Gli inibitori del DPPIV Gli analoghi del GLP1: la Liraglutide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli inibitori del DPPIV Gli analoghi del GLP1: la Liraglutide"

Transcript

1 VIII Giornate Astigiane Asti 30 giugno 2 luglio 2011 Gli inibitori del DPPIV Gli analoghi del GLP1: la Liraglutide Giuseppe Marelli U.O.S. Diabetologia e Malattie Metaboliche Ospedale di Desio (MB)

2 La Fisiopatologia del diabete di tipo 2 include 4 difetti fondamentali Ridotta funzione incretinica Ridotta produzione di insulina Isola pancreatica Tratto GI Pancreas Cellula α Eccessiva produzion e di glucagone Cellula β Ridotta produzione di insulina Glucagone in eccesso Ridotta insulina Ridotta insulina Iperglicemia Muscoli e tessuto adiposo Fegato Aumentata produzione epatica di glucosio Insulino-resistenza (ridotta captazione di glucosio)

3 La Barre Am J Physiol. 91: 649 Gut derived factors that increase Glucose stimulated insulin secretion In Cret In Intestinal Secretion Insulin

4 Concetto di incretina Il concetto di incretina si sviluppa a partire dagli anni trenta del secolo scorso e definisce l insieme di quelle sostanze, successivamente identificate come ormoni, responsabili del fenomeno per cui la risposta della secrezione di insulina ad una dose standard di glucosio è significativamente superiore se lo stesso glucosio viene somministrato per via orale rispetto alla via endovenosa.

5 L effetto incretinico: differente risposta al glucosio orale ed EV Glucosio orale Glucosio EV * Glicemia (mmol/l) 5.5 C-peptide (nmol/l) * * * * Effetto incretinico * * Tempo (min) Tempo (min) Mean ± SE; N = 6; *P.05; = glucose infusion time. Nauck MA, et al. Incretin effects of increasing glucose loads in man calculated from venous insulin and C-peptide responses. J Clin Endocrinol Metab. 1986;63: Copyright 1986, The Endocrine Society.

6 L effetto incretinico: differente risposta al glucosio orale ed EV Glucosio orale Glucosio EV * * * della secrezione totale d insulina dopo un Effetto pasto * incretinico 5.5 * 1.0 * 0.5 Glicemia (mmol/l) L effetto incretinico è responsabile per il 60% C-peptide (nmol/l) * Tempo (min) Tempo (min) Mean ± SE; N = 6; *P.05; = glucose infusion time. Nauck MA, et al. Incretin effects of increasing glucose loads in man calculated from venous insulin and C-peptide responses. J Clin Endocrinol Metab. 1986;63: Copyright 1986, The Endocrine Society.

7 Le incretine principali sono 2: il GLP-1 ed il GIP Glucagon-like peptide 1 (GLP-1) Sintetizzato e rilasciato dalle cellule L dell ileo Siti d azione multipli: cellule e, tratto GI, CNS, polmone e cuore Le azioni sono mediate da recettori specifici Glucose-dependent insulinotropic polypeptide (GIP) Sintetizzato e rilasciato dalle cellule K del digiuno Sito d azione: prevalentemente cellule pancreatiche; agisce anche sugli adipociti Le azioni sono mediate da recettori specifici Il GLP-1 è responsabile della maggior parte dell effetto incretinico

8 GLP-1 and GIP Are Synthesized and Secreted from the Gut in Response to Food Intake L-Cell (ileum) ProGIP Proglucagon GLP-1 [7 37] GIP [1 42] GLP-1 [7 36 NH 2 ] K-Cell (jejunum) GIP=glucose-dependent insulinotropic peptide; GLP-1=glucagon-like peptide-1 Adapted from Drucker DJ. Diabetes Care. 2003; 26:

9 Azioni ed effetti del GLP-1

10

11 Effetto del GLP-1 sulle β-cellule in Soggetti Sani Postprandiale

12 Azioni multiple del GLP-1 che riducono la glicemia Il GLP-1 ha azioni multiple che contribuiscono a ridurre l iperglicemia: Stimolazione glucosio-dipendente della secrezione insulinica Soppressione glucosio-dipendente della secrezione di glucagone Rallentamento dello svuotamento gastrico Miglioramento della funzionalità β-cellulare Incremento della massa e della funzionalità β-cellulare, e della ( animali neogenesi delle isole (studi Inoltre il GLP-1 è associato alla riduzione dell assunzione di cibo ed alla perdita di peso Drucker DJ. Diabetes Care. 2003;26:

13 Il glucosio stimola la secrezione insulinica Ca 2+ Canale K/ATP Canale del Ca 2+ voltaggio-dipendente ATP/ADP Trasportatore del glucosio Granuli d insulina Rilascio d insulina Recettore GLP-1 β Cell Pancreatica Gromada J, et al. Pflugers Arch Eur J Physiol. 1998;435: ; MacDonald PE, et al. Diabetes. 2002;51:S434-S442.

14 Una quantità limitata d insulina è rilasciata in risposta alla stimolazione del recettore del GLP-1 in assenza di glucosio Canale K/ATP Canale del Ca 2+ voltaggio-dipendente Ca 2+ Trasportatore del glucosio camp Granuli d insulina Rilascio d insulina Recettor e GLP-1 ATP β Cell pancreatica Drucker DJ, et al. Proc Natl Acad Sci. 1987;84: ; Moens K, et al. Diabetes. 1996;45: ; Gromada J, et al. Pflugers Arch Eur J Physiol. 1998;435: ; MacDonald PE, et al. Diabetes. 2002;51:S434-S442.

15 L azione insulinotropica del GLP-1 è glucosio-dipendente Ca 2+ Canale K/ATP Canale del Ca 2+ voltaggio-dipendente ATP/ADP Ca 2+ Trasportatore del glucosio Recettore GLP-1 camp ATP β Cell pancreatica Granuli d insulina Rilascio d insulina Moens K, et al. Diabetes. 1996;45: ; Gromada J, et al. Pflugers Arch Eur J Physiol. 1998;435: ; MacDonald PE, et al. Diabetes. 2002;51:S434-S442.

16 I pazienti con diabete mellito tipo 2 hanno un alterata secrezione di GLP-1 Plasma GLP-1 (pm) * * * * * * * *p<0.05 diabete tipo 2 vs. sani Sani Alterata tolleranza glucidica Diabete di tipo Pasto Tempo (min) Adapted from Toft-Nielsen et al. J Clin Endocrinol Metab 2001;86:

17 GLP-1 nel DT2

18 Perché, se le incretine si conoscono dal 1930 il loro utilizzo è stato realizzato solo ora?? Domanda.???

19 GLP-1 nativo è Rapidamente Degradato dalle Dipeptidil Peptidase IV (DPP-IV) Ileo umano, L-Cellule producenti GLP-1 Capillari, Di-Peptidyl Peptidase-IV (DPP-IV) Doppia colorazione istochimica per DPP-IV (rosso) e GLP-1 (verde)ne ll intestino ( ileo ) umano Adapted from: Hansen et al. Endocrinology 1999;140:

20 L intervento della DPP-IV inattiva il GLP-1 Pasto Intestinal GLP-1 & GIP release T1/2=1-2 minuti Active GLP-1 Active & GIP GLP-1 & GIP DPP-IV GLP-1 & GIP inactive Adapted from Rothenberg P, et al. Diabetes. 2000;49(suppl 1):A39.

21 Il GLP-1 nativo deve essere somministrato in maniera continua per mantenere il pieno potenziale terapeutico 25 Infusione di GLP-1 ev intermittente (8 ( n=8 ) ng/kg/min) 25 Infusione di GLP-1 ev in continuo (8 ng/kg/min) ( n=8 ) ( mmol/l ) Glicemia h GLP-1 infusione 5 24h GLP-1 infusione Profilo glicemico: 04 Prima del trattamento con GLP-1 Dopo giorni di trattaemto con GLP ( h ) Tempo Adapted from Larsen et al. Diabetes Care 2001;24:

22 GLP-1 Restores Insulin and Glucagon Responses in a Glucose-Sensitive Manner in Patients with T2DM N=10 Glucose (mg/dl) C-Peptide (nmol/l) Glucagon (pmol/l) 300 GLP-1 infusion 3.0 GLP-1 infusion 30 GLP-1 infusion * * * * * * * * * * * * * * * * * * * Time (Min) GLP-1=glucagon-like peptide-1; T2DM=type 2 diabetes mellitus *P <0.05 GLP-1(7 36 amide) infused at 1.2 pmol/kg/min for 240 minutes. Adapted from Nauck MA, et al. Diabetologia. 1993; 36: Time (Min) GLP Time (Min) Placebo

23 Lo sviluppo della ricerca clinica Pasto Intestinal GLP-1 & GIP release - AGONISTI DEL RECETTORE GLP1 - ANALOGHI DEL GLP1 Active GLP-1 Active & GIP GLP-1 & GIP DPP-IV DPP-IV Inhibitor GLP-1 & GIP inactive Adapted from Rothenberg P, et al. Diabetes. 2000;49(suppl 1):A39.

24 La ricerca??

25 Dalla saliva di una lucertola un farmaco antidiabete L'animale ha un metabolismo lentissimo, mangia solamente tre volte l'anno e il particolare enzima che gli consente la digestione potrebbe permettere la regolazione del glucosio nei diabetici Si è scoperto che la sua digestione è finemente regolata dall'enzima exendin-4, rilasciato dalle sue ghiandole salivari. Ma questo enzima presenta alcune caratteristiche di regolazione del glucosio molto simili a quelle che ha un ormone umano, il Glp-1 Gila Monster

26 Storia del GLP-1 Definizione di incretine Conferma dell azione insulinotropica delle incretine Asse enteroinsulare Ulteriore definizione di incretine e asse enteroinsulare Scoperta del prodotto del gene proglucagone Normalizzazione di BG nel diabete tipo 2 Clonazione del recettore Analoghi longacting (e.g., liraglutide) Pubblicazioni che citano GLP-1* Fino al 1992: : 1892 *Pubmed search for GLP-1 or glucagon-like-peptide-1.

27 La famiglia delle incretine Terapie incretiniche Inibitori della DPP-4: es. sitagliptin, vildagliptin, saxagliptin, alogliptin, dutogliptin, linagliptin, PHX1149, PF , R1579, R1583, TAK-472, AMG-222, MP-513 Agonisti del recettore del GLP-1 Terapie exendin-based: es. exenatide, exenatide LAR, lixisenatide (AVE- 0010), CJC-1134 Analogo umano del GLP-1: es. liraglutide, albiglutide, taspoglutide

28 Gli inibitori della DPPIV Sitagliptin Vildagliptin Saxagliptin

29 Una dose singola di Sitagliptin aumenta i livelli di GLP-1 e GIP attivi nelle 24 ore Studio Crossover in pazienti con Diabete di tipo 2 Placebo GLP-1 (pg/ml) GLP-1 attivo OGTT 2 hrs (n=55) Aumento di 2 volte dei livelli di GLP-1 attivo P<0.001 vs placebo OGTT 24 hrs (n=19) Ore dopo la dose Adattato da Herman GA et al. J Clin Endocrinol Metab. 2006;9: GIP (pg/ml) OGTT 2 hrs (n=55) GIP attivo OGTT 24 hrs (n=19) Aumento di 2 volte dei livelli di GIP attivo P<0.001 vs placebo Ore dopo la dose Sitagliptin 25 mg Sitagliptin 200 mg N=56 OGTT = Test di tolleranza al glucosio (Oral Glucose Tolerance Test) 31

30 Risultati dello studio a 24 settimane di sitagliptin vs placebo: HbA 1c, FPG, e PPG a 2 ore HbA 1c Media al Basale: 8% <0.001 FPG Media al Basale: 170 mg/dl (9.4 mmol/l) P<0.001 P a a PPG a 2h Media al Basale: 257 mg/dl (14.3 mmol/l) P <0.001 a c Variaz. di HbA1c, % 0,0-0,2-0,4-0,6-0,8-1,0 0.8 b n=229 c Variaz. di FPG, mg/dl n=234 c Variaz. di PPG a 2h, mg/dl n= b -50 b 47 ( 0.9 mmo/l) -60 ( 2.6 mmo/l) Sitagliptin ha prodotto miglioramenti significativi su HbA 1c, FPG, e PPG a 2 ore rispetto al gruppo trattato con placebo a Confronto con placebo b Valori medi LS corretti rispetto alla pregressa terapia ipo-orale e valori al basale c Differenza vs placebo Adattato da Aschner P et al. Diabetes Care. 2006;29:

31 Sitagliptin vs Metformina in pazienti con Diabete Tipo 2: razionale ed obiettivi Razionale Molti pazienti affetti da diabete tipo 2 non mantengono un adeguato compenso glicemico nel tempo 1 La metformina è una terapia iniziale comune per i pazienti con diabete tipo 2 2 Sitagliptin è il primo inibitore della DPP4 (dipeptidyl peptidase-4) approvato, ed è risultato efficace nel migliorare il compenso glicemico mantenendo un buon profilo di sicurezza Obiettivi Primario 3 Confrontare l efficacia nella riduzione della HbA1c, il profilo di sicurezza e la tollerabilità di sitagliptin con quello della metformina dopo 24 settimane di trattamento in pazienti con diabete tipo 2 non compensati adeguatamente dal punto di vista glicemico Secondario 3 Confrontare la tollerabilità gastro-intestinale (GI) di sitagliptin con quella della metformina dopo 24 settimane di trattamento 1. Ford ES et al. Diabetes Care. 2008;31(1): Goldstein B et al. Diabetes Care. 2007;30(8): Aschner P et al. Diabetes Obes Metab ;12(3):

32 Studio di Add-on di Sitagliptin alla terapia basale con Metformina PN053 Effetti sulla HbA1c a 18 settimane HbA 1c (%) (n=92) (n=95) Differenza rispetto al placebo -1.0% P< Settimane Sitagliptin 100 mg Placebo LS mean change; Full Analysis Set Population Adattato da Raz et Al. Curr Med Res Op Vol. 24, No. 2, 2008,

33 Sitagliptin vs Metformina in pazienti con Diabete Tipo 2: variazione della Hba1c dal basale alla settimana 24 Popolazione Per-Protocollo (Settimana 24) HbA 1c % media basale = 7,22 7, HbA 1c LS variazione media dal basale % ,43 0,57 Differenza tra gruppi =0,14 (0,06 0,21) a Sitagliptin (n=455) a Margine prespecificato di non inferiorità =0,40%. Metformina (n=439) LS=least-squares. Aschner P et al. Diabetes Obes Metab ;12(3):

34 Sitagliptin vs Metformina in pazienti con Diabete Tipo 2: variazione della FPG dal basale a settimana 24 FPG LS variazione media dal basale (±SE) mg/dl Popolazione Per-Protocollo Settimane FPG basale media - mg/dl Sitagliptin=142.5 Metformin=142.1 Differenza tra gruppi= 8.0 mg/dl (95% CI 4.5, 11.4) Sitagliptin (n=446) CI=confidence interval; FPG=fasting plasma glucose; LS=least-squares. Metformina (n=435) Aschner P et al. Diabetes Obes Metab Mar;12(3):

35 Sitagliptin vs Metformina in pazienti con Diabete Tipo 2: Markers della funzione Beta-Cellulare alla settimana 24 Basale a Variazione media dal basale - LS Popolazione Per-Protocollo (Settimana 24) Ratio Proinsulina/ Insulina Sitagliptin (0.240) 80.2 (77.0) Metformina (0.242) 90.5 (94.4) n=362 n= a Media (SD) HOMA-β=homeostasis model assessment of beta-cell function; LS=least-squares. Aschner P et al. Diabetes Obes Metab Mar;12(3): Variazione media Sitagliptin dal basale - LS HOMA-β n=379 n=383 Metformina

36 Sitagliptin vs Metformina in pazienti con Diabete Tipo 2: Incidenza di Ipoglicemia Popolazione di APaT Numero Pazienti con almeno 1 episodio Trattamento totale di episodi n/n (%) Differenza vs. Metformina (95% CI) P Episodi di ogni tipo Sitagliptin 17 9/528 (1.7) 1.6 ( 3.6, 0.4) Metformina a 23 17/522 (3.3) Episodi richiedenti assistenza Medica o marcatamente severi b Sitagliptin 2 2/528 (0.4) 0.4 ( 0.4, 1.4) Metformina 0 0/522 (0.0) a Non è incluso un paziente la cui esperienza di ipoglicemia è stata riportata nel documento degli eventi avversi ma non nel documento della valutazione clinica dell ipoglicemia. APaT= All Patient as Treated CI=confidence interval. Aschner P et al. Diabetes Obes Metab Mar;12(3):

37 Sitagliptin vs Metformina in pazienti con Diabete Tipo 2: variazioni del peso corporeo nelle 24 settimane 0.5 Popolazione di APaT Variazione media del peso corporeo dal basale (±SE) - kg Settimane Sitagliptin (n=458) Metformina (n=446) SE=standard error. APaT= All Patients as Treated Aschner P et al. Diabetes Obes Metab Mar;12(3):

38 Terapia aggiuntiva di Sitagliptin alla terapia insulinica combinata o meno con Metformina: variazioni dal basale della PPG a due ore dal pasto e FPG PPG Media basale, mg/dl 290,9 292,1 Variazione media dal basale 2-h PPG LS, mg/dl Popolazione FAS a 24 settimane (LOCF) a n=240 n=257 30,9 ( 40,0, 21,8) 5.2 ( 3,6, 13,9) P 0,001 Sitagliptin Placebo FPG Media basale, mg/dl 175,8 179,1 0 Variazione media dal basale FPG LS, mg/dl n=310 n= ( 25,1, 11,9) P 0,001 a Esclusi i dati dopo terapia rescue. FAS=full analysis set; FPG=glicemia a digiuno; LOCF=last observation carried forward; LS=least squares; PPG=glicemia post-prandiale. Vilsbøll T et al. Diabetes Obes Metab. 2010;12(2): ( 10,2, 3,1)

39 Terapia aggiuntiva di Sitagliptin alla terapia insulinica combinata o meno con Metformina: variazione della HbA1c dal basale a settimana 24 Popolazione FAS (LOCF) Variazione media della HbA 1c dal basale, % - LS(95% CI) ,6 ( 0,7; 0,5) 0,0 ( 0,1, 0,1) Differenza = 0,6% (P<0.001) Sitagliptin 100 mg qd (n=305; HbA 1c media basale =8,7 %) Placebo (n=312; HbA 1c media basale =8,6%) CI= intervallo di confidenza; FAS=full analysis set; LOCF=last observation carried forward; LS=least squares; qd=una volta al dì. Vilsbøll T et al. Diabetes Obes Metab. 2010;12(2):

40 Terapia aggiuntiva di Sitagliptin alla terapia insulinica combinata o meno con Metformina: proporzione di pazienti con HbA1c a goal Pooplazione FAS a settimana 24 (LOCF) a P<0,001 Sitagliptin (n=305) Pazienti a goal di HbA 1c, % Placebo (n=312) 0 HbA 1c Goal <7% a Esclusi I dati dopo terapia rescue. FAS=full analysis set; LOCF=last observation carried forward. Vilsbøll T et al. Diabetes Obes Metab. 2010;12(2):

41 Gli inibitori della DPPIV Sitagliptin Vildagliptin Saxagliptin

42 Vildagliptin in monoterapia a 12.0 GLP-1 Vilda 50 mg/die (n=89) Placebo (n=89) b 9.0 Glucosio GLP-1 (pmol/l) Pasto Glucosio (mmol/l) Meal c ISR AUC 0-2h /glucosio AUC 0-2h (pmol/l min -1 m -2 mm) Tempo (min) Funzione β-cellule * Vilda 50 mg/die (n=89) Placebo (n=89) d Glucagon (pmol/l) Tempo (min) Glucagone 18 Secrezione dell insulina in rapporto al glucosio Tempo (min) AUC= area sotto la curva; GLP-1=glucagon-like ; peptide-1 IGT=Intolleranza al ; glucosio ISR=velocità di secrezione dell insulina; ITT=intention to treat; vilda=vildagliptin. *P=0.002 vs placebo. Rosenstock J et al Diabetes Care 2008; 31: Pasto

43 Vildagliptin riduce significativamente HbA1c nel corso di 1 anno 8.4 Vildagliptin/MET (prolungamento, ITT n = 42) PBO/MET (prolungamento, ITT n = 29) Vildagliptin/MET (parte iniziale, ITT n = 56) PBO/MET (parte iniziale, ITT n = 51) 8.0 HbA1c (%) 7.6 p < p < ± 0.2% Settimana MET = metformina; PBO = placebo; ITT = intent to treat Adapted from Ahrén B et al. Diabetes Care. 2004; 27:

44 Vildagliptin in associazione: favorevole profilo di sicurezza e tollerabilità Vildagliptin in associazione a metformina: Frequenza complessiva di eventi avversi simile a metformina in monoterapia Attenuazione dei disturbi GI Nessun aumento di eventi ipoglicemici Vildagliptin in associazione a glimepiride: Frequenza complessiva di eventi avversi simile alla SU in monoterapia Incidenza di eventi ipoglicemici: 1.2% con 50 mg/die e 3.6% con 50 mg bid (nessuno grave) in confronto a 0.6% con il placebo aggiunto a una SU (1 sospetto grado 2) Vildagliptin in associazione a insulina: Frequenza complessiva di eventi avversi similea ll insulina in monoterapia Il numero e la gravità di eventi ipoglicemici con vildagliptin sono considerevolmente e dell insulina quelli di bassi più significativamente Associazione iniziale vildagliptin/pioglitazone Frequenza complessiva di eventi avversi simile al braccio di trattamento Pio 30 mg/die Eventi ipoglicemici: 1 vs. 0 eventi (associazione dose alta vs. Pio) Nessuna significativa variazione ponderale in confronto al braccio Pio Meno eventi edema-correlati rispetto al braccio Pio (7 vs. 11%)

45 Alcuni aspetti particolari: effetti sul peso corporeo Il trattamento con vildagliptin non determina una variazione significativa del peso corporeo rispetto al basale sia se utilizzato in monoterapia che in associazione 1 Gli inibitori della DPP4 hanno un effetto neutro sul peso corporeo 2 Sitagliptin e vildagliptin non hanno determinato incremento ponderale 3 1 Henness S and Keam SJ, Drugs 2006; 66: Amori RE et al, JAMA 2007; 298: Richter B et al, Cochrane Database Syst Rev 2008; Apr 16;(2): CD006739

46 Vildagliptin in associazione a metformina Nessun aumento ponderale (24 sett) Associazione a metformina (media giornaliera 2.1 g) Variazione media del PC dal basale (kg) 0,5 0,0-0,5-1,0-1,5-2,0-0,4 NS 0,2 NS -1,0 Vildagliptin 50 mg/die + metformina (n=143) Vildagliptin 100 mg/die + metformina (n=143) Placebo + metformina (n=130) * PC basale (kg) PC = peso corporeo Bosi E et al Diabetes Care 2007

47 Alcuni aspetti particolari: effetti sul peso corporeo, vildagliptin vs pioglitazone Tutti i pazienti Mean BL ~91.8 kg BMI 35 kg/m 2 Mean BL ~110.4 kg n= Variazione media del peso corporeo dopo 24 settimane Vilda 50 mg BID + met Pio 30 mg QD + met 0.3 * * 2.6 *P <0.001 vs pioglitazone. Per protocol population. Adjusted mean change derived from analysis of covariance model. Bolli G, et al. Diabetes Obes Metab 2008; 10: 82-90

48 Vildagliptin in associazione a metformina Profilo di neutralità sui lipidi (24 sett) Associazione a metformina (media giornaliera 2.1 g) 25,0 TG TC LDL-C HDL-C Variazione dal basale (%) 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0-5,0 * 1,0 4,8 19,4-1,5-1,6 1,7 0,4 Vildagliptin 50 mg/die (n=142) + Met Vildagliptin 100 mg/die (n=141) + Met Placebo (n=128) 1,9 0,7-0,5 0,2 2,0 BL= basale; HDL-C=high-density lipoprotein cholesterol; LDL-C=low-density lipoprotein cholesterol; TC= colesterolo totale; TG= trigliceridi Popolazione ITT primaria; n si riferisce al numero di pazienti con test dei TG *P=0.014 vs placebo; nessun altro valore ha raggiunto significatività statistica Bosi E et al Diabetes Care 2007

49 Gli inibitori della DPPIV Sitagliptin Vildagliptin Saxagliptin

50 Saxagliptin 5 mg in add-on a metformina riduce significativamente HbA 1c, PPG e FPG (24 settimane) HbA 1c n=175 n= PPG n=135 n=155 FPG n=176 n=187 Modificazioni medie aggiustate di HbA 1c in confronto a basale alla sett 24 (%) P< Modificazioni medie aggiustate in confronto a basale alla sett 24 (%) P< P< Metformina + placebo Metformina + saxagliptina 5mg Valori basali: 8.1% 8.1% 16.4 mmol/l 16.4 mmol/l 9.7 mmol/l 9.9 mmol/l 295 mg/dl 295 mg/dl 175 mg/dl 178 mg/dl DeFronzo RA, et al. Diabetes Care 2009;32:

51 Saxagliptin 5 mg associato a sulfaniluree (SU) riduce significativamente l HbA1c Variazioni dell HbA1c a 24 settimane Saxagliptin 5 mg + SU vs SU + placebo Studio randomizzato in doppio cieco, controllato vs placebo in pazienti con diabete di tipo 2 in trattamento con dosi stabili di glibenclamide (7,5 mg/die) e valori basali di HbA1c 7% e di FPG 140 mg/dl (o MFWBG 131 mg/dl). Trattamento add-on di 24 settimane con Saxagliptin (vari dosaggi) o placebo; dati relativi ai gruppi placebo e saxagliptin 5 mg/die. Nel gruppo placebo veniva incrementato il dosaggio di glibenclamide fino a 15 mg/die. Dosaggio medio finale di glibenclamide: gruppo placebo: 14,6 mg; gruppo saxagliptin 5 mg: 7,4 mg. MFWBG: glicemia totale media a digiuno (mean fasting whole blood glucose). Chacra AR, et al. Int J Clin Pract. 2009;63:

52 Saxagliptin 5 mg associato a glitazoni (TZD) riduce significativamente l HbA1c Variazioni dell HbA1c a 24 settimane Saxagliptin 5 mg + TZD vs TZD + placebo Studio randomizzato in doppio cieco, controllato vs placebo in pazienti con diabete di tipo 2 in trattamento da almeno 12 settimane con dosi stabili di pioglitazone (30 o 45 mg/die) o di rosiglitazone (4 o 8 mg/die) e valori basali di HbA1c 7% e 10,5%. Trattamento add-on di 24 settimane con saxagliptin (vari dosaggi) o placebo; dati relativi ai gruppi placebo e saxagliptin 5 mg/die. Hollander P, et al. for the CV Investigators. J Clin Endocrin Metab. 2009;94:

53 Saxagliptin 5 mg migliora la funzione delle cellule β come dimostrato dall aumento di HOMA-2β Saxagliptin e funzione pancreatica (cellule ß) Studio randomizzato in doppio cieco, controllato vs placebo in pazienti con diabete di tipo 2 in trattamento da almeno 12 settimane con dosi stabili di pioglitazone (30 o 45 mg/die) o di rosiglitazone (4 o 8 mg/die) e valori basali di HbA1c 7% e 10,5%. Trattamento add-on di 24 settimane con saxagliptin (vari dosaggi) o placebo; dati relativi ai gruppi placebo e saxagliptin 5 mg/die HOMA: Homeostasis Model Assessment Hollander P, et al. for the CV Investigators. J Clin Endocrin Metab. 2009;94:

54 Un numero significativamente inferiore di pazienti presenta ipoglicemia con saxagliptin vs SU in terapia di associazione con metformina 1 Pazienti (%) con almeno 1 episodio ipoglicemico alla settimana 52 (analisi di sicurezza) Pazienti (%) ± IC * 0 - MET + SAXA (n=428) MET + GPZ (n=430) Eventi ipoglicemici gravi: 0 con saxagliptin vs 13 con glipizide

55 Differenza significativa nella variazione di peso per saxagliptin vs SU in terapia di associazione a metformina 1 Variazione media corretta nel peso corporeo: basale fino a settimana 52 (analisi di sicurezza) Variazione media corretta nel peso corporeo (kg) ± ES *p< * MET + SAXA (n=424) MET + GPZ (n=426) GPZ: glipizide; MET: metformina; SAXA: saxagliptin 1. Göke B, et al. Int J Clin Pract. 2010; in press

56 Sommario degli effetti degli inibitori della DPP-4 in pazienti con DM2 Inibitori della DPP-4 Prevengono la degradazione del GLP-1 Migliorano la secrezione insulinica Riducono i livelli di glucagone Riducono la glicemia post-prandiale Riducono la glicemia a digiuno Riducono l HbA1c Hanno una azione glucosio dipendente e quindi non provocano ipoglicemie Sono neutri sul peso

57 Liraglutide

58 Liraglutide è un analogo once-daily del GLP-1 umano GLP-1 nativo umano 7 9 His Ala Glu Gly Thr Phe Thr Ser Lys Ala Ala Gln Glu Phe Ile Ala Trp Leu Val Lys 36 Asp Val Gly Glu Leu Tyr Ser Gly Arg Gly Ser Liraglutide 7 9 His Ala Glu Gly Thr Phe Thr Ser Asp ( palmitoile ) C-16 ac. grasso Val Glu Ser Lys Ala Ala Gln Gly Glu Leu Tyr Ser Glu 36 Phe Ile Ala Trp Leu Val Arg Gly Arg Gly Degradazione enziamatica da parte del DPP-4 T ½ = min 97% degli Aa sono omologhi al GLP-1 umano; PK migliorata: legame all albumina tramite acilazione; auto-associazione Lento assorbimento dal sottocute Resistente al DPP-4 Lunga emivita (T ½ =13 h) Knudsen et al. J Med Chem 2000;43:1664 9; Degn et al. Diabetes 2004;53:

59 Struttura degli agonisti del GLP-1R Native human GLP-1 Percentage of patients with increase in antibodies % amino acid homology to human GLP-1 Liraglutide % Exenatide % 53% amino acid homology to human GLP-1 0 Liraglutide 1 Exenatide + metformin 2 There was no blunting of efficacy by liraglutide antibodies Study duration: Liraglutide 26 weeks; exenatide 30 weeks. 1 LEAD1,2,3,4,5 meta-analysis of antibody formation; Data on file; 2 DeFronzo et al. Diabetes Care 2005;28:1092

60 Liraglutide has a delayed absorption from the subcutis Heptamer in the pharmaceutical formulation and in the subcutis Monomer or albumin bound in the blood Peptide moiety Fatty acid Steensgaard et al. Diabetes 2008;57(Suppl. 1):A164

61 Liraglutide causa secrezione insulinica glucosio dipendente Tasso di secrezione insulinica 1 ( pmol/kg/min ) (77) c 3.7 (67) 3.0 (54) 2.3 (41) Plateau glicemico controllato ( mg/dl ) mmol/l Clamps ipoglicemici in 11 pazienti con diabete tipo 2 dopo iniezione di liraglutide o placebo Ai livelli glicemici più elevati, la secrezione insulinica era significativamente maggiore con liraglutide rispetto al placebo Minuti ( n=11 ) Liraglutide (7.5 µg/kg di peso corporeo) ( n=11 ) Placebo Adapted from: 1. Nauck et al. Diabetes 2003;52(Suppl 1):A128. Data are mean ± SEM

62 Liraglutide non sopprime la secrezione di glucagone durante l ipoglicemia ( pq/ml ) Glucagone (77) (67) Minuti 3.0 (54) 2.3 (41) Plateau glicemico controllato ( mg/dl ) mmol/l Liraglutide non altera la secrezione di glucagone in risposta ad ipoglicemia indotta 1 Il tasso di infusione di glucosio è simile per liraglutide e placebo 1 La risposta contro-regolatoria all ipoglicemia è inalterata ( n=11 ) Liraglutide (7.5 µg/kg di peso corporeo) ( n=11 ) Placebo Adapted from: 1. Nauck et al. Diabetes 2003;52(Suppl 1):A128. Data are mean ± SEM

63 Liraglutide once-daily assicura una coperture delle 24 ore Placebo (n=13) Liraglutide (6 µg/kg OD s.c.) (n=13) Plasma glucose (mmol/l) Plasma glucose (mg/dl) 24-h glucose AUC (mmol/l/h, mean ± SE) ± ± 14.0 (p = 0.01) Time after injection (hours) Injection (08.00) Adapted from: Degn et al. Diabetes 2004;53: Data are mean ± SEM

64 Effetto di liraglutide su FPG e PPG ( mmol/l ) FPG Liraglutide riduce FPG (entro la seconda settimana) Liraglutide 1.8 mg + met + SU Insulin glargine + met + SU Riduzione media di PPG sui 3 pasti ( mmol/l ) PPG reduction LEAD 3 mono LEAD 2 Met combi LEAD 1 SU combi LEAD 4 Met + TZD combi LEAD 5 Met + SU combi Week Liraglutide 1.2 mg Liraglutide 1.8 mg Marre et al. Diabetes 2008; 57 (Suppl. 1): Abstract 13-OR; Nauck et al. Diabetes Care. 2009;32:84-90; Garber et al., Lancet 2008 Published online September 25, 2008; Russell-Jones et al. Diabetes 2008; 57 (Suppl. 1): Abstract 536-P; Zinman et al. Diabetologia 2008; 51(Suppl.1):P898

65 C è una ragione di più Oltre la glicemia: il peso corporeo, la PA, la circonferenza addominale,

66 Studio di fase 2: liraglutide riduce il peso in modo dose-dipendente Riduzione del peso 0.65 ( kg ) rispetto al baseline Placebo mg/die mg/die 1.90 mg/die Riduzione di 3 kg vs. baseline Riduzione di 1.2 kg vs. placebo -4.0 p < 0.05 Dati come media + 95% CI Vilsbøll et al. Diabetes Care 2007; 30:

67 Frequency of nausea Proportion of subjects with nausea by week and treatment safety population Subjects (%) Time (weeks) Liraglutide 1.8 mg Liraglutide 1.2 mg Glimepiride La nausea è transitoria e di intensità lieve-moderata Data are mean

68 L esperienza del centro di Desio

69 Variazioni dopo 4 mesi PESO BMI CV HBA1C media -1, , ,75-1, Min -10-3, ,1 Max 3 1,1 9 2,2 STD 2, , , , Pz ,9% pz riportano una riduzione della Emoglobina glicosilata dopo 4 mesi

70 Distribuzione dei pazienti (frequenza) rispetto ai valori di HbA1c Distribuzione dei pazienti (frequenza) rispetto ai valori di HbA1c 35% 30% 25% 20% 15% % BASALE % 4 MESI 10% 5% 0% 5 5,5 6 6,5 7 7,5 8 8,5 9 9, , ,5 12-5%

71 Controllo del peso corporeo peso BASALE peso 4 MESI

72 Variazionbe della PAS Variazione PAS Variazione PAS

73 End Point Combinato: riduzione dell HbA1c senza incremento ponderale e con decremento dei valori pressori pz riduzione glicata no incremento peso riduzione PAS 2-3, , , , , , , , % pz (8 su 27) presenta riduzione di glicata, no incremento di peso, riduzione della PSA

74 EFFETTI TERAPEUTICI DI LIRAGLUTIDE: ESPERIENZA MULTICENTRICA LOMBARDA A BREVE TERMINE. Cristiana Scaranna, Silvia Bonfadini, Felice Paleari, Olga E. Disoteo^, Gianluigi Pizzi^, Cristina Romano, Ivano Franzetti, Elena Lunati*, Emanuela Orsi*, Alessandro R. Dodesini, Roberto Trevisan, Anna Pulcina#, Antonio C. Bossi# Università degli Studi di Milano Bicocca; U.O.S. Diabete e Malattie Metaboliche - Ospedale San Gerardo Monza; ^SSD Diabetologia, AO Ospedale Niguarda, Milano; UOS Diabetologia A.Ospedaliera Universitaria Varese; *Fondazione Policlinico IRCCS, Milano; USC Diabetologia Ospedali Riuniti, Bergamo; # U.O. Malattie Metaboliche e Diabetologia, A.O. Ospedale Treviglio (Bg)

75 MATERIALI E METODI 6 centri hanno partecipato alla raccolta dati (per un totale di 128 pazienti): Ospedale S. Gerardo di Monza Ospedale Niguarda di Milano Ospedale Policlinico di Milano Ospedale di Varese Ospedali Riuniti di Bergamo Ospedale di Treviglio-Caravaggio (Bg) Abbiamo messo a confronto: parametri metabolici: HbA1c, glicemia a digiuno-fasting plasma glucose: FPG parametri antropometrici: peso, BMI, circonferenza vita (CV) rilevati all inizio della terapia con Lira e dopo i primi 4-6 mesi di trattamento.

76 Distribuzione dei pazienti (n=126) in funzione dei valori di HbA1c al baseline e dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide Distribuzione in funzione dei valori di glicata al baseline e dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide HbA1c baseline HbA1c 4/6 mesi 20 n pazienti ,1-5,5 5,6-6,0 6,1-6,5 6,6-7,0 7,1-7,5 7,6-8,0 8,1-8,5 8,6-9,0 9,1-10,0 10,1-10,5 10,6-11,0 11,1-11,5 11,6-12,00 12,1-12,5 13,00 Intervalli di HbA1c

77 Distribuzione dei pazienti in funzione della riduzione dell HbA1c e del peso al follow-up di 4-6 mesi di trattamento con liraglutide (n=113) variazione HbA1c (%) pazienti variazione peso (kg) Circa 70% dei pazienti ha avuto riduzioni sia di HbA1c che di peso. -6

78 Riduzione media della glicata 4-6 mesi di trattamento con liraglutide (n=109 pazienti con HbA1c 7,5 al basale, come da indicazioni AIFA) Riduzione HbA1c dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide 9 8,8 8,6 8,4 basale 4-6 mesi HbA1c (%) 8,2 8 7,8-1,23 % 7,6 7,4 7,2 7 6,8 1 tempo

79 Riduzione media del peso dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide (n=115) 100,00 99,00 98,00-3,25 Kg baseline 4-6 mesi 97,00 peso (kg) 96,00 95,00 94,00 ba 93,00 92,00 91,00 90,00 1 tempo

80 Riduzione media della circonferenza vita (CV) dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide (n=112) Riduzione circonferenza vita (CV) dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide , ,5-2,67 cm CV al basale cv 4-6 mesi CV (cm) , , ,5 tempo 1

81 Riduzione media della PAS (mmhg) dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide (n=72) Riduzione della PAS dopo 4-6 mesi di trattamento con liraglutide basale 4-6 mesi mmhg ,16 mmhg tempo

82 Le incretine quando??

83 Raccomandazioni ADA/EASD: update ottobre 2008 Adapted from Nathan et al Diabetes Care published online October 22, 2008

84

85 Grazie

NUOVI ANTIDIABETICI ORALI PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO : LE INCRETINE ITALO NOSARI USC DIABETOLOGIA OO.RR. BERGAMO

NUOVI ANTIDIABETICI ORALI PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO : LE INCRETINE ITALO NOSARI USC DIABETOLOGIA OO.RR. BERGAMO NUOVI ANTIDIABETICI ORALI PER IL TRATTAMENTO DEL DIABETE MELLITO : LE INCRETINE ITALO NOSARI USC DIABETOLOGIA OO.RR. BERGAMO Le INCRETINE Sono peptidi di origine intestinale secreti in risposta all ingestione

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 SITAGLIPTIN (Januvia, Tesavel ) Sitagliptin è un farmaco anti-iperglicemico di nuova classe, inibitori della dipeptidil

Dettagli

La posizione degli Esperti

La posizione degli Esperti La posizione degli Esperti Coordinatori: Stefano DEL PRATO Giorgio SESTI Gruppo di Lavoro La terapia del Diabete Mellito Tipo 2 basata sulle Incretine Coordinamento Scientifico: Stefano DEL PRATO Giorgio

Dettagli

Trattamento farmacologico del

Trattamento farmacologico del UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE E CHIRURGICHE SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN GERIATRIA e MEDICINA INTERNA DIRETTORE PROF. GIANLUIGI VENDEMIALE

Dettagli

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento

SPECIALE. Italian Health Policy Brief. Sintesi con commento Italian Health Policy Brief SPECIALE marzo 2012 Italian Health Policy Brief Due nuove classi di farmaci per il trattamento del diabete tipo 2: differenze farmacologiche e cliniche Sintesi con commento

Dettagli

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A.

INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA. Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010. Dott. A. INCRETINO- MIMETICI INSERIMENTO NELLA STORIA NATURALE DELLA MALATTIA Hotel NH Jolly Hotel Palermo 18 settembre 2010 Dott. A. Burgio Responsabile Unità Operativa Malattie endocrine e metaboliche Divisione

Dettagli

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci

CONTROLLO GLICEMICO E ANTIDIABETICI ORALI. Lucia Ricci CONTROLLO GLICEMICO E SICUREZZA DEI FARMACI ANTIDIABETICI ORALI Lucia Ricci Trattamento all esordio Definizione TARGET Educazione Stile di vita Monitorizzazione TRATTAMENTO ALL ESORDIO: MEMORIA PERSEGUIRE

Dettagli

MONITORAGGIO FARMACEUTICO. La farmacoepidemiologia delle incretine nella Asl BAT

MONITORAGGIO FARMACEUTICO. La farmacoepidemiologia delle incretine nella Asl BAT MONITORAGGIO FARMACEUTICO La farmacoepidemiologia delle incretine nella Asl BAT Rosa Maria Paola Antifora* Arianna Mazzone* I farmaci analoghi del GLP-1 e inibitori delle DPP-4 sono stati sviluppati al

Dettagli

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Il futuro del diabete mellito tipo 2 UN PAZIENTE, UNA TERAPIA Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Metformina: 1 a scelta Metformina: farmaco preferito dalle linee-guida efficacia sul compenso

Dettagli

Nuove terapie del diabete: per chi?

Nuove terapie del diabete: per chi? Dialoghi di medicina e salute nel parco Maraini 19 aprile 2012 Nuove terapie del diabete: per chi? Dott Pietro Gerber FMH Endocrinologia Diabete e Medicina interna- Lugano DIAGNOSI DIABETE TIPO 2 Normale

Dettagli

Aspetti pratici per iniziare una terapia diabetica con gli agonisti del recettore di GLP-1 nell assistenza medica primaria

Aspetti pratici per iniziare una terapia diabetica con gli agonisti del recettore di GLP-1 nell assistenza medica primaria Aspetti pratici per iniziare una terapia diabetica con gli agonisti del recettore di GLP-1 nell assistenza medica primaria Tina Vilsbøll, MD, DMSc Mikkel Christensen, MD Supportato da un contributo educativo

Dettagli

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito

Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito. La terapia del Diabete Mellito Indicazioni per la appropriata condotta terapeutica del Diabete Mellito La terapia del Diabete Mellito Arezzo 25 Settembre 2010 Dott. M. Aimi Definizione del Diabete Mellito Il D.M. è una malattia metabolica

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA (SIF) Position paper

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA (SIF) Position paper SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA (SIF) Position paper Equivalenza terapeutica di classe nell ambito degli antidiabetici: focus sugli inibitori dell enzima dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4) Francesco Rossi

Dettagli

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it

www.monitoraggio-farmaci.agenziafarmaco.it Exenatide (Byetta ) Protocollo di lavoro sul monitoraggio d uso di exenatide per profilo di efficacia, tollerabilità e sicurezza nella normale pratica clinica. a) Background: Il documento della Commissione

Dettagli

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA

DIABETE MELLITO DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA HOME DIABETE MELLITO Dr. Alessandro Bernardini DIABETE MELLITO: EPIDEMIOLOGIA DIABETE MELLITO Il diabete di tipo 1 si può manifestare a qualsiasi età, ma c'è un netto aumento nel periodo della pubertà

Dettagli

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Allegato 1 (GU 272 del 20 vembre 2013) Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Aziende Sanitarie, individuate dalle Regioni e dalle

Dettagli

Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit

Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit Presentazione progetto Farmaci ad alto costo approvato e finanziato dalla Regione ER (Programma Regione-Universit Università) Ivana Zavaroni DAI Medico Polispecialistico 1 Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

in diabetologia Costruzione della evidence-based medicine 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano

in diabetologia Costruzione della evidence-based medicine 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano Regione Lombardia Costruzione della evidence-based medicine in diabetologia 11 Aprile 2013 Fondazione IRCCS Ca Granda - Ospedale Maggiore Policlinico, Milano Razionale La cura del diabete di tipo 2 si

Dettagli

PARLIAMO DI DIABETE 4

PARLIAMO DI DIABETE 4 ASSOCIAZIONE DIABETICI TORINO 2000 Via San Domenico, 18 Torino Tel. 011.436.2269 Presidente Sig.ra M. Bono e-mail assdiato2000@email.it Alberto BRUNO U.O.A. DIABETOLOGIA ASO San Giovanni Battista Torino

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL DIABETE NEL PAZIENTE ANZIANO

IL TRATTAMENTO DEL DIABETE NEL PAZIENTE ANZIANO CONVEGNO REGIONALE FADOI ANIMO 2013 IL TRATTAMENTO DEL DIABETE NEL PAZIENTE ANZIANO Dr. Roberto Durante U.O. Medicina Interna Ospedale S.Maria di Misericordia ALBENGA A.S.L. 2 SAVONESE Savona, 23 marzo

Dettagli

Nuovi farmaci per la terapia del diabete mellito tipo 2

Nuovi farmaci per la terapia del diabete mellito tipo 2 Prescrivere Nuovi farmaci per la terapia del diabete mellito tipo 2 Il sitagliptin (inibitore dell enzima DPP-4): efficacia clinica, sicurezza e razionale d uso Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia

Dettagli

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche

Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Convegno SID-AMD Lazio 2014 Le ipoglicemie e le complicanze acute in rapporto alle nuove classi farmacologiche Roma Eventi Fontana di Trevi, 26-27 settembre 2014 Daniela Bracaglia Centro di Diabetologia

Dettagli

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014)

Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) Piano Terapeutico per la prescrizione di Incretine/inibitori DPP-4 nel trattamento del diabete tipo 2 (aggiornamento luglio 2014) (Da compilarsi online ai fini della rimborsabilità a cura dei centri specializzati,

Dettagli

Piano terapeutico per la prescrizione di Exenatide per il trattamento del diabete mellito di tipo 2

Piano terapeutico per la prescrizione di Exenatide per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Allegato 1 (GU 272 del 20 vembre 2013) Piano terapeutico per la prescrizione di Exenatide per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Aziende Sanitarie, individuate dalle Regioni e dalle Province

Dettagli

Nuove strategie e nuove opportunità terapeutiche nel diabete tipo 2: gli incretinomimetici o analoghi del GLP-1

Nuove strategie e nuove opportunità terapeutiche nel diabete tipo 2: gli incretinomimetici o analoghi del GLP-1 Focus on Nuove strategie e nuove opportunità terapeutiche nel diabete tipo 2: gli incretinomimetici o analoghi del GLP-1 Trattare subito, trattare bene i pazienti diabetici: una sfida e un dovere anche

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

New therapies for type 2 diabetes: Glucagon-Like Peptide 1 (GLP-1) analogs and Dipeptidyl Peptidase-4 inhibitors. Introduzione

New therapies for type 2 diabetes: Glucagon-Like Peptide 1 (GLP-1) analogs and Dipeptidyl Peptidase-4 inhibitors. Introduzione G Gerontol 2007;55:725-732 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo di aggiornamento Review Nuove prospettive terapeutiche nel diabete mellito di tipo 2: analoghi del Glucagon-Like Peptide

Dettagli

PREDITTORI DELLA DISFUNZIONE BETA CELLULARE NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2: LO STUDIO BETADECLINE

PREDITTORI DELLA DISFUNZIONE BETA CELLULARE NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2: LO STUDIO BETADECLINE PREDITTORI DELLA DISFUNZIONE BETA CELLULARE NEL DIABETE MELLITO DI TIPO 2: LO STUDIO BETADECLINE - Giuseppina T. Russo 1, Adolfo Arcangeli 2, Stefania Cercone 3, Angelo Corda 4, Domenico Cucinotta 1, Salvatore

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Rene e diabete: un interazione oltre la nefropatia

Rene e diabete: un interazione oltre la nefropatia Cuneo, 25 gennaio 2014 Rene e diabete: un interazione oltre la nefropatia Carlo B. Giorda S.C. M. Metaboliche e Diabetologia ASL Torino 5 Nefropatia diabetica In casistiche nordeuropee e statunitensi :

Dettagli

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace

Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Decision making Il nuovo algoritmo terapeutico del diabete mellito tipo 2 step by step per una terapia sempre più semplice ed efficace Gerardo Medea Area metabolica SIMG Brescia Diabete e iperglicemia

Dettagli

Dialoghi in Farmacologia Medica Gli ipoglicemizzanti orali

Dialoghi in Farmacologia Medica Gli ipoglicemizzanti orali Dialoghi in Farmacologia Medica Gli ipoglicemizzanti orali 14 aprile 2011 Sala Convegni- Istituto Clinico Città di Brescia TAVOLA ROTONDA Gli ipoglicemizzanti orali: quale scegliere? Sandra Sigala Sezione

Dettagli

Gli Ipoglicemizzanti orali: quali scegliere? Umberto Valentini

Gli Ipoglicemizzanti orali: quali scegliere? Umberto Valentini Gli Ipoglicemizzanti orali: quali scegliere? Umberto Valentini Storia naturale del diabete tipo 2 Obesità IGT Diabete Scompenso Glicemia (mg/dl) 120 Iperglicemia pp Glicemia a digiuno Funzione b-cell residua

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO

Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO Come fare una scelta terapeutica personalizzata nel paziente con diabete mellito tipo 2 CASO CLINICO CASO CLINICO P.M., uomo, 59 anni Anamnesi familiare Familiarità di primo grado per diabete mellito e

Dettagli

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza

La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza La fenotipizzazione e la stratificazione dei pazienti diabetici Un nuovo modello di approccio gestionale per migliorare l assistenza Gerardo Medea Area Metabolica SIMG Brescia Pz diabetici complessità

Dettagli

Corso Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Educazione alimentare Anno Accademico 2010-11 11 Il Diabete Mellito Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Diabete Mellito Il diabete mellito è caratterizzata

Dettagli

Efficacia e sicurezza delle terapie ipoglicemizzanti nel paziente diabetico cardiopatico

Efficacia e sicurezza delle terapie ipoglicemizzanti nel paziente diabetico cardiopatico Tutto diabete 241 MeDia 2014;14:241-245 Efficacia e sicurezza delle terapie ipoglicemizzanti nel paziente diabetico cardiopatico Kyriazoula Chatzianagnostou Medico diabetologo presso Fondazione Toscana

Dettagli

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno

Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Il cuore diabetico Sofferenza miocardica : quanto di patologico, quanto di iatrogeno Fabrizio Celeste Centro Cardiologico Monzino IRCCS Milano Il cuore diabetico Esiste il cuore diabetico? La cardiopatia

Dettagli

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi

Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi Seconda giornata 24 gennaio 2004 Lavoro in piccoli gruppi L esercitazione è stata volta ad evidenziare vantaggi e criticità collegati al trasferimento nella pratica di quanto raccomandato dalla linea guida,

Dettagli

Diabesità Diabete Tipo 1

Diabesità Diabete Tipo 1 La terapia del diabete mellito: cosa c è di nuovo? Fabio Piergiovanni La grande diffusione a livello mondiale del diabete di tipo 1 (insulinodipendente e prevalente nei giovani) e soprattutto del diabete

Dettagli

Gli SGLT-2 inibitori, una nuova strategia terapeutica nel trattamento del diabete tipo 2: focus su dapagliflozin

Gli SGLT-2 inibitori, una nuova strategia terapeutica nel trattamento del diabete tipo 2: focus su dapagliflozin Tutto diabete 39 MeDia 215;15:39-45 Gli SGLT-2 inibitori, una nuova strategia terapeutica nel trattamento del diabete tipo 2: focus su dapagliflozin Paola Ponzani S.S.D, ASL 3 Genovese Corrispondenza Paola

Dettagli

Applicazioni pratiche dell algoritmo terapeutico AMD: ruolo del pioglitazone

Applicazioni pratiche dell algoritmo terapeutico AMD: ruolo del pioglitazone NOTIZIE dal mondo del farmaco 51 MeDia 2014;14:51-57 Applicazioni pratiche dell algoritmo terapeutico AMD: ruolo del pioglitazone Marco Gallo 1 Alberto De Micheli 2 Gerardo Medea 3 1 SC Endocrinologia

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

Il punto sulla terapia del Diabete Mellito tipo 2

Il punto sulla terapia del Diabete Mellito tipo 2 GRG-Journal Club 29 Marzo 2008 Il punto sulla terapia del Diabete Mellito tipo 2 Intissar Sleiman Dipartimento di Medicina e Geriatria Ospedale Poliambulanza-Brescia Classificazione Diagnosi Terapia Classificazione

Dettagli

Nuovi farmaci incretino-mimetici per la cura del diabete

Nuovi farmaci incretino-mimetici per la cura del diabete Linee guida terapeutiche /5 Nuovi farmaci incretino-mimetici per la cura del diabete aggiornamento di aprile 2015 A cura del Gruppo multidisciplinare sui farmaci per il diabete Regione Emilia-Romagna Direzione

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

Terapia ipoglicemizzante non. Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo

Terapia ipoglicemizzante non. Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo Terapia ipoglicemizzante non insulinica nel diabete Tipo 2 Dott.ssa R.Cavani U.O.Diabetologia Sassuolo Storia naturale del diabete tipo 2 Obesità IGT Diabete Scompenso Glicemia (mg/dl) 120 Iperglicemia

Dettagli

Dott.ssa Ilaria Barchetta

Dott.ssa Ilaria Barchetta Dott.ssa Ilaria Barchetta Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Sapienza Università di Roma Diverse evidenze sperimentali hanno dimostrato una influenza diretta della vitamina D non solo

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

Il Diabete. Focus specifico sulle Incretine

Il Diabete. Focus specifico sulle Incretine Il Diabete Stato dell arte della cura farmacologica in Italia Focus specifico sulle Incretine Documentazione presentata in relazione all audizione in XII Commissione Igiene e Sanità del Senato della Repubblica.

Dettagli

Farmaci e ipoglicemia

Farmaci e ipoglicemia 37 MeDia 2013;13:37-41 aggiornamento Farmaci e ipoglicemia Francesco Squadrito Alessandra Bitto Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Messina Parole chiave Ipoglicemia Metformina

Dettagli

La terapia del Diabete Mellito Tipo 2 basata sulle Incretine

La terapia del Diabete Mellito Tipo 2 basata sulle Incretine Attualità in Diabetologia e Malattie Metaboliche La posizione degli Esperti La terapia del Diabete Mellito Tipo 2 basata sulle Incretine Coordinamento Scientifico Stefano Del Prato Giorgio Sesti Comitato

Dettagli

Il Diabete Mellito tipo 2: a ognuno il suo target e la sua terapia

Il Diabete Mellito tipo 2: a ognuno il suo target e la sua terapia Il Diabete Mellito tipo 2: a ognuno il suo target e la sua terapia Dr.ssa M.Cristini Medicina Interna Ospedale Centrale di Bolzano Unità Operativa di Diabetologia Sommario Obiettivi terapeutici Farmaci

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

Glucerna Select 1.0 1.2. Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress

Glucerna Select 1.0 1.2. Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress Glucerna Select 1. & 1.2 Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress La Variabilita Glicemica un importante fattore di Come agisce la Variabilità Glicemica

Dettagli

CASO CLINICO Alessandro Ciresi

CASO CLINICO Alessandro Ciresi Nuovi orientamenti terapeutici nel fallimento secondario agli ipoglicemizzanti orali: Analoghi dell insulina CASO CLINICO Alessandro Ciresi Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

Metabolismo GLUCIDICO

Metabolismo GLUCIDICO Metabolismo GLUCIDICO COMPOSIZIONE DI UN ORGANISMO ADULTO Altro 3% Acqua 60% Carboidrati 1% Proteine 16% Lipidi 20% CALORIE TEORICHE PRODOTTE DALL OSSIDAZIONE COMPLETA DEI VARI SUBSTRATI (uomo adulto 70

Dettagli

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su:

venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: SELEZIONE EZIONE RASSEGNA A STAMPA venerdì 12 Settembre 2014 Associazione Diabetici Roma G www.associazionediabeticiromag.org Seguici su: 1 settembre 2014 3 settembre 2014 2 settembre 2014 Una nuova formulazione

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM

STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM 10 MAGGIO 2014, ore 08:30 Centro Analisi Monza MONZA (MB) STEATOSI EPATICA: malattia emergente CORSO ECM Specialista in Medicina Interna Numero pazienti esaminati 340 15,88 84,12 Maschi Femmine Analisi

Dettagli

Liraglutide, il primo analogo del GLP-1 umano: caratteristiche peculiari e nuovi dati clinici

Liraglutide, il primo analogo del GLP-1 umano: caratteristiche peculiari e nuovi dati clinici G Gerontol 2009;57:98-107 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo di aggiornamento Review Liraglutide, il primo analogo del GLP-1 umano: caratteristiche peculiari e nuovi dati clinici Liraglutide,

Dettagli

I nuovi farmaci per il diabete: quale impatto terapeutico ed economico? Laura Sciacca

I nuovi farmaci per il diabete: quale impatto terapeutico ed economico? Laura Sciacca I nuovi farmaci per il diabete: quale impatto terapeutico ed economico? Laura Sciacca Professore Associato di Endocrinologia Università di Catania Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Ospedale

Dettagli

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI

INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE DEI DIABETICI SANVITESI INCONTRO CON L ASSOCIAZIONE L DEI DIABETICI SANVITESI Dott. Nazzareno Trojan diabetologo ed endocrinologo Ospedale Santa Maria dei Battuti San Vito al Tagliamento DIABETE MELLITO TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA

Dettagli

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione

AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione AMD IV Convegno Nazionale Centro Studi e Ricerche Fondazione La Clinical Governance in Diabetologia Cernobbio 8 10 ottobre 2008 Target glicemico e outcomes cardiovascolari: lo studio QUASAR e le evidenze

Dettagli

Incontro con l esperto lipidi 1 SALA BORA 15 MAGGIO 2015

Incontro con l esperto lipidi 1 SALA BORA 15 MAGGIO 2015 Incontro con l esperto lipidi 1 SALA BORA 15 MAGGIO 2015 Dott.ssa Maria Chantal Ponziani Aou Maggiore della Carita di Novara Consigliere nazionale AMD Rischio relativo vs soggetti non diabetici Rischio

Dettagli

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine

Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Incidenza dell ipoglicemia nei pazienti della SOS di Diabetologia di Udine Agus S, Tonutti L, Pellegrini MA, Venturini G, Cannella S, Toffoletti V, Vidotti F, Sartori C, Boscariol C, Pellarini L, Rutigliano

Dettagli

Complicanze macroangiopatiche nel diabete

Complicanze macroangiopatiche nel diabete Complicanze macroangiopatiche nel diabete Diabete mellito e mortalità cardiovascolare Framingham Study: 20 anni di follow-up 18 Mortalità cardiaca ogni 1000 persone 16 14 12 10 8 6 4 2 17 8 17 4 DM No-DM

Dettagli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli

Studio nazionale multicentrico di fase III, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli SINOSSI DELLO STUDIO DYDA 2 TRIAL Effects of the dipeptidyl peptidase-4 (DPP-4) inhibitor linagliptin on left ventricular myocardial DYsfunction in patients with type 2 DiAbetes mellitus and concentric

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico IPERGLICEMIA IN OSPEDALE La gestione del diabete e in genere dell iperglicemia in ospedale è considerata spesso di secondaria importanza

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Januvia 25 mg compresse rivestite con film 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni compressa contiene sitagliptin

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA DIRETTORE: DOTT. PIETRO BROUSSARD I FARMACI ORALI NEL DIABETE DI TIPO 2

ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA DIRETTORE: DOTT. PIETRO BROUSSARD I FARMACI ORALI NEL DIABETE DI TIPO 2 A CURA DELLA STRUTTURA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA DIRETTORE: DOTT. PIETRO BROUSSARD NUMERO 21 NOVEMBRE 2010 All interno: pag.1 Terapia del dia- bete mellito non insulinodipen-

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE

CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E IL DIABETE E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

medicinali per il diabete di tipo 2

medicinali per il diabete di tipo 2 Parliamo di diabete N. 25 Revisione agosto 2010 medicinali per il diabete di tipo 2 Medications for type 2 diabetes - Italian Spesso alle persone con diabete di tipo 2 vengono dati medicinali, compresa

Dettagli

Attualità in diabetologia

Attualità in diabetologia Marco Comaschi, Domenico Fedele Attualità in diabetologia Terapia orale del diabete tipo 2: vecchi e nuovi farmaci Copyright 2010 by Pacini Editore SpA Pisa Realizzazione editoriale e progetto grafico

Dettagli

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE

APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE APPROPRIATEZZA DELLA DIAGNOSTICA DI LABORATORIO: PROFILI PER LA DIAGNOSI E IL FOLLOW UP DEL DIABETE MELLITO ESAMI QUANDO E PERCHE Dr. Gaiti Dario Reggio Emilia 08.05.2013 Sintomi+ PG >200 mg/dl oppure

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

Nuove frontiere terapeutiche degli agonisti recettoriali del GLP-1

Nuove frontiere terapeutiche degli agonisti recettoriali del GLP-1 NOTIZIE dal mondo del farmaco 35 MeDia 201;1:35-39 Nuove frontiere terapeutiche degli agonisti recettoriali del GLP-1 Antonio Ceriello Insititut d Investigacions Biomèdiques August Pi i Sunyer (IDIBAPS)

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl.

Caso clinico 2. Pz. di 50 anni, obeso (IMC: 32Kg/mq) Familiarità per diabete mellito. Asintomatico. Glicemia plasmatica di 130 mg/dl. Caso clinico 1 Pz di 15 anni, di sesso femminile, lievemente sottopeso (IMC: 18Kg/mq). Manifesta nausea, vomito, dolori addominali, poliuria, polidipsia e dispnea. Nel giro di poche ore, manifesta obnubilamento

Dettagli

Associazione tra agonisti del recettore GLP-1 e Tumore della Tiroide

Associazione tra agonisti del recettore GLP-1 e Tumore della Tiroide Associazione tra agonisti del recettore GLP-1 e Tumore della Tiroide Sia la prevalenza sia l'incidenza del diabete sono aumentate drammaticamente negli ultimi decenni, soprattutto nelle popolazioni asiatiche.

Dettagli

Soluzioni: Terapia farmacologica

Soluzioni: Terapia farmacologica Maria Grazia Zenti UOC Endocrinologia e Malattie Metaboliche, AOUI Verona Simposio 2. Recidive del diabete dopo terapia chirurgica Soluzioni: Terapia farmacologica Background La chirurgia bariatrica consente

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2 Andrea Pizzini STORIA DEL DIABETE TIPO 2 Funzione della β-cellula (%) 100 80 60 40 20 0 IFG - IGT -12-10 -8-6 -4 Anni dalla diagnosi Diagnosi di Diabete -2

Dettagli

Classificazione e Definizione del Diabete Mellito

Classificazione e Definizione del Diabete Mellito Università degli Studi di Roma Tor Vergata Classificazione e Definizione del Diabete Mellito Davide Lauro Centro di Riferimento Diabete di Tipo 2 d.lauro@uniroma2.it La parola Diabete deriva dal verbo

Dettagli

Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI

Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI Dalla Letteratura - GIS Gruppo Giovani Internisti SIMI 11 febbraio 2013 A cura di Paola Ilaria Bianchi, Andrea Denegri, Alessandro Grembiale Insulina da sola o mantenendo la metformina? Hemmingsen B,Christensen

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Victoza 6 mg/ml soluzione iniettabile in penna preriempita 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Un ml di

Dettagli

CONGRESSO INTERSOCIETARIO. LA SINDROME METABOLICA Una sfida per l area l. endocrino-metabolica Cuneo, 8-98

CONGRESSO INTERSOCIETARIO. LA SINDROME METABOLICA Una sfida per l area l. endocrino-metabolica Cuneo, 8-98 CONGRESSO INTERSOCIETARIO LA SINDROME METABOLICA Una sfida per l area l endocrino-metabolica Cuneo, 8-98 9 ottobre 2004 Eterogenità clinica della sindrome metabolica Dislipidemia e sindrome metabolica

Dettagli