VERBALE n 2 TASK FORCE LAVORO - Anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE n 2 TASK FORCE LAVORO - Anno 2012 -"

Transcript

1 Data 07 Giugno 2012 VERBALE n 2 TASK FORCE LAVORO - Anno Luogo Piazza Visconti, 23 - Rho Orario Settori Assessore Servizi Sociale e al Lavoro: Luigi Negrini Associazioni Sindacali CGIL: Antonio Verona CISL: Renato Zambelli Rappresentanti Politici Popolo delle Libertà : G. Rizzo - A.Finicelli - B. Pelachin Futuro e Libertà: C. Scarlino - A. Pratesi Lista Civica Gente di Rho: M. Tizzoni Partito Democratico: N. Sibilari P.D. Forum del Lavoro: T. Brancati S. E. L.. Sinistra Ecologia Libertà: A. Pessina Lega Nord: A. Mejetta Associazioni - Enti- Istituti A.I.L. di Rho: D. Ferrari - G. Buccelloni A.F.O.L : A. Accorinti Assolombarda: S. Passerini Comitato Risorgimento: A. Casagrande Compagnia Delle Opere: M. Scaglia C.N.A: V. Rottini SERCOP: G. Ciceri N Partecipanti: 23/24 Luigi Negrini, Patronato ACLI Rho: A. Bassetti Gruppo CARITAS: C. Masseroni Agenzia del Lavoro: L. Amore Antonio Verona, Renato Zambelli, Antonio Casagrande, Angela Pessina,Antonio Accorinti, Dario Ferrari, Giovangelo Buccelloni, Viviana Rottini, Nicola Sibilari, Alessandro Finicelli, Barbara Pelachin, Marco Tizzoni, Alice Mejetta, Claudio Scarlino, Gaspare Rizzo, Antonella Pratesi, Stefano Passerini, Masseroni Claudio, A: Bassetti, Tommaso Brancati, Lia Amore, F. Liuni. N Assenti: 16 R. Carnevali UIL, Ivana Brunato CGIL, Marco Gambarè FIM, Paolo Bindi PD, Roberto Lombardi R.C, Vito Guglielmo IDV, Roberto Bettinelli UDC, Guido Ciceri SERCOP, Marco Scaglia, Coldiretti, Cooperho, Confederazione Italiana Agricoltori, Confesercenti Provincia di Milano - Consiglieri Regionali : A. Cavicchioli - F. Cecchetti - C. Borghetti- 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 1/8

2 Ordine del giorno Convocazione 2^ Riunione Task Force Lavoro giovedì 07 Giugno 2012 La riunione presenta il seguente ordine del giorno: 1. Analisi del verbale della seduta precedente ed accordo politico generale; 2. Costituzione Commissione Crediti e Banche ; 3. Varie ed eventuali. Giovedì 07 Giugno 2012 alle ore si è svolta nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale P.zza Visconti, 23 Rho (MI) la seconda riunione relativa alla Commissione consultiva della Task Force Lavoro. Prende la parola ed apre il dibattito l Assessore ai Servizi Sociali ed al Lavoro Luigi Negrini : Viene approvato il verbale della seduta precedente e L Assessore L. Negrini, riassumendo quanto già indicato, propone che venga recepita da tutti la decisione di stilare un protocollo politico d' intesa, da sottoporre al vaglio dei componenti e da estendere al Patto dei Comuni del Nord Ovest, in modo che la Task Force si possa effettivamente allargare a tutto il territorio interessato, senza che poi ogni Comune si veda costretto a tavoli simili che appesantirebbero il lavoro da un lato, ma,che non avrebbero soprattutto il raccordo necessario tra Istituzioni, Associazioni ed Enti presenti sul territorio del rhodense. Si conviene poi, per rendere più efficace e snello il lavoro della Task Force di suddividere il lavoro tra alcune sottocommissioni che potrebbero essere così costituite: 1. Commissione Banche, crediti, pagamenti ed Amministrazioni pubbliche 2. Piccola e media impresa: aiuti, start up, bandi, rete di imprese, incubatori e Università 3. Promozione del territorio, marketing territoriale, banche dati aziende, rete delle offerte servizi ed attività 4. Professionalità: formazione e qualificazione, doti lavoro, rapporto con scuole 5. Expo 2015: opportunità di collaborazione e ricaduta lavoro su territorio, post-expo. L Assessore L. Negrini pone l attenzione sulla costituzione del Protocollo d intesa, ribadisce l importanza che i progetti siano reali,concreti ed il bisogno di stabilire come organizzarsi ed impostare il lavoro. Per questo propone di formare dei laboratori di gruppo laboratori di idee cioè delle commissioni che perseguono le finalità sopra descritte. Il primo gruppo, dovrà concentrare la propria attenzione e impegno nelle tematiche inerenti alle convenzioni ed agevolazioni per la concessione di crediti con le banche, pagamenti ed Amministrazioni pubbliche. il secondo gruppo, dovrà invece incentrare le proprie forze nelle problematiche e nello sviluppo relativo alle piccole e medie imprese. Il terzo gruppo, lavorerà sulle eccellenze del territorio e su suggerimento del collega Marco Scaglia, responsabile Compagnia delle Opere, creare una White List una banca dati in cui compaiano le aziende, attività, imprese rhodensi che possano fornire lavoro in modo legale in prospettiva dell evento Expo Il quarto gruppo, seguirà l incontro tra Domanda e Offerta di lavoro, lo scopo è di preparare e formare delle personalità professionalità specifiche e qualificate attraverso corsi di orientamento e formazione professionale. Pertanto, ci si potrà presentare al Patto dei Sindaci con finalità ben delineate da ogni singolo gruppo- commissione relative ai diversi temi, inoltre si passerà da una fase di proposte ed analisi, alla concretizzazione e realizzazione di queste idee. Il Segretario della CISL Renato Zambelli, interviene chiedendo la motivazione dell assenza dei Sindaci dei comuni limitrofi come disposto nel precedente incontro. Inoltre, sottolinea quanto sia fondamentale dare a questo tavolo di lavoro un impostazione pratica e concreta. 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 2/8

3 Propone anche di costituire una sorta di codice etico per le imprese cui verrà assegnato un bollino blu quando ritenute conformi,nel pieno rispetto delle norme di trasparenza e legalità. Fa riferimento alle strutture Universitarie e in particolare al Politecnico,cui le imprese possono direttamente attingere per avere i nominativi di un potenziale personale qualificato. Si sofferma sulla distonia tra domanda e offerta di lavoro, commentando la situazione attuale e la forte disoccupazione in crescente aumento, sente la necessità di un progetto per la riqualificazione e ricollocazione di questo gruppo di lavoratori, concentrandosi sulle specificità che realmente occorrono, per l imminente evento dell Expo 2015 ma non solo, bisogna garantire impieghi e professionalità che vadano oltre questo grande evento perché il rischio è di ritrovarsi, una volta passata l ondata di tale manifestazione, ancora con altri grossi problemi di disoccupazione. Segue l intervento di Tommaso Brancati rappresentante di Forum lavoro Imprese del Partito Democratico, che manifesta pieno apprezzamento per la scelta dell'amministrazione Comunale in merito alla costituzione della Task Force Lavoro.Condivide e sottolinea queste tematiche: 1. Accordo ed ampliamento ad altri Comuni del Patto dei Sindaci, successivo ad una migliore definizione di compiti e finalità del Tavolo, e ad una sua condivisa e consolidata modalità organizzativa; 2. Piena condivisione alla proposta dell'assessore circa la suddivisione in tavoli tematici; 3. Capacità di tenere insieme gli obiettivi a media-lunga praticabilità con la possibilità di incidere nel breve periodo attraverso scelte apparentemente minori ma non meno importanti e prende come esempio virtuoso il S.U.A.P. del Comune di Vanzago. 4. Proposta di due temi da inserire nei tavoli già proposti o da trattare singolarmente. 5. Energia e Rapporti con la Pubblica Amministazione, ritenendo entrambi fattori decisivi nella possibilità di attivare politiche di sostegno ed incentivazione allo sviluppo locale. Evidenzia l importanza della Task Force, ringraziando l Amministrazione per aver costituito questo gruppo di lavoro che, ha un grande obiettivo se non altro,di rispondere al grido della crisi, a prescindere dai risultati che si otterranno perciò è importante far sentire vivido l'interesse nel trovare soluzioni e ribadisce quanto sia fondamentale il coinvolgimento degli altri Comuni. Dichiara d essere favorevole alla suddivisione del tavolo di lavoro in gruppi e la formazione di sottogruppi come proposto dall' Assessore Luigi Negrini perché, garantirebbe una concretezza maggiore ed immediata alle proposte. Sostiene inoltre, la realizzazione dello Sportello Unico per le attività produttive S.U.A.P e vede il Comune di Rho come guida, e comune capofila, per questo suggerisce di prendere come modello il Comune di Vanzago. Chiede infine che la Task Force Lavoro venga meglio conosciuta e pubblicizzata. Antonella Pratesi, in qualità di presidente del circolo Futuro e Libertà, si riallaccia all intervento del Segretario della CISL R. Zambelli e si dichiara in linea generale d accordo con quanto detto fino ad ora. Ribadisce che, la Pubblica Amministrazione deve favorire la formazione professionale, pone l attenzione sul mondo produttivo impegnato a preparare piani e sviluppi per il futuro e partendo da questi progetti capire e individuare le prossime figure professionali e le specificità da impiegare. Solo rispondendo alle richieste di mercato si potrà facilitare e favorire la ricollocazione. Fa riferimento alle persone in mobilità, che nel momento in cui completano il loro percorso di formazione e riqualificazione professionale, non sono più richieste dalle aziende per quei ruoli. Interviene A. Finicelli responsabile Area Lavoro Industria, dichiarando che il PDL di Rho ha più volte fatto presente la situazione drammatica sul nostro territorio a seguito della grave crisi economica e finanziaria che investe il nostro intero Paese. Presenta quindi, una serie di proposte concrete, da avviare subito per salvare il tessuto produttivo e commerciale del nostro territorio: 1. Cessione dei crediti per le imprese fornitrici del Comune di RHO 2. Le Amministrazioni pubbliche tra cui il Comune di RHO, per poter rispettare i numerosi vincoli di legge loro imposti, tra cui il patto di stabilità, si trovano spesso nell impossibilità di effettuare i pagamenti delle forniture in tempi brevi (l'art.9, comma 3-bis, del D.L. n.185/2008 e, l art 1. comma 16 del D.L. nr 194 del , conversione in Legge n. 25 del 26 febbraio 2010 GURI n.48 del 27 febbraio 2010). Le norme hanno stabilito 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 3/8

4 che: su istanza del creditore di somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti, le regioni e gli enti locali possono certificare, entro il termine di venti giorni dalla data di ricezione della domanda, se il relativo credito è certo, liquido ed esigibile, al fine di consentire al creditore la cessione pro soluto a favore di Istituti di credito o intermediari finanziari riconosciuti dalla legislazione vigente. La norma consente, pertanto, un incasso celere per l impresa senza apportare squilibri alle casse degli enti locali ma beneficiando del canale finanziario. 3. Occorre con la massima sollecitudine, come fatto dal Comune di Cornaredo, sottoscrivere una Convenzione con Istituti Bancari del territorio finalizzata a stabilire che i fornitori possono cedere alla banca i propri crediti attraverso la "cessione pro soluto" o cessione pro solvendo, presentando apposita richiesta al Comune di RHO. 4. Consorzi Confidi e garanzie per le PMI del territorio Rhodense 5. La proposta è di sottoscrivere apposite Convenzioni con i consorzi Confidi, al fine di creare le condizioni di base per favorire un accesso al credito bancario più facilitato, da parte delle aziende artigiane e delle piccole e medie imprese che hanno sede nel Comune di Rho, con garanzie pubbliche. Basti pensare che attraverso lo stanziamento di una somma come Euro è possibile generare fino a 2 milioni di Euro di finanziamenti agevolati per le imprese del territorio offerti dalle banche. Tali convenzioni potrebbero garantire l'accesso al credito per progetti di sviluppo aziendale, con particolare attenzione a programmi di innovazione tecnologica e nascita di nuove imprese. 6. Concessione di contributi per lo sviluppo dell economia locale 7. La nostra proposta è di aprire alcuni Bandi Comunali per l erogazione di contributi a fondo perduto e in conto interessi alle imprese del settore artigianato, commercio, servizi, turismo ed altre attività professionali del Comune di Rho. Diversi gli ambiti da incentivare con il contributo di Provincia di Milano e Regione Lombardia, occorre solo individuare le priorità in funzione delle opportunità del nostro territorio che ospita Fiera Milano e che si prepara ad EXPO Successivamente alla riunione A. Finicelli suggerisce e propone all Assessore L. Negrini queste altre commissioni dando la propria disponibilità a parteciparvi: - sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili - formazione professionale e replacement - bandi, imprese e start-up territoriali Interviene successivamente il sindacalista Antonio Verona che, sostituisce il segretario della CGIL Ivana Brunato il quale manifesta la sua condivisione su quanto esposto dal segretario della CISL Roberto Zambelli e suggerisce di lavorare al protocollo d intesa, propone di realizzare una mappatura del territorio non solo dal punto di vista produttivo, economico ma anche in merito alle risorse umane e professionali. Ribadisce la necessità che le amministrazioni debbano soffermarsi ad intercettare e ad analizzare i bisogni,dopo 3 anni di crisi si arriva allo scoraggiamento ed è primario invertire questa situazione creando un clima di positività. Evidenzia anche l importanza dello Sportello Informativo. Segue l intervento di Angela Pessina, referente gruppo di lavoro della Sinistra Ecologia Libertà, sostiene che tutte le forze riunite intorno a questo tavolo siano ben consapevoli, di come in tutto il Paese, ed in particolare in questa zona, sta vivendo l'emergenza lavoro. Riportare il lavoro al centro dell'attenzione e farne una priorità a livello di obiettivi pare assolutamente necessario e condiviso da tutti. Il punto di vista di S.E.L può contribuire al dibattito e alle decisioni forse in due modi: Il primo, è ricordare che difendere il lavoro significa prima di tutto difendere i lavoratori e la loro dignità di persone. L'essere arrivati a questo punto dipende sicuramente da molte variabili non sempre controllabili, ma anche dalla superficialità con cui sono state attuate le regole che fungevano da indicatori. La precarietà, spesso confusa con la flessibilità, dal mondo del lavoro si sta espandendo alla società e ai rapporti interpersonali. 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 4/8

5 Il secondo modo, è individuare i settori che possono costituire la crescita rispettando il criterio della sostenibilità. La crescita deve essere compatibile con le risorse del territorio e del pianeta. Ambiti adeguati potrebbero essere quello della messa in sicurezza del territorio e quello della valorizzazione del patrimonio artistico e culturale presente. Mettere in sicurezza il territorio e il terremoto lo dimostra,costa meno che intervenire quando si è già verificata l'emergenza. Ripulire gli alvei dei corsi d'acqua, eliminare l'eternit dalle costruzioni, vincolare i permessi di costruzione all'ottenimento della classe A, lavorare sul risparmio energetico, sull'espansione delle energie alternative, sull'utilizzo anche di rifiuti e biomasse per il teleriscaldamento forse potrebbe essere un punto di partenza trainante. Rho potrebbe diventare un polo guida nella riconversione energetica. L'area ex-alfa Romeo potrebbe essere utilizzata così pure Villa Burba, villa Scheibler, la raccolta di reperti archeologici, le opere di Fossa, il Santuario dell'addolorata, il parco dei Fontanili opportunamente predisposti e valorizzati,potrebbe forse, attirare una parte dei visitatori dell'expo 2015 offrire opportunità lavorative e produrre reddito. Il parco Sud è una delle zone agricole più grandi d'europa. Nessuno lo sa. Pare che la coltivazione di soia, colza, mais sia al momento piuttosto remunerativa. Bisognerebbe seguire questa strada ed Expo 2015 si presentano come occasione per nutrire il pianeta, insomma Expo 2015 potrebbe farla diventare una carta vincente. Nella pratica per attuare tutto ciò occorre: 1. creare con Expo un canale di doppia comunicazione con la quale avere dati,senza grandi dispendi di energie al fine di creare una banca dati di operatori e competenze da mettere in rete di facile consultazione e aggiornamento a vantaggio di Expo 2. preparare una lista di operatori locali a disposizione delle necessità di Expo che si facciano garanti del rispetto delle norme trasparenza nella consultazione della documentazione di assegnazione degli appalti con impegno al controllo da parte della prefettura visibile e certificabile 3. richiedere a Expo indicazioni sulle mansioni di cui ci potrebbe essere richiesto i e attivare dei corsi di formazione che preparino i lavoratori a svolgerle 4. rimanere fermi sul consumo zero di territorio ma sollecitare tutti gli interventi possibili di recupero dell'esistente, riunire le banche in un pool che dia credito agevolato 5. attivarsi nei vari settori per promuovere proposte, raccogliere dati, collaborare al fine di creare posti di lavoro. Il Presidente del Circolo ACLI di Rho Alessandro Bassetti è favorevole con tutte le tematiche affrontante e discusse, ma evidenzia come l esperienza del polo RHO-Fiera non ha portato molto in termini di vantaggi e benefici economici al Comune di Rho e per questo si auspica che la grande manifestazione dell imminente Expo 2015 non finisca in un nulla di fatto. E conclude con l affermazione del valore e del significato profondo, che forse abbiamo dimenticato, di operare per il bene comune guardando soprattutto agli ultimi. Non occorrono grandi progetti,ma occorre partire dalle cose piccole e prende come riferimento il progetto della Diocesi di Milano per l erogazione di un Fondo di solidarietà rivolto alle famiglie in grave disagio sociale e abitativo costituito da un fondo di 400,000 Euro di cui circa 300 persone hanno usufruito. Stefano Casagrande portavoce del Comitato Risorgimento si trova d accordo con la collega di SEL per la tutela all ambiente e all urbanistica. Propone la creazione di una banca dati per le aree dismesse per gli imprenditori che cercano questo tipo di opportunità per le loro attività. Un altro punto importante è quello della riqualificazione energetica ed attivazione fibre ottiche Marco Tizzoni della Lista Civica Gente di Rho propone di: 1. abbassare aliquota dell IMU per le attività produttive ( non aiuta le imprese come già espresso dal sindaco di Milano Pisapia S.E.L. ). L obiettivo è far sì che Rho, sia un comune capofila e quindi proporre agli altri Sindaci di adottare una riduzione per l imposta sull IMU. Chiede pertanto una riduzione dell'imposta di almeno il 50%. 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 5/8

6 2. Proposta per tutti i comuni di applicare una tariffa energetica più bassa per aziende, negozi, artigiani. Anche se è piccola cosa,rappresenta un segnale, significa che qualcosa si sta facendo La proposta di Gente di Rho è incentrata ad abbassare l'imposizione fiscale, per quanto possibile, alle attività produttive. L'IMU su tutte. Oggi questa imposta colpisce tutti i settori produttivi e non permette di immaginare o pianificare nuove eventuali assunzioni. Anzi li costringe a stringere ancor di più la cinghia e in alcuni casi a far lavorare di più i propri dipendenti. 3. Chiede che sia studiato un piano ad oc per attirare nuove aziende a stabilirsi sul nostro territorio. 4. Chiede altresì che siano applicati dei benefit che consentano a nuovi imprenditori di portare qui le proprie aziende, sullo schema che sta applicando per esempio il Canton Ticino in Svizzera e i nuovi insediamenti potrebbero, attraverso un protocollo d'intesa stipulato con il comune non pagare per 5/6 anni alcune imposte e avere alcune riduzioni relative alla fornitura del gas N.E.V./ N.E.D.e quelle inerenti alla raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani T.I.A. / T.A.R.S.U., inoltre le tasse S.U.A.P. e quelle inerenti alle insegne pubblicitarie T.O.S.A.P. L Architetto Dario Ferrari presidente A.I.L. Associazione Imprenditori Lombardi dichiara quanto segue: 1. A.I.L. concorda nella formazione di specifici gruppi di lavoro come proposti dall Ass. Luigi NEGRINI. 2. A tale riguardo A.I.L. si candida a far parte del Gruppo Promozione del Territorio-Eccellenze mettendo a disposizione le proprie esperienze e le due specifiche attività che dal mese di marzo 2012 ha attivato per le PMI: 3. Sportello Internazionalizzazione in collaborazione con CO-EXPORT. 4. Progetto di Marketing Territoriale denominato Progetto Crescita, in collaborazione con DISTRETTO33, e di cui si allega presentazione. 5. A.I.L. ritiene indispensabile, una volta definito un protocollo di accordo politico generale di allargare i lavori della Task Force ai comuni aderenti al PATTO del Nord-Ovest. 6. Il coinvolgimento della CCIAA e del mondo della scuola è indispensabile; a tal proposito A.I.L. suggerisce di invitare ai lavori della Task Force, IREP (Istituto per la Ricerca e l Educazione Permanente) che rappresenta gli Istituti Scolastici Superiori del Territorio, per evitare inutili dispersioni con contatti con singole realtà. Si coglie l occasione, per informare tutti coloro che hanno partecipato alla Task Force Lavoro che, giovedì 28 Giugno p.m. alle ore 9,30-13,00 presso la Villa Burba nella sala Corte Rustica si terrà un Workshop riguardante la Continuità Operativa organizzato dall Associazione Imprenditori Lombardi A. I. L. e B.C.I. Business Continuity Institute con il Patrocinio del Comune di Rho Assessorato al Lavoro. Prende la parola Giovangelo Buccelloni,consigliere A.I.L. che concorda con tutte le tematiche esposte negli interventi precedenti ed esprime e sottolinea l aspetto positivo di questo tavolo volto sicuramente al bene comune. Inoltre, invita tutti coloro che hanno proposte,idee di comunicarle all A. I. L. Accorinti Antonio di A.F.O.L dice che i segnali che giungono dal mondo sindacale riguardo al lavoro sono l indice di un peggioramento della situazione. La differenza tra cessazione e reimpiego aumenta in negativo quindi, di conseguenza, i soggetti che si rivolgono al centro per l impiego aumentano in modo proporzionale. L esigenza del Comune di occuparsi di questi temi è molto forte e sentita. A.F.O.L come organismo e associazione prende l' impegno di mettere a disposizione del tavolo di lavoro tutte le informazioni e gli indicatori trimestrali: nel mese di Maggio sono state inserite un numero considerevole di persone deboli. Un altro aspetto importante coinvolge la domanda di lavoro e la richiesta di personale qualificato sotto il profilo tecnologico. Si sofferma su quest argomento poichè ritiene importante individuare le risorse,che ci sono in rapporto con le imprese,questo significa da un lato raccogliere le informazioni sulle risorse disponibili sul mercato dall altro conoscere e maturare un rapporto con le imprese. 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 6/8

7 Alice Mejetta, segretario Lega Nord, interviene a favore degli interventi precedenti di D. Ferrari e A. Accorinti e A. Pessina di S.E.L poiché riassumevano già il suo pensiero. Condivide pienamente il concetto del pragmatismo: è importante realizzare quanto proposto velocemente e iniziare a lavorare da subito. Si riallaccia alla valorizzazione del Museo dell Alfa Romeo, patrimonio del Comune di Arese, e di altre strutture elencate dalla rappresentante di S.E.L. E inoltre favorevole alla formazione dei gruppi di lavoro. Prende la parola StefanoPasserini, rappresentante Assolombarda,che descrive la situazione drammatica del mondo del lavoro e prende come riferimento il comune di Cernusco sul Naviglio che ha ideato un progetto pilota di questo tavolo; il rischio che si corre è quello di degenerare in una connotazione più politica che operativa. Condivide l idea di dividere il tavolo di lavoro in più gruppi, ogni gruppo dovrà dare un contributo con un taglio più specifico; dovrà cercare, con le proprie competenze, di dare un apporto più completo. Un altro aspetto che ritiene fondamentale è l orientamento alla riqualificazione, occorre intervenire non attraverso corsi a pioggia ma occorre indire corsi veramente mirati, per questo bisognerebbe destinare una parte di fondi interprofessionali per la formazione specifica. Si dichiara inoltre favorevole all allargamento del tavolo di lavoro ad altri Comuni. Stefano Passerini espone il contributo operativo che l Associazione è in grado di mettere in campo per cercare di arginare la crisi occupazionale del territorio e favorirne il rilancio. A tal proposito Passerini dichiara che Assolombarda è intenzionata a contribuire alla creazione di un Tavolo permanente di coordinamento sullo sviluppo delle politiche attive del lavoro,di una Consulta del Lavoro, cioè di un progetto territoriale di ausilio alle politiche del lavoro nell'affrontare la crisi economica. In particolare, al di là dell'aspetto meramente formale, Assolombarda potrà contribuire, mediante l'ausilio degli strumenti già in suo possesso, ad un'azione di monitoraggio della situazione occupazionale del territorio e delle relative dinamiche. Assolombarda potrà altresì contribuire alla mappatura delle attività economiche mettendo a disposizione del tavolo, per quanto di sua competenza, informazioni disponibili ed ufficiali finalizzate a favorire le attività di orientamento per i giovani ed i disoccupati impegnati nella ricerca di occupazione. Assolombarda potrà inoltre contribuire alla creazione di progetti di riqualificazione di personale dipendente delle proprie imprese associate posto in mobilità ovvero interessato da casse integrazioni strutturali, mediante la destinazione di quota parte di risorse di Fondimpresa a detti progetti. Per realizzare quanto sopra, il tavolo di lavoro potrebbe riferirsi all'esperienza del Comune di Cernusco sul Naviglio che si è trasformato in un tavolo permanente ovvero a quella del Comune di Cinisello Balsamo che ha visto la nascita di un progetto di riqualificazione di lavoratori collocati in mobilità. A tal proposito appare interessante anche l esperienza della Consulta del Lavoro di Saronno che ha saputo agganciare al proprio progetto anche otto Comuni limitrofi ed in questo senso Passerini invita i presenti a riflettere circa l opportunità di allargare il tavolo di Rho ad altri Comuni circostanti interessati all iniziativa; l Assessore L. Negrini risponde alla sollecitazione confermando come non vi sia nulla in contrario all allargamento dell iniziativa che, sino ad ora, è rimasta circoscritta a Rho poiché, negli altri Comuni erano in atto le elezioni amministrative e quindi pareva inopportuno in quella fase coinvolgere amministrazioni le cui cariche politiche erano in fase di rinnovo. L Assessore ringrazia tutti i partecipanti per il fattivo contributo alla riunione e per gli spunti che sono stati portati all analisi ed alle opportunità di lavoro e prova a trarre le conclusioni dell incontro, indicando anche il percorso successivo: - Esiste un accordo di tutti alla costruzione di un Protocollo per il lavoro, da siglarsi da parte del patto dei Sindaci del Nord Ovest (a questo proposito si da mandato al Sindaco di Rho, in qualità di Presidente di presentare la proposta al primo incontro dei Sindaci previsto a breve) - Verrà inviata, a cura dell Assessore Negrini, una bozza di Protocollo allegata al verbale di riunione che i componenti s impegnano ad emendare, correggere e/o approvare a breve con indicazione da fornire tramite all Ufficio Segreteria F. Liuni e/ o direttamente all Assessore Servizi Sociale e al Lavoro L. Negrini. 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 7/8

8 - L Assessore L. Negrini convocherà, prima della prossima riunione, un tavolo con le Banche del territorio per iniziare la costruzione di un tavolo del credito e delle agevolazioni alle imprese, alla quale verranno invitati, oltre che le Banche del territorio, A.I.L. D. Ferrari, A. Finicelli, Assolombarda S. Passerini, M. Tizzoni in rappresentanza del tavolo, per chi invece si volesse aggiungere, potrà indicare il proprio nominativo tramite comunicazione all Ufficio Segreteria F. Liuni e/o Assessore L. Negrini. - Vengono poi confermati i vari tavoli ristretti di lavoro che, inizieranno subito dopo il periodo feriale, e per i quali i componenti della Task Force Lavoro sono invitati a partecipare, indicando sempre i rispettivi nominativi di adesione specificando le proprie preferenze e/o competenze tramite comunicazione all Ufficio Segreteria F. Liuni e/o Assessore L. Negrini. - Promozione del territorio, marketing territoriale, banca dati delle aziende, rete delle offerte e dei servizi, valorizzazione dei beni culturali, sportello Fiera ed operatori - Piccola e media impresa: aiuti, start up, internazionalizzazione, bandi, incubatori e rapporti con Università, incentivi e possibili sgravi IMU su attività produttive, polo di eccellenza sull energia rinnovabile. - Professionalità: formazione e qualificazione, doti lavoro, rapporto con scuole, fondi regionali, europei e fondi impresa, - Expo 2015: opportunità di lavoro e collaborazione con la società Expo (sarà da prevedere a breve un audizione con il management per avere indicazioni sui progetti almeno 2012/2013 e sugli appalti e subappalti in corso di definizione e sulle prospettive generali). - Vengono poi date rassicurazioni sia al Comitato Risorgimento sulla destinazione d uso dell area vicina alla Fiera ed a Expo ( il PGT rhodense in fase di approvazione mantiene la vocazione industriale dell area) sia sull impegno dell Amministrazione Comunale, a ricercare ogni possibile opportunità di velocizzare i pagamenti ai fornitori, pur nelle difficoltà di rispetto del patto di stabilità; - si analizzerà la possibilità di costruire un vero Sportello Unico delle attività produttive che possa essere punto importante di contatto tra aziende e Amministrazione su ogni necessità (partecipazione a bandi, rapporti con la pubblica amministrazione, informazioni e contatti, contrattualistica etc.) - Si proverà da ultimo a far meglio conoscere il lavoro della Task Force Lavoro con comunicati, articoli ed interventi sulla stampa locale e sul sito comunale. Vi anticipiamo la data della prossima convocazione stabilita per Martedì 10 Luglio 2012 alle ore c/o la Sala Consiliare del Palazzo Comunale P.zza Visconti, 23 - Rho (MI). Si ringraziano pertanto, tutti coloro che hanno partecipato giovedì 07 Giugno 2012 alla 2^ convocazione della TASK FORCE LAVORO. La seduta termina alle ore Le funzioni di Segreteria della Commissione, vengono svolte da Francesca Liuni collaboratrice amministrativa. 07 Giugno 2012 Task Force Lavoro 2 Verbale 8/8

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra

LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra LINEE COMUNI DI INTERVENTO tra COMUNI EST MILANO - CGIL CISL UIL - AFOL EST MI ASSOLOMBARDA, COLDIRETTI, CONFCOMMERCIO, CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI, CONFEDERAZIONE NAZIONALE ARTIGIANATO E PICCOLA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI

PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI PROTOCOLLO D INTESA AI FINI DELLA CESSIONE DEL CREDITO PRO SOLUTO A BANCHE O INTERMEDIARI FINANZIARI L anno 2009, il giorno 5 di Agosto, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti:

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29/09/2011 N. 344

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29/09/2011 N. 344 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 29/09/2011 N. 344 OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMA ACCORDO A LIVELLO LOCALE PER ASSICURARE LA LIQUIDITÀ ALLE IMPRESE CREDITRICI DEL COMUNE DI

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

Il giorno XX, presso la sede della Provincia di Lecco, P.zza Lega Lombarda, 4 Lecco, TRA

Il giorno XX, presso la sede della Provincia di Lecco, P.zza Lega Lombarda, 4 Lecco, TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI LECCO, LA CAMERA DI COMMERCIO DI LECCO E L ASSOCIAZIONE NETWORK OCCUPAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI PROGETTATI SULLA BASE DELL ANALISI DEI FABBISOGNI

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena

Accordo di Rete. fra i CTP della provincia di Modena Accordo di Rete fra i CTP della provincia di Modena 1 L anno duemilanove il giorno 22 gennaio 2010 i Dirigenti Scolastici - Stentarelli Claudio CTP di Carpi - Campagnoli Paola CTP di Mirandola - Calanchi

Dettagli

Allegato alla DGR n. del

Allegato alla DGR n. del Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, la Regione Puglia e l'istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA)

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna 16-02- 04 RASSEGNA STAMPA 16-02- 04 LA CGIL, PORTO, INACCETTABILE LO SCONTRO TRA AUTORITA' E ISTITUZIONI Resto del Carlino 16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI

Protocollo d Intesa TRA. PROVINCIA di CUNEO ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Protocollo d Intesa TRA PROVINCIA di CUNEO E ENTI LOCALI, CONSORZI, ASSOCIAZIONI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, E PARTI SOCIALI Per la promozione, l elaborazione, la gestione di Progetti

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

INTESA TRA. Provincia di Mantova rappresentata dall Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale, Carlo Grassi

INTESA TRA. Provincia di Mantova rappresentata dall Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale, Carlo Grassi INTESA PER L INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI E DELLE AZIONI PER CONTRASTARE LE CONSEGUENZE SULL OCCUPAZIONE E SUL SISTEMA PRODUTTIVO DELLA CRISI ECONOMICA nell ambito territoriale del distretto

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Costituzione, sede e durata Il Comune di Iglesias attiva, ai sensi dell art. 11, dello Statuto, la Consulta

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria VIII Commissione permanente Camera Audizione Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria Alessandro Pascucci 29 settembre 2014 1 Egr. Presidente, in qualità di Federesco (Federazione

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

Protocollo d intesa Terramìca PROTOCOLLO D INTESA E PARTENARIATO. Terramìca TRA

Protocollo d intesa Terramìca PROTOCOLLO D INTESA E PARTENARIATO. Terramìca TRA PROTOCOLLO D INTESA E PARTENARIATO Terramìca TRA Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Agrigento con sede legale in Agrigento, in p.zza gallo n., C.F.., nella persona del legale rappresentante

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI PARELLA Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 35 Del 15/10/2014 Oggetto: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D'INTESA PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: l Italia sta attraversando nel suo complesso una fase di profonda crisi economica, quale conseguenza anche della crisi dei mercati finanziari che ha colpito tutti i paesi

Dettagli

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO BERGAMO e PROMOISOLA per la RICHIESTA di CONTRIBUTO a FONDAZIONE CARIPLO

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

DISTRETTI TURISTICI. Allegati alla Lettera ai rappresentanti istituzionali e politici della provincia di Salerno

DISTRETTI TURISTICI. Allegati alla Lettera ai rappresentanti istituzionali e politici della provincia di Salerno DISTRETTI TURISTICI La Giunta Regionale, su proposta dell Assessore competente, sentita la Commissione competente per materia, pone in essere iniziative di supporto agli attori dello sviluppo locale, sostenendo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04)

REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) REGOLAMENTO DEL FORUM COMUNALE DEI GIOVANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 28/9/04) Art. 1 Istituzione il Consiglio Comunale di San Giorgio a Cremano, riconosciuto: l importanza

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

Comune di Monserrato

Comune di Monserrato Comune di Monserrato Assessorato alle attività produttive Tutto quello che devi sapere sullo Sportello Unico per le attività produttive (SUAP) Cos è E un nuovo sistema per semplificare e snellire le procedure

Dettagli

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati

PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA. a cura di Donata Orlati PATTI TERRITORIALI: INCONTRI CON I SINDACI DEI COMUNI CAPOFILA DEI PIANI DI ZONA a cura di Donata Orlati Sono stati avviati i primi incontri con i Sindaci dei Comuni capofila dei Piani di Zona, anche laddove,

Dettagli

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager ALLEGATO A Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager tra: Regione Toscana, INAIL Toscana, Università degli Studi di Firenze, Pisa e Siena, Confindustria

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro,Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale VERBALE D INTESA Il giorno 27 04 2004, presso l Assessorato del Lavoro, si è svolto un

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 102 del 04/08/2015 OGGETTO: CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SASSUOLO E L'A.V.I.S. COMUNALE DI SASSUOLO - ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE APPROVAZIONE

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP)

1. Voucher per misure di accompagnamento all innovazione (a valere su ADP) PROPOSTE PROGETTUALI BILANCIO CAMERALE 2013 Considerato il costante diminuire delle risorse pubbliche e di conseguenza dei contributi per le imprese, abbiamo ritenuto opportuno segnalare qui di seguito

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

MIURAOODGOS Prot.n. 7551 Roma, 20.11.2012

MIURAOODGOS Prot.n. 7551 Roma, 20.11.2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Uff. VIII Segreteria del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

Bando per progetti creativi. Bando per l insediamento di imprese culturali e creative all interno del Teatro Turismo

Bando per progetti creativi. Bando per l insediamento di imprese culturali e creative all interno del Teatro Turismo Bando per progetti creativi Bando per l insediamento di imprese culturali e creative all interno del Teatro Turismo 1.Gli obiettivi di fondo La Repubblica di San Marino intende mobilitare le idee, le energie

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

Wenext, associazione culturale presenta

Wenext, associazione culturale presenta Wenext, associazione culturale presenta un progetto di valorizzazione del manifesto creatività + innovazione = lavoro proposto in due sessioni: 9/12 maggio e 18/21 ottobre 2012 Firenze Firenze 9/12 maggio

Dettagli

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e

10.2013. 07.201 Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie regionali, enti e DEL 31.10 10.2013 Oggetto: L.R. n. 18 del 26.07 07.201.2013,, art. 3 e D.L. 185/2008, art. 9, comma 3-bis3 e 3-ter. Misure per favorire la cessione dei crediti vantati nei confronti di Regione, agenzie

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Rete Comuni Solidali

STATUTO. Articolo 1. Rete Comuni Solidali ALL. A) STATUTO Articolo 1. Rete Comuni Solidali E istituita a tempo indeterminato l associazione denominata Rete Comuni Solidali: Comuni della terra per il mondo (da ora in poi chiamata per abbreviazione

Dettagli

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO SEGRETERIA GENERALE UFFICIO AFFARI GENERALI RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO ULTIMA MODIFICA EFFETTUATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 120 DEL 26.06.2007. COORDINAMENTO

Dettagli

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n.

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 156 del 29/11/08) ART. 1 Ai sensi di quanto previsto dall art. 40 dello Statuto è istituito

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA ALLEGATO 2 Premessa Le Valli Brembana e Imagna sono oggi tra le aree più problematiche in Provincia di Bergamo, per quanto riguarda l occupazione. La crisi della

Dettagli

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA TRIENNIO 2010-2012 L attuale crisi finanziaria ed economica mondiale trae origine dalla bolla immobiliare che ha maggiormente coinvolto paesi

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Verbale 01. focus design e grafica. Verbale 01 - riunione del 12/02/2014

Verbale 01. focus design e grafica. Verbale 01 - riunione del 12/02/2014 Verbale 01 Redatto da: Daniele Druella, Tommaso Delmastro, Yussef Ech-Chibani, Michele Cafarelli Di seguito, brevemente, un report del nostro primo incontro: 00 - Introduzione dei Consiglieri Alessandro

Dettagli

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011

Circolare n 10. Oggetto. Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Quartu S.E., 03 ottobre 2011 Circolare n 10 Oggetto Legge di Finanziamento: Comunitaria Nazionale Regionale Comunale Settore: Artigianato, Commercio, Servizi, Industria ed Agricoltura La circolare fornisce

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

1. Comitato consultivo del CSDU

1. Comitato consultivo del CSDU Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU) Fase pilota 2011 2015 Parere e raccomandazioni del Comitato consultivo del CSDU del 29 aprile 2015 Compendio La valutazione conferma quanto sostenuto

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 52 del 20 novembre 2006 NB. La presente deliberazione tiene conto dell Errata Corrige pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 53 del

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra L AUTORITÀ DI GESTIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO (POIN) e LE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI ED IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE 1

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA Il giorno 31 Marzo 2015 presso la sede dell Assessorato Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali della Regione Calabria sito a Catanzaro in Viale Lucrezia della Valle

Dettagli