COMUNE, SONO PREMIATI PER LAVORARE IL PUNTO DI VISTA/1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE, SONO PREMIATI PER LAVORARE IL PUNTO DI VISTA/1"

Transcript

1 Il PICCOLO giornale del CREMASCO Direttore responsabile: Sergio Cuti Società editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel Direzione e redazione via Tensini Crema tel e fax Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona Pubblicità: Immagina srl tel Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: ANNO III NUMERO 37 SABATO 4 OTTOBRE ,02 Copia Omaggio Mentre in città ci sono file di poveri, le aziende sono in crisi, i dipendenti hanno paura di perdere il posto di lavoro COMUNE, SONO PREMIATI PER LAVORARE IL PUNTO DI VISTA/1 Benefattori cremaschi: finita l autonomia Antonio Agazzi* In modo inusuale e irrituale pare che il Sindaco di Crema abbia convocato in Comune i nominandi membri del Cda della Fondazione Benefattori Cremaschi - in quanto... nominandi, prima della nomina - imponendo loro la designazione di Bianca Baruelli a vicepresidente: se così fosse, alla faccia della non interferenza! Il 24 settembre, non paga, la Bonaldi ha riconvocato in Comune il Consiglio di amministrazione della FBC, in modo ancor più inusuale ed irrituale. L attentato alla autonomia del Consiglio è palese. E in due anni, peraltro, il sindaco non ha mai convocato il Cda, presieduto da Donzelli... Il protettorato che la Bonaldi intende impropriamente svolgere sulla FBC si configura, inoltre, come un tentativo di mettere le «Mani sulla Fbc» non solo da parte sua, ma anche del Pd, perché non si deve dimenticare che il primo cittadino di Crema è membro della Direzione nazionale del Pd e che ha nominato nel Consiglio del Cda, come Commissario politico (?), Anna Acerbi, già capolista del Pd alle ultime elezioni comunali e tuttora membro della Direzione provinciale del partito. Ci ha raccontato, a un certo punto, che occorreva praticare una «discontinuità» rispetto al passato, lasciando fuori i partiti invadenti; forse si riferiva ai partiti altrui, essendo il Suo ottimamente inserito nel Cda nominato: Anna Acerbi, tra le altre cose cassiera alla Festa dell'unità, era, lo ribadisco, capolista del Pd alle ultime elezioni comunali ed è membro dell'assemblea provinciale del Pd; il nuovo Presidente di FBC.. pure non viene da Marte, essendo titolare di una società di consulenza - che ora pare voglia liquidare - che sembra aver lavorato non poco per le COOP rosse in passato; Romano Demicheli, ha svolto la mansione di responsabile, a Izano, del seggio delle primarie del centrosinistra; Bianca Baruelli, già sindaco di centrodestra, è stata premiata avendo, in seno all'assemblea dei sindaci, votato, ripetutamente, con il centrosinistra. Il sindaco ha tirato in ballo la mia disponibilità a presiedere la Fondazione Benefattori Cremaschi; non ho neppure presentato la candidatura. CHROMAVIS, CAMBIATI I VERTICI. E IL FUTURO? L EDITORIALE Uomo forte del Pd, troppo temerario A PAGINA 12 Dopo Alex Corlazzoli, il sindaco Bonaldi ha trovato un suo nuovo «spin doctor»: Arcangelo Zacchetti. Comunista duro e puro ai tempi del Pci, sindacalista ancora più d acciaio quando lavorava alla Ferriera, scrittore, direttore editoriale ai tempi del settimanale l «Opinione», pubblicitario (in questo momento per Cremaoggi), collaboratore di Confcommercio che sta combattendo una dura battaglia d immagine soprattutto con Asvicom. Personaggio dai grandi contrasti: comunista, convinto assertore del «meglio pochi, e puri». ma free-lance nella vita reale (non garantito dall articolo18, quindi) e oggi al servizio del commercio minuto, di chi ha una bottega e un distributore di benzina che lotta contro i supermercati, Coop compresa. Zacchetti è diventato l uomo forte di via Bacchetta che ha spinto il Pd locale - dopo due anni di gioco a nascondino - a scendere in piazza. Per dire sì alla moschea. Rischiando molto, ma l uomo è così: va politicamente spesso allo sbaraglio. Il pericolo? Due: Il Pd si espone in prima persona su un argomento debolissimo e che vede contrari anche tanti suoi iscritti. Perché se è vero che la Costituzione italiana dice sì alla libertà di culto, dice anche che l uomo e la donna hanno gli stessi diritti, l infibulazione è proibita, come avere anche l harem. Inoltre non è possibile costruire chiese cattoliche in Paesi musulmani. In alcuni dei quali i cattolici vengono addirittura martirizzati. Ma non è finita: il Pd scenda in piazza anche su altri argomenti a favore del sindaco. Dica, per esempio, che è d accordo sull aumento delle tasse voluto dalla Bonaldi. Altrimenti è troppo comodo. A PAGINA 11 IL PD SI SCHIERA PER LA MOSCHEA FORZA ITALIA: CONSIGLIO APERTO IL PUNTO DI VISTA/2 Campus scolastico: altro treno perso di Enzo Bettinelli Il tribunale è stato definitivamente perso anche per responsabilità del sindaco Bonaldi che ha sbagliato indirizzo andando a sbattere la testa a Lodi (dall uomo di Renzi!) e a Treviglio quando sarebbe bastato andare dall onorevole Pizzetti di Cremona, suo compagno di partito. Abbiamo perso l opportunità della Cittadella dell anziano - gettando alle ortiche un accordo tra il centrodestra ed il Pd - che avrebbe dato maggiore dignità ai nostri anziani. E stata la contropartita concessa a Sel e Rifondazione comunista per garantire l appoggio alla candidatura di Stefania Bonaldi. Tutto questo con buona pace per le ricadute economiche ed occupazionali che ci sarebbero state sul territorio. Troppo impegnato, il sindaco, a interferire con l autonomia della Fondazione Benefattori Cremaschi o a promuovere i «Manifesti» rispetto ai quali restiamo in attesa di conoscere ciò che continua a tenere nascosto. Per ultimo, scusate se è poco, Crema ed il Cremasco stanno perdendo pure il campus scolastico di via Libero Comune e con esso la soluzione dell annoso problema delle scuole medie Vailati, che avrebbero dovuto essere trasferite nelle ex Magistrali. E stato rinviato alle calende greche un progetto che era una certezza, quando governava il centrodestra! Sono poveri illusi quelli che sognano che ciò che era oramai pronto per essere realizzato in via Libero Comune possa essere trasferito nell immobile della ex Charis. Questa amministrazione è solo in grado di modificare con arroganza il PGT per dare una pompa bianca ad un centro commerciale politicamente noto o per permettere la costruzione della moschea. Dopo quasi tre anni di governo della città, siamo all anno zero. E con l intervento al consiglio nazionale del Pd si è pure giocata l opportunità di un utile rapporto diretto con l attuale premier Renzi ed il suo uomo di fiducia, Guerini da Lodi. Siamo alla totale schizofrenia politica. Consiglio al sindaco di rileggersi Confucio: «L uomo superiore è calmo senza essere arrogante; l uomo da poco è arrogante senza essere calmo».

2

3 CREMONA AL CREMONA PO Sabato 11 lezione pratica per proprietari di cani Sabato 11 ottobre, dalle 10 alle 12, nell area verde antistante il Centro Commerciale Cremona Po, a conclusione del corso di formazione per proprietari di cani (Patentino), è prevista una lezione pratica con cani che saranno portati dall Ordine Medici Veterinari di Cremona. Corso obbligatorio per i cani che si sono resi responsabili di episodi di aggressione. La variazione del progetto proposta dalla nuova Giunta piace a cittadini ed esperti. Prevista pista ciclopedonale accanto alla strada Via Brescia, sottopasso a senso unico Terzi: «Una buona idea, sarà un sollievo per questo comparto di città da tempo sacrificato» di Laura Bosio I stituire il senso unico in via Brescia, in uscita dalla città, con una pista ciclopedonale che affianca la strada: questa l a s o l u z i o n e p ro p o s t a dall Amministrazione comunale, al posto del sottopasso a doppio senso che era stato proposto dalla Giunta precedente. La proposta prevede anche un passaggio solo ciclopedonale sia in via Serafina che in via Esilde Soldi. Per quanto riguarda via Persico, si prevede, in via sperimentale, un senso unico in uscita dall'incrocio con via Brescia fino al sottopasso, in modo da evitare di congestionare il traffico nel punto di congiunzione tra le due strade. Il sottopasso di via Persico, peraltro, è ormai quasi pronto: i lavori, infatti, termineranno definitivamente entro la fine di ottobre. Il Comune ha fatto nelle scorse settimane un altro sopralluogo per verificare lo stato dei lavori che sono abbastanza in linea con i tempi previsti, anche se inizialmente si era parlato di metà ottobre, mentre il termine ultimo ora è il 31 del mese. Intanto, per consentire di effettuare in sicurezza i lavori propedeutici alla realizzazione del sottopasso di via Brescia, da martedì 7 ottobre, dalle 21 alle 6 del mattino, sarà istituito il senso unico alternato dal civico 88 all'incrocio con via San Bernardo (da prima del passaggio a livello - all'altezza di via Cavo Cerca a tutto largo Madre Agata Carelli). Durante i lavori notturni sarà comunque garantito il passaggio pedonale protetto sui marciapiedi di Palazzo Duemiglia in largo Madre Agata Carelli. Fuori dalla fascia notturna indicata verrà ripristinata la normale circolazione. Il termine di questi lavori è previsto per il 31 dicembre In ogni caso, il progetto proposto dall'attuale amministrazione piace ai residenti, che durante gli incontri che si stanno svolgendo in queste settimane hanno espresso parere positivo. La stessa cosa vale per alcuni esperti del settore, come l'architetto Massimo Terzi, già assessore comunale. «Mancando i dati tecnici è difficile dare un giudizio scientifico, ma l'idea mi sembra buona. E' peraltro molto simile al progetto che aveva proposto il Comune ai tempi in cui ero assessore, anche se noi avevamo messo in campo l'idea di preservare il senso unico in entrata, in modo da garantire l'accesso alla stazione attraverso via Vecchia Dogana, creando una sorta di grande rotatoria attorno al quartiere di Borgo Loreto. In ogni caso ritengo che anche l'idea dell'attuale giunta sia molto positiva e che possa produrre un sollievo per questo comparto della città, che da tempo è sacrificato. Rispetto alla soluzione che avevo proposto io a suo tempo, questa non dovrebbe produrre né maggiori né minori difficoltà e credo possa produrre effetti simili, anche se sicuramente potrà essere soggetta ad aggiustamenti in corso d'opera». Vi sono alcune criticità, secondo Terzi, a cui prestare attenzione. «Sicuramente sarà importante studiare accuratamente la questione dello svincolo tra via Brescia e via Persico, per evitare congestioni di traffico - evidenzia l'architetto -. In secondo luogo sarebbe stato utile ipotizzare anche una pista ciclabile in via Persico, in modo che si connetta la pista che va al Maristella alla città. Inoltre ritengo che la ciclabile prevista in via Brescia possa essere propedeutica alla possibilità di fare una ciclabile lungo il tratto in uscita da via Brescia, LO STATO ATTUALE DEI LAVORI Sottopasso di via Persico Completato oltre l'80% dei lavori Apertura fine ottobre 2014 Sovrappasso San Felice Completato 60% dei lavori Previsto posizionamento impalcato a metà ottobre Apertura dicembre 2014 Sottopasso via Brescia Effettuati lavori propedeutici spostamento sottoservizi Decisa data posizionamento impalcato Rfi a fine gennaio Apertura primavera 2014 che costeggi il cavo Robecco. Un altro problema potrebbe essere il passaggio tra via Persico e via Dogana, per collegarsi con la stazione: in quel tratto di strada il rischio è che si creino degli accumuli di traffico». Pista ciclabile di Cava, lavori del primo lotto al via da inizio novembre Ai primi di novembre partirà il primo lotto della pista ciclabile di Cavatigozzi. Lo ha annunciato in commissione Ambiente l assessore Alessia Manfredini. Per quanto riguarda il secondo lotto, invece, ancora non è stato ritirato il permesso di costruire dal privato (che, come opera di scomputo, si era impegnato alla realizzazione di tale opera). Tuttavia, spiega Manfredini, «il Comune sta lavorando affinché si possa arrivare al più presto all avvio dei lavori, cercando di sollecitare il privato». L'amministrazione vuole però modificare il progetto originale, allo scopo di renderlo più sicuro. «Abbiamo l obiettivo della costruzione di una ciclabile sicura (asfaltata, non a ridosso della strada e illuminata) realizzata nella sua interezza e in tempi certi - continua Manfredini -. Ci siamo subito mossi con il privato per riuscire a portare a casa l opera, nonostante le condizioni non facili dovute alla modalità scelta dalla passata amministrazione (2 chilometri di pista legata a tre interventi edilizi)». Quello che cambia rispetto a prima, in sostanza, è il tracciato della pista. L idea della Giunta Galimberti, in sostanza, di spostare la pista dalla strada di due metri verso l interno, sfruttando il fatto che il Comune potrà acquisire la ex Polveriera dal Demanio e quindi potrà sfruttare quel terreno. Questo per quanto riguarda il primo lotto. Per il secondo sarà invece necessario effettuare degli espropri. Tempistiche che comunque non sono certe, in quanto il privato ha tre anni di tempo da quando ritira il proprio permesso di costruire, per far partire i lavori. Peraltro la variante al progetto previsto dalla Giunta Galimberti costerebbe altri 500mila euro, che andrebbero ad aggiungersi ai 700mila già a carico del Comune (mentre i restanti 800mila sono quelli derivanti dall investimento dei privati), per un costo totale di 2 milioni di euro, contro il milione e mezzo della versione iniziale.

4 4Sabato 4 Ottobre 2014 Cronaca Partito il bando per l acquisto dell area di metri quadrati - di proprietà di Aem - dove dovrà essere realizzata la sede Cremona avrà il suo Polo tecnologico Un punto di aggregazione per aziende che lavorano nell Itc, ma anche, secondo Galimberti, «punto di partenza per un Polo di Sviluppo» UN PO' DI STORIA L'area denominata dapprima ex Annonaria ed ora Cremona City Hub è di proprietà di Aem Cremona S.p.A. dal 23 novembre In un comparto di questa vasta area, in base al Piano Integrato di Intervento, adottato dal Comune di Cremona il 7 maggio 2014, è prevista, tra l'altro, la creazione del Polo delle nuove tecnologie della città di Cremona. Il 27 novembre 2012 è stato costituito il CRIT, Consorzio che ha lo scopo di svolgere tutte le attività e le iniziative destinate a promuovere lo sviluppo ed il miglioramento delle condizioni professionali ed economiche delle imprese tecnologiche consorziate. Successivamente il Comune di Cremona ha partecipato al programma denominato Aster - Accordi di Sviluppo Territoriale - per l'insediamento di nuove attività di impresa indetto da regione Lombardia, presentando un progetto di intervento di opere strumentali alla realizzazione dell'edificio sede del Consorzio Crit, nonché alla realizzazione delle infrastrutture necessarie a rendere accessibile l'area. Il 16 novembre 2013 la Regione Lombardia Direzione Generale Attività Produttive Ricerca e Innovazione ha assegnato alla proposta Verso il Polo delle tecnologie di Cremona un finanziamento di un milione di euro, individuando quali partner il Crit stesso insieme al Comune di Cremona. Nel frattempo Aem Cremona ha sviluppato un'ipotesi progettuale del Polo per le nuove tecnologie della città di Cremona, che sarà messo a disposizione dei partecipanti al bando, nel quale è individuato, tra l'altro, il grado di prestazione e il livello di finitura del nuovo intervento immobiliare. Sulla base di questo progetto, il Crit e le aziende ad esso associate (per il momento sono sette) hanno sottoscritto un'apposita manifestazione di interesse ad insediarsi nel nuovo complesso immobiliare. di Laura Bosio Cremona avrà il suo Polo tecnologico, ambizione dell'amministrazione Perri che, nel segno della continuità, è anche uno degli obiettivi della nuovagiunta. Lo ha annunciato il sindaco Gianluca Galimberti, evidenziando che è finalmente aperto il bando di gara attraverso cui individuare il soggetto che andrà a realizzare la struttura. La zona interessata è quella dell'ex Macello, all'interno della più ampia area denominata "Cremona City Hub". Il bando di alienazione dell'area, ora di proprietà di Aem, al suo interno contiene infatti il vincolo di realizzazione di un Polo Tecnologico. Si tratta di un'area che ha una superficie di circa mq, parzialmente occupata da fabbricati ed impianti dismessi. «Il bando rappresenta un punto di arrivo ma anche uno di partenza - ha evidenziato il sindaco -. Stiamo infatti già guardando verso il futuro, nella prospettiva che il Polo Tecnologico un giorno possa essere affiancato da un Polo di Sviluppo della città che proprio in quell'area possa avere una sua sede, magari proprio come naturale prolungamento del Polo tecnologico, ma anche la culla per progettualità innovative. Ci siamo concentrati su quel lotto del Piano Integrato di Intervento perché è l'unico che ci interessa. Per il resto ci riserviamo di fare un'approfondita riflessione che riguarda lo sviluppo dell'intera città nel suo complesso». Un progetto che può diventare sostanziale anche per le nuove generazioni: come ha evidenziato il vice sindaco Maura Ruggeri, infatti, esso «può aprire prospettive concrete di lavoro per i giovani, rappresentare una fucina di idee, uno stimolo alla creatività nel campo dell'innovazione». Si tratta sostanzialmente di una struttura ad alta tecnologia, in classe energetica molto vicino alla A e con una connotazione domotica, che dovrà ospitare le aziende che si occupano di Itc. Questo dovrebbe portare, secondo l'obiettivo Le offerte dovranno pervenire entro il 24 novembre Le offerte dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 del 24 novembre prossimo. L'apertura delle offerte avverrà in seduta pubblica il 26 novembre 2014, alle ore 10, nella sede di Aem Cremona S.p.A. (viale Trento e Trieste 38), alla presenza della commissione di gara designata e dei legali rappresentanti dei concorrenti. Il bando integrale è disponibile sul sito www. aemcremona.it e pubblicato all'albo Pretorio del Comune di Cremona. dell'amministrazione, a creare un vero e proprio polo di servizio per le aziende. «Ora inizia un percorso di sviluppo perché per fare che tutto questo sia un polo di attrazione - spiega l'assessore Maurizio Manzi -. Penso infatti ad una delocalizzazione nella nostra città di aziende di eccellenza da altre realtà: qui abbiamo infatti un'infrastruttura molto importante, rappresentata dalla fibra ottica, che può permettere alle aziende di lavorare meglio che altrove. Si completa inoltre la filiera che ha nel Politecnico una presenza importante. E' allo studio un percorso con progettualità innovative non solo nel campo della Ict (Information and Communication Technology). Nel polo troveranno sede un gruppo di imprese che hanno già L'individuazione del progetto avverrà secondo i seguenti criteri: 30 punti per il valore dell'area ( ,00 euro per mq di superficie, corrispondente ad una superficie edificabile di 6000 mq); 30 punti al valore della costruzione (1.800,00 euro al mq riferiti ad un capitolato prestazionale); 5 punti sui tempi di realizzazione (massimo 24 mesi); 35 punti per migliorie tecniche (classe energetica, implementazione BMS Building Management System, proposta architettonica aree e spazi esterni). dato la loro manifestazione di interesse e che offriranno servizi ad aziende private ma anche pubbliche e non solo per la città, ma anche per l'intero territorio». Si tratta di parte delle aziende già appartenenti al consorzio Crit (costituito da: MailUp, Microdata Group, Linea Com, Incode, Lanzoni, Gamm System, Csa Med e Next), che nei mesi scorsi hanno lanciato la sfida di un progetto di co-working. L'edificio dovrà quindi avere requisiti ben precisi e adeguati alle aziende che dovrà ospitare, come evidenzia il presidente di Aem, Franco Albertoni: «Fondamentale, nell'intero percorso, è stato il ruolo del Politecnico, con il quale l'interazione è sempre stata strettissima, e naturalmente quello del Crit Cremona Information Technology, consorzio che ha lo scopo di svolgere tutte le attività e le iniziative destinate a promuovere lo sviluppo ed il miglioramento delle condizioni professionali ed economiche delle imprese tecnologiche consorziate». Infine il presidente Albertoni ha evidenziato un elemento molto importante: «l'area sulla quale sorgerà il Polo tecnologico è immediatamente cantierabile e questo, pertanto il vincitore potrà iniziare subito i lavori. L'intervento complessivo si aggirerà sui 10 milioni di euro, sette sono le aziende, già presenti sul territorio, che hanno per ora manifestato interesse ad insediarsi nel Polo: la finalità è infatti di mantenere posti d lavoro nella nostra città».

5 Cronaca Sabato 4 Ottobre Malgrado il malcontento dei tifosi il capo della Lega la ritiene una scelta corretta Lega Pro, Macalli difende il suo spezzatino Il presidente: «Saremo ancora una volta l apripista per un nuovo calcio» di Michele Scolari la curva sud La Lega Pro è uno spezzatino. Il nuovo calendario di quest anno prevede le partite spalmate dal venerdì al lunedì, con 13 orari diversi: il venerdì alle e alle 20.45, il sabato alle 14.30, 15, 16, 17 e 19.30, la domenica alle 11, 12.30, 14.30, 16 e 18 e il lunedì alle Insomma, il vecchio e caro calcio delle epiche domeniche sportive di qualche decennio fa sembra un lontano ricordo. La nuova organizzazione divide i tifosi. Alcuni alzano il pollice, come Nicolò: «Credo sia stata una scelta giusta della Lega Pro per favorire il ritorno delle persone allo stadio. Con gli orari distribuiti nel week end i turnisti o comunque i ragazzi che giocano nei dilettanti alla domenica pomeriggio, possono andare ancora a seguire la propria squadra». Altri lo abbassano, come Daniele: «Questa organizzazione non mi sembra il massimo, soprattutto per un problema di orari, dagli anticipi del venerdì sera ai posticipi del lunedì, per non parlare di quelli che spezzano la cena o altri momenti dove solitamente la gente non ha la possibilità di guardarsi il match con calma». E lo spezzatino risulta indigesto pure agli ultrà cremonesi, i quali, come del resto accade nelle altre piazze, contestano l inziativa. Pronta e decisa la replica del presidente di Legapro, Mario Macalli, che difende fermamente la novità: «I tifosi della Lega all oggi risultano in nettissimo aumento, quindi significa che la formula ha portato gente nuova allo stadio. Anzi, con questo sistema siamo gli unici che stanno registrando un incremento di appassionati: ogni società aumenta in Ma la Curva Sud boccia nettamente l iniziativa Mario Macalli media di circa 400/500 tifosi. Ogni domenica abbiamo un numero di visualizzazioni esterne (da smartphone, tablet, ecc.) di 400mila utenti totali; e nelle ultime due settimane il dato ha toccato le 500mila visualizzazioni (e ricordo che solo Legge-Reggina ne ha avute 130mila). E successo pure che, anche chi non è interessato, dopo aver visto due o tre volte la partita sul tablet, abbia iniziato ad andare allo stadio. Il problema che qualche Solone pone non ha senso. Quante volte la Lega Pro ha proposto innovazioni radicali inizialmente criticate e poi seguite da tutti? Non è stato così con i 3 punti, biasimati all inizio e poi divenuti un istituzione anche nelle cosiddette serie maggiori? E un problema di mentalità, non di calcio. Fare delle innovazioni in un mondo che è rimasto ottant anni indietro è difficile. Quando si cambiano determinate strutture e programmi, si incontra sempre l opposizione di chi non vuole imparare e adattarsi, ma chi invece vuole guardare avanti accetta e comprende il cambiamento. Inoltre, da quando la crisi ha ridotto il potenziale dell imprenditoria finanziatrice, mentre alle società occorrono nuove risorse. In sostanza, si possono rivolgere tutte le critiche del mondo, ma quando si tirano le somme e si è a regime si capisce se il cambiamento è stato una buona scelta. E in questo caso sono profondamente convinto che lo sia». Cosa ne pensiamo dei nuovi orari spezzatino imposti anche in Serie C (sì, perché trattasi di Serie C, non di Lega Pro o nomignoli vari)? Oramai non ci sorprendiamo più di nulla, anzi. Si potrebbe parlare di orari spezzatino per un calcio alla frutta, perché non venga in mente a nessuno di provare a convincerci che grazie a questa formula le famiglie potranno finalmente ritornare allo stadio. Andrebbe invece sottolineato come oramai da molti anni, la platea calcistica infastidisca e che quindi venga piano piano ghettizzata ed emarginata. Dal daspo ai biglietti nominali, dai tornelli alle telecamere. Fino alla tessera del tifoso e, in ultimo, addirittura a questo assurdo calendario. Venerdì, sabato, domenica e anche il lunedì. Insomma, seguire la propria squadra risulta davvero molto complicato. Figuriamoci sostenerla fuori. Ma che il Calcio, quello vero, sia morto da un pezzo è un dato di fatto e sarebbe inutile nasconderlo. Infatti siamo perfettamente consapevoli che la massificazione ha colpito in maniera massiccia anche il mondo del pallone. Inter, Juve e Milan. Sky. Abbonamenti dalla poltrona di casa. E questi orari non sono altro che uno strumento volto a soffocare le ultime fiammelle di passione. Come Curva Sud Erminio Favalli, l unica cosa che possiamo fare è portare avanti con onore ed orgoglio quella che è la storia dei nostri colori, rispettando le tradizioni che i nostri padri e i nostri nonni ci hanno tramandato, nella speranza di trasmetterle ai nostri figli. Quindi, seppur senza voler combattere contro mulini a vento, noi ci saremo ovunque: da Trapani a Bolzano, tra mille sacrifici, ma sempre con fierezza e testa alta. Curva Sud Erminio Favalli

6 6Sabato 4 Ottobre 2014 Cronaca Torna gratuito il parcheggio di via Un Disegno di legge prevede sanzioni fino a 150 euro per chi getta a terra mozziconi di sigarette o gomme da masticare S. Maria in Betlem Guerra all inciviltà: arrivano le multe La Giunta comunale ha deciso di trasformare in sosta gratuita la parte riservata a pagamento del parcheggio Quartier Novo di via S. Maria in Betlem, gestito da Aem. Si tratta di 45 posti, ora a disposizione sia dei residenti che dei visitatori. Per consentire una maggiore rotazione è stato fissato un tempo massimo di sosta di 120 minuti nelle ore diurne. In questo modo affermano dal Comune l Amministrazione comunale persegue, in maniera concreta, l obiettivo di diminuire i continui transiti veicolari alla ricerca di possibili parcheggi negli ambiti più pregiati del tessuto urbano. La presenza di un area di sosta gratuita, posta a corona del centro storico, a 800 metri di distanza da piazza del Comune, amplia le possibilità offerte a chi arriva in città e ai residenti di raggiungere facilmente la zona monumentale di Cremona. E questo un primo ed importante segnale dichiara l assessore al Territorio e alla Salute con delega alla Mobilità Alessia Manfredini per un azione atta a favorire una maggiore fruizione dei parcheggi a corona e un minore afflusso delle auto verso il centro. Curatti (Assoutenti): «Prima di punire bisogna informare e consentire alla popolazione di rispettare la legge» Nessuna sospensiva urgente per il provvedimento prefettizio che ha consentito l installazione dell autovelox di via Persico. Nella mattinata di mercoledì, infatti, il Tar ha espresso parere negativo nei confronti della richiesta di sospensiva fatta dal Comitato "Sposta l'autovelox", formatosi spontaneamente tra un gruppo di cittadini del Maristella per protestare contro la valanga di multe arrivate in pochi mesi. Secondo la tesi del Comitato, quell'apparecchio non si troverebbe in una posizione corretta. La decisione del Tar, d'altro canto, seppur negativa per il Comitato, non comporta che sia stato bocciato anche il ricorso, come evidenzia l avvocato Gian Andrea Balzarini, che segue i cittadini nella loro battaglia. Per ora il ricorso rimane attivo, «Anche se spesso il pronunciamento sulla sospensione da parte del Tar di Laura Bosio A vete presente un marciapiede costellato di cicche di sigarette e di gomme masticate? Un abitudine incivile, che potrebbe essere sanzionata, se andasse in porto il disegno di legge dal titolo Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali. Si tratta di 37 articoli collegati alla legge di stabilità 2014, che contengono nuove disposizioni per appalti e smaltimenti; in particolare, l articolo 14 è dedicato a rifiuti di prodotti da fumo e gomme da masticare. In sostanza, il legislatore imporrebbe una sanzione da 30 a 150 euro per chiunque "getterà sul suolo, nelle acque, e negli scarichi chewing gum e cicche". La legge stabilisce che le norme entrino in vigore dal primo luglio del 2015, proprio per permettere alle amministrazioni locali di attrezzarsi a farla diventare operativa. Il ddl ha predisposto anche l attuazione di una campagna da parte dei produttori, in collaborazione con il ministero dell Ambiente, - è scritto ancora nell articolo 14 octies - al fine di sensibilizzare l opinione pubblica sugli effetti nocivi dell abbandono. Un mozzicone gettato a terra o in spiaggia o in un giardino contiene, infatti, circa sostanze tossiche e ha un tempo complessivo di degradazione attorno ai 10 anni. Le associazioni dei consumatori hanno però subito contestato sul nascere il provvedimento, dichiarando l'assenza, nelle città, di posacenere in cui buttare mozziconi e cicche. «Specifichiamo: il principio della legge è condivisibilissimo - evidenzia l'avvocato Luca Curatti, presidente di Assoutenti Cremona -. L'inciviltà deve essere punita, e credo che su questo tutti siano d'accordo. Quello che lascia perplesse le associazioni dei consumatori sono le modalità. Se pensiamo di far entrare in vigore una norma del genere senza prima imporre ai Comuni di provvedere affinché le città vengano dotate degli appositi dispositivi per la raccolta di mozziconi e gomme di masticare, ci troviamo di fronte ad una enorme incongruenza. C'è infatti chi già dice che provvederà ad acquistare tali presidi con i soldi incassati dalle multe». Insomma, prima di mettere in atto un'azione punitiva, secondo Assoutenti, «è necessario fare un percorso di prevenzione e sensibilizzazione, ma soprattutto fornire i consumatori degli strumenti che gli permettano di rispettare la legge. Nelle piazze, nei parchi e nei luoghi di grande aggregazione sociale, allora, bisogna che vengano predisposti questi appositi cestini. Invece ora spesso Auvovelox di via Persico, il Tar dà parere negativo alla sospensiva urgente rappresenta una anticipazione sul giudizio finale - evidenzia Balzarini - tutto può essere ribaltato, anche perché molto dipende dalle motivazioni con cui il Tar ha rigettato la sospensiva». Insomma, la battaglia non è finita e i cittadini coinvolti nel ricorso, una cinquantina, continuano ad essere più agguerriti che mai, come dimostrano i numerosi commenti apparsi in questi giorni sui social network. non ve ne sono. Se si parte prima dalla punizioni, si inverte un normale iter di collaborazione civica. La punizione deve essere l'ultima spiaggia, necessaria a far rispettare le leggi laddove vi siano persone particolarmente recidive, che nonostante le campagne di prevenzione e informazione persistono nel commettere un reato. E questo non vale solo per le sigarette, ma per ogni cosa, come il posizionamento di un autovelox o di un qualsiasi nuovo divieto». La questione, dunque, passa ora alle amministrazioni comunali. «C'è tempo prima che entri in vigore questa normativa - continua Curatti -. Tempo che deve essere impiegato proprio per dare il via ad una azione di sensibilizzazione e di informazione. Chiediamo quindi al Comune di Cremona che si attivi al più presto a questo proposito, fornendo anche la città delle strutture adeguate affinché i cremonesi possano applicare la legge. Si facciano delle campagne di sensibilizzazione sul problema, spiegando perché è importante evitare di sporcare l'ambiente. E soprattutto spiegando dove possono essere gettati i mozziconi delle sigarette o le gomme da masticare, in modo che i cittadini sappiano esattamente dove andare. Altrimenti rischiamo di assistere a scene di cittadini che si nascondono dietro un albero per buttare via una gomma da masticare, o che magari scappano di fronte a un vigile che li richiama per aver buttato un mozzicone di sigaretta a terra».

7 Cronaca Sabato 4 Ottobre L INTERVISTA ALL ASSESSORE - Mauro Platè: «In un momento di crisi è indispensabile prestare attenzione alle fasce più deboli» «Attento monitoraggio su sfratti e tagli utenze» «Sono stati Lavoro in una squadra molto affiatata, con una grande voglia di fare, e competente» di Laura Bosio Ancora un appuntamento con gli assessori del Comune di Cremona. Questa settimana intervistiamo Mauro Platè, assessore con deleghe al Welfare di Comunità; Housing sociale; Aziende Speciali: Azienda Piani di Zona e Azienda Speciale Comunale "Cremona Solidale" (Non autosufficienza e Piano Locale Anziani); Rapporto con ASL e Azienda Ospedaliera; Sport. Assessore, partiamo da un nodo importante: emerge la necessità di un incremento della spesa sociale. Quali sono i settori in cui gli stanziamenti precedentemente messi a bilancio si sono rivelati insufficienti? «In questi mesi è stato necessario ridefinire alcune voci di spesa molto importanti per il sistema di welfare, a partire dagli stanziamenti previsti per le persone disabili, per alcuni minori beneficiari di provvedimenti di tutela o per gli anziani senza reti famigliari. Per queste categorie il Comune eroga, direttamente o meno, una serie di servizi indispensabili al sostengo delle situazioni a rischio. Se è vero che tra i diversi settori di intervento del Comune quello sociale è quello dove la previsione di spesa è influenzata dal maggior numero di variabili, è anche evidente che proprio in un momento di crisi è indispensabile prestare attenzione alle fasce più deboli». Mauro Platè, assessore al Welfare di comunità, servizi alle famiglie e alla persona Con l'arrivo della stagione fredda si presenta nuovamente il rischio del taglio delle utenze per le famiglie in stato di fragilità: come gestirete la situazione? «Senza dubbio, in prima istanza, è necessario un monitoraggio costante delle situazioni a rischio, caratterizziate da gravi fragilità. A questo proposito è già attiva una collaborazione con AEM per il contrasto delle morosità che prevede, tra l'altro, la possibilità di attivare piani di rientro personalizzati quando il debito non è troppo elevato e la situazione seguita dai servizi sociali. Con i gestori nazionali, purtroppo, la situazione è complessa. Credo inoltre sia necessario sottolineare come, nonostante la tutela delle situazioni più gravi note ai servizi, nello stato attuale del bilancio comunale sia difficile garantire interventi di assistenza economica diretta. L'emergenza sfratti continua: in che modo il Comune pensa di intervenire? «Il costante aumento del numero di sfratti è determinato dal progressivo impoverimento delle famiglie, è un problema che non riguarda solo il mio Assessorato ma tutta la città. Proprio per questo le azioni dell'amministrazione mirano a promuovere lo sviluppo di Cremona nel suo complesso. A fronte di ciò le politiche sociali possono muoversi solo limitatamente a quei Il Comune di Cremona tra i 75 enti locali che hanno aderito alla Campagna nazionale di Libera e del gruppo Abele di don Ciotti contro la corruzione e per la promozione della trasparenza. La Giunta ha adottato la delibera di adesione alla campagna Contro la corruzione riparte il futuro. Trasparenza a costo zero, diretta conseguenza della campagna Riparte il Futuro. L approvazione della delibera comporta la messa in atto di azioni che vanno nella direzione di un amministrazione sempre più trasparente in modo che, attraverso la chiarezza e la limpidezza dell attività amministrativa, i cittadini possano riavvicinarsi alle istituzioni ed avere di nuovo maggiore fiducia in esse. «Con l approvazione della delibera Trasparenza a costo zero - dichiara l assessore Rosita Viola l Amministrazione intende riallacciare un nuovo patto con la società, definendo un piano di lavoro che consenta di sviluppare una relazione positiva con i cittadini per un Comune aperto. Dunque maggiore pubblicità ed incisività delle azioni e un processo di valorizzazione culturale della lotta alla corruzione e per la trasparenza. Ritengo fondamentale in tal senso promuovere maggiormente l accesso civico, il nuovo istituto previsto dalla legge che permette, attraverso il web, di concretizzare tre diritti di cittadinanza: diritto di sapere, diritto di monitorare e diritto di partecipare. Il Comune di Cremona ha già approvato il Programma Triennale per la Trasparenza e per l Integrità casi di morosità incolpevole e in presenza di situazioni specifiche di fragilità all'interno del nucleo famigliare, quali ad esempio malattia, presenza di minori o anziani non autosufficienti. Precisato questo, quattro sono le linee sulle quali stiamo progettando i diversi interventi. Prima di tutto si deve migliorare la conoscenza della problematica nel suo complesso: molti sono i casi di cui veniamo a conoscenza solo quando ormai è quasi impossibile un intervento di conciliazione tra le parti e lo sfratto è già nella fase esecutiva. E' necessario poter qualificare e quantificare la domanda e l'offerta abitativa. In secondo luogo, attraverso progettualità che prevedono il partenariato pubblico-privato, si stanno sviluppando azioni per aumentare gli alloggi a disposizione. Il Comune ha già aumentato la percentuale degli appartamenti che possono essere assegnati in deroga della graduatoria per la residenzialità pubblica. Sono stati inoltre avviati progetti di manutenzione e per la diminuzione dei tempi di assegnazione degli appartamenti anche attraverso percorsi per l'autorecupero. La terza linea riguarda il potenziamento delle attività di accompagnamento e di prossimità alle situazioni di disagio abitativo. Questo avverrà attraverso una serie di percorsi ed esperienze con modello l housing sociale. Al momento abbiamo attivato, in via sperimentale, ad inizio settembre, accompagnamenti mirati di famiglie alloggiate in appartamenti messi a disposizione temporaneamente. In ultima istanza il piano prevede l'avvio di strumenti finanziari per arginare la vulnerabilità (speciali misure di microcredito ed il potenziamento del fondo sociale per gli affitti). Ricordo che l'amministrazione ha confermato l'imu con aliquota agevolata per chi affitta a canone sociale» e il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2014/2016. Aderendo formalmente alla campagna "Contro la corruzione riparte il futuro. Trasparenza a costo zero", si vuole completare, sotto il profilo contenutistico e sostanziale, gli obblighi di pubblicità e trasparenza così da rendere ancor più visibile e accessibile dall esterno le scelte organizzative e la situazione dei singoli amministratori». L adesione alla campagna significa garantire ulteriori forme di fruibilità dello status personale e dell anagrafe degli amministratori anche attraverso mass media locali e promozione di pubblicità IL CURRICULUM Età: 36 anni Studi: Laurea in fisica e percorso post laurea in social planning. Professione: Progettazione sociale e politiche del lavoro Carriera politico/sociale: Cooperante internazionale. In quota alla lista civica Fare nuova la città. Famiglia: Sposato con un figlio Veniamo a una domanda più personale: per lei è la prima esperienza in politica. Cosa l'ha spinta a mettersi in gioco? «Non sono molto bravo a rispondere alle domande personali. In questi anni le esperienze lavorative acquisite in ambiti diversi, soprattutto all'estero, mi hanno senza dubbio arricchito personalmente e dal punto di vista lavorativo, ma Cremona è sempre stata il punto di riferimento. Da qui il desiderio, prima di partecipare ad un progetto politico e culturale quale è Fare nuova la Città, riconoscendone l'originalità e il potenziale innovativo, poi di impiegare a Cremona le competenze maturate, e di mettermi in gioco personalmente sul territorio, in un momento di grandi cambiamenti e di sfide crescenti». Un bilancio di questi primi mesi di amministrazione? «Innanzi tutto la scoperta di una squadra affiatata, con una grande voglia di fare, e le competenze per lavorare insieme sul territorio. Non nascondo la fatica del lavoro, del dover affrontare un'organizzazione complessa, in un ambito che ovviamente si interfaccia quotidianamente con le difficoltà e i bisogni crescenti del contesto cittadino. Tuttavia, a fronte del grande lavoro che ci aspetta, questi mesi hanno confermato la mia consapevolezza delle potenzialità di questa comunità, delle relazioni e delle risorse che può mettere in campo se valorizzata». Anche Cremona aderisce alla campagna di Libera per la lotta contro la corruzione Anche se l'estate è ormai finita, cedendo il passo all'autunno, non passa la voglia di muoversi, viaggiare, passare un fine settimana fuori porta, anche a fronte del fatto che il maltempo estivo non ha consentito a molti di partire. Il Cta Acli promuove una serie di gite e viaggi per tutti i gusti. Dal 10 al 12 Ottobre. un viaggio nella PrOVenza marittima per visitare Marsiglia, Tolone, St. Tropez e Port Grimand. Dal 13 al 25 Ottobre. Cure termali a SALSOmaggore e tabiano (proposta dal Cta Acli di Cremona i collaborazione con l Autoservizi F.lli Dusi). Viaggi giornalieri a Salsomaggiore e Tabiano per le cure termali. Dal 13 al 17 ottobre. Una gita pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo. Si visiteranno: Monte S. Angelo, Melfi, Rionero in Vulture, San Severo, Laghi di Monticchio e il Santuario di Stignano. Dal 24 al 26 Ottobre. Un viaggio in Istria. Itinerario dell epoca veneziana. Si visiteranno: Parenzo, Pola, Isole Brioni e Rovigno. Dal 13 al 16 Novembre - roma, città eterna. Un viaggio per visitare Roma. Si visiteranno la basilica di S. Pietro e le tombe dei Papi, Villa dei Quintilli, galleria Doria PhanPhili, Colosseo, Campidoglio, Teatro Pompeo e Piazza Navona. Le iscrizioni e tutte le informazioni relative agli eventi saranno fornite presso la sede di via Cardinale G. Massaia, 22 o contattando i numeri di tel , Le iniziative sono in le nostre iniziative sono in collaborazione con il CTA di Crema (Piazza Manziana 17. Crema tel ). Sito: istituzionale in luoghi pubblici (istituzionali e non); organizzare i dati relativi al bilancio dell ente, alle entrate e alle spese dello stesso, in modo semplice e intuitivo, divulgandolo tramite il sito istituzionale, così da permetterne la concreta comprensione delle modalità di spesa delle risorse dell ente; facilitare la comprensione dei rapporti, dei costi e dei referenti degli enti pubblici vigilati, degli enti di diritto privato controllati o vigilati dall amministrazione, delle partecipazioni in società di diritto privato, attraverso rappresentazioni grafiche che evidenziano le relazioni tra amministrazioni e questi enti, con link ai siti istituzionali e dettagli su chi ricopre gli incarichi di indirizzo e su chi è titolare d incarico; istituire la Tavola pubblica per la trasparenza ed organizzare annualmente la Giornata della Trasparenza e della buona amministrazione, nonché predisporre un programma di attività denominato ComuneAperto ; adottare e rispettare quanto previsto della Carta di Pisa (Codice etico per promuovere la cultura della legalità e della trasparenza negli enti locali) in qualità di assessori e sollecitare il Consiglio comunale ad adottare anch esso tale codice; garantire, in caso di assegnazione al Comune di Cremona di un bene confiscato alla mafia, informazioni in formato open data alla società civile e all Agenzia Nazionale dei Beni sequestrati e confiscati alla mafia. Entro 200 giorni dall adozione questi impegni dovranno essere messi in pratica.

8 8Sabato 4 Ottobre 2014 Cronaca Anmil: «Dietro ad ogni morto sul lavoro c è sempre una causa specifica, un errore evitabile, un mancato controllo» Morti bianche, un problema ancora attuale Mimmo Palmieri (Cgil): «Non è accettabile uscire di casa al mattino per andare a lavorare e non rientrare più alla sera» di Laura Bosio Morire di lavoro, una tragedia inaccettabile. Il terribile incidente che la scorsa settimana ha provocato la morte di due lavoratori presso l'azienda Ferraroni di Bonemerse riporta l'attenzione su un problema che, sebbene nel corso degli anni abbia visto diminuire gli incidenti, è ben lontano dall'essere risolto, dal punto di vista della sicurezza di chi lavora. «In questo momento di crisi anche la sicurezza è un costo e spesso si cerca di risparmiare anche su quello - dichiara Mimmo Palmieri, segretario provinciale della Cgil -. Contando i due morti qui, i quattro a Ravenna e altri due a Ferrara, in una settimana abbiamo visto una decina di incidenti mortali sul lavoro. Non è accettabile. In un momento di crisi epocale, in cui anche avere un lavoro è un privilegio, non si può pensare di uscire di casa al mattino per andare a lavorare e non rientrare più alla sera. Si tratta dell ennesimo inaccettabile episodio che evidenzia quanto sia sempre prioritario investire in prevenzione e in sicurezza, materia che spesso, come dicevo, è invece oggetto di un contenimento dei costi che si ripercuote sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro». L'attenzione deve essere altissima, soprattutto da parte di chi effettua i controlli. «Purtroppo negli anni il numero degli ispettori è calato - continua il sindacalista -. Purtroppo all'inail si è tagliato sul capitale umano che si occupa di fare i controlli, e questo non è positivo nell'ottica di garantire una sicurezza sempre più elevata, come dovrebbe essere». Peraltro degli strumenti per abbattere i costi della sicurezza ci sono, come spiega Palmieri: «L'Inail mette a disposizione ogni anno dei fondi per accedere a un finanziamento per migliorare la sicurezza dei luoghi di lavoro. E' fondamentale che gli imprenditori si facciano carico della sensibilizzazione, di corsi di formazione ai dipendenti e di tutto quello che consente di migliorare le condizioni di sicurezza». Peraltro già nei giorni scorsi Cgil, Mimmo Palmieri, segretario Cgil LA VICENDA Giuseppe Vezzoli e Francesco Lissignoli, dipendenti della Ferraroni di Bonemerse, sepolti da 300 tonnellate di mais Erano circa le 23 della notte tra venerdì 26 e sabato 27 settembre quando, secondo la ricostruzione effettuata dalle forze dell ordine, Giuseppe Vezzoli, 48enne di Bonemerse, e Francesco Lissignoli, 53 anni, di Stagno Lombardo, hanno improvvisamente incontrato la morte mentre lavoravano nella propria azienda, la Ferraroni di Bonemerse. I due stavano monitorando un silos di stoccaggio del mais presso l impianto di essiccazione dell azienda, che pare presentasse qualche problema tecnico, probabilmente un malfunzionamento dell apparato che regola la pressione del mais all interno del silos. E stata questione di un attimo: la struttura ha ceduto improvvisamente, si è aperta una crepa in orizzontale per circa 3/4 della circonferenza e sui due uomini si sono riversate circa 300 tonnellate di mais (700 tonnellate era la capienza totale). Immediati sono stati i soccorsi da parte dei sanitari del 118 e dei vigili del fuoco, ma per i due dipendenti non vi è stato più nulla da fare. La dinamica e le cause dell incidente sono ancora al vaglio delle forze dell ordine e dell Asl, che ha messo sotto sequestro l area, mentre l'autorità giudiziaria sta effettuando delle indagini per verificare eventuali responsabilità. Cisl e Uil di Cremona e le categorie del settore agroalimentare Fai Flai e Uila, non hanno mancato di «esprimere il più profondo cordoglio per questa tragedia», sottolineando quanto «il lavoro continui a pagare un prezzo inaccettabile in termini di vite umane». Sulla vicenda interviene anche l'anmil (Associazione nazionale lavoratori mutilati e invalidi del lavoro), che chiede il superamento «della mentalità fatalista, perché dietro ad ogni morto sul lavoro c è sempre una causa specifica, un errore evitabile, un controllo preventivo che doveva e poteva essere fatto, un eccessiva fiducia nelle proprie capacità o una sottovalutazione del pericolo» evidenzia Mario Andrini, presidente provinciale dell Associazione. «Le statistiche che indicano il calo del fenomeno delle morti bianche non ci rassicurano affatto prosegue Andrini perché vanno lette alla luce del calo dell occupazione, dovuto alla crisi economica in corso, che produce una riduzione solo fittizia degli infortuni mortali». Chi deve intervenire, secondo l'associazione, è anche il Ministero del lavoro, incrementando «le misure di prevenzione» e potenziando «le procedure di ispezione e verifica sui luoghi di lavoro, le quali dipendono da organi dello Stato diversi tra loro, in particolare per il livello nazionale, regionale e locale, accelerandone in processo di unificazione del coordinamento operativo onde garantire aspetti tecnici separati». In particolare l'anmil pone l'attenzione sugli infortuni che si verificano nei cosiddetti "ambienti confinanti", quali appunto serbatoi, vasche di raccolta, cisterne, silos, ecc. Spazi che «sono L esperto: «Fondamentale investire in prevenzione» A livello normativo, vi sono diverse regole, che fanno capo al Decreto legislativo n. 81, che spiegano in che modo deve essere attuata una corretta prevenzione per favorire un ambiente sicuro sul luogo di lavoro. Ne parliamo con l'esperto, Samuele Vailati: «La formazione dei lavoratori è una delle partite primarie per garantire la sicurezza. Ma deve essere fatta in maniera adeguata: spesso infatti risulta determinante sensibilizzare il dipendente riguardo ul rispetto delle norme sulla sicurezza». Ma questo non basta: «per prevenire incidenti spiacevoli, bisogna anche verificare che gli impianti e gli strumenti presenti in azienda non siano obsoleti e che funzionino bene - evidenzia ancora Vailati -. E' infatti fondamentale che il luogo di lavoro venga periodicamente controllato». In un periodo di crisi come quello attuale, è più difficile per gli imprenditori trovare le risorse per investire nella sicurezza, che rappresenta comunque un costo notevole. «Gli imprenditori tendono ad investire in questo settore, ma sicuramente si potrebbe fare di più; del resto forse uno snellimento della burocrazia che gira intorno al settore della sicurezza consentirebbe di diminuire un po' i costi» spiega Vailati. Importante in questo scenario è il ruolo delle aziende specializzate in consulenza sulla sicurezza: sono quelle che intervengono a consigliare l'azienda quali siano le operazioni da fare per mettersi in regola, prima che intervengano i controlli degli enti preposti, come l'ispettorato del lavoro, l'asl, l'inps o l'inail. «Oggi gli imprenditori non sono a conoscenza delle complesse normative sul tema della sicurezza - conclude Vailati -. Per questo, anche se la legge non obbliga ad avvalersi dell'aiuto di un consulente, è sempre consigliabile appoggiarsi a professionisti esperti». spesso teatro di incidenti mortali e infortuni gravi - evidenzia D'Amico -. Caratteristica di tali incidenti è che il numero delle vittime è spesso maggiore di uno e spesso la seconda vittima si trova coinvolta per aver cercato di soccorrere la prima. Basti pensare che tra il 2005 e il 2010 si sono verificati in Italia 29 incidenti di questo tipo, in cui hanno perso la vita ben 43 persone. Basandoci su queste statistiche si può affermare che mediamente ogni anno si verificano cinque eventi di questo tipo, che causano la morte di oltre 7 lavoratori». I dati sulla sicurezza nei luoghi di lavoro a Cremona sono sconfortanti. Nel nostro territorio nel 2013 sono morte sul lavoro ben 14 persone, contro le 8 del 2012, con un incremento del 40% che va in controtendenza rispetto al resto della Lombardia (a parte Milano), dove invece si è registrato un calo. Anche il numero degli infortuni sul lavoro nelle altre città della Lombardia è calato dal 7 all'11%, mentre a Cremona il calo è stato solo del 4% (da a dal 2012 al 2013). Un calo che, come spiega Francesco Zilioli (Cgil), è dovuto «al fatto che è in aumento la disoccupazione - evidenzia il sindacalista -. A questo proposito stiamo mettendo in atto una campagna con i medici di base Nella nostra Provincia gli incidenti mortali sul lavoro sono in aumento del 40% affinché vengano monitorate le possibili malattie professionali, anch'esse numerose sul nostro territorio, anche se rispetto a quelle denunciate poi solo il 35% vengono riconosciute». E' necessario, secondo Zilioli, creare una vera e propria cultura della prevenzione. «Esistono delle figure, previste dalla legge (il Rls - rappresentante lavoratori per la sicurezza), che nelle aziende operano proprio per verificare che siano rispettate le condizioni di sicurezza. Sono 3mila in tutto il territorio, e questo dimostra che vi è una forte attenzione da parte di numerose aziende. In altre, purtroppo, la figura del Rls viene sottovalutata. E' vero che il suo ruolo è prevalentemente consultivo, ma è anche vero che può fornire consigli utili sulla sicurezza dell'azienda e sulle normative vigenti». Fondamentali, poi, secondo il sindacalista, sono i bandi Inail, «che consentono di realizzare progetti su modelli organizzativi e responsabilità sociale, oltre a corsi di formazione. Inoltre vi è un bando, il Fipit, dedicato al sostegno e miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, che prevede l'utilizzo di nuove tecnologie al fine di garantire la sicurezza. Una particolare attenzione viene data anche all'agricoltura, in quanto molti dei morti sul lavoro sono proprio in quel settore». Visto che gli strumenti non mancano, quindi, secondo Zillioli «E' necessario insistere sull'importanza di diffondere una cultura della prevenzione, soprattutto in quei settori in cui è più facile che vi siano delle situazioni a rischio». IN BREVE Campagne e cascine 2014: anche quest anno appuntamento con la Coppa 3T Incontro sulla Costituzione La meglio gioventù Anche quest anno, il prossimo 4 e 5 Ottobre la Scuderia 3T Cremona, organizza il Campagne e Cascine 2014 XII Coppa 3T, giunta quest anno alla dodicesima edizione. Torna con un programma ancora più ricco ed interessante dei precedenti anni, dopo il meritato successo della scorsa edizione che contava ben 195 equipaggi iscritti. Gli organizzatori della Scuderia 3T stanno lavorando alacremente per definire nei dettagli il percorso del Campagne e Cascine 2014", gara di regolarità classica iscritta a calendario Csai per auto storiche, valida per il campionato italiano. Le verifiche, come ormai da tradizione, si svolgeranno nell esclusiva società Canottieri Baldesio. Nella giornata di sabato 4 Ottobre, per i primi 100 equipaggi iscritti che desiderano partecipare, si svolgerà sul circuito nel parco del Po il Trofeo Dimmidisì, con una serie di prove cronometrate che decreteranno un primo vincitore. A seguire si terrà la cena informale in un prestigioso contesto cittadino. Alle 9.30 di domenica 5 ottobre prenderà il via la gara di campionato. Gli equipaggi non dovranno farsi suggestionare da questi bucolici paesaggi perché l incalzare delle oltre 70 prove cronometrate, particolarmente tecniche, metteranno a dura prova i loro riflessi e la loro capacità di interpretare al meglio i passaggi sui tubi posizionati, come usuale in modo molto tecnico. Dopo il pranzo, che si terrà al ristorante Il Molino Vecchio di Isola Dovarese sulle sponde del fiume Oglio, inizierà il ritorno verso Cremona percorrendo l argine maestro del Po, ove si troveranno immersi nella zona golenale tipica del territorio. Al termine ci saranno la passerella e le interviste nella magnifica piazza del Duomo. Seguirà un ricco buffet di fine gara nel cortile del Palazzo Comunale, in attesa che vengano stilate le classifiche definitive e le premiazioni, che si terranno in Sala Borsa a Cremona. Lunedì 6 ottobre alle 20.45, in Sala Zanoni, si svolgerà un incontro/dibattito promosso dalla segreteria cittadina del Pd sul Disegno di legge costituzionale approvato dal Senato lo scosto 8 agosto, dal titolo "La riforma costituzionale in 13 punti. Per l'occasione interverranno: Luciano Pizzetti (sottosegretario alle riforme) e Franco Bordo (parlamentare di Sel). Introduce e coordina Caterina Ruggeri, componente della Segreteria cittadina Pd. Cisvol e l'ufficio Scolastico Territoriale promuovono un convegno intitolato "La Meglio Gioventù. Storie ed esperienze, la solidarietà nel nostro territorio". L'appuntamento si terrà sabato 11 ottobre 2014 dalle 9.00 alle al Palazzo Cittanova di Cremona. Sarà un occasione per approfondire le tematiche del protagonismo giovanile, della solidarietà, della collaborazioni tra scuole e associazioni e della creazione di reti concrete di partecipazione. Attraverso la presentazione di progetti ed esperienze di vari istituti del territorio, passando per le testimonianze vive di giovani volontari e di volontari senior che hanno fatto loro da tutor, si intende riflettere sulle modalità per supportare, favorire, sostenere e valorizzare il volontariato giovanile e la cittadinanza attiva.

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti delle associazioni di categoria e sindacali 22 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Politiche Abitative - Comune di Empoli -

Politiche Abitative - Comune di Empoli - Politiche Abitative - Comune di Empoli - Con il trasferimento della funzione all Unione, è stato costituito un unico ufficio casa per tutto l Empolese Valdelsa. Fino al 2013 sul territorio erano presenti

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA.

Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. Porto i saluti, a tutti i partecipanti, da parte di CGIL CISL UIL della regione FRIULI VENEZIA GIULIA. E sicuramente un onore per me, che sono fresco di nomina, avere l incarico di relatore per le Parti

Dettagli

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho

AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO. Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho AI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE DI RHO Anzitutto voglio ringraziarvi per il documento che avete redatto (che ho trovato molto interessante) e per aver organizzato un confronto tra i Candidati Sindaci indispensabile

Dettagli

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale

Comune di Priolo Gargallo Corpo di Polizia Municipale Alcune regole per evitare incidenti con i cani Calendario Storico 2015 L a ricorrenza dell ormai tradizionale calendario storico della Polizia Municipale è occasione preziosa per riflessioni meditate ed

Dettagli

D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente

D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente 1. L energia - L ambiente - L inquinamento ridurre i fabbisogni di risorse energetiche del Comune ed incentivare le stesse azioni anche ai cittadini tutelare

Dettagli

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia L esperienza da giovani banchieri dei ragazzi della è cominciata con un invito lanciato dalla loro sempre superattiva referente

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Assemblea Annuale. «Smart City» e Polo Tecnologico a Cremona

Assemblea Annuale. «Smart City» e Polo Tecnologico a Cremona ANCE CREMONA Assemblea Annuale «Smart City» e Polo Tecnologico a Cremona Maurizio Manzi Assessore alle Risorse, all Innovazione e alla Digitalizzazione Comune di Cremona Cremona, 9 Ottobre 2015 Page 1

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia?

Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Come sta il comparto delle costruzioni oggi in Italia? Quello che sta accadendo nel nostro comparto è drammatico: siamo di fronte a una vera e propria deindustrializzazione del settore, con un calo vertiginoso

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA COMUNICATO STAMPA L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA Per la prima volta a Milano un bando per assegnare la abitazioni a canone calmierato.

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27 MAGGIO 2013 COMUNE DI ORBASSANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI Il cittadino sarà al centro dell attività amministrativa dei Socialisti:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016

Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016 Linee guida per la l efficienza della gestione la trasparenza e la prevenzione della corruzione 2014-2016 1.- Premessa La legge 6.11.2012 n. 190 ed in particolare il decreto legislativo 14.3.2013, n. 33

Dettagli

Psoprattutto nella fase di informazione,

Psoprattutto nella fase di informazione, UNA VISIONE DALLA PARTE DELL UTENZA DEBOLE, CICLISTI E PEDONI Marco Passigato FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta rima di iniziare vorrei ringraziare le associazioni che hanno collaborato,

Dettagli

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza

Provincia di Milano, al via unità di crisi per casi di emergenza 27 novembre 2012, al via unità di crisi per casi di emergenza La ha approvato in giunta l istituzione dell Unità di crisi provinciale (Ucp), una sorta di coordinamento in grado di coordinare risorse umane

Dettagli

ACCORDO. I sottofirmatari riunitisi in Desio presso il Dipartimento di Prevenzione della ASLMI3 hanno approvato il seguente documento.

ACCORDO. I sottofirmatari riunitisi in Desio presso il Dipartimento di Prevenzione della ASLMI3 hanno approvato il seguente documento. ACCORDO PER LA REGOLARITA E LA SICUREZZA DEL LAVORO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI NEL TERRITORIO DI COMPETENZA DELLA ASL PROVINCIA DI MILANO 3 ( futura PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA) Oggi, 19.06.2008 I

Dettagli

La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi

La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi Roma Luglio 2014 La sicurezza è vita. CONFERENZA di NAPOLI 25 e 26 Gennaio 2007 La tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è un tema

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Indirizzo circa la soluzione viabilistica in via Brescia e comparto Via Esilde Soldi-Via Francesco Soldi e via Persico

Indirizzo circa la soluzione viabilistica in via Brescia e comparto Via Esilde Soldi-Via Francesco Soldi e via Persico Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 177 30 settembre 2015 Oggetto : Indirizzo circa la soluzione viabilistica in via Brescia e comparto Via Esilde Soldi-Via

Dettagli

Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop

Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop Comunicazione di Dora Iacobelli dopo la nomina a Vicepresidente Legacoop Ringrazio per la fiducia che mi è stata accordata, con la piena consapevolezza della complessità' della fase che l organizzazione

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO PAGINA / 0 PAGINA / 0 RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 25/01/2012 Indice IL MATTINO 2 Fondi Inail, la città perde 65 milioni di euro (articolo di sabato 21 gennaio 2012) 3 Ecco perché l Università ha rinunciato ai Fondi

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Sfatare il mito del posto fisso

Sfatare il mito del posto fisso Intervista Sfatare il mito del posto fisso Gli obiettivi di Daniele Rossi neo presidente del gruppo giovani imprenditori Contribuire a creare una cultura d impresa per dare ad una regione che ancora vive

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ MADDALENE INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati tra

Dettagli

Un Cuore nuovo per Velletri

Un Cuore nuovo per Velletri Un Cuore nuovo per Velletri Programma Politico per la Città di Velletri Solitamente nei programmi elettorali si tende a fare un elenco di numerosi progetti e svariate proposte per cercare di accattivarsi

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011

'Ez año BU 5. Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 25 OTTOBRE 2011 L_ 1 `_ -F ' f. _ L/ 1 I BU 5 'Ez año Comune di Inverigo LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO 2011-2016 ELEZIONI DEL 15 E 16 MAGGIQ 2011 25 OTTOBRE 2011 ai. H/ úiscúíü"'7.7 i ÈL É' i ceurnonssrnn RIBOLDI SINDACO

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 6 3.1. INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COOPERATIVA SERVIZI SCUOLE MATERNE

COOPERATIVA SERVIZI SCUOLE MATERNE CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PRIMAVERA 2015 In allegato trasmettiamo il calendario dei corsi attivati in collaborazione con il Consorzio Conast per quanto riguarda la formazione del personale

Dettagli

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P.

Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Cons 18-12 - 06 NUOVO REGOLAMENTO E.R.P. Grazie Presidente. Parto dall'ultima considerazione che faceva il collega Monteventi con cui mi trovo assolutamente d'accordo, nel senso che credo anch'io che ci

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 28 18 febbraio 2015 Oggetto : Adesione alla XX Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 1 Sala Maraldi 13/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 20 GENERE: 18 uomini, 2 donne ETA MEDIA: 48,3 NAZIONALITA : italiana COMUNE /QUARTIERE DI RESIDENZA: 14 Ravenna (chi ha specificato: 1

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Investire nel capitale umano per essere una superpotenza culturale Il Ddl di riforma della scuola è stato approvato alla Camera. A giugno sarà votato al Senato.

Dettagli

La nostra competizione nazionale per la Social Innovation è aperta!

La nostra competizione nazionale per la Social Innovation è aperta! La nostra competizione nazionale per la Social Innovation è aperta! Stiamo cercando proprio voi, come parte della innovazione sociale globale, per presentare un'idea per affrontare una delle sei sfide

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione

Relazione al bilancio di previsione. Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Relazione al bilancio di previsione Antonella Ferrari Assessore alla Cultura, Tempo libero Pubblica Istruzione, Servizi informativi Comunicazione Anno 2013 Pubblica Istruzione Dimensionamento Scolastico

Dettagli

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013 n. 279 Anno 2013 MOBILITA Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo Si è svolto Venerdì 13 Maggio l incontro sulla mobilità. Il Sindaco ha aperto i lavori seguito dagli interventi: di Franco

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI.

CONAPO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE PROVINCIALE ING. VINCENZO GIORDANO SUL FUNZIONAMENTO DEL DISTACCAMENTO DI BRONI. CONAPO "nella nostra autonomia la Vostra sicurezza" Sezione Provinciale PAVIA email : conapo.pavia@conapo.it uuu SINDACATO AUTONOMO VIGILI DEL FUOCO BOTTA E RISPOSTA TRA IL CONAPO DI PAVIA ED IL COMANDANTE

Dettagli

N.B. Le variazioni e novità rispetto al 2011 sono state evidenziate

N.B. Le variazioni e novità rispetto al 2011 sono state evidenziate N.B. Le variazioni e novità rispetto al 2011 sono state evidenziate giunge quest anno giunge alla sua XII a edizione con l ambizione di replicare ancora una volta il successo la manifestazione riscuote

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

C'è, e anche questo c'entra molto con la crisi che stiamo vivendo, una questione ambientale con la quale anche il sindacato deve fare i conti.

C'è, e anche questo c'entra molto con la crisi che stiamo vivendo, una questione ambientale con la quale anche il sindacato deve fare i conti. Un saluto e un ringraziamento a tutti e a tutte voi che avete voluto essere qui questa mattina a partire dalle autorità e dai rappresentanti delle istituzioni presenti. Ricorre quest'anno il 120esimo anniversario

Dettagli

Il bilancio della doppia sfi

Il bilancio della doppia sfi 8 8 Il bilancio della doppia sfi Per la Provincia quello del 2005 è il bilancio della doppia sfida. Per rispondere ai tagli indiscriminati imposti dalla Finanziaria e all esigenza di rilancio dell economia

Dettagli

Livello B2. Unità 2. Mediazione. Chiavi. In questa unità imparerai:

Livello B2. Unità 2. Mediazione. Chiavi. In questa unità imparerai: Livello B2 Unità 2 Mediazione Chiavi In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti in cui si parla della figura del mediatore culturale parole relative alla mediazione l uso del SI impersonale

Dettagli

COMUNE DI SAN CASCIANO DEI BAGNI

COMUNE DI SAN CASCIANO DEI BAGNI VERBALE DI ACCORDO Il giorno 6 Marzo 2008, presso la sala giunta del comune di San Casciano dei Bagni, si sono incontrati il Sindaco Franco Picchieri, l Assessore al bilancio dello stesso comune e le Organizzazioni

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 89 DEL 07-04-2011 OGGETTO: POLITICA AMBIENTALE. OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI AMBIENTALI PARERE TECNICO Ai sensi dell Art. 49, comma

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16 ASSOCIAZIONE ZASTAVA BRESCIA PER LA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE ONLUS Via F.lli Folonari, 20 25126 BRESCIA (c/o Camera del Lavoro ) TEL. 347.3224436-347.2259942 http://digilander.iol.it/zastavabrescia/

Dettagli

Il volontariato per il futuro della Puglia

Il volontariato per il futuro della Puglia Il volontariato per il futuro della Puglia Il presente documento è scaturito dalla riunione del 25 giugno 2012 tra Forum regionale del Terzo Settore pugliese, Osservatorio regionale del Volontariato (

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 6 - Venerdì 07 febbraio 2014 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 30 gennaio 2014 - n. X/1314 Approvazione del Programma 2014 per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco patologico LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Via Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Referente per il progetto Comunità di Sant Egidio ONLUS Via Lanzone 13 20123 cf 97549060156 tel 0286451309

Dettagli

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing,

Sommario: Proponiamo l esperienza della Fondazione Casa Amica di Bergamo, impegnata dal 1993 nel settore del social housing, Casa e abitare come politica sociale. L esperienza di CasaAmica. Intervista a Giovanni Chiesa, fondatore e direttore di CasaAmica di Bergamo A cura di Marina Bettoni Sommario: Proponiamo l esperienza della

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Essere precari stanca

Essere precari stanca Essere precari stanca Il precariato nelle scuole friulane Sintesi degli esiti dell inchiesta promossa dal Coordinamento Precari Scuola (CPS) della provincia di Udine Settembre 2010 Il campione considerato

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA -------------- DELIBERAZIONE N. 71 in data: 27.11.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO L anno

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Grioni Mario Linee Programmatiche 2010-2015 SEGRATE AIUTA I PIU

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo

Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo Sicurezza sul lavoro e manutenzione. Uno sguardo sintetico al quadro normativo Roberta Nunin Professore associato di Diritto del lavoro Università di Trieste Il tema proposto quest anno alla nostra riflessione

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli