agricoltura di questi luoghi vanno ricordate la vite ed il gelso (coltivate sin dal XVIII secolo), ma soprattutto venivano allevati i bachi da seta. L importanza del baco da seta è riscontrabile anche dal fatto che la farfalla del baco venne utilizzata come simbolo sullo stemma comunale di Povegliano dal XIX secolo sino agli anni 70 del secolo scorso. Nel secondo dopoguerra l attività agricola non fu più la principale fonte economica del paese; inco- 9 minciò infatti a svilupparsi la piccola e media industria, che ha portato negli ultimi decenni ad una notevole crescita demografica ed urbanistica. Per quanto riguarda l agricoltura, invece, alle vecchie coltivazioni si sono aggiunte: le pesche, le fragole, le mele, il tabacco, ecc.. Nonostante questo cambiamento che ha sconvolto l assetto economico e sociale del paese, il Comune di Povegliano Veronese è riuscito a conservare il senso della comunità, anche grazie alle numerose associazioni che operano sul territorio. A HISTORICAL PROFILE POVEGLIANO VERONESE The first traces of human settlement in this territory appeared in prehistoric times. The area was later inhabited by the Gauls, and eventually conquered by the Romans. After the turbulent years following the fall of Rome, the Lombards set up their kingdom in this land, ruling until they were ousted by the Franks. Following the reign of Charlemagne, Povegliano fell prey to local feudal lords who wished to extend their dominions into neighboring territories. The mighty Della Scala family of Verona succeeded in holding power until they were overthrown by the Visconti of Milan, who in turn were followed by the Venetian Republic. Povegliano remained under Venice until the end of the eighteenth century, when the great city fell to the French. Rulership rapidly changed hands throughout the first half of the nineteenth century, with Austria taking over from Napoleon and ruling until the Third War of Independence in 1866, after which the entire Veneto Region was annexed to the newly-formed Kingdom of Italy. Nella foto: Particolare dell Oratorio del S.S. Redentore in Via Dosso Regio (foto: Antonietta Sapuppo)

11 ASSESSORATI Assessorato all Urbanistica, Viabilità, Edilizia Privata, Associazioni e Manifestazioni Il mio primo impegno in questa nuova veste sarà quello di completare l iter della variante del Piano Regolatore Generale, adottato dal Consiglio Comunale alla fine del 2004 e depositato in Regione Veneto da quasi due anni. Intendiamo inoltre avviare le procedure per l adozione del Piano di Assetto del Territorio, completando così anche la programmazione e le normative per le zone agricole ed il centro storico. Per quanto riguarda le Associazioni e le manifestazioni, sarà mia cura collaborare con le oltre 60 associazioni vive ed operative sul nostro territorio. Anche grazie a loro la nostra Comunità in questi anni ha visto nascere e crescere nuove iniziative, in svariati campi, dal sociale alla cultura, allo sport, alla musica e tanti altri ancora. BIASI LEONARDO Assessorato alla Pubblica Istruzione In questo nuovo ciclo proseguirà il Progetto Benessere con l inserimento a scuola di una psicologa come supporto per genitori e docenti nella risoluzione delle problematiche relative ai minori. Continuerà la collaborazione tra l Istituto Comprensivo e l Amministrazione per l elezione del Sindaco dei Ragazzi e verranno potenziate le visite guidate presso le aziende agricole e produttive del nostro territorio. Il rinvigorimento del gemellaggio con Ockenheim sarà inoltre oggetto di scambi culturali tra alunni. Con l Ecuador la scuola primaria continuerà l approfondimento conoscitivo. Da quest anno l Istituto Comprensivo si chiamerà Arrigo Balladoro. Verrà supportato il servizio di scuola a tempo pieno e sostenute le attività didattiche che il corpo insegnanti riterrà opportuno attuare per una sempre migliore qualità dell istruzione. Sindaco ANNA MARIA BIGON, consigliere incaricato PERETTI LAURA 10 Assessorato allo Sport, Servizi Sociali e Politiche Giovanili Il sostegno alle attività sportive sarà perseguito con interventi strutturali e con iniziative di accompagnamento alle attività presenti in paese, riconoscendo il valore sociale del loro operato. Tra i più importanti interventi cito: la copertura degli impianti di bocce, i lavori relativi agli spogliatoi, la realizzazione di un campo da tennis coperto e di un percorso salute nell ambito del parco della Calfura. Per quanto riguarda i servizi sociali, ci proponiamo un continuo miglioramento, grazie all ampliamento della fornitura a domicilio di pasti caldi agli anziani, l attivazione del servizio di trasporto agli stessi presso i centri socio-sanitari, l apertura del Centro di ascolto per le famiglie, il mantenimento e la specializzazione del servizio Assistenza di psicologi per genitori e figli, la realizzazione dell Osservatorio sulla condizione sociale e sull handicap e del Centro di aggregazione ed espressione, nella struttura adiacente al Centro sociale, per dare spazio ad iniziative giovanili, tanto valide che si è creato l Assessorato alle politiche giovanili. MILANESE GIANFRANCO Assessorato ai Lavori Pubblici, Patrimonio e Commercio Deleghe come Lavori Pubblici, Patrimonio e Commercio sono molto delicate, ma, contando sulla forza della squadra, mi sono fin da subito attivato nella prosecuzione dei lavori in corso di realizzazione tra cui cito l asilo nido (di cui si prevede la conclusione entro maggio 2007), i lavori di ampliamento, ma non solo, del cimitero, il rifacimento del nuovo impianto di irrigazione del parco Balladoro e l ampliamento dell edificio adibito a scuola primaria. SERPELLONI GINO Assessorato all Agricoltura, Attività Produttive, Risorse Umane e Gemellaggio Obiettivo del nostro programma sarà la tutela e valorizzazione della vocazione agricola del territorio, incrementando ogni utile iniziativa indirizzata alla salvaguardia della qualità e al reperimento di nuove iniziative in campo

12 Ala sinistra di Villa Balladoro (foto: Antonietta Sapuppo) energetico ed ambientale. In campo energetico, l agricoltura avrà il compito di produrre semi, vegetali e altri materiali di scarto da trattare per ottenere biogas e biodiesel, per abbattere l inquinamento atmosferico e la dipendenza energetica da fonti tradizionali. In campo ambientale abbiamo aderito alla costituzione del parco regionale Tartaro Tione, con l intenzione di valorizzare tutta la fascia di territorio lungo il corso di questi due fiumi. APRILI LUIGI Assessorato all Ecologia e all Ambiente Il primo obiettivo che mi sono proposto di raggiungere è quello di seguire e completare i progetti già avviati come l installazione dei pannelli fotovoltaici sulla scuola media e di portare a termine il progetto del parco della Calfura. Ho dato il mio esempio da privato cittadino e sono alla ricerca di migliorare ancora la mia posizione nei confronti della natura. Come amministratore il mio impegno è quello di far fruttare le nostre risorse, facendo funzionare quello che abbiamo e adoperarmi per programmare un futuro nel quale ci sia ancora posto per i nostri figli. D'INCOGNITO ANTONIO MASSIMO 11 Assessorato agli Affari Generali, Bilancio, Tributi e Cultura Villa Balladoro polo culturale Nei mesi scorsi tante iniziative culturali hanno trovato il loro luogo ideale in Villa Balladoro. Le sale al pianterreno hanno ospitato mostre di pittura, il salone delle conferenze è stato palcoscenico per incontri con l autore. In occasione della Festa della donna, quattro concittadine, che si sono distinte in vari settori, sono state premiate con una targa di riconoscimento. Anche la chiesetta della Villa ha ospitato periodicamente mostre. Nel salone conferenze è stata tenuta una lezione-concerto sulla musica russa, seguita da un folto pubblico composto da studenti e docenti del Liceo Medi di Villafranca con cui l Amministrazione spesso collabora. Anche l aia e i portici hanno visto alternarsi varie manifestazioni. Ogni prima domenica del mese viene qui ospitato il mercato dell antiquariato e nelle sale al pianterreno è aperto il museo archeologico che espone reperti dell età del bronzo e del ferro. E per i prossimi mesi ancora tanto altro!! RESIDORI FRANCO

13 GASTRONOMIA Quest anno abbiamo deciso di dedicare questo spazio ad alcune ricette elaborate dal tanto frequentato corso di cucina dell Università del Tempo Libero, gestita da ormai 9 anni dall Associazione Acropoli proposte per la cultura. Zuppa di coda di rospo ai funghi profumata alla scorza d arancia Preparazione: 15 minuti Cottura: 40 minuti Dosi per: 4 persone Ingredienti: g di trancio di coda di rospo, - 2 scalogni, - 2 patate, - un arancia non trattata, - un cucchiaio di maizena, - una confezione di champignon surgelati, - un cucchiaio di semi di finocchio, - olio extra vergine di oliva, - sale. Preparazione: Prelevate dalla confezione un quarto dei funghi e scongelateli in una padella con un cucchiaio di olio. Nel frattempo sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti. Pestate i semi di finocchio. Tagliate la coda di rospo a grossi dadi. Prelevate la scorza dell arancia e riducetela a julienne. Scaldate 4 cucchiai di olio in una casseruola, unite agli scalogni tritati finemente, la scorza di arancia e i semi di finocchio. Fate insaporire tutto insieme, aggiungete i funghi, le patate e 6 mestoli di acqua bollente nei quali avrete stemperato la maizena. Salate e cuocete per 20 minuti. Aggiungete i tocchetti di pesce e continuate la cottura per 10 minuti. Mescolate e servite. Orecchiette alle capesante e asparagi profumate con zenzero Preparazione: 15 minuti Cottura: 15 minuti Dosi per: 4 persone Ingredienti: g di orecchiette, g di capesante sgusciate, g di punte di asparagi, - 2 dl di panna fresca, Federica ed Alessandro sono lieti di salutare l affezionata clientela presso il loro supermercato di via Salgari, 3 a Povegliano Veronese Commercio ingrosso, dettaglio carni e gastronomia tel: fax: Via Roma, 38/B Povegliano Veronese (VR) Tel Fax di PERINON BRUNO & C. s.n.c.

14 - un cipollotto, - un cucchiaino di zenzero macinato, - 1/2 bicchiere di Marsala, - olio extravergine d oliva, - pepe, - sale. Preparazione: In una casseruola rosolate in 2 cucchiai di olio il cipollotto tritato, unite le capesante lavate e gli asparagi tagliati a tocchetti. Bagnate con il Marsala, lasciate evaporare, aggiungete lo zenzero e la panna. Salate, pepate e cuocete a fuoco moderato per una decina di minuti, a recipiente coperto. Nel frattempo, lessate al dente le orecchiette, scolatele, trasferitele nella casseruola con la salsa e mescolate per insaporirle bene. Servite subito. Garganelli al palombo e peperoni Preparazione: 10 minuti Cottura: 20 minuti Dosi per: 4 persone Ingredienti: g di palombo in tranci, - uno spicchio d aglio, - un cucchiaio di prezzemolo, - un peperone rosso, - mezza cipolla, - mezzo bicchierino di vino bianco, - qualche foglia di basilico, - olio extravergine d oliva, - pepe, - sale. Preparazione: In una casseruola rosolate in 2 cucchiai di olio la cipolla tagliata a fettine, l aglio schiacciato e il prezzemolo, unite il palombo tagliato a cubetti e il peperone privato dei semi e tagliato a striscioline sottili. Bagnate con il vino, lasciate evaporare, salate, pepate e continuate la cottura a fuoco moderato per un quarto d ora circa, aggiungendo qualche cucchiaio d acqua se necessario. Lessate i garganelli al dente, scolateli, trasferiteli nella casseruola con la salsa e mescolate bene. Suddividete la pasta nei piatti e decorate con le foglie di basilico. Nella foto: Villa Balladoro (foto: Antonietta Sapuppo) 13

15 14

16 MANIFESTAZIONI Qui di seguito riportiamo un elenco delle principali fiere e manifestazioni che si svolgono nel corso dell anno nel Comune di Povegliano Veronese Gennaio Falò di Epifania: 6 gennaio Febbraio Sfilata di Carnevale: 2 a domenica di Quaresima Aprile Commemorazione della Liberazione: 25 aprile (ripetuta con le scuole in giorno feriale) Maggio Novembre Commemorazione del 4 Novembre (ripetuta con le scuole in giorno feriale ) Fiera e Fiaccolata di San Martino: 11 novembre Festa dell anziano: mese di novembre Caminada de San Martin : nel mese di novembre Rassegna corale de San Martin : nel mese di novembre Dicembre Aspettando Santa Lucia: nel mese di dicembre presso il Teatro Parrocchiale Festività Natalizie con visita al Presepio sul Tartaro Mercatino di Natale in Piazza Concerto di Natale Inoltre: Mercatino dell Antiquariato presso Villa Balladoro: ogni prima domenica del mese (con esclusione del mese di agosto). Festa della Comunità: fine maggio Giugno Festa della Repubblica: 2 giugno (ripetuta con le scuole in giorno feriale) Festa della Birra (Autobierfest) presso il Piazzale degli Alpini in Z.A.I. Estate al Parco: da fine giugno ad inizio agosto. Manifestazione con serate cinematografiche, spettacoli di burattini, serate di musica Luglio Le Radici: mese di luglio Agosto Festa Titolare dell Assunta in località Madonna dell Uva Secca: metà agosto Settembre Sagra paesana: 1 a settimana di settembre Antiquari in Villa Mostra Mercato dell Antiquariato in Villa Balladoro 15 SPECIAL EVENTS January - Epiphany bonfire Jan. 6th February - Carnival parade 2nd Sunday of Lent April - Liberation Day celebration Apr. 25th (held on a weekday for schools). May - Community festival end of May. June - Republic Day June 2nd (held on a weekday for schools). Beer Festival held in Piazzale degli Alpini in Z.A.I. Summer in the Park Evening cinema, puppet shows, and concerts, held from the end of June to the beginning of August. July - Le Radici month of July August - Patron Saint s Day in Madonna dell Uva Secca mid-august September - Village Festival 1st week of September. Antique Show and Sale Villa Balladoro (also held the 1st Sunday of each month except August). November - Nov. 4th Celebration (held on a weekday for schools). St. Martin s Fair and Torch-light Parade Nov. 11th. Senior Citizens Festival month of Nov. St. Martin s Walk month of Nov. St. Martin s choir concert series month of Nov. December - Santa Lucia celebration month of Dec. at parish theater. Christmas festivities, including a visit to the manger scene at the Tartaro Christmas Market in the town square Christmas Concert

17 Sulla sinistra la sede municipale (foto: Antonietta Sapuppo) di Prandini Lino e Figli Centro Vendita e Assistenza Pneumatici di tutti i tipi s.n.c. SERVIZIO AGRICOLTURA CERCHI IN LEGA ASSETTO GOMME MOTO CENTRO DRIVER PAGAMENTI CON FINANZIAMENTO MASSIMA CELERITÀ E GARANZIA ZONA ARTIGIANALE SAN ZENO MOZZECANE (VR) Tel Fax IIª sede: SS. Ostigliese, 190 GOVERNOLO (MN) Tel

18 ELENCO CAPITOLI AFFIDAMENTO...Pag. 18 ALLOGGI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA...Pag. 18 AMBIENTE E INQUINAMENTO...Pag. 18 ANTITERRORISMO...Pag. 19 AUTOCERTIFICAZIONE...Pag. 20 AUTORIZZAZIONI...Pag. 21 CASA...Pag. 22 CENTRO PER L IMPIEGO...Pag. 23 DOCUMENTI E CERTIFICATI...Pag. 24 I.C.I. IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI...Pag. 25 MATRIMONIO...Pag. 25 MORTE...Pag. 25 NASCITA...Pag. 25 TESSERA SANITARIA...Pag

19 AFFIDAMENTO Disciplinato dalla legge 149/2001, che ha modificato la legge 184/83, ha lo scopo di inserire il bambino, i cui genitori non siano in grado, per vari motivi, di occuparsi di lui, in una situazione che gli consenta una positiva esperienza di vita familiare. Rappresenta quindi uno strumento di aiuto, limitato nel tempo e a sostegno sia del minore che della sua famiglia di origine. L Amministrazione Comunale considera l affido un valore, perché è diritto di ogni bambino poter vivere in un ambiente familiare positivo, e ritiene importante che famiglie, che ne abbiano i requisiti necessari, si rendano disponibili ad aiutare temporaneamente altre famiglie così che sia diffusa una cultura della reale solidarietà. Dove rivolgersi:consultorio Famigliare Azienda ULSS 22 c/o Distretto n. 3 - Corso Vitt. Emanuele, Villafranca di Verona - Tel ALLOGGI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA L assegnazione di tali alloggi avviene tramite graduatoria: i cittadini in possesso dei requisiti indicati negli appositi Bandi, che escono ogni anno e che sono affissi all Albo Pretorio del Comune, possono rivolgersi presso l Ufficio Comunale competente. Dove rivolgersi:municipio di Povegliano Veronese Ufficio Servizi Sociali Piazza IV Novembre, 3 - Tel AMBIENTE E INQUINAMENTO L ARIA L inquinamento atmosferico è così definito dalla legislazione nazionale (D.P.R. 203/88): ogni modificazione della composizione o stato fisico dell aria dovuta alla presenza nella stessa di una o più sostanze in quantità e con caratteristiche tali da alterare le normali condizioni ambientali e di salubrità dell aria, da costituire pericolo per la salute dell uomo, da compromettere le attività ricreative e da alterare le risorse biologiche e gli ecosistemi ed i beni materiali pubblici e privati. Come salvaguardare l aria La collaborazione del cittadino si può concretizzare così: 1) controllo del buon funzionamento della caldaia per il riscaldamento, delle dimensioni e dell efficienza della canna fumaria e di altri apparecchi per la combustione 2) bruciatori, caldaie e tecnologie di nuova concezione che tengono conto in definitiva di norme e soluzioni tese a diminuire l inquinamento 3) depurazioni dei fumi prodotti dalla combustione 4) miglioramento dell efficienza. Per i processi industriali diversi dalla combustione l abbattimento delle emissioni in atmosfera può essere ottenuto modificando i processi stessi agendo a valle con interventi di depurazione; per quanto riguarda l inquinamento urbano, l abbattimento delle emissioni gassose BALLARINI MARCO A SERVIZIO DELL AMBIENTE TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI E INDUSTRIALI BONIFICA SERBATOI, PRODOTTI CHIMICI, PETROLIFERI E ALIMENTARI LOCAZIONE CONTAINERS E PRESS CONTAINERS SPURGO FOSSE BIOLOGICHE E LAVAGGIO TUBAZIONI BONIFICHE AMBIENTALI CONSULENZE Via Zanibelli, POVEGLIANO (VR) Tel Fax

20 e particelle da autoveicoli si persegue con interventi di tecnologia motoristica, con l introduzione di marmitte catalitiche, benzina a basso tenore o senza zolfo, l uso di carburanti alternativi alla benzina (metano GPL), con il controllo periodico di gas di scarico degli autoveicoli (a tale riguardo, si fa presente che per tutti gli autoveicoli circolanti nella Regione Veneto dal 1 luglio 2005 è obbligatoria l esposizione del bollino blu ) e con l adozione di misure e correttivi tendenti a ridurre il numero di automezzi in circolazione. L ACQUA La crescita demografica ed i nuovi modelli di sviluppo hanno determinato un forte incremento dei fabbisogni idrici e al tempo stesso un peggioramento della qualità delle risorse idriche. L inquinamento delle acque sotterranee, sfruttate per l alimentazione dei nostri acquedotti, è solamente meno evidente di quello delle acque di superficie, ma certamente non meno dannoso. I principali fattori inquinanti sono da ricercarsi nell uso agricolo di pesticidi, diserbanti o dallo scarico delle deiezioni animali; dalle emissioni incontrollate del settore industriale e dallo scarico delle acque di fognature urbane; da avvenimenti casuali quali il ribaltamento di una autocisterna o la rottura di un serbatoio industriale nonché da cause naturali, quale l intorbidimento dovuto alle piene dei corsi d acqua. Il costante controllo delle autorità preposte è quindi indispensabile, come indispensabili sono la raccolta ed il trattamento opportuno delle acque reflue urbane, prima del loro allontanamento e smaltimento. Tale processo, teso alla conservazione degli ambienti naturali e alla tutela igienico-sanitaria delle popolazioni, avviene tramite processi chimico-fisici (sedimentazione, dissabbiatura, grigliatura e disoleatura) e processi biologici simili a quelli che avvengono in natura (con uso di alghe, batteri, protozoi e metazoi). Come salvaguardare la qualità dell acqua Ogni cittadino può contribuire alla diminuzione dell inquinamento idrico osservando opportune norme comportamentali: - utilizzare detersivi privi di fosfati - non gettare negli scarichi fognari vernici, solventi, olio e sostanze tossiche - ottimizzare l utilizzo delle lavatrici e lavastoviglie riducendo opportunamente la quantità media di detersivo utilizzato. 19 La disponibilità L acqua disponibile sulla terra per uso potabile è lo 0,06% di quella complessiva. Basterebbe questo dato per decidere, da subito, di risparmiare acqua con un uso razionale anche nelle mille azioni quotidiane. IL RUMORE Una componente inquinante troppo spesso sottovalutata è rappresentata dal rumore, che produce appunto inquinamento acustico. Questo fenomeno si accompagna alle attività umane, causando effetti indesiderati e provocando in taluni casi gravi scompensi nell organismo umano, non solo nei confronti dell apparato uditivo ma anche del sistema nervoso. Tali effetti vanno dalle interferenze sul rendimento nell apprendimento e nel lavoro, alle alterazioni del ritmo del sonno, fino all insorgere di malattie di organi innervati dal sistema neurovegetativo. Oltre i 160 decibel si assiste alla rottura del timpano. Il rispetto di norme comportamentali dettate dal buon senso prima ancora che dalla vigente legislazione è indispensabile per contribuire alla diminuzione dell inquinamento acustico. Ecco le principali: - spegnere l automobile in caso di sosta prolungata - sottoporre a regolari controlli il tubo di scappamento dei propri veicoli a motore - evitare schiamazzi e rumori molesti all uscita dei locali notturni - eseguire attività lavorative in orari compatibili con le norme sulla quiete pubblica - adottare le misure di prevenzione di legge nel caso la propria attività produca elevati livelli di rumore. ANTITERRORISMO COMUNICAZIONE CESSIONE FABBRICATO Chiunque cede in proprietà o in godimento, o a qualunque altro titolo l uso di un fabbricato o parte di esso, per un periodo superiore ad un mese, ha l obbligo di comunicazione all Autorità di Pubblica Sicurezza (Sindaco) entro 48 ore dalla consegna, mediante apposito modulo. Cosa occorre: - estremi del documento di identità del cedente e del cessionario. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Anagrafe Piazza IV Novembre, 3 - Tel

21 AUTOCERTIFICAZIONE Dall entrata in vigore del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 è in atto nel nostro Paese un decisivo processo di semplificazione del rapporto tra cittadini e Pubblica Amministrazione. Le Amministrazioni, i servizi pubblici e le aziende che hanno in concessione servizi come i trasporti, l erogazione di energia, il servizio postale, le reti telefoniche (ad esempio le aziende municipalizzate, l Enel, le Poste - ad eccezione del servizio Bancoposta, la Rai, le Ferrovie dello Stato, la Telecom, le Autostrade ecc.) non possono più chiedere i certificati ai cittadini in tutti quei casi in cui si può fare l autocertificazione. La richiesta di questi certificati costituisce una violazione ai doveri d ufficio. Al posto dei certificati, amministrazioni e servizi pubblici devono accettare le autocertificazioni o acquisire i dati direttamente, facendosi indicare dall interessato gli elementi necessari per trovarli. ATTENZIONE. È sempre possibile per i cittadini chiedere il rilascio dei certificati; sono le amministrazioni che non possono pretenderli. COSA È POSSIBILE ATTESTARE CON AUTOCERTIFICAZIONE Tutti i dati anagrafici (es. data e luogo di nascita, residenza, cittadinanza, ecc.), tutti i dati sullo stato civile (es. di stato celibe, coniugato, ecc.), estratti degli atti di stato civile limitati a matrimoni, adozioni, figli a carico, titoli di studio ac- quisiti, esami universitari e di stato, situazione reddito a fini fiscali, codice fiscale, partita IVA, stato di disoccupazione, qualità di casalinga, qualità di pensionato, qualità di legale rappresentante, adempimento o meno degli obblighi militari, dichiarazione di vivere a carico, assenza di condanne penali. Che cos è l autocertificazione È una dichiarazione che l interessato redige e sottoscrive nel proprio interesse su stati, fatti e qualità personali e che utilizza nei rapporti con la P.A. e con i suoi concessionari e i gestori di pubblici servizi. Le dichiarazioni sostitutive possono essere di due tipi: - dichiarazioni sostitutive di certificazioni (art. 46 DPR 445/2000) - dichiarazioni sostitutive dell atto di notorietà (art. 47 DPR 445/2000). Come si fa l autocertificazione Per sostituire i certificati basta una semplice dichiarazione sostitutiva di certificazione firmata dall interessato, senza autentica della firma e senza bollo. La documentazione può essere inviata anche a mezzo fax, via con la firma digitale o con la carta di identità elettronica. Le Pubbliche Amministrazioni devono altresì predisporre i moduli necessari per l autocertificazione. Chi può fare le dichiarazioni sostitutive - Cittadini italiani - Cittadini dell Unione Europea - Cittadini di Paesi Extracomunitari in possesso di IMPRESA EDILE SAMBUGAR SNC di Sambugar Geom. Alberto & C. COSTRUZIONI EDILI CIVILI VENDITA IN PROPRIO Sede Legale: Via Buonarroti, Povegliano Veronese (VR) Uffici e Sede Amministrativa: Via Pompei, Povegliano Veronese (VR) Tel Fax

22 regolare permesso di soggiorno, limitatamente ai dati attestabili dalle P.A. italiane. Le responsabilità di chi autocertifica Ogni cittadino è responsabile di quello che dichiara con l autocertificazione. Le amministrazioni effettuano controlli su quanto dichiarato per attestarne la verità. In caso di dichiarazione falsa il cittadino viene denunciato all Autorità Giudiziaria; è prevista condanna penale e decadenza dagli eventuali benefici ottenuti con l autocertificazione. Quando non è ammessa l autocertificazione L autocertificazione non è ammessa per i certificati medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità all UE, marchi, brevetti (art. 10, comma 1, DPR 403/98). Nei rapporti con la Pubblica Amministrazione vi sono pochi casi in cui devono essere esibiti i tradizionali certificati: pratiche per contrarre matrimonio, rapporti con l'autorità giudiziaria, atti da trasmettere all'estero. L autocertificazione e i privati Si può presentare l autocertificazione anche ai privati (ad esempio banche e assicurazioni) se questi decidono di accettarla. Per i privati, a differenza delle P.A., accettare l autocertificazione non è un obbligo, ma una facoltà. Documenti di identità al posto dei certificati L esibizione di un documento d identità o di riconoscimento (ad esempio carta d identità, passaporto, patente di guida, libretto di pensione ecc.), a seconda dei dati che contiene, sostituisce i certificati di nascita, residenza, cittadinanza e stato civile. Pronto intevervento ecologico Pianificazione Servizi/Trasporti Sito internet NIENTE PIÙ AUTENTICHE DI FIRMA SU DOMANDE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DELL'ATTO DI NOTORIETÀ RIVOLTE ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Con le dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà il cittadino può dichiarare tutte le condizioni, le qualità personali e i fatti a sua conoscenza che non sono già compresi nell'elenco dei certificati che le amministrazioni non possono più chiedere. Per presentare le domande e le dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà alle amministrazioni e ai servizi pubblici, è sufficiente firmarle davanti al dipendente addetto a riceverle oppure presentarle o inviarle allegando la fotocopia di un documento di identità. L autentica della firma rimane necessaria per le dichiarazioni sostitutive dell atto di notorietà da presentare a privati e per le domande di riscossione di benefici economici (pensioni o contributi) da parte di altre persone. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Uffici Demografici Piazza IV Novembre, 3 - Tel /21 AUTORIZZAZIONI COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA L attività commerciale si esercita in riferimento a due settori merceologici: alimentare e non alimentare. Gli esercizi di vicinato (fino a 150 mq. di superficie di vendita) si attivano dopo 30 giorni dalla presentazione del modello ministeriale COM1, salvo interruzione. Le medie strutture di vendita (da 151 a 1500 mq.) e le grandi strutture di vendita (oltre 1500 mq.) sono soggette ad autorizzazione comunale. L esercente deve possedere i requisiti di moralità e, se tratta il settore alimentare, anche quelli professionali. Sede legale, amministrativa e stabilimento: Povegliano (Vr) Via Zanibelli, 21 Tel r.a. Fax Stabilimenti: Verona - Strada La Rizza, 69 Verona - Via Mezzacampagna Loc. Cà di David Povegliano V.se (Vr) Via Commercio, 18 Ufficio consulenza legale ed amministrativa settore ambiente con il supporto tecnico di ingegneri ambientali, dottori in chimica e periti chimici facenti parte dell organigramma interno dell azienda (richieste autorizzazioni trasporto, stoccaggio, pareri legali, compilazione registri di carico e scarico rifiuti, denuncia annuale rifiuti, monitoraggio qualità ambiente del lavoro, analisi di classificazione rifiuti solidi e liquidi, analisi acque civili e industriali, pratiche rimozione, copertura eternit e materiali contenenti amianto, ecc.) 21

23 PUBBLICI ESERCIZI Per l apertura di esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande è necessaria l autorizzazione del comune, previo verifica della disponibilità numerica delle nuove autorizzazioni rilasciabili. Il titolare deve essere in possesso dell iscrizione al REC per l attività di somministrazione al pubblico. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Commercio Piazza IV Novembre, 3 - Tel COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Commercio Piazza IV Novembre, 3 - Tel EDILIZIA Autorizzazione/concessione edilizia Vedi voce Casa. OCCUPAZIONE OCCASIONALE DI AREA PUBBLICA Cosa occorre: domanda in bollo indirizzata al Sindaco completa di planimetria. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Tributi Piazza IV Novembre, 3 - Tel /50 SANITARIE PER STABILIMENTI, LABORATORI DI PREPARAZIONE, PRODUZIONE E DEPOSITO ALL INGROSSO DI SOSTANZE ALIMENTARI Cosa occorre: domanda in bollo indirizzata al Sindaco - planimetria dei locali - agibilità dei locali - relazione tecnica relativa ai locali ed alle attrezzature utilizzate. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Commercio Piazza IV Novembre, 3 - Tel CASA ASCENSORI E MONTACARICHI La messa in esercizio di ascensori e montacarichi in servizio privato è soggetta a comunicazione, da parte del proprietario o legale rappresentante, al Comune entro 10 gg. dalla data della dichiarazione CE di conformità. Il contenuto della comunicazione è stabilito dal DPR. 162/99. Il proprietario è tenuto ad effettuare regolari manutenzioni all impianto e a sottoporre lo stesso a verifiche periodiche ogni due anni. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Commercio Piazza IV Novembre, 3 - Tel BARRIERE ARCHITETTONICHE Richiesta di contributi per opere tecniche rivolte a favorire il superamento e l eliminazione di ostacoli di natura costruttiva che impediscono o rendono difficile l accesso a portatori di handicap fisico. SORIO GIOVANNI IMPRESA STRADALE - EDILE SG Sede: Via Zanibelli, 2 - Dom. Fisc. : Via Donizzetti, POVEGLIANO VERONESE (VR) Tel Fax

24 Cosa occorre: domanda in carta da bollo indirizzata al sindaco - certificato medico in carta libera attestante l handicap - dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà dalla quale risulti l ubicazione della propria abitazione, nonché le difficoltà d accesso - preventivo spesa per la realizzazione dell opera. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Servizi Sociali Piazza IV Novembre, 3 - Tel EDILIZIA Concessioni e autorizzazioni edilizie, manutenzioni ordinarie, comunicazioni di opere interne, denunce di inizio attività edilizie. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Ufficio Tecnico - Edilizia Privata Tel /30 FOGNATURE E ACQUA Autorizzazione allo scarico in fognatura o in acque superficiali. Cosa occorre: - domanda in bollo su apposito stampato. Dove rivolgersi: CISI c/o Municipio di Povegliano Veronese - Piazza IV Novembre, 3 (con ingresso da Via Verdi) - Tel Pronto intervento Orari: venerdì EDIL BIEMME s.n.c. COSTRUZIONI CIVILI, INDUSTRIALI E AGRICOLE VENDITA PAVIMENTI RIVESTIMENTI E PARQUET PROGETTAZIONE POSA 3D A VOSTRA DISPOSIZIONE POVEGLIANO V.SE Piazza IV Novembre, 59 Tel Fax GAS Dove rivolgersi: GAS MORENICA s.rl. c/o Municipio di Povegliano Veronese Piazza IV Novembre, 3 (con ingresso da Via Verdi) Num. Verde Emergenze Orari: lunedì e mercoledì CENTRO PER L IMPIEGO Il Centro per l Impiego offre servizi specializzati e gratuiti a chi cerca lavoro e alle aziende che ricercano personale. SERVIZI PER I PRIVATI - Inserimento in banca dati per l incontro tra domanda e offerta di lavoro - Informazioni su lavoro, profili professionali e percorsi di formazione in Italia e all estero - Colloqui individuali di informazione e orientamento - Tirocinio formativo e orientativo - Orientamento all imprenditoria. - Incontri sul mondo del lavoro e della formazione. SERVIZI PER LE AZIENDE - Ricerche di personale tramite banca dati - Selezione di candidati tramite colloqui individuali, di gruppo e test - Pubblicazione di annunci su stampa ed internet - Promozione di percorsi di tirocinio formativo e orientativo - Informazioni sulle normative che riguardano l assunzione, le agevolazioni, la cessazione e la trasformazione dei rapporti di lavoro. Dove rivolgersi: Centro per l Impiego di Villafranca di Verona - Piazza IV Novembre, 3 - Villafranca di Verona - Tel Marco Guadagnini I M P I A N T I E L E T T R I C I Via Rizzotti, Povegliano V.se (VR) Tel Fax Tonoli Impianti s.r.i. Socio Unico POVEGLIANO V.se (VR) Via Azzano, 33 Tel. e Fax Ufficio Cell Tel. Officina Fax

25 DOCUMENTI E CERTIFICATI Vedi voce Autocertificazione CARTA DI IDENTITÀ Viene rilasciata al compimento del quindicesimo anno di età ed ha validità quinquennale. Cosa occorre: 3 fotografie uguali e recenti - eventuale carta di identità scaduta oppure, se smarrita o rubata, copia della denuncia presentata all autorità di PS. L elenco aggiornato dei paesi per i quali è sufficiente la carta d identità consultare il sito internet Viaggiare Sicuri, a cura del Ministero degli affari Esteri e dell ACI (www.viaggiaresicuri.mae.aci.it) oppure quello della Polizia di Stato (www.poliziadistato.it) Validità per l espatrio SE IL RICHIEDENTE È MINORE DI ANNI 18 occorre la firma di entrambi i genitori che esercitano la patria potestà sul minore. SE IL RICHIEDENTE È MAGGIORENNE, al momento della richiesta della carta di identità valida per l estero, deve dichiarare di non trovarsi in nessuna condizione ostativa all espatrio. Infatti, non può ottenere un documento valido per l estero (sia la carta di identità che il passaporto) chi: 1) è coniugato e avendo figli minori non ottiene l assenso del coniuge all espatrio 2) non è coniugato ma ha figli minori e non ottiene l assenso dell altro genitore/convivente all espatrio 3) è genitore di figli minori ed è separato legalmente, divorziato, vedovo, celibe/nubile e non convivente con l altro genitore, purché non ottenga apposito nulla osta da parte del Giudice Tutelare presso il Tribunale di Verona 4) chi debba espiare una pena restrittiva della libertà personale, chi sia sottoposto ad una misura di sicurezza detentiva ovvero ad una misura di prevenzione (casistiche da verificare con il proprio legale). PER I MINORI DI ANNI 15 che si recano nei seguenti paesi: Austria, Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Liechtenstein, Lussemburgo, Malta, Monaco, Olanda, Portogallo, Spagna, Svizzera, Tunisia e Turchia (solo per chi vi si reca con viaggio organizzato), Slovenia, Croazia. È rilasciato dalla Questura di Verona apposito nulla osta. Per ottenerlo i genitori devono presentare domanda alla Questura allegando certificato di nascita e due fotografie del minore, di cui una autenticata. La documentazione occorrente (modulo di domanda, certificato di nascita, ecc.) è disponibile anche presso l Ufficio Anagrafe del Comune. I CITTADINI STRA- 24 NIERI RESIDENTI possono richiedere la carta di identità non valida per l espatrio presentando regolare permesso di soggiorno e 3 foto. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Uffici Demografici Piazza IV Novembre, 3 - Tel /21 CERTIFICATI ANAGRAFICI (con validità di sei mesi dalla data del rilascio) - Cittadini residenti: cittadinanza, esistenza in vita, godimento dei diritti politici, residenza, risultanza anagrafica di nascita, stato di famiglia, stato libero, vedovanza. - Certificati di: matrimonio, morte, nascita, godimento dei diritti politici. Dove rivolgersi: Municipio di Povegliano Veronese Uffici Demografici Piazza IV Novembre, 3 - Tel /21 PASSAPORTO Il documento, valido per l espatrio nei paesi riconosciuti dal Governo italiano é indispensabile per chi intenda recarsi nei Paesi al di fuori dell Unione Europea (per la quale è sufficiente esibire la Carta d identità), è rilasciato a chiunque ne faccia richiesta. Per i minori di anni 18 serve l autorizzazione dei genitori o di chi ne fa le veci. Cosa occorre: - compilazione dell apposito modello (disponibile presso l uff. Anagrafe del Municipio, presso gli uffici della Questura, dei Carabinieri e sul sito internet - 2 recenti fotografie formato tessera - 1 marca di cc.gg. - ricevuta di versamento della cifra corrente per passaporto, intestato alla Questura. Validità: il passaporto ha una validità di dieci anni, ma in taluni casi previsti dalla normativa vigente ad esso può essere attribuito un periodo di validità inferiore. Rinnovo: anche prima della scadenza il passaporto può essere rinnovato per un periodo complessivamente non superiore a quello massimo previsto dalla legge (10 anni). Dove rivolgersi: - Per il rilascio e per il rinnovo del passaporto: Questura di Verona Lungadige Galtarossa, 11 - Verona Tel Per informazioni: Municipio di Povegliano Veronese Uffici Demografici Tel /21

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE CITTÀ DI PALERMO AREA SERVIZI ALLE IMPRESE SETTORE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - SPORTELLO UNICO REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE 1 SOMMARIO Parte I. le forme del commercio su aree pubbliche e relative

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli