REGIONE VENETO ULSS N 1 BELLUNO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE VENETO ULSS N 1 BELLUNO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE"

Transcript

1 REGIONE VENETO ULSS N 1 BELLUNO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE IGIENE e SICUREZZA negli AMBIENTI di LAVORO RELAZIONE ANNUALE di ATTIVITÀ 2013 e PROGRAMMA 2014 PRESENTAZIONE Anche quest'anno ci presentiamo all'opinione pubblica attraverso la pubblicazione del consuntivo dell'attività svolta nell anno trascorso e della programmazione per l anno in corso. Il resoconto dell anno rappresenta un occasione per parlare del Servizio, dei suoi risultati e delle sue strategie. Infatti, l obiettivo del rapporto annuale non è solo quello di pubblicare i numeri ma quello di garantire una informazione chiara e trasparente, dando un senso ai numeri. Il rapporto testimonia il lavoro di tutto il personale del Servizio, medici, tecnici della prevenzione, chimico, assistenti sanitarie e personale amministrativo, documenta le prestazioni effettuate e le attività progettate per fornire risposte concrete ai bisogni del territorio, rende pubbliche le modalità di lettura e di analisi dei rischi del tessuto produttivo e dei problemi di salute dei lavoratori e le strategie adottate per la loro riduzione, così da stimolare il confronto e la partecipazione. Il documento è suddiviso in capitoli, relativi ai vari campi di intervento, in cui vengono illustrate le attività svolte nel corso del 2013, i metodi di lavoro seguiti e gli obiettivi per il prossimo anno. Sperando che questo possa contribuire ad accrescere la collaborazione reciproca, si accolgono con piacere eventuali osservazioni o proposte dai lettori della presente relazione.

2 INDICE INDICE pag. 2 IL SERVIZIO SPISAL Mission e attività pag. 3 Organizzazione Operatori pag. 4 CARATTERISTICHE PRODUTTIVE DEL TERRITORIO pag. 5 RIEPILOGO DELLE ATTIVITÀ SVOLTE pag. 6 INTERVENTI DI COMPARTO Prevenzione in Agricoltura pag. 8 Prevenzione in Edilizia pag. 9 Prevenzione nelle aziende ad alto indice infortunistico pag. 12 Prevenzione del rischio da ambienti confinati pag. 13 Prevenzione dei rischi nel comparto delle Onoranze Funebri pag. 13 GLI INFORTUNI SUL LAVORO pag. 14 Le inchieste giudiziarie per infortuni pag. 15 LE MALATTIE PROFESSIONALI pag. 17 Le inchieste giudiziarie per tecnopatie pag. 18 AMBULATORIO DI MEDICINA DEL LAVORO Resoconto e descrizione delle attività svolte pag. 19 IGIENE E TOSSICOLOGIA INDUSTRIALE Resoconto e descrizione delle attività svolte pag. 21 Controllo sulle attività di rimozione dei materiali contenenti amianto pag. 22 Ricerca attiva dei siti lavorativi con presenza di amianto pag. 23 Regolamenti REACH e CLP pag. 24 ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUL LAVORO Assistenza e informazione pag. 26 Promozione della cultura della sicurezza nelle scuole pag. 27 Promozione degli stili di vita corretti negli ambienti di lavoro pag. 27 Progetto regionale promozione della salute del lavoratore autonomo pag. 28 ATTIVITÀ AUTORIZZATIVA pag. 29 COMMISSIONE PROVINCIALE PATENTI GAS TOSSICI pag. 29 2

3 IL SERVIZIO S.P.I.S.A.L La mission istituzionale dello S.P.I.S.A.L., servizio del Dipartimento di Prevenzione della ULSS, è riportata nell art. 7 del D.Lgs. 502/92, modificato dal D.Lgs. 229/99, nella legislazione regionale (L.R. 54/82) e trova conferma nel DPCM 29 novembre 2001 dove si indicano i Livelli Essenziali di Assistenza: La mission dello SPISAL è la prevenzione degli infortuni e delle malattie da lavoro ed il miglioramento del benessere di chi lavora e viene perseguita attraverso azioni di vigilanza, assistenza, formazione e promuovendo nelle aziende una cultura orientata allo sviluppo dei sistemi di gestione della sicurezza e al controllo dei determinanti di salute. Le azioni tipiche del Servizio consistono in: Vigilanza: Verifica dell'attuazione delle norme in materia di igiene e sicurezza in tutti i luoghi di lavoro Controllo dei fattori di nocività attraverso misurazioni degli inquinanti ambientali Riconoscimento delle cause e delle responsabilità nei casi di infortunio e malattia professionale con accertamento delle violazioni delle norme di sicurezza e di igiene del lavoro Attività sanitarie: Certificazioni di idoneità al lavoro Ricorsi contro il parere espresso dal medico competente Tutela delle lavoratrici madri mediante accertamento delle condizioni di rischio lavorativo e ambientale Visite specialistiche in Medicina del Lavoro ed accertamenti strumentali per consulenza (a medici di base e ospedalieri) o per indagini mirate a rischi particolari Sorveglianza sanitaria per lavoratori ex esposti ad amianto e lavoratori autonomi Coordinamento delle attività svolte dai medici competenti aziendali Partecipazioni ai collegi medico-legali Sportello di ascolto e assistenza contro il disagio psicosociale correlato al lavoro Attività amministrative - autorizzative: Vidimazione dei registri infortuni Valutazione dei requisiti di idoneità e salubrità dei nuovi insediamenti produttivi Valutazione dei requisiti di idoneità e salubrità per i distributori di carburanti Valutazione dei piani di lavoro/notifiche per la rimozione di amianto ex titolo IX-capo III D.Lgs. 81/2008 Concessioni di deroghe: - all uso dei DPI per rumore ex art. 197 D.Lgs.81/ all uso di laboratori interrati ex art. 65 D.Lgs.81/2008 Ricezione di comunicazioni, notifiche o registri obbligatori - comunicazione per nuove attività o impianti ex art. 67 D.Lgs.81/ notifica per apertura cantieri ex art. 99 D.Lgs.81/ comunicazioni per situazioni pericolose, di superamento dei limiti o di emergenza (rumore, impiego di cancerogeni, o di agenti biologici, amianto) - registro degli esposti (rumore, cancerogeni, agenti biologici, amianto) - relazione annuale sulle attività di rimozione amianto Rilascio e rinnovo delle patenti di abilitazione all impiego dei gas tossici Attività di assistenza informazione (sportello informativo): Progettazione e realizzazione di corsi di formazione/informazione Progettazione e realizzazione di interventi di educazione e promozione alla salute Divulgazione di documentazione scientifica, tecnica e normativa Dati statistici ed epidemiologici su infortuni e malattie professionali. Pareri su soluzioni di bonifica ambientale o di antinfortunistica 3

4 ORGANIZZAZIONE Lo SPISAL è dislocato su due sedi: Belluno, in Via S. Andrea, 8 e Pieve di Cadore in Via degli Alpini, 39. L'organizzazione interna prevede: un servizio amministrativo per informazioni, vidimazione di registri infortuni, appuntamenti, con orario di apertura al pubblico dalle ore 8 alle ore 13 dal lunedì al sabato lo sportello informativo per assistenza tecnica, normativa, sanitaria, su appuntamento lo sportello di ascolto e assistenza contro il disagio psicosociale correlato al lavoro, su appuntamento. OPERATORI L'organico del Servizio è costituito da diverse figure professionali che operano in modo integrato: 2 medici del lavoro, 1 assistente sanitaria, 1 igienista industriale, 6 ispettori-tecnici della prevenzione. Tutti gli operatori (eccetto l amministrativo) hanno la qualifica di Ufficiali di Polizia Giudiziaria con conseguente responsabilità del rapporto alla Magistratura e della gestione dell iter procedurale sanzionatorio di cui al D.Lgs. 758/94. I medici, specialisti in Medicina del lavoro, si occupano prevalentemente della gestione degli aspetti di tipo sanitario, dalle indagini giudiziarie per patologia professionale, al controllo sanitario dei lavoratori esposti a rischi professionali. Effettuano interventi di vigilanza negli ambienti di lavoro per la verifica degli aspetti di igiene e delle misure di sorveglianza sanitaria e in particolare sulle attività svolte dai medici competenti. Il chimico igienista si occupa della vigilanza sugli aspetti di igiene industriale: controllo sul contenimento degli inquinanti professionali e sulla dell'efficacia degli impianti. Esprime i pareri su: piani di lavoro per rimozione amianto, installazione impianti distribuzione di carburante e nuovi insediamenti produttivi. Effettua i controlli ispettivi nei cantieri di rimozione di amianto. L assistente sanitaria cura tutte le attività di tipo informativo, formativo e di promozione della salute per lo sviluppo di una cultura della sicurezza tra lavoratori e imprenditori. Effettua indagini giudiziarie di malattie professionali e di alcuni casi di infortuni sul lavoro. Collabora nella gestione delle attività sanitarie e ambulatoriali. I tecnici della prevenzione vigilano e controllano tutti gli ambienti di lavoro (aziende, cantieri, etc) affinché le strutture, gli impianti, le macchine, le attrezzature, il processo produttivo e l organizzazione delle prevenzione rispondano ai requisiti di igiene e sicurezza; ricercano le cause e le responsabilità degli infortuni sul lavoro redigendo i rapporti giudiziari; esprimono pareri sulle attività di bonifica e sulle caratteristiche dei fabbricati utilizzati a scopo produttivo. Il personale amministrativo: cura il protocollo, la spedizione e l archiviazione delle pratiche, garantisce supporto giuridico-amministrativo (accesso atti, privacy, etc), cura la gestione degli aspetti economicofinanziari (rendicontazione spese/entrate, predisposizione e spedizione delle fatture, etc). Sostiene i rapporti con l utenza (front-office) fornendo le informazioni di primo livello. Con la collaborazione del personale amministrativo del Dipartimento di Prevenzione, vengono gestite, a livello provinciale, le pratiche di rilascio e rinnovo delle patenti per l impiego dei gas tossici. ORGANIGRAMMA Direttore Daniela Marcolina Amministrativo Raffaella Della Libera Medico del Lavoro Maria Teresa Riccio Chimico igienista Stefania Peterle Assistente Sanitaria Mariagrazia Smaniotto Tommaso Bernardi Sergio Boso Giandamiano Candeago Alberto De Carli Tecnici della Prevenzione (a tempo determinato e orario ridotto) Massimo Pomarè Alessandro Urdich (attualmente in comando presso la Procura della Repubblica di Belluno) 4

5 CARATTERISTICHE PRODUTTIVE DEL TERRITORIO L ambito di competenza della ULSS n 1 è caratteriz zato da un territorio molto vasto, pari a kmq di superficie, ubicato prevalentemente in zona montana con una viabilità non sempre scorrevole. E composto di 51 Comuni e vi risiede una popolazione di abitanti, con una densità di 47 abitanti per Km2. Le aziende presenti nel territorio, alla fine del 2012 ammontavano a unità di cui circa un terzo con almeno un dipendente; gli addetti ammontavano erano ; la tabella seguente riporta le informazioni sulle dimensioni dei vari settori della realtà produttiva locale ricavate dalla Banca Dati INAIL Epiwork. Aziende per settore di attività economica presenti nel territorio dell ULSS n. 1 Belluno nell anno 2012 SETTORI ATTIVITA AZIENDE Agriindustria e pesca 137 Estrazione Minerali 19 Industria Alimentare 94 Attività Manifatturiera di cui Tessile 91 Conciaria 2 Legno 408 Carta 71 Chimica e Petrolio 30 Gomma 9 Metalmeccanica 506 Elettronica e Ottica 94 altre manifatture 408 Elettricità Gas Acqua 13 Costruzioni Commercio Trasporti e Magazzinaggio 298 Alloggio e Ristorazione Sanità 199 Servizi Attività non classificate 148 TOTALE La crisi economica globale ha colpito duramente anche la nostra realtà provinciale dove anche per il 2013 è continuato il calo delle attività produttive e del numero dei lavoratori nei comparti di tipo produttivo (manifatturiero, edile, metalmeccanico). 5

6 RIEPILOGO DELLE ATTIVITÀ SVOLTE La tabella seguente illustra le principali attività svolte dallo SPISAL di Belluno nell ultimo anno. Attività di prevenzione svolta nel 2013 dal Servizio SPISAL TIPO DI INTERVENTO 2013 Aziende controllate 397 Cantieri ispezionati 167 Sopralluoghi 351 Attività giudiziaria per infortuni (inchieste per infortuni) 44 Attività giudiziaria per tecnopatie (inchieste per malattie professionali) 61 Attività sanitaria (visite, accertamenti) 104 Aziende controllate con indagini ambientali e di rischio 9 Pareri di interventi per bonifica amianto 78 Attività autorizzativa (Nuovi Insediamenti Produttivi, distributori carburante, inizio attività ex art 67) 102 Assistenza/sportello informativo (risposte scritte) 70 Ore di docenza / Figure formate 76/420 L obiettivo stabilito dalle indicazioni nazionali e regionali è di ispezionare il 5% delle aziende con almeno un dipendente o equiparato che per l anno in esame è stato calcolato in 334: nel corso del 2013 lo SPISAL ha controllato 397 imprese, superando l obiettivo stabilito. La tabella illustra le tipologie produttive oggetto degli interventi. Aziende ispezionate dallo SPISAL nel 2013 suddivise per comparto produttivo COMPARTO N AZIENDE ISPEZIONATE Edilizia 306 Agricoltura 21 Panifici 19 Commercio 10 Occhialeria 7 Manifatture (legno, elettronica, 7 tessile, chimica) Metalmeccanica 6 Sanità e servizi sanitari 4 Trasporti 2 Pubblica Amministrazione 1 Esercizi pubblici/ hotel/ristoranti 1 Fonderia 1 Altro 12 TOTALE 397 Come per gli anni precedenti, la maggior parte dell attività di vigilanza ha interessato il comparto dell edilizia attraverso l ispezione nei cantieri e il controllo sulle aziende in essi presenti (77% delle ditte controllate). Le indicazioni nazionali e regionali prevedono un impegno costante in questo settore, anche attraverso interventi eseguiti in collaborazione con gli altri Enti: per il 2013 l obiettivo stabilito per questa ULSS era di ispezionare 156 cantieri di cui almeno il 10% in congiunta. L attività svolta, consistente nel controllo di 167 cantieri di cui 23 insieme ai colleghi della DTL,INAIL, INPS, ha superato il valore assegnato. Anche gli interventi effettuati nelle aziende del settore agricolo rientrano nell ambito di attività di vigilanza dettate da direttive nazionali e regionali; in considerazione dello scarso numero di imprese agricole con dipendenti nel nostro territorio, l obiettivo stabilito dalla Regione per questa ULSS per il 2013 era di ispezionarne una dozzina, di cui cinque in collaborazione con i colleghi dei Servizi del Dipartimento di Prevenzione che si occupano della sicurezza alimentare e ambientale nell uso dei fitosanitari. Complessivamente sono state ispezionate 21 aziende agricole, qualche unità in più rispetto al numero stabilito, in quanto alcuni controlli sono stati fatti in conseguenza di infortuni. Negli altri settori le ispezioni hanno avuto luogo a seguito di segnalazioni da parte dei lavoratori o per il verificarsi di un infortunio o di una malattia professionale, oppure per un intervento di prevenzione su rischio specifico come nel caso della ricerca di amianto nei forni dei panifici (vedi capitolo sulla ricerca dei 6

7 siti lavorativi con amianto a pag.22). Circa il 50% circa delle aziende visitate non erano mai state oggetto di precedenti controlli da parte del Servizio. Durante le ispezioni sono state verificate tutte le condizioni di igiene e sicurezza (antinfortunistica, impiantistica, igiene ambientale e dei locali, sorveglianza sanitaria, aspetti documentali ed organizzativi). Gli atti amministrativi e giudiziari redatti a seguito delle ispezioni nei luoghi di lavoro sono: 87 verbali all autorità giudiziaria con riscontro di 100 violazioni penali in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 758/96) 4 verbali di accertamento di illeciti amministrativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/08 art. 301) 4 verbali contenenti disposizioni migliorative; 294 relazioni informative agli interessati (verbale negativo ) Rispetto agli anni precedenti la percentuale delle imprese sanzionate sul totale di quelle visitate è diminuita passando dal 51% del 2010, al 40% del 2011, al 37% nel 2012, fino a raggiungere il 23% nel Ciò sta sicuramente a significare che le aziende bellunesi e in particolare le imprese edili, visto che la maggior parte dell attività ispettiva ha interessato il comparto delle costruzioni- hanno continuato il percorso di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei posti di lavoro, già iniziato nel 1996 con l attuazione delle normative comunitarie, e che i lavoratori hanno maturato una maggior responsabilità e sensibilizzazione nei confronti della sicurezza e salute sul lavoro, senza dimenticare l importante azione di prevenzione effettuata dagli Enti di tutela e vigilanza (SPISAL, INAIL, DTL). Il numero dei sopralluoghi effettuati (351) è inferiore al numero di aziende controllate perché durante i sopralluoghi in cantiere vengono controllate più imprese, tuttavia il numero complessivo dei sopralluoghi risulta sempre rilevante perché, se viene redatto un verbale di prescrizioni, è necessario successivamente eseguire il successivo sopralluogo di verifica per controllare l attuazione delle indicazioni impartite. L attività giudiziaria per indagini per infortuni e malattie professionali rappresenta una attività istituzionale dovuta ai sensi del Codice di Procedura Penale, effettuata sia di iniziativa, che su richiesta della Magistratura e costituita da rapporti giudiziari per infortuni e tecnopatie. Per quanto riguarda le inchieste per infortunio sul lavoro, il Servizio assicura le indagini in tutti i casi gravi (prognosi superiore a 40 giorni) e mortali. Nel corso dell'anno 2013 il Servizio ha effettuato n 44 rapporti giudiziari per infortuni gravi, aventi le caratteristiche di cui sopra, in 1 caso l indagine ha riguardato un infortunio mortale. Il numero delle inchieste per malattie professionali è collegato alle segnalazioni di tecnopatie che giungono al Servizio. Le segnalazioni di sospetta malattia professionale, pervenute nel corso dell anno, sono state 80; tutte sono state valutate, in primo luogo, per definirne l origine professionale, riconosciuta in 34 casi e, successivamente, per selezionare i casi in cui fare rapporto alla Magistratura (indebolimento permanente di un organo di senso o di un apparato). Nel corso del 2013 sono state redatte n. 61 inchieste complete di sopralluogo e sommarie informazioni testimoniali e sono stati inoltrati 6 rapporti giudiziari nei casi dovuti. In nessun caso l indagine ha evidenziato violazioni alle norma di igiene e sicurezza sul lavoro. L attività sanitaria dello SPISAL consiste nell evadere le richieste dell utenza, in particolare: certificati per idoneità lavorative specifiche (uso di esplosivo, gas tossici, volontari antincendio boschivo, etc.), consulenza specialistica a medici di base e/o ospedalieri, sorveglianza sanitaria agli ex esposti ad amianto e ai lavoratori autonomi ed, infine, partecipazione ai collegi medici per ricorsi contro il giudizio del medico competente. In totale sono state effettuate 104 visite mediche. L attività autorizzativa è rappresentata dalle prestazioni attribuite istituzionalmente al Servizio Pubblico dalle leggi vigenti e consiste nel ricevere comunicazioni e notifiche e nell esprimere pareri e autorizzazioni. I pareri sono prevalentemente rappresentati dalle pratiche edilizie per i nuovi insedimenti produttivi per i quali i Comuni richiedono il parere sanitario di competenza. Nell ambito di queste attività, il Servizio SPISAL, oltre a svolgere attività di formazione a professionisti e tecnici comunali ha garantito un aiuto concreto verificando gli aspetti tecnici dei progetti, favorendo l applicazione delle nuove indicazioni regionali riguardanti la prevenzione delle cadute dall alto negli edifici. Gli interventi di promozione alla salute, di formazione e di assistenza sono rappresentate dalle prestazioni di assistenza alle imprese, tesa a fornire indirizzi e procedure per facilitare l attuazione della normativa prevenzionale e dalla realizzazione di progetti di promozione della salute. Nei capitoli successivi vengono illustrate le singole tipologie di attività 7

8 INTERVENTI di COMPARTO Uno dei principali obiettivi di salute indicati dalla pianificazione nazionale, per quanto riguarda la prevenzione nei luoghi di lavoro, è la riduzione del 15% degli eventi gravi e invalidanti. Per ottenere ciò è necessario localizzare il problema a livello strategico (comparti principalmente interessati) e tattico (individuazione delle aziende su cui effettuare specifici interventi). Pertanto le indicazioni regionali sono di intervenire con azioni di vigilanza e prevenzione nelle aziende del comparto agricolo, nelle aziende edili e nelle aziende degli altri comparti con elevato indice infortunistico. Nel corso del 2013, inoltre, il Ministero del lavoro ha sollecitato le Direzioni Territoriali del Lavoro e gli SPISAL ad effettuare anche una speciale vigilanza in attività con presenza di ambienti confinati ove il rischio di infortuni mortali per asfissia e intossicazione risulta molto elevato. Di seguito vengono illustrate gli interventi effettuati in questi comparti. INTERVENTO DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA Tecnico della Prevenzione Giandamiano Candeago, referente del progetto, con la partecipazione degli altri Tecnici della Prevenzione Il settore dell agricoltura e silvicoltura rappresenta una priorità di intervento stante la rilevanza del problema infortunistico, tanto che il Piano Nazionale di Prevenzione ha stabilito che ogni regione deve programmare con particolare urgenza azioni di prevenzione e vigilanza nel proprio territorio. Anche nel Veneto il fenomeno infortunistico in Agricoltura è di dimensioni rilevanti: pur presentando un andamento decrescente (dovuto al calo del numero degli occupati), l incidenza (numero di infortuni in rapporto agli occupati) risulta pressoché doppia rispetto a quelle degli operai dell industria. Oltre alla elevata frequenza va sottolineato che questi infortuni sono quasi sempre molto gravi perché avvengono per l uso di attrezzature e di trattori. Per quanto riguarda le malattie professionali, secondo i numeri delle statistiche INAIL, esse non sembrano rappresentare un problema essendo poco numerose, ma a ben guardare ciò può essere dovuto alla grande sottostima del fenomeno reale dovuto al fatto che le malattie non vengono segnalate e riconosciute come professionali anche a causa della carente sorveglianza sanitaria. Per questi motivi la Regione Veneto ha elaborato un progetto finalizzato a definire una procedura per il controllo uniforme su tutto il territorio delle aziende agricole, dei costruttori e rivenditori di macchine, promuovere la cultura della sicurezza nel mondo agricolo e redigere delle linee guida per la sorveglianza sanitaria degli occupati. Il piano ha stabilito anche un numero minimo di ispezioni da effettuarsi per ogni SPISAL che nel caso della nostra ULSS ammontava a 12 unità. Dopo aver pubblicizzato la campagna di prevenzione e vigilanza del piano attraverso l infomazione alle associazioni, la partecipazione a convegni pubblici sul tema, e la comunicazione mirata ai rivenditori (lettera con check list di autoverifica), lo SPISAL di questa ULSS ha effettuato, nel 2013, 17 controlli di iniziativa nel comparto (16 in aziende agricole e 1 presso una officina di macchine agricole); inoltre, altre 4 aziende agricole sono state controllate a seguito di infortuni. Nel territorio della ULSS n. 1 di Belluno l agricoltura è poco rappresentata e nella maggior parte dei casi si tratta di aziende familiari o individuali.tuttavia anche i coltivatori diretti e le imprese familgliari sono soggetti agli obblighi del D.Lgs. 81/08 relativamente alla sicurezza delle attrezzature da lavoro e del trattore, e a quello di utilizzare i dispositivi di protezione individuali (DPI). Nel corso del sopralluogo sono stati verificati tutti gli aspetti della igiene e sicurezza sul lavoro, con particolare attenzione agli aspetti della sicurezza delle attrezzature e dei trattori come da indicazioni regionali, nello specifico sono stati controllati n. 49 trattori e n. 53 attrezzature da lavoro. Per quanto riguarda le carenze riscontrate, in 11 imprese sono state riscontrate violazioni riguardanti la sicurezza delle attrezzature. Il limitato numero dei casi esaminati non ci permette di trarre delle valutazioni statistiche, ma sicuramente va segnalato il fatto che li comparto agricolo presenta maggiore difficoltà ad attuare le norme di sicurezza, vuoi per il carattere familiare delle imprese vuoi per la vetustà del parco macchine che rende molto oneroso l adeguamento. Come da programma regionale una parte delle ispezioni è stato effettuato insieme ad altri Enti/Servizi di vigilanza e precisamente: 1 controllo congiuntamente con gli ispettori della DTL e dell INPS che si sono interessati della regolarità dei rapporti di lavoro; 5 controlli congiuntamente con i nostri colleghi del Dipartimento di Prevenzione Servizi SIAN e SISP che hanno verificato gli aspetti relativi all impiego dei fitofarmaci. Per il prossimo anno si continuerà la vigilanza nel comparto agricolo garantendo lo stesso numero di ispezioni e mantendo la collaborazione con gli altri Enti e Servizi. 8

9 INTERVENTO DI PREVENZIONE IN EDILIZIA Tecnico della Prevenzione Sergio Boso, referente del progetto, con la partecipazione degli altri Tecnici della Prevenzione Il settore delle costruzioni continua a rappresentare uno dei comparti più a rischio per frequenza e gravità degli infortuni sul lavoro, pertanto è prioritario intervenire con azioni di informazione e vigilanza costanti. Nella tabella seguente viene descritta l'attività ispettiva svolta nel corso del 2013 che comprende, oltre all attività di vigilanza, anche quella giudiziaria per infortuni e tecnopatie. Attività svolta nel settore edile dallo SPISAL nel 2013 ATTIVITÀ N Cantieri visitati 167 di cui NON a norma al primo sopralluogo 30% 51 Sopralluoghi effettuati 236 Imprese e/o lavoratori autonomi controllati 306 Verbali di ispezione con prescrizioni 59 di cui riguardanti: Imprese (datori lavoro, dirigenti, preposti) 48 Lavoratori autonomi 7 Committenti/responsabili dei lavori 3 Altro 1 Inchieste per infortunio 13 Inchieste per tecnopatia 10 Nel 2013 è aumentato il numero di cantieri ispezionati (n.167 rispetto ai 141 del 2012), superando l obiettivo quantitativo stabilito dalla regione (156). L obiettivo del Piano Nazionale di Prevenzione in Edilizia è quello di essere presenti e visibili sul territorio assicurando il controllo su almeno il 10% dei cantieri operanti nel territorio: quest anno nel nostro territorio è stato possibile raggiungere la percentuale del 15% rispetto al numero delle notifiche di apertura cantiere inoltrate al Servizio. Anche nel 2013 si è confermato il trend di miglioramento delle condizioni di sicurezza dei cantieri operanti nel bellunese. Infatti rispetto agli anni precedenti la percentuale dei cantieri non a norma è diminuita passando dal 68% del 2010, al 58% del 2011, al 54% nel 2012, fino a raggiungere il 30% nel Il 14% delle ispezioni, pari a 23 cantieri, è stato eseguito in collaborazione con gli altri enti di vigilanza INAIL-INPS-DTL-Carabinieri, in particolare, erano sempre presenti gli ispettori della Direzione Territoriale del Lavoro, integrati di volta in volta anche dagli altri Enti. L importanza della vigilanza congiunta fra Enti che hanno competenze diverse sta nel fatto che il controllo risulta completo sotto tutti gli aspetti: sia quelli relativi alla sicurezza e all igiene, sia quelli riguardanti la regolarità dei rapporti di lavoro. L attività di vigilanza viene organizzata in modo da coprire uniformemente tutto il territorio di competenza; il cantiere viene individuato sulla base delle notifiche pervenute, privilegiando le situazioni che risultano più rischiose, quali i pericoli di caduta dall alto o in profondità, oppure si utilizza il metodo dell avvistamento (percorrendo in auto il territorio selezionato), negli altri casi le motivazioni sono state l accadimento di infortuni gravi e le segnalazioni, come illustra la tabella seguente. Oltre alle ispezioni fatte congiuntamente, tutta l attività di vigilanza nel settore delle costruzioni viene fatta in coordinamento con gli Enti di vigilanza, grazie all azione di coordinamento fatta all interno del l Organismo di Coordinamento Provinciale per la prevenzione e vigilanza sul lavoro e all attivazione del flusso informativo che permette lo scambio continuo e costante delle notizie. Infatti, al fine di prevenire interferenze o sovrapposizioni, periodicamente viene scambiato fra gli Enti di vigilanza il resoconto dei cantieri ispezionati e l elenco delle zone da controllare. Anche quest anno sono pervenute al Ns Servizio numerose segnalazioni (28 esposti pari al 17% dei cantieri ispezionati); si tratta prevalentemente di richieste da parte di privati, residenti nelle vicinanze del cantiere, preoccupati per la loro incolumità e per la sicurezza degli spazi comuni; in alcuni casi l esposto è stato fatto da Imprese, preoccupate per una concorrenza sleale. 9

10 Attività di vigilanza in cantiere: motivo dell ispezione Motivo Numero A vista o su notifica 116 Indagini per infortunio 7 Esposto 28 Controllo piano rimozione amianto 16 Totale 167 Tutti gli interventi ispettivi all interno dei cantieri si possono considerare dei momenti informativi e formativi per tutte le maestranze presenti in quel momento e quando possibile, anche per i Coordinatori per la Sicurezza in fase di Esecuzione (CSE), convocati nel cantiere. In questo modo si ricerca l obiettivo di fare promozione attuando sia la fase ispettiva sia la fase di supporto, informativa e di assistenza, che rappresenta la mission dello SPISAL. Il 30% dei cantieri non risulta adeguatamente protetto rispetto ai principali rischi infortunistici (caduta dall alto, sicurezza di impianti o macchine) e organizzativi (gestione, coordinamento, documentazione). Nella tabella seguente vengono analizzate le più frequenti carenze riscontrate. Carenze riscontrate durante le ispezioni nei cantieri: anno 2013 CARENZE N VIOLAZIONI Ponteggi, impalcature e parapetti, attrezzature da lavoro in quota, operazioni di montaggio e smontaggio, protezioni contro le cadute dall alto in genere 27 Ambienti e posti lavoro, passaggi, scale, viabilità e recinzione 11 Obblighi dei datori di lavoro delle imprese esecutrici (POS, vigilanza, formazione valutazione dei rischi, nomine, contratto d appalto, pimus, etc) 6 Obblighi lavoratore autonomo 7 Obblighi del committente (nomine, notifica, verifiche idoneità imprese, etc) 4 Scavi, fondazioni e demolizioni lavori 2 Impianti e apparecchiature elettriche 2 Protezione delle macchine e delle attrezzature e loro manutenzione 2 Obblighi della impresa affidataria 1 Obblighi del lavoratore 1 Totale 63 Le carenze più diffuse riguardano sempre le protezioni contro le cadute dall'alto, che sono proprio la causa degli infortuni più gravi o mortali. Il persistere di tali carenze è indicativo del fatto che c è una sottostima del rischio da parte di alcuni imprenditori; d altra parte è necessario che anche i lavoratori, formati a lavorare in sicurezza ed addestrati a riconoscere le situazioni pericolose, si attivino nel segnalare le condizioni di lavoro non a norma, diventando attori positivi di prevenzione, come previsto dalle norme antinfortunistiche. Un altro aspetto a cui è stata rivolta particolare attenzione riguarda la voce Ambienti e posti lavoro, passaggi, scale, viabilità e recinzione. In questi casi l attività ispettiva è stata orientata anche alla tutela dell ambiente esterno al cantiere in particolare finalizzata alla tutela della popolazione, pretendendo dalle imprese una chiara delimitazione tra attività lavorativa e ambiente di vita quotidiana, valutando le possibili interferenze ambientali. Durante i controlli in cantiere del 2013 si sono incontrati circa 30 lavoratori autonomi rilevando in 7 casi delle violazioni relative alla loro attività. Per questa categoria di lavoratori si è continuato l aspetto informativo: come da progetto regionale è avviata la campagna d informazione e prevenzione per il LAVORATORE AUTONOMO Sano Sicuro Informato con la pubblicazione di opuscoli informativi e manifesti distribuiti in tutti i Comuni della Provincia e avviando i corsi di formazione gratuiti per detta categoria. Si sono riscontrati alcuni committenti intenti ad eseguire lavorazioni in supporto alle imprese, non essendo qualificati e con adeguata formazione, sono stati invitati ad allontanarsi dal cantiere. Si ricorda che la responsabilità, in caso d infortuni al committente intento ad eseguire lavorazioni, nel cantiere attivo, ricade sull impresa titolare del cantiere. Gli aspetti organizzativi della gestione della sicurezza, rappresentati dai documenti della sicurezza (Piano Operativo di Sicurezza POS-, Piani di Coordinamento e Sicurezza PSC-, fascicolo dell edificio, 10

11 etc.) giocano un ruolo importante nella gestione del cantiere. Purtroppo questi documenti vengono considerati ancora come meri adempimenti formali, affidandone spesso l elaborazione a studi e consulenti esterni che a volte li redigono in modo standardizzato. Un documento sì fatto perde il suo scopo, che è quello di prevedere le situazioni di rischio nel cantiere e di organizzare il lavoro in modo sicuro e resta, effettivamente, solo un pezzo di carta inutile, come si riscontra in alcuni cantieri dove tali documentazioni si presentano allo stato originale di stampa, senza segni di avvenuta consultazione. Per quanto concerne il fascicolo dell opera e il suo contenuto relativo alle misure da installarsi nell edificio per la protezione dei lavoratori delle future opere di manutenzione, si sottolinea come questo documento si integri perfettamente con la norma regionale cioè le DGRV 2774/09 e DGRV 97/12 Misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per le manutenzioni in quota in condizioni di sicurezza. Infatti le indicazioni per la sicurezza delle manutenzione future vanno adottate nella fase progettuale dell immobile descrivendole nel progetto (come vuole la norma regionale) e inserendole contestualmente nel fascicolo dell opera (come prevede la normativa in materia di sicurezza sul lavoro). Tali soluzioni tecniche non rappresentano solo un aspetto formale normativo o preventivo per futuri lavori, ma diventano una concreta misura di sicurezza da utilizzare già durante la fase costruttiva della copertura dell edifico, determinando fin da subito maggiori garanzie di sicurezza per l operatore. Su questo argomento il Servizio ha investito molto anche nel corso del 2013, collaborando con il Gruppo Regionale per la Prevenzione in Edilizia e, in loco, organizzando interventi formativi per il personale degli Uffici Tecnici dei Comuni della Provincia, partecipando alle iniziative formative degli ordini dei professionisti, esprimendo i pareri preventivi sui progetti e fornendo risposte ai quesiti dei cittadini. Anche quest anno è continuato il monitoraggio sull ottemperanza al divieto di assunzione di bevande alcoliche per le lavorazioni del comparto costruzioni: sono stati controllati 9 cantieri dove erano presenti 15 imprese o lavoratori autonomi. Il controllo alcolimetrico è stato effettuato su 18 persone e in due casi è stata riscontrata, seppur in bassa concentrazione, la presenza di alcol nell aria espirata. Il limitato numero dei casi esaminati non ci permette di trarre delle valutazioni statistiche, ma sicuramente il riscontro di positività ci induce a mantenere alta l attenzione su questo aspetto. Per il prossimo anno si continuerà l attività di prevenzione e vigilanza nel comparto delle costruzioni, secondo le direttive nazionali e regionali, con l obiettivo di: garantire una sufficiente copertura ispettiva del territorio; offrire controlli omogenei, mirati a ridurre i rischi rilevanti, con soluzioni di prevenzione condivise e uniformi. Onde evitare valutazioni difformi per queste aziende che operano sull intero territorio provinciale, la vigilanza si effettuerà in maniera congiunta con i colleghi dello SPISAL di Feltre; evitare pratiche inutili e sovrapposizione dei controllo delle varie ammininistrazioni attraverso il coordinamento degli interventi fra Enti; monitoraggio sul divieto assunzione bevande alcoliche. 11

12 INTERVENTI IN AZIENDE AD ALTO RISCHIO INFORTUNISTICO Dirigente Chimico Stefania Peterle, referente del progetto, con la partecipazione dei Tecnici della Prevenzione Uno dei principali obiettivi di salute indicati dalla pianificazione nazionale e regionale, per quanto riguarda la prevenzione degli infortuni sul lavoro, è la riduzione del 15% degli eventi gravi e invalidanti. Per ottenere ciò è necessario localizzare il problema a livello strategico (comparti principalmente interessati) e tattico (individuazione delle aziende su cui effettuare specifici interventi). Per quanto riguarda il primo punto, lo SPISAL ha effettuato gli interventi di prevenzione e controllo prioritariamente nei comparti più a rischio, rappresentati da edilizia e agricoltura, come illustrati nei paragrafi precedenti. Relativamente al secondo aspetto, si sono effettuati controlli mirati nelle aziende appartenenti ai comparti a più alto indice infortunistico, secondo i seguenti criteri di priorità: aziende che hanno avuto infortuni invalidanti; aziende che hanno i tassi di incidenza più elevati di 3 per 1000 addetti per infortuni gravi (eventi con prognosi superiore a 30 giorni); aziende che hanno eventi sentinella cioè con dinamica significativa per carenze di sicurezza). In queste aziende l'approccio utilizzato, secondo le indicazioni regionali, mira a verificare, oltre al rispetto generale della normativa, anche gli specifici fattori di rischio per infortuni gravi; uno degli strumenti più utili a questo scopo è l'esame del Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGS) e del modello organizzativo e di gestione (MOG) presente in azienda, come previsto dall' art. 30 del D.lgs. 81/08. L' obiettivo diventa l'individuazione e la rimozione dei fattori di rischio tramite l'analisi dell'organizzazione della sicurezza che individua figure, compiti e responsabilità, le azioni da attuare, le modalità di verifica della loro efficacia; in tal modo si intende far intraprendere all' Azienda un percorso virtuoso in grado di tener sotto controllo i fattori di rischio che nel tempo si presentano in azienda, ricordando che oggi la nostra realtà produttiva è caratterizzata da frequenti cambiamenti, da esigenze di flessibilità, da continua innovazione tecnologica e, non da ultimo, da difficoltà contingenti che potrebbero far percepire come spesa non prioritaria gli adempimenti per la sicurezza. Nel 2013 sono state analizzate, con questa metodica (analisi e miglioramento SGS) 14 Aziende dei comparti: metalmeccanico, occhialeria, galvanica, calcestruzzi. In gran parte delle aziende ispezionate nel corso di quest'anno, il tema SGS aziendale è risultato essere ormai ben conosciuto in relazione agli aspetti legati alla L.231/01 (responsabilità amministrativa dell'ente, che prevede, in caso di infortuni gravi, sanzioni molto elevate ove l'azienda non dimostri di aver adottato, ed efficacemente attuato, un modello organizzativo e gestionale efficiente in materia di sicurezza sul lavoro). Il nostro Servizio ha inteso richiamare l'attenzione delle Aziende sui vantaggi derivanti da una efficace organizzazione della sicurezza, non tanto come deterrente ai fini della citata L.231, ma in relazione alla maggiore tranquillità per il datore di lavoro che così può gestire, ossia tenere sotto controllo, la sicurezza sul lavoro e le attività ad essa collegate affidate alle varie figure (datore di lavoro, dirigenti, preposti; RSPP, RLS, addetti alle emergenze, Medico Competente). Il nostro sforzo è stato quello di avviare una riflessione, con i protagonisti della sicurezza aziendale, sull'importanza di definire chi fa, che cosa, come e quando e le conseguenze delle eventuali carenze nello svolgimento dei compiti di ciascuno, partendo dai problemi oggettivi emersi in sede di sopralluogo ispettivo: in altre parole, si stimolavano le figure aziendali ad individuare il perchè si fosse potuta verificare una situazione pericolosa (macchina non protetta, aspirazione non funzionante...) e come evitare che la situazione si ripeta. Per aspetti che hanno riguardato soprattutto la carenza di sicurezza di macchine, luoghi di lavoro o il contenuto del documento di valutazione dei rischi, in tre situazioni si redatto il verbale di contravvenzione in materia di sicurezza sul lavoro. Ciononostante, le Aziende visitate hanno dimostrato, in generale, una buona condizione organizzativa (figure dedicate, chiarezza di ruoli e responsabilità), ormai irrinunciabile per un'azienda strutturata che deve confrontarsi con un mercato internazionale. Nella maggior parte delle Aziende visitate i RSPP hanno condiviso e recepito di buon grado anche i suggerimenti forniti in tema di miglioramento continuo, ritenendolo un punto di forza poter esibire l'attenzione dedicata alla sicurezza, dentro e fuori l'azienda. Nel corso del prossimo anno verranno proseguite queste azioni in altre aziende e altri comparti, selezionate secondo i criteri sopra descritti. 12

13 INTERVENTI IN AZIENDA CON RISCHIO DA AMBIENTI CONFINATI Dirigente Chimico Stefania Peterle, referente del progetto, con la partecipazione dei Tecnici della Prevenzione Negli ultimi anni si sono verificati, in Italia, infortuni mortali in occasione di lavoro in ambienti confinati, cioè chiusi (silos, cisterne e simili) causati da asfissia od intossicazione. Tali incidenti hanno coinvolto più lavoratori e talvolta anche il personale di soccorso, sollevando l attenzione dei mass media e allarme nell opinione pubblica. Nel quinquennio sono accaduti in Italia 33 eventi che hanno causato 45 decessi in ambienti quali cisterne, serbatoi, vasche; nel 70 % dei casi erano interessate ditte di piccole dimensioni (da 1 a 9 addetti). Dalla casistica emerge che, molto spesso, i decessi si sono verificati durante lavori di ispezione, manutenzione, pulizia e simili, dati in appalto a Ditte esterne e/o a lavoratori autonomi, non sempre adeguatamente istruiti, con scarsa esperienza, con attrezzature di lavoro e DPI carenti. L'analisi degli infortuni accaduti dimostra che le principali cause, che tendono a ripetersi, sono: a) mancata o carente valutazione delle condizioni dell'aria (carenza di ossigeno e/o presenza di vapori e gas tossici in quantità pericolose), da verificare anche tramite apposita strumentazione (ossimetro); b) mancato utilizzo di DPI respiratori o la loro non idoneità (esempio: uso di respiratori a filtro invece di respiratori isolanti, in presenza di atmosfere carenti di ossigeno); c) mancanza di attrezzature utili al recupero di persone prive di sensi (imbracature di sicurezza con verricello). Per tali motivi è stato emanato il DPR n.177 del che ha stabilito le norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Anche la Regione Veneto ha confermato la necessità di intensificare la vigilanza, da parte dei Servizi SPISAL, sui lavori in ambienti confinati (D.G.R del e Circolare ), da effettuarsi in collaborazione con il personale ispettivo della Direzione Provinciale del Lavoro per quanto riguarda la regolarità contrattuale degli appalti. Pertanto, a partire dal 2011 il nostro Servizio ha avviato una specifica attività di vigilanza anche in questo settore, indagando i comparti produttivi che potessero risultare d'interesse su questo rischio specifico. Nel 2013 si è proseguita l'attività di vigilanza nelle piscine, in cui il rischio è determinato dal locale tecnologico ove sono installati gli impianti di depurazione e clorazione con il deposito delle relative sostanze chimiche (cisterne con la soluzione di ipoclorito di sodio e con acido solforico). In un ambiente ispezionato i due contenitori erano identici per forma, aspetto e volume, con evidente pericolo potenziale di scambio accidentale dei liquidi in fase di rifornimento dei reagenti con possibilità di formazione del pericoloso gas cloro. A seguito del nostro intervento il gestore ha redatto una istruzione operativa per l'addetto all'impianto, che prevede una segnaletica specifica ben evidente sul punto di rabbocco, la vigilanza costante dell'operatore in fase di caricamento e una formazione speciale dell'addetto all'autocisterna. Per questo tipo di ambienti, trattandosi di locali interrati e con scarso ricambio d'aria, le criticità, per quanto riguarda il rischio di asfissia (carenza di ossigeno o presenze di gas/vapori irrespirabili), non sono collegate alle operazioni di conduzione dell'impianto, bensì ad eventuali incidenti (spandimenti accidentali, miscelazione di sostanze incompatibili) che possono determinare lo sviluppo di gas tossici e la necessità di intervenire in condizioni di emergenza. Un altro intervento di vigilanza, effettuato insieme con la DTL, ha interessato un impianto di betonaggio; in questo caso il sito confinato era costituito dalla betoniera stessa nel momento in cui si rende necessario il lavaggio manuale delle sue parti interne, con accesso del lavoratore all' interno della botte. Dopo aver analizzato come si svolgeva l'operazione, è stato indicato un miglioramento della procedura, soprattutto per quanto riguarda la presenza costante di almeno un secondo operatore fuori dalla betoniera per tutta la durata dell'operazione di lavaggio. Anche per il prossimo anno si prevede di proseguire con i controlli su questi ambienti, in vari comparti lavorati individuati in collaborazione con gli altri Enti (VVFuoco e DTL) INTERVENTO NEL COMPARTO DELLE ONORANZE FUNEBRI Dirigente Medico Maria Teresa Riccio, referente di area, con la partecipazione della Assistente Sanitaria Mariagrazia Smaniotto Come da programma dello scorso anno, nel 2013 lo SPISAL ha organizzato l intervento di prevenzione nper le imprese di Onoranze Funebri: è stato predisposto materiale informativo sui principali rishi e indicazioni per la redazione del documento di valutazione dei rischi. Quindi, il 26 giugno, si sono incontrate tutte le imprese del territorio dell ULSS n. 1, circa una ventina, per illustrare e fornire loro il materiale informativo. Nel mese di novembre sono stati fatti i primi accertamenti presso due imprese, congiuntamente con gli ispettori dela DTL, in quanto il settore rientrava anche nel loro programma di vigilanza. Nel primo semestre del 2014 si completeranno i controlli presso tutte le aziende del comparto. 13

14 GLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLA PROVINCIA DI BELLUNO Nella tabella seguente si riportano i dati degli infortuni accaduti e denunciati nell intera provincia di Belluno nell ultimo decennio N infortuni lavoratori dipendenti N infortuni titolari, famigliari, e soci N infortuni agricoli con trattore Totali * * dato non consolidato Banca dati INAIL Come si può notare nel decennio si registra un continuo calo del numero totale degli infortuni. Pur non trascurando il fatto che ngli ultimi 5 anni le consistenti riduzioni sono in gran parte dovute alla crisi produttiva, riteniamo che il trend positivo sia collegato ad un reale miglioramento in termini di sicurezza degli ambienti di lavoro, il cui merito va attribuito alle aziende e a chi le ha supportate nell impegno pluriennale per rafforzare la cultura della prevenzione. Infatti si deve ricordare che: La tendenza alla riduzione è iniziata negli anni 90, quindi in anni antecedenti alla crisi. Gli infortuni si sono ridotti soprattutto in quei comparti produttivi seguiti con più costanza e attenzione dalle Associazioni Imprenditoriali e dei Lavoratori, ma anche dai Servizi di Prevenzione delle AULSS provinciali, vale a dire Metalmeccanica, legno, costruzioni. Inoltre, per cercare di capire il fenomeno infortunistico nel suo complesso e i cambiamenti intervenuti si segnala che: Le modalità di accadimento degli eventi sono cambiate, in quanto fino agli anni 90 prevaleva l infortunio durante l impiego di macchine o attrezzature, ora sono più frequenti gli infortuni collegati a cause organizzative, ambienti di lavoro. Una parte rilevante degli infortuni infatti è dovuta a scivolamenti o inciampi con successiva caduta. Si crede erroneamente che questo tipo di eventi sia legato a fatalità, fretta o disattenzione. Non si considera invece che alla base vi possono essere problemi strutturali e organizzativi quali ad esempio il tipo e l integrità del pavimento, l ordine in azienda, l illuminazione, etc. Molte segnalazioni sono collegate alla movimentazione manuale dei carichi o a movimenti ripetitivi degli arti superiori, spesso scambiando per infortunio ciò che può essere meglio inquadrato come malattia correlata al lavoro essendo la conseguenza di una esposizione prolungata nel tempo a fattori di rischio comunque sempre presenti nella specifica attività lavorativa. ATTIVITA dello SPISAL Tenendo conto della riduzione degli infortuni e dei cambiamenti del fenomeno infortunistico sopra descritti, la vigilanza del servizio SPISAL sarà orientata, oltre al consueto e costante monitoraggio dei cantieri e delle lavorazioni agricole e del controllo delle aziende con elevato indice infortunistico, anche verso nuove attività quali: Aziende con possibili rischi derivanti da movimentazione manuale dei carichi e da movimenti ripetuti degli arti superiori. Applicazione delle normative su alcol, fumo e sostanze stupefacenti nel mondo del lavoro. Condizioni di lavoro con movimentazione di merci. 14

15 LE INCHIESTE GIUDIZIARIE PER INFORTUNI Tecnico della Prevenzione Massimo Pomarè, referente di area, con la partecipazione degli altri operatori SPISAL Lo svolgimento di indagini sugli infortuni costituisce un'importante attività di prevenzione degli infortuni. Per garantire efficacia al lavoro di investigazione è stato attivato un flusso informativo in tempo reale (telefonata) dal Pronto Soccorso o direttamente dal SUEM per i casi più gravi (mortali o con prognosi riservata) in modo da permettere agli ispettori di recarsi tempestivamente sul luogo dell incidente. Per gli altri incidenti i Servizi di Pronto Soccorso Ospedaliero garantiscono l invio allo SPISAL della copia del certificato di infortunio entro le ore successive e via fax, in tempo reale, se la prognosi è di almeno 30 giorni. Sulla base di queste informazioni vengono selezionati i casi da indagare: infortuni mortali e gravi con prima prognosi superiore ai 40 giorni, per i quali l indagine è obbligatoria in quanto la lesione ha le caratteristiche di cui agli artt. 583, 589 o 590 del CP (lesioni personali gravi); infortuni di una certa gravità, soprattutto se nella dinamica presentavano possibili carenze antinfortunistiche nelle macchine o negli impianti; infortuni, anche non gravi, ma che si ripetono frequentemente nella stessa azienda. Oltre alle precedenti informazioni, fin dal 2010 si è attivato un flusso informativo dall INAIL per i casi di infortuni sul lavoro che, pur avendo una prognosi iniziale breve, si sono aggravati successivamente, superando i 40 giorni di assenza dal lavoro. Per tutti i casi selezionati, ad esclusione degli incidenti stradali e di quelli accaduti a lavoratori autonomi senza dipendenti, il Servizio procede con approfondimento del singolo caso ed eventualmente con l inchiesta giudiziaria. L'inchiesta giudiziaria per infortunio è un attività delicata ed impegnativa e comprende l effettuazione dei seguenti interventi: primo sopralluogo conoscitivo sul luogo dell'infortunio ed eventuali sopralluoghi successivi con raccolta di documentazione, foto, schizzi e qualsiasi altra prova utile allo svolgimento dell inchiesta; raccolta di sommarie informazioni testimoniali dall'infortunato e dai testimoni; eventuali verbali d'ispezione contenenti le prescrizioni atte ad eliminare il rischio infortunistico; eventuali sequestri e relativi dissequestri; rapporto alla Magistratura. Inchieste giudiziarie Nel corso dell'anno 2013 il Servizio ha effettuato n 44 indagini per infortuni gravi, di cui 1 mortal e; le conclusioni sono state le seguenti: nel 25% dei casi indagati (pari a 11 casi) si è riscontrata una carenza delle condizioni oggettive di sicurezza di tipo tecnico o organizzativo, evidenziando una violazione alla normativa; nel 41% degli incidenti si sono individuati fattori di rischio legati alla componente soggettiva del lavoratore quali disattenzione, operazione non corretta, imprudenza, errori di valutazione etc.; nel restante 34% non è stato possibile riconoscere carenze antinfortunistiche o comportamenti errati nella dinamica degli incidenti, per la maggior parte si tratta di incidenti dovuti a cadute in piano, distorsioni, urti o altre tipologie di accadimento che possono essere rientrare nel cosiddetto rischio generico. L inchiesta per infortuni risponde a esigenze giudiziarie (giustizia penale), ma deve anche rispondere a criteri di efficacia, cioè la capacità di intervenire là dove ci sono situazioni pericolose ed impedire che permangano in essere situazioni a rischio. Poiché non è possibile analizzare tutti gli infortuni che accadono nel territorio, è necessario effettuare una attenta selezione dei casi da indagare. L efficacia della azione preventiva si basa proprio sulla capacità di estrapolare da tutte le segnalazioni i casi che sottendono una carenza delle misure di sicurezza, fermo restando i casi mortali e gravi che devono essere eseguiti d ufficio e le richieste della Magistratura. Il dato che misura questa efficacia è il rapporto fra il totale delle inchieste fatte e quelle conclusasi con l individuazione di una violazione, che nella nostra casistica raggiunge il 25%, dato che risulta essere coerente con la media regionale. 15

16 Nel 2013 si è verificato 1 infortunio mortale che ha copinvolto un dipendente di una carrozzeria. Gli operatori del Servizio sono intervenuti anche in altri due inciedenti mortali anche se non si trattava di veri infortuni sul lavoro in quanto erano coinvolti pensionati o hobbisti che eseguivano lavori agricoli o boschivi. Questi fatti confermano come le lavorazioni agro-forestali siano effettivamente molto pericolose. Comparto Carrozzeria Lavori agricolo Lavori boschivi Modalità accadimento Scoppio di una bombola: il lavoratore è stato investito dallo scoppio della bombola che stava caricando, travasando il gas da un contenitore a pressione più grande Ribaltamento di trattore agricolo: hobbista schiacciato a causa del ribaltamento del trattore Ribaltamento di trattore agricolo: pensionato schiacciato a causa del ribaltamento del trattore lungo la strada silvo-pastorale I settori produttivi principalmente interessati dalle indagini per infortuni sono quelli a maggior rischio come l edilizia; tuttavia si evidenziano le numerose inchieste nel terziario, dovute soprattutto ai fattori di rischio di tipo generico, come sopra descritti. Inchieste giudiziarie svolte nel 2013: suddivisione numerica per comparto produttivo. COMPARTO N inchieste infortuni Edilizia 12 Metalmeccanica 5 Commercio e alberghiero 5 Agricoltura, lavori boschivi 2 Impianti risalita/trasporti 1 Legno, segherie 4 Terziario, Servizi, Pubb. Amministrazione 9 Chimico 1 Distribuzione energia elettrica, gas, acqua 5 TOTALE 44 Altre indagini Per altri infortuni, non soggetti all obbligo del rapporto giudiziario, si sono attivate analisi di tipo diverso: per mezzo di verifiche documentali, interviste telefoniche o con l invio di questionari; tali metodologie risultano meno impegnative in termine di carico di lavoro, ma sono comunque utili per individuare eventuali situazioni che necessitano di ulteriori indagini e per rendere consapevoli le aziende che la vigilanza sul fenomeno è continua. Con queste strategie alternative sono stati approfonditi ulteriori 40 casi. In particolare sono stati inviati 10 questionari a ditte e/o lavoratori per la raccolta di informazioni sulle modalità di accadimento dell incidente e sulla gestione del fenomeno infortunistico aziendale. Gli infortuni indagati con quest ultima metodologia, che riguardano casi di proiezione di schegge negli occhi e di movimentazione di carichi, sono caratterizzati in genere da prognosi di breve durata e da modalità di accadimento riconducibili a carenze di misure di prevenzione primaria principalmente individuabili nella informazione, addestramento, impiego dei DPI. Nella maggior parte dei casi le risposte ottenute sono state esaurienti, mentre negli altri casi sono stati richiesti chiarimenti integrativi, in alcuni è stata fatta l ispezione. Per il prossimo anno l obiettivo è di mantenere lo standard medio degli ultimi anni, garantendo indagini su tutti gli infortuni gravi con più di 40 giorni di prima prognosi e su quelli la cui dinamica fa sospettare una carenza di misure di sicurezza. Inoltre, anche per il prossimo anno si continuerà a monitorare il fenomeno relativo agli infortuni con pochi giorni di prognosi, inviando i questionari e sensibilizzando le aziende a riflettere sulle cause di tali incidenti, eventualmente ispezionando quelle aziende dove il fenomeno si ripete con particolare frequenza. 16

17 LE MALATTIE PROFESSIONALI Dirigente Medico Maria Teresa Riccio, referente di area, con la partecipazione della Assistente Sanitaria Mariagrazia Smaniotto Le malattie professionali sono le patologie contratte a causa del lavoro, legate cioè ai fattori di rischio presenti nell'ambiente di lavoro (rumore, vibrazioni, microclima, inquinanti aerodispersi, fattori ergonomici). La possibilità che questi fattori determinino stati di malattia è in diretta relazione con la loro concentrazione, con la durata dell'esposizione e con la diversa ricettività individuale. Il D.M. 11/12/2009 elenca le malattie correlate al lavoro per le quali è obbligatoria, da parte dei medici che, nell'esercizio della loro professione, ne riconoscano l'esistenza, la denuncia all' ULSS (SPISAL) e all INAIL competente per territorio (art. 139 del DPR 1124/65). Oltre alle suddette segnalazioni, pervengono allo SPISAL anche i certificati di malattia professionale tabaellata di cui al DM 09/04/2008 (elenco delle malattie professionali INAIL tabellate ) e i referti nel caso in cui la malattia assuma i caratteri di una lesione personale grave. Tutte le segnalazioni che pervengono al Servizio hanno una triplice finalità: permettono di realizzare una mappatura delle aziende a rischio attraverso il riconoscimento dell'incidenza della patologia da lavoro; permettono di programmare l'attività ispettiva nelle singole realtà aziendali; attivano l azione giudiziaria. Relativamente a questo ultimo punto, si ricorda che se il danno è imputabile a violazioni delle norme sull'igiene e sicurezza del lavoro ed assume carattere di lesione personale grave o gravissima a causa di un indebolimento permanente di un organo, vige l'obbligo per lo SPISAL che ha personale avente qualifica di UPG (Ufficiale di Polizia Giudiziaria) di indagare sulle violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro, ricercare i soggetti responsabili delle lesioni ed, infine, di redigere il rapporto giudiziario. La tabella seguente illustra la progressione delle segnalazioni di sospetta malattia professionale inviate al Servizio negli ultimi 10 anni. Segnalazioni di sospette malattie professionali. Periodo TECNOPATIE Osteo-artrotendinopatie Ipoacusie Dermatiti Broncopneumo-pleuro patie Disagio lavorativo Altro Tumori e mesoteliomi TOTALE Complessivamente il numero delle segnalazioni si è mantenuto stabile negli ultimi anni, dopo essere diminuite costantemente nella prima metà del decennio considerato. Le segnalazioni sono state fatte nella maggior parte dai medici INAIL e del patronato; solo pochi casi sono stati segnalati dai medici competenti o dai medici di base; in alcuni situazioni è stato il medico dello SPISAL ha redigere il certificato di malattia professionale. Anche nel 2013 sono state numerose le segnalazioni per malattie osteoarticolari, confermando che ormai queste malattie rappresentano il vero problema del mondo del lavoro. Si tratta prevalentemente di disturbi muscolo-tendinei da movimenti ripetitivi degli arti superiori tipici delle lavorazioni dell occhiale, dell elettronica e della metalmeccanica, e da patologie osteoarticolari da sovraccarico biomeccanico del rachide, frequenti nelle lavorazioni dell edilizia (muratori) o della sanità (infermieri/assistenti alla persona). Continuano ad essere poche le patologie da rumore, confermando che le bonifiche fatte dalle aziende producono i loro effetti positivi. Il problema continua a permanere in edilizia, proprio perché si tratta di lavorazioni rumorose difficilmente migliorabili con interventi ambientali. Da quando è stato istituito presso lo SPISAL lo sportello di assistenza e ascolto per il disagio psicosociale lavoro-correlato, sono comparsi anche i primi casi di stress e mobbing (confronta il paragrafo dedicato allo sportello a pag.19) 17

18 Le indagini svolte Per ognuna delle segnalazioni precedentemente citate, il Servizio valuta, in primo luogo, se effettivamente si tratta di una patologia causata o correlata all esposizione professionale; dopodiché interviene, là dove è possibile, per eliminare o ridurre i rischi dell ambiente lavorativo, infine ricerca le eventuali responsabilità penali. Si tratta di un attività impegnativa per il personale sanitario (medico e assistente sanitaria) che ha il compito di effettuare: raccolta di documentazione aziendale sopralluogo in azienda con valutazione del rischio lavorativo raccolta delle sommarie informazioni dal lavoratore; visita medica ed eventuali accertamenti strumentali redazione di rapporto giudiziario se del caso (vedi paragrafo seguente Attività Giudiziaria) Nel corso del 2013, i casi di sospetta malattia professionale segnalati o riscontrati direttamente sono stati complessivamente 80. Tutte le segnalazioni sono state valutate per selezionare quelle meritevoli di approfondimento o di archiviazione. In 20 casi l analisi ha portato all archiviazione della pratica, perché riguardanti i titolari, o di competenza di altra ULSS, o già segnalati in anni precedenti, etc). Per le altre 61 è stata fatta in primo luogo l indagine per il riconoscimento dell origine lavorativa e nel 56% dei casi si sono ritrovati elementi sufficienti per confermare l origine professionale della malattia segnalata, come illustra la seguente tabella. Segnalazioni e casi con riconoscimento di origine professionale. Anno 2013 Patologie N segnalazioni Casi di origine professionale Ipoacusie Osteo-artro-tendinopatie Dermatiti 3 3 Tumori e mesotelioma 6 - Bronco-pneumo-pleuro patie 1 1 Disagio lavorativo 3 1 Altro 3 2 TOTALE Come si può notare nel caso delle malattie ostearticolari sono frequenti le segnalazioni improprie, cioè vengono attribuite all esposizione lavorativa malattie che invece sono originate da fattori endogeni o da esposizioni extraprofessionali. Nell ambito delle indagini riguardanti queste patologie sono state eseguite anche misurazioni del rischio ergonomico in 3 aziende per verificare la correttezza delle valutazioni del rischio esegute dal datore di lavoro: è stato misurato il rischio da movimenti e sforzi ripetuti degli arti superiori in 12 mansioni tipiche del comparto occhialeria e in 3 mansioni della metalmeccanica. Per quanto riguarda le neoplasie, le indagini svolte hanno confermato, per tutti i casi segnalati, che non c erano esposizioni lavorative a cancerogeni. Nel corso del 2013 non sono pervenute segnalazioni di mesoteliomi da esposizione pregressa ad amianto. L attività Giudiziaria Quando l indagine svolta a seguito delle segnalazione di sospetta malattia professionale assume la caratteristica di indebolimento permanente di un organo di senso o di un apparato (es. ipoacusie). lo SPISAL deve redigere il rapporto all Autorità Giudiziaria Per 6 casi di malattie professionali è stato anche inoltrato il rapporto alla Magistratura perché la malattia aveva la caratteristiche di cui agli artt. 583, 589 o 590 del CP (lesioni personali). In nessun caso l indagine ha evidenziato violazioni attuali alle norma di igiene e sicurezza sul lavoro 18

19 AMBULATORIO DI MEDICINA DEL LAVORO Dirigente Medico Maria Teresa Riccio, referente di area, con la partecipazione della Assistente Sanitaria Mariagrazia Smaniotto L attività sanitaria dello SPISAL consiste nell evadere le richieste dell utenza, in particolare: certificazioni di idoneità lavorativa (impiego di esplosivo o gas tossici, volontariato per antincendio boschivo, etc.), consulenza specialistica a medici di base e/o ospedalieri e sorveglianza sanitaria per lavoratori ex esposti ad amianto e per lavoratori autonomi. Attività sanitaria svolta nel 2013 VISITE/ACCERTAMENTI N Visite mediche di idoneità al lavoro 77 Sorveglianza sanitaria a lavoratori autonomi 9 Partecipazione a collegi medico-legali 10 Visite mediche in corso di indagini di tecnopatia o infortunio 12 Visite mediche di consulenza 2 Visite mediche per ex esposti amianto 4 Audiometrie 57 Spirometrie 59 Visus 37 SPORTELLO DI ASSISTENZA e ASCOLTO per il DISAGIO PSICOSOCIALE LAVORO-CORRELATO In ottemperanza all art. 6 della LR n. 8 del 22/01/2010 è stato attivato presso lo SPISAL un nuovo servizio: lo Sportello di Assistenza ed Ascolto sul Mobbing, sul Disagio Lavorativo e sullo Stress Psico Sociale nei luoghi di lavoro. Lo Sportello ha la funzione di fornire informazioni ed indicazioni sui diritti dei lavoratori e sui relativi strumenti di tutela e orientare il lavoratore verso le strutture di supporto presenti nella Regione. La procedura di assistenza ed ascolto consiste nel colloquio semistrutturato e nei questionari autosomministrati per l individuazione della condizione di disagio al lavoro. Un software dedicato elabora in tempo reale i dati dei questionari i cui risultati, insieme alle valutazioni del personale sanitario che ha condotto il colloquio, consentono di individuare le diverse situazioni e fornire al lavoratore i consigli mirati. Se si riconoscono condizioni di disagio/malessere l interessato viene inviato al Centro di Riferimento di 2 livello per la valutazione diagno stica che per la Provincia di Belluno è il centro diagnostico regionale di riferimento di Verona. Quando, invece, emergono problematiche non collegabili alla sicurezza sul lavoro, ma riconducibili ad ambiti di competenza di altri enti, il lavoratore viene indirizzato ai servizi territoriali competenti come la Direzione Provinciali Lavoro, la Consigliera di Parità Provinciale, il Consigliere di Fiducia o il Comitato Unico di Garanzia (art. 21, c 4, Legge 4 novembre 2010, n. 183) nel caso in cui l utente provenga da una Pubblica Amministrazione. Nel corso del lavoratori si sono rivolti allo sportello di ascolto dell ULSS di Belluno: tre soggetti sono stati inviati al centro di riferimento di Verona per la valutazione diagnostica che in un caso ha confermato il nesso causale con l ambiente lavorativo; negli altri due casi non si sono riscontrati né situazioni patologiche conclamate, né elementi tali da ipotizzare un nesso causale con l ambiente di lavoro. SORVEGLIANZA SANITARIA PER EX ESPOSTI AD AMIANTO La Regione Veneto ha promosso un progetto di sorveglianza sanitaria per gli ex esposti ad amianto (DGR 2041 del 22/07/2008), grazie al quale i lavoratori, ex esposti ad amianto, CVM od ad altri cancerogeni professionali, possono accedere gratuitamente, presso gli ambulatori SPISAL, alle prestazioni indicate nelle linee guida regionali di cui alla L.R. 25/02/2005 n. 9. Nel nostro territorio non c erano siti industriali di lavorazione di materiali contenenti amianto, tuttavia ci sono alcune popolazioni lavorative che hanno avuto, in passato, esposizione ad amianto per aver lavorato, prevalentemente al di fuori del territorio bellunese, in ambienti inquinati da fibre di asbesto. Nel 2013, 4 persone con esposizione pregressa ad amianto si sono rivolte al nostro Servizio per essere sottoposti al controllo sanitario e spirometrico e per essere informati sul rischio; in alcuni casi la visita è stata integrata da accertanenti strumentali mirati (TAC) o da controlli specialistici (visita pneumologica); nei casi dovuti, è stata rilasciata anche la certificazione di esenzione ticket per le prestazioni connesse al rischio amianto. RICORSO AVVERSO IL GIUDIZIO DEL MEDICO COMPETENTE Il D.Lgs.81/08 concede agli interessati (lavoratore o datore di lavoro) facoltà di ricorrere contro il giudizio espresso dal medico competente rivolgendosi all organo di vigilanza. Presso il Servizio SPISAL è istituito il collegio medico costituito dal Direttore e dal dirigente medico dello SPISAL e dal Medico Legale del SISP del Dipartimento di Prevenzione. Nel corso del 2013 sono pervenuti n. 2 ricorsi, ma la valutazione medico collegiale non è stata eseguita in quanto la richiesta, in entranbi i casi, è stata ritirata dai lavoratori prima della convocazione. 19

20 IGIENE E TOSSICOLOGIA INDUSTRIALE Dirigente Chimico Stefania Peterle, referente di area, con la partecipazione degli altri operatori Nel corso del 2013 l attività di igiene industriale ha riguardato: la valutazione di efficienza e di efficacia degli impianti di aspirazione localizzata, in aziende che utilizzano prodotti vernicianti e solventi, e nelle attività di saldatura (occhialerie, galvaniche, metalmeccaniche, serigrafie). In totale sono stati effettuati circa trenta rilievi con fumogeni, riscontrando in molti casi condizioni di funzionalità non corrette rispetto ai criteri standard di impiantistica industriale, ad esempio per scarsa velocità di captazione o eccessiva distanza del punto di captazione o presenza di correnti d aria interferenti. una indagine ambientale (con l effettuazione di 9 campionamenti di aria) mirata a misurare l'esposizione personale del lavoratore ad agenti chimici aerodispersi presso una occhialeria di montature in metallo, in occasione di sospetta malattia professionale. La saldatura dei componenti metallici degli occhiali e la loro ricottura ad alta temperatura prevede la preliminare immersione della minuteria in una miscela disossidante a base di: alcool metilico (metanolo), acido borico, fluoruro di potassio. Dopo l'immersione nel liquido, i componenti, dentro apposito cestello, vengono lasciati ad asciugare a temperatura ambiente, ed in tal modo il metanolo evapora.; rimane sul componente un velo di fluoruro e acido borico, ausiliari per la saldobrasatura (o altri trattamenti termici) dell'occhiale. Durante tale operazione l'addetto è esposto a vapori di metanolo e, in piccola parte, di fluoruri. La misura di tali inquinanti aerodispersi ha fornito valori molto bassi (intorno al 10.5 % del rispettivo TLV). Nonostante i risultati tranquilizanti dell indagine ambientale, considerata l elevata pericolosità intrinseca delle sostanze utilizzate (sia disossidanti che decapanti) e l elevata volatilità del metanolo, si è preteso che l azienda adotasse ulteriori cautele oltre alle misure gia in essere, in particolare: potenziamento della aspirazione localizzata sopra la vasca e manutenzione periodica; formazione e vigilanza sul rispetto delle procedure previste per le corrette operazioni di travaso e manipolazione, ed in caso di spandimenti accidentali; protezione delle vie respiratorie, della pelle, e degli occhi; misure di prevenzione antincendio (estintore, divieto di fumare e usare fiamme libere) a causa dell'elevata infiammabilità del metanolo; etichettatura e segnaletica ben visibili sopra la vasca. il controllo del rischio amianto, sia in termini di verifica dei materiali sospetti presenti in parti di edifici ed impianti (9 campionamenti), che in termini di verifica di corretta bonifica e smaltimento da parte delle ditte specializzate, che, infine, di indagini per la ricerca di siti ancora contenenti amianto. L informazione e l assistenza alle aziende nella implementazione dei nuovi Regolamenti REACH e CLP e sperimentazione della vigilanza in materia Nele pagini seguenti illustreremo in dettaglio questi ultimi due argomenti. Per quanto riguarda l'attività di igiene industriale prevista per il 2014, si è programmato di approfondire il rischio di inquinanti aerodispersi nelle operazioni di schiumatura di poliuretano, attività presente nel nostro territorio soprattutto nel settore della refrigerazione industriale; ci si propone di analizzare le aziende che effettuano questa lavorazione, durante la quale possono liberarsi in aria vapori di isocianati aromatici, potenti sensibilizzanti delle vie respiratorie, ben conosciuti come causa di asma allergico. Si valuteranno in dettaglio: i componenti utilizzati e il tenore di monomero libero, la presenza e l'efficacia di impianti di aspirazione localizzata dei vapori, la formazione dei lavoratori ai fini del corretto uso degli impianti di schiumatura del poliuretano a partire dai componenti. Onde evitare valutazioni difformi per queste poche aziende dislocate sull intero territorio provinciale, la vigilanza si effettuerà in maniera congiunta con i colleghi dello SPISAL di Feltre. 20

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Febbraio 2014 Direttore: Giancarlo Magarotto Responsabile linea lavoro sicurezza e antiinfortunistica Pier Maria Jagher Dirigenti medici Maria Vincenza

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09. LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09

LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09. LR 61/85 art.79bis - DGR 2774/09 Il 47% degli infortuni in edilizia avviene per cadute dall alto*. La maggior parte di questi in fase di manutenzione. La Regione Veneto ha detto MAI PIU LR 61/85 - art.79bis - DGR 2774/09 Misure preventive

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI

INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute, intesa come lo stato di

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Premessa: obiettivi del documento

Premessa: obiettivi del documento Proposte della Commissione consultiva permanente per una strategia nazionale di prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali Premessa: obiettivi del documento Il presente documento

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute

Ricerca finalizzata 2009 Ministero della Salute OBIETTIVI(1) Miglioramento della Qualità delle inchieste infortunio svolte dal SPSAL della ASL di Milano attraverso l utilizzo di indicatori e dei flussi informativi INAIL OBIETTIVI(2) Garantire Omogeneità

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 16-03-2015 (punto N 33 ) Delibera N 251 del 16-03-2015 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NOVITA INTRODOTTE DALL' UNICO TESTO NORMATIVO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO (D.Lgs. 81/08) QUESITI RICORRENTI E RISPOSTE DI ESPERTI QUALIFICATI I quesiti sul Decreto 81/08: sugli

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli