IFRS 13 VALUTAZIONE AL FAIR VALUE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IFRS 13 VALUTAZIONE AL FAIR VALUE"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IFRS 13 VALUTAZIONE AL FAIR VALUE PAOLO TERAZZI 15 Novembre 2013

2 Agenda Obiettivi e Ambito di Applicazione Definizione di Fair Value Applicazione ad asset non finanziari Applicazione a passività e strumenti di capitale Applicazione a passività non performance risk Stumenti Derivati - Quantificazione del Rischio di Credito Applicazione a attività e passività con posizioni che si compensano Fair Value alla data di acquisizione Tecniche di misurazione Gerarchia del Fair Value 2

3 Obiettivi del Principio Altri IAS/IFRS permettono o richiedono: Valutazione Iniziale (basata su) FV Valutazione Successiva (basata su) FV Informativa sulla valutazione (basata su) FV IFRS 13 Chiarisce la definizione di FV Fornisce un framework unico per misurare il FV Richiede disclosures aggiuntive sul FV si inserisce nel processo di convergenza tra principi contabili internazionali IAS/IFRS e principi contabili statunitensi SFAS, infatti esso ripropone in larga misura tutte le previsioni contenute nel principio SFAS 157 Fair Value Measurement APPLICAZIONE Bilanci degli esercizi che iniziano il o dopo il Applicazione Prospettica. Dati comparativi non richiesti 3

4 Ambito di Applicazione del Principio IFRS 13 si applica a tutti gli IAS/IFRS (che richiedono/permettono la valutazione a FV) Tranne IFRS 2 IAS 17 Valutazioni che sono simili a fair value ma che non sono a FV (IAS 2 inventories; IAS 36 impairment of assets / value in use) L informativa richiesta non si applica a IAS 19 plan assets IAS 26 retirement benefit plan investments IAS 36 asset valutati a FV meno costi di dismissione 4

5 Definizione di Fair Value Ante IFRS 13 L importo a cui un attività potrebbe essere scambiata, o una passività estinta, tra parti consapevoli e motivate in una transazione ordinaria IFRS 13 Scambiata: non si capisce se la entità sta comperando o vendendo la attività Estinta: non si capisce cosa realmente significa mancando riferimento al creditore Parti consapevoli: non si capisce se sia market-based Non si definisce quando avviene la transazione Il Prezzo che si potrebbe ricevere per vendere una attività o pagare per trasferire una passività in una transazione ordinaria tra partecipanti al mercato alla data di valutazione Vendere / Trasferire: exit price Partecipanti al mercato: market based Data di valutazione: prezzo corrente 5

6 Definizione di Fair Value Il Fair Value è quindi una valutazione di mercato e non una valutazione specifica della entità. L intenzione della entità di mantenere la attività o di estinguere/adempiere alla obbligazione in altro modo non sono rilevanti in sede di valutazione al fair value. 6

7 Definizione di Fair Value Aspetti rilevanti nella valutazione del fair value: L identificazione dell attività o passività oggetto di misurazione Tipologia di Transazione - Identificazione del mercato per l attività o la passività Partecipanti al mercato Prezzo Applicazione alle attività Per un attività non finanzaria, la determinazione della configurazione di valore (valuation premise) che si ritiene appropriata per la misurazione Applicazione alle passività e agli strumenti di equity La definizione della tecnica valutativa appropriata per la misurazione 7

8 Definizione di Fair Value Caratteristiche delle attività / passività Si devono considerare le caratteristiche dello strumento / gruppo di strumenti che i partecipanti al mercato considerano al fine del pricing: Condizioni ed ubicazione della attività Eventuali restrizioni alla vendita etc Occorre distinguere tra le caratteristiche della attività / passività e quelle legate all impresa che la detiene i.e. una entità da in pegno dei titoli a garanzia di un prestito ricevuto. Nella valutazione dei titoli la restrizione per il fatto che essi sono dati in pegno è una restrizione relativa alla azienda e non ai titoli stessi Tale restrizione non può essere presa inconsiderazione nella valutazione del FV dei titoli in esame L attività o la passività può essere: stand-alone (ie uno strumento finanziario o un attività operativa) un gruppo di attività o passività (ie una cash-generating unit o un business) in funzione della unit of account prevista da un principio IFRSs applicabile all attività o passività o a un loro gruppo. 8

9 Definizione di Fair Value Caratteristiche della transazione e del Mercato L attività o passività sia scambiata in una orderly transaction tra market participants per vendere l attività o trasferire la passività alla data della misurazione. Una orderly transaction è una transazione che assume l esposizione al mercato per un periodo prima della data di misurazione per consentire le attività di marketing che sono usuali per la transazione riguardante l attività o la passività; non è una vendita forzata (ie liquidazione forzata o distress sale). Si presume che la transazione avvenga nel mercato principale (quello con il maggiore volume e livello di attività per una determinata attività / passività) o, in assenza, in quello più vantaggioso (quello che massimizza l ammontare ricevuto / minimizza quello pagato) L entità deve poter avere accesso al mercato principale (o al più vantaggioso) alla data di valutazione. Il mercato principale può quindi essere diverso per due diverse entità. In assenza di evidenze contrarie si presume che il mercato nel quale solitamente l entità vende/compra lo strumento sia il mercato principale. 9

10 Definizione di Fair Value Partecipanti al mercato Una entità deve misurare il fair value utilizzando le assunzioni che sarebbero utilizzate da un qualsiasi partecipante al mercato per prezzare lo strumento (i.e. Il rischio controparte). Non è necessario identificare specifici partecipanti al mercato, piuttosto si devono identificare le caratteristiche che li distinguono sulla base di tipologia dello strumento, del mercato principale etc. I partecipanti al mercato sono acquirenti e venditori nel mercato più vantaggioso per l attività o la passività che sono: (a) Independent = Indipendenti gli uni dagli altri, vale a dire non sono parti correlate (ai sensi IAS 24 Related Party Disclosures); (b) Knowledgeble = Informati, vale a dire sono sufficientemente informati per assumere una decisione di investimento e si presume siano informati almeno come la reporting entity circa le caratteristiche dell attività e della passività; (c) Able = Siano in grado di entrare nella transazione per l attività e la passività; (d) Willing = Abbiano intenzione di entrare nella transazione per l attività o la passività, vale a dire siano motivati ma non obbligati o diversamente indotti a perfezionare la transazione. Si assume che i partecipanti al mercato siano quelli con i quali solitamente la entità effettua transazioni aventi ad oggetto quello strumento. 10

11 Definizione di Fair Value Prezzo (Exit Price) Prezzo ricevuto / pagato indipendentemente dal fatto che sia direttamente osservabile o stimato con tecniche di valutazione. Non aggiustato per i costi di transazione (non sono una caratteristica della attività). Rettificato dei costi di trasporto se l ubicazione è una caratteristica dello strumento ed il mercato principale si trova in un luogo diverso (i.e. Commodities) Exit Price Se è disponibile un prezzo basato su bid & ask (eg in un dealer market ), il prezzo che si colloca all interno del bid-ask spread e che è ritenuto maggiormente significativo deve essere utilizzato per determinare il fair value prescindendo dal livello (Level 1, 2 or 3). il Rischio di Inadempimento (Credit Valuation Adjustment / Debit Valuation Adjustments) diventa un elemento importante esplicito 11

12 Definizione di Fair Value PREZZO - MERCATO PRINCIPALE MERCATO PIU VANTAGGIOSO Mercato Principale Mercato 1 Mercato 2 Mercato 3 Volumi Prezzo Costi Trasporto (5) (5) (6) FV Costi Transazione (2) (2) (3) Netto Mercato più vantaggioso 12

13 Applicazione ad assets non finanziari Per la valutazione del fair Value di una attività non finanziaria si assume che il partecipante al mercato sia in grado di ricavare dalla attività its highest and best use. Il massimo e migliore utilizzo: deve essere fisicamente possibile, legalmente permesso, finanziariamente sostenibile determinato dal punto di vista del partecipante al mercato anche se la entità utilizza il bene in un modo differente. Anche se per motivi di protezione della propria posizione competitiva una entità non utilizza il bene (i.e. un marchio) per la sua valutazione si deve assumere il suo massimo e migliore utilizzo tuttavia, un entità non deve svolgere una esaustiva ricerca per altri usi potenziali se non vi è un evidenza che suggerisca che l uso corrente dell attivià non sia il suo massimo e migliore utilizzo Il massimo e migliore utilizzo di una attività si deve determinare con riferimento al suo uso insieme ad altre attività o gruppi di attività qualora Esso si ottenga in combinazione con altri asset. Le passività associate con la attività e le attività complementari sono quelle strettamente legate al funzionamento del gruppo di attività, non quelle destinate a finanziare altri gruppi di attività 13

14 Applicazione ad assets non finanziari In alcuni casi, l entità usa un attività insieme alle altre attività in un modo che differisce dal highest and best use dell attività. Esempio: un entità, può gestire un impianto su un terreno anche se il highest and best use del terreno prevederebbbe la demolizione dell impiano e la costruzione di una costruzione residenziale. In tali casi, il fair value del gruppo di attività è costituito dai seguenti componenti: (a) Il valore delle attività assumendo l uso corrente delle attività. Tale valore differisce dal fair value quando l uso corrente dell attività si discosta dal suo highest and best use. Tuttavia, tale valore riflette tutti gli altri fattori che i partecipanti al mercato considererebbero nella determinazione del prezzo delle attività. (b) l ammontare per il quale il fair value delle attività differisce dal loro valore nel corrente uso (vale a dire il valore incrementale del gruppo di attività). Un entità dovrebbe riconoscere il valore incrementale di cui a (b) congiuntamente all attività cui si riferisce. Ad esempio il valore incrementale fa riferimento alla capacità dell entità di converture il terreno dal suo uso corrente come proprietà industriale al suo highest and best use quale proprietà residenziale. Coerentemente, il fair value del terreno ricomprende il suo valore ipotizzando l uso corrente più il valore incrementale di cui al (b). L ammontare attribuito all impianto riflette il suo uso corrente come evidenziato nel (a). 14

15 Applicazione a passività e strumenti di capitale Nella valutazione delle passività (finanziarie e non finanziarie) e degli strumenti di capitale si assume Che la passività / strumento di capitale rimanga outstanding dopo il trasferimento e che il partecipante al mercato al quale viene trasferita che sarà responsabile del suo adempimento / ne avrà i diritti ed obblighi da essa derivanti 15

16 Applicazione a passività e strumenti di capitale In molti casi, non esiste un prezzo di mercato osservabile per il trasferimento di una passività. In tali casi, un entità dovrebbe misurare il fair value della passività utilizzando la medesima metodologia che la controparte utilizzerebbe per misurare il fair value della corrispondente attività. : Sulla base dei prezzi di mercato (se disponibili) Aggiustati per il rischio di credito della controparte se si tratta di asset similari Depurati dall effetto di eventuali credit anhancement (garanzie) se queste non vengono generalmente trasferite con il trasferimento della passività 16

17 Applicazione a passività e strumenti di capitale Se non c è corrispondenza con attività per una passività, un entità dovrebbe stimare il prezzo che i partecipanti al mercato domanderebbero per assumere la passività Utilizzando tecniche di valutazione I futuri cash flow in cui il partecipante al mercato incorrerà per adempiere la passsività (inlcuso il premio che esso richiede per assumersi la passività) L ammontare che il market participant riceverebbe con l emissione di una simile passività (assumendo di avere lo stesso rating) 17

18 Applicazione a passività non performance risk Il Fair Value di una passività deve riflettere l effetto del rischio di inadempimento (rischio di insoluto ). Tale rischio è assunto: a) uguale prima e dopo la transazione; b) includere anche, ma non solo, il rischio di credito dell entità, in funzione della tipologia di passività (financial o non financial liability) e dell esistenza di garanzie collaterali (credit enhancements) c) Non si deve tenere conto come imput separato dell affetto di una eventuale restrizione che impedisca di trasferire la passività/strumento di capitale, poichè tale effetto è generalmente incluso negli altri imput. 18

19 Applicazione a passività non performance risk ESEMPIO - FINANZIAMENTO Entità A presta 500 a 5 anni Entità X AA+ Rating 6% Entità Y BBB+ Rating 12% FV = /(1+0.06)^5 = 374 FV = /(1+0.12)^5 =

20 Derivati - Quantificazione del Rischio di Credito Calcolo del CVA/DVA dovrebbe seguire un approccio expected losses. Nel caso di un derivato l aggiustamento per il rischio controparte non dovrebbe essere applicato al semplice MTM al momento della valutazione ma dovrebbe essere applicato al risultato di simulazioni su n. scenari possibili con diverse evoluzioni del MTM sino alla scadenza del contratto. Concetti di Expected Positive Exopsure / Expected Negative Exposure Assets: MTM positivo Liabilities: MTM negativo Basilea III richiede alle banche di rettificare EPE per il rischio controparte ma non richiede di rettificare ENE per rischio controparte: le passività (cioè i potenziali outflows della banca) per Basilea 3 sono da esporsi per il loro valore, cioè senza tenere conto dell effetto del CDS della banca stessa. IFRS 13 richiede di rettificare le attività per il rischio della controparte e le passività per il rischio di default della entità 20

21 Effetti della applicazione del Rischio di Credito Nel caso di derivati, la applicazione del rischio di credito può portare a valori degli stessi significativamente diversi rispetto al MTM, e molto diversi a seconda delle controparti. Il MTM di un derivato è frutto di una certa curva forward dei tassi. La applicazione del rischio controparte, generalmente riassunto nel valore del CDS, sposta la curva del valore del cds. Test di Efficacia: IAS 39 definisce efficacia / inefficacia sulla base della variazione del FV del derivato effettivo vs variazione del FV del derivato teorico. Se il FV del derivato effettivo include effetto del rischio controparte, una variazione del rischio controparte nel periodo di misurazione del test di efficacia comporta un accresciuto rischio di inefficacia, con probabile conseguenza di interruzione di hedge accounting. 21

22 Applicazione a passività e strumenti di capitale: Rischio di Insolvenza - Punti di Attenzione Il Prezzo che si potrebbe pagare per trasferire una passività: difficilmente può essere inferiore al NPV dei pagamenti futuri per estinguere la passività Se la passività è detenuta come asset da altri si utilizza la stessa valutazione che questi ultimi farebbero dell asset: potrebbe essere inferiore al NPV dei pagamenti futuri Il Fair Value di una passività deve riflettere l effetto del rischio di inadempimento: dovrebbe comportare una valutazione inferiore ai pagamenti futuri dovuti (se una entità è prossima al default le sue obbligazioni quotano significativamente meno di 100) Un debito ha generalmente un tasso di interesse che include uno spread che riflette il rischio dell emittente (al momento della emissione). Occorrebbe prestare attenzione a non contare 2 volte il rischio di credito della entità. Un Derivato (i.e. IRS, CCS, etc) ha incluso nella gamba paga uno spread che riflette il rischio dell emittente (al momento della definizione del contratto). Occorrebbe prestare attenzione a non contare 2 volte il rischio di credito della entità. 22

23 Applicazione a attività e passività con posizioni che si compensano Se una entità ha un gruppo di attività e passività finanziarie esposte ad un omogeneo rischio di mercato e di controparte (portafogli titoli, derivati, etc), e: li gestisce sulla base di una formale documentata policy di risk management e/o di investimento fornisce una informativa complessiva per il gruppo di attivtà e passività sulla base dello IAS 24 deve o ha formalmente scelto di valutare a fair value tale gruppo di attività e passività ha effettuato ai sensi dello IAS 8 una formale accounting policy in tal senso essa può effettuare la valutazione del fair value di questo gruppo di attività / passività come corrispettivo di cessione della posizione netta long (nel caso di attivitò) o come importo da pagare in caso di cessione della posizione netta short (nel caso di passività). In questo caso la applicazione del rischio controparte è effettuata sulla esposizione netta 23

24 Fair Value alla data di acquisizione Il prezzo di acquisto di una attività / passività (entry price) potrebbe non essere uguale al suo fair value alla data di acquisizione: La transazione è tra parti correlate (potrebbe non essere a prezzo di mercato) La transazione avviene a condizioni di costrizione (difficoltà finanziarie) Il mercato in cui avviene la transazione è diverso dal mercato principale (transazione tra dealer e cliente retail quando il mercato principale è un mercato di dealer) L unit of account sia differente (per diritti e privilegi o per l inclusione dei costi di transazione) Se un altro IFRS richiede o permette di valutare alla data di acquisizione la attività / passività a Fair Value e lo stesso differisce dal prezzo di acquisizione la differenza viene generalmente imputata a Conto Economico a meno che lo specifico IFRS non richieda diversamente 24

25 Tecniche di misurazione Il Fair Value è un valore market based e non specifico della entità. Per la sua misurazione si ricorre a Tecniche di Misurazione Market Approach: Prezzi quotati o altre informazioni di mercato relative a strumenti identici o comparabili Cost Approach: Ammontare necessario per sostituire la capacità di servizio di un bene tenuto conto della sua obsolescenza Income Approach: Modelli di option pricing Tecniche di present value 25

26 Tecniche di misurazione: Input utilizzati Gli input rappresentano le assunzioni che gli operatori di mercato farebbero nel determinare il prezzo di una attività / passività, incluse le assunzioni relative al rischio Gli Input Osservabili sono basati su dati di mercato osservabili (i.e. Nel caso dei derivati le curve dei tassi, il MTM etc) Gli Input non Osservabili sono quelli per i quali non ci sono dati di mercato disponibili e pertanto ci si basa sulle migliori informazioni disponibili Le tecniche di valutazione dovrebbero massimizzare l utilizzo di input osservabili e minimizzare l utilizzo di input non osservabili 26

27 Gerarchia del Fair Value Disclosure Bassa Livello 1 Prezzi Quotati in mercati attivi Rischio di credito della controparte già incluso Disclosure Media Disclosure Elevata Livello 2 Imput osservabili Livello 3 Imput non osservabili Rischio di credito della controparte da aggiungere: -CVA (per le attività): assicura che il FV rifletta accuratamente il rischio di credito della controparte -DVA (per le passività) cattura il rischio di default della società 27

28 Gerarchia del Fair Value Livello 1: Prezzi espressi da mercati attivi per attività (passività) identiche Mercato nel quale le transazioni per l attività o la passività avvengono con frequenza e volumi sufficienti per fornire informazioni di prezzo su basi continuative. Prezzi quotati in mercati attivi per lo strumento o per strumenti identici Un mercato è attivo quando in esso hanno luogo con sufficiente frequenza transazioni di volume sufficiente per fornire informazioni conutinue ed aggiornate sui prezzi Anche se il mercato non è attivo, non è appropriato concludere che tutte le transazioni espresse dal mercato non sono orderly (ie sono forced or distress sales), come se un mercato è attivo non si può concludere che tutte le transazioni siano orderly Non vi è stata una adeguata esposizione al mercato per un periodo antecedente la data di misurazione per consentire le attività di marketing usuali nel mercato Vi è stata una fase di marketing, ma la controparte del venditore è un solo partecipante al mercato Il venditore sta fallendo (ie distressed) o è obbligato a vendere per motivi normativi (ie forced). Il prezzo della transazione è un outlier se comparato con altri recenti transazioni Se esiste un prezzo si deve usare quello, senza rettifiche, tranne per alcune eccezioni. 28

29 Gerarchia del Fair Value Livello 2: il fair value è determinato in base a dati di input diversi dai prezzi di mercato previsti al Livello 1 ma che sono comunque osservabili, direttamente (come prezzi) o indirettamente (derivati dai prezzi). Prezzi quotati in mercati attivi per strumenti similari Prezzi quotati per lo strumento o per strumenti similari in mercati non attivi Input diversi dai prezzi quotati ma osservabili (curve dei tassi di interesse) Input corroborati dal mercato attraverso elaborazioni o altri mezzi. Esempi: Receive-fixed, pay-variable interest rate swap based on the LIBOR swap rate. Receive-fixed, pay-variable interest rate swap based on a foreign-denominated yield curve. Receive-fixed, pay-variable interest rate swap based on a specific bank s prime rate. Opzioni su azioni quotate Volatilità prospettica Accordi di Licensing. Cash-generating unit (Market Multiples) Una rettifica ad un input di livello 2 che sia significativa ma che non sia osservabile fa risultare l intera valutazione di livello 3. 29

30 Gerarchia del Fair Value Livello 3 Mark to Model il fair value è determinato in base a input non osservabili, che riflettono le stime dell impresa sulle ipotesi che i partecipanti al mercato utilizzerebbero nel determinare il prezzo delle attività o passività oggetto di misurazione Una entità è tenuta ad elaborare gli input non osservabili utilizzando le migliori informazioni disponibili (che possono essere anche quelle relative alle transazioni che la entità stessa effettua) ma deve rettificarli se informazioni ragionevolmente disponibili indicano che altri operatori di mercato utilizzano o utilizzerebbero dati diversi, o se sono presenti elementi specifici dell impresa che non sono disponibili ad altri (i.e. Sinergie). Esempi: Long-dated currency swap. Opzioni su azioni quotate Volatilità storica Interest rate swap (su prezzi non osservabili) Cash-generating unit Stime di flussi di cassa in uso svolte dal management 30

31 Gerarchia del Fair value Prezzi Quotati per la attività / passività o per strumenti identici in un mercato attivo? N O SI Richiesti aggiustamenti di Prezzo? (i.e. Nel caso in cui il prezzo quotato sia effetto di un momento particolare after hours) NO LIVELLO 1 Presenza di significativi input osservabili? SI NO LIVELLO 2 LIVELLO 3 31

32 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Q&A

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione. Elementi tecnici di base

Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione. Elementi tecnici di base Alessandra Carleo, Carlo Mottura Università degli Studi Roma Tre - Dipartimento di Studi Aziendali Regolamento EMIR e strumenti di mitigazione del rischio di credito di derivati OTC. Elementi tecnici di

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC

OIC 3. Marzo 2006. Copyright OIC OIC 3 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI DA INCLUDERE NELLA NOTA INTEGRATIVA E NELLA RELAZIONE SULLA GESTIONE (ARTT. 2427-BIS E 2428, COMMA 2, N. 6-BIS C.C.) Marzo 2006 PRESENTAZIONE L Organismo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato:

Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Secondo Supplemento al Prospetto di Base relativo al programma di offerta al pubblico di prestiti obbligazionari denominato: Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Obbligazioni Zero Coupon Banca Monte

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli