Schede_arancio :30 Pagina 2 I COMUNI E I DISTRETTI DEL TERRITORIO DELL ULSS 16

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schede_arancio 4-08-2003 16:30 Pagina 2 I COMUNI E I DISTRETTI DEL TERRITORIO DELL ULSS 16"

Transcript

1 Schede_arancio :30 Pagina 2 I COMUNI E I DISTRETTI DEL TERRITORIO DELL ULSS 16

2 Schede_arancio :30 Pagina 3 REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche sociali Aiutare un bambino e un adolescente a crescere significa mettere a disposizione gli strumenti che supportino il difficile percorso della crescita verso il raggiungimento dell identità e quindi della maturità. Investire in quest ambito significa lavorare per un futuro migliore per tutti e per quanti, genitori, educatori, operatori, sono a contatto con il mondo dell infanzia e dell adolescenza, scoprire il senso del proprio essere e del proprio operare. Antonio De Poli Assessore alle Politiche sociali COMUNE DI PADOVA Assessorato ai Servizi Sociali e alle Politiche della Famiglia Dopo anni di intenso lavoro, che ha visto impegnati operatori del pubblico e del privato sociale, amministratori e referenti delle comunità locali per lo sviluppo di azioni volte alla promozione del ben-essere dell infanzia, dell adolescenza e della famiglia, si è ritenuto necessario ridisegnare la mappa dei servizi e degli interventi per questa fascia di popolazione; ciò al fine di diffondere l informazione e favorire, quindi, l accesso delle persone alla molteplici opportunità presenti nel territorio. Opportunità che possono accompagnare e facilitare il percorso evolutivo dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze nel profondo rispetto del loro diritto a crescere serenamente all interno di una comunità attenta ed accogliente. Marco Marin Assessore ai Servizi Sociali e alle Politiche della Famiglia 3

3 Schede_arancio :30 Pagina 4 LEGGE 285/97 Disposizioni per la promozione di diritti ed opportunità per l infanzia e l adolescenza e il Piano triennale per l infanzia e l adolescenza La Legge 285 del 28 agosto 1997 contiene le disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l infanzia e l adolescenza. È una legge di grande rilievo perché ha dedicato consistenti risorse allo sviluppo di condizioni di benessere per i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze; ha, quindi, centrato l attenzione sulle azioni di prevenzione, attivando nel contempo, processi di integrazione tra operatori di diverse istituzioni, e tra pubblico e privato sociale, nella direzione di una necessaria crescita culturale. Attuativi della legge sono il primo ed il secondo Piano Triennale per l infanzia e l adolescenza, ad oggi vigente. Elaborato in forma coordinata dagli operatori dei venti Comuni afferenti al territorio dell Azienda ULSS n. 16, dai referenti dell A.ULSS nr. 16, del Centro Servizi Amministrativi (ex Provveditorato agli Studi), del Ministero della Giustizia e del Privato Sociale, il Piano comprende i progetti ritenuti prioritari per le nostre comunità locali, alla luce di un attenta valutazione dei bisogni e delle risorse presenti. PROGETTI INSERITI NEL PIANO TRIENNALE N. 1 - CONOSCERSI Ente responsabile: Comune di Padova Il progetto opera nell ambito della multiculturalità, avendo come obiettivo di favorire e di sostenere la trasformazione da una comunità multiculturale ad una comunità interculturale. Destinatari del progetto sono i bambini delle scuole elementari, i ragazzi delle scuole medie e le loro famiglie: a loro viene proposta una informazione - conoscenza delle abitudini, degli stili educativi, dei valori, dei diversi gruppi stranieri presenti nel territorio dove si realizza il progetto. Particolare attenzione è posta alla metodologia di lavoro che prevede un gruppo di referenti dei servizi pubblici, del privato sociale, dei mediatori culturali della comunità locale che operano in stretta collaborazione e integrazione tra di loro per la progettazione e la valutazione degli interventi. N. 2 - SENZA PAURA Ente responsabile: Comune di Padova Il progetto mira a sviluppare conoscenze e competenze all interno della rete dei servizi e delle famiglie, per contrastare il fenomeno dell abuso e del maltrattamento dei minori. Un equipe multiprofessionale di esperti della tematica gestisce percorsi di formazione - informazione rivolti ad operatori sociali e sanitari, insegnanti e genitori con bambini della fascia di età 0-6 anni. Il progetto si svolge nel territorio del distretto n.1 comprendente i Comuni di Noventa Padovana, Saonara e Padova. N. 3 - TEMPO DI GIOCO Enti responsabili: Comune di Padova Il progetto prevede l apertura di uno spazio ludico - creativo all interno della Clinica Pediatrica dell Ospedale di Padova. Il servizio è rivolto ai bam- 4

4 Schede_arancio :30 Pagina 5 PROGETTI L. 285/97 bini ricoverati in ospedale in età di asilo nido, 0-3 anni, e ai loro genitori. N. 4 - SOTTO LO STESSO CIELO Ente responsabile: Comune di Padova Il progetto prevede sostegno scolastico ed extrascolastico ai minori stranieri ed alle loro famiglie, avendo presenti le difficoltà proprie del processo di integrazione nel tessuto culturale, urbano e sociale. Si prevede: un doposcuola per i bambini delle scuole elementari e per i ragazzi delle scuole medie, al fine di favorire l inserimento scolastico e prevenire la dispersione scolastica; un sostegno psicologico, con un punto di ascolto per i minori e i loro genitori. È un progetto già finanziato nella prima triennalità della Legge 285/97. N. 5 - LACIO DROM Ente responsabile: Comune di Padova Il progetto è rivolto ai minori Rom e Sinti e alle loro famiglie, concentrando l intervento in modo particolare sulle donne, minorenni e non, in quanto responsabili dell educazione dei figli e della mediazione del gruppo. Vengono realizzati all interno del gruppo di appartenenza interventi di supporto socio-educativo alla famiglia, ad esempio, informando e sostenendo le scelte di maternità e paternità; si sostiene la donna favorendone l autonomia e potenziandone competenze ed abilità; si supporta il minore sul piano socio-educativo, con l obiettivo di aiutarlo a completare il percorso scolastico e facilitargli l inserimento lavorativo. È la prosecuzione di un progetto finanziato nella prima triennalità. N. 6 - HAKUNA MATATA Ente responsabile: Comune di Padova Il progetto si occupa del mondo delle relazioni interculturali a partire dalla maternità e dalla cura dell infanzia, volendo favorire processi di integrazione tra famiglie italiane e straniere in contesti di normalità, quali la scuola materna. Gli operatori alla prima infanzia sono chiamati a confrontarsi ed accogliere mamme e papà provenienti da culture diverse, con abitudini, linguaggi ed usi differenti; per loro è prevista l organizzazione di percorsi di formazione finalizzati a favorire il dialogo e l integrazione. Il progetto prevede, anche, la realizzazione di iniziative che favoriscono la conoscenza e lo scambio di informazioni ed esperienze con altri servizi innovativi a sostegno della famiglia impegnati nell ambito dell immigrazione. N. 7 - CAROVANA Ente responsabile: Comune di Padova Il progetto sostiene la figura di un coordinatore di rete all interno di una comunità di prima/pronta accoglienza per adolescenti in condizioni di disagio. Il coordinatore ha il compito di attivare e consolidare i collegamenti tra i diversi soggetti servizi di base, referenti della comunità di accoglienza, risorsa del territorio sia pubbliche che private che possono contribuire allo sviluppo di un adeguato progetto di recupero e reinserimento sociale del minore. Viene realizzata e messa in rete la mappatura delle risorse presenti ed attivabili in relazione alle necessità di rispondere ad alcune problematiche dell adolescenza. N. 8 - PROGETTO BICICLETTE Ente responsabile: Comune di Padova Il progetto prevede opportunità lavorative protette 5

5 Schede_arancio :30 Pagina 6 PROGETTI L. 285/97 ai ragazzi in età adolescenziale in condizione di disagio sociale. L ambito occupazionale individuato è quello del servizio di riparazione e vendita di biciclette. Il progetto ha lo scopo di far acquisire a questi ragazzi capacità e ritmi necessari a sostenere qualsiasi attività lavorativa. N. 9 - CRESCERE INSIEME GENITORI E FIGLI Enti responsabili: Comune di Cadoneghe Comune di Limena Il progetto, rivolto ai nuclei familiari con figli minori a carico, si propone di sostenere la funzione genitoriale favorendo migliori relazioni all interno della coppia di genitori e tra genitori e figli. Si prevede: il potenziamento, a Cadoneghe, di una struttura nella quale i bambini abbiano la possibilità di giocare con altri bambini ed i genitori abbiano uno spazio da condividere con i propri figli e dove con l aiuto di un conduttore possono affrontare i problemi inerenti alle diverse fasi della crescita dei minori; itinerari formativi per genitori; l attivazione di forme di sensibilizzazione e di informazione rivolte a tutta la popolazione in merito ai temi dell infanzia e dell adolescenza, dell integrazione dei minori stranieri e delle loro famiglie, dell accoglienza di famiglie in situazioni di disagio. N CENTRO AGGREGATIVO PER PREADOLESCENTI Ente responsabile: Comune di Albignasego Il progetto prevede l apertura di servizi ricreativi ed educativi per il tempo libero rivolti ai minori della fascia di età anni, frequentanti la scuola media. Al centro il preadolescente potrà sperimentare la propria autonomia all interno di un sistema di relazioni che lo renda protagonista, ma che, al tempo stesso, lo responsabilizzi rispetto alle norme che regolano la vita sociale. Le attività ed i servizi sono strutturati sulla base delle esigenze e delle proposte esplicitate dai ragazzi stessi (importante è stata la collaborazione del Consiglio Comunale dei Ragazzi). È un progetto che si realizza sul territorio del Distretto n. 3, interessando i suoi 4 comuni (Albignasego, Casalserugo, Maserà, Ponte San Nicolò). N SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ Enti responsabili: Comune di Albignasego Il progetto prevede percorsi e formazione, rivolti ai genitori dei bambini di età da 0 a 7 anni e dei ragazzi che entrano nell età dell adolescenza anni. I genitori stessi diventano protagonisti nella sensibilizzare gli altri genitori e nel proporre esperti nella materia. In questa triennalità il progetto intende sviluppare la comunicazione tra le famiglie, favorendo modalità ed auto-aiuto sulla competenza educativa. N ONDA BLU Ente responsabile: Comune di Selvazzano Dentro Il progetto prevede un servizio di sostegno socioeducativo domiciliare per minori da 6 a 14 anni, aiutando così quelle famiglie che, per diverse ragioni, vivono eventi e periodi critici. Ai minori in difficoltà viene affiancato un educatore, sulla base della situazione familiare, delle difficoltà scolastiche e personali, intervenendo là dove il bisogno si manifesta, e raggiungendo quelle situazioni a rischio che se lasciate cadere si cronicizzano ed evolvono verso un disagio più profondo. Il progetto vede il coinvolgimento dei servizi comunali, dei servizi specialistici dell ULSS 16, del privato sociale e 6

6 Schede_arancio :30 Pagina 7 PROGETTI L. 285/97 delle altre agenzie educative. È un progetto che si realizza sul territorio del Distretto n. 4, interessando tutti i suoi 8 comuni (Cervarese Santa Croce, Mestrino, Rovolon, Rubano, Saccolongo, Selvazzano Dentro, Teolo, Veggiano). N BIMBI AL CENTRO Ente responsabile: Comune di Selvazzano Dentro Il progetto si pone come obiettivo il miglioramento della qualità di vita delle famiglie con bambini di età 0-8 anni, attivando percorsi che non si limitino a fornire prestazioni, ma vadano ad attivare processi di rivitalizzazione della comunità. Si prevede il potenziamento dei servizi esistenti, aumentando le opportunità di sinergia tra pubblico, privato sociale e cittadinanza, in un ottica di organizzazione di comunità. Si intende favorire il protagonismo delle famiglie, incoraggiando la formulazione da parte loro di iniziative volte a promuovere il diritto al gioco nella prima infanzia ed offrendo occasioni di socializzazione tra le famiglie stesse, per contribuire al superamento dell isolamento dei nuclei familiari. E un progetto che si realizza sul territorio del Distretto n. 4, interessando tutti i suoi 8 comuni (Cervarese Santa Croce, Mestrino, Rovolon, Rubano, Saccolongo, Selvazzano Dentro, Teolo, Veggiano). N NIDO MATTINO - CENTRO INFANZIA Ente responsabile: Comune di Abano Terme Il progetto prevede lo sviluppo delle attività di un centro infantile per bambini della fascia di età 18 mesi - 3 anni. Il servizio offerto copre le ore della mattina, rispondendo ai bisogni di un certo target di famiglie dove uno dei due genitori è ancora studente, lavora solo metà giornata o, pur essendo a casa, desidera che il bambino abbia la possibilità di giocare con i coetanei in un ambiente ricco di opprtunità ludiche che permettono lo sviluppo delle capacità esplorative. Il progetto si svolge materialmente presso il Centro Infanzia di Montegrotto Terme, in via Caposeda, 1. N SPAZIO INCONTRO Ente responsabile: Comune di Abano Terme Il progetto rivolto ai bambini di età compresa tra 0-5 anni ed ai loro famigliari, prevede uno spazio dove i bambini possono socializzare con i coetanei e gli adulti possono condividee con altri genitori ed il personale educativo la propria esperienza genitoriale. Scambiandosi opinioni e confrontando gli stili educativi adottati; Il servizio, inoltre, si rivolge alle famiglie immigrate che spesso vivono in uno stato di isolamento ed emarginazione, favorendo così l integrazione multiculturale. All interno dello Spazio Incontro è prevista l attivazione di un servizio chiamato Spazio Neutro d incontro: si vuole così offire un luogo dove i bambini di età compresa tra 3-12 anni e loro genitori, coinvolti in situazioni di separazione o divorzio, altamente conflittuali, si possano vedere e possa essere salvaguardata la relazione bambini - genitori. Il progetto si svolge ad Abano Terme, presso la ex scuola elementare - località Monte Rosso, in via San Bartolomeo, a Montegrotto Terme, presso il Centro Infanzia, in via Caposeda, 1. N TEMPO GIOVANE Ente responsabile: Comune di Abano Terme Il progetto si rivolge agli adolescenti (14-18 anni ), prevedendo un centro di aggregazione itinerante; un luogo, quindi, di riferimento per i ragazzi, dove possano svolgere delle attività. L obiettivo è quello di tentare di prevenire comportamenti a rischio durante il tempo libero e promuiovere il protagonismo dei giovani. Il progetto si esplica sul territorio di tre comuni del Distretto n. 5 (Abano Terme, Montegrotto Terme, Torreglia), dato che l elemento che lo caratterizza è la sua realizzazione itinerante. 7

7 Schede_arancio :30 Pagina 8 ULSS 16 Unità Locale Socio Sanitaria SERVIZI PER L INFANZIA E L ETÀ EVOLUTIVA Sono servizi nati in seguito ai cambiamenti sociali che hanno determinato nuovi bisogni nell infanzia e nell età evolutiva, rendendo evidente la necessità di rafforzare la tutela dei soggetti deboli e svantaggiati con l offerta di interventi continuativi, integrati e di buon livello qualitativo, da realizzarsi con approccio intersettoriale. L accesso ai servizi socio-sanitari (Consultori Familiari, Servizio Neuropsichiatria/Psicologia dell Età Evolutiva, SER. T.) è consentito direttamente anche agli adolescenti dopo il quattordicesimo anno d età senza il consenso dei genitori. Le prestazioni sono gratuite, viene eventualmente richiesto il pagamento del ticket e non è necessaria l impegnativa del medico curante. PEDIATRIA DI COMUNITÀ È un servizio che si occupa prevalentemente di prevenzione e interviene con progetti per la promozione e il mantenimento della salute psicofisica del neonato, del bambino e dell adolescente, con particolare riferimento alla prevenzione delle malattie. Svolge le attività di: Sostegno alla genitorialità, con corsi di preparazione al parto e alla genitorialità percorsi nascita per genitori di bambini di 0-12 mesi colloqui informativi alle neomadri presso i punti nascita consulenza telefonica e incontri di gruppo a tema Interventi sul singolo e famiglia a carattere continuativo, con sorveglianza igienico-sanitaria, ambientale, psicofisica e nutrizionale ai bambini inseriti in asili nido e prematerne vigilanza sulla refezione scolastica e sulla nutrizione psico-fisica dei bambini frequentanti le scuole ambulatorio per diagnosi e trattamento dei bambini con disturbi alimentari presa in carico di segnalazioni di minori in difficoltà e portatori di handicap e attivazione del lavoro di rete con altri servizi per favorirne l inserimento scolastico e sociale assistenza sanitaria ai minori stranieri irregolari e nomadi prevenzione e controllo delle malattie infettive e contagiose nelle comunità scolastiche. Vaccinazioni in età pediatrica, con organizzazione e pianificazione programma vaccinale informazione ed educazione sui protocolli vaccinali esecuzione delle vaccinazioni obbligatorie e facoltative ai minori da 0 a 14 anni, nel rispetto delle indicazioni e strategie elaborate a livello regionale e nazionale rilasci certificati medico-legali NEUROPSICHIATRIA E PSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA Le attività di Neuropsichiatria e psicologia per l infanzia e l adolescenza sono attualmente prestate dalle équipes di Neuropsichiatria Infantile e L Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria Infantile è una struttura complessa dove vengono erogate prestazioni neuro-psichiatriche, psicologiche, pedagogiche, fisiatriche e riabilitative di 2 livello: attività ambulatoriali (diagnosi e trattamenti, neuroriabilitazione motoria e logopedica); attività semiresidenziali (semiresidenze per bambini e adolescenti con disturbi dello sviluppo, per adolescenti con importanti disturbi psichici, per neuromotulesi); attività di consulenza e collaborazione con Enti e Istituzioni (Comuni, Scuole, Tribunale Ordinario e Tribunale dei Minorenni, Agenzie di Volontariato). Ha sede in via delle Cave 180, Padova Tel fax

8 Schede_arancio :30 Pagina 9 via Scrovegni, 12 Padova - Sito internet: Direzione Generale 049/ FAX 049/ Direzione dei Servizi Sociali 049/ Fax 049/ ULSS 16 Psicologia dell Età Evolutiva dei Distretti Socio-sanitari e dall Unità Operativa Autonoma di Neuropsichiatria Infantile (v. riquadro). Nelle sedi distrettuali vengono erogate prestazioni di 1 livello relativamente ad attività: cliniche (diagnosi e trattamenti ); di prevenzione e promozione della salute (educazione alla salute nelle scuole e nel territorio); di consulenza e collaborazione con Enti e Istituzioni (Comuni, scuole, tribunale, agenzie di volontariato...). Le équipes di Neuropsichiatria Infantile sono presenti in tutti i distretti dell ULSS16 e svolgono attività di prevenzione diagnosi e cura nei riguardi delle problematiche dell età evolutiva fino ai 18 anni. Si occupano di : disturbi dello sviluppo (alimentazione, sonno, enuresi, fobie, relazione primaria); disturbi di linguaggio, psicomotori, di comportamento e di apprendimento; Situazioni di disagio dell adolescente; Bambini e ragazzi disabili ( certificazione e progetti per l integrazione scolastica). LOGOPEDIA E FONIATRIA - AUDIOLOGIA È un servizio che svolge attività di prevenzione, diagnosi cura e riabilitazione dei disturbi/patologie del linguaggio e della comunicazione. Si occupa di disturbi della voce, della parola, del linguaggio, della fluenza dell apprendimento scolstico, della deglutizione. Si accede al servizio su appuntamento e con richiesta del medico curante CONSULTORIO FAMILIARE È un servizio sociale e sanitario pubblico, di consulenza e assistenza al singolo, alla coppia e alla famiglia; svolge attività di prevenzione di sostegno psicosociale ed attività ostetrico-ginecologica ad elevata integrazione socio-sanitaria. Attività di prevenzione informazioni su corsi di preparazione alla nascita; attività individuali e di gruppo per adolescenti; Attività di sostegno psico-sociale consulenze per difficoltà relazionali (singolo o coppia); consulenza di coppia in caso di separazione;, informazioni e sostegno ai cittadini stranieri; informazioni e consulenza legale sulla tutela del minore e della famiglia; assistenza a famiglie multiproblematiche; assistenza per maltrattamenti ed abusi; Attività ostetrico-ginecologica informazioni per infertilità-sterilità di coppia; consulenze mediche per prevenire malattie ereditarie; informazioni sui metodi contraccettivi; sostegno e supporto medico e psicologico in caso di interruzione volontaria di gravidanza; assistenza ostetrica, psicologica e sociale in gravidanza, anche per straniere senza permesso di soggiorno. Nel territorio dell ULSS 16 i consultori sono ubicati nelle sedi distrettuali, dove operano equipes multiprofessionali formate da medici, infermieri, psicologici, ginecologi ed assistenti sociali. EQUIPE ADOZIONI L Azienda ULSS16 ha riunito in un èquipe specialistica centralizzata operatori dei consultori familiari distrettuali ( assistenti sociali e psicologi) L èquipe ha il compito di accompagnare le coppie nei nuovi percorsi dell adozione nazionale ed internazionale, raccogliendo le indicazioni della nuova normativa e del protocollo della Regiona Veneto. Ci si può rivolgere all èquipe per : colloqui informativi partecipazione a gruppi informativi e formativi percorso di coppia: studio psico-sociale su incarico del tribunale per i minorenni sostegno al bambino e alla famiglia adottiva consulenza 9

9 Schede_arancio :30 Pagina 10 ULSS 16 utilizzare la biblioteca. Sede: via Ponte Ognissanti 1, Padova Tel 049/ fax 049/ SERVIZI PER LE DIPENDENZE Il DIPARTIMENTO PER LE TOSSICODIPENDENZE si articola in due Servizi Ser.T. 1 e Ser.T. 2 e svolge i interventi di prevenzione, cura e riabilitazione per le problematiche legate all uso di sostanze psicoattive lecite ed illecite ( alcol, tabacco,stupefacenti). PREVENZIONE Prevenzione e promozione della salute nel territorio in collaborazione con altri Enti e Servizi rivolti agli adolescenti ed ai Giovani Interventi specifici rivolti al mondo scolastico C.I.C. centri di informazione e consulenza all intervento delle scuole superiori Interventi di prevenzione e promozione della salute negli ambienti di lavoro in collaborazione tra Servizi ULSS, Organizzazioni Sindacali,Associazioni di Categoria ed Enti del Territorio CURA E TRATTAMENTO Attraverso un trattamento medico-psicosociale-educativo integrato rivolti ai giovani e alle loro famiglie composto da : Accoglienza Visita e terapia medica Counselling e psicoterapia Interventi diagnostico-terapeutici per la popolazione carceraria Assistenza infettivologica ambulatoriale domiciliare: diagnosi e cura delle malattie infettive Valutazione ed eventuale presa in carico di problematiche sociali Vengono inoltre svolti interventi di Riabilitazione e Reinserimento Socio - Lavorativo attraverso inserimento in Comunità Terapeutiche in Club per alcolisti, programmi terapeutici alternativi, programmi lavorativi d sociali individualizzati L accesso al Servizio è diretto (senza prescrizione medica) e gratuito in: Via Dei Colli, 4 Padova Tel. 049/ fax 049/ SERVIZI PER L HANDICAP I Servizi di Neuropsichiatria Infantile dei Distretti, la Direzione dei Servizi Sociali e l Unità Autonoma di Neuropsichiatria Infantile intervengono nel settore della disabilità, con un complesso integrato di servizi e strutture per l età evolutiva. Per l età adulta inoltre, in tutti i distretti, operano assistenti sociali dell Unità Operativa Handicap adulto che assicurano consulenza, sostegno e presa in carico dei disabili adulti e delle loro famiglie, relativamente ai servizi e alle attività di integrazione post scolastica. Presso la Direzione dei Servizi Sociali, in via Scrovegni 14 a Padova, operano i Servizi per l Integrazione Scolastica e per l integrazione Lavorativa dei soggetti con disabilità. i servizi si trovano in via Scrovegni 14 a Padova: Servizio per l integrazione scolastica e sociale tel. 049/ / Servizio trasporto disabili tel. 049/ Inserimento in ambito occupazionale o comunitario tel. 049/ : a) Padova, Via Lonigo, 10 - tel. 049/ b) Padova, Via Tiepolo, 85 - tel. 049/ Servizio per l integrazione e l orientamento lavorativo tel. 049/

10 Schede_arancio :30 Pagina 11 I COMUNI del territorio dell Ulss 16 I SERVIZI OFFERTI DALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI Il Settore Servizi Sociali dei Comuni ha il compito istituzionale di organizzare e gestire nel territorio i servizi sociali. I servizi erogati dai Comuni a favore dei minori e delle loro famiglie sono i seguenti: informazione e facilitazioni per l uso dei servizi; assistenza domiciliare a persone in stato di bisogno; assistenza economica a persone in stato di bisogno; accoglienza minori in struttura; contributi straordinari per spese mediche di carattere sociale ( L.R. 8/86); animazione territoriale * centri estivi * soggiorni climatici * sostegno educativo domiciliare * assegno di maternità. Il comune gestisce l erogazione dell assegno statale in favore della maternità. Questo contributo ha lo scopo di sostenere la maternità delle donne che non sono tutelate da un sufficiente trattamento previdenziale durante i cinque mesi corrispondenti all astensione obbligatoria dall attività lavorativa. Per beneficiare del contributo la famiglia deve rientrare in una determinata situazione economica. assegno alle famiglie con almeno tre figli minori. Il comune gestisce l erogazione dell assegno statale a favore della famiglia con almeno tre figli minori anche adottivi. Per beneficiare del contributo la famiglia deve rientrare in una determinata situazione economica. tutela. Si garantisce l esercizio delle funzioni di tutela relativamente a bambini non riconosciuti dai genitori, in stato di adottabilità, minori stranieri non accompagnati, in adempimento a provvedimenti del Giudice Tutelare o del Tribunale per i Minorenni. affido familiare *. L affidamento familiare è l istituto giuridico che prevede l accoglienza presso una famiglia o una persona singola di un bambino/a di un ragazzo/a la cui famiglia si trova a vivere una situazione di difficoltà e per questo non è in grado di garantirgli tutte le cure di cui ha bisogno. contributo per l acquisto di libri scolastici Nelle schede pubblicate nelleprossime pagine si trovano riportati, per ogni Comune, gli indirizzi cuirivolgersi per poter accedere ai servizi * Questi servizi non sono stati attivati da tutti i Comuni: se non sono indicati nelle schede, è opportuno rivolgersi al proprio Comune per informazioni 11

11 Schede_arancio :30 Pagina 12 COMUNE DI PADOVA Padova, via del Carmine 13 Tel. 049/ Fax 049/ SOSTEGNO AL alla nascita (0-3 mesi) Contributo comunale per il secondo figlio: il Comune di Padova lo eroga in favore delle famiglie, in occasione della nascita del figlio secondogenito e/o successivo. L amministrazione comunale stabilisce i requisiti per l erogazione del contributo. Per informazioni: Uff. Infanzia Adolescenza Famiglia tel Assegno alle famiglie con almeno tre figli minori (v. pag. 11). Per informazioni: Uff. Infanzia Adolescenza Famiglia tel Assegno di maternità (v. pag. 11). Per informazioni: Uff. Infanzia Adolescenza Famiglia tel Tutela della donna straniera: l Ufficio Progetti e Prevenzione del Settore Servizi Sociali realizza un modello di intervento per le donne straniere domiciliate nel territorio comunale e prive di riferimenti alloggiativi e di mezzi di sostentamento. Si prevede l accoglienza in ambiente comunitario dall inizio della gravidanza fino al sesto mese di vita del neonato. Per informazioni: Segreteria Ufficio Progetti e Prevenzione, tel prima infanzia (3 mesi-6 anni) Sostegno alla genitorialità: percorsi di formazione rivolti ai genitori, finalizzato ad accrescere le loro competenze educative. Per informazioni: Ufficio Infanzia Adolescenza Famiglia tel Le Tane degli Orsetti sono due spazi gioco per bambini dai 15 ai 36 mesi che non frequentano il nido: si rivolgono ai bambini, che possono condividere esperienze con piccoli gruppi di coetanei, e agli adulti che vogliono riservarsi un tempo personale. Per informazioni: Uff. Coord. Pedagogico c/o Servizi Scolastici, tel , o sul sito internet: Ludoteca Ambarabà: è una struttura extrascolastica, con servizi di ludoteca, biblioteca e laboratori. Per informazioni: Ludoteca di v. Marghera 24 Padova, tel sul sito: 12 infanzia (6-14 anni) Attività di animazione territoriale per bambini e adolescenti (6-14 anni). L animazione territoriale è un attività che si caratterizza per essere un iniziativa di contrasto al disagio dei minori. Si sviluppa in molteplici attività, dai laboratori ai centri polifunzionali, in rete con altri soggetti del territorio. Attualmente le attività di animazione territoriale sono presenti nei cst Per informazioni: rivolgersi ai CC.SS.TT. di riferimento Soggiorni estivi Estate Ragazzi. I soggiorni climatici a favore di bambini di età compresa tra i 6 e i 14 anni, sono organizzati ogni anno, per la stagione estiva, al mare, in montagna e in collina. Per informazioni: Ufficio Progetti e Prevenzione tel Sostegno educativo domiciliare. Il servizio viene erogato dai CC.SS.TT e si rivolge alle situazioni familiari che presentano situazioni di disagio educativo tali da comportare rischi per il futuro formativo del minore. Il servizio sociale elabora un piano di lavoro specifico in relazione a ciascuna situazione, mentre l educatore professionale si reca in orario extrascolastico al domicilio del minore per gli interventi educativi concordati. Per informazioni: Ufficio Coordinamento CC.SS.TT. tel e adolescenza (15-18 anni) Progetto di orientamento alla vita attiva di preadolescenti e adolescenti che consiste nella predisposizio- HANDICAP L Ufficio Handicap costituisce il punto di riferimento delle persone disabili e delle loro associazioni per l accesso ai servizi di competenza del Comune di Padova: eroga i contributi per l abbattimento delle barriere architettoniche previste dalla legge 13/89 e dalla legge regionale 41/93; raccoglie segnalazioni su problemi di procedure per il miglioramento delle condizioni di vita delle persone disabili; offre informazioni e distribuisce modulistica sulla normativa statale e regionale in materia specifica. Per informazioni: Ufficio Handicap del Settore Servizi Sociali, via del Carmine 13- tel

12 Schede_arancio :30 Pagina 13 COMUNE DI PADOVA ne di percorsi educativi rivolti ai ragazzi studenti all ultimo anno delle scuole medie inferiori e del primo biennio delle scuole medie superiori finalizzati a stimolare l espressione di comportamenti consapevoli prevenendo l uso di sostanze stupefacenti e potenziando la capacità di fronteggiare situazioni difficili come il passaggio alla scuola superiore o di transizione tra scuola e lavoro. Il progetto è realizzato nell ambito del Piano Triennale Area Dipendenze*, Per informazioni: Ufficio Progetti e Prevenzione tel Azioni di animazione di strada con il contatto diretto di gruppi informali di giovani adolescenti al fine di stimolarli a farsi carico della gestione dei bisogni del territorio di appartenenza attraverso la realizzazione di iniziative concrete. Sono realizzate nel territorio del quartiere nr. 4 sud-est con i fondi del Piano Triennale Area Dipendenze*. Per informazioni: Ufficio Progetti e Prevenzione tel Altre iniziative di animazione di strada sono realizzate dal Progetto Giovani (vedi sotto) nei quartieri nr.2- Nord, nr. 3-Est, nr. 5- Sud Ovest, nr. 6-Ovest Soggiorni estivi Estate Ragazzi. I soggiorni climatici a favore di ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni, sono organizzati ogni anno, per la stagione estiva, al mare, in montagna e in collina. Per informazioni: Ufficio Progetti e Prevenzione tel Minori stranieri non accompagnati. L ufficio Progetti e Prevenzione realizza un modello d intervento finalizzato a garantire l accoglienza e l assistenza primaria dei minori stranieri non accompagnati in attuazione delle modalità definite dal Comitato per i Minori Stranieri, cui compete l adozione dei provvedimenti di autorizzazione alla permanenza in Italia ovvero al rimpatrio assistito nei paesi di provenienza dei minori stranieri medesimi. Il Servizio Sociale comunale congiuntamente al referente della struttura d accoglienza definisce un progetto socio-educativo individualizzato volto a favorire il percorso di crescita del minore. Per informazioni: Segreteria Ufficio Progetti e Prevenzione tel Prostituzione e tratta delle persone. Il programma d in- UFFICIO AFFIDI L affidamento familiare è l istituto giuridico che prevede l accoglienza presso una famiglia o una persona singola di un bambino/a di un ragazzo/a la cui famiglia si trova a vivere una situazione di difficoltà e per questo non è in grado di garantirgli tutte le cure di cui ha bisogno. L Ufficio Affidi svolge i seguenti compiti: cura l informazione e la sensibilizzazione dell affidamento familiare; accompagna in un percorso di formazione le famiglie che si propongono per l accoglienza; valuta e approfondisce insieme agli operatori del Servizio Sociale l ipotesi di affido familiare di un bambino/a; gestisce la fase di abbinamento bambino/a famiglia affidataria; elabora insieme al Servizio Sociale, competente per legge, lo specifico progetto di affidamento familiare che è parte integrante del più ampio progetto di intervento per il bambino e per al sua famiglia; garantisce il supporto alle famiglie affidatarie; mantiene una costante collaborazione con il Servizio Sociale competente, che contemporaneamente sostiene la famiglia di origine nel processo di recupero delle proprie risorse e funzionalità; prepara, in collaborazione e con il Servizio Sociale, il rientro del bambino nella sua famiglia; utilizza la supervisione in modo sistematico a garanzia dell adeguatezza del progetto di affido. Per informazioni: Ufficio Affidi via del Carmine 13-Tel fax UFFICIO TUTELA L Ufficio Tutela ha il compito di: Garantire l esercizio delle funzioni di tutela assegnate al Comune relativamente a bambini non riconosciuti dai genitori, in stato di adottabilità, minori stranieri non accompagnati, in adempimento a provvedimenti del Giudice Tutelare o del Tribunale per i Minorenni Collaborare con l Ufficio Regionale del Pubblico Tutore dei Minori Reperire, selezionare e preparare persone disponibili ad assumere l incarico di tutore volontario da indicare al giudice Tutelare e al Tribunale per i Minorenni. Fornire ai tutori nominati dal Giudice Tutelare il supporto necessario all espletamento delle loro funzioni. Essere punto di riferimento per gli operatori e per i tutori volontari nella valutazione delle problematiche connesse all istituto della tutela. Per informazioni: Ufficio Tutele tel

13 Schede_arancio :30 Pagina 14 COMUNE DI PADOVA tervento promosso dal Comune di Padova è rivolto a minori e giovani donne straniere vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale. L Ufficio Progetti e Prevenzione si impegna a realizzare la presa in carico di donne che intendono uscire dal circuito della prostituzione, con la costruzione di programmi individuali e l accompagnamento nel percorso mirato all autonomia. Le ragazze vengono inserite in strutture di accoglienze con percorsi di sostegno a vari livelli: socio-educativo, psicologico, lavorativo, giuridico. Per informazioni: Segreteria Ufficio Progetti e Prevenzione tel PROGETTO GIOVANI È un contenitore e un laboratorio che offre servizi ed iniziative pensate, realizzate e rivolte ai giovani: - Informagiovani: si trovano risposte a domande dalla scuola al lavoro, dal tempo libero ai viaggi; si possono consultare dossier tematici e vari materiali. Sono attivi tre sportelli tematici: Curriculum, Infoeuropa, Leva. - Servizio Civile: offre orientamento per il servizio civile maschile e femminile. - Spazio Europa: area dedicata ai progetti europei per la SEDI DEI CENTRI SERVIZI TERRITORIALI (sedi decentrate del Settore Servizi Sociali) CST1 - Centro storico Via del Carmine 13 - tel fax E mail: CST2 - Savonarola Brentelle Via Dal Piaz, 3 - tel fax E mail CST3 - Arcella Valsugana CST4 - San Carlo Pontevigodarzere Via Curzola 15 - tel fax E mail CST5 - Brenta Venezia Camin Via Bajardi 5 - tel fax Via Vigonovese tel fax E mail CST6 - Forcellini S. Osvaldo Via Piovese 74 - tel fax Via Prosdocimi 1 - tel E mail CST7 - Guizza Bassanello Via Guizza 43 - tel fax Via Cividale 19 tel E mail mobilità giovanile, in particolare gli scambi socioculturali e il Servizio Volontario Europeo, rivolti a chi ha un età compresa tra i 15 e i 25 anni. - Creatività: Progetto Giovani la promuove attraverso informazioni sulle diverse iniziative, concorsi, workshop, seminari, progetti per la mobilità internazionale, organizzazione di manifestazioni, e con un servizio di consulenza per giovani artisti. Vic. Ponte Molino 1 - Tel fax Orario: mar. mer. ven. sab mar. mer. gio Altri Punti Giovani: a Mortise sopra il Centro Commerciale La Corte in Piazzetta Toselli Casa della Creatività, v. Chiesanuova 228: è uno spazio concesso ai gruppi per prove, mostre, incontri a tema, stage, con biblioteca specialistica. SETTORE SERVIZI SCOLASTICI Ogni informazione relativa a iscrizioni, scadenze, requisiti per l accesso sono reperibili presso il Settore Servizi Scolastici in v. Raggio di Sole 2, tel sito Gli asili nido accolgono bambini dai 3 mesi ai 3 anni di età. Il nido integrato accoglie bambini dai 15 mesi di età ed è ubicato all interno di una scuola materna: permette al bambino il passaggio senza traumi al grado scolastico successivo. Info: tel Le scuole comunali dell infanzia accolgono bambini dai i 3 ai 6 anni di età e sono il primo grado del sistema scolastico di base. Info: tel Contributo regionale per l acquisto di libri scolastici: Uff. Amministrativo Diritto allo Studio, tel , sito: Refezione scolastica: servizio presente nelle scuole materne, elementari e medie a tempo pieno, prolungato e a moduli. Informazioni: Uff. Refezione Scolastica e Tariffe, tel , Servizio di trasporto scolastico per alunni e studenti portatori di handicap: Uff. Amministrativo Scolastico, tel

14 Schede_arancio :30 Pagina 15 COMUNE DI PADOVA , sito Borse di studio: Uff. Amministrativo Diritto allo Studio, tel , SETTORE SERVIZI SPORTIVI Centro comunale di educazione fisica. Per i bambini dai 5 ai 10 anni, dal mese di ottobre al mese di maggio, nelle palestre comunali e scolastiche vengono svolti, in orario pomeridiano, corsi di attività motoria. Estate giovani e sport. L iniziativa è rivolta a bambini e ragazzi dai 3 ai 18 anni e prevede attività sportive estive organizzate dalle associazioni del territorio. Offre l opportunità di fare sport anche nel periodo extrascolastico. Per informazioni: tel o consultare il sito internet SETTORE ATTIVITÀ CULTURALI. Alle classi delle scuole di Padova e provincia sono offerti percorsi per fare conoscere i musei e monumenti della città, le mostre e gli eventi organizzati nel Comune. Per informazioni: Servizio Mostre, Attività culturali e Didattica, v. Porciglia 35, tel , DIOCESI DI PADOVA Nella Casa S. Pio X in v. Vescovado 29 si trovano: Ufficio diocesana per la famiglia, tel Caritas diocesana, tel informazioni su Associazioni e aggregazioni laicali che si occupano di attività rivolte ai minori e alle loro famiglie, tel ASSOCIAZIONISMO. Sono numerose le associazioni che operano a favore della famiglia e dei minori, offrendo sia attività e aiuti mirati al benessere, sia interventi e sostegni nelle situazioni di malessere, spesso in sinergia con gli uffici pubblici preposti. Gli elenchi delle associazioni sono consultabili sul sito o presso: CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO, v. dei Colli 4, tel URP (v. box pag. 14) CONSULTA DEL VOLONTARIATO, v.... MOVI v. Ca Magno 11, tel COORDINAMENTO MINORI, v. Crescini 6, tel URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) L Ufficio per le Relazioni con il Pubblico, è: punto di incontro con il Comune; centro di informazione e orientamento su tutti gli uffici e servizi comunali; luogo di ascolto delle richieste dei cittadini luogo di consultazione del Registro comunale delle libere forme associative e delle cooperative sociali. Sede principale: v. Oberdan 1 (Pal. Moroni), tel , padova.it; un altra sede è in v. Prosdocimi 1 (q.re Forcellini), tel , e- mail: I DISTRETTI DELL ULSS 16 Distretto n. 1 Via Scrovegni / Consultori Familiari: Via S. Martino Solferino, 91 tel. 049/ ; Via Ponte Ognissanti, 1 tel. 049/ ; Via Vigonovese,141 tel. 049/ Pediatria di Comunità: Via Degli Scrovegni, 12 tel. 049/ / Via Cividale, / Via Gradenigo 8, 049/ Via Prosdocimi, 1 tel. 049/ Neuropsichiatria Infantile: Via Ugo Foscolo, 7 049/ / Via Dal Piaz, 3 tel. 049/ Logopedia: Via Prosdocimi, 1 tel. 049/ Via Ugo Foscolo, 7 tel. 049/ Distretto n. 2 Via J. Avanzo, Consultori familiari: Via Jacopo D Avanzo, 35 tel. 049/ ; Via Dal Piaz,3 tel. 049/ / fax 049/ Pediatria di Comunità: Via Pontevigodarzere, 14 (Ex Scuola Zanella) 049/ ; Via Dal Piaz, (Padova) tel. 049/ Neuropischiatria Infantile: Via J. D Avanzo,35; 049/ ; Via Pontevigodarzere, 14 (Ex Scuola Zanella) 049/ Logopedia: Via Dal Piaz, 3 tel. 049/ ; Via J. D Avanzo, / ; Via Pontevigodarzere, 14 (Ex Scuola Zanella) 049/ Distretto n. 3 Via Piovese, 74 (Voltabarozzo) Consultori Familiari: Via Piovese,74 049/651649; 049/ Pediatria di Comunità:, Via Piovese, 74 tel. 049/ Neuropischiatria Infantile: Via Piovese, / / Logopedia: Via Piovese / Per maggiori informazioni sui servizi offerti si legga la scheda generale sull Ulss 16 alle pagg

15 Schede_arancio :30 Pagina 16 NOVENTA PADOVANA distretto 1 via Roma 4 - Tel. 049/ Fax 049/ Sito internet: nascita (0-3 mesi)... Assegno di maternità e assegno terzo figlio: sono elargiti dal Comune alle neo mamme che si trovano in particolari condizioni (v. pag. 11). Informazioni: assistente sociale, tel Sostegno primi mesi: ci si può rivolgere al consultorio, che offre accompagnamento alla neo mamma nei primi mesi dopo la nascita, dando informazioni e sostegno psicologico. Nel Comune è presente un asilo nido integrato ( Il Giardino, via L. Da Vinci, tel ) e le scuole materne, pubblica ( Il Giardino, , v. sopra) e parrocchiali ( Sacro Cuore, V. Roma 111, tel , e S. Pio X, via Noventana 136, tel ); SENZA PAURA* (0-6 anni): moduli formativi sulle tematiche dell'abuso e del maltrattamento minorile rivolti a operatori sociali, educatori dei Nido e delle Scuole materne e ai genitori. L istituto comprensivo (scuole elementari e medie) ha sede in via Valmarana 33; Ai ragazzi frequentanti la scuola dell obbligo vengono offerti i servizi di: mensa, trasporto scolastico, contributi acquisto libri di testo. Referente è l Ufficio Pubblica istruzione; Il Comune propone centri ricreativi durante l estate. Referente è l Ufficio Pubblica istruzione; Punto di ritrovo è uno spazio di incontro per preadolescenti, in cui sono organizzate attività ricreative; Eppicentro è un centro educativo per preadolescenti. Ha sede all interno del Villaggio S. Antonio, tel Presso la parrocchia di Noventa è attivo un gruppo scout. L Informagiovani e lo Sportello informa lavoro 16 * Progetto L. 285/97 Settore socioculturale, via Roma 4, tel Uff. Pubblica Istruzione, via Roma 4, tel comunale ha sede presso la biblioteca civica e offre servizio di consulenza e informazioni per scuola, sport, tempo libero, leva e servizio civile, ricerca lavoro, viaggi e studio in Italia e all estero (tel ); Numerose sono le attività sociali, sportive e culturali proposte nel territorio. Per informazioni rivolgersi alla biblioteca (tel ) o al settore socio-culturale del Comune. Presso il consultorio sono attivati diversi servizi rivolti ai minori e alle famiglie (v. box ULSS). Progetto Affido: è promosso dall associazione Mario Tommasi, che ha sede c/o il Villaggio S. Antonio: informazioni in sede, via Cappello 79, tel ULSS 16 - Distretto n. 1 Consultori Familiari: PADOVA Via S. Martino Solferino, 91 tel. 049/ ; Via Ponte Ognissanti, 1 tel. 049/ ; Via Vigonovese,141 tel. 049/760885; NOVENTA PADOVANA Via Roma, 18 tel. 049/ Pediatria di Comunità: PADOVA Via Degli Scrovegni, 12 tel. 049/ / Via Cividale, / Via Gradenigo 8, 049/ Via Prosdocimi, 1 tel. 049/ ; NOVENTA PADOVANA Via Roma, 18 tel. 049/ ; SAONA-

16 Schede_arancio :30 Pagina 17 P.zza M. Borgato Soti - Tel. 049/ Fax 049/ Sito internet: SAONARA distretto 1...alla nascita (0-3 mesi)... Assegno di maternità e assegno terzo figlio: sono elargiti dal Comune alle neo mamme che si trovano in particolari condizioni (v. pag. 11). Info: Uff. Servizi sociali. Il Comune elargisce un assegno di maternità per ogni nuovo nato. Info: Assistente sociale, tel Sostegno primi mesi: ci si può rivolgere al consultorio, che offre accompagnamento alla neo mamma nei primi mesi dopo la nascita, dando informazioni e sostegno psicologico. Nel Comune sono presenti un asilo nido (Centro d infanzia Il Cucciolo : dai 12 ai 36 mesi. Refer. Uff. Istruzione) e tre scuole materne parrocchiali: Saonara, tel ; Villatora, tel ; Tombelle, tel Centri ricreativi estivi: sono organizzati dal Comune per i bambini a partire dai 3 anni. Referente: Uff. Istruzione. SENZA PAURA* (0-6 anni): moduli formativi sulle tematiche dell'abuso e del maltrattamento minorile rivolti a operatori sociali, educatori dei Nido e delle Scuole materne e ai genitori. L Istituto comprensivo (scuole elementari e medie) ha sede in via Bachelet c/o la scuola media, tel Ai ragazzi frequentanti la scuola dell obbligo ven- Servizio sociale c/o Centro Cult. Tamara e Diana, via Falcone 4 (Villatora), tel Ufficio Istruzione, tel gono offerti i servizi di: mensa, trasporto scolastico, contributi acquisto libri di testo. Referente è l Uff. istruzione; Il Comune organizza centri ricreativi durante l estate. Referente è l Uff. Istruzione, tel Il Grillo parlante è un doposcuola rivolto a ragazzi delle elementari (martedì e venerdì dalle 15 alle 17.30) nella sede della scuola elementare Galilei. Referente: Uff. Istruzione. Il Centro di aggregazione è un doposcuola e non solo rivolto ai ragazzi delle medie. Presso il Centro culturale Tamara e Diana (mercoledì e venerdì dalle 15 alle 17.30). Referente: Uff. Istruzione. L Informagiovani e lo Sportello Informalavoro comunali offrono servizio di consulenza e informazioni per la scuola, sport, tempo libero, leva e servizio civile, ricerca lavoro, viaggi e studio in Italia e all estero. Numerose sono le attività sociali, sportive e culturali proposte dal territorio. Per informazioni rivolgersi alla Biblioteca, tel , o al Settore sociale e sportivo, tel Presso il consultorio sono attivati diversi servizi rivolti ai minori e alle famiglie (v. box ULSS). Via Scrovegni 12, Padova 049/ RA Via Vittorio Emanuele II, 5 tel. 049/640853/ Neuropsichiatria Infantile: PADOVA Via Ugo Foscolo, 7 049/ / Via Dal Piaz, 3 tel. 049/ ; NOVENTA PADOVANA Via Roma, 18 tel. 049/ Logopedia: PADOVA Via Prosdocimi, 1 tel. 049/ Via Ugo Foscolo, 7 tel. 049/ Per maggiori informazioni sui servizi offerti si legga la scheda generale sull Ulss 16 alle pagg

17 Schede_arancio :30 Pagina 18 CADONEGHE distretto 2 p.zza Insurrezione 4 - Tel Fax Sito internet: non ancora attivato...alla nascita (0-3 mesi)... Assegno di maternità e assegno terzo figlio: sono elargiti dal Comune alle neo mamme che si trovano in particolari condizioni (v. pag. 11). Info: Uff. Servizi sociali. Sostegno primi mesi: ci si può rivolgere al consultorio, che offre accompagnamento alla neo mamma nei primi mesi dopo la nascita, dando informazioni e sostegno psicologico. Nel Comune vi sono un asilo nido comunale ( A. Moro, via Ariosto, tel ), un centro d infanzia ( Qui Quo Qua, v. Mameli 16, tel ), un baby center ( Piccole pesti, str. del Santo 31, tel ) e scuole materne pubblliche (v. I Maggio 20, v. Bagnoli e v. Rigotti: ref. Direz. Didattica, tel ) e paritarie ( S. Pio X, v. Gramsci 13, tel ; Istituto S. Cuore - scuola materna, elementare e media - v. Marconi 9, tel ) Sono attivi il servizio Nido Blu* e la Ludoteca All Albero Magico, in via Rigotti 4, tel : propongono attività ricreative, espressive e laboratori con il coinvolgimento dei genitori. Nell ambito del servizio Nido blu è attivo lo Spazio genitori, in cui i genitori dei bimbi iscritti si incontrano una volta al mese in orario serale per confrontarsi e trattare tematiche relative alla prima infanzia con la consulenza di uno psicologo. Il Comune elargisce contributi alle famiglie con figli frequentanti scuole materne private. Info: Uff. Istruzione. L istituto comprensivo (scuole medie ed elementari Zanon e Falcone e Borsellino ) ha sede in piazza Insurrezione 1, tel. 049/700660; la Direzione Didattica (scuole elementari Boschetti Alberti e Galilei e scuole materne), v. IV Novembre 18, tel Ai ragazzi frequentanti la scuola dell obbligo vengono offerti i servizi di: mensa, trasporto scolastico, contributi acquisto libri di testo. Il Comune organizza centri ricreativi estivi (per informazioni: Ufficio Istruzione). Attività educative, sportive e ricreative sono proposte dalle 18 * Progetto L. 285/97 Servizio sociale, tel Uff. Istruzione, tel parrocchie di S. Bovaventura, tel , S. Andrea Apostolo, tel , S. Antonio, tel ; Scout: sono presenti un gruppo Agesci presso la parrocchia di S. Bonaventura, tel , e l ass. Giovani esploratori/trici (C.N.G.E.I.), tel ; L ass. Alle radici del movimento propone attività motoria per bimbi 5-11 anni, tel Borse di studio: istituite dal Comune per i ragazzi delle scuole superiori. Info: Ufficio Istruzione. servizio di animazione di strada: è attivato dal Comune per gli adolescenti, e prevede interventi nel territorio anche in sinergia con le parrocchie e le associazioni. l Associazione genitori (via Donatello 4 - Cadoneghe, tel ) promuove iniziative che concorrano a migliorare il compito educativo dei genitori, in particolare nel rapporto con l istituzione scolastica. CRESCERE INSIEME GENITORI E FIGLI*: vengono proposti itinerari formativi per genitori finalizzati ad acquisire competenze in merito al ruolo educativo e genitoriale. La biblioteca comunale P.P. Pasolini, ha sede in via S. Pio X 1, tel Nella sede è attivo lo Sportello Informalavoro (mer 16-18) che offre orientamento, supporto e informazioni sul mercato del lavoro. Presso il consultorio sono attivati diversi servizi rivolti ai minori e alle famiglie (v. box ULSS). ULSS 16 - Distretto n. 2 Consultori familiari: PADOVA Via Jacopo D Avanzo, 35 tel. 049/ ; Via Dal Piaz,3 tel. 049/ / fax 049/ ; CADONEGHE Via Gramsci, 57 tel. 049/ Pediatria di Comunità: PADOVA Via Pontevigodarzere, 14 (Ex Scuola Zanella) 049/ ; Via Dal Piaz, (Padova) tel. 049/ ; LIMENA, Via Garolla, / ; CADONEGHE Via Gramsci, / Neuropischiatria Infantile: PADOVA Via J. D Avanzo,35;

18 Schede_arancio :30 Pagina 19 via Roma 44 - Tel. 049/ Fax 049/ Sito internet: LIMENA distretto 2...alla nascita (0-3 mesi)... Assegno di maternità e assegno terzo figlio: sono elargiti dal Comune alle neo mamme che si trovano in particolari condizioni (v. pag. 11). Informazioni: assistente sociale, tel Sostegno primi mesi: ci si può rivolgere al consultorio, che offre accompagnamento alla neo mamma nei primi mesi dopo la nascita, dando informazioni e sostegno psicologico. Nel territorio comunale sono presenti il centro infanzia Andersen: dai 12 ai 36 mesi. Referente è l Ufficio Socio-culturale, tel ; una scuola materna statale Il Melograno, tel ; una scuola materna parrocchiale Santa L. Filippini, tel ; Il Comune propone centri ricreativi estivi per bambini a partire dai 3 anni (referente è l Ufficio istruzione, tel ); All interno della biblioteca è allestito uno Spazio bimbi (tel ). L istituto comprensivo (scuole elementari e medie) ha sede in v. Arnaldo c/o la sc. media, tel Ai ragazzi frequentanti la scuola dell obbligo vengono offerti i servizi di: mensa, trasporto scolastico, contributi acquisto libri di testo. Referente è l Ufficio istruzione, tel Servizio sociale, p.zza Caduti 1, tel Uff. Istruzione, v. Gobetti 14, tel Il Comune propone centri ricreativi estivi con attività diversificate a seconda dell età dei ragazzi. Referente: Ufficio istruzione, tel PASSO DOPO PASSO* è un servizio di tutoraggio scolastico per bambini delle elementari e ragazzi delle scuole medie. Offre affiancamento e sostegno nella gestione degli impegni scolastici nonché un aiuto concreto a tutte le diverse necessità. Informazioni: assistente sociale, tel Presso la parrocchia SS. Felice e Fortunato sono attivi il gruppo scout e l Azione Cattollica che propongono attività educative e ricreative. Tel Presso gli impianti sportivi comunali vengono offerte diverse attività. Referente: Ufficio Cultura- Sociale-Sport, tel Il Progetto Giovani offre lo sportello informagiovani: un servizio di consulenza e informazioni per scuola, sport, tempo libero, leva e servizio civile, ricerca lavoro, viaggi e studio in Italia e all estero; l animazione di strada che propone attività aggregatve per la prevenzione e il recupero del disagio sociale (tel ). Presso il consultorio sono attivati diversi servizi rivolti ai minori e alle famiglie (v. box ULSS). Via J. Avanzo, / ; Via Pontevigodarzere, 14 (Ex Scuola Zanella) 049/ ; CADONEGHE Via Gramsci, / Logopedia: PADOVA Via Dal Piaz, 3 tel. 049/ ; Via J. D Avanzo, / ; Via Pontevigodarzere, 14 (Ex Scuola Zanella) 049/ ; LIMENA Via Garolla, 50 tel. 049/768900/768890; CADONEGHE Via Gramsci, 57 tel. 049/ Per maggiori informazioni sui servizi offerti si legga la scheda generale sull Ulss 16 alle pagg L amministrazione comunale ha riunito tutte le agenzie educative del territorio con lo scopo di concordare collegialmente gli interventi a favore dei ragazzi. Il risultato è un VADEMECUM delle associazioni sportive, ricreative e di utilità sociale in cui si possono trovare numeri utili, indirizzi, descrizioni delle attività da esse proposte. Il vademecum può essere richiesto all Ufficio Cultura-Sociale-Sport, tel

19 Schede_arancio :30 Pagina 20 ALBIGNASEGO distretto 3 via Milano 7 - Tel. 049/ Fax 049/ Sito internet: nascita (0-3 mesi)... Assegno di maternità e assegno terzo figlio: sono elargiti dal Comune alle neo mamme che si trovano in particolari condizioni (v. pag. 11). Info: Uff. Servizi sociali. Sostegno primi mesi: ci si può rivolgere al consultorio, che offre accompagnamento alla neo mamma nei primi mesi dopo la nascita, dando informazioni e sostegno psicologico. Nel Comune sono presenti un asilo nido (via XVI Marzo n. 12, tel ) e le scuole materne: S. Agostino, v. Tintoretto 41, tel ; S. Lorenzo C. Liviero, XVI Marzo, tel ; S. Cuore, v. S. Stefano (Carpanedo), tel ; Madonna del Rosario, v. S. Giacomo di Lion, tel ; S. Antonio, v. S. Tommaso, tel ; Giovanni XXIII, v. S. G. Barbarigo (Ferri), tel ; S. Pio X, v. S. Andrea (Lion), tel SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ* percorsi di formazione rivolti a genitori di bambini 0-7 e anni, finalizzato ad accrescere la loro competenza educativa Nel Comune c è la Ludoteca Arcobalù, via Tintoretto 41, presso la parrocchia di Sant Agostino. È aperta ai bambini da 3 a 6 anni accompagnati dai genitori. Servizi sociali, tel ragazzi (11-15 anni) presso Villa Obizzi, v. Roma 163 (Uff. Interventi sociali, che propone attività ludiche, artistiche, laboratori, uscite guidate per tre pomeriggi alla settimana. Il Comune organizza i centri ricreativi estivi (tel ); le parrocchie organizzano centri estivi e campi scuola. Presso la Biblioteca Comunale di via Roma (tel ) il venerdì è attiva la ludoteca (ore , tel ) Attività sportive giovanili sono proposte dall US Carpanedo (v. Cimarosa 17, tel ), dall US S. Lorenzo (v. XVI Marzo 14, tel ), dall A.S. Albignasego Basket (v. Bonetto, tel ), dall A.S. Lion (v. S. Andrea 123, tel ), dal Centro Studi Arti Marziali Zanshin (v. Pascoli 1, tel ), dal Karate-Do (v. Alcarotti 18/2, tel ) e dallo Sporting Club S. Giacomo (calcio dai 7 anni, v. Monte Santo 12, tel ). Presso il Centro parrocchiale S. Agostino è presente un Gruppo Scout (tel ). Propongono attività per bambini, ragazzi e giovani le parrocchie: Mandriola, S. Agostino, S. Tommaso, S. Lorenzo, Lion, Carpanedo, Ferri, S. Giacomo La Direzione Didattica ha sede in via San Tommaso 30, tel ; la Scuola Media Manara Valgimigli ha sede in via Tito Livio 1, tel Ai ragazzi frequentanti la scuola dell obbligo vengono offerti i servizi di: mensa, trasporto scolastico, contributi acquisto libri di testo. Info: Servizi Sociali. È presente un Servizio educativo domiciliare, che offre supporto educativo al minore e alla famiglia in condizione di disagio. Info: Servizi Sociali, tel È attivo AFTER HOURS* - Centro aggregazione 20 * Progetto L. 285/97 Free space: centro aggregativo per ragazzi dagli 11 ai 18 anni, presso il Centro Parrocchiale di Mandriola. Presso il consultorio sono attivati diversi servizi rivolti ai minori e alle famiglie (v. box ULSS). ULSS 16 - Distretto n. 3 Consultori Familiari: PADOVA, Via Piovese,74 049/651649; 049/ ALBIGNASEGO, Via Don Schiavon, 2, O49/ / Pediatria di Comunità: PADOVA, Via Piovese, 74 tel. 049/750611, ALBIGNASEGO Via Don Schiavon, Neuropischiatria Infantile: PADOVA Via Piovese, / / ALBIGNASEGO Via Don

20 Schede_arancio :30 Pagina 21 p.zza A. Moro 1 - Tel. 049/ Fax 049/ Sito internet: CASALSERUGO distretto 3 Alla nascita (0-3 mesi)... Assegno di maternità e assegno terzo figlio: sono elargiti dal Comune alle neo mamme che si trovano in particolari condizioni (v. pag. 11). Informazioni: assistente sociale, tel Sostegno primi mesi: ci si può rivolgere al consultorio, che offre accompagnamento alla neo mamma nei primi mesi dopo la nascita, dando informazioni e sostegno psicologico. Nel Comune sono presenti due scuole materne parrocchiali: Santa Maria (v. Umberto I, tel ) e San Martino (v. Ronchi del Volo 25, tel ) Il comune propone centri ricreativi estivi per i bambini a partire dai 4 anni di età (referente è l Ufficio Servizi Sociali tel ) Ufficio Servizi social, tel municipale. Attività sportive giovanili sono proposte da: US Casalserugo Pallavolo (dagli 8 anni: v. Kennedy 5/2, tel ), Quickly Mini Basket (dai 6 anni: tel , Verde Pattinaggio (dai 5 ai 12 anni: v. Praga 8, tel ), US Calcio Casalserugo (dai 6 anni: v. Firenze 12, tel ). Propongono attività per bambini, ragazzi e giovani le parrocchie di Casalserugo e di Ronchi. Presso il consultorio sono attivati diversi servizi rivolti ai minori e alle famiglie (v. box ULSS). L istituto comprensivo (scuole elementari e medie) ha sede in via Roma, tel Ai ragazzi frequentanti la scuola dell obbligo vengono offerti i servizi di: mensa, trasporto scolastico, contributi acquisto libri di testo. Il Comune propone centri ricreativi estivi nel mese di luglio per ragazzi fino ai 14 anni (referente è l Ufficio Servizi sociali, tel ). CENTRO DI AGGREGAZIONE*: è un centro ricreativo ed educativo rivolto ai ragazzi della scuola media: propone laboratori, uscite guidate, prestito CD, giochi da tavolo e all aperto, svolgimento compiti... Ha sede in v. Umberto I, nella ex sede Via Piovese, 74 (loc. Voltabarozzo) Schiavon, 2 049/711876, Logopedia: Via Piovese /750842; ALBIGNASEGO Via Don Schiavon,2 049/ / Per maggiori informazioni sui servizi offerti si legga la scheda generale sull Ulss 16 alle pagg

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli