PROVINCIA DE CASTEDDU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DE CASTEDDU"

Transcript

1 PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU RASSEGNA STAMPA 5 OTTOBRE Taccuino avvenimenti Pag. 2 Provincia di Cagliari Pag. 4 Cronaca e politica regionale Pag. 6 Trasporti e viabilità Pag. 20 Province Pag. 22 La rassegna stampa è stata ultimata alle ore

2 ANSA TACCUINO AVVENIMENTI DI OGGI - CAGLIARI - Provincia, via Giudice Guglielmo 46 - ore 9 - La presidente della Provincia, Angela Quaquero, e il presidente della commissione Trasporti, Luca Mereu, presentano ai sindaci di Soleminis, Dolianova, Donori e Barrali il protocollo d'intesa, sottoscritto con Arst per la realizzazione di aree parcheggio. - MACOMER - carcere - ore Visita ispettiva in carcere del deputato del Pdl Mauro Pili. - CAGLIARI - Holiday Inn, via Umberto Ticca - ore Conferenza stampa del Gruppo Tecnocasa su 'Il nuovo mercato immobiliare e creditizio. Calano i prezzi delle case'. - CAGLIARI - Business Centre Aeroporto Elmas - ore 10 - Conferenza stampa di Sogaer e Ryanair per premiare il cinquemilionesimo passeggero del vettore irlandese, presentare i collegamenti invernali e fare un bilancio dei cinque anni di attività del vettore a Cagliari. - CAGLIARI - Confindustria Sardegna Meridionale - ore 10 - Convegno organizzato da Confindustria Sardegna Meridionale sul tema 'Efficienza energetica, il forziere nascosto dell'industria sardà. - OLBIA - sala consiliare della Provincia, via Nanni 17 -ore 10- Prima seduta della Commissione speciale per il riassetto del territorio. - CAGLIARI - sala consiglio Fiera internazionale - ore Conferenza stampa di presentazione della 33/a edizione di Turisport. - SASSARI - sala conferenze di Palazzo Ducale - ore Conferenza stampa di presentazione della 'Stagione del contemporaneo'. - CAGLIARI - ex sala giunta del Palazzo Civico - ore 11 - Conferenza stampa di presentazione della manifestazione 'CagliariInforma', organizzata dall'asl di Cagliari. - QUARTU S.E. - sala giunta Palazzo comunale - ore 11 - Conferenza stampa di presentazione del progetto IntegrArts, per l'integrazione socio-culturale dei giovani. - OLBIA-Auditorium Istituto Comprensivo,via Frosinone-ore Conferenza stampa di presentazione della 12/a edizione di 'Correre sotto le stelle 2012 Memorial Giacomo Pileri'. - CAGLIARI - Assessorato Programmazione Regione - ore 12 - Incontro Regione-sindacati su manovra finanziaria e di bilancio CAGLIARI - Assessorato Industria Regione - ore 12 - Vertice Regione-Sindacati su progetto rilancio Carbosulcis. - SASSARI - piazzetta Banco di Sardegna - ore Invito a Palazzo: apertura al pubblico del Palazzo di Sassari, sede del Banco di Sardegna (anche il 6 ottobre, dalle ore 10). - IGLESIAS - ore 15 - Auto: verifiche sportive e tecniche della 28/a cronoscalata Iglesias- Sant'Angelo. - ARZACHENA - Hotel Melia, Poltu Quatu - ore 15 - Convegno sul tema 'La responsabilita' civile dei magistratì (anche il 6 ottobre), organizzato dall'anma. - CAGLIARI - Auditorium Banca di Credito Sardo - ore Convegno, organizzato dalla Camera Penale della Sardegna, sul tema 'Liberta' ed indipendenza del difensoré (anche il 6 ottobre). - CAGLIARI - Thotel, via Dei Giudicati - ore Convegno sul tema 'Medicina estetica sarda oggi: dalle origini all'istituzione dell'albo ufficialé (anche il 6 ottobre), organizzato da Mesa (Medici estetici sardi associati). - ASSEMINI - Centro sportio E.Cellino - ore Conferenza dell'allenatore del Calcio Ivo Pulga. - CAPOTERRA - S.Maria Maddalena, via Serpentara - ore 17 - Convegno sul tema 'Problematiche e pericoli del nostro territorio fra qualita' di vita e necessità produttive, salvaguardia del territorio e rischi ambientalì organizzato da comitato Capoterra. - CAGLIARI - Acli, via Roma - ore 17 - Incontro-dibattito organizzato da Acli, Cisl e Pd sul tema 2

3 'L'elezione della Consulta dei cittadini stranieri e apolidi del Comune di Cagliari. - STINTINO - sala consiliare del Comune - ore Convegno dei Riformatori Sardi sul tema 'La Sardegna come rinnovata meta turistica: Stintino e le sue idee alternative'. - SANTULUSSURGIU - salone del Monte Granatico - ore Appuntamento con la poesia 'in sardu'. - CAGLIARI - aula magna Facoltà teologica - ore Inaugurazione dell'anno accademico della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna. - ASSEMINI - Hotel Argentina, via Piemonte 22 - ore Assemblea del Partito della Rifondazione Comunista Federazione della Sinistra sarda per presentare i quesiti referendari sul lavoro. - CAGLIARI - Conservatorio di Musica - ore 18 - Per la rassegna cameristica concerto di Lucio Filippo Casti (violino), Vladimiro Atzeni (violoncello) ed Ilaria Vanacore (pianoforte). - CAGLIARI - Galleria d'arte La Bacheca, via dei Pisani -ore 18- Inaugurazione della mostra di Ugo Nespolo '1,618 - Il numero d'orò (fino al 28 ottobre), alla presenza dell'artista. - CAGLIARI - Spazio Search, largo Carlo Felice - ore Presentazione del libro 'Porto Franco' di Francesco Forgione. - RIOLA SARDO - Centro polifunzionale - ore Incontro pubblico sul 'Bando contributi smaltimento amianto', a cura dell'assessorato all'ambiente della Provincia di Oristano. - CAGLIARI - Centro d'arte e cultura Lazzaretto - ore Inaugurazione di 'Laboratorio 2012' (18/a edizione), mostra didattica della Man Ray Photo School, a cura di Stefano Grassi ed Efisio Carbone (fino al 4 novembre). - CAGLIARI - aula magna Conservatorio - ore 19 - Comincia il Festival 'Musica e strumenti antichi' (fino al 12/10), organizzato dal Dipartimento di Strumenti Antichi del Conservatorio di Musica 'Pierluigi da Palestrina'. - CAGLIARI - Domukratica, via Tempio 22 - ore 19 - Inaugurazione del Circolo Copernico del Pd e presentazione delle prime attività in programma. - CAGLIARI - Fiera, via Pessagno, ingresso Coni - ore Lezione di regalità di Filippo Martinez, nell'ambito dei corsi della Facoltà di scienze della felicità. - SERRAMANNA - Teatro Tages - ore 21 - Per la rassegna 'Notti senza nome', va in scena 'Manovella Circus', spettacolo di marionette con Agostino Cacciabue. (ANSA). 3

4 UNIONE SARDA pag. 29 Sinnai Riforme e ruolo delle Province, incontro del Pd Si svolge oggi alle 18 nella pinacoteca di via Colletta a Sinnai un incontro organizzato dal circolo del Pd per parlare delle riforme istituzionali e del ruolo dei Comuni e delle Province. Interverranno Giampaolo Diana (presidente del gruppo regionale del Pd), Cristiano Erriu (presidente Anci), i sindaci Barbara Pusceddu (Sinnai), Tore Sanna (Villasimius) e Costantino Palmas (Settimo), Fabio Corona (vice sindaco di Maracalagonis) e Massimo Pusceddu (consigliere provinciale Pd). Coordina Ignazio Pau. (ant.ser.) Reg. Trib. di Cagliari - Decreto n. 12 del P.I Copyright L'Unione Sarda S.P.a. Tutti i diritti riservati 4

5 UNIONE SARDA pag. 16 OPINIONI E SEGNALAZIONI Sprechi in Provincia Beato il giorno in cui gli attuali amministratori della Provincia verranno mandati a casa. Chi esamina la deliberazione numero 170 della giunta provinciale di Cagliari non può che indignarsi nel vedere tanti milioni di euro spesi nel finanziare migliaia di società, comitati, organizzatori, privati per le più disparate iniziative, comprese feste di corpi di polizia, con prevalenza dei beneficiari a Quartu. Oltre ai tanti sprechi con i fondi di rappresentanza, su cui forse non sarebbe male uno sguardo della Corte dei Conti, ci sono queste spese discrezionali e spesso di favore. Di contro non dispone di fondi per assicurare i veri compiti primari, quali la manutenzione degli edifici scolastici o la segnaletica e la sicurezza delle strade provinciali. (Vincenzo) 5

6 NUOVA pag. 4 Tagli dei posti letto, la giunta accelera Primo via libera dei Riformatori, che però martedì presenteranno diversi emendamenti. Scambio d accuse fra i due poli di Umberto Aime CAGLIARI Il governo Monti ha così tanta fretta di tagliare la spesa sanitaria, è un pozzo senza fine, che «subito, entro ottobre, presenterà alle regioni i quelli che dovranno essere i costi standard negli ospedali e nelle Asl. Saranno costi massimi e inviolabili. Non potranno essere più sforati, altrimenti ci saranno territori che finiranno nella lista nera degli spreconi e in quella peggiore delle canaglie». A confermare l ultimatum è stato il senatore pdl Maurizio Sacconi dal palco dell assemblea nazionale dei medici di famiglia che sta per concludersi in un hotel di Villasimius. E si sa: da Villasimius a Cagliari i chilometri sono davvero una manciata e così il messaggio è arrivato in fretta nell aula del Consiglio regionale, dove ieri è proseguito il confronto, acceso e aspro, sul riordino della rete ospedaliera, o più banalmente sulla leggina che taglierà dai 1300 ai 1500 posti letto. Ebbene, la Sardegna rischia di finire davvero fra le regioni canaglia. Il suo disavanzo è stato di -360 milioni nel 2011, anche se in aula l assessore alla sanità, Simona De Francisci, l ha più che dimezzato: «Sono 118 milioni e 700 mila, come certificato dal ministero del tesoro». Sono sempre tanti e lo sono ancor di più se sommati alla spesa farmaceutica, è schizzata all inverosimile, ai troppi ospedali, al numero esagerato di ricoveri e ad altri sprechi vari, ma non nella sanità privata. Ed è stata questa la seconda rivelazione dell assessore: «Da noi incide per soli 103 milioni sui tre miliardi in bilancio». È stato un altro bel colpo di teatro, anche se poi per dar ancora più peso alle sue parole, De Francisci ha citato la Lombardia come una delle regioni più virtuose nella sanità privata, affermazione quanto meno rischiosa visto lo scandalo Daccò- Formigoni, in corso, ma questa è un altra storia. Comunque, se la Sardegna non riuscirà a rimettersi in carreggiata da sola, prima di dicembre, sarà lo Stato a farlo con l accetta e pochi riguardi. Il centrodestra, come si sa, vuole centrare l obiettivo con una legge che dà mandato ai direttori generali delle otto Asl di proporre loro i tagli ed è per questo che l assessore ha detto: «Bocciare questo provvedimento che parte dal basso vorrebbe dire rinunciare all autonomia e consegnare ad altri la nostra sanità». Vero o falso? Più che altro è probabile un prossimo intervento dello Stato a gamba tesa, ma se il rischio c è, ha replicato il centrosinistra, la strada non può essere «certo questa scorciatoia confusa e dettata solo dall emergenza». E sempre dai banchi del Pd: «C è una voragine e voi ci mettete un altra pezza. Volete andare avanti ancora senza regole, disprezzate il ruolo guida del Consiglio regionale, perché è nell anarchia che sapete tutelare meglio i vostri interessi nella sanità», ha detto il capogruppo Giampaolo Diana, prima della proposta finale: «Usiamo questi mesi per mettere invece mano al piano sanitario regionale e allora sì che potremmo dire di aver inciso sulla spesa. Noi siamo pronti a farlo e voi?». No, un accordo bi-partisan di questi tempi è impossibile e lo è per molti motivi. Con l Udc, è ancora difficile trattare soprattutto dopo che il capogruppo Giulio Steri ha respinto con sdegno i sospetti su «un nostro possibile conflitto d interessi: noi non facciamo battaglie personali, bensì difendiamo la qualità del servizio sanitario». Ed è ancora più difficile per il centrosinistra intavolare qualcosa di comune col Pdl: «Certo che è impossibile ha detto Diana siamo agli antipodi». È vero e qui i motivi sono altri due. Primo, il contrattacco messo ieri in piazza dal capogruppo del Pdl, Pietro Pittalis, è stato da pistolero. Ha parlato di «troppa superficialità da parte dell opposizione» e anche della «vostra capacità (rivolto a Soru) di far convivere poche verità con molte bugie». Secondo motivo, il Pdl vuole godersi almeno per qualche ora il piacere del riavvicinamento dei Riformatori (da sempre critici con la proposta della giunta) che ieri hanno votato con la maggioranza. La trappola del voto segreto sul passaggio agli articoli (se avessero vinto i no, sarebbe stata bocciatura secca) non ha avuto l effetto sperato da Pd, Idv e Sel, che tra l altro con Luciano Uras aveva detto: «Di questa legge non dobbiamo salvare neanche una riga». Niente da fare: i sì sono stati 40, 21 i no, solo sei gli astenuti, i consiglieri di 6

7 «Sardegna è già domani» (ex Pdl) e Api. Superata questa prova, martedì ci sarà quella più rischiosa degli emendamenti, che potrebbero stravolgere il testo: «Noi siamo aperti alle modifiche», ha detto l assessore per tener buoni i sempre irascibili Riformatori. Perché se saranno loro a presentare le correzioni, potrebbero trovare per strada qualche franco tiratore se sarà chiesto ancora il voto segreto. Martedì sarà dunque il giorno della verità, mentre per lunedì l assessore ha convocato i sindacati, che avevano denunciato di non essere stati consultati su un argomento così delicato. Delicato per tutti, pazienti compresi. RIPRODUZIONE RISERVATA 7

8 UNIONE SARDA pag. 2 CONSIGLIO. Maggioranza compatta. De Francisci: così decidiamo noi dove tagliare i posti letto Sanità, niente franchi tiratori in Aula «Chiedo il voto segreto», dice in Consiglio regionale il capogruppo Idv Adriano Salis, regalando un brivido mentre si discute la legge sulla rete ospedaliera. Quella che taglia posti letto in tutta l'isola, per rispettare i parametri nazionali. Salis fa il blitz quando si sta per votare il passaggio agli articoli: un no rimanderebbe il testo in commissione per sei mesi. Ma il brivido dura un attimo, la maggioranza tiene bene: 40 sì, 21 no e 6 astensioni. IL DIBATTITO Una conferma importante per la Giunta: i Riformatori, benché perplessi, sono leali. Gli astenuti provengono dal gruppo Sardegna è già domani, come Roberto Capelli, il primo a prendere la parola nel giro finale degli interventi: «Sarà un voto condizionato dalla necessità di non perdere 250 milioni di fondi statali», ricorda il leader dell'api, insoddisfatto perché «gli impegni assunti in campagna elettorale sulla sanità sono stati traditi. Abbiamo investito 25 milioni per migliorare le liste di attesa, ma inutilmente. Se prenotate oggi una mammografia all'asl 3, ve la fisseranno al 6 aprile 2013». Luciano Uras (Sel) annuncia «un'opposizione pregiudiziale, di contrasto generale» sul provvedimento: «Non salviamo neppure una virgola». Si tagliano i posti letto con «un percorso sbagliato, politicamente inefficace e giuridicamente dubbio». Il capogruppo Udc Giulio Steri invece difende la legge: «È un atto urgente e necessitato, anche se non è la vera riforma». Sui tagli «siamo vincolati dai limiti statali», aggiunge: che poi siano i manager Asl a dire dove farli «è una scelta operativa, ma ci saranno a monte le direttive dell'assessore e poi il controllo del Consiglio». Pietro Pittalis, capogruppo Pdl, controbatte alle cifre sui costi sanitari, date il giorno prima dalla minoranza: «Non è vero che il deficit cresce, è in calo. Ma miriamo al pareggio». Giampaolo Diana (Pd) riconosce «sensibilità e coraggio» all'assessore, ma denuncia «l'assenza di programmazione della maggioranza: cercate l'assenza di regole per tutelare interessi particolari». L'ASSESSORE Simona De Francisci ribatte alle contestazioni punto per punto, ma è soprattutto una considerazione politica quella che anima il suo intervento: «Con questa legge decidiamo noi dove tagliare. Se la bocciamo decideranno altri: altro che autodeterminazione e sovranità». Il fatto che i direttori generali indichino i posti letto da eliminare «non significa che la Regione abdichi al suo ruolo: faranno delle proposte che noi valuteremo». L'assessore dice la sua anche sulle cifre: «Il disavanzo attuale, certificato, è di 118,7 milioni. Quanto alla sanità privata, incide per 103 milioni su circa 3 miliardi: dovrebbe essercene di più, come in Lombardia». In serata, battibecco a colpi di comunicati tra De Francisci e i sindacati: «Avevamo concordato un percorso di confronto - denunciano Cgil, Cisl e Uil - ma ci è stato impedito di presentare proposte». Colpa del carattere di urgenza del provvedimento, ribatte l'assessore, che annuncia una convocazione dei sindacati per lunedì, 24 ore prima della discussione degli emendamenti. Giuseppe Meloni 8

9 UNIONE SARDA pag. 3 In Sardegna nuovi risparmi Consiglio regionale: sei milioni in meno nel bilancio del 2013 Via altri 6 milioni dalla spesa del Consiglio regionale sardo: ormai non passa giorno senza tagli ai costi della politica, l'effetto combinato di crisi e scandali costringe le istituzioni a mostrarsi risparmiose. Con una lettera all'assessore al Bilancio Giorgio La Spisa (e per conoscenza a Ugo Cappellacci), la presidente dell'assemblea Claudia Lombardo chiede di ridurre da 71 milioni a 65, nella Finanziaria 2013, i fondi destinati al funzionamento del Consiglio. LA LETTERA Il parlamento isolano, in verità, già dal 2008 aveva sforbiciato le indennità ed eliminato alcuni benefit. Il taglio si è molto rafforzato nell'attuale legislatura, prima e dopo i referendum di maggio. Lo ricorda la stessa Lombardo nella lettera, elencando tra l'altro il 30% in meno su indennità di carica, diaria e spese di segreteria, il 20% in meno ai gruppi, i limiti all'uso delle auto blu. Inoltre la presidenza del Consiglio devolve le spese di rappresentanza a finalità sociali. Il costo annuale era così passato dagli 85 milioni di inizio legislatura ai 71 del 2012, e tutto «in tempi non sospetti, senza la spinta emotiva della piazza», scrive la presidente. Ma poiché la crisi peggiora, Lombardo propone a La Spisa (che sta definendo la manovra 2013) di portare la spesa consiliare a 65 milioni, il 23,5% in meno dell'inizio della legislatura. Una richiesta che «interpreta la volontà dell'intera assemblea», precisa la presidente. REAZIONI Proprio ieri La Spisa era a Roma per la conferenza delle Regioni, che ha dato l'ok alle misure del Governo sui costi della politica: «Ma in questa direzione la Sardegna ha già fatto notevoli passi avanti», sottolinea, «sia la Giunta che il Consiglio». «Abbiamo anticipato l'inversione di rotta», aggiunge Cappellacci, ricordando di aver rinunciato all'indennità di presidente e all'auto blu. Tra le altre norme, il taglio dei cda e delle consulenze. Michele Cossa (Riformatori) evidenzia il ruolo dei referendum: «Abolizione di Province e cda, riduzione di indennità e numero di consiglieri». Angelo Stochino (Pdl) propone che i nuovi 6 milioni risparmiati vadano «ai Comuni, per superare i vincoli di stabilità e pagare i fornitori». Mentre Mario Diana, capogruppo di Sardegna è già domani, considera «reali e verificabili» solo i tagli del Consiglio: «Cappellacci rivendica come propri i meriti altrui e lascia indeterminati i suoi. Vorrei dettagli su come realmente riducano i loro costi la presidenza della Regione e la Giunta». (g. m.) 9

10 NUOVA pag. 4 Costi della politica, l Aula risparmia ancora sei milioni L invito a tagliare altri sei milioni dai costi previsti nella Finanziaria 2013 per il funzionamento del Consiglio regionale («Mi faccio portavoce della volontà dell aula») il presidente dell assemblea, Claudia Lombardo, l ha scritto in una lettera indirizzata all assessore al bilancio, Giorgio La Spisa. «Le risorse liberate si legge potranno servire per sostenere nuove azioni di contrasto alla crisi e difendere i posti di lavoro. Non può lasciare indifferenti continua il presidente gli effetti devastanti che la stessa crisi ha sul nostro sistema socio-economico, con preoccupanti ripercussioni sull ordine pubblico» ed è per fronteggiare preoccupazione e allarme che devono essere ancora tagliati i costi della politica. Il risultato di questa autoriduzione sarà che lo stanziamento per il Consiglio r passerà dagli attuali 71 milioni a 65 milioni, con un taglio complessivo di 20 milioni, pari al 23,52 per cento. E nel tirare le somme, il presidente Lombardo ricorda che «dal 2008 ad oggi sono stati eliminati i biglietti di viaggio a favore dei consiglieri e dei loro familiari, indennità di carica, spese di rappresentanza e segreteria sono state ridotte del 30 per cento. Con un taglio netto di euro al mese per ciascun consigliere». È stato ridotto del 20 per cento anche il contributo ai gruppi politici e che la stessa riduzione sale al 30 per cento se si tiene conto delle minori spese per il personale dei gruppi. Infine, è stato eliminato anche il vitalizio. 10

11 UNIONE SARDA pag. 7 Lanciata la nuova battaglia indipendentista: padroni in casa nostra Meris verso le Regionali Doddore Meloni: arrivare al 30% in Consiglio L'obiettivo è l'indipendentismo della Sardegna. Lo strumento le Regionali del Doddore Meloni, leader di Malu Entu, ha presentato, ieri, la nuova carta di identità per la nascita della repubblica autonoma dell'isola. Nome: Movimentu europeu rinaschida sarda (Meris, che in sardo vuol dire padroni). AUTOGOVERNO Simbolo: l'albero sradicato di Eleonora d'arborea (emblema dei sardi che si sono formati da soli, senza l'aiuto di nessuno) con i quattro mori senza benda. Segni particolari: lo slogan che recita «padroni in casa nostra». Finalità: raggiungere il 30 per cento dei voti alle prossime elezioni regionali nel «Dobbiamo autogovernarci. Riprendiamoci il diritto di casa nostra. Gli indipendentisti, oggi come oggi, non raggiungono il 10 per cento in Consiglio regionale, ma se aderissero al Movimento si potrebbe superare il 30», sottolinea Doddore. In piena battaglia legale per veder riconosciuto il diritto al referendum consultivo - bocciato dall'ufficio regionale - Meloni punta a presentarsi alle urne con la sua nuova arma indipendentista: Meris. «È un contenitore trasversale pronto ad accogliere chiunque (tranne i riciclati) voglia veder nascere la repubblica autonoma nell'isola. Rappresenta il voto effettivo sull'indipendenza». INDIPENDENZA Indipendenza che, precisa, non va confusa con l'isolamento: «Indipendenza vuol dire apertura verso l'europa, e porta all'autonomia legislativa». Doddore non risparmia, poi, critiche ai sardi, «mosche cocchiere»: «Non è colpa dei politici se l'isola è attanagliata dalla crisi, ma dei cittadini che hanno scelto queste persone a rappresentarli. La Sardegna sta diventando una colonia moderna, preda di ogni avventuriero che viene». TURISMO E TRASPORTI Meloni punta i riflettori sui nodi da sciogliere: turismo, trasporti e disoccupazione giovanile: «Dobbiamo essere noi ad andare a prendere i turisti. Gli aeroporti e i porti dei nostri vicini di casa, Corsica e Spagna, funzionano molto meglio e con tariffe più basse». Rivendica la paternità della flotta sarda: «Avremmo potuto acquistare, tutti insieme, le quote della Tirrenia, creando 50 mila posti di lavoro in più. Invece da noi i giovani fuggono a caccia di fortuna altrove». E invita i sardi a dare un suffragio a se stessi. «Solo così da Roma incominceranno a preoccuparsi. Anzi lo hanno già fatto perché mi hanno arrestato». Il leader di Meris, arrestato in agosto per evasione fiscale (5 milioni di euro) conclude: «Pago le tasse, ma in forma indiretta». Roberta Floris 11

12 UNIONE SARDA pag. 7 Dura analisi di Mario Medde La Cisl in campo: «Il Patto di stabilità strozza la Sardegna» Il Patto di stabilità strozza la Sardegna e non consente di spendere tutte le risorse disponibili e impegnate della Regione. Lo ha ribadito il segretario generale della Cisl Mario Medde, per il quale è necessario procedere alla sua rinegoziazione. I NUMERI «A oggi - ha spiegato Medde - le somme impegnate del 2012 assommano a milioni di euro, mentre quelle pagate a 549 milioni. Nello specifico per le politiche sociali, a fronte di 187 milioni di euro impegnati, ne sono stati pagati 139. Per le politiche del lavoro le somme impegnate risultano essere 172,460 milioni di euro, quelle pagate 70,728 milioni. La somma dei residui sulle voci riportate in tabella assommano, al 27 settembre 2012, a 450,368 milioni». LA REGIONE Il leader della Cisl pone l'accento anche sugli investimenti dell'amministrazione regionale: «La capacità di spesa della Regione è passata dal 70% al 30%. È evidente, dunque, la difficoltà non solo di investire tempestivamente sulla crescita, ma anche di far fronte a quanto dovuto alle famiglie, alle imprese e alle persone. C'è anche un problema irrisolto sull'efficacia della Regione nella sua capacità di spesa, la necessità di sburocratizzare vari passaggi e di delegificare il sistema delle relazioni tra l'istituzione, le imprese e le famiglie, ma soprattutto esiste il problema di eliminare il vincolo del Patto di stabilità, per quel che riguarda le risorse aggiuntive sulle entrate dovute alla Sardegna». LA FINANZIARIA L'altro aspetto da rivedere, in previsione dell'approvazione della nuova manovra finanziaria e di bilancio della Regione, «riguarda il rapporto fra spese vincolate o obbligate, ricomprese nel Patto di stabilità, e le somme manovrabili per riposizionare gli investimenti e i progetti necessari a attutire l'impatto della crisi e a promuovere nuove opportunità di lavoro. È fondamentale per evitare di confermare solo l'esistente, e dunque di non poter disporre delle risorse necessarie a promuovere una nuova fase di crescita e di lavoro, razionalizzare la spesa sul versante di quanto non strettamente necessario, ridurre i costi della rendita politica, aumentare le entrate con la definizione della vertenza con lo Stato, rinegoziare il Patto di stabilità. Il rischio è di impegnare molte risorse e di non poterle poi spendere, di aumentare i residui passivi, oggi vicini ai 7 miliardi di euro». 12

13 UNIONE SARDA pag. 17 BONARIA. Il funerale celebrato dall'arcivescovo Miglio: «Ha fatto tanto per il prossimo» Un uomo che ha lasciato il segno Emanuele Sanna, folla di politici e amici per l'ultimo saluto «Un uomo che ha trascorso la sua vita dedicandosi al prossimo». Una frase pronunciata all'inizio della celebrazione dal parroco di Samugheo, Alessandro Floris, racchiude in poche parole quello che è stato Emanuele Sanna, medico e protagonista della politica sarda e nazionale, scomparso lunedì scorso. E la dimostrazione arriva dal fatto che ieri la basilica di Bonaria, in occasione dell'ultimo saluto porto al politico - già parlamentare, assessore alla Sanità e presidente del Consiglio regionale - era gremita. Centinaia di persone tra cui le più alte cariche politiche, civili, militari, ma anche tantissima gente comune che ha voluto rendere omaggio a un grande pediatra, che in politica ha lasciato il segno. IL PARROCO Ad aprire i funerali, celebrati dall'arcivescovo di Cagliari ieri pomeriggio, il parroco di Samugheo, che ha voluto ricordare l'uomo prima ancora che il politico: «Mi sento di sottolineare la grandezza del personaggio - ha sottolineato il sacerdote - ho avuto la grazia tre anni fa di fare la sua conoscenza, e da allora i nostri cammini si sono incrociati. Ho avuto modo di instaurare con lui un rapporto intenso e una collaborazione attiva e costruttiva per risolvere tante problematiche». Una figura, insomma, non solo capace di diventare un importante esponente della vita politica sarda e nazionale, ma una persona che nel corso della sua intensa vita ha avuto la capacità di stare vicino e occuparsi dei problemi della gente: «Senza timore di essere smentito - ha proseguito il parroco della cittadina oristanese - posso testimoniare che Emanuele Sanna era una persona capace, che ha messo a disposizione di tutti la sua alta vocazione umana. Ha dimostrato, tra le tante cose, soprattutto competenza e umiltà». Poi ha concluso: «Ha trascorso la sua vita dedicandosi al prossimo, e tutto questo ci deve fare riflettere, per comportarci come lui in questo periodo di sfiducia sia dal punto di vista economico che sociale». L'ARCIVESCOVO L'arcivescovo di Cagliari, Arrigo Miglio, ha celebrato la funzione religiosa ricordando in un breve discorso la figura di Sanna: «In un giorno particolare come questo, che è la ricorrenza di San Francesco d'assisi, patrono d'italia, mi è sembrato doveroso accogliere l'invito a celebrare questa liturgia, anche in considerazione delle importanti cariche da lui ricoperte a livello regionale e nazionale - ha detto Miglio - È evidente che il ruolo delle istituzioni politiche è di primaria importanza perché riguarda l'intera comunità - ha detto ancora l'arcivescovo - e la memoria di quest'uomo, che ha dedicato la sua vita non solo alla politica, ma a tante altre cose, deve innanzi tutto servire come incoraggiamento per tutti coloro che si vogliono impegnare per il bene comune». Alla fine della celebrazione in tantissimi hanno voluto rendere omaggio alla famiglia del defunto, recandosi nella panca in prima fila per le condoglianze. Un lungo applauso ha salutato il passaggio della bara nelle scalinate della basilica prima dell'ultimo viaggio sino al cimitero di San Michele. Piercarlo Cicero I big isolani nella basilica Tra le navate il rimpianto si fa bipartisan La storia della politica isolana si raccoglie per dare l'ultimo saluto a Emanuele Sanna. Tutti uniti nell'affetto, nel ricordo e in quell'uguaglianza che avvolge le persone al cospetto della morte. Rappresentanti del parlamento, del consiglio regionale, dei comuni e del mondo sindacale. Politici che prima di tutto sono stati amici di Emanuele Sanna durante la sua lunga carriera. E c'era anche Rossella Urru, arrivata da Samugheo per assistere al funerale. Nei giorni difficili della prigionia, Sanna è stato molto vicino alla sua famiglia. Sono numerosi i sindaci in fascia tricolore, anche Massimo Zedda che nelle prime file assiste silenzioso alla messa. Poi, il vicesindaco Paola Piras, il 13

14 presidente del Consiglio comunale, Ninni Depau, e numerosi rappresentanti dell'assemblea cittadina. A stringersi intorno ai familiari, c'è il presidente del Consiglio regionale Claudia Lombardo e l'assessore della Sanità, Simona De Francisci. Tra gli ex presidenti di Regione, che con Sanna hanno lavorato per tanto tempo, Mario Floris, assessore regionale degli Affari generali, e Antonello Cabras, senatore del Pd. Non sono mancati il deputato del Pdl, Mauro Pili, il presidente dell'autorità portuale, Piergiorgio Massidda, il presidente regionale dell'ordine dei giornalisti, Filippo Peretti, Emilio Floris, ex sindaco di Cagliari, Cristiano Erriu e Umberto Oppus, presidente e direttore dell'anci Sardegna. E poi i tanti consiglieri regionali, da Pierpaolo Vargiu a Franco Meloni, da Francesca Barracciu a Claudia Zuncheddu. Ma anche Renato Lai, Nello Cappai e Giulio Steri. Hanno preso parte al rito anche la presidente della Provincia, Angela Quaquero, l'assessore alle attività produttive, Piero Comandini e l'ex presidente Graziano Milia. In chiesa anche il presidente del Cagliari, Massimo Cellino. Tanti ancora si sono assiepati nella Basilica per salutare l'onorevole Sanna, o per tutti, l'amico Emanuele. (mat.s.) 14

15 NUOVA pag. 19 Cemento libero su tutte le zone umide Il Consiglio regionale conferma: niente fascia di rispetto su stagni e lagune malgrado la sentenza del Consiglio di Stato di Mauro Lissia CAGLIARI La sentenza del Consiglio di Stato e l intervento della Procura della Repubblica non ha fermato il Consiglio regionale, che con una leggina ad hoc ha confermato la delibera interpretativa dell estate scorsa e convertito il disegno di legge della giunta Cappallacci, riaffermando che la fascia di rispetto dei trecento metri, entro la quale è vietato qualsiasi intervento edilizio, vale solo per laghi e invasi artificiali. Quindi non per le zone umide come le Saline e il Molentargius. In base a questa norma - che solleverà la reazione degli ecologisti - la «fascia dei trecento metri dalla linea di battigia è da riferirsi esclusivamente ai laghi naturali e agli invasi artificiali - è scritto - come già stabilito negli atti ed elaborati del Piano paesaggistico regionale». Non solo: la norma ha effetto retroattivo per i «titoli abilitativi rilasciati a decorrere dal 24 maggio 2006, data di adozione del Ppr». La conseguenza di questo voto del parlamento sardo - contrari soltanto i consiglieri di Sel - è che centodieci interventi edilizi progettati a meno di trecento metri da zone umide fino ad oggi protette dal Piano paesaggistico regionale e dalla convenzione internazionale di Ramsar, concentrati soprattutto nel nord dell'isola, saranno sbloccati e di conseguenza autorizzati. La norma è in aperto contrasto con la sentenza emessa il 16 aprile scorso dalla quarta sezione del Consiglio di Stato, in base alla quale anche le zone umide rientrano fra quelle da difendere con la fascia di rispetto dei trecento metri. Se c'è la fascia di rispetto - hanno affermato i giudici amministrativi supremi - per qualsiasi progetto che ricada su quelle zone è indispensabile il nullaosta paesaggistico. Un principio pacifico per il Consiglio di Stato ma non per la Giunta regionale, che in questa legge rilancia un'interpretazione opposta a quella dei giudici di quanto disposto all'articolo 17 delle norme di attuazione del Ppr (lettera g, comma 3). La decisione della Giunta è legata a quanto indicato nel Codice del Paesaggio (il Codice Urbani) di cui il Ppr è un'emanazione diretta ma riferita alla Sardegna e alle sue specificità: nel Codice - che è legge dello Stato - la fascia di protezione non riguarda esplicitamente le zone umide, che non vengono citate. Ma la lettura del Consiglio di Stato - spiegata dall'estensore Giuseppe Castiglia in una sentenza lunga e articolatissima - è che in realtà la fascia di tutela dei trecento metri sia riferita anche alle zone umide come lagune e stagni. E che in ogni caso la Regione, come stabilito dai giudici di palazzo Spada con l'ormai celebre sentenza per Tuvixeddu dell'aprile citata come fonte consolidata in questa decisione - sia libera di estendere in piena autonomia le tutele paesaggistiche partendo da quelle generali. La sentenza di aprile scorso nasce da una controversia tutta cagliaritana: appreso che la Progetto Casa Costruzioni srl era stata autorizzata dal Comune di Cagliari e dalla Regione a realizzare un palazzo di sei piani per 3900 metri cubi trasformando una vecchia volumetria a pochi metri dal parco naturale Molentargius-Saline, in via Gallinara, l'imprenditore Alberto Onali s'era rivolto al Tar. Quell'immobile infatti avrebbe oscurato irrimediabilmente la sua casa. Onali ha ricorso ai giudici di secondo grado, che hanno accolto le tesi del suo legale, l'avvocato Mario Sanino: senza il nullaosta paesaggistico stop al palazzo di via Gallinara. I legali di Onali hanno poi chiesto la demolizione dell edificio. 15

16 NUOVA pag. 20 Lirico, i sindacati attaccano Zedda Contestata aspramente anche l ipotesi di nominare Umberto Fanni direttore artistico per il suo passato a Verona QUARTU Il teatro in lingua sarda torna a Quartu con la seconda edizione della rassegna Aici, tanti po ; un iniziativa promossa dall associazione teatrale Sacro cuore, col patrocinio del Comune, che intendere promuovere la riscoperta della lingua sarda. A partire dalla serata di domenica il teatro parrocchiale del Sacro Cuore ospiterà cinque brillanti commedie in limba. Il primo appuntamento è il 7 ottobre, alle ore diciannove. Sul palco del teatro l associazione culturale Lasalliana di Monserrato presenterà la commedia in due atti Sa Coia di Lucio Sergi. Un esilarante serie di intrecci coniugali con un finale a sorpresa. Sa domu popolari è il titolo della commedia che verrà portata in scena della compagnia Filodrammatica guspinese sabato 13 ottobre. Il 20 dello stesso mese la compagnia Teatro Marmilla di Ussaramanna presenterà Sa contessa di Ignazio Atzei e il 27 ottobre la compagnia Centu concasa centu berrittasa di Nuragus proporrà la commedia Villa Serena. La rassegna chiuderà il sipario sabato 3 novembre con la divertente commedia Sa professoressa di Antonio Garau rappresentata dall associazione teatrale Sacro cuore di Quartu. «Abbiamo deciso di riproporre la rassegna dopo il successo che la manifestazione ha riscosso lo scorso anno _ ha detto il presidente dell associazione Pierluigi Ibba _». Federica Cubeddu CAGLIARI Ora al teatro lirico spunta il nome del nuovo direttore artistico e i sindacati contestano anche quello, uscito dall Arena di Verona a febbraio scorso dopo un rapporto tumultuoso e relativi strascichi giudiziari. Il nome è Umberto Fanni, al contrario di quello della neosovrintendente Marcella Crivellenti, nominata sulla base di un accordo politico comprensibilmente smentito dal sindaco Zedda e dai suoi interlocutori, il curriculum sembra a prova di bomba ma al personale della Fondazione cagliaritana non piace lo stesso: pianista diplomato, nella città di Giulietta faceva il direttore artistico ma violando il rapporto di esclusiva lavorava anche per il Teatro Grande di Brescia. Non solo: le cronache dei giornali locali riferiscono di una procedura di accertamento aperta su di lui dalla Fondazione Arena. Come dire che i conti sembrano non tornare da entrambe le parti perché Fanni ha rivendicato con un ricorso al tribunale una buonuscita da 25 mila euro mai incassata. Il personale del teatro si riunirà in assemblea questo pomeriggio alle 17.30, intanto però è partito un comunicato unitario che conferma quanto sia tesa l atmosfera in via Sant Alenixedda dopo la conferenza stampa di avantieri in cui Zedda ha presentato la Crivellenti ancora prima che la nomina sia ufficial e e che il ministero la ratifichi: «La Rsu - è scritto - organo che rappresenta tutti i lavoratori, sente la necessità di chiarire al presidente e al Cda che il nostro teatro è a tutti gli effetti una Fondazione Lirico Sinfonica regolata da uno statuto e numerose leggi nazionali che indicano una "mission" ben precisa. Nessuna guerra preventiva ma il grido di rabbia e di delusione dei dipendenti che sono forza lavoro e prodotto finale del loro Teatro. Lavoratori che hanno pagato sulla loro pelle le precedenti gestioni, sono rimasti inascoltati. Il presidente afferma in conferenza stampa: si è tenuto il Cda che all'unanimità ha deciso di nominare Marcella Crivellenti. Nella seduta di ratifica di nomina che dovrà avvenire, vedremo nero su bianco l'epilogo della vicenda e fino a che punto i consiglieri di amministrazione sosterranno " la mia idea di Teatro ". Per i lavoratori è chiarissimo che è lontanissima dalla loro. In previsione della presentazione della squadra della signora Crivellenti preferiamo appellarci alla "Veggente Norma" piuttosto che all'"intuitu personae". La scelta di Umberto Fanni come nuovo direttore artistico, come pare si prospetti, sarebbe solo la naturale conclusione di una vicenda che appare inverosimile e grottesca. Il discusso "maestro" infatti è stato recente protagonista di una procedura di accertamento da parte della Fondazione Arena di Verona per "possibile violazione di contratto di esclusiva e concorrenza sleale", che ha comportato il venir meno del "rapporto di fiducia" fra lui e la fondazione, rapporto cessato infatti il 28 febbraio I lavoratori hanno atteso 16

17 tanto e sopportato disagi (anche economici e che ancora continuano) per arrivare finalmente a una soluzione e una rinascita che invece sembra il riproporsi delle vecchie politiche». Nel mezzo di questa battaglia arriva una buona notizia: il Nabucco in programma oggi in teatro non è a rischio. Se l assemblea deciderà di scioperare lo farà nei prossimi giorni per non danneggiare gli appassionati cagliaritani che hanno acquistato i biglietti. Difficile prevedere che cosa accadrà più avanti, l aria è di andare avanti nella protesta per ottenere la revoca della Crivellenti. Per Zedda si profila una partita piuttosto complicata. (m.l) Oppi: «Con me nessun accordo politico» Riceviamo dall ufficio stampa dell assessore regionale all ambiente e leader dell Udc Giorgio Oppi e pubblichiamo: «Non c è stato alcun accordo, né tantomeno alcuna interlocuzione tra il sottoscritto e chicchessia per la nomina della nuova sovrintendente del Teatro Lirico di Cagliari come riportato nell'articolo pubblicato mercoledì scorso a pagina 22 del vostro quotidiano. Voglio dunque puntualizzare che, quanto riferito nell'articolo sui retroscena nella nomina della nuova sovrintendente, che riferisce di un presunto patto con il sottoscritto in merito alle stabilizzazioni dei lavoratori del Parco di Molentargius, è una ricostruzione priva di ogni riferimento a fatti realmente accaduti». «Non esiste - prosegue la nota - alcun patto e non ho parlato della vicenda dei lavoratori del parco con il sindaco di Cagliari se non attraverso atti politici portati avanti come assessore dell'ambiente, proponendo al Consiglio regionale l'approvazione della legge 12 che ha stanziato 1 milione e 600mila euro per il risanamento ambientale e consentiva, dunque, al Consorzio di rinnovare il contratto di lavoro del personale precario. 17

18 UNIONE SARDA pag. 25 MONSERRATO. Consiglio Aria di crisi, Psi e Rossomori sull'aventino Il Consiglio approva gli equilibri di bilancio ma, nel centrosinistra, spirano venti di crisi. «È in corso una verifica politica», dice il sindaco Gianni Argiolas. Martedì, dopo che sei consiglieri di maggioranza avevano disertato la convocazione del Consiglio, c'è stato un lunghissimo vertice della coalizione. Mercoledì, invece, in aula si sono presentati tutti, a parte i socialisti. Assenze di peso quella del presidente del Consiglio Franca Cicotto e del consigliere Alessandro Milia. Una situazione grave confermata anche dal sindaco. «Come tutti sanno, cittadini, partiti e Consiglio comunale, sin dalle primarie mi hanno messo sulla graticola. Ho cercato di non farmi bruciare, avendo come riferimento chi mi ha sostenuto lealmente». Una fiducia che arriva «dalla maggioranza dei componenti della coalizione», dichiara il sindaco. «Cercherò, in tempi brevissimi, se esiste ancora questa maggioranza, fermo restando che è in corso una verifica politicoprogrammatica, proprio per spegnere il fuoco». Paolo Mereu, capogruppo del Pd, prova a spegnere l'incendio: «La maggioranza non è in crisi, è in corso una verifica politica che io stesso ho richiesto a giugno». Sulle assenze di Rossomori e socialisti, Mereu non si sbilancia: «Non so quali siano le ragioni. Se ci fossero motivazioni politiche, ne avrei parlato in Consiglio. Adesso approveremo la maxivariazione di Bilancio, poi si vedrà». Insomma, il Pd cerca di calmare le acque pur ribadendo una necessità di «verificare politicamente i risultati ottenuti fin oggi e quindi, se necessario, migliorarli». Diverso il pensiero di Antonio Atzori (Rossomori), presente ieri in aula ma tra gli assenti di martedì: «Martedì non ci siamo presentati per dare un forte segnale al sindaco: vogliamo una risposta». Il problema sono le deleghe di Urbanista e Personale che, sinora, il sindaco ha tenuto per sé. «Deve prendere una decisione e dare una risposta perché non si può proseguire così: la macchina amministrativa e politica non sta funzionando al meglio». Atzori, che non ha mai nascosto di volere un assessorato, lancia una sorta di ultimatum: «Il tempo sta passando ed è ora di avere una risposta concreta». Serena Sequi 18

19 UNIONE SARDA pag. 27 UTA. Quasi impossibile rispettare la scadenza di dicembre: manca anche il cemento Carcere, il cantiere infinito Gli operai: serve più di un altro anno e mezzo di lavoro Dal nostro inviato Andrea Artizzu UTA Nella sala mensa qualcuno cerca di ingannare il tempo giocando a carte. Fuori, sotto il sole di un'estate che non vuole lasciare il posto all'autunno, altri aspettano notizie che non arrivano. Il vento porta a Santa Lucia la puzza degli scarti di macellazione di uno stabilimento, ma è il meno per gli operai impegnati nella costruzione del nuovo carcere di Uta arrivati ormai al quarto giorno di occupazione del cantiere per il mancato pagamento della cassa edile. Oggi potrebbe essere il giorno della svolta. Il provveditore del ministero delle Infrastrutture Donato Carlea ha convocato un vertice a Roma per invitare la società capofila Opere pubbliche a cedere il passo nella gestione dei lavori alla consorziata Ciotola e tentare di raggiungere l'obiettivo promesso al ministro della Giustizia Paola Severino: aprire l'istituto di pena entro quest'anno. SCADENZA IMPOSSIBILE Pietro Talana è il portavoce della Rsu aziendale. «Di poche cose sono certo. Una di queste è che non riusciremo mai a rispettare a la scadenza fissata. Anche se dovesse arrivare l'accredito di quanto ci spetta, non sapremo cosa fare. Il cantiere è praticamente fermo. Sono mesi che qui non entra una betoniera con il calcestruzzo». Manca il coordinamento e la direzione dei lavori è insistente. «La settimana scorsa la ditta Ciotola ha portato venti sacchi di cemento. Abbiamo litigato tra operai pur di poterli utilizzare per qualcosa di utile. Ecco perché il problema non riguarda solo i nostri stipendi». Cosa fate durante il giorno? «Puliamo il cantiere, verniciamo le grate già arrugginite. Cerchiamo di occupare produttivamente il tempo. È chiaro - continua Talana - che lo stato d'avanzamento del cantiere non dipende da noi. Ci dicono di lavorare, che presto riprenderemo alla grande. Siamo pronti, ci devono solo mettere a disposizione il materiale e le attrezzature». Quando saranno conclusi i lavori? «C'è ancora bisogno di almeno un anno e mezzo, ma con almeno 80 operai che sappiano quello che devono fare». IN ALTO MARE A che punto sono i reparti detentivi, gli alloggi degli agenti, cosa è stato fatto e, soprattutto, cosa manca per completare il carcere? «Per quanto riguarda l'edificio che ospiterà 80 reclusi 41 bis, in uno dei due blocchi mancano tre solai», spiega Talana. «Le celle, tutte singole e con bagno in camera, sono da completare con i prefabbricati esterni e le porte blindate. Devono ancora essere realizzati i cortili di passeggio. Non ci sono i pavimenti e devono essere sistemati tutti gli impianti idrici ed elettrici». E il reparto maschile? «Dei quattro bracci di cinque piani disposti come una croce, tre sono destinati alla detenzione, uno a infermeria e cucina», aggiunge il rappresentante Rsu. «L'esterno della struttura è pronto, ci sono da sistemare alcune rifiniture». La zona femminile a che punto è? «I pavimenti sono stati piazzati, mancano le porte blindate interne, i servizi sanitari nelle celle e i cortili di passeggio». Il progetto prevede anche la caserma per gli agenti. «In quell'edificio di quattro piani dobbiamo ancora realizzare i pavimenti e installare le porte, gli infissi e i servizi igienici. Rimane - conclude Talana - da realizzare un collettore per le fogne». Uta Interrogazione al ministro della Giustizia Sul caso del carcere di Uta interviene anche il deputato Pd Amalia Schirru. «Ho presentato una nuova interrogazione al ministro della Giustizia Paola Severino affinché intervenga al più presto su una vertenza insostenibile, che si trascina da troppo tempo con il suo carico di costi, economici e umani. Occorre convocare un tavolo nazionale con la ditta appaltatrice e le istituzioni (Ministeri e regione) perché si arrivi a una soluzione della vertenza. Se non s'interverrà immediatamente chiederemo l'istituzione di una Commissione speciale di indagine che chiarisca definitivamente la vicenda». Anche i rappresentanti dei lavoratori sono convinti che per il carcere di Uta sarà impossibile rispettare la scadenza del 31 dicembre. «La situazione si fa sempre più grave perché, dopo il licenziamento di quindici lavoratori nei mesi scorsi, altri quindici sono stati destinati da Opere pubbliche ad altri cantieri: ora il sindacato si chiede come potrà andare avanti la costruzione dell'opera senza la manodopera necessaria» 19

20 UNIONE SARDA pag. 22 Sp 17 Confermata la segnaletica pericolosa a Porticciolo Nuova segnaletica, vecchi problemi. In questi giorni gli operai sono entrati in azione per delimitare strisce pedonali e corsie lungo la litoranea per Villasimius. L'intervento sarebbe stato necessario prima dell'estate, considerato che è il periodo in cui il traffico aumenta esponenzialmente. «Meglio tardi che mai», commenta Antonio Piludu residente a Sant'Andrea, «ma quel che mi preoccupa è la sistemazione dell'incrocio di Porticciolo Verde. È stata confermata la vecchia segnaletica: le corsie s'intrecciano in mezzo alla strada proprio all'altezza di un dosso, che limita notevolmente la visibilità a chi percorre la strada in entrambi i sensi». Le corsie per svoltare in via Anglona (lato collina) o in via Capri (lato mare) sono da sempre al centro di aspre polemiche. Difficilmente, però, potrebbe essere data una diversa fisionomia, a meno che non sia realizzata una rotatoria. (g. mdn.) 20

21 UNIONE SARDA pag. 25 SELARGIUS. Pochi servizi nel rione periferico. «Non siamo cittadini di serie B» Il bus non c'è, la rabbia sì La protesta dei residenti di Paluna-San Lussorio Il pullman non corre, la rabbia sì. Spostarsi con i mezzi pubblici a Paluna-San Lussorio è un'impresa e per chi ci abita non resta che la speranza. Il quartiere è cresciuto a dismisura negli ultimi anni, ma i servizi sono rimasti quelli di un tempo. Tra le moderne palazzine e le villette, l'autobus è ancora un'illusione e per chi non ha la macchina è un problema non da poco. Gli studenti sono costretti a sobbarcarsi lunghe camminate verso Monserrato o verso via Primo Maggio, vicino al liceo scientifico, e lo stesso devono fare gli anziani. Fino ad ora non sono servite proteste e petizioni. LA RABBIA «Ho tre figli che vanno a scuola», racconta Candida Buttau, «i problemi maggiori nascono soprattutto la sera: devono fare un lungo percorso a piedi per raggiungere la fermata dell'autobus, al buio e in una zona isolata. Trovo assurdo che in questo quartiere non passino i mezzi pubblici, così come accade in tutte le altre zone di Selargius. Abito qui da ventisette anni: certo prima andava ancora peggio ma i problemi sono rimasti troppi». Anche Antonina Cacciutto, se la prende con la mancanza di autobus. «Non tutti hanno l'auto», sostiene, «e in questo quartiere ci sono poi tante persone anziane che hanno bisogno di spostarsi. Vanno in cimitero, a fare le visite, e devono arrivare a piedi chissà dove. La fermata del QS più vicina è in via Primo Maggio, e il 17 si tiene ben alla larga da questa zona. Il Comune dovrebbe insistere con il Ctm perché inserisca delle fermate anche qui. Non siamo cittadini di serie B, e paghiamo le tasse come tutti gli altri». IL PASSATO Le cose prima andavano ancora peggio: dei servizi non c'era traccia, poi l'apertura di un grande centro commerciale ha ridotto i disagi e migliorato la situazione. «Però ci sono ancora delle cose indispensabili che mancano», dice Ida Locci, «per esempio una farmacia. Se si ha bisogno di un farmaco urgente occorre andare al centro della città, e chi non ha l'auto, deve fare il percorso a piedi». IL RIONE Paluna-San Lussorio è uno dei quartieri più popolati di Selargius. I residenti sono aumentati negli anni andando ad occupare via via le nuove costruzioni. Il Comune ha attuato interventi di riqualificazione nella zona, a cominciare dalla realizzazione del grande parco di cinque ettari, che sorge a fianco alla chiesetta di San Lussorio. Un polmone verde con prato, alberi, cespugli e camminamenti, che è ormai pronto. Manca all'appello soltanto l'impianto di illuminazione, ormai quasi completato. Tra gli interventi la ristrutturazione di Casa Soro, futuro centro sociale. GLI SPAZI «Alcune aree di Paluna sono però da attrezzare», lamenta Salvatore Saba. «Ci sono spazi dove hanno sistemato qualche alberello e ammucchiato della terra, poi i giardinieri sono spariti. Qui ci sono tanti bambini costretti a giocare in strada perché questi spazi sono chiusi, recintati e incolti». Giorgia Daga 21

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte

Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte Sciopero a Oriocenter per apertura fino a mezzanotte BERGAMO / L Oriocenter, centro commerciale a Bergamo, prolungherà grazie agli effetti della manovra Monti il suo orario di apertura fino a mezzanotte

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti TELEVISIONI Trasmissione 56 Live : in studio: Francesca Danese e Claudio Cippitelli Conferenza stampa Social Pride,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 24 del 29/07/2014

Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 24 del 29/07/2014 Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Settore Affari Generali - Ufficio Movimento Deliberativo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE n. 24 del 29/07/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 113367 www.ecostampa.it Quotidiano 113367 www.ecostampa.it Quotidiano 113367 www.ecostampa.it Quotidiano 113367 www.ecostampa.it 113367 www.ecostampa.it 113367 www.ecostampa.it AG. STAMPA ANSA

Dettagli

La Rassegna Stampa di FederLab Italia

La Rassegna Stampa di FederLab Italia Rassegna Stampa del 06.06.2011 - a cura dell Ufficio Stampa di FederLab Italia Il ministro; «Modello ai riferimento per il Paese» Fazio ora torna a lodare il sistema sanitario siciliano PALERMO

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

Il parco che c è il parco che sarà. Nello Cisa racconta una storia che non è finita. A cura di

Il parco che c è il parco che sarà. Nello Cisa racconta una storia che non è finita. A cura di Il parco che c è il parco che sarà Nello Cisa racconta una storia che non è finita A cura di Il comune di Pisa è il primo tra i capoluoghi italiani per verde nel suo territorio (7199 mq/ha - da Rapporto

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA

STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE APPROVA LA MORATORIA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) STOP AI CENTRI COMMERCIALI LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

C O M U N E D I S E L A R G I U S P R O V I N C I A D I C A G L I A R I P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Consiglio Comunale del 28 Settembre 2012 VERBALE DI SEDUTA RESOCONTO INTEGRALE ( t r a s m e s s o a i C a p i g r u p p o C o n s i l i a r i i n d a t a 1 0 o t

Dettagli

Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA

Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA Roma 17 luglio 2008 DOCUMENTO CONGIUNTO DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DELLE FORZE DI POLIZIA Il recente decreto-legge 112/2008, emanato dal Governo il 25 giugno scorso e riguardante la manovra correttiva

Dettagli

Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale

Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale LA CAMPAGNA ON-LINE PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2011 Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale Su Facebook De Magistris e De Luca i

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

GIORGIO CIGNA - SEGRETARIO COMUNALE DI CAMUGNANO E CASTEL DI CASIO Sono Cigna Giorgio.

GIORGIO CIGNA - SEGRETARIO COMUNALE DI CAMUGNANO E CASTEL DI CASIO Sono Cigna Giorgio. CARI SEGRETARI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO Parliamo dei segretari comunali. tutti i comuni ne hanno uno. Ed è il dirigente più importante. Valuta la conformità dei provvedimenti amministrativi

Dettagli

Rassegna stampa locale di venerdì 29 maggio 2009. Centro servizi: altri no Salgono a 1600 le firme raccolte dal comitato

Rassegna stampa locale di venerdì 29 maggio 2009. Centro servizi: altri no Salgono a 1600 le firme raccolte dal comitato LA NAZIONE Rassegna stampa locale di venerdì 29 maggio 2009 Centro servizi: altri no Salgono a 1600 le firme raccolte dal comitato IL CENTRO servizi e commerciale cittadino continua a far discutere. A

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna ELEZIONI COMUNALI SINNAI 28 MAGGIO 2006 Irs, indipendentzia repubrica de Sardigna si presenta per la prima volta alle elezioni comunali

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE AD OGGETTO; RISTRUTTURAZIONE CASA COMUNALE. Comune di Rometta Provincia di Messina DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N.37 del 15/11/2010 OGGETTO: INTERROGAZIONE PROT. 14821/2010 A FIRMA DEL CONSIGLIERE COMUNALE FORTUNATO MARCIANÒ, AVENTE

Dettagli

Quotidiano Data Pagina Foglio 18-12-2014 43 1 Codice abbonamento: 102219 Pag. 2 Data Pagina Foglio 18-12-2014 1 / 2 Notizie Video Cerca in archivio TV NOTIZIE VIDEO VIGNETTE Prima pagina l Tutte l Sardegna

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI

PROVINCIA DI RAVENNA: I COSTI DELLA POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E COMUNI PROVINCIA DI RAVENNA: I POLITICA E LA SPESA DI PROVINCIA E PREMESSA Il tema dei costi della politica e della qualità della spesa pubblica assume una importanza strategica, in momento come quello attuale

Dettagli

Verbale Assemblea pubblica Cagliari Insieme, promossa dal consigliere comunale Enrico Lobina

Verbale Assemblea pubblica Cagliari Insieme, promossa dal consigliere comunale Enrico Lobina Verbale Assemblea pubblica Cagliari Insieme, promossa dal consigliere comunale Enrico Lobina 17 giugno 2011 ore 18:30 ENRICO LOBINA: INTRODUZIONE Vi è una necessità reale di cambiamento delle modalità

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

Notiziario. dal 09.11 al 15.11.2015. del Sindaco e della Squadra. n.16 > IL SINDACO E LA SQUADRA

Notiziario. dal 09.11 al 15.11.2015. del Sindaco e della Squadra. n.16 > IL SINDACO E LA SQUADRA > IL SINDACO E LA SQUADRA Cari concittadini, da sabato 14 le bandiere davanti al Municipio sono a mezz'asta per i fatti gravissimi di Parigi. Non voglio spendere parole in queste situazioni sono spesso

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 1 novembre 2009

COMUNICATO STAMPA 1 novembre 2009 COMUNICATO STAMPA 1 novembre 2009 Sui suicidi in carcere indignazione occasionale, tardiva e ipocrita Dopo l ennesimo suicidio di una persona detenuta siamo costretti registrare la solita sequela di occasionali

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 21 Data 18/03/2016 OGGETTO: EVENTO TURISTICO-RELIGIOSO DENOMINATA XXX PELLEGRINAGGIO BONARIA 17 HAPPENING, SPETTACOLO DI CANTI

Dettagli

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA Roma, 14 gen. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - I medici di famiglia della Fimmg pronti a dare battaglia contro gli effetti della manovra 'salva-italià

Dettagli

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 26-SET-2015 pagina 1 foglio 1 25-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 25-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

1 di 6 07/10/2012 12.45

1 di 6 07/10/2012 12.45 1 di 6 07/10/2012 12.45 cerca nel sito... - cerca per Comune - Cerca con Google Sei il visitatore n 80.558.433 Il primo giornale online della provincia di Lecco redazione@merateonline.it per la tua pubblicità

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

DOPO LA CRISI, L INFLAZIONE: LA CASA È IL BENE RIFUGIO

DOPO LA CRISI, L INFLAZIONE: LA CASA È IL BENE RIFUGIO Costruttori/Assemblea del 23 maggio 2009 DOPO LA CRISI, L INFLAZIONE: LA CASA È IL BENE RIFUGIO BRESCIA. Quando l economia reale ripartirà (perché ripartirà), la forte iniezione di liquidità che ha caratterizzato

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 3 OGGETTO: Manifestazione di parere contrario ad ogni ipotesi di dislocazione e deposito di materiale nucleare

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Curriculum di Antonello Angioni

Curriculum di Antonello Angioni Curriculum di Antonello Angioni Avvocato patrocinante in cassazione e nelle giurisdizioni superiori. E nato a Cagliari il 18 settembre 1958, ove risiede ed esercita l attività professionale: lo studio

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA RASSEGNA STAMPA. Autonomia/Regionalismo/Federalismo... Autonomia, lo Statuto è troppo vecchio...

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA RASSEGNA STAMPA. Autonomia/Regionalismo/Federalismo... Autonomia, lo Statuto è troppo vecchio... CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA giovedì 5 giugno 2014 Dai quotidiani sardi RASSEGNA STAMPA Autonomia/Regionalismo/Federalismo... Autonomia, lo Statuto è troppo vecchio... 3 Politica... Paci: «Fondi

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio

La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio Università degli studi di Sassari Dipartimento di Economia, Istituzioni e Società Centro di Studi Urbani La criminalità in Sardegna Reati, autori e incidenza sul territorio PRIMO RAPPORTO DI RICERCA ANTONIETTA

Dettagli

AGENZIE BIOTESTAMENTO: SACCONI, QUELLO CHE CONTA E' ANDARE AVANTI PD UNITO NELL'AFFOSSARE LA LEGGE

AGENZIE BIOTESTAMENTO: SACCONI, QUELLO CHE CONTA E' ANDARE AVANTI PD UNITO NELL'AFFOSSARE LA LEGGE AGENZIE BIOTESTAMENTO: SACCONI, QUELLO CHE CONTA E' ANDARE AVANTI PD UNITO NELL'AFFOSSARE LA LEGGE (ANSA) - ROMA, 9 MAR - Sul disegno di legge sul testamento biologico, di cui oggi la Camera continua la

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014 Pagina 1 di 5 rassegna stampa Data 12 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Codogno Dopo il rifiuto di Rossi, non si placa la polemica Casale Sant Angelo Lodigiano L Asl dice addio a Villa Cortese: gli uffici

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

Capece vs Bernardini

Capece vs Bernardini Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Segreteria Generale: Via Trionfale, 79/A 00136 Roma Tel. 06.3975901 (6 linee r.a) Fax 06.39733669 Email: info@sappe.it Capece vs Bernardini Comunicato stampa in

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

DISCUSSIONE. Principi - Città Viva - per la illustrazione

DISCUSSIONE. Principi - Città Viva - per la illustrazione PAG. 1 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DA ALCUNI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA E MINORANZA IN MERITO ALL INSERIMENTO NEL BILANCIO 2010 DI CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLE ATTIVITA SPORTIVE. Principi -

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

Il bilancio della doppia sfi

Il bilancio della doppia sfi 8 8 Il bilancio della doppia sfi Per la Provincia quello del 2005 è il bilancio della doppia sfida. Per rispondere ai tagli indiscriminati imposti dalla Finanziaria e all esigenza di rilancio dell economia

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola

Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola Newsletter n. 102 del 30 aprile 2015 Facciamo il punto sulla legge per la Scuola L'arrivo in Commissione del disegno di legge 2994 sulla scuola sta consentendo quel confronto parlamentare che è stato alla

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

mercoledì 25 settembre 2013

mercoledì 25 settembre 2013 Rassegna Stampa CISL Bergamo mercoledì 25 settembre 2013 mercoledì 25 settembre 2013 CASAZZA La Diocesi di Bergamo nomina Enrico Madona amministratore delegato della Fondazione Piccinelli. Ma Madona

Dettagli

Consiglio Provinciale

Consiglio Provinciale PROVINCIA CARBONIA IGLESIAS Consiglio Provinciale Delibera n 46 Data:08.11.2011 Prot. n del Oggetto : Approvazione Ordine del giorno su nuove norme recupero crediti Equitalia L anno duemilaundici, addì

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia?

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Quello che sta accadendo nel nostro comparto è drammatico: siamo di fronte a una vera e propria deindustrializzazione del settore, con un calo vertiginoso

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

RassegnaStampa 27/03/2014. ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547

RassegnaStampa 27/03/2014. ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547 RassegnaStampa 27/03/2014 ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547 Rassegna del 27 marzo 2014 ATTIVITA' ECONOMICHE Il Mattino 35 «DISSESTO, DALLA CORTE GIUDIZIO SUPERFICIALE E BASATO SU DATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO SALTUARIO DELLE SALE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO SALTUARIO DELLE SALE COMUNALI REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO SALTUARIO DELLE SALE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 del 25.06.1997 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 26.04.1999

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

data giornale argomento/titolo

data giornale argomento/titolo Indice della Rassegna Stampa dal 2008 al 2013: (aggiornamento al 31 marzo 2013) data giornale argomento/titolo 1. 04/12/08 Unione Sarda I volontari di Alfabeto del Mondo 2. 25/02/09 Unione Sarda Corsi

Dettagli