Manuale di Servizio PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di Servizio PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice"

Transcript

1 PROGETTO STREET WORKERS (PSW) Indice Indice Descrizione 1 Pianificazione del servizio 1.1 Metodologie di intervento (MdiS) - Attività e metodologie previste - Descrizione delle linee guida di intervento - Nomina del responsabile area e coordinatore del servizio - Definizione delle competenze (equipe di lavoro) 1.2 Destinatari del servizio (MdiS) - Descrizione dei destinatari diretti e indiretti del servizio per numero, classe di età, tipo di disagio, capacità etc 1.3 Organizzazione e risorse del servizio (MdiS) - Organizzazione del servizio (fasi di lavoro) - Orari del servizio - Piano di lavoro degli operatori - Codice comportamentale degli operatori - Fornitori di servizi - Strumenti (materiali relazionali valutazione) 1.4 Sinergie sviluppate - Storia del servizio (obiettivi raggiunti, attività realizzate, rete di collaborazioni attivate) - Rete istituzionale (enti e servizi pubblici) interna (servizi propri) esterna (associazioni, coop.)attivata o da attivare sul territorio (allegare lettera di intenti) - Linee di sviluppo (nuovi obiettivi, contatti di rete, attività, strumenti) 1.5 Obiettivo del servizio (MdiS) - Definizione degli obiettivi di qualità del servizio - Definizione degli indicatori (modalità e frequenza di rilevazione dei dati) - Risultati attesi - Rapporti con il committenti 2 Riesame del servizio 2.1 Riunioni di riesame generale del servizio (riunione fra coordinatore e operativi) 3 Verifica del servizio 3.1 Riunioni di verifica del servizio (riunione fra responsabile area e coordinatore servizio) 4 Chiusura e valutazione del servizio 5 Aspetti generali del servizio - Sicurezza Privacy - HACCP Redazione Nome responsabile oggetto firma Redazione Verifica Approvazione Pagina 1 di 11

2 1 Pianificazione del servizio 1.1 Metodologie di intervento Uno dei maggiori punti di forza dell Unità di strada Street workers deriva dal fatto che l equipe di operatori ruota su vari progetti (Centro Java e progetto Interzone, finanziati dal Comune di Firenze, progetto Extreme finanziati dalla Regione Toscana). Questo ha dato l opportunità di avere una visione più completa delle abitudini dei ragazzi con cui l equipe lavora, visto che gli operatori incontrano molti di loro in contesti differenti (ad es la mattina nelle scuole, il pomeriggio nelle piazze o al Centro Java e la sera in luoghi di aggregazione quali feste commerciali o party legati al circuito dei rave e dei festival estivi). In questo modo i ragazzi riconoscono gli operatori come figure di riferimento e hanno la possibilità di confrontarsi con loro nello spazio che ritengono più adeguato alle loro esigenze: l equipe attiva così una rete di servizi che altrimenti rimarrebbe poco visibile. Per questo il progetto si è andato lentamente adattando alle nuove modalità di incontrarsi dei giovani, che spesso tendono a non ritrovarsi più nello stesso luogo quotidianamente come accadeva fino a pochi anni fa ma a spostarsi in piccoli gruppi in base ai propri interessi momentanei. E stato osservato che nelle zone del territorio in cui vi è una forte caratterizzazione popolare, ancora si trovano gruppi informali numerosi con le caratteristiche modalità tipiche delle vecchie compagnie (ritrovo quotidiano, nello stesso luogo, ad orari fissi e una forte tendenza allo stazionamento). Questo sembra però più basato su una marcata identità di appartenenza piuttosto che su interessi comuni e forti legami affettivi. Ciò motiva il fatto che il progetto ormai non si muove più solo in orario pomeridiano ma si è adattato alle modalità d incontro dei giovani, incrementando quando necessario - le uscite in orario pre-serale. Il modello d intervento adottato dall equipe, si basa sulla relazione con l utenza e sulla condivisione del quotidiano piuttosto che sul problema specifico da risolvere. L operatore svolge essenzialmente una funzione educativa fondata sull ascolto, l informazione e l orientamento, lavora sullo sviluppo di conoscenze e competenze e sul sostegno all individuo e al gruppo. Dal punto di vista metodologico l unità di strada utilizza il modello Mappatura - Contatto - Rapporto. Mappatura in itinere osservazione partecipata - Osservazione senza camper / Osservazione con il camper e scelta dei luoghi sosta Il lavoro di mappatura (monitoraggio in itinere sull aerea fiorentina dei contesti diurni e preserali) attraverso l osservazione, mira a tracciare l evoluzione del territorio sia in senso quantitativo (aumento e diminuzione dei gruppi), sia qualitativo (tipo di contatto che si ha con il gruppo) e spazio temporale (spostamenti temporanei o stabili di gruppi in altri territori). Il lavoro così strutturato consente d intercettare i cambiamenti più rilevanti rispetto all uso di sostanze all interno dei circuiti dell aggregazione giovanile. Contemporanea all intervento sul campo sarà l azione di ricerca e analisi dei comportamenti a rischio diffusi fra adolescenti e giovani. L azione di ricerca, basata sulla raccolta e l analisi delle esperienze degli adolescenti, mira a fornire un contributo, basato sull esperienza concreta degli operatori, alla definizione dei modelli di consumo e dei comportamenti a rischio, in continua evoluzione, dei giovani dell area fiorentina. Contatto con i gruppi informali presenti sul territorio - Selezione e frequentazione (giri strutturati nei giorni e orari) - Presentazione degli operatori e del camper In generale il camper attira i ragazzi e desta curiosità viste le sue dimensioni e la sua colorata appartenenza. La sua presenza con i gruppi permette un veloce contatto anche se talvolta questa Pagina 2 di 11

3 può causare una accelerazione nella relazione che spiazza un po i tempi naturali che sono di almeno un mese circa di frequentazione stabile. Alcune volte, dopo la fase di mappatura, l equipe propone e promuove sul territorio micro-eventi finalizzati ad osservare la reazione dei ragazzi rispetto alle attività offerte ed a pubblicizzare la presenta degli operatori sul territorio Consolidamento delle relazioni tramite delle attività non strutturate La nascita di una relazione significativa con un gruppo (o con alcuni dei suoi componenti), sta a significare che il gruppo ha permesso l avvicinamento dell adulto-operatore. Spesso i gruppi studiano le reazioni degli operatori, soprattutto di fronte alle provocazioni, e decidono se accettarne la presenza o meno. Non è più una novità, data l esperienza del personale in strada, che proprio i gruppi più ostici al contatto e che hanno manifestato una certa diffidenza, si rivelano nel tempo quelli che usufruiscono più di altri delle occasioni offerte. Gli operatori lavorano con i gruppi informali favorendo l autonomia, la costruzione di un identità positiva attraverso la valorizzazione della socialità, della creatività e delle forme di espressività tipiche della cultura giovanile. (musica, arte, comunicazione multimediale, sport, ecc). Nascita di laboratori semi-strutturati, creazione di eventi In base allo sviluppo della relazione con i gruppi informali, l equipe struttura dei micro progetti che tengono conto dei bisogni emersi e delle peculiarità delle varie compagnie del territorio. L equipe attiva dei percorsi educativi e formativi che hanno l obiettivo di potenziare la creatività e le competenze dei ragazzi: essi rappresentano una risorsa del territorio da supportare durante la promozione di eventi o iniziative di loro interesse. Strumenti specifici il Camper La scelta degli strumenti cade principalmente sulla musica, sul video, sulle applicazioni multimediali e sulla giocoleria. La forza del camper sta nel suo trasformarsi in un contenitore ricco di attività ed esperienze, dove i ragazzi possono usufruire di diversi materiali e tecnologie. Materiale informativo Al suo interno si trova materiale per informazione/prevenzione sulle sostanze stupefacenti e sulle malattie sessualmente trasmesse (depliant, video, ipertesti, preservativi). Musica Per quanto riguarda la musica il camper è attrezzato con un impianto stereofonico dotato di lettore Cd, doppia piastra di registrazione, sintonizzatore radio, amplificatore e mixer per la gestione di ingressi e uscite. Multimedia Sul camper è presente un televisore al quale è possibile attaccare un video registratore per la visione di video cassette e/o una telecamera per la presa diretta. Con la telecamera digitale è possibile realizzare video amatoriali a carattere documentativo e artistico la cui definizione è possibile In altra sede attraverso pc e un sistema digitale di montaggio. Con il computer sono stati realizzati anche prodotti Ipertestuali. Attività ludiche Il camper, dotato di 2 tavoli e divanetti, è una struttura vivibile al suo interno non solo per ascoltare e fare musica, vi sono infatti libri, giochi da tavolo per diverse età, materiale di cancelleria per il disegno e attività di tipo creativo, pitture vegetali per il body painting. Per l'attività ludica vi è un pallone da calcio e attrezzistica per la giocoleria: palline, clavette, Diablo, monocicli, corde. Contatto e coordinamento dell attività con le risorse presenti sul territorio e le altre unità di strada Pagina 3 di 11

4 Il camper inoltre, supporta il lavoro delle equipe presenti sui territori in eventi ed occasioni di animazione territoriale e, in questo modo, aiuta ad espandere il raggio di azione e i contatti degli operatori. Descrizione delle linee guida di intervento Un modello integrato d intervento L evoluzione dei modelli di consumo di sostanze da parte dei giovani - verso il policonsumo e la trasversalità nei diversi contesti di vita - e contemporaneamente la riduzione dei servizi di Quartiere nel territorio fiorentino, impone la necessità di proporre un nuovo modello di servizio che coniughi azioni integrate su diversi livelli d intervento (lavoro di strada, attività di prevenzione primaria delle dipendenze, progetti di peer education, focus group con gruppi di consumatori, consulenze di orientamento sugli stili di vita e percorsi psicologici per giovani con problemi di uso e abuso di sostanze) e nello stesso tempo agisca capillarmente su tutta l area metropolitana fiorentina. Si ritiene infatti prioritario prevedere un circuito integrato di interventi in cui i diversi progetti di prevenzione attivati in quest area vadano a costituire un sistema in grado di rispondere in modo adeguato ad esigenze e bisogni anche molto diversi. Si evidenzia l importanza di mantenere una presenza molteplice nei diversi contesti di vita dei giovani attraversando i contesti di aggregazione giovanili, da quelli più formali come la scuola a quelli meno formali come le feste e gli eventi. La necessità di arrivare ad una prospettiva di integrazione tra interventi locali diversi componendo e sostenendo un sistema di progetti rispetto ad aree territoriali vicine e connesse (come i Quartieri del Comune di Firenze) rappresenta uno dei primi punti su cui costruire un percorso di innovazione nel modello di servizio. Non ci si può più limitare a considerare l operatività dei progetti rispetto ad un territorio limitato o ad un utenza locale residente, ma si devono prendere in considerazione gli spostamenti dei gruppi giovanili rispetto ad occasioni ed eventi significativi, che si realizzano fuori del loro territorio. Le èquipes di progetto devono considerare la necessità di integrarsi con altre èquipes vicine, confrontando letture di fenomeni e prospettive metodologiche operative. I modelli da cui trarre ispirazione sono molteplici, non certo numerosi specialmente in Italia, ma utili per individuare dei riferimenti da sviluppare. Le caratteristiche comuni tra loro sono: la bassa soglia di accesso, il lavoro in rete stretto con altri servizi di prevenzione e con i servizi specialistici e di diversa utilità, l informalità dell approccio e la leggerezza del servizio, ambientazioni e orari adeguati. Attualmente il modello d intervento che si propone con il presente progetto si struttura su alcuni elementi: - La molteplicità della presenza nei vari contesti - L atteggiamento esplorativo e la logica di ricerca - La continuità dei linguaggi - Un atteggiamento concreto che prevede la possibilità di attivare interventi di soglia molto bassa che non hanno timore di spingersi in area sanitaria - La possibilità di connettere contesti diversi, e di mettere in relazione situazioni e popolazioni diverse - La valorizzazione di risorse naturalmente presenti nei contesti Nomina del responsabile area e coordinatore del servizio Responsabile area: Stefano Bertoletti; coordinatore del servizio: Vanessa Giardi Definizione delle competenze (equipe di lavoro) Pagina 4 di 11

5 Risorse umane Programmate/impiegate 4 Educatori esperti nel lavoro di educativa territoriale, di gestione di gruppi giovanili e di prevenzione del disagio Federica Gamberale, Sara Contanessi, Giacomo Del Sala, Arianna Del Guerra 1 Coordinatore di programma con precedenti esperienze lavorative nel settore e in ambito di gestione e coordinamento di progetti di intervento Vanessa Giardi Collaborazioni Progetto Centro Java Progetto Interzone Progetto Extreme Progetto Outsiders Educatori di Strada presenti sul Q1 1.2 Destinatari del servizio Il progetto si rivolge ad adolescenti e giovani. In particolare a: - gruppi giovanili informali presenti in strada nel territorio di Firenze - giovani che frequentano gli Istituti scolastici del Comune di Firenze - giovani che frequentano luoghi, locali ed eventi di intrattenimento sul territorio fiorentino. 1.4 Sinergie sviluppate Storia del servizio Soggetto pubblico titolare: Comune di Firenze Soggetto pubblico gestore: Comune di Firenze Soggetto attuatore: C.A.T. Cooperativa Sociale Codice identificativo progetto: PSW Dal 2003 L U.O. Salute Mentale e Dipendenze del Comune di Firenze finanzia e promuove il progetto Street workers gestito da educatori della Cooperativa Sociale C.A.T. Street Workers è attivo in diversi quartieri di Firenze ed è rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 14 e i 25 anni. Il servizio è supportato da un camper che permette il contatto con i gruppi nei diversi contesti di aggregazione (circoli, giardini, bar, piazze, scuole etc..). Il progetto prevede inoltre diversi tipi di intervento presso varie scuole medie superiori presenti sul territorio fiorentino in accordo e con la collaborazione delle scuole stesse. Nel 2003 sono iniziate le collaborazioni con l Istituto d Arte di Porta Romana, Istituto per i Serv Sociali E Morante, Istituti Tecnici G Peano, A Meucci, Liceo Classico Machiavelli, Istituto della SS Annunziata, Istituto Alberghiero Buontalenti. Gli interventi concordati con le scuole consistono in attività rivolte al gruppo-classe laddove richiesto, o iniziative di informazione-animazione all esterno della scuola, con l ausilio di un camper e sono mirati alla prevenzione delle dipendenze e dei comportamenti a rischio. Gli operatori del progetto Street workers offrono agli studenti uno spazio di ascolto, discussione e informazione sulle tematiche inerenti l uso di sostanze: l obiettivo è quello di promuovere strategie di autoprotezione dei ragazzi sulla base di informazioni corrette e aggiornate, tenendo conto della loro esperienza e delle culture giovanili. La particolare presenza degli Operatori di Strada, facilita i processi di comunicazione e di confronto tra i ragazzi, attraverso una modalità operativa di tipo informale, caratteristica della professionalità e delle esperienze di questi operatori. I progetti realizzati all interno degli Istituti, hanno visto in più di un occasione, la collaborazione tra operatori con esperienze diverse del servizio pubblico e del privato sociale: operatori del Ser.T Pagina 5 di 11

6 (Ser.T 2 Fi Centro ASL 10), di Unità di Strada (Progetto Street workers), di Centri Giovani (Progetto Centro Java). Finanziamenti 1995: Progetto Vivere (95/96 Ricerca Dance, 97 Progetto Dance) 1997: Progetto Sulphur 1999: Progetto Dromos Interzone Attraversamenti techno 2001: Progetto Tam Tam Interzone 2002: Tam Tam musica Interzone Peer 2003: Street workers (assorbe Prog In Onda Asl 10c Q3, Prog 33 Asl 10c Q4) 2004: settembre 04 - settembre 05: Street workers - Tracce tra percorsi giovanili (PIRS 2003) Street workers Tracce tra percorsi giovanili, rappresenta lo sviluppo in itinere del lavoro svolto sul territorio fiorentino iniziato con il Progetto Vivere (Q2 e 5) e consolidato negli anni attraverso i progetti successivi. La logica che guida questa proposta progettuale punta allo sviluppo di interventi che siano in grado di raggiungere la popolazione giovanile sul territorio, di entrarvi in contatto con metodologie di lavoro che ristrutturino il rapporto eccessivamente formalizzato e frammentato che i giovani hanno con la compagine istituzionale. Gli interventi, dal 96 ad oggi, hanno offerto delle appendici mobili all assetto tradizionale dei servizi in grado di estenderne la portata e nello stesso tempo di ricevere aggiornamento sui fenomeni in vivo per ristrutturare alcune offerte rendendole più fruibili e partecipate. I progetti hanno sempre utilizzato figure professionali come gli Operatori di strada che, oltre ad essere il fulcro di molte delle strategie di prevenzione, rappresentano sempre di più il primo anello degli interventi finalizzati alla promozione e messa in rete delle agenzie socio-educative territoriali. Da settembre 04 il progetto Street workers porta avanti il lavoro nei contesti del divertimento notturno attivato nel 1996 dall intervento Dance e proseguito dal 1999 con il progetto "InterZone - Attraversamenti techno". L intervento Dance aveva come finalità la realizzazione di attività di ricerca e di intervento riguardo al consumo di droghe di sintesi nei contesti di aggregazione giovanile in cui tale consumo risultava più evidente e massiccio: prevalentemente discoteche di Tendenza, feste After hours, rave parties e rave illegali. Il progetto Interzone ha proseguito le attività di monitoraggio, di informazione e riduzione dei rischi nei contesti di consumo delle droghe di sintesi, ed ha esteso il suo raggio di azione nel contesto dei servizi, pubblici e privati, che si occupano di giovani, al fine di renderli più competenti nel trattare le problematiche specifiche di questo tipo di consumatori. Street workers presenta un articolazione di interventi diversi che partono dalla presenza dell equipe di lavoro nei contesti di consumo, già sperimentata negli anni precedenti. Il progetto si propone di realizzare: mappatura in itinere dei contesti notturni più rilevanti rispetto all'uso e all'abuso di nuove droghe contatto e realizzazione di campagne informative mirate sui rischi connessi all'uso di sostanze (legali ed illegali) realizzazione di azioni volte alla riduzione dei rischi e dei danni connessi all'uso di sostanze nei locali e nei contesti di ballo: distribuzione di acqua o bibite analcoliche (prevenzione del colpo di calore) contatto e realizzazione di campagne informative mirate sui rischi connessi alla diffusione del virus da HIV e delle MTS contatto e prima consulenza ai consumatori di sostanze promozione della visibilità di servizi in grado di accogliere domande specifiche di questo tipo di consumatori monitoraggio del fenomeno "uso ed abuso" all'interno dei circuiti dell'aggregazione giovanile diurna e notturna Pagina 6 di 11

7 2005: ottobre 05 febbraio 06 Progetto Street workers 2006: agosto 06 agosto 07 Progetto Street workers 2007: settembre dicembre 2007 Progetto Street workers 2008: aprile 08 aprile 09 da definire Linee di sviluppo Zone periferiche della città che rappresentano ancora luoghi di ritrovo di gruppi giovanili (Q2, Q5). Si tratta infatti di realtà che, pur includendo zone di marginalità sociale, sono rimaste più scoperte in seguito alla riduzione dei servizi di Quartiere per i giovani. L equipe promuoverà azioni di informazione sugli effetti e rischi delle sostanze stupefacenti, consulenza informale sulle problematiche inerenti il consumo di droghe. Q1 Centro storico: in generale, il centro storico della città è un contesto d osservazione privilegiato nel quale si sviluppano o si modificano le relazioni tra gruppi che vivono, più di altri, la strada. Un esempio rilevante è rappresentato dalla zona della stazione che nell ultimo periodo vede la presenza di giovanissimi (circa 18/19 anni) che stanno sperimentando la vita in strada. Non si tratta di punkabbestia classici ma di ragazzi consumatori di sostanze, problematici e non che è difficile collocare all interno di un target specifico. L obiettivo è quello di contattare i ragazzi creando un collegamento con il Centro Java all interno del quale creare una rete di relazioni più approfondite in modo da comprendere cosa ha mosso la scelta di vivere in strada per poi rintracciare e rispondere adeguatamente ai bisogni. Verranno inoltre svolte attività per la promozione e la facilitazione dell accesso ai servizi territoriali della rete socia-sanitaria anche attraverso azioni di accompagnamento e sostegno. Uscite pre-serali in alcune piazze del centro storico (S Croce, S Spirito, ecc.) nel periodo primavera estate (aprile-luglio 2008). In particolare saranno analizzati i luoghi e i contesti di intrattenimento degli adolescenti e i giovani e le modalità d uso degli spazi, proponendo interventi d informazione e prevenzione e la somministrazione di alcoltest. Sarà utilizzato come ausilio il Camper messo a disposizione dal Comune, che costituirà anche un supporto per le attività animative. Le campagne informative mirate al target sui rischi connessi all uso di sostanze legali e illegali e alle malattie a trasmissione sessuali, si svolgeranno anche attraverso l organizzazione di micro eventi in collaborazione con altre èquipe di operatori che lavorano sul territorio. Presenza del camper all esterno degli istituti scolastici: gli operatori allestiscono, con l ausilio del camper, un punto informativo nelle vicinanze dell ingresso principale degli Istituti, dove i ragazzi possano reperire materiale di vario genere: da informazioni sui rischi legati all uso di sostanze e sulle malattie a trasmissione sessuale, a materiale sui servizi rivolti ai giovani presenti sul territorio.sarà inoltre utilizzata la strumentazione multimediale che permette di ascoltare musica, proiettare video, consultare ipertesti. Nell arco della mattinata gli operatori presenti, rimarranno a disposizione dei ragazzi interessati ad approfondire tematiche legate al consumo di sostanze stupefacenti, o semplicemente alla ricerca di una forma di discussione con una figura adulta diversa dall insegnante. Il camper, spesso conosciuto da diversi ragazzi, favorisce il contatto e il dialogo tra operatori e studenti. Interventi di sensibilizzazione sulle dipendenze nelle scuole rivolti al gruppo-classe; partecipazione a momenti assembleari. Attraverso la collaborazione con gli insegnanti e operatori dell Azienda Sanitaria sono previsti interventi specifici nelle Scuole Medie Superiori del territorio fiorentino. Gli interventi concordati con le scuole consistono in attività rivolte al classe mirate alla prevenzione delle dipendenze e del consumo a rischio. Gli operatori del progetto offrono agli studenti uno spazio di ascolto, discussione e informazione sulle tematiche inerenti Pagina 7 di 11

8 l uso di sostanze: l obiettivo è quello di promuovere strategie di autoprotezione dei ragazzi sulla base di informazioni corrette e aggiornate, tenendo conto della loro esperienza e delle culture giovanili. La particolare presenza degli Operatori di Strada, facilita i processi di comunicazione e di confronto tra i ragazzi, attraverso una modalità operativa di tipo informale, caratteristica della professionalità e delle esperienze di questi operatori. I progetti saranno realizzati attraverso la collaborazione tra operatori con esperienze diverse del servizio pubblico e del privato sociale: operatori del Ser.T (Ser.T 2 Fi Centro ASL 10), di Unità di Strada di Centri Giovani (Centro Giovani Java). Gli interventi nelle Scuole superiori saranno anche utilizzati per promozione delle attività svolte nel centro Java (corsi video e dj, consulenze psicologiche rivolte agli adolescenti). 1.5 Obiettivo del servizio Definizione degli indicatori L equipe è responsabile della stesura di un report periodico relativo alle attività del servizio (attraverso gli strumenti del verbale delle riunioni e la scheda di fine uscita): Andamento generale del progetto Interventi realizzati (dettagli quantitativi, contenuti qualitativi) Le relazioni vengono consegnate sia al responsabile d area della Coop Cat che al referente della committenza per . Comunicazioni Le comunicazioni tra i componenti dell èquipe avvengono soprattutto in fase di riunione, quindi messe a verbale. Altre comunicazioni avvengono via o via cellulare (utenza coordinatore ed utenza èquipe). Le comunicazioni indirizzate all esterno (ad esempio verso il committente) vengono protocollate nell apposito registro ed inviate all indirizzo desiderato. Finalità e obiettivi - Promuovere informazioni corrette sull abuso di sostanze legali e illegali - Promuovere conoscenze adeguate sui rischi conosciuti derivanti dall abuso e dall uso improprio delle stesse - Accrescere le conoscenze sulle malattie sessualmente trasmesse e sui comportamenti a rischio - Accrescere la percezione del rischio e promuovere comportamenti di maggiore protezione e rispetto delle differenze individuali - Promuovere azioni di riflessione e sensibilizzazione su tematiche specifiche attraverso la formazione di gruppi di pari - Facilitare l individuazione delle domande giovanili emergenti rispetto ai Servizi a loro rivolti : Sert, Centri per la consulenza ad adolescenti, Centri giovani, appartenenti al Pubblico e al Privato Sociale. - Promuovere la visibilità dei servizi attraverso campagne informative dedicate al mondo giovanile. Risultati attesi Miglioramento dei rapporti tra i Servizi Pubblici e popolazione giovanile Sviluppo da parte dei referenti dei servizi di modalità di accoglienza adeguate alle domande giovanili Aumento dei contatti con i servizi dei giovani che esprimono domande e richieste di aiuto Aumento della circolazione di informazioni sui rischi legati all uso di sostanze stupefacenti (rischi sanitari, legali, stili di vita) Pagina 8 di 11

9 Aumento della circolazione di informazioni sulle modalità di contagio HIV (promozione dell uso del profilattico e comportamenti sicuri) Promozione di esperienze di aggregazione e di autogestione con il mezzo mobile nei gruppi informali presenti sul territorio in collegamento con le agenzie educative e di intrattenimento Miglioramento della comunicazione tra sistemi formali e informali di aiuto, consulenza, cura (prendersi cura) Aumento dei comportamenti di auto tutela rispetto all uso di sostanze e comportamenti a rischio dei gruppi con cui gli operatori vengono in contatto. Rapporti con i committenti Il Comune di Firenze ha delegato un proprio collaboratore con un ruolo di referente per il progetto. Tale figura ha il compito di: Partecipare a riunioni periodiche per discutere, analizzare, elaborare strategie consone al lavoro in oggetto. L organigramma di cui si compone CAT Coop Sociale è indicativo dei ruoli e delle mansioni delle varie figure, anche in relazione ai committenti dei vari progetti. La relazione con il committente del progetto è curata all occorrenza sia dal coordinatore tecnico, sia dal responsabile d area, che agiscono in collaborazione per il corretto svolgimento ed assetto dell intervento nell ambito in cui si colloca. Pagina 9 di 11

10 Pagina 10 di 11

11 Per presa visione Nome operatore data firma Vanessa Giardi Pagina 11 di 11

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE

SCHEDA PROGETTO ALLEGATO ALL ACCORDO TERRITORIALE DI GENERE Pag 1 di 10 Provincia Progetto n. 1 Siena DATI DI SINTESI Titolo progetto : Relazioni di genere: dall infanzia all adolescenza 3 Acronimo: ReGen 3 Durata progetto: Anno scolastico 2013/2014 Costo complessivo

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli