Siamo lieti di inviare in allegato la newsletter "Dire Sanità, Salute, Professioni".

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Siamo lieti di inviare in allegato la newsletter "Dire Sanità, Salute, Professioni"."

Transcript

1 Siamo lieti di inviare in allegato la newsletter "Dire Sanità, Salute, Professioni". DIRE SANITÀ, Salute, Professioni Newsletter Questo notiziario è il nuovo prodotto informativo dell Agenzia Dire. Esce il pomeriggio, con notizie e aggiornamenti su politiche sanitarie, istituti di cura, centri di ricerca, associazioni, e con un focus sulle news normative dal Parlamento e dalla Gazzetta Ufficiale. Ricordiamo che agli indirizzi e saremo ben lieti di accogliere comunicati, contributi ed esperienze dei professionisti e di chiunque si occupi del settore. Buona lettura. Agenzia Dire Servizio Commerciale n.b. Questo invio è a scopo promozionale e non comporta alcun impegno né per Dire né per chi la riceve. GLI EVENTI Merete Amann Gainotti, Susanna Pallini (a cura di) La violenza domestica Testimonianze, interventi, riflessioni DIRE SANITÀ, SALUTE PROFESSIONI IN QUESTI SPAZI È POSSIBILE INSERIRE I VOSTRI EVENTI per maggiori informazioni powered by Hai ricevuto questa in quanto i Tuoi dati sono presenti nei nostri archivi o sono disponibili su archivi pubblici o in rete. Ai sensi dell'art. 7 del D. Lgs n 196/2003, hai il diritto di conoscere, aggiornare, rettificare o cancellare i Tuoi dati ovvero opporti all'utilizzo degli stessi, se trattati in violazione della legge. Se non vuoi più ricevere le nostre comunicazioni è sufficiente rispondere a questa scrivendo nell'oggetto "Cancella".

2 Indice DIRES :04 **SALUTE. RISCHIO CANCRO PER CHI RESPIRA IL DIESEL 1 DIRES :04 **SALUTE. FRATTURA DEL GOMITO, SUMMIT DI ESPERTI A BOLOGNA 2 DIRES :05 **SALUTE. INMM-CNR: EVITARE ALCOL IN GRAVIDANZA, MA VINO ROSSO... 3 DIRES :05 **SALUTE. INFEZIONI OSSEE? EVITABILE BOMBARDAMENTO ANTIBIOTICI 4 DIRES :05 **SALUTE. NEI, DOPO L'ESTATE RISCHIO TUMORE DELLA PELLE 5 DIRES :06 **SALUTE. ANZIANI, IL BALLO FA BENE ALLA MEMORIA E AI MUSCOLI 6 DIRES :06 **SALUTE. BOLOGNA, "SACCHI DI AMIANTO ABBANDONATI SULL'APPENNINO" 7 DIRES :06 **SANITÀ. CURA E NATURA, ECCO L'ECO-OSPEDALE DI FORLÌ 8 DIRES :06 **SANITÀ. CURA E NATURA, ECCO L'ECO-OSPEDALE DI FORLÌ -2-9 DIRES :07 **SANITÀ. CALABRIA, COMMISSIONE PARLAMENTARE CHIEDE RELAZIONE 10 DIRES :07 **FARMACI. LA LIBERALIZZAZIONE FA IMPAZZIRE I PREZZI 11 DIRES :07 **MALARIA. NEL 2012 PRONTO IL VACCINO 12 DIRES :07 **ALZHEIMER. 'BIOGRAFIA, NON SOLO BIOLOGIA': VERSO NUOVE CURE 13 DIRES :07 **ALZHEIMER. PALERMO, A RISCHIO ASSISTENZA ANZIANI 14 DIRES :08 **SANITÀ. FIBROSI CISTICA NEI BAMBINI, RISPONDE IL BAMBIN GESÙ 15 DIRES :08 **SANITÀ. INTASCAVA TICKET, ARRESTATO DIPENDENTE S.ORSOLA BOLOGNA 16 DIRES :08 **INFLUENZA A. GELMINI: NON ESCLUDO PAUSA NATALE PIÙ LUNGA 17 DIRES :08 **INPS. GIUSEPPE GRECO NUOVO DIRETTORE REGIONALE EMILIA-ROMAGNA 18 DIRES :08 **INFLUENZA A. I MINISTRI DELLA SALUTE EUROPEI FANNO IL PUNTO 19 DIRES :08 **DISABILI. FONDI SOLO AGLI EVENTI ACCESSIBILI 20 DIRES :09 **INFLUENZA A. I PRESIDI: IGIENE A SCUOLA? PAGATA DALLE FAMIGLIE 21

3 DIRES :09 **INFLUENZA A. DOPO L'AMERICA EFFUSIONI VIETATE ANCHE IN ITALIA 22 DIRES :09 **INFLUENZA A. MACCHINA RESPIRATORIA CONTRO VIRUS A/H1N1 23 DIRES :09 **INFLUENZA A. ROMA, DECALOGO DISTRIBUITO NEI CENTRI ANZIANI 25 DIRES :10 **INFLUENZA A. IN EMILIA-R. STIMA PEGGIORE E' 1 MILIONE DI MALATI 26 DIRES :10 **INFLUENZA A. IN EMILIA-R. STIMA PEGGIORE E' 1 MILIONE DI DIRES :10 **INFLUENZA A. IN EMILIA-R. STIMA PEGGIORE E' 1 MILIONE DI DIRES :10 **INFLUENZA A. IN EMILIA-R. STIMA PEGGIORE E' 1 MILIONE DI DIRES :10 **MINORI. "DISGRAFIA, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE" 30 DIRES :10 **MINORI. 170 VOLONTARI IN CORSIA PER I BAMBINI RICOVERATI 31 DIRES :10 **MINORI. 170 VOLONTARI IN CORSIA PER I BAMBINI RICOVERATI DIRES :10 **BIOTESTAMENTO. PREMIER: DDL CONSOLIDERÀ RAPPORTI CON VATICANO 33 DIRES :10 **BIOTESTAMENTO. MARINO: DA BERLUSCONI UN INSULTO ALLA CHIESA 34 DIRES :10 **BIOTESTAMENTO. PALUMBO: TESTO MIGLIORABILE, SENTIREMO I MEDICI 35 DIRES :11 **UNIVERSITÀ. PDL: RIVEDERE ESAMI DI AMMISSIONE A MEDICINA 36 DIRES :11 **SICUREZZA STRADE. ESODO, PIÙ TRAFFICO MA -11% INCIDENTI 37 DIRES :11 **SANITÀ. AREA VASTA ROMAGNA, PDL ALL'ATTACCO 38 DIRES :11 **SANITÀ. LAZIO, IL 15/9 IN COMMISSIONE ZACCHEO E D'UBALDO 39

4 **SALUTE. RISCHIO CANCRO PER CHI RESPIRA IL DIESEL RICERCA UNIVERSITÀ OHIO: "BASTANO SOLO DUE MESI DI ESPOSIZIONE". (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Respirare i gas che escono dai tubi di scappamento delle auto diesel aumenta di molto la possibilita' di sviluppare un cancro. Lo affermano i ricercatori dell'universita' dell'ohio, che hanno da poco pubblicato le conclusioni di un loro studio sull'ultimo numero della rivista americana Toxicology Letters. Le piccole dimensioni delle polveri prodotte dai motori diesel che hanno un diametro inferiore a 0,1 micron, affermano gli esperti americani, penetrano con piu' facilita' nel corpo umano attraverso la respirazione, contaminando organi e tessuti. I ricercatori universitari hanno condotto dei test sui topi riproducendo in laboratorio le condizioni atmosferiche di un'area urbana particolarmente trafficata, ipotizzando un'esposizione quotidiana di sei ore per cinque giorni a settimana. Dopo appena due settimane nell'organismo dei topi si era gia' verificato un cambiamento chimico: il mutamento di un enzima capace di ritardare lo sviluppo di un tumore. "Stimiamo che per l'uomo- ha spiegato il dottor Qinghua Sun, autore principale dello studiol'esposizione prolungata per appena due mesi ai fumi di un diesel sia sufficiente per dare a un tessuto sano le potenzialita' per sviluppare un cancro". Pag. 1

5 **SALUTE. FRATTURA DEL GOMITO, SUMMIT DI ESPERTI A BOLOGNA AL RIZZOLI CONFRONTO INTERNAZIONALE SU TECNICHE CHIRURGICHE. (DIRE - Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - La frattura del gomito e' la "bestia nera" degli ortopedici: nel gomito, infatti, sono coinvolte tre superfici articolari con configurazioni complesse, le strutture dei legamenti sono difficili da riparare, i vasi e i nervi sono molto vicini alle superfici ossee. Inoltre il gomito non tollera periodi di immobilizzazione prolungati e ha facile tendenza a formare ossificazioni e a irrigidirsi, talora anche a causa di traumi non complessi. Se ne e' parlato all'istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna ieri e oggi in un incontro internazionale con esperti europei e statunitensi. Al centro del confronto, le tecniche chirurgiche all'avanguardia per il trattamento delle fratture del gomito, tra cui l'impianto di protesi, eseguito con continuita' al Rizzoli e in pochissimi altri ospedali in Italia. "Attraverso interventi di chirurgia in diretta verranno illustrate le nuove tecniche di sintesi e di sostituzione protesica articolare", spiega il dottor Roberto Rotini, direttore della Struttura di Chirurgia della Spalla e del Gomito del Rizzoli che promuove l'incontro. "È il secondo appuntamento in un percorso di formazione avanzata che vede in questa edizione la partecipazione, insieme alle scuole ortopediche modenese e bolognese, del prof. Itamura dell'universita' di Los Angeles, chirurgo di fama internazionale in questo campo". L'incidenza delle fratture di gomito e' pari al 5% di tutte le fratture. Traumi stradali e sportivi sono cause frequenti delle fratture-lussazioni di gomito (il gomito dopo la spalla e' l'articolazione con la maggiore incidenza di lussazione); gli uomini sono piu' soggetti delle donne a questo tipo di trauma. Pag. 2

6 **SALUTE. INMM-CNR: EVITARE ALCOL IN GRAVIDANZA, MA VINO ROSSO... RICERCA IN COLLABORAZIONE CON ISS E CENTRO ALCOLOGICO LAZIO. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Che l'alcol in gravidanza non facesse bene si sapeva, ma ora c'e' una novita': il vino rosso e' in grado di limitare gli effetti tossici dell'etanolo. Lo rivela una ricerca dell'inmm-cnr di Roma che, in collaborazione con l'istituto superiore di Sanita' e il Centro alcologico della Regione Lazio, ha studiato gli effetti tossici sul feto indotti dal consumo di alcol. In gravidanza il consumo di alcolici e' una delle cause maggiori di ritardo mentale dei bambini nei Paesi occidentali: attraversando la placenta, infatti, l'etanolo puo' compromettere la crescita e il peso del feto, provocando danni permanenti al sistema nervoso centrale, con sottosviluppo e malformazione delle cellule e della struttura del cervello e conseguenze a livello funzionale e cognitivo: scarsa memoria, deficit di attenzione e comportamenti impulsivi. Fin qui effetti noti, ma c'e' un importante distinguo: il vino rosso, infatti, grazie alle proprieta' dei polifenoli e gli antociani, e' in grado di limitare gli effetti tossici dell'alcol, come emerge appunto dello studio portato a termine dall'istituto di neurobiologia e medicina molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche di Roma, coordinato da Marco Fiore. Pag. 3

7 **SALUTE. INFEZIONI OSSEE? EVITABILE BOMBARDAMENTO ANTIBIOTICI RIZZOLI E S.ORSOLA SCOPRITORI DI CURA ALTERNATIVA E MENO INVASIVA (DIRE - Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - Ci sono malati che sviluppano un'infezione dell'osso dopo l'impianto di una protesi. Per curarli, finora, si ricorreva all'intervento chirurgico e ad un successivo "bombardamento" di antibiotici. Ma il Rizzoli e il Sant'Orsola di Bologna, assieme all'universita' di Verona e ad un'azienda privata, hanno scoperto un sistema di cura che evita al paziente di subire la terapia antibiotica che comporta la diffusione del farmaco in tutto l'organismo con possibili complicazioni in particolare per alcuni organi, fegato, reni, intestino. Ha infatti avuto successo la sperimentazione di uno speciale "spacer", cioe' un elemento di cemento osseo che viene messo al posto della protesi e che rilascia l'antibiotico solo nella zona del corpo interessata dall'intervento. Si tratta di uno "spacer" che utilizza due antibiotici, mentre finora se ne usava uno solo e gli effetti sull'infezione erano insoddisfacenti: la terapia doveva comunque essere completata da un lungo trattamento con il successivo "bombardamento" di antibiotici, con tutte le controindicazioni. Il nuovo "spacer" e' stato elaborato da un team di ricerca pubblico-privato e di cui hanno fatto parte del Laboratorio di studi pre-clinici chirurgici del Rizzoli insieme alla microbiologia dell'azienda ospedaliero-universitaria S.Orsola-Malpighi, alla Farmacologia dell'universita' di Verona e a Tecres, l'azienda veronese che dieci anni fa brevetto' lo spacer esportandolo poi in tutto il mondo. E ora la nuova scoperta, lo "spacer antibiotato", verra' ufficialmente presentata al Rizzoli dopodomani alle 15, nell'aula magna del Centro di ricerca, in via di Barbiano. La novita', precisano i ricercatori, "cambia radicalmente questo scenario, portando un vantaggio evidente" a chi, dopo un'infezione, deve subire una revisione di protesi. Pag. 4

8 **SALUTE. NEI, DOPO L'ESTATE RISCHIO TUMORE DELLA PELLE ECCO L'ALFABETO PER IMPARARE A RICONOSCERE LE MACCHIE SOSPETTE. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Tra i fattori di rischio causati da una lunga esposizione al sole, il melanoma (tumore della pelle) e' uno dei pericoli in agguato per la salute al rientro dalla vacanze. Le societa' internazionali dei dermatologi ritengono sia fondamentale l'autosservazione, cioe' osservarsi o farsi osservare per scoprire in tempo un cambiamento in un neo. "Se si dispone di tempo- spiega Marcello Monti, dermatologo di Humanitas- e' piu' utile eseguire una volta all'anno una mappatura dei nei con il videodermatoscopio. Se un neo e' a rischio non bisogna aver paura di farselo asportare chirurgicamente e non con il laser. Infine, e' fondamentale ricordare che la miglior forma di protezione contro i raggi solari non e' utilizzare le creme proteggenti, ma esporsi di meno". Secondo gli esperti grazie alle prime lettere dell'alfabeto si puo' distinguere un neo non pericoloso da una macchia sospetta. Ecco una breve guida per imparare a riconoscere e leggere l'alfabeto dei nei, sfruttando le prime 5 lettere proprio per cercarne i caratteri pericolosi: "A come Asimmetria: le lesioni tumorali hanno una forma irregolare e cosi' anche i nei che degenerano. In pratica, immaginiamo di dividere il neo a meta' con una linea verticale e verifichiamo se le due parti sono uguali (simmetriche) oppure diverse tra loro (asimmetriche); B come Bordi: i bordi di un neo non pericoloso sono regolari, come disegnati dal compasso, mentre se sono irregolari, frastagliati, il neo e' sospetto; C come Colore: il colore di un neo deve rimanere costante. Se si modifica o ci sono piu' colori contemporaneamente e' un campanello di allarme; D come Dimensioni: se un neo ha un diametro di piu' di 6 millimetri (i nei comuni hanno il diametro di 2/3 millimetri) potrebbe non trattarsi di un semplice neo. Meglio approfondire; E come Evoluzione: un neo che cambia aspetto velocemente, cioe' cambia forma, colore o dimensioni oppure diviene pruriginoso o sanguina deve essere valutato dal medico specialista. (Fonte Pag. 5

9 **SALUTE. ANZIANI, IL BALLO FA BENE ALLA MEMORIA E AI MUSCOLI (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Con l'autunno alle porte e' tempo di rimettersi in moto, di riattivare la circolazione con un po' di sano esercizio fisico. Tanti i centri che offrono agli anziani dei corsi di ginnastica posturale, yoga o ballo liscio. Quest'ultimo e' da considerare una vera e propria terapia contro il malumore e l'indebolimento muscolare, con ottimi risultati anche sulla memoria. Tenere a mente i passi da eseguire con il partner, lasciarsi cullare dal ritmo della musica, fare amicizia in sala con altre coppie che ballano, sono tutte operazioni che aiutano infatti a tenere in allenamento il cervello e contribuiscono a sciogliersi senza compiere sforzi eccessivi. Per gli anziani che vogliono approfondire la conoscenza di un ballo molto coinvolgente come il flamenco, si ricorda l'appuntamento romano con l'omonimo festival dedicato alle espressioni artistiche piu' antiche e popolari del Mediterraneo, dal 10 al 20 settembre (Fonte Pag. 6

10 **SALUTE. BOLOGNA, "SACCHI DI AMIANTO ABBANDONATI SULL'APPENNINO" IN UN BOSCO A CASTIGLIONE DEI PEPOLI. (DIRE - Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - Un 'carico' di amianto imbustato in sacchi di plastica e abbandonato in mezzo a un bosco, in localita' Cottede presso Castiglion dei Pepoli, in provincia di Bologna. A segnalarne la presenza e' l'emittente locale Radio citta' del Capo, che sul sito documenta il rinvenimento anche con numerose foto. E non e' tutto, perche' proseguendo lungo la stradina in mezzo agli abeti che raggiunge il monte Tavianella, si incontrano anche tre condotte di eternit lasciate sul ciglio della strada. Il sindaco di Castiglion dei Pepoli, Daniela Aureli, interpellato dalla redazione dell'emittente radiofonica, afferma: "Domattina (oggi, ndr)faremo il prelievo, per ora abbiamo una segnalazione che dice che potrebbe trattarsi di amianto. Aureli, inoltre, ricorda che non si tratta della prima volta anzi, in un anno "parecchi sono i casi di questo genere". Se le verifiche daranno conferma che si tratta di amianto, chi lo ha abbandonato avrebbe commesso un reato ambientale: l'amianto, nocivo per la salute perche' potenzialmente cancerogeno ma anche per l'ambiente, deve infatti essere smaltito secondo precise, e costose, procedure. Eppure, il direttore della sezione bolognese di Arpa, Maria Adele Corvaglia, anche lei intervistata da Radio citta' del Capo, fa sapere che nel territorio bolognese "riceviamo fra le 20 e le 30 segnalazioni all'anno di rifiuti con amianto abbandonati". Il direttore di Arpa Bologna spiega inoltre che arrivano spesso richieste di informazioni da parte di privati che hanno bisogno di smaltire poche lastre di eternit. Poi pero', probabilmente per evitare la procedura richiesta per legge, finiscono per scegliere "la 'tecnica' dell'abbandono", sottolinea Corvaglia. Pag. 7

11 **SANITÀ. CURA E NATURA, ECCO L'ECO-OSPEDALE DI FORLÌ TAGLIATE TONNELLATE CO2 L'ANNO, RISPARMIO METANO DEL 10,8%. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Si prendono cura di te e della natura che ti circonda, insomma dell'uomo nel suo complesso. Sono i medici e gli operatori dell'ospedale 'Morgagni-Pierantoni' di Forli', che da due anni seguono la salute del paziente e dell'ambiente. L'Ausl del capoluogo romagnolo e' infatti riuscita ad abbattere i consumi energetici del presidio ospedaliero: dal 2006 al 2008, grazie ad interventi di ammodernamento, il fabbisogno di energia elettrica e' diminuito di chilowattora (-6,9%), quello di gas metano di metri cubi (-10,8%) e quello d'acqua potabile di metri cubi (-4,6%). In altri termini, significa una riduzione delle emissioni di anidride carbonica dell'ospedale di circa tonnellate all'anno. Un risultato importante, raggiunto per di piu' senza incidere in alcun modo sulla normale attivita' ospedaliera. La strada intrapresa e' stata, infatti, quella di un uso piu' razionale delle risorse, installando, ove necessario, nuove tecnologie rispettose dell'ambiente. Come spiega Vittorio Laghi, l'architetto che ha eseguito i lavori nella struttura ospedaliera, "da alcuni anni la regione Emilia-Romagna ha varato un programma di attenzione al risparmio energetico, coinvolgendo i responsabili delle singole aziende in tavoli di confronto nell'ottica di pianificare misure di sensibilizzazione all'uso razionale dell'energia". Sulla base delle indicazioni regionali, l'ausl di Forli' ha studiato azioni di contenimento. Gli interventi, aggiunge Laghi, "sono stati concretamente attuati a partire da luglio 2007". (SEGUE) Pag. 8

12 **SANITÀ. CURA E NATURA, ECCO L'ECO-OSPEDALE DI FORLÌ -2- (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Per raggiungere l'obiettivo di un maggiore rispetto per l'ambiente, precisa l'architetto Vittorio Laghi, si e' deciso di "razionalizzare il fabbisogno", ossia "adeguare i consumi alle effettive esigenze attraverso un'opera di ottimizzazione". Come? Si e' cercato di razionalizzare i settori di maggior impatto sui consumi: dalla produzione e distribuzione di acqua refrigerata alla performance di motori elettrici e sistemi di illuminazione. Per quanto riguarda l'acqua refrigerata, gli interventi attuati per contenere i consumi sono stati diretti a creare una sinergia fra produzione e distribuzione del freddo, cosi' da agire con reciproca proporzionalita'. Sempre sul versante energetico, continua Laghi, "ha prodotto esito favorevole il sistema di razionalizzazione dei consumi che ha interessato nove sale operatorie, con l'installazione di rilevatori di presenza che modificano automaticamente lo stato di esercizio delle Uta (unita' di trattamento dell'aria) da ordinario a stand-by". Quindi, e' stato messo a punto un sistema di monitoraggio on-line dei dati rilevati in campo per "intervenire tempestivamente" nelle azioni di controllo per la verifica di eventuali anomalie o guasti. Infine, evidenzia Laghi, per quanto riguarda il risparmio idrico, infine, si e' lavorato su due versanti: il primo, mirato all'utenza 'civile', ha visto l'acquisto e l'installazione di inserti universali, aeratori riduttori di portata per i miscelatori e regolatori di flusso per doccia. Il secondo, mirato alla parte impiantistica, "ha visto un'operazione calibrata con i 'settaggi' degli impianti di trattamento". Pag. 9

13 **SANITÀ. CALABRIA, COMMISSIONE PARLAMENTARE CHIEDE RELAZIONE LOIERO DOVRÀ DARE DETTAGLI SU CASO PAOLA, SARÀ SENTITO A BREVE. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Leoluca Orlando, presidente della commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari, ha chiesto al presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, "una relazione" sul caso di morte sospetta avvenuto ieri a Paola e "indicazioni" circa l'esistenza di eventuali provvedimenti di sospensione disciplinare avviati in questo come in altri casi di denunciata malasanita'. "Proprio ieri, assieme a quei colleghi parlamentari eletti in Calabria e componenti la Commissione, abbiamo- ha dichiarato Orlando- vissuto quattro ore di drammatica, tragica testimonianza di familiari di vittime di malasanita' calabrese. Domani l'ufficio di presidenza della Commissione fissera' la data della audizione del presidente Loiero e questo ennesimo caso di malasanita' sara', con i numerosi altri casi, oggetto di inchiesta e di richiesta di chiarimenti da parte della commissione parlamentare". Pag. 10

14 **FARMACI. LA LIBERALIZZAZIONE FA IMPAZZIRE I PREZZI VARIAZIONI FINO AL 59% SULLO STESSO PRODOTTO. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Differenze di prezzo fino al 59% sullo stesso prodotto da farmacia e farmacia, e del 41% da parafarmacia a parafarmacia. Prezzi dei farmaci aumentati dell'8,7%. Sono i dati diffusi da 'Altroconsumo' a seguito di un'indagine fatta su 128 punti vendita (96 farmacie, 17 parafarmacie e 15 ipermercati) distribuiti in dieci citta'. La liberalizzazione dei farmaci da banco, dunque, venduti anche nei supermercati ha davvero prodotto una flessione nei prezzi ed un risparmio per il consumatore? A giudicare dai dati diffusi ieri da 'Altroconsumo' sembra proprio di no. L'associazione ha creato il paniere di una coppia con tre prodotti: Tachipirina, Tantum Verde e Aspirina. Lei spende 13 euro e lui ben 17,90. Le tariffe hanno subito aumenti nettamente superiori all'inflazione: colpa della cattiva informazione e della geografia offerta del cosiddetto extra canale. Pag. 11

15 **MALARIA. NEL 2012 PRONTO IL VACCINO (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Nel 2012 dovrebbe essere definitivamente pronto il vaccino contro la malaria. La notizia arriva dagli Stati Uniti e precisamente da Joe Cohen, a capo della ricerca sui vaccini di malattie infettive imprendibili come malaria, tubercolosi e Aids, della Glaxo Smith Kline. Dagli studi condotti da Cohen e dalla sua equipe', infatti, i test sugli uomini rivelerebbero una diminuzione dell'infezione del 64%. Lo studio, al quale si lavora da 30 anni, ha l'obiettivo di riuscire a far produrre al sistema immunitario anticorpi che colpiscano il microrganismo in un punto vitale ed in tale quantita' da distruggerlo in pochi minuti, impedendo cosi' al Plasmodio della malaria di iniziare il suo viaggio nel sangue al riparo dagli anticorpi. La scoperta di notevole impatto economico e sociale, significherebbe avere una diminuzione ogni anno di circa 300 milioni di malati e 1 milione di morti, di cui ben decessi sono bambini. Pag. 12

16 **ALZHEIMER. 'BIOGRAFIA, NON SOLO BIOLOGIA': VERSO NUOVE CURE INCONTRO A MILANO IL 21 SETTEMBRE. (DIRE - Notiziario Sanita') Milano, 8 set. - L'importanza della ricerca scientifica affiancata dalle politiche di inclusione che mantengano un legame tra il malato, la sua famiglia e la comunita' di appartenenza. È l'evoluzione dell'approccio all'alzheimer il tema su cui lunedi' 21 settembre, a Milano, si riflettera' in un convegno dal titolo "Biografia, non solo biologia", un momento di confronto sulle nuove risposte della scienza al dramma di una malattia che colpisce piu' di 26 milioni di persone in tutto il mondo, oltre 500 mila soltanto in Italia (il 20% della popolazione sopra i 65 anni), con numeri destinati a raddoppiare nei prossimi vent'anni. L'incontro, previsto in occasione della XVI Giornata Mondiale Alzheimer (istituita nel 1994 dall'organizzazione Mondiale della Sanita' e dall'alzheimer's Disease International), e' stato organizzato dalla Federazione Alzheimer Italia che riunisce 44 associazioni in tutta la penisola e dalla Fondazione Golgi Cenci che da anni si occupa di studi sull'invecchiamento cerebrale, con il patrocinio del ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Tra gli argomenti, che verranno approfonditi da studiosi provenienti da tutto il mondo, si parlera' della necessita' di studi longitudinali con cui evidenziare i fattori di rischio e di protezione della perdita delle funzioni cognitive, dell'inadeguatezza dei modelli medici basati puramente sulla biologia genetica riduzionistica, dell'importanza della ricerca di marcatori biologici con cui monitorare la malattia in fase preclinica e della necessita' di integrarli con le biografie personali dei malati. Uno degli argomenti centrali, infatti, sara' proprio la comunicazione con il malato e l'importanza delle politiche di inclusione che mantengano un legame tra il malato, la sua famiglia e la comunita' di appartenenza, ma si parlera' anche delle nuove sfide etiche e deontologiche legate alla comunicazione della diagnosi e della necessita' di una stretta collaborazione tra famiglia e professionisti per mettere a punto cure basate sulla relazione con il malato. All'incontro partecipera' anche Ferruccio Fazio, viceministro della Salute. Pag. 13

17 **ALZHEIMER. PALERMO, A RISCHIO ASSISTENZA ANZIANI IL 16 OTTOBRE SCADE CONVENZIONE CEA-PROVINCIA. (DIRE - Notiziario Sanita') Palermo, 8 set. - Scade il 16 ottobre la convenzione del Cea con la Provincia, che garantisce il servizio di assistenza ai malati di Alzheimer a Palermo, e nessuno sa cosa succedera' dopo. "Per quanto tempo ancora- si chiede il responsabile del Centro assistenza, Gaetano Lisciandrail centro dovra' ancora vivere di elemosina mensile senza pensare ad una sua effettiva stabilizzazione per la tutela della salute dei pazienti?". In attesa di essere ricevuti dall'assessore regionale alle Politiche sociali, Caterina Chinnici, e dello sblocco delle risorse previste dalla Legge 328/00, il Cea si appella ai privati: "Chiediamo l'aiuto di banche, case farmaceutiche e a tutti i privati di buona volonta'". Il comune di Palermo, l'ente istituzionalmente competente ad occuparsi del Cea, non e' in grado di attivarsi per mancanza di liquidita'. Intanto, un primo punto della situazione si fara' il prossimo 19 settembre, giorno in cui si svolgera' il XV congresso sulla "Malattia di Alzheimer e la rete dei servizi in Sicilia tra cura ed assistenza". Pag. 14

18 **SANITÀ. FIBROSI CISTICA NEI BAMBINI, RISPONDE IL BAMBIN GESÙ I CONSIGLI DEGLI ESPERTI SUL SITO DELL'OSPEDALE ROMANO. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - La fibrosi cistica, la piu' diffusa tra le malattie genetiche, in Italia colpisce un bambino su ed e' causata da un gene alterato che comporta anomalie nel trasporto di sali e acqua alle cellule. Interessando vari organi e alterandone le funzioni (problemi respiratori, infiammazioni croniche dei polmoni, danni all'intestino e al fegato, malnutrizione e infertilita'), la fibrosi cistica puo' essere invalidante per la crescita e la vita futura dei piccoli. Per mettere a disposizione le conoscenze in questa specifica area, chiarendo dubbi e fornendo indicazioni utili sulle migliori pratiche per la prevenzione, la diagnosi e la cura della malattia, l'ospedale Bambino Gesu' di Roma pubblica sul portale sanitario pediatrico il "dossier Fibrosi Cistica", in grado di rispondere alle domande non solo dei genitori ma anche dei professionisti in campo sanitario. L'ospedale pediatrico Bambino Gesu' rappresenta un punto di riferimento a livello internazionale anche per il trattamento dei casi di fibrosi cistica complessi e per le patologie correlate ed e' Centro di riferimento italiano per il trapianto polmonare in pazienti pediatrici con fibrosi cistica. Pag. 15

19 **SANITÀ. INTASCAVA TICKET, ARRESTATO DIPENDENTE S.ORSOLA BOLOGNA NAS COLGONO IN FLAGRANZA ASSISTENTE AMMINISTRATIVO CARDIOLOGIA. (DIRE - Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - Sabato scorso, i Carabinieri del Nas di Bologna hanno arrestato in flagranza, per truffa e falso, un dipendente del policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna. L'uomo, traendo in inganno i pazienti, intascava i ticket per le prestazioni sanitarie erogate. I controlli amministrativi venivano elusi falsificando le ricette mediche e manipolando le registrazioni sul sistema telematico aziendale. Le indagini- precisa l'arma- sono state condotte "in collaborazione" con la Direzione Generale del Policlinico. Il dipendente, un cinquantenne, era assistente amministrativo in servizio presso l'unita' Operativa di Cardiologia. Le indagini proseguono per quantificare l'esatto danno erariale procurato nel corso del tempo all'azienda ospedaliera universitaria. Pag. 16

20 **INFLUENZA A. GELMINI: NON ESCLUDO PAUSA NATALE PIÙ LUNGA "MA NESSUN RINVIO DELL'INIZIO DELL'ANNO SCOLASTICO". (DIRE - Notiziario) Roma, 8 set. - Il ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini, in una intervista rilasciata ieri a Mattino Cinque, in onda su Canale 5, conferma: "Non ci sara' alcun rinvio dell'inizio dell'anno scolastico" per l'influenza A. Perche', spiega, "oggi i casi di influenza nel nostro paese sono circoscritti, non ci sono le motivazioni- continua- per l'assunzione di un provvedimento cosi' drastico". Tuttavia il ministro e' possibilista sul prolungamento delle vacanze natalizie, periodo di massimo picco dell'influenza. "Non escludiamo nulla", dice Gelmini. La quale conferma, comunque, che c'e' un piano di azione del governo per l'eventuale chiusura delle scuole: "Se in una scuola si verificheranno dei casi di influenza ci sara' il controllo dell'autorita' sanitaria, coinvolgendo presidi e Comuni, e solo in quel caso si procedera' alla chiusura". Intanto Gelmini invita ad "assumere le precauzioni necessarie per evitare la diffusione dell'influenza". Pag. 17

21 **INPS. GIUSEPPE GRECO NUOVO DIRETTORE REGIONALE EMILIA-ROMAGNA PRESTO INCONTRERÀ LE PARTI SOCIALI E LE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (DIRE - Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - Giuseppe Greco, 49 anni, e' il nuovo direttore regionale dell'inps dell'emilia Romagna: ingegnere economico-organizzativo, proviene dalla Direzione generale dove era direttore centrale. All'Inps da oltre vent'anni, ha iniziato la sua carriera in Calabria, dove e' nato, ricoprendo, nel tempo, diversi incarichi, tra i quali quello di direttore del servizio informatico regionale, di direttore di sede e di direttore regionale vicario. L'esperienza di Greco nel campo previdenziale si e' ulteriormente arricchita con un periodo all'enpals, dove e' stato direttore centrale e direttore compartimentale per il Centro-Sud Italia. Ora, nel nuovo ruolo in Emilia Romagna, Greco si propone "di rendere sempre piu' collaborativo il clima con tutti coloro che interagiscono, a vario titolo, con l'istituto, promuovendo tutte le iniziative utili al costante miglioramento dei servizi erogati dall'inps", spiega una nota dell'istituto di previdenza. Gia' dalle prossime settimane incontrera' le componenti del socio-economiche del territorio e le pubbliche amministrazioni, anche per "ricercare, insieme, soluzioni sinergiche, capaci di rispondere all'esigenza di economicita' ed immediatezza dell'azione amministrativa, per di piu' nel particolare momento di difficolta' e criticita' del paese". Greco e' anche certo, si legge ancora nella nota, che "le azioni proposte potranno, senz'altro, trovare compimento grazie soprattutto alla professionalita' ed alla dedizione del personale Inps della regione che, notoriamente, risulta essere tra i piu' laboriosi del paese". Pag. 18

22 **INFLUENZA A. I MINISTRI DELLA SALUTE EUROPEI FANNO IL PUNTO AD OTTOBRE SUMMIT DELLA SANITA' EUROPEA. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - I ministri della salute dell'unione Europea insieme contro l'influenza A. Il 12 ottobre, infatti, si riuniranno per fare il punto sulla diffusione del virus H1/N1. Ad annunciarlo e' il ministro alla Sanita' svedese, Maria Larsson, attuale presidente di turno dell'unione. Nel corso dell'incontro verranno affrontati diversi aspetti: dall'accesso ai vaccini al loro reperimento per i Paesi che hanno necessita' di un sostegno, fino alla solidarieta' internazionale. Pag. 19

23 **DISABILI. FONDI SOLO AGLI EVENTI ACCESSIBILI IL PROGETTO DI UNA ONLUS DI CHIETI. (DIRE - Notiziario Sanita') Chieti, 8 set. - Contributi e patrocini a eventi o iniziative di vario genere, si', ma solo a quelle senza barriere architettoniche. E' l'idea dell'associazione Diritti Diretti onlus di Chieti che ha promosso li progetto "Sponsor dei diritti - Sosteniamo solo eventi accessibili", con lo scopo di creare un gruppo formato da grandi, medie e piccole imprese (pubbliche, private, profit, non profit) pronte a sottoscrivere un protocollo d'intesa attraverso il quale si impegnino a concedere contributi o patrocini solo a iniziative ed eventi senza ostacoli che permettano o la fruizione a chi ha problemi motori (disabili, anziani o semplici infortunati) e a mamme con bimbi nei passeggini. La partecipazione al progetto, ricorda l'associazione, e' totalmente gratuita e avviene attraverso la sottoscrizione del modulo in cui l'ente si impegna semplicemente a inserire una clausola nella concessione dei suoi contributi o patrocini, per specificare che l'iniziativa deve rispondere alle norme vigenti in materia di diritto alla mobilita', ovvero essere realizzata in assenza di barriere architettoniche. In cambio di questo suo impegno, l'aderente ottiene dall'associazione Diritti Diretti Onlus il riconoscimento di azienda a forte responsabilita' sociale tramiteß unß "bollino di qualita'" registrato presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura. Al fine di evitare facili speculazioni, il mancato rispetto del protocollo d'intesa comportera' la risoluzione di diritto dello stesso, con decorrenza immediata e obbligo di versare all'associazione Diritti Diretti Onlus, a titolo di penale, la somma di euro che sara' investita in attivita' associative. "La novita' di questo progetto - sottolinea Simona Petaccia presidente dell'associazione diritti diretti onlus - sta nel fatto cheß alle societa' o alle aziende non si chiedono fondi, ma semplicemente un impegno pratico per l'abbattimento delle barriere nei luoghi ove si organizzano eventi. La speranza e' che quest'idea venga recepita dal maggior numero di aziende - aggiunge - e che possa anche diventare un mezzo per aumentare il turismo accessibile nella nostra regione". Per maggiori informazioni, contattare Diritti Diretti Onlus attraverso il numero verde gratuito (lunedi'-venerdi', e 15-18) oppure scrivere un messaggio all'indirizzo elettronico Pag. 20

24 **INFLUENZA A. I PRESIDI: IGIENE A SCUOLA? PAGATA DALLE FAMIGLIE "SENZA I CONTRIBUTI DEI GENITORI NON SI COMPRA IL SAPONE". (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Le scuole hanno sempre meno fondi, anche per questo, in alcune, viene a mancare perfino il sapone. Lo ricorda, ai microfoni di CNRmedia, Giorgio Rembado, presidente dell'associazione Nazionale Presidi. Il tema della pulizia e dell'igiene torna alla ribalta ora che queste misure sono alla base delle azioni necessarie per fronteggiare l'epidemia della nuova influenza. "C'e' un contenzioso con il ministero- ricorda Rembado- specie dell'economia, per il fatto di avere anche progressivamente quelle risorse che sono fondamentali per la vita della scuola, in questo caso del sapone necessario alle norme igieniche fondamentali". Cosi' oggi "al momento dell'iscrizione i genitori corrispondono alle scuole dei contributi cosidetti volontari, definiti dai consigli d'istituto delle singole scuole. A questi fondi fanno capo le scuole per le esigenze di normale funzionamento, e quindi anche per le cose di cui stiamo parlando". Pag. 21

25 **INFLUENZA A. DOPO L'AMERICA EFFUSIONI VIETATE ANCHE IN ITALIA A ROMA E NAPOLI PROVVEDIMENTO ANTI-BACIO. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Dopo l'invito ad evitare baci e abbracci che il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha lanciato ai giovani che rientrano a scuola dopo le vacanze estive, per limitare il rischio contagio da virus H1N1, anche in Italia arrivano le misure di prevenzione per scongiurare la diffusione dell'influenza. A Roma Mario Rusconi, preside del liceo scientifico Isacco Newton, lancia la proposta: "Evitare baci ed effusioni in classe- spiega- per fare una profilassi intelligente". Mentre a Napoli, invece, non sara' piu' possibile appoggiare le labbra sulla teca di San Gennaro. Pag. 22

26 **INFLUENZA A. MACCHINA RESPIRATORIA CONTRO VIRUS A/H1N1 (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - Salvarsi la vita grazie a un macchinario per respirare utile contro le polmoniti indotte dall'influenza suina causata dal virus A/H1N1. In Australia e Nuova Zelanda moltissime vite sono state salvate grazie a questa apparecchiatura, che consente una respirazione extracorporea lasciando a riposo i polmoni colpiti da polmonite. In realta' si tratta piu' di una metodica che di un vero e proprio macchinario: puo' essere costruito assemblando pompa, membrana, cannule e altre componenti. Il funzionamento del sistema garantisce l'ossigenazione polmonare e l'asportazione dell'anidride carbonica senza forzare il polmone a lavorare, come avviene con la ventilazione meccanica (polmone artificiale), che spesso ha causato piu' danni che vantaggi. L'idea di quest'apparecchiatura per la respirazione extracorporea risale agli anni '70 ed e' stata elaborata dall'equipe del dott. Luciano Gattinoni, ora direttore del dipartimento di anestesia e rianimazione dell'ospedale Maggiore-Policlinico di Milano. Lo stesso Gattinoni aveva pubblicato nel 1980 su "Lancet" io primi tre casi di pazienti curati con successo con quest'approccio terapeutico. Nel corso degli anni '90, l'intuizione di Gattinoni e colleghi e' stata applicata con successo nelle polmoniti gravissime e nei traumi toracici, ma ora la Ecmo (sigla inglese per indicare l'ossigenazione extra-corporea con polmone a membrana) si rivela utile anche nel trattamento delle polmoniti provocate dal virus dell'influenza suina. Queste ultime affezioni degli organi respiratori sono gravissime nei soggetti sotto i trent'anni, come spiega il dottor Gattinoni, perche' vanno a colpire l'interstizio polmonare, cioe' il tessuto che separa gli alveoli polmonari, quelle zone dove avvengono gli scambi gassosi tra l'aria inspirata e il circolo sanguigno. Queste polmoniti da virus A/H1N1 si sono dimostrate resistenti a molti farmaci e anche all'ossido nitrico: gli effetti per la salute del paziente allora diventano serissimi e si usa dunque la Ecmo, che spesso riesce laddove altre opzioni di cura si sono rivelate del tutto inefficaci. Gattinoni spiega che cosa l'ha portato a concepire l'idea del "riposo polmonare": osservando in laboratorio la respirazione di alcuni animali si e' visto che i polmoni sostanzialmente si fermano se si riesce a eliminare in un minuto l'anidride carbonica e se si garantisce l'ossigenazione tramite un catetere inserito nella trachea. I polmoni, messi cosi' in grado di ridurre quasi a zero la loro attivita', si trovano in una condizione piu' favorevole per riprendersi lentamente dalle affezioni patologiche che li colpiscono. I primi due prototipi di quest'apparecchiatura si trovano uno al Policlinico San Matteo di Pavia e l'altro al nosocomio di Monza. Visto l'allarme per l'influenza suina e le complicanze polmonari gravi che essa puo' causare, il governatore della Regione Lombardia Formigoni ha annunciato che presto saranno attivate altre 14 macchine Ecmo nei principali ospedali lombardi per fronteggiare eventuali emergenze provocate dall'influenza A. Anche l'industria medica non e' stata a guardare: un'azienda ha realizzato un polmone portatile che svolge le funzioni di entrambi i prototipi di Ecmo: il costo, pero' e' di 50mila euro, Pag. 23

27 contro i circa diecimila di un prototipo. Gattinoni stesso avverte, pero', che la macchina salva-polmoni Ecmo va usata in alcuni specifici casi e solo dopo che gli operatori del settore abbiano seguito una specifica formazione che li renda capaci di mettere in pratica i principi del riposo polmonare. Il dottore pensa anche che basterebbero due o tre apparecchiature Ecmo in ogni regione per fronteggiare le eventuali emergenze polmonari, ma e' fondamentale formare medici, infermieri e tecnici perche' possano usare efficacemente l'ecmo per la rianimazione polmonare. Al fine di tranquillizzare l'opinione pubblica sulla disponibilita' nei nosocomi italiani di macchine salva-polmoni utilizzate eccezionalmente per il trattamento delle infezioni respiratorie dovute all'influenza suina, la Societa' Italiana di Chirurgia Cardiaca ricorda che tali apparecchiature ebbero il loro esordio clinico negli anni cinquanta (il primo utilizzo fu il 6 maggio 1953 con un apparecchiatura ideata da John Gibbon un cardiochirurgo e da 6 ingegneri della IBM). Da allora piu' del 90% percento degli interventi cardiochirurgici viene svolto con e grazie a queste macchine. L'esperienza maturata in cardiochirurgia nell'uso di apparecchiature per la circolazione extracorporea ha condotto ad enormi ed essenziali progressi. L'uso di queste macchine per trattare disfunzioni respiratorie e' stato sviluppato negli anni ottanta a Milano grazie alla ricerca iniziata dal Prof. Gattinoni. Da allora l'italia e' in prima linea a livello internazionale nello sviluppo tecnologico e clinico di tale settore e nella cardiochirurgia. Sebbene l'uso di tali apparecchiature sia rarissimo ed assolutamente eccezionale per il trattamento di infezioni respiratorie, non lo e' invece per il supporto delle attivita' cardiache nei gravi casi di scompenso cardiaco. Per questo motivo praticamente ogni centro di cardiochirurgia ed i centri di rianimazione con grossa esperienza nel trattamento delle disfunzioni polmonari gravi sono gia' dotati di apparecchiature ECMO ed attualmente in grado di effettuare tale supporto cardio-polmonare o solo polmonare. Per la provata utilita' di questa tecnica la Societa' Italiana di Chirurgia Cardiaca (SICCH) - nell'ambito dei suoi programmi di aggiornamento- ha organizzato anche recentemente (l'anno scorso) un Corso intensivo di aggiornamento per l'ecmo in 3 sessioni (Nord, Centro e Sud Italia) con i maggiori esperti mondiali ed italiani, con il fine proprio di migliorare e favorire un approccio adeguatamente informato e preparato a tale programma di trattamento. L'esperienza didattica di questa iniziativa ha consentito la realizzazione di un documento multimediale che la Societa' stessa sta per rendere disponibile ai propri soci e personale coinvolto nell'utilizzo di tali dispositivi. Si deve quindi tranquillizzare l'opinione pubblica: le apparecchiature per l'ecmo sono a disposizione dei cittadini qualora ve ne fosse bisogno, ma il loro utilizzo in caso di influenza o infezioni polmonari e' assolutamente eccezionale. (Fonte Pag. 24

28 **INFLUENZA A. ROMA, DECALOGO DISTRIBUITO NEI CENTRI ANZIANI DECISIONE AL TERMINE COMMISSIONE COMUNALE POLITICHE SOCIALI. (DIRE - Notiziario Sanita') Roma, 8 set. - "Distribuire presso tutti i 141 centri anziani di Roma un decalogo per aiutare gli over 65 nella prevenzione dell'influenza A/H1N1. La decisione e' stata presa questa settimana al termina della commissione sulle Politiche sociali a proposito delle misure da adottare in previsione del picco della pandemia". Lo dice, in una nota, Giordano Tredicine, presidente della commissione alle Politiche sociali del Comune di Roma. "Tra la serie di iniziative finalizzate al contenimento delle complicanze dell'influenza nelle persone a rischio -che il Comune sta programmando con il prof. Fernando Aiuti, presidente della commissione politiche sanitarie- verra' inserito anche un piano specifico rivolto agli anziani e che consenta loro di essere informati sul virus. Si trattera'- spiega Tredicine- di un vademecum in cui si invitano gli over 65 a rispettare i 'consigli pratici' in attesa delle prescrizioni della campagna vaccinale per evitare cosi' inutili allarmismi e in cui si spieghi in maniera chiara e comprensibile la gravita' della patologia, come si trasmette e come ci si protegge". "Questa influenza non deve essere vista come un pericolo insormontabile, dobbiamo soltanto tenerci pronti e preparare un piano efficace ed efficiente senza allarmare i cittadiniconclude Tredicine- È per questo fondamentale l'organizzazione di una campagna di prevenzione che inizi con le categorie piu' a rischio come gli anziani". Pag. 25

29 **INFLUENZA A. IN EMILIA-R. STIMA PEGGIORE E' 1 MILIONE DI MALATI REGIONE PREDISPONE PIANO STRAORDINARIO, "MA NESSUN ALLARMISMO" (DIRE - Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - Lo "scenario peggiore" per l'epidemia di influenza A H1N1 in Emilia-Romagna e' di oltre un milione di ammalati, ovvero il 25% della popolazione, con l'1% di ricoveri in ospedale per i casi piu' gravi pari a mila persone. Ed e' sulla base di queste stime che la Regione sta predisponendo un piano con misure straordinarie per potenziare il servizio sanitario, che vanno dall'ampliamento della guardia medica all'acquisto di nuovi macchinari per la circolazione extra-corporea, necessaria nei casi piu' gravi come quello del ragazzo di Parma, ricoverato a Monza, e dell'anziana di Cesena, in cura al Bufalini. Oltre a questi due pazienti, in tutta l'emilia-romagna si sono verificati solo altri due casi critici, entrambi trattati a Bologna e gia' risolti. Ammontano invece a i casi segnalati dai medici dal 25 maggio (quando fu scoperto il primo caso), di cui 410 accertati da esami di laboratorio. Il punto sulla situazione e' stato tracciato oggi dall'assessore regionale alla Sanita', Giovanni Bissoni, in una conferenza stampa nella sede della Regione a Bologna assieme agli esperti di malattie infettive che collaborano alla stesura del piano straordinario assistenziale da mettere in campo. Oltre a fornire tutte le informazioni disponibili al momento (proprio domani a Roma si terra' un vertice con tutte le Regioni per sciogliere gli ultimi dubbi sulla campagna di vaccinazione), l'emilia-romagna ci tiene a far passare un messaggio tranquillizzante: il virus A H1N1, ha ribadito Bissoni, provoca "una forma influenzale dal decorso benigno e rapido che non ha particolari conseguenze dal punto di vista sanitario. Il problema e' la sua vastita', che fa prevedere una parte significativa della popolazione a casa con la febbre durante il picco". Insomma, l'appello e' "non intasate i pronto soccorso". (SEGUE) Pag. 26

30 **INFLUENZA A. IN EMILIA-R. STIMA PEGGIORE E' 1 MILIONE DI (DIRE- Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - In attesa delle decisioni sulla campagna di vaccinazione che verranno prese domani a Roma, Bissoni annuncia che l'emilia-romagna "si atterra' rigorosamente a quanto sara' definito a livello nazionale, anche se daremo il nostro contributo. Ma non condividiamo l'idea che una singola Regione possa stringere o allargare il piano". La stima di un milione di emiliano-romagnoli colpiti dall'influenza A nei prossimi mesi, sottolinea l'assessore, e' appunto "l'ipotesi peggiore sulla base della quale ci prepariamo a predisporre i servizi: il nostro piano prevede diversi 'step' e ci auguriamo di non arrivare all'ultimo", quello che prevede appunto il 25% della popolazione interessata dal virus. E' un'ipotesi, prosegue Bissoni, "che e' giusto e sacrosanto fare, ma la preoccupazione e' piu' di carattere sociale ed economico che sanitario". Con costi che al momento e' difficile quantificare. L'Emilia-Romagna conta di vaccinare in totale oltre un milione e mezzo di persone, in due fasi: la prima probabilmente a meta' novembre per il personale sanitario e dei servizi essenziali piu' i pazienti a rischio, la seconda a gennaio-febbraio che dovrebbe interessare tutti i cittadini tra i 2 e i 27 anni. Ma a questa spesa ne vanno aggiunte altre, come le somme che saranno riconosciute ai medici di base e ai pediatri per ogni vaccinazione eseguita (e' in discussione un accordo nazionale con le associazioni dei medici). Senza contare le "ore perse" di lavoro e istruzione. Intanto, la Regione ha deciso di potenziare le dotazioni tecnologiche nei due centri (uno al policlinico Sant'Orsola di Bologna, l'altro all'ospedale Maggiore di Parma) per trattare i casi piu' gravi, predisponendo l'aggiornamento dei macchinari per la circolazione extra-corporea e l'acquisto di due nuovi impianti: alla fine in totale in Emilia-Romagna saranno cinque.(segue) Pag. 27

31 **INFLUENZA A. IN EMILIA-R. STIMA PEGGIORE E' 1 MILIONE DI (DIRE - Notiziario Sanita') Bologna, 8 set. - "Lo scenario ipotizzato dalla Regione- spiega Pierluigi Macini, responsabile del servizio di sanita' pubblica dell'ente- e' legato a modelli matematici basati sul criterio del massimo impatto ragionevolmente ipotizzabile. Cosi', se si e' pronti ad affrontare la situazione peggiore, si affrontera' meglio anche quella 'normale'". Se per un'influenza stagionale l'epidemia colpisce in media il 10-12% della popolazione, per il virus A H1N1 si e' dunque calcolato il 25% di ammalati. E, di questi, "si stima che la meta' avra' bisogno di andare dal medico". Il consiglio per chi accusa i tipici sintomi dell'influenza (come febbre, tosse, mal di gola, raffreddore e dolori articolari) e' di rivolgersi subito al proprio medico di base, preferibilmente per telefono ed evitando di andare al Pronto soccorso proprio per contenere il diffondersi dell'epidemia. Sara' poi il medico a decidere se ci sara' bisogno di una visita, in studio o a domicilio. Tra l'altro, l'accordo nazionale in via di definizione con medici e pediatri tende a favorire la loro "partecipazione al processo assistenziale", che comprende anche una maggiore collaborazione nel recarsi a casa dei pazienti. Tornando alle stime per l'emilia-romagna, si calcola che l'1% dei colpiti dal virus avra' bisogno di un ricovero, dunquesempre secondo l'ipotesi peggiore- circa mila persone nell'arco di tutta l'epidemia. Questo significa che durante il picco, atteso tra la fine di novembre e la meta' di dicembre, gli ospedali della regione potrebbero accogliere fino a pazienti a settimana. Percio' "le aziende ospedaliere si stanno predisponendo ad affrontare questo carico di lavoro- spiega Macini- soprattutto per garantire l'assistenza ventilatoria nei casi gravi e per attrezzare i reparti di pediatria".(segue) Pag. 28

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli