Sandoz Industrial Products S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sandoz Industrial Products S.p.A."

Transcript

1 Sandoz Industrial Products S.p.A. DICHIARAZIONE AMBIENTALE EMAS II aggiornamento anno 2012 Sandoz industrial Products S.p.A. - Corso Verona, Rovereto (TN) Italia Dichiarazione ambientale edizione II aggiornamento MARZO 2013 Il Presente documento costituisce l aggiornamento della dichiarazione ambientale preparata in conformità al regolamento EMAS III. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

2 INDICE Premessa Termini e definizioni Sandoz Industrial Products S.p.A. Attività produttiva e servizi annessi Gestione salute e sicurezza Politica ambientale Sistema di gestione ambientale Individuazione aspetti ambientali e significatività degli impatti ambientali che tali aspetti determinano Aspetti ambientali diretti e loro impatto Impatto visivo Emissioni in atmosfera Odori Scarichi idrici Gestione dei Rifiuti Fabbisogni idrici Consumo di risorse energetiche Amianto Rumore esterno Materie prime impiegate e sostanze pericolose Altri aspetti ambientali diretti Aspetti ambientali indiretti e loro impatto Questioni legate al prodotto Comportamenti ambientali di fornitori ed appaltatori Programma ambientale Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

3 Indirizzo Corso Verona Rovereto TRENTO Telefono 0464/ Telefax 0464/ Responsabile Salute Sicurezza Ambiente Gestione contatti con il pubblico Campo di applicazione Codice NACE - ISTAT Ing. Agostino Peroni Ing. Agostino Peroni Produzione di principi attivi farmaceutici via fermentazione, estrazione e sintesi 21.1 (Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base) Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

4 PREMESSA: La decisione di aderire volontariamente al Regolamento EMAS si inserisce nelle politiche Novartis e della Sandoz I.P. S.p.A. che vede come valore aziendale la tutela della sicurezza, della salute e dell ambiente, sia all interno che all esterno delle proprie unità produttive e che si impegna per uno sviluppo dell attività compatibile con la salvaguardia dell ambiente attraverso l adozione di un Sistema di gestione ambientale e della sicurezza. L adozione di questo sistema ha portato un significativo contributo alla salvaguardia dell ambiente e costituisce un occasione di miglioramento e di crescita dell unità produttiva. La Dichiarazione Ambientale per lo stabilimento Sandoz I.P. S.p.A. rappresenta un ulteriore stimolo per migliorare i rapporti con il territorio e per tendere al miglioramento continuo nella gestione delle tematiche ambientali, in piena sintonia con la Politica del gruppo Novartis. I sistemi di gestione sono stati certificati dal punto di vista della gestione ambientale e della sicurezza rispettivamente secondo le norme ISO e OHSAS nel febbraio del SANDOZ I.P. il 15 dicembre 2005 ha ottenuto la registrazione EMAS II. La presente Dichiarazione Ambientale è stata preparata in conformità ai requisiti del Regolamento EMAS III (Regolamento n 1221 del novembre 2009). Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

5 TERMINI E DEFINIZIONI (in riferimento al regolamento EMAS III) Ambiente Analisi ambientale iniziale APPA Aspetto Ambientale Audit Ambientale Dichiarazione Ambientale Area circostante al luogo in cui opera l organizzazione, comprendente aria, acqua, terreni, risorse naturali, flora, fauna, persone e loro interazioni; (in questo contesto l area circostante si estende dall interno dell organizzazione al sistema globale) Un esauriente analisi iniziale degli aspetti, degli impatti e delle prestazioni ambientali connessi alle attività, ai prodotti o ai servizi di un organizzazione Agenzia Provinciale per la Protezione dell Ambiente Un elemento delle attività, dei prodotti o dei servizi di un organizzazione che ha, o può avere, un impatto sull ambiente Una valutazione sistematica,documentata, periodica e obiettiva delle prestazioni ambientali di un organizzazione, del sistema di gestione e dei processi destinati alla tutela dell ambiente Informazione generale al pubblico e ad altre parti interessate sui seguenti elementi riguardanti un organizzazione: o struttura e attività; o o o o politica ambientale e sistema di gestione ambientale; aspetti e impatti ambientali; programma, obiettivi e traguardi ambientali; prestazioni ambientali e rispetto degli obblighi normativi applicabili in materia di ambiente Impatto Ambientale Obiettivo ambientale Parti Interessate Politica ambientale Prestazioni Ambientali Regolamento EMAS III Sistema di gestione ambientale Traguardo ambientale Qualunque modifica dell ambiente, negativa o positiva, derivante in tutto o in parte dalle attività, dai prodotti o dai servizi di un organizzazione; Un fine ambientale complessivo, per quanto possibile quantificato, conseguente alla politica ambientale, che l organizzazione decide di perseguire; Individui o gruppi di individui, interessati o influenzati dalle prestazioni ambientali dell organizzazione Le intenzioni e l orientamento generali di un organizzazione rispetto alla propria prestazione ambientale, così come espressa formalmente dall alta direzione, ivi compresi il rispetto di tutti i pertinenti obblighi normativi in materia di ambiente e l impegno a un miglioramento continuo delle prestazioni ambientali. Tale politica fornisce un quadro di riferimento per gli interventi e per stabilire gli obiettivi e i traguardi ambientali; I risultati misurabili della gestione dei propri aspetti ambientali da parte di un organizzazione; REGOLAMENTO (CE) n. 1221/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 novembre 2009 sull adesione volontaria delle organizzazioni a un sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS) La parte del sistema complessivo di gestione comprendente la struttura organizzativa,le attività di pianificazione, le responsabilità, le pratiche, le procedure, i processi e le risorse per sviluppare, mettere in atto, realizzare, riesaminare e mantenere la politica ambientale e per gestire gli aspetti ambientali; Un requisito di prestazione dettagliato, conseguente agli obiettivi ambientali, applicabile ad un organizzazione o ad una sua parte, che occorre fissare e realizzare al fine di raggiungere tali obiettivi; Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

6 SANDOZ Industrial Products P. S.p.A. (Rovereto) Lo Stabilimento Sandoz I.P. S.p.A. è ubicato a circa 2 km in direzione Sud-Ovest dalla periferia della città di Rovereto, nella provincia di Trento, ed è inserito all interno della relativa zona industriale denominata Bine Longhe. Nelle vicinanze dello stabilimento sono presenti i seguenti principali centri abitati : CENTRO ABITATO POPOLAZIONE (*) Distanza dal confine SANDOZ (km) Lizzana Frazione di Rovereto 1 Rovereto 37750* 2 Marco Frazione di Rovereto 2,5 Mori 9.472* 3,5 (*) Dati ISTAT aggiornamento 31 dicembre 2011 Viabilità d accesso Corso Verona, Rovereto, (TN) Le principali vie di comunicazione nelle vicinanze dell Azienda sono: Autostrada A-22 del Brennero, S.S. 12 del Brennero, Ferrovia Verona - Bolzano. Inoltre a circa 1.5 km dallo Stabilimento scorre il fiume Adige. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

7 Le principali industrie presenti nella zona industriale in cui è inserito lo stabilimento Sandoz I.P. S.p.A. sono le seguenti: Ragione Sociale Pama S.p.A. Marangoni Meccanica S.p.A. Attività svolta Produzione macchine utensili Attrezzature meccaniche In particolare, entro 1 km dal perimetro dell impianto sono presenti alcuni insediamenti soggetti a particolari cautele, come evidenziato nelle seguente tabella: Tipologia SI NO Attività produttive X Case di civile abitazione X Scuole, ospedali, etc. X Impianti sportivi e/o ricreativi X Infrastrutture di grande comunicazione X Opere di presa idrica destinate al consumo umano X Corsi d acqua, laghi, mare, etc. X Riserve naturali, parchi, zone agricole X Pubblica fognatura X Metanodotti, gasdotti, acquedotti, oleodotti X Elettrodotti di potenza maggiore o uguale a 15 kv X La società Sandoz Industrial Products S.p.A. ha sempre svolto un ruolo trainante nell ambito dell economia del comprensorio della Vallagarina, che costituisce il maggiore polo produttivo industriale della Provincia di Trento. Le attività produttive svolte sono conformi agli elevati standard di qualità richiesti dal mercato, con particolare riferimento ai requisiti fissati dal Ministero della Sanità, dal Food and Drug Administration (FDA Americana) e dall Organizzazione Mondiale della Sanità. Informazioni significative Sandoz I.P. S.p.A. ANNO 2009 ANNO 2010 ANNO 2011 ANNO 2012 Produzione totale a vendita (t) ,114 Personale al 31 dicembre (n ) Personale espresso come personale a tempo pieno equivalente Totale ore lavorate (h) Totale investimenti diretti HSE (Health Safety- Environment) ( ) Totale personale impiegato nel 7 7 7,5 5,5 settore HSE (n ) Nota: Rispetto alle informazioni fornite negli anni precedenti, non è più indicata la voce Produzione totale generale (compreso semilavorati). In tale voce venivano sommati i quantitativi di semilavorati isolati, scaricati e i prodotti finiti destinati a vendita generati dalla loro successiva lavorazione. Tale valore, sebbene indicativo della complessità delle lavorazioni che portano al prodotto a vendita, genera confusione se usato come termine di confronto rispetto alle risorse utilizzate. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

8 La struttura organizzativa di Sandoz I.P. S.p.A. SANDOZ I.P. S.p.A. occupa (al 31 marzo 2013) 158 dipendenti, così suddivisi: DIPENDENTI SANDOZ I.P. S.p.A DIRIGENTI 9 LABORATORI 17 MAGAZZINI 86 MANUTENZIONE UTILITIES/WWTP REPARTI DI PRODUZIONE DIREZIONE AMMINISTRAZIONE UFFICI TECNICI Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

9 PRODUZIONE Complessivamente la quantità di prodotto finito è stata incrementata di circa il 25% rispetto al L aumento/modifica del pacchetto della produzione trova riscontro negli indicatori ambientali che tuttavia non impattano significativamente sugli aspetti ambientali di SANDOZ S.p.A. RISORSE FINANZIARIE INVESTITE Dall acquisizione del sito produttivo, avvenuta nel 1995, lo stabilimento è stato oggetto di notevoli investimenti che ammontano a circa 200 Milioni di euro, e di questi, circa il 20% sono stati destinati ad interventi direttamente legati al settore HSE. Nel 2003 sono entrati in funzione, nuovi impianti ad alta tecnologia che fanno dello stabilimento una delle realtà internazionali più avanzate nella produzione di principi attivi: vi sono stati destinati negli anni 2002 e 2003 circa 60 milioni di euro. L incremento di investimento del 2007 e 2010 in raffronto ai rispettivi anni precedenti è prevalentemente da imputarsi, nel primo caso, al potenziamento dell impianto di sintesi dello stabilimento, attività conclusasi del corso del 2008; nel secondo caso al potenziamento dell impianto di estrazione. Per ogni modifica significativa da apportare agli impianti viene preventivamente presentato all Agenzia Provinciale per l Ambiente uno screening* oppure una Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Nel corso dell anno 2012 gli investimenti sono stati pari a 6,3 milioni di Euro ed hanno riguardato la realizzazione di due digestori anaerobici con annessi gasometri ed infrastrutture, l installazione di un cogeneratore azionato da motore endotermico e di un impianto di essiccamento dei fanghi. * screening = La procedura di screening è una procedura tecnica - amministrativa volta ad effettuare una valutazione preliminare della significatività dell'impatto ambientale di un progetto, determinando se lo stesso richieda, in relazione alle possibili ripercussioni sull'ambiente, lo svolgimento successivo della procedura di valutazione dell'impatto ambientale. 250,0 INVESTIMENTI EFFETTUATI DA SANDOZ I.P. S.p.A. 200,0 Milioni di 150,0 100,0 50,0 0, Investimento annuale 1,0 4,0 18,0 30,9 15,3 10,6 15,9 43,7 25 7,7 0,9 2,1 4,5 2,9 1,3 4,169 2,5 6,3 Investimenti Totali 1,0 5,0 23,0 53,9 69,2 79,8 95,7 139,4 164,4 172,1 173,0 175,1 179,6 182,5 183,8 188,0 190,5 196,8 Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

10 SANDOZ NEL GRUPPO NOVARTIS Sandoz industrial Product S.p.A. fa parte della Business Unit Active Pharma Ingredients (produzione principi attivi), che a sua volta fa riferimento a SANDOZ, divisione di Novartis che si occupa della produzione di farmaci equivalenti. I farmaci equivalenti sono i farmaci non coperti da brevetto. Tali farmaci hanno le stesse proprietà terapeutiche del prodotto brevettato, ma allo stesso tempo hanno un prezzo decisamente inferiore. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

11 ATTIVITA PRODUTTIVA E SERVIZI ANNESSI Lo stabilimento di Rovereto è attivo dal 1968 nella produzione di principi attivi in bulk per l industria farmaceutica, utilizzati per la preparazione di specialità ad uso umano e veterinario. Le attività hanno avuto inizio con la produzione di Tetraciclina, per passare poi alla produzione di Rifampicina, Eritromicina, di Penicilline semisintetiche e di Cefalosporine. Attualmente si producono Tiamulina, Potassio Clavulanato e Acido Micofenolico. Le principali modifiche introdotte negli ultimi anni soggette a procedura di screening sono state: - Anno 2006: Avvio processo di produzione Simvastatina - Anno 2007:E stato ampliato il reparto di produzione Tiamulina, tale modifica non è stata soggetta a procedura di screening in quanto costituiva un ampliamento dell esistente e non mutava le condizioni esistenti. - Anno 2008: Avvio processo di produzione Acido Micofenolico - Anno 2008: Avvio processo di produzione Pravastatina - Anno 2010: Ampliamento reparto Downstream con potenziamento dell impianto di produzione dell Acido Micofenolico. Attualmente SANDOZ I.P. S.p.A. ricopre un ruolo significativo nel mercato internazionale principi attivi in bulk. I prodotti in bulk vengono venduti, per poter essere avviati alla formulazione finale che porterà il farmaco ad essere reso disponibile all utilizzatore. COMPOSTI BASE [Fermentazione] INTERMEDI [Estrazione/ Sintesi] LAVORAZIONI SANDOZ I.P. S.p.A. INGREDIENTI ATTIVI [Estrazione/ Sintesi] FARMACI DA BANCO [miscelazione/ confezionamento ] LAV. ESTERNE Tipo di impianto e tecnologia di base adottata Gli impianti, le tecnologie ed i processi presenti in Sandoz I.P S.p.A. sono quelli comuni agli impianti di produzione di prodotti di base per industria farmaceutica, per via fermentativa o per sintesi chimica. Gli impianti di produzione sono costituiti da: fermentatori; reattori di varia capacità e tipologia (acciaio inox, acciai smaltati etc.); recipienti di varia capacità e tipologia; scambiatori e condensatori; filtri di diversa tipologia e materiale; centrifughe; essiccatori; pompe e macchinario vario. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

12 Sostanze utilizzate/prodotte Le esigenze produttive, connesse al ciclo di lavorazione della Sandoz I.P. S.p.A., comportano l utilizzo e la presenza di molte di sostanze, riconducibili a tre principali categorie: Sostanze nutritizie usate per le fermentazioni: comprendono farine, amidi, zuccheri, grassi di origine vegetale ed animale, Chemicals e solventi: comprendono prodotti con differenti caratteristiche chimico, fisiche e tossicologiche, Produzione: antibiotici e principi attivi. Scheda semplificata dei processi di produzione dei principi attivi MATERIE PRIME: ZUCCHERI, GRASSI, FARINE, SALI MINERALI, CHEMICALS ENERGIA: ELETTRICA; TERMICA INOCULI & PREPARAZIONE TERRENI FERMENTAZIONE SINTESI ESTRAZIONE CRISTALLIZZAZIONE ESSICCAMENTO STOCCAGGIO PRODOTTI Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

13 GESTIONE SALUTE E SICUREZZA Sandoz I. P. S.p.A. considera come valore essenziale dell azienda la tutela della sicurezza e della salute. Sandoz è in possesso della certificazione OHSAS Prevenzione infortuni La prevenzione si applica sia ai dipendenti della società che a terzi operanti per motivi di lavoro all interno della SANDOZ I.P. S.p.A. L azienda si impegna quindi a richiedere costantemente anche ai propri appaltatori (sia imprese che lavoratori autonomi) una analoga attenzione nel condurre a termine i lavori assegnati. In quest ottica particolare rilevanza assume una precisa e puntuale formazione del personale. La particolare attenzione dedicata a questa tematica ha permesso di conseguire risultati estremamente significativi nella prevenzione degli infortuni. INDICE DI FREQUENZA INFORTUNI LTAR (lost Time Accident Rate) = n infortuni*20,000/ore lavorate anno N Infortuni N Infortuni Sandoz I.P. S.p.A LTAR Sandoz I.P. S.p.A. 4,7 3,4 5,1 4,5 5 4,5 2,58 1,2 4,1 2,7 0,57 0, , LTAR Gestione antincendio Nelle normali condizioni di lavoro, l incendio è un pericolo remoto, anche se risulta essere il più temuto, per le sue possibili conseguenze. Gli incendi possono provocare ingenti danni sia alle persone che alle cose, direttamente per l azione delle fiamme, dell irraggiamento termico sviluppato (calore) e dei fumi di combustione prodotti, sia indirettamente a seguito di crolli, esplosioni e danneggiamenti strutturali. Per fronteggiare con adeguatezza e tempestività un eventuale emergenza incendio, la SANDOZ I.P. S.p.A. è dotata di propri Piani di Emergenza, di un corpo volontario di Vigili Ausiliari composto da personale interno adeguatamente addestrato, e di impianti di rilevazione e spegnimento incendio. Dall anno 2006 l azienda ha intrapreso uno specifico percorso formativo che mira ad abilitare almeno il 90% del personale turnista dei reparti di produzione alla lotta antincendio e gestione delle emergenze. Nel maggio del 2013 è stata presentata l attestazione di rinnovo periodico conformità antincendio. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

14 Piani di emergenza Lo stabilimento SANDOZ I.P. S.p.A. è dotato di un Piano di Emergenza Interno di Stabilimento e di singoli Piani di Emergenza di Reparto. Questi documenti hanno lo scopo di stabilire delle procedure che permettano di gestire in modo ottimale il personale e le attrezzature disponibili, al fine di far fronte ad una eventuale situazione di emergenza che metta in reale o potenziale pericolo la salute e la vita delle persone, o provochi danni al patrimonio aziendale. Gestione delle emergenze La gestione delle emergenze all interno dello stabilimento Sandoz I.P. S.p.A. di Rovereto è effettuata tramite l applicazione di NEM (Novartis Emergency Management) PEI e PER (Piano di emergenza interno e Piani di Emergenza di Reparto) Novartis riconosce che, nonostante siano poste in atto tutte le misure precauzionali, ogni iniziativa conserva un rischio residuo, e quindi i piani di emergenza e le relative organizzazioni sono essenziali per tenere sotto controllo le conseguenze avverse delle situazioni al di fuori dell'ordinario. L'organizzazione della "Gestione di Emergenza" presso la Novartis mira a gestire efficacemente qualsiasi emergenza, in caso di incidente o altra situazione critica con potenziali effetti negativi alle cose od alle persone, all'ambiente ed all'immagine della Società. Salute L azienda applica uno specifico protocollo per il monitoraggio della salute dei propri dipendenti, che consiste in: Visite preventive e periodiche individuali Monitoraggio degli inquinanti ambienti di lavoro (rumore, microclima, inquinanti aerodispersi, onde elettromagnetiche ecc..) di area ed individuali. GESTIONE INCIDENTI RILEVANTI Lo Stabilimento, per la tipologia e la quantità delle sostanze utilizzate, rientra nel campo di applicazione del D. Lgs 334 del 1999 e successivi aggiornamenti (attuativo della direttiva 96/82/CE cosiddetta Seveso ). Sandoz I.P. S.p.A. dispone, di un Sistema di Gestione della Sicurezza (SGS) che ha come obiettivo la riduzione della possibilità di accadimento di qualunque evento lesivo per le persone, l ambiente, e le proprietà, ed il perseguimento di un continuo miglioramento delle condizioni e della qualità del lavoro. Sandoz I.P. S.p.A. ha provveduto a predisporre un Rapporto di sicurezza ed ad inviarlo, unitamente alla scheda di informazione sui rischi di incidente rilevante per i cittadini ed i lavoratori a: MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMITATO AMMINISTRATIVO VIGILI DEL FUOCO COMMISSARIATO DEL GOVERNO MUNICIPIO DI ROVERETO Nel periodo compreso fra dicembre 2009 e marzo 2010 è stata effettuata da parte di una apposita commissione una visita ispettiva (disposta dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

15 Mare ai sensi del DM 05 novembre 1997 e dell art.25 del D.Lgs 334/99) allo stabilimento con le seguenti finalità: accertare l adeguatezza della politica di prevenzione degli incidenti rilevanti posta in atto dal gestore e dal relativo Sistema di Gestione della Sicurezza condurre un esame pianificato e sistematico dei sistemi tecnici, organizzativi e di gestione applicati nello stabilimento, al fine di verificare che il gestore abbia attuato quanto da lui predisposto per la prevenzione degli incidenti rilevanti e per la limitazione delle loro conseguenze. In merito all esito della verifica la Commissione ha rilasciato alcune raccomandazioni ma non sono state formulate proposte di prescrizione. Tali raccomandazioni sono state gestite, nel corso del 2011, in accordo con il Comitato Tecnico Amministrativo preposto. Esercitazione antincendio Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

16 POLITICA AZIENDALE Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

17 Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

18 SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE L evoluzione gestionale di SANDOZ I.P. S.p.A Lo stabilimento aderisce su base volontaria al programma Responsible care 2001 Si adotta un Sistema di Gestione della Sicurezza conforme alle prescrizioni del D.Lgs 334/99 (Seveso) Le preesistenti procedure operative e gestionali relative ad HSE entrano a far parte del neonato SGS di Sandoz I.P. S.p.A Il SGS viene trasformato in un Sistema di Gestione Integrata Sicurezza e Ambiente in conformità alle norme OHSAS e ISO Ottenimento delle certificazioni OHSAS e ISO Ottenimento della Certificazione UNI EN ISO Ottenimento della registrazione EMAS Ottenimento del Certificato Prevenzione Incendi Ottenimento dell autorizzazione ambientale integrata IPPC Implementazione di una procedura di monitoraggio e comunicazione emissioni di gas ad effetto serra (Emission Trading) Rinnovo Certificazione ISO e OHSAS Conferma della registrazione EMAS fino a settembre Verifica disposta dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e Mare inerente alla prevenzione degli incidenti rilevanti (D.Lgs.334/99) 2010 Presentata richiesta riemissione dell Autorizzazione Integrata Ambientale 2011 Conferma della registrazione EMAS fino a settembre Ottenimento rinnovo dell AIA - autorizzazione ambientale integrata (scadenza 2019) 2013 Ottenimento del Certificato Prevenzione Incendi Il sistema di gestione integrato sicurezza/ambiente SANDOZ I.P. S.p.A. ha predisposto e mantiene un Sistema di Gestione Integrato SA conforme alle norme OHSAS 18001:2007 UNI EN ISO 14001:2004, al Regolamento EMAS III ed alla norma UNI (rischi da incidenti rilevanti). La gestione controllata della documentazione del Sistema di Gestione Integrato viene assicurata attraverso le attività di preparazione, verifica ed approvazione, distribuzione, archiviazione, Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

19 aggiornamento ed eliminazione come definito in una apposita SOP (Standard Operating Procedures). SANDOZ I.P. S.p.A. stabilisce, documenta e mantiene aggiornato il sistema di gestione integrata migliorandolo continuamente e rispettando le norme e leggi di riferimento. Il Sistema Integrato è documentato per mezzo di una serie di documenti che fissano le modalità gestionali e operative per assicurare la sicurezza e salute nei posti di lavoro, il rispetto dell ambiente e la qualità dei prodotti offerti. Tali documenti risultano così suddivisi: Manuale Integrato SA PIR (Sicurezza Ambiente Prevenzione Incidenti Rilevanti) Standard Operating Procedures (SOP) Registrazioni Moduli di registrazione Piani di Emergenza Linee guida della casa madre Dichiarazione Ambientale Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

20 Riportiamo di seguito i principali strumenti di analisi che fanno parte del sistema HSE COMPETENZA ASPETTO ANALIZZATO STRUMENTO DI ANALISI HEALTH [SALUTE] SAFETY [SICUREZZA] ENVIRONMENT [AMBIENTE] VISITE PERIODICHE IGIENE INDUSTRIALE VALUTAZIONE RISCHI VERIFICHE GENERALI ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE CONFORMITA IMPIANTISTICA VERIFICHE GENERALI ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE ADDESTRAMENTO ANTINCENDIO CONTROLLO DEI PRESIDI AMBIENTALI (EMISSIONI) VERIFICHE GENERALI ORGANIZZAZIONE FORMAZIONE ADDESTRAMENTO ANTINCENDIO SALUBRITÀ AMBIENTI DI LAVORO SANITARIE AI DIPENDENTI MONITORAGGI PERIODICI: - Microclima - Polveri - Rumore - Solventi - Amianto - Rischio chimico / cancerogeni - Uso VDT - Movimentazione carichi - Esposizione campi elettromagnetici - Esposizione rumore / vibrazioni - Esposizione amianto - ATEX - Autoverifiche (Audit interno) - Verifiche di gruppo (Novartis) - Ispezioni esterne (Enti di certificazione, organismi competenti nazionali) - Procedure generali dello stabilimento - Procedure specifiche di reparto - Gestione emergenze - Generale - Specifica di reparto - Progettazione - Installazione - Uso - Manutenzione - Autoverifiche (Audit interno) - Verifiche di gruppo (Novartis) - Ispezioni esterne (Enti di certificazione, organismi competenti nazionali) - Procedure generali dello stabilimento - Procedure specifiche di reparto - Gestione emergenze - Generale - Specifica di reparto - Progettazione - Manutenzione - Formazione ed addestramento specifico - Aria - Acqua - Suolo - Sottosuolo - Autoverifiche (Audit interni) - Verifiche di gruppo (Novartis) - Ispezioni esterne (Enti di certificazione, organismi competenti nazionali) - Procedure generali dello stabilimento - Procedure specifiche di reparto - Gestione emergenze - Generale - Specifica di reparto - Progettazione - Manutenzione - Formazione ed addestramento specifico Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

21 INDIVIDUAZIONE ASPETTI AMBIENTALI E SIGNIFICATIVITA DEGLI IMPATTI AMBIENTALI CHE TALI ASPETTI DETERMINANO Aspetto Ambientale = elemento di un attività, prodotto o servizio di un organizzazione che può interagire con l ambiente. Un aspetto ambientale significativo (AAS) è un aspetto ambientale che determina un impatto ambientale significativo. Aspetto ambientale diretto = aspetto inerente ad attività sotto il controllo gestionale dell organizzazione. Aspetto ambientale indiretto = aspetto inerente ad attività per i quali l organizzazione non può avere un controllo gestionale totale. Impatto Ambientale = qualunque modificazione dell ambiente, negativa o benefica, totale o parziale, conseguente ad attività, prodotti o servizi di un organizzazione. Sandoz I.P. S.p.A. ha identificato e valuta periodicamente gli aspetti ambientali che possono determinare significativi impatti ambientali. Ogni aspetto ambientale che determina un impatto ambientale viene valutato attribuendo ad esso un FATTORE DI SIGNIFICATIVITÀ (S). Criteri di valutazione degli aspetti ambientali diretti: Questo fattore scaturisce dalla combinazione dei seguenti parametri: la probabilità che l evento accada (P); la conformità legislativa (C) (il punteggio varia in relazione alla presenza di leggi ed alla presenza di limiti di riferimento) la quantificazione dell impatto (per i consumi di risorse) / pericolosità (per le emissioni) (Q); la migliorabilità delle attività da cui scaturisce l impatto (M); la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività) (SC). Criteri di valutazione degli aspetti ambientali indiretti Questo fattore scaturisce dalla combinazione dei seguenti parametri: la presenza di vincoli legislativi, normative di prodotto, specifiche di clienti (C); l importanza del miglioramento dell aspetto ambientale indiretto (I); la migliorabilità dell impatto ambientale indiretto (M); la sensibilità del contesto (territoriale, della collettività) (SC). la possibilità per l azienda di incidere sull aspetto ambientale indiretto (P) Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

22 Revisione periodica degli aspetti ambientali Il Responsabile del sistema di gestione Ambientale (RGA) provvede, in collaborazione con la Direzione, a rivalutare ed eventualmente ad identificare eventuali nuovi aspetti ambientali. Aspetti che determinano impatti ambientali SIGNIFICATIVI per SANDOZ I.P. S.p.A (elencati in ordine di significatività) Diretti: SCARICHI IDRICI (24) SOSTANZE PERICOLOSE (24) EMISSIONI IN ATMOSFERA (21) RIFIUTI (21) RUMORE (18) BIODIVERSITA (15) CONSUMO DI MATERIE PRIME (15) CONSUMO DI RISORSE ENERGETICHE (15) CONSUMO DI RISORSE NATURALI (15) ODORI (15) Indiretti: COMPORTAMENTI AMBIENTALI DI FORNITORI ED APPALTATORI (18) QUESTIONI RELATIVE AL PRODOTTO (15) Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

23 ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI E LORO IMPATTO BIODIVERSITA Nonostante il sito produttivo Sandoz I.P. S.p.A sia inserito in un area industriale dove non sussistono particolari vincoli paesaggistici o naturalistici, per limitare al massimo l impatto visivo dei fabbricati, comunque imponenti, sono stati effettuati nel corso degli anni diversi interventi. mascheratura arborea scelte cromatiche poco impattanti ecc.. L azienda ha destinato un elevata percentuale della superficie utilizzata per aree verdi ed aiuole, costantemente curate e manutenute. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

24 Attualmente lo spazio complessivo di mq occupato da Sandoz I.P. S.p.A è cosi ripartito: SUPERFICIE SANDOZ I.P. S.p.A. 4% Parcheggi 38% 31% Strade e piazzali Aree verdi 4% 23% Cantieri Fabbricati e volumi tecnici TIPOLOGIA METRI QUADRI Parcheggi m² Strade e piazzali m² Aree verdi m² Cantieri m² Fabbricati e volumi tecnici m² TOTALI Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

25 Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

26 EMISSIONI IN ATMOSFERA EMISSIONI DA COMBUSTIONE Le emissioni derivanti da combustione dello stabilimento sono principalmente prodotte dalle caldaie utilizzate per la produzione di vapore. Lo stabilimento dispone di quattro caldaie di cui una sola, con una potenza di kw, utilizzata a pieno carico; una è dismessa e le altre due, con potenze di kw e kw, sono di riserva per le punte di consumo. Due caldaie sono attrezzate per la combustione dei gas di ventilazione cioè, per la termossidazione dei composti organici volatili non clorurati non condensabili degli impianti di produzione e stoccaggio, così da evitarne l emissione in atmosfera. Nel corso del 2011, una caldaia è stata attrezzata per la combustione si alcune miscele di solventi esausti, non riutilizzabili nel ciclo produttivo, con conseguente recupero. Il cosiddetto processo di cocombustione è stato avviato nell aprile del Altre fonti di emissione da combustione sono dovute alla presenza di due gruppi elettrogeni, due piccole caldaie a servizio della centrale di decompressione metano, piani di cottura della mensa interna e becchi bunsen da laboratorio. I gruppi elettrogeni sono alimentati a gasolio, le caldaie e i becchi bunsen a metano, i piani di cottura della mensa sono invece alimentati a GPL. Emissioni di gas ad effetto serra (protocollo di Kyoto) Rientra tra queste emissioni la CO 2 prodotta nei processi di combustione sopra descritti e per le quali Sandoz I.P. S.p.A. dispone della relativa autorizzazione ministeriale. Lo stabilimento dispone infatti di una quota di emissione annua assegnata pari a per il periodo (Sulla base della deliberazione n. 20/2012 del comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto) La quantità di CO 2 emessa si determina facilmente e con ottima precisione sulla base del combustibile consumato essendo quantitativamente del tutto trascurabile l incidenza degli eventuali incombusti. Nel caso del gas naturale, la combustione di ogni Nm³ di gas naturale produce 1.96 kg di CO 2. Nel caso dell olio combustibile, la combustione di ogni kg produce 3,13 kg di CO 2 (valore corrispondente ad un combustibile con contenuto di C pari all 86% in peso). Nell anno 2012 SANDOZ I.P. S.p.A ha emesso in atmosfera tonnellate di CO2, pari al 56 % delle quote assegnate dal Ministero dell Ambiente (Dati convalidati sulla base del rapporto del 5 marzo 2013 rilasciato da Bureau Veritas). Nel 2012 SANDOZ ha emesso 8,98 tonnellate di CO2 per ogni tonnellata di prodotto a vendita Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

27 EMISSIONE CO t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t t CO2 Emissione in atmosfera CO2 Emissione autorizzata Tale risultato e stato reso possibile attraverso l uso preferenziale di vapore fornito da Dolomiti Energia (anziché di produzione interna), infatti questa fonte energetica non comporta emissione di CO 2 in quanto il vapore viene prodotto con calore di scarto, comunque disponibile nei fumi prodotti dall impianto di cogenerazione. In altre parole, la produzione del vapore fornito allo stabilimento Sandoz I.P. S.p.A. non richiede l utilizzo dei generatori di supporto, ovvero se il vapore non venisse prelevato da Sandoz I.P. S.p.A., l energia corrispondente verrebbe dispersa in ambiente sotto forma di maggiore temperatura di scarico dei fumi. Altre emissioni da prodotti della combustione I prodotti della combustione del gas naturale, oltre ad azoto, vapor acqueo ed ossigeno, ed anidride carbonica, contengono piccole quantità di ossidi di azoto e monossido di carbonio. Nel caso di utilizzo di olio combustibile sono anche presenti ossidi di zolfo e polveri. I valori di emissione specifica sono sostanzialmente stabili in quanto le caldaie utilizzate sono dotate di regolazione automatica continua del rapporto aria/combustibile, permanentemente in servizio. Emissioni di CO (monossido di carbonio) Le emissioni di CO sono trascurabili essendo al limite di rilevabilità degli strumenti di monitoraggio. Dai dati di monitoraggio delle caldaie si ricava un emissione di 666 Kg nell anno Emissioni di NOx (ossidi di azoto) Le emissioni specifiche di NOx sono pari a circa il 40% del limite ammesso nel funzionamento a gas naturale. Dai dati di monitoraggio delle caldaie si ricava un emissione di kg nell anno Anche in questo caso, i contributi di gruppi elettrogeni e mensa sono trascurabili quantitativamente. Emissioni di SOx (ossidi di zolfo) Le eventuali emissioni di SOx sono dovute esclusivamente all eventuale presenza di zolfo nei combustibili liquidi, fonte utilizzata son lo in caso di mancata fornitura del metano. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

28 Nell anno 2012 l uso di olio combustibile ha comportato un emissione di 106 Kg di SOx. Sistema di monitoraggio in atto Le emissioni dei generatori di vapore sono monitorate in continuo tramite misurazione, registrazione ed invio quotidiano (entro le ore 01.00) all Agenzia Provinciale Per l Ambiente (APPA) dei valori orari del giorno precedente per quanto riguarda : tenore di ossigeno; tenore di CO; tenore NOx; portata Nm3/h; temperatura; Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

29 EMISSIONI DI COV (COMPOSTI ORGANICI VOLATILI) Le emissioni in atmosfera dei processi produttivi sono dovute prevalentemente all utilizzo di solventi organici, necessari per i processi di estrazione e lavorazione dei principi attivi prodotti. Strategia adottata da Sandoz I.P. S.p.A. per la riduzione delle emissioni di COV Sin dal 1996, sia ai fini della prevenzione delle emissioni in atmosfera sia ai fini del miglioramento del livello di sicurezza dei propri impianti, la Sandoz I.P. S.p.A. ha attuato una profonda ristrutturazione degli impianti e delle attività produttive, comprendente in particolare: la movimentazione di prodotti, reagenti e solventi con pompe e tubazioni chiuse; lo scarico dei camion con collegamenti di bilanciamento dello sfiato; il recupero e riutilizzo dei solventi mediante distillazione frazionata; la riduzione dell emissione di vapori di COV mediante condensazione e recupero a livello di singola apparecchiatura o serbatoio di stoccaggio; la riduzione delle quantità di gas di ventilazione emessa mediante l impiego di collettori di bilanciamento; il collettamento generalizzato degli sfiati di stoccaggi ed apparecchiature di processo in impianto di termossidazione (TNV); l impiego di componenti ad elevata classe di tenuta; Nel corso del 2007 è cessato l uso di solventi clorurati (Diclorometano), sostanza per la quale vige l obbligo di effettuare la dichiarazione al Ministero dell Ambiente PRTR (Pollutant Release and Transfer Register). L insieme di questi provvedimenti, tutti indicati nella BREF* limita, per quanto tecnicamente possibile le emissioni dirette in ambiente di COV. *BREF: acronimo di Bat Reference Report, rapporto sulle migliori tecniche disponibili Abbattimento con termoossidazione (TNV) dei COV nei gas di ventilazione Nel 1996 Sandoz I.P. S.p.A. ha deciso di effettuare il trattamento preferenziale dei gas di ventilazione contenenti COV non clorurati, utilizzando uno speciale sistema di collettamento e termoossidazione dei gas di ventilazione prodotti dall intero stabilimento, immettendoli nei focolari dei generatore di vapore predisposti. L esperienza di gestione ha confermato la validità delle ipotesi progettuali e l efficacia di questo sistema. L efficienza di abbattimento è del 100%. Monitoraggi in atto I monitoraggi delle emissioni vengono effettuati mediante: misure periodiche nei punti di emissione convogliata; bilanci di massa per la determinazione delle emissioni totali e diffuse. Le concentrazioni di inquinanti nei punti di emissione convogliata sono stabilmente inferiori ai limiti ammessi dalle vigenti norme. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

30 Il bilancio di massa dei solventi dello stabilimento Sandoz I.P S.p.A. effettuato in conformità alle disposizioni legislative ha dato i risultati seguenti: Emissioni di COV espresse come percentuale del solvente circolato Emissione totale COV anno ,16% Emissione totale COV anno ,59% Emissione totale COV anno ,62% Emissione totale COV anno ,37%* 1 Emissione totale COV anno ,10% Emissione totale COV anno ,06% Emissione totale COV anno ,05% Emissione totale COV anno % Emissione totale COV anno % Emissione totale COV anno ,03% Limite di attenzione Sandoz I.P. S.p.A. 2,00%* 2 Limite di legge 15,00% * 1 La sostanziale differenza registrata nei confronti del anno 2005 è da intendersi sintesi dei seguenti fattori: - Riduzione delle emissioni convogliate attraverso modifica di apparecchiature impiantistiche che ne hanno reso possibile la connessione al sistema di termoossidazione. - E stato rivisto il bilancio di massa relativo ai solventi in uso. Ciò ha permesso identificare con maggiore accuratezza ulteriori quote di solvente biodegradate nel depuratore interno. Riducendo così la quota incognita attribuita di regola prudenzialmente ad emissione diffusa. * 2 A partire dal 2007 si è abbassato il limite di attenzione Sandoz I.P. S.p.A. dal 3% al 2%. 16% EMISSIONE TOTALE COV (Percentuale sul solvente ricircolato) 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% 1,16% 1,59% 1,62% 0,37% 0,10% 0,06% 0,05% 0,04% 0,02% 0,03% COV Emissione complesiva in atmosfera (Percentuale sul ricircolato) Limite di attenzione Sandoz I.P. S.p.A. Limite di legge Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

31 POLVERI Allo scopo di limitare le emissioni di polveri da lavorazioni specifiche, nello stabilimento Sandoz I.P. S.p.A. le lavorazioni che possono generare polveri verso l ambiente vengono effettuate in ambienti dedicati ed appositamente attrezzati; sono stati installati sistemi di captazione in prossimità del punto di produzione della polvere od a servizio dell intero locale; il flusso aspirato viene convogliato in filtri a maniche in alcuni casi preceduti da cicloni, iin alcuni casi, il trattamento dei flussi gassosi che possono contenere polveri (o solidi trascinati) viene effettuato con abbattitori ad umido. Tutto ciò è conforme alle migliori tecnologie applicabili. I punti di emissione in atmosfera di polvere sono soggetti a campionamento e misura annuale i dati ottenuti sono ampiamente entro i limiti autorizzati e in linea con quanto indicato nelle BAT. L emissione di polveri nell anno 2012 è stata di 558 kg, dovute rispettivamente a 484Kg provenienti da lavorazioni specifiche di processo e 74Kg da processi di combustione. L aumento rispetto all anno precedente è dovuto all incremento e variazione del mix produttivo. Errata corrige: Nel 2011 era stato inserito erroneamente il solo dato inerente l attività di combustione (25Kg) omettendo le polveri provenienti da lavorazioni specifiche di processo pari a 229 Kg. ODORI Le potenziali fonti di odore sono prevalentemente riconducibili all aria esausta in uscita dai fermentatori e dall impianto di trattamento acque. Gli odori provenienti da queste fonti hanno una soglia di olfattibilità bassa e vengono trattati con appositi impianti di abbattimento in prossimità dell impianto. Dalla fine dell anno 2012 è iniziata l operazione di essicazione dei fanghi che permette una notevole riduzione della quantità di rifiuto prodotto. Tale operazione ha causato un aumento della quantità di emissioni odorose nelle vicinanze dell impianto. E prevista nel corso dell estate l installazione di un abbattitore ad umido aggiuntivo. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

32 SCARICHI IDRICI Convogliamento dei vari flussi di acqua Tutti i reflui idrici provenienti dai reparti produttivi e dai relativi impianti di servizio scaricano nella rete fognaria interna e sono collettati al depuratore, fatta eccezione per lo scarico dei servizi igienici connesso direttamente nella fognatura delle acque nere della rete fognaria pubblica e quindi trattato al depuratore comunale. Lo stabilimento lavora in circuito chiuso, al fine di evitare potenziali rischi di sversamenti che possano finire direttamente nei corsi d acqua. Depuratore Il depuratore realizzato nello stabilimento SANDOZ I.P. S.p.A. è di tipo biologico, misto aerobico/anaerobico, finalizzato all abbattimento del COD, alla nitrificazione e successiva denitrificazione (abbattimento dell azoto) e defosfatazione delle acque trattate. Vengono effettuate analisi quotidiane degli inquinanti allo scarico quali COD, NO 2, NH + 4, P. Dal depuratore l acqua trattata si scarica nella canalizzazione per acque bianche della rete comunale di qui al Rio Coste e successivamente al Fiume Adige. Riportiamo di seguito le concentrazioni medie e le quantità totali annue rilevate allo scarico generale (anno 2012). Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

33 120,0 mg/l 100,0 mg/l 80,0 mg/l 60,0 mg/l 40,0 mg/l 20,0 mg/l 92,8% 93,5% 92,5% 95,0% 93,5% 92,8% 100,0 mg/l 80,0 mg/l Emissione COD 33,9 mg/l 33,4 mg/l 33,2 mg/l 29,2 mg/l 28,8 mg/l 17,1 mg/l 100,00% 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% 250,00 t 200,00 t 150,00 t 100,00 t 159,78 t Emissione COD 163,00 t 127,72 t 100,49 t 194,71 t 218,27 t,0 mg/l COD Concentrazione di emissione in acque superficiali Limite attenzione Sandoz I.P. S.p.A. Limite legge Resa abbattimento COD 0,00% 50,00 t,00 t COD Emissione complessiva in acque superficiali 15,0 mg/l EMISSIONE AZOTO TOTALE (N) 82,64% 89,06% 91,38% 85,14% 89,59% 73,73% 100,00% 30,00 t 25,00 t EMISSIONE AZOTO TOTALE (N) 27,00 t 10,0 mg/l 5,0 mg/l 10,0 mg/l 8,0 mg/l 4,3 mg/l 3,3 mg/l 5,5 mg/l 2,6 mg/l 2,7 mg/l 2,2 mg/l 50,00% 20,00 t 15,00 t 10,00 t 15,47 t 18,66 t 15,07 t 18,04 t 14,50 t 0,00%,0 mg/l Azoto totale (N) Concentrazione di emissione in acque superficiali Limite attenzione Sandoz I.P. S.p.A. Limite legge Resa abbattimento N 5,00 t,00 t Azoto totale (N) Emissione complessiva in acque superficiali 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 72,30% 1,00 mg/l 0,80 mg/l EMISSIONE FOSFORO TOTALE (P) 84,94% 78,14% 90,57% 81,39% 83,24% 0,42 mg/l 0,34 mg/l 0,42 mg/l 0,52 mg/l 0,56 mg/l 0,46 mg/l ,00% 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% 0,00% Fosforo totale (P) Concentrazione di emissione in acque superficiali Limite attenzione Sandoz I.P. S.p.A. Limite legge (IPPC) Resa abbattimento P PO4 EMISSIONE FOSFORO TOTALE (P PO4) 14,00 t 12,00 t 11,67 t 10,00 t 9,45 t 9,21 t 8,00 t 5,98 t 6,40 t 6,00 t 4,49 t 4,00 t 2,00 t,00 t Fosfoto totale (P PO4) Emissione complessiva in acque superficiali Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

34 GESTIONE DEI RIFIUTI La gestione dei rifiuti all interno dello stabilimento è gestita con apposite procedure interne che consentono di mantenere un efficace ed attento controllo dalla fase di generazione del rifiuto fino allo smaltimento effettuato secondo quanto previsto dal D.Lgs. 152/2006. Lo stabilimento Sandoz I.P. S.p.A. ha applicato nel corso degli anni e continua ad applicare diversi criteri per diminuire la quantità di rifiuti prodotti e per gestire nel miglior modo possibile il loro smaltimento. A partire dall aprile 2013 la casa madre Novartis ha vincolato la qualifica dei nuovi gestori di rifiuti all esito positivo di un audit Responsible Procurement. Il grafico di seguito riportato illustra il quantitativo di rifiuti prodotti negli ultimi anni suddiviso fra pericolosi e non pericolosi. RIFIUTI PRODOTTI TOTALE PRODUZIONE Rifiuti Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Kg Produzione RIFIUTI PERICOLOSI RIFIUTI NON PERICOLOSI PRODUZIONE TOTALE A VENDITA La tipologia e la quantità dei rifiuti prodotti è strettamente legata alla tipologia di mix produttivo. L aumento della produzione del potassio clavulanato e di acido micofenolico hanno comportato un aumento della produzione di rifiuti (sono aumentati in maniera significativa i fanghi). Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

35 I rifiuti prodotti sono trattati come riportato nel grafico seguente In linea con le linee guida della casa madre, Sandoz I.P. S.p.A. non conferisce alcuna tipologia di rifiuto pericoloso in discarica. I rifiuti NON PERICOLOSI sono inviati per il 99.85% a recupero e per il restante 0.15% ad incenerimento. I rifiuti PERICOLOSI sono inviati per il 98% a incenerimento e per il restante 2% a recupero. Si evidenzia che il fango biologico viene lavorato in impianti di compostaggio per successivo riutilizzo agronomico. FABBISOGNI IDRICI Il ciclo dell acqua dello stabilimento segue lo schema sotto riportato (Dati 2012): INGRESSO USO USCITA Fonti di approvvigiona m³ Utilizzo m³ Scarico m³ mento Acqua potabile Acque nere m³ Servizi igienici m³ da acquedotto municipale m³ Acqua da pozzo m³ Processo m³ Acqua industriale Depuratore* m³ m³ Raffreddamento* m³ da acquedotto * Il dato relativo all acqua usata nel sistema di raffreddamento non dispone di un totalizzatore, pertanto il è calcolato per differenza rispetto all acqua in ingresso rispetto agli altri usi noti. Lo stesso dato è utilizzato per quantificare l acqua in uscita dallo stabilimento. Minimizzazione dei fabbisogni di acqua di processo Nel gruppo Novartis e di conseguenza in Sandoz I.P. S.p.A., il risparmio di acqua è considerato fra le priorità nella gestione della materia ambientale. La gestione delle risorse idriche e dei corrispondenti scarichi è quindi oggetto di particolare cura. I criteri applicati nello stabilimento Sandoz I.P. S.p.A sono conformi alle migliori tecniche di gestione delle risorse degli scarichi idrici, in quanto: sono già note, identificate e catalogate le fonti di acque di scarico il riutilizzo dell acqua è una realtà, in quanto l anello secondario permette un significativo risparmio, descritto più avanti le portate di acqua sono dosate in funzione dei fabbisogni di processo ed è parzialmente attuata la contabilizzazione dei prelievi delle varie utenze sono ottimizzate le superfici di scambio termico funzionano sistemi di termostatazione a controllo elettronico si applicano processi a basso consumo di acqua Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

36 Dal punto di vista quantitativo, l utilizzo prevalente dell acqua nello stabilimento SANDOZ I.P. S.p.A. è il raffreddamento a bassa temperatura. Un primo sostanziale risparmio di quantità d acqua utilizzata è stato ottenuto innalzando la temperatura delle acque scaricate allo scopo di ottimizzarne l utilizzo termico. L acqua che entra in stabilimento alla temperatura di 10 C, e che nel passato veniva scaricata alla temperatura di 18 C, a seguito della realizzazione di un anello secondario per il riciclo e riutilizzo dell acqua di raffreddamento ha consentito l innalzamento della temperatura di scarico a 22 C. Lo scarico di acqua della Sandoz I.P. S.p.A. avviene nella canalizzazione per acque bianche comunale di cui costituisce il maggiore affluente costituendo normalmente circa il 90% della portata. La temperatura di scarico (22 C) è lontana dal limite di 30 C imposto dall autorizzazione integrata ambientale 2011; la temperatura non aumenta più di 3 C nel raggio di 50 m. Detta fognatura scarica a sua volta nel rio denominato Rio Coste. Anche considerando questo punto il limite di temperatura massima e di aumento di temperatura nel raggio di 50 m è rispettato m³ m³ m³ ALIMENTAZIONI ACQUA m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ m³ Acqua emunta da pozzo Acqua potabile da acquedotto comunale Acqua industriale da acquedotto comunale La quantità di acqua utilizzata è strettamente legata alla tipologia di mix produttivo. Dichiarazione ambientale Dati disponibili al 31 marzo

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli