Manuale di Servizio PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di Servizio PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice"

Transcript

1 PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice Indice Descrizione 1 Pianificazione del servizio 1.1 Metodologie di intervento (MdiS) - Attività e metodologie previste - Descrizione delle linee guida di intervento - Nomina del responsabile area e coordinatore del servizio - Definizione delle competenze (equipe di lavoro) 1.2 Destinatari del servizio (MdiS) - Descrizione dei destinatari diretti e indiretti del servizio per numero, classe di età, tipo di disagio, capacità etc 1.3 Organizzazione e risorse del servizio (MdiS) - Organizzazione del servizio (fasi di lavoro) - Orari del servizio - Piano di lavoro degli operatori - Codice comportamentale degli operatori - Fornitori di servizi - Strumenti (materiali relazionali valutazione) 1.4 Sinergie sviluppate - Storia del servizio (obiettivi raggiunti, attività realizzate, rete di collaborazioni attivate) - Rete istituzionale (enti e servizi pubblici) interna (servizi propri) esterna (associazioni, coop.)attivata o da attivare sul territorio (allegare lettera di intenti) - Linee di sviluppo (nuovi obiettivi, contatti di rete, attività, strumenti) 1.5 Obiettivo del servizio (MdiS) - Definizione degli obiettivi di qualità del servizio - Definizione degli indicatori (modalità e frequenza di rilevazione dei dati) - Risultati attesi - Rapporti con il committenti 2 Riesame del servizio 2.1 Riunioni di riesame generale del servizio (riunione fra coordinatore e operativi) 3 Verifica del servizio 3.1 Riunioni di verifica del servizio (riunione fra responsabile area e coordinatore servizio) 4 Chiusura e valutazione del servizio 5 Aspetti generali del servizio - Sicurezza Privacy - HACCP Redazione Nome responsabile oggetto firma Redazione Verifica Approvazione Pagina 1 di 11

2 1 Pianificazione del servizio 1.1 Metodologie di intervento Uno dei maggiori punti di forza dell Unità di strada Street workers deriva dal fatto che l equipe di operatori ruota su vari progetti (Centro Java e progetto Interzone, finanziati dal Comune di Firenze, progetto Extreme finanziati dalla Regione Toscana). Questo ha dato l opportunità di avere una visione più completa delle abitudini dei ragazzi con cui l equipe lavora, visto che gli operatori incontrano molti di loro in contesti differenti (ad es la mattina nelle scuole, il pomeriggio nelle piazze o al Centro Java e la sera in luoghi di aggregazione quali feste commerciali o party legati al circuito dei rave e dei festival estivi). In questo modo i ragazzi riconoscono gli operatori come figure di riferimento e hanno la possibilità di confrontarsi con loro nello spazio che ritengono più adeguato alle loro esigenze: l equipe attiva così una rete di servizi che altrimenti rimarrebbe poco visibile. Per questo il progetto si è andato lentamente adattando alle nuove modalità di incontrarsi dei giovani, che spesso tendono a non ritrovarsi più nello stesso luogo quotidianamente come accadeva fino a pochi anni fa ma a spostarsi in piccoli gruppi in base ai propri interessi momentanei. E stato osservato che nelle zone del territorio in cui vi è una forte caratterizzazione popolare, ancora si trovano gruppi informali numerosi con le caratteristiche modalità tipiche delle vecchie compagnie (ritrovo quotidiano, nello stesso luogo, ad orari fissi e una forte tendenza allo stazionamento). Questo sembra però più basato su una marcata identità di appartenenza piuttosto che su interessi comuni e forti legami affettivi. Ciò motiva il fatto che il progetto ormai non si muove più solo in orario pomeridiano ma si è adattato alle modalità d incontro dei giovani, incrementando quando necessario - le uscite in orario pre-serale. Il modello d intervento adottato dall equipe, si basa sulla relazione con l utenza e sulla condivisione del quotidiano piuttosto che sul problema specifico da risolvere. L operatore svolge essenzialmente una funzione educativa fondata sull ascolto, l informazione e l orientamento, lavora sullo sviluppo di conoscenze e competenze e sul sostegno all individuo e al gruppo. Dal punto di vista metodologico l unità di strada utilizza il modello Mappatura - Contatto - Rapporto. Mappatura in itinere osservazione partecipata - Osservazione senza camper / Osservazione con il camper e scelta dei luoghi sosta Il lavoro di mappatura (monitoraggio in itinere sull aerea fiorentina dei contesti diurni e preserali) attraverso l osservazione, mira a tracciare l evoluzione del territorio sia in senso quantitativo (aumento e diminuzione dei gruppi), sia qualitativo (tipo di contatto che si ha con il gruppo) e spazio temporale (spostamenti temporanei o stabili di gruppi in altri territori). Il lavoro così strutturato consente d intercettare i cambiamenti più rilevanti rispetto all uso di sostanze all interno dei circuiti dell aggregazione giovanile. Contemporanea all intervento sul campo sarà l azione di ricerca e analisi dei comportamenti a rischio diffusi fra adolescenti e giovani. L azione di ricerca, basata sulla raccolta e l analisi delle esperienze degli adolescenti, mira a fornire un contributo, basato sull esperienza concreta degli operatori, alla definizione dei modelli di consumo e dei comportamenti a rischio, in continua evoluzione, dei giovani dell area fiorentina. Contatto con i gruppi informali presenti sul territorio - Selezione e frequentazione (giri strutturati nei giorni e orari) - Presentazione degli operatori e del camper In generale il camper attira i ragazzi e desta curiosità viste le sue dimensioni e la sua colorata appartenenza. La sua presenza con i gruppi permette un veloce contatto anche se talvolta questa Pagina 2 di 11

3 può causare una accelerazione nella relazione che spiazza un po i tempi naturali che sono di almeno un mese circa di frequentazione stabile. Alcune volte, dopo la fase di mappatura, l equipe propone e promuove sul territorio micro-eventi finalizzati ad osservare la reazione dei ragazzi rispetto alle attività offerte ed a pubblicizzare la presenta degli operatori sul territorio Consolidamento delle relazioni tramite delle attività non strutturate La nascita di una relazione significativa con un gruppo (o con alcuni dei suoi componenti), sta a significare che il gruppo ha permesso l avvicinamento dell adulto-operatore. Spesso i gruppi studiano le reazioni degli operatori, soprattutto di fronte alle provocazioni, e decidono se accettarne la presenza o meno. Non è più una novità, data l esperienza del personale in strada, che proprio i gruppi più ostici al contatto e che hanno manifestato una certa diffidenza, si rivelano nel tempo quelli che usufruiscono più di altri delle occasioni offerte. Gli operatori lavorano con i gruppi informali favorendo l autonomia, la costruzione di un identità positiva attraverso la valorizzazione della socialità, della creatività e delle forme di espressività tipiche della cultura giovanile. (musica, arte, comunicazione multimediale, sport, ecc). Nascita di laboratori semi-strutturati, creazione di eventi In base allo sviluppo della relazione con i gruppi informali, l equipe struttura dei micro progetti che tengono conto dei bisogni emersi e delle peculiarità delle varie compagnie del territorio. L equipe attiva dei percorsi educativi e formativi che hanno l obiettivo di potenziare la creatività e le competenze dei ragazzi: essi rappresentano una risorsa del territorio da supportare durante la promozione di eventi o iniziative di loro interesse. Strumenti specifici il Camper La scelta degli strumenti cade principalmente sulla musica, sul video, sulle applicazioni multimediali e sulla giocoleria. La forza del camper sta nel suo trasformarsi in un contenitore ricco di attività ed esperienze, dove i ragazzi possono usufruire di diversi materiali e tecnologie. Materiale informativo Al suo interno si trova materiale per informazione/prevenzione sulle sostanze stupefacenti e sulle malattie sessualmente trasmesse (depliant, video, ipertesti, preservativi). Musica Per quanto riguarda la musica il camper è attrezzato con un impianto stereofonico dotato di lettore Cd, doppia piastra di registrazione, sintonizzatore radio, amplificatore e mixer per la gestione di ingressi e uscite. Multimedia Sul camper è presente un televisore al quale è possibile attaccare un video registratore per la visione di video cassette e/o una telecamera per la presa diretta. Con la telecamera digitale è possibile realizzare video amatoriali a carattere documentativo e artistico la cui definizione è possibile In altra sede attraverso pc e un sistema digitale di montaggio. Con il computer sono stati realizzati anche prodotti Ipertestuali. Attività ludiche Il camper, dotato di 2 tavoli e divanetti, è una struttura vivibile al suo interno non solo per ascoltare e fare musica, vi sono infatti libri, giochi da tavolo per diverse età, materiale di cancelleria per il disegno e attività di tipo creativo, pitture vegetali per il body painting. Per l'attività ludica vi è un pallone da calcio e attrezzistica per la giocoleria: palline, clavette, Diablo, monocicli, corde. Contatto e coordinamento dell attività con le risorse presenti sul territorio e le altre unità di strada Pagina 3 di 11

4 Il camper inoltre, supporta il lavoro delle equipe presenti sui territori in eventi ed occasioni di animazione territoriale e, in questo modo, aiuta ad espandere il raggio di azione e i contatti degli operatori. Descrizione delle linee guida di intervento Un modello integrato d intervento L evoluzione dei modelli di consumo di sostanze da parte dei giovani - verso il policonsumo e la trasversalità nei diversi contesti di vita - e contemporaneamente la riduzione dei servizi di Quartiere nel territorio fiorentino, impone la necessità di proporre un nuovo modello di servizio che coniughi azioni integrate su diversi livelli d intervento (lavoro di strada, attività di prevenzione primaria delle dipendenze, progetti di peer education, focus group con gruppi di consumatori, consulenze di orientamento sugli stili di vita e percorsi psicologici per giovani con problemi di uso e abuso di sostanze) e nello stesso tempo agisca capillarmente su tutta l area metropolitana fiorentina. Si ritiene infatti prioritario prevedere un circuito integrato di interventi in cui i diversi progetti di prevenzione attivati in quest area vadano a costituire un sistema in grado di rispondere in modo adeguato ad esigenze e bisogni anche molto diversi. Si evidenzia l importanza di mantenere una presenza molteplice nei diversi contesti di vita dei giovani attraversando i contesti di aggregazione giovanili, da quelli più formali come la scuola a quelli meno formali come le feste e gli eventi. La necessità di arrivare ad una prospettiva di integrazione tra interventi locali diversi componendo e sostenendo un sistema di progetti rispetto ad aree territoriali vicine e connesse (come i Quartieri del Comune di Firenze) rappresenta uno dei primi punti su cui costruire un percorso di innovazione nel modello di servizio. Non ci si può più limitare a considerare l operatività dei progetti rispetto ad un territorio limitato o ad un utenza locale residente, ma si devono prendere in considerazione gli spostamenti dei gruppi giovanili rispetto ad occasioni ed eventi significativi, che si realizzano fuori del loro territorio. Le èquipes di progetto devono considerare la necessità di integrarsi con altre èquipes vicine, confrontando letture di fenomeni e prospettive metodologiche operative. I modelli da cui trarre ispirazione sono molteplici, non certo numerosi specialmente in Italia, ma utili per individuare dei riferimenti da sviluppare. Le caratteristiche comuni tra loro sono: la bassa soglia di accesso, il lavoro in rete stretto con altri servizi di prevenzione e con i servizi specialistici e di diversa utilità, l informalità dell approccio e la leggerezza del servizio, ambientazioni e orari adeguati. Attualmente il modello d intervento che si propone con il presente progetto si struttura su alcuni elementi: - La molteplicità della presenza nei vari contesti - L atteggiamento esplorativo e la logica di ricerca - La continuità dei linguaggi - Un atteggiamento concreto che prevede la possibilità di attivare interventi di soglia molto bassa che non hanno timore di spingersi in area sanitaria - La possibilità di connettere contesti diversi, e di mettere in relazione situazioni e popolazioni diverse - La valorizzazione di risorse naturalmente presenti nei contesti Nomina del responsabile area e coordinatore del servizio Responsabile area: Stefano Bertoletti; coordinatore del servizio: Vanessa Giardi Definizione delle competenze (equipe di lavoro) Pagina 4 di 11

5 Risorse umane Programmate/impiegate 4 Educatori esperti nel lavoro di educativa territoriale, di gestione di gruppi giovanili e di prevenzione del disagio Federica Gamberale, Sara Contanessi, Giacomo Del Sala, Arianna Del Guerra 1 Coordinatore di programma con precedenti esperienze lavorative nel settore e in ambito di gestione e coordinamento di progetti di intervento Vanessa Giardi Collaborazioni Progetto Centro Java Progetto Interzone Progetto Extreme Progetto Outsiders Educatori di Strada presenti sul Q1 1.2 Destinatari del servizio Il progetto si rivolge ad adolescenti e giovani. In particolare a: - gruppi giovanili informali presenti in strada nel territorio di Firenze - giovani che frequentano gli Istituti scolastici del Comune di Firenze - giovani che frequentano luoghi, locali ed eventi di intrattenimento sul territorio fiorentino. 1.4 Sinergie sviluppate Storia del servizio Soggetto pubblico titolare: Comune di Firenze Soggetto pubblico gestore: Comune di Firenze Soggetto attuatore: C.A.T. Cooperativa Sociale Codice identificativo progetto: PSW Dal 2003 L U.O. Salute Mentale e Dipendenze del Comune di Firenze finanzia e promuove il progetto Street workers gestito da educatori della Cooperativa Sociale C.A.T. Street Workers è attivo in diversi quartieri di Firenze ed è rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 14 e i 25 anni. Il servizio è supportato da un camper che permette il contatto con i gruppi nei diversi contesti di aggregazione (circoli, giardini, bar, piazze, scuole etc..). Il progetto prevede inoltre diversi tipi di intervento presso varie scuole medie superiori presenti sul territorio fiorentino in accordo e con la collaborazione delle scuole stesse. Nel 2003 sono iniziate le collaborazioni con l Istituto d Arte di Porta Romana, Istituto per i Serv Sociali E Morante, Istituti Tecnici G Peano, A Meucci, Liceo Classico Machiavelli, Istituto della SS Annunziata, Istituto Alberghiero Buontalenti. Gli interventi concordati con le scuole consistono in attività rivolte al gruppo-classe laddove richiesto, o iniziative di informazione-animazione all esterno della scuola, con l ausilio di un camper e sono mirati alla prevenzione delle dipendenze e dei comportamenti a rischio. Gli operatori del progetto Street workers offrono agli studenti uno spazio di ascolto, discussione e informazione sulle tematiche inerenti l uso di sostanze: l obiettivo è quello di promuovere strategie di autoprotezione dei ragazzi sulla base di informazioni corrette e aggiornate, tenendo conto della loro esperienza e delle culture giovanili. La particolare presenza degli Operatori di Strada, facilita i processi di comunicazione e di confronto tra i ragazzi, attraverso una modalità operativa di tipo informale, caratteristica della professionalità e delle esperienze di questi operatori. I progetti realizzati all interno degli Istituti, hanno visto in più di un occasione, la collaborazione tra operatori con esperienze diverse del servizio pubblico e del privato sociale: operatori del Ser.T Pagina 5 di 11

6 (Ser.T 2 Fi Centro ASL 10), di Unità di Strada (Progetto Street workers), di Centri Giovani (Progetto Centro Java). Finanziamenti 1995: Progetto Vivere (95/96 Ricerca Dance, 97 Progetto Dance) 1997: Progetto Sulphur 1999: Progetto Dromos Interzone Attraversamenti techno 2001: Progetto Tam Tam Interzone 2002: Tam Tam musica Interzone Peer 2003: Street workers (assorbe Prog In Onda Asl 10c Q3, Prog 33 Asl 10c Q4) 2004: settembre 04 - settembre 05: Street workers - Tracce tra percorsi giovanili (PIRS 2003) Street workers Tracce tra percorsi giovanili, rappresenta lo sviluppo in itinere del lavoro svolto sul territorio fiorentino iniziato con il Progetto Vivere (Q2 e 5) e consolidato negli anni attraverso i progetti successivi. La logica che guida questa proposta progettuale punta allo sviluppo di interventi che siano in grado di raggiungere la popolazione giovanile sul territorio, di entrarvi in contatto con metodologie di lavoro che ristrutturino il rapporto eccessivamente formalizzato e frammentato che i giovani hanno con la compagine istituzionale. Gli interventi, dal 96 ad oggi, hanno offerto delle appendici mobili all assetto tradizionale dei servizi in grado di estenderne la portata e nello stesso tempo di ricevere aggiornamento sui fenomeni in vivo per ristrutturare alcune offerte rendendole più fruibili e partecipate. I progetti hanno sempre utilizzato figure professionali come gli Operatori di strada che, oltre ad essere il fulcro di molte delle strategie di prevenzione, rappresentano sempre di più il primo anello degli interventi finalizzati alla promozione e messa in rete delle agenzie socio-educative territoriali. Da settembre 04 il progetto Street workers porta avanti il lavoro nei contesti del divertimento notturno attivato nel 1996 dall intervento Dance e proseguito dal 1999 con il progetto "InterZone - Attraversamenti techno". L intervento Dance aveva come finalità la realizzazione di attività di ricerca e di intervento riguardo al consumo di droghe di sintesi nei contesti di aggregazione giovanile in cui tale consumo risultava più evidente e massiccio: prevalentemente discoteche di Tendenza, feste After hours, rave parties e rave illegali. Il progetto Interzone ha proseguito le attività di monitoraggio, di informazione e riduzione dei rischi nei contesti di consumo delle droghe di sintesi, ed ha esteso il suo raggio di azione nel contesto dei servizi, pubblici e privati, che si occupano di giovani, al fine di renderli più competenti nel trattare le problematiche specifiche di questo tipo di consumatori. Street workers presenta un articolazione di interventi diversi che partono dalla presenza dell equipe di lavoro nei contesti di consumo, già sperimentata negli anni precedenti. Il progetto si propone di realizzare: mappatura in itinere dei contesti notturni più rilevanti rispetto all'uso e all'abuso di nuove droghe contatto e realizzazione di campagne informative mirate sui rischi connessi all'uso di sostanze (legali ed illegali) realizzazione di azioni volte alla riduzione dei rischi e dei danni connessi all'uso di sostanze nei locali e nei contesti di ballo: distribuzione di acqua o bibite analcoliche (prevenzione del colpo di calore) contatto e realizzazione di campagne informative mirate sui rischi connessi alla diffusione del virus da HIV e delle MTS contatto e prima consulenza ai consumatori di sostanze promozione della visibilità di servizi in grado di accogliere domande specifiche di questo tipo di consumatori monitoraggio del fenomeno "uso ed abuso" all'interno dei circuiti dell'aggregazione giovanile diurna e notturna Pagina 6 di 11

7 2005: ottobre 05 febbraio 06 Progetto Street workers 2006: agosto 06 agosto 07 Progetto Street workers 2007: settembre dicembre 2007 Progetto Street workers 2008: aprile 08 aprile 09 da definire Linee di sviluppo Zone periferiche della città che rappresentano ancora luoghi di ritrovo di gruppi giovanili (Q2, Q5). Si tratta infatti di realtà che, pur includendo zone di marginalità sociale, sono rimaste più scoperte in seguito alla riduzione dei servizi di Quartiere per i giovani. L equipe promuoverà azioni di informazione sugli effetti e rischi delle sostanze stupefacenti, consulenza informale sulle problematiche inerenti il consumo di droghe. Q1 Centro storico: in generale, il centro storico della città è un contesto d osservazione privilegiato nel quale si sviluppano o si modificano le relazioni tra gruppi che vivono, più di altri, la strada. Un esempio rilevante è rappresentato dalla zona della stazione che nell ultimo periodo vede la presenza di giovanissimi (circa 18/19 anni) che stanno sperimentando la vita in strada. Non si tratta di punkabbestia classici ma di ragazzi consumatori di sostanze, problematici e non che è difficile collocare all interno di un target specifico. L obiettivo è quello di contattare i ragazzi creando un collegamento con il Centro Java all interno del quale creare una rete di relazioni più approfondite in modo da comprendere cosa ha mosso la scelta di vivere in strada per poi rintracciare e rispondere adeguatamente ai bisogni. Verranno inoltre svolte attività per la promozione e la facilitazione dell accesso ai servizi territoriali della rete socia-sanitaria anche attraverso azioni di accompagnamento e sostegno. Uscite pre-serali in alcune piazze del centro storico (S Croce, S Spirito, ecc.) nel periodo primavera estate (aprile-luglio 2008). In particolare saranno analizzati i luoghi e i contesti di intrattenimento degli adolescenti e i giovani e le modalità d uso degli spazi, proponendo interventi d informazione e prevenzione e la somministrazione di alcoltest. Sarà utilizzato come ausilio il Camper messo a disposizione dal Comune, che costituirà anche un supporto per le attività animative. Le campagne informative mirate al target sui rischi connessi all uso di sostanze legali e illegali e alle malattie a trasmissione sessuali, si svolgeranno anche attraverso l organizzazione di micro eventi in collaborazione con altre èquipe di operatori che lavorano sul territorio. Presenza del camper all esterno degli istituti scolastici: gli operatori allestiscono, con l ausilio del camper, un punto informativo nelle vicinanze dell ingresso principale degli Istituti, dove i ragazzi possano reperire materiale di vario genere: da informazioni sui rischi legati all uso di sostanze e sulle malattie a trasmissione sessuale, a materiale sui servizi rivolti ai giovani presenti sul territorio.sarà inoltre utilizzata la strumentazione multimediale che permette di ascoltare musica, proiettare video, consultare ipertesti. Nell arco della mattinata gli operatori presenti, rimarranno a disposizione dei ragazzi interessati ad approfondire tematiche legate al consumo di sostanze stupefacenti, o semplicemente alla ricerca di una forma di discussione con una figura adulta diversa dall insegnante. Il camper, spesso conosciuto da diversi ragazzi, favorisce il contatto e il dialogo tra operatori e studenti. Interventi di sensibilizzazione sulle dipendenze nelle scuole rivolti al gruppo-classe; partecipazione a momenti assembleari. Attraverso la collaborazione con gli insegnanti e operatori dell Azienda Sanitaria sono previsti interventi specifici nelle Scuole Medie Superiori del territorio fiorentino. Gli interventi concordati con le scuole consistono in attività rivolte al classe mirate alla prevenzione delle dipendenze e del consumo a rischio. Gli operatori del progetto offrono agli studenti uno spazio di ascolto, discussione e informazione sulle tematiche inerenti Pagina 7 di 11

8 l uso di sostanze: l obiettivo è quello di promuovere strategie di autoprotezione dei ragazzi sulla base di informazioni corrette e aggiornate, tenendo conto della loro esperienza e delle culture giovanili. La particolare presenza degli Operatori di Strada, facilita i processi di comunicazione e di confronto tra i ragazzi, attraverso una modalità operativa di tipo informale, caratteristica della professionalità e delle esperienze di questi operatori. I progetti saranno realizzati attraverso la collaborazione tra operatori con esperienze diverse del servizio pubblico e del privato sociale: operatori del Ser.T (Ser.T 2 Fi Centro ASL 10), di Unità di Strada di Centri Giovani (Centro Giovani Java). Gli interventi nelle Scuole superiori saranno anche utilizzati per promozione delle attività svolte nel centro Java (corsi video e dj, consulenze psicologiche rivolte agli adolescenti). 1.5 Obiettivo del servizio Definizione degli indicatori L equipe è responsabile della stesura di un report periodico relativo alle attività del servizio (attraverso gli strumenti del verbale delle riunioni e la scheda di fine uscita): Andamento generale del progetto Interventi realizzati (dettagli quantitativi, contenuti qualitativi) Le relazioni vengono consegnate sia al responsabile d area della Coop Cat che al referente della committenza per . Comunicazioni Le comunicazioni tra i componenti dell èquipe avvengono soprattutto in fase di riunione, quindi messe a verbale. Altre comunicazioni avvengono via o via cellulare (utenza coordinatore ed utenza èquipe). Le comunicazioni indirizzate all esterno (ad esempio verso il committente) vengono protocollate nell apposito registro ed inviate all indirizzo desiderato. Finalità e obiettivi - Promuovere informazioni corrette sull abuso di sostanze legali e illegali - Promuovere conoscenze adeguate sui rischi conosciuti derivanti dall abuso e dall uso improprio delle stesse - Accrescere le conoscenze sulle malattie sessualmente trasmesse e sui comportamenti a rischio - Accrescere la percezione del rischio e promuovere comportamenti di maggiore protezione e rispetto delle differenze individuali - Promuovere azioni di riflessione e sensibilizzazione su tematiche specifiche attraverso la formazione di gruppi di pari - Facilitare l individuazione delle domande giovanili emergenti rispetto ai Servizi a loro rivolti : Sert, Centri per la consulenza ad adolescenti, Centri giovani, appartenenti al Pubblico e al Privato Sociale. - Promuovere la visibilità dei servizi attraverso campagne informative dedicate al mondo giovanile. Risultati attesi Miglioramento dei rapporti tra i Servizi Pubblici e popolazione giovanile Sviluppo da parte dei referenti dei servizi di modalità di accoglienza adeguate alle domande giovanili Aumento dei contatti con i servizi dei giovani che esprimono domande e richieste di aiuto Aumento della circolazione di informazioni sui rischi legati all uso di sostanze stupefacenti (rischi sanitari, legali, stili di vita) Pagina 8 di 11

9 Aumento della circolazione di informazioni sulle modalità di contagio HIV (promozione dell uso del profilattico e comportamenti sicuri) Promozione di esperienze di aggregazione e di autogestione con il mezzo mobile nei gruppi informali presenti sul territorio in collegamento con le agenzie educative e di intrattenimento Miglioramento della comunicazione tra sistemi formali e informali di aiuto, consulenza, cura (prendersi cura) Aumento dei comportamenti di auto tutela rispetto all uso di sostanze e comportamenti a rischio dei gruppi con cui gli operatori vengono in contatto. Rapporti con i committenti Il Comune di Firenze ha delegato un proprio collaboratore con un ruolo di referente per il progetto. Tale figura ha il compito di: Partecipare a riunioni periodiche per discutere, analizzare, elaborare strategie consone al lavoro in oggetto. L organigramma di cui si compone CAT Coop Sociale è indicativo dei ruoli e delle mansioni delle varie figure, anche in relazione ai committenti dei vari progetti. La relazione con il committente del progetto è curata all occorrenza sia dal coordinatore tecnico, sia dal responsabile d area, che agiscono in collaborazione per il corretto svolgimento ed assetto dell intervento nell ambito in cui si colloca. Pagina 9 di 11

10 Pagina 10 di 11

11 Per presa visione Nome operatore data firma Vanessa Giardi Pagina 11 di 11

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Progetto. Prevenzione selettiva in materia di nuove droghe Finanziamento: Euro 146.790,00

Progetto. Prevenzione selettiva in materia di nuove droghe Finanziamento: Euro 146.790,00 Ministero della Solidarietà Sociale ACCORDO, AI SENSI DELL ART. 4 DEL DECRETO LEGISLATIVO 28 AGOSTO 1997, N. 281, CONCERNENTE UN PROGRAMMA DI COLLABORAZIONE TRA IL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE,

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI

RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI INTEGRAZIONE, ORIENTAMENTO E BUONE PRASSI RUOLO CENTRALE DEL DS NELL ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DISABILI COME SENSIBILIZZARE E RESPONSABILIZZARE I DIRIGENTI L iscrizione degli alunni con certificazione L.104

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA

FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA FABIO VERLATO COMUNE DI PADOVA PADOVA MEETEEN- GRANDI SI DIVENTA PREMESSA La partecipazione ad attività extrascolastiche strutturate (organizzazioni sportive, culturali, politiche, di volontariato, giovanili),

Dettagli

Progetto CCM 2006-2012 Guadagnare Salute in Adolescenza- L educazione tra pari per la prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (I.S.T.).

Progetto CCM 2006-2012 Guadagnare Salute in Adolescenza- L educazione tra pari per la prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (I.S.T.). 1 Progetto CCM 2006-2012 Guadagnare Salute in Adolescenza- L educazione tra pari per la prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (I.S.T.). DISTRETTO 40 CORLEONE U.O. Educazione alla salute DISTRETTO

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6

Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 SERVIZIO ADOZIONI ASS6 Progetto regionale Genitorialità fragile e tutela dei minori LA SCUOLA INCONTRA L ADOZIONE Indicazioni e procedure operative tra SCUOLA e SERVIZIO ADOZIONI ASS6 4 Indicazioni e procedure

Dettagli

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione secondaria superiore della città di Cremona ELABORAZIONE

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA 93010 DELIA (CL) Via G. Dolce, 8 - Tel Presidenza 0922-826570 - Tel Segreteria e Fax 0922-820290 - Tel. Sc. Elementare 0922-820289-Tel. Sc Materna

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

PERSONAGGI ED INTERPRETI

PERSONAGGI ED INTERPRETI PERSONAGGI ED INTERPRETI REFERENTE DEL PROGETTO Responsabile Daniela Nocentini Unione Comuni Montani del Casentino Responsabile dei Servizi Sociali Via Roma, n. 203 52014 POPPI Tel. 0575 507258 Fax 0575

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

Carta dei servizi Onda Società Cooperativa Sociale

Carta dei servizi Onda Società Cooperativa Sociale Carta dei servizi 1 INDICE Presentazione...p. 3 Principi fondamentali...p. 3 A chi ci rivolgiamo...p. 4 Il nostro assetto istituzionale: ruoli e funzioni...p. 4 Progetti e Servizi...p. 6 Standard di qualità...

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO GUGLIELMO MARCONI - CONCOREZZO

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO GUGLIELMO MARCONI - CONCOREZZO DATI DESCRITTIVI DEI PARTNER Nome Legale UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO GUGLIELMO MARCONI - CONCOREZZO Acronimo (se presente) Indirizzo Referente del progetto (indicare anche

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

Sviluppo di comunità

Sviluppo di comunità Sviluppo di comunità Rendere la comunità locale un attore del cambiamento sociale S e per comunità si intende un gruppo sociale (comunità locale, scuola, organizzazione, associazione), nel quale relazioni,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: EOS Interventi di

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Fobap Onlus, forte della convinzione che il tempo libero rappresenti qualcosa di determinante nella vita quotidiana di ogni persona, propone per il terzo

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 SCHEDA PROGETTO La linea di finanziamento Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 Titolo del progetto PRESENTE/I PER IL FUTURO Il protagonismo dei giovani

Dettagli

Obiettivi e finalità

Obiettivi e finalità Obiettivi e finalità Il servizio si propone di realizzare interventi di prevenzione e riduzione dei rischi rispetto al consumo di sostanze legali e illegali, nei principali ambiti di frequentazione giovanile

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) LE MALATTIE SESSUALMENTE

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

LE FINALITA DEL PROGETTO

LE FINALITA DEL PROGETTO AMBITO N 5 LE FINALITA DEL PROGETTO La finalità del progetto è quella di organizzare e realizzare interventi mirati in modo da prevenire stili e comportamento a rischio ed innalzare le capacità di comprensione

Dettagli

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI!

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI! Tocca a Noi! è il programma di educazione ambientale che Hera Rimini propone alle Scuole Infanzia e Primarie della Provincia di Rimini per l anno scolastico 2005/2006. Tocca a Noi! nasce in continuità

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 ENNA SERVIZIO NEUROPSICHIATRIA INFANTILE U.O. DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE DISTRETTO AGIRA PROGETTO POLLICINO E L'ORCO Percorsi di prevenzione, di educazione alla salute e di

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano

IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano IL LAVORO CON IL TERRITORIO PER LO SVILUPPO DEGLI INTERVENTI Adozioni nazionali e internazionali: il modello toscano Paolina Pistacchi, Psicologa, Ricercatrice, Istituto degli Innocenti La Regione Toscana

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2

SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 22 All. A/2 Titolo intervento Centro Aggregativo sovra circoscrizionale

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

ASILO NIDO CASCINA LEVADA

ASILO NIDO CASCINA LEVADA UNA GIORNATA TIPO e Il METODO EDUCATIVO ASILO NIDO CASCINA LEVADA 7.30-9.30: accoglienza personalizzata, riferita ai diversi gruppi di età utilizzando le zone appositamente allestite in modo caldo, confortevole

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

ANIMAZIONE DI STRADA

ANIMAZIONE DI STRADA DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE ANIMAZIONE DI STRADA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA

SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA PROGETTO DI PLESSO 2011/12 PROGETTO: La macchina del tempo MOTIVAZIONE La scuola dell infanzia è uno degli ambienti fondamentali in cui il bambino sviluppa le proprie esperienze

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CAOS

PROGETTO GIOVANI CAOS PROGETTO GIOVANI CAOS Cooperativa Sociale Albatros s.c.r.l. ONLUS Sede legale e amministrativa: via Parini, 15-20094 CORSICO (MI) Tel: 02 4470420 Fax: 02 87398283 info@albatroscoop.it www.albatroscoop.it

Dettagli