LA TERRA TREMA DALLA PARTE DEI SOCCORRITORI: CON QUALI PAROLE?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA TERRA TREMA DALLA PARTE DEI SOCCORRITORI: CON QUALI PAROLE?"

Transcript

1 STRESS & LINKAGES CASA DI CURA PARK VILLA NAPOLEON, LA TERRA TREMA DALLA PARTE DEI SOCCORRITORI: CON QUALI PAROLE? Dott. Roberto De Filippo Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Con la collaborazione di

2 Benessere psicolavorativo (dal D.Lgs 626/1994 al D.Lgs 81/2008) OMS Organizzazione Mondiale della Sanità, concetto di salute : stato di benessere fisico, mentale e sociale, non solo come assenza di malattia D. Lgs. 626/94, sottolinea la prevenzione ciascun lavoratore deve prendersi cura della propria sicurezza e della propria salute e di quella delle altre persone presenti nel luogo di lavoro, su cui possono ricadere gli effetti delle sue azioni od omissioni conformemente alla sua formazione ed ai mezzi forniti dal datore di lavoro. (art. 5, comma 1)

3 D. Lgs 81/2008 Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro La valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavorocorrelato (Sezione II, art. 28, c.1, Oggetto della valutazione dei rischi ).

4 IL RISCHIO LAVORATIVO PERCEZIONE DEL RISCHIO Grado di pericolo che viene attribuito agli eventi ed ai diversi fattori di rischio; consapevolezza dipendente dalle conoscenze e competenze personali. TENDENZA AL RISCHIO Modalità soggettiva con cui ci si rapporta con il pericolo ed il rischio; motivazione personale ad assumere comportamenti sicuri o a rischio.

5 La percezione del rischio nell ambiente di lavoro (Oddone, 1969) 1 Gruppo: Fattori presenti anche fuori dal contesto lavorativo, quali luce, rumore, temperatura, umidità.. 2 Gruppo: Fattori presenti esclusivamente nell ambiente di lavoro, quali polveri, gas, vapori, fumi, radiazioni ionizzanti, vibrazioni.. 3 Gruppo: Fatica fisica e mentale 4 Gruppo: Fattori capaci di provocare affetti stancanti (non fatica fisica) quali ripetitività, noia, tempi rapidi, posizioni disagevoli..

6 Fattori personali che incidono sulla percezione del rischio (Sandman, 1991) RISCHIO MINORE RISCHIO MAGGIORE Esposizione volontaria Esposizione forzata Familiarità del rischio Non familiarità Conoscenza del rischio Rischio conosciuto Controllabilità Incontrollabilità e/o imprevedibilità Conoscenza non diretta Conoscenza su base personale Prevedibiltà Non prevedibilità

7 RICERCA SU PERSONALE NBCR (Corso per 3 LIV. n = 24) CHIMICO BIOLOGICO RADIOLOGICO Volontario 2,3 2,4 1,9 Involontario Effetti sul singolo 3,6 5,1 4,0 Effetti catastrofici Non temuto 5,0 5,9 4,4 Temuto Non mortale 4,3 4,4 3,7 Mortale Effetti conosciuti 2,6 3,7 2,7 Effetti non conosciuti Effetti immediati 2,1 6,4 5,0 Effetti nel tempo Conosciuto da Scienza 3,0 1,7 2,6 Non conosciuto da Scienza Controllabile 4,9 4,3 5,1 Non controllabile Personalmente vecchio 5,1 2,6 4,1 Personalmente nuovo (Valori medi) Valori di scala

8 Fattori che influenzano la tendenza al rischio 1. La personalità di tipo A e di tipo B (Friedman & Rosenman, 1958, 1974) 2. La sensation seeking (Zucherman, 1985) 3. Il locus of control (Rotter, 1966) 1. L introversione- estroversione (Eysenck, 1978)

9 Situazioni di particolare rischio per i soccorritori Fattori di rischio SOGGETTIVO: percezione dei propri limiti fisici e psicologici tendenza all identificazione bisogno di mantenimento della distanza presenza di traumi pregressi problematiche attuali

10 Situazioni di particolare rischio per i soccorritori Fattori di rischio dell ORGANIZZAZIONE Ritmi di lavoro eccessivi Conflitti interni tra i soccorritori conflitti con l organizzazione Carenze nei processi di selezione e formazione

11 THE EARTHQUAKE IN ABRUZZO and the Firefighters work Rome - ISA April 19th 2010 Ing. Sergio BASTI Central Director for Emergency and Technical Rescue

12 Firefighters and rescue vehicles operating after 48 hours U.C.E. Public Relation Office

13 stability and safeness assessments U.C.E. Public Relation Office

14 urgent technical rescue interventions up to 28/01/10 U.C.E. Public Relation Office

15 Stress ed Evoluzionismo Una minaccia all integrità ed alla sopravvivenza dell organismo, che deriva dall ambiente, determinando pressioni selettive. (Darwin) (in Weiner, 1993)

16 DSM IV (APA, 1994) definizione di trauma: Evento vissuto al di fuori della norma, estremo, violento, lesivo che minaccia o ferisce l integrità fisica o psichica di un singolo o di un gruppo di persone; richiede uno sforzo inabituale per essere superato.

17 Trauma e operatori del soccorso Il rischio di essere coinvolti in esperienze critiche, durante il soccorso, è sempre presente. (traumatizzazione vicaria o terziaria) Ritenere che il soccorritore sia sempre in grado di fronteggiare adeguatamente ogni evento traumatico, senza alcuna conseguenza sul piano psicologico, è assolutamente sbagliato.

18 CRITICAL INCIDENT : Qualunque situazione affrontata dal personale di emergenza, capace di produrre uno stress emotivo insolitamente elevato in grado di interferire sulle abilità dell operatore di fronte alla scena dell evento e anche dopo. (Mitchell ed Everly, 1996)

19 Operatori a rischio in seguito ad esposizione ad evento critico: Personale medico e paramedico Vigili del Fuoco Operatori di ricerca e salvataggio di superstiti Forze dell ordine / militari Volontari e giornalisti che operano sul campo (Young et al.)

20 CISS ( Critical Incident Stress Syndrome ) La CISS è un rischio per gli operatori del soccorso è può avere conseguenze importanti: Problemi lavorativi Problemi della vita di relazione (sociali e familiari) Sofferenza individuale Può evolvere verso il PTSD - Disturbo Post- Traumatico da Stress

21 CISS Disturbi fisici Apparato gastrointestinale Tremori muscolari Ipertensione arteriosa Iperattività Eccessiva spossatezza Insonnia Disturbi dell alimentazione Disturbi sessuali

22 CISS Disturbi della sfera emotiva Disturbi dell umore Rabbia Senso di colpa Angoscia, paura Perdita di autostima Sintomi depressivi Appiattimento delle manifestazioni emotive

23 CISS Disturbi della sfera cognitiva Difficoltà di concentrazione Sensazione di disorientamento Disturbi della memoria

24 IL SOCCORRITORE VOLONTARIO: UN PROFILO SOCIO-PSICOLOGICO Campione: 2500 questionari Fonte: Rivista La Protezione Civile Italiana, 2005

25 ANSIA 25 % mai 10 % sempre 30 % spesso 75 % 35 % raramente

26 CEDIMENTO ALLO STRESS 0 % mai 16 % sempre 30 % spesso 100 % 54 % raramente

27 PERDITA DI CONTROLLO DI SE 47 % mai 0 % sempre 17 % spesso 53 % 36 % raramente

28 IN SINTESI In situazioni critiche: ANSIA 75 % CEDIMENTO ALLO STRESS 100 % PERDITA DI CONTROLLO 53 %

29 FATTORI STRESSANTI SOGGETTIVI IN SITUAZIONE CRITICA difficoltà di percezione dei propri limiti fisici e psicologici tendenza all identificazione con le vittime bisogno di mantenimento della distanza presenza di traumi pregressi problematiche attuali

30 FATTORI STRESSANTI OGGETTIVI IN SITUAZIONE CRITICA Rischio di vita o danno grave per sé o colleghi Vittime raccapriccianti per incidenti Esposizione a cadaveri o persone morenti Prestare aiuto a persone seriamente ferite Vittime in età pediatrica (Beaton et al. 1998)

31 DSM IV Diagnostic and Statistical for Mental Disorders, 1994 PRIMA CONDIZIONE per PTSD (Disturbo Post Traumatico da Stress) A1) Esposizione diretta o indiretta ad un evento traumatico che ha comportato la morte o grave minaccia di vita o dell incolumità fisica, sia propria che altrui; A2) Risposta emozionale di intensa paura, impotenza, orrore.

32 IL MODELLO FRANCESE STRESS DA COMPASSIONE (Etimo latino cum patire - patire insieme con ) FATICA DA COMPASSIONE (Figley, 1995) (Compassion fatigue) Esposizione protratta nel tempo Percezione di responsabilità diretta nel soccorso Carichi di responsabilità continua, fisica e psichica Impossibilità di riduzione dello stress da compassione

33 Reazioni normali (DSM IV - entro 48 ore) 1) HYPERAROUSAL Accelerazione del battito cardiaco Difficoltà respiratorie Sudorazione Ansia Sbalzi d umore 2) EVITAMENTO Evitare stimoli fisici connessi al trauma, azioni, ricordi, pensieri, ecc. 3) INTRUSIONE Pensieri, immagini ricorrenti, sogni angosciosi, rivivere l esperienza 4) DISSOCIAZIONE Amnesie parziali, negazione dell impatto

34 Epidemiologia PTSD Popolazione adulta (M) = 7,8 % (con GHQ) Autisti autoambulanze di Londra (M) = 15 % (Ravenscroff, 2004) disagi mentali 52 % disturbi del sonno 25 % difficoltà di staccare la spina dal lavoro 51 % Vigili del Fuoco (M) 16.2 % (Corneill, 2003)

35 SEDARE L ANSIA IL BLINDAMENTO DELLE EMOZIONI HUMOR NOIR Identificazione di gruppo dei salvatori Esorcismo contro angoscia da contatto con morte e sofferenza Proiezione dell aggressività su Organizzazioni del soccorso Sentirsi sani in una situazione malata al, 1997) (Moran, et

36 Il fattore expertise e reazioni all esposizione Reazioni normali in situazioni non normali OBIETTIVO: focalizzazione sui fattori psicologici degli operatori, favorendo la resistenza agli effetti dello stress acuto e cronico (resilienza)

37 Verso un modello integrato di formazione a) Formazione tecnico-operativa b) Formazione alla protezione e prevenzione dai traumi psicosociali

38 Requisiti del soccorritore L operatore di soccorso può trovarsi nella situazione critica di supportare psicologicamente vittime in preda a disturbi psichici da trauma ed in situazioni che mettono a repentaglio la propria integrità fisica e psichica. La formazione in tema psicologico in situazioni di emergenza non si può lasciare all improvvisazione, ma il personale va preparato come per qualsiasi altro intervento di natura tecnica.

39 Il metodo AUGUSTUS.Rappresenta un punto di riferimento per tutti gli operatori di Protezione Civile che, con competenze diverse, sono quotidianamente impegnati ad affrontare le emergenze Se la ciclicità degli eventi è un fattore costante per un fenomeno calamitoso, l entità del danno ed il tipo di soccorsi sono parametri variabili Proprio per questo gli operatori di Protezione Civile debbono essere pronti a gestire l incertezza, intesa come l insieme di quelle variabili che di volta in volta caratterizzano gli effetti reali dell evento. La gestione dell emergenza si affronta con le stesse regole con cui la scienza medica affronta il pericolo o il rischio di contagi nelle malattie; applicando, cioè, il principio della massima prevenzione attraverso il ricorso alla vaccinazione di massa.

40 Prevenzione primaria (come intervento focalizzato sulle emozioni) Pratiche pre-evento: Lazarus, 1984 Psicoeducazione (igiene mentale dei traumi psicosociali) Conoscenza delle reazioni soggettive, sia normali che patologiche, agli eventi calamitosi e stressanti Conoscenza delle proprie reazioni emotive e dei propri limiti Accettazione dei propri limiti Moduli formativi fondati su peer counseling (autoaiuto alla pari)

41 VIGILI DEL FUOCO ITALIANI: l indagine Campione: oltre 500 operativi Criterio: partecipazione al sisma de L Aquila ed Emilia Obiettivi: quali modalità di fronteggiamento attivo a seguito di Soccorso Tecnico Urgente ad alta esposizione emotiva, per eventi con gravi danni a neonati e bambini eventi con diverse persone coinvolte (dall incidente al terremoto) eventi con gravi lesioni, mutilazioni dei corpi delle vittime eventi con coinvolgimento di colleghi (ferimento o morte) fallimento di una missione di soccorso con morte di una o più persone

42 VIGILI DEL FUOCO ITALIANI: i risultati Modalità di riferimento: Alcuni compagni di lavoro M = 30,0 % Alcuni familiari M = 21,7 % Alcuni superiori M = 12,8 % Alcuni amici M = 12,7 % Il proprio medico M = 2,6 % Un religioso M = 1,8 %

43 PERSONALE OPERATIVO (VP, CS) me st fam amici med coll super relig hobb altr TOT TOT % 14,9 21,7 13,0 2,6 30,2 12,9 1,6 2,8 0,6 100,0

44 PERSONALE: LOGISTICA E TECNICI (CR, CTA, IAC, IAD) me st fam amici med coll super relig hob altr TOT TOT % 14,8 20,7 12,8 3,0 28,0 12,6 3,9 2,2 1,8 100,0

45 Prevenzione secondaria Pratiche peri-evento, direttamente nel teatro delle operazioni di soccorso Obiettivo: rilevazione precoce di possibili disagi post-traumatici negli operatori e primo intervento realizzato da e su se stessi, secondo le modalità di Prevenzione Primaria Finalità: evitare l amplificazione dei problemi emotivi

46 I principi di Salmon (1917) Finalità accoglimento del personale troppo coinvolto emotivamente, direttamente on scene : L intervento I P S A Immediato Prossimo Semplice Aspettative

47 16 DICEMBRE 1970 NASCE IL SERVIZIO SANITARIO NEI VIGILI del FUOCO

48 Legge 8 dicembre 1970, n. 996 in Gazz. Uff., 16 dicembre, n. 317 Norme sul soccorso e l'assistenza alle popolazioni colpite da calamità Protezione civile Articolo 16 é istituito il Servizio sanitario del Corpo nazionale dei vigili del fuoco di cui alla tabella A, con i seguenti compiti: curare l'organizzazione dei servizi di assistenza sanitaria presso le scuole centrali antincendi e di protezione civile, i comandi provinciali e loro distaccamenti ed i reparti operativi del Corpo nazionale dei vigili del fuoco sovraintendere alla preparazione del personale in materia di pronto soccorso curare il coordinamento e la vigilanza, mediante gli ispettori sanitari, dei servizi svolti dai medici liberi professionisti incaricati della assistenza sanitaria presso le scuole centrali ed i comandi provinciali il direttore del servizio sanitario presiede le commissioni per l'accertamento della idoneità psico-fisica dei candidati ai concorsi di ammissione alle carriere del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco

49 Ordine di Servizio del Capo Dipartimento N. 24 del 18 maggio 2002 DIREZIONE CENTRALE PER LA FORMAZIONE AREA VI MEDICINA DEL LAVORO E FORMAZIONE SANITARIA

50 Compiti Istituzionali assegnati Svolge studi e ricerche ed effettua proposte in tema di sicurezza sanitaria e di psicologia, nonché in materia di predisposizione di programmi di formazione ed aggiornamento sanitario del personale, avvalendosi anche della collaborazione di strutture universitarie ed enti esterni pubblici e privati; Organizza, d intesa con la Direzione Centrale per l Emergenza ed il Soccorso, le attività di supporto psicologico per il personale del CNVVF negli interventi di soccorso e di pubblica calamità, nonché negli infortuni sul lavoro.

51 ATTIVAZIONE DI PROCEDURE OPERATIVE DI SUPPORTO PSICOLOGICO PER: eventi comportanti il ferimento o decesso di un Vigile del Fuoco. eventi che hanno messo a repentaglio la salute psico-fisica del personale coinvolto per la caratteristica dell evento stesso. incidenti rilevanti per causa, ampiezza, estemporaneità, imprevedibilità e danno per la collettività professionale che li subisce. altri eventi critici attivazione autonoma da parte del Dirigente del Comando.

52 L intervento di supporto psicologico: principi generali A seguito di un evento critico gran parte delle reazioni psicoemotive non sono da ritenersi patologiche e non necessitano automaticamente di interventi psicologici mirati. In tale situazione ciò che è indispensabile è stabilire un contatto umano di empatia in grado di assicurare i processi di comunicazione verbale (l ascolto).

53 Alcuni soccorritori, a seguito di evento critico, in situazioni particolari, possono sviluppare disagio psichico le cui dinamiche richiedono un trattamento di supporto psicologico gestito all interno di incontri di gruppo oppure, se la situazione lo richiede, anche con incontri individuali presso strutture di competenza esterne al CNVVF. La situazione deve comunque essere considerata come l eccezione e quest ultima possibilità è da considerarsi eccezionale.

54 Bisogna quindi valorizzare le risorse personali del soccorritore, che va considerato potenzialmente in grado di reagire attivamente e non di essere travolto passivamente dall evento. Le risorse umane e socio-culturali proprie della comunità lavorativa del CNVVF, per quanto colpita dall evento critico, devono essere il principale riferimento per l intervento di supporto psicologico, mentre l approccio individuale va riservato ai soli casi che lo necessitano.

55 Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? chiese Kublai Kan, Il ponte non è sostenuto da questa o da quella pietra rispose Marco ma dalla linea dell arco che esse formano. Kublai Kan rimase silenzioso, riflettendo. Poi soggiunse: Perché mi parli delle pietre? E solo dell arco che m importa. Marco Polo rispose: Senza pietre non c è arco. Così I. Calvino ne Le città invisibili immagina la conversazione fra Marco Polo e Kublai Kan

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

La Traumatizzazione Vicaria e il supporto psicologico ai Soccorritori: quando le emozioni diventano soverchianti

La Traumatizzazione Vicaria e il supporto psicologico ai Soccorritori: quando le emozioni diventano soverchianti La Traumatizzazione Vicaria e il supporto psicologico ai Soccorritori: quando le emozioni diventano soverchianti Presentazione: Dott.ssa Giada Maslovaric Psicologa Psicoterapeuta Esperta in Interventi

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

Psicologia dell'emergenza

Psicologia dell'emergenza Capitolo 13 Psicologia dell'emergenza A cura di Maria Pia Bagnato 1 e Andrea Ruozzi 2 1 Psicologa Psicoterapeuta 2 Psicologo 1 1. Psicologia dell'emergenza Obiettivi Formativi: 1) Reazione del soccorritore

Dettagli

Aspetti Psicologici e Legali

Aspetti Psicologici e Legali Misericordia Sesto Fiorentino Corso di 1 Livello 2010 Aspetti Psicologici e Legali Fabio M. 1 Chi sono le vittime? Vittime di I livello Gli infortunati Vittime di II livello I familiari Vittime di III

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

Emozioni e stress in contesti di emergenza: vittime e volontari in campo

Emozioni e stress in contesti di emergenza: vittime e volontari in campo Emozioni e stress in contesti di emergenza: vittime e volontari in campo Psicologi per i Popoli-Milano Emergenza È una situazione caratterizzata Dalla presenza di una minaccia avvertita; Da una percezione

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico

Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico Cosa fare dopo un grave infortunio sul lavoro? Pronto soccorso psicologico Siete un datore di lavoro o un responsabile della sicurezza in azienda e vi siete già chiesti quali conseguenze psicologiche può

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Counseling nell emergenza. Silvano Croci Gestalt Counselor - Master Counseling nell emergenza

Counseling nell emergenza. Silvano Croci Gestalt Counselor - Master Counseling nell emergenza Counseling nell emergenza Silvano Croci Gestalt Counselor - Master Counseling nell emergenza 1 La psicologia dell emergenza Nuovi scenari mondiali vedono svilupparsi guerre dove non vengono coinvolti solamente

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

PREMESSA. Via Paganini, 50-20030 Bovisio Masciago (MI) - Tel./fax: 0362558879 e-mail: segreteria@emdritalia.it - sito: www.emdritalia.

PREMESSA. Via Paganini, 50-20030 Bovisio Masciago (MI) - Tel./fax: 0362558879 e-mail: segreteria@emdritalia.it - sito: www.emdritalia. PREMESSA Spesso seguiamo sulla stampa la descrizione di vari disastri (l alluvione di Genova, l incidente della Crociera Costa, terremoti, ecc.) e date le caratteristiche di questi eventi, le reazioni

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Accettazione della malattia diabetica e la famiglia Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Malattia cronica Condizione patologica che dura tutta la vita Medico deviazione da una norma biologica. Oggettività

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SULLO STRESS E PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE PSICOLOGICO

SCHEDA INFORMATIVA SULLO STRESS E PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE PSICOLOGICO SCHEDA INFORMATIVA SULLO STRESS E PER LA PROMOZIONE DEL BENESSERE PSICOLOGICO SERVIZIO O.I.A.S.S. UFFICIO ATTIVITA PSICOLOGICHE E PSICOSOCIALI DIREZIONE SANITARIA CRI SERVIZIO PSICOSOCIALE CRI Introduzione

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa

SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa SSEP Il Servizio di Supporto nell Emergenza Psicosociale In Croce Rossa Il Servizio di Psicologia SSEP: Squadre di Soccorso per l Emergenza Psicologica Servizio di Supporto per l Emergenza Psicosociale

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

La psicologia dell emergenza

La psicologia dell emergenza Strategie di intervento e prevenzione La psicologia dell emergenza Nuovi scenari mondiali vedono svilupparsi guerre dove non sono coinvolti non solo gli eserciti ma anche e soprattutto civili, oppure attentati

Dettagli

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste

La violenza sui minori. Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste La violenza sui minori Claudio Germani Pediatria d Urgenza con Servizio di Pronto Soccorso IRCCS Burlo Garofolo Trieste DEFINIZIONE OMS 1999 L abuso o il maltrattamento sull infanzia è rappresentato da

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

L importanza del supporto psicologico per i soccorritori in emergenza

L importanza del supporto psicologico per i soccorritori in emergenza L importanza del supporto psicologico per i soccorritori in emergenza MELITA RICCIARDI Psicologo Qual è oggi il rapporto tra il mondo della protezione civile e della salute psicofisica del soccorritore?

Dettagli

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La Spezia 12 novembre 2014 Alfonso Cristaudo U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana OMS Definizione di Salute uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

Salute Emotiva! Intelligenza Emotiva

Salute Emotiva! Intelligenza Emotiva Sassari 8 luglio 2015 Work shop Salute Emotiva Intelligenza Emotiva Salvatore Fadda PhD Enrica Brachi PhD Benessere psicologico secondo la O.M.S. essere in grado 1.di sfruttare le proprie capacità cognitive

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015

LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA. Aosta, 28 gennaio 2015 LA COMUNICAZIONE DELLE BAD NEWS AI BAMBINI IN SITUAZIONE DI EMERGENZA Aosta, 28 gennaio 2015 Dott.ssa Elvira Venturella Dott.ssa Meri Madeo NUCLEO PSICOLOGICO EMERGENZA Il NPE, servizio di Guardia Attiva

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it

Ansia e stress nelle prestazioni. s.dinuovo@unict.it Ansia e stress nelle prestazioni s.dinuovo@unict.it Ansia nelle prestazioni Ansia nelle prestazioni ATTIVAZIONE Ansia nelle prestazioni L ansia: facilita l apprendimento nella misura in cui lo attiva

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Tecniche di intervento per l elaborazione dei traumi psicologici: E.M.D.R.

Tecniche di intervento per l elaborazione dei traumi psicologici: E.M.D.R. Tecniche di intervento per l elaborazione dei. Eye Movement Desensitazion and Reprocessing Dr.ssa Laura Testa Trauma Psicologico La parola trauma deriva dal greco trayma e significa ferita, lacerazione,

Dettagli

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

La gestione delle grandi emergenze:

La gestione delle grandi emergenze: Convegno CIVES Sabato 10 Ottobre 2015 La gestione delle grandi emergenze: cosa è cambiato e cosa cambierà nella catena dei soccorsi con l introduzione del numero unico Europeo di Emergenza Dott.ssa Elisa

Dettagli

L ESPERIENZA DEL SISTEMA DI SUPPORTO PSICOLOGICO NELLA POLIZIA MUNICIPALE DI FIRENZE

L ESPERIENZA DEL SISTEMA DI SUPPORTO PSICOLOGICO NELLA POLIZIA MUNICIPALE DI FIRENZE L ESPERIENZA DEL SISTEMA DI SUPPORTO PSICOLOGICO NELLA POLIZIA MUNICIPALE DI FIRENZE La creazione di un gruppo di supporto psicologico tra pari Il cerchio blu La gestione e comunicazione del decesso improvviso

Dettagli

Il piacere di accogliere: cooperazione e creatività

Il piacere di accogliere: cooperazione e creatività Il piacere di accogliere: cooperazione e creatività Intervento sui Disturbi dell Età Evolutiva Spin off dell Università degli Studi di Genova Sede operativa: Vico Sant Antonio 5/7 scala B 16126 Genova

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR

Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR Convegno: Non doveva succedere Busto Arsizio, 4 ottobre 2014 Sviluppi traumatici e malattia: il contributo dell EMDR Dr.ssa Elisa Faretta Psicologa, Psicoterapeuta, Supervisore e Facilitator EMDR Direttore

Dettagli

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l Burn out Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può manifestarsi in soggetti che svolgono un lavoro sociale di diverso genere (Maslach 1986) Stato

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI Interferenza dei disturbi dissociativi e della memoria conseguenti a tortura sulla Procedura di riconoscimento della Protezione Internazionale SPECIFICITA delle CONSEGUENZE della TORTURA e dei TRAUMI ESTREMI

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI Il concetto di stress ha un ruolo fondamentale nella comprensione delle manifestazioni psicosomatiche. Nella sua formulazione il concetto di stress permette di vedere

Dettagli

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI

PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI PSICOPATOLOGIA DELLO SVILUPPO SICSI Sostegno 400 ore GRUPPO A modulo3 Mag-Giu 2009 Disturbi del comportamento (1) Disturbo da deficit dell attenzione Disturbo da iperattività Disturbo oppositivo-provocatorio

Dettagli

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE DR.SSA GIULIANA GIAMPIERI Psicologa e Psicoterapeuta Azienda USL di Rieti Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio psicosociale RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

DISTURBI D ANSIA D.A.P.

DISTURBI D ANSIA D.A.P. DISTURBI D ANSIA D.A.P. Incontri Uni-ATENeO dr.ssa Anna Galeotti 22 novembre 2012 Che ansia quest ansia! L ansia è un'emozione di base. E uno stato di attivazione dell organismo in presenza di una situazione

Dettagli

Incidenti, catastrofi, reati e conflitti armati causano danni materiali, morti e feriti. Le persone coinvolte possono subire anche traumi psichici.

Incidenti, catastrofi, reati e conflitti armati causano danni materiali, morti e feriti. Le persone coinvolte possono subire anche traumi psichici. Aiuto psicologico d urgenza Contenuto 1 Aiuto psicologico d urgenza 2 È necessario prestare aiuto psicologico d urgenza? 3 Chi presta l aiuto psicologico d urgenza?... 4 Quali sono gli effetti dell aiuto

Dettagli

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Giovanni Battista Bartolucci SEMINARI DI MEDICINA DEL LAVORO 2008 Benessere organizzativo e prevenzione del disagio in ambiente di lavoro

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa

La violenza assistita: il minore come spettatore. Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa La violenza assistita: il minore come spettatore Dott.ssa Francesca Scandroglio Psicologa Violenza sui minori Trascuratezza Maltrattamenti fisici Abusi sessuali Maltrattamenti psicologici Violenza domestica

Dettagli

Strumenti per conoscere e gestire il rischio stress. Psicologi per i Popoli-Trentino

Strumenti per conoscere e gestire il rischio stress. Psicologi per i Popoli-Trentino Strumenti per conoscere e gestire il rischio stress Psicologi per i Popoli-Trentino 12 settembre 2010 Quali aspetti psicologici dell emergenza? - nella conoscenza delle reazioni psicologiche degli individui

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

LO STRESS-MANAGEMENT IN AMBITO MILITARE

LO STRESS-MANAGEMENT IN AMBITO MILITARE LO STRESS-MANAGEMENT IN AMBITO MILITARE La convinzione, espressa dalle organizzazioni professionali e scientifiche, che l esperienza dello stress prolungato ha delle conseguenze indesiderate per la salute

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping

STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping STATI EMOTIVI Ansia Meccanismi di difesa Meccansimi di coping Scienze Umane II - Infermieristica CHE COS È UN EMOZIONE? Stato affettivo di piacere o dispiacere (EMOZIONI POSITIVE O NEGATIVE) Risposta psicologica

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT E BUONA NORMA NON SOTTOVALUTARE NESSUN CASO PERCHÉ: In una percentuale significativa di essi si potrebbe andare incontro a patologie ad insorgenza

Dettagli

Aspetti psicologici per i lavoratori in spazi confinati. Dott.ssa Federica Bergamaschi

Aspetti psicologici per i lavoratori in spazi confinati. Dott.ssa Federica Bergamaschi Aspetti psicologici per i lavoratori in spazi confinati. Dott.ssa Federica Bergamaschi CONOSCENZE CONSAPEVOLEZZA COMPETENZA RESPONSABILITÀ FOCUS REAZIONI DEL CORPO E DELLA MENTE QUANDO SONO ESPOSTI AD

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L.

Conferenza. L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa. Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Conferenza L andropausa esiste? Mito da Smitizzare? Parliamone con l Andrologo e la Sessuologa 29/03/2012 Auditorium Aldo Moro Dr. R. Bonacina Dott.ssa L. Rivolta Recapiti Dottor Roberto Bonacina, urologo

Dettagli

Aspetti psicologici della vulvodinia. Dott.ssa Chiara Micheletti Consulente per la psicoterapia H San Raffaele - Resnati Milano. obiettivi Quando deve intervenire lo psicoterapeuta. Cosa deve fare. Cosa

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE.

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. ELEMENTO FONDANTE DELLO SVILUPPO E DELLA MATURAZIONE DELLA PERSONALITA DEI NOSTRI FIGLI, PUO MANIFESTARSI NEGLI ATTACCHI DI PANICO COME UNA FIAMMATA IMPROVVISA CHE TRAVOLGE

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

I TRAUMI EMOTIVI NELL'OPERATORE INTRODUZIONE

I TRAUMI EMOTIVI NELL'OPERATORE INTRODUZIONE I TRAUMI EMOTIVI NELL'OPERATORE di Giuseppe Filatondi INTRODUZIONE Comunemente si usa definire in modo restrittivo il trauma come un fattore traumatico estremo che implica l'esperienza personale diretta

Dettagli

Approccio al paziente e misura del dolore

Approccio al paziente e misura del dolore IL MANAGEMENT DEL DOLORE NEL PAZIENTE CON LESIONI OSTEOARTICOLARI TRAUMATICHE in tutte le età della vita 1 EDIZIONE Approccio al paziente e misura del dolore Simona Caprilli- Psicologa Psicoterapeuta AOU

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Università degli Studi di Milano-Bicocca Dipartimento di Psicologia QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Il presente questionario costituisce a) la fase finale del corso, nella forma di ricerca/intervento,

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE DR.SSA COVIZZI RITA MORENA MMG DR.SSA DI PIETRO MARGHERITA MMG Medolla

Dettagli

LA PSICOLOGIA DELL EMERGENZA E IL TRIAGE PSICOLOGICO. Dott.ssa Giovanna Gioffrè

LA PSICOLOGIA DELL EMERGENZA E IL TRIAGE PSICOLOGICO. Dott.ssa Giovanna Gioffrè LA PSICOLOGIA DELL EMERGENZA E IL TRIAGE PSICOLOGICO Dott.ssa Giovanna Gioffrè Psicologia dell Emergenza Salvaguardia dell equilibrio Psicologico della Vittima e del Soccorritore DISASTRO Concezione tradizionale

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

FORMAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE PER VOLONTARI - 2010

FORMAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE PER VOLONTARI - 2010 FORMAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE CORSO BASE PER VOLONTARI - 2010 Il supporto psicologico per vittime e soccorritori nelle emergenze LECCO, 27 Maggio 2010 Psicologi per i Popoli Lecco ONLUS Prendersi cura

Dettagli

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Lo Stress è inevitabile nella vita. Ogni giorno ti confronti con diverse situazioni e con il bisogno continuo di fare delle scelte, ciascuna in qualche modo

Dettagli

DEL CAREGIVER. Dott.ssa Teresa FUSCO

DEL CAREGIVER. Dott.ssa Teresa FUSCO DEL CAREGIVER Dott.ssa Teresa FUSCO CHI E IL CAREGIVER? To care= prendersi cura, assistere to give= dare, fornire Ossia colui che offre assistenza e sostegno al malato, in forma rilevante e continuativa:

Dettagli

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività IGIENE branca della medicina che ha lo scopo di promuovere e mantenere lo stato di salute della popolazione disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione?

Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? Di fronte alla diagnosi di tumore: quale comunicazione? La diagnosi di cancro: Si configura come evento critico che minaccia l individuo ed interferisce con le dimensioni su cui si articola la vita: fisica,

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Il Disturbo Post Traumatico da Stress (DPTS) di Salvatore Di Salvo Il DPTS insorge in

Dettagli

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia

Problematiche psicopatologiche dell'infanzia Problematiche psicopatologiche dell'infanzia La fasce di età di infanzia, preadolescenza e adolescenza rappresentano un processo evolutivo molto complesso : per questo motivo è importante rivolgere un

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA ALIMENTAZIONE E COUNSELING LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA PAOLA DELLA ROVERE Psicologa Metodologia fondata sul concedo di: COUNSELING ASCOLTO ATTIVO e ATTENZIONE

Dettagli

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO

EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO RASSEGNA STAMPA EMILIA ROMAGNA: PSICOLOGI, IN CRESCITA SCHIAVITÙ E OSSESSIONE DA GIOCO D AZZARDO Slot-machine, casinò, videopoker e Bingo sono i giochi più a rischio dipendenza Bologna, 13 maggio 2009

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli