Insieme per una Verona più pulita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insieme per una Verona più pulita"

Transcript

1 Registrazione al Tribunale di Verona n. 2984/12 MAGGIO ANNO II Insieme per una Verona più pulita Tanti concittadini stanno già contribuendo a tenere più puliti gli spazi che occupiamo e il Presidente di AMIA, Miglioranzi ci spiega cosa sia una cultura del rifiuto sempre più diffusa. L EDITORIALE di Diego Cordioli Riciclaggio e rinnovamento L ambiente e l ecologia diventano prioritari anche per il territorio veronese: i buoni risultati della raccolta differenziata, come nota il Presidente di AMIA, Miglioranzi ed una sempre maggiore attenzione al riciclaggio e agli spazi verdi, ne sono la testimonianza. Si avvicinano sempre di più le elezioni e ciascuno di noi può concorrere, con il proprio voto, a decidere gli equilibri politici futuri, sia a livello locale che europeo. La Provincia, istituzione che tra qualche mese cesserà i suoi compiti, non manca, in questo ultimo periodo, di essere attiva con pubblicazioni ed eventi d interesse sociale; tante sono anche le attività in cantiere e le iniziative proposte dal Comune di Verona. A livello nazionale, l avv. Aventino Frau discute sulla riabilitazione di Silvio Berlusconi; in merito alla legalità hanno riflettuto anche gli studenti veronesi della Consulta, durante un convegno per favorire la cittadinanza responsabile alla presenza del Sindaco Tosi. In evidenza, anche le modifiche introdotte nell ambito della Sanità dal nuovo Piano Socio Sanitario Regionale. Per la nuova rubrica "Moda & Bellezza" abbiamo intervistato la modella veronese Cristiana Bertasi, finalista a Miss Italia e a Miss Universo. E ancora: musica, economia, eventi, sport, con le notizie calcistiche di Chievo ed Hellas e la Straverona. In più, un nuovo spazio dedicato agli animali. Non mancano le notizie del Garda e quelle di alcuni comuni della provincia veronese. Per quanto riguarda Villafranca, tra tutte le notizie campeggia quella del Carosello dell Arma dei Carabinieri, che ha emozionato le tante persone presenti alla rievocazione. PRIMO PIANO Le elezioni del 25 Maggio articolo a pag. 3 SCUOLA & ISTRUZIONE Un convegno sulla legalità articolo a pag. 9 Andrea Miglioranzi, Presidente di AMIA Verona S.p.a COMUNE DI VERONA Marchi: Assessore all'urbanistica SANITÀ & TERRITORIO articolo a pag. 6 Integrazione ospedale-territorio articolo a pag. 11 LASCIATEMI DIRE La riabilitazione di Berlusconi MODA & BELLEZZA articolo a pag. 8 Cristiana Bertasi: percorsi di vita articolo a pag

2 2 Primo Piano A cura di Diego Cordioli DifferenziAMIAci: il Presidente Miglioranzi Intervistiamo il Presidente di AMIA Andrea Miglioranzi che ci parla di come l'azienda riesca a raggiungere il suo principale obiettivo: una Verona più pulita. di Diego Cordioli Presidente, di cosa si occupa AMIA? AMIA Verona S.p.a è un'azienda che cerca di potenziare la sua attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani puntando in particolare sulla raccolta differenziata e sulla tutela del patrimonio verde, contribuendo così a produrre benefici ambientali a servizio del territorio. In che area operate? AMIA è incaricata della gestione dei rifiuti di Verona città e provincia. Il nostro servizio porta a porta, ad esempio, coinvolge 65 mila veronesi, residenti nell'ottava circoscrizione (a nord-est), a San Michele, Cadidavid, Palazzina, Zai, Dossobuono, nelle zone agricole della quarta e quinta circoscrizione, a Bassona e Parona fino a Quinzano. E non appena il Comune ci darà il via, siamo pronti ad estendere il porta a porta anche a Borgo Roma e nella quinta circoscrizione. Quali sono i risultati che avete raggiunto? Andrea Miglioranzi Prima di procedere, quindi, è necessario procedere alla bonifica delle due aree. Quali sono gli obiettivi che AMIA si prefigge? AMIA, sempre più consapevole del proprio ruolo nella gestione dell'ambiente, si propone di incrementare le attività di riciclaggio, riutilizzo e corretta gestione dei rifiuti, diffondendo anche tra i cittadini una nuova cultura del rifiuto. Attraverso quali attività è possibile raggiungere questi obiettivi? Innanzitutto con l'introduzione del servizio porta a porta di cui si parlava prima. Poi abbiamo incrementato il servizio di raccolta di carta e di cartone, in particolare nelle strade con maggior affluenza di persone e nelle aree a maggiore vocazione commerciale. Abbiamo potuto così eliminare gli accumuli di imballaggi fuori dai negozi e quelli di carta e cartone fuori dai cassonetti. Abbiamo contribuito in questo modo a migliorare l'impatto visivo e ambientale del centro storico e di tutta la città. Come riuscite a contrastare l'abbandono indiscriminato dei rifiuti? L'azienda ha acquistato delle nuove telecamere di ultima generazione per tenere a freno questi comportamenti che incentivano i danni ambientali e l'inquinamento. Grazie a questo sistema di video sorveglianza, che originariamente prevedeva postazioni fisse e che si avvale ora di nuove apparecchiature dalla tecnologia innovativa, possiamo contrastare meglio questo fenomeno. In che modo riuscite a informare i cittadini sui vostri servizi e a comunicare con loro? AMIA ha investito e sta investendo in nuove campagne di comunicazione e informazione, attraverso una serie di interventi di sensibilizzazione mirata. Queste iniziative vogliono coinvolgere i cittadini nella collaborazione attiva in campo ambientale, invitandoli così a migliorare insieme a noi, quantitativamente e qualitativamente, i risultati della raccolta differenziata. Per quanto riguarda la raccolta differenziata, siamo molto orgogliosi dei risultati raggiunti: il 2014 si è aperto con una media cittadina della raccolta differenziata del 53,2%. Verona, tra le città con più di 200 mila abitanti, è la sola ad aver superato la media del 50%. Il primato cittadino, a Verona, va a Montorio, con una media dell'80%. Che macchinari adoperate per tenere più pulito il territorio? Recentemente AMIA ha sostituito i suoi soffiatori con motore a scoppio, che servivano per spazzare via i rifiuti leggeri, con nuovi strumenti che si ricaricano alla presa della corrente e sono più salutari sia per gli operatori ecologici che per i polmoni di qualunque cittadino. Disponiamo anche di macchine lava strade elettriche. Il nostro obiettivo è di puntare su tecnologie sempre più innovative e sempre meno inquinanti. Quali ostacoli avete incontrato nell'esercizio della gestione dei rifiuti? Uno tra tutti: il progetto delle nuove isole ecologiche, quella di via Avesani che avrebbe dovuto sostituire quella all'interno della nostra azienda e quella a San Massimo. Sui terreni c'era eternit scaricato abusivamente.

3 Primo Piano 3 A cura di Diego Cordioli Elezioni Amministrative ed Europee: si vota! Le Elezioni Amministrative del 2014 si terranno domenica 25 maggio, in concomitanza con le Elezioni Europee. I ballottaggi sono fissati per l'8 giugno. Andranno alle urne comuni italiani. Dei comuni dove si voterà, sono appartenenti a regioni ordinarie e 198 a regioni a statuto speciale. Sarà eletto il primo sindaco di ventiquattro nuovi comuni istituiti nel 2014 e di altri due comuni istituiti nel dicembre 2013 mediante processi di fusione di territorio. Si voterà in ventinove comuni capoluogo di provincia, fra cui: Bari, Campobasso, Firenze, Perugia e Potenza che sono anche capoluogo di regione. Superano i abitanti le seguenti città: Bari, Bergamo, Ferrara, Firenze, Foggia, Forlì, Livorno, Modena, Padova,Perugia, Pescara, Prato, Reggio Emilia, Sassari e Terni. Il comune più piccolo alle elezioni è Pedesina (SO), che con i suoi 33 abitanti è anche il comune più piccolo d'italia. Per i comuni al voto è considerata la nuova popolazione legale risultante dal Censimento La popolazione legale determina la modalità di voto (turno unico o con turno di ballottaggio) ed il numero di consiglieri ed assessori degli organi istituzionali. Con il rinnovo della Giunta e dei Consigli comunali delle regioni a statuto ordinario si applicheranno le norme in materia di contenimento delle spese degli enti locali che prevedono la riduzione del numero di consiglieri e degli assessori comunali. Anche se la novità delle elezioni del 25 maggio 2014 è l'aumento del numero dei consiglieri rispetto allo scorso anno nei comuni fino a abitanti per effetto della Legge 7 aprile 2014 n. 56 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 81 dello stesso giorno. Nei comuni fino a abitanti delle regioni a statuto ordinario ci saranno nuovi seggi per consiglieri comunali in più rispetto alla normativa precedente e nuovi posti per assessori. In attesa della riforma del titolo V della Costituzione le Province sono trasformate in enti di secondo livello. Le Province in scadenza verranno prorogate fino al 31 dicembre 2014 e svuotate delle competenze che verranno svolte da Regioni e Comuni. Sono istituite 10 città metropolitane: Roma, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria. Dal 1º gennaio 2015 queste subentreranno alle province omonime e ne eserciteranno le funzioni. In Provincia di Verona, si voterà, per le Elezioni Amministrative, in 52 comuni: Angiari; Arcole; Bardolino; Boschi Sant'Anna; Bosco Chiesanuova; Brentino Belluno; Brenzone sul Garda; Caprino Veronese; Castelnuovo del Garda; Cavaion Veronese; Concamarise; Costermano; Dolcè; Erbezzo; Erbè; Ferrara di Monte Baldo; Fumane; Isola Rizza; Lavagno; Legnago; Marano di Valpolicella; Mezzane di Sotto; Montecchia di Crosara; Monteforte d'alpone; Mozzecane; Negrar; Nogarole Rocca; Oppeano; Pastrengo; Pescantina; Peschiera del Garda; Pressana; Rivoli Veronese; Roncà; Roveredo di Guà; Salizzole; San Bonifacio; San Pietro in Cariano; San Zeno di Montagna; Sanguinetto; Sant'Ambrogio di Valpolicella; Sant'Anna d'alfaedo; Selva di Progno; Sommacampagna; Sorgà; Terrazzo; Torri del Benaco; Valeggio sul Mincio; Velo Veronese; Veronella; Vestenanova; Zimella. Tutti i cittadini italiani, invece sono chiamati al voto per le Elezioni Europee del 25 maggio 2014 che daranno agli elettori la possibilità di influenzare le politiche future dell'unione europea, eleggendo i 751 deputati al Parlamento europeo che rappresenteranno i loro interessi per i prossimi cinque anni. Ogni Stato membro ha le proprie leggi elettorali e ciascuno stabilisce le date in cui i cittadini andranno alle urne durante il periodo elettorale di quattro giorni compreso fra il 22 e il 25 maggio Gli elettori italiani voteranno il 25 maggio per eleggere 73 deputati. I risultati di tutti i 28 Stati saranno annunciati la sera di domenica 25 maggio. A seguito dell'adesione della Croazia all'ue nel luglio 2013, i deputati al Parlamento europeo sono diventati 766, ma questo numero sarà ridotto a 751 alle elezioni del 2014 e rimarrà allo stesso livello in futuro. Questi deputati rappresenteranno oltre 500 milioni di cittadini di 28 Stati membri. I seggi sono ripartiti tra i vari Stati dai trattati dell'ue secondo il principio di "proporzionalità decrescente", in base al quale i Paesi con una maggiore consistenza demografica dispongono di più seggi rispetto ai Paesi meno popolosi, ma questi ultimi hanno più seggi di quanti sarebbero previsti applicando strettamente il principio di proporzionalità. In un momento in cui l'unione cerca di superare la crisi economica e i leader europei riflettono su quale direzione prendere in futuro, queste sono, a oggi, le elezioni europee più importanti. Oltre a consentire agli elettori di esprimere un giudizio sugli sforzi dei leader dell'ue per affrontare la crisi dell'eurozona, e dare voce alle loro opinioni sul progetto di una più stretta integrazione economica e politica, sono anche le prime elezioni da quando, nel 2009, il trattato di Lisbona ha conferito al Parlamento europeo una serie di nuovi e importanti poteri. Una delle principali novità introdotte dal trattato consiste nel fatto che, quando gli Stati Membri dell'ue nomineranno il candidato a presidente della Commissione europea, che succederà a José Manuel Barroso nell'autunno 2014, per la prima volta dovranno tenere conto dei risultati delle elezioni europee. Il nuovo Parlamento dovrà poi, riprendendo le parole del trattato, "eleggere" il presidente della Commissione. Ciò significa che gli elettori avranno voce in capitolo su chi subentrerà alla guida dell'esecutivo dell'ue. Su 13 partiti politici europei, cinque hanno nominato un candidato per sostituire l'attuale presidente della commissione. L'EPP ha nominato Jean-Claude Juncker, ex primo ministro del Lussemburgo ed ex presidente dell'eurogruppo, il PES ha candidato Martin Schulz, attuale presidente del Parlamento Europeo, i Liberali e i Democratici hanno optato per Guy Verhofstadt, ex primo ministro del Belgio e attuale leader del gruppo dei Liberali al PE, i Verdi hanno nominato una coppia di deputati, il francese José Bové e il tedesco Ska Keller, mentre la Sinistra Europea ha proposto Alexis Tsipras, leader del partito greco SYRIZA. La nuova maggioranza politica che emergerà dalle elezioni, inoltre, contribuirà a formulare la legislazione europea per i prossimi cinque anni in settori che spaziano dal mercato unico alle libertà civili. Il Parlamento, unica istituzione europea eletta a suffragio diretto, è oggi uno dei cardini del sistema decisionale europeo e contribuisce all'elaborazione di quasi tutte le leggi dell'ue in parità con i governi nazionali.

4 4 Provincia di Verona A cura di Uff. Stampa Provincia di Verona Le novità dell'offerta ricettiva di Verona e provincia Lo scorso 17 aprile, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, l'assessore al Turismo ha presentato la Guida all'ospitalità La Guida all'ospitalità 2014 contiene l'intera offerta ricettiva di Verona e provincia ed è utilizzata sia dal turista per orientarsi nella scelta della struttura ricettiva ideale, sia dagli operatori per indirizzare meglio i clienti. Può essere ritirata presso l intera rete degli uffici IAT (Informazione e Accoglienza Turistica) della provincia di Verona ed è in quattro lingue: italiano, inglese, tedesco e francese. La guida fornisce un elenco delle strutture ricettive alberghiere (alberghi, villaggialbergo, RTA, residenze d'epoca alberghiere) e delle strutture ricettive extra-alberghiere (affittacamere, B&B, appartamenti, residence, ostelli, ricettività sociale, campeggi, agriturismi, country house, rifugi). Per tutti i Comuni della provincia, sono presenti all incontro al Palazzo Scaligero: Paolo Caldana, responsabile turismo Confcommercio; Micol Bottacini, Confindustria; Francesca Todeschini, VeronaBooking; Loris Danielli, amministratore unico di Verona ture ricettive veronesi, che sono oltre La sinergia vincente tra le istituzioni, gli operatori e le associazioni di categoria è fondamentale ed è necessario che venga rinnovata continuamente per un servizio così importante. Questo settore è, a tutti gli effetti, uno dei comparti strategici del territorio ed è nostro dovere incrementarlo, rispondendo a tutte le esigenze del turista. Verona Booking, Todeschini: Senza questa guida non si potrebbe accontentare la vasta gamma di necessità dei turisti. Pur essendoci oggi un'ampia scelta di dispositivi elettronici portatili in grado di fornire informazioni in tempo reale, lo strumento cartaceo è ancora il più richiesto. La guida all'ospitalità di quest'anno offre un servizio divulgativo di prima qualità, costruito con la massima professionalità. Con questa consapevolezza, la collaborazione dei numerosi sponsor al progetto è stata immediata. Confcommercio, Caldana: I dati della stagione turistica dell'anno scorso sono stati positivi, un successo raggiunto anche grazie a strumenti come questo, che facilitano il soggiorno del visitatore. La guida, in questo contesto, è un mezzo di comunicazione completo ed esauriente e speriamo che sia un incentivo alla stagione in corso. Verona turismo srl, Danielli: E' importante ricordare il contributo degli sponsor, che ha permesso di sviluppare il prodotto senza ulteriori spese da parte della Provincia. Questo consente di offrire un formato prestigioso, evitando però un aumento dei costi. La mole della guida fa intuire la capacità ricettiva della nostra provincia, poiché la vocazione turistica del veronese è davvero eccezionale e rappresenta il primo settore economico. riportati i contatti, i servizi ed i prezzi aggiornati delle strutture ricettive ordinate in base alla classificazione e per lettera dell alfabeto. Vengono riportate, inoltre, le coordinate per identificare facilmente le strutture sulle cartine geografiche dei comuni di: Verona, Peschiera del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone, Malcesine e Soave. La guida è in formato tascabile, con fascette segna-comune per aiutarsi nella consultazione. Inoltre, è arricchita da 6 fotografie per ciascuna delle aree geografiche della provincia di Verona. Erano Turismo srl. Assessore Pozzani: Guida all'ospitalità è un adempimento che abbiamo voluto fare anche quest'anno, nonostante la nuova legge regionale sul Turismo abbia tolto l'obbligo della comunicazione alle Province dei prezzi delle strutture ricettive. La soddisfazione, quindi, è maggiore perché la pubblicazione dimostra il rapporto di fiducia e di collaborazione instaurato con gli sponsor e con quanti hanno lavorato per la realizzazione pratica della guida. Basti pensare che nel volume sono state raccolte tutte le strut-

5 Provincia di Verona 5 A cura di Uff. Stampa Provincia di Verona Creatività in Loggia a favore di Telefono Rosa Creatività in Loggia è stato l'evento benefico che si è tenuto lo scorso primo maggio nella Loggia di Fra' Giocondo. mondo lavorativo e nel nucleo familiare, tutela i valori della maternità responsabile e opera anche con cooperazioni internazionali per diffondere i diritti dei minori, degli anziani e dei diversamente abili. Consigliere Bozza: Sono particolarmente orgoglioso di presentare l'ultima bella in silenzio, ma la cui presenza costituisce il cardine e il presupposto per l'operato delle istituzioni stesse. Dobbiamo essere sempre grati per questi progetti che sanno portare avanti a bassa voce, gestendo in maniera ineccepibile le risorse a disposizione e ovviando, come spesso accade, a vincoli di natura zione si avvale del lavoro di volontarie che, con professionalità e dedizione, forniscono ascolto e conforto alle vittime della violenza maschile. 'Eurodonne' da sempre sostiene progetti che pongono la sensibilizzazione al primo posto, poiché l'opera di divulgazione è indispensabile per far emergere e portare al 'Telefono Rosa' di Verona, l'associazione che è seconda in Italia in ordine di nascita, essendo sorta immediatamente dopo quella di Roma. Il contributo sarà destinato a sostenere finanziariamente il progetto di accoglienza delle donne vittime di violenza in apposite case rifugio. Il denaro raccolto nella giornata del Promossa dall'associazione veronese Eurodonne Italia, Creatività in Loggia è l'iniziativa che ha avuto come obiettivo quello di coniugare arte e volontariato. Attraverso la vendita benefica dei lavori artigianali sono stati raccolti fondi per Telefono Rosa, associazione di volontariato rivolta alle donne vittime di violenza. L'evento Creatività in Loggia nasce per sostenere l'associazione Telefono Rosa nelle sue spese. In particolare, il ricavato delle vendite permetterà di coprire i costi della sede e dell'assistenza telefonica e di supportare finanziariamente i nuovi progetti. Dal 1990 Telefono Rosa fornisce sostegno a tutte le donne vittime di violenza fuori e dentro le mura domestiche. Consociata con i diversi Telefoni Rosa italiani, l'associazione veronese aiuta le donne attraverso strumenti che vanno dall'ascolto telefonico a consulenze legali e psicologiche gratuite, fino a gruppi di automutuo aiuto. Al contempo si rivolge a tutte le persone che intendono approfondire le conoscenze relative alla prevenzione della violenza e si occupa di diffondere i valori della comprensione, della tolleranza e del rispetto. Eurodonne Italia è un'associazione senza fini di lucro, nata a Verona nel 1994, che opera in modo continuativo con enti diversi per sviluppare attività contro la violenza su donne e bambine. Essa promuove attività destinate a consolidare il ruolo della donna nella società, nel iniziativa promossa da 'Eurodonne', l'associazione di volontariato che dal 1994 opera a favore delle donne. 'Creatività in Loggia' è un evento importante nella sua semplicità, poiché intende valorizzare l'estro artistico di 15 associati di 'Eurodonne' che, nella splendida cornice del Loggiato, esibiranno i propri manufatti. Nei loro lavori frutto di indubbia passione per l'oggettistica artigianale e originale la creatività è posta al servizio dei progetti futuri di "Telefono Rosa", cui viene devoluto l'intero ricavato dell'evento. Il tessuto sociale veronese è composto da tante associazioni come queste che svolgono la propria attività burocratica che intralciano il loro lavoro. Proprio in questi giorni ci stiamo adoperando per semplificare quell'iter formale cui tali associazioni sono costantemente sottoposte e che impedisce loro di avere vita facile. Eurodonne Italia, Alberganti: Iniziative come queste rappresentano un'occasione insostituibile per diffondere il messaggio che le problematiche delle donne non sono questioni solamente femminili, ma della società tutta. Per questo motivo abbiamo invitato nel Loggiato di Piazza dei Signori - dalle dieci del mattino - tutti i visitatori interessati a lasciare un contributo al "Telefono Rosa". Da 23 anni, l'associa- all'attenzione di tutti un problema drammatico e urgente, che riguarda tutti i cittadini, senza distinzione di genere. Telefono Rosa, Gini: Siamo davvero felici della decisione di 'Eurodonne' di devolvere il ricavato dell'evento primo maggio servirà per pagare le rette di alloggio nelle strutture più adeguate. Un doveroso ringraziamento alla Provincia, e alle istituzioni nel loro complesso, che stanno dimostrando di avere sempre più a cuore questi problemi.

6 6 Comune di Verona A cura di Diego Cordioli Francesco Marchi: assessore all urbanistica Il Sindaco Flavio Tosi ha nominato lo scorso aprile Francesco Marchi assessore alla Pianificazione urbanistica, Edilizia privata, Edilizia economica popolare, Risorse comunitarie, Estimo. Marchi subentra, nelle deleghe attribuitegli, agli assessori Stefano Casali e Pierluigi Paloschi. Francesco Marchi, nato a Scansano il 12 febbraio 1944, è stato Segretario generale a Monte Argentario, Udine, Trieste e Verona. Una nomina non politica, ma tecnica commenta il Sindaco Tosi- che nasce dalla necessità di individuare una persona di alto profilo, di grande competenza professionale e con una conoscenza approfondita della macchina amministrativa. Il dottor Marchi ha i requisiti giusti per garantire la continuità amministrativa, con una capacità operativa immediata, che una figura scelta all esterno non avrebbe potuto garantire. E al servizio del Comune di Verona come Segretario generale dal 2002, scelto dall Amministrazione di centrosinistra del Sindaco Zanotto e riconfermato nel 2007 dall Ammi- nistrazione Tosi, proprio per la fiducia e la stima personale. Mi ritengo totalmente apolitico afferma il nuovo assessore Marchi- come tutta la mia carriera sta a dimostrare. Credo infatti di essere uno dei pochi Segretari generali in Italia riconfermati da Amministrazioni di diverso colore politico: sono stato nominato a Trieste dal Sindaco di centrosinistra Illy e riconfermato dalla successiva Amministrazione di centrodestra e anche a Verona sono stato chiamato da un Sindaco di centrosinistra e riconfermato da uno del centrodestra. Intendo lavorare quindi per il bene della città, cercando di far funzionare con la massima efficienza la macchina amministrativa, per dare risposte adeguate alle esigenze delle attività economiche e delle imprese, che hanno necessità di uscire dalla crisi e di ripartire. Musei civici: presentata la carta dei servizi museali E disponibile sul sito del Comune la Carta dei servizi museali, il documento che presenta e rende pubblici i servizi offerti al pubblico dai Musei Civici di Verona. Il documento, disponibile anche in forma cartacea nelle varie sedi museali cittadine, è stato presentato dal consigliere incaricato alla Cultura Antonia Pavesi, insieme alla direttrice dei Musei Civici Paola Marini. Presenti i componenti della commissione Vigilanza Musei che hanno collaborato alla stesura della Carta servizi: Rossella Pasqua di Bisceglie, Elena Brugnara, Annalisa Levorato. La Carta dei servizi illustra sedi, orari, servizi e offerte delle seguenti sedi museali: Museo di Castelvecchio, Museo Lapidario Maffeiano, Museo Archeologico al Teatro Romani, Museo degli Affreschi G.B. Cavalcaselle alla Tomba di Giulietta, Casa di Giulietta, Anfiteatro Arena, Ar- che Scaligere, Chiesa di San Giorgetto. Uno strumento che, non solo fornisce informazioni utili sui musei veronesi afferma Pavesi ma permette anche, attraverso il dialogo diretto con i cittadini, di monitorare e migliorare la qualità dei servizi offerti. La Carta dei servizi museali si compone delle seguenti parti: la prima sezione riguarda i riferimenti legislativi su cui si fonda l adozione di una carta dei servizi da parte di un Ente pubblico e gli standard di qualità; segue la descrizione delle attività svolte nei musei civici cittadini, completata dalle schede in cui sono indicate tutte le informazioni riguardanti ogni singolo museo e monumento; l ultima parte è costituita dalle tabelle di valutazione dei servizi e dai moduli per le segnalazioni e i reclami. La Carta verrà revisionata annualmente e ogni qualvolta si presentino significative modifiche da introdurre. Il 69 anniversario della Liberazione Lo scorso 25 aprile Verona ha ricordato il 69 anniversario della Liberazione. Le celebrazioni sono iniziate con la Santa Messa in piazza Bra, sulla scalinata di Palazzo Barbieri. Dopo la Messa, c è stato l alzabandiera, alla presenza delle autorità civili e militari della città e, successivamente, la deposizione delle corone davanti alle targhe che ricordano i Caduti Militari e la battaglia in difesa del palazzo delle Poste, in piazza Viviani e davanti alla targa in memoria della Medaglia d Oro Rita Rosani, alla Sinagoga. Il corteo ha poi fatto ritorno in piazza Bra per la deposizione delle corone al monumento A tutti i Caduti di tutte le guerre, al monumento al Partigiano e alla targa dei Deportati nei campi di sterminio. Dopo le preghiere del sacerdote cattolico e del rabbino ebraico, il corteo si è spostato nell Auditorium della Gran Guardia per la cerimonia ufficiale.

7 Comune di Verona 7 A cura di Diego Cordioli Il Festival Internazionale Scaligero Maria Callas Sono state presentate lo scorso aprile dal consigliere incaricato ai Rapporti culturali con le associazioni religiose Rosario Russo le iniziative promosse dal Festival internazionale scaligero Maria Callas Verona, che si è aperto lo scorso 2 dicembre in occasione del 90 anniversario della nascita del soprano greco. Il programma prevede: la 1ª edizione del Premio alla carriera Maria Callas, che sarà consegnato al regista Franco Zeffirelli in occasione dell anniversario del debutto del soprano all Arena di Verona il prossimo 2 agosto, il Concorso internazionale scaligero Maria Callas 2014 e il Concorso internazionale di arti figurative Vissi d arte. Alla presentazione delle iniziative hanno partecipato: il direttore d orchestra Maestro Nicola Guerini, presidente del Festival internazionale scaligero Maria Callas Verona, il segretario generale della Fondazione Giorgio Zanotto Romano Tavella, il presidente dell associazione Verona Lirica Giuseppe Tuppini, il presidente Al via due nuovi mercatini a km 0 Sono da poco operativi due nuovi mercatini a Km zero, uno in piazza Cittadella e l altro in via Avogadro a San Massimo. Lo ha annunciato l assessore al Commercio Enrico Corsi insieme a Franca Castellani, presidente del consorzio Veronatura, e a Filippo Moroni di Coldiretti. Dopo tre anni di attività, visto il successo dell iniziativa - ha detto Corsi abbiamo voluto ripristinare il mercatino in piazza Cittadella e ampliare l offerta nella zona ovest della città. Come previsto dal nuovo regolamento, inoltre, i prezzi non saranno più applicati sulla base degli importi riportati dal sito Smsconsumatori, ormai obsoleto e carente per quanto riguarda i prodotti tipici locali, ma sul prezzo medio di vendita a Verona, calcolato dal settore Istat del Comune, ridotto del 33 per cento. Ricordo che, proprio a tutela della qualità, dei prezzi e dell effettiva provenienza della merce esposta, Verona è stata l unica Amministrazione a dotarsi di una commissione e di un regolamento specifico. Dal 22 aprile, tutti i martedì dalle ore 8 alle 13, è attivo il mercatino di piazza Cittadella e dal 28 aprile, tutti i lunedì sempre dalle 8 alle 13, quello di via Avogadro. Anche in questi mercatini viene esposta la tabella con il prezzo medio di ogni tipologia di prodotto e la rispettiva riduzione del 33 per cento. Invito gli organizzatori - ha concluso l assessore ad ampliare l offerta di questi mercatini, organizzando eventi per dare ai consumatori indicazioni su come riconoscere la qualità del prodotto e su come utilizzarlo in cucina. della Società di Belle Arti di Verona Gianni Lollis e il presidente della Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona Stefano Pachera che, insieme a Comune di Verona, Fondazione Arena e Accademia Filarmonica, hanno dato il patrocinio alle iniziative e il critico musicale Gianni Villani. Tre eventi prestigiosi per rendere omaggio alla Divina spiega Russo in occasione del 90 anniversario dalla sua nascita. In questi mesi il Festival internazionale scaligero Maria Callas Verona, inaugurato lo scorso 2 dicembre, ha saputo creare importanti sinergie tra diverse istituzioni culturali e artistiche cittadine con l intento di promuovere la cultura musicale tra i giovani e lo stretto legame che unisce Verona alla lirica, di cui Maria Callas fu una straordinaria interprete. Il Concorso internazionale scaligero Maria Callas 2014, rivolto ai cantanti lirici di tutte le nazionalità dai 18 ai 35 anni, si svolgerà dal 28 luglio al 1 agosto. La giuria del concorso, che assegnerà il Premio Maria Callas 2014, sarà formata: dal soprano, già madrina del Festival Internazionale Scaligero Maria Callas e presidente onorario del Comitato d onore del Concorso Internazionale Scaligero Maria Callas, Cecilia Gasdia, dal regista Pierluigi Pizzi, dal direttore d orchestra Donato Renzetti, dal musicologo e vociologo Giancarlo Landini e dal direttore artistico della Fondazione Arena di Verona Paolo Gavazzeni. La serata finale, in programma al Teatro Filarmonico, vedrà la partecipazione del pianista Richard Barker e il conferimento del premio della critica Carlo Bologna. Il concorso internazionale di arti figurative Vissi d arte, realizzato in collaborazione con la Fondazione Accademia di Belle Arti di Verona e la Società di Belle Arti di Verona è rivolto agli artisti di tutte le nazionalità con l intento di celebrare l arte e il mito di Maria Callas attraverso la realizzazione di opere pittoriche, scultoree e grafiche. Le opere vincitrici della sezione pittura e incisione saranno consegnate alla miglior voce femminile e maschile del Concorso Maria Callas Il primo premio della sezione scultura sarà consegnato a Franco Zeffirelli, in occasione del conferimento del Premio Internazionale Maria Callas. Nell ambito delle attività del Festival sarà presentato inoltre il primo dolce che la città di Verona dedica alla Divina. Il Festival Internazionale Scaligero Maria Callas vanta la collaborazione con nomi prestigiosi della musicologia internazionale come: Philip Gossett, Elvio Giudici, Giancarlo Landini, Enrico Girardi e Giovanni Gavazzeni. Il calendario completo degli appuntamenti e i bandi saranno disponibili sul sito

8 8 Lasciatemi Dire A cura di dell'avv. Diego Aventino Cordioli Frau La riabilitazione di Silvio Berlusconi Bisogna riconoscere che la punizione ai servizi sociali di Berlusconi non è solo equilibrata e soddisfacente come hanno detto i suoi avvocati, ma comprensiva e generosa e che ad un altro cittadino non sarebbe andata così bene dell avv. Aventino Frau Ma è giusto così, per evitare l acuirsi di situazioni vittimistiche e di polemiche politiche. Il precedente riguarda Arnaldo Forlani, già Presidente del Consiglio e quasi presidente della Repubblica (mancato per una trentina di voti) e condannato per finanziamento illecito ai partiti. Forlani fu destinato alla Caritas di Roma e, come disse, accettò la condanna con spirito socratico; è l amaro calice da bere. Altri tempi, altri reati, altri uomini, anche altri contesti politici. Ora i magistrati sapevano bene che il problema non era, come diceva la solita Gelmini, quello di violare la democrazia, ma hanno preferito comunque una soluzione che più soft non si poteva, togliendo di mezzo l argomento della persecuzione e lasciandogli anche l' agibilità politica. Invenzione giuridica di questi strani tempi. Riteniamo sia stata una decisione utile al Paese, che consentirà una competizione elettorale senza alibi e vittimismi. Conoscendo Berlusconi, i suoi difetti, ma anche i suoi pregi, riteniamo che saprà dare giusta risposta e saprà, intelligentemente, goderne i vantaggi in modo positivo. Il contatto con la povertà, il dolore, la dura vecchiaia, certamente farà breccia sul suo cuore fondamentalmente buono e generoso, lo farà riflettere sulla "vanitas vanitatis, sulla fragilità delle persone, in alternativa alla corte di ruffiani e di leccapiedi, di gente che pretende e non sa dare, senza un prezzo, spesso neppure senza un minimo di sincerità. Lo farà riflettere sui problemi veri della gente visti non dai palchi elettorali o dalle dorate stanze, ma dalla vicinanza alle preoccupazioni, al dolore, al bisogno essenziale e insoddisfatto. Sono certo che, anche se brevemente CERCA venditore/venditrice SPAZI PUBBLICITARI SU CARTA E WEB Per Verona e Provincia Si richiede: buona capacità nei rapporti interpersonali autonomia e responsabilità - automunito minima esperienza di vendita MINIMO GARANTITO + PROVVIGIONI Inviare Curriculum Vitae a: e per poche ore, starà vicino a quelle realtà, saprà approfittarne positivamente, l esperienza sarà utile. L uomo Berlusconi ne uscirà migliorato, arricchito non di soldi ma di umanità, quella non pagabile con il denaro ma con l intelligenza e il cuore. Per Berlusconi politico ora non ci vorrebbero le elezioni, quando la corte diventa necessaria, la polemica ineluttabile, come le bugie elettorali. Quel teatrino, un tempo da lui criticato, che travisa la realtà, giustifica la menzogna, diventa per molti, quasi inconsciamente, una temporanea verità. C è da sperare che il Berlusconi dei servizi sociali influisca sul politico, gli faccia guardare con più distacco e serenità quanto è avvenuto e sta avvenendo intorno a lui. Se vorrà essere protagonista dell unificazione di un nuovo centrodestra, veramente moderato e dialogante, con idee chiare e condivise, con una linea politica capace di attrarre consensi, dovrà agire da buon fondatore, che lascia un eredità politica e non di potere, di idee intorno a un progetto. Un uomo di grande statura, e lui certo lo è, non nomina gli eredi, ma li lascia crescere, rispetta le loro ambizioni, li lascia combattere, li vuole capaci di percorrere gli itinerari democratici del confronto e del consenso: non nominati dal capo di fronte alla folla plaudente (Alfano) o silenziosa ma obbediente (Toti). Dopo la battaglia elettorale capirà, speriamo, i limiti della nuova situazione, l esigenza di nuove politiche che non si basino su miracoli elettorali. Capirà anche che il successore non sarà il figlio di Berlusconi, né un nominato, né lui stesso. Ci sarà, e dovrà esserci, un volto nuovo, un leader vero, capace di unificare le sparse membra di una posizione politica di tipo moderato e vagamente di centrodestra, in alternativa propositiva a un centrosinistra che con Renzi sta diventando diverso e fortemente propositivo. In politica non si può sopravvivere a se stessi, ma solo, se si è stati molto bravi e in regimi democratici, lasciare eredità di idee, di classe dirigente, di speranze, di convincimenti. Non ci pare questo il nostro caso. La vicenda politica berlusconiana potrà concludersi positivamente anche con i risultati dei servizi sociali, se saranno capaci di un cambiamento umano e politico, non dato delle poche ore di attività ma dal senso profondo che, a un uomo sensibile, essi possono esprimere e comunicare.

9 Scuola & Istruzione 9 A cura di Diego Cordioli Un convegno sulla legalità voluto dagli studenti Un convegno per favorire la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile ed attiva nelle giovani generazioni si è tenuto lo scorso 11 aprile presso il circolo Ufficiali di Castelvecchio di Verona, alla presenza del Sindaco Tosi. di Anna Lisa Tiberio L'incontro con: il giudice Guido Papalia, il Procuratore del Tribunale militare dott. Enrico Buttitta, Monsignor Giuseppe Grandis, il Dirigente dell'ust XII di Verona, la dottoressa Anna Lisa Tiberio, responsabile dell Ufficio Interventi Educativi, la dottoressa Olga Romagnoli, Dirigente scolastica e il professor Rocco Resta di Brescia, rispondeva a un idea espressa dai giovani della Consulta Provinciale degli studenti per continuare a valorizzare percorsi significativi ed innovativi inseriti nei Piani dell Offerta Formativa delle singole scuole realizzati in sinergia con le Istituzioni e gli Enti preposti sul territorio. Verona in questi ultimi anni è diventata un punto di riferimento per numerose Associazioni Nazionali che hanno realizzato convegni ed eventi importanti con la presenza di testimonial d eccezione. Attraverso la rievocazione di fatti di cronaca che hanno caratterizzato la storia d'italia, i giovani vengono educati ai valori portanti della vita: rispetto, altruismo e solidarietà. La scuola ha contribuito a costruire reti sinergiche tra storie di donne e uomini che hanno vissuto in prima persona esperienze di vita significative, con l obiettivo di essere sempre tesi alla speranza di poter contribuire a costruire un mondo migliore. Un grande lavoro espletato dai docenti che fin dalla scuola dell infanzia, usando varie strategie metodologiche e didattiche attive, hanno realizzato percorsi motivanti coinvolgendo anche i genitori. Canzoni, poesie, spettacoli teatrali, visione di filmati, partecipazione a concorsi grafico-pittorici e letterari, incontri con autori, stanno caratterizzando l anno scolastico. La dottoressa Anna Lisa Tiberio ha sempre ritenuto fondamentale coinvolgere a tutti i livelli i giovani nei processi di sensibilizzazione e nelle politiche di sviluppo e di conoscenza della Costituzione e dei Diritti Umani. In particolare quest anno, i giovani della Consulta hanno dimostrato con grande consapevolezza che sono davvero sensibili, attivi, critici e costruttivi e che possono contribuire ad essere sempre più protagonisti dello sviluppo complessivo dell umanità, partendo dalle dinamiche delle azioni a livello locale, nazionale, comunitario ed internazionale. Sono giovani che contribuiscono alla promozione della cultura, del rispetto della pace, della solidarietà e dell'interculturalità. Sono la principale risorsa del nostro futuro, la vera forza nella costruzione di un mondo in cui è necessario informarsi, aprirsi, partecipare, essere responsabili con grande coerenza. Ma è necessario che le istituzioni mantengano sempre un dialogo costante con il mondo giovanile per promuovere la diffusione di buone prassi. E quindi i Ministeri, le Regioni, le Province, i Comuni, le associazioni riconosciute e i gruppi d interesse spontanei devono continuare a dialogare con le nuove generazioni attraverso tutte le forme di partecipazione democratica. Durante l anno hanno dimostrato che la scuola ha un ruolo fondamentale per diffondere la cultura della convivenza civile democratica e della cittadinanza. A scuola ognuno di loro comprende di avere dei diritti e dei doveri e impara a rispettare la libertà degli altri. E ci si accorge che nel viaggio nessuno è solo. Tanti volti diversi con il loro sorriso, il loro sguardo, i loro occhi, le profonde rughe, la bellezza di una vita unica e irripetibile che va sempre salvaguardata e protetta. Non importa quanto il viaggio possa durare l importante è imparare a volare. Volare pensando che ognuno di noi è diverso e può contribuire, con le proprie attitudini e propensioni, a mettere in atto i principi costituzionali e a promuovere una cittadinanza attiva e responsabile. Nessuno è mai solo e di ciò dobbiamo convincere i nostri giovani sempre guardando il nostro Tricolore che sventola nel cielo di tutti. La nostra bandiera racchiude la storia che deve essere sempre conosciuta per aiutare tutti a mettere basi solide per la costruzione di un futuro radioso. Nella nostra bandiera ritroviamo storie di uomini e donne che abbiamo il dovere di non dimenticare mai. Storie da raccontare perché è nella memoria che si trovano i valori portanti della vita: rispetto, solidarietà, amicizia, pace, amore. Valori che inneggiano al rispetto della vita e di ogni essere umano. Quesra è la bandiera a cui tutti dovrebbero rivolgere lo sguardo con gli occhi pieni di speranza: la speranza di continuare a studiare, a lavorare, a fare ricerca, a formarsi una famiglia per un vero progresso umano, relazionale e sociale. Adulti e giovani insieme in un cammino verso il futuro per una vita unica ed irripetibile e da raccontare. L'incontro, aperto alla cittadinanza, si è tenuto lo scorso 11 aprile presso il circolo Ufficiali di Castelvecchio di Verona. Ha aperto l incontro il sindaco Flavio Tosi che ha portato il saluto della città ai numerosi studenti e autorità civili, militari e rappresentanti di Ordini ed Associazioni di Verona e provincia che hanno aderito all iniziativa. Un Flash sulla Moda in Gran Guardia Gli studenti del liceo artistico statale Nani-Boccioni di Verona presentano le collezioni di un anno scolastico il prossimo 16 maggio in Gran Guardia. Il 16 maggio alle 21 gli abiti delle studentesse e degli studenti dell indirizzo Design della Moda verranno presentati durante una sfilata nell Auditorio della Gran Guardia. È una splendida occasione per mostrare alla città e ai genitori quanto è stato prodotto durante l anno scolastico, sia in Progettazione che nel Laboratorio di Moda, dai ragazzi seguiti dalle loro insegnanti: Arduini, Galati, Graziani, Trevisan. Design della moda è uno degli indirizzi storici dell'istituto, nato dalla trasformazione di Design del tessuto dell'ex Istituto d'arte Napoleone Nani. Il know how di telai, tessiture, stampe serigrafiche è passato al nuovo liceo, nell'ottica di una trasformazione progettuale che parte sempre dalla tradizione dell'alto artigianato italiano. In questa sfilata assisteremo ad una presentazione di modelli innovativi, spesso sperimentali, frutto di ricerche condotte con gli insegnanti di progettazione, ma anche all'avanguardia per il recupero di tecniche di telaio o di stampa serigrafica, condotte con gli insegnanti di Laboratorio. Gli studenti, come nelle migliori Scuole di Moda del mondo, devono essere in grado di trasformare idee, suggestioni, influenze, codici in manufatti seguiti dal primo disegno all'ultimo punto, passando per tutte le fasi dell'elaborazione e della confezione dei propri artefatti. In alcuni di questi casi poi si vedranno capi prodotti durante un'esperienza di alternanza scuola/lavoro, condotta in partecipazione con un'azienda veronese del settore, dove gli studenti coinvolti hanno seguito anche problematiche di commercializzazione e di marketing del prodotto. Durante la sfilata inoltre verranno proiettati i progetti grafici degli studenti, durante i vari momenti della produzione nei laboratori del Liceo, dando modo così ai genitori e ai presenti di scoprire un angolo di eccellenza della nostra città. Foto di: Fabrizia Vallo - Wicca Communication

10 10 Salute & Sanità A cura di Diego Cordioli Un Workshop su screening e trattamento dell'hiv Il Dipartimento delle Dipendenze dell'ulss 20 di Verona in collaborazione con il Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha organizzato un workshop nazionale su screening e trattamento dell'hiv e delle malattie droga-correlate. Il seminario ha avuto luogo il 3 aprile scorso, presso la Sala Formazione del Dipartimento delle Dipendenze di Verona, Via Germania, 20. Il workshop ha visto la partecipazione del Prof. Jacques Normand, Direttore dei Programmi di Ricerca AIDS del National Institute on Drug Abuse (NIDA) in virtù degli accordi Italia-USA sottoscritti a luglio 2012 tra il governo italiano e quello statunitense per la promozione di ricerche scientifiche internazionali su questi argomenti. L evento trae origine dalla consapevolezza che la diffusione del virus dell'hiv tra i consumatori di sostanze stupefacenti rimane un tema estremamente attuale date le nuove infezioni da HIV nei pazienti tossicodipendenti e nei consumatori di sostanze in generale. Anche altre infezioni droga-correlate che risultavano essere in declino fino a qualche anno fa, stanno invece registrando un aumento con conseguenze estremamente negative per la salute dei consumatori di droghe e della popolazione generale, a causa di rapporti sessuali a rischio che essi mantengono. Per comprendere e monitorare quanto più possibile questa tendenza, è stato organizzato questo workshop indirizzato agli operatori del settore delle dipendenze, orientato a fornire un aggiornamento tecnico-scientifico sulle caratteristiche del problema e sulle best practices da impiegare per affrontarlo dal punto di vista clinico, garantendo ai pazienti modalità operative mirate agli accertamenti sierologici, un adeguato supporto da parte degli operatori (counselling), un'offerta costante di adeguati trattamenti per lo stato di dipendenza e la prevenzione delle patologie correlate. Al fine di agevolare lo scambio di esperienze nell ambito della prevenzione e cura dell HIV/ AIDS, il 2 aprile il Prof. Normand ha visitato anche le strutture del Dipartimento delle Dipendenze sul territorio veronese (Ser.D 1, Centro di Medicina Comunitaria, Comunità terapeutica Pacinotti, Unità Operativa di Riabilitazione e Reinserimento Sociale, Unità di Neuroscienze) al fine di conoscerne l organizzazione ed il funzionamento, le attività e i risultati per i pazienti. La visita ha previsto anche un incontro tra Normand e il Direttore Generale della ULSS 20, Dott.ssa Giuseppina Bonavina, per fare il punto sulle collaborazioni internazionali e le ricerche scientifiche ad oggi condotte tra il Dipartimento e il NIDA. La presenza del Prof. Normand, uno dei massimi esperti mondiali nel settore HIV/AIDS ricorda Giovanni Serpelloni, Capo Dipartimento Politiche Antidroga - rappresenta una conferma e un consolidamento delle attività di studio e ricerca congiunte che hanno preso il via con l accordo di collaborazione internazionale siglato a Roma con la Direttrice del NIDA Nora Volkow e il Dipartimento Politiche Antidroga. Riteniamo la scelta di visitare l Italia, ed in particolare il Dipartimento delle Dipendenze di Verona, un riconoscimento agli sforzi e alla qualità del lavoro svolto dai nostri operatori e l opportunità di presentare il modello italiano a livello internazionale. Portare Jacques Normand a conoscere le nostre Oss con formazione complementare Un convegno a Villafranca di Verona dell UGL Sanità Veneto, che vuole fare chiarezza su una figura che non ha mai preso coscienza all interno del mondo della sanità e del sociale. Secondo l'ugl Sanità Veneto tale figura fu un mezzo per la Regione e per le ULSS di fare cassa, visto che per ogni Oss formato il costo si è aggirato sui mille euro. In tutti questi anni non è mai stata riconosciuta come figura sociale o sanitaria, anzi, è stata contrastata e soprattutto non ha mai avuto la possibilità di essere usata per le mansioni per cui era nata. Ci hanno illuso, anzi hanno illuso quelle migliaia di Oss che credevano in questa nuova realtà professionale e economica, inoltre hanno tentato in modo eufemistico di dare una importanza strategica ad accordi regionali che ne richiedevano un riconoscimento a tempo attraverso progetti attività cliniche direttamente sul campo sottolinea Maurizio Gomma ha consentito di condividere esperienze nell ambito della prevenzione, diagnosi e cura dell HIV/AIDS, con un reciproco arricchimento scientifico a vantaggio di tutti i nostri pazienti. nelle ULSS ma che in alcune realtà non hanno approvato perché tale figura non è riconosciuta giuridicamente ed economicamente da nessun CCNL della Sanità Pubblica o Privata. Con il convegno del 30 Maggio si cercherà di fare una volta per tutte chiarezza su questa professione, perché l illusione che è stata data agli Oss ha portato sconforto e rammarico e la consapevolezza che in questa sanità non ci sarà posto, per ora, per questa nuova professione sanitaria. Stefano Tabarelli Segretario Regione Veneto UGL Sanità e OSS con formazione complementare.

11 Sanità & Territorio 11 A cura di Diego Cordioli Integrazione Ospedale-Territorio: speranza e necessità Cari lettori, l argomento potrà sembrare noioso e poco medico ma vi posso assicurare che dovremo tutti, molto presto, prendere consapevolezza di questo innovativo modo di intendere il Servizio Sanitario Nazionale, per le ripercussioni che tutto ciò avrà sulla gestione della nostra salute. del Dott. Paolo Garzotti Il nuovo Piano Socio Sanitario regionale ha completamente modificato la vecchia visione della centralità dell'ospedale rispetto all'assistenza sanitaria. Il modello di cura progettato dalla nostra Regione, che mantiene prioritari i bisogni del paziente e conferma il modello veneto di integrazione socio-sanitaria, vede le diverse strutture presenti sul territorio assumere una maggior importanza. Si tende alla creazione di una logica e razionale organizzazione in rete della quale facciano parte sia gli ospedali, che tutti i servizi delle cosiddette cure intermedie e cioè: medici di base, distretti sanitari, assistenza domiciliare integrata, RSA (Residenza Sanitaria Assistita), ospedali di comunità, Hospice (struttura per malati terminali), lungodegenze, riabilitazioni etc. La realizzazione del progetto ha richiesto la riorganizzazione dell offerta ospedaliera, con la chiusura di posti letto e con il conseguente necessario e progressivo spostamento di risorse verso differenti strutture del territorio. Questa nuova visione deriva dall'aver preso atto che l aumentata richiesta di servizi per la salute non poteva essere soddisfatta appieno dall ospedale, sia per gli alti costi, che per l oggettiva difficoltà ad affrontare le complesse e lunghe problematiche legate alla cronicità e alla disabilità. Il progetto è ambizioso per le difficoltà economiche ed organizzative che implica, ma anche per i conflitti che potenzialmente porta con sé. E evidente che, se il progetto si realizzerà, tutto questo sarà un investimento economico e produttivo per la salute del cittadino. In caso contrario, ci troveremo di fronte a sprechi ed inefficienze. La sfida sarà quella di non penalizzare troppo l ospedale e di implementare il territorio rendendolo capace di affrontare la maggior richiesta di carico assistenziale. La parola d ordine sarà quella di porre meno attenzione al singolo tipo di prestazione sanitaria, indirizzando le energie all'organizzazione, in rete, di un percorso assistenziale. Questo percorso, oltre ad essere facilmente fruibile dall utente, deve garantire una continuità assistenziale tra ospedali ed anche tra ospedale e territorio, evitando duplicazioni di servizi tramite una idonea razionalizzazione degli stessi. Gli utenti dovranno sempre più abituarsi ad una visione integrata della loro assistenza socio-sanitaria, dove l ospedale sarà punto di riferimento per l acuzie, ovvero gli stadi di massima gravità ed intensità di cura, nonché per l alta specialità. Di contro, il territorio dovrà rispondere ai bisogni socio sanitari legati a: cronicità, disabilità, riabilitazione, anzianità, tutela della maternità e dell infanzia, dipendenze, salute mentale e disagio sociale. L accesso al Pronto Soccorso dovrà essere riservato solo ai casi realmente urgenti tramite un adeguato filtro in entrata da parte del medico di famiglia, coadiuvato dallo specialista del distretto e dell ospedale, in collaborazione con i servizi infermieristici e riabilitativi. Allo stesso tempo, al momento della dimissione, il sistema dovrà garantire una informazione in tempo reale delle condizioni del paziente e dei suoi bisogni, permettendo al territorio di organizzarsi per accoglierlo nei migliore dei modi. Il successo di questo modello organizzativo dipenderà dalla volontà degli operatori, dalla loro capacità di fare squadra, dalle risorse a disposizione e dall'organizzazione in rete che troverà nella comunicazione tra i vari attori un importante scoglio da superare. L informatizzazione del sistema sarà indispensabile per creare un metodo veloce di comunicazione delle informazioni relative al paziente. Tutto ciò permetterà di creare un percorso terapeutico assistenziale condiviso, sia nella fase di dimissione, che al momento del ricovero. La comune presa in carico del paziente permetterà la creazione di un idoneo e personalizzato percorso diagnostico terapeutico e riabilitativo che avrà effetti molto positivi per il l ammalato stesso. In conclusione, l integrazione ospedale-territorio è un progetto che si realizza con risorse economiche e strumentali, specificità professionali, regolamenti, norme, accordi e scelte tecnico-politiche. Questo piano potrà concretizzarsi pienamente solo con un radicale cambiamento di mentalità e con lo sviluppo, nei singoli e nella società, di una comune cultura in tal senso, che permetta di accettare e di sviluppare appieno questo nuovo modello di sanità.

Sede INPS di competenza. 3 Angiari 919 998 1917 Legnago 21 Legnago 37050 A292 23003 LEGNAGO

Sede INPS di competenza. 3 Angiari 919 998 1917 Legnago 21 Legnago 37050 A292 23003 LEGNAGO Sede INPS di competenza di 1 Affi 1073 1114 2187 Caprino Veronese 22 Bussolengo 37010 A061 23001 AFFI 2 Albaredo d'adige 2617 2627 5244 Legnago 20 Verona 37041 A137 23002 VERONA 3 Angiari 919 998 1917

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Manuale utente Portale J4U Pubblicazione richieste

Manuale utente Portale J4U Pubblicazione richieste Manuale utente Portale J4U Pubblicazione richieste 1 Indice generale Premessa...3 1.Registrazione nel portale J4U...3 2. Accordo di servizio...3 3.Azienda con una sola sede di lavoro in provincia di Verona...4

Dettagli

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Approvato con delibera C.C. n. 36 del 29-07-2005 Modifiche: delibera C.C. n. 10 del 09-05-2008 P a g i n a 2 Sommario

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE I NOSTRI RIFERIMENTI Associazione Antidroga Picena C.so Mazzini, 248 - Ascoli Piceno aap2010@libero.it 0736/258855 DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE Condividere strategie per rendere efficaci gli incontri

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Verona

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Verona Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Verona ARCHIVIO DELLA PROVINCIA DI VERONA La documentazione antecedente al 1866 è stata depositata presso l Archivio

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2012 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA DEL BENACO ORIENTALE Comuni di: BRENTINO BELLUNO, BRENZONE, CAPRINO VERONESE, FERRARA DI MONTE BALDO, MALCESINE, SAN ZENO DI MONTAGNA MONTI LESSINI

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

COLLANA CULTURA&SOLIDARIETÀ I bambini e le Istituzioni si parlano Caro Presidente, ti scrivo Chi è è un organizzazione senza fini di lucro che sostiene e divulga ogni espressione della cultura e della

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

TABELLE DI SINTESI DELLA TASI IN PROVINCIA DI VERONA I COMUNI EVIDENZIATI IN ROSSO HANNO GIA' PAGATO LA PRIMA RATA A GIUGNO SCADENZA

TABELLE DI SINTESI DELLA TASI IN PROVINCIA DI VERONA I COMUNI EVIDENZIATI IN ROSSO HANNO GIA' PAGATO LA PRIMA RATA A GIUGNO SCADENZA I Comuni evidenziati in Rosso hanno deliberato in giugno e quindi i cittadini hanno già pagato la prima rata il 16 di giugno e dovranno pagare la seconda il 16 di dicembre. I Comuni evidenziati in BLU,

Dettagli

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta!

Chi deve scegliere? Come aiutarli a scegliere? Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado. Scegliamo la meta! Guida per i genitori degli studenti della scuola secondaria di 1 grado Orientarsi in un mondo indeterminato vuol dire accettare il carattere paradossale della vita, fare delle scelte, consapevoli del loro

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI

EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI EDUCAZIONE ALLA PACE ATTRAVERSO GLI SCAMBI INTERCULTURALI Intercultura è una ONLUS, associazione di volontariato ed ente morale riconosciuto con DPR n. 578/85. E presente in 147 città italiane ed in 65

Dettagli

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur

Alimentare la Salute. XI Edizione. 14 17 dicembre 2014. Forum internazionale della Salute. Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Forum internazionale della Salute XI Edizione Alimentare la Salute 14 17 dicembre 2014 Palazzo dei Congressi P.le Kennedy, 1 Roma, Eur Mostra di prodotti e servizi per la salute Lezioni di cucina salutare

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale INTRODUZIONE L'orientamento progettuale della domiciliarità: 1. diversificazione di interventi e servizi

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org JOB RECRUITMENT www.puntoservice.org CHI SIAMO CERCHIAMO Punto Service è operatore leader in Italia nel settore dei servizi alla persona, dedicati in particolare alla terza età ed all infanzia, con un

Dettagli

Presentazione XIX Magnalonga dell Alta Vallagarina Castel Pietra 5 settembre 2014.

Presentazione XIX Magnalonga dell Alta Vallagarina Castel Pietra 5 settembre 2014. Presentazione XIX Magnalonga dell Alta Vallagarina Castel Pietra 5 settembre 2014. Foto: https://plus.google.com/photos/105970845897404373370/albums/6 056614842153513505?authkey=COqw_8yx9tCgDA Cordiale

Dettagli

2 al GIUGNO 2015. 30 Verona, dal MAGGIO LA GRANDE SFIDA INTERNATIONAL. La Grande. Sfida 20. (dal 25 Aprile 2015 La Grande Sfida on Tour)

2 al GIUGNO 2015. 30 Verona, dal MAGGIO LA GRANDE SFIDA INTERNATIONAL. La Grande. Sfida 20. (dal 25 Aprile 2015 La Grande Sfida on Tour) Sfida 20 MANIFESTAZIONE INTERNAZIONALE DI CULTURA, SPORT, ARTI E DIALOGO: LE CITTÀ E I PAESI COME LUOGHI DI INCONTRO PER TUTTI Assessorato allo Sport Lasciati stupire... 30 Verona, dal MAGGIO 2 al GIUGNO

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Telefono Donna Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Chi siamo Telefono Donna oltre 91.000 i casi seguiti Ispirato ai principi di solidarietà, responsabilità

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti

Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti Cittadinanzattiva Come promuovere l empowerment dei pazienti partendo dalla consapevolezza dei loro diritti Giuseppe Scaramuzza Premessa Questo intervento non ha un taglio dottrinale ma racconta e riporta

Dettagli

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N.

FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS. con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. FONDAZIONE DI COMUNITÀ VICENTINA PER LA QUALITÀ DI VITA ONLUS con sede in Montecchio Precalcino - via Europa Unita, 2 Codice Fiscale N. 00946860244 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL BILANCIO

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI... Pag. 1 di 8 SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...7 PARTE IV: LA VERIFICA DEGLI IMPEGNI ASSUNTI...8

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

RELAZIONE Bilancio al 31 Dicembre 2008 ATTIVITA SVOLTA. Fondazione Civicvm

RELAZIONE Bilancio al 31 Dicembre 2008 ATTIVITA SVOLTA. Fondazione Civicvm RELAZIONE Bilancio al 31 Dicembre 2008 ATTIVITA SVOLTA Fondazione Civicvm Milano, 17 Marzo 2009 CIVICVM è una Fondazione di partecipazione senza scopo di lucro, indipendente dal sistema dei partiti, costituita

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado

Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità. Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado Educare alla Solidarietà, alla Pace e alla Mondialità Metodologia applicativa per la Scuola Secondaria di I Grado PREMESSA LA CITTADINANZA PER I RAGAZZI CHE FREQUENTANO LE NOSTRE ISTITUZIONE SCOLASTICHE

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne

Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne 25 Novembre 2013 Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne il nostro impegno l iniziativa di Torino 22 Novembre 2013 Organizzata dal segretario dell Utl Luca Pantanella

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone

dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Ginestra, Valmontone Corso di formazione: VIOLENZA ALLE DONNE E PROFESSIONI DI AIUTO Associazione Ponte Donna dott.ssa Rosa Campese Responsabile Centro Provinciale La Panoramica generale sui Centri Antiviolenza e per donne

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e lavoro NOTA di contesto: la scuola attiva da anni un

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA AREA SERVIZI ALLA PERSONA Settore Sociale Direttore PEG ANNO 1 UNIONE RENO GALLIERA : UNIONE RENO GALLIERA : DIRETTORE Centro di costo: SETTORE SOCIALE OBIETTIVI PERMANENTI : Gestione delle attività amministrative

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA E d u c a r e Insegnando Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2012-13 (estratto) L istituzione scolastica è espressione

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma Torino, 30 settembre 2013 Gentili Dirigenti Scolastici ed Insegnanti, è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma il tuo Natale, promosso dalla Fondazione Ospedale Infantile

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Conferenza stampa VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Parma, 2 aprile 2013 Via La Spezia n. 147, ore 11,30 Intervengono Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune

Dettagli

Curriculum Associazione Belluno-DONNA

Curriculum Associazione Belluno-DONNA Curriculum Associazione Belluno-DONNA 1. L Origine dell Associazione L Associazione Belluno-DONNA onlus è nata nel 2003 dal Gruppo di lavoro sulla violenza alle donne che nel 2001, insieme ai Medici di

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Oggetto: promozione iniziativa "Workcamps on sale!" Informagiovani Comune di Venezia.

Oggetto: promozione iniziativa Workcamps on sale! Informagiovani Comune di Venezia. Prot. N. Circolare n. 410/P ai docenti e agli studenti delle classi quarte e quinte e, p.c. al DSGA agli uffici ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 3 maggio 2012 Oggetto: promozione iniziativa "Workcamps

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo

Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale. Forum di settore e incontro conclusivo Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale Forum di settore e incontro conclusivo anni 2013/2014 Il ruolo dello Sport Veneto nel panorama nazionale FORUM di SETTORE e INCONTRO CONCLUSIVO Nell ambito

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli