CONSIGLIO COMUNALE BUSSERO SEDUTA DEL 28 MARZO 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO COMUNALE BUSSERO SEDUTA DEL 28 MARZO 2008"

Transcript

1 CONSIGLIO COMUNALE DI BUSSERO SEDUTA DEL 28 MARZO 2008

2 PUNTO N. 1 O.d.G. COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE PRESIDENTE: Allora Se non ci sono comunicazioni che riguardano le precedenti delibere, io ho due comunica una comunicazione da darvi e poi un'informazione che riguarda invece l'ordine del giorno del Consiglio Comunale. Mi segnalano dagli uffici che è estremamente importante per la trascrizione del Consiglio Comunale, quindi per il dibattimento, che io segnali sempre chi sta intervenendo durante il dibattimento, e questo lo farò, ma soprattutto che si parli con il microfono, quindi possibilmente che si eviti di interloquire fuori microfono, questo sarebbe molto gradito perché a parte che rende impossibile la trascrizione di quello che si dice fuori microfono. e Comunque in ogni caso questo è un invito che faccio a tutti possibilmente. Io dirò sempre chi interviene, però allo stesso modo parlare al microfono. Il secondo punto invece riguarda la mozione presentata dal gruppo Consiliare della Lega che l'ufficio mi segnala essere arrivata fuori tempo massimo. La tratteremo come ultimo punto se ci sarà la condivisione di tutto il Consiglio Comunale, trattabile, io mi auguro che ci sia, la metteremo all'ultimo punto dell'ordine del giorno. Comunque ne parleremo dopo la mozione. Prego Guzzi. GUZZI (Lega Nord Padania): Sì. Per quanto ci riguarda, anche a noi era stato segnalato che era fuori tempo massimo, mi hanno chiesto o di inserirlo, oppure di trattarlo nel prossimo Consiglio. Quindi io non ero neanche preparato a trattarla stasera, perché non è così impellente inserirla nel Consiglio Comunale di stasera. Perciò noi siamo anche per poterla mettere nel consiglio della prossima seduta insomma. PRESIDENTE: Per quanto riguarda la Maggioranza non c'è nessun problema a trattarlo in questa sede questa sera. Se gli altri gruppi consiliari di minoranza non hanno obiezioni, la possiamo trattare tranquillamente stasera. Comunque voteremo prima della trattativa. Prego. PALLANZA: Noi non sappiamo neanche di che cosa si tratti. Visto che non c'è neanche l'urgenza e visto che lo propone pure il sottoscrittore, direi di rimandarla alla prossima riunione insomma. PRESIDENTE: Non c'è nessun problema, andiamo al prossimo Consiglio Comunale. Non ci sono problemi. Allora primo punto Secondo punto all'ordine del giorno. scusate, gli indirizzi per la convenzione tra il comune di Bussero e l associazione scusate scusate la comunicazione del Sindaco Galbiati, prego. GALBIATI (Bussero Insieme): Si Buonasera a tutti. Vi chiedo l'attenzione nelle comunicazioni, perché di solito non le facciamo mai, però vi è una lettera che ci perviene dalla direttrice dell'istituto onnicomprensivo, la dottoressa Azzariti, che ritengo utile portare a conoscenza di tutto il Consiglio Comunale perché testimonia dei risultati di eccellenza che la scuola, che l'istituto comprensivo di Bussero ha raggiunto sia in campo nazionale che in campo internazionale e riassume anche, poi sarà agli atti, questo non lo leggerò, ma lo riassume anche, tutti gli obiettivi e tutti i progetti che hanno avuto un riconoscimento a livello di sistema scolastico, piuttosto anche che a livello di altre istituzionali, dal momento in cui si è trasformato l'istituto onnicomprensivo, quindi dal 1999 fondamentalmente al Leggerò per brevità solamente la parte diciamo descrittiva che riguarda l'anno scolastico , quindi gli obiettivi raggiunti nel corso dell'anno scolastico 2

3 appena concluso e questo appena iniziato, lasciando poi naturalmente agli atti il documento stesso, la comunicazione, impegnandomi anche a rispondere alla dottoressa Azzariti esprimendo quello che questo Consiglio Comunale riterrà opportuno esprimere dopo aver ascoltato questa comunicazione. L'oggetto della trasmissione che c'è stata fatta è: "Riconoscimenti prestigiosi conferiti al nostro istituto comprensivo", indirizzata al Sindaco e per conoscenza al Consiglio d'istituto. "L'anno scolastico sta portando la nostra scuola a grandi riconoscimenti che sono onore e orgoglio non solo per tutti noi, ma crediamo anche per l'intera cittadinanza. In questi giorni tutto il sistema scolastico italiano è in grande mobilitazione. Infatti l'unione Europea, con gli accordi stesi a Lisbona, prescrive che entro il 2010 tutte le qualifiche rilasciate dagli istituti scolastici siano trasparenti ed equipollenti. La richiesta dell'unione Europea è che il diploma corrisponda a conoscenze uguali o equivalenti esplicitate. Un ragioniere francese per esempio deve avere conoscenze tecniche e abilità paragonabili a quelle di un ragioniere italiano, spagnolo o tedesco. Non solo, ad un diploma, esempio di proscioglimento dell'obbligo scolastico, devono corrispondere standard di conoscenze chiare e certe. È il principio che una volta si chiamava valore legale del titolo di studio. La nostra scuola secondaria - quindi stiamo parlando della media - è stata scelta tra le sole quaranta scuole dell'intero territorio nazionale per elaborare un modello di certificazione delle competenze, dichiarazione relativa alle conoscenze, abilità e tecniche acquisite da ogni alunno di terza media paragonate ad uno standard che sia nazionale e sia sovranazionale. Questa certificazione sarà allegata al diploma di terza media precisandone e integrandone il significato. Sono stati invitati a Fiuggi il 27, 28 e 29 febbraio, in un gruppo di lavoro residenziale nazionale, la scrivente e quattro professori della scuola. Il gruppo ha l'incarico di predisporre tale modello di certificazione sia sotto il profilo redazionale, sia sotto quello procedurale. L'istituto che ho potuto inviare per motivi organizzativi e di carattere personale no l istituto ha potuto inviare per motivi organizzativi e di carattere personale solamente le due professoresse Albrigo e Casadio, comunque il lavoro sarà proseguito ed accompagnato anche da qui sulla piattaforma informatica. È interessante notare che il gruppo di lavoro è assai selezionato e ristretto. È un grande onore farvi parte. Due professoresse della scuola secondaria, la Fucito e la Dell'Orco, fanno parte invece di un gruppo di lavoro nazionale che sta stabilendo le linee guida da trasmettere all INVALSI (inc.) istituto nazionale delle valutazioni del sistema scolastico per predisporre la prova di stato che si aggiungerà per tutte le scuole italiane alle prove scritte scelte dalla scuola, sia previste per l'esame di licenza media già previste per l'esame di licenza media. L'istituto comprensivo di Bussero sta tracciando la storia della scuola italiana. Da quest'anno il nostro istituto inoltre è stato scelto come presidio per l'innovazione della matematica. Dovremmo organizzare corsi seminari per tutto il territorio della Martesana. Il dirigente scolastico è componente designato dalla direzione regionale e (inc.) che dovrà accompagnare tutte le scuole della Lombardia nell'applicazione dei nuovi programmi. Il gruppo di studio ha, oltre le altre cose, prodotto materiali di studio, approfondimenti per docenti e genitori. Questi strumenti sono pubblicati sul sito web della direzione regionale e sono stati elogiati dal Ministero in una comunicazione destinata a tutte le scuole d'italia. Già dal febbraio 2006 il nostro istituto è scuola polo per le lingue straniere. Nell'anno in corso abbiamo attuato due corsi di approfondimento e arricchimento per docenti di inglese di una quindicina di scuole primarie del territorio. Nell'ambito delle lingue straniere di questi giorni è la notizia che il club linguistico genitori figli per lo studio della lingua inglese organizzato con l'age, ha avuto accesso alla finale del concorso Premio Andrea. Questo concorso valorizza le migliori esperienze di collaborazione scuola - famiglia, su tutta l'italia sono stati scelti venti finalisti. In aprile presenteremo l'esperienza presso l'università Cattolica. Come dimenticare in questo ex cursus il grande successo che ha aperto l'anno scolastico. Il progetto di lingua straniera dell'istituto comprensivo è risultato in Italia e quindi su progetti selezionati, approvati da tutta l'europa. La commissione europea ha inviato alla scuola un attestato di eccellenza. Questi importanti successi sono il risultato di un lavoro collettivo, di uno spirito di squadra che viene da lontano. Per far capire quanta strada è stata fatta in questi anni, allego un elenco delle iniziative innovative realizzate dall'istituto e dalla sua fondazione, primo settembre Si potrà apprezzare la varietà delle esperienze delle tematiche affrontate, ma 3

4 ancor più lo spostamento da premi individuali, certamente pregevoli, a successi di gruppo, più difficili da costruire, ma più duraturi. Proprio lo spirito di squadra ci ha consentito di mettere a punto progettualità idonee a conseguire finanziamenti consistenti che hanno dato in questi anni sollievo e respiro al bilancio della scuola e sostegno alle spese per retribuire il personale impegnato nelle diverse iniziative. Da settembre ad oggi abbiamo acquisito ulteriori ventimila euro rispetto agli stanziamenti statali ordinari. Stimo in più di cinquantamila euro i fondi reperiti dallo staff di direzione, dalla segreteria e dai docenti esperti di settori negli ultimi tre anni, partecipando a bandi di concorso e selezioni. Adesso si aggiungono computer, macchine fotografiche, sussidi acquisiti come premi, o donazioni. A partire dalla seconda metà del 2006 la direzione regionale ci ha chiesto di investire energia anche per lo sviluppo delle scuole dell'area Martesana. Perciò mettendo sempre al primo posto alunni e genitori di Bussero abbiamo avviato alcune iniziative aperte ad altre scuole in rete. Nei giorni 26, 27 e 28 marzo sarò a Bologna in un convegno nazionale sulla promozione della cultura musicale nelle scuole. Il Ministero ha selezionato, tramite la direzione regionale e gli uffici scolastici provinciali, docenti e dirigenti esperti di materia e che si sono distinti nel campo dell'innovazione. La Lombardia ha a disposizione undici posti, sono felice di poterle dire che se la mia presenza in rappresentanza dell'istituto comprensivo di Bussero sarà tra questi undici invitati è anche perché il gruppo nazionale sulla musica ha preso visione delle iniziative realizzate insieme a voi nel campo della musica, del teatro e del senso civico con i fondi per il diritto allo studio, con quelli della cultura e dei servizi sociali in una sinergia di risorse di entusiasmo quale forse da anni in Bussero non si vedeva. Ringrazio perciò l'amministrazione Comunale per il sostegno offerto alla scuola e per aver lavorato con noi in questi anni in modo sempre più concertato, sempre più al servizio dell'ottimizzazione delle risorse e degli spazi per il bene della nostra comunità busserese", firmato il dirigente scolastico, dottoressa Albalisa Azzariti. A seguire vi sono sei pagine di progetti realizzati dal maggio Scusate, dal 3 giugno 1999 fino al 28 marzo PUNTO N. 2 O.d.G. INDIRIZZI PER LA CONVENZIONE FRA IL COMUNE E L ASSOCIAZIONE ANZIANI DI BUSSERO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA SOCIALI, CULTURALI E PER IL TEMPO LIBERO PRESIDENTE: Bene, grazie Sindaco. Passiamo al punto 2 in discussione all'ordine del Giorno: indirizzi per la convenzione tra il comune e l associazione anziani. PRESIDENTE: La parola al Sindaco Galbiati. GALBIATI (Bussero Insieme): Vogliamo dare degli indirizzi al responsabile del settore, affinché si possa ulteriormente migliorare il rapporto tra l'amministrazione Comunale e l'associazione Anziani di Bussero, in quanto soggetti che hanno la gestione del Centro Sociale per Anziani. Perché e la Vogliamo integrare affrontando anche quelle tematiche che l'esperienza dell'associazione Anziani aveva già comunque negli anni precedenti gestito, mi riferisco in modo particolare agli aspetti che riguardano la salute delle persone, vi ricordate che l'associazione Anziani per un lungo periodo di tempo aveva dato la disponibilità, con il loro volontariato, a supportare i servizi di raccolta degli esami ematici e quant'altro, e di conseguenza oggi sono maturati i tempi affinché all'associazione Anziani possa essere, con questa motivazione, cioè con la motivazione di implementare i servizi nei confronti della popolazione anziana, la popolazione busserese, di servizi anche di natura sanitaria, si possa affidare il centro della prevenzione alla 4

5 salute per giorni prestabiliti in modo che si possano svolgere azioni di sostegno appunto per quanto riguarda gli ambiti della salute della persona. Quindi gli indirizzi che stiamo dando sono un indirizzo per integrare la convenzione in essere, affinché sia a disposizione dell'associazione Anziani anche delle strutture che hanno questa finalità di intervento sulla sanità, naturalmente sempre per il benessere dei cittadini di Bussero. PRESIDENTE: Prego, ci sono interventi? Se non ci sono Guzzi. GUZZI (Lega Nord Padania): Non mi è molto chiara la convenzione. Cioè cosa facciamo, noi integriamo i punti della convenzione esistente con un qualcosa che qui parla di tutela della salute degli anziani. Però non ho ben capito cosa si intende. Cioè se si intende la tutela della salute degli anziani che frequentano il centro degli anziani o se si intende individuare dei posti idonei per fare delle prevenzioni su degli anziani, piuttosto che interventi mirati per determinati problemi che possono avere gli anziani. Vorrei un chiarimento su questa cosa perché non mi è ben chiara. E Poi se fosse questa seconda ipotesi, se a questo andrebbero aggiunte delle altre strutture, oltre a quelle che già gli anziani usano, quindi già usano la Villa Radaelli, in parte la Villa Radaelli, si intende dare altre strutture agli anziani per poter fare altre attività probabilmente. GALBIATI (Bussero Insieme): Sì, l'oggetto è mettere a disposizione dell'associazione Anziani, in quanto soggetto che gestisce il Centro Sociale Anziani, che è quello sito in Villa Radaelli, anche ulteriori strutture, in modo particolare ho detto per determinate giornate la struttura della prevenzione della salute, che è quella struttura di via Di Vittorio, l'ex casa del custode che adesso è stata trasformata ed è adibita per svolgere funzioni di natura sanitaria, in modo che possano esercitare, tramite poi i rapporti che loro intenderanno instaurare con le strutture che saranno disponibili, interventi di natura sanitaria da questo punto di vista. Per principalmente e naturalmente in funzione degli anziani e del Centro Anziani, cioè del Centro Sociale Anziani principalmente. Poi naturalmente è una struttura alla quale possono approcciarsi anche altri tipi di persone. Però la finalità parte da loro. Parla il presidente PRESIDENTE: Prego Guzzi. Quindi l'oggetto è un indirizzo affinché nella convenzione allarghiamo i compiti e le funzioni per poter permettere che anche altre strutture adibite, che non siano semplicemente strutture di natura sociale quale il Centro Anziani, ma anche strutture di natura sanitaria. PRESIDENTE: Prego Guzzi. GUZZI (Lega Nord Padania): Sì. Visto che si parla di indirizzi, vorrei, se è possibile, aggiungere anche indirizzi che l'associazione Anziani deve operare sul territorio a favore degli anziani, e questo credo che ci sia in convenzione, anzi era specificato, però a favore degli anziani vuole anche dire fare degli interventi, gli anziani sono tanti gli anziani, perché mi risulta che l'associazione Anziani per fare un trasporto di un chilometro chiede dei soldi per poter trasportare degli anziani. Allora siamo all'interno dell'ambito comunale, secondo me è un servizio che dà a degli anziani, non capisco perché deve andare a chiedere dei soldi per trasportare a meno di un chilometro le persone e far pagare delle tariffe. Se parliamo di trasportare le persone al di fuori del Comune, quindi portarli a fare degli esami e via dicendo, posso capire che insomma almeno parte della benzina sia giusto che chi usufruisce del servizio possa pagarlo. Ma un'associazione che deve lavorare per il territorio, per gli anziani, fa pagare per il trasporto di anziani una cifra per fargli fare duecento o trecento metri. Mi sembra un po' esagerato. Cioè visto che già usufruiscono di agevolazioni, tipo appunto Villa Radaelli, tipo altre strutture del Comune, almeno questi servizi 5

6 dovrebbe poterli dare gratuitamente senza chiedere rimborsi o senza esagerare nel chiedere queste tariffe insomma. Quindi se è possibile mettere in indirizzo anche questa cosa, perché è possibile che gli anziani sono tutti gli anziani, comprendono tutte le fasce e tutti i luoghi. Invece mi sembra che diamo importanza all'associazione Anziani solo su determinate cose, però non si chiede in cambio all'associazione Anziani di fare anche altro. Fanno sì, però paghi, altrimenti facciamo no. A volte c'è il furgone, a volte non c'è perché non c'è l'autista. È capitato più volte ed io ero stato anche coinvolto perché mi avevano chiesto se addirittura volevo guidare il furgone. Perché non c'era. Di trecento, quattrocento, cinquecento, seicento soci, non mi ricordo quanti sono, non c'era uno che guidava il furgone, tant'è vero che è dovuta intervenire la protezione civile e ha fatto un trasporto la protezione civile. Quindi insomma se l'associazione Anziani dev'essere a favore degli anziani, dev'essere a favore degli anziani sempre, non solo quando gli fa comodo o quando c'è un tornaconto. Se è possibile, dato che qui si parla di un indirizzo, bisognerebbe anche specificare questo indirizzo. Cioè quando si ha una struttura che tratta anziani sul territorio, che chiede di avere una mano dall'associazione Anziani e poter collaborare, sarebbe il caso di collaborare anche senza chiedere una pecunia, pronti a fare alcuni servizi. PRESIDENTE: Se non ci sono altri Prego Galbiati. GALBIATI (Bussero Insieme): Si Io ritengo che l'impostazione che il Consigliere Guzzi sta dando innanzitutto prescinde forse da una conoscenza reale del quanto oggi l'associazione e i volontari svolgono. Io la difendo per quello che compete al Sindaco, nel senso che con l'associazione Anziani l'amministrazione Comunale ha stipulato una convenzione e all'interno della convenzione vi sono anche dei servizi che vengono resi e le condizioni per cui questi servizi vengono resi. Tra questi quello dei trasporti, vi sono servizi che fanno sia per attività richieste direttamente dall'amministrazione Comunale, sia per attività proprie loro nei confronti dei loro associati da questo punto di vista. Per quanto riguarda i servizi che fanno per conto dell'amministrazione Comunale sono servizi onerosi, nel senso che c'è un costo che viene addebitato all'utente e c'è un costo che si accolla l'amministrazione Comunale. Cioè c'è un rapporto di concorso diciamo dell'utente al costo del servizio e il restante è a carico della convenzione. Ogni anno, in base ai chilometri eseguiti di servizio, l'amministrazione Comunale, è scritto in convenzione, rifonde tot euro a chilometro, così come è stabilito dalla convenzione. Per quanto riguarda invece i servizi che fanno in proprio per i loro associati, è una regola interna che si è data l'associazione Anziani. Ma io ritengo che debba essere vista la funzione di quell'associazione, almeno per i report che abbiamo, per la documentazione che ci mandano annualmente e per i programmi di lavoro che svolgono, secondo me siamo in una condizione di eccellenza, se volete il mio parere. Altro che di critica. Perché oggi, se no se ci fosse una critica da parte dell Amministrazione, dovremmo sollevarli come Associazione dalla gestione del Centro Sociale. Perché loro sono soggetti titolari a gestire un Centro Sociale che è il Centro Sociale del Comune, non è dell'associazione Anziani. L'Associazione Anziani è un organismo che ha una sede in Villa, infatti ha un ufficio in Villa, e gestisce poi il Centro Sociale. E Quindi di conseguenza noi abbiamo dei riscontri, ripeto, ottimali, di eccellenza sui servizi, di grande impegno e di grande disponibilità. Tra l'altro anche con una diversificazione del loro del ventaglio delle iniziative. Ne sono testimoni anche i risultati che hanno per il conseguimento degli associati, cioè ogni anno aumentano, vuol dire che qualche cosa funziona da quel punto di vista lì. Ne è testimone il successo che hanno quando fanno le feste sociali, le loro feste per gli associati, oltre quelle che fanno quando aprono al pubblico, vuol dire che qualcosa funziona da quel punto di vista. Quindi non è che sto facendo una difesa d'ufficio, sto semplicemente evidenziando che quando le cose funzionano secondo me è giusto dire che funzionano punto. Se il Consigliere Guzzi 6

7 ci chiede invece di dare degli indirizzi che non sarebbero di nostra competenza perché è un'attività che svolgono loro, perché per quanto riguarda l'attività che svolgono per conto dell'amministrazione, noi abbiamo dato l'indirizzo. In convenzione c'è scritto, è oneroso, punto, si paga. L'Amministrazione concorre per un pezzo, l'utente concorre per un altro pezzo. Quello che fanno direttamente invece loro autonomamente non possiamo noi dare un indirizzo all'interno della convenzione che devono esercitare un'attività non onerosa o condizionata. Cioè rispetto a quello che svolgono per conto del Comune lo possiamo condizionare. Sta nella nostra disponibilità decidere perlomeno. Quello che fanno direttamente e autonomamente come associazione spetta a loro decidere, al loro Consiglio di Amministrazione, è un ente riconosciuto, c'è un Consiglio eletto che decide queste cose e risponde naturalmente poi agli utenti, ecco. Però Io capisco che la Lega ha sempre avuto un atteggiamento negativo, perché addirittura li voleva espropriare del Centro Sociale, quindi probabilmente confermando questo atteggiamento, giustamente fa le pulci. Però non a caso la pensiamo in modo diverso su questo obiettivo. Per quanto riguarda noi e per quanto riguarda i rapporti che abbiamo, noi difendiamo il rapporto e i risultati ottimali che abbiamo raggiunto. PRESIDENTE: Si Guzzi, prego. PRESIDENTE: prego Guzzi. GUZZI (Lega Nord Padania): No, sì Prima di tutto noi non vogliamo espropriare nessuno del centro, perché come ha detto giustamente Lei, il centro è comunale, quindi non c'è bisogno di espropriarlo. Però bisognerebbe spiegare un attimino agli anziani che è comunale e non è privato, perché forse hanno un po' frainteso la convenzione. Il numero degli iscritti cresce ogni anno. Anche quella della Pro Loco cresceva ogni anno, non venivano mai cancellati quelli che non facevano più la tessera e ogni anno aumentava. Poi ci saranno gli anziani che poi moriranno anche. Perciò come fanno ad aumentare ogni anno? C'è qualcosa che non va perché o abbiamo anziani che sono tutti in salute e sono ultracentenari, o c'è qualcosa che non funziona così. Io vi sono testimone, essendo stato io Consigliere della Pro Loco, che la Pro Loco vantava, non so, mille, duemila iscritti, di questi duemila iscritti però il primo era di quando è stata fondata la Pro Loco. Mai più rinnovata la tessera per anni, anni ed anni. Ed è successo anche a me. Mai rinnovato la tessera e mi trovo ancora iscritto alla Pro Loco. Mi piacerebbe sapere quanti iscritti ha l'associazione Anziani, visto che quando gli si chiede di guidare un furgone non c'è l'autista. Perché se ogni anno aumentano gli iscritti, strano che non ci sia un autista per poter guidare un furgone. Per quanto riguarda i pagamenti dei servizi che fanno in proprio, giustamente uno è un'attività che svolge in proprio, può decidere quanto far pagare. Però anche qua forse bisognerebbe spiegare bene che la devono dire (inc.) che è una convenzione che fanno in proprio e non attaccarsi alla convenzione fatta con il Comune per far pagare determinate cose, perché dicono che è il Comune che richiede questa cifra. Allora c'è qualcosina che non va. O la convenzione non è stata scritta bene, oppure loro capiscono Roma per toma, forse sono anziani, hanno un po' problemi di udito, bisogna spiegargliele un po' bene le cose. Però purtroppo c'è qualcosa che non va. Poi non sto dicendo che non svolgono un servizio sociale adeguato sul territorio. Il servizio sociale sul territorio io riconosco che alcuni servizi di trasporto di persone disabili, piuttosto che trasporto di persone che hanno bisogno di cure, li fanno e li fanno anche bene. Però in cambio, signori, gli diamo una sala dove loro sono dentro gratuitamente, gli diamo la possibilità di fare iniziative dove loro si tengono i soldi, gli diamo la possibilità di fare tante altre cose spacciandosi per Associazione Anziani del Comune, però li fanno in proprio e i soldi se li mettono via. Allora se è del Comune, i soldi dovrebbero entrare nelle casse comunali. E se gestiscono un centro, come abbiamo detto, sociale comunale, che sia ben chiaro che è comunale. Quindi se è comunale, non dev'essere privato con 7

8 tariffe per entrare, piuttosto che orari per entrare e via dicendo. Questa cosa forse bisogna chiarirla un attimino. PRESIDENTE: Bene Guzzi, grazie. Se non ci sono altri interventi passiamo al voto. PRESIDENTE: Favorevoli; contrari: Guzzi; astenuti: quattro astenuti. Su questo punto abbiamo l'immediata esecutività, per cui per favore come prima, grazie. PRESIDENTE: Favorevoli; contrari; astenuti. PUNTO N. 3 O.d.G. CEM AMBIENTE S.P.A. NUOVO TESTO STATUTARIO, PRESA D ATTO PRESIDENTE: Passiamo al punto tre dell'ordine del giorno: il nuovo testo statutario del CEM e la presa d atto del consiglio PRESIDENTE: Sindaco Galbiati, grazie. GALBIATI (Bussero Insieme): Sì Ci apprestiamo ad approvare un'integrazione che in effetti modifica su alcune parti sostanzialmente lo statuto del CEM. Il CEM, come sapete, è l'azienda cui facciamo parte per la gestione dei rifiuti. Questa modifica è dovuta a due fattori essenzialmente: il primo dettato dalla norma finanziaria che ha stabilito il numero dei componenti dei Consigli d'amministrazione fondamentalmente, quindi c'è la riduzione fino a un massimo di cinque, prima il Consiglio d'amministrazione del CEM era di sette, e quindi lo statuto prende atto di queste nuove disposizioni e riduce a cinque il Consiglio d'amministrazione, compreso il Presidente. Nel fare questa modifica si è colta anche l'occasione di intervenire e di adeguare le norme sia di presentazione della lista dei candidati alla Presidenza e al Consiglio d'amministrazione, sia le modalità di elezione del Presidente e del Consiglio stesso. In modo particolare, dato che lo statuto precedente prevedeva che si potessero presentare liste contrapposte con un dieci per cento di quota azionaria, quindi il dieci per cento delle quote azionarie potevano presentare comunque una lista teoricamente, quindi si potevano presentare dieci liste contrapposte per eleggere il Consiglio di Amministrazione e dato che si prevedeva che la lista che avesse raggiunto il maggior numero di voti comunque avesse la maggioranza qualificata del Consiglio di Amministrazione stessa, si è voluto introdurre un elemento di maggior chiarezza stabilendo quale poteva essere il limite affinché scattasse la possibilità di avere la maggioranza qualificata all'interno del Consiglio d'amministrazione. Perché paradossalmente se no con il quindici per cento di voti di capitale sociali potevi avere la maggioranza qualificata all'interno del Consiglio d'amministrazione. Si è stabilita una soglia minima che è il cinquantacinque per cento. Cioè per avere la maggioranza qualificata all'interno del Consiglio d'amministrazione, la lista deve raggiungere almeno il cinquantacinque per cento. Sennò, se non raggiunge la lista che vince, deve raggiungere il cinquant se non raggiungesse questa cifra, è invece composto proporzionalmente ai voti ottenuti, ai quozienti ottenuti dalle singole liste. Questo è diciamo la modifica che riguarda il Consiglio di amministrazione. Se ne è aggiunta un'altra anche addirittura, perché alcuni soci l'hanno chiesta, di poter anche esercitare la preferenza all'interno dell'espressione di voto sulla lista. E anche questo quindi è stato introdotto all'interno della modalità di voto. 8

9 E Questo per quanto riguarda le norme che, richiamandosi per il numero del Consiglio di Amministrazione, si è anche modificata questa parte che riguarda la modalità di elezione del Consiglio. Un'altra norma invece era importante introdurla. Anche qua in funzione del fatto che il CEM esercita direttamente, quindi come se così detto in house quindi come se fosse un'attività svolta direttamente per conto dei Comuni, servizi. L'ultimo di questi è la gara che avevamo discusso per la raccolta dei rifiuti che tra l'altro è andata a buon fine. Per inciso vi comunico che per quanto riguarda il Comune di Bussero siamo rimasti all'interno di quelle cifre che il Consiglio Comunale aveva dato come indirizzo massimo di spesa quando aderimmo, approvammo diciamo la parte l'indirizzo rispetto al capitolato d'appalto. Per quanto riguarda Bussero, se non erro, sono quattrocentoquarantottomila euro il risultato della gara, il costo che sarà imputato come servizio di raccolta. Questo sta all'interno dei costi che avevamo previsto nel piano finanziario - sto facendo un inciso rispetto allo statuto rispetto al piano finanziario che abbiamo visto l'altra volta e che andrà in approvazione stasera, perché il piano finanziario del CEM è dentro, l'abbiamo già approvato, dottoressa, sta comunque all'interno di quel limite di spesa che sono i famosi complessivi settecentocinquantaquattromila euro di costo, di cui quattrocentoquarantotto sono relativi ai servizi di raccolta. Chiusa questa parentesi che era un'informazione, la parte che appunto riguarda la modifica dello statuto è relativa a quello che viene comunemente definivo controllo analogo. Cos'è il controllo analogo? Siccome una società che per sua natura è partecipata da diversi comuni, sono quarantotto i comuni che la partecipano, e quindi di conseguenze c è, più la provincia, e quindi di conseguenza c'è una percentuale di partecipazione che si aggira attorno al due per cento pro capite per comune, poi lì c'è il problema della densità abitativa, densità territoriale e quant'altro, comunque facciamo una media del due per cento pro capite, non è immaginabile che un socio con il due per cento possa esercitare un controllo analogo su una società come se fosse una sua società diretta o comunale, perché dovrebbe avrebbe il cento per cento. Siccome la legge prevede che invece per far sì che una società per svolgere direttamente servizi per conto della pubblica amministrazione deve essere controllata come se fosse una società interamente partecipata al cento per cento, nello statuto sono introdotti fondamentalmente tre articoli che determinano e regolamentano questo concetto di controllo analogo. Il primo articolo interviene sugli indirizzi, e quindi viene espressamente citato che gli indirizzi devono essere dati dall'assemblea dei soci in modo concertato tra soci, quindi ci dev'essere un indirizzo concertato tra i soci per dare poi in assemblea il via ai piani industriali o ai piani finanziari della società stessa. Ci sono poi le due forme invece di controllo, che sono quelle che la legge maggiormente richiama e impone, appunto del controllo analogo, quello del controllo collettivo e per quanto riguarda il controllo collettivo anche in questo articolo, in modo particolare l'8 ter, viene stabilito che il controllo analogo è esercitato in forma collettiva nelle modalità che è prevista dai singoli statuti dei vari livelli istituzionali: Provincia e Comuni da questo punto di vista. Quindi i soci in base ai loro statuti comunali, in questo caso i Sindaci, possono esercitare un controllo analogo dandosi forme di rappresentanza collettiva per esercitare il controllo nei confronti del Consiglio d'amministrazione. Poi vengono stabilite anche le cadenze di questo controllo, che mediamente sono quadrimestrali e viene vengono stabiliti anche dei poteri aggiuntivi che prima erano conferiti al Consiglio di Amministrazione ed ora invece sono conferiti all'assemblea dei soci. In modo particolare l'approvazione del budget che prima l'assemblea dava solamente degli indirizzi, ma il budget lo stabiliva il Consiglio di Amministrazione, oggi il budget è riportato invece all'approvazione dell'assemblea dei soci. Il terzo articolo che interviene sempre su queste forme di controllo è relativo invece al controllo del singolo socio, in quanto segmento della partecipazione. E questo può essere esercitato all'interno del contratto di servizio che di norma viene stipulato con il Comune in rapporto al servizio che viene erogato e all'interno del contratto di servizio si può esercitare un controllo 9

10 singolo sull'azione, però in questo caso limitata, del contratto del servizio in essere per il Comune che diciamo sottoscrive, usufruisce la prestazione e servizio, e di conseguenza viene stabilita poi tutta la modalità di questo controllo diciamo del singolo socio rispetto al servizio. Quindi, come vedete, è un'operazione che per certi aspetti tocca questioni diciamo non ordinarie all'interno di uno statuto: la composizione del Consiglio d'amministrazione, la sua modalità di elezione e il ruolo di indirizzo e di controllo dell'insieme dei soci sono i punti cardine diciamo di un governo di una società. Oggi noi, approvando lo statuto con queste modifiche, introduciamo questi elementi in modo che mettiamo la nostra società nelle condizioni di operare nella piena legittimità degli atti. PRESIDENTE: Grazie Sindaco. Prego Pallanza. PALLANZA (Cittadini Bussero): Signor Presidente e signor Segretario, io chiederei lo stralcio di questo punto all'ordine del giorno, perché qui c'è scritto presa d'atto, non votazione, non ratifica dello statuto. La presa d'atto non prevede una votazione o un'approvazione. Quindi chiedo che venga stralciato ed iscritto al nuovo ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale. GALBIATI (Bussero Insieme): È una presa d'atto dal punto di vista che non è modificabile, essendo uno statuto approvato, arriva ai Consigli Comunali dopo che questo statuto è stato approvato dall'assemblea di tutti i Sindaci. E Quindi è praticamente immodificabile. I Consigli Comunali prendono atto. Siccome il nostro statuto comunale prevede che per quanto riguarda le società partecipate noi, i vari statuti devono essere approvati dal Consiglio Comunale, il Consiglio Comunale è nella condizione di prendere atto di una modifica di statuto che è immodificabile, visto che è stata già discussa nell'assemblea e approvata dall'assemblea dei sindaci, che è l'assemblea dei soci fondamentalmente, e di conseguenza siamo oggi invece all'interno del Consiglio Comunale ad assumerlo come un documento dell'amministrazione. PRESIDENTE: Prego Pallanza PALLANZA (Cittadini Bussero): In questo caso doveva trattarsi di una ratifica, non di una presa d'atto, ribadisco. MIRAGLIA: La ratifica riguarda un atto già adottato di solito. E questo non è stato ancora approvato dall'assemblea. Comunque in merito alla presa d'atto, come diceva il Sindaco, ribadisco quanto affermato dal Sindaco, è uno statuto già esaminato, esaminato nell'assemblea dei sindaci in precedenza, immodificabile nel senso che è stato discusso da tutti i sindaci. Nel secondo punto del dispositivo è previsto che si dia mandato al sindaco per approvare il nuovo statuto presso l'assemblea del CEM. Quindi lo statuto così come presentato diventa una presa d'atto, però il Consiglio, questo Consiglio autorizza il sindaco ad andare ad approvare in sede di assemblea questo statuto di cui stasera avete sentito l'esposizione, la modifica dello statuto che il Sindaco vi ha spiegato. In effetti lo statuto non è stato ancora approvato dall'assemblea, è stato licenziato, ma non approvato in via definitiva. PRESIDENTE: Prego, Versetti Scusate Volevo aggiungere una cosa. Fra l'altro mentre alcuni statuti dei comuni prevedono che gli statuti delle partecipate vengono approvate in via preventiva, il nostro statuto nulla dice, proprio perché la normativa era in evoluzione, mi ricordo che in sede di ultima modifica proprio avevamo tralasciato l'argomento delle società partecipate o dei consorzi, eccetera, perché non 10

11 abbiamo voluto di proposito disciplinare la materia. Però essendo l'argomento importante è anche giusto che il Consiglio venga informato. PRESIDENTE: Grazie dottoressa. Prego Versetti. VERSETTI (Cittadini Bussero): Volevo sapere una cosa. Alcuni cittadini mi chiedevano se è obbligatorio pulire le strade anche quando piove. Se è una cosa che è nella convenzione o se è una cosa che così si fa tanto per fare. Cioè chiedevano come mai quando piove le strade vengono pulite lo stesso. GALBIATI (Bussero Insieme): Ah Certo. La meccanizzata, sta parlando della meccanizzata? Sì, la meccanizzata è pianificata che nei giorni prestabiliti la macchina deve passare comunque. VERSETTI (Cittadini Bussero): Anche se piove. GALBIATI (Bussero Insieme): Anche se piove. E Perché l'acqua di per sé stessa non è che pulisce, anzi. VERSETTI (Cittadini Bussero): Era una domanda che mi hanno chiesto e io la chiedo. GALBIATI (Bussero Insieme): La meccanizzata passa sistematicamente e quando invece, per causa di forze maggiori salta, poi deve recuperare il giorno in un altro giorno. PRESIDENTE: Va bene. Se non ci sono altri passiamo Prego Meregalli. MEREGALLI (Progetto Bussero): Volevo segnalare a questo Consiglio Comunale l'articolo 8, controllo dei soci, premesso che io sul CEM ho le mie opinioni condivise anche dal mio gruppo, vorrei far notare come mai il CEM, essendo una società pubblica, quindi dovrebbe essere tutto trasparente tutto quanto invece uno dei soci chiede documentazione relativa una gestione, qua viene ribadito proprio nella convenzione o nello statuto, che tale documentazione potrà essere utilizzava esclusivamente per le finalità indicate, con l'obbligo per gli enti pubblici soci di garantire la riservatezza delle informazioni acquisite anche ai fini della tutela della società e dell'attività svolta dalla stessa. Cioè francamente, se è una società pubblica, non vedo quale riservatezza dobbiamo avere su questi dati. Poi anche il fatto si però scusate scusi Essendo una società pubblica dovrebbe essere tutto trasparente. Quindi la riservatezza a che fine? PRESIDENTE: Finisca Meregalli, prego. Fine cassetta 1 lato A GALBIATI (Bussero Insieme): [...] in tutte le imprese. Cioè che gli aspetti gestionali di un'impresa sono sottoposti alla concorrenza. Quindi qualsiasi atto che è pubblico, è dal punto di vista interno del socio, ma è secretato nei confronti della concorrenza. Perché non può un socio prendere atti che possono essere di carattere riservato per la società e poi passarlo per esempio al concorrente di quella società. Perché oggi sul territorio, basta pensare al ciclo degli smaltimenti, quali possono essere le strategie e le politiche del CEM per il ciclo degli smaltimenti, lo diamo in mano ad un soggetto che lo fa sul mercato come privato, penso che ci sia... Se Lei, che è imprenditore, i Suoi documenti dovessero andare in mano a un Suo concorrente, probabilmente si metterebbe nelle condizioni di debolezza strutturale. 11

12 Il problema quindi non è la trasparenza degli atti. Altroché! Ogni socio ha diritto ad avere gli atti, ma è altrettanto vero che determinati atti, quelli che non sono tra virgolette pubblici, bandi o quant'altro, sono interni alla società. Cioè ha mai visto Lei che un socio che ha diritto ad avere in mano il bilancio e questo bilancio, se non nelle parti che sono lecite essere pubblicate, venga dato per esempio alla concorrenza? Quindi mi stupisco della Sua domanda francamente. Non so dove vuole arrivare, ma mi stupisco della Sua domanda. PRESIDENTE: Prego Meregalli. MEREGALLI (Progetto Bussero): No, io mi stupisco della Sua risposta invece cioè. Vorrei che anche gli altri Consiglieri leggessero l'articolo 8 prima di votare, perché a un certo punto qua ognuno la può interpretare come vuole, però il discorso di concorrenza tra imprese mi può stare anche bene, ma qua quando mi addirittura poi quando uno dei soci, va be, pagamento deve, è tenuto a determinate cose, francamente mi sembra una società tipo stalinista questa. Il discorso di concorrenza nel mercato francamente qual è il problema? Se ci sono società che fanno a un prezzo inferiore, tanto di guadagnato. GALBIATI (Bussero Insieme): Scusa Meregalli, francamente capisco la Sua ignoranza, mi scusi, ma non perché è ignorante, capisco l'ignoranza in materia, perché La invito veramente a sentire qualche sindaco suo diciamo appartenente al Suo... No, non è un partito, lui è un'associazione, però qualche sindaco che si sente più affine, che non siano quelli che Lei chiama gli stalinisti, che non esistono, e di conseguenza magari si faccia spiegare come funziona quella società da questo punto di vista. Non stiamo parlando di tariffe o di quant'altro, perché le tariffe sono sicuramente le uniche cose pubbliche che fa il CEM sono le tariffe, perché sono pubblicate attraverso bandi e quindi i capitolati sicuramente sono le cose più trasparenti che ci sono. Stiamo parlando di strategie industriali. Cioè se io devo fare l'associazione con una società di Verona per fare lo smaltimento dell'umido o del compost, la metto sul mercato secondo Lei questa cosa qua? Scusi, va bene così, gestisca così le Sue aziende lei. MEREGALLI (Progetto Bussero): Vorrei far notare che Lei ha sempre lavorato nel pubblico, quindi forse di gestione di aziende qualcosa in meno del sottoscritto ne sa. Qual è il problema di avere pubblici questi dati? Se il CEM opera bene, può proporre anche costi che ha ottenuto con prezzi inferiori rispetto agli altri, li dica tranquillamente. Questa non è concorrenza sleale di mercato. GALBIATI (Bussero Insieme): Ah Io ho lavorato nel pubblico? Lei non mi conosce nemmeno. Io ho fatto trentacinque anni nel privato, per capire. No ma Lei non capisce un cazzo, scusi. Lei non conosce lei non conosce lei non conosce no no no... Io lo dico testualmente, Lei non conosce la storia delle persone. Prima di parlare Le conviene prima informarsi, se no fa la figura dell'ignorante. PRESIDENTE: Prego, prego, prego, calma, calma. Si Però che riguardi il merito della questione, che non riguardi i problemi che riguardano le persone. Non interessano e non riguardano questo Consiglio, Meregalli. Prego. MEREGALLI (Progetto Bussero): solo solo una cosa Lei ha fatto il sindacalista o no nell'ambito delle aziende in cui lavorava? PRESIDENTE: La prego, no no non è non è allora il Consiglio Comunale non discute delle storie personali delle persone, ognuno ha la sua e ognuno è legittimato a stare qua. Per cui 12

13 ritorniamo nel merito della questione. Lei ha posto una questione, Meregalli, alla quale il Sindaco ha risposto. Se non ci sono altri che vogliono intervenire su questo punto, passiamo alla votazione. PRESIDENTE: Favorevoli; contrari e astenuti. Guzzi. Abbiamo l'immediata esecutività su questo punto, per cui, per cortesia, come prima, grazie. PRESIDENTE: Favorevoli; contrari e astenuti. PUNTO N. 4 O.d.G. PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE SEMPLIFICATA ALLE N.T.A. (ARTICOLI 41, 45, 46, 47 E 65) AI SENSI DELL ART. 2 DELLA L.R. 23/97 REVOCA MODIFICA ALL ART. 65 E APPROVAZIONE DEFINITIVA PRESIDENTE: Bene, al punto quattro abbiamo la Variante semplificata alle Norme Tecniche di Attuazione e la Revoca modifica all'art. 65 e l approvazione definitiva. PRESIDENTE: La parola a Vergani, grazie. VERGANI (Bussero Insieme): È un punto relativamente semplice perché per quanto riguarda le modifiche degli articoli 41, 45, 46 e 47 della N.T.A. che approviamo in modo definitivo, era questione di dare un'interpretazione sostanzialmente estensiva alle norme che consentono di esercitare attività artigianali compatibili nel centro storico. Si trattava di quelle attività artigianali come la produzione, non so, pizza piuttosto che di gelati che, fatte sottoforma di commercio, erano consentite fatte in forma artigianale. Gli uffici avevano il dubbio che non potessero essere consentite. Per togliere ogni possibile dubbio abbiamo precisato che le attività artigianali assimilabili a quelle commerciali potessero essere gestite nel centro storico. E Questi articoli sono stati adottati, non sono state presentate osservazioni e vengono approvati in modo definitivo. Per quanto riguarda invece l'articolo 65, di cui viene disposta la revoca, o perlomeno viene disposta la revoca dell'ultima modifica, che era sostanzialmente la proroga di un termine perché il Consiglio Comunale potesse decidere di diverse destinazioni delle aree destinate all'interramento degli elettrodotti perché allo stato attuale non è più necessario prendere decisioni diverse da quelle che sono già state prese, nel senso che quando si era deciso di prorogare questo termine non avevamo ancora i costi dell'interramento degli elettrodotti. I costi sono arrivati, sulla base dei costi è stato anche presentato ed approvato in questo Consiglio Comunale un documento di inquadramento che consente di intervenire in quelle aree sempre nell'ottica dell'interramento degli elettrodotti, in forma diversa, totale o parziale, a seconda di quelle che saranno le opportunità e le scelte anche degli operatori privati, per cui non è più necessario andare a prorogare quel termine perché a questo punto la normativa di quelle aree si è stabilizzata. Il Consiglio Comunale quindi è chiamato ad approvare in via definitiva quei primi articoli che dicevo, il 41, 45, 46 e 47, che riguardano le attività produttive nel centro storico e a revocare la delibera che invece prorogava il termine lasciando ferma la disposizione dell'articolo 65 a quella che era prima di questa modifica. PRESIDENTE: Grazie Vergani. Prego, prego se ci sono interventi, se no andiamo andiamo in votazione. Guzzi. 13

14 GUZZI (Lega Nord Padania): Sì, per quanto riguarda gli articoli 41, eccetera, eccetera, va be, ne abbiamo già discusso in questo Consiglio Comunale, mi sembra che abbiamo chiarito un qualcosa che era lasciato in dubbio e credo che a seguito anche di quel chiarimento si siano aperte delle attività nel centro storico. Quindi quello non ho niente da dire. Per quanto riguarda invece l'articolo 65, non ho capito bene, si tolgono quei famosi termini che c'erano per poter realizzare quella che era l'opera si era dato un tempo se non sbaglio, non so, tre anni, quattro anni, non me lo ricordo bene, adesso si toglie perché abbiamo fatto abbiamo approvato quel documento che diceva che si potevano avere due soluzioni che sono al vaglio e vedere quale delle due può essere realizzata. Però la mia domanda è: lì davamo un tempo preciso, definitivo per dire partono i lavori, non partono i lavori, facciamo qualcosa, non lo facciamo. Togliendo, quindi abrogando questo articolo, è vero che noi abbiamo due possibilità, però non abbiamo più un tempo certo di intervento. Volevo capire un attimino cosa cambiava a livello di termini di tempistica perché, ripeto, le due soluzioni ce le abbiamo, ora si tratta di capire quale delle due è meglio applicare insomma. VERGANI (Bussero Insieme): Sì, Guzzi. Il termine che era fissato nel piano regolatore che era già stato prorogato una volta non era tanto inteso come termine per interrare gli elettrodotti. Era un termine prudenziale che l'amministrazione si era data per decidere per il caso in cui non fosse stato possibile interrarli di quali strumenti diversi o quale tipo di destinazione diversa dare alle aree. In concreto poi sono successe diciamo un paio di cose. Uno, la legge regionale 12 del 2005 che non consentirebbe di fatto di andare a prendere decisioni diverse da quelle che ci sono. L'altra, la conferma tecnica dell'interrabilità da un punto di vista teorico e, come abbiamo già discusso invece, il peso economico di un certo tipo. Per cui non è tanto un termine che prima fissava dei tempi che non c'erano più, era un termine che fissava un limite entro il quale l'amministrazione aveva detto: se non si può fare, pensiamo a qualcosa di diverso. Siccome il Che si può fare lo sappiamo. Il Che costa tanto adesso lo sappiamo anche, per cui abbiamo scelto la strada di lasciare, voglio dire, la possibilità della società di trasformazione urbana, oppure le due soluzioni del: in una certa misura adesso sta anche diciamo nell interesse dei privati fare qualche ragionamento con l'amministrazione. L'Amministrazione adesso si attiverà di nuovo, dopo l'approvazione del bilancio, a chiedere a Terna di precisare quelli che sono, con maggiori dettagli, i costi di un interramento limitato, in modo da mettere a disposizione diciamo degli operatori privati anche qualche conto di più. Comunque già da adesso gli operatori privati sono in condizione di fare dei ragionamenti e venire a fare delle proposte. Tant'è vero che proprio penso pochi giorni fa erano stati pubblicati anche gli avvisi dell'approvazione del documento di inquadramento e quindi della possibilità per gli operatori privati di presentare progetti integrati di intervento che siano in linea con il documento di inquadramento. PRESIDENTE: Prego, Guzzi. GUZZI (Lega Nord Padania): Sì. Che il documento di inquadramento ovviamente, come abbiamo detto prima, lascia aperte due possibilità. Logicamente bisogna quantificare meglio forse i costi di un interramento e meglio i costi di uno spostamento. Però il privato può comunque iniziare a ragionare sulle due ipotesi. Però quello che vorrei capire è: sarà il privato non è il privato che decide cosa fare, sarà l'amministrazione che dirà vogliamo interrarlo o vogliamo spostarlo. In base a quello il privato deciderà se vendere il terreno a un prezzo, scusate il terreno, le case o le abitazioni o quello che c'è, a un prezzo piuttosto che a un altro. Perché penso che le due operazioni abbiano costi ben diversi. Allora la mia domanda è: nell'amministrazione Lei mi ha appena detto il fatto dell'approvazione del bilancio, si richiederà ulteriormente a Terna una valutazione economica più precisa, a quanto ho capito, comunque un piano più preciso, un documento più preciso. Da quanto mi sembra di aver capito, l'amministrazione aspetta ancora di capire da Terna quale 14

15 potrebbe essere la soluzione migliore, oppure siamo già orientati nello spostamento piuttosto che nell'interramento? Cioè la cosa è un pò mi resta un po' ambigua in questo caso. L'altra cosa che volevo dire era un po' la mia espressione di voto. Già quando abbiamo discusso del punto 41, 42, eccetera, io avevo votato contrario, ma non perché ero contrario ai punti, e l'avevo ben specificato e lo rispecifico stasera, ma perché io a suo tempo alle norme tecniche d'attuazione, come a tutto quello che era il piano regolatore dicendo, avevo votato io, il mio gruppo aveva votato contrario. È vero che io vado a modificare un articolo ben preciso, quindi su questo potrei esprimere un voto di astensione, però comunque è compreso in un qualcosa che io non avevo approvato fin dall'inizio. Quindi il mio voto sarà contrario, ma contrario motivando perché è comunque un qualcosa che rientra in un pacchetto di sole norme tecniche di attuazione che noi non avevamo recepito e comunque avevamo già respinto. PRESIDENTE: Chiarissimo, Guzzi. Altri, prego? Prego Vergani. VERGANI (Bussero Insieme): Sì, noi a Terna abbiamo... perché i conti I conti per l interramenti di tutti e due ci sono. Noi a Terna adesso chiediamo invece che ci dia i conti per lo spostamento di uno e l'interramento dell'altro. PRESIDENTE: Meregalli, prego. MEREGALLI (Progetto Bussero): Scusa Vergani, ma lo chiedete voi a Terna o lo chiedono i privati? VERGANI (Bussero Insieme): No, nel senso che siccome cioè l'interlocuzione privati - Amministrazione a questo punto è diciamo più aperta, è aperta, noi, proprio nell'ottica della disponibilità dell'amministrazione, ci siamo già attivati per chiedere a Terna, ci abbiamo problemi formali di mettere a disposizione le risorse per avere la risposta. Da un punto di vista diciamo giuridico i privati non hanno difficoltà, dopodiché c'è un problema però che Terna di solito chiede che sia l'ente pubblico magari a chiedere la roba. Se però ci sono privati che in questo momento dicono: "Siamo pronti - non so - ad anticipare i soldi perché così valorizziamo i nostri terreni", non ci sono difficoltà da parte dell'amministrazione ad interloquire. PRESIDENTE: Possiamo passare al voto per favore. PRESIDENTE: Favorevoli; contrari: cinque contrari. Anche su questo punto c'è l'immediata esecutività, per cui, per favore, come prima. PRESIDENTE: Favorevoli e contrari. Grazie. PUNTO N. 5 O.d.G. APPROVAZIONE PROGRAMMA AI SENSI DELL ART. 3 COMMA 55 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2008 PRESIDENTE: Ora Passiamo al punto cinque che è l Approvazione programma ai sensi dell'art. 3 comma 55 della Legge finanziaria PRESIDENTE: La parola al Sindaco Galbiati, grazie. 15

16 GALBIATI (Bussero Insieme): Sì. La norma citata stabilisce che i Comuni prima di poter affidare incarichi di natura professionale o di consulenza debbano dotarsi di un programma per l'anno. Per quanto riguarda questo incarico e consulenza, riguardano incarichi di natura con l'esclusione di incarichi di natura per quanto riguarda le opere pubbliche. L'Amministrazione Comunale ha individuato in fondamentalmente in alcuni un programma che prevede questo. Un incarico professionale per il servizio di supporto pedagogico presso l'asilo nido comunale per una cifra di quattromila euro, un incarico per la realizzazione di azioni di coordinamento nell'ambito delle politiche giovanili per un importo di seimila euro, un incarico per l'attuazione del progetto di psicologia scolastica denominato "Star bene a scuola" per un importo di seimila e duecento euro, un incarico di consulenza legale per un importo di cinquemila euro. Queste sono le previsioni programmatiche che tra l'altro trovano riscontro anche nell'ambito degli stanziamenti di bilancio, per cui noi approvando oggi questo programma mettiamo nelle condizioni poi la struttura dell'amministrazione Comunale a poter intervenire, ad ottemperare a queste necessità dell'ente. PRESIDENTE: Se non ci sono interventi... Guzzi. GUZZI (Lega Nord Padania): Sono dichiarazioni di voto. Anche in questo caso vedo che nei vari incarichi che vengono dati, sono incarichi che vanno a ricoprire ruoli ben particolari, per esempio socio - pedagogico, piuttosto che scolastico, piuttosto che altre cose. Però tutto il progetto è legato a quello che potrebbe essere, anzi a quello che è il bilancio comunale. Il bilancio comunale che noi non condividiamo e quindi non voteremo a favore. No ma glielo dico Glielo anticipo, così poi dopo spiego il perché, adesso dico che non lo condivido. Quindi essendo strettamente legato questo punto al punto successivo, il nostro voto sarà contrario. PRESIDENTE: Bene, grazie Guzzi. Altri? Se non ci sono altri interventi, passiamo al voto. PRESIDENTE: Favorevoli; contrari; astenuti. Quattro astenuti, contrario Guzzi. Anche su questo punto c'è l'immediata esecutività, per cui per favore come prima, grazie. PRESIDENTE: Favorevoli; contrari e astenuti. PUNTO N. 6 O.d.G. APPROVAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2008 RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA E BILANCIO 2008/2010 PRESIDENTE: Si Possiamo continuare. Si Ora Passiamo all approvazione, passiamo alla discussione al punto sei. Approvazione Bilancio di previsione 2008 la Relazione programmatica 2008/2010. PRESIDENTE: Senza tediare ulteriormente il Consiglio, volevo solamente ricordare che i tempi di discussione rispetto al bilancio, per quanto riguarda i Consiglieri Capigruppo sono raddoppiati. Questo vuol dire, a norma di regolamento, lo dico perché diventi un elemento sul quale anche concentrare l'attenzione dei relatori e facilitare la discussione sul bilancio che di solito è particolarmente vivace per cui. Così Guzzi si prepara. 16

17 I tempi sostanzialmente sono di ben venti minuti per il primo intervento e di dieci minuti per la replica. Chiedo poi anche formalmente al Consiglio di stare in questi tempi, in modo che possiamo tutti. Se non c'è problema tanto di guadagnato. Per cui penso che La parola va al Sindaco Galbiati, grazie. GALBIATI (Bussero Insieme): Sì. Innanzitutto io vi accolgo la richiesta del Presidente e naturalmente non voglio approfittare ulteriormente della vostra pazienza nel rileggervi i numeri, dato che li abbiamo esposti ampiamente nella fase di presentazione del Bilancio e abbiamo lì dentro, in quella presentazione, motivato anche quali fossero le politiche sia diciamo delle entrate dell'amministrazione, quindi sia per quanto riguarda i tributi locali, sia per quanto riguarda le tariffe, e dall'altro lato abbiamo anche dimostrato quale era l'impegno dell'amministrazione Comunale per mantenere una sostenibilità finanziaria del bilancio, in modo particolare per quanto riguarda gli equilibri e per quanto riguarda le capacità di ulteriore espansione. Ne abbiamo conferma dai documenti che poi sono stati allegati, in modo particolare dalla relazione che hanno fatto i revisori dei conti e dal documento di equilibrio finanziario o chiamiamolo come volete, dello schema del patto di stabilità nel quale si evidenzia la situazione di ampia disponibilità per quanto riguarda l'amministrazione Comunale per rimanere all'interno del patto di stabilità. Quindi su queste voci non mi riprendo ecco non. Vorrei richiamare invece semplicemente la vostra attenzione. Anzi Però di questo vorrei lasciare comunque agli atti che la relazione dell'altra volta sia lasciata agli atti, perché poi ho visto che non era stata messa agli atti, quindi la mettiamo agli atti e quindi rimane lì. Per quanto riguarda invece Ah Sta agli atti? Ho capito Benissimo grazie dottoressa la tengo io, la tengo io okay. Detto questo, vorrei richiamare invece in questo Consiglio Comunale quanto già ho affermato durante la Commissione Bilancio. Abbiamo fatto la Commissione Bilancio, si è preso atto del bilancio stesso e in quella sede ai commissari ho esposto che in questo Consiglio io avrei sinteticamente richiamato invece quali sono le linee programmatiche che stanno all'interno della relazione previsionale e programmatica, fondamentalmente cosa intendiamo fare con i soldi che abbiamo illustrato e messo a disposizione. Questo è un po Naturalmente l'avete agli atti perché l'avete in mano, quindi vi richiamo la vostra attenzione per brevità anche qua al capitolo terzo della relazione previsionale e programmatica, all'interno del quale noi troviamo concretamente quali sono gli obiettivi che ci poniamo. Siccome la relazione è strutturata per programmi, quindi fondamentalmente è strutturata per i settori nel quale è suddiviso il nostro Comune, che sono i sei settori, partendo dal primo, che è il settore amministrativo, il quale è suddiviso in servizi, il servizio demografico, oltre che naturalmente a mantenere il livello di funzionalità che gli deve competere per quanto riguarda svolgere tutti i servizi inerenti allo stato civile e a cascata tutti i servizi legati allo stato civile, elettorale, leva, statistica e cimiteriale, quest'anno le incombenze sono naturalmente quelle delle prossime elezioni, quindi tutte le incombenze legate alle prossime elezioni è uno degli obiettivi che hanno. L'altro obiettivo che ha il settore, questo servizio, è quello dell'accertamento dei requisiti e del diritto di soggiornare per gli stranieri che è stato messo in testa alle competenze delle Amministrazioni Comunali, l'aggiornamento del sistema dell'indice nazionale delle anagrafi, è un altro compito istituzionale, la gestione dell AIRE i cittadini all'estero, la vigilanza anagrafica in collegamento con il Ministero degli Interni, l'attivazione, qualora vi fossero finalmente date le dovute disposizioni della carta di identità elettronica, l'espletamento delle indagini statistiche e la redazione normativa del regolam regolamentare. Il servizio invece Affari Generali, sempre nel settore amministrativo, quest'anno concentrerà la sua attenzione sullo sviluppo del protocollo informatico e tutto quanto da questo punto ne discende, perché per applicare il protocollo informatico bisognerà poi passare ad un'innovazione dal punto di vista del software, un'innovazione della formazione sul software, una concertazione in tutti i settori relativi alle modalità e alla predisposizione dell'indirizzario del protocollo informatico, le 17

18 caselle di conseguenza di posta, la digitalizzazione, la trasformazione in modo digitale di tutte le masse cartacee che ancora arriveranno, l'organizzazione delle nozze d'oro, che è una di quell'attività che svolgiamo all'interno della festa del paese e la ricognizione delle associazioni locali e la redazione, anche qua, delle normative regolamentari relative al servizio. Per quanto riguarda invece il servizio Affari Istituzionali, Comunicazioni e Sistema Informativo, qua abbiamo un'attività di coordinamento per l'informazione e per l'attivazione del protocollo informatico che è collegato al sistema, l'aggiornamento del documento programmatico della sicurezza, in modo particolare questo ai relativi dati, il monitoraggio, sempre sulla sicurezza, per l'emissione della carta d'identità elettronica, la redazione del piano delle dotazioni strumentali, quindi le necessità dell'hardware e del software di cui ha bisogno l'innovazione dell'amministrazione, una formazione del personale per gli applicativi che utilizziamo, la redazione del piano degli interventi invece di manutenzione del server, del Cryne e del sito, i miglioramenti del sito, il coordinamento per la redazione del periodico comunale e anche qua... se no Io posso anche baipassare. PRESIDENTE: No, ma è un vizio che accomuna un po' tutti quello di fare brusio, per cui... GALBIATI (Bussero Insieme): No, se non è interessante, per me, guardate, la do per letta e mettiamo ai voti. PRESIDENTE: È un invito che faccio a tutti, grazie. Per favore.. GALBIATI (Bussero Insieme): Per me è l'ennesima volta che ripeto queste cose, però se non è interessante ditemelo. Anzi se mi autorizzate una deroga, per me lo do per letto e quindi va tutto bene. PRESIDENTE: Prego Sindaco. Grazie. PRESIDENTE: Prego Sindaco. Grazie. GALBIATI (Bussero Insieme): Ecco, per questo programma, cioè per questo insieme di programmi all'interno dei servizi amministrativi, mettiamo a disposizione duecentoventunomila euro, di cui centottantunomila per la spesa corrente e quarantamila euro per la spesa di investimento. Cito esclusivamente il 2008, la relazione previsionale e programmatica cita anche il 2009 e il Per brevità sto sul Per quanto riguarda invece il settore finanziario, anche da questo punto di vista è suddiviso in diversi servizi, vi è il servizio di programmazione, controllo e gestione e organizzazione. Naturalmente oltre agli atti usuali che è la predisposizione di tutti gli atti di programmazione, vogliamo migliorare il piano esecutivo di gestione, vogliamo che il bilancio di previsione siano. Dunque, lo leggo: Applicazione sia al bilancio di previsione che durante la gestione di tutti gli accorgimenti al fine di rispettare le nuove norme per il rispetto del patto di stabilità". Voi sapete che la difficoltà di quest'anno su questo punto è quella che vi ho illustrato nel precedente Consiglio Comunale. È il monitoraggio permanente in modo particolare per quanto riguarda il flusso di cassa, per quanto riguarda la parte investimenti. Vi è poi la gestione finanziaria del settore, il controllo di gestione lo vorremmo applicare su già sui servizi che sono già in essere e vorremmo anche ulteriormente sperimentare questa funzione su altri allargandola alla sfera dei centri di costo da sottoporre a monitoraggio. La verifica degli equilibri di bilancio è un obbligo che abbiamo annualmente. L'altro obiettivo importante, che invece è un obiettivo trasversale per tutto l'ente, sarà per quest'anno la predisposizione del bilancio sociale, che saremo chiamati anche ad individuare poi gli 18

19 indirizzi da dare per la predisposizione del bilancio sociale, però e naturalmente come punto di riferimento, pur essendo trasversale, rimane sotto il finanziario. Per quanto riguarda il servizio invece delle entrate, della riscossione delle entrate tributarie, per seguire gli obiettivi di recupero dell'evasione che, pur essendo minimale, però l'obiettivo di erodere anche quel poco che non viene pagato bisogna sempre perseguirlo. Vi sono poi tutti gli atti conseguenti all'applicazione dell'ici così com'è normata all'interno della finanziaria di quest'anno. Voi sapete che, ve l ho spiegato l'altra volta, che quota parte dell'ici sarà non dovuta da parte del cittadino e quindi di conseguenza lo Stato dovrà compensarne all'amministrazione Comunale, ma l'amministrazione Comunale dovrà trasmettere documentazione che certificati il mancato introito. Quindi c'è una procedura complessa da questo punto di vista di individuazione. Il recupero dell'eventuale mancato versamento di ICI questo rimane come recupero anche questo, l'adeguamento del regolamento generale per le gestioni delle entrate comunali, la collaborazione con il CEM e con l'ufficio tecnico per le comunicazioni degli identificativi dei dati catastali delle unità abitative per tenere aggiornata la banca dati per l'applicazione della tariffa. Per quanto riguarda il servizio di contabilità economato inventario patrimonio, diciamo che vi sono delle attività che sono fondamentalmente quelle istituzionali e ordinarie, se non una novità che è quella anche questa introdotta dalla finanziaria, che è l'attivazione della fatturazione elettronica nei rapporti con la pubblica Amministrazione, che da una determinata data dovrebbe terminare la fatturazione cartacea ed essere semplicemente... Girare come fatturazione elettronica. Per quanto riguarda il servizio delle risorse umane vi ho spiegato quali sono le politiche del personale l'altra volta, quindi la predisposizione del programma triennale del personale, l'attivazione del servizio comunicazione sportello al cittadino, l'integrazione che faremo, la gestione di tutte le procedure per la selezione dei nuovi posti da ricoprire, naturalmente il recepimento di tutte le novità che sono stabilite dai rinnovi dei contratti di lavoro per quanto riguarda il personale in modo particolare quello a tempo determinato e quello flessibile, anche questa cosa l'avevamo già affrontata, le norme che non possiamo far ricorso a personale a tempo determinato se non per urgenze, se non per periodi limitati dell anno, l'applicazione del contratto per quanto riguarda il biennio , le relazioni sindacali con le parti rappresentative dei lavoratori, la valorizzazione del personale con una formazione mirata per il miglioramento continuo dei servizi erogati. Poi poniamo un obiettivo della modifica del regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi. Per quanto riguarda le attività produttive e polizia amministrativa, qua abbiamo da consolidare le prassi in atto sulle forme di consultazione periodica e con i commercianti locali, che è un'attività che abbiamo instaurato dall'anno in corso, le indagini sui bisogni dei commercianti che dovrebbe arrivare a pubblicazione, l'obiettivo è quello di far nascere un'associazione di commercianti locali, c'è un nucleo che si sta muovendo in tal senso e cerchiamo di consolidarlo. L'organizzazione di incontri tematici con degli operatori locali, l'organizzazione delle festività con le relative predisposizioni di arredi, la prosecuzione dell'aggiornamento professionale del personale, la redazione della normativa regolamentare per le discipline delle fiere e dei mercati. Questi sono gli obiettivi che stanno nei quattro servizi del settore finanziario. Dal punto di vista delle risorse, per quanto riguarda il 2008, il settore finanziario ha in spesa corrente due milioni e quattrocentosettantaduemila euro. Per quanto riguarda il sociale, anche questo qua è suddiviso in diversi servizi, innanzitutto partiamo con i servizi sovracomunale, quindi sono i piani di zona, poi vi sono i servizi per l'autonomia e per l'integrazione scolastica, che sono i servizi fondamentalmente di sostegno per i bisognosi all'interno della scuola, la collaborazione con le associazioni e con gli operatori del terzo e del quarto settore, in modo particolare coinvolgendo il volontariato sulle due residenze che abbiamo, la Primula da un lato e la Casa Famiglia, la RSA Casa Famiglia dall'altra, la collaborazione con i patronati e con le associazioni di volontariato e con i vari enti, dall'ente Nazionale dei Sordi al Tribunale per i diritti del malato, l'approvazione del lavoro (inc.) del volontariato locale attraverso i momenti di formazione, che è un'attività propedeutica a sostenere e a 19

20 sviluppare il volontariato, l'informazione e la gestione dei contributi pubblici per il sostegno delle famiglie nella loro articolazione, dal sostegno degli affitti al mantenimento degli anziani presso le famiglie al sostegno per l'edilizia residenziale pubblica. I servizi per gli anziani, in modo particolare riferito, ecco che ritorna il Centro Sociale Anziani, con tutte le attività che questo centro sviluppa, i protocolli di intesa tra il Comune e la scuola e organizzazione del volontariato per la realizzazione di interventi sociali condivisi, il servizio civile nazionale in collaborazione con l'anci (inc.) Lombardia, il servizio di centro lavoro e l'adesione delle aziende speciali e consortili, agenzia per la formazione (inc.) lavoro perché più lavoro sparirà ed entrerà nella nuova agenzia, cosa che abbiamo già vista anche questa in Consiglio Comunale. Per quanto riguarda poi Vi sono poi i servizi di potenziamento della tutela dei minori il potenziamento dei servizi per la tutela dei minori, azione finalizzata ad agevolare l'accesso ai servizi di prevenzione della salute per i cittadini, in modo particolare le cure termali, (inc.) prelievo e le campagne di prevenzione in diciamo in embrione vale il ragionamento che abbiamo fatto prima per gli indirizzi della modifica e della convenzione, gli interventi a sostegno alla prima infanzia e secondo le caratteristiche e i requisiti finanziati dai piani di zona. Per le politiche giovanili si conferma la progettualità per la promozione e la tutela dei diritti dell'infanzia attraverso il progetto fondamentalmente di favorire il benessere degli scolari, quello dello star bene a scuola e l'intervento mirato a sostenere le famiglie all'interno della scuola. L'attuazione di una progettualità rivolta ai ragazzi della scuola primaria e secondaria con la chiara finalità civica con un forte impatto sociale, qua è partito il progetto che è stato portato avanti, che è stato inserito all'interno del piano del diritto allo studio, che è Bussero per noi. Lo sviluppo di tematiche per la realizzazione di progettualità nell'ambito del tavolo delle politiche giovanili, anche qua è partito il progetto che coinvolge sia le associazioni giovanili, sia gli adulti in funzione della progettualità giovanile. Verrà ulteriormente, come avevamo visto nella presentazione del bilancio, rimodulato il servizio del centro di aggregazione giovanile Geco in modo da dare maggiori ore e maggiore quindi fascia oraria di apertura del servizio stesso, continua il progetto, quello che viene diciamo genericamente chiamato sottoeducativo di strada per prevenire, per cercare di attenuare, dare maggiore sensibilità civica, per prevenire atti di vandalismo sul nostro territorio, poi vi è il tavolo del protagonismo giovanile che rientra appunto nel progetto dei giovani, che sono rivolti ai gruppi strutturati che sono nel nostro territorio. Da ultimo, sempre sui giovani, vi sarà l'attivazione della carta giovani per la fascia adolescenziale, che permetterà di avere poi delle agevolazioni nell'affrontare politiche di spesa immagino da questo punto di vista. Nel settore nel servizio invece istruzione abbiamo realizzato, ormai penso che sia in fase di conclusione, perché tanto che il bilancio si approva però si continua a lavorare, si è già a buon punto, essendo quest'anno ricorre il sessantesimo della Costituzione, è a buon punto l'iniziativa per promuovere la conoscenza della Costituzione Italiana all'interno delle scuole. Il completamento del Bussero per noi è quel riferimento che fa parte delle politiche giovanili e che lo ritroviamo anche nell'ambito scolastico. Vi è poi la proposta di un progetto sull'economia sostenibile rivolta alle scuole primarie e secondarie da inserire nel piano di diritto allo (inc.) studio del prossimo anno. Si conferma la distribuzione di tutte le famiglie per il piano del diritto allo studio e il sostegno all'istituzione dell'organo di coordinamento che consenta l'attivazione di sinergia tra gli enti competenti: scuola, Amministrazione Comunale, Azienda Sanitaria Locale. Questa sarà l'attività di coordinamento del responsabile del servizio. Nell'ambito del settore cultura ci saranno le varie attività derivanti dal programma culturale, si conferma l'impegno a livello sovracomunale per l'individuazione di un nuovo assetto del sistema bibliotecario, perché sta venendo meno l'assetto esistente in funzione della costituzione della provincia di Monza e quindi probabilmente dovremo trovare una riallocazione di un nuovo bacino per il sistema bibliotecario. Si riorganizzerà il servizio di erogazione dei libri presso la biblioteca, viene mantenuta la partecipazione alla convenzione di Martesana in piazza, si mantiene la festa del 20

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI:

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI: Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 106 avente per oggetto: programma triennale dei lavori pubblici 2008-2010. Variazione all'elenco annuale per l'anno 2008. (Durante la discussione

Dettagli

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI)

Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Dott. PAOLO AMORI (Presidente ANDI) Purtroppo noi scontiamo, in Italia, il fatto che l odontoiatria come branca autonoma rispetto alla medicina si sia affermata solo in anni recenti, e nel passato l odontoiatria

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE TEATRALE SEMIPROFESSIONALE. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE TEATRALE SEMIPROFESSIONALE. Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE TEATRALE SEMIPROFESSIONALE Accademia d arte drammatica Wedekind - Associazione culturale teatrale Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art.1 E' costituita l'associazione culturale

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

STATUTO. della ASSOCIAZIONE AUSER VOLONTARIATO ACQUI TERME. Art. 1 Denominazione

STATUTO. della ASSOCIAZIONE AUSER VOLONTARIATO ACQUI TERME. Art. 1 Denominazione STATUTO della ASSOCIAZIONE AUSER VOLONTARIATO ACQUI TERME Art. 1 Denominazione L'Associazione AUSER VOLONTARIATO di ACQUI TERME, opera senza fini di lucro nel settore della solidarietà ai sensi della legge

Dettagli

L'associazione ha sede in Via della Salute 81, 40132 Bologna e ha durata illimitata.

L'associazione ha sede in Via della Salute 81, 40132 Bologna e ha durata illimitata. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE JANE AUSTEN SOCIETY OF ITALY (JASIT) TITOLO I - DENOMINAZIONE - SEDE Art. 1 A norma dell'art. 36 e seguenti del codice Civile, è costituita un'associazione culturale

Dettagli

RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE.

RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE. Regione Molise -10- Resoconti Consiliari RIPRESA DEL CONSIGLIO - ORE 18.14 - BILANCIO DI PREVISIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 2016 2018. TRATTAZIONE PARZIALE. Prego i Consiglieri di prendere posto. Riprendiamo

Dettagli

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo

I.S.P. Istituto Stenodattilo Professional, società a responsabilità limitata Via G. Galilei, 206 - Giulianova Teramo CONSIGLIO COMUNALE DEL 01 OTTOBRE 2015 APERTURA LAVORI APERTURA LAVORI QUINDI COSI PROSEGUE: Buona sera a tutti. Signor Segretario, Iniziamo facendo l appello nominale, per favore. Sono presenti n 11 Consiglieri:

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL Il seguente regolamento contiene le norme attuative per la vita sociale dell ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL. Esso discende dallo statuto,

Dettagli

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia.

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. 7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni Giolitti. Atto di indirizzo. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. CONSIGLIERE DE LUCIA C. - Nulla, è giunto

Dettagli

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE PROGETTO DI FUSIONE CVS POLESINE ACQUE 26/08/2015 FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE Avviata la gara per la due diligence, fotografia dello stato

Dettagli

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Articolo 1 L'Associazione di volontariato Solidali - Associazione Disturbi Alimentari Novara più avanti chiamata

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Monte Porzio Catone. Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Monte Porzio Catone Regolamento CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI maggio 2005 ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E SEDE CAPO I 1) La consulta delle Associazioni di Monte Porzio Catone è un organismo democratico

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 19.45. PRESIDENTE. Buonasera. Noi abbiamo già assunto una serie di notizie che riguardano la presenza

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIANI IN GIRO

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIANI IN GIRO STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIANI IN GIRO DENOMINAZIONE - SEDE Articolo 1 A norma dell'art. 36 e seguenti del codice Civile, è costituita un'associazione Culturale denominata " ITALIANI IN GIRO ".

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Gestione del servizio di segreteria comunale in forma associata tra i comuni di Orbassano e Villar Dora. Costituzione ed approvazione

Dettagli

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari

Regione Molise -34- Resoconti Consiliari Regione Molise -34- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE, A FIRMA DEL CONSIGLIERE MICONE, AD OGGETTO: DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE N. 576 DEL 3 NOVEMBRE 2013 E N. 607 DEL 18 NOVEMBRE 2013.

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO !!"#!!$$! &$ #'$ $(! '! #) $ *+),+ $ # -$)-'!! "'$. )!/ #! '#$!#$ -'$ $0 1 1 2 1 3 1 1 1!45!!6!!!&$#$0$&"$! $$!! $ #' #)! $!!#' $ -!0$ 7$$$-$$!#$-$$$0&!-$ $ -!$*8,5 IL CONSIGLIO COMUNALE Ricbiamata la

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri

Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri Statuto dell Agenzia Nazionale per la Certificazione Volontaria delle Competenze degli Ingegneri ART. l - COSTITUZIONE È costituita un'associazione non riconosciuta, ai sensi e per gli effetti degli artt.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ART. 1 Denominazione. E costituita un associazione di volontariato avente le caratteristiche di Organizzazione Non Governativa (ONG) e le caratteristiche di Organizzazione Non

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

Associazione culturale Ecomuseo della Valle dei laghi

Associazione culturale Ecomuseo della Valle dei laghi Associazione culturale Ecomuseo della Valle dei laghi ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE Approvato dal Consiglio comunale con deliberazione n. 54 di data 20/11/2014 IL SINDACO F.to Simonetti Eugenio IL

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

Istituto Tecnico Tecnologico M. Buonarroti - Trento Consulta dei Genitori a.s. 2014/2015 ---------------------------------------

Istituto Tecnico Tecnologico M. Buonarroti - Trento Consulta dei Genitori a.s. 2014/2015 --------------------------------------- VERBALE del 07/11/2014 In seguito a regolare convocazione da parte della Presidente con lettera del 18/11/2014, il giorno 05/12/2014 alle ore 18:00, nell Aula magna dell I.T.T. Michelangelo Buonarroti

Dettagli

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale SEZIONE LOGISTICA, TRASPORTI E SPEDIZIONI REGOLAMENTO Questa stesura rimane valida fino ad una eventuale diversa edizione compatibile con il regolamento

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI.

OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. N. 21 in data 21 aprile 2009 OGGETTO: APPROVAZIONE O.D.G. PER RICHIEDERE IL RIPRISTINO DELL ASSISTENZA GRATUITA AI CITTADINI DIVERSAMENTE ABILI. Introduce l argomento il Sindaco, evidenziando che all O.D.G.

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

ALLEGATO A AL N. DI REP. N. ASSOINTERPRETI STATUTO. Art. 1) E' costituita un'associazione ai sensi degli "ASSOINTERPRETI

ALLEGATO A AL N. DI REP. N. ASSOINTERPRETI STATUTO. Art. 1) E' costituita un'associazione ai sensi degli ASSOINTERPRETI ALLEGATO A AL N. DI REP. N. PROGR. ASSOINTERPRETI STATUTO Art. 1) E' costituita un'associazione ai sensi degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile denominata: "ASSOINTERPRETI Associazione Nazionale Interpreti

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO

CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO STATUTO Art. 1 Istituzione I Comuni di...istituiscono e fondano la CONSULTA AMBIENTE E TERRITORIO La Consulta ha la propria sede istituzionale presso il municipio del Comune,

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A.

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Proposta di adozione di un nuovo testo di statuto sociale Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Via Filadeflia 220

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI Approvato con deliberazione consiliare n. 34 del 10.10.2008 Art. 1- Istituzione 1. Il Consiglio Comunale di Pontecagnano Faiano aderendo

Dettagli

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso

Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Statuto del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato della provincia di Treviso Art. 1 - Costituzione e Scopi E costituito, con sede legale nel comune di Treviso, ai sensi della Legge 266/91 e

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 LEZIONE MONITORARE UN PROGETTO FORMATIVO. UNA TABELLA PROF. NICOLA PAPARELLA Indice 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3 2 di 6 1 Il

Dettagli

STATUTO. Possono essere istituite sedi operative sul territorio. L'Associazione è composta da soci FONDATORI, soci

STATUTO. Possono essere istituite sedi operative sul territorio. L'Associazione è composta da soci FONDATORI, soci STATUTO "Associazione Culturale TEATRI DI PIETRA" Art. 1 - Denominazione E' costituita una associazione culturale senza scopo di lucro denominata "Associazione Culturale TEATRI di Pietra SICILIA" Art.

Dettagli

AS.SO.DIP. STATUTO SOCIALE

AS.SO.DIP. STATUTO SOCIALE STATUTO SOCIALE ART. 1 E' costituita l'«associazione dei soci ed obbligazionisti dipendenti della Banca Popolare di Puglia e Basilicata», in sigla «AS.SO.DIP.» con sede in Altamura Possono farne parte

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente Statuto trovano il loro fondamento giuridico nell'art. 8 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000 T.U. sull' Ordinamento

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSORZIO ASSOCIAZIONI con il MOZAMBICO ONLUS

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSORZIO ASSOCIAZIONI con il MOZAMBICO ONLUS STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSORZIO ASSOCIAZIONI con il MOZAMBICO ONLUS Art.1 DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Consorzio associazioni con il Mozambico

Dettagli

STATUTO Associazione di Volontariato per Disabili ALBATROS

STATUTO Associazione di Volontariato per Disabili ALBATROS STATUTO Associazione di Volontariato per Disabili ALBATROS Art. 1 E' costituita l'associazione di volontariato ai sensi della legge 266/1991 e della legge regionale Puglia nr. 11/1994 denominata Associazione

Dettagli

RELAZIONE ( Febbraio 2011)

RELAZIONE ( Febbraio 2011) RELAZIONE ( Febbraio 2011) Care donatrici, cari donatori, graditissimi ospiti, benvenuti all annuale Assemblea dell A.V.I.S. comunale di Cervia. Ogni anno quando mi accingo a scrivere questa relazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEGLI ALBI DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, SPORTIVE E DI VOLONTARIATO SOCIALE DEL COMUNE DI MONTEROTONDO ART.

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEGLI ALBI DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, SPORTIVE E DI VOLONTARIATO SOCIALE DEL COMUNE DI MONTEROTONDO ART. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEGLI ALBI DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, SPORTIVE E DI VOLONTARIATO SOCIALE DEL COMUNE DI MONTEROTONDO ART. 1 FINALITÀ 1) Il Comune di Monterotondo, nel rispetto dell art.

Dettagli

Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA.

Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA. Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA. Il SINDACO introduce il presente argomento all o.d.g. e relaziona nel merito. Egli riferisce: Negli

Dettagli

Amici di Italia 61 Associazione culturale www.italia61.it info@italia61.it

Amici di Italia 61 Associazione culturale www.italia61.it info@italia61.it STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE SENZA FINALITA ECONOMICHE AMICI DI ITALIA 61 Art.1 È costituita una Associazione denominata Amici di Italia 61. L Associazione è regolata dalla normativa civilistica

Dettagli

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la Allegato 1) PUNTO N. 2 all O.d.G.: Modifiche al Regolamento per l individuazione delle modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la gestione della mobilità dell utenza. Legge regionale n. 24/2001

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE. È costituita l'associazione culturale GIOVANI CAPACCIOLI quale libera Associazione di

STATUTO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE. È costituita l'associazione culturale GIOVANI CAPACCIOLI quale libera Associazione di Associazione Giovani Capaccioli Via Mazzini 31-58010 Sorano (GR) www.soranoinfesta.com info@soranoinfesta.com soranoinfesta@alice.it Tel. 339.89.23.288 Codice Fiscale 91017240531 STATUTO DI ASSOCIAZIONE

Dettagli

Statuto Associazione Amici dell Arpino

Statuto Associazione Amici dell Arpino Statuto Associazione Amici dell Arpino Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E' costituita a tempo indeterminato l'associazione di volontariato denominata "AMICI DELL ARPINO" ai sensi della L. 266/91 e del D.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO AZIONI PROPRIE PININFARINA S.P.A. Sede legale in Torino, via Bruno Buozzi n.6 Capitale sociale di Euro 9.317.000 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Torino Numero di Codice Fiscale 00489110015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO ALBERO DISPOSIZIONI TITOLO GENERALI ART. 1. (Denominazione e Sede)

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO ALBERO DISPOSIZIONI TITOLO GENERALI ART. 1. (Denominazione e Sede) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICO ALBERO DISPOSIZIONI TITOLO GENERALI ART. 1 (Denominazione e Sede) - E costituita l associazione di volontariato denominata Amico Albero, in seguito definita

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

Volontarinsieme-CSV Treviso Regolamento

Volontarinsieme-CSV Treviso Regolamento Volontarinsieme-CSV Treviso Regolamento TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Soci) Ciascun membro di Volontarinsieme-CSV Treviso che ha diritto al voto può rappresentare per delega in Assemblea al massimo

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di

Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala. di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di VERBALE DELL'ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 20 APRILE 2012 Il giorno 20 aprile 2012, alle ore 11,00 in Spoleto presso la sala di rappresentanza della presidenza della Cassa di Risparmio di Spoleto Spa in via

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA

STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA STATUTO SOCIALE TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - SEDE DURATA Art. 1 - E' costituita in Napoli un'associazione denominata "A.I.R.F.A. - Associazione Italiana per la Ricerca sull'anemia di Fanconi (in seguito

Dettagli

Regione Molise -16- Resoconti Consiliari

Regione Molise -16- Resoconti Consiliari Regione Molise -16- Resoconti Consiliari ORDINE DEL GIORNO, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FEDERICO E MANZO, COLLEGATO ALLA MANOVRA FINANZIARIA 2014, PER IMPEGNARE IL DELLA GIUNTA REGIONALE AD ADOTTARE IL PIANO

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DELL ETIOPIA ART. 1 Denominazione e sede 1.1. E' costituita l'associazione di volontariato denominata " Amici dell Etiopia". 1.2. L'Associazione ha sede

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 21 dicembre 1998, n. 12) Art. 1

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 21 dicembre 1998, n. 12) Art. 1 LEGGE REGIONALE 5 maggio 1990, n. 35 Sostegno all'attività dell'istituto superiore per il turismo - Corsi di formazione per lo svolgimento di attività turistica. (BUR n. 42 del 14 maggio 1990) (Testo coordinato

Dettagli

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE SCHEDA RELAZIONE ATTIVITÁ SVOLTE DALLE COMMISSIONI GRUPPI DI LAVORO (art. 37 CCNI 31/8/99) DOCENTE: BECCARI SARA Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE Finalità

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER. Titolo I Costituzione e scopi

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER. Titolo I Costituzione e scopi STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER Titolo I Costituzione e scopi Art. 1 - E' costituita un'associazione culturale denominata OPTION PLAYER. L Associazione ha sede in Massa, Via Beatrice

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 STATUTO Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 Atto registrato dal Notaio Cavandoli in Mantova in data 11.06.1999 con il n.2209 Art.1 È costituito in Mantova il COLLEGIO COSTRUTTORI

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ROMA SPOTTER CLUB TITOLO I - DENOMINAZIONE - SEDE

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ROMA SPOTTER CLUB TITOLO I - DENOMINAZIONE - SEDE STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE ROMA SPOTTER CLUB TITOLO I - DENOMINAZIONE - SEDE Articolo 1 A norma dell'art. 36 e seguenti del codice Civile, è costituita un'associazione culturale denominata "ROMA SPOTTER

Dettagli

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Data di convocazione: 11-04-2003 Oggetto: Esame ed approvazione "Regolamento comunale di semplificazione dei procedimenti di spesa in economia". Il Sindaco

Dettagli