REATI AMBIENTALI E D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO CHE ESTENDE LA RESPONSABILITA'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REATI AMBIENTALI E D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO CHE ESTENDE LA RESPONSABILITA'"

Transcript

1 LE TABELLE DI CORRELAZIONE FRA MODELLI ORGANIZZATIVI UNI- INAIL, BS OHSAS ED ART. 30 D.LGS 81/08 La commissione Consultiva permanente per la sicurezza ha approvato nella seduta di aprile 2011 il documento con cui ha provveduto a fornire i primi chiarimenti sul sistema di controllo (comma 4. Art. 30 D.Lgs 81/08) ed indicazioni per un sistema disciplinare per le aziende che hanno adottato un modello organizzativo PRIMA PARTENZA SISTRI: 1 SETTEMBRE ECCO I NOSTRI CORSI PER IL MANTENIMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA. In occasione dell'entrata in funzione del sistema, SEA propone un corso di formazione e di mantenimento dell'utilizzo del SISTRI. Il corso si terrà nelle date del 29, 30 e 31 agosto con due incontri a scelta al mattino, dalle 9 alle al pomeriggio dalle 14 alle Il corso è a numero chiuso per un massimo di 10 partecipanti ad edizione. Lo svolgimento è presso Formazione s.p.a., via IV Novembre, 93/b a Trento. TRATTAMENTO RIFIUTI E MATERIALI RICICLATI: LA DELIBERA DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO La Giunta Provinciale di Trento con delibera n 1333 del 24 Giugno 2011 ha deliberato l'approvazione delle linee guida per la corretta gestione di un impianto di recupero e trattamento rifiuti e per la produzione di materiali riciclati da impiegare nelle costruzioni, oltre che alle relative norme tecniche REATI AMBIENTALI E D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO CHE ESTENDE LA RESPONSABILITA' Il governo italiano ha recepito le direttive europee in merito ai danni ambientali che impongono di sanzionare penalmente le condotte illecite individuate dalla direttiva 2008/99, e fino ad oggi non sancite come reati, e di introdurre la responsabilità delle persone giuridiche. Nel provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri, in data 7 Luglio 2011, oltre alla direttiva 2008/99CE, viene recepita anche la 2009/123CE che modifica la direttiva 2005/35/CE realtiva all inquinamento

2 INDICE SICUREZZA Le tabelle di corrsipondenza Modelli organizzativi UNI-INAIL, BS OHSAS ed Art. 30 D.Lgs 81/08 Smaltimento e scarico in sicurezza di bombole GPL: la Norma UNI EB 12816:2011 Sicurezza antincendio: nuova edizione della Norma Comunicazioni per lavoratori usuranti: on-line il modulo per l'accreditamento dei datori di lavoro Costituito il Comitato Consultivo per l'aggiornamento dei valori limite di esposizione ad agenti chimici La circolare della Commissione Consultiva in merito alle prime indicazioni di correlazione fra REACH e CLP AMBIENTE PRIMA PARTENZA SISTRI: 1 SETTEMBRE Ecco i corsi organizzati da SEA per il mantenimento dell'utilizzo del sistema. Trattamento rifiuti e materiali riciclati: la delibera della Provincia autonoma di Trento Reati ambientali inseriti nel D.Lgs 231/01: firmato il Decreto Qualità dell'aria e ambiente: nuove zonizzazioni e classificazioni REACH - registrazione di allegati In arrivo Norme europee sui biocombustibili solidi Trentino (ma non solo): deroghe alla qualità dell'acqua destinata al consumo umano SISTRI: nuove proroghe ENERGIA E QUALITÀ Quarto conto energia: pubblicate le regole applicative e l'aggiornamento di quelle tecniche Gestione dell'energia: l'impatto della nuova ISO Ultime novità dall'autorità per l'energia elettrica ed il gas NOTIZIE E ARTICOLI Processo Eternit: l'inail chiede 272 Milioni di Euro di risarcimento La Saras assolta da responsabilità amministrativa per la morte di tre operai Infortuni mortali: nel 2010 per la prima volta sotto i 1000 I FOCUS DI SEA I rischi di esposizione a luce blu e la sorveglianza sanitaria

3 FORMAZIONE I corsi di formazione in programma ad Agosto 2011 SCADENZE Le scadenze di Agosto e Settembre 2011 SENTENZE E QUESITI Il datore di lavoro deve informarsi sui rischi provenienti da attività di terzi Il Responsabile comunale della manutenzione risponde penalmente in caso di mancata valutazione dei pericoli Lavoratore imprudente? In caso di carenze responsabile comunque il datore di lavoro

4 SICUREZZA LE TABELLE DI CORRSIPONDENZA MODELLI ORGANIZZATIVI UNI-INAIL, BS OHSAS ED ART. 30 D.LGS 81/08 La commissione Consultiva permanente per la sicurezza ha approvato nella seduta di aprile 2011 il documento con cui ha provveduto a fornire i primi chiarimenti sul sistema di controllo (comma 4. Art. 30 D.Lgs 81/08) ed indicazioni per un sistema disciplinare per le aziende che hanno adottato un modello organizzativo definito conformemente alle linee guida UNI-INAIL (2001) o BS OHSAS 18001:2007 con una tabella di correlazione fra le parti corrispondenti di cui al comma % dell Art.30 stesso. La tabella può essere scaricata sul sito del ministero, cliccando qui Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

5 SICUREZZA SMALTIMENTO E SCARICO IN SICUREZZA DI BOMBOLE GPL: LA NORMA UNI EB 12816:2011 La nuova edizione della norma UNI EN 12816:2011, che sostituisce la versione del 2002, riguarda le procedure per il trattamento, la messa in sicurezza e lo smaltimento delle bombole trasportabili e ricaricabili per GPL. Dal titolo Attrezzature e accessori per GPL - Bombole trasportabili e ricaricabili per GPL Smaltimento, la norma specifica i metodi per lo scarico di gas e per lo smaltimento in sicurezza di bombole per il GPL ricaricabili, realizzate in acciaio, materiali compositi e alluminio, con capacità in acqua da 0,5 l fino a 150 l compresi. La norma europea, di competenza della commissione UNI Recipienti per il trasporto di gas compressi, disciolti o liquefatti, riguarda l utilizzo di sostanze e procedimenti che possono essere nocivi alla salute e/o all ambiente qualora non vengano prese le adeguate precauzioni. Si riferisce unicamente all idoneità tecnica e non libera l utente da responsabilità civili relative alla salute e alla sicurezza a qualsiasi livello. La UNI EN 12816:2011 prende in considerazione gli aspetti relativi a tutto il ciclo di vita della bombola, la fase di rottamazione, il riciclo dei materiali. Per la sua eliminazione è necessario procedere con lo scarico del gas e con lo smontaggio del rubinetto come indicato nella norma stessa, che indica altresì le azioni necessarie per lo stoccaggio delle bombole Dott. Daniele Carlini Tel. 0471/ cell. 331/

6 SICUREZZA SICUREZZA ANTINCENDIO: NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA La nuova edizione della norma UNI ("Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi"), pubblicata nel giugno di quest'anno, è stata impostata tenendo conto dell aggiornamento tecnologico e della necessità di allinearla ai contenuti della UNI 9795 ("Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d'incendio - Progettazione, installazione ed esercizio"). Non è solo la corretta progettazione, l'utilizzo di componenti a norma o l'installazione a regola d'arte a rendere pienamente efficace la sicurezza antincendio. Questa dipende in maniera altrettanto significativa dal controllo iniziale e da adeguate attività di manutenzione. L UNI organizza a partire da settembre 2011 una serie di incontri in varie città italiane. Per la locandina cliccare qui Dott.ssa Michela Bezzi Tel. 0461/ cell. 335/

7 SICUREZZA COMUNICAZIONI PER LAVORATORI USURANTI: ON-LINE IL MODULO PER L'ACCREDITAMENTO DEI DATORI DI LAVORO On line il modello per i datori di lavoro e la funzione di accreditamento. Il Decreto Legislativo n. 67 del 21 aprile 2011, che introduce la possibilità di beneficiare di un accesso anticipato al pensionamento in favore degli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, stabilisce l obbligo per i datori di lavoro di dare comunicazione on line delle lavorazioni indicate nel testo del decreto. In particolare, nel caso dei processi produttivi in serie caratterizzati dalla linea catena (ovvero le lavorazioni indicate all articolo 1, comma 1, lettera c ed esplicitate nell allegato 1) i datori di lavoro devono compilare il modello LAV-US, disponibile on line sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro dal 21 giugno Per maggiori informazioni e per l accreditamento cliccare qui Ing. Rolando Micheli Tel. 0461/ cell. 335/

8 SICUREZZA COSTITUITO IL COMITATO CONSULTIVO PER L'AGGIORNAMENTO DEI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI Con Decreto Interministeriale del 27 maggio 2011, pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 6 del 30 giugno 2011, è stato costituito il Comitato consultivo per la determinazione e l aggiornamento dei valori limite di esposizione professionale e dei valori limite biologici relativi agli agenti chimici previsto dall articolo 232, comma 1, del Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. La prima riunione si è tenuta il 20 Luglio 2011 Dott. Mario Pelanda Tel. 0461/ cell. 348/

9 SICUREZZA LA CIRCOLARE DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA IN MERITO ALLE PRIME INDICAZIONI DI CORRELAZIONE FRA REACH E CLP È stata pubblicata dalla Commissione consultiva permanente del Ministero del lavoro la circolare "Prime indicazioni esplicative in ordine alle implicazioni del Regolamento (CE) n. 1907/2006, REACH, del Regolamento (CE) n. 1272/2008, CLP, e del regolamento UE n. 453/2010 nell ambito della normativa vigente in materia di salute sicurezza nei luoghi di lavoro (Titolo IX del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i, Capo I Protezione da Agenti Chimici e Capo II Protezione da Agenti Cancerogeni e Mutageni)". Il documento definisce le modalità di armonizzazione dei regolamenti REACH e CLP in relazione a quanto già previsto dal D.Lgs 81/08 in materia di valutazione dei rischi e protezione da agenti chimici, cancerogeni e mutageni di cui al Titolo IX. La circolare può essere scaricata qui. Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

10 AMBIENTE PRIMA PARTENZA SISTRI: 1 SETTEMBRE ECCO I CORSI ORGANIZZATI DA SEA PER IL MANTENIMENTO DELL'UTILIZZO DEL SISTEMA. Il giorno 1 settembre 2011, salvo proroghe dell ultimo minuto, il sistema SISTRI sarà operativo per il primo scaglione, cioè per i produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti, per gli impianti di smaltimento o di recupero, incenerimento, etc. e per i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui superiori alle tonnellate. SEA propone pertanto un corso di formazione di mantenimento dell utilizzo del SISTRI. Il corso si propone quindi di simulare in un aula informatica l accesso al sistema con le proprie chiavette USB in possesso dei singoli soggetti partecipanti. In particolare verranno effettuate delle simulazioni per: accesso al sistema; registrazione delle operazioni di carico dei rifiuti; gestione delle schede di movimentazione e procedure e tempistica per la movimentazione dei rifiuti; programmazione e gestione dei viaggi per i trasportatori; procedure di accettazione dei rifiuti per i gestori di impianti di trattamento rifiuti; casi particolari: errori di compilazione, verifiche, annullamento viaggi. DATE E LUOGHI DI SVOLGIMENTO Il corso della durata di tre ore verrà proposto nelle seguenti giornate a scelta del partecipante: 29 agosto agosto agosto 2011 Per ogni giornata saranno previsti due incontri a scelta al mattino e al pomeriggio con i seguenti orari: mattino: dalle ore 9:00 alle ore 12:30 pomeriggio: dalle ore 14:00 alle ore 17:30 Il corso è a numero chiuso per un massimo di 10 partecipanti ad edizione. La sede di svolgimento è presso Formazione S.p.A, Via IV novembre, 93/b Trento (a Gardolo vicino alle piscine, con parcheggio libero lungo la via) COSTO DEL CORSO

11 Il corso è offerto ad un costo di 230,00 + IVA 20% a partecipante. Il versamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate: UNICREDIT SPA FILIALE DI TRENTO CENTRO IBAN: IT 19 V Indicando quale causale: Corso SISTRI, data di adesione, nominativo partecipanti. Le ricevute del versamento o in alternativa il numero di C.R.O. (Codice Riferimento Operazione) dovrà essere allegata all atto dell iscrizione. ISCRIZIONI L iscrizione al corso è da inviare mediante la scheda allegata al fax 0461/ o per all indirizzo entro e non oltre il giorno 25 agosto Nelle settimane dal 08 al 22 agosto 2011 SEA è chiusa per la pausa estiva. In tale periodo si accettano le iscrizioni solo via fax. Ing. Arianna Eccel eccel. Tel. 0461/ cell. 334/ Per iscriverti clicca qui

12 AMBIENTE TRATTAMENTO RIFIUTI E MATERIALI RICICLATI: LA DELIBERA DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO La Giunta Provinciale di Trento, con delibera n di data 24 giugno 2011, ha deliberato l approvazione di - Linee guida per la corretta gestione di un impianto di recupero e trattamento dei rifiuti e per la produzione di materiali riciclati da impiegare nelle costruzioni (allegato A) - Norme tecniche e ambientali per la produzione dei materiali riciclati e posa nelle costruzioni e manutenzione di opere edili, stradali e recuperi ambientali (allegato B). Si informa in merito che la delibera stessa si deve intendere esecutiva con l approvazione e quindi a decorrere dalla medesima data del 24 giugno Dott. Roberto Maddalena Tel. 0461/ cell. 329/

13 AMBIENTE REATI AMBIENTALI INSERITI NEL D.LGS 231/01: FIRMATO IL DECRETO Il governo italiano ha recepito le direttive europee in merito ai danni ambientali che impongono di sanzionare penalmente le condotte illecite individuate dalla direttiva 2008/99, e fino ad oggi non sancite come reati, e di introdurre la responsabilità delle persone giuridiche. Nel provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri, in data 7 Luglio 2011, oltre alla direttiva 2008/99CE, viene recepita anche la 2009/123CE che modifica la direttiva 2005/35/CE realtiva all inquinamento. Nel D. Lgs. 231/01 quindi sarà presente il nuovo articolo Art. 25-undecies (Reati ambientali). Ciò comporta che per alcuni reati ambientali di particolare gravità si applicherà l impianto sanzionatorio previsto dal D.Lgs 231/01 per la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, con il sistema a quote. Ing. Mattia Tranquillini Tel. 0461/ cell. 335/

14 AMBIENTE QUALITÀ DELL'ARIA E AMBIENTE: NUOVE ZONIZZAZIONI E CLASSIFICAZIONI Sul Supplemento n 1 al B.U.R. è stata pubblicata la Delibera 1036/2011 concernente il D.Lgs 13 Agosto 2010 n 155 (Attuazione della direttiva N 2008/50/CE relativa alla qualità dell aria e l ambiente). La nuova zonizzazione prevede due sole zone di classificazione, con riferimento a biossido di zolfo, polveri sottili, monossido di carbonio, biossido di azoto, benzene, piombo (a)pirene, arsenico, cadmio e nickel. Le zone classificate sono - zona di fondovalle: fino a 1500 m.s.l.m - zona di montagna sopra ai 1500 m s.l.m. Ing. Nadia Mazzoldi Tel. 0461/ cell. 335/

15 AMBIENTE REACH - REGISTRAZIONE DI ALLEGATI Sulla G.U. Europea n 69/2011 sono stati pubblicati i Regolamenti 252 e 253/2011 che aggiornano rispettivamente gli allegati I e XIII al registro REACH n 1907/2006. L Allegato I contiene Disposizioni generali relative alla valutazione delle sostanze e all elaborazione delle relazioni sulla sicurezza chimica mentre l Allegato XIII riguarda Criteri per l identificazione delle sostanze persistenti, bioaccumulabili e tossiche, e delle sostanze molto persistenti e molto bioaccumulabili Ing. Arianna Eccel Tel. 0461/ cell. 334/

16 AMBIENTE IN ARRIVO NORME EUROPEE SUI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI Stanno per essere pubblicate le nuove norme europee del pacchetto EN sui biocombustibili solidi. Si tratta di un innovativo gruppo di sei norme tecniche finalizzate a definire le caratteristiche chimico-fisiche di cinque biocombustibili solidi: pellet di legno, bricchette, cippato, legna da ardere in ciocchi, pellet di materiali diversi dal legno. Il tema fino ad oggi era stato oggetto di specifiche norme nazionali: ricordiamo la O-Norm 7135 in Austria e per l'italia la UNI TS sul pellet e la UNI TS su legna, bricchette e cippato.queste norme avranno un grande impatto sul mercato. Nel recente decreto legislativo 28/2011di attuazione della Direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, nell'allegato 2, si legge infatti che "Per le biomasse utilizzate in forma di pellet o cippato ai fini dell accesso agli incentivi statali, a decorrere da un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, è richiesta la conformità alle classi di qualità A1 e A2 indicate nelle norme UNI EN per il pellet e UNI EN per il cippato" Dott. Geol. Andrea Della Lucia Tel. 0461/ cell. 335/

17 AMBIENTE TRENTINO (MA NON SOLO): DEROGHE ALLA QUALITÀ DELL'ACQUA DESTINATA AL CONSUMO UMANO E' stato pubblicato sulla G.U. n.151 del 1 luglio 2011, ed operativo da tale data, il Decreto 11 maggio 2011, concernente la Disciplina e le deroghe alle caratteristiche di qualità delle acque destinate al consumo umano che possono essere disposte dalle regioni Campania, Lazio, Lombardia, Toscana e dalla provincia autonoma di Trento. La deroga vale solo per alcuni comuni di ciascuna Regione e per 2 sostanze: - il fluoruro per le regioni Campania (entro i 2,5mg/l) fino al 31 dicembre 2012; - l arsenico (entro i 20 ug/l), per alcuni comuni delle Regioni Lazio, e Toscana fino al 31 dicembre 2012, per alcuni comuni delle Lombardia e della Provincia di Trento fino al 31 dicembre Il Decreto è operativo dal 1 di Luglio Dott.ssa Donatella Maoro Tel. 0461/ cell. 348/

18 AMBIENTE SISTRI: NUOVE PROROGHE Sulla Gazzetta Ufficiale n. 156 del 7 luglio 2011 è pubblicata la legge 12 luglio 2011, 106 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 13 maggio 2011, n. 70, concernente Semestre Europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia". La legge è entrata in vigore il 13 luglio e apporta rilevanti modifiche ad una serie di norme del D.L. n. 70/2011, tra le quali si segnala l'art. 6, co. 2, del D.L. n. 70/2011, relativa all'effettiva entrata in vigore del SISTRI. A tale disposizione è stata infatti aggiunta "al fine di garantire che un adeguato periodo transitorio consenta la progressiva entrata in operatività del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, per i soggetti di cui all'articolo 1, comma 5, del decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 26 maggio 2011, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 124 del 30 maggio 2011, il relativo termine, da individuare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nei modi di cui all'articolo 28, comma 2, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 18 febbraio 2011, n. 52, non può essere antecedente al 1º giugno 2012". Dott. Nadia Mazzoldi Tel. 0461/ cell. 335/

19 ENERGIA E QUALITÀ QUARTO CONTO ENERGIA: PUBBLICATE LE REGOLE APPLICATIVE E L'AGGIORNAMENTO DI QUELLE TECNICHE Il GSE pubblica le Regole Applicativecontenenti le modalità di attuazione delle disposizioni stabilite dal Decreto Ministeriale 5 maggio Il documento tecnico, finalizzato tra l altro ad assicurare chiarezza e trasparenza verso gli operatori, definisce le modalità di individuazione della tipologia di tariffa incentivante a cui l'impianto fotovoltaico può accedere, le relative modalità di accesso, ivi incluse anche quelle riguardanti le maggiorazioni e il premio abbinato ad uso efficiente dell energia eventualmente richiesti. Vengono inoltre definite nel documento le regole relative alle norme anti-frazionamento degli impianti e alle disposizioni derivanti dall applicazione del DLgs n. 28 del 2011 per gli impianti su terreni agricoli. Maggiori informazioni sul sito del GSE raggiungibile cliccando qui. Dott. Nicola Dalla Torre Tel. 0461/ cell. 335/

20 ENERGIA E QUALITÀ GESTIONE DELL'ENERGIA: L'IMPATTO DELLA NUOVA ISO Il programma pilota messo a punto per testare l efficacia della nuova ISO 50001, applicato ad una grande azienda e a una piccola impresa, ha riportato esiti positivi: sono stati giudicati sostanziali i miglioramenti in tema di efficienza energetica, accompagnati da impatti finanziari positivi. I risultati sono stati presentati lo scorso 17 giugno, data di presentazione ufficiale della ISO presso l International Conference Centre (CICG) di Ginevra in Svizzera. Sono disponibili online sul sito web ISO materali video sulla nuova ISO e la brochure Win the energy management challenge with ISO Dott. Roberto Maddalena Tel. 0461/ cell. 329/

21 ENERGIA E QUALITÀ ULTIME NOVITÀ DALL'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Per raggiungere l articolo è sufficiente cliccare sul testo sottolineato Provvedimenti Delibera ARG/com 92/11 pubblicata il 12 luglio 2011 Disposizioni per la definizione di proposte in tema di pubblicazione comparativa di graduatorie sulla performance di risposta dei venditori ai reclami scritti dei clienti finali di energia elettrica e gas Consultazioni DCO 26/11 pubblicato il 12 luglio 2011 Modifica dell Allegato A alla deliberazione dell Autorità n. 11/07, finalizzato all introduzione di misure volte a promuovere l adempimento degli obblighi di separazione funzionale e contabile a carico dei soggetti operanti nei settori dell energia elettrica e del gas Termine invio osservazioni Seminari Documento per la consultazione 16 giugno 2011, n. 22/11 (DCO 22/11) Dott. Roberto Maddalena Tel. 0461/ cell. 329/

22 NOTIZIE E ARTICOLI PROCESSO ETERNIT: L'INAIL CHIEDE 272 MILIONI DI EURO DI RISARCIMENTO L'Istituto, parte civile contro la multinazionale dell'amianto, ha depositato le sue conclusioni: condanna in solido per i due imputati e delle società del gruppo per un importo di 185,5 milioni - ovvero il totale degli indennizzi concessi a lavoratori - più 87 milioni per la capitalizzazione delle rendite Oltre 272 milioni e mezzo di euro: è questa la somma che l'inail chiede come parte civile nel processo contro la multinazionale elvetica dell'amianto Eternit - il più grande dibattimento per asbesto mai celebrato in Europa - e che vede imputati Stephan Schmidheiny, miliardario svizzero di 64 anni, e Louis de Cartier, barone belga di 89 anni, entrambi accusati di disastro ambientale doloso (per l'inquinamento e la dispersione delle fibre-killer) e di omissione volontaria di cautele nei luoghi di lavoro a danno dei dipendenti degli stabilimenti del gruppo di Cavagnolo (Torino), Casale Monferrato (Alessandria), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli). Ing. Rolando Micheli micheli. Tel. 0461/ cell. 335/

23 NOTIZIE E ARTICOLI LA SARAS ASSOLTA DA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LA MORTE DI TRE OPERAI Ai sensi dell art. 25-septies del D.Lgs. 231/01 la SARAS è stata assolta dalla responsabilità amministrativa, nonostante le condanne penali inflitte ai dirigenti. Un primo commento al dispositivo della sentenza del Tribunale di Cagliari del 4 luglio 2011 che ha stabilito che il reato di omicidio colposo per il quale sono stati condannati i vertici della SARAS e della ditta appaltatrice a seguito della morte dei tre operai il 26 maggio 2009 non fu commesso nell interesse o a vantaggio dell ente. Si legge infatti nel dispositivo (mentre si è ancora in attesa entro 60 giorni delle motivazioni della sentenza che forniranno ulteriori chiarificazioni e chiavi di lettura della stessa) che visti gli artt. 5 e 66 D.Lgs. 231/2001 [il Tribunale] esclude la responsabilità della SARAS s.p.a. in ordine all illecito amministrativo contestato al capo B perché il fatto non sussiste, in quanto il reato non fu commesso nell interesse o a vantaggio dell ente. Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

24 NOTIZIE E ARTICOLI INFORTUNI MORTALI: NEL 2010 PER LA PRIMA VOLTA SOTTO I 1000 Come già nel 2009 anche se mitigato dal contesto della crisi, il 2010 ha registrato un'ulteriore contrazione di denunce di infortuni ( complessive) a conferma del miglioramento ormai strutturale dell'andamento infortunistico in Italia. Per la prima volta dal dopoguerra la soglia dei morti sul lavoro è scesa inoltre sotto i 1000 casi/anno. Il presidente dell'inail, Marco Fabio Sartori, in occasione della presentazione del Rapporto Annuale 2010, fa il punto della situazione. "Soprattutto se pensiamo che solo dieci anni fa gli infortuni erano oltre 1 milione ( ) e ben i casi mortali. E' la dimostrazione di come, negli ultimi anni, siano cambiati la cultura e l'approccio delle imprese al tema della sicurezza sui luoghi di lavoro". "Un significato particolare assume l'incorporazione nell'inail dell'ispesl e dell'ipsema che ha finalmente permesso la nascita del 'Polo della salute e della sicurezza' garantendo il giusto contesto per il concreto sviluppo di quel piano industriale, da noi fortemente voluto e condiviso con Governo e Parlamento, il cui obiettivo finale è la realizzazione effettiva della tutela integrata e globale del lavoratore". Dott. Mario Pelanda Tel. 0461/ cell. 348/

25 I FOCUS DI SEA I RISCHI DI ESPOSIZIONE A LUCE BLU E LA SORVEGLIANZA SANITARIA La notevole diffusione di lampade a scarica rivestite di materiale fluorescente sposta lo spettro di emissione verso temperature di colore correlate (TCC) di circa K con un aumento della quota di blu emesso che varia dall 8-22% in funzione delle caratteristiche delle sorgenti. Per la loro alta efficienza, ottima resa di colore e durata queste lampade sono grandemente usate nelle applicazioni all aperto e all interno ad esempio dei centri commerciali. La valutazione del rischi da luce blu passa attraverso la misura di grandezze che consentono il confronto con i limiti indicati nel D.Lgs 81/2008, titolo VIII - capo V e successive integrazioni. La strumentazione impiegata, indipendentemente dalla tipologia, deve comunque consentire di misurare la radianza spettrale almeno in ogni intervallo di 5λ (5 volte la lunghezza d onda) nell intervallo compreso fra i nm al fine di valutare il rischio da luce blu utilizzando la curva di ponderazione B(λ) come indicato nell allegato XXXVII parte prima del D.Lgs 81/2008. Le metodiche di misura devono essere quelle indicate dallo standard CIE S 009/E:2002: Photobiological Safety of Lamps and Lamps Systems e devono essere analizzate anche le fonti di incertezza, come distribuzione dell errore nella catena di misura. Dal punto di vista pratico, è però sempre complicato valutare i tempi di esposizione in situazioni in cui l operatore svolge compiti che non prevedono la diretta esposizione alle sorgenti, ma per i quali l illuminazione è requisito fondamentale per svolgere l attività. In queste situazioni, frequenti, potrebbe essere utile l impiego di dosimetri per la luce blu. La luce blu rappresenta dunque un rilevante fattore di rischio da valutare attentamente in sede di sorveglianza sanitaria, per gli effetti sui fotorecettori retinici, in particolare quelli foveali. I criteri di impostazione della sorveglianza sanitaria, in condizioni di prima applicazione, i medici competenti propongono di tenere conto di alcune criticità: le lesioni retiniche attese dovrebbero essere assai simili a quelle che si osservano nella AMD; tempi di insorgenza di tali lesioni, prodotte da processi degenerativi lenti, comparirebbero dopo anni di esposizione; esistono difficoltà nella valutazione dell esposizione, date le attuali inadeguate modalità di analisi e quantificazione del blu nei DVR.Pertanto, una Una e forniscono una prima proposta di SS: a) visita oftalmica generale (anamnesi, esame obiettivo di annessi, segmento anteriore e posteriore); b) acuità visiva e rifrazione; c) oftalmoscopia (in midriasi), con foto del fundus in autofluorescenza; d) esame della retina mediante Ocular Computerized Tomography (OCT); e) valutazione funzionale mediante griglia di Amsler; f) test per l esame del contrasto.

26 Dott. Daniele Carlini Tel. 0471/ cell. 331/

27 FORMAZIONE I CORSI DI FORMAZIONE IN PROGRAMMA AD AGOSTO 2011 TRENTO in collaborazione con FORMAZIONE S.p.a. Nel mese di Agosto 2011 non sono attivati corsi, i corsi riprenderanno regolarmente da Settembre 2011 presso le aule didattiche di Formazione Spa in via IV Novembre, 93/B a Gardolo (TN). VERONA in collaborazione con Istituto Provolo Nel mese di Agosto 2011 non sono attivati corsi, i corsi riprenderanno regolarmente da Settembre 2011

28 SCADENZE LE SCADENZE DI AGOSTO E SETTEMBRE 2011 Agosto Denuncia infortuni attività estrattive (d.lgs 624/96 Art.25 comma 8) invio del riepilogo infortuni mese precedente CONAI Dichiarazione mensile di Luglio 2011 (Moduli 6.1, 6.2, 6.3, 6.10) SISTRI (D.Lgs 26/05/2011) termine del periodo transitorio in cui dovranno essere usati i vecchi registri di carico e scarico in abbinamento al sistema informatico, per produttori con più di 500 dipendenti, per trasportatori oltre 3000 tonnellate/anno ed imprese che effettuano smaltimento e recupero Impianti di Incenerimento (Art 11 comma 5 D.Lgs 133/05) termine entro il quale i gestori degli impianti di incenerimento e coincenerimento devono effettuare le misurazioni periodiche previste in Allegato I Par. A punti 3 e 4 e di CO, NOx, SOs, TOC, HCl ed HF Presidi sanitari (D.M. 25/01/91 n 217 art. 3 comma1) termine entro il quale coloro che spediscono presidi sanitari devono fornire al Ministero dell Agricoltura la scheda relativa ai dati di vendita Acqua (DPR 470/82 Art.2)termine entro il quale le ARPA devono comunicare al ministero per la salute i dati dei campionamenti mensili delle acque di balneazione Settembre Denuncia infortuni attività estrattive (D.Lgs 624/96 Art.25 comma 8) invio del riepilogo infortuni mese precedente Energia (Art.1 comma 1 e 2 D.M. 12/01/99 e delibera AEEG 142/07) termine per i soggetti operanti nel settore ed iscritti al registro delle imprese, per le dichiarazioni relative alle informazioni sul soggetto che ha corrisposto il contributo Ex-delibera 142/07 INAIL (Art.12 D.M. 18/06/1988) termine entro il quale i datori di lavoro interessati ad ottenere l accentramento presso un'unica sede INAIL devono depositarne motivata istanza

29 20.09 CONAI Dichiarazione mensile di Agosto 2011 (Moduli 6.1, 6.2, 6.3, 6.10)

30 SENTENZE E QUESITI IL DATORE DI LAVORO DEVE INFORMARSI SUI RISCHI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ DI TERZI Corte di Cassazione 11 luglio 2011, n E' quanto emerge dalla lettura della sentenza n dell'11 luglio 2011 con la quale la Corte di Cassazione ha affermato la responsabilità di un imprenditore per non aver predisposto le cautele necessarie a sottrarre il proprio dipendente dal rischio legato all'esposizione all'amianto presente nel medesimo teatro operativo, ma sotto la gestione di un'altra azienda Dott. Daniele Carlini Tel. 0471/ cell. 331/

31 SENTENZE E QUESITI IL RESPONSABILE COMUNALE DELLA MANUTENZIONE RISPONDE PENALMENTE IN CASO DI MANCATA VALUTAZIONE DEI PERICOLI Corte di Cassazione 11 luglio 2011, n Va condannato il responsabile dell' ufficio di manutenzione del Comune per non essersi attivato per prevenire le situazioni di pericolo delle strade. È questo il contenuto della sentenza n depositata l'11 luglio In particolare, la quarta sezione penale ha spiegato che la condanna emessa dai giudici territoriali di secondo grado per lesioni personali dopo la caduta di un pedone in un tombino scoperto, avvenuta peraltro in una strada male illuminata, risulta incensurabile in sede di legittimità. Ing. Rolando Micheli Tel. 0461/ cell. 335/

32 SENTENZE E QUESITI LAVORATORE IMPRUDENTE? IN CASO DI CARENZE RESPONSABILE COMUNQUE IL DATORE DI LAVORO Corte di Cassazione 1 luglio 2011, n La Corte di Cassazione, con sentenza n del 1 luglio 2011, ha ribadito, come già affermato da precedente giurisprudenza, che è configurabile, ai sensi dell'art c.c., la responsabilità del datore di lavoro per l'infortunio subito da un dipendente anche a fronte di una condotta imprudente di quest'ultimo "se tale condotta è stata determinata, o quanto meno agevolata, da un assetto organizzativo del lavoro non rispettoso delle norme antinfortunistiche, assetto conosciuto o colpevolmente ignorato dal datore di lavoro, che nulla abbia fatto per modificarlo al fine di eliminare ogni fonte di possibile pericolo". Ing. Renzo Marucci Tel. 0461/ cell. 335/

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE MARZO 2014

NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE MARZO 2014 NEWSLETTER SICUREZZA E AMBIENTE MARZO SISTRI: ULTIME NOVITÀ Il Sistri è stato rinviato al 2015? No! Con la Conversione in Legge del Decreto n. 150/2013, noto con il nome di Milleproroghe, è stato posticipato

Dettagli

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013

SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 CIRCOLARE A.F. N. 177 14 Dicembre del Ai gentili clienti Loro sedi SISTRI sospeso fino al 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l art. 52 del DL n. 83/2012 ha sospeso

Dettagli

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione

Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione Gestione dei rifiuti per le PMI Aggiornamento normativo Sistri e simulazione mercoledì 8 luglio 2015 dalle ore 14,30 alle 17,00 presso Hotel Congress Centre "Al Mulino di San Michele (Alessandria), in

Dettagli

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CAPITOLO 4 - QUADRO NORMATIVO DI BASE IN MATERIA DI CONTROLLO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO 4.1 ASPETTI GENERALI Il quadro normativo di riferimento per la tutela della qualità dell aria trova fondamento

Dettagli

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del

Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Decreto 17 dicembre 2009 (So n. 10 alla Gu 13 gennaio 2010 n. 9) Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.V.R. Capitolo 3 D.V.R. Capitolo 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CAPITOLO 3 Programma per il miglioramento nel tempo dei livelli

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI Integrazione 231 e SGS M.G.Marchesiello Bologna 5 giugno 2014 L. 3.08.2007 n. 123 Misure in tema di tutela della salute

Dettagli

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici.

Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Brevi Note sul V Conto energia a sostegno degli impianti solari fotovoltaici. Premessa Dal 27 Agosto entra pienamente in funzione il il DM 5 luglio 2012 definito (Quinto Conto Energia), le tariffe incentivanti

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale

è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale è un marchio Necsi Catalogo formazione aziendale Siamo una società di ingegneri, consulenti, progettisti e installatori che opera in tutto il nord Italia con 5 sedi operative tra Veneto, Trentino Alto

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 9 luglio 2010 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 161 del 13 luglio 2010, con le Modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre

Dettagli

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen Sistemi di gestione della salute e sicurezza del lavoro e l Assicurazione INAIL Trento, 8 Novembre 2011 Con il di D.Lgs 231/2001REATI SICUREZZA

Dettagli

Corsi di aggiornamento professionale per A.S.P.P. e R.S.P.P

Corsi di aggiornamento professionale per A.S.P.P. e R.S.P.P Corsi di aggiornamento professionale per A.S.P.P. e R.S.P.P Delta Consulting s.r.l, Agenzia formativa accreditata dalla Regione Toscana n. PI0526, presenta un ciclo di Corsi di aggiornamento professionale

Dettagli

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SITO ISTITUZIONALE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE www.sistri.it SISTRI L ENNESIMO TENTATIVO DI RIPARTENZA Quadro riferimento normativo Dlgs 3 aprile 2006, n. 152 (Norme

Dettagli

Seminario tecnico. Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08. Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV

Seminario tecnico. Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08. Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV Seminario tecnico Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08 Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV Con il patrocinio di in collaborazione con: STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Negli

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013 INFORMATIVA 02/2010 Il terzo Conto Energia: 2011-2013 Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 08/10/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 L attuale Conto Energia... 4 1.1 Introduzione...

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA PRIMARIA DEL CENTRO;

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 18 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISI: fino al 7 maggio 2015 inserimento del progetto per ottenere gli incentivi Gentile cliente, con la presente

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale

Istituzione del Ministero dell'ambiente e norme in materia di danno ambientale - Regio Decreto 19.10.1930, n. 1398 (art. 674) Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (Suppl. Ord. alla G.U. n. 253 del 28.10.1930 - Legge 08.07.1986, n. 349 Istituzione del Ministero dell'ambiente

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Alla CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA Servizio Affari Economici PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it

Alla CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA Servizio Affari Economici PEC: protocollo@pr.legalmail.camcom.it Riservato all Ufficio Agevolazioni Economiche PROT. AGEF- Spese ammesse: Euro Contributo richiesto: Euro Spese finanziabili: Euro Contributo concesso: Euro Associaz. di categoria di riferimento: Riservato

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI LE NUOVE TARIFFE INCENTIVANTI (C.D. CONTO ENERGIA ) PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Il Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Dettagli

CAPITOLO 7 NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO

CAPITOLO 7 NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO CAPITOLO 7 NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO 7.1 NORMATIVA NAZIONALE 7.2 NORMATIVA REGIONE PUGLIA 7.3 NORME REGIONALI 7.4 GIURISPRUDENZA 7.5 MODULISTICA 66 CAP.7 - NORMATIVA IN MATERIA DI AMIANTO 7.1 NORMATIVA

Dettagli

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese.

SISTRI. Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. SISTRI Il punto della situazione, ad un mese dalla partenza per i produttori di rifiuti. I consigli per le Imprese. Roberto Pulejo Nieves Estrada Direzione Tecnico Scientifica Federchimica Le tre sezioni

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

PROPOSTA. connessi in rete.

PROPOSTA. connessi in rete. PROPOSTA La riduzione i delle emissioni i i di gas ad effetto serra rappresenta una priorità ità delle amministrazioni locali europee impegnate a dare il contributo per il raggiungimento degli obiettivi

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI

Servizio URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA ELENCO RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 / 6 Origine Documento Ente o Servizio Emittente Tipo Esterna / L. Esterna / L. Descrizione Legge 17.08.1942, n. 1150 Legge Urbanistica Pubblicato G.U. 16.10.1942, n. 244 Legge 06.08.1967, n. 765

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR ENERGETICI SECONDO LA UNI CEI EN 16247-5

CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR ENERGETICI SECONDO LA UNI CEI EN 16247-5 L ordine egli Ingegneri della Provincia di Milano in collaborazione con il Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente, organizza il seguente Corso: CORSO DI FORMAZIONE PER AUDITOR ENERGETICI SECONDO

Dettagli

GLI ARGOMENTI DI QUESTO NUMERO

GLI ARGOMENTI DI QUESTO NUMERO N. 7 Luglio 2015 F GLI ARGOMENTI DI QUESTO NUMERO AUA, NUOVO MODELLO SEMPLIFICATO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRINCIPALI SCADENZE FOCUS: LAVORI IN LOCALI SOTTERRANEI, OCCORRE LA

Dettagli

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa

SISTRI SEMINARIO SISTRI. TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014. Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI SEMINARIO SISTRI TRENTO -29 gennaio 2014 VERONA -30 gennaio 2014 Corso preparato e gestito da SEA spa SISTRI: riferimenti normativi Decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 (Istituzione del sistema

Dettagli

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro)

Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro) Schema di disegno di legge recante: Delega al Governo per l emanazione di un testo unico per il riassetto normativo e la riforma della salute e sicurezza sul lavoro Art. 1 (Delega al Governo per il riassetto

Dettagli

2.1 Caratteristiche generali delle garanzie da prestare per l esercizio delle operazioni di recupero o smaltimento dei rifiuti escluse le discariche

2.1 Caratteristiche generali delle garanzie da prestare per l esercizio delle operazioni di recupero o smaltimento dei rifiuti escluse le discariche Allegato A della deliberazione della Giunta regionale 6 agosto 2012, n. 743 Art. 19, comma 2 bis della L.R. 25/1998 e successive modifiche e integrazioni: Approvazione deliberazione per la definizione

Dettagli

Corso R.S.P.P. Datore di Lavoro - Rischio Basso

Corso R.S.P.P. Datore di Lavoro - Rischio Basso in collaborazione con Ente Accreditato dalla Regione Veneto per la Formazione Continua e la Formazione Superiore Corso R.S.P.P. Datore di Lavoro - Rischio Basso L'art. 34 del D.Lgs. 81/2008 prevede la

Dettagli

Organizzazione della prevenzione aziendale

Organizzazione della prevenzione aziendale Organizzazione della prevenzione aziendale La normativa e le figure coinvolte Sicurezza sul lavoro? Non solo 81/08 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA la Repubblica tutela la salute come fondamentale

Dettagli

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere

Network sviluppo sostenibile. Il ritorno del SISTRI Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta. Paolo Pipere Network sviluppo sostenibile Il ritorno del Il conferimento dei rifiuti ai centri di raccolta Paolo Pipere Responsabile Servizio Adempimenti Ambientali Camera di Commercio di Milano Segretario Sezione

Dettagli

CIRCOLARE 02-2015. DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile ambientale Responsabile servizio prevenzione e A protezione

CIRCOLARE 02-2015. DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile ambientale Responsabile servizio prevenzione e A protezione CIRCOLARE 02-2015 DESTINATARIO Titolare dell attività Responsabile ambientale Responsabile servizio prevenzione e A protezione MITTENTE DA TecnoAdda S.a.s. Email info@tecnoadda.com TEL. N. 0341.281459

Dettagli

Corso di ALTA Formazione Professionale

Corso di ALTA Formazione Professionale Corso di ALTA Formazione Professionale LA VALUTAZIONE DELLA CONFORMITA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Macchine Apparecchi in pressione - Impianti elettrici Obblighi D.LGS 81/08 e Requisiti OHSAS 18001:2007

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Codice DB1119 D.D. 6 ottobre 2014, n. 842 D.Lgs 81/2008 e D.Lgs 626/94. Spese per l'acquisto e la fornitura di materiale per garantire la salute e la sicurezza sui luoghi

Dettagli

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA I modelli di organizzazione e gestione ex art. 30 D. Lgs. 81/08 in connessione con il D. Lgs. 231/01 Pesaro, Hotel Flaminio, 12 febbraio 2010 Collegio Provinciale

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 24 AL 30 OTTOBRE 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Revisione contabile E in corso di emanazione un

Dettagli

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Page 1 of 11 n. 054 - Lunedì 17 Marzo 2014 Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Il documento analizza nel dettaglio le diverse sorgenti, il trend evolutivo delle fonti

Dettagli

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PROCEDURE SEMPLIFICATE PER L ADOZIONE DI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG) NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIFERIMENTI Legge 3/8/2007 n.123 (riordino disciplina) -> Introduce nel D.Lgs 231/2001

Dettagli

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI.

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. Gentile Cliente, il sistema certificativo aziendale si è notevolmente sviluppato

Dettagli

Sistri: criticità e prospettive

Sistri: criticità e prospettive Sistri: criticità e prospettive Via, Aia & Rifiuti dal D. Lgs. 128/10 al D. Lgs. 205/10 Roma, 21.03.2011 Avv.to Chiara Scardaci Indice Illustrazione Normativa I tratti salienti del sistema Soggetti Adempimenti

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013.

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Nota 9 maggio 2014, n. 3266 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Modulo di domanda Come noto (NOTA

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE D: REATI IN TEMA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Approvato dal Consiglio

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO: LE NOVITA INTRODOTTE DAL DECRETO DEL FARE ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI VICENZA 5 DICEMBRE 2013 Il d.lgs. 81/2008, come modificato dal D.lgs. 106/2009,

Dettagli

CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO

CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO CORSI PER MANUTENTORI DI COMPONENTI IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORME UNI 9795 E UNI 11224 REGOLAMENTO 1. Presentazione ed obiettivi dei corsi di formazione. 2. Descrizione dei

Dettagli

INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015

INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015 INCONTRO PER DATORI DI LAVORO /DIRIGENTI NOVITA 2015 INERENTI LA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO 22 Gennaio 2015 Organizzazione formazione: MAXA S.n.c. Via Farini,22 San Giovanni in Persiceto tel.051/6810244

Dettagli

c h i e d e o il rinnovo dell autorizzazione alla gestione rilasciata con provvedimento n.

c h i e d e o il rinnovo dell autorizzazione alla gestione rilasciata con provvedimento n. MARCA DA BOLLO da Euro 14,62 [fac-simile di domanda] [In caso di domanda presentata da Enti Pubblici lo schema deve subire le conseguenti modificazioni. In caso di soggetti privati la domanda deve essere

Dettagli

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Il primo accenno agli impianti elettrici su una legge italiana fu negli anni trenta introducendo nel codice penale un articolo e negli anni quaranta,

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE Newsletter numero 2-2015 In Primo Piano NOVITA Governo: misure per tutelare la maternità e favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Dottrina Per il Lavoro: comunicazioni per Lavori usuranti

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE RSPP / ASPP art.. 8 bis comma 2 D.Lgs. 626/94 art. 19 comma 1 lettera g - D.Lgs. 626/94. MODULO A durata 28 ore

CORSO DI FORMAZIONE RSPP / ASPP art.. 8 bis comma 2 D.Lgs. 626/94 art. 19 comma 1 lettera g - D.Lgs. 626/94. MODULO A durata 28 ore Torino, 25/10/07 Prot. 67 Ai Responsabili Personale e Formazione Ai Responsabili Sicurezza Lavoro delle Aziende associate CORSO DI FORMAZIONE RSPP / ASPP art.. 8 bis comma 2 D.Lgs. 626/94 art. 19 comma

Dettagli

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti

Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti Giornate seminariali in materia AMBIENTALE Il DLGS 152/2006 e le altre norme ambientali Approfondimenti A cure dal Dott. Bernardino Albertazzi Giurista Ambientale ORGANIZZAZIONE E COORDINAMENTO A cura

Dettagli

Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza nel testo unico legati al tema delle polveri. Dott. CdL Paolo Stern

Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza nel testo unico legati al tema delle polveri. Dott. CdL Paolo Stern Modelli di organizzazione e gestione della sicurezza nel testo unico legati al tema delle polveri Dott. CdL Paolo Stern Corposo testo unico 306 articoli XIII titoli 52 allegati Il TU Innova senza stravolgere

Dettagli

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV.

CORSO RSPP ASPP MODULO A di base - MODULO DAT. LAV. Corso di Formazione per Responsabili ed Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP ASPP Modulo A) (RSPP Dat. Lavoro) edizione 2010 Titolo I Capo III Sez. III D.Lgs. 81/2008 ex art. 4 comma

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

Determinazione n. Il Dirigente

Determinazione n. Il Dirigente CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI DIPARTIMENTO POLIZIA PROVINCIALE, POLITICHE PER LA LEGALITA E LA SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE DIREZIONE SANZIONI Sede uffici Via Don Bosco 4/f - fax 081/7949933 - tel. 081/7949572

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti.

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti. SISTEMI INTEGRATI Nasce dall esigenza di proporre alle aziende un servizio sempre più flessibile ed organizzato per meglio adattarsi alle necessità del mercato e nel contempo ampliare i servizi offerti

Dettagli

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Revisione n.1 Data di approvazione: 26/01/10 Pag. 1 di 9 Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel

Dettagli

RSPP / ASPP - MODULO A Nuove nomine - Programma

RSPP / ASPP - MODULO A Nuove nomine - Programma Reggio E., 21.12.2012 Prot. / AI DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI OGGETTO: Programma Corsi di formazione per RSPP, ASPP e RLS In prosecuzione al programma di formazione dello scorso anno, il Dipartimento

Dettagli

Corso base (32 ore) ai sensi dell art. 50 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. per

Corso base (32 ore) ai sensi dell art. 50 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. per Corso base (32 ore) ai sensi dell art. 50 del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. per RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Martedì 22-29 settembre e 6-13 ottobre 2015 Orario 09.00-13.00 / 14.00-18.00 Firenze,

Dettagli

D.A. Territorio 12 novembre 1998

D.A. Territorio 12 novembre 1998 D.A. Territorio 12 novembre 1998 (G.U.R.S. del 12/12/98 Parte I, n 62) Prescrizioni tecniche minime necessarie per l attivazione, all interno di una discarica di tipo 2A, di una specifica sezione dedicata

Dettagli

Corso di Formazione per RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Corso di Formazione per RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Corso di Formazione per RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Istituto B. Ramazzini s.r.l. - 1979-2012 - Ramazzini Plus s.r.l. via Dottor Consoli, 16-95124 - CATANIA info 3381433803 - email formazione@istitutoramazzini.com

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%)

DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) DETRAZIONI FISCALI 55% - 50 % (ex 36%) GUIDA ALL APPLICAZIONE DEL DECRETO 83/2012 ART. 11 CONVERTITO CON LEGGE 7 AGOSTO 2012 N 134 (SETTEMBRE 2012) Indice: 1. INTRODUZIONE...2 2. TESTO DISPOSIZIONE: ARTICOLO

Dettagli

Guida al IV Conto Energia. DM 5 maggio 2011 2011-2016

Guida al IV Conto Energia. DM 5 maggio 2011 2011-2016 Guida al IV Conto Energia DM 5 maggio 2011 2011-2016 Periodo di applicazione dal 1 giugno 2011 al 31 dicembre 2016 Criteri del regime di sostegno Il regime di sostegno è assicurato secondo : obiettivi

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO CORSO DI FORMAZIONE RSPP (RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE E PREVENZIONE) (Conforme ai contenuti dell art. 3 DM 16-01-1997) durata 16 ORE nei giorni: 02-04-06-08 MARZO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI

CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CORSO DI FORMAZIONE PER L AGGIORNAMENTO DEL COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI D. lgs. 81/2008 (Testo Unico Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro) Erogabile

Dettagli

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale

Qualche riferimento storico. Dettato costituzionale TUTELA della SALUTE e SIICUREZZA deii LAVORATORII PRIINCIIPALII NORME DII RIIFERIIMENTO Qualche riferimento storico Legge 17 marzo 1898, n.80 Decreto Luogotenenziale 23 agosto 1917 n.1450 Regio Decreto

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

SERVIZI AMBIENTE ANNO 2014 pag.

SERVIZI AMBIENTE ANNO 2014 pag. 1 Circolare n. 01 del 07/01/2013 SC-fa Elenco delle circolari emesse nell anno 2013. Con riferimento all argomento in oggetto, trasmettiamo, per opportuna conoscenza, l elenco delle circolari emanate nel

Dettagli

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula

-PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula -PROGRAMMA DEL CORSO- Metodologia in Aula CORSO RSPP DATORE DI LAVORO ALTO RISCHIO 48ORE D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 art. 34 coordinato al D. Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 ed Accordo Stato-Regioni del 21

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

L evoluzione normativa

L evoluzione normativa L evoluzione normativa La prima produzione normativa in tema di sicurezza sul lavoro risale alla fine del secolo XIX. Il legislatore dell epoca considerava gli infortuni sul lavoro un fattore inevitabile

Dettagli

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N

FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N NOTA ESPLICATIVA AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL ARTICOLO 11 DEL DECRETO LEGGE 31 AGOSTO 2013, N. 101, SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA TRACCIABILITA DEI RIFIUTI SISTRI

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 104 28.05.2013 VDR: via libera alle procedure standardizzate Stop all autocertificazione dei rischi. Dal 1 giugno 2013 entreranno

Dettagli

Il D.Lgs.151/2015. D.Lgs.14 settembre 2015 n.151

Il D.Lgs.151/2015. D.Lgs.14 settembre 2015 n.151 Il D.Lgs.151/2015 D.Lgs.14 settembre 2015 n.151 Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE. Settembre 2015. 1. Voucher- lavoro accessorio. pag. 2. pag. 3. 2. Durc on line. pag. 4. 3. Modello 770- proroga

NOVITA LEGISLATIVE. Settembre 2015. 1. Voucher- lavoro accessorio. pag. 2. pag. 3. 2. Durc on line. pag. 4. 3. Modello 770- proroga NOVITA LEGISLATIVE Settembre 2015 sommario 1. Voucher- lavoro accessorio 2. Durc on line 3. Modello 770- proroga 4. Cessione energia al Gse- fattura elettronica 5. Bilanci delle imprese pag. 2 pag. 3 pag.

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli