REATI AMBIENTALI E D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO CHE ESTENDE LA RESPONSABILITA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REATI AMBIENTALI E D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO CHE ESTENDE LA RESPONSABILITA'"

Transcript

1 LE TABELLE DI CORRELAZIONE FRA MODELLI ORGANIZZATIVI UNI- INAIL, BS OHSAS ED ART. 30 D.LGS 81/08 La commissione Consultiva permanente per la sicurezza ha approvato nella seduta di aprile 2011 il documento con cui ha provveduto a fornire i primi chiarimenti sul sistema di controllo (comma 4. Art. 30 D.Lgs 81/08) ed indicazioni per un sistema disciplinare per le aziende che hanno adottato un modello organizzativo PRIMA PARTENZA SISTRI: 1 SETTEMBRE ECCO I NOSTRI CORSI PER IL MANTENIMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA. In occasione dell'entrata in funzione del sistema, SEA propone un corso di formazione e di mantenimento dell'utilizzo del SISTRI. Il corso si terrà nelle date del 29, 30 e 31 agosto con due incontri a scelta al mattino, dalle 9 alle al pomeriggio dalle 14 alle Il corso è a numero chiuso per un massimo di 10 partecipanti ad edizione. Lo svolgimento è presso Formazione s.p.a., via IV Novembre, 93/b a Trento. TRATTAMENTO RIFIUTI E MATERIALI RICICLATI: LA DELIBERA DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO La Giunta Provinciale di Trento con delibera n 1333 del 24 Giugno 2011 ha deliberato l'approvazione delle linee guida per la corretta gestione di un impianto di recupero e trattamento rifiuti e per la produzione di materiali riciclati da impiegare nelle costruzioni, oltre che alle relative norme tecniche REATI AMBIENTALI E D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO CHE ESTENDE LA RESPONSABILITA' Il governo italiano ha recepito le direttive europee in merito ai danni ambientali che impongono di sanzionare penalmente le condotte illecite individuate dalla direttiva 2008/99, e fino ad oggi non sancite come reati, e di introdurre la responsabilità delle persone giuridiche. Nel provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri, in data 7 Luglio 2011, oltre alla direttiva 2008/99CE, viene recepita anche la 2009/123CE che modifica la direttiva 2005/35/CE realtiva all inquinamento

2 INDICE SICUREZZA Le tabelle di corrsipondenza Modelli organizzativi UNI-INAIL, BS OHSAS ed Art. 30 D.Lgs 81/08 Smaltimento e scarico in sicurezza di bombole GPL: la Norma UNI EB 12816:2011 Sicurezza antincendio: nuova edizione della Norma Comunicazioni per lavoratori usuranti: on-line il modulo per l'accreditamento dei datori di lavoro Costituito il Comitato Consultivo per l'aggiornamento dei valori limite di esposizione ad agenti chimici La circolare della Commissione Consultiva in merito alle prime indicazioni di correlazione fra REACH e CLP AMBIENTE PRIMA PARTENZA SISTRI: 1 SETTEMBRE Ecco i corsi organizzati da SEA per il mantenimento dell'utilizzo del sistema. Trattamento rifiuti e materiali riciclati: la delibera della Provincia autonoma di Trento Reati ambientali inseriti nel D.Lgs 231/01: firmato il Decreto Qualità dell'aria e ambiente: nuove zonizzazioni e classificazioni REACH - registrazione di allegati In arrivo Norme europee sui biocombustibili solidi Trentino (ma non solo): deroghe alla qualità dell'acqua destinata al consumo umano SISTRI: nuove proroghe ENERGIA E QUALITÀ Quarto conto energia: pubblicate le regole applicative e l'aggiornamento di quelle tecniche Gestione dell'energia: l'impatto della nuova ISO Ultime novità dall'autorità per l'energia elettrica ed il gas NOTIZIE E ARTICOLI Processo Eternit: l'inail chiede 272 Milioni di Euro di risarcimento La Saras assolta da responsabilità amministrativa per la morte di tre operai Infortuni mortali: nel 2010 per la prima volta sotto i 1000 I FOCUS DI SEA I rischi di esposizione a luce blu e la sorveglianza sanitaria

3 FORMAZIONE I corsi di formazione in programma ad Agosto 2011 SCADENZE Le scadenze di Agosto e Settembre 2011 SENTENZE E QUESITI Il datore di lavoro deve informarsi sui rischi provenienti da attività di terzi Il Responsabile comunale della manutenzione risponde penalmente in caso di mancata valutazione dei pericoli Lavoratore imprudente? In caso di carenze responsabile comunque il datore di lavoro

4 SICUREZZA LE TABELLE DI CORRSIPONDENZA MODELLI ORGANIZZATIVI UNI-INAIL, BS OHSAS ED ART. 30 D.LGS 81/08 La commissione Consultiva permanente per la sicurezza ha approvato nella seduta di aprile 2011 il documento con cui ha provveduto a fornire i primi chiarimenti sul sistema di controllo (comma 4. Art. 30 D.Lgs 81/08) ed indicazioni per un sistema disciplinare per le aziende che hanno adottato un modello organizzativo definito conformemente alle linee guida UNI-INAIL (2001) o BS OHSAS 18001:2007 con una tabella di correlazione fra le parti corrispondenti di cui al comma % dell Art.30 stesso. La tabella può essere scaricata sul sito del ministero, cliccando qui Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

5 SICUREZZA SMALTIMENTO E SCARICO IN SICUREZZA DI BOMBOLE GPL: LA NORMA UNI EB 12816:2011 La nuova edizione della norma UNI EN 12816:2011, che sostituisce la versione del 2002, riguarda le procedure per il trattamento, la messa in sicurezza e lo smaltimento delle bombole trasportabili e ricaricabili per GPL. Dal titolo Attrezzature e accessori per GPL - Bombole trasportabili e ricaricabili per GPL Smaltimento, la norma specifica i metodi per lo scarico di gas e per lo smaltimento in sicurezza di bombole per il GPL ricaricabili, realizzate in acciaio, materiali compositi e alluminio, con capacità in acqua da 0,5 l fino a 150 l compresi. La norma europea, di competenza della commissione UNI Recipienti per il trasporto di gas compressi, disciolti o liquefatti, riguarda l utilizzo di sostanze e procedimenti che possono essere nocivi alla salute e/o all ambiente qualora non vengano prese le adeguate precauzioni. Si riferisce unicamente all idoneità tecnica e non libera l utente da responsabilità civili relative alla salute e alla sicurezza a qualsiasi livello. La UNI EN 12816:2011 prende in considerazione gli aspetti relativi a tutto il ciclo di vita della bombola, la fase di rottamazione, il riciclo dei materiali. Per la sua eliminazione è necessario procedere con lo scarico del gas e con lo smontaggio del rubinetto come indicato nella norma stessa, che indica altresì le azioni necessarie per lo stoccaggio delle bombole Dott. Daniele Carlini Tel. 0471/ cell. 331/

6 SICUREZZA SICUREZZA ANTINCENDIO: NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA La nuova edizione della norma UNI ("Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi"), pubblicata nel giugno di quest'anno, è stata impostata tenendo conto dell aggiornamento tecnologico e della necessità di allinearla ai contenuti della UNI 9795 ("Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d'incendio - Progettazione, installazione ed esercizio"). Non è solo la corretta progettazione, l'utilizzo di componenti a norma o l'installazione a regola d'arte a rendere pienamente efficace la sicurezza antincendio. Questa dipende in maniera altrettanto significativa dal controllo iniziale e da adeguate attività di manutenzione. L UNI organizza a partire da settembre 2011 una serie di incontri in varie città italiane. Per la locandina cliccare qui Dott.ssa Michela Bezzi Tel. 0461/ cell. 335/

7 SICUREZZA COMUNICAZIONI PER LAVORATORI USURANTI: ON-LINE IL MODULO PER L'ACCREDITAMENTO DEI DATORI DI LAVORO On line il modello per i datori di lavoro e la funzione di accreditamento. Il Decreto Legislativo n. 67 del 21 aprile 2011, che introduce la possibilità di beneficiare di un accesso anticipato al pensionamento in favore degli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, stabilisce l obbligo per i datori di lavoro di dare comunicazione on line delle lavorazioni indicate nel testo del decreto. In particolare, nel caso dei processi produttivi in serie caratterizzati dalla linea catena (ovvero le lavorazioni indicate all articolo 1, comma 1, lettera c ed esplicitate nell allegato 1) i datori di lavoro devono compilare il modello LAV-US, disponibile on line sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro dal 21 giugno Per maggiori informazioni e per l accreditamento cliccare qui Ing. Rolando Micheli Tel. 0461/ cell. 335/

8 SICUREZZA COSTITUITO IL COMITATO CONSULTIVO PER L'AGGIORNAMENTO DEI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI Con Decreto Interministeriale del 27 maggio 2011, pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 6 del 30 giugno 2011, è stato costituito il Comitato consultivo per la determinazione e l aggiornamento dei valori limite di esposizione professionale e dei valori limite biologici relativi agli agenti chimici previsto dall articolo 232, comma 1, del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. La prima riunione si è tenuta il 20 Luglio 2011 Dott. Mario Pelanda Tel. 0461/ cell. 348/

9 SICUREZZA LA CIRCOLARE DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA IN MERITO ALLE PRIME INDICAZIONI DI CORRELAZIONE FRA REACH E CLP È stata pubblicata dalla Commissione consultiva permanente del Ministero del lavoro la circolare "Prime indicazioni esplicative in ordine alle implicazioni del Regolamento (CE) n. 1907/2006, REACH, del Regolamento (CE) n. 1272/2008, CLP, e del regolamento UE n. 453/2010 nell ambito della normativa vigente in materia di salute sicurezza nei luoghi di lavoro (Titolo IX del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i, Capo I Protezione da Agenti Chimici e Capo II Protezione da Agenti Cancerogeni e Mutageni)". Il documento definisce le modalità di armonizzazione dei regolamenti REACH e CLP in relazione a quanto già previsto dal D.Lgs 81/08 in materia di valutazione dei rischi e protezione da agenti chimici, cancerogeni e mutageni di cui al Titolo IX. La circolare può essere scaricata qui. Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

10 AMBIENTE PRIMA PARTENZA SISTRI: 1 SETTEMBRE ECCO I CORSI ORGANIZZATI DA SEA PER IL MANTENIMENTO DELL'UTILIZZO DEL SISTEMA. Il giorno 1 settembre 2011, salvo proroghe dell ultimo minuto, il sistema SISTRI sarà operativo per il primo scaglione, cioè per i produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti, per gli impianti di smaltimento o di recupero, incenerimento, etc. e per i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui superiori alle tonnellate. SEA propone pertanto un corso di formazione di mantenimento dell utilizzo del SISTRI. Il corso si propone quindi di simulare in un aula informatica l accesso al sistema con le proprie chiavette USB in possesso dei singoli soggetti partecipanti. In particolare verranno effettuate delle simulazioni per: accesso al sistema; registrazione delle operazioni di carico dei rifiuti; gestione delle schede di movimentazione e procedure e tempistica per la movimentazione dei rifiuti; programmazione e gestione dei viaggi per i trasportatori; procedure di accettazione dei rifiuti per i gestori di impianti di trattamento rifiuti; casi particolari: errori di compilazione, verifiche, annullamento viaggi. DATE E LUOGHI DI SVOLGIMENTO Il corso della durata di tre ore verrà proposto nelle seguenti giornate a scelta del partecipante: 29 agosto agosto agosto 2011 Per ogni giornata saranno previsti due incontri a scelta al mattino e al pomeriggio con i seguenti orari: mattino: dalle ore 9:00 alle ore 12:30 pomeriggio: dalle ore 14:00 alle ore 17:30 Il corso è a numero chiuso per un massimo di 10 partecipanti ad edizione. La sede di svolgimento è presso Formazione S.p.A, Via IV novembre, 93/b Trento (a Gardolo vicino alle piscine, con parcheggio libero lungo la via) COSTO DEL CORSO

11 Il corso è offerto ad un costo di 230,00 + IVA 20% a partecipante. Il versamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate: UNICREDIT SPA FILIALE DI TRENTO CENTRO IBAN: IT 19 V Indicando quale causale: Corso SISTRI, data di adesione, nominativo partecipanti. Le ricevute del versamento o in alternativa il numero di C.R.O. (Codice Riferimento Operazione) dovrà essere allegata all atto dell iscrizione. ISCRIZIONI L iscrizione al corso è da inviare mediante la scheda allegata al fax 0461/ o per all indirizzo entro e non oltre il giorno 25 agosto Nelle settimane dal 08 al 22 agosto 2011 SEA è chiusa per la pausa estiva. In tale periodo si accettano le iscrizioni solo via fax. Ing. Arianna Eccel eccel. Tel. 0461/ cell. 334/ Per iscriverti clicca qui

12 AMBIENTE TRATTAMENTO RIFIUTI E MATERIALI RICICLATI: LA DELIBERA DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO La Giunta Provinciale di Trento, con delibera n di data 24 giugno 2011, ha deliberato l approvazione di - Linee guida per la corretta gestione di un impianto di recupero e trattamento dei rifiuti e per la produzione di materiali riciclati da impiegare nelle costruzioni (allegato A) - Norme tecniche e ambientali per la produzione dei materiali riciclati e posa nelle costruzioni e manutenzione di opere edili, stradali e recuperi ambientali (allegato B). Si informa in merito che la delibera stessa si deve intendere esecutiva con l approvazione e quindi a decorrere dalla medesima data del 24 giugno Dott. Roberto Maddalena Tel. 0461/ cell. 329/

13 AMBIENTE REATI AMBIENTALI INSERITI NEL D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO Il governo italiano ha recepito le direttive europee in merito ai danni ambientali che impongono di sanzionare penalmente le condotte illecite individuate dalla direttiva 2008/99, e fino ad oggi non sancite come reati, e di introdurre la responsabilità delle persone giuridiche. Nel provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri, in data 7 Luglio 2011, oltre alla direttiva 2008/99CE, viene recepita anche la 2009/123CE che modifica la direttiva 2005/35/CE realtiva all inquinamento. Nel D. Lgs. 231/01 quindi sarà presente il nuovo articolo Art. 25-undecies (Reati ambientali). Ciò comporta che per alcuni reati ambientali di particolare gravità si applicherà l impianto sanzionatorio previsto dal D.Lgs 231/01 per la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, con il sistema a quote. Ing. Mattia Tranquillini Tel. 0461/ cell. 335/

14 AMBIENTE QUALITÀ DELL'ARIA E AMBIENTE: NUOVE ZONIZZAZIONI E CLASSIFICAZIONI Sul Supplemento n 1 al B.U.R. è stata pubblicata la Delibera 1036/2011 concernente il D.Lgs 13 Agosto 2010 n 155 (Attuazione della direttiva N 2008/50/CE relativa alla qualità dell aria e l ambiente). La nuova zonizzazione prevede due sole zone di classificazione, con riferimento a biossido di zolfo, polveri sottili, monossido di carbonio, biossido di azoto, benzene, piombo (a)pirene, arsenico, cadmio e nickel. Le zone classificate sono - zona di fondovalle: fino a 1500 m.s.l.m - zona di montagna sopra ai 1500 m s.l.m. Ing. Nadia Mazzoldi Tel. 0461/ cell. 335/

15 AMBIENTE REACH - REGISTRAZIONE DI ALLEGATI Sulla G.U. Europea n 69/2011 sono stati pubblicati i Regolamenti 252 e 253/2011 che aggiornano rispettivamente gli allegati I e XIII al registro REACH n 1907/2006. L Allegato I contiene Disposizioni generali relative alla valutazione delle sostanze e all elaborazione delle relazioni sulla sicurezza chimica mentre l Allegato XIII riguarda Criteri per l identificazione delle sostanze persistenti, bioaccumulabili e tossiche, e delle sostanze molto persistenti e molto bioaccumulabili Ing. Arianna Eccel Tel. 0461/ cell. 334/

16 AMBIENTE IN ARRIVO NORME EUROPEE SUI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI Stanno per essere pubblicate le nuove norme europee del pacchetto EN sui biocombustibili solidi. Si tratta di un innovativo gruppo di sei norme tecniche finalizzate a definire le caratteristiche chimico-fisiche di cinque biocombustibili solidi: pellet di legno, bricchette, cippato, legna da ardere in ciocchi, pellet di materiali diversi dal legno. Il tema fino ad oggi era stato oggetto di specifiche norme nazionali: ricordiamo la O-Norm 7135 in Austria e per l'italia la UNI TS sul pellet e la UNI TS su legna, bricchette e cippato.queste norme avranno un grande impatto sul mercato. Nel recente decreto legislativo 28/2011di attuazione della Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, nell'allegato 2, si legge infatti che "Per le biomasse utilizzate in forma di pellet o cippato ai fini dell accesso agli incentivi statali, a decorrere da un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, è richiesta la conformità alle classi di qualità A1 e A2 indicate nelle norme UNI EN per il pellet e UNI EN per il cippato" Dott. Geol. Andrea Della Lucia Tel. 0461/ cell. 335/

17 AMBIENTE TRENTINO (MA NON SOLO): DEROGHE ALLA QUALITÀ DELL'ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO E' stato pubblicato sulla G.U. n.151 del 1 luglio 2011, ed operativo da tale data, il Decreto 11 maggio 2011, concernente la Disciplina e le deroghe alle caratteristiche di qualità delle acque destinate al consumo umano che possono essere disposte dalle regioni Campania, Lazio, Lombardia, Toscana e dalla provincia autonoma di Trento. La deroga vale solo per alcuni comuni di ciascuna Regione e per 2 sostanze: - il fluoruro per le regioni Campania (entro i 2,5mg/l) fino al 31 dicembre 2012; - l arsenico (entro i 20 ug/l), per alcuni comuni delle Regioni Lazio, e Toscana fino al 31 dicembre 2012, per alcuni comuni delle Lombardia e della Provincia di Trento fino al 31 dicembre Il Decreto è operativo dal 1 di Luglio Dott.ssa Donatella Maoro Tel. 0461/ cell. 348/

18 AMBIENTE SISTRI: NUOVE PROROGHE Sulla Gazzetta Ufficiale n. 156 del 7 luglio 2011 è pubblicata la legge 12 luglio 2011, 106 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, concernente Semestre Europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia". La legge è entrata in vigore il 13 luglio e apporta rilevanti modifiche ad una serie di norme del D.L. n. 70/2011, tra le quali si segnala l'art. 6, co. 2, del D.L. n. 70/2011, relativa all'effettiva entrata in vigore del SISTRI. A tale disposizione è stata infatti aggiunta "al fine di garantire che un adeguato periodo transitorio consenta la progressiva entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, per i soggetti di cui all'articolo 1, comma 5, del decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 26 maggio 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 124 del 30 maggio 2011, il relativo termine, da individuare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nei modi di cui all'articolo 28, comma 2, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, non può essere antecedente al 1º giugno 2012". Dott. Nadia Mazzoldi Tel. 0461/ cell. 335/

19 ENERGIA E QUALITÀ QUARTO CONTO ENERGIA: PUBBLICATE LE REGOLE APPLICATIVE E L'AGGIORNAMENTO DI QUELLE TECNICHE Il GSE pubblica le Regole Applicativecontenenti le modalità di attuazione delle disposizioni stabilite dal Decreto Ministeriale 5 maggio Il documento tecnico, finalizzato tra l altro ad assicurare chiarezza e trasparenza verso gli operatori, definisce le modalità di individuazione della tipologia di tariffa incentivante a cui l'impianto fotovoltaico può accedere, le relative modalità di accesso, ivi incluse anche quelle riguardanti le maggiorazioni e il premio abbinato ad uso efficiente dell energia eventualmente richiesti. Vengono inoltre definite nel documento le regole relative alle norme anti-frazionamento degli impianti e alle disposizioni derivanti dall applicazione del DLgs n. 28 del 2011 per gli impianti su terreni agricoli. Maggiori informazioni sul sito del GSE raggiungibile cliccando qui. Dott. Nicola Dalla Torre Tel. 0461/ cell. 335/

20 ENERGIA E QUALITÀ GESTIONE DELL'ENERGIA: L'IMPATTO DELLA NUOVA ISO Il programma pilota messo a punto per testare l efficacia della nuova ISO 50001, applicato ad una grande azienda e a una piccola impresa, ha riportato esiti positivi: sono stati giudicati sostanziali i miglioramenti in tema di efficienza energetica, accompagnati da impatti finanziari positivi. I risultati sono stati presentati lo scorso 17 giugno, data di presentazione ufficiale della ISO presso l International Conference Centre (CICG) di Ginevra in Svizzera. Sono disponibili online sul sito web ISO materali video sulla nuova ISO e la brochure Win the energy management challenge with ISO Dott. Roberto Maddalena Tel. 0461/ cell. 329/

21 ENERGIA E QUALITÀ ULTIME NOVITÀ DALL'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Per raggiungere l articolo è sufficiente cliccare sul testo sottolineato Provvedimenti Delibera ARG/com 92/11 pubblicata il 12 luglio 2011 Disposizioni per la definizione di proposte in tema di pubblicazione comparativa di graduatorie sulla performance di risposta dei venditori ai reclami scritti dei clienti finali di energia elettrica e gas Consultazioni DCO 26/11 pubblicato il 12 luglio 2011 Modifica dell Allegato A alla deliberazione dell Autorità n. 11/07, finalizzato all introduzione di misure volte a promuovere l adempimento degli obblighi di separazione funzionale e contabile a carico dei soggetti operanti nei settori dell energia elettrica e del gas Termine invio osservazioni Seminari Documento per la consultazione 16 giugno 2011, n. 22/11 (DCO 22/11) Dott. Roberto Maddalena Tel. 0461/ cell. 329/

22 NOTIZIE E ARTICOLI PROCESSO ETERNIT: L'INAIL CHIEDE 272 MILIONI DI EURO DI RISARCIMENTO L'Istituto, parte civile contro la multinazionale dell'amianto, ha depositato le sue conclusioni: condanna in solido per i due imputati e delle società del gruppo per un importo di 185,5 milioni - ovvero il totale degli indennizzi concessi a lavoratori - più 87 milioni per la capitalizzazione delle rendite Oltre 272 milioni e mezzo di euro: è questa la somma che l'inail chiede come parte civile nel processo contro la multinazionale elvetica dell'amianto Eternit - il più grande dibattimento per asbesto mai celebrato in Europa - e che vede imputati Stephan Schmidheiny, miliardario svizzero di 64 anni, e Louis de Cartier, barone belga di 89 anni, entrambi accusati di disastro ambientale doloso (per l'inquinamento e la dispersione delle fibre-killer) e di omissione volontaria di cautele nei luoghi di lavoro a danno dei dipendenti degli stabilimenti del gruppo di Cavagnolo (Torino), Casale Monferrato (Alessandria), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli). Ing. Rolando Micheli micheli. Tel. 0461/ cell. 335/

23 NOTIZIE E ARTICOLI LA SARAS ASSOLTA DA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LA MORTE DI TRE OPERAI Ai sensi dell art. 25-septies del D.Lgs. 231/01 la SARAS è stata assolta dalla responsabilità amministrativa, nonostante le condanne penali inflitte ai dirigenti. Un primo commento al dispositivo della sentenza del Tribunale di Cagliari del 4 luglio 2011 che ha stabilito che il reato di omicidio colposo per il quale sono stati condannati i vertici della SARAS e della ditta appaltatrice a seguito della morte dei tre operai il 26 maggio 2009 non fu commesso nell interesse o a vantaggio dell ente. Si legge infatti nel dispositivo (mentre si è ancora in attesa entro 60 giorni delle motivazioni della sentenza che forniranno ulteriori chiarificazioni e chiavi di lettura della stessa) che visti gli artt. 5 e 66 D.Lgs. 231/2001 [il Tribunale] esclude la responsabilità della SARAS s.p.a. in ordine all illecito amministrativo contestato al capo B perché il fatto non sussiste, in quanto il reato non fu commesso nell interesse o a vantaggio dell ente. Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

24 NOTIZIE E ARTICOLI INFORTUNI MORTALI: NEL 2010 PER LA PRIMA VOLTA SOTTO I 1000 Come già nel 2009 anche se mitigato dal contesto della crisi, il 2010 ha registrato un'ulteriore contrazione di denunce di infortuni ( complessive) a conferma del miglioramento ormai strutturale dell'andamento infortunistico in Italia. Per la prima volta dal dopoguerra la soglia dei morti sul lavoro è scesa inoltre sotto i 1000 casi/anno. Il presidente dell'inail, Marco Fabio Sartori, in occasione della presentazione del Rapporto Annuale 2010, fa il punto della situazione. "Soprattutto se pensiamo che solo dieci anni fa gli infortuni erano oltre 1 milione ( ) e ben i casi mortali. E' la dimostrazione di come, negli ultimi anni, siano cambiati la cultura e l'approccio delle imprese al tema della sicurezza sui luoghi di lavoro". "Un significato particolare assume l'incorporazione nell'inail dell'ispesl e dell'ipsema che ha finalmente permesso la nascita del 'Polo della salute e della sicurezza' garantendo il giusto contesto per il concreto sviluppo di quel piano industriale, da noi fortemente voluto e condiviso con Governo e Parlamento, il cui obiettivo finale è la realizzazione effettiva della tutela integrata e globale del lavoratore". Dott. Mario Pelanda Tel. 0461/ cell. 348/

25 I FOCUS DI SEA I RISCHI DI ESPOSIZIONE A LUCE BLU E LA SORVEGLIANZA SANITARIA La notevole diffusione di lampade a scarica rivestite di materiale fluorescente sposta lo spettro di emissione verso temperature di colore correlate (TCC) di circa K con un aumento della quota di blu emesso che varia dall 8-22% in funzione delle caratteristiche delle sorgenti. Per la loro alta efficienza, ottima resa di colore e durata queste lampade sono grandemente usate nelle applicazioni all aperto e all interno ad esempio dei centri commerciali. La valutazione del rischi da luce blu passa attraverso la misura di grandezze che consentono il confronto con i limiti indicati nel D.Lgs 81/2008, titolo VIII - capo V e successive integrazioni. La strumentazione impiegata, indipendentemente dalla tipologia, deve comunque consentire di misurare la radianza spettrale almeno in ogni intervallo di 5λ (5 volte la lunghezza d onda) nell intervallo compreso fra i nm al fine di valutare il rischio da luce blu utilizzando la curva di ponderazione B(λ) come indicato nell allegato XXXVII parte prima del D.Lgs 81/2008. Le metodiche di misura devono essere quelle indicate dallo standard CIE S 009/E:2002: Photobiological Safety of Lamps and Lamps Systems e devono essere analizzate anche le fonti di incertezza, come distribuzione dell errore nella catena di misura. Dal punto di vista pratico, è però sempre complicato valutare i tempi di esposizione in situazioni in cui l operatore svolge compiti che non prevedono la diretta esposizione alle sorgenti, ma per i quali l illuminazione è requisito fondamentale per svolgere l attività. In queste situazioni, frequenti, potrebbe essere utile l impiego di dosimetri per la luce blu. La luce blu rappresenta dunque un rilevante fattore di rischio da valutare attentamente in sede di sorveglianza sanitaria, per gli effetti sui fotorecettori retinici, in particolare quelli foveali. I criteri di impostazione della sorveglianza sanitaria, in condizioni di prima applicazione, i medici competenti propongono di tenere conto di alcune criticità: le lesioni retiniche attese dovrebbero essere assai simili a quelle che si osservano nella AMD; tempi di insorgenza di tali lesioni, prodotte da processi degenerativi lenti, comparirebbero dopo anni di esposizione; esistono difficoltà nella valutazione dell esposizione, date le attuali inadeguate modalità di analisi e quantificazione del blu nei DVR.Pertanto, una Una e forniscono una prima proposta di SS: a) visita oftalmica generale (anamnesi, esame obiettivo di annessi, segmento anteriore e posteriore); b) acuità visiva e rifrazione; c) oftalmoscopia (in midriasi), con foto del fundus in autofluorescenza; d) esame della retina mediante Ocular Computerized Tomography (OCT); e) valutazione funzionale mediante griglia di Amsler; f) test per l esame del contrasto.

26 Dott. Daniele Carlini Tel. 0471/ cell. 331/

27 FORMAZIONE I CORSI DI FORMAZIONE IN PROGRAMMA AD AGOSTO 2011 TRENTO in collaborazione con FORMAZIONE S.p.a. Nel mese di Agosto 2011 non sono attivati corsi, i corsi riprenderanno regolarmente da Settembre 2011 presso le aule didattiche di Formazione Spa in via IV Novembre, 93/B a Gardolo (TN). VERONA in collaborazione con Istituto Provolo Nel mese di Agosto 2011 non sono attivati corsi, i corsi riprenderanno regolarmente da Settembre 2011

28 SCADENZE LE SCADENZE DI AGOSTO E SETTEMBRE 2011 Agosto Denuncia infortuni attività estrattive (d.lgs 624/96 Art.25 comma 8) invio del riepilogo infortuni mese precedente CONAI Dichiarazione mensile di Luglio 2011 (Moduli 6.1, 6.2, 6.3, 6.10) SISTRI (D.Lgs 26/05/2011) termine del periodo transitorio in cui dovranno essere usati i vecchi registri di carico e scarico in abbinamento al sistema informatico, per produttori con più di 500 dipendenti, per trasportatori oltre 3000 tonnellate/anno ed imprese che effettuano smaltimento e recupero Impianti di Incenerimento (Art 11 comma 5 D.Lgs 133/05) termine entro il quale i gestori degli impianti di incenerimento e coincenerimento devono effettuare le misurazioni periodiche previste in Allegato I Par. A punti 3 e 4 e di CO, NOx, SOs, TOC, HCl ed HF Presidi sanitari (D.M. 25/01/91 n 217 art. 3 comma1) termine entro il quale coloro che spediscono presidi sanitari devono fornire al Ministero dell Agricoltura la scheda relativa ai dati di vendita Acqua (DPR 470/82 Art.2)termine entro il quale le ARPA devono comunicare al ministero per la salute i dati dei campionamenti mensili delle acque di balneazione Settembre Denuncia infortuni attività estrattive (D.Lgs 624/96 Art.25 comma 8) invio del riepilogo infortuni mese precedente Energia (Art.1 comma 1 e 2 D.M. 12/01/99 e delibera AEEG 142/07) termine per i soggetti operanti nel settore ed iscritti al registro delle imprese, per le dichiarazioni relative alle informazioni sul soggetto che ha corrisposto il contributo Ex-delibera 142/07 INAIL (Art.12 D.M. 18/06/1988) termine entro il quale i datori di lavoro interessati ad ottenere l accentramento presso un'unica sede INAIL devono depositarne motivata istanza

29 20.09 CONAI Dichiarazione mensile di Agosto 2011 (Moduli 6.1, 6.2, 6.3, 6.10)

30 SENTENZE E QUESITI IL DATORE DI LAVORO DEVE INFORMARSI SUI RISCHI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ DI TERZI Corte di Cassazione 11 luglio 2011, n E' quanto emerge dalla lettura della sentenza n dell'11 luglio 2011 con la quale la Corte di Cassazione ha affermato la responsabilità di un imprenditore per non aver predisposto le cautele necessarie a sottrarre il proprio dipendente dal rischio legato all'esposizione all'amianto presente nel medesimo teatro operativo, ma sotto la gestione di un'altra azienda Dott. Daniele Carlini Tel. 0471/ cell. 331/

31 SENTENZE E QUESITI IL RESPONSABILE COMUNALE DELLA MANUTENZIONE RISPONDE PENALMENTE IN CASO DI MANCATA VALUTAZIONE DEI PERICOLI Corte di Cassazione 11 luglio 2011, n Va condannato il responsabile dell' ufficio di manutenzione del Comune per non essersi attivato per prevenire le situazioni di pericolo delle strade. È questo il contenuto della sentenza n depositata l'11 luglio In particolare, la quarta sezione penale ha spiegato che la condanna emessa dai giudici territoriali di secondo grado per lesioni personali dopo la caduta di un pedone in un tombino scoperto, avvenuta peraltro in una strada male illuminata, risulta incensurabile in sede di legittimità. Ing. Rolando Micheli Tel. 0461/ cell. 335/

32 SENTENZE E QUESITI LAVORATORE IMPRUDENTE? IN CASO DI CARENZE RESPONSABILE COMUNQUE IL DATORE DI LAVORO Corte di Cassazione 1 luglio 2011, n La Corte di Cassazione, con sentenza n del 1 luglio 2011, ha ribadito, come già affermato da precedente giurisprudenza, che è configurabile, ai sensi dell'art c.c., la responsabilità del datore di lavoro per l'infortunio subito da un dipendente anche a fronte di una condotta imprudente di quest'ultimo "se tale condotta è stata determinata, o quanto meno agevolata, da un assetto organizzativo del lavoro non rispettoso delle norme antinfortunistiche, assetto conosciuto o colpevolmente ignorato dal datore di lavoro, che nulla abbia fatto per modificarlo al fine di eliminare ogni fonte di possibile pericolo". Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli