Camplus International. Numero XII - marzo 2014 EDITORIALE OMAGGIO A NELSON MANDELA P. 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Camplus International. Numero XII - marzo 2014 EDITORIALE OMAGGIO A NELSON MANDELA P. 3"

Transcript

1 Numero XII - marzo 2014 EDITORIALE OMAGGIO A NELSON MANDELA P. 3 VITA INTERNA INTERVISTA A VIRGINIO MEROLA P. 4 INTERVISTA A IVANO DIONIGI P. 5 INTERVISTA AL MINISTRO MAURIZIO LUPIE GIANLUCA GALLETTI P. 6 A CHRISTMAS DINNER P. 7 VITA ESTERNA università e ricerca, tasto dolente di un paese morente P. 8 via zamboni non è un letamaio P. 9 una sfida per l italia del futuro: salvare la terra dei fuochi P. 10 in cerca di bologna: spring hill students remember their italian semester P. 11 VITA CAMPLUS TWO IS GOOD, FOUR IS BETTER IN DUE VA BENE, MA IN QUATTRO è MEGLIO! P. 12 LA VITA BOLOGNESE P. 13 CULTURA NICOLAS WINDING REFN: MONOGRAFIA DI UN DELIRIO P. 14 GIOVANNI ALLEVI. UN UOMO, UN ARTISTA, LA GENUINA SEMPLICITà DI UNA COMPLESSA PERSONALITà P. 16 LE NOVITà HI-TECH 2014 P. 17 RECENSIONE LIBRO: MISTERI, CRIMINI E STORIE INSOLITE DI BOLOGNA P. 18 angolo delle poesie P. 19 NBA, MADE IN ITALY P. 20 LE LECCORNIE DEL NOSTRO PAESE ricette DI SICILIA: A PASTA CHI SARDI P. 21 TORTA TENERINA P. 22 LA VIGNETTA P. 23 Camplus International

2 Camplus Alma Mater Sede San Felice Via G.A. Sacco, Bologna Direttore Alberto Acuto Cristiana Di Tommaso Redazione Elena Baldi Martina Caruso Chiara Cordella Mary Jane Dempsey Raffaella Dicuonzo Alessandra Di Vanna Gianluca Fini Daniele Licheri Giuliano Manfreda Jolanda Pappalardo Lidia Porfiri, Francesca Ranalli Salvo Sapienza Davide Scalinci Giovanni Silva Sabrina Tauro, Martin Torosantucci Silvia Zanarotti Editoriale Omaggio a Nelson Mandela di Alberto Acuto & Cristiana Di Tommaso Apriamo questo secondo numero con un omaggio a Nelson Mandela, poliedrico personaggio della storia contemporanea. Si Ringraziano vivamente tutti i ragazzi che hanno collaborato a questo numero: Gabriele Pruneddu per l articolo sul Basket Carlo Stoppani per l aiuto alle interviste Paolo Di Marcantonio per le foto all alpertura del Bononia Isabella Giancola e Andrea Paracchini per le foto della cena di Natale Jerome Cochan e Bieke Deprince per il racconto della loro esperienza a Bologna Eugenia Brera per le foto della festa di Jerome e Bieke Elizabeth Sabetta e Karissa Hansen per l articolo sullo Speaking Partner Project Complimenti a Carmen Perez Calabuig e Alessandra Di Vanna e a tutti gli altri partecipanti del contest fotografico! dicembre 2013 Camplus Alma Mater Ciao regaz! Siamo lieti di presentarvi il nuovo numero del nostro amato giornalino! Nonostante la pressante sessione d esami e la rinuncia a preziose ore di sonno, con l attiva partecipazione di voi tutti (che ringraziamo di cuore!) siamo qui a mostrarvi la nostra più recente creazione... Nel primo numero vi avevamo promesso che avreste trovato più internazionalità e, siccome siamo di parola, questa volta vi proponiamo articoli in inglese, frutto della collaborazione con lo Spring Hill College e con i ragazzi Erasmus, che hanno deciso di condividere con noi le proprie esperienze italiane. Il numero è stato arricchito anche grazie ai contributi apportati da collegiali e studenti internazionali, con articoli, fotografie ed interventi vari. Passate dalla pagina facebook Il resto del Camplus per essere sempre aggiornati sugli ultimi articoli, contest, dibattiti ai quali siete -CALDAMENTE!- invitati a partecipare... Buona lettura, regaz! Cristiana e Alberto

3 Vita interna Intervista a Virginio Merola Inaugurazione Camplus Bononia - 22 novembre 2013 di Carlo Stoppani Vita interna Intervista a Ivano Dionigi Inaugurazione Camplus Bononia - 22 novembre 2013 di Cristiana Di Tommaso Originario di Santa Maria Capua Vetere, a cinque anni si trasferisce a Bologna e vi rimarrà per tutto il corso degli studi, conclusi con la Laurea in Filosofia. E tra i fondatori del Partito Democratico e dal 24 Maggio 2011 è Sindaco del capoluogo emiliano. Sindaco, riguardo tutti coloro che hanno intenzione di venire a studiare qui a Bologna e considerando l entità consistente delle tasse da sostenere per poter accedere ai servizi offerti dall Alma Mater, noi studenti avevamo pensato ad una proposta, ossia: come accade già in alcune città italiane, o di comprendere nella quota versata all Ateneo l abbonamento dell autobus (o di altri mezzi di locomozione per raggiungere l università) o di essere comunque agevolati economicamente. Lei pensa che questa proposta sia da tenere in considerazione o vi sono dei limiti che non possono essere superati? Oggi noi abbiamo difficoltà di bilancio come in tutti i comuni però in città, io direi che i ragazzi delle elementari non pagano l autobus; fino ai 27 anni c è un abbattimento, quasi un dimezzamento, del costo dell abbonamento. Non abbiamo fatto distinzioni tra studenti e giovani e per questo abbiamo un aumento degli abbonamenti del 16%. Riguardo l inaugurazione di questa struttura, che ospita studenti non solo italiani, lei pensa che questa formula di accoglienza sia valida ed adatta anche per incrementare l arrivo di altri studenti? Beh, per essere attrattivi bisogna saper essere ospitali..questo sicuramente è un polo d eccellenza, dal punto di vista della qualità penso che ci voglia una città accogliente nel senso che abbia servizi, che sia bella da vedere, abbia degli spazi e delle opportunità culturali, una forte offerta culturale come questa città ha, dal cinema al teatro, alla musica (è città della Musica dell Unesco) ed ha la possibilità anche di mettersi alla prova, di fare esperienza e, allo stesso tempo, è una città capace di avere relazioni con il mondo..questa è la caratteristica di Bologna: è una città attrattiva in questo senso per gli studenti che vengono da ogni parte del mondo. Perfetto! Se mi concede un ultima domanda in relazione a ciò che ha appena detto.. Bologna è sicuramente un centro attrattivo però quello che viene da chiedersi, soprattutto a persone esterne, è come è possibile che la città riesca a vivere il contrasto, ad esempio, tra il Teatro dell Opera e Piazza Verdi di fronte? Questo riflette la differenziazione nel tessuto sociale di Bologna, che poi è anche il motivo per cui stanno protestando qui fuori in questo momento Lei pensa che ci sia un fattore scatenante ben preciso e che ci sia qualcosa da risolvere? Contrapporre il diritto all istruzione al merito e alle capacità lo trovo del tutto sbagliato.. la strada è quella di riuscire a concordare che la priorità per il futuro è investire nell istruzione, nella formazione e nella ricerca. Non credo che ci sia una contrapposizione tra gli studenti su questo, ma credo che ci sia la possibilità di riconoscere un futuro alle nuove generazioni, perché avendo un tasso di disoccupazione così alto nel nostro Paese, dichiaro che c è una difficoltà di fondo che però non deve permetterci di abbandonare la centralità della formazione. Formarsi e laurearsi serve,comunque. Latinista italiano, ex professore ordinario di Letteratura Latina, attualmente è il Magnifico Rettore dell Alma Mater Studiorum. Il 10 novembre 2012 viene nominato da Benedetto XVI presidente della neonata Pontificia Accademia della Latinità. Innanzitutto volevo comunicarle che ho apprezzato molto la mail che Lei ha inviato a tutti i docenti per renderci partecipi dei sottofinanziamenti cronici e di tutti gli svantaggi che noi studenti siamo costretti a sopportare a causa di ciò che accade nel Governo. Ho apprezzato molto l intervento soprattutto quando si sostiene che si tratti dell ennesimo affossamento del principio di meritocrazia, nonostante la consapevolezza che su istruzione e ricerca si giochi il futuro del Paese. Quindi volevo chiederle, considerato tale problema del sottofinanziamento, come si pensa di risolvere quelli che si ritiene essere i problemi legati strettamente al taglio dei fondi, soprattutto a seguito della legge che è stata approvata dal Senato il 7 Novembre? Mah, ieri abbiamo avuto anche la conferenza dei Rettori..le prospettive non sono rosee, però ancora non si dispera di poter acquisire quel fondo (che poi si parla di una miseria) di 41 mln che servirebbero, almeno simbolicamente, a dare un segnale che si vuol premiare i più meritevoli, perché se non avessimo un finanziamento additivo supplementare alla fine veniamo tutti schiacciati con la stessa perdita, cioè vale a dire che gli Atenei che non meritano o che hanno demeritato perdono il 5% nel bilancio, mentre chi ha meritato perde il 4.7%: quindi vorrebbe dire che fare o non fare, fare bene o fare male, è la stessa cosa e questo sarebbe il messaggio peggiore. Quindi io ancora mi auguro che questo non avvenga perché le sue conseguenze sarebbero disastrose come messaggio. Un agenzia nazionale di valutazione per due anni ci ha stressati con le valutazioni,ci ha preso tutte le misure, sarete giudicati, valutati e premiati o puniti a seconda degli esiti. Poi, un bel giorno capita che questo non avviene e questo porterebbe ad una crisi di credibilità insopportabile in tutto il sistema. E infatti i miei colleghi mi dicono ma allora, Rettore, tu ci stressi, ci fai correre e tutto ma poi alla fine, va bene virtus per se ipsa premium,chi è virtuoso però, voglio dire, il problema è che il diritto allo studio è fare un bel collegio, fare le mense, dare le borse.. ma il diritto allo studio è anche non tagliare i corsi e reclutare professori migliori..se uno non ha questi fondi e se a quell università che più corrono e più si affermano a livello internazionale dicono le agenzie, non io, che Bologna è la migliore italiana, se questo non ha un riconoscimento e ci chiedono anche di competere..praticamente abbiamo una classe politica che io faccio fatica a capire..qui il problema è di una scelta veramente politica: o si crede che dalla materna alle medie, ai licei, alle scuole superiori, all università, col dottorato ci si giochi il futuro del Paese come si crede che il bene della salute sia un bene pubblico da tutelare, il bene della mente e dell anima e la salute del corpo sono i due primi valori..o si crede a questo e si tirano le conseguenze, o sennò fate come vi pare, non siamo degni di questo Paese..io sono un ottimista impenitente,continuo a credere che..ciò che mi spinge a credere è soprattutto questa mia comunità di docenti, di tecnici e di studenti che marciano e reggono e quindi nonostante tutti i colleghi dipendenti abbiano gli stipendi bloccati da tre anni, nonostante che le matricole ogni anno aumentano, le leggi e la burocrazia ci devastano e quindi più lavoro, meno stipendi, più disagio e otteniamo risultati paradossalmente competitivi e che primeggiano, però voglio dire, questo lo si può chiedere a chi è iscritto all Avis, a chi fa i voti di castità, povertà e obbedienza, non so se alla lunga lo possiamo chiedere anche a chi (non finisce la frase) questo non lo so..non voglio,finchè son Rettore, aumentare di un solo euro le tasse..penso che il diritto allo studio sia un dovere prioritario dello Stato. Ecco, questo dice la Costituzione, io mi ostino a credere che questo deve essere il primo dovere di un Paese civile. Focalizzando invece la nostra attenzione sul valore dell università, partendo dal presupposto che questo valore non sia stimato sulla base di finanziamenti che effettivamente l Università riceve, quale è il vero valore del nostro Ateneo, l Alma Mater? Io credo che l Ateneo abbia un di più.. Bologna non è il Politecnico, non è la Normale di Pisa, un piccolo collegio..è una grande comunità, un grande studio generale con tutti i saperi e questo ovviamente è un di più che mescola i saperi,unisce le culture. E poi ha la storia e per vocazione storica questa è l università degli studenti.

4 Vita interna Intervista al Ministro Maurizio Lupi Inaugurazione Camplus Bononia - 22 novembre 2013 Maurizio Lupi, milanese di nascita, laurea in Scienze Politiche e carriera da giornalista, è stato Vicepresidente della Camera dei Deputati per il PdL per la XVI legislatura e riconfermato nella XVII fino alla nomina,il 28 aprile 2013,a Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti (governo Letta). Situazioni come queste sono la dimostrazione di come la forza dell Università non è quella della sua Nato a Bologna nel 1961, politico appartenente alla schiera dell UdC (di cui diviene capogruppo alla Camera), il 2 maggio 2013 viene nominato Sottosegretario al Ministero dell Istruzione sotto il Ministro Carrozza (governo Letta). stanzialità, ma è quella di permettere a tutti (l esperienza dei ragazzi internazionali a tal proposito è molto significativa) di andare a scegliere un sistema dove c è eccellenza, dove ci si può formare, incontrare, avere l occasione fondamentale per essere pronti, formarsi e dare il proprio meglio nella società. Allora il dovere che noi abbiamo è esattamente quello di permettere che l opportunità sia per tutti, anche tramite la costruzione di luoghi d eccellenza che permettano di concludere il processo formativo dello studente e per far questo anche la migrazione e l incontro sono importanti. Il tema dei campus e degli alloggi universitari a tal proposito diviene fondamentale e, tra l altro, diviene anche di competenza del Pubblico. Io ricordo la mia esperienza universitaria a Milano e tutti i miei compagni che avevano difficoltà Intervista a Gianluca Galletti Inaugurazione Camplus Bononia - 22 novembre 2013 di Cristiana Di Tommaso La prima domanda che le rivolgo è in merito agli scenari che si prospettano in particolare per noi studenti, a seguito soprattutto delle nuove leggi, come quella del 7 Novembre che comunque ha previsto dei tagli ai finanziamenti. Noi chiediamo più che altro quali sono le prospettive,di miglioramento o meno, nel medio e lungo termine, particolarmente in relazione alle vicende di quest ultimo mese ed anche cosa noi studenti dovremmo aspettarci sulla base di ciò a cui voi state lavorando. Allora..noi con quel decreto del 7 Novembre abbiamo voluto dare un segnale: basta tagli lineari sulla scuola; sulla scuola bisogna investire. nel trovare un alloggio in grado di poter completare il loro processo di formazione, convivere, continuare a stare in compagnia e mi ricordo che fondammo una cooperativa universitaria che aveva come obiettivo quello di dare una risposta concreta agli altri ragazzi. Questo rappresenta un desiderio di approcciarsi alla realtà e di esserne protagonisti e sicuramente a lungo andare se ne ricaveranno i frutti per questo, anche, non capisco le proteste, perché il problema non è quello dei ricchi e quello dei poveri, ma è la possibilità di permettere a tutti, indipendentemente dal reddito, di usufruire di una cosa così, pubblica o privata che sia. Bisogna creare opportunità per tutti di crearsi la propria partita e mettersi in gioco, tramite la risorsa pubblica che diventa un moltiplicatore della risorsa privata. Poi, capisco anch io che 450 mln non risolvono i problemi decennali della scuola, dell Università e della Ricerca, però con questi soldi abbiamo affrontato alcune priorità come l edilizia scolastica (40 mln per pagare le rate dei mutui,quote,interessi e capitale che le regioni possono contrarre per fare edilizia scolastica), tra l altro già trattata nel Decreto del Fare, il welfare, con 15 mln per aiutare gli studenti più deboli per quanto riguarda il trasporto; abbiamo investito non ricordo quanti mln per il wireless nelle scuole e 100 mln sul diritto allo studio in maniera triennale e siamo intervenuti sulla dispersione scolastica. Vita Interna A Christmas dinner di Francesca Ranalli Come ogni anno, presso la residenza dell Alma Mater, si è tenuta l attesissima Cena di Natale Camplus, ma che per la prima volta, il 17 dicembre di quest anno, ha visto protagonisti tutti e tre i collegi dell area bolognese insieme, un folto branco di studenti affamati, pronti ad attaccare le numerose pietanze dell abbuffet e, in alcuni casi, anche i camerieri! Tra i famelici ospiti della serata c erano anche l attore Franco Palmieri e il musicista Pierpaolo Bellini, insieme registi della rappresentazione teatrale Due sfortunati amanti tenutasi in loco, che ha visto in scena, nelle vesti dei personaggi di Romeo e Giulietta, alcuni studenti di Alma Mater, San Felice e Bononia, donandoci uno spettacolo unico, inimitabile e a porte chiuse! (Nel senso che molti studenti che volevano assistervi sono stati sbattuti fuori perché arrivati con qualche minuto di ritardo). Aaaah, capricci da star! Ma a proposito di star, la rivelazione della serata, a parte il Direttor Guidetti che balla Gangnam Style, è stato il gruppo rock formato da Salvo Salvo Sapienza, Gianluca Giaggiù Fini, Giampaolo Pasta Lacarbonara e Nicola Dobby Mottolese, che ha allietato gran parte della serata mandando la folla letteralmente in V-I-S-I-B-I-L-I-O!!!!! Persone che urlavano, donne che piangevano, reggiseni che volavano va beh, forse un po è stato anche merito del vino e dello spumante, gentilmente offerti dalla Direzione, per affrontare CARICHI il momento più atteso La lotteria? No! IL BRINDISI DEL DIRETTORE!!!! Prima che non ci conoscevamo, bevevamo! Adesso che ci conosciamo, beviamo, beviamo, beviamo, finché non vomit ehm finché non ci conosciamo!. Il tormentone ha contagiato anche alcuni studenti abruzzesi dell Alma Mater, che han lasciato gli stazzi per andare verso il mare e tutti insieme il Capodanno festeggiare! (Vi siamo vicini). Tanti ricchi premi, risate, l impeccabile esibizione dell Almusicorum di nuova generazione e JibJab sono stati poi gli elementi immancabili della serata, che hanno contribuito a renderla come sempre speciale e, per questo, tanto attesa. Il primo premio della lotteria quest anno, uno splendido i-pad Apple, è andato (a Giuliano! No, scherzo XD) al nostro responsabile di giornalino Alberto Acuto, con il quale guiderà meglio tutti noi e Il Resto del Camplus verso la gloria! O anche verso un brillante futuro va bene. (Ti sei salvato per quest anno, Giuliano). Buone Feste passate a tutti!

5 Vita esterna Università e Ricerca, tasto dolente di un paese morente di Alberto Acuto Dal Paese che ha dato i natali ad alcune tra le più grandi menti che hanno illuminato il panorama mondiale nel corso dei secoli ci si aspetterebbe una più rosea visione del mondo della Ricerca. Oggi, invece, ci troviamo davanti ad un desolante scenario, dove l università è tristemente lasciata morire e falcidiata come prima vittima sacrificale dei tagli al budget. Ma le condizioni della Ricerca in Italia sono davvero così tragiche, tanto da doverne celebrare gli elogi funebri, o stiamo solamente sottovalutando le nostre potenzialità? Certo, la situazione non è delle migliori: lo Stato italiano investe molto meno di altri che, sulla carta, godono di minore considerazione e prestigio, contrariamente a quanto ci si aspetterebbe per mantenere l attuale status di potenza economica. Ma c è un segnale, forte, che ci dà la speranza per continuare: la nostra qualità. Nonostante tutti i problemi, l Università italiana rimane tra le migliori nel mondo e sforna studenti pronti per il mercato globale già dopo la laurea triennale (ancora fin troppo sottovalutata). I nostri laureati, infatti, che in patria trovano molte difficoltà ad affermarsi, riescono ad eccellere in tutto il mondo con discreta facilità. Esempi di questo fatto? Prendiamo il team che al CERN ha scoperto il Bosone di Higgs: era formato principalmente da ricercatori provenienti dall Italia. Questa è solamente una piccola dimostrazione delle tante che se ne possono trovare in un qualsiasi settore della ricerca, con riscontri e giudizi positivi che arrivano da tutto il mondo. Ovviamente molto si fa anche nel nostro territorio, dove i ricercatori, a fronte della precarietà dei contratti e delle difficoltà derivanti dai pochi fondi a disposizione, riescono ad ottenere risultati stupefacenti. Scorrendo la lista delle 10 scoperte scientifiche dell anno appena trascorso, stilata dal noto quotidiano Il Corriere della Sera, notiamo come il contributo italiano sia stato fondamentale. Infatti, il primo microlaboratorio quantistico a fotoni, un simulatore di urti quantistici, è stato costruito sotto la supervisione del CNR del Politecnico di Milano e dall università La Sapienza di Roma. Altro importante successo, conseguito sempre a Roma, è stato riuscire prevedere, e per la prima volta osservare, l esplosione di una Supernova che si trovava nella costellazione del Leone, a soli 4 miliardi di anni luce da noi (quindi all incirca nel momento in cui si stava formando la Terra). Che la classifica sia un po di parte glielo concediamo, perché è giusto dare importanza al grande lavoro che si fa anche qui, ma di certo è indicativa di quanto l Italia sia ancora viva e in piena attività. Apro una piccola parentesi riguardo le lotte che negli ultimi mesi si stanno combattendo tra animalisti e ricercatori. La sperimentazione animale è una pratica necessaria alla scienza e qui sottolineo scienza farmaceutica e medica, non cosmetica o altro, poiché senza la possibilità di osservare su animali vivi l evoluzione di un virus o di testare un principio attivo destinato ad essere usato sugli esseri umani non si sarebbero potute sconfiggere malattie che fino a 100 anni fa causavano delle vere e proprie catastrofi. Senza nulla togliere agli animalisti, di cui considero comunque lodevole l impegno per la causa, vorrei solo invitare ad una maggiore lungimiranza, poiché le loro azioni sembrano mosse da ideali troppo lontani dalla realtà e fuorviati dai media, ed ottengono come unico risultato lo svilimento di tanto lavoro, complicando ulteriormente la situazione di un settore già in difficoltà. La crisi strutturale ed economica che attanaglia l Italia è molto grave e invocare senza cognizione di causa fondi per la ricerca è quanto mai fuori luogo, perché ovviamente esistono delle priorità, ma non si può continuare a penalizzare un ambito che ha le chiavi per una ricrescita importante. Il ruolo della ricerca è quello di creare nuove possibilità, per la scienza in primis, ma specialmente per le persone, per il Paese, per l industria, portando lavoro e occupazione, ridando fiducia ad un popolo che sembra averla persa. La nostra speranza è quella di riavere un Paese competitivo, fatto dalle piccole e medie imprese (com è stata la Fiat) protagoniste del grande boom economico degli anni 50 e 70 del secolo scorso, che hanno gettato le basi per un presente travagliato ma comunque stabile. In questa notte così buia si aspetta solo l arrivo di una nuova alba. (Speriamo.) Vita esterna Via Zamboni non è un letamaio! di Salvo Sapienza Uno schifo. Con queste parole, cariche di rabbia, Martina posta su Facebook una foto che ritrae un muro imbrattato un paio di giorni dopo essere stato tinteggiato per l ennesima volta. E questo è niente, scrivono i suoi amici nei commenti. Alludono chiaramente al degrado in cui la zona universitaria di Bologna vessa ormai da tempo. La situazione sembra essere sfuggita di mano alle autorità, mentre i cittadini si organizzano come possono. Via Zamboni non è un letamaio è il simbolo dello sdegno dei cittadini: 1200 firme raccolte sul portale firmiamo.it per incitare le istituzioni a muoversi contro queste forme di inciviltà. I commenti in questa pagina sono i più disparati: c è chi critica il Sindaco per avere tralasciato i problemi della zona universitaria, chi si scaglia contro i teppisti con estrema veemenza e chi invoca il pugno di ferro da parte della pubblica sicurezza. E, paradossalmente, c è chi è gioiosamente orgoglioso del degrado provocato. L atteggiamento dimostrato in questi commenti dimostra tuttavia che il problema non è stato compreso in pieno in tutte le sue esternazioni. Il degrado è composto da vari episodi distinti e separati, che non possono essere parificati. Si può spaziare da chi imbratta i muri, ai fenomeni di micro-spaccio di sostanze psicotrope di bassa intensità ( erba o fumo, o ancora burbuka ), alla ricettazione di biciclette rubate, ai distributori di alcolici fuori orario, ai clochard che bivaccano davanti il Teatro comunale. Si tratta di fenomeni troppo eterogenei per potere essere contrastati in maniera univoca. La richiesta più immediata, in questi casi, è quella di maggior rigore da parte della pubblica autorità: a quali risultati porterebbe una linea dura? In che direzione potrebbe rivolgersi questo intervento? L inasprimento delle sanzioni amministrative previste non funziona: le multe non assolvono la loro funzione prevenzione generale, visto che, seppur previste, non hanno disincentivato condotte degradanti. Di conseguenza, appare evidente che questi episodi devono essere letti alla luce delle loro radici. In altri termini, una repressione più mirata può contrastare la situazione in modo migliore rispetto all uso del pugno duro. Si pensi ai fenomeni connessi all eccesso di alcol: un ordinanza del Comune impone orari di chiusura agli esercenti di via Petroni per limitare il consumo di alcolici nelle ore notturne, ma una birra è sempre acquistabile da appositi rivenditori che sottobanco e a prezzi concorrenziali offrono, in Piazza Verdi, una bottiglia in vendita. In questo modo non si contrastano neppure i pericoli dovuti alla presenza di vetri rotti. Oltre al danno, la beffa, specie per i gestori dei locali: l ordinanza ha inasprito le tensioni tra Comune ed esercenti, senza migliorare la situazione. Ancora, si pensi ad uno dei problemi più evidenti e più indigesti a chi vive la zona universitaria: la presenza di urina in molti angoli delle zone maggiormente frequentate. Anche in questo caso, il fenomeno è dovuto principalmente alle tendenze incontinenti di chi è ubriaco, motivo per cui la sanzione amministrativa (150 euro) è deterrente tanto quanto l inutile e nauseabondo disinfettante che viene giornalmente spruzzato. Analizziamo il fenomeno sotto una prospettiva differente. Al posto della multa, si potrebbe ipotizzare la realizzazione di un set di bagni chimici (quelli dei cantieri, per intenderci) che siano monitorati da alcuni addetti. In aggiunta a ciò, con un raddoppiamento delle pene, si potrebbe creare un duplice effetto di deterrenza e di incentivo verso la condotta più virtuosa. Al contempo, si potrebbero favorire quegli esercizi che consentono l ingresso alle toilette anche per i non-clienti, magari sensibilizzando gli stessi gestori a risollevare le sorti della zona universitaria con azioni attive. Due atteggiamenti devono necessariamente cambiare: da un lato quello delle autorità, dall altro quello dei frequentatori della zona universitaria. La prima deve rifiutare il proposito del far cassa, accontentandosi di ricevere i proventi delle multe e sacrificando il benessere della cittadinanza; gli studenti devono percepire via Zamboni e dintorni come un patrimonio comune e impegnarsi non solo a rispettarlo, ma anche a difenderlo.

6 il Resto del Camplus - VITA CAMPLUS Vita esterna Una sfida per l Italia del futuro: salvare la Terra dei fuochi di Giovanni Silva Vita camplus In cerca di Bologna: Spring Hill students remember their Italian semester di Mary Jane Dempsey, Student Life Assistant for SHC Italy Center Tra 20 anni gli abitanti del Casertano saranno tutti morti di cancro: comuni come Casapesenna, Casal di Principe, Castelvolturno non hanno speranze. Così diceva nel lontano 1997 il pentito Carmine Schiavone, ex boss del clan dei Casalesi, alla Commissione Parlamentare Antimafia. Queste parole crude ed agghiaccianti, rese finalmente note dopo 16 anni, hanno scosso l opinione pubblica e acceso l interesse per una questione tra le più gravi esistenti oggi in Italia, quella della Terra dei fuochi. Negli ultimi mesi se ne è parlato tanto, sui giornali, in famosi programmi tv, sul web. Cerchiamo di spiegare in modo semplice di cosa si tratta. Il problema rientra in un fenomeno più grande, quello della gestione del settore rifiuti in Campania. Esso, si sa, è da molti anni sotto controllo della camorra; i clan hanno puntato molto su questo business e da tempo gestiscono l intero ciclo dei rifiuti con le seguenti conseguenze: mancanza di un moderno sistema di smaltimento, discariche abusive e soprattutto roghi di rifiuti urbani misti a rifiuti tossici. Proprio da questi roghi deriva il nome di Terra dei fuochi, che indica una vasta area della Campania compresa tra le province di Napoli e Caserta, un territorio un tempo noto come Campania Felix, ovvero una delle regioni più fertili d Italia,famosa per i prodotti dell agricoltura e dell allevamento. Qui la situazione è più grave che altrove perché, oltre alla presenza di discariche e ai continui roghi che inquinano l aria, la camorra ha sfruttato questa terra per smaltirvi rifiuti speciali provenienti dal Centro Italia, dal Nord, perfino dalla Germania. Rifiuti speciali significa rifiuti industriali, scarti di ogni tipo di lavorazione, fanghi nucleari, amianto, insomma veleni di ogni tipo, sepolti per decenni sotto pascoli e campi coltivati. Tutto ciò sta avendo conseguenze drammatiche soprattutto per le giovani generazioni. Come sappiamo, inquinare aria, suolo, falde acquifere provoca danni a lungo termine e non a caso proprio negli ultimi anni quest area è diventata una delle prime in Italia per numero di tumori. La malattia ha colpito tutte le fasce d età, anche molti giovani e neonati, con una frequenza fuori dalla norma, molto più alta della media nazionale; si è calcolato che l aspettativa di vita di almeno tre generazioni di abitanti rischia di essere gravemente compromessa. Ma come è possibile che nel nostro Paese si sia verificato un disastro ambientale del genere? Le responsabilità sono di molti: in primo luogo di una criminalità organizzata disposta a tutto in nome del profitto, persino a rovinare e ad avvelenare la propria terra, la propria gente; e poi di uno Stato colluso sia a livello locale che nazionale e di tanti imprenditori che si sono liberati dei propri rifiuti affidandoli alla camorra, non curandosi di che destino avrebbero avuto. Nell ultimo anno, però, qualcosa è cambiato. In Campania sono nati comitati in difesa della Terra dei fuochi e si sono svolte manifestazioni di piazza per sollecitare la politica a prendere provvedimenti. Inoltre un gruppo di associazioni, guidate da Legambiente, ha pubblicato un elenco di 10 proposte concrete in difesa della terra dei fuochi, tra cui: la mappatura di tutti i siti contaminati; l analisi sistematica dei prodotti alimentari, in modo da non mettere in commercio quelli provenienti da terreni avvelenati; l avvio di opere di bonifica; l introduzione del Registro Tumori della Regione Campania; la creazione di un piano sanitario pubblico per gestire l emergenza tumori. E le istituzioni come hanno reagito? Si intravedono segnali positivi: ai primi di dicembre il governo ha emanato un decreto legge che ha introdotto il reato di combustione dei rifiuti; sono inoltre stati sbloccati i primi fondi destinati alle bonifiche e sono partiti i primi controlli dei terreni. C è però una domanda che tanti cittadini si stanno ponendo e che esige una risposta da parte della politica: come mai nel 97 il Parlamento decise di tenere segrete le dichiarazioni di Schiavone, senza informare la popolazione su cosa era accaduto in Campania e su quali rischi correva? Perché chi sapeva non ha agito subito per proteggere i residenti e per punire i responsabili? In sostanza, molto, troppo tempo è già stato perso, ma è ancora possibile limitare i danni e rendere le conseguenze meno disastrose. È pero necessario che lo Stato e i cittadini remino dalla stessa parte e che gli interventi vengano fatti in modo trasparente, a cominciare dalle bonifiche, un nuovo business che potrebbe attirare la camorra. In questo cammino lungo e difficile sarà fondamentale il contributo delle nuove generazioni, che rischiano di essere le più coinvolte, e più in generale della gente comune; visti i passi in avanti fatti nel giro di pochi mesi, comunque, è giusto nutrire ancora la speranza che la Terra dei fuochi possa essere salvata. After flying hours across the world and lugging heaving suitcases, the American students of Spring Hill finally arrived to Bologna, the Italian city that would become their home for three months. Although they took excursions to other European countries, such as Greece and Poland, the students main focus was creating new lives in Bologna, where they uncovered a unique culture and witnessed different realities. A few of the Americans decided to share their memories that best exemplify their Bolognese experience. It may sound simple and boring, but some of my favorite moments have been just walking around different parts of Bologna by myself, especially in the morning. There is something about finding your way in a new place, and taking in all of the sights, sounds, and people around you. I like to call it my Bologna-exercise for the day! Catherine Pugh, Loyola University New Orleans On an overcast Saturday morning, Urvashi, David, and I walked to the panoramic view at San Michele in Bosco. We spent nearly an hour up there, taking in the physical beauty of Bologna from above. The highlight, however, was an old Bolognese man who shared with us the history of the city in which he was born and raised. He could not stop sharing his love of the city with us and would walk away after a few minutes, only to return moments later to tell us other facets of Bologna s fascinating story. The tangible pride that the man had, coupled with our ability in the moment to see all of the city he was describing, created a surreal and wonderful moment that has remained a favorite moment for all three of us. Patrick McDonnell, Santa Clara University My favorite moment in Bologna was probably climbing the tower with [John], Peter and Joe Teaching the EFL class [at Centro Zonarelli] was also a life changing experience for me. I m normally very outgoing and talkative with the people I know well, but getting to know new people who did not speak English well really put me out of my comfort zone and helped me learn more about others and myself. Ben Fleming, Spring Hill College The soft gravel underneath my feet With rain pouring down on repeat Moving without direction or ambition Only making the directional decision On towards the end of the road Passing a citizen s humble abode We move past an ancient wall On the picturesque walk in fall Nothing could beat this, Walking down this Italian driveway John Zazulak, Spring Hill College My best Bologna moment was when I had to tell this lady directions in Italian for the first time. In this moment I could finally feel myself becoming a part of the Bologna community. Coryn Cenzer, St. Louis University Every Wednesday always reminds me of the community and kinship I have found in this city. Whether I go to mass or have fun with my speaking partner which is always followed by a dinner with new friends, at every turn I am reminded that I am a part of this community. I am a part of Bologna and I have a place here and I wouldn t have missed this for the world. I am the most thankful I ve ever been for this opportunity and everything that has lead me to this moment. Graziella Ioele, St. Joseph s University

7 il Resto del Camplus - VITA CAMPLUS il Resto del Camplus - VITA CAMPLUS Vita camplus Two is good, four is better In due va bene, ma in quattro è meglio Alessandra Di Vanna, Elizabeth Sabetta, Karissa Hansen, Alberto Acuto Alessandra For my first Speaking Partner program experience I couldn t have asked more. In fact, not only did I improve my English but also made new amazing friends. I got on well from the start with Elizabeth and the same goes for Alberto with Karissa, so, since our speaking partners were roommates and close friends, we thought that it would have been welcoming and enjoyable to do things all together, rather than in couples. We hung out several times (we visited the church of San Petronio, tasted one of the most delicious ice-creams in Bologna, had lunch at Osteria del Sole) and we spent time together at the campus at dinner or in the study rooms. We went through this experience our own way, like four young people who live together, rather than like four students who are learning another language. The climate was so relaxed and pleasant that the diversity in our linguistic codes spontaneously generated occasions of exchange and encounter rather than resulting in an obstacle for communication. And being a group which formed off the cuff really made all the difference. Elizabeth Prima di arrivare in Italia, non avevo aspettative perché ho voluto essere sorpresa con la mia esperienza. Ero delusa perché il programma è iniziato più tardi che mi aspettassi, ma ci ha dato tempo per regolare le nostre vite nuove qui. Mi ricordo che ho visto Alessandra in giro, ma non ci incontravamo. Adesso, due mesi dopo, non posso immaginare la mia esperienza diversamente. Ale ed io abbiamo fatto molte cose insieme come intagliare una zucca, fare un video per il compleanno della mia migliore amica, uscire con i nostri amici e inoltre speaking partner, e abbiamo ovviamente conversato in lingua. Penso che la mia esperienza sia andata benissimo perché Ale è apertissima all apprendimento e anche al mio apprendimento. Lei mi fa sentire a proprio agio quando sta parlando in italiano e con altri italiani. Con questo programma mi sento immersa nella cultura e nel mondo di studenti italiani. Ho conosciuto altri amici attraverso Alessandra con cui manterrò i contatti dopo la mia partenza. Uno dei miei momenti preferiti era passare del tempo a parlare di tutto con i nostri amici Alberto e Karissa e MJ e Ioana. Inoltre, penso che questo è il migliore modo per imparare nuove parole e modi di fare. In conclusione, questo programma è stato una delle mie migliori esperienze durante il mio tempo qui e non cambierei nulla. Karissa Lo speaking partner program è stata un esperienza che non dimenticherò. Il mio speaking partner, Alberto, è uno dei miei amici migliori a Camplus adesso. Abbiamo fatto molte cose a Bologna durante il semestre autunnale con Alessandra e Elizabeth. Non avevo nessuna aspettativa quando sono arrivata in Italia. Volevo migliorare il mio italiano e conoscere meglio la cultura. Alberto era la persona perfetta per questi obiettivi. Siamo stati in grado di scambiare le cose che apprezziamo delle nostre culture in italiano e in inglese. Era anche un ottimo modo per imparare le frasi che non si possono imparare in un corso d italiano. Penso che lo speaking partner program sia importante per gli studenti americani e italiani perché è un ottimo modo per esplorare la città. Ho imparato molto, ci siamo divertiti, e ho incontrato due incredibili nuovi amici con la mia compagna di stanza. Credo che resteremo amici per un lungo periodo. Alberto For me this was the fourth time in a speaking partner project, and I can easily say that this one is my best one. Karissa and I suddenly clicked and we had many chances to stay together talking without any sort of duty, and I think that is the main focus of this type of project. Luckily we had during this, unfortunately short period, two really good mates like Alessandra and Elizabeth that always stayed with us in everything we did, having great fun. That s the main scope in this, gettin friends and having fun together and making this experience unforgettable! Thank you ladies! Vita camplus La vita Bolognese di Jerome e Bieke Siamo arrivati a Bologna all inizio di settembre. In questo periodo, il Camplus era praticamente vuoto. Quindi i primi studenti con cui abbiamo fatto conoscenza erano degli altri ragazzi Erasmus con i quali facevamo un corso d italiano all Università. Durante il mese di settembre, un sacco di studenti sono arrivati alla residenza. Dopo aver incontrato tanti ragazzi di tutta l Europa grazie alle serate Erasmus, abbiamo infine potuto conoscere alcuni italiani. La vita in questo collegio ci è piaciuta molto. Ti dà la possibilità di incontrare tanta gente e di fare molte cose insieme. La vita in Erasmus è un esperienza molto particolare. Tanti studenti stranieri, come noi, non hanno molti corsi all Università. L anno scorso, io, Jérôme, a Ginevra avevo ottenuto dei crediti in anticipo per poter essere più tranquillo in Italia. Seguire dei corsi all Università in una lingua che non hai ancora veramente dominato può sembrare complicato. Invece ho avuto la fortuna di avere professori che si esprimevano in modo molto chiaro. Il fatto di studiare una materia che conosci ti aiuta anche molto. Alla fine del mese (gennaio) dovrò dare due esami scritti. Tuttavia i professori hanno la reputazione di essere tolleranti con gli studenti stranieri. Io, Bieke, ho avuto dei corsi sia in inglese, sia in italiano. Ero più a mio agio con l inglese ma ho anche imparato l italiano abbastanza velocemente, nonostante faccio ancora un po di difficoltà. In Italia ho imparato a giocare a biliardino, ora sono molto brava (più di Simona). Mi piace mangiare un sacco e fare delle foto sotto le due Torri. Dunque a Bologna avevamo molto tempo libero per uscire e usufruire delle attività organizzate dalle associazione Erasmus. Per uno studente straniero, Bologna è vicina al paradiso. Ci sono delle cose da fare ogni sera e tanti viaggi organizzati. Abbiamo potuto scoprire Milano, Siena, Torino, Roma, Napoli a prezzi bassissimi. Il tempo libero ci ha anche dato la possibilità di andare, con alcuni amici dell Università, a Genova ed alle cinque Terre. Uno scambio universitario è quindi un esperienza che raccomandiamo a tutti gli studenti del Camplus. Purtroppo questa tappa della nostra vita sta per concludersi. E praticamente l unico svantaggio che abbiamo incontrato durante questi mesi a Bologna ; in realtà un semestre è corto, troppo corto. Grazie a tutti per questi mesi che abbiamo condiviso insieme, vi lasciamo giudicare da dove viene la migliore cioccolata del mondo. Ci vediamo in paradiso, in Svizzera o in Belgio se volete. Jérôme Cochand & Bieke Deprince Svizzera VS Belgio

8 Cultura Nicolas Winding Refn: Monografia di un delirio di Daniele Licheri è raro trovare un regista capace di sorprendere tanto da farci dubitare di ciò che pensavamo di sapere sui film, pur restando nel territorio del cinema di genere, e Nicolas Winding Refn è senz altro uno di questi. Il giovane regista danese si è distinto per la sua arte visionaria: orizzonti lugubri e musica classica, situazioni grottesche e atmosfere pop, la ricerca della gloria e la lotta per la sopravvivenza: troviamo tutto questo nei suoi film. In particolare, ho deciso di parlarvi di Drive, Valhalla Rising e Bronson, i lavori che maggiormente ne esemplificano la classe e l unicità. Drive (2011) Azione / Noir La vicenda si ambienta nella giungla urbana di Los Angeles, dove un silenzioso driver (Ryan Gosling) porta avanti una doppia vita: di giorno assistente in un officina e stuntman part-time, di notte autista per rapine. Grazie all aiuto del proprietario dell officina (Bryan Cranston), che ha riconosciuto il suo grande talento al volante, il protagonista entra in contatto con personalità della malavita e del cinema, da cui riceve offerte di lavoro sempre più proficue. Questo finisce quando il nostro driver s innamora della dolce vicina di casa Irene e, volendo renderla felice, rischia la vita per aiutare suo marito a uscire dal mondo della criminalità. Il film comincia con una coinvolgente fuga dalla polizia, che grazie al leggero battito synth della colonna sonora, al rombo del motore, al ticchettare dell orologio e alle inquadrature ansiogene sempre all interno della vettura, dà origine in pochi minuti ad una scarica di adrenalina che finisce dritta nel sangue dello spettatore. Difficile immaginare un esordio migliore. Emerge in particolare il carattere taciturno e apatico del driver, che lo accompagnerà durante tutta la storia, facendolo apparire come uno spietato cavaliere silenzioso che anziché entrare nell armatura e cavalcare il destriero indossa i guanti da corsa e guida la sua macchina, imponendo le sue regole a chiunque metta in pericolo il precario equilibrio della sua doppia vita. Pur orientandosi nel cinema d azione, Refn evita un quadro cinematografico troppo votato a seguire l archetipo del genere, scegliendo di dare spazio allo sviluppo dei personaggi (attraverso sequenze memorabili come quella del discorso fra i due mafiosi sulla gestione degli affari di famiglia ) o al sottofondo romantico, reso dolcemente ma senza intaccare il tono cupo della vicenda. Refn sceglie di utilizzare un comparto sonoro fatto di musiche sottili e ritmate (molte delle quali dall album Night Drive firmato Chromatics), che incorniciano bene sia i momenti di aggressività del protagonista sia le situazioni di calma e dolcezza, e definiscono l atmosfera quieta e buia dell ambiente. Se cercate un film d azione diverso dal solito, Drive è certamente una risposta, non solo per le ottime sequenze adrenaliniche o per conoscere i segreti della tentacolare Los Angeles, ma perché riscatta il filone dell action-movie, mostrando quanto può essere superflua la trama davanti all ottima orchestra delle sequenze visive, del sonoro e degli attori. Dammi ora e luogo e ti do cinque minuti: qualunque cosa accada in quei cinque minuti sono con te, ma ti avverto, qualunque cosa accada un minuto prima o un minuto dopo sei da solo. Io guido e basta. Valhalla Rising (2009) Drammatico Lo sfondo del film è senza dubbio il più spettrale e visionario che Refn mette su pellicola: nelle fredde vallate dell estremo Nord, il vichingo One-Eye (Mads Mikkelsen) uccide i padroni che lo tenevano schiavo, risparmiandone solo il figlio, che si occupava di sfamarlo, e viene assoldato da un pugno di crociati cattolici per riconquistare la Terra Santa, in un viaggio infernale nell oscurità. L epoca è quella del progetto di conversione universale al cattolicesimo: i crociati cattolici si presentano come conquistatori votati a portare la parola del Dio cristiano in un mondo ancora selvaggio, ebbro di simbolismo pagano. La scelta di focalizzare l attenzione su annose questioni religiose si rivela in realtà funzionale alla trama e allo sviluppo dei personaggi: da una parte i crociati, convinti dei loro ideali, ricadono nell ipocrisia e distruggono ogni forma di società preesistente per erigere l ennesimo baluardo asservito alla Chiesa; dall altra One-Eye, attraverso un percorso para-religioso, trova il suo scopo nella vita e trascende se stesso, passando da schiavo a uomo a semidivinità assetata di violenza. Analogamente al protagonista di Drive, One-Eye è un personaggio silenzioso. Questo tratto risalta particolarmente in Valhalla Rising, dove l interpretazione granitica di Mikkelsen del taciturno guerriero del Nord lo trasforma in un essere quasi monolitico, impassibile di fronte alle questioni religiose che affannano i suoi compagni di viaggio. Le inquadrature preferite da Refn sono le panoramiche, che riprendono le ampie e vuote valli del paesaggio, donando un forte senso di desolazione alle scene. Insieme alla scelta di inserire paesaggi ostili, come fiumi di sangue o cieli coperti dalla nebbia, l uso di colori accesi e contrastanti e le visioni di morte chiariscono che i personaggi sono dei condannati e possono solo accettare la meta che il destino ha scelto per loro. Valhalla Rising ha la struttura di un amara profezia, che sprofonda la condizione umana nella perdizione e nella sofferenza. Non è certamente un film per i deboli di cuore, ma senz altro un lavoro eccellente che spicca per le stupende sequenze visive, impreziosite dagli spazi aperti del panorama scozzese, e per le scene di violenza, la cui crudezza riesce con successo a trasmettere inquietudine e angoscia all animo dello spettatore. Ho sentito che mangiano il loro stesso Dio, divorano la sua carne, bevono il suo sangue. Abominevole. Bronson (2008) Biografico La pellicola racconta la vita di Michael Gordon Peterson (Tom Hardy), un detenuto inglese divenuto famoso per aver trascorso 34 anni in prigione, di cui 30 in isolamento, per cattiva condotta, partendo da una condanna di soli 7 anni per una rapina all ufficio postale. La storia di Peterson, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Charles Bronson, è quella di un uomo radicalmente violento, al punto da essere trasferito in più di cinque diversi penitenziari, poiché nessuno sembrava in grado di contenere la sua aggressività. Le prigioni di sicurezza dell Inghilterra rappresentano il palcoscenico dove l attore Bronson mette in scena la sua grottesca commedia di sangue e risate. A impreziosire le sequenze di dialogo e di sviluppo della storia sono le colonne sonore che riecheggiano il pop sperimentale degli anni 70, mentre alle scene di lotta fa da sfondo la musica classica. E proprio queste scene, oltre alla similarità di carattere fra i protagonisti, devono aver convinto i più che Bronson possa essere designato quale erede moderno del superlativo Arancia Meccanica di Kubrick. Nel film, il detenuto si presenta a noi come un personaggio sfacciato e prepotente, ma anche melodrammatico e tragicomico. E essenzialmente un uomo che riconosce nella violenza il suo talento e ne fa il mezzo per raggiungere la fama, la gloria e il successo. L interpretazione di Tom Hardy di questo difficile ruolo conferisce un valore aggiunto al film e da sola è una ragione più che valida per andare a vederlo. Non ci sono eccessi nel melodramma né nella freddezza. L attore merita certamente un elogio per la classe con cui ha interpretato il megalomane sociopatico inglese ambizioso di gloria. Inoltre, nelle brevi parentesi in cui il protagonista si trova fuori dal contesto della prigione, è interessante osservare la società inglese, che Refn rappresenta piena di opportunisti e approfittatori pronti a vedere nella bestia Bronson un animale da circo su cui lucrare. Se Drive e Valhalla Rising erano ottimi film, Bronson è senza dubbio un capolavoro. È davvero difficile spiegare tutto quello che questo film e la sua forza ti lasciano dentro. Consiglio più che vivamente di andare a vederlo e di farsi stupire e disgustare dalla mostruosa personalità di Michael Gordon Bronson Peterson. Tu non vuoi incontrarmi fuori all aperto. Dentro, sono qualcuno che nessuno vuole fottere, è chiaro? Sono Charlie Bronson, io sono il prigioniero più pericoloso di tutta l Inghilterra.

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli