CONSIGLIO PROVINCIALE DI CREMONA Estratto dal verbale delle deliberazioni assunte nell'adunanza del 19/04/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO PROVINCIALE DI CREMONA Estratto dal verbale delle deliberazioni assunte nell'adunanza del 19/04/2012"

Transcript

1 N. d'ord.55 reg deliberazioni Prot. n. CONSIGLIO PROVINCIALE DI CREMONA Estratto dal verbale delle deliberazioni assunte nell'adunanza del 19/04/2012 APPROVAZIONE PROCESSO VERBALE DELLE SEDUTE CONSILIARI DEL 15/02/2011 E DEL 21/02/2012. L'anno duemiladodici, questo giorno diciannove del mese di aprile alle ore 14:45 in Cremona, nell'apposita sala del Palazzo della Provincia si è riunito, a seguito di invito del Presidente, il Consiglio Provinciale con l'intervento dei Sigg.: Presenti Assenti Presenti Assenti Agazzi Antonio X - Losio Ivan X - Araldi Massimo X - Mainardi Cesare X - Barbati Filippo X - Malvezzi Carlo - X Benzoni Maurizio X - Mazzocco Franco X - Biondi Giovanni X - Milesi Clara Rita - X Bonaventi Piergiacomo X - Rossi Luca X - Borghetti Maurizio - X Salini Massimiliano X - Castellani Vera X - Torchio Giuseppe X - Ceccato Adriano X - Trespidi Giuseppe X - Chioda Francesco - X Vailati Eugenio X - Degani Fabrizio X - Virgilio Leonardo X - Doldi Andrea - X Zaghen Ernesto X - Dusi Giampaolo X - Zanacchi Maria Rosa X - Gallina Gabriele - X Zanisi Giacomo Maria - X Gelmini Manuel - X Zelioli Rossella X - Ghidotti Carlalberto X - Presenti n. 23 Assenti n. 8 Risultano altresì presenti gli Assessori: Presenti Assenti Presenti Assenti BONGIOVANNI FILIPPO X - ORINI PAOLA X - CAPELLETTI CHIARA X - PINOTTI GIANLUCA - X FONTANELLA GIUSEPPE X - SCHIAVI SILVIA X - LENA FEDERICO X - SOCCINI MATTEO X - LEONI GIOVANNI X - Partecipa il vice Segretario Generale della Provincia : Avv. BELLOTTI Rinalda Il Presidente del Consiglio, constatando che gli intervenuti costituiscono il numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita il consiglio alla trattazione degli oggetti posti all'ordine del giorno / 55 1 di 3

2 Il Presidente del Consiglio nomina scrutatori, ai sensi dell art. 65 del Regolamento degli Organi Istituzionali, i Consiglieri Barbati e Losio per la maggioranza e la Cons. Zanacchi per la minoranza. Si dà atto che nel corso della seduta si sono verificati i seguenti movimenti fra i Sigg. Consiglieri: - durante la trattazione della proposta n (Approvazione processo verbale sedute 15/02/2011 e 21/02/2012) entrano l Ass. Pinotti e il Cons. Borghetti. I presenti sono n. 24; - durante la trattazione della proposta n (Rendiconto gestione esercizio 2011 ) entrano i Cons. Gallina, Gelmini, Zanisi e Malvezzi. I presenti sono 28; - durante la trattazione della proposta n (Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili) escono i Cons. Malvezzi e Zelioli. I presenti sono 26; - dopo la trattazione della proposta 2162 (Interrogazione relativa alla situazione dell'azienda SCS e sua partecipata SCCA) escono il Pres. Salini e il Cons. Zaghen. I presenti sono n durante la trattazione della proposta n (Interrogazione relativamente al degrado e atti vandalici alla chiesa di Borgolieto) escono i Cons. Gallina e Biondi. I presenti sono 22 ed in tal numero rimangono fino al termine della seduta. Il Presidente del Consiglio così riferisce. L art. 61 del Regolamento degli Organi Istituzionali recita: 1. I verbali di ogni adunanza sono spediti a tutti i Consiglieri tramite appena disponibili. 2. Il Consigliere che intenda proporre rettifiche al verbale le presenta per iscritto, entro dieci giorni dalla spedizione, al Segretario Generale. Il verbale viene approvato alla prima seduta utile di Consiglio. 3. Il verbale, dopo l esame dei Consiglieri, viene sottoscritto dal Presidente del Consiglio e dal Segretario Generale. In adempimento a quanto sopra esposto, si è provveduto a trasmettere tramite a tutti i consiglieri i processi verbali delle sedute consiliari del 15 febbraio 2011 e del 21 febbraio 2012 redatti dal Segretario Generale ai sensi dell art. 60 dello stesso Regolamento. Si sottopone pertanto al Consiglio Provinciale la seguente deliberazione: Sentita la relazione del Presidente del Consiglio; IL CONSIGLIO PROVINCIALE Visti gli artt. 60 e 61 del Regolamento degli Organi Istituzionali; Visto il parere favorevole espresso, ai sensi dell art. 49 D. Lgs. 267/2000 dal Dirigente; DELIBERA 1. di approvare il processo verbale della seduta consiliare del 15 febbraio 2011 nel testo depositato in atti; 2. di approvare il processo verbale della seduta consiliare del 21 febbraio 2012 nel testo depositato in atti; 3. di dare atto che sul presente provvedimento è stato espresso favorevolmente il parere previsto dall art. 49 D. Lgs. 267/2000 come richiamato in premessa. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) il processo verbale della seduta consiliare del 15 febbraio 2011 ed accerta con l'assistenza degli scrutatori l'esito della votazione: presenti e votanti n. 24 Consiglieri; favorevoli n. 24. Ne proclama l'approvazione all'unanimità. Il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) il processo verbale della seduta consiliare del 21 febbraio 2012 ed accerta con l'assistenza degli scrutatori l'esito della votazione: presenti e votanti n. 24 Consiglieri; favorevoli n. 24. Ne proclama l'approvazione all'unanimità / 55 2 di 3

3 Del che si è redatto il presente verbale che viene sottoscritto come appresso. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO IL VICE SEGRETARIO GENERALE F.TO GHIDOTTI F.TO BELLOTTI RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE Il Sottoscritto Segretario Generale attesta che, ai sensi dell'art. 32 co. 5 del D.LGS 267/2000, copia della presente deliberazione viene pubblicata, mediante affissione all'albo Pretorio della Provincia, a decorrere dal... ove rimarrà per gg 15 interi e consecutivi. Cremona, li IL VICE SEGRETARIO GENERALE F.TO BELLOTTI Copia conforme per uso amministrativo. Cremona, li IL VICE SEGRETARIO GENERALE CERTIFICATO DI ESECUTIVITA' La presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi di legge decorsi 10 gg dalla pubblicazione, ai sensi dell'art. 134, co.3, del D. LGS 267/2000 per immediata eseguibilità, ai sensi dell'art. 134, co. 4, del D. LGS 267/2000. Cremona, li IL VICE SEGRETARIO GENERALE 2012 / 55 3 di 3

4 CONSIGLIO PROVINCIALE DI CREMONA ADUNANZA DEL GIORNO 15 FEBBRAIO 2011 L'anno duemilaundici, questo giorno quindici del mese di febbraio alle ore 14:30 in Cremona, nell'apposita sala del Palazzo della Provincia, si è riunito, a seguito di invito del Presidente, il Consiglio Provinciale con l'intervento dei Sigg.: Presenti Assenti Presenti Assenti Agazzi Antonio X - Losio Ivan - X Araldi Massimo X - Mainardi Cesare X - Barbati Filippo - X Malvezzi Carlo - X Benzoni Maurizio X - Mazzocco Franco X - Biondi Giovanni X - Milesi Clara Rita - X Bonaventi Piergiacomo X - Rossi Luca X - Borghetti Maurizio - X Salini Massimiliano - X Castellani Vera X - Torchio Giuseppe X - Ceccato Adriano X - Trespidi Giuseppe X - Chioda Francesco X - Vailati Eugenio X - Degani Fabrizio X - Virgilio Leonardo X - Doldi Andrea X - Zaghen Ernesto X - Dusi Giampaolo X - Zanacchi Maria Rosa X - Gallina Gabriele X - Zanisi Giacomo Maria X - Gelmini Manuel X - Zelioli Rossella X - Ghidotti Carlalberto X - Presenti n. 25 Assenti n. 6 Risultano altresì presenti gli Assessori: Presenti Assenti Presenti Assenti BONGIOVANNI X - ORINI PAOLA X - FILIPPO CAPELLETTI CHIARA X - PINOTTI GIANLUCA - X 1

5 FONTANELLA X - SCHIAVI SILVIA - X GIUSEPPE LENA FEDERICO X - SOCCINI MATTEO X - LEONI GIOVANNI X - Partecipa il Segretario Generale della Provincia : Dott. Giorgio Lovili Il Presidente del Consiglio, Carlalberto Ghidotti constatando che gli intervenuti costituiscono il numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita il consiglio alla trattazione degli oggetti posti all'ordine del giorno. Il Presidente del Consiglio nomina scrutatori, ai sensi dell'art. 65 del Regolamento degli Organi Istituzionali, i Consiglieri Benzoni e Gelmini per la maggioranza e la Cons. Castellani per la minoranza. Si dà atto che nel corso della seduta si sono verificati i seguenti movimenti fra i Sigg. Consiglieri: Durante la trattazione della proposta n. 885 (COMUNICAZIONE EX ART. 166 D. LGS. 267/2000) entra l Ass. Cappelletti. I presenti sono 25. Durante la trattazione della proposta 849 (APPROVAZIONE REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE) entrano i Cons. Milesi, Malvezzi, Borghetti e l Ass. Pinotti. I presenti sono 28. Durante la trattazione della proposta 5667 (MOZIONE PRESENTATA DAL CONS. DUSI RIGUARDANTE "LA CRISI COMINCIA ADESSO") esce il Cons. Agazzi. I presenti sono 27. Durante la trattazione della proposta 5922 MOZIONE PRESENTATA DAL CONS. DUSI AVENTE AD OGGETTO: "NO ALLA FACILE DELOCALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ) esce l Ass. Soccini. I presenti sono 27. Durante la trattazione della proposta 6470 (O.D.G. PRESENTATO DAI CONS. TORCHIO, VIRGILIO E DUSI AVENTE AD OGGETTO LA LEGGE "FINANZIARIA BIS" E I TAGLI NEI SERVIZI AGLI ALLEVATORI) escono i Cons. Biondi e Zelioli. I presenti sono 25 e in tal numero rimangono fino alla fine dei lavori. 2

6 Inizio Signori buongiorno, ben trovati. Lascio la parola al Segretario generale per l appello. Prego i Consiglieri di prendere posto. Grazie. Il Segretario procede all appello dei presenti. Grazie abbiamo verificato il numero legale. Diamo senz altro inizio alla seduta odierna. Bene, per la giornata odierna i Consiglieri: Castellani, Benzoni e Gelmini, saranno i Consiglieri scrutatori. Consiglieri, che s ingrazio sin d ora per la collaborazione. Bene, iniziamo con il primo punto iscritto all ordine del giorno. Per questo lascio la parola al ragioniere capo che ringrazio per la spiegazione. Prego, ragioniere. Oggetto n. 1 dell'ordine del giorno COMUNICAZIONE EX ART. 166 DECRETO LEGISLATIVO 267/2000. RAG. ANTONIOLI...relativa al primo prelievo dal fondo di riserva per l importo complessivo di Euro. Questi Euro sono destinati per la partecipazione al progetto denominato miglioramento dell approvvigionamento idrico nella Regione del Senegal, nell ambito 3

7 del programma in collaborazione con Regione Lombardia, UPL e Province Lombarde. Daremo questo trasferimento all UPL in nome delle Province Lombarde, quale soggetto coordinatore tra tutte le Province sulla base di apposita convenzione che andremo a sottoscrivere. Andiamo ad istituire il capitolo di Euro quale fondo per l attivazione del documento dei criteri e le modalità per l erogazione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici e del Regolamento che era stato approvato con delibera del Consiglio Provinciale 66 dell 8 giugno Grazie al ragionier Antonioli. È passato anche in Commissione. È aperta la discussione se vi sono richieste di intervento, altrimenti se già avete fatto la... possiamo passare subito alla votazione. Prego. Non vi sono richieste? È possibile mettere subito in votazione l oggetto. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) la comunicazione in argomento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti e votanti n 25 Consiglieri; Fav orevoli n 25. La comunicazione è approvata all'unanimità L'atto viene inserito al n. 23 del registro delle deliberazioni. Oggetto n. 2 dell'ordine del giorno APPROVAZIONE PROCESSO VERBALE SEDUTE CONSILIARI DEL 9 FEBBRAIO E 16 MARZO

8 Penso che voi abbiate avuto copia dei verbali, se non vi sono richieste di delucidazioni o variazioni, possiamo mettere in votazione entrambi i verbali. È così? Bene, allora procediamo alla duplice votazione. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) la deliberazione in argomento per l'approvazione del processo verbale della seduta del 9 febbraio 2010 ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti e votanti n 25 Consiglieri; Fav orevoli n 25; Il processo verbale è approvato. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) la deliberazione in argomento per l'approvazione del processo verbale della seduta del 16 marzo 2010 ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti e votanti n 25 Consiglieri; Fav orevoli n 25; Il processo verbale è approvato. L'atto viene inserito al n. 24 del registro delle deliberazioni. Oggetto n. 3 dell'ordine del giorno APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. Per l introduzione a questo argomento, lascio la parola al Vice Presidente Lena. Prego, Vice Presidente. Che, oggi fa anche le funzioni di Presidente. VICE PRESIDENTE LENA 5

9 Ok, grazie. Questo Regolamento che poi si aggancia anche a quello successivo al punto 4, cioè quello della Consulta, hanno già avuto un passaggio in Commissione. Per quanto riguarda il Regolamento in Commissione non erano emerse particolari osservazioni, è stato condiviso con il volontariato e, quindi, io penso che ognuno di voi, o se qualcuno di voi, ha intenzione di chiedere qualche spiegazione piuttosto che emendamenti o quant altro, io spero che non ce ne siano visto che magari, saranno stati evidenziati in Commissione. Prego. Grazie Vice Presidente Lena. È aperto il dibattito. Se non vi sono richieste di intervento, possiamo passare alla votazione per l oggetto n 3 che ricordo è stato passato anche in Commission e. Dichiaro chiuso il dibattito e passiamo direttamente alla votazione che sarà duplice, la prima per l approvazione e poi per l immediata esecutività. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) la deliberazione in argomento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti e votanti n 25 Consiglieri Favo revoli n 23; Astenuti n 2 (Biondi, Araldi) La deliberazione è approvata. il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) l'immediata eseguibilità del presente provvedimento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: presenti e votanti n 25 Consiglieri Favorevoli n 25. L'immediata eseguibilità e approvata all'unanimità. 6

10 L'atto viene inserito al n. 25 del registro delle deliberazioni. Oggetto n. 4 dell'ordine del giorno APPROVAZIONE REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE. VICE PRESIDENTE LENA Allora, anche questo Regolamento è passato in Commissione, erano state fatte delle osservazioni che sono state poi recepite, mi riferisco all art. 3 dove era stato chiesto che al punto C fosse definito chi del volontariato doveva entrare nella Consulta e quindi, è stato modificato con i Presidenti o loro delegati, come richiesto appunto, da alcuni Consiglieri dell opposizione. Nello stesso tempo è stato modificato l articolo 5 punto f) dove invece, è stato identificato il fatto che, possono entrare nel direttivo di Protezione Civile, solo i Presidenti o i Vice Presidenti delle Associazioni, piuttosto che i coordinatori o i Vice coordinatori dei gruppi Comunali. Un altro punto che era stato chiesto, in modo particolare da Dusi che, alla consulta, fossero indicati anche tutti i Sindaci. E questo è stato modificato l art. 5 comma 1. Queste sono state le modifiche richieste in Commissione e che sono state recepite. Grazie Vice Presidente Lena. Anche per quest oggetto, è aperto il dibattito. Consigliere Dusi, sì, prego. CONS. DUSI 7

11 Io intervengo perché è vero sì che è stata recepita una proposta di emendamento, cioè la partecipazione dei Sindaci specialmente per quanto si era evidenziato all interno del dibattito su questa problematica. Noi sappiamo benissimo che molti Sindaci del territorio non hanno il gruppo di Protezione Civile, e quindi, è normale ma, anche secondo me utile che a fronte di problematiche legate al territorio e naturalmente le problematiche legate magari anche a progetti e iniziative promosse sul territorio, è giusto che a fronte di questo, siano invitati anche i Sindaci che non hanno gruppi di Protezione Civile, per poter affrontare e comunque, per poter dare assenso o meno, agli interventi che la Consulta decide. Una cosa mi premeva dire: il Sindaco è il diretto responsabile di Protezione Civile del territorio. Lo sappiamo tutti questo, e credo che una cosa sia per conto mio da chiarire. E cioè la questione legata alle responsabilità territoriale e agli interventi specialmente in quei Comuni dove un Sindaco ha il gruppo di Protezione Civile. Sappiamo benissimo che c è una differenziazione territoriale dei gruppi di Protezione Civile, abbiamo dei gruppi Comunali, abbiamo dei gruppi che non sono Comunali ma, sono Associazioni. Io credo e ritengo, personalmente, per avere dovuto operare con i gruppi di Protezione Civile non solo quelli locali ma, anche quelli convenuti per interventi straordinari di calamità, io sono convinto che sia il Sindaco il responsabile diretto. Cioè si parla di una gestione mettendo in campo i Sindaci ma, mettendo in campo quei Sindaci che hanno gruppi di Protezione Civile dicendo loro chiaramente: vuoi che il tuo gruppo sia... mentre, invece in Comuni dove non c è il gruppo di Protezione Civile Comunale, il Sindaco naturalmente è l operatore diretto per i suoi soggetti messi in campo, in questi casi ci sono difficoltà. La cosa va formulata in modo chiaro. Io credo che proprio perché le questioni legate alla Protezione Civile, possono essere anche di immediatezza e possono anche essere fatte 8

12 in prevenzione ad eventuali problemi. Io credo proprio per questo che non serva l operazione di convenzione, perché nel momento in cui c è bisogno e c è bisogno subito, il Sindaco possa essere l oggetto del contendere, e possa determinare l intervento immediato di Protezione Civile, utilizzando gli strumenti locali che sono quelli del gruppo, anche se Associazioni. Lo dico questo, perché? Perché è già capitata più di una volta quest operazione, è già capitata non soltanto nel mio territorio ma, è successa anche nel recente passato quando, ha avuto bisogno una parte di territorio che non era collegata ai fiumi e ha avuto bisogno. E si è dovuto fare l intervento. E qui io ritengo che a fronte di questo il Sindaco che viene fermato, deve poter operare nell immediato. È per questo che credo che l argomento convenzione non è determinante nelle problematiche vere di Protezione Civile ma anche per lo stesso assessorato Provinciale, perché in funzione di operazioni di immediatezza che devono essere fatte e decisioni che devono essere prese nel territorio, il responsabile diretto che è il Sindaco, deve avere gli strumenti necessari per poter operare in modo immediato. Ed è qui dove io dico facciamo delle scritte, in modo che nella Consulta Provinciale per queste due righe scritte si possa far si che le operazioni di intervento vengano fatte sotto l attenzione diretta di chi è responsabile e cioè i Sindaci. È chiaro che la Provincia poi potrà coordinare le disfunzioni e magari qualora servano più interventi allora la Provincia può andare a determinare, è fondamentale questo. Però io credo che a livello locale l immediatezza e l intervento, possa essere uno dei presupposti per una prevenzione migliore. Lo dico questo, per esperienza diretta e operativa, e per esempio nell immediatezza quando del 2000 arrivarono le forze extra Provinciali, e su richiesta specifica dei Sindaci del territorio, richiesta di aiuti sotto... il Sindaco nel momento in cui arrivava... Protezione Civile di Lecco, più che di Varese, più che di Como, il Sindaco ha avuto la possibilità di 9

13 organizzare gli interventi diretti e immediati sul territorio, predisponendo le forze che erano arrivate, predisponendo le forze con i loro strumenti e con i loro mezzi che avevano a disposizione. Quindi, sapendo che questi gruppi che erano arrivati avevano delle specificità, avevano a suo tempo nel 2000 quando l organizzazione di Protezione Civile, come oggi, non aveva ancora strutture come oggi. Oggi abbiamo dei gruppi molto ben attrezzati, abbiamo una colonna mobile, facciamo in modo che sia gli strumenti che abbiamo che sono importanti ma, sia anche l efficacia e l efficienza dei responsabili, possa determinare anche nell ambito della prevenzione e qui abbiamo parlato direttamente in Commissione, chi ha il camion, più che due mezzi nuovi, chi ha... Ecco, questi mezzi devono essere operativi, devono avere la garanzia di essere operativi sempre. Quindi, per essere operativi sempre, hanno bisogno che ci sia qualcuno che da ordini e faccia in modo che... è chiaro che la Provincia ne è responsabile nella misura più ampia. Però anche localmente credo che si possano fare tante cose di prevenzione. Manca la sabbia per cui bisogna recuperarla. Bene si va recuperarla, bisogna avere queste attenzioni di prevenzione perché si arrivi, nel momento in cui c è l emergenza, si arrivi a fare interventi immediati e, naturalmente, efficaci. Ed è per questo che mettiamoci due righe. Il Sindaco fa a meno di fare la convenzione con i gruppi di Protezione Civile, perché magari fa una convenzione e poi succede quello che non è dentro nella convenzione, e magari si rischia di non avere un efficacia e un efficienza immediata negli interventi. La ringrazio Consigliere Dusi. Consigliere Torchio, prego. 10

14 CONS. TORCHIO Senza entrare nei particolari io penso di poter comunque dare atto che il lavoro di Commissione ha portato a recepire alcune integrazioni, vi è stata a riguardo anche una volontà della Giunta, rispetto a questo passaggio. Certo, che le garanzie che chiede come amministratore del primo livello del Po, il Sindaco dell alluvione, lo ricordiamo tutti così con rispetto Giampaolo Dusi, di un ruolo più forte della competente Comunale, forse, senza fare una gara di religione, ci sta dentro il testo e non penso che possa portare a degli scompigli e delle rivoluzioni, un sistema istituzionale collaudato. Per carità, non mi sembra che un operazione di questo tipo possa come dire, dare adito in esterno alle polemiche che rispetto al sistema, forse, non hanno bisogno di essere sbandierate, perché comunque è un sistema che fa fatica per una serie di obiettive difficoltà anche di palanca, di tasca, di moneta. È basato su una forte volontarietà, e mi ricordo le difficoltà perfino a suo tempo di prevedere una polizza di copertura assicurativa, se n è fatta di strada, e c è stata una grande azione anche da parte dei nostri uffici e quindi, bisogna dare atto che un operazione di questo tipo, mi raccomando al Vice Presidente, in questo caso, perché se non è possibile per ora, comunque sia un impegno politico, questo agevolerebbe sicuramente da parte anche nostra, parlo anche degli altri colleghi, rispetto ad un adozione nel senso corale di un passaggio così importante. Ripeto, si tratta comunque di una materia nella quale i Comuni sono spesso chiamati a mettersi una mano sul cuore, e una sul portafogli. Il territorio Provinciale per molti aspetti grazie alla presenza dei fiumi e le probabili esondazioni, è comunque a rischio e, quindi, è sempre più impegnato il personale volontario che viene messo in movimento. I Comuni mettono a disposizione sedi, strutture, risorse, talvolta anche personali di coordinamento e ovviamente lo fa anche la Provincia. Ecco, siccome 11

15 nemmeno io voglio annegarmi in un bicchiere d acqua in questo caso, io mi raccomando alla bontà della corte, si diceva una volta, ecco, perché su un operazione di questa natura vi sia la massima convergenza. Grazie Consigliere Torchio. Consigliere Gallina, prego. CONS. GALLINA Allora, siccome abbiamo affrontato in Commissione il tema dei Regolamenti e mi sembra che siano state recepite quelle richieste che aveva fatto anche parte dell opposizione, ci eravamo anche confrontati, sulla partecipazione dei Sindaci all Assemblea e sui Presidenti, loro delegati, ecc. Mentre nel direttivo, come dire, condivido a pieno quella che è stata l impostazione del Vice Presidente, di avere o il Presidente, o il Vice Presidente, perché sono questioni operative anche da scegliere magari, qualche volta se ci fosse magari qualcuno che non ha proprio in quel momento i requisiti adatti per una scelta. Quindi, mi sembra che il Regolamento possa essere approvato anche all unanimità, perché penso che sia nato da un confronto. Le preoccupazioni di Dusi che ritengo siano preoccupazioni sensate, sono sicuramente una presa di posizione importante. Quello che ritengo io è però che siano su livelli diversi, cioè il Sindaco comunque nella sua azione anche con i Comuni deve fare delle convenzioni con la Protezione Civile. Questo però non deve togliere che in casi particolari ci possa essere qualche azione un po più rapida. Quindi, non lo so, penso che il Vice Presidente ci spiegherà meglio. Però la 12

16 preoccupazione è reale. Dopo di che, credo che si possa votare all unanimità questo Regolamento. Grazie. Grazie Consigliere Gallina. Mi sembra che... Mainardi ha la parola, prego. CONS. MAINARDI Una parte delle osservazioni che erano state fatte in Commissione sono state accolte quindi, non c è niente da dire sulla parte che riguarda i Sindaci, ho qualche perplessità su questa formula rigida, per cui, il volontario che è chiamato alle manifestazioni debba comunicare prima, però è solamente un fatto marginale e quindi, non ci sono problemi da questo punto di vista. Il problema è un altro, il problema è che quest Amministrazione ha tagliato i fondi per il volontariato, il problema è che alcune considerazioni si possono fare. Ecco, io faccio una sollecitazione: non vorrei che ci fosse solo la parte di Soresina che è la parte migliore dei volontari. Ecco, dico solo questa cosa. La ringrazio Consigliere Mainardi. Altri interventi? Allora termina la discussione. Lascio la parola al Presidente Lena per la replica. Prego, Presidente. VICE PRESIDENTE LENA 13

17 Volevo solo rispondere sul discorso delle convenzioni. Intanto vorrei fare una sottolineatura. Che quando sono i Sindaci in emergenza, sono loro per Legge che comandano, nessuno si può rifiutare di rispondere ai Sindaci, soprattutto le Associazioni che sono iscritte all albo Regionale e quindi, convenzionate con la Provincia e quindi, essendo convenzionate con la Provincia, gioco forza anche con i Sindaci. E se si dichiarano operativi dell albo Regionale, il Sindaco può dire signori, voi fate. Se si rifiutano, diventa un grosso problema per loro. Il problema è che la convenzione, forse, si riferisce più che altro a quando non sono in emergenza. E allora lì solitamente l emergenza nelle convenzioni viene portata riguardo ad altre tipologie di attività che vengono fatte sul Comune nel momento in cui il Comune va a firmare una convenzione con queste Associazioni. Ma, durante l emergenza questi tipi di problemi non possono esistere, perché altrimenti vuol dire che quell Associazione, non è un Associazione di Protezione Civile e quindi, verrà eventualmente sanzionata se non risponde nel momento in cui c è l emergenza. Io credo che il fatto di aggiungere... non so se c è qualche tecnicismo particolare che io oggi ho fatto venire la Elena Milanesi che è la persona di riferimento per la Protezione Civile. Non so se c è qualche particolarità su questo argomento, ma credo... noi oggi parliamo di Regolamenti della Consulta e Regolamento di gestione della Protezione Civile. Sicuramente in emergenza quello che ha detto Dusi non può sussistere come vi spiegavo. Può essere il discorso convenzione e invece, quando non si è in emergenza. Voglio dire, costa così poco per un Sindaco fare una convenzione se ha lì localmente come paese vicino un Associazione che non si capisce perché non la si debba fare, fra parentesi, perché alimenti il fatto di dire io comunque vado a forzare qualcuno a fare delle attività, e quelli che hanno l Associazione civile, allora, cosa sono? Ecco, si capisce come 14

18 le trattiamo le convenzioni già in essere? Cioè non so se mi sono spiegato, Dusi. CONS. DUSI Allora, innanzi tutto quanto ho detto, l ho detto per esperienza diretta e comunque, può ancora avvenire e bisogna secondo me, regolamentare questo fatto. Noi abbiamo tutta una serie di gruppi di Protezione Civile Comunali e di Associazioni sul territorio ma, che non occupano tutti gli spazi Comunali. Cioè ci sono molti Comuni che non ce l hanno. Io ritengo che nel momento in cui avviene un fatto di calamità o di grave emergenza, all interno di una comunità dove non c è il gruppo di Protezione Civile, il Sindaco che è direttamente responsabile, con un colpo di telefono avvisa l altro Sindaco e l altro Sindaco in modo immediato fa intervenire l altro gruppo di Protezione Civile, e anche la Provincia. Ma c è un problema. Quando ci sono le problematiche legate all emergenza c è il problema di velocizzare le azioni. E la velocizzazione delle azioni viene determinata dal Comune vicino, oppure dal gruppo di Protezione pronto che ha meno spazi e meno tempo per riuscire ad ottemperare all eventuale emergenza. Il fatto degli ultimi allagamenti ne è da esempio, perché nel momento in cui c è da intervenire immediatamente, non si sa dove andare a prendere la sabbia ma, non si sa come far attivare i gruppi di Protezione Civile e ne nasce un attimo di casino. Queste cose qua non devono esistere. Non devono esistere perché ci sono i mezzi locali, ci sono le attrezzature locali e c è la possibilità di intervenire immediatamente. Tra gli stessi Sindaci vicinali, che poi, sono coordinati anche dalla Provincia, naturalmente, ma quando la questione si allarga e nel momento c è invece un problema localizzato, un Sindaco chiama l altro Sindaco, e naturalmente fa in modo che questo abbia l opportunità di dare risposte 15

19 immediate. Io dico, in questo Regolamento una riga che specifichi che il Sindaco nel momento in cui ha fatto... perché tanto lo fa, lo deve fare, non chiama l Assessore Provinciale, lo deve fare e lo fa. Però il problema è il Regolamento, la convenzione. Non può esistere una cosa del genere. Non può esistere. Grazie Consigliere Dusi. Abbiamo terminato la discussione. Certo. Ora, ora... sì. Per dichiarazione di voto, certo. Consigliere Gallina, prego. CONS. GALLINA Allora, Dusi mi sembra che la riga non serva, questo voglio dirti, cioè ci ha appena detto il nostro Presidente che le Associazioni di Protezione Civile che sono iscritte all albo Regionale sono coordinate dalla Provincia, in caso di emergenza quando il Sindaco alza il telefono, devono partire. Lasciamo terminare il Consigliere Gallina, prego. CONS. GALLINA Allora, mi sembra di avere capito che, però se ho capito male me lo ridirà, le Associazioni che sono iscritte all albo Regionale rispondono, se una Associazione non è iscritta all albo Regionale la chiama lui, la chiama qualcun altro, sta a letto a dormire e non gli dici niente, perché non sta da nessuna parte, non ha nessun denaro, non ha niente e 16

20 quindi, non ha nessuna indicazione. Quelle che sono iscritte all albo Regionale, devono partire. È chiaro che se anche tu chiami il tuo Sindaco... Dusi, se tu chiami il Sindaco vicino, che ha nel suo Comune una Associazione che non è iscritta e questi qui non vogliono partire, non partono neanche se li chiama il Sindaco. Quindi, mi sembra che chiamare il Sindaco vicino o chiamare la Provincia che fa partire tutto... (Cons. Dusi fuori microfono) Non cambia niente. Ma cosa cambia? Ma anche se chiama il Sindaco, se l Associazione non vuole partire, non parte. Mi sembra che ti stai fossilizzando su un unica cosa che poi specialmente nel Regolamento della Consulta non serve. Questo è il mio parere. Hai espresso un problema concreto, che ha già la soluzione, perché c è già la soluzione. La riga che vuoi far mettere tu non cambia niente nei confronti di chi deve partire, perché non cambia niente, non impegna nessuno, non obbliga nessuno. Quindi, se questo è per dire io mi astengo e non voto, va bene, non c è... Allora, Dusi, spieghiamo i tempi anche della votazione. CONS. GALLINA Mi sembra di avere capito che è questo. Tu dici: io voglio chiamare il Sindaco vicino e il Sindaco vicino fa partire l'associazione. Allora, se l Associazione è iscritta all albo Regionale deve partire l obbligo. Se poi l Associazione non è iscritta e chiama il Sindaco, chiama Bersani, o chiama qualcun altro se non vogliono non partono. Quindi, il problema è che la riga come l'hai proposta tu, non serve e non ha senso per il problema reale che hai presentato. Quindi, io invito a votare a favore, 17

21 perché abbiamo accolto anche le altre osservazioni. Però io ti invito a... perché sennò... Allora è come se non avessi parlato. La ringrazio. La ringrazio Consigliere Gallina. Per dichiarazione di voto altri Capigruppo? A posto. Allora possiamo porre in votazione. Ricordo che stiamo votando il punto n 4 procediamo quindi a dup lice votazione. La prima per l approvazione e la seconda per l immediata esecutività. Prego, Assessore Lena. VICE PRESIDENTE LENA Mi dispiace lasciare questa discussione con Dusi. No, volevo sapere Dusi, invece di chiamare il Sindaco di fianco, chiama la Provincia è sempre una telefonata... No, non iniziamo a discutere, signori.... No, manteniamo... VICE PRESIDENTE LENA La reperibilità ce l abbiamo sempre come Provincia. (Cons. Dusi fuori microfono) Va bene allora chiudo la discussione. Allora, torniamo all ordine. Grazie Assessore Lena. Procediamo alla votazione per alzata di mano. 18

22 Nessun altro Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) La deliberazione in argomento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti 28 Cons., votanti n 26, tempora neamente assente (Malvezzi, Agazzi), Favorevoli n 21 Cons. ;Contrari n 5 (Dusi, Milesi, Torchio, Biondi, Araldi). La deliberazione è approvata a maggioranza. Il Presidente del Consiglio pone ora ai voti palesi (per alzata di mano) l immediata eseguibilità del presente provvedimento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti 28 Consiglieri; votanti 26 Consiglieri (temporaneamente assente Cons. Malvezzi, Agazzi); Favorevoli 26; La deliberazione è approvata a maggioranza. L'atto viene inserito al n. 26 del registro delle deliberazioni. Oggetto n. 5 dell'ordine del giorno REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMPETENTE ALLA DETERMINAZIONE DELL INDENNITÀ DEFINITIVA DI ESPROPRIO. ASS. BONGIOVANNI Buon pomeriggio a tutti. Sì, di tratta di una modifica che abbiamo visto anche in Commissione dettagliatamente il 31 gennaio 2011 è stata approvata senza particolari problemi, e riguarda le modifiche che la Legge Regionale n 3/2009 ha apportato, semplificand o le disposizioni statali in materia di espropriazione per pubblica utilità, regolate dal Decreto del Presidente della Repubblica n 327/2001. Ricordiamo che questa Commissione svolge le funzioni di determinare il valore agricolo 19

23 dei terreni considerati oggetto di contratti agrari, ed esprime su richiesta dell attività espropriante i pareri in ordine alla determinazione provvisoria dell indennità di espropriazione e determina l indennità definitiva di espropriazione, nonché l indennità per l occupazione temporanea di aree non soggette ad esproprio. Quindi, si va ad approvare, se volete, il Regolamento della Commissione appunto, competente a determinare queste indennità di esproprio. Se non ci sono interventi, passiamo alla votazione che sarà unica. Quindi, invito i Consiglieri a prendere posto e procedere alla votazione per alzata di mano. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) la deliberazione in argomento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti n 28 Cons., votanti n 26 Consi glieri; temporaneamente assente (Malvezzi, Dusi), Favorevoli n ;25, Astenuti n 1 (Milesi). La deliberazione è approvata a maggioranza L'atto viene inserito al n. 27 del registro delle deliberazioni. Oggetto n. 6 dell'ordine del giorno SP CR EX SS. N.591 CREMASCA. CIRCONVALLAZIONE DI MOTODINE. DECLASSIFICAZIONE STRADA COMUNALE SP N.13 PIZZIGHETTONE-MONTODINE, SP N.14 CASTELLEONE- MOTODINE, SP CR EX SS. N.591 CREMASCA TRATTI VARI. 20

24 CLASSIFICAZIONE SP N.13 N.14 S SP CR EX SS. 591 TRATTI VARI. C era una richiesta mi sembra, da parte del gruppo Lega Nord. Prego, Consigliere Chioda. CONS. CHIODA La richiesta è quella di portare l argomento in Commissione per un approfondimento. La questione è di vecchia data, nel senso che la viabilità della zona necessita di aprire una nuova tangenziale di Montodine e quindi, fare delle procedure di declassificazione ma, riteniamo che sia opportuno approfondire la cosa. Bene, grazie Consigliere. In accordo anche con l Assessore Leoni, abbiamo ritenuto importante e necessario, trattare questa trattazione direttamente in Commissione prima di riportarla in Consiglio. Quindi, possiamo passare direttamente alla trattazione del punto n 7. Mi dicono che dobbiamo votare anche il rinvio. Quindi penso di trovare tutti d accordo ed unanimi, per votare il rinvio del punto 6 quindi, invito i Consiglieri a prendere posto ed esprimersi per lo slittamento in Commissione del punto n 6. Consiglieri favorevoli s ui le mani. Grazie. Contrari. Astenuti. Grazie. Quindi, l oggetto passa in Commissione. Torniamo alla trattazione del punto n 7. Oggetto n. 7 dell'ordine del giorno 21

25 VARIANTE NON SOSTANZIALE DEL PTCP A SEGUITO DELL ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL PROGETTO LA CUCCIA E IL NIDO IN COMUNE DI CALVATONE. ASS. LEONI È un azione dovuta ad una proposta del Comune di Calvatone legata ad una SULP privata, un risvolto importante di interesse pubblico sulla gestione del randagismo, per un processo di trasformazione urbanistica legato a uno sportello unico, un SULP legato ad un permesso di costruire, in variante al PGT e in variante al PTCP. Ha fatto un percorso nella conferenza di servizio, è stato anche approvato in Giunta, ratifica di Consiglio e quindi, si porta all approvazione del Consiglio in merito al fatto che possa chiudersi questo iter approvativo, l approvazione di quest area al servizio di questo impianto al quale potranno, su base convenzionale, accedere i Comuni e il territorio per dare una risposta al bisogno dell accoglienza dei cani randagi. Quindi, si chiede la chiusura dell iter. Grazie Assessore. È aperto il dibattito. Se non vi sono richieste, possiamo passare immediatamente alla votazione che, penso di poter effettuare. Invito i Consiglieri a prendere posto, chiamiamo dentro i colleghi che sono fuori. Quindi, invito tutti i Consiglieri a prendere posto per effettuare la votazione del punto n 7 variante non sostanziale del PTCP a seguito dell accordo di programma. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) la deliberazione in 22

26 argomento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti e votanti n 28 Consiglieri; Fav orevoli n 27; Astenuti n 1 (Milesi); La deliberazione è approvata a maggioranza. Il Presidente del Consiglio pone ora ai voti palesi (per alzata di mano) l'immediata eseguibilità del presente provvedimento ed accerta con l'assistenza degli scrutatori l'esito della votazione: presenti e votanti n. 28 Consiglieri; favorevoli n. 28. La deliberazione è immediatamente eseguibile L'atto viene inserito al n. 28 del registro delle deliberazioni. Oggetto n. 8 dell'ordine del giorno REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ISTITUZIONE E LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE. ASS. ORINI Cercherò di essere abbastanza sintetica perché questo Regolamento è già stato trattato in due sedute di Commissioni, diciamo, unificate, quella Regolamento e Statuto e Istruzione, formazione e lavoro. Dunque, la Commissione in oggetto è un organo consuntivo ed è definito organo tripartito permanente, di concertazione e di consultazione delle parti sociali. È richiesto dalla Legge, soprattutto per alcuni passaggi che riguardano in modo particolare il mondo dell istruzione, della formazione, e del lavoro. E ha sostituito nel tempo tutta una serie di altri organismi provinciali e di sottoscrizione che si 23

27 occupavano dell impiego, del lavoro a domicilio, del lavoro domestico, della manodopera agricola e del collegamento obbligatorio. Quindi, è diciamo un organismo abbastanza complesso ma, che ne sostituisce almeno altre sette. Ecco, detto questo, bisogna anche dire che gli ultimi cambiamenti normativi, hanno esteso le funzioni di questo organismo anche alla formazione stessa. Da qui e da altri accorgimenti che ci sono sembrati necessari, appunto, la consapevolezza che era utile cambiare, in alcuni punti, il Regolamento stesso che però ripeto, è già passato con due sedute nelle Commissioni unificate. Io mi limiterò perciò, a mettere in evidenza i cambiamenti più eclatanti. Allora, intanto viene modificato il nome stesso, perché diventa Commissione provinciale per il lavoro, la formazione, in quanto è inserita appunto, la formazione in base alle nuove deleghe. Poi, ancora, si prevede oltre la presenza o del Presidente, o dell Assessore delegato dal Presidente che, di solito appunto, è l Assessore appunto, al lavoro e formazione, anche la presenza quale invitato permanente senza diritto di voto, dell Assessore alle politiche sociali ed associtative e alle opportunità. È ovvio il perché di questa presenza, in quanto, questa Commissione si occupa anche dell inserimento lavorativo per esempio dei disabili, e ha a che fare anche con le Associazioni e quindi, con il mondo associativo con la delega anche della mia collega. Ecco, poi altro importante punto, la Commissione tocca in cinque settori produttivi di base. Vale a dire: commercio, artigianato, agricoltura, industria e cooperazione. Diciamo che anche qui si è cercato di limitare il numero accorpando, per così dire, per fare un esempio, nell area dei servizi, anche il settore commercio, per evitare una moltiplicazione di rappresentanti. Ecco, riguardo al rinnovo della Commissione, perché queste modifiche preludono anche al rinnovo della Commissione che è scaduta, ricorderò alcuni passaggi. In particolare, il numero di seggi assegnato ad ogni settore produttivo, sarà determinato in base alla consistenza 24

28 numerica di ciascuno di essi ma, dovrà esserci almeno un seggio per ciascuno dei settori produttivi prima citati. Ancora. Nell ambito sempre del numero dei seggi, essi saranno assegnati alle Associazioni comparativamente rappresentate a livello numerico. E ci sono una serie di parametri, adesso non entro nello specifico, per non tediarvi, che stabiliscono appunto, come valutare questa rappresentatività e vanno dal numero chiaramente dei dipendenti per quanto riguarda le Associazioni editoriali, al numero dei lavoratori attivi e al numero delle sedi presenti nel territorio, per quanto riguarda le Associazioni sindacali. Ancora a una modifica che è stata proposta ed approvata dalla Commissione, è in passaggio della durata della Commissione stessa, a cinque anni anziché tre. Ancora. La Commissione diciamo che è formata anche, contiene un Comitato tecnico che, in particolare è attivo per quanto riguarda il sottocomitato per il collocamento mirato dei disabili che, necessita della presenza di tecnici ad esempio, in campo medico legato all ASL. Ecco, in questo caso, si propone la riduzione dei componenti da otto a cinque, riduzione che, comunque, è resa possibile dalle norme vigenti. Altro cambiamento riguarda i cosiddetti gettoni di presenza. Ed emolumenti. In particolare, si è deciso di proporre il riconoscimento del gettone di presenza, comprensivo di spese di viaggio, soltanto ai componenti tecnici del sottocomitato per il collocamento mirato dei disabili. Quindi, ad un ispettore medico e a tre funzionari ASL. Qui io devo sottolineare che per alcuni passaggi richiesti dalla Legge, dovremo comunque rivolgerci a questi tecnici, in particolare al medico e quindi, diciamo, che facciano parte di questo sottocomitato, e abbiano un gettone, alla fine, non è certo nocivo dal punto di vista finanziario per la Provincia, perché altrimenti dovremo chiedere comunque una consulenza e in qualche modo retribuirli. Si prevede invece, per gli altri componenti non tecnici della Commissione un rimborso delle spese di viaggio, facendo partire la persona da una 25

29 sede dell organizzazione che ha presentato, ovviamente, quando questa sede è fuori dal territorio del Comune in cui avviene la riunione della Commissione stessa. Ecco, ovviamente anche qui sia il calcolo del chilometraggio segue le norme vigenti e segue chi fa in particolare alle tariffe ACI, sia lo stabilire i gettoni, si rifà in realtà, sempre alle norme vigenti. In conclusione, vorrei sottolineare come questa Commissione che è abbastanza nutrita, e in un certo senso deve essere, perché da una parte ha rappresentanti delle forze imprenditoriali, dall altra quella delle forze sindacali che devono essere per normativa in pari numero, ecco, questa Commissione non è deliberativa, è consuntiva e quindi, anche il numero abbastanza ampio non è di ostacolo, diciamo, per la rapidità, se vogliamo, delle decisioni da prendere e soprattutto, la consultazione di questa Commissione è in alcuni passaggi normativi, vi faccio l esempio delle doti di lavoro per i disabili e di altri passaggi che riguardano in particolare i disabili e il loro inserimento lavorativo, è dicevo, obbligatoria. Di solito il parere non è vincolante ma, è obbligatorio e quindi, ha una sua importanza e una sua ragione d essere. La ringrazio Assessore Orini. È aperto il dibattito. Prego, Consiglieri. Se non vi sono interventi possiamo passare alla votazione. Nessun Consigliere chiede di intervenire per cui il Presidente del Consiglio pone ai voti palesi (per alzata di mano) la deliberazione in argomento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti n 28 Consiglieri, votanti n 27, temporaneamente assente (Malvezzi), Consiglieri; Favorevoli n 16; A stenuti n 9 (Virgilio, 26

30 Vailati, Zanacchi, Zelioli, Castellani, Mainardi, Torchio, Araldi, Biondi); Contrari n 2 (Dusi, Milesi). La deliberazione è approvata a maggioranza. Il Presidente del Consiglio pone ora ai voti palesi (per alzata di mano) l immediata eseguibilità del presente provvedimento ed accerta, con l assistenza degli scrutatori, l esito della votazione: Presenti 28 Consiglieri; votanti 27 Consiglieri (temporaneamente assente Cons. Malvezzi); Favorevoli 27 Consiglieri. La deliberazione è immediatamente eseguibile. L'atto viene inserito al n. 29 delle registro delle deliberazioni. Come concordato in ufficio di presidenza, procediamo con la trattazione del primo ordine del giorno iscritto al n 12. Ordine del giorno presentato dai Consiglieri Torchio, Virgilio, Biondi, Milesi e Dusi in riferimento al casello autostradale e alla tangenziale di Corte dei Frati. Presenta... (voce fuori microfono) Convengo e la ringrazio. Purtroppo... (voce fuori microfono) No, comprendo non è stato fatto l appunto come... (voce fuori microfono) Ha fatto benissimo a ricordarlo, purtroppo è un appunto che... ha fatto benissimo a ricordarmelo. Oggetto n. 13 dell'ordine del giorno MOZIONE PRESENTATA DAL CONS. DUSI RIGUARDANTE LA CRISI COMINCIA ADESSO? CONS. DUSI Io avevo intitolato questa mozione la crisi comincia adesso? L avevo intitolata a settembre. Molto probabilmente mi sono sbagliato, perché la crisi molto probabilmente non è ancora cominciata, e cominceremo... 27

31 Mi perdoni Consiglieri Dusi. Io chiedo all aula di rimanere in silenzio per dare la possibilità di ascoltare la mozione. Grazie. Prego, Consigliere. CONS. DUSI Ho detto che questa mozione avendola presentata cinque o sei mesi fa, mi permetto di dire molto probabilmente mi sono sbagliato e che, la crisi non è ancora cominciata ma, la cominceremo a vedere con la gestione di questo Bilancio. Infatti, questa tornata amministrativa coincideva con l inasprirsi della fase acuta della crisi economica, dove tutto è imprevedibile e le ipotesi fatte dagli economisti pongono una grande attenzione sulla perdita di posti di lavoro e su un calo della produzione che, avrebbe provocato sicuramente un ribasso del PIL. Era chiaro a tutti che sarebbero stati chiesti interventi ulteriori, interventi diciamo, a sostegno della crisi, sommati a quelli già gravi cioè i sacrifici predisposti nelle precedenti finanziarie nazionali. La manovra elaborata dal nostro Governo, tocca di striscio gli evasori ma colpisce in modo diretto Regioni, Province e Comuni, lavoratori disoccupati. A pagare senza dubbio sarà la collettività che non può difendersi, saranno i cittadini tutti a contribuire. I conti sono terminati, la manovra finanziaria prevede che il nostro Ente Provinciale perderà di Euro di risorse per l anno in corso 2011 e quasi di Euro per l anno A questo poi, vanno sommati gli effetti della vera crisi e cioè le minori entrate. Il che, tutto sommato, comporterà circa almeno secchi per il 2011 e circa secchi per il Soldi questi che sarebbero serviti per la gestione ordinaria della nostra Provincia, e per soddisfare l attività di investimenti, necessari al fine di 28

32 programmare in funzione della stretta così forte della crisi, e mantenere una bella sicurezza sulle infrastrutture viabili ed interventi molto più appropriati riguardanti l aspetto della sicurezza, della cultura e dei servizi sociali, quello del personale e dell ambiente e così via. È chiarissimo non si possono soddisfare i progetti in tutti i settori e di riflesso verranno offerti meno servizi, i problemi da risolvere sono notevoli. Le dichiarazioni del Presidente nella sua campagna elettorale all inizio della legislatura poneva l attenzione sulla molteplicità di problematiche. Infatti, era lui stesso a sostenere già nella relazione introduttiva che esistevano priorità sulle quali bisognava ottemperare e trovare soluzioni nel mandato. Oggi tutto viene rimesso in discussione perché molte delle proposte definite prioritarie, con questi tagli non potranno più avere il sostegno economico, non potranno essere ulteriormente soddisfatte. Mi domando signor Presidente, e me ne scuso perché non c è, c è il sostituto, ma a fronte di quanto è successo ci sono ancora le condizioni perchè possa proseguire questo mandato quinquennale? Io me la pongo come una domanda. A fronte di una così forte mancanza di risorse dovuto a tutti gli aspetti che ho appena elencato, io ritengo che poche siano le possibilità di affrontare con relativa normalità le problematiche legate all aspetto della relazione programmatica. Mi domando se proprio perché non si potrà portare a termine le progettualità, tutte le criticità che esistono nel fatto dei tagli che sono obbligati, sulle questioni proprio fondamentali, non ci sono i soldi per la Paullese, non ci sono i soldi per fare azioni importanti di interventi sul territorio. Ma vorrei anche toccare l aspetto politico e mi domando cosa ci sta a fare l Amministrazione se non ha le carte in regola per espletare la sua funzione amministrativa e programmatica. Non sarebbe opportuno che qualche suo amico, e mi rivolgo a lei Presidente, perché proprio nella relazione introduttiva toccava gli aspetti di amicizia con il Presidente del Consiglio e con il Presidente 29

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Protocollo RC n. 21857/08 Anno 2008 VERBALE N. 9 Deliberazione n. 18 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 febbraio 2008 Presidenza: CORATTI L anno duemilaotto,

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Partecipanza Agraria di Cento

Partecipanza Agraria di Cento Prot. Num. Fasc. Delibera della Magistratura N. 46 del 14/04/2014 Oggetto: LIQUIDAZIONE SPESE VARIE. L, addì 14 del mese di aprile alle ore 19:15 a seguito di invito Prot. Num. 896 Fasc. 11 del 12/04/2014

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Protocollo Opzionale alla Convenzione contro la Tortura ed Altre Pene o Trattamenti Crudeli, Inumani o Degradanti

Protocollo Opzionale alla Convenzione contro la Tortura ed Altre Pene o Trattamenti Crudeli, Inumani o Degradanti Protocollo Opzionale alla Convenzione contro la Tortura ed Altre Pene o Trattamenti Crudeli, Inumani o Degradanti Adottato dall Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 18 dicembre 2002. Entrato in vigore

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza

OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza OPERA PIA ASILO SAVOIA Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza ESTRATTO DAL VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il giorno 24 del mese di febbraio dell anno 2015 in seduta ordinaria come da

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli