Sicurezza nei laboratori di radiochimica: radiazioni ionizzanti, dosimetria delle radiazioni e radioprotezione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza nei laboratori di radiochimica: radiazioni ionizzanti, dosimetria delle radiazioni e radioprotezione"

Transcript

1 Università degli Studi di Udine Sicurezza nei laboratori di radiochimica: radiazioni ionizzanti, dosimetria delle radiazioni e radioprotezione Faustino Bonutti Fisica Sanitaria, Az. Ospedaliero-Universitaria S.Maria della Misericordia di Udine 27 gennaio Contenuti Radiazioni ionizzanti Caratteristiche delle macchine radiogene e dei radionuclidi impiegati nei laboratori dell università Elementi di radiobiologia Grandezze dosimetriche, unità di misura e metodi di misura Principi di radioprotezione Normativa di radioprotezione Prevenzione e protezione nei laboratori impieganti sorgenti radioattive sigillate e non sigillate Radioprotezione e sistema di prevenzione d ateneo 2

2 PERDITA DI VITA ATTESA Causa Vita persa (tempo) Fumare 20 sigarette al giorno anni Sovrappeso (+ 15%) anni Consumo di alcool (media USA)..1 anni Incidente in agricoltura giorni Incidente in edilizia giorni Incidente d auto giorni Incidenti domestici giorni Dose da radiazioni lavorative (10 msv/a) da anni (totale 470 msv).51 giorni Pericoli naturali (terremoti, fulmini, allagamenti))....7 giorni 3 Contenuti Radiazioni ionizzanti Caratteristiche delle macchine radiogene e dei radionuclidi impiegati nei laboratori dell università Elementi di radiobiologia Grandezze dosimetriche, unità di misura e metodi di misura Principi di radioprotezione Normativa di radioprotezione Prevenzione e protezione nei laboratori impieganti sorgenti radioattive sigillate e non sigillate Radioprotezione e sistema di prevenzione d ateneo 4

3 RADIAZIONI ionizzanti massa >0 massa = 0 IONIZZAZIONE elettrone (-) fotone o particella ionizzante URTO (ione negativo) fotone o particella ionizzante Coppia di ioni (+) ione positivo

4 Radiazioni direttamente ionizzzanti Le particelle cariche ionizzano in modo diretto gli atomi e le molecole: si dicono essere direttamente ionizzanti: elettroni secondari e - e - elettrone primario e - e - e - e - e - e - e e - - atomi del mezzo Radiazioni indirettamente ionizzzanti I fotoni ionizzano in modo indiretto gli atomi e le molecole: si dicono essere indirettamente ionizzanti: γ fotone elettrone secondario e - e - e - e - e - e - e - e e - - γ atomi del mezzo

5 Radiazioni direttamente ed indirettamente ionizzzanti In effetti i raggi γ ed i raggi X producono anche ionizzazioni dirette, ma il loro numero rispetto a quelle prodotte dagli elettroni secondari è talmente piccolo che è giustificato chiamarli indirettamente ionizzanti. Ad esempio: ogni elettrone prodotto da un fotone da 50 kev in acqua produce a sua volta 1500 elettroni! Fotoni

6 Spettro elettromagnetico Range visibile: luce Radiazione elettromagnetica monocromatica: unica λ Radiazioni ionizzanti Raggi X (diffrattometri,..) Sostanze radioattive Sigillate (Ni-63, gascromatografo) Non sigillate (laboratori di radiochimica) 4 2 α ++ Alpha Carta Plastica PiomboCemento 0 1 β Beta 0 0 γ Raggi X e Gamma 1 0 n Neutroni 12

7 Produzione dei raggi X Tubo radiogeno: dispositivo per la generazione di raggi X di bassa-media energia (ddp di accelerazione degli elettroni fino a 300 kv) Generatore: circuito che fornisce l alta tensione al tubo radiogeno N N n 1 n 2 n 3 n(e) E 1 E2 E3 Ψ E n 1 E 1 n2 E 2 n 3 E 3 E1 E 2 E 3 Bremsstrahlung Ψ spectrum E E max Componenti del tubo radiogeno Catodo: filamento riscaldato sorgente di elettroni che vengono accelerati verso l anodo Anodo (tipicamente in tungsteno): (fisso o rotante): investito dagli elettroni accelerati emetti raggi X: Decelerazione degli elettroni (radiazione di Bremsstrahlung) Emissione righe caratteristiche elemento dell anodo Ampolla (vetro, metallo) in cui è praticato il vuoto Materiale di schermatura per la protezione dalle radiazioni 14

8 Fornisce: Generatore di alta tensione La corrente per riscaldare il catodo L alta tensione per accelerare gli elettroni Il controllo dell esposizione (tempo di esposizione) Energia necessaria 99% è dissipata come energia termica 15 Diffrattometri a raggi X 16

9 Diffrattometri a raggi X 17 X-Ray ATTENUATION COEFFICIENT (cm 2 g -1 ) Interazione fotoni-materia: Contributo dell interazione fotoelettrica e Compton all attenuazione dei fotoni (X e gamma) in acqua Total Compton + Coherent Photoelectric (kev)

10 Interazione fotoni-materia: proprietà di assorbimento Un fascio di raggi X è caratterizzato da : Tensione di picco di accelerazione degli elettroni (kvp) Primo spessore emivalente (SEV) di un dato elemento (solitamente Al o Pb) Inoltre: Energia media dei fotoni (kev) kvp SEV (mm Pb) Radioattività Esistono dei nuclei che hanno una combinazione di p e n tale da non dare una configurazione stabile Tali nuclei instabili si dicono radioattivi (radionuclidi) perché tendono a raggiungere una configurazione stabile rilasciando alcune particelle (si trasformano in altri elementi) Il processo è detto decadimento radioattivo

11 Attività di una sorgente radioattiva Attività = numero di disintegrazioni che avvengono nell unità di tempo A = dn dt Unità di misura (SI): Bq (=1s -1 ) 1 Ci = 3.7 x10 10 Bq ( attività di 1g di Ra) 1 mci = 3.7 x10 7 Bq = 37 MBq Sostanze radioattive (I) β (β - ) : bassa penetrazione 32 P 15 : T/ g; E e,max = 1710 kev Totale assorbimento: vetro 3.4 mm; tessuto: 6.3 mm 33 P 15 : T/ g; E e,max = 249 kev Totale assorbimento: vetro 0.3 mm; tessuto 0.5 mm 35 S 16 : T/ g; E e,max = 168 kev Totale assorbimento: vetro 0.2 mm; tessuto 0.3 mm 14 C 6 : T/ a; E e,max = 157 kev Totale assorbimento: vetro 0.2 mm; tessuto 0.3 mm 22

12 Sostanze radioattive (II) β (β - ) : bassa penetrazione 3 H 1 : T/ a; E e,max = 19 kev Totale assorbimento: vetro <0.1 mm; tessuto <0.1 mm 63 Ni 28 : T/2 100 a g; E e,max = 66 kev Totale assorbimento: vetro <0.1 mm; tessuto 0.1 mm 23 Sostanze radioattive (III) β - / γ : bassa/alta penetrazione 59 Fe 26 : T/ g; E β,max = 466 kev; E γ,max : 1292 kev Spessore emivalente gamma: Piombo: 15 mm Acciaio: 35 mm Totale assorbimento beta: vetro 0.6 mm; tessuto: 1.2 mm γ bassa energia: bassa penetrazione 125 I 53 : T/ g; E γ = kev, E e = 4-31 kev Gamma: SEV: < 1mm Pb; < 1 mm acciaio 24

13 Sostanze radioattive: confezionamento rischi Sigillate Irraggiamento ( 63 Ni) Non sigillate Irraggiamento Contaminazione 25 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

14 Modalità di irradiazione del corpo umano Vi sono due modalità d irradiazione del corpo umano, che si distinguono per la diversa collocazione delle sorgenti radianti rispetto al soggetto irradiato: 1. la prima è quella esterna, in cui l organismo (o una sua parte) è irradiato da una o più sorgenti che si trovano al di fuori di esso; 2. la seconda è quella interna, quando le sorgenti radianti sono state introdotte e incorporate nell organismo. In questo caso si parla anche di contaminazione interna. GLOSSARIO INTRODUZIONE (INTAKE): ingresso del materiale radioattivo nel corpo (per inalazione, ingestione, attraversamento della pelle, assorbimento attraverso le ferite) INCORPORAZIONE (UPTAKE): ingresso in circolo del materiale radioattivo (ovvero passaggio dalla fase non sistemica alla fase sistemica) DEPOSIZIONE (DEPOSITION): trasferimento del materiale radioattivo che è in circolo ad un organo o ad un tessuto RIMOZIONE (CLEARANCE): rimozione della sostanza da un organo/tessuto ESCREZIONE (EXCRETION): eliminazione del materiale radioattivo attraverso le feci e le urine

15 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Protezione dalle radiazioni Protezione da irraggiamento: Schermature Distanza Tempo Protezione da contaminazione: Organizzazione del laboratorio (dedicato, percorsi, sistemi di emergenza: doccia) Sistemi di monitoraggio (monitor per la rivelazione della contaminazione, monitor mani-piedi-vesti, ) Ventilazione Procedure di lavoro (postazioni di lavoro, guanti ) Gestione dei rifiuti radioattivi (vedi Norme UNI 10491, 1995) 30

16 Protezione dalle radiazioni Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Protezione dalle radiazioni Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

17 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

18 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

19 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

20 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

21 Contenuti Radiazioni ionizzanti Caratteristiche dei radionuclidi e delle macchine radiogene impiegate nei laboratori dell università Elementi di radiobiologia Grandezze dosimetriche, unità di misura e metodi di misura Normativa di radioprotezione Principi di radioprotezione Limiti di dose per le persone e limiti derivati Prevenzione e protezione nei laboratori impieganti sorgenti radioattive sigillate e non sigillate Radioprotezione e sistema di prevenzione d ateneo 41 Effetti biologici delle radiazioni Basic concepts about radiobiology Deterministic and stochastic effects Radiosensibility Factors affecting radiosensibility Cell response to radiation Systemic response Whole body response: ADULTS Effects of antenatal exposure Delayed effects of radiation Risks and weighting factors Today: Radiobiolog y 42

22 BASIC CONCEPTS Interaction is a probabilistic event (stochastic). Transfer of energy occurs extremely quickly: approximately s. Thus, radiation protection must be applied before irradiation. There is always a DAMAGE of the cell. A consequence could be CANCER induction. The damage is not specific, it is similar to other etiologic agents. There are targets in every cell (points which are more probably affected by ionizing radiation). This is the impact 43 theory. EFFECTS OF IONIZING RADIATION Deterministic (tissue reaction) Existence of dose threshold (under this dose, the effect is not observable). Effect severity increase with dose. Stochastic No threshold. Probability of the effect increases with dose. Severity is considered maximum (equivalent to fatal event). Non fatal cancers are weighed with a certain factor to add this probability to the fatal one. 44

23 BIOLOGICAL EFFECTS OF IONIZING RADIATION Deterministic E.g. Lens opacities, skin lesions, etc Stochastic Cancer, genetic effects. 45 ACTION MECHANISMS Direct action: important molecule is damaged (usually DNA). Indirect action: environment of those important molecules is altered. Recoil electrons interact with water molecules, producing free radicals. From Manual of clinical oncology, UICC

24 DOSE-RESPONSE CURVE FOR DETERMINISTIC EFFECTS Practically all the cells are dead % Effect Repairing cell structures is still possible No repairing: a low dose means a great damage dose Dose 47 RADIOSENSIBILITY (RS) RS = Probability of a cell, tissue or organ of suffering an effect per unit of dose. Bergonie and Tribondeau (1906): RS LAWS : RS will be greater if the cell: Is highly mitotic. Is undifferentiated. Has a great cariocinetic future. 48

25 RADIOSENSIBILITY (II) High RS Medium RS Low RS Bone Marrow Spleen Thymus Lymphatic nodes Gonads Eye lens Lymphocytes (exception to the RS laws) Skin Mesoderm organs (liver, heart, lungs ) Muscle Bones Nervous system 49 EFFECTS IN SKIN Histologic view of the skin From Atlas de Histologia.... J. Boya EPIDERMIS DERMIS Basal stratum cells, highly mitotic, some of then with melanin, responsible of pigmentation. Following the RS laws (Bergonie and Tribondeau), the most RS cells are those from the basal stratum of the epidermis. Effects are: Erythema: 1-24 hours after irradiation of about 3-5 Gy Alopecia: 5 Gy is reversible; 20 Gy is irreversible. Pigmentation: Reversible, appears 8 days after irradiation. Dry or moist desquamation: traduces epidermal hypoplasia (dose about 20 Gy). Delayed effects: teleangiectasia, fibrosis. 50

26 EFFECTS IN EYE Histologic view of eye: Eye lens are highly RS. Coagulation of proteins occur with doses greater than 0.5 Gy. There are 2 basic effects: From Atlas de Histologia.... J. Boya Eye lens is highly RS, moreover, it is surrounded by highly RS cuboid cells. Effect Detectable opacities Visual impairment (cataract) Sv single brief exposure 0.5? Sv/year for many years > 0.02? 51 % EFFECTS OF ANTENATAL EXPOSURE (I) Pregnancy time suppose RS It is not easy to establish a cause-effect relation because there are a lot of teratogenic agents, effects are unspecific. There are 3 kinds of effects: lethality (0.1 Gy), congenital anomalies and large delay effects (cancer and hereditary effects). Lethality Congenital anomalies Pre-implantation Organogenesis Foetus Time 52

27 DELAYED EFFECTS OF RADIATION (STOCHASTIC RISKS) Classification: SOMATIC: they affect the health of the irradiated person. They are mainly different kinds of cancer (leukemia is the most common, with a delay period of 2-5 years, but also colon, lung, stomach cancer ) GENETIC: they affect the health of the offspring of the irradiated person. They are mutations that cause malformation of any kind (such as mongolism) Probability: about 0.05 per Sv 53 Argomenti Radiazioni ionizzanti Caratteristiche dei radionuclidi e delle macchine radiogene impiegate nei laboratori dell università Elementi di radiobiologia Grandezze dosimetriche, unità di misura e metodi di misura Principi di radioprotezione Normativa di radioprotezione Limiti di dose per le persone e limiti derivati Prevenzione e protezione nei laboratori impieganti sorgenti radioattive sigillate e non sigillate Radioprotezione e sistema di prevenzione d ateneo 54

28 Dose assorbita, D La dose assorbita è l energia assorbita per unità di massa. Definita per qualsiasi tipo di radiazione e materiale D = de/dm u.m.: 1 J/kg = 1 Gray [Gy] 55 Dose equivalente: H La dose equivalente H è la dose assorbita moltiplicata per un fattore adimensionale: fattore di peso per la radiazione, w R che esprime l efficacia biologica dei diversi tipi di radiazione H= D wr X-rays, γ, e - w R = 1 alpha particles w R = 20 neutrons w R = 5-20 Per evitare confusione con la dose assorbita, l u.m. è il sievert (Sv). 56

29 Detrimento dalla radiazione L esposizione di organi e tessuti comporta diverse probabilità di danno (effetti stocastici) e di severità dello stesso (mortalità da tumore) La combinazione della probabilità di insorgenza del danno e la sua severità è denominata detrimento. 57 Fattori di peso per i tessuti Per tener conto dei diversi detrimenti ad organi e tessuti, la dose equivalente H è moltiplicata per un fattore di peso per i tessuti w T, La somma dei diversi contributi su tutto il corpo è denominata dose efficace E u.m.: sievert (Sv) 58

30 Dose efficace, E E = w T H T Il fattore di rischio stocastico è pari a 5 x 10-2 Sv -1 (5% per ogni Sv) Fattore di peso per il tessuto T Dose equivalente in un tessuto T 59 In sintesi: principali grandezze ed unità di misura dosimetriche Dose assorbita (D): impiegata per esprimere la dose in ogni materiale e per ogni tipo di radiazione ed energia 1 Gray = 1J/Kg Dose efficace (E): grandezza radioprotezionistica per esprime il rischio di effetti probabilistici (o stocastici) delle basse dosi: E = T w T H T (u.m. Sievert ) I dosimetri personali assegnati al personale esposto servono per valutare la dose efficace. 60

31 Attività (di una sorgente radioattiva) L attività è definita come il rateo di disintegrazioni nell unità di tempo u.m.: bequerel (Bq) = 1 disintegrazione/sec ( 1 curie (Ci) = Bq) 125 I Energia dei gamma (kev) Emissione (%) Livelli tipici di esposizione 62

32 UNSCEAR United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation (I) Agenzia delle Nazioni Unite incaricata di valutare le esposizioni alle radiazioni ionizzanti e i rischi relativi. Report 2000 (conclusioni importanti): Valutazione incidente di Chernobil (1800 tumori alla tiroide, no leucemia, possibili altri tumori in futuro) Non vi è evidenza scientifica che il rischio di cancro da radiazione scompaia a dosi molto basse: il rischio di 4%-6% per Sievert di esposizione è confermato 63 UNSCEAR United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation (II) L esposizione medica è la maggiore e crescente esposizione degli individui da fonti di radiazione artificiale: importante contributo dal crescente uso di tecnologie ad alta dose (TAC e radiologia interventistica) 64

33 UNSCEAR United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation (III) Esposizione alle radiazioni naturali: Il principale contributo è dato dall esposizione al gas radon, che viene emanato dal suolo e si concentra negli edifici. La variazione dei valori medi varia di un fattore almeno 3 nelle diverse parti del globo. Variazioni locali possono arrivare a moltiplicare il livello medio di più un fattore 10. Livelli importanti si possono avere nelle miniere, nell industria che lavora minerali con lato contenuto di Uranio/Torio e dalla produzione di energia con carbone. 65 Esposizione a Radon e Thoron 222 Rn è emanato dal decadimento del 226 Ra è ha un t/2 di 3.8 giorni; I prodotti del decadimento radioattivo del Radon (figli) sono responsabili dell esposizione da inalazione Concentrazione all esterno: 4 Bq/m 3 All interno: concentrazione media più elevata (mediamente da 20 a 200 Bq/m 3 in media in diversi paesi Europei); elevata variabilità 66

34 Esposizione a Radon e Thoron 67 Da wikipedia Esposizione a Radon e Thoron Inghilterra: media 20 Bq/m 3 (0.5% delle abitazioni > 200 Bq/m 3 FVG: 4% abitazioni > 400 Bq/m 3 (dati 1990) 68

35 Esposizione totale naturale in GB (radon incluso) Fonte Dose efficace annuale (msv/a) Radiazione cosmica Radionuclidi interni Gamma dal suolo Radon Totale (HPA, 2005) 69 Uso medico delle radiazioni Frequenza: 1 esame radiologico/anno ca. ca procedure all anno in Italia Dose efficace: msv/esame Dose efficace media annuale procapite msv/anno 70

36 Contributi all esposizione totale di un individuo in GB (HPA, 2005) 71 Metodi di misura e dosimetria del personale (I) Misure ambientali: Irraggiamento Dosimetro portatile con camera di ionizzazione Dosimetro ambientale (termoluminescenza) 72

37 Metodi di misura e dosimetria del personale (II) Dosimetria del personale Esposizione esterna (irraggiamento): Dosimetro personale Dosimetro per le estremità Valutazione da misure ambientali 73 Metodi di misura e dosimetria del personale (III) Contaminazione superficiale Contaminametro portatile con rivelatore a Geiger-Muller Wipe test e successiva spettrometria gamma o scintillazione liquida Contaminazione dell aria Raccolta su filtro di particolato e successiva spettrometria gamma o scintillazione liquida 74

38 Metodi di misura e dosimetria del personale (IV) Dosimetria del personale Esposizione interna (contaminazione da inalazione, ingestione, contaminazione della cute) Valutazione da misure ambientali (wipe test) Misura mediante contaminametro o sistema mani-piedi-vesti Misure individuali su campioni biologici (urine, saliva, feci) Misure individuali di irraggiamento dal corpo (tiroide, corpo intero) per radionuclidi X/gamma emettitori 75 Dosimetria del personale La dosimetria del personale, quando necessaria, è un importante presidio di radioprotezione Scheda dosimetrica personale: storia lavorativa, dosi accumulate Segue il lavoratore in tutta la vita lavorativa (con la scheda sanitaria) 76

39 Argomenti Radiazioni ionizzanti Caratteristiche dei radionuclidi e delle macchine radiogene impiegate nei laboratori dell università Elementi di radiobiologia Grandezze dosimetriche, unità di misura e metodi di misura Principi e normativa di radioprotezione Prevenzione e protezione nei laboratori impieganti sorgenti radioattive sigillate e non sigillate Radioprotezione e sistema di prevenzione d ateneo 77 La legislazione di radioprotezione la protezione dei lavoratori e della popolazione (D.Lgs. 230/1995 e 241/2000) (La protezione nell esposizione medica (pazienti) (D.Lgs. 187/2000) Nuova Direttiva Europea 2013/59/EURATOM 78

40 I principi di protezione dei lavoratori Principio di giustificazione: l attività di utilizzo di radiazioni ionizzanti e l esposizione di un lavoratore devono essere supportate da adeguate motivazioni di necessità Principio di ottimizzazione: l esposizione delle persone deve essere la minore possibile, tenendo conto di vincoli economici e sociali Principio di limitazione della dose: per ogni soggetto devono essere osservati i relativi limiti di dose. 79 Limiti di dose per i lavoratori e per la popolazione Lavoratori esposti di Categoria A e B Dose efficace 20 millisievert/anno Equivalente di dose al cristallino 150 (20) millisievert /anno Equivalente di dose alla cute 500 millisievert /anno Equivalente di dose alle estremità 500 millisievert /anno Lavoratori non esposti, donne gestanti o membri della popolazione Dose efficace 1 millisievert /anno Equivalente di dose al cristallino 15 millisievert /anno Equivalente di dose alle estremità 50 millisievert /anno 80

41 Limiti derivati: 125 I ALI (annual limit of intake): Ingestione: Bq (350 µci) Inalazione: Bq (700 µci) Limite di contaminazione superficiale: Rimovibile: 40 Bq/cm 2 Irraggiamento Sorgente 30 cm: msv/h per 1 MBq Irraggiamento a contatto con 50 ml (beaker): 0.04 msv/h per 1 MBq Contaminazione: Deposito uniforme sulla mano di 1 kbq: msv/h Massime attività manipolabili Aree sorvegliate (Bq) Aree controllate (Bq) Per volatilità bassa Bancone Cappa Bancone Cappa Limiti derivati: 3 H ALI (annual limit of intake): Ingestione: Bq Inalazione: Bq Limite di contaminazione superficiale: Rimovibile: Bq/cm 2 Irraggiamento Sorgente 30 cm: 0 msv/h per 1 MBq Irraggiamento a contatto con 50 ml (beaker): 0 msv/h per 1 MBq Contaminazione: Deposito uniforme sulla mano di 1 kbq: 0 msv/h Massime attività manipolabili Aree sorvegliate (Bq) Aree controllate (Bq) Per volatilità bassa Bancone Cappa Bancone Cappa

42 Limiti derivati: 32 P ALI (annual limit of intake): Ingestione: Bq Inalazione: Bq Limite di contaminazione superficiale: Rimovibile: 50 Bq/cm 2 Irraggiamento Sorgente 30 cm: 0.11 msv/h per 1 MBq (cute) Irraggiamento a contatto con 50 ml (beaker): msv/h per 1 MBq Contatto con siringa 5 ml: 24 msv/h Contaminazione: Deposito uniforme sulla mano di 1 kbq: 1.9 msv/h Massime attività manipolabili Aree sorvegliate (Bq) Aree controllate (Bq) Tutti i composti Bancone Cappa Bancone Cappa Limiti derivati: 33 P ALI (annual limit of intake): Ingestione: Bq Inalazione: Bq Limite di contaminazione superficiale: Rimovibile: 200 Bq/cm 2 Irraggiamento Sorgente 30 cm: 0 msv/h per 1 MBq (cute) Irraggiamento a contatto con 50 ml (beaker): 0 Contatto con siringa 5 ml: 0 Contaminazione: Deposito uniforme sulla mano di 1 kbq: 0.86 msv/h Massime attività manipolabili Aree sorvegliate (Bq) Aree controllate (Bq) Tutti i composti Bancone Cappa Bancone Cappa

43 Limiti derivati: 35 S ALI (annual limit of intake): Ingestione: Bq Inalazione: Bq Limite di contaminazione superficiale: Rimovibile: 300 Bq/cm 2 Irraggiamento Sorgente 30 cm: 0 msv/h per 1 MBq (cute) Irraggiamento a contatto con 50 ml (beaker): 0 msv/h per 1 MBq Contatto con siringa 5 ml: 0 msv/h Contaminazione: Deposito uniforme sulla mano di 1 kbq: 0.35 msv/h Massime attività manipolabili Aree sorvegliate (Bq) Aree controllate (Bq) Tutti i composti (eccetto vapori) Bancone Cappa Bancone Cappa La classificazione delle aree Un area classificata è un ambiente di lavoro sottoposto a regolamentazione per motivi di protezione contro le radiazioni ionizzanti. E classificato un ambiente di lavoro in cui un lavoratore può superare in un anno solare uno dei limiti previsti dalla normativa zona controllata (>6 msv/anno) zona sorvegliata (>1 msv/anno) 86

44 La classificazione dei lavoratori Le persone sottoposte ad un esposizione che può comportare dosi superiori ai previsti limiti fissati per le persone del pubblico (1 msv/anno) sono classificate come lavoratori esposti. Sono classificati: di categoria A (se possono superare 6 msv/anno) di categoria B La descrizione dell attività svolta con esposizione alle radiazioni è fornita dal responsabile dell Unità Operativa all Esperto qualificato. 87 Argomenti Radiazioni ionizzanti Caratteristiche dei radionuclidi e delle macchine radiogene impiegate nei laboratori dell università Elementi di radiobiologia Grandezze dosimetriche, unità di misura e metodi di misura Principi e normativa di radioprotezione Prevenzione e protezione nei laboratori impieganti sorgenti radioattive sigillate e non sigillate Radioprotezione e sistema di prevenzione d ateneo 88

45 Caratteristiche dei laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (I) Criteri generali: Separazione delle aree (pubbliche, di lavoro senza esposizione (uffici, ecc), di lavoro con esposizione (laboratori) Regolamentazione degli accessi Le aree di lavoro con esposizione sono normalmente classificate (controllate o sorvegliate) per cui è VIETATO l accesso alle persone non autorizzate Caratteristiche delle aree adiacenti: Necessità di eventuali schermature per le radiazioni Spazi accessori: deposito rifiuti, locali filtro Norme UNI Caratteristiche dei laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (II) Criteri generali: Schermature dei locali e schermi di protezione: Non necessarie per i locali dei laboratori di radiochimica di bassa attività Necessarie per lo stocaggio (contenitori) delle sostanze radioattive (escluso quelle prive di irraggiamento): per X/gamma emettitori: piombo, acciaio per beta emettitori: vetro, plastica (evita la produzione di raggi di X di frenamento (Bremsstrahlung) Necessarie per il frazionamento delle attività massime detenute e per la manipolazione dei radionuclidi con emissione di particelle gamma o beta a maggiore energia: per X/gamma emettitori: piombo, acciaio, vetro al piombo per beta emettitori: vetro, plastica (evita la produzione di raggi di X di frenamento (Bremsstrahlung 90

46 Caratteristiche dei laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (III) Criteri generali: Accesso attraverso locale dotato di: monitor di controllo della contaminazione, lavello di decontaminazione, cambio abiti di lavoro Pareti, pavimenti, banchi di manipolazione lavabili e facilmente decontaminabili Cappa di frazionamento e manipolazione dotata di filtro assoluto con espulsione all esterno Schermature mobili (se necessarie) Sistema di protezione dagli incendi: locali laboratorio compartimentati dagli altri locali dell edificio 91 Caratteristiche dei laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (IV) Criteri generali: Classificazione: categoria 1, 2 e 3 (in funzione del tipo di radionuclide, attività massima e tipo di manipolazione) (Norme UNI10491) Impianto di ventilazione: non richiesto per laboratori di cat. 3 per le categorie 1 e 2: ventilazione che mantiene i locali in depressione (crescente dalle aree a minore a quelle a maggiore contaminazione) 92

47 Caratteristiche dei laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (V) Criteri generali: Stocaggio dei materiali radioattivi: segnalato da apposita segnaletica All ingresso: segnaletica di pericolo radiazioni, pericolo di contaminazione, norme di protezione 93 Laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (I) Norme operative: Ogni contenitore di materiale radioattivo deve essere identificato (segnale di radiazioni, radionuclide, attività, data); ad esclusione di quelli in corso di manipolazione Elenco del personale autorizzato (elenco esposto o riportato su apposito registro) Personale autorizzato informato e formato delle norme di prevenzione esistenti, delle caratteristiche dei radiouclidi impiegati e delle modalità di manipolazione, delle modalità di monitoraggio della contaminazione, delle modalità di decontaminazione, dell obbligo di controllare la contaminazione individuale con gli strumenti in dotazione (periodicamente e sempre all uscita dal laboratorio) 94

48 Laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (II) Norme operative: Deve essere istituito un registro di carico del materiale radioattivo e deve essere rispettato il limite di detenzione e impiego annuo dei diversi radionuclidi Devono essere adottate norme specifiche in caso di incidente (contaminazioni, incendio,..) 95 Laboratori impieganti sostanze radioattive non sigillate (III) Gestione dei rifiuti radioattivi: Apposito locale: I) Raccolta e conferimento a ditta autorizzata II) Raccolta e decadimento fisico della radioattività sino a concentrazione inferiore a quella necessaria pre uno smaltimento in esenzione (< 1 Bq/g) Locale con le stesse caratteristiche del laboratorio Ogni contenitore per rifiuti liquidi e solidi con idonea segnaletica (radiazioni, radionuclide, attività, data, eventuale data di smaltimento) 96

49 97 Sorveglianza fisica Comprende l insieme delle attività svolte dall Esperto qualificato: Le valutazioni preventive prima dell avvio di una pratica radiologica Le valutazioni di prima verifica e di collaudo e le valutazioni periodiche La classificazione delle aree e dei lavoratori I provvedimenti richiesti per l adeguamento alla norma o per il miglioramento delle condizioni di sicurezza (ottimizzazione della protezione) L insieme delle valutazioni e delle misure dosimetriche ambientali e personali Le valutazioni in caso di incidente e le valutazioni delle esposizioni potenziali 98

50 Sorveglianza medica E l insieme delle visite mediche, delle indagini specialistiche e di laboratorio, dei provvedimenti sanitari adottati dal Medico autorizzato e/o Medico competente, al fine di garantire la protezione sanitaria dei lavoratori esposti. E prevista per i lavoratori esposti: una visita medica preventiva visite periodiche in funzione della classificazione del soggetto: Lavoratori esposti di categoria A: Semestrale Lavoratori esposti di categoria B: Annuale 99 Esposizione alle radiazioni naturali Controllo dell esposizione alla radiazione naturale (gas radon e radionuclidi figli) nei locali di lavoro sotterranei livello di AZIONE 500 Bq/m 3 di gas radon azioni correttive in caso di elevate concentrazioni 100

51 Altri aspetti amministrativi Trasporto di sostanze radioattive: mediante vettore autorizzato Comunicazione preventiva di pratica radiologica (a organi di sorveglianza locali: Ispettorato del lavoro, ASS, VVF) Nel caso di superamento delle soglie stabilite dal DLgs 241/00 Almeno 30 giorni prima dell inizio della pratica In caso di sostituzione di apparecchiatura con una simile per tipo di radiazione, energia: solo comunicazione In caso di reintegro di sostanza radioattiva: nessuna comunicazione Allegata relazione dell esperto qualificato 101 Altri aspetti amministrativi Smarrimento, perdita di sostanze radioattive: Comunicazione a VVF, ASS Nulla osta all impiego Nel caso di superamento delle soglie stabilite Categoria A: autorizzazione rilasciata dai ministeri competenti Categoria B: autorizzazione rilasciata dal Prefetto (industria, ricerca) o dalla Regione (attività sanitarie) Non serve comunicazione preventiva di pratica radiologica Allegata relazione dell esperto qualificato 102

52 Protezione dei lavoratori (I) Lavoratore subordinato: anche gli studenti Obblighi dei datori di lavoro, dirigenti e preposti Prima dell inizio dell attività acquisire una relazione con le valutazioni e le indicazioni di radioprotezione da parte dell EQ e valutazioni periodiche Provvedere a: segnalare le aree classificate, predisporre ed esporre norme interne di protezione, fornire ai lavoratori i mezzi di protezione e di dosimetria, informare/formare i lavoratori (programma di formazione), fornire al lavoratore le valutazioni di dose individuale fornite dall EQ e rendere accessibili le documentazioni di radioprotezione (cont.) 103 Protezione dei lavoratori (II) Molteplicità di datori di lavoro: Il datore di lavoro è tenuto a richiedere le informazioni necessarie agli altri datori di lavoro o al lavoratore Obblighi dei lavoratori: Osservare le disposizioni impartite, le norme di protezione, usare i mezzi di protezione e di misura Non effettuare di propria iniziativa modifiche ai sistemi, ai mezzi di prevenzione,di segnalazione e di misura Comunicare al datore di lavoro la contemporaneità di esposizione presso altri enti 104

53 Protezione dei lavoratori (III) Lavoratrici: Le donne gestanti non possono svolgere attività in zone classificate; è obbligo delle donne gestanti comunicare il proprio stato di gestazione Le donne che allattano non possono essere adibite ad attività con rischio di contaminazione 105 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

54 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

55 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

56 Protezione della popolazione (I) Ottimizzazione della protezione anche per quanto riguarda l esposizione di persone del pubblico: Rispetto dei limiti di dose Eventuale individuazione di gruppi di riferimento e valutazione periodica delle dosi Smaltimento di rifiuti secondo norme di buona tecnica e secondo le prescrizione dei provvedimenti autorizzativi 111 Esposizioni potenziali (I) Nell impiego di sostanze radioattive soggette ad autorizzazione: Valutazione delle esposizioni potenziali in caso di incidente a dipendenti e a persone del pubblico interne ed esterne all ente Piani di intervento in caso di previsto superamento dei limiti di dose 112

57 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada

58 Materiale tratto da : La radioprotezione dei lavoratori e della popolazione : aspetti rilevanti connessi alle attività sanitarie, Dr. Giroletti, corso AIFM, Gazzada Radioprotezione e Sistema di prevenzione d Ateneo Coordinamento delle attività Inserimento delle procedure d emergenza nei piani generali d emergenza di Ateneo Inserimento delle informazioni necessarie agli utenti nel database/guida consultabile in internet 116

59 Bibliografia F. Attix, et al, Radiation Dosimetry, Academic Press G. Hine et al. Radiation Dosimetry, Academic Press H. Blatz, Radiation Hygiene Handbook, McGraw-Hill M. Pelliccioni, Fondamenti fisici della radioprotezione, Pitagora Ed. Bologna UNSCEAR, Report 2000 (www.unscear.org) Decreti Legislativi 230/1995, 241/2000 Decreti Legislativi 187/2000 (protezione nell esposizione medica) Norme UNI 10491, 1995 Report ICRP 117

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: XRD, XRF e ECD Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione

DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione DOSIMETRIA e primi cenni di radioprotezione Effetti biologici delle radiazioni Range, esposizione Dose assorbita, equivalente, efficace Danno biologico Dosi limite e radioprotezione pag.1 Le radiazioni

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione Elementi di Radioprotezione Programma di formazione generale sui rischi da radiazioni ionizzanti in ambito sanitario AREA LABORATORI Realizzato con la collaborazione di: Dott. Luigi Frittelli Dott. Deleana

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE N. 2 Via Cusmano 1, 93100 - CALTANISSETTA SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Corso di formazione finalizzato alla radioprotezione (Art. 61 comma 3 lettera e) del D.Lgv. 230/95)

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Prevenire Proteggere Misurare gli effetti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Prevenzione Anche se è banale,

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RADIAZIONI IONIZZANTI DPR 547/55 D.Lgs. 230/95 D.L.gs 241/00 e D.L.gs 257/01 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Attuazione delle direttive 89/618/Euratom,

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA COMPLESSIVA STRUTTURE UNIVERSITARIE IL RETTORE Fabio Rugge IL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE

Dettagli

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena Normativa di riferimento Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena 1 Comma 3 Art. 180 D.Lgs. 81/08 La Protezione dei lavoratori dalle radiazioni Ionizzanti è disciplinata

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Studio associato ECORAD

Studio associato ECORAD CORSO DI FORMAZIONE ASL AL 2010 Studio associato ECORAD ECOLOGIA, RADIOPROTEZIONE, PROGETTAZIONE INDUSTRIALE, SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE AMBIENTALE Dott. Carlo Bergamaschi RADIOPROTEZIONE D.Lgs. 230/1995

Dettagli

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 1 Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 Dr. Gabriele Galassi gabrielegalassi@gmail.com Ing. Francesco Pastremoli francesco.pastremoli@techno-hse.com GENERALITA SULLE RADIAZIONI

Dettagli

Strumenti e dispositivi di radioprotezione

Strumenti e dispositivi di radioprotezione Strumenti e dispositivi di radioprotezione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura della Dott.ssa Michela Lecchi La radioprotezione La radioprotezione ha come oggetto principale la

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di laurea per l Ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo Pagina 1 di 6 Sopralluogo Materiale a corredo del sopralluogo: dosimetri personale e integratore, geiger, camera a ionizzazione Si No copia dei N.O. ex art. 27 D. Lgs. 230/95 o convalida di autorizzazione

Dettagli

Grandezze dosimetriche specifiche per pratiche radiologiche interventistiche

Grandezze dosimetriche specifiche per pratiche radiologiche interventistiche Grandezze dosimetriche specifiche per pratiche radiologiche interventistiche D. LGS. 187/2000: CORSO DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN MATERIA DI RADIOPROTEZIONE DEL PAZIENTE (Area Attività radiologiche complementari

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Formazione in materia di radioprotezione

Formazione in materia di radioprotezione Formazione in materia di radioprotezione A cura di: Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 Quadro normativo nazionale D.Lgs. 81/2008

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non sigillate a scopo medico Riferimenti tecnici I.C.R.P. Pubblication

Dettagli

Sorveglianza fisica della radioprotezione in UNIUD

Sorveglianza fisica della radioprotezione in UNIUD Laurea Magistrale in Scienze Agrarie e Ambientali Corso di Metodologie di analisi chimico agrarie e sicurezza nei laboratori Modulo «Sicurezza in laboratorio» Gestione della radioprotezione in Ateneo Massimo

Dettagli

RADIOPROTEZIONE Dott. Fausto TIGANI Responsabile Settore di Tossicologia Ambientale A.S.L. RM H

RADIOPROTEZIONE Dott. Fausto TIGANI Responsabile Settore di Tossicologia Ambientale A.S.L. RM H ISPESL Monte Porzio Catone 08/02/2006 Convegno ECM La Sorveglianza Sanitaria RADIOPROTEZIONE Dott. Fausto TIGANI Responsabile Settore di Tossicologia Ambientale A.S.L. RM H RADIOPROTEZIONE Normativa Applicazioni

Dettagli

RT CONTROLLO RADIOGRAFICO CORSO PER OPERATORI DI II LIVELLO TOTALE ORE : 120 (Pluri-Settoriale) - 80 (Settore Lettura Lastre) PARTE 1 - PRINCIPI DEL CONTROLLO RADIOGRAFICO 1.1) Scopo e limitazioni del

Dettagli

PRINCIPI E LIMITI PRIMARI

PRINCIPI E LIMITI PRIMARI LEZIONE 10 PRINCIPI E LIMITI PRIMARI Con Hiroshima e Nagasaki (6 e 9 agosto 1945) l opinione pubblica comprese la gravità dei rischi connessi all uso bellico dell energia atomica. Questa sorta di peccato

Dettagli

Corso di radioprotezione ai sensi del D.Lgs. 187/2000 Strahlenschutzkurs im Sinne des Lgs.D. 187/2000. 15 settembre 2012

Corso di radioprotezione ai sensi del D.Lgs. 187/2000 Strahlenschutzkurs im Sinne des Lgs.D. 187/2000. 15 settembre 2012 Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

Relazione tecnica di Radioprotezione

Relazione tecnica di Radioprotezione Azienda Ospedaliera della Valtellina e della Valchiavenna Sede Legale: via Stelvio 25 23100 SONDRIO C.F. e partita IVA: 00202030144 Relazione tecnica di Radioprotezione Valutazioni e comunicazioni ai sensi

Dettagli

Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative

Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative U-Series Srl Via Ferrarese, 131 40128 Bologna Tel. 051 6312418 - Fax. 051 4158173 info@u-series.com Le radiazioni ionizzanti nelle attività lavorative Relazione dell Ing. Massimo Esposito Esperto Qualificato

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

RADIOPROTEZIONE. Materiale di Diagnostica per Immagini elaborato da Luigi Aronne

RADIOPROTEZIONE. Materiale di Diagnostica per Immagini elaborato da Luigi Aronne RADIOPROTEZIONE Scienza interdisciplinare avente l obiettivo di preservare lo stato di salute e di benessere dei lavoratori, degli individui, della loro progenie e della popolazione nel suo insieme, riducendo

Dettagli

Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Istituto di Radioprotezione LA RADIOPROTEZIONE

Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Istituto di Radioprotezione LA RADIOPROTEZIONE Dipartimento Biotecnologie, Agroindustria e Protezione della Salute Istituto di Radioprotezione LA RADIOPROTEZIONE Opuscolo per la formazione del personale esposto a radiazioni ionizzanti per ragioni professionali

Dettagli

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI Dott. Carlo Cicardi Università degli Studi di Milano Decreto Legislativo del Governo 17 marzo 1995 n 230 modificato dal D. Lgs. 26 maggio 2000 n. 187, dal D. Lgs.

Dettagli

Università degli Studi di Genova

Università degli Studi di Genova Università degli Studi di Genova CORSO LA RADIOPROTEZIONE DEI LAVORATORI E DEI PAZIENTI Alberto Pilot S.C. Fisica Sanitaria A.O.U.S.Martino NASCITA E SVILUPPO DELLA RADIOPROTEZIONE Il 23 gennaio del 1896,

Dettagli

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Corso di formazione obbligatoria sulla sicurezza e salute sui luoghi di lavoro La sicurezza ed il lavoro con le Radiazioni Ionizzanti (Art. 22, D.Lgs.

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Programma Obblighi del Datore di Lavoro, Dirigenti e Preposti Attribuzioni dell Esperto Qualificato Classificazione dei Lavoratori Classificazione delle Zone Obblighi dei Lavoratori Calcolo della Dose

Dettagli

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE IN MEDICINA Spettro elettromagnetico Radiazioni termiche: microonde infrarossi Radiazioni ionizzanti: ultravioletti raggi X raggi gamma pag.1 Spettro elettromagnetico (fermi)

Dettagli

U.O. FISICA SANITARIA

U.O. FISICA SANITARIA REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U.O. FISICA SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI E LASER IN AMBIENTE MEDICALE (Informazioni a cura del Dott. L. Chiatti) 1 Parametri caratteristici della radiazione

Dettagli

Area Comune PET/TC CICLOTRONE. La Radioprotezione in Medicina Nucleare e Radiofarmacia. Radiazioni Ionizzanti. Radiazioni Ionizzanti

Area Comune PET/TC CICLOTRONE. La Radioprotezione in Medicina Nucleare e Radiofarmacia. Radiazioni Ionizzanti. Radiazioni Ionizzanti Area Comune PET/TC CICLOTRONE La Radioprotezione in Medicina Nucleare e Radiofarmacia Radiazioni Ionizzanti Le Radiazioni Ionizzanti sono radiazioni elettromagnetiche di energia sufficiente per poter ionizzare

Dettagli

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE Ufficio Stampa I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE VALUTAZIONE DEL RISCHIO E STRATEGIE PER RIDURLO In generale, la somministrazione di materiale radioattivo a pazienti sottoposti

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II ALLEGATO TECNICO 1 A) OGGETTO DELLE

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO. REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230. (approvato con DR n. 181607 del 3.3.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO. REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230. (approvato con DR n. 181607 del 3.3. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230 (approvato con DR n. 181607 del 3.3.1998) Elaborazione a cura dell Ufficio del Servizio Prevenzione e

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

alcune procedure di radioprotezione

alcune procedure di radioprotezione INFN - sez. Pavia UNIVERSITÀ degli STUDI di PAVIA dip. Fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy - tel. 038298.7905 elio.giroletti@pv.infn.it - www.unipv.it/webgiro webgiro elio giroletti

Dettagli

LA DOSE IN MEDICINA NUCLEARE

LA DOSE IN MEDICINA NUCLEARE LA DOSE IN MEDICINA NUCLEARE G. Pedroli Servizio di Fisica Sanitaria Istituto Europeo di Oncologia, Milano. Disclosure Slide Il sottoscritto Guido Pedroli DICHIARA che, nell esercizio delle funzioni di

Dettagli

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA.

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA. PU_O6 TITOLO: PROCEDURA di AVVIAMENTO DI LAVORATORE ESPOSTO: CLASSIFICAZIONE, SORVEGLIANZA DOSIMETRICA, VISITA MEDICA PREVENTIVA, FORMAZIONE FINALIZZATA ALLA RADIOPROTEZIONE, MEZZI DI PROTEZIONE. Codice

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE DEL PAZIENTE, DEL LAVORATORE E DELLA POPOLAZIONE

LA RADIOPROTEZIONE DEL PAZIENTE, DEL LAVORATORE E DELLA POPOLAZIONE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE N 2 DI CALTANISSETTA Direttore Generale: Dr. Salvatore Paolo Cantaro LA RADIOPROTEZIONE DEL PAZIENTE, DEL LAVORATORE E DELLA POPOLAZIONE Opuscolo informativo dedicato ai lavoratori

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

CHIMICO-BIOLOGICO. Dott.ssa Daniela Pacoda. ott.ssa a e a acoda Corso di laurea in Scienze Biologiche Anno Accademico 2011-2012

CHIMICO-BIOLOGICO. Dott.ssa Daniela Pacoda. ott.ssa a e a acoda Corso di laurea in Scienze Biologiche Anno Accademico 2011-2012 Di.S.Te.B.A. Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche i e Ambientali LA RADIOPROTEZIONE IN UN LABORATORIO CHIMICO-BIOLOGICO Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo pertanto il file

Dettagli

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO Gli argomenti specifici all esame di abilitazione di I grado sono qui di séguito riportati

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei rifiuti radioattivi Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Come smaltire rifiuti contaminati da sostanze radioattive? Per la legge i rifiuti si distinguono

Dettagli

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali International Panel sullo Sviluppo della Cultura e della Legislazione a livello Internazionale, dell Unione Europea e in Italia in ambito OS,H & E Roma, 31 ottobre 2014 Parlamento italiano Palazzo Marini,

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale

LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale LEZIONE 12 Esposizioni da Radioattività Naturale Radioattività naturale Sorgenti esterne e sorgenti interne L uomo è sottoposto ad irradiazione naturale dovuta a sorgenti sia esterne che interne. L irradiazione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO DI RADIOPROTEZIONE NELLE ATTIVITÀ A SCOPO MEDICO

MANUALE OPERATIVO DI RADIOPROTEZIONE NELLE ATTIVITÀ A SCOPO MEDICO M I N I S T E R O D E L L A S A L U T E ISPESL Associazione Italiana di Radioprotezione affiliata alla International Radiation Protection Association (IRPA) MANUALE OPERATIVO DI RADIOPROTEZIONE NELLE ATTIVITÀ

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Manuale operativo di radioprotezione

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Manuale operativo di radioprotezione ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Manuale operativo di radioprotezione Stefania Caiola (a), Stefano Barca (b), Roberto La Valle (c), Ilaria Di Giacomo (b), Angelo Gallina (d) (a) Dipartimento di Ematologia,

Dettagli

Manuale sensore di radioattività

Manuale sensore di radioattività Manuale sensore di radioattività Introduzione allo strumento Questo strumento ha la funzione di monitorare la radioattività ambientale in particolare di registrare eventuali anomalie dovute a fallout di

Dettagli

Tubo SBM-20 (bkg =1cps) Tubo SBM-20 (bkg =60cpm) cps. cpm. cps. 100'000 10'000 10'000 M 700 na 1 ua 2.8 ua 3v

Tubo SBM-20 (bkg =1cps) Tubo SBM-20 (bkg =60cpm) cps. cpm. cps. 100'000 10'000 10'000 M 700 na 1 ua 2.8 ua 3v Scale di misura Note Micro Milli Sieverts Sieverts per ora per ora us/h ms/h Micro Roentgen per ora ur/h Milli Roentgen per ora mr/h Roentgen Bequerel per ora (decad. per Rem secondo) per ora (Nota 1)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA. RISCHIO RADIAZIONI IONIZZANTI principi e linee guida

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA. RISCHIO RADIAZIONI IONIZZANTI principi e linee guida UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO RISCHIO RADIAZIONI IONIZZANTI principi e linee guida I EDIZIONE DOTT. ANTONIO

Dettagli

ESCLUSIVO USO DIDATTICO INTERNO - Appunti di radioprotezione

ESCLUSIVO USO DIDATTICO INTERNO - Appunti di radioprotezione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA dip. fisica nucleare e teorica via bassi 6, 27100 pavia, italy tel. 038298.7905 - girolett@unipv.it - www.unipv.it/webgiro 1 elio giroletti APPUNTI DI RADIOPROTEZIONE RISCHI

Dettagli

Radioprotezione: come attuarla. Fiorella Finco, Paola Isoardi S.C. Fisica Sanitaria A.O. Città della Salute e della Scienza di Torino

Radioprotezione: come attuarla. Fiorella Finco, Paola Isoardi S.C. Fisica Sanitaria A.O. Città della Salute e della Scienza di Torino Radioprotezione: come attuarla Fiorella Finco, Paola Isoardi S.C. Fisica Sanitaria A.O. Città della Salute e della Scienza di Torino Cos è la Radioprotezione? E una disciplina che si occupa della protezione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

CAPITOLO 19 LE RADIAZIONI IONIZZANTI E LA RADIOPROTEZIONE

CAPITOLO 19 LE RADIAZIONI IONIZZANTI E LA RADIOPROTEZIONE 365 LE RADIAZIONI IONIZZANTI E LA RADIOPROTEZIONE (Franco Claudiani, Augusto Manzara, Ilan Rosenberg, Nuccia Canevarollo, Dario Visconti) 19.1 INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi anni sono state introdotte

Dettagli

Dose, rischio ed effetti biologici delle radiazioni

Dose, rischio ed effetti biologici delle radiazioni Lezioni Lincee di Fisica Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza ed ambiente Dose, rischio ed effetti biologici delle radiazioni Monica Sisti Università degli Studi di Milano-Bicocca

Dettagli

Note informative sulle Radiazioni Ionizzanti

Note informative sulle Radiazioni Ionizzanti Note informative sulle Radiazioni Ionizzanti (A supporto degli incontri di formazione informazione per i lavoratori esposti al rischio delle radiazioni ionizzanti) Prof. Terenzio Bernardi Prof. Giovanni

Dettagli

RADIAZIONI E RADIOPROTEZIONE

RADIAZIONI E RADIOPROTEZIONE Progetto Misura della radioattività ambientale SIF in collaborazione con INFN ed AIF con la sponsorizzazione del MIUR e del Ministero dell Ambiente RADIAZIONI E RADIOPROTEZIONE Allegato tecnico a cura

Dettagli

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro E una disciplina la cui specificità risiede nell impiego regolamentato di radionuclidi artificiali in forma non sigillata per attività sia di tipo diagnostico che terapeutico. E strutturata in due settori

Dettagli

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Qualità delle radiazioni Dose Danno biologico Limiti di legge Confronto fra esposizioni

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NORME GENERALI DI SICUREZZA E PROTEZIONE PER L IMPIEGO DI SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI A. Generalità 1 Ai fini delle presenti Norme Generali di Sicurezza e Protezione (NGP) valgono il glossario riportato

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA M.Magnoni, S.Bertino, F.Righino, M.Ghione, M.C.Losana, E.Chiaberto,

Dettagli

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011 Pagine 1 di 5 INDICE 1) Scopo e campo di applicazione 2) Riferimenti 3) Risorse e responsabilità 4) Applicabilità 5) Metodo di prova con strumentazione portatile 6) Registrazione ed archiviazione dei documenti

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Nozioni di radioprotezione

Nozioni di radioprotezione Nozioni di radioprotezione Osvaldo Rampado S.C. Fisica Sanitaria 1 A.O.U. San Giovanni Battista di Torino Tommaso Mosso S.C. Radiodiagnostica 1 A.O.U. San Giovanni Battista di Torino RADIOPROTEZIONE.in

Dettagli

Corso di Formazione: ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A RADIAZIONI IONIZZANTI

Corso di Formazione: ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A RADIAZIONI IONIZZANTI Corso di Formazione: ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A RADIAZIONI IONIZZANTI Università degli Studi di Teramo Concesso da: Dott. Costantino Fischione - Esperto Qualificato di Ateneo Teramo, 12/10/2014 RADIAZIONI

Dettagli

Factsheet Radiazioni ionizzanti

Factsheet Radiazioni ionizzanti Versione dicembre 2012 Factsheet Radiazioni ionizzanti Dipl. fis. PF Lisa Pedrazzi, dott. med. Klaus Stadtmüller 1 Radiazioni ionizzanti L espressione radiazioni ionizzanti è un concetto generale che indica

Dettagli

RADIOATTIVITA E RADIOPROTEZIONE NELL INDUSTRIA SIDERURGICA

RADIOATTIVITA E RADIOPROTEZIONE NELL INDUSTRIA SIDERURGICA STEELMASTER 2003 RADIOATTIVITA E RADIOPROTEZIONE NELL INDUSTRIA SIDERURGICA Relatore Dott. Ferrari S. Tesina di Barbieri N. Indice Introduzione pag. 2 1. La radioattività pag. 4 1.1 La struttura della

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 1: INTRODUZIONE ED APPARECCHIATURE D. Cecchin, F. Bui INTRODUZIONE Circa il

Dettagli

MANUALE DELLA SORVEGLIANZA FISICA DELLA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI

MANUALE DELLA SORVEGLIANZA FISICA DELLA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI Pagina 1/12 MANUALE DELLA SORVEGLIANZA FISICA DELLA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI IONIZZANTI ai sensi del D. Lgs. 230/95 e s.m.i. Rev. data Causale della modifica 00.00 08.01.2013 stesura Redatta da L Esperto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X)

TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X) UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TUBO RADIOGENO (Tubo a Raggi X) A.A. 2014-2015 Tecniche

Dettagli

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it

Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna www.ravenna2014.it Radioattività in casa. I materiali in edilizia e i controlli dal punto di vista radioattivo. Direttiva 2013/59 e il futuro in Italia. Dr. Dino G. Ferioli U-SERIES srl - Bologna Radioattività naturale in

Dettagli

13/11/2013. Corsodi Formazioneper ASPP/RSPP ModuloB5 per Agenziadelle Dogane. 13/11/2013 A cura di GabrieleCampurra

13/11/2013. Corsodi Formazioneper ASPP/RSPP ModuloB5 per Agenziadelle Dogane. 13/11/2013 A cura di GabrieleCampurra 1 Gabriele Campurra 2 1 Gabriele Campurra 3 Effetti sull uomo Somatici (sull individuo irradiato) Stocastici (probabilistici, casuali, statistici, differiti) Deterministici (stretta correlazione doseeffetto,

Dettagli

Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it

Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it FAQ s: il radon, ovvero quando la natura può far male Elio GIROLETTI, Dip. Fisica nucleare e teorica, Università Studi di Pavia e INFN sez. Pavia elio.giroletti@unipv.it Cosa è il radon? Il radon simbolo

Dettagli

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009 Il trasporto del combustibile nucleare irraggiato dalla centrale di Caorso al centro di riprocessamento di La Hague. Ruolo di ARPA Emilia Romagna ed aspetti di radioprotezione R. Sogni, L. Gaidolfi, A.

Dettagli

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X.

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Macchine radiogene Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Analogamente ad una lampadina che emette luce solamente quando

Dettagli

Storia, normative, rimedi. IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA. In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un

Storia, normative, rimedi. IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA. In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITA In generale, con il termine radioattività si intende la trasformazione spontanea di un elemento in un altro, con emissione di particelle materiali o di radiazione elettromagnetica

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO APPARECCHIATURE DA INSERIRE ALL INTERNO DELL U.O. DI MEDICINA NUCLEARE DEL P.O. UMBERTO I

CAPITOLATO TECNICO APPARECCHIATURE DA INSERIRE ALL INTERNO DELL U.O. DI MEDICINA NUCLEARE DEL P.O. UMBERTO I CAPITOLATO TECNICO APPARECCHIATURE DA INSERIRE ALL INTERNO DELL U.O. DI MEDICINA NUCLEARE DEL P.O. UMBERTO I LOTTO N.1 1.1N.1 ISOLATORE SCHERMATO IN CLASSE A Cella schermata di manipolazione in Classe

Dettagli

RADIOPROTEZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Giuseppe Scielzo. Giuseppe Scielzo

RADIOPROTEZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Giuseppe Scielzo. Giuseppe Scielzo RADIOPROTEZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Giuseppe Scielzo Giuseppe Scielzo Ospedale Mauriziano Umberto I - IRCC RADIAZIONI Sorgenti radioattive Naturali Ra226 Rn222 Artificiali I131 Cs137 Tc99m C14

Dettagli

SORVEGLIANZA MEDICA. Servizio di Medicina Preventiva e Sorveglianza Sanitaria. Dr. Letizia Sommani Dr. Alessandro Mani

SORVEGLIANZA MEDICA. Servizio di Medicina Preventiva e Sorveglianza Sanitaria. Dr. Letizia Sommani Dr. Alessandro Mani SORVEGLIANZA MEDICA Servizio di Medicina Preventiva e Sorveglianza Sanitaria Dr. Letizia Sommani Dr. Alessandro Mani Corso di formazione per esposti a rischio di radiazioni ionizzanti EFFETTI DELLE RADIAZIONI

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli