I Rifiuti Speciali in Italia e nel Lazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Rifiuti Speciali in Italia e nel Lazio"

Transcript

1 ONLUS - ONG I Rifiuti Speciali in Italia e nel Lazio Produzione e Gestione A cura del settore Rifiuti del WWF-Lazio Marzo 2006 Elaborazione Franco Rondoni Revisione, impaginazione e grafica Giovanni Iudicone e Fabrizio Piemontese 1

2 Questo documento si propone di offrire una sintesi della situazione dei Rifiuti Speciali in Italia e nel Lazio. I dati sono estrapolati da documenti ufficiali: RAPPORTO RIFIUTI 2005 RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL LAZIO 2004 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 LA PRODUZIONE IN ITALIA...5 LA PRODUZIONE NEL LAZIO...7 LA GESTIONE: CONTESTO NAZIONALE...9 Il recupero di materia L incenerimento con recupero di energia Lo smaltimento Altri trattamenti specifici LA GESTIONE: CONTESTO REGIONALE Il trattamento Lo smaltimento COMMENTO AI DATI PRESENTATI E PROPOSTE PER IL FUTURO RASSEGNA STAMPA La Repubblica 5 luglio IL TEMPO 23 dicembre IL TEMPO 27 gennaio La Repubblica 2 maggio IL TEMPO 18 luglio IL TEMPO 23 luglio IL TEMPO 8 agosto Corriere della Sera 26 settembre LA NUOVA ECOLOGIA 27 settembre RETEAMBIENTE 30 settembre Corriere della Sera 24 ottobre IL TEMPO 13 novembre IL TEMPO 9 dicembre TG5 3 gennaio Spiritual Search News 12 gennaio IL TEMPO 19 gennaio METRONEWS 24 gennaio La Stampa 31 gennaio L Espresso 30 marzo

3 I Rifiuti Speciali in Italia e nel Lazio Introduzione Ogni anno si torna ad esaminare lo stato dell Ambiente in Italia e diversi organismi nazionali e regionali stilano i relativi rapporti sulla base di dati raccolti ed elaborati allo scopo. La realizzazione dei vari rapporti, richiede molto lavoro anche perché il prospetto finale che ne esce, è frutto non di una somma di dati ma di incroci e confronti dei dati raccolti, con elaborazioni derivate da studi settoriali. Questo comporta molto impegno e dispendio di tempo ed è la ragione per cui gli ultimi rapporti del 2005, prospettano una situazione relativa al La tematica relativa alla gestione dei rifiuti riveste, ovviamente, una parte di notevole peso ed interesse all interno del sistema ambiente. Alla luce dei dati raccolti ed elaborati, dobbiamo registrare che c è stato un leggero progresso circa una più puntuale e corretta quantificazione dei rifiuti prodotti. Gli elementi che rendono problematica questa rilevazione sull intero ciclo di vita dei rifiuti, sono ancora: a. MUD 1 evasioni dichiarazioni, errori di compilazione b. C&D 2 - nessuna documentazione in quanto esenti c. Controllo flussi rifiuti che cambiano tipologia e denominazione durante il percorso d. Non Determinati categorie produttive NACE 3 e/o codice CER 4 sconosciuti Così come nell analisi degli anni scorsi 5, i dati sono ricavati da fonti diverse ma incomplete quindi inattendibili se prese singolarmente, per cui si è dovuto ancora ricorrere agli studi di settore e con essi attraverso i fattori di produzione riuscire a raggiungere una buona approssimazione e dati realistici. La cosiddetta banca dati che dovrebbe scaturire dalle dichiarazioni MUD, infatti, continua ad essere poco più che un riferimento occasionale, data la sua assoluta inattendibilità dovuta, come sempre, ad attività esenti dalla presentazione di detta dichiarazione, da tipologie di rifiuti esenti, da evasioni e da errori di compilazione. Nel 2002 entra in vigore un nuovo regolamento europeo per la definizione e classificazione dei rifiuti con il fine di disciplinare la gestione degli stessi e pervenire a dati omogenei e confrontabili e in modo comune nella Unione Europea. Si classificano come pericolosi un considerevole numero di tipologie di rifiuti in base al contenuto in essi di sostanze pericolose. L incremento di RSP (rifiuti 1 Modello Unico di Dichiarazione 2 Rifiuti inerti da Costruzione e Demolizione 3 Classificazione delle attività economiche da adottare nelle rilevazioni statistiche correnti. (ATECO 2002) definita in ambito europeo ed approvata con Regolamento della Commissione Europea n. 29/2002, pubblicato su Official Journal del 10/1/2002. La versione italiana è la classificazione ATECO 2002 stata sviluppata dall Istat. 4 I codici CER (Catalogo europeo dei rifiuti) in vigore dall sono riportati sulla Direttiva del Ministero Ambiente in data , pubblicata sul supplemento ordinario n. 102 alla Gazzetta Ufficiale n. 108 del 10 maggio 2002 Serie Generale. Si veda ad esempio 5 3

4 speciali pericolosi) diventa pertanto rilevante ma il dato non è confrontabile con quello dell anno precedente, proprio perché reso non omogeneo dall immissione di nuove tipologie di rifiuti. Rispetto al consuntivo 2001, si registrano delle differenze, molte delle quali risentono delle motivazioni sopra espresse che hanno portato tra l altro anche dei correttivi nel modo di aggregazione dei dati. Dal 2002 infatti sono stati detratti dai quantitativi dei RS (rifiuti speciali), la parte di Rifiuti Assimilabili Urbani conferiti al Servizio Pubblico di Raccolta. Sono stati inoltre esclusi dal calcolo dei RS i contraddistinti dai codici inglobati nel calcolo dei Rifiuti Urbani in quanto inerenti la raccolta urbana ed il trattamento aerobico di questi. 4

5 La produzione in Italia Il quantitativo totale di rifiuti speciali, compresi i rifiuti da costruzione e demolizioni è in continua crescita, ed è pari a più del triplo (336%) del totale dei rifiuti urbani. Questi quantitativi indicano che in un anno, ogni cittadino, ha prodotto Kg di rifiuti ripartiti come in tabella 1 dei quali almeno il 59%, viene ancora smaltito in discarica. TIPO QUANTITÀ [Kg/ab./ anno] Rifiuti Speciali Pericolosi 904 Rifiuti Speciali Non Pericolosi 94 Rifiuti da Costruzione e Demolizione 735 rifiuti urbani 524 TOTALE 2257 Tabella 1. Ripartizione tipologia rifiuti prodotta in Italia per abitante/ anno nel 2003 I RS prodotti in Italia, seguendo le metodologie di rilevazione sopra descritte, risultano essere quindi, per il 2003, di circa 100,5 milioni di tonn. secondo la ripartizione della tabella 2 TIPO QUANTITÀ [MLt/anno] Rifiuti Speciali Pericolosi 5,40 Rifiuti Speciali Non Pericolosi 52,30 Rifiuti da Costruzione e Demolizione 42,50 non determinati 0,247 TOTALE 100,447 Tabella 2. Ripartizione per tipologia del totale annuo dei Rifiuti Speciali prodotti in Italia nel 2003 La produzione dei RS nel 2003 è ripartita sul territorio italiano secondo le ripartizioni percentuali della tabella 3: TIPO NORD [%/ anno] CENTRO [%/ anno] SUD [%/ anno] Rifiuti Speciali Pericolosi 73,3 10,9 14,9 Rifiuti Speciali Non Pericolosi 62,0 16,7 21,3 Rifiuti da Costruzione e Demolizione 63,1 18,7 18,2 % sul TOTALE rifiuti Italia 63,1 17,2 19,7 Tabella 3. Ripartizione percentuale sul territorio del totale annuo dei Rifiuti Speciali prodotti in Italia nel 2003 La produzione dei Rifiuti Speciali è distribuita sul territorio nazionale secondo criteri legati ad insediamenti produttivi e situazioni socio economiche specifiche delle varie realtà territoriali. Questo, pertanto, determina una maggior produzione sia in termini assoluti che in rapporto al numero di abitanti, al Nord in quanto le regioni ivi comprese sono quelle con maggiori insediamenti produttivi e con una maggiore benessere in termini economici. Valori più bassi si registrano al Centro ed ancora più bassi al Sud. 5

6 Raggruppando secondo le sotto elencate attività economiche, si può vedere come da alcune di esse provenga la quasi totalità dei rifiuti. Infatti i RSNP derivano da : - 63% attività manifatturiere - 20,3% trattamento rifiuti - 6,8% servizi - 6% energia elettrica, acqua, gas mentre i RSP derivano da: - 61% attività manifatturiere - 21,2% servizi - 9,8% trattamento rifiuti - 5% agricoltura, caccia, silvicoltura Le attività manifatturiere sono evidentemente la maggiore fonte di produzione di rifiuti speciali, sia non pericolosi che pericolosi. Per i RS, i macrosettori che maggiormente incidono sono nell ordine: il settore industriale della produzione di metalli e leghe e di prodotti metallici (30,5%), l industria dei minerali non metalliferi (16,8%), l industria del legno e della carta e l industria chimica (11%), l industria alimentare delle bevande e del tabacco (10,6%). I RSP sono invece prodotti nei macrosettori: chimico (44,2%), produzione metalli, leghe e prodotti in metallo (29,8%). 6

7 La produzione nel Lazio Nel Lazio la quantità pro-capite dei RS prodotti è di 327 Kg di cui 292 Kg di RSNP e 35 Kg di RSP ed in termini quantitativi è composta e suddivisa come in tabella 4: RSNP RSP C&D CER Attiv. non determ non determ TOTALE Tonn % sul valore nazionale 2,9 3,4 9,2 5,6 7,3 5,6 Tabella 4. Ripartizione per tipologia e in percentuale del totale annuo dei Rifiuti Speciali prodotti nel Lazio nel 2003 All interno della Regione, i RS (Tonn.) prodotti in ambito provinciale sono ripartiti come in tabella 5: RSNP RSP C&D CER non determ Attiv. non determ TOTALE Viterbo Rieti Roma Latina Frosinone Tabella 5. Ripartizione per tipologia e per Provincia del totale annuo dei Rifiuti Speciali prodotti nel Lazio nel 2003 esclusi i rifiuti C&D, per i quali non sono forniti i dati. Il totale generale rappresentato, è pertanto pari al totale della Regione Lazio (tab 4), al netto della quantità di rifiuti da C&D. 7

8 Le attività economiche che nella Regione Lazio incidono di più nella produzione dei Rifiuti Speciali Non Pericolosi e Pericolosi sono: RSNP (tonn) Trattamento rifiuti e depurazione acque Industria minerale non metallifera Produzione energia elettr. acqua e gas Industria legno, carta e stampa Commercio, riparazioni e altri servizi Industria manifatturiera Industria Alimentare Fabbricazione mezzi di trasporto Industria chimica Fabbricazione e lavorazione prodotti metallurgici Altro TOTALE Tabella 6. Suddivisione dei RSNP del Lazio secondo attività economiche/ servizio omogenee. RSP (tonn) Commercio, riparazioni e altri servizi Industria chimica Produzione energia elettr. acqua e gas Pubblica Amministrazione e Sanità Industria tessile Costruzioni Trasporti e comunicazione Trattamento rifiuti e depurazione acque Produzione metalli e leghe Altre industrie manifatturiere Altro TOTALE Tabella 7. Suddivisione dei RSP del Lazio secondo attività economiche/ servizio omogenee. 8

9 La gestione: contesto nazionale La gestione dei rifiuti è il lavoro che si programma e si svolge per raggiungere gli obbiettivi prefissati e che sono ben noti e riassunti nelle quattro principali aree di intervento dettate dall Agenda 21: 1. minimizzazione della produzione dei rifiuti 2. massimizzazione dei vantaggi ambientali che derivano dal riciclo dei rifiuti 3. promozione di sistemi di trattamento e smaltimento dei rifiuti a minor impatto ambientale 4. estensione del servizio di raccolta dei rifiuti Il presupposto essenziale per una buona gestione è la conoscenza la più precisa e puntuale possibile della vita del rifiuto, dalla sua nascita alla sua estinzione. Nell intento di migliorare la raccolta dati sul ciclo dei rifiuti, dal 2002 si è utilizzata un ulteriore metodologia di indagine. Si è infatti realizzato un vero e proprio censimento di tutti gli impianti ed i siti interessati dal ciclo di trattamento, recupero e smaltimento dei rifiuti. Anche questa operazione, pur offrendo una nuova base di studio significativa sui vari percorsi seguiti dai rifiuti nella loro vita, non può considerarsi esaustiva né foriera di certezze ma solo orientativa e di ausilio a tutto il resto degli elementi fornitori di dati. Questi impianti, infatti, molto spesso presentano delle lacune circa la documentazione puntuale dei materiali che transitano al loro interno. In linea di massima si possono distinguere due tipologie di impianti: quelli che riutilizzano i rifiuti prodotti nell ambito del proprio ciclo produttivo e quelli costituiti appositamente per il trattamento dei rifiuti (piattaforme) e che trattano quindi sia rifiuti urbani che speciali, svolgendo operazioni di Selezione, Produzione di MPS (Materie Prime secondarie) e/o Messa in Riserva. Questo secondo tipo di impianti è largamente più diffuso ma è proprio in essi che spesso non si riesce a catalogare l operazione di recupero effettuata. Le cause sono principalmente di doppia natura: un uso improprio dei codici identificativi dei rifiuti in entrata ed in uscita e una non nota destinazione finale dei rifiuti classificati MPS. Questo ovviamente non rende possibile dichiarare concluso il ciclo di recupero dei rifiuti in essi trattati. Una ulteriore incertezza sui dati, deriva dalla grande quantità di materiali da rifiuto che vanno a chiudere il loro ciclo come rilevati e/o sottofondi stradali, ricopertura di discariche, spandimento al suolo, rimodellamenti morfologici. In questi casi, la linea di demarcazione che distingue dette operazioni come recupero o smaltimento è molto sfocata e di dubbia interpretazione e questo comporta di conseguenza una sensibile incertezza sul rilevamento dei dati. Non si può, leggendo questi dati ufficiali, non andare con il pensiero a quante notizie che frequentemente ci riferiscono di frodi e reati ambientali. Proprio a proposito di operazioni di spandimento al suolo, va ricordato quanto avvenuto in Puglia a settembre 2005 quando le forze dell ordine hanno eseguito numerosi arresti verso responsabili di reati ambientali per lo spandimento al suolo agricolo di rifiuti industriali che, con documenti 9

10 manipolati negli impianti di trattamento, diventavano compost per uso agricolo. Sono troppo numerosi i reati di questo tipo commessi da imprese che operano in attività di trattamento dei rifiuti speciali e che invece di eseguire i corretti, legali trattamenti e/o smaltimenti ai rifiuti a loro conferiti, manipolano o falsificano la documentazione dei rifiuti stessi nel passaggio delle lavorazioni eseguite all interno dei loro stabilimenti, fino a fare smaltimenti impropri di rifiuti, talvolta anche con alto potenziale di tossicità, come se fossero privi di pericolosità per l ambiente. Un altro caso è stato scoperto alla fine dell estate 2005, avvenuto con modalità simili e smaltimento finale dei rifiuti industriali tossici, truccato da recupero per rilevati stradali. C è stata poi una società del Lazio operante sul riciclo con rigenerazione degli oli esausti che invece ne nascondeva quantità rilevanti a ridosso delle rive del Tevere ed ancora un altra impresa che specializzata nello smaltimento di materiali contenenti amianto, finiva per smaltire detti materiali come innocui inerti da C&D. I casi di cronaca riguardanti questo tipo di reati sono numerosi e ovviamente sono per forza di cose relativi a ciò che si scopre e a fatti di notevole rilevanza. In appendice si propone una breve rassegna stampa. La motivazione di questi crimini ambientali viene dai cospicui guadagni illeciti che da queste operazioni derivano. Infatti in genere lo smaltimento di un rifiuto speciale secondo la procedura legale è piuttosto costosa, mentre la malavita offre vie di smaltimento illegali a prezzi notevolmente più bassi. Tuttavia, i dati ufficiali ci consentono di registrare una tendenza verso un miglioramento globale della gestione dei rifiuti, pur rimanendo ancora a distanze notevoli dagli obiettivi prefissati con le varie tappe di miglioramento della gestione rifiuti previste nel 1997 dal decreto Ronchi che, come legge quadro della materia, ne poneva percorsi ed obiettivi. In termini quantitativi, infatti, le percentuali che registriamo sono ben diverse da quanto ci si proponeva di raggiungere ed anche le infrastrutture normative, di controllo e politiche per seguire i percorsi virtuosi verso il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale, sono carenti e fanno si che l impronta ecologica 6 dell Italia risulti essere fra le più marcate. Come si è visto, nell espletamento delle più svariate attività, si producono rifiuti di ogni genere. Le attività di cui sopra, possono quindi essere definite centri di produzione dei rifiuti stessi. La fase successiva è la gestione, cioè l operare su di essi per chiudere il ciclo di vita di questa parte di prodotto chiamato rifiuto. Il rifiuto, preso in carico dal sistema di gestione, segue un percorso che può essere o di recupero o di smaltimento oppure di stoccaggio e/o riserva. In alcuni casi i centri di produzione possono identificarsi anche come centri di gestione ; questo avviene quando, per esempio, la stessa azienda che produce il rifiuto, ne fa al proprio interno recupero di materia e/o di energia. Diversamente il rifiuto si destina verso appositi centri che provvedono alle operazioni di cui sopra. La quantità di Rifiuti Speciali che nel 2003 sono passati dal sistema di produzione al sistema gestione è di 94,8 mln di tonnellate. Pertanto si è gestita una quantità di rifiuti inferiore rispetto alla quantità prodotta che invece è stata pari a ~100,5 mln di tonn (tabella 2). 6 L'impronta ecologica è un indicatore per la sostenibilità: 10

11 Nel 2003 la Gestione è avvenuta, seguendo percorsi diversi, verso operazioni di recupero, di stoccaggio e/o messa in riserva, o di smaltimento secondo le percentuali sotto riportate ed evidenziate schematicamente nella figura 1: 46,4% a recupero di materia (43,9mln di tonn.) 2,7% a recupero di energia (2,6mln di tonn.) 13,8% a stoccaggio e/o messa a riserva (13,1mln di tonn.) 21,9% smaltimento in discarica (20,7 mln di tonn.) 14,3% a smaltimento con trattamento chimico-fisico o biologico (13,5mln di tonn.) 0.9% a smaltimento per incenerimento. (870 mila tonn.) GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN ITALIA Totale gestito 94,8 mln tonn. 43,9 (46,3%) (di cui 1,3 RSP) Recupero di Materia 2,6 (2,8%) (di cui 0,12 RSP) Recupero di Energia 13,1 (13,8%) (di cui 1,142 RSP) Stoccaggio e messa a riserva 35,2 (37,1%) Smaltimento 13,5 (1,9 RSP) Tratt. Chimico- Fisico Biologico 0,87 (0,38 RSP) Incenerimento 20,7 (0,76 RSP) Discarica 0,08 (lagunaggio) Cogenerazione (calore) 42% Impianti a Biomassa 26% Cogenerazione mista (calore+energia) 18% Coincenerimento (cemento calce laterizi) 14% Figura 1. ripartizione dei rifiuti gestiti nel 2003 verso la chiusura del ciclo. 11

12 Il recupero di materia Il recupero di materia, pertanto, risulta essere la forma di gestione più utilizzata (46,4%). Le quantità e le percentuali sono elevate. Questo tipo di gestione, per i RSNP, comprende infatti tutta quella quantità di rifiuti utilizzata per rilevati stradali, rimodellamenti morfologici, riempimenti di cave, ricopertura delle discariche e ripristini ambientali (50%). Rispetto all anno precedente, una crescita particolarmente rilevante (+18,2%), è stata registrata, infatti, dal riciclo/recupero di altre sostanze inorganiche. Comprende ancora il recupero dei metalli e/o dei composti metallici (20,5%), il riciclo/recupero di sostanze organiche (17%), lo spandimento al suolo in agricoltura (8,3%). Il 5,8% dei RSNP viene destinato all incenerimento con recupero di energia. Per i RSP, le voci di recupero più consistenti sono relative al recupero dei metalli e/ composti metallici (46%). C è poi il recupero dei solventi (18,7%) e delle sostanze organiche (18,4%). L 8,6% inviato all incenerimento con recupero di energia. L incenerimento con recupero di energia. L incenerimento con recupero di energia avviene in impianti industriali dove si utilizzano i rifiuti per ottenere energia elettrica o riscaldamento. I rifiuti più utilizzati per questa forma di recupero provengono principalmente, per i RSNP: rifiuti della lavorazione del legno,carta e affini, rifiuti da attività agroalimentare, biogas rifiuti della preparazione di bevande. Per i RSP: oli esausti e di scarto, rifiuti prodotti da trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastiche, rifiuti della produzione di prodotti chimici organici di base, rifiuti della produzione di plastiche e gomme sintetiche. Le principali attività produttive che utilizzano i rifiuti per produrre energia, sono per i RSNP: Industria del legno carta e affini, Produzione Energia, Industria agroalimentare, Cementifici. La Corte di Giustizia Europea con la sentenza del 13 febbraio 2003 (causa C- 458/00) ha precisato quando l'incenerimento dei rifiuti con recupero di energia debba essere considerato "smaltimento", ovvero quando impianto sia progettato proprio con lo scopo di trattare rifiuti. Per i RSP, i maggiori utilizzatori di rifiuti per produrre energia, sono i Cementifici. In questo caso si può parlare di vero e proprio recupero di energia, piuttosto che di smaltimento. 12

13 Lo smaltimento Alle operazioni di smaltimento, sono interessate 35,2 mln di tonn di Rifiuti Speciali. Esse sono essenzialmente di tre tipologie: in discarica al trattamento chimico-fisico-biologico preliminari allo smaltimento all incenerimento La discarica costituisce ancora una grossa opzione fra le operazioni di smaltimento. In essa sono andate nel 2003 circa 20,7mln di tonn (di cui 0,76 di RSP) che rappresentano circa il 59% dei rifiuti speciali smaltiti. Lo smaltimento in discarica rilevato nel 2003, registra un aumento percentuale di circa il 3,3% rispetto al 2002, però bisogna osservare che questo è l anno in cui è entrata in vigore una nuova normativa, il D. Lgs 36/2003, che impone importanti adeguamenti tecnici per tutti gli impianti di discarica; di conseguenza, per questo anno i dati sono suscettibili di imprecisioni. In ogni caso si ipotizza che l entrata in vigore di detto decreto legislativo, in prospettiva comporterà un incremento di costi per lo smaltimento in discarica che in molti casi potrà risultare insostenibile, portando di conseguenza ad una riduzione significativa di questa forma di smaltimento. Anche lo smaltimento in discarica, è distribuito nella Penisola con percentuali diverse da nord a sud: 53% al Nord, 25% al Centro, 22% al Sud allineandosi ai dati di ripartizione della produzione dei rifiuti e ai dati di distribuzione degli impianti di discarica. Il trattamento chimico-fisico-biologico, occupa il secondo posto fra le operazioni di smaltimento e sebbene sia sotto una sola voce, in realtà i trattamento sono due e distinti: chimico-fisico e biologico. Molto spesso per lo stesso rifiuto il trattamento chimico-fisico è propedeutico al trattamento biologico. In termini percentuali, i RSNP subiscono in maniera preponderante il biologico, mentre i RSP il chimico-fisico. Anche in questo caso, la distribuzione sul territorio nazionale degli impianti adibiti a trattare i rifiuti, riflette i dati di produzione dei rifiuti stessi, per cui risultano avviati a questa procedura di trattamento, il 59,2% al nord 17,6% al centro, il 23,2 al sud. Quest ultimo dato risente molto di incrementi avvenuti in Sicilia e Puglia dove sono stati costruiti nuovi grandi impianti per il trattamento di acque e fanghi di fosse asettiche. L incenerimento riguarda circa tonn di rifiuti di cui quasi la metà, sono RSP ed il 15% ( tonn.) è composto da rifiuti sanitari. Sono dati che evidenziano una sostanziale stabilità rispetto al 2002 (+0,4) della quantità di rifiuti avviati a questo tipo di smaltimento. Il sistema impiantistico è caratterizzato, prevalentemente, da impianti di piccole dimensioni che operano o per conto proprio o per conto terzi. Quelli che operano per conto proprio sono inseriti al termine di un processo produttivo con lo scopo di smaltire il rifiuto prodotto. In base a quanto stabilito dalla UE, se l impianto nasce per trattare rifiuti, si tratta di smaltimento anche nei casi in cui viene effettuato recupero energetico. Nel 2003, gli impianti in esercizio erano 78 con una distribuzione prevalente al Nord con 43 impianti, mentre al Centro ne operano 8 ed al Sud

14 Altri trattamenti specifici Alcuni tipi di Rifiuti Speciali, sono trattati da normative specifiche che consentono pertanto una gestione più puntuale ed opportuna. È il caso degli oli usati, delle batterie esauste e del polietilene. Per ognuno di questi tipi di rifiuti, è stato istituito un consorzio di imprese con la funzione specifica, prevista per legge, di gestire il prodotto post consumo. Questo ha portato quindi ad un miglior monitoraggio e controllo dell intero ciclo di vita di questi prodotti. I risultati di gestione sono ovviamente migliori e più aggiornati. Per queste tipologie di rifiuti, infatti, si hanno i dati aggiornati fino al Il COOU è il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati. È stato istituito nel 1982, riorganizzato e poi regolato in tappe successive, fino ad ottenere una sua natura giuridica privata, nel 1997 con il D. Lgs 22/97. La legge tuttavia prevede anche la possibilità di raccolta e di conferimento degli oli usati, anche da imprese non appartenenti al Consorzio ma comunque sottoposte allo stesso regime di regole. Allo stato, vengono conferiti al Consorzio, il 97% degli oli usati. Gli oli pertanto attraversano due fasi di raccolta, primaria e secondaria, per approdare infine al COOU dove vengono classificati secondo le proprie caratteristiche tecniche ed inviati a fasi di rigenerazione o combustione oppure termodistruzione. Una gestione così mirata ha fatto sì che i quantitativi di oli immessi al consumo siano sempre decrescenti e sempre in crescita il quantitativo di oli raccolti, come evidenziato in tabella 8. Anno Oli immessi al consumo (tonn.) Oli raccolti (tonn.) Tabella 8. Olii esausti: quantità recuperate rispetto a quelle immesse al consumo (tonnellate) negli ultimi anni. Il COBAT è il Consorzio Obbligatorio Batterie al piombo esauste e rifiuti piombosi. È stato anch esso istituito per legge, (Legge 485/88) e svolge le attività di: raccolta stoccaggio riciclaggio mediante recupero eliminazione ecologica anche questo Consorzio ha subito nel tempo aggiornamenti legislativi che hanno comportato modifiche e riorganizzazioni delle attività ad esso demandate. I centri di raccolta sono in netta prevalenza al nord (55,2%) rispetto al centro (19,3%) ed al sud (25,5%). Gli impianti di recupero, dislocati tre al nord e tre al sud, producono circa tonn/anno di piombo secondario che viene impiegato per l 80% alla costruzione di nuove batterie. 14

15 Il POLIECO è il Consorzio istituito dal D. Lgs 22/97 per il riciclaggio dei rifiuti di beni in polietilene al fine di ridurre sensibilmente le quantità inviate allo smaltimento. A questo scopo anche questo Consorzio, svolge attività di raccolta, stoccaggio e riciclaggio mediante recupero e nei casi in cui il riciclaggio non sia possibile o conveniente, un corretto smaltimento in sicurezza e, quindi, nel rispetto dell ambiente. Il volume di manufatti in polietilene immessi al consumo, per il 2003, è stato pari a tonn La quantità riciclata/recuperata nello stesso anno è stata di circa un terzo (tonn ). Si prevede un calo delle quantità immesse al consumo che per il 2004 si dovrebbe attestare a circa 900 mila tonn.. Un altro tipo di rifiuto che è monitorato con molta attenzione e per il quale è stato ripetutamente legiferato sia a livello nazionale che comunitario è quello contenente PCB/PCT (policlorobifenili e policlorotrifenili). Le varie leggi che in materia si sono succedute, hanno definito tempi e modalità di smaltimento di tali rifiuti con il fine di raggiungere l eliminazione totale di ogni tipo di apparecchiatura o bene contaminato da queste sostanze chimiche. L Inventario Nazionale, previsto per legge, offre un censimento puntuale dei prodotti contenenti PCB/PCT ancora in uso sul territorio nazionale. Ovviamente sono in continuo calo ed al 2004, è così rappresentata in tabella 9: N. apparecchi con concentrazione compresa fra 50 e 500 mg/kg N. apparecchi con concentrazione superiore a 500 mg/kg Quantità PCB per apparecchi con concentrazione superiore a 500 mg/kg ,44 Tabella 9. Censimento apparecchiature contenenti PCB/PCT, anno

16 La gestione: contesto regionale La Gestione dei Rifiuti Speciali del Lazio può avvenire anche attraverso impianti situati fuori Regione, pertanto i valori relativi alla gestione di detti rifiuti, possono essere molto diversi dai valori relativi alla produzione dei rifiuti stessi. Quindi per comprendere le dinamiche legate alla gestione dei rifiuti speciali sul territorio è opportuno riportare un quadro riassuntivo sulla gestione dei rifiuti nel contesto nazionale (tabella 10), nella quale risulta che i rifiuti gestiti sono costituiti dalla somma di quelli a recupero, di quelli a smaltimento e di quelli messi in riserva e/o stoccaggio: Rifiuti speciali prodotti (Tonnellate) Rifiuti speciali gestiti (Tonnellate) Rifiuti speciali a operazioni di recupero Rifiuti speciali a operazioni di smaltimento Rifiuti Speciali a stoccaggio e/o riserva Nord Centro Lazio Sud TOT Tabella 10. Quadro riassuntivo di confronto della gestione rifiuti nel Lazio nel contesto nazionale. La voce Centro include i dati relativi alla voce Lazio. Il trattamento Nel Lazio sono poste in stoccaggio e/o riserva tonnellate di RS; la quantità di Rifiuti Speciali gestita, è di circa 3,3 mln di tonnellate di cui circa 3 mln di RSNP e circa 0,3 mln di RSP. Rispetto al 2002 si registra quindi un incremento di circa il 15%. In termini percentuali, la gestione avviene con operazioni di recupero per il 59% (1,95mln di tonn) e di smaltimento per il restante 41% (1,35 mln di tonn). Le attività di gestione sono realizzate per mezzo di: n 110 impianti di trattamento per operazioni di recupero, stoccaggio e messa a riserva n 30 impianti produttivi per operazioni di recupero e stoccaggio n 14 discariche RS n 47 impianti di trattamento chimico-fisico e biologico n 3 impianti di incenerimento 16

17 Gli impianti di recupero sono così localizzati sul territorio: Impianti di trattamento per operazioni di recupero (piattaforme) Frosinone Latina Rieti Roma Viterbo Impianti produttivi per il recupero di materia dai RS Impianti industriali per il recupero energetico dai RS Tabella 11. Localizzazione sul territorio regionale di diversi impianti di trattamento. Le operazioni di recupero che contribuiscono maggiormente al raggiungimento dei risultati quantitativi sono per i RSNP (tabella 12): Codice Trattamento tonn R5 Riciclo/recupero di sostanze inorganiche R3 Riciclo/recupero di sostanze organiche non utilizzate come solventi R13 Messa in riserva dei rifiuti destinati a successive operazioni di recupero R4 Riciclo/recupero dei metalli e dei composti metallici R10 Spandimento al suolo per beneficio di agricoltura ed ecologia R1 Utilizzazione principale come combustibile per produrre energia Tabella 12. Operazioni di recupero e relative quantità trattate per RSNP. Per i RSP (tabella 13): Codice Trattamento tonn R2 Rigenerazione e recupero solventi R13 Messa in riserva dei rifiuti destinati a successive operazioni di recupero R5 Riciclo/recupero di sostanze inorganiche R3 Riciclo/recupero di sostanze organiche non utilizzate come solventi R4 Riciclo/recupero dei metalli e dei composti metallici Tabella 13. Operazioni di recupero e relative quantità trattate per RSP. 17

18 Lo smaltimento Ogni anno vengono avviati in discarica tonnellate di rifiuti, dei quali tonn in apposite discariche per Rifiuti Speciali e tonn in discariche per Rifiuti Urbani. Gli impianti di smaltimento sono così localizzati sul territorio (tabella 14): Frosinone Latina Rieti Roma Viterbo discariche di categoria 2 tipo A discariche di categoria 2 tipo B discariche di categoria 2 tipo C impianti di trattamento chimico-fisico e biologico ( t/ anno) impianti di incenerimento (19.393t/ anno) Tabella 14. Localizzazione sul territorio regionale di diversi impianti di smaltimento. Le operazioni di smaltimento che contribuiscono maggiormente al raggiungimento dei risultati quantitativi sono per i RSNP (tabella 15): Codice Trattamento tonn D1 Deposito su o nel suolo D9 Trattamento fisico-chimico propedeutico a operazioni di smaltimento D8 Trattamento biologico propedeutico a operazioni di smaltimento D14 Ricondizionamento preliminare propedeutico a operazioni di smaltimento Tabella 15. Operazioni di smaltimento e relative quantità trattate per RSNP. Per i RSP (tabella 16): Codice Trattamento tonn D1 Deposito su o nel suolo D9 D15 Trattamento fisico-chimico propedeutico a operazioni di smaltimento Deposito preliminare prima di operazioni di smaltimento D10 Incenerimento a terra Tabella 16. Operazioni di smaltimento e relative quantità trattate per RSP. 18

19 Commento ai dati presentati e proposte per il futuro Uno sviluppo socio-economico sostenibile, è ormai considerazione largamente condivisa, passa attraverso una salvaguardia dell ambiente inserita come condizione essenziale, alla base di ogni progetto di progresso tecnologico. Questo concetto è ben presente nella maggior parte dei gestori della vita pubblica, nelle diverse latitudini e nei diversi Paesi della Terra. L attuazione di questo è però, purtroppo, condizionato da sensibilità diverse e/o inquinato da interessi di parte molto forti di settori di società che vivono, si accrescono e ingrassano proprio trasgredendo le corrette pratiche dello sviluppo sostenibile. In tema di produzione e gestione dei rifiuti possiamo vedere, infatti, come in Italia una serie di leggi sono state redatte con il concetto di base sopra espresso dello sviluppo sostenibile, però la loro attuazione stenta a decollare accumulando ritardi notevoli che consentono spazi di manovra per danni ambientali. Le pressioni di loschi interessi, per interpretare le leggi in modo molto lassista o per trasgredirle, sono sempre molto forti e pronte a trarre profitti a scapito dell ambiente. Le cronache sono colme di episodi dove la corretta gestione ambientale o viene sabotata con incursioni portate a livello di amministrazioni locali su leggi o regolamenti nazionali e/o comunitari o vengono sistematicamente trasgredite 7 producendo prosperità del malaffare. I ripetuti casi di intervento della magistratura su reati ambientali e le ripetute procedure d infrazione avviate dalla U.E. nei confronti dell Italia su temi ambientali, testimoniano quanto ci sia da fare ancora affinché venga tolto ogni spazio all aggressione ambientale e ci metta al riparo da episodi non isolati, come quello della valle del fiume Sacco nel Lazio di grave emergenza ambientale a carico della salute delle persone e dell economia di un intero territorio. C è bisogno di un monitoraggio più puntuale del ciclo dei rifiuti in tutti i passaggi dalla produzione alle operazioni di recupero e di smaltimento accompagnato da una normativa che non lasci mai il prodotto-rifiuto senza controllo. La lettura dei dati riassuntivi riportati dal Rapporto Rifiuti ci induce a considerazioni di carattere generale; è già nella premessa del Rapporto stesso, ma poi di seguito anche nelle parti più particolareggiate, che i dati sono in larga parte desunti da studi di settore, analisi dei fattori di produzione ed in minima parte da documentazione di riferimento. Dentro questa condizione, c è la manifesta carenza di monitoraggio con conseguenti zone d ombra dove può inserirsi la gestione scorretta. Pur in questa condizione, il Rapporto Rifiuti 2005 di APAT- ONR offre dati che, anche se in alcuni aspetti sono sfocati, in quanto non oggettivi ma di stima, manifestano delle situazioni in essere. La produzione dei rifiuti è sempre in aumento e ciò non significa soltanto che rispecchia un aumento dei consumi e quindi del benessere generale, ma anche che le politiche di produzione dei beni, non hanno affrontato a dovere l opzione della riduzione della produzione dei rifiuti, Area di intervento della Agenda 21. In particolare gli amministratori non riescono a 7 Alla data della presente pubblicazione L Unione Europea ha avviato nove procedure di infrazione contro l Italia per inadeguata gestione dei rifiuti secondo le norme europee. (documento di riferimento IP/05/1645 Bruxelles, 20 dicembre 2005) 19

20 comprendere o fingono di non comprendere che i rifiuti non sono un problema tecnologico ma il risultato di una errata progettazione industriale. Del resto, è abbastanza evidente come una politica adeguata possa portare miglioramenti significativi. Avviene per gli oli usati, le batterie, il polietilene dove una gestione più mirata consente da anni una rilevazione dati ed un analisi dei processi che ha portato a consuntivi più aggiornati (anno 2004) e percentuali di recupero più significative con riflessi positivi anche sui dati di produzione. Anche la gestione dei Rifiuti Urbani, eseguita con criteri simili in diversi Comuni del nord ma anche alcuni del centro-sud, ha dato risultati validi, concreti e reali di basso impatto ambientale. E la cosiddetta Raccolta Differenziata Porta a Porta. Questo dimostra che laddove si applica una metodologia che prevede un monitoraggio serrato e puntuale, i rischi di gestioni affaristiche e criminali diminuiscono notevolmente con grande vantaggio dell ambiente e senza aggravi di spesa. Come si è visto, la più cospicua quantità di Rifiuti Speciali, Pericolosi e Non, provengono dalle industrie manifatturiere seguite a distanza da Trattamento rifiuti e Servizi. Questa grande mole di rifiuti viene poi gestita o all interno della stessa Unità Produttiva o in Piattaforme appositamente adibite ma in entrambi i casi con ricorrenti zone d ombra nel percorso di gestione. Sono proprio queste zone d ombra a nascondere manipolazioni documentali che consentono di deviare il percorso virtuoso della gestione del rifiuto verso itinerari del malaffare. Ogni prodotto finito parte dall utilizzo di materie prime che via via nelle lavorazioni si trasformano fino a raggiungere il risultato finale; ebbene in tutte queste numerose fasi di lavorazione c è una quota percentuale di materie che proseguono il cammino verso il prodotto finale e altre percentuali che si perdono e/o si trasformano nel percorso. Chi ha progettato questa manifattura e l azienda che la esegue, conosce tutti questi dati nel dettaglio perché sono essenziali proprio per realizzare il prodotto stesso. Operando, quindi, proprio sui dati reali di queste filiere si esegue il monitoraggio del percorso dei rifiuti. Risulta, pertanto, chiaro che è necessario sollecitare il legislatore a dare Disposizioni Attuative stringenti per il monitoraggio del ciclo delle merci. Nel terzo millennio ci sono tecnologie che potrebbero consentire di seguire il ciclo di vita di un qualsiasi prodotto, dalla materia prima in poi per tutte le fasi. Probabilmente gran parte della carenza di dati sui RS si origina da una gestione privata degli stessi, che si riduce all obbligo di compilazione di un formulario. Se le aziende del settore (i Consorzi comunali e intercomunali) operassero un servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti speciali dovuti alle attività commerciali e produttive, numerosi sarebbero i vantaggi: sarebbe meno facile riuscire a farne perdere le tracce, potrebbero essere recuperati più agevolmente in quanto differenziati alla fonte e smaltiti in modo adeguato, rendendo di fatto inutili nuovi inceneritori anche per i rifiuti speciali. È una proposta concreta, che non richiede grandi investimenti per chi già attua il porta a porta con rigore, lanciata da un Consorzio del nord Italia che ha dichiarato (gennaio 2006) di avere i mezzi organizzativi e tecnici per realizzarla. Un quarto circa dei rifiuti speciali sottoposti a gestione verso operazioni di recupero o di smaltimento, finisce in discarica. È una percentuale molto alta e le sua entità misura la distanza da una sana gestione dei rifiuti per un doveroso rispetto dell ambiente. 20

21 Rassegna stampa Le aggressioni all ambiente sono episodi criminali di forme diverse; tra le più devastanti ci sono quelle effettuate per mezzo dei rifiuti. Di seguito solo alcuni dei casi avvenuti di recente in Italia e scoperti dalle forze dell ordine. Sono fatti gravi venuti alla luce e purtroppo ci fanno lecitamente supporre che molte altre aggressioni di questo tipo, o peggiori, avvengano senza essere scoperte. La Repubblica 5 luglio 2004 Sotto terra fanghi speciali dell'industria conserviera e lana con sostanze chimiche Traffico e smaltimento rifiuti sgominata organizzazione Trenta indagati fra Toscana, Lazio e Campania ROMA - Un' organizzazione che operava nel traffico illecito di rifiuti è stata scoperta nell' ambito di un' inchiesta condotta dalla procura di Rieti. Militari del Comando Carabinieri Tutela Ambiente e personale del Corpo Forestale dello Stato hanno eseguito in queste ore sette ordinanze di custodia cautelare, numerose perquisizioni e sequestri presso diversi impianti di trattamento rifiuti e aziende agricole del centro e sud Italia. Nel complesso gli indagati sono 30. Le regioni in cui sono stati effettuati i controlli sono Toscana, Lazio e Campania. L' operazione ha messo in luce l' esistenza di un' organizzazione finalizzata al traffico e smaltimento illecito di rifiuti speciali, soprattutto fanghi industriali dell'industria conciaria, conserviera e tessile, contenenti metalli pesanti e provenienti dalla Toscana e dalla Campania, e lana colorata con sostanze chimiche, proveniente da diverse regioni italiane, prevalentemente dalla Toscana. IL TEMPO 23 dicembre 2004 Seppelliti da un mare di rifiuti tossici Grido d allarme dei carabinieri per la tutela dell ambiente: troppi scarti pericolosi scompaiono nell illegalità L ITALIA invasa dai rifiuti tossici illegali, scarti pericolosi che spariscono nel nulla, stoccaggio e smaltimento di scarti radioattivi (27 su 77 controlli). Questa la fotografia dell eco-illegalità nel nostro Paese che fissa al 30% il tasso di aggressione alle norme ambientali. Lo rivela il rapporto di fine anno del Comando dei carabinieri per la tutela dell ambiente. A preoccupare sono soprattutto gli scarti pericolosi. Ogni 100 chili di rifiuti tossici prodotti da industrie e laboratori artigianali ben 30 vengono smaltiti in modo illegale e spariscono per sempre. Molti di questi prodotti sono cancerogeni e vanno ad avvelenare terreni, fiumi e torrenti specialmente nel Sud della Penisola. 21

22 IL TEMPO 27 gennaio 2005 Veleni sotto il campo di calcio APRILIA Dalle rivelazioni di un pentito all inchiesta aperta dalla Procura APRILIA «Su quel campo ora gioca anche mio nipote. Per anni vi ho scaricato rifiuti tossici». La lettera anonima di un pentito fa aprire un inchiesta alla Procura della Repubblica di Latina, su una presunta grave forma d inquinamento in un area sulla Nettunense, dove ora sorge un campo di calcetto. E dai primi accertamenti dei carabinieri e dell Asl le inquietanti rivelazioni dell anonimo «corvo» apriliano hanno trovato conferma. La Repubblica 2 maggio 2005 Denunciate 37 persone. Tra i reati contestati gestione illecita e falso in atto pubblico. Coinvolte numerose aziende Traffico illecito di rifiuti speciali Arresti e perquisizioni in 8 regioni ROMA - I carabinieri del Comando tutela ambiente hanno compiuto una vasta operazione contro il traffico illecito di rifiuti speciali pericolosi. Sono state denunciate all'autorità giudiziaria 37 persone, 10 delle quali sono state sottoposte a misura cautelare. I reati contestati sono attività organizzata finalizzata al traffico illecito di rifiuti, gestione illecita di rifiuti e falso in atto pubblico. Sono tuttora in atto numerose perquisizioni presso diverse aziende a vario titolo coinvolte nel settore della gestione dei rifiuti situati nel Lazio, Veneto, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Toscana, Emilia Romagna e Campania. L'operazione ha messo in luce l'esistenza di una struttura ben organizzata avente come fine il traffico e lo smaltimento illecito di rifiuti speciali pericolosi e non, costituiti da fanghi di cartiera, terre inquinate da Pcb, ceneri di acciaieria e di termodistruttori, contenenti alte concentrazioni di piombo, nichel, zinco e mercurio, particolarmente tossici per l'ambiente e la salute dell'uomo, destinati a tre cave in ripristino ambientale della provincia di Viterbo. IL TEMPO 18 luglio 2005 L AQUILA Un grosso incendio è divampato ieri in una vasta discarica abusiva, sottoposta a sequestro, alla periferia dell Aquila, sulla strada interna che conduce all ospedale. Si è levata una enorme nube nera che ha destato grande allarme. Nella discarica, oltre a pneumatici e carcasse di auto, vi sono i resti di un esperimento condotto nel laboratorio del Gran Sasso e si parla anche di rifiuti tossici. Sul posto sono intervenuti Vigili del Fuoco e uomini del Corpo Forestale, che hanno lavorato per ore al fine di circoscrivere l incendio. Sulle cause sono in corso accertamenti, senza escludere l origine dolosa. 22

23 IL TEMPO 23 luglio 2005 I rifiuti pericolosi smaltiti nel terreno erano utilizzati come concimi e fertilizzanti di BEATRICE BOERO UN NUOVO Sos dall universo alimentare: è in arrivo la pasta alla diossina. La Forestale di Castelnuovo di Porto ha fatto la scoperta, la Procura di Tivoli sta indagando. Dopo la moria delle vacche ad Anagni, il disastro ambientale nella Valle del Sacco e i polli allevati nell amianto a Cassino, una nuova bomba chimica incombe su Formello, cittadina alle porte di Roma, nota al grande pubblico perché vi si svolgono gli allenamenti sportivi della Lazio. Sotto accusa un quantitativo di 1300 quintali di grano duro, dell annata 2004, coltivato su terreni contaminati da diossina e metalli pesanti. Tali rifiuti pericolosi, smaltiti illegalmente in quei terreni, venivano usati come concimi e fertilizzanti; successivamente il grano duro ottenuto veniva avviato alla commercializzazione, cioè immesso sul mercato e con tutta probabilità impiegato per la produzione della pasta alimentare. A lanciare l allarme di questo nuovo disastro ambientale è stato Giorgio Forti, presidente del Comitato per la difesa del cittadino, a cui si è rivolto l avvocato Costantino Cambi, che difende due associazioni per la tutela dei diritti civili dei cittadini di Formello, la Res Publica e la C.O.I.S.U.C. La notizia è stata divulgata dal Corpo Forestale dello Stato, per la precisione dagli agenti della Stazione di Castelnuovo di Porto. Tali agenti hanno sequestrato lo scorso 6 maggio i 29 ettari di terreno sotto accusa, a Formello. È proprio da questi terreni che provenivano i 1300 quintali di grano duro (quello che solitamente viene utilizzato per la pasta) dell annata agraria 2004, che sono stati trasformati in farina e immessi sul mercato. L indagine in corso non riguarda solo lo smaltimento illegale di rifiuti tossici alla diossina a Formello, ma comprende anche altre aree, come Magliano Sabina e Rieti. In tutti questi casi la diossina con altre sostanze tossiche veniva usata per fertilizzare il grano duro. Prende la parola sul problema l avvocato penalista Costantino Cambi che sta seguendo la situazione: «Probabilmente ed è quello che pensiamo noi - spiega - i rifiuti tossici venivano mascherati con la fertilizzazione dei terreni». È stata la Forestale di Castelnuovo di Porto che ha fatto la scoperta del commercio del grano coltivato su terreno contaminato dalla diossina e ha consegnato le prove di tutto questo alla Procura di Tivoli che è quella competente per il territorio di Roma Nord. Le analisi del terreno sono state affidate all Istituto Superiore di Sanità che ha riscontrato la presenza di diossine, insieme a metalli pesanti come cadmio, cromo, rame, mercurio, piombo e zinco. Si è attivata inoltre l Arpa Lazio, che ha riscontrato anch essa la presenza di sostanze pericolose. L iter seguito: sostanze velenose-fertilizzazione-grano-pasta alimentare ha investito svariati quintali di grano duro. Riprende la parola l avvocato Cambi: «Ma non è finita qui - continua - I terreni in questione sono interessati anche da falde acquifere. Quindi, non solo il grano ne ha risentito ma sono a rischio anche tali falde acquifere». Occorre provvedere al più presto alla bonifica dei terreni, dei pozzi, delle falde, per evitare la contaminazione anche di queste e che i metalli pesanti si spingano sempre più in profondità. Bisogna impedire la mietitura del grano, che terminerà la maturazione. Inoltre è necessario anche il sequestro della pasta realizzata con questo grano e nata nei 29 ettari di terreno concimati con sostanze tossiche. È una grande quantità, si sta parlando di 1300 quintali di grano duro. La vicenda del compost inquinato sembra risvegliare negli abitanti di Formello la vecchia 23

24 storia mai dimenticata della nube tossica alla diossina sviluppatasi a Seveso 29 anni fa in questo periodo, il 10 luglio del Tale disastro provocò un danno enorme non solo alle colture, ma anche a uomini e animali. I cittadini sono in stato di allarme e si augurano una bonifica al più presto. IL TEMPO 8 agosto 2005 PINETO Rifiuti tossici in mare a causa delle discariche abusive sul greto del fiume Vomano che nessuno... ha mai provveduto a rimuovere. Un colpo mortale al turismo che già vive un momento di gravissima crisi. La denuncia arriva dal responsabile del Wwf di Pineto Umberto Di Loreto. «Sono quattro anni che la nostra associazione si batte per arginare un fenomeno sempre più allarmante fa presente Umberto Di Loreto Purtroppo nessuno finora ci ha dato ascolto». Qualche anno fa si arrivò addirittura a individuare ben 23 discariche abusive sul Vomano. Corriere della Sera 26 settembre 2005 SENISE (Potenza) - Scoperta dalla guardia di finanza a Senise, nel potentino, una discarica abusiva con migliaia di tonnellate di rifiuti speciali. Nella cava, vicino alle sponde del fiume Sinni, erano stoccati scarti industriali della lavorazione, batterie esaurite, pneumatici, materiale... LA NUOVA ECOLOGIA 27 settembre 2005 Traffico di rifiuti, 27 denunce Si chiama "Marco Polo" l'indagine della procura di Napoli che ha scoperto un'organizzazione che operava in tutta Italia e aveva declassificato 27mila tonnellate di rifiuti speciali per un giro d'affari da un milione di euro Avevano declassificato illecitamente 27mila tonnellate di rifiuti speciali. Una quantità enorme, per un giro d affari quantificabile in un milione di euro. Ne sono convinti gli uomini del Reparto operativo - Sezione operativa centrale del comando carabinieri per la Tutela dell'ambiente che hanno condotto l inchiesta Marco Polo, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Napoli, Maria Cristina Ribera, nei confronti di una presunta organizzazione criminale che si occupa di traffico internazionale di rifiuti. Alla fine sono state 27 le persone denunciate. Le enormi quantità di rifiuti, reperite presso piattaforme di raccolta del Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Molise, Puglia e Campania, venivano destinati a impianti di recupero, passaggio necessario per effettuare la declassificazione documentale degli stessi: simulando un trattamento che nella realtà non avveniva, i rifiuti divenivano, come per incanto, materia prima e, conseguentemente, venivano accompagnati non più da formulario identificativo del rifiuto, ma da documento di trasporto. Ne derivava, così, la sottrazione alla normativa dei rifiuti e, soprattutto, alla rigida normativa dei trasporti transfrontalieri. 24

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

I rifiuti speciali 47

I rifiuti speciali 47 47 Il quadro conoscitivo relativo alla produzione e alle modalità di gestione dei rifiuti speciali nel 26, si basa sulle dichiarazioni MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), presentate nell anno

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER.

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Capitolo 9 - Rifiuti 201 Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Figura 5. Andamento della produzione di rifiuti speciali pericolosi per macro CER. Da un

Dettagli

RIFIUT I RIFIUTI SPECIALI. Produzione e Destinazione ONLUS. A cura del settore Rifiuti del WWF-Lazio. Elaborazione Franco Rondoni

RIFIUT I RIFIUTI SPECIALI. Produzione e Destinazione ONLUS. A cura del settore Rifiuti del WWF-Lazio. Elaborazione Franco Rondoni RIFIUT ONLUS I RIFIUTI SPECIALI Produzione e Destinazione A cura del settore Rifiuti del WWF-Lazio Elaborazione Franco Rondoni Revisione, impaginazione e grafica Giovanni Iudicone e Fabrizio Piemontese

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA

IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI IN EMILIA- ROMAGNA I Rifiuti Speciali Il quadro conoscitivo sulla produzione e sulle modalità di gestione dei rifiuti speciali si basa sulle dichiarazioni MUD

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori

DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006. Claudio Boldori DISPENSE IN MATERIA DI: GESTIONE RIFIUTI DAL DECRETO RONCHI DEL 1997 AL CODICE AMBIENTALE DEL 2006 Claudio Boldori CON LA PUBBLICAZIONE DEL RONCHI TER, SEMBRA CONCLUSA LA PRIMA E DOVEROSA FASE DI COMPLETAMENTO

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi

l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi Procedure e problemi per l attribuzione del codice CER ai fini della pericolosità del rifiuto e del suo smaltimento Laura Balocchi Sommario Breve excursus dell evoluzione normativa in materia di classificazione

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata:

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata: 10 CRITERI TECNICI DELLE PRIORITÀ L elenco dei siti con gli indici di priorità contenuti nel presente piano, dovrà essere rivisto ed aggiornato alla luce delle risultanze emergenti dai piani di caratterizzazione.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB (D. Lgs. 209/99) Aggiornamento al 31 marzo 2015 S e z i o n e R e g i o n a l e C a t a s t o R i f i u t i A R P A P i e m o n t e P i e m o n t e ARPA Piemonte

Dettagli

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita

A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita A 16 anni dall approvazione del decreto Ronchi è in corso una rivoluzione della gestione dei rifiuti: - che sta cambiando gli stili di vita (battaglia vinta contro i sacchetti di plastica non compostabile);

Dettagli

4.3 Il recupero di materia

4.3 Il recupero di materia 4.3 Il recupero di materia Nel 2008 sono state gestite tramite operazioni di recupero di materia (da R2 a R13) oltre 13.000.000 t di rifiuti in Veneto nei circa 1.200 impianti ubicati sul territorio regionale.

Dettagli

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali

Smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed industriali dei ed industriali Impianti Meccanici 1 industriali Premesse Con il termine rifiuto solido si intende qualsiasi materiale od oggetto, normalmente allo stato solido, derivante da attività umane o naturali

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA

I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA REPORT STATISTICO I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA ANNI A 2007 2007-20122012 1 I RIFIUTI URBANI IN SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

La gestione dei rifiuti in Italia Le emergenze croniche, le eccellenze consolidate e le politiche da attuare

La gestione dei rifiuti in Italia Le emergenze croniche, le eccellenze consolidate e le politiche da attuare La gestione dei rifiuti in Italia Le emergenze croniche, le eccellenze consolidate e le politiche da attuare Stefano Ciafani Vice presidente nazionale di Legambiente Le emergenze (che finiscono in prima

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

Report incentivi ISI 2013

Report incentivi ISI 2013 Report incentivi ISI 2013 Il 29 maggio 2014 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 307,359 milioni di euro stanziati dall INAIL nell ambito del bando degli incentivi

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI

SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI anno 211 Assessorato Ambiente, risorse idriche, acque minerali e termali, difesa del suolo, attività estrattive, economia montana, protezione civile Direzione

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Produzione e Gestione dei Rifiuti

Produzione e Gestione dei Rifiuti Direzione Ambiente Osservatorio Regionale Rifiuti Produzione e Gestione dei Rifiuti Parte Seconda Rifiuti Speciali (Anno 2010) Area Funzionale Tecnica Direttore: dott. Mauro DOVIS Sezione Regionale Catasto

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo La Direttiva discariche n. 31/1999 ha richiesto agli Stati membri della Comunità europea una riduzione progressiva del quantitativo di rifiuti urbani

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

Batterie per auto, oli minerali e pneumatici

Batterie per auto, oli minerali e pneumatici Page 1 of 5 n. 001 - Lunedì 02 Gennaio 2012 Batterie per auto, oli minerali e pneumatici Come possono i cittadini smaltirli correttamente? Nell'ambito delle problematiche relative ai rifiuti, si presentano,

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Lorenzo Frattini Presidente Legambiente Emilia Romagna Giorgio Zampetti - Responsabile scientifico nazionale Legambiente Quali urgenze?

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA La materia dei roghi tossici si presta ad una prima applicazione del «processo di legalità» che abbiamo

Dettagli

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE

Quaderni di aggiornamento normativo A cura del dott. Jacopo Rapisarda e-mail:j.rapisarda@bluebrain.it DISCARICHE DISCARICHE Nuove definizioni: riflessi per le aziende Criteri di ammissione dei rifiuti, adeguamento delle discariche in esercizio, obblighi dei conferitori dei rifiuti Il Decreto Legislativo 13 gennaio

Dettagli

Fig. 33: ANDAMENTO PRODUZIONE RIFIUTI SPECIALI, totale e pericolosi (tonnellate), 2000-2006 12.159.215

Fig. 33: ANDAMENTO PRODUZIONE RIFIUTI SPECIALI, totale e pericolosi (tonnellate), 2000-2006 12.159.215 Rifiuti speciali dati 2005-2006 Produzione La raccolta dei dati relativa alla produzione dei rifiuti speciali (sostanzialmente i rifiuti di origine industriale) è più complessa e meno efficace rispetto

Dettagli

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti

Il manuale SARMa La produzione di aggregati riciclati da rifiuti inerti G. Bressi E. Pavesi G. Volpe Workshop nazionale Parma 27 maggio 2011 Palazzo Soragna Strada al Ponte Caprazucca, 6/a Parma sede dell Unione Parmense degli Industriali Attività estrattive, sostenibilità

Dettagli

Gestione rifiuti tossici e nocivi. Gestione imballaggi e rifiuti da imballaggio Elenchi rifiuti pericolosi (Catalogo Europeo dei Rifiuti- CER)

Gestione rifiuti tossici e nocivi. Gestione imballaggi e rifiuti da imballaggio Elenchi rifiuti pericolosi (Catalogo Europeo dei Rifiuti- CER) ALLEGATO 4: Riferimenti legislativi La regolamentazione della gestione dei rifiuti è stata oggetto di diversi provvedimenti normativi a livello comunitario, nella tabella che segue vengono riportati i

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D

Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D Barbara Villani bvillani@arpa.emr.it, Cecilia Cavazzuti ccavazzuti@arpa.emr.it, Giacomo Zaccanti gzaccanti@arpa.emr.it I rifiuti

Dettagli

Rapporto Cave 2014. I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano.

Rapporto Cave 2014. I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano. Rapporto Cave 2014 I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano. La fotografia della situazione Sono 5.592 le cave attive

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

3 Rifiuti speciali DATI 2010

3 Rifiuti speciali DATI 2010 3 Rifiuti speciali DATI 2010 Relazione produzione rifiuti, art. 18, l.r. 26/2003 Come già accennato nell introduzione, per la produzione e gestione dei rifiuti speciali relativi al 2010, la fonte dei dati

Dettagli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli Giugno 215 Il sistema ufficiale Secondo l ultimo Rapporto sui Rifiuti Urbani pubblicato dall ISPRA, nel 213 sono state

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 CIRCA 14% IN MENO I RIFIUTI URBANI SMALTITI IN DISCARICA Presentato il Rapporto ISPRA sui Rifiuti

Dettagli

L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale. Riccardo De Lauretis ISPRA

L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale. Riccardo De Lauretis ISPRA L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale Riccardo De Lauretis ISPRA Inventario delle emissioni in atmosfera (1 di 2) Raccolta ed elaborazione dati di attività: le istituzioni

Dettagli

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI 10 gennaio 2013 Anno 2010 GLI INVESTIMENTI PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Nel 2010, la spesa per investimenti ambientali delle imprese industriali 1 è risultata pari a 1.925

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

www.sepro.it www.sepro.it Sepro srl VIa Vittorio Alfieri 1/a 30038 Spinea (VE) sepro@sepro.it Tel Fax +39 041 994839 +39 041 5411392

www.sepro.it www.sepro.it Sepro srl VIa Vittorio Alfieri 1/a 30038 Spinea (VE) sepro@sepro.it Tel Fax +39 041 994839 +39 041 5411392 VIa Vittorio Alfieri 1/a 30038 Spinea (VE) sepro@sepro.it Tel Fax +39 041 994839 +39 041 5411392 www.sepro.it www.sepro.it L ambiente in cui viviamo viene giorno dopo giorno occupato dai rifiuti che produciamo

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO

PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LIVORNO SEGNALAZIONE A SEGUITO DI CONTROLLO PRESSO UNA SOCIETA CHE EFFETTUAVA BONIFICA DI UN SITO INQUINATO OGGETTO DELLA VERIFICA CONTROLLO F.I.R. RELATIVI AL TRASPORTO DI EMULSIONI CONTENENTI

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net Sotto un terreno destinato a coltivazione agricola, una enorme estensione di rifiuti tossici Il Corpo Forestale dello Stato scopre in provincia di Napoli una grande discarica sotterranea di rifiuti pericolosi.

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche MEMO/05/248 Bruxelles, 11 agosto 2005 Domande e risposte sulle politiche comunitarie nel settore dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche 1) Quali sono i problemi causati dai rifiuti di

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

Il Catasto dei rifiuti

Il Catasto dei rifiuti Il Catasto dei rifiuti Il Catasto dei rifiuti Rosanna Andolina, Cristina Mazzetti Normativa Nel nostro Paese così come a livello comunitario, la contabilità dei rifiuti è reputata strategica per una corretta

Dettagli

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra

Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Comunicato Stampa Aziende e Ambiente: la crisi economica riduce le emissioni di gas serra Il report di EcoWay primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading della commodity CO 2 - sui dati

Dettagli

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo,

Commissione delle Comunità europee, rappresentata dai sigg. H. Støvlbæk e R. Amorosi, in qualità di agenti, con domicilio eletto in Lussemburgo, SENTENZA DELLA CORTE di GIUSTIZIA UE (Terza Sezione) 16 settembre 2004. «Inadempimento di uno Stato Inquinamento e fattori nocivi Protezione del suolo Fanghi di depurazione Trasmissione di informazioni

Dettagli

Quadro sinottico degli indicatori

Quadro sinottico degli indicatori RIFIUTI 08 Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) INDICATORI DI RISPOSTA (R) Produzione di Rifiuti Urbani Produzione di Rifiuti Speciali Produzione di Rifiuti Speciali nel comparto

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli