PGT Segrate Documento di Piano - Relazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PGT Segrate Documento di Piano - Relazione"

Transcript

1 Pagina 1 di 1

2 INDICE 1 PREMESSA. 2 IL PROCESSO DI COSTRUZIONE DEL PIANO. 2.1 LE ISTANZE DEI CITTADINI. 2.2 GLI OBIETTIVI DELL AMMINISTRAZIONE. 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E RICOGNIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE. 3.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Sistema insediativo esistente e previsto Sistema della mobilità: infrastrutture esistenti e previste Sistema dei servizi e del commercio Sistema ambientale e paesistico Trasformazioni territoriali e delle infrastrutture a scala metropolitana: lettura sintetica per criticità e temi. 3.2 IL PIANO TERRITORIALE REGIONALE Il Documento di Piano. 3.3 IL PIANO PAESISTICO REGIONALE E LA RETE ECOLOGICA REGIONALE. 3.4 IL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE. 3.5 IL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DEL PARCO AGRICOLO SUD MILANO. 3.6 ULTERIORI PROGRAMMAZIONI DI INTERESSE PER IL TERRITORIO Il Piano d Area Adda-Martesana Il Piano cave Il Piano di Indirizzo Forestale ( ). 4 EVOLUZIONE DEL SISTEMA URBANO. 4.1 SINTESI DELL EVOLUZIONE URBANA. 4.2 RAPPORTO TRA LA PIANIFICAZIONE E LA COSTRUZIONE DELLA CITTÀ Stato di attuazione del P.R.G. vigente Il sistema dei vincoli. 4.3 CARATTERISTICHE SOCIO ECONOMICHE Popolazione Le abitazioni. Pagina 2 di 2

3 4.3.3 Il sistema produttivo Le attività commerciali. 5 DOTAZIONE DI STANDARD. 5.1 ATTUAZIONE DEGLI STANDARD DI PROGETTO (PRG DEL 1987). 5.2 RAPPORTO INCREMENTO DELLA DOTAZIONE DI STANDARD A SEGUITO DI VARIANTI. 5.3 PERCEZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI. 6 CONTESTO: CRITICITÀ E OPPORTUNITÀ. 6.1 RELAZIONI CON LA CITTÀ DI MILANO. 6.2 RELAZIONI TRA LE AREE DI FRANGIA. 6.3 FORMA URBANA. 6.4 QUARTIERI. 6.5 PIANIFICAZIONE RECENTE. 6.6 PAESAGGI METROPOLITANI E POST-INDUSTRIALI. 6.7 PAESAGGI ARTIFICIALI. 6.8 COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ. 6.9 RILANCIARE LA CENTRALITÀ URBANA LA METAFORA DELLA PORTA EST. 7 IL PROGETTO DI PGT. 7.1 SCENARIO DI RIFERIMENTO E RISULTATI ATTESI Evoluzione post-industriale del sistema metropolitano milanese Trasformazioni territoriali in corso e nuovo ruolo di Milano La concentrazione di interventi strategici sostenuti da finanziamenti pubblici nel comparto nord-ovest La dimensione qualitativa e quantitativa degli interventi già programmati sulle aree centrali di Milano Processi di intensificazione edilizia nel quadrante est anche a seguito delle consistenti trasformazioni infrastrutturali previste Il rilancio delle possibilità insediative nel Comune di Milano previste nel redigendo P.G.T Evoluzione, criticità e fattori di successo del territorio di Segrate Il processo di costruzione della città Contenuti strategici del Piano di Governo del Territorio Risultati attesi per la sostenibilità ambientale, economica e sociale del PGT. 7.2 LE AZIONI DI PGT Processi di trasformazione in corso Aree di trasformazione pubblica Riconnessioni urbane Nuove aree di trasformazione private. Pagina 3 di 3

4 7.3 CONSUMO DI SUOLO. 7.4 STRUMENTI DI SOSTENIBILITÀ Realizzazione di impianti di Cogenerazione e Teleriscaldamento Politiche di preverdissement per le aree soggette a trasformazione Corridoi ecologici Riqualificazione ecosistemica delle aree marginali pubbliche e private Rete di fognatura duale e misure per il contenimento dei consumi di acqua Interramento delle linee elettriche di alta e media tensione Politiche per l eliminazione dell eternit su tutto il territorio comunale. 7.5 AMBITI URBANI IN EVOLUZIONE Parco Esposizioni Novegro Zona per lo svago e divertimento notturno all'interno dell'idroscalo Aree produttive all interno del sistema urbano Controllo delle trasformazioni edilizie per la costruzione del sistema centro Delocalizzazione delle funzioni residenziali delle aree interferite dalle nuove infrastrutture. 7.6 CRITERI NORMATIVI. 7.7 SCENARI A MEDIO ED A LUNGO TERMINE Collegamento alta capacità/aeroporto/metropolitana Evoluzione scalo ferroviario. 7.8 AZIONI DI MARKETING TERRITORIALE. Pagina 4 di 4

5 1 PREMESSA. Il concetto di governo del territorio è regolato dal capo II della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12, dove si introduce (art.6) il Piano di governo del territorio (PGT) quale strumento che definisce l assetto dell intero territorio comunale (art. 7). Per rispondere nel modo più aderente possibile alla natura complessa del governo delle trasformazioni urbane l articolazione dei contenuti della pianificazione comunale prevede nella legge una separazione degli strumenti che comunque operano dentro ad un quadro strategico unitario. Secondo questa concezione il PGT si articola in tre atti: Documento di Piano con contenuti di carattere prevalentemente strategico, quale elemento di regia di una politica complessiva sul territorio, armonizzata rispetto agli obiettivi ed alle procedure ma anche attenta a problemi di efficacia e di opportunità, attraverso un sistema di relazioni fondato su meccanismi di reciproca coerenza (non a senso unico) e attenzione alle dinamiche dell evoluzione dei sistemi urbani; Piano dei Servizi al quale è affidato l armonizzazione tra insediamenti e città pubblica e dei servizi; Piano delle Regole al quale sono affidati gli aspetti di regolamentazione e gli elementi di qualità della città costruita. Il Documento di Piano è finalizzato a restituire un impostazione strategica alle ipotesi di sviluppo locale e non contiene previsioni che producono effetti diretti sul regime giuridico dei suoli (art.8, comma 3). È lo strumento: nel quale saranno messe a punto le strategie di breve e medio periodo finalizzate all attuazione del Governo del Territorio del Comune e a coordinare ed indirizzare le politiche ed i Piani di Settore che concorrono ai processi di riqualificazione urbana; dove vengono sintetizzate e valutate le analisi svolte sulla città grazie alle quali individuare le criticità, le potenzialità e le opportunità presenti e focalizzare gli obiettivi di governo che l Amministrazione Comunale intende porsi per il breve e medio periodo; dove sono riportate le indicazioni e gli obiettivi specifici per il Piano dei Servizi, per il Piano delle Regole e per gli interventi di trasformazione urbana. Il Documento di Piano si sviluppa attraverso contenuti di carattere analitico e progettuali (regole, direttive ed indicazioni) e da luogo a tre tipi di prodotti principali: elaborati cartografici (tavole di analisi, di rappresentazione delle strategie ed obiettivi di sviluppo, di individuazione e classificazione degli ambiti di trasformazione); relazione nella quale sintetizzare le analisi ed le ricognizioni necessarie assetto normativo che definisce l efficacia del Documento di Piano in termini di prescrizioni, direttive ed indirizzi. Pagina 5 di 5

6 2 IL PROCESSO DI COSTRUZIONE DEL PIANO. 2.1 LE ISTANZE DEI CITTADINI. Nella procedura di redazione del Piano di Governo del Territorio le modalità di partecipazione dei cittadini sono disciplinate all art. 13 della L.R. 12/2005. In particolare al comma 2 si prevede che chiunque possa presentare proposte o suggerimenti per la formazione del PGT, anche per la tutela di interessi diffusi. Con Delibera G.C. n. 235 del 10 novembre 2005 il Comune di Segrate ha avviato il procedimento di formazione del Piano di Governo del Territorio ai sensi della citata norma. Entro i termini previsti gg dalla data di pubblicazione dell avviso di avvio del procedimento sono pervenute all Amministrazione Comunale n. 35 istanze. Oltre i previsti termini sono giunti altri contributi, in numero di 10. Rispetto a questi ultimi l Amministrazione ha ritenuto opportuno prendere in esame anche queste ultime, ma qualificandole sulla tavola n 1 ISTANZE come fuori termine. Nella tavola generale sono riportate le localizzazioni territoriali. Le istanze sono state classificate in ordine cronologico e numerate progressivamente. Complessivamente interessano una superficie territoriale di circa m 2, e riguardano, prevalentemente, aree di media superficie, con destinazione funzionale E/area agricola, CM/espansione mista e BD/produttivo misto. Tra le proposte e i suggerimenti si riscontrano inoltre numerosi contributi di Associazioni di Cittadini o soggetti Istituzionali. In particolare: n 8 istanze riguardano aree di superficie inferior e ai m 2 ; n 1 istanza riguarda un area di m 2 ; n 1 istanza riguarda il cambio di destinazione d u so di immobile esistente ed infine n 2 istanze richiedono la conferma di strumenti di pianificazione attuativa P.I.I. già avviati. Contributi omogenei n istanza Temi di interesse generale 5G, 6G, 7G, 8G, 9G, 10G, 11G, 12G, 13G, 14G, 15G, 16G, 17G, 18G, 21G, 24G, 25G, 26G Ambiti di trasformazione urbanistica, modifica delle destinazioni d uso, adeguamento di programmi urbanistici 1P, 2P, 3P, 4P, 19P, 20P, 22P, 23P, 27P, 28P, 30P, 31P, 32P, 33P, 34P, 35P Si riporta di seguito il Registro Protocollo Osservazioni alla Delibera G.C. n. 235 del 10/11/2005 (avvio del procedimento per la formazione del PGT). Pagina 6 di 6

7 n Prot. n Prot. Sup. area dest inaz ione destinazione progr. Osser genera del mq at tuale richiesta mq vaz. le 1 1-P /12/05 LINDOS srl zona E /agr i. Resid. Conv Res id. Libera Ter ziar io P /12/2005 G. BIANCHI srl E /agric. Res id. Libera (pr evalente) Res id. Libera Ter ziar io Centro cottura comunale P /01/2006 FRANCO PELLEGATTA E /agric. Residenz iale // s tandard 4 4-P /01/2006 FRANCO PELLEGATTA s tandard Residenz iale // 5 5- G /01/2006 Circ. n 4 Redecesio pr oposte e sugger imenti per il PGT 6 6- G /01/2006 Segrate Ciclabile pr oposta per piano della mobilità ciclopedonale 7 7- G /01/2006 Federaz. COLDIRETTI os ser vazioni al proc edimento di formazione del PGT 8 8- G /01/2006 Ass. Anziani Anni verdi pr oposta per il PGT - circolo anziani con campo boc ce 9 9- G /01/2006 Angelo Antona pr oposta per il PGT - strada di collegamento tra via Dante e via Novegr o G 11-G /01/ /01/2006 Angelo Antona Angelo Antona pr oposta per il PGT - strada di collegamento tra via Cassanes e e via pr Modigliani oposta per il PGT - rotatoria via Rivoltana/via Novegro G /01/2006 Guardia di Finanza S.SG. richiesta alloggi per il pers onale del Corpo G /01/2006 ROSA GIANNI pr oposta per il PGT - acc ess o al parcheggio del c imitero G 31/01/2006 Coop. L'Angolo di S. Francesco pr oposta per il PGT - cos tr uzione di ecocanile G /02/2006 Comitato di Lavanderie pr oposte per il PGT - Lavander ie G /02/2006 Circ.M I2 - Lavanderie pr oposte per il PGT - Lavander ie G /02/2006 Com. Salviamo il golfo agricolo pr oposte per il PGT G /02/2006 Resid. Villaggio Ambrosiano pr oposte per il PGT P /02/2006 CARLA M. PENNATI BELLUSCHI E /agric. Residenz iale altro n.d P /02/2006 MICAELA e ALBERTO FERNANDEZ ser vizi privati R x ar ea edificio G /02/2006 Partiti vari pr oposte e sugger imenti per il PGT esis tente P /02/2006 SEGRATE INTERPART srl PII Rovagnasco vedi campo s por tiv o 32P v ia XXV aprile P /02/2006 ANDREA E. CASTIGLIONI CM Residenz iale vedi 35P G /02/2006 Citt adini pr oposte per il PGT G /02/2006 Ass. Villaggio Ambrosiano pr oposte per il PGT G /02/2006 PARIDE PASSERINI pr oposte per il PGT P /02/2006 PIAZZA e alt ri ric hiesta riconfer ma PII " Cass anese - Lav anderie" P /02/2006 A./G./D.BERTOLA ,84 riconferma PII " Molino di Sopra- Rovagnas co" G /02/2006 Ass. Villaggio Ambrosiano pr oposte per il PGT vedi 25G P /02/2006 ADA GIANNINA D'AGNOLO CM Residenz iale Espositivo- comm. 31-P /02/2006 FINIM srl E /agr ic. Residenz iale 32-P /02/2006 INTERPART srl - IL MORETTONE srl Produttivo vedi 22P P /02/2006 CARLO PIACENTINI E /agr ic. Produttivo P /02/2006 FLAVIO FELLETTI CM Residenz iale 35-P /02/2006 ANDREA E. CASTIGLIONI vedi 23P BD Pagina 7 di 7

8 Istanze fuori termine n Prot. n Prot. Sup. area destinazione destinazione progr.osservaz generale. del mq attuale richiesta m q 1 1- P /06/2006 FEDERAL TRADE SpA 470 F BD 2 2- P /07/2006 BAGNO- DOTTI - DOTTI standar d Residenz iale 3 3- P /05/2007 RAGGIO DI LUNA srl piano di rec upero 4 4- P /06/2008 IMMOBILIARE REDECESIO SpA Z12 permuta 5 5- P /06/2009 ERMINIO CONTI - DIEGO CONTI E /agr ic. Produttivo 6 6- P /06/2009 ROM EO BESI - V ALENTINA BESI 7 7- P /07/2009 SOC. PRESTIGIO srl mancano allegati 8 8- P /07/2009 IMM. SPORTING CLUB MI2 srl oss erv azioni per il PGT 9 9- P /07/2009 ENNIOSEI srl Commerc iale P /10/2009 MARIA A. e M ASSIM ILIANOLUTZ problem a ordinanza demolizione canile Pagina 8 di 8

9 2.2 GLI OBIETTIVI DELL AMMINISTRAZIONE. 1. Il Centroparco Il fondamento strutturale della politica urbanistica segratese è costituito dalla realizzazione del Centroparco attualmente in fase di esecuzione seppur limitatamente alle aree già acquisite dall Amministrazione. Il Centroparco dovrà assurgere al ruolo di cuore verde e pulsante della città; su di esso dovranno convergere le principali funzioni pubbliche e di interesse pubblico locale. Il Centroparco, voluto e realizzato dalla città di Segrate ricorrendo unicamente alle proprie forze e risorse, dovrà rappresentare la massima eccellenza della città quale simbolo della volontà dei segratesi di creare un luogo speciale ed identificativo della propria identità socioculturale. Il PGT dovrà quindi recepire il lavoro sinora svolto ed individuare, nel rispetto delle linee già tracciate dall Amministrazione, la migliore soluzione atta a garantirne il completamento e le migliori connessioni con i quartieri che vi gravitano attorno. Le concessioni dovranno essere improntate su una logica di compenetrazione del verde da e per il Centroparco. 2. Il golfo agricolo Il tema di riconversione delle aree del golfo agricolo, da tempo in discussione e per il quale è stata aperta una procedura VAS relativa ad una proposta di P.I.I. agli atti del Comune, dovrà essere affrontato in una logica atta a dare ulteriori valenze ambientali al processo di trasformazione e sviluppo della città. Secondo la dialettica urbanistica adottata dall Amministrazione nell affrontare il tema del Centroparco, il programma di riqualificazione del golfo agricolo dovrà reggersi su accordi di natura contrattuale con le proprietà delle aree interessate. A fronte della concessione di diritti volumetrici da destinare principalmente alla residenza o a funzioni con essa compatibili, i programmi urbanistici di natura contrattata che si andranno a definire dovranno reggersi su criteri atti a minimizzare il consumo di suolo, massimizzando le quote di verde realmente fruibile dai cittadini. Detti interventi dovranno anche rappresentare l occasione per dotare la città di ulteriori quote di servizi soprattutto atti a rispondere al fabbisogno di strutture scolastiche, in particolar modo per l istruzione superiore, queste ultime oggi assenti. La riqualificazione del golfo agricolo deve essere anche finalizzata al recupero morfotipologico del margine urbano di Rovagnasco e delle zone industriali di via Marconi e di Lavanderie. 3. Redecesio A proseguimento dell attività sinora svolta dall Amministrazione sul quartiere di Redecesio, il PGT dovrà individuare i più opportuni interventi di trasformazione atti a migliorare ulteriormente la qualità urbana e l offerta di servizi locali. In particolare occorrerà individuare un percorso di sviluppo atto a conciliare la necessità di riconvertire le grandi aree industriali dismesse, in primis le aree del CISE, e la valorizzazione delle aree frattali oggi dismesse. Le trasformazioni dovranno cercare di orientarsi verso la migliore valorizzazione del laghetto di Redecesio per il quale occorre insindacabilmente ottenere l uso pubblico. Pagina 9 di 9

10 4. Novegro Compatibilmente con la presenza dei vincoli aeronautici, stante la presenza di invalicabili infrastrutture che pregiudicano l integrazione del quartiere con le restanti parti della città, occorrerà porre in essere all interno del PGT ogni iniziativa atta a favorire lo sviluppo di servizi rivolti ai cittadini. L incremento del peso insediativo è sicuramente considerato elemento essenziale per raggiungere tale scopo. Esso dovrà essere perseguito sia attraverso il recupero delle aree libere oggi dismesse, sia attraverso la riconversione delle aree industriali presenti. Le trasformazioni dovranno comunque fondarsi sulla valorizzazione delle enormi potenzialità del quartiere legate alla presenza dell aeroporto, alla possibilità di integrazione con le grandi aree a verde dei parchi Idroscalo e Forlanini e soprattutto all accessibilità alla città di Milano che, nell ottica di realizzazione della linea metropolitana 4, risulterà in futuro ancora più elevata. 5. Rovagnasco Il PGT dovrà individuare gli strumenti idonei a garantire un rapido completamento del programma di recupero del nucleo storico del quartiere, anche attraverso la previsione di insediamento di nuove volumetrie. Coerentemente con il programma di riqualificazione della Cassanese previsto dal P.I.I. Centroparco Lotto 1, gli interventi pubblici sul quartiere dovranno condurre ad una effettiva ricucitura tra Rovagnasco e Segrate Centro utilizzando come criterio progettuale conduttore l integrazione dei sistemi del verde presenti nel quartiere parco Alhambra, parco della Commenda con il Centroparco. 6. Villaggio Ambrosiano Il PGT dovrà contenere strumenti normativi idonei a consentire la valorizzazione dell identità del quartiere giardino in una logica atta a favorire da un lato il rinnovamento e l adeguamento del patrimonio architettonico alle normative vigenti, soprattutto quelle in materia di risparmio energetico, e dall altro lo sviluppo della capacità insediativa della città minimizzando il consumo di suolo. 7. Lavanderie Il tema della ricucitura del quartiere, ormai completamente conformato, con il Centroparco e tramite questo con il resto della città dovrà essere la dominante di ogni iniziativa urbanistica. Sotto il profilo degli intereventi pubblici dovrà anche rafforzarsi la risposta al tema delle connessioni con i servizi presenti in Milano due e Redecisio. 8. Segrate Centro Il quartiere frapposto tra Rovagnasco Villaggio Ambrosiano e San Felice, in virtù del progressivo abbattimento delle barriere infrastrutturali (declassamento Cassanese e passerella ciclopedonale lungo il ponte degli specchietti ) e della prevista realizzazione del Centro Commerciale, vede rivalutati gli aspetti funzionali dipendenti dalla propria centralità. In tale senso il PGT nella sua complessità dovrà contenere le misure idonee a valorizzare questo valore posizionale prevedendo il potenziamento dei servizi esistenti. Non secondarie dovranno essere le risposte necessarie a favorire lo sviluppo della capacità insediativa nel rispetto di logiche atte a contenere il consumo di suolo e favorire la riqualificazione architettonica del quartiere. Pagina 10 di 10

11 9. Aree industriali e terziarie Il PGT dovrà affrontare in termini strutturali il tema della riqualificazione e ottimizzazione delle aree industriali e terziarie presenti sul territorio. La crescita per quartieri della città ha comportato lo sviluppo di altrettante aree industriali o terziarie. Questo fenomeno, generatore di vicendevoli diseconomie con le aree residenziali, dovrà essere risolto attraverso la riconversione delle zone industriali poste al centro del territorio verso funzioni maggiormente compatibili con la residenza. In particolare, occorre completare la riconversione delle aree industriali frapposte tra il Quartiere della Stazione e Segrate Centro, favorire un processo di trasformazione verso il terziario delle aree industriali poste a margine e all interno del Centroparco e assecondare la trasformazione dell area industriale di Lavanderie ormai di fatto indirizzata verso funzioni commerciali. D altro canto il PGT dovrà però individuare le risposte più opportune per favorire l insediamento dei servizi necessari alle imprese per un competitivo esercizio della loro attività. Resta obiettivo imprescindibile l allontanamento delle zone residenziali dalle attività di spedizione e logistica. Pagina 11 di 11

12 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E RICOGNIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE. 3.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Il comune di Segrate può essere inquadrato secondo diversi punti di vista. Esso appartiene infatti, secondo l articolazione proposta dalla Provincia di Milano, al Tavolo interistituzionale Martesana-Adda (in Figura 1, l ultima articolazione, seguente alla costituzione della Provincia di Monza e Brianza): questa lettura oltre ad essere utile per le politiche provinciali, permette di comprendere il ruolo di tale comune che, posto a ridosso di Milano, apre quest ultimo verso i territori posti ad est, verso il fiume Adda e quindi verso Bergamo e Brescia. Fig. 1 I tav oli Interistituzionali È tuttavia possibile inquadrare Segrate anche utilizzando altri punti di vista. Innanzitutto, esso appartiene all insieme dei comuni posti nell immediata corona del Comune di Milano, con i quali condivide (cfr. quadro socio economico) una serie di caratteri specifici. Tra l altro, Segrate si presenta, storicamente, come particolarmente collegato al capoluogo, di cui spesso ha rappresentato il luogo di insediamento di funzioni strategiche. Inoltre, Segrate intrattiene una serie di relazioni strette con i comuni più vicini (questo aspetto è analizzato nel quadro socio-economico e in parte nell inquadramento sovra locale). Quest ultimo viene riportato di seguito secondo la seguente articolazione, che Pagina 12 di 12

13 rispecchia in parte le tavole allegate: Il sistema insediativo esistente e previsto (tav.2) Il sistema della mobilità: infrastrutture esistenti e previste (tav.3) Il sistema dei servizi e del commercio sovra locale (tav.4) Il sistema ambientale e paesistico (tav. 5) L analisi sovra locale si conclude con una lettura sintetica delle trasformazioni territoriali e delle infrastrutture che propone la chiave di lettura di Segrate come Porta est del contesto metropolitano milanese (tav.6). Inoltre, ulteriori approfondimenti verranno compiuti analizzando i diversi piani e vincoli sovra locali (Piano Territoriale Regionale, Piano Paesistico Regionale, Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, Parco Agricolo Sud Milano ed altri) Sistema insediativo esistente e previsto (TAV 2) L ambito di Segrate può essere letto sia in diretta relazione a Milano (appartenente ai comuni di prima cintura), sia come luogo di connessione con i territori ad est del capoluogo (appartenente al tavolo della Martesana-Adda). Se si guarda a questi ultimi, si evidenzia tuttavia che essi presentano una situazione molto variabile, sia dal punto di vista delle forme della città, che dei processi sociali ed economici. Infatti, porzioni densamente costruite con caratteri decisamente metropolitani come, ad esempio, la spalla ovest, convivono con territori rurali formati da piccoli nuclei urbani e grandi estensioni agricole: uno spazio poco omogeneo al suo interno e con confini non sempre nettamente definiti. Questa porzione della regione milanese può essere descritta come un caleidoscopio che racchiude al suo interno alcune delle caratterizzazioni più tipiche della provincia di Milano. Il Martesana-Adda è area metropolitana ma anche spazio agricolo; è simile ad alcune parti della Brianza e del Nord Milano ma anche ad alcuni territori del Sud Milano; è, come il Ticino, luogo ove passare il tempo libero, ma è anche la città del lavoro, dei grandi centri commerciali e dei nuovi insediamenti della logistica; è il paesaggio della pianura irrigua e delle grandi cascine isolate, ma è anche quello delle ville extraurbane della pianura asciutta milanese. Segrate, assieme ai comuni che si trovano sull asse della Martesana/padana superiore, si presenta di fatto come un comune fortemente urbanizzato e la sua evoluzione è strettamente e direttamente legata alle funzioni e all espansione di Milano. Come mostrato dalla cartografia storica (figg. 2, 3 e 4) Segrate si sviluppa a partire da una serie di piccoli insediamenti a prevalente carattere agricolo (che ancora oggi si possono ritrovare come matrice nei quartieri in cui è articolato): tale territorio era attraversato dall attuale Cassanese, lungo la quale Pioltello rappresentava il primo insediamento con una certa consistenza, e la Rivoltana, che di fatto per molti chilometri attraversava la campagna. La linea della ferrovia, già presente alla soglia del 1888, condizionerà successivamente questo territorio, connotandolo fin da subito come luogo di cerniera tra Milano ed i territori posti ad est. Anche l insediamento dell Idroscalo, luogo di atterraggio degli idrovolanti e di interscambio, così come gli insediamenti industriali (ben visibili nella fig. 4 nell attuale quartiere Rubattino) e l aeroporto contribuiranno ad indirizzare questo territorio verso una sviluppo Pagina 13 di 13

14 frammentato e condizionato da tali presenze di carattere sovra locale (si veda anche riquadro 4 della tavola 2). Fig. 2 IGM 1888 Fig. 3 IGM 1936 Fig Pagina 14 di 14

15 Ancora oggi il comune di Segrate si trova partecipe ad una serie di interventi inseriti nel più generale quadro di grandi trasformazioni che stanno avvenendo a scala metropolitana (cfr. Riquadri 1 in Tav 2, Tav.3 e Tav.6). Se escludiamo l asse del Sempione, che dall arco della pace conduce verso Rho, e più in generale il quadrante nord ovest di Milano (Polo Urbano CityLife, Bovisa, Portello, nuova Fiera Rho-Pero, Expo) si deve constatare che il quadrante est di Milano si presenta come uno dei maggiori ambiti di trasformazione. Se guardiamo più nel dettaglio, e ricordando solo i principali (tav. 2): Comune di Milano: PII Rogoredo-Montecity-Santa Giulia: si sviluppa su una superficie di m 2, sulle aree precedentemente occupate dalla Montedison e dalle officine Redaelli. Prevede m 2 di residenza, m 2 di terziario, m 2 di ricettivo, m 2 di commercio, m 2 di altre funzioni compatibili, a cui vanno aggiunte le superfici delle funzioni pubbliche. PRU Rubattino: riguarda una superficie complessiva di m 2, costituita dalle aree ex Innocenti Maserati (e precedentemente Autobianchi). Prevede m 2 di residenza libera, m 2 di convenzionata ed altrettanti di sovvenzionata, oltre al commerciale ( m 2 ), terziario ( m 2 ) e produttivo ( m 2 ). L intervento ha comportato anche un riassetto della viabilità, con la nuova via Crespi e la bretella tra via Rubattino e la strada Cassanese, oltre ad una serie di opere stradali esterne all intervento. PII Adriano Marelli e Cascina San Giuseppe: nell ex area industriale Marelli, su una superficie complessiva, di m 2, prevede una S.l.p. totale di m 2, di cui Residenza convenzionata m 2., residenza libera m 2, commerciale: m 2. terziario: m 2., tempo libero: m 2. Accordo di Programma tra Comune di Milano, Regione e FS SpA: ambito dello scalo basso di Milano-Lambrate, superficie di intervento lorda m 2 e Milano- Rogoredo m 2. Comune di Sesto San Giovanni: Aree ex Falk: un insieme di aree Falk che ridisegnano l ex città industriale. Tra esse, c è anche quella progettata da Renzo Piano, che riguarda una S.T. di m 2, e prevede residenza per m 2 di slp, Produzione di beni e servizi m 2, Funzioni di Interesse generale m 2, più una serie di aree a verde e per attrezzature. Comune di Gorgonzola: Area di espansione multifunzionale ex progetto Città della Scienza: l area, di circa m 2, deve la sua salvaguardia ad una volontà politica ancora viva, che risale ad un idea progettuale degli anni 60. Ancora oggi il PRG vigente indica l area come zona D3 Riserva territoriale, in conformità con le indicazioni del PTCP, riservata a funzioni di interesse metropolitano e regionale. Le funzioni ammesse sono: terziario direzionale, terziario commerciale, industriale artigianale, impianti tecnologici. Pagina 15 di 15

16 Comuni di Pioltello e Rodano Accordo di Programma del 10 gennaio 2008 tra Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Rodano, Comune di Pioltello, Gruppo Zunino e Walde Ambiente, finalizzato alla realizzazione degli interventi di messa in sicurezza, bonifica e riqualificazione urbanistica dell area ex SISAS, situata nei Comuni di Pioltello e Rodano e successiva integrazione del 27 febbraio 2008: l Accordo prevede tra l altro un mix funzionale con le seguenti quantità: commercio m 2, ricettivo m 2, terziario tempo libero m 2, produttivo m 2 per un totale di m 2. Una serie di aree, tra cui quella del Progetto Malaspina, ex BICA: progetto immobiliare di Aedes, Banca Antonveneta e Pirelli RE su un area di intervento di m 2 A questi interventi vanno aggiunti quelli di Segrate - Accordo di Programma e Centro Parco che verranno descritti in seguito. Si ricorda che il primo prevede tre ambiti con rispettivamente le seguenti funzioni: 1. Edifici residenziali, 2. Business park e struttura ricettiva, 3. Strutture polifunzionali, per un totale di m 2 di S.T. e m 2 di superficie lorda utile. Se questi sono gli interventi che in modo diverso hanno un effetto diretto sul territorio di Segrate, più in generale, e per quanto riguarda l insieme dei comuni del Tavolo Martesana-Adda, anche l insieme dei grandi progetti di trasformazione urbana programmati o in corso di attuazione mostra un panorama particolarmente affollato di iniziative di grande e grandissima rilevanza, abbastanza omogeneamente diffuse su tutto il territorio, ma perlopiù concentrate nei grossi comuni della fascia metropolitana (Segrate, Pioltello, Vimodrone, Cernusco, Gorgonzola e Melzo). Questo affollamento, e la rilevanza di alcuni degli interventi prospettati, testimoniano della vitalità di questa parte della regione urbana, e richiede una serie di valutazioni che riguardano sia i singoli progetti sia gli effetti che possono derivare dalla loro sommatoria. Si pensi per esempio agli insediamenti per la logistica, che stanno modificando radicalmente alcune porzioni dell area Martesana-Adda e della sua rete infrastrutturale, ma anche al caso delle cascine e degli edifici rurali, per i quali esistono molteplici progetti di recupero, e che testimoniano di una grande attenzione alla valorizzazione degli spazi aperti e del paesaggio agricolo. Il panorama degli interventi più rilevanti può essere sinteticamente ricondotto ad alcuni tipologie. Grandi interventi di rilevanza metropolitana. Si tratta di alcuni, grandissimi progetti di cui, talvolta, si discute da decenni. Ciò che generalmente questi interventi prevedono è, ad esempio, la realizzazione di parchi scientifici, tecnologici, poli universitari, grandi insediamenti commerciali, centri direzionali e di servizio che non escludono quote più o meno rilevanti di residenza e di altre funzioni. Si pensi al polo universitario di Cernusco, alle aree per il polo-tecnologico di Gorgonzola, alle trasformazioni previste a Segrate, alla rifunzionalizzazione del polo chimico di Melzo, alla realizzazione del Tecnoparco a Cassano d Adda, all Area ex SISA, ecc. Interventi di rilevanza metropolitana a prevalente specializzazione residenziale. Si tratta di interventi e quartieri, comunque di dimensioni rilevanti, e a prevalente specializzazione Pagina 16 di 16

17 abitativa di nuova costruzione o recupero. Si pensi, in quest ultimo caso, ai Contratti di Quartiere 2 di Pioltello e Cernusco e, più in generale, ad alcune iniziative per la valorizzazione dei centri storici e di alcuni quartieri dell immediato dopo-guerra. Per quanto invece riguarda i nuovi quartieri si pensi, ad esempio, agli interventi promossi a Pessano con Mornago, Cernusco sul Naviglio, i PII di Pioltello, quelli di Segrate, il comparto nordovest di Vimodrone, oramai quasi terminato, ed altri ancora. Anche in questi casi, la funzione residenziale non è mai esclusiva, ed è sempre accompagnata da una quota non irrilevante di altre destinazioni. Recupero delle cave per attività legate al tempo libero. Si tratta di progetti pensati per il recupero ambientale e funzionale di molte cave non più utilizzate o in corso di dismissione. Sono interventi che molte volte, come nel caso di Segrate, hanno la capacità di costituire nuove centralità e di ricomporre e qualificare parti del territorio. Talvolta sono inoltre ricompresi all interno del PLIS o dei Parchi regionali (ad esempio a Pozzuolo Martesana, Trucazzano, Vaprio d Adda, Cassano d Adda, Trezzo sull Adda, Cernusco, ecc.) Valorizzazione beni architettonici e cascine. Si tratta di interventi di dimensioni non rilevanti ma di grande significatività, vuoi se considerati complessivamente, vuoi per la rilevanza delle attività che si intende insediare. La destinazione prevalente è, generalmente, servizi pubblici e residenza. Servizi ospedalieri e sanitari. È il progetto di potenziamento e riorganizzazione delle strutture ospedaliere di Melzo, Gorgonzola, Cassano d Adda e Vaprio d Adda. I riquadri 2, 3, e 4 della Tav 2 e la Tav. 6 mostrano chiaramente come Segrate sia posta al confine tra un territorio fortemente urbanizzato, parte rilevante di un agglomerato metropolitano continuo, e territori dove la presenza di suolo libero e ad uso agricolo è ancora importante. Più avanti si analizzeranno questi aspetti parlando di PTR e PPR. Per leggere le trasformazioni future di questo territorio è bene considerare anche le prospettive aperte dal PGT di Milano attualmente in discussione. Di seguito, si riporta una parte di una sua tavola di inquadramento generale, in cui sono evidenziati, tra l altro, gli interventi previsti a Rubattino e quello per le infrastrutture di mobilità pubblica, tra cui la MM 4, che dovrebbe arrivare a Segrate. Pagina 17 di 17

18 Fig. 5 da PGT Comune di Milano, D Allegato 4 Progetto strategico - Nord Est (Versione dicembre 2009) Sistema della mobilità: infrastrutture esistenti e previste (TAV. 3) L assetto infrastrutturale dell ambito ad est di Milano, che possiamo far coincidere con i territori del Tavolo Martesana-Adda è caratterizzato dalla presenza di assi stradali e per il trasporto pubblico su ferro con andamento marcatamente est-ovest: centrati su Milano e di connessione con l area bergamasca e bresciana. A nord, l area è delimitata dall autostrada Milano-Bergamo, parallelamente alla quale, scendendo verso sud, si sviluppano: il ramo verso Gessate della metropolitana M 2, la ex-statale Padana superiore (su cui si innesta la ex-ss525 del Brembo), la Cassanese, la ferrovia Milano-Venezia, la Rivoltana e la Paullese. Le direttrici stradali risultano fra loro interconnesse in corrispondenza dal sistema tangenziale milanese, mentre, allontanandosi dal capoluogo, le relazioni in direzione nordsud sono garantite quasi esclusivamente dall itinerario della Cerca e dalla provinciale Monza-Trezzo, oltre che da strade discontinue e a carattere strettamente locale (quali la SP121 Pobbiano-Cavenago e la SP104 Truccazzano-Trezzo). I dati del Censimento 2001 riguardanti gli spostamenti abituali per motivi di studio e lavoro Pagina 18 di 18

19 mettono in evidenza che una quota consistente dei movimenti è interno all area del Martesana Adda: si tratta di più di spostamenti su un totale di Milano, la Brianza (soprattutto il Vimercatese) e la provincia di Bergamo sono i territori con i quali l ambito intrattiene più relazioni (gli spostamenti complessivi con questi territori sono, rispettivamente, , e ). Fatta eccezione per il capoluogo, la differenza fra entrate e uscite è sempre a favore delle prime. Ciò significa che il Martesana-Adda attira flussi da tutti gli ambiti metropolitani e dalla provincia di Bergamo in virtù della sua dotazione produttiva e di servizi. Se pensiamo gli spostamenti abituali per motivi di lavoro e studio rispetto alla popolazione il valore del nostro ambito è allineato con il dato provinciale (grosso modo uno spostamento ogni due abitanti). La stessa considerazione può essere fatta se consideriamo il rapporto fra spostamenti e superficie territoriale, fra spostamenti e sviluppo della rete stradale e su ferro (soprattutto riferendosi ai valori medi provinciali escluso Milano). Anche i valori relativi alla quota di flussi assorbita dal trasporto pubblico e ai tempi di percorrenza media indicano che il Martesana-Adda si attesta su valori medi. Nonostante gli spostamenti siano in termini quantitativi fra i più rilevanti della regione metropolitana, il Martesana-Adda presenta indicatori tutti molto vicini ai valori della provincia anche perché dispone di una rete di mobilità pubblica rilevante (metropolitana e ferrovia) e può contare, in uno spazio relativamente ristretto, di un alto numero di radiali che, per quanto congestionate, riescono ad assicurare almeno una parte dei collegamenti con direzione est-ovest. Ciò non toglie, ovviamente, che le condizioni della circolazione lungo tutta la rete viaria rimangano sostanzialmente critiche (come in molte altre parti della provincia, d altronde), sia a causa dei limiti prestazionali della rete infrastrutturale, che oggi risulta decisamente inadeguata e deve essere riqualificata, sia per il sovrapporsi dei flussi locali con quelli a lunga percorrenza. È importante, a questo proposito, sottolineare che questa rete è la porta di accesso al capoluogo per i flussi proveniente dalla Lombardia orientale. Oltre alla già realizzata quarta corsia A4 Milano-Bergamo e al quadruplicamento della tratta ferroviaria Pioltello-Treviglio, si riportano sotto i principali interventi previsti o in via di realizzazione. Interventi previsti Le opere previste riguardano prevalentemente interventi di riqualificazione e potenziamento della rete stradale radiale esistente, al fine di rendere più agevole la circolazione in accesso all area milanese (anche per le provenienze esterne), e di migliorare le condizioni di vivibilità delle aree urbane attraversate. A ciò si affianca il dibattito in merito alle scelte più opportune e condivise per il miglioramento delle relazioni in senso trasversale (con orientamento nord-sud), che implicano, da un lato, il rafforzamento dell offerta infrastrutturale per le relazioni di transito, dall altro, lo sviluppo della mobilità pubblica per gli spostamenti locali, integrata con la rete ferroviaria e metropolitana esistente. A) potenziamento della SP103 Cassanese. L obiettivo dell intervento è quello di aumentare le caratteristiche prestazionali di una delle principali direttrici di accesso all area metropolitana, grazie al raddoppio, prevalentemente in sede, della carreggiata. Il tratto tra Pioltello e Melzo è connesso all autostrada BreBemi nell ambito del relativo Pagina 19 di 19

20 Accordo di Programma. La lunghezza è di circa 7 km. A est tale intervento si connette con la tangenziale di Pozzuolo Martesana (intervento facente parte della TEM) (una variante a doppia carreggiata a nord dell abitato di Melzo, che si innesterà su quella recentemente realizzata a nord di Pozzuolo, che a sua volta prosegue fino alla variante alla SP180 in fase di realizzazione ad est di Inzago). Potenziamento dello svincolo di Lambrate sulla A51 e il completamento della Viabilità speciale : nella tratta più prossima a Milano, l intervento si inquadra nel Protocollo d'intesa per il completamento del Centro intermodale di Segrate e delle opere connesse (2001), che contempla: il potenziamento dello svincolo di Lambrate sulla Tangenziale est di Milano e il completamento della cosiddetta "viabilità speciale a servizio del centro intermodale di Segrate, in carico alla concessionaria Serravalle s.p.a. (in realizzazione); la prosecuzione verso est del tratto in variante fino a Pioltello, con sistemazione della rete viaria minore, in carico alla Provincia di Milano; il collegamento tra la "viabilità speciale" prima menzionata e la Rivoltana, con scavalco della ferrovia. Oggetto dell Accordo di Programma per la definizione e il coordinamento degli interventi conseguenti alla realizzazone degli insediamenti commerciali previsti nel comune di Segrate, sottoscritto da Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Segrate e da IBP. L accordo, oltre a interventi di potenziamento e riqualificazione del trasporto pubblico locale, ribadisce il progetto di viabilità speciale di Segrate e interessa la riqualificazione della Rivoltana per un tracciato di circa 3 km. B) potenziamento della SP14 Rivoltana. Il raddoppio della carreggiata della Rivoltana consentirà di migliorare la percorrenza di un altro importante asse di penetrazione in Milano, distribuendo più facilmente i traffici provenienti dai territori ad est dell area metropolitana (in sinergia con il potenziamento della Cassanese di cui sopra). L intervento prende avvio da Vignate e Settala e prosegue fino a Segrate per una lunghezza di circa 7 km. L intervento è stato ricompreso tra le opere connesse al progetto BreBeMi. C) BreBeMi. L opera è oggetto dell Accordo di Programma per la realizzazione del collegamento autostradale Milano-Brescia. L intervento termina all altezza di Melzo sulla futura TEM. L intervento comprende anche la variante autostradale all abitato di Liscate, in cui è posizionata anche la barriera di esazione. Il tracciato ha uno sviluppo di circa 62 km. L Accordo di Programma comprende anche il potenziamento di: SP103 Cassanese tra Pioltello e Melzo; SP14 Rivoltana tra Segrate e Liscate. D) Tangenziale est esterna. Il progetto prevede la realizzazione di un asse autostradale che si snoda per circa 30 km e collega la A1 con la A4. Sono previste tra corsie per senso di marcia con corsia di emergenza. L autostrada è a regime di esazione chiuso. Il progetto comprende: connessione A4-A51; intersezione A4-TEM; svincolo Gorgonzola-Gessate; svincolo Pozzuolo Martesana; innesto BreBeMi-TEM; casello di Paullo; svincolo di Cerro al Lambro. Pagina 20 di 20

21 E) Progetti per la riqualificazione delle stazioni extraurbane lungo la metropolitana M2. Questi interventi, per i quali la Provincia di Milano ha già predisposto gli studi di fattibilità (con il coinvolgimento della Regione e dei Comuni interessati), riguardano la riorganizzazione complessiva delle stazioni in termini di accessibilità (veicolare, ciclabile e pedonale con abbattimento delle barriere architettoniche) e della realizzazione di aree di interscambio (parcheggi, servizi e funzioni strategiche localizzabili nelle aree limitrofe). L obiettivo è quello di aumentare il raggio di influenza delle stazioni stesse e, conseguentemente, di migliorare l efficienza e l appetibilità del servizio. In questo quadro dovranno essere realizzati anche altri interventi riguardanti l integrazione del servizio metropolitano con quello del trasporto pubblico locale su gomma, prevedendo un adeguata riorganizzazione delle linee di adduzione alle aree di interscambio. F) Inteventi sulla ex SS415 Paullese Al fine del suo potenziamento, sono previsti diversi interventi: penetrazione urbana della Paullese in Milano; il suo prolungamento da San Donato a corso Lodi a Milano; il potenziamento da Peschiera Borromeo a Spino d Adda (raddoppio carreggiata e opere connesse); la sistemazione nella tratta in San Donato Milanese G) Cantiere Cascina Gobba La sistemazione del nodo stradale di Cascina Gobba razionalizza la viabilità e migliora i collegamenti fra la Tangenziale est, Milano, Cologno Monzese, Vimodrone, Segrate e l ospedale San Raffaele attraverso un intervento suddiviso in due fasi: la prima fase è stata in parte già realizzata (primo lotto) con la costruzione di una serie di nuove rotatorie. Gli interventi attualmente in fase di realizzazione (secondo lotto) comprendono una nuova strada nord-sud, affiancata da un percorso ciclabile, e il primo tratto di una nuova strada tra via Olgettina e via Rizzoli. La seconda fase prevede il completamento del collegamento Olgettina-Rizzoli. Diversi gli interventi previsti. La nuova strada nord-sud: una nuova strada partirà dalla rotatoria di Cologno Monzese e arriverà fino all ospedale San Raffaele. Migliora i collegamenti stradali e autostradali fra i Comuni di Cologno e Vimodrone, l ospedale San Raffaele e il futuro insediamento terziario-residenziale previsto lungo via Olgettina. Una parte della nuova strada sottopassa la SS11 Padana Superiore e via Padova con una galleria lunga 420 metri. La rotatoria: in corrispondenza dell estremità sud della nuova galleria, una rotatoria metterà in comunicazione la nuova strada nord-sud e quella est-ovest (che collegherà via Olgettina e via Rizzoli). La rotatoria, ribassata rispetto al livello del terreno, sarà attraversata dal viadotto del micro metrò che collega la stazione M 2 con il San Raffaele. La nuova strada est-ovest: la zona est di Milano sarà meglio collegata alla città e alla tangenziale grazie a una nuova strada che andrà da via Olgettina a via Rizzoli costeggiando l ospedale San Raffaele. L intervento verrà completato nella seconda fase dei lavori con una galleria lunga 145 metri per sottopassare la Tangenziale est e collegarsi con via Rizzoli. La pista ciclabile: una pista ciclabile correrà parallela alla nuova strada nord-sud completando il sistema ciclabile esistente. Una passerella lunga 215 metri sovrappasserà la SS11 Padana Superiore e via Padova, consentendo di attraversare le due strade in sicurezza. Pagina 21 di 21

22 3.1.3 Sistema dei servizi e del commercio (TAV. 4.). Fig. 6 - Poli attrattori (Fonte Centro Studi PIM) Nell'articolazione territoriale della Provincia di Milano l area Martesana Adda è una delle aree più ampie: dal confine orientale del capoluogo sino al fiume Adda, attraversata da tre direttrici che convergono su Milano e da importanti assi tangenziali. In questo territorio si concentrano diversi poli che hanno un rilievo che supera i confini dell'area. Soprattutto nella porzione occidentale del Martesana-Adda abbiamo a che fare con una pluralità di centri di dimensioni demografiche maggiori rispetto al resto dell Area, interconnessi l uno con l altro (sia urbanisticamente, che per quanto riguarda le pratiche d uso degli abitanti) e tendenzialmente a carattere equipotenziale, benché sia ancora possibile riconoscere alcune polarità più importanti. Queste città sono quelle che una recente ricerca commissionata dalla Provincia di Milano al Centro Studi PIM individua come dotate di una maggiore capacità attrattiva e un rango superiore. La tabella seguente, che è tratta dalla ricerca menzionata, elenca i servizi e le funzioni di livello sovra-comunale dei comuni con maggiore capacità attrattiva e dei cosiddetti poli di secondo livello o potenziali (secondo questo studio si tratta, rispettivamente, di: Gorgonzola, Segrate e Cernusco sul Naviglio). La gerarchia urbana individuata non è molto dissimile da quella proposta dal Piano d area (si veda in particolare quelli che il Piano d area individua come comuni porta ). Pagina 22 di 22

23 Totale complessivo BASIANO 2 BELLINZAGO LOMBARDO 0 BUSSERO 3 CAPONAGO 4 CARUGATE 5 CASSANO D'ADDA 18 CASSINA DE' PECCHI 8 CERNUSCO SUL NAVIGLIO 27 GESSATE 4 GORGONZOLA 31 GREZZAGO 0 INZAGO 6 MASATE 1 MELZO 26 PESSANO CON BORNAGO 3 PIOLTELLO 21 POZZO D'ADDA 0 POZZUOLO MARTESANA 3 RODANO 1 SEGRATE 27 SETTALA 1 TREZZANO ROSA 2 TREZZO SULL'ADDA 16 TRUCCAZZANO 2 VAPRIO D'ADDA 8 VIGNATE 4 VIMODRONE 8 Totale Tavolo Adda Martesana 231 Provincia escluso Milano 1843 MILANO 2118 Totale Provincia di Milano 3961 Tab. 1 - Serv izi sov ra comunali. Molti sono i servizi di importanza metropolitana presenti all interno del territorio di Segrate: non si possono dimenticare l ospedale San Raffaele, ma anche i servizi posti attorno all idroscalo e all aeroporto, oltre alle strutture ricettive diffuse nel suo territorio e ad una serie di uffici pubblici con valenza sovra locale (ASL, catasto, ecc.) Per quanto riguarda il commercio, la crescita sostenuta degli addetti del settore è legata al rafforzamento e diffusione della grande e della media distribuzione che perlopiù si è localizzata lungo la viabilità principale, sia di livello metropolitano, che di ambito. Ricordiamo che riferendosi ai dati sull occupazione dell ultimo censimento, il Martesana- Adda ha assunto nell ambito della provincia di Milano una precisa vocazione commerciale. Ciò ha contribuito a peggiorare le già difficili condizioni della mobilità d area, non solo negli usuali periodi in cui si concentrano gli acquisti, ma anche in coincidenza dei momenti di carico della rete, come la sera. Da qui la necessità: di riflettere su forme di concertazione fra i comuni per la localizzazione/ampliamento delle nuove strutture; di prestare maggiore attenzione alla qualità degli spazi e dei servizi annessi (in alcuni casi queste strutture possono diventare vere porte di accesso al territorio, ai parchi e ai servizi); di valutare più attentamente le opportunità occupazionali connesse; di rafforzare e ripensare le politiche di sostegno ed integrazione con le reti della piccola distribuzione presenti nei centri storici. Pagina 23 di 23

24 La geografia della grande e della media distribuzione commerciale presente nell ambito, per quanto distribuita in maniera relativamente omogenea su tutto il territorio, presenta concentrazioni preferenziali lungo alcuni itinerari radiali (la Padana superiore, la Cassanese e la Rivoltana, ma in questo caso in modo assai meno accentuato) e lungo alcune strade con orientamento nord sud (ad esempio la Cerca e la stessa Tangenziale est). Inoltre si distinguono tre modalità insediative (per una analisi più in dettaglio si rimanda alla ricerca commissionata dalla provincia di Milano al Politecnico di Milano, Laboratorio Urb&Com e all allegato n 3 del Piano d area). La prima tipologia è quella delle grandi polarità, caratterizzate da punti vendita di grande estensione, un bacino di livello metropolitano o regionale, e una accessibilità altrettanto ad ampio raggio. Ad esempio il polo di Carugate, che è uno dei più rilevanti a livello metropolitano; quello di Busnago (il Globo), collocato al confine fra la Brianza orientale e l Adda-Martesana; il sistema sorto all intersecazione fra la Cerca e l Autostrada A4, all altezza di Caponago e Agrate e, infine, alcuni punti vendita di grandi dimensioni specializzati lungo la Padana superiore e la Cassanese (ad esempio a Vimodrone, Segrate, Vignate, ecc.). La seconda modalità è quella degli areali urbani costituiti da medie strutture di vendita, in prevalenza alimentari, localizzati generalmente nei centri urbani di maggiori dimensioni, (Segrate, Pioltello, Cernusco sul Naviglio, Trezzano sull Adda, Cassano d Adda, ma anche Liscate, Caponago, Pessano con Bornago). La terza declinazione, che si integra e si sovrappone con le precedenti, è quella a sviluppo lineare. Come noto, le caratteristiche dei sistemi lineari variano a secondo del tipo di strada, della specializzazione merceologica dei punti vendita, della loro densità, delle connessioni e delle reciproche relazioni. Gli itinerari privilegiati sono quelli prima ricordati: la Padana superiore, la Cassanese, la Cerca, ma anche itinerari secondari, come ad esempio le strade che collegano Pioltello, Cernusco, Carugate. Infine non vanno dimenticate, per la loro capacità di valorizzare i contesti urbani ove si insediano, alcune reti del commercio al dettaglio, soprattutto localizzate nei centri storici (ad esempio Cernusco sul Naviglio, Melzo, Gorgonzola, Trezzo sull Adda), sebbene la piccola distribuzione stia progressivamente diminuendo, nonostante le diverse politiche ed azioni di supporto intraprese anche da alcune amministrazioni comunali dell ambito considerato. Il riquadro 1 della tav. 3 mostra, come da PTR, i principali centri di grande distribuzione ed i cinema multisala. Si nota come Segrate è posta al confine tra una fascia nord di maggiore concentrazione, ed una più a sud di minor diffusione. Si deve però tener conto dei progetti di futura collocazione di grandi superfici di vendita a Segrate e nei comuni limitrofi, che porteranno grandi trasformazioni di questa area dal punto di vista della distribuzione commerciale. La tav. 4 mostra anche, nei riquadri lateriali, l appartenenza di Segrate al meta distretto industriale delle biotecnologie alimentari e a quello dell ITC, per quanto riguarda le attività economiche, e a quello sociale Est Milano per quanto riguarda le politiche socio-sanitarie Sistema ambientale e paesistico (TAV.5). Rispetto all Area Martesana-Adda, le aree complessivamente destinate a parchi di rilevanza sovracomunale hanno una estensione di 92,58 kmq, corrispondono a circa il 34% dell intero territorio dell ambito ed interessano quasi il 50% del territorio inedificato. Pagina 24 di 24

Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM)

Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM) Urbanistica e industria in Lombardia Franco Sacchi (Direttore Centro Studi PIM) Il rinnovo della città industriale Politecnico di Milano, Polo di Mantova, Salone Mantegnesco, 24 maggio 2012 http://www.pim.mi.it.

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DELLA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DELLA MOBILITÀ DELL'EST MILANESE Alternativa di tracciato zona sud: analisi di traffico

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO DEFINITIVO

STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO DEFINITIVO TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO DEFINITIVO 4 Area di Comazzo, Merlino, Paullo, Settala, Tribiano, Zelo Buon Persico Febbraio 2010 La Società Tangenziale Esterna sta

Dettagli

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini

P0809. Riferimento commessa: Novembre 2012. arch. Veronica Indelicato ing. Alessandra Cattaneo dott. Mario Travaglini Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it Riferimento commessa: P0809 Novembre 2012 prof. arch. Giorgio Goggi ing. Michele D Alessandro Responsabile scientifico Direttore

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA ACCESSIBILITA A EXPO 2015 Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico L esposizione universale che si realizzerà a Milano

Dettagli

Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico

Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Monza (MI) Il Piano regolatore generale o di governo del territorio come atto centrale e strategico Il Comune di Monza è dotato di Prg approvato

Dettagli

TRA. L Agenzia per la Formazione, l Orientamento ed il Lavoro Est Milano

TRA. L Agenzia per la Formazione, l Orientamento ed il Lavoro Est Milano PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA CONDIVISO PER L ORIENTAMENTO, IL RIORIENTAMENTO, LA RIMOTIVAZIONE CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA NEL TERRITORIO DELL EST MILANO

Dettagli

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE COMUNE DI CASSINA DE PECCHI Provincia di Milano PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT 16 OTTOBRE 2008 VERBALE Il giorno 16 ottobre 2008 alle ore 10,30 si è riunita presso la Sede Municipale

Dettagli

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

1.5. Il centro storico 1.5.1. Un ambito urbano di pregio La ristretta fascia compresa fra la SP342dir. e la linea ferroviaria Carnate-Lecco è occupata dal centro storico, impostato sull unico asse viario

Dettagli

Emergenze di oggi prospettive per il domani

Emergenze di oggi prospettive per il domani Assimpredil Ance Emergenze di oggi prospettive per il domani Avv. Marzio Agnoloni Presidente Milano Serravalle-Milano Tangenziali S.p.A. 12 maggio 2014 Profilo della Società Milano Serravalle Milano Tangenziali

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Il Piano urbanistico esecutivo

Il Piano urbanistico esecutivo Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Firenze Il Piano urbanistico esecutivo Le scelte effettuate all interno del Piano urbanistico esecutivo (Pue), si focalizzano intorno alla rivitalizzazione

Dettagli

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato Il Collegamento Autostradale Brescia - Bergamo - Milano (in breve Brebemi) consentirà viaggi veloci e sicuri su un sistema viabile integrato nel

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA PARCHI REGIONALI PLIS IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLA VALLE DEL LAMBRO PARCO DELL ADDA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DELLE GROANE PARCO DELLA BRIANZA CENTRALE PARCO DI MONZA

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 "Mobilità"

RELAZIONE TECNICA. Immagine 1_Piano_IM.01 Mobilità RELAZIONE TECNICA L area di progetto insiste su una porzione del settore Nord-Est di Sesto San Giovanni, Comune confinante a Sud-Ovest con il capoluogo lombardo. L area in oggetto si trova in un punto

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

Mercoledì 28 Aprile 2010 Sala degli Specchi Villa Ghirlanda Silva

Mercoledì 28 Aprile 2010 Sala degli Specchi Villa Ghirlanda Silva Mercoledì 28 Aprile 2010 Sala degli Specchi Villa Ghirlanda Silva Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE E un progetto strutturale per la trasformazione qualitativa della città Si

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

LA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO

LA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO LA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO Maggio 2010 LA TANGENZIALE EST ESTERNA DI MILANO La Tangenziale Est Esterna di Milano si inserisce in un ampio quadro di potenziamento della grande viabilità di Milano

Dettagli

1. Il calendario degli incontri

1. Il calendario degli incontri TERZO CICLO DI INCONTRI CON GLI UFFICI TECNICI 1. Il calendario degli incontri Gli uffici tecnici sono stati convocati a quattro tavoli di lavoro: 1. presso il Comune di Villasanta, martedì 7 settembre

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO

PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PROPOSTA DI PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO Il Programma Integrato di Intervento in esame risulta procedibile ai sensi della Legge regionale 11 marzo 2005 n. 12 e successive modifiche ed integrazioni in

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale

Percorso Ciclabile di Interesse Regionale SCHEDA DESCRITTIVA PCIR 09 Navigli Allegato 2 Percorso Ciclabile di Interesse Regionale 09 Navigli Lunghezza: 66 Km Territori provinciali attraversati: Milano Collegamenti con: altri percorsi ciclabili

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Sviluppo Rete Stradale. Condividiamo. 20 marzo 2012. I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1

Sviluppo Rete Stradale. Condividiamo. 20 marzo 2012. I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1 Sviluppo Rete Stradale Condividiamo 20 marzo 2012 I percorsi ciclabili quale mezzo per valorizzare il patrimonio culturale del territorio 1 Cos è una pista ciclabile Infrastruttura dedicata ad una circolazione

Dettagli

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO 18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO La Comunità Sostenibile: una soluzione partecipata per gli obiettivi della Direttiva 20-20-20 Clima Energia. Nuove opportunità di coesione sociale e di sviluppo

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

P.A.T. R 4. Relazione Sintetica. COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso. Elaborato

P.A.T. R 4. Relazione Sintetica. COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso. Elaborato COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso P.A.T. Elaborato R 4 Relazione Sintetica Elaborato adeguato all approvazione in sede di Conferenza di Servizi del 12/10/2010 REGIONE VENETO Direzione Urbanistica

Dettagli

Il sistema agricolo territoriale delle aree periurbane di pianura irrigua 4.

Il sistema agricolo territoriale delle aree periurbane di pianura irrigua 4. Il sistema agricolo territoriale delle aree periurbane di pianura irrigua 4. Nel territorio della regione Lombardia il secondo sistema di agricoltura periurbana individuato si sviluppa in senso orientale,

Dettagli

Atti del Sindaco Metropolitano

Atti del Sindaco Metropolitano Albo Pretorio On-Line http://temi.provincia.milano.it/albopretoriool/dettaglio.asp?id=25762685329 Pagina 1 di 1 30/11/2015 Atti del Sindaco Metropolitano N di Repertorio Generale : 301/2015 N di Protocollo

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

grandi progetti segrate recupero cascine storiche aree di recupero e trasformazione urbana

grandi progetti segrate recupero cascine storiche aree di recupero e trasformazione urbana temi e progetti 2.1 Trasformazioni urbane La tavola mostra una selezione dei più significativi progetti di trasformazione urbana programmati nell Adda-Martesana. L immagine che questa selezione ci propone

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN

Modello di micro simulazione del traffico AIMSUN π POLINOMIA ingegneria dei trasporti e matematica applicata via Carlo Poerio, 41-20129 Milano - Italy telefono 02-20404942 segreteria@polinomia.it Modello di micro simulazione del traffico Cosa è la micro

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 1. Brescia e Comuni Vicini Brescia Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune BRESCIA Viabilità Le aree industriali si trovano sull asse nord-ovest

Dettagli

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano Sergio Viganò 1 ABSTRACT Lo sviluppo di Milano dell ultimo decennio è avvenuto

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Progettare e valutare per competenze per contrastare la dispersione scolastica

Progettare e valutare per competenze per contrastare la dispersione scolastica PROGETTO DI CORSO DI FORMAZIONE IN RETE PER I DOCENTI RETE EST MARTESANA ADDA comprendente gli istituti comprensivi di Basiano- Masate, Cassano d Adda, Inzago, Pozzuolo Martesana, Trezzano Rosa, Vaprio

Dettagli

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12

STUDIO RELATIVO ALLA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO INNESTO CON IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE SULLA S.S.12 Comune di Pavullo nel Frignano Piano Urbanistico Attuativo di Iniziativa Privata Ambito ASP 2.7 di rilievo sovracomunale sito in località Casa Zanaroli Cà del Lupo e denominato: POLO ARTIGIANALE INDUSTRIALE

Dettagli

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori La Gronda di Genova DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009 Quaderno degli attori Presentato da 17 marzo 2009 La Cisl di Genova, ritiene non più rinviabile l adeguamento e la costruzione di opere

Dettagli

PI 2014 COMUNE DI CASIER

PI 2014 COMUNE DI CASIER PI 2014 COMUNE DI CASIER Variante n. 4 (Legge Regionale n. 11/2004 e s.m.i.) SCHEDE F (Art.3 L.R. 50/2012) 11.04.2014 19.12.2013 12.12.2013 06.12.2013 Elaborato 24 AREE DEGRADATE Art.3 L.R. n. 50/2012

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Riqualificazione urbana a Padova Il PRUSST Arco di Giano CITTÁ

Riqualificazione urbana a Padova Il PRUSST Arco di Giano CITTÁ CITTÁ Riqualificazione urbana a Padova Il PRUSST Arco di Giano di AUDIS - Associazione Aree Urbane Dismesse Con questo articolo, dedicato alla città di Padova, l Audis prosegue la presentazione di alcuni

Dettagli

PARCO DELLA VALLETTA. Elementi identificativi...610. Inquadramento territoriale...614

PARCO DELLA VALLETTA. Elementi identificativi...610. Inquadramento territoriale...614 PARCO DELLA VALLETTA Elementi identificativi...610 Inquadramento territoriale...614 608 ELEMENTI IDENTIFICATIVI DENOMINAZIONE: Parco della Valletta Codice PLIS: PL_224 PROVINCE: Milano, Lecco. COMUNI:

Dettagli

Collaborano alla redazione: Andrea Agresti e Valeria Lupatini per ASSOLOMBARDA; Agnese Cirinnà e Elena Molignoni per NOMISMA.

Collaborano alla redazione: Andrea Agresti e Valeria Lupatini per ASSOLOMBARDA; Agnese Cirinnà e Elena Molignoni per NOMISMA. 0 La redazione dei Dossier sul mercato degli immobili d impresa è coordinata da: Margherita Corsi e Matteo Pedretti per OSMI BORSA IMMOBILIARE; Emanuela Curtoni e Maria Grazia De Maglie per ASSOLOMBARDA.

Dettagli

Comune di Torino SINTESI. Programma Territoriale Integrato Infrastrutture e qualità della vita nel quadrante est-nord est di Torino.

Comune di Torino SINTESI. Programma Territoriale Integrato Infrastrutture e qualità della vita nel quadrante est-nord est di Torino. Direzione Programmazione e Statistica Programmi Territoriali Integrati SINTESI Programma Territoriale Integrato Infrastrutture e qualità della vita nel quadrante est-nord est di Torino Barriera mobile

Dettagli

GLI SPAZI APERTI E GLI AMBITI AGRONATURALISTICI, IL FIUME LAMBRO, L AREA METROPOLITANA MILANESE ESEMPIO DI ATTIVAZIONE DI RETE ECOLOGICA

GLI SPAZI APERTI E GLI AMBITI AGRONATURALISTICI, IL FIUME LAMBRO, L AREA METROPOLITANA MILANESE ESEMPIO DI ATTIVAZIONE DI RETE ECOLOGICA GLI SPAZI APERTI E GLI AMBITI AGRONATURALISTICI, IL FIUME LAMBRO, L AREA METROPOLITANA MILANESE ESEMPIO DI ATTIVAZIONE DI RETE ECOLOGICA Bando Fondazione Cariplo 2012 Piano di azione Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Il Piano Strategico per lo Sviluppo del Nord Milano: fra presente e futuro

Il Piano Strategico per lo Sviluppo del Nord Milano: fra presente e futuro Il Piano Strategico per lo Sviluppo del Nord Milano: fra presente e futuro Renato Galliano, direttore generale MILANO METROPOLI AGENZIA DI SVILUPPO La genesi del piano 1998-2001 : Il piano strategico del

Dettagli

DOCUMENTO DI PIANO RELAZIONE QUADRO CONOSCITIVO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. COMUNE DI PESCHIERA BORROMEO Provincia di Milano PGT 2011

DOCUMENTO DI PIANO RELAZIONE QUADRO CONOSCITIVO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. COMUNE DI PESCHIERA BORROMEO Provincia di Milano PGT 2011 COMUNE DI PESCHIERA BORROMEO Provincia di Milano PGT 2011 PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DOCUMENTO DI PIANO QUADRO CONOSCITIVO RELAZIONE i Adottato con delibera C.C. n. 6 del 27/02/2012 Approvato con

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia

Comune di Desenzano del Garda. Provincia di Brescia Comune di Desenzano del Garda Provincia di Brescia INDAGINI DI TRAFFICO IN FUNZIONE DEL PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PLESSO SCOLASTICO E DI UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE IN LOCALITA

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO Montecity Rogoredo Santa Giulia

PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO Montecity Rogoredo Santa Giulia Programmi di Riqualificazione Urbana, Prof. Fabrizio Bottini PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO Montecity Rogoredo Santa Giulia Beatrice Miceli Giorgio Stefanoni Laurea in Urbanistica a.a. 2008/2009 Politecnico

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda»

Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Settore Urbanistica Operativa, Mobilità e Viabilità Relazione sul sistema della mobilità Piano Particolareggiato «Aree Industriali via Stucchi, Ercolano, Pompei ed Adda» Premessa Si intende realizzare

Dettagli

Tra. il Comune di Verona, in persona del Sindaco Pro tempore, Flavio Tosi, domiciliato per la carica in Verona, Piazza Brà n. 1

Tra. il Comune di Verona, in persona del Sindaco Pro tempore, Flavio Tosi, domiciliato per la carica in Verona, Piazza Brà n. 1 SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA ai sensi dell art. 7 della L. R. V. 11/2004 e dell art. 34 del D. Lgs 267/2000 PER LA VALORIZZAZIONE E LA RILOCALIZZAZIONE DELLA SEDE DELL ULSS 20 DI VERONA Tra il Comune di

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

VAS RAPPORTO AMBIENTALE

VAS RAPPORTO AMBIENTALE MARZO 2009 5. ATLANTE DI ANALISI E VALUTAZIONE DELLE AREE DI TRASFORMAZIONE MARCELLA SALVETTI CAMILLA ROSSI GIORGIO MANZONI MARIO MANZONI claudio nodari pianificazione e coordinamento 5. ATLANTE DI ANALISI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

PROTOCOLLO D INTESA TRA. FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA TRA FS SISTEMI URBANI S.r.l. RETE FERROVIARIA ITALIANA S.p.A. COMUNE DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DELLA STAZIONE FERROVIARIA E DELLO

Dettagli

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento

3 Gli insediamenti. Piano di Governo del Territorio di Dalmine - Documento di Piano - Relazione con i criteri di intervento 3 Gli insediamenti Il Piano individua come territori che compongono gli insediamenti: 3a) i centri storici, gli insediamenti della fabbrica Dalmine 3b) il tessuto urbano 3c) gli insediamenti produttivi

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009

EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l. MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 EXPO 2015 Infrastrutture e sistema della mobilità per l Expo l 2015 MOBILITY CONFERENCE Milano, 10 febbraio 2009 LE OPERE ESSENZIALI (FONDI STATALI EXPO) PRIVATI PREVISTI COMUNI PROVINCIA REGIONE INTERVENTI

Dettagli

VERSO LA NUOVA VIABILITÀ

VERSO LA NUOVA VIABILITÀ Verso la nuova viabilità4 AUTO:Layout 1 09/06/10 08:56 Pagina 1 città di CERNUSCO SUL NAVIGLIO VERSO LA NUOVA VIABILITÀ Una città dove muoversi sarà più agevole e sicuro CERNUSCO sul NAVIGLIO 2010 Verso

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34

Comune di Recanati. Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo. Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 1 Comune di Recanati Recanati li 21.11.2007 Piano Particolareggiato del Centro Storico del Rione Castelnuovo Legge Regionale 5 agosto 1992, n. 34 Sottotitolo P.P. 1 Castelnuovo PREMESSA In attuazione degli

Dettagli

Convenzione. Pagina 1 di 9

Convenzione. Pagina 1 di 9 . AGENZIA PER LA FORMAZIONE L ORIENTAMENTO E IL LAVORO EST MILANO Convenzione Pagina 1 di 9 I Comuni elencati nella tabella 1 allegata al presente atto e la Provincia di Milano - premesso che gli Enti

Dettagli

Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni

Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni ALER PIÙ VICINA AI SUOI CLIENTI ANCHE IN PROVINCIA Comuni dell hinterland milanese che possono rivolgersi al Settore Territoriale COMUNE N. ALLOGGI N.

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE

COMUNE DI BRESCIA RELAZIONE SUL TRAFFICO PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE COMUNE DI BRESCIA PIANO ATTUATIVO PER INSEDIAMENTO DI ATTIVITÀ INDUSTRIALE IN ZONA PRODUTTIVA ESISTENTE RELAZIONE SUL TRAFFICO CONSULENZA SPECIALISTICA RELATIVA A: Studio mobilità e traffico BRESCIA MOBILITÀ

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

Criteri urbanistici per l attività di pianificazione e di gestione degli Enti Locali in materia commerciale (art. 3, comma 3, L.R. n. 14/99).

Criteri urbanistici per l attività di pianificazione e di gestione degli Enti Locali in materia commerciale (art. 3, comma 3, L.R. n. 14/99). Lombardia Delib.G.R. 21-11-2007 n. 8/5913 Criteri urbanistici per l attività di pianificazione e di gestione degli Enti Locali in materia commerciale (art. 3, comma 3, L.R. n. 14/99). Pubblicata nel B.U.

Dettagli

RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE

RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE Dipartimento VI - Politiche della programmazione e pianificazione del territorio U.O. 11 Interventi di Qualità RIMESSE IN GIOCO I DEPOSITI DI IDEE Concorso internazionale di architettura per la trasformazione

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Programma di Edilizia Residenziale Pubblica Piano di Zona B4 CASTELVERDE- Roma

Programma di Edilizia Residenziale Pubblica Piano di Zona B4 CASTELVERDE- Roma Programma di Edilizia Residenziale Pubblica Piano di Zona B4 CASTELVERDE- Roma Edilpool srl via dei Durantini 275-00157 ROMA tel 06.45.13.393 fax 06.4181161 edilpool@edilpool.it Indice La Nuova Centralità

Dettagli