MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA GIUSTIZIA"

Transcript

1 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO PER LO SVILUPPO E LA GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO Sezione Statistica RILEVAZIONE SEMESTRALE DETENUTI LAVORANTI E FREQUENTANTI CORSI PROFESSIONALI NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI RILEVAMENTO AL 30/06/2012

2 SOMMARIO RIEPILOGHI NAZIONALI Detenuti lavoranti - Riepilogo generale Detenuti lavoranti alle dipendenze dell'amministrazione penitenziaria - Riepilogo scheda 1 Detenuti lavoranti NON alle dipendenze dell'amm.ne penitenziaria - Riepilogo scheda 2 Detenuti lavoranti stranieri - Riepilogo stranieri schede 1 e 2 Lavorazioni penitenziarie - Per Regione - Riepilogo scheda 3 Lavorazioni penitenziarie - Per Tipo - Riepilogo scheda 3 Lavorazioni penitenziarie - Tenimenti agricoli e colonie agricole Detenuti iscritti a corsi professionali attivati nel semestre - Riepilogo scheda 4_1 Detenuti iscritti e promossi nei corsi professionali terminati nel semestre - Riepilogo scheda 4_2 Riepilogo tipologia corsi attivati e terminati ELENCHI PER ISTITUTO Detenuti lavoranti alle dipendenze dell'amm.ne penitenziaria - Scheda 1 Detenuti lavoranti NON alle dipendenze dell'amm.ne penitenziaria - Scheda 2 Officine penitenziarie - Scheda 3 Detenuti iscritti ai corsi professionali attivati nel semestre - Scheda 4_1 Detenuti iscritti e promossi nei corsi professionali terminati nel semestre - Scheda 4_2 APPENDICE Classificazione dei corsi professionali Classificazione delle lavorazioni

3 RIEPILOGHI NAZIONALI

4 LAVORO Riepilogo Generale RIEPILOGO NAZIONALE DETENUTI LAVORANTI REGIONE ALLE DIPENDENZE DELL'AM M INISTRAZIONE NON ALLE DIPENDENZE DELL'AM M INISTRAZIONE LAVORANTI Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale % SUI PRESENTI ABRUZZO ,76 BASILICATA ,68 CALABRIA ,47 CAMPANIA ,39 EMILIA ROMAGNA ,41 FRIULI VENEZIA GIULIA ,45 LAZIO ,01 LIGURIA ,64 LOMBARDIA ,56 MARCHE ,45 MOLISE ,65 PIEMONTE ,39 PUGLIA ,87 SARDEGNA ,75 SICILIA ,73 TOSCANA ,39 TRENTINO ALTO ADIGE ,01 UMBRIA ,18 VALLE D'AOSTA ,22 VENETO , ,96

5 LAVORO Riepilogo Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI REGIONE LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. (1) % SUI LAVORANTI ABRUZZO ,63 BASILICATA ,75 CALABRIA ,11 CAMPANIA ,87 EMILIA ROMAGNA ,34 FRIULI VENEZIA GIULIA ,87 LAZIO ,01 LIGURIA ,65 LOMBARDIA ,23 MARCHE ,16 MOLISE ,14 PIEMONTE ,88 PUGLIA ,50 SARDEGNA ,18 SICILIA ,06 TOSCANA ,79 TRENTINO ALTO ADIGE ,43 UMBRIA ,40 VALLE D'AOSTA ,57 VENETO , ,69 NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni

6 LAVORO Riepilogo Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA REGIONE SEM ILIBERI (1) IN PROPRIO PER DATORI DI LAV. ESTERNI LAVORO ALL' ESTERNO ART.21 LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) IM PRESE COOPERATIVE % SU LAVORANTI U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. ABRUZZO ,37 BASILICATA ,25 CALABRIA ,89 CAMPANIA ,13 EMILIA ROMAGNA ,66 FRIULI VENEZIA GIULIA ,13 LAZIO ,99 LIGURIA ,35 LOMBARDIA ,77 MARCHE ,84 MOLISE ,86 PIEMONTE ,12 PUGLIA ,50 SARDEGNA ,82 SICILIA ,94 TOSCANA ,21 TRENTINO ALTO ADIGE ,57 UMBRIA ,60 VALLE D'AOSTA ,43 VENETO , ,31 NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

7 LAVORO Riepilogo Scheda 3 per regione LAVORAZIONI NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI PER REGIONE REGIONE NUM ERO LAVORAZIONI FUNZIONANTI LAVORAZIONI NON FUNZIONANTI GESTITE DALL' A.P. LAVORAZIONI NON GESTITE DALL' A.P. DISPONIBILI POSTI OCCUPATI ABRUZZO BASILICATA CALABRIA CAMPANIA EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA LAZIO LIGURIA LOMBARDIA MARCHE MOLISE PIEMONTE PUGLIA SARDEGNA SICILIA TOSCANA TRENTINO ALTO ADIGE UMBRIA VALLE D'AOSTA VENETO

8 LAVORO Riepilogo Scheda 3 per tipo LAVORAZIONI NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI PER TIPO DI LAVORAZIONE LAVORAZIONE NUM ERO LAVORAZIONI FUNZIONANTI LAVORAZIONI NON FUNZIONANTI GESTITE DALL' A.P. LAVORAZIONI NON GESTITE DALL' A.P. DISPONIBILI POSTI OCCUPATI Assemblaggio componenti vari Assemblaggio / riparazione componenti elettronici Autolavaggio / carrozzeria Call center Calzoleria / Pelletteria Confezionamento pasti Data entry / dematerializzazione documenti Fabbri Falegnameria Lanificio / Tessitoria Lavanderia Metalmenccanica Oggettistica materiali vari Pasticceria/ Panificio / Pizzeria Produzioni Alimentari Sartoria / Calzetteria / Maglieria Tipografia / Editoria / Legatoria Trattamento / Trasformazione rifiuti Vivaio/ Serra / Tenimento Agricolo / Allevamento Altro

9 LAVORO Riepilogo stranieri schede 1 e 2 DETENUTI STRANIERI LAVORANTI REGIONE ALLE DIPENDENZE DELL'AM M INISTRAZIONE DETENUTI STRANIERI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AM M INISTRAZIONE LAVORANTI % LAVORANTI SU STRANIERI PRESENTI Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale Uomini Donne Totale ABRUZZO ,67 BASILICATA ,33 CALABRIA ,96 CAMPANIA ,25 EMILIA ROMAGNA ,51 FRIULI VENEZIA GIULIA ,23 LAZIO ,14 LIGURIA ,79 LOMBARDIA ,32 MARCHE ,41 MOLISE ,43 PIEMONTE ,90 PUGLIA ,96 SARDEGNA ,81 SICILIA ,33 TOSCANA ,62 TRENTINO ALTO ADIGE ,42 UMBRIA ,31 VALLE D'AOSTA ,67 VENETO , ,19

10 Situazione al 30 Giugno 2012 LAVORO Riepilogo Addetti Agricoltura TENIMENTI AGRICOLI E COLONIE STRUTTURE DETENUTI LAVORANTI REGIONE NUM ERO COLONIE AGRICOLE GESTITI DALL'A.P. NUM ERO TENIM ENTI NON GESTITE DALL'A.P. IN COLONIE GESTITI DALL'A.P. IN TENIM ENTI NON GESTITE DALL'A.P. ADDETTI AGRICOLTURA % SU LAVORANTI ABRUZZO ,63 BASILICATA ,00 CALABRIA ,00 CAMPANIA ,40 EMILIA ROMAGNA ,30 FRIULI VENEZIA GIULIA ,00 LAZIO ,89 LIGURIA ,71 LOMBARDIA ,36 MARCHE ,00 MOLISE ,00 PIEMONTE ,09 PUGLIA ,00 SARDEGNA ,33 SICILIA ,16 TOSCANA ,89 TRENTINO ALTO ADIGE ,00 UMBRIA ,38 VALLE D'AOSTA ,00 VENETO , ,50

11 CORSI PROFESSIONALI

12 LAVORO Riepilogo Tpologia Corsi Professionali RIEPILOGO TIPOLOGIA CORSI PROFESSIONALI TIPO CORSO CORSI ATTIVATI CORSI TERM INATI NUM ERO CORSI DETENUTI ISCRITTI NUM ERO CORSI DETENUTI ISCRITTI DETENUTI PROM OSSI ARTE E CULTURA ARTI GRAFICHE E TELEVISIVE ARTIGIANATO CUCINA E RISTORAZIONE EDILIZIA ELETTRICA ESTETICA FALEGNAMERIA GIARDINAGGIO E AGRICOLTURA IDRAULICA IGIENE E AMBIENTE IMPIEGATIZIO INFORMATICA LEGATORIA E TIPOGRAFIA LINGUE MECCANICA ORIENTAMENTO AL LAVORO PROFESSIONALITÀ SPORTIVE TESSILE VARIE

13 LAVORO Riepilogo Scheda 4_1 DETENUTI ISCRITTI AI CORSI ATTIVATI NEL SEMESTRE REGIONE N DETENUTI ISCRITTI DI CUI STRANIERI DETENUTI PRESENTI DI CUI STRANIERI CORSI U. D. U. D. U. D. U. D. ABRUZZO BASILICATA CALABRIA CAMPANIA EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA LAZIO LIGURIA LOMBARDIA MARCHE MOLISE PIEMONTE PUGLIA SARDEGNA SICILIA TOSCANA TRENTINO ALTO ADIGE UMBRIA VALLE D'AOSTA VENETO

14 LAVORO Riepilogo Scheda 4_2 DETENUTI ISCRITTI AI CORSI PROFESSIONALI TERMINATI NEL SEMESTRE REGIONE N CORSI TERM INATI DETENUTI ISCRITTI DI CUI STRANIERI DETENUTI PROM OSSI DI CUI STRANIERI PROM OSSI U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. %(1) U. D. TOT. %(1) ABRUZZO BASILICATA CALABRIA CAMPANIA EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA GIULIA LAZIO LIGURIA LOMBARDIA MARCHE MOLISE PIEMONTE PUGLIA SARDEGNA SICILIA TOSCANA TRENTINO ALTO ADIGE UMBRIA VALLE D'AOSTA VENETO , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 1 6, , , , , , , , , , , , , , , , ,00 NOTA: (1) La percentuale viene calcolata rispetto agli iscritti e non rispetto a coloro che effettivamente terminano il corso. Non tiene quindi conto degli "abbandoni" per motivi vari (trasferimento in altro istituto, remissione in libertà ).

15 ELENCHI PER ISTITUTO

16 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. ABRUZZO cc avezzano cc chieti cc lanciano cc l'aquila cc pescara cr sulmona cc teramo cc vasto BASILICATA cc matera cc melfi cc potenza NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

17 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. CALABRIA cc castrovillari cc catanzaro siano n.c cc cosenza cc crotone cc lametia terme cc laureana di borrello luigi cc locri cc palmi cc paola cc reggio di calabria cr rossano n.c cc vibo valentia n.c NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

18 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. CAMPANIA cc ariano irpino cc arienzo cc avellino bellizzi opg aversa f.saporito cc benevento cc carinola g.b.novelli cr eboli cc lauro cc napoli poggioreale opg napoli sant'eframo (c/o cc napoli secondigliano ccf pozzuoli cc s. maria capua v. n.c cc sala consilina cc salerno cr sant'angelo dei lombardi cc vallo della lucania NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

19 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. EMILIA ROMAGNA cc bologna cl castelfranco emilia cc ferrara cc forli' cc modena cl modena saliceta s. g cc parma cr parma cc piacenza s.lazzaro cc ravenna cc reggio nell'emilia opg reggio nell'emilia cc rimini FRIULI VENEZIA GIULIA cc gorizia cc pordenone cc tolmezzo cc trieste cc udine NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

20 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. LAZIO cc cassino cr civitavecchia cc civitavecchia n.c cc frosinone cc latina cr paliano cc rieti "n.c." cr roma rebibbia cc roma rebibbia 3^ casa ccf roma rebibbia fem cc roma rebibbia n.c cc roma regina coeli cc velletri cc viterbo n.c NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

21 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. LIGURIA cc chiavari cc genova marassi cc genova pontedecimo cc imperia cc la spezia cc san remo n.c cc savona sant'agostino NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

22 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. LOMBARDIA cc bergamo cc brescia canton monb cr brescia verziano cc busto arsizio opg castiglione delle stiv cc como cc cremona cc lecco cc lodi cc mantova cr milano i c.r. opera cr milano ii c.r. bollate cc milano san vittore cc monza cc pavia cc sondrio cc varese cc vigevano cc voghera n.c NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

23 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. MARCHE cc ancona cc ancona barcaglione cc ascoli piceno cc camerino cc fermo cr fossombrone cc pesaro MOLISE cc campobasso cc isernia cc larino NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

24 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. PIEMONTE cc alba cc alessandria cantiello e g cr alessandria san michele cc asti cc biella cc cuneo cr fossano cc ivrea cc novara cr saluzzo rodolfo morandi cc torino lorusso e cotugno cc verbania cc vercelli NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

25 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. PUGLIA cc altamura cc bari cc brindisi cc foggia cc lecce n.c cc lucera cc san severo cc taranto cc trani crf trani cr turi NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

26 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. SARDEGNA cr alghero cr arbus is arenas cc cagliari cc iglesias cr isili cc lanusei s.daniele cr lode' mamone-lode' cc macomer cc nuoro cc oristano cc sassari cc tempio pausania NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

27 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. SICILIA cc agrigento cr augusta opg barcellona p. di gotto cc caltagirone cc caltanissetta cc castelvetrano cc catania bicocca cc catania piazza lanza cc enna cr favignana cc gela cc giarre cc marsala cc messina cc mistretta cc modica cc nicosia cr noto cc palermo pagliarelli cc palermo ucciardone cc piazza armerina cc ragusa cr san cataldo cc sciacca cc siracusa NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

28 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. (1) DI CUI STRANIERI cc termini imerese cc trapani TOSCANA cc arezzo ccf empoli cc firenze mario gozzini cc firenze sollicciano n.c.p cc grosseto cc livorno cr livorno gorgona cc lucca cr massa cc massa marittima opg montelupo fiorentino cc pisa cc pistoia cr porto azzurro cc prato cr san gimignano cc siena cr volterra NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

29 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. TRENTINO ALTO ADIGE cc bolzano cc trento spini di gardolo UMBRIA cr orvieto cc perugia capanne cr spoleto cc terni VALLE D'AOSTA cc brissogne aosta NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

30 LAVORO Scheda 1 DETENUTI LAVORANTI ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA SERVIZI EXTRAM URARI ISTITUTO DETENUTI PRESENTI LAVORAZIONI COLONIE SERVIZI M ANUT. ORD. in art. 21 DI CUI STRANIERI AGRICOLE DI ISTITUTO FABBRICATI (1) U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. VENETO cc belluno cc padova cr padova n.c cc rovigo cc treviso crf venezia giudecca cc venezia giudecca sat cc venezia s. maria m cc verona montorio cc vicenza NAZIONALE NOTA: (1) Sono conteggiati i detenuti beneficiari dell'art.21 O.P. stipendiati dall'amministrazione Penitenziaria e impiegati in servizi esterni all'istituto.

31 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. ABRUZZO cc avezzano cc chieti cc lanciano cc l'aquila cc pescara cr sulmona cc teramo cc vasto (8 istituti) BASILICATA cc matera cc melfi cc potenza (3 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

32 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. CALABRIA cc castrovillari cc catanzaro siano n.c. cc cosenza cc crotone cc lametia terme cc laureana di borrello luigi cc locri cc palmi cc paola cc reggio di calabria cr rossano n.c. cc vibo valentia n.c (12 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

33 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. CAMPANIA cc ariano irpino cc arienzo cc avellino bellizzi opg aversa f.saporito cc benevento cc carinola g.b.novelli cr eboli cc lauro cc napoli poggioreale opg napoli sant'eframo (c/o cc napoli secondigliano ccf pozzuoli cc s. maria capua v. n.c. cc sala consilina cc salerno cr sant'angelo dei lombardi cc vallo della lucania (17 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

34 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. EMILIA ROMAGNA cc bologna cl castelfranco emilia cc ferrara cc forli' cc modena cl modena saliceta s. g. cc parma cr parma cc piacenza s.lazzaro cc ravenna cc reggio nell'emilia opg reggio nell'emilia cc rimini (13 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

35 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. FRIULI VENEZIA GIULIA cc gorizia cc pordenone cc tolmezzo cc trieste cc udine (5 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

36 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. LAZIO cc cassino cr civitavecchia cc civitavecchia n.c. cc frosinone cc latina cr paliano cc rieti "n.c." cr roma rebibbia cc roma rebibbia 3^ casa ccf roma rebibbia fem. cc roma rebibbia n.c.1 cc roma regina coeli cc velletri cc viterbo n.c (14 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

37 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. LIGURIA cc chiavari cc genova marassi cc genova pontedecimo cc imperia cc la spezia cc san remo n.c. cc savona sant'agostino (7 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

38 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. LOMBARDIA cc bergamo cc brescia canton monb. cr brescia verziano cc busto arsizio opg castiglione delle stiv. cc como cc cremona cc lecco cc lodi cc mantova cr milano i c.r. opera cr milano ii c.r. bollate cc milano san vittore cc monza cc pavia cc sondrio cc varese cc vigevano cc voghera n.c (19 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

39 LAVORO Scheda 2 DETENUTI LAVORANTI NON ALLE DIPENDENZE DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DETENUTI SEM ILIBERI (1) LAVORO LAVORANTI IN ISTITUTO PER CONTO DI: (2) DI CUI ISTITUTO PRESENTI IN PROPRIO PER DATORI DI ALL' ESTERNO IM PRESE COOPERATIVE STRANIERI LAV. ESTERNI ART.21 U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. U. D. TOT. MARCHE cc ancona cc ancona barcaglione cc ascoli piceno cc camerino cc fermo cr fossombrone cc pesaro (7 istituti) MOLISE cc campobasso cc isernia cc larino (3 istituti) NOTE: (1) Sono conteggiati esclusivamente i semiliberi impegnati in attività lavorative. (2) Sono conteggiati i detenuti lavoranti in qualità di soci - dipendenti - co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa) per cooperative/imprese, inclusi i lavoranti a domicilio ex art.52 DPR 230/2000 e anche gli impiegati in lavorazioni penitenziarie NON gestite dall'amministrazione Penitenziaria

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Approfondimenti Milano, 15 ottobre 2013 L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Abstract della ricerca P.E. 24h/La Cas@fuoricasa a cura dell Ufficio

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie (Presidente: Prof. Luigi Frati)

Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie (Presidente: Prof. Luigi Frati) Conferenza Permanente delle Classi di Laurea delle Professioni Sanitarie (Presidente: Prof. Luigi Frati) LAUREE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Rapporto Mastrillo anno 21 Dati sull accesso ai corsi e programmazione

Dettagli

Corriamo. 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente. per l ambiente!

Corriamo. 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente. per l ambiente! Corriamo 5 EDIZIONE i percorsi le associazioni le attività a favore di sport & ambiente per l ambiente! E la più grande corsa a tappe a favore dell e dello ambiente sport E una manifestazione non competitiva,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG Regolamento per l attestazione di conformità REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG REV. DATA PREPARATO Responsabile qualità 0 31/8/99 1 10/11/99 2 17/9/01 3 20/01/03

Dettagli

0.414.994.541. Accordo

0.414.994.541. Accordo Testo originale 0.414.994.541 Accordo tra il Consiglio Federale Svizzero ed il Governo della Repubblica Italiana sul reciproco riconoscimento delle equivalenze nel settore universitario Concluso il 7 dicembre

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE

CAMPIONATO A SQUADRE RAGAZZI 2012 SEZIONE MASCHILE SOCIETA' C.R PUNT. M AURELIA LAZ 12013 TEAM LOMBARDIA LOM 11726 PLAIN TEAM VENETO VEN 11487 GESTISPORT COOP LOM 11355 TEAM INSUBRIKA LOM 11323 ANIENE LAZ 11202 TEAM NUOTO TOSCANA EMPOLI TOS 11014 DDS LOM

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Ancona Ente regionale per il diritto allo studio universitario (Ersu), Vicolo della Serpe 1, 60121 Ancona, tel. 071-227411 (centr.),

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

L evoluzione delle circoscrizioni provinciali dall Unità d Italia ad oggi. (Gaetano Palombelli)

L evoluzione delle circoscrizioni provinciali dall Unità d Italia ad oggi. (Gaetano Palombelli) L evoluzione delle circoscrizioni provinciali dall Unità d Italia ad oggi (Gaetano Palombelli) Premessa L approfondimento che è oggetto di questo capitolo prende spunto dalla pubblicazione su Amministrazioni

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NAZIONALE

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA NAZIONALE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ACLI Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani 2) Codice di accreditamento: NZ00045 3) Albo

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015

Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Foglio Informativo n AF01 aggiornamento n 023 data ultimo aggiornamento 12.03.2015 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG

Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG Regolamento del Concorso a premio denominato: LO HOBBIT: LA DESOLAZIONE DI SMAUG 1. SOGGETTO PROMOTORE: Gruppo Coin SpA con socio unico, capitale sociale 18.081.484,30 I.V - Via Terraglio, 17-30174 Mestre

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche.

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche. 1 di 17 07/04/2014 14:30 Leggi d'italia D.L. 6-3-2014 n. 16 Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche.

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

DecOro Una ricca collezione di decorazioni che ampliano le soluzioni architettoniche dei Mosaici d Italia

DecOro Una ricca collezione di decorazioni che ampliano le soluzioni architettoniche dei Mosaici d Italia MOSAICI d ITALIA Il nome.. la materia.. l idea, un progetto di notevole spessore. Una innovazione certa tutto assolutamente ed esclusivamente Italiano. Gres porcellanato estruso, colori a tutta massa dalle

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato

Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Vini Dop e Igp: i numeri della produzione e del mercato Struttura e produzioni Le statistiche strutturali relative ai vini Dop e Igp utilizzate nella presente analisi si basano sui dati provenienti dagli

Dettagli

Dati climatici G.DE GIORGIO

Dati climatici G.DE GIORGIO Dati climatici G.DE GIORGIO Introduzione Nella progettazione dei sistemi di conversione e utilizzazione dell energia solare, sia attivi che passivi, così come nella valutazione energetica del sistema edificio

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Relazione del Ministero sull amministrazione della giustizia anno 2012 Inaugurazione dell Anno Giudiziario 2013

Relazione del Ministero sull amministrazione della giustizia anno 2012 Inaugurazione dell Anno Giudiziario 2013 Relazione del Ministero sull amministrazione della giustizia anno 2012 Inaugurazione dell Anno Giudiziario 2013 Pag. I INDICE Pagina 1 GABINETTO DEL MINISTRO Servizio interrogazioni parlamentari 1 Servizio

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

Grad. Codice Candidato Punt. Scelte Status

Grad. Codice Candidato Punt. Scelte Status Grad. Codice Candidato Punt. Scelte Status MP ASPERI LUCA. Medicina Pavia, Medicina Vercelli "Avogadro", Medicina Milano, Medicina Torino I Facoltà MP CASTI VALENTINA. Medicina Cagliari CMP LUPPI RICCARDO.

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica

EMILIA ROMAGNA. Natura giuridica. Contatti Via Piero Maroncelli, 40 47014 Meldola, Forlì Cesena. Terapie avanzate nell ambito dell oncologia medica Altri Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico IRCCS (area di ricerca oncologica) presenti sul territorio nazionale, suddivisi per area geografica Gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI - DIREZIONE SOCIALE INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI Scheda di rilevazione Ambito Distrettuale di.. Nr. data di nascita M/F disabilità

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli