PIANO GENERALE DI SVILUPPO Aggiornamento 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO GENERALE DI SVILUPPO Aggiornamento 2008"

Transcript

1 Comune di Forlì PIANO GENERALE DI SVILUPPO Aggiornamento 2008 AI SENSI DELL ART. 165, COMMA 7, D.LGS. N. 267/2000 E DELL ART. 10 DELLO STATUTO COMUNALE Primo tratto del nuovo sistema tangenziale

2 INDICE PREMESSA...pag. 3 PROGRAMMI E PROGETTI...pag. 7 LO SCENARIO FUTURO...pag. 9 IL COMUNE COME HOLDING...pag. 15 GLI ALTRI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALI...pag. 17 PROGRAMMA 1 La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Progetto 1.1 Gli strumenti della partecipazione democratica...pag. 21 Progetto 1.2 La qualità della pubblica amministrazione...pag. 25 Progetto 1.3 Servizi telematici...pag. 29 Progetto 1.4 Gestione efficiente dei servizi...pag. 33 Progetto 1.5 L internazionalizzazione della città...pag. 37 Progetto 1.6 La sicurezza...pag. 41 Progetto 1.7 Protezione civile...pag. 45 Progetto 1.8 Strategia finanziaria ed economica, fiscale, patrimoniale...pag. 47 PROGRAMMA 2 La qualità del sapere, della formazione e della cultura Progetto 2.1 Le politiche educative per l infanzia e l adolescenza...pag. 53 Progetto 2.2 La città universitaria...pag. 57 Progetto 2.3 La cultura come asset per uno sviluppo sostenibile...pag. 61 Progetto 2.4 Edilizia scolastica, contenitori culturali e impianti sportivi...pag. 67 pag 1

3 PROGRAMMA 3 La qualità dello sviluppo economico Progetto 3.1 Il sistema delle imprese...pag. 75 Progetto 3.2 L Agricoltura...pag. 83 Progetto 3.3 Il Commercio e il turismo...pag. 85 Progetto 3.4 Le infrastrutture del territorio...pag. 89 PROGRAMMA 4 La qualità ambientale Progetto 4.1 Una rinnovata cultura della Città per la riqualificazione del territorio...pag. 95 Progetto 4.2 Centro Storico...pag. 99 Progetto 4.3 Mobilità sostenibile...pag. 103 Progetto 4.4 Piano energetico...pag. 107 Progetto 4.5 Tutela dell'ambiente...pag. 111 Progetto 4.6 Il benessere animale...pag. 115 Progetto 4.7 Qualità urbana e sicurezza stradale...pag. 117 PROGRAMMA 5 La qualità del welfare municipale e comunitario Progetto 5.1 Sviluppo della qualità del sistema di welfare...pag. 123 Progetto 5.2 Migliore accesso ai servizi...pag. 125 Progetto 5.3 Sostegno alle famiglie...pag. 129 Progetto 5.4 Un programma per i disabili: sostenerne il progetto di vita...pag. 133 Progetto 5.5 Una Terza età attiva e la domiciliarità per gli anziani...pag. 137 Progetto 5.6 Solidarietà ed inclusione sociale...pag. 141 Progetto 5.7 Le pari opportunità tra uomini e donne...pag. 145 Progetto 5.8 Le politiche abitative...pag. 149 Progetto 5.9 Salute e benessere come valore sociale...pag. 153 Progetto 5.10 Il diritto allo Sport...pag. 157 pag 2

4 Premessa al Piano Generale di Sviluppo 2008 Il Piano Generale di Sviluppo (PGS) rappresenta il principale documento di programmazione generale pluriennale e strategica nel quale sono definiti i principali obiettivi strategici del Comune. Dopo le elezioni amministrative di giugno 2004, è stato predisposto il PGS , approvato con delibera consiliare n. 168/2004 in relazione agli obiettivi indicati nel programma amministrativo del Sindaco neoeletto. In particolare, gli impegni elettorali del Sindaco sono stati tradotti in azioni concrete da realizzare e sono articolati su tre livelli di programmazione: - il programma che rappresenta la prima aggregazione degli obiettivi in tematismi; - il progetto che articola il programma per tipologia di intervento o per tipologia di utente a cui sono rivolti gli obiettivi; - l azione strategica che rappresenta la fase più operativa della realizzazione degli obiettivi. Il PGS 2006 ha rappresentato il primo aggiornamento del PGS. In particolare, le azioni strategiche sono state riviste in relazione agli obiettivi raggiunti nel 2005 e alle nuove priorità politiche definite in relazione ai cambiamenti socio ambientali verificatesi. Inoltre, l aggiornamento ha riguardato la struttura del documento ai fini di una semplificazione dello strumento di programmazione: si sono ridotte sensibilmente le azioni strategiche attraverso un operazione di aggregazione e di maggiore focalizzazione degli aspetti strategici rispetto a quelli più operativi. Da 153 azioni strategiche del PGS 2005 si passa a 100 del PGS Inoltre nel PGS 2006 si sono rappresentati, per ogni progetto strategico: - le risorse correnti e per investimento; - gli strumenti di partecipazione e di pianificazione negoziata; - gli altri partnership possibili: elenco dei partner pubblici e privati che possono essere coinvolti nell attuazione dell azione strategica oltre a quelli già previsti nei contratti di pianificazione negoziata; - gli stakeholder di riferimento: indicazione dei principali portatori di interesse a cui sono finalizzate le azioni strategiche; - gli indicatori: definizione degli indicatori che saranno utilizzati nel bilancio sociale per misurare l efficacia sociale delle azioni strategiche. Il PGS 2007 è stato il secondo aggiornamento del PGS. In tale documento si è mantenuta sostanzialmente la stessa struttura del PGS 2006 con tre novità: - inserimento di una parte relativa allo scenario futuro, nella quale sono indicati le principali aree strategiche di intervento. - indicazione per ogni azione strategica della parte relativa ai risultati raggiunti nei vari anni e degli obiettivi da raggiungere nell anno di riferimento. - definizione per ogni progetto degli indirizzi per i soggetti esterni controllati o partecipati dal Comune.

5 Il PGS 2008 Il PGS 2008 mantiene integralmente la struttura del PGS Dal 2006 le Azioni strategiche sono rimaste invariate, e la descrizione non è più stata variata, tranne in casi eccezionali. In tale modo, il confronto tra la descrizione delle azioni strategiche ed i risultati raggiunti nel corso dei vari anni, permette di valutare lo stato di attuazione degli impegni elettorali del Sindaco. Nella parte relativa ai risultati raggiunti sono stati evidenziati per ogni azione strategica: - i risultati raggiunti nel 2005 e nel 2006, così come sono stati desunti nei rispettivi bilanci sociali analitici 2005 e 2006 presentati in Consiglio Comunale in sede di approvazione dei conti consuntivi del bilancio di previsione; - i risultati raggiunti nel 2007, cosi come sono stati ricavati dallo stato di attuazione del PGS presentato in Consiglio Comunale il 24 settembre 2007 e da successive analisi sul grado di raggiungimento degli obiettivi. Nel PGS 2008 le singole azioni strategiche sono dettagliate attraverso le seguenti informazioni: - Descrizione: indicazione dei risultati che si devono raggiungere nel corso del mandato amministrativo e delle modalità di attuazione delle azioni strategiche; - Periodo di attuazione: indicazione dell arco temporale in cui viene realizzata l azione strategica; - Responsabile politico: indicazione dell Assessore responsabile alla realizzazione dell azione strategica; - Note: indicazione dell aggiornamento dell azione strategica rispetto al PGS 2006 e specifica delle altre azioni collegate per favorire una lettura intersettoriale delle politiche dell ente. - ; - ; - ; - Gli obiettivi Sono stati riportati gli strumenti di partecipazione e di pianificazione negoziata attivati dal Comune per una migliore rappresentazione della governance interistituzionale. In relazione al principio di sussidiarietà orizzontale, sempre più le politiche dell ente sono attuate con il coinvolgimento diretto dei soggetti esterni all amministrazione. In tale logica è importante sviluppare un modello organizzativo a rete, che favorisca la convergenza di obiettivi e la cooperazione sinergica tra soggetti pubblici e privati che operano sul territorio. L obiettivo è quello di definire un PGS in grado di rappresentare il piano strategico del territorio in cui si definiscono obiettivi condivisi da raggiungere e ogni attore si assume l impegno di realizzare determinate azioni dirette al raggiungimento degli obiettivi. In questa logica di governance il Comune rappresenta il soggetto che deve promuovere e coordinare il piano strategico, attraverso la creazione di momenti di partecipazione, in cui tutti gli attori del piano possano esprimere proprie idee e condividere gli scenari di sviluppo. Il processo di inclusione e di formazione delle partnership è finalizzato a: - creare un consenso ampio sulle politiche di sviluppo adottate; - disporre di nuove risorse finanziarie, tecnologiche e informative per l attuazione dei programmi; - evitare sforzi separati e creare delle sinergie tra attori; - ridurre i tempi di realizzazione dei programmi; - ricevere contributi dall Unione Europea, che considera sempre più l inclusione un requisito fondamentale per il finanziamento dei progetti.

6 Il sistema di programmazione e controllo adottato Dopo l approvazione del documento in Consiglio Comunale, tutti gli altri strumenti di programmazione gestionale dell ente (dal piano esecutivo di gestione al piano dettagliato degli obiettivi) sono stati definiti in relazione alle indicazioni contenute nel PGS, in modo da implementare un sistema di programmazione e controllo integrato e coordinato. In questo modo gli obiettivi gestionali delle singole unità organizzative discendono direttamente dalle azioni strategiche del PGS. La verifica sullo stato di attuazione del PGS viene svolta periodicamente, in relazione alla rilevazione del grado di raggiungimento degli obiettivi gestionali delle singole unità organizzative dell Amministrazione coinvolte nell attuazione delle azioni strategiche. Azione Strategica (obiettivo strategico per assessorato) Obiettivo di PEG (obiettivo gestionale per area organizzativa) Obiettivo di PDO (obiettivo gestionale per servizio organizzativo) Modello di Pianificazione strategica del Comune di Forlì Programma del Sindaco Stakeholder Piano Generale di Sviluppo Bilancio Sociale Gestione Stakeholder

7 PROGRAMMI PROGETTI 1 La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di 1.1 Gli strumenti della partecipazione democratica sicurezza rivolti a tutti i cittadini 1.2 La qualità della Pubblica Amministrazione Mission: Un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di 1.3 Servizi telematici sicurezza rivolti a tutti i cittadini, impegnato nell'opera di semplificazione della macchina 1.4 Gestione efficiente dei servizi amministrativa. 1.5 L'internazionalizzazione della città 1.6 La Sicurezza 1.7 Protezione civile 1.8 Strategia finanziaria ed economica, fiscale, patrimoniale 2 La qualità del sapere, della formazione e della cultura 2.1 Le politiche educative per l infanzia e l adolescenza Mission: Sapere, formazione e cultura per un sistema di conoscenza e di istruzione di alto 2.2 La città universitaria profilo per tutta la società che comprenda tutte le fasce dalla didattica per l'infanzia 2.3 La Cultura come asset per uno sviluppo sostenibile all'università, dalla formazione permanente alla ricerca specialistica. 2.4 Edilizia scolastica, contenitori culturali e impianti sportivi 3 La qualità dello sviluppo economico 3.1 Il sistema delle imprese Mission: Sostegno allo sviluppo, in particolare attraverso scelte e investimenti capaci di creare 3.2 L Agricoltura le condizioni che assicurano al nostro sistema produttivo ed economico competitività, 3.3 Il Commercio e il turismo puntando su ricerca, innovazione e servizi. 3.4 Le infrastrutture del territorio 4 La qualità ambientale 4.1 Una rinnovata cultura della Città per la riqualificazione del territorio Mission: La qualità ambientale, da elemento accessorio allo sviluppo sociale e materiale della 4.2 Centro Storico comunità, diventa elemento centrale della qualità della vita. 4.3 Mobilità sostenibile 4.4 Piano energetico 4.5 Tutela dell'ambiente 4.6 Il benessere animale 4.7 Qualità urbana e sicurezza stradale 5 La qualità del welfare municipale e comunitario 5.1 Sviluppo della qualità del sistema di welfare Mission: Il welfare municipale e comunitario per una rete di servizi socio-sanitari basata 5.2 Migliore accesso ai servizi sull'idea di solidarietà, sull'attenzione nei confronti delle fasce più deboli e sull'assicurazione 5.3 Sostegno alle famiglie del diritto alla salute. 5.4 Un programma per i disabili: sostenerne il progetto di vita 5.5 Una Terza età attiva e la domiciliarità per gli anziani 5.6 Solidarietà ed inclusione sociale 5.7 Le pari opportunità tra uomini e donne 5.8 Le politiche abitative 5.9 Salute e benessere come valore sociale 5.10 Il diritto allo Sport

8 Il Comune come holding L esigenza di razionalizzare la gestione dei servizi, l evoluzione normativa, nonché la scarsità di risorse finanziarie a disposizione dell ente, spingono verso il modello di Comune Holding, mediante il quale l ente affida la gestione dei servizi pubblici a società delle quali detiene una quota di partecipazione. L attività di tali società viene controllata direttamente dal Comune al fine di: verificare la corretta esecuzione dei servizi pubblici in relazione al contratto di servizio e alla carta dei servizi; verificare la coerenza tra la gestione dei servizi pubblici e le esigenze del territorio; definire indirizzi strategici per l esecuzione dei servizi pubblici; valutare la redditività e l efficienza delle società. Il modello di PGS prevede una parte specifica relativa agli indirizzi per i soggetti esterni controllati o partecipati dal Comune. In questo modo il PGS si configura come strumento di indirizzo generale del Comune, rivolto sia alla struttura organizzativa interna all amministrazione che agli enti esterni partecipati. In particolare questi ultimi dovranno riprendere gli indirizzi del PGS nei loro piani industriali o in altri documenti di programmazione. PEG (obiettivi gestionali struttura organizzativa PGS PIANI INDUSTRIALI (indirizzi per società partecipate) Di seguito si riportano l elenco degli organismi partecipati articolati per programma del Pgs. Programma 1) La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Organismi partecipati - Consorzio A.T.R. - Romagne Acque Società delle Fonti S.p.A. - ACER Forlì-Cesena 2) La qualità del sapere, della formazione e della cultura - SERINAR Soc. Cons. p.a. - Istituzione "Fondo per la Cultura" - ISAERS Soc. Cons. a r.l. 3) La qualità dello sviluppo economico - SEAF S.p.A - ISAERS Soc. Cons. a r.l. - Fiera di Forlì S.p.A.; - Promozione e Turismo Soc. Cons p.a.

9 4) La qualità ambientale - SAPRO S.p.A. - Consorzio A.T.R. - ATO - Unica Reti S.p.A. - Romagna Acque Società delle Fonti S.p.A; - AGESS Soc. Cons. a r.l. 5) La qualità del welfare municipale e comunitario - Ente Orfanotrofi - Azienda Pubblica di Servizi per l'infanzia - Forlifarma S.p.A. - TECHNE' Soc. Cons. p.a. - Società per l Affitto Soc. Cons. a r.l. - ACER Forlì-Cesena

10 Lo scenario futuro Il piano generale di sviluppo ha l obiettivo di descrivere una visione per Forlì per i prossimi anni: a questo fine si evidenziano le principali linee strategiche su cui puntare per rendere la città attrattiva e competitiva: il sistema tangenziale: Il nuovo sistema tangenziale, di competenza dell ANAS, è un progetto di grande importanza per il futuro della città e del territorio. Si tratta di un grande anello viario che segue gran parte del perimetro dell area urbana, mettendo in collegamento i centri nevralgici: casello autostradale, aeroporto, polo ospedaliero di Vecchiazzano, e le principali arterie stradali (Ravegnana, Cervese e strade principali delle vallate). I lavori finanziati e avviati, per un investimento complessivo di oltre 200 milioni di euro, riguardano in particolare i primi due lotti della Tangenziale Est e il raddoppio e completamento dell Asse di Arroccamento. Il primo lotto della Tangenziale Est prevede la costruzione di circa due chilometri di asse viario (da via Mattei al prolungamento di viale Spazzoli), per un investimento di 32 milioni di euro. L opera, avviata nel 2005, si è conclusa a fine L opera ha visto la realizzazione di una galleria di 80 metri sopra alla quale insiste una rotatoria di svincolo tra la via Emilia e la Tangenziale est. Il secondo lotto, con un investimento di 76 milioni di euro, è stato avviato nel ed è in fase di esecuzione. L intervento, che interessa il tratto compreso fra il prolungamento di viale Spazzoli e via Placucci a S. Martino, per una lunghezza di 3 chilometri e 205 metri, e che comprende anche la realizzazione di una galleria di 535 metri sotto l aeroporto, sarà ultimato nella primavera del Per quanto riguarda il terzo lotto (da via Placucci a via Firenze) e il quarto lotto (dallo svincolo a quadrifoglio-via Mattei all Autostrada) della Tangenziale Est, il cui costo complessivo ammonta a 96 milioni di euro, inseriti nel piano triennale dell ANAS , saranno realizzati in base ai piani operativi dell ANAS stessa.

11 lo scalo merci interprovinciale Nell area La Selva ai confini con Forlimpopoli nascerà il più grande snodo ferroviario per trasporto merci della Romagna, che sostituirà i centri di Forlì, Cesena, Santarcalngelo e Rimini. I lavori sono attualmente in corso e i lavori relativi al primo lotto (oltre mq) dovrebbero chiudersi entro la primavera del A regime lo scalo occuperà mq ed avrà una capacità di oltre 1,2 milioni di tonnellate/anno. Il nuovo Scalo Merci ferroviario è parte costitutiva della piattaforma romagnola, che insieme con il porto di Ravenna, l autoporto di Cesena e l aeroporto di Forlì forma un sistema integrato per la distribuzione e la movimentazione delle merci. l Area industriale di Villa Selva È inserita in un corridoio infrastrutturale che comprende il nuovo casello autostradale di Forlì - Forlimpopoli (in progetto), i collegamenti con il sistema tangenziale di Forlì (e attraverso questo con l aeroporto), con la nuova via Emilia e, attraverso la Cervese adeguatamente potenziata, con il porto di Ravenna, la connessione diretta con il nuovo scalo merci ferroviario. La concentrazione delle quote di espansione dell offerta per insediamenti produttivi a Villa Selva assume così il significato di una polarizzazione entro un ambito che per qualità dell accessibilità territoriale e dei servizi offerti è in grado di competere con successo con altre situazioni a livello regionale ed extraregionale. La competitività del sistema economico romagnolo dovrebbe trovare uno dei principali punti di forza proprio in questa polarità. il Polo di Pieve Acquedotto È concepito per riorganizzare alcune funzioni presenti (Fiera, casello autostradale, direzionalità, ecc.) in un sistema complesso di funzioni, tutte connotate dal forte carico urbanistico e dall esigenza di integrazione: si tratta di funzioni logistiche (centro per l autotrasporto, in prossimità del casello autostradale), fieristiche (potenziamento del polo fieristico), mercantili (trasferimento del mercato ortofrutticolo e di altre eventuali funzioni mercantili), commerciali (sede di un Centro Commerciale), oltre che di funzioni direzionali e di servizio ad esse collegate; il polo tecnologico aeronautico Il polo tecnologico aeronautico (PTA), sviluppatosi nell area aeroportuale, ha visto insediarsi nel corso degli ultimi anni diversi operatori attivi in settori complementari (dalla didattica alle imprese di progettazione e ricerca), che permettono di considerate il polo quale centro specialistico in tutto il settore aerospaziale. Attualmente la didattica è presente con l istituto tecnico aeronautico Baracca, con la facoltà di ingegneria aerospaziale, con il centro ENAV e la sua scuola di formazione per i controllori di volo (unica in Italia) e con tre scuole di addestramento al volo. L integrazione tra l aeroporto, l università le i- stituzioni ha già dimostrato le potenzialità del polo, quale incubatore di nuove realtà imprenditoriali: ne è un esempio la nuova impresa Dieseljet Srl che ha sviluppato un motore per aerei. Al fine di favorire maggiore integrazione tra i vari soggetti e di migliorare l attrattività del polo è in fase di analisi un progetto di sviluppo territoriale che prevede la realizzazione di studentati, servizi di ristorazione, attività ricreative e sportive, ampliamento dell aeroporto in particolare per i servizi commerciali, nuove aree di espansione per la ricerca applicata (nuovi laboratori), terziario avanzato e nuove imprese di star up.

12 il complesso museale San Domenico Con la mostra Marco Palmezzano. Il Rinascimento nelle Romagne si è aperto il complesso monumentale San Domenico, l antico convento che dopo l intervento di recupero si propone ora nella sua nuova veste di cuore e motore del sistema culturale cittadino. Il recupero complessivo del San Domenico si concluderà con il restauro della chiesa e la riqualificazione della piazza circostante (Piazza Guido da Montefeltro). Grazie al recupero della chiesa, i cui lavori sono stati appaltati all inizio del 2007, l intero complesso sarà arricchito da una sala polivalente connessa all istituzione museale per attività e funzioni complementari quali mostre ed esposizione temporanee, conferenze, convegni, concerti, eventi ed esibizioni culturali di varia natura. L intervento è finanziato dal Comune, dalla Regione e dal Ministero dei Beni Culturali per una spesa complessiva di (Ministero , Regione , Comune ) il Campus universitario Nell area ex Morgagni sorgerà il Campus universitario in grado di accogliere studenti e un corpo docente di 270 unità. Sono previste le realizzazioni di una grande biblioteca, un centro linguistico, aule per la didattica e un centro informatico, oltre ai vari servizi accessori quali luoghi di ristorazione, spazi di aggregazione e parcheggi. La cittadella universitaria avrà una dimensione di quasi 9 ettari, con mq di superficie di strutture interessate da un azione di recupero, mq di nuove costruzioni, il restauro di Palazzo Merenda (sede della bilblioteca comunale A. Saffi e una vasta porzione destinata a parco che, una volta terminati i lavori, sarà fruibile dall intera città. Oltre ai plessi di via Giacomo della Torre (nel padiglione Morgagni già da tempo è insediata la facoltà di Scienze Politiche) è operativa da anni la biblioteca nell ex padiglione Pallareti (via San Pellegrino Laziosi) che ospita anche i master di specializzazione e uffici tecnici. Il progetto ha anche un valore sperimentale in termini di sviluppo sostenibile grazie la sistema di teleriscaldamento e cogenerazione per la produzione di e- nergia termica ed elettrica. L intero progetto prevede un investimento di circa 80 milioni di euro (sostanzialmente finanziati dallo Stato in minor entità dalla Regione). il Polo ospedaliero Morgagni Prevede lo sviluppo delle funzioni specialistiche e di eccellenza a dimensione sovracomunale del nuovo ospedale e il coordinamento con l università, per rendere il polo sanitario forlivese sede di formazione e ricerca;

13 Progetto Centro Storico Il Progetto Centro Storico ha come obiettivo di definire le soluzioni progettuali integrate per la valorizzazione e rivitalizzazione dei luoghi e delle risorse locali che sono presenti nel nucleo centrale di Forlì. Si basa sulla partecipazione attiva di tutte le persone presenti nel centro storico: abitanti, operatori commerciali, u- tenti, ecc. Il progetto è sviluppato da un gruppo di lavoro, che si avvale di diversi momenti di confronto per favorire la partecipazione di tutte le persone interessate: - tavolo interistituzionale, composto da soggetti rappresentativi degli enti coinvolti (Camera di Commercio, Associazioni di categoria, Ordini professionali, ecc.); - Forum, che rappresentano momenti di interazione fra il Comune, il gruppo di lavoro e la comunità; - Focus group, gruppi di lavoro specifici per approfondimento tematico, inerenti aspetti del centro storico e finalizzati all individuazione delle priorità percepite dagli abitanti. Le soluzioni progettuali che saranno individuate dovranno permettere di: - valorizzare il centro storico nel suo complesso; - rendere le trasformazioni urbanistiche funzionali alle nuove esigenze di sviluppo economico e sociale della città; - promuovere il recupero e la rifunzionalizzazione dei complessi edilizi dimessi o sotto utilizzati; - migliorare la qualità urbana ed insediativi; - creare opportunità per la crescita e la qualificazione dell economia locale.

14 Si riportano di seguito gli interventi di riqualificazione del centro storico in atto o in corso di attuazione: Opere Descrizione Previsione Investimento conclusione lavori previsto Corso Diaz Rifacimento pavimentazione e arredi nel tratto tra piazza Saffi e via Merenda. Gennaio Piazza Cavour e mercato elle erbe Nuovo arredo e illuminazione della piazza con previsione di uno spazio per gestire Giugno eventi. Intervento di restauro nel mercato coperto e nella ex scuola media destinata, al piano terra, a ristorazione e al commerciale. Studentato Sassi-Masini Restauro e recupero del palazzo nobiliare e realizzazione di alloggi per un totale di Luglio posti, oltre a spazi comuni per studio, soggiorno e ricreazione, aperti anche agli studenti universitari non residenti. Nel 2007 sono stati affidati i lavori. Piazzetta Corbizi e centro giovanile Lavori di riqualificazione nell area dove sorgerà il centro giovanile Il Carro di Tespi. Gennaio Palazzo Gaddi Lavori di ripristino delle coperture e consolidamento delle volte (conclusi nel febbraio I lavori si sono conclusi nel ) e lavori di restauro apparati decorativi (affreschi, stucchi e decorazioni). Per il 2008 è in corso di progettazione un intervento di ristrutturazione dell intero palazzo con un I stralcio delle opere finanziato nel Complesso San Domenico Lavori di recupero della Chiesa per creare spazi polivalenti (circa mq. Per spazi Entro il aperti al pubblico e circa 300 mq. per servizi) in cui sia possibile allestire mostre temporanee, eventi musicali, di prosa, spettacoli, ecc. Sono in fase di progettazione gli interventi relativi alla chiusura del 2 chiostro ed allestimento museale della Chiesa (entro il 2008). Piazza Guido da Montefeltro Riqualificazione dell intera area. Completamento della fase di discussione, anche in relazione al progetto Centro Storico. L intervento è in fase di progettazione. Campus universitario Realizzazione di un grande complesso in grado di accogliere studenti e mettere Entro il 2010 Oltre a disposizione attrezzature e servizi qualificati. Sono stati completati i lavori di ristrutturazione dei primi due padiglioni G. Morgagni e dell intero Gaddi. E in corso di esecuzione l intervento di bonifica e demolizione, che sarà concluso entro l estate del 2008; contestualmente si stanno progettando gli interventi relativi al trefolo, ai blocchi aule, alla mensa e al padiglione di ingresso, per i quali si prevede l inizio lavori entro il 2008 Restauro ex GIL Ristrutturazione impianti sportivi e realizzazione del Museo della Ginnastica: Espletamento gara ed inizio lavori a fine Gli investimenti nel centro storico ammontano complessivamente a circa 55 milioni di euro, escluso l intervento relativo alla piazza Guido da Montefeltro, che è in fase di progettazione.

15 Gli altri strumenti di programmazione pluriennali Come già riportato in premessa, il PGS rappresenta il principale documento di programmazione generale pluriennale e strategica dell Ente. In esso vengono definiti gli obiettivi di medio e lungo periodo da raggiungere, in termini di indirizzi generali. Le modalità di attuazione di tali indirizzi sono specificati in altri documenti di programmazione pluriennali settoriali (Relazione Previsionale e Programmatica, Piani urbanistici, PGTU, Piano Triennale dei LL.PP., ecc.) e sono dettagliati operativamente nei documenti di programmazione gestionali (PEG, Piani urbanistici attuativi, Progetti di LL.PP., ecc.). Il PGS rappresenta, pertanto, il punto di riferimento per l elaborazione di tutti gli altri strumenti di programmazione del Comune. Si riportano di seguito i principali documenti di programmazione pluriennale settoriale: - Piani urbanistici: il piano regolatore generale (PRG) è il principale strumento di pianificazione del territorio comunale, attraverso il quale si definiscono le principali infrastrutture e le divisione in zone del territorio (quali destinate alla urbanizzazione e i vincoli da rispettare). L attuazione del PRG viene realizzata attraverso il piano pluriennale di attuazione (PPA), diretto a definire la trasformazione delle aree da realizzare in un determinato periodo. Obiettivo dell Amministrazione è quello di adeguare gli attuali piani urbanistici alla legge regionale n. 20/2000 e, quindi, elaborare il piano strutturale, il piano operativo e il regolamento urbanistico edilizio. Gli indirizzi generali sugli strumenti urbanisitici sono riportati nel programma 4. - Piani commerciali: piano e criteri di insediamento delle medie e grandi strutture della distribuzione commerciale (strumento di natura urbanistico-commerciale che disciplina l insediamento degli esercizi commerciali con dimensioni superiori a 250 mq. di superficie di vendita); piano di localizzazione degli esercizi pubblici per la somministrazione di alimenti e bevande (disciplina l insediamento degli esercizi di somministrazione, quali bar, ristoranti ed attività similari); piano di localizzazione dei punti vendita della stampa quotidiana e periodica (disciplina l insediamento dei punti vendita dei prodotti editoriali, in via esclusiva o in abbinamento ad altre attività). Gli indirizzi generali sui piani commerciali sono riportati nel programma 3. - Piano generale del traffico: il PGTU si configura come lo strumento di programmazione diretto a ottimizzare la mobilità urbana, sia in termini di miglioramento delle condizioni della circolazione e della sicurezza stradale, che in termini di riduzione degli inquinamenti atmosferici e acustici e del risparmio energetico. Nel corso del 2005 il Consiglio Comunale ha adottato gli indirizzi del progetto del piano urbano del traffico, dando mandato all amministrazione di sottoporre il progetto alla più ampia consultazione attraverso l istituzione di un tavolo negoziale per la mobilità sostenibile, finalizzato alla condivisione degli obiettivi del piano attraverso il confronto e la partecipazione. Nel maggio 2006, dopo tale fase di consultazione, il Consiglio Comunale ha adottato il piano, che è stato successivamente approvato nel febbraio del 2007 a conclusione del procedimento tipico dei piani urbanistici. Gli indirizzi generali del PGTU sono riportati principalmente nel programma 4 del PGS. - Programma triennale dei lavori pubblici: all interno del programma sono indicate, secondo una priorità, le opere da progettare e realizzare nel prossimo triennio. Sono da ritenere, comunque, prioritari i lavori di manutenzione, di recupero del patrimonio, di completamento delle o-

16 pere non concluse e di realizzazione dei progetti esecutivi approvati. Gli indirizzi generali del programma triennale dei LL.PP. sono riportati principalmente nei programmi 2, 3 e 4 del PGS. - Piano Energetico Ambientale Comunale: il PEAC ha lo scopo di fornire gli strumenti di governo necessari all'attuazione delle strategie di intervento atte a migliorare il quadro energetico-ambientale del territorio. E' lo strumento principale di indirizzo e proposta in materia di energia, inoltre riprende e condivide gli obiettivi di indirizzo del Piano Energetico Provinciale e di quello Regionale, che hanno come finalità il contenimento dell'inquinamento e l'incentivazione di fonti energetiche rinnovabili. Gli indirizzi generali del PEAC sono riportati principalmente nel programma 4 del PGS. - Piano Sociale di Zona: il PSZ definisce la programmazione triennale coordinata ed integrata in tutto il territorio forlivese del welfare nelle diverse aree strategiche di intervento: - Area responsabilità genitoriale e sociale verso i diritti di bambini, adolescenti e giovani; - area disabili; - area promozione autonomie adulti (povertà, prevenzione dipendenze, immigrazione); - area anziani; - area politiche abitative; - area politiche di genere e pari opportunità. Dal 2000 l accordo di programma è la modalità che permette la programmazione coordinata ed integrata fra i vari enti del territorio. Hanno aderito all accordo di programma: i 15 Comuni del Comprensorio forlivese, l A.USL di Forlì, la Provincia, i rappresentanti del Terzo Settore (in tutto 86 organismi) e le IPAB. L accordo è reso attuativo da una convenzione tra enti, che prevede anche modalità di gestione associata tra i Comuni ed integrata con l A.Usl di funzioni in area minori, disabili ed anziani. Dal 2007 fa Gli indirizzi generali per il PSZ sono riportati principalmente nei programmi 2 e 5 del PGS.

17 Programma 1 La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Progetto 1.1 Progetto 1.2 Progetto 1.3 Progetto 1.4 Progetto 1.5 Gli strumenti della partecipazione democratica Azione La qualità del governo: metodo della partecipazione Azione Sistema di programmazione e rendicontazione partecipata Azione Sviluppo della comunicazione esterna La qualità della pubblica amministrazione Azione Miglioramento del clima organizzativo e valorizzazione delle risorse umane Azione Nuova Macrostruttura: definizione meso e micro e attuazione interventi di razionalizzazione Azione Analisi e semplificazione delle procedure Azione Diritto dei consumatori e degli utenti: carte dei servizi e analisi di customer satisfaction Azione Centro Integrato Servizi Servizi telematici Azione Miglioramento del sistema informativo comunale Azione Rete della città Azione Informatica per il cittadino Gestione efficiente dei servizi Azione Gestione associata dei servizi Azione La governance esterna Azione Qualità appalti pubblici e controllo di gestione L'internazionalizzazione della città Integrazione europea e sviluppo relazioni internazionali e costituzione di reti tematiche trasnazionali e "buone prassi" Azione Azione Pace, diritti umani e solidarietà internazionale Progetto 1.6 La sicurezza Azione Azione Azione Azione Sviluppo progetto "Vigile di Quartiere" nelle Circoscrizioni per il potenziamento della sicurezza in città Coordinamento strutturato con altre Forze di Sicurezza Pubblica Pieno realizzo dello Sportello di supporto per le vittime del reato Completamento sistema integrato controllo del territorio - rete di "Videosorveglianza" Progetto 1.7 Progetto 1.8 Protezione Civile Azione Protezione Civile - Intensificazione azioni di prevenzione Strategia finanziaria ed economica, fiscale, patrimoniale Azione Gestione delle risorse finanziarie ed economiche Azione Strategia Fiscale Azione Gestione delle risorse patrimoniali Risorse programma 1 Correnti Investimento % spese correnti su totale spese correnti , , , , , ,00 32,38% 32,47% 32,63%

18 Progetto PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini 1.1 Gli strumenti della partecipazione democratica Azioni strategiche Codice Denominazione Periodo Responsabile Note La qualità del governo: metodo della partecipazione 2009 Sindaco Ass. Zanetti Descrizione Per favorire la "vision" di un'amministrazione democratica e partecipata vengono rafforzati il ruolo e le funzioni delle Circoscrizioni, dei Comitati di Quartiere e della Consulta degli Stranieri. Conclusione del processo di completa copertura del territorio con i comitati di quartiere e di frazione. Conferimento di nuove competenze alle circoscrizioni, come la piccola manutenzione del verde delle strade e dei marciapiedi. Avvio di una intesa operativa fra il Comitato Paritetico Provinciale del Volontariato e la stessa Provincia di Forlì Cesena per favorire una risposta più efficace al bisogni di spazi e servizi da parte delle organizzazioni ed associazioni di volontariato. Collegata con azioni _Potenziamento strumenti di partecipazione: si sono attivati nuovi strumenti, tra cui spiccano il Tavolo per la Cultura e i tavoli negoziali per la mobilità sostenibile; si è istituita la Consulta delle Associazioni dei Consumatori; si è realizzata la progettazione partecipata sugli alloggi ERP in località Cava. _Rafforzamento rapporti con la Consulta degli stranieri e nuove elezioni: il 13/3/2005 si sono svolte le elezioni della Consulta degli stranieri, organo consultivo del Consiglio Comunale. _Implementazione del ruolo delle circoscrizioni in materia di funzioni delegate: si è deciso di svolgere incontri semestrali da realizzare in ogni Circoscrizione, presenti i tecnici e gli amministratori competenti, unitamente ai coordinatori dei Comitati di Quartiere, per rendere la cittadinanza più partecipe. _Partecipazione circoscrizioni al global service di manutenzione stradale. _Rafforzamento tessuto partecipativo dei comitati di quartiere. _Riorganizzazione degli spazi per l'associazionismo. _ Sono state realizzate le condizioni per la partecipazione delle Circoscrizioni alla gestione del golabl service, in particolare attraverso l'attivazione di una procedura di segnalazione degli interventi necessari mediante apposito programma informatico. 1) Riorganizzazione territoriale delle Circoscrizioni: Definizione di un percorso strutturato per l'adeguamento dell'assetto delle Circoscrizioni alla normativa di cui all'art. 2, comma 29, della legge n. 244 del 24/12/2007 (finanziaria 2008). La riorganizzazione territoriale coinvolge trasversalmente una serie di servizi non solo di staff (Informatica, Demografici, Segreteria Generale), ma anche di line, in relazione alla ridefinizione di una ripartizione equilibrata dei servizi sul territorio delle Circoscrizioni. 2) Partecipazione delle circoscrizioni al global service manutenzione stradale: Consolidamento di un percorso strutturato di coinvolgimento degli organismi di partecipazione a base territoriale a supporto della presenza delle Circoscrizioni all'interno del Sistema di Programmazione - Controllo - Valutazione del Global Service.

19 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Sistema di programmazione e rendicontazione partecipata Predisposizione annuale di strumenti che favoriscono la partecipazione degli stakeholer nell'alaborazione delle strategie (piano generale di sviluppo e gli altri strumenti di pianificazione strategica settoriale) e nella rendicontazione sociale (bilancio sociale) Sindaco Collegata con azioni _Predisposizione Bilancio Sociale 2004: il documento è stato presentato agli stakeholder nel mese di luglio. Sono stati predisposti due documenti, uno analitico ed uno di sintesi, quest'ultimo distribuito alla cittadinanza. _Predisposizione Piano Generale di Sviluppo - aggiornamento 2006: il 20/12/2005 è stato approvato dal Consiglio Comunale. _Predisposizione Bilancio Sociale 2005: E' stato predisposto il bilancio sociale analitico per il consiglio comunale, che è stato consegnato in sede di approvazione del consunitvo del bilancio E' stato perdisposto il modello sintetico, articolato per tipologia di utenti, ed è stato presentato agli stakeholder nell'incontro del 13 settembre. _Definizione di un piano generale di sviluppo in una logica di governance interistituzionale, cioè che contenga tutti gli elementi di programmazione partecipata e negoziata con gli altri attori pubblici e privati che operano sul territorio. _Nei primi mesi dell'anno è stato collegato tutto il personale dell'ente con gli obiettivi di PdO. Il nuovo software di programmazione e controllo gestirà la valutazione del personale in relazione al grado di raggiungimento degli obiettivi. _Bilancio di genere: è stata definita la metodologia da adottare per la predisposizione del bilancio di genere di mandato; _Bilancio ambientale: è stato costituito il gruppo di lavoro sulla contabilità ambientale. _Predisposizione bilancio sociale di mandato: definizione metodologia ed elaborazione del documento entro i primi mesi del Coinvolgimento della Camera di Commercio, dell'ausl, della Fondazione Cassa dei Risparimi e del Polo Universitario nell'elaborazione del bilancio sociale di mandato. _Predisposizione bilancio di genere per il mandato; _Predisposizione del bilancio ambientale Sviluppo della comunicazione esterna Potenziamento e sviluppo degli strumenti di comunicazione (gestione del sito del Comune, mailing list, news letter, punti di ascolto) che favoriscano l'accesso ai servizi e le opportunità di partecipazione dei cittadini. Pianificazione delle informazioni istituzionale e politica attraverso la qualificazione del periodico comunale. Particolare cura sarà dedicata ai rapporti con le emittenti radio televisive del territorio valutando la possibilità di rapporti maggiormente strutturati Sindaco Ass. Zanetti Azione conclusa nel 2007 Risutati raggiunti nel 2007 _Sviluppo della comunicazione esterna, estensione della partecipazione: sono state realizzate attività informative rivolte ai turisti, allo scopo di favorire l'accesso alla città e valorizzare il territorio. _Progettazione del nuovo sito internet del Comune che prevede l'inserimento decentrato delle informazioni. _Piano di comunicazione: è stato redatto, come prevede la normativa, entro il 30 novembre. _Consolidamento progetto del sito internet comunale: sono stati pubblicati i seguenti siti: sito del Comune di Forlì, sito del turismo, con la collaborazione dei comuni del comprensorio e versione in inglese, Informagiovani e Intranet. Sono state predisposte e pubblicate on line la guida ai servizi del Comune, la guida per i cittadini stranieri, la guida al lavoro. Inoltre è statà inserita una sezione che riguarda le società partecipate dal Comune. _Eventi istituzionali: è garantito il mantenimento del livello qualitativo nelle manifestazioni che riguardano la cultura della memoria sugli eventi fondanti la repubblica ed eventi di carattere istituzionale. Sviluppo della rete comunicativa con le strutture educative del territorio in merito alle iniziative svolte dal servizio con obiettivo di coinvolgere sempre più scuole e cittadini.

20 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Risorse Correnti , , ,40 Investimento Strumenti di pianificazione negoziata e di partecipazione Strumento Obiettivi Durata accordo Protocollo d'intesa Coordinamento tra enti per promuovere l'associazionismo Sottoscritto il 10/4/ durata 10 anni Soggetti esterni coinvolti Provincia, Prefettura-Questura, Ass. Prov. Ass., Com. Parit. Prov.le del Volontariato Risorse aggiuntive da soggetti esterni Regione ( annuali per azioni rivolte ad adol. e giov. - PSZ) - Sponsor vari privati e pubblici (circa annuali) Comitati di quartiere Consulta per gli stranieri Altri Partnership possibili Stakeholder organismi di partecipazione e consultazione per esercizio funzioni delegate a circoscrizioni promuovere i processi di inclusione sociale sponsor privati, istituti bancari, associazioni terzo settore. Rappresentanti di quartieri Rappresentanti eletti dagli stranieri Consulta Stranieri - Associazioni di volontariato - Libere Forme associative - Coord. Com. di Quartiere - Circoscrizioni - Stakeholder generali Indicatori Ore/anno apertura sedi circoscrizioni Ore apertura settimanale sportelli informativi Untenti Sportelli Informativi Numero di inviate per richiedere informazioni Utenti Sportelli Informativi

21 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Progetto 1.2 La qualità della Pubblica Amministrazione Azioni strategiche Codice Denominazione Periodo Responsabile Note Sindaco Ass. Zanetti; Ass. Marchi Miglioramento del clima organizzativo e valorizzazione delle risorse umane Descrizione Analisi del clima organizzativo interno e predisposizione di un piano di azioni positive volte al miglioramento del clima organizzativo e alla diffusione di una cultura organizzativa orientata al coinvolgimento, alla flessibilità e alla cooperazione. Miglioramento del modello di relazioni sindacali attraverso lo sviluppo dell'informazione preventiva e l'efficacia applicativa degli accordi siglati. Razionalizzazione dell'utilizzo delle risorse umane, anche mediante un oculato ricorso ai diversi tipi di rapporti di lavoro. Miglioramento e sviluppo della partecipazione attraverso il potenziamento della comunicazione interna, con la creazione della rete Intranet, di news letter dedicate ai dipendenti e la razionalizzazione dei flussi di comunicazione relativi alle attività ordinarie. _Programmazione di una serie di azioni positive per migliorare il clima organizzativo da realizzare nel medio termine: nel 2005 si è costituito il Comitato per il mobbing. _Salute e sicurezza dei luoghi di lavoro: è stata predisposta la "Relazione generale sulla valutazione dei rischi". _Sviluppo percorsi formativi per accrescere le competenze dei dirigenti e dei funzionari sulle tematiche gestionali. _Miglioramento della comunicazione interna: attivata e portata a regime da parte della Direzione Operativa la news letter per i dipendenti. _Sviluppo sistema formativo: è stato realizzato il piano formativo unico per tutta l'associazione intercomunale. _Miglioramento della comunicazione interna: attivata la intranet interattiva fra Direzione Operativa e dipendenti. _E' stato completato il percorso formativo dei dirigenti sulle tematiche gestionali. _Primo approccio alle tematiche dell'e-learning. _Comunicazione interna: è stato convertito ed ampliato il sito della comunicazione interna; è in corso di elaborazione operativa il programma di comunicazione interna che sarà realizzato a completamento della macrostruttura. _Definizione report periodici sulla spesa del personale strutturato come segue: a) dati di organico; b) dati economico-finanziari; c) dati organizzativi (mobilità orizzontale e verticale, valutazione, produttività e formazione). _Razionalizzazione impiego risorse umane: è stata fatta l'analisi del lavoro precario (tempo determinato. e co.co.co); il Piano Assunzioni per il 2007 prevede una riduzione del lavoro precario attraverso l'istituto della stabilizzazione e una riduzione complessiva della spesa per il personale. _Sono stati definiti: i) il nuovo sistema di valutazione delle prestazioni dirigenziali; ii) il nuovo sistema di valutazione per la progressione delle posizioni economiche orizzontali. Si è svolta la selezione delle Posizioni Organizzative con un modello basato sull'analisi del profilo di competenze Nuova Macrostruttura: definizione meso e micro e attuazione interventi di razionalizzazione _Sviluppare l'utilizzo dell'approccio per competenze soprattutto con riferimento alla fase di selezione, interna ed esterna, ed inserimento del personale al fine di migliorare l'efficacia selettiva complessiva dell'ente. _Ridefinire, nel quadro dell'attuale modello organizzativo, un nuovo assetto semplificato dei servizi, riducendone il numero. _Assecondare ed incentivare la riduzione del numero dei dirigenti, coerentemente al nuovo assetto dei servizi. Conclusione della revisione organizzativa della macrostruttura, finalizzata a verificare i meccanismi operativi e le criticità emerse dal pieno funzionamento della struttura organizzativa definita, al fine di orientare maggiormente l'organizzazione ad un modello volto ad una gestione per obiettivi. Revisione della meso e microstruttura anche alla luce della mappatura delle attività strutturali. _Verifica del funzionamento della "Macrostruttura" comunale e revisione del modello organizzativo Sindaco Ass. Marchi AZIONE CONCLUSA

22 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Analisi e semplificazione delle procedure _Verifica macrostruttura: analisi dei processi e definizione dell' organizzazione delle aree. _Assegnazione incarichi dirigenziali su nuova struttura organizzativa e attivazione della nuova organizzazione dall'1/1/2007. Analisi e semplificazione delle procedure relative alle attività, in particolare dei procedimenti rivolti all'utenza al fine di semplificarli e di ridurre il termine di conclusione dei procedimenti. Tale azione si concluderà con l'aggiornamento del Regolamento dei Procedimenti ai sensi della L. 241/ Ass. Marchi Sindaco Collegata con azione _Sistema eliminacode: dal 19/9/2005 è stato attivato presso gli sportelli dell'anagrafe. _Costituzione archivio cartaceo ed informatizzato per la documentazione relativa ai cittadini stranieri. _Integrazione servizi anagrafici con altre P.A. a favore dell'utenza: è stata allineata la banca dati del Servizio Anagrafe con quella dell'agenzia delle Entrate. _Snellimento dell'azione amministrativa Servizio Mercati. _Pubblicazione della guida ai servizi. Approvazione del progetto di riordino delle diposizioni regolamentari di competenza dell ente. _Analisi e razionalizzazione dei principali processi critici : parallelamente alla definizione della mesostruttura, si è svolta l'analisi di alcuni processi critici, in particolare nelle aree servizi al cittadini e pianificazione territoriale. _Definizione del progetto riordino delle disposizioni regolamentari e approvazioni indirizzi da parte del Consilio Comunale. _Redazione codice disposizioni regolamentari del Comune di Forlì: Procede la redazione dei dieci codici in cui è stata ripartita tutta l'attività regolamentare del Comune. Nel mese di agosto si è proceduto con un incontro di verifica del Comitato di Direzione Scientifica, che ha esaminato le criticità e lo stato di avanzamento dei lavori. Il primo dei codici eleborati (Codice X), riguardante l'erogazione dei contributi e vantaggi economici, è stato completato ed è stato approvato dal Consiglio Comunale in data 8 ottobre. _Adeguamento procedure appalti: si è attuato l'adeguamento del Piano di Sicurezza e Coordinamento. _Analisi e razionalizzazione dei principali processi critici: sono stati mappati 22 processi dell'area Pianificazione e Sviluppo del territorio. Di questi, 10 sono stati razionalizzati e si procederà ad una loro implementazione a partire dal prossimo anno, subordinatamente alla realizzazione di alcune scelte, in particolare relativamente alla logistica, ora che è stato acquisito il sw Aedilis. _Completamento del progetto di riordino delle disposizioni regolamentari attraverso l'approvazione dei codici in Consiglio Comunale. _Realizzazione di uno studio di fattibilità, relativamente alle procedure di controllo sul territorio. Attivazione di una eventuale sperimentazione per i controlli più semplici ed operativi (toponomastica), di una forma diversa di gestione rispetto a quella attuale. Proposta regolamento Comunale Sottoservizi. _Predisposizione proposta all'amministrazione per l'estensione, da prevedersi nel capitolato, della responsabilità dell'operatore economico che si avvale del distacco o della somministrazione di mano d'opera, per il versamento dei contributi previdenziali. _Progetto per la gestione informatica dei documenti, dei flussi documentali e degli archivi: _Adeguamento procedure appalti al nuovo regolamento generale attuativo del Codice Contratti Pubblici. _Riorganizzazione del ruolo dell'ufficio legale e contenzioso al fine di razionalizzare le attività riconducibili al supporto tecnico-giuridico svolto dalle diverse strutture dell'ente.

INDICE. PREMESSA...pag. 3. PROGRAMMI E PROGETTI...pag. 7. LO SCENARIO FUTURO...pag. 9. IL COMUNE COME HOLDING...pag. 13

INDICE. PREMESSA...pag. 3. PROGRAMMI E PROGETTI...pag. 7. LO SCENARIO FUTURO...pag. 9. IL COMUNE COME HOLDING...pag. 13 INDICE PREMESSA...pag. 3 PROGRAMMI E PROGETTI...pag. 7 LO SCENARIO FUTURO...pag. 9 IL COMUNE COME HOLDING...pag. 13 GLI ALTRI STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALI...pag. 15 PROGRAMMA 1 La qualità di

Dettagli

PIANO GENERALE DI SVILUPPO Aggiornamento 2007

PIANO GENERALE DI SVILUPPO Aggiornamento 2007 Comune di Forlì PIANO GENERALE DI SVILUPPO Aggiornamento 2007 AI SENSI DELL ART. 165, COMMA 7, D.LGS. N. 267/2000 E DELL ART. 10 DELLO STATUTO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 214

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza

Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza Comune: Faenza Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 10-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:20.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2

IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328, DELLA LEGGE REGIONALE 12 MARZO 2003, N. 2 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007, PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2007 DEL DISTRETTO DI CESENA VALLE SAVIO E DEI PROGRAMMI PROVINCIALI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

DISTRETTI CULTURALI: IL SISTEMA METROPOLITANO DI GOVERNANCE CULTURALE Aggiornamento: maggio 2015

DISTRETTI CULTURALI: IL SISTEMA METROPOLITANO DI GOVERNANCE CULTURALE Aggiornamento: maggio 2015 DISTRETTI CULTURALI: IL SISTEMA METROPOLITANO DI GOVERNANCE CULTURALE Aggiornamento: maggio 2015 Descrizione del progetto Il progetto intende consolidare il sistema metropolitano dei distretti culturali

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo SCHEDA N 6 Perugia - Italia PROMOTORE Comune di Perugia Abitanti 157.000, capoluogo di regione TEMPI Anno di avvio 2002 Anno di conclusione In corso di elaborazione Orizzonte temporale 2013 Note: Il Piano

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO

RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO CONFERENZA STAMPA IL FUTURO DI QUARTO, A CHE PUNTO SIAMO 6 FEBBRAIO 2015, ORE 12:00, SALA GIUNTA NUOVA RIGENERAZIONE URBANA EX OSPEDALE PSICHIATRICO DI QUARTO UN DIALOGO INTER-ISTITUZIONALE APERTO ALLA

Dettagli

Il bando Liguria/unioni di Comuni

Il bando Liguria/unioni di Comuni Il bando Liguria/unioni di Comuni Contributi alle nuove Unioni di Comuni Amministrazione Erogatrice Regione Liguria Istituzionale Normativa Dlgs 18 agosto 2000 n.267, articolo 32 Dl 31 maggio 2010 n.78/2010,

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

Master in GESTIONE dei SERVIZI SOCIALI

Master in GESTIONE dei SERVIZI SOCIALI ASMEFORM MgSs Master in GESTIONE dei SERVIZI SOCIALI Pianificazione, programmazione, progettazione, gestione e valutazione sociale: la governance locale DICEMBRE 2005- MARZO 2006 3^ EDIZIONE Obiettivi

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili

La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili La logica del cambiamento spinge ad immaginare scenari futuri, ma lo possiamo fare solo se abbiamo dati che ci consentano di ipotizzare possibili trasformazioni L organigramma nelle scuole I meccanismi

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI UDINE. OGGETTO: Osservatorio Politiche Sociali della Provincia di Udine : DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 07 MARZO 2011 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MARCHETTI FABIO Vicepresidente X DECORTE ENIO Assessore X FALESCHINI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 Sezione I Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione 1. Al fine di razionalizzare

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015

RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 RIFORMA DELLA SCUOLA LE NOVITA DELLA LEGGE 107/2015 A cura di Alessandro Giuliani 1 1 AGOSTO 2015 TECNICA DELLA SCUOLA IL PROVVEDIMENTO IN SINTESI Un offerta formativa più ricca e flessibile per gli studenti

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA PROVINCIA DI MILANO ASSESSORATO ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA Assessorato Istruzione ed Edilizia Scolastica PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE CONDIVISA AMBITI TERRITORIALI Referente Progetto: Piera Saita

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli

Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Risorse umane Completamento della nuova sede dell Istituto Tecnico Industriale Statale Ettore Maiorana di Termoli Regione: MOLISE Provincia: CAMPOBASSO Le opere previste nel progetto generale riguardano

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Allegato A) Provincia di Ravenna PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA, RIORDINO E RISTRUTTURAZIONE AMMINISTRATIVA, DI SEMPLIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, DI RIDUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità)

Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ. Art. 1 (Finalità) Promozione e riconoscimento dei distretti agroalimentari di qualità DAQ Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina le procedure di individuazione e di riconoscimento dei Distretti Agroalimentare

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Ferrara IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE 1. Premessa 2. Il processo, i tempi e le responsabilità del sistema 3. Modalità di raccordo con i sistemi di controllo

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità)

COMPETENZE DI CONTESTO (Capacità) DENOMINAZIONE POSIZIONE: CODICE POSIZIONE: TIPO DI POSIZIONE: STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI APPARTENENZA: AREA SETTORIALE DI APPARTENENZA: FAMIGLIA PROFESSIONALE DI APPARTENENZA: GRADUAZIONE POSIZIONE: FINALITÀ

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006

BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 PROVINCIA DI BOLOGNA Settore Pianificazione Territoriale http://cst.provincia.bologna.it/ptcp/psc.htm BOZZA DEL 13 SETTEMBRE 2006 APPROFONDIMENTI TECNICI MODI E TEMPI DI SVOLGIMENTO DELLA CONFERENZA DI

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014 Oggetto: PO FESR 2007/2013. Accelerazione della spesa. Avviso multilinea per la presentazione di progetti per opere pubbliche di pronta cantierabilità. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli