BILANCIO SOCIALE 2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIALE 2002"

Transcript

1 BILANCIO SOCIALE 2002 INDICE Bilancio Sociale, un momento di riflessione Lettera del Presidente Scenario La Banca La missione Una Banca di Qualità Cosa è il bilancio sociale Struttura del Bilancio Sociale Il Valore Aggiunto Stato patrimoniale al 31/12/2002 Conto Economico al 31/12/2002 Formazione e distribuzione del Valore Aggiunto Principali indicatori di gestione Contabilità Sociale I soci Struttura della clientela Rapporti con la clientela Le partecipazioni Prodotti e servizi Servizi di tesoreria L Organizzazione della Banca La rete dei Promotori Finanziari Le risorse umane I rapporti con i fornitori I reclami La banca e il territorio

2 bilancio sociale, un momento di riflessione Lettera del Presidente I Il 2002 è stato un anno molto intenso per la Banca Popolare di Puglia e Basilicata, faticoso in alcuni momenti, ma ricco di avvenimenti e di soddisfazioni. Fra le soddisfazioni, è sicuramente da ricordare l acquisizione di 11 sportelli dal Gruppo Capitalia, che ha permesso alla Banca di realizzare un asse Puglia-Molise-Campania, consentendo un maggiore presidio del territorio di riferimento e l ingresso nel mercato del credito di regioni non ancora completamente presidiate, allo scopo di migliorare l efficienza in una logica di crescita sostenibile. A questi sportelli vanno poi aggiunte le 13 dipendenze aperte nel corso dell anno, che unitamente alle Filiali di Brindisi e Pescara inaugurate nei primi mesi del 2003 hanno portato la Banca agli attuali 95 sportelli. Un altro importante traguardo raggiunto dalla Banca Popolare di Puglia e Basilicata nel corso del 2002 è stato il rilascio, da parte dell Ente di Certificazione Det Norske Veritas, della certificazione di conformità del Sistema di Gestione per la Qualità della Banca alla norma internazionale UNI EN ISO 9001:2000 per il processo riguardante le carte di pagamento. La Popolare di Puglia e Basilicata è l unica banca a capitale meridionale tra 14 banche in tutta Italia (tra le quali Monte dei Paschi di Siena, BNL, ING Bank, Sanpaolo-IMI, ecc.) ad aver ottenuto tale prestigioso riconoscimento. Il conseguimento di tale obiettivo è la dimostrazione della capacità di portare a termine progetti complessi e innovativi, al pari di alcune tra le più importanti istituzioni finanziarie del paese. Ultima, ma non meno importante soddisfazione, è stata la Nomination, nell ambito del premio Oscar di Bilancio, e della Comunicazione Finanziaria on line, riconoscimento assegnato annualmente all impresa che abbia attuato nel corso dell anno precedente la migliore comunicazione finanziaria continuativa, efficace e innovativa verso i diversi stakeolders di riferimento utilizzando le tecnologie offerte da internet. La Banca Popolare di Puglia e Basilicata è stata inserita nel gruppo delle cinque società finaliste, tra ben 500 partecipanti, assieme a Campari, IT Holding, Vitaminic e Merloni. Al di là del risultato finale, la partecipazione del nostro Istituto a tale evento, ha rappresentato un successo di cui andare fieri, poichè è dal confronto che nasce la volontà di essere competitivi e migliorare la qualità delle relazioni. Nel 2003 la Banca compie 120 anni, un vero traguardo, soprattutto perchè sono poche le banche popolari che hanno resistito al processo di ristrutturazione che ha investito il sistema bancario italiano nell ultimo decennio. Le poche sopravvissute sono quelle che hanno dimostrato maggiore efficienza e capacità di adattamento al cambiamento, senza tradire le proprie radici. Infatti, sin dalla loro costituzione alla fine dell 800, le popolari confluite nella Banca Popolare di Puglia e Basilicata sono state al servizio del nostro territorio sia venendo incontro alle esigenze economiche della nostra gente, sia sostenendo lo sviluppo sociale e culturale delle aree servite. Ed è proprio per testimoniare l integrazione sempre maggiore tra la Banca e il contesto sociale che, per il 4 anno consecutivo viene redatto il Bilancio Sociale, un importante strumento che ha l obiettivo di esprimere e declinare in modo coerente i valori e la cultura della banca, e di far emergere e contemperare quanto è stato fatto durante l anno per soddisfare le aspettative degli stakeolders. Il risultato è il valore riconosciuto alla centralità della persona umana, il rispetto della sua integrità fisica e culturale, il rispetto dei valori di interrelazione con gli altri, la ricerca dell affidabilità dei sistemi e delle procedure di gestione per la massima sicurezza dei dipendenti, il tutto in vista di uno sviluppo sostenibile e di un progresso responsabile. (Avv. Raffaele D Ecclesiis) (Avv. Raffaele D Ecclesiis) 3

3 4

4 Scenario GGli intensi cambiamenti degli ultimi anni alimentati dalla deregolamentazione creditizia, dall integrazione finanziaria, dall avvento dell euro come moneta unica europea e dagli sviluppi tecnologici nel campo delle telecomunicazioni hanno modificato profondamente lo scenario macroeconomico nazionale e internazionale, da cui possono derivare minacce o nuove opportunità per il sistema creditizio italiano e, quindi, per l operatività della Banca. Scenario internazionale Lo scenario internazionale non presenta attualmente un profilo favorevole. La ripresa del ciclo mondiale e del commercio internazionale tardano infatti a manifestarsi e sono ormai rimandati da tutti i principali centri di ricerca al 2004, se non addirittura al Pesa su questo fronte il clima di persistente sfiducia da parte delle imprese e delle famiglie dei principali paesi industrializzati, che impatta negativamente sulla domanda di beni di investimento e di consumo e quindi sui potenziali di crescita delle singole economie nazionali. Alle incertezze sugli sviluppi futuri dell economia mondiale si sommano quelle derivanti dal protarsi della lunga fase di marcata correzione dei corsi azionari innescata dal crollo della cosiddetta new economy, dai tragici eventi dell 11 settembre, dalle gravi irregolarità gestionali di alcune imprese ad alta capitalizzazione di borsa e dalla guerra in Irak. L incertezza che domina lo scenario mondiale trova la sua più evidente rappresentazione nell inusitata volatilità dell ultimo triennio di tutte le principali Borse mondiali che ha allontanato il risparmio dall investimento azionario sospingendolo verso attività finanziarie altamente liquide e a basso rischio. Significative variazioni si sono sperimentate nel periodo recente anche sul fronte valutario con un forte apprezzamento dell euro sul dollaro, che ha invertito la situazione di marcata debolezza del biennio precedente della valuta europea. Sotto il profilo monetario i tassi di interesse mondiali si mantengono su livelli storicamente molto bassi in virtù dei moderati ritmi inflazionistici e delle necessità di supportare la ripresa sulle due sponde dell Oceano da parte della Fed e della Bce. Tale elemento dello scenario, perdurando la riflessiva intonazione ciclica, dovrebbe trovare sostanziale conferma anche nel prossimo futuro. Scenario nazionale Sul piano nazionale la congiuntura e le sue prospettive non si presentano d altra parte meglio impostate. La crescita del PIL nel corrente esercizio 2003, al pari dell anno precedente, dovrebbe infatti attestarsi sotto il punto percentuale e registrare un marginale miglioramento soltanto a parti- 5

5 re dal prossimo anno, per poi trovare un progressivo consolidamento solo nel corso del La possibilità di attivare la politica di bilancio in senso anti-ciclico è limitata dagli adempimenti previsti dal Patto di Stabilità che incidono maggiormente sull Italia, rispetto ad altri paesi europei, dato l ingente debito pubblico pregresso. Nel caso del nostro Paese rimane inoltre elevato il differenziale inflazionistico rispetto ai principali partners europei che tende a riassorbire i significativi miglioramenti di competitività realizzati negli anni precedenti in materia di contenimento del costo del lavoro. Scenario regionale Anche l economia del territorio di riferimento della Banca è stata caratterizzata negli ultimi tempi da una situazione di regresso in linea con il quadro macroeconomico del Paese. La debolezza ciclica nazionale della maggior parte dei comparti manifatturieri si è infatti riflessa sul sistema industriale pugliese e lucano che ha registrato una sensibile riduzione della crescita. I principali punti di attenzione definiti dalle prospettive macroeconomiche non positive appena delineate ai tre diversi livelli sembrano i seguenti: - la riflessiva crescita economica è destinata a riflettersi sui ritmi di sviluppo degli aggregati monetari e creditizi che saranno nei prossimi anni probabilmente contenuti, ancorchè superiori al tasso d inflazione; - la domanda di credito sembra in particolare destinata ad affievolirsi a seguito del rallentamento economico con impatto potenzialmente negativo anche sulla futura formazione dei depositi delle imprese; - la moderata dinamica dei volumi intermediati dalle istituzioni creditizie provocherà una accentuazione della concorrenza bancaria e una ulteriore limatura dei margini unitari; - gli spread tra tassi di impiego e di raccolta, in particolare, già compressi dal basso livello attuale dei tassi d interesse di mercato, potrebbero ancora restringersi ove le Autorità Monetarie pilotassero ulteriormente al ribasso i tassi ufficiali al fine di stimolare la ripresa; - in siffatto contesto le prospettive di crescita di ogni singola azienda bancaria dipenderanno unicamente dalla propria capacità di difendere e possibilmente conquistare nuove quote di mercato e di resistere alla competizione realizzando più elevati livelli di efficienza operativa; - i risparmiatori - data la prospettiva di protratta volatilità dei corsi - si terranno presumibilmente, almeno per qualche tempo, ancora lontani dalle forme di risparmio più evoluto cercando rifugio negli investimenti liquidi e a più basso rischio: tale fenomeno continuerà dunque a sfavorire la raccolta indiretta (in particolare gestita) e a favorire la raccolta diretta (in particolare in conto corrente); - il ritardo con il quale il deterioramento della qualità del credito tende a manifestarsi in conseguenza di una fase congiunturale negativa potrebbe provocare una forte ripresa delle sofferenze negli anni a venire che dovrà essere per quanto possibile contrastata rafforzando i relativi strumenti di controllo e di monitoraggio; - l elevato livello attuale e prospettico dei fattori di rischio di mercato (prezzi azionari, tassi di interesse e tassi di cambio) impone parimenti uno stretta marcatura delle posizioni finanziarie in portafoglio e un orientamento massimamente prudente delle scelte allocative di carattere finanziario. 6

6 La Banca La storia della Banca risale al secolo scorso. Infatti, dalla fusione tra la Banca Cooperativa Agraria di Gravina e la Banca Mutua Popolare di Altamura, rispettivamente fondate nel 1883 e nel 1888, si è data origine nel 1972 alla Banca Popolare della Murgia e nel 1995 con la confluenza della Banca Popolare di Taranto è nata la Banca Popolare di Puglia e Basilicata. La Banca può dunque vantare ben 120 anni di storia durante i quali ha saputo sviluppare un profondo radicamento con il contesto economico e sociale del territorio di insediamento. In tanti anni di storia l attività della Banca non si è infatti mai limitata alla pura intermediazione creditizia, ma ha sempre interpretato pienamente i principi mutualistici propri delle banche popolari cooperative, facendosi parte attiva e supporto primario dello sviluppo socio-economico delle zone di competenza. Il 2002 è stato un anno particolarmente importante per la Banca sia per i soddisfacenti risultati patrimoniali ed economici realizzati in una fase di forte instabilità dei mercati finanziari, sia per la rilevante crescita dimensionale conseguita con l apertura di 13 nuove agenzie e con l acquisizione di 11 sportelli dal Gruppo Capitalia, che hanno portato la banca a 93 dipendenze a dicembre 2002 (ad oggi 95), con un incremento del 38% sul Lo sviluppo della rete territoriale è da ritenersi un rilevante successo aziendale: basti pensare al numero degli sportelli dell Istituto quasi raddoppiato rispetto al 1995 (anno di costituzione della Banca Popolare di Puglia e Basilicata), in cui le dipendenze erano in larghissima misura concentrate in due sole province (Bari e Taranto). Si tratta di un successo certamente non casuale ma tenacemente perseguito negli ultimi anni e accuratamente preparato, esercizio dopo esercizio dove si è intensamente lavorato per creare quell insieme di pre-requisiti necessari a rendere sostenibile tale rapido sviluppo nella massima preservazione degli equilibri reddituali e tecnicopatrimoniali dell Istituto. 7

7 La missione Nel rispetto della propria natura, la Banca intende operare nel costante interesse della compagine sociale, non puntando ad una esasperata ricerca del profitto ma alla valorizzazione dell investimento degli azionisti, attivandosi per favorire lo sviluppo economico e finanziario delle aree servite, attraverso strategie ed azioni che dovranno essere orientate a soddisfare le esigenze della clientela ed a rafforzare i legami con il territorio. Una rivisitazione in chiave moderna e dinamica della mission si pone sul fronte della redditività aziendale e sulla correlata capacità della Banca di creare valore a favore dei propri azionisti. Esiste infatti un evidente e stretto legame tra redditività e crescita: alti livelli di profittabilità alimentano non solo la formazione endogena di nuovi mezzi patrimoniali, ma anche la capacità della Banca di rivolgersi alla propria compagine sociale, o al mercato, per acquisire ulteriori risorse fresche da investire nel progetto di sviluppo aziendale. Sotto questo profilo appare fondamentale, quindi, continuare a orientare la funzione obiettivo della Banca alla valorizzazione dell investimento degli azionisti, sia attraverso una congrua distribuzione di dividendi sia attraverso la crescita del valore dell azione, come leva fondamentale per il conseguimento del disegno strategico complessivo. L enfasi ancora maggiore che va posta negli anni a venire su una coerente remunerazione dell investimento azionario, non deve tuttavia mai offuscare il fatto che i processi di creazione del valore devono essere fortemente orientati anche alla soddisfazione delle legittime aspettative degli altri portatori di interesse, perchè solo in tal modo possono essere davvero realizzati in chiave sinergica la mission e gli obiettivi aziendali generali. Creazione di valore per i clienti: un pieno soddisfacimento delle esigenze dei clienti costituisce l architrave portante del successo e del sapersi distinguere nella competizione e deve quindi rappresentare il fulcro fondamentale di orientamento delle scelte e dei comportamenti di mercato della Banca. Creazione di valore per il personale: le risorse umane rappresentano il capitale più prezioso della Banca e lo strumento essenziale di realizzazione delle strategie. Creare valore per il personale significa dare stabilità di impiego, formazione, prospettive di crescita professionale e di sviluppo delle competenze che consentono di servire al meglio il cliente, in un clima aziendale positivo e motivante. Creazione di valore per le comunità locali: la Banca deve parimenti continuare ad operare come volano di sviluppo delle condizioni socio-economiche delle comunità locali di cui costituisce parte integrante e di cui è fondamentalmente al servizio. In base alle considerazioni svolte la missione della Banca può essere quindi così declinata: MISSION DELLA BANCA Mantenere e rafforzare le proprie caratteristiche peculiari di Istituto autonomo dal punto di vista societario, che opera per il benessere, la promozione e lo sviluppo dei territori locali di operatività, sia tradizionali sia di più recente insediamento, secondo i principi mutualistici propri delle banche popolari cooperative interpretati in chiave moderna e finalizzata alla creazione di valore. 8

8 Una Banca di Qualità La Banca Popolare di Puglia e Basilicata ha ottenuto nel 2002 la certificazione del proprio sistema di gestione per la qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000. L ambito riconoscimento giunge a compimento di un attenta fase preparatoria ed attuativa realizzate con il contributo determinante di Risorse interne. A differenza di quanto avviene nel settore industriale in cui la certificazione di qualità è un fenomeno abbastanza diffuso, nel settore bancario e finanziario è decisamente ristretto il numero di aziende certificate. La Banca Popolare di Puglia e Basilicata, infatti, si colloca al primo posto tra le Banche con capitale meridionale e tra le poche in Italia (solo 14 istituzioni finanziarie su un totale di diverse centinaia operanti in Italia) ad aver conseguito l ambito riconoscimento. La nostra Banca, da sempre attenta alla qualità del servizio reso alla clientela, ha voluto con tale progetto creare fiducia e trasparenza in un mercato ipercompetitivo, caratterizzato da clienti sempre più esigenti. Per l occasione il 21 febbraio 2003 è stato organizzato un convegno, con il patrocinio della facoltà di Economia dell Università di Bari, intitolato L orientamento alla qualità nel sistema territoriale pugliese e lucano: il sistema di gestione qualità della B.P.P.B. ISO 9001:2000. Il convegno, al quale hanno partecipato esponenti di Banca d Italia, ABI e Università, ha rappresentato l occasione non solo per illustrare il sistema qualità della Banca, ma anche per tracciare un quadro di riferimento aggiornato sulle tematiche della qualità in tutto il sistema bancario. Il Sistema di Gestione per la Qualità applicato in Banca, circoscritto inizialmente al processo di collocamento e gestione delle carte di pagamento è, in sostanza, un modello di gestione dell organizzazione aziendale articolato per processi. L applicazione delle norme di riferimento ha reso necessario un riesame dell assetto organizzativo, secondo uno schema ben definito, ed impone che per i processi interessati siano stabiliti obiettivi chiari, e che tutto il sistema sia tenuto sotto controllo e sia continuamente migliorato. Sono otto i principi su cui si fondano le norme della famiglia ISO 9000, meglio conosciute con il nome di Vision Innanzitutto viene rimarcata l attenzione sulla soddisfazione della clientela e sulla gestione per processi. Vivere in una logica di processo costituisce un passo fondamentale per l applicazione delle nuove norme ISO e impone un nuovo modo di essere e di lavorare. Ognuno deve cogliere il proprio doppio ruolo, ora di cliente interno, ora di fornitore interno. Pertanto, il successo o l insuccesso, non è più merito o demerito di una singola funzione, ma dipende dal modo in cui tutte le strutture aziendali sono in grado di comunicare fra loro e, soprattutto, dalla capacità di condividere gli obiettivi e di collaborare. La misurazione della customer satisfaction è stata effettuata attraverso un indagine mirata, commissionata alla società specializzata Eurisko. Tale indagine, condotta attraverso interviste telefoniche, ha evidenziato buoni livelli di soddisfazione e ha offerto alcuni spunti di riflessione per il miglioramento continuo delle prestazioni delle nostre carte di pagamento. Tra i principi di gestione per la Qualità, la nuova versione delle ISO 9000 accentua il ruolo e la responsabilità della Direzione. In particolare, il suo impegno parte dall attenzione verso il cliente e si articola in azioni di coinvolgimento del personale sulla qualità, nella formulazione di una politica gestita per obiettivi, e nell assegnazione delle risorse necessarie. A tal proposito, la Direzione della Banca è responsabile non solo dell impostazione del Sistema di Gestione per la Qualità, ma anche del suo funzionamento e rendimento, attraverso continui riesami di dati e informazioni sull andamento del Sistema. Un altro importante principio è rappresentato dal coinvolgimento del personale; viene prestata molta attenzione alle risorse umane, enfatizzando non solo l importanza della formazione, ma soprattutto la formalizzazione del grado e del livello di competenza in relazione al ruolo. Ciò al fine di promuovere la consapevolezza del contributo di ciascuno nel conseguire gli obiettivi per la qualità. In quest ottica l attenzione si sposta sulla prestazione, intesa come azione svolta con precisione e completezza. A tal riguardo, è 9

9 10

10 opportuno soffermarsi sul principio fondamentale che contribuisce a valorizzare e qualificare un Sistema di Gestione per la Qualità: il miglioramento continuo. Il miglioramento, infatti, è un attività che mira ad accrescere la soddisfazione dei clienti e delle altre parti interessate alla vita della Banca (soci, personale interno, ambiente esterno e fornitori). E per individuare le aree di miglioramento, è necessario monitorare e misurare continuamente gli obiettivi che il Sistema di Gestione per la Qualità si prefigge di perseguire. Tale misurazione consiste nel raccogliere dati per confrontare i risultati attuali con quelli attesi o previsti; essa diventa, quindi, lo strumento fondamentale per dimostrare la validità del Sistema Qualità e, nello stesso tempo, rappresenta l anello di congiunzione fra l azione e il miglioramento. L azienda che adotta la ISO 9001 : 2000 dovrà dimostrare, con dati effettivi, cosa ha effettivamente migliorato. Le misurazioni attraverso cui è possibile monitorare costantemente l efficacia del Sistema e rilevare le possibili aree di miglioramento devono essere condotte a vari livelli (Customer Satisfaction, reclami della clientela, audit interni, indicatori di processo, disfunzioni operative,...), al fine di ottenere ampi suggerimenti utili a mettere in atto le necessarie azioni correttive. I risultati vengono riesaminati al fine di individuare ulteriori opportunità di miglioramento che, in questo modo, diventa un attività continua. Con l applicazione delle nuove norme ISO 9000, cambia l atteggiamento nei confronti degli errori. L evento negativo, l anomalia, non è più un evento da temere, ma diventa invece un opportunità. A questo proposito, più anomalie vengono rilevate, più si offre al sistema l opportunità di migliorare. Altro aspetto altrettanto importante è quello legato alla prevenzione, infatti è sempre meglio adoperarsi per un esito positivo, mettendo in atto interventi organizzativi che mirino al miglioramento delle performance, piuttosto che dedicare energie alla riparazione. Il modello di gestione della qualità ispirato ai principi dettati dalla norma UNI EN ISO 9001: 2000, implementato in B.P.P.B., si può sinteticamente rappresentare con il seguente schema: Ogni attività parte dal Cliente (attraverso i suoi requisiti espliciti ed impliciti) ed è diretta al Cliente e da questi continuamente valutata. Al centro è posta la Banca con i suoi processi e con le sue strutture. Il modo attraverso il quale interagiscono processi e strutture testimonia la capacità della Banca di posizionarsi verso la parte più alta della figura che identifica il miglioramento continuativo, primo e ultimo fine delle Vision

11 Cosa è il bilancio sociale Negli ultimi tempi si è sentito spesso parlare di responsabilità sociale, cioè di quell impegno di un azienda a mantenere un comportamento etico verso tutti gli stakeholders, tenendo conto dell impatto sociale della propria attività nei rapporti con il personale, i fornitori, i clienti e tutti gli interlocutori, al fine di contribuire allo sviluppo economico, integrando rispetto per l ambiente e dimensione sociale delle attività. Ci sono diversi modi per rispondere ai propri clienti, dipendenti e pubblico di riferimento: con le politiche, con le strategie, con il modo di operare sul mercato, con i prodotti, con l attività che un azienda sceglie di portare avanti. Oggi più che mai il consumatore non fa solo una scelta di costo-beneficio del prodotto o del servi- zio offerto, ma letteralmente promuove o boccia un produttore in base a dei criteri più globali, che si potrebbero definire di posizionamento complessivo sul mercato, perché tra i fattori sempre più determinanti ci sono scelte che implicano aspetti etici, o altri atteggiamenti che spesso sconfinano nell ambito politico morale. I tradizionali metodi di tenuta della contabilità e del bilancio permettono di illustrare soprattutto il versante economico di un attività. Ben poco viene detto sui risultati, positivi o negativi che siano, ottenuti sul versante sociale. Il Bilancio Sociale: - documenta il processo di creazione e di distribuzione della ricchezza prodotta; - qualifica l insieme dei rapporti intrattenuti con le diverse categorie di stakeholders; - valorizza le attività di interesse sociale e di beneficio alla collettività. È, quindi, uno strumento importante per dare visibilità alle domande ed alla necessità di informazione e trasparenza della collettività, mirante a delineare un quadro omogeneo, puntuale, completo e trasparente della complessa interdipendenza tra i fattori economici e quelli socio-politici connaturati e conseguenti alle scelte fatte; esso si presenta come un rendiconto che integra e completa il Bilancio d Esercizio annuale, con lo scopo di offrire dati quantitativi e qualitativi sulle numerose attività svolte dalla Banca, anche in ragione delle finalità sociali assunte nelle proprie iniziative. Con questo documento la Banca intende assumersi la responsabilità dell impatto prodotto dalle proprie business activities sull ambiente circostante, perseguendo così l obiettivo di promuovere non solo dal punto di vista economico, ma anche sociale, la sua attività nei confronti della comunità intera, con la convinzione che la ricchezza del singolo sia indissolubilmente legata a quella dell intero territorio, e che la redditività non sia frutto di una speculazione sul cliente, ma sia la giusta ricompensa per la competenza e l impegno profuso. Se il dividendo rappresenta un immediato indicatore della ricchezza monetaria prodotta dalla banca, esso si colloca ad un livello inferiore rispetto alla ricchezza creata a vantaggio dell intera collettività attraverso la realizzazione di condizioni favorevoli allo sviluppo sociale. 12

12 Struttura del Bilancio Sociale Giunto ormai alla sua quarta edizione, il Bilancio Sociale 2002 riconferma la sua struttura espositiva, che si articola secondo le seguenti direttrici: 1. Il Valore Aggiunto: attraverso la riclassificazione del conto economico della Banca, si è cercato di quantificare in maniera puntuale la ricchezza creata dall attività aziendale a vantaggio dell intera collettività e la sua distribuzione tra le tradizionali categorie di interlocutori e portatori di interessi. 2. I Soci: non rappresentano semplicemente gli azionisti da remunerare, ma giocano un ruolo fondamentale in quanto sono gli interlocutori primari con i quali la Banca si confronta e dai quali riceve preziosi consigli e suggerimenti. 3. La Clientela: la customer satisfaction è il bene immateriale più prezioso per la banca, in quanto costituisce il presupposto per rafforzare la fiducia e le relazioni con la clientela. La forte competizione presente nel settore, dovuta alla costante innovazione di processi e servizi, rende necessario fornire al cliente un servizio sempre più personalizzato e di livello consulenziale. In osservanza al principio di trasparenza bancaria, la Banca Popolare di Puglia e Basilicata ha aderito al Codice di Condotta Volontario in materia di informativa precontrattuale per i contratti di mutuo immobiliare. 4. Le risorse umane costituiscono un asset di primaria importanza per la Banca; la formazione continua del personale è uno degli obiettivi fondamentali non solo come leva di arricchimento e sviluppo professionale, ma anche per la diffusione e condivisione di una cultura aziendale omogenea. 5. Le relazioni con lo Stato e gli Enti Pubblici rappresentano un elemento importante per la politica territoriale della Banca, che permette di creare valore aggiunto percepito dall intera collettività. Il ruolo attivo svolto dalla Banca in questo senso, emerge principalmente attraverso la gestione dei servizi di tesoreria e le promozioni di eventi culturali sul territorio. Altrettanto significativa è la collaborazione offerta nell applicazione delle normative antiriciclaggio e nelle indagini promosse dall attività giudiziaria. 6. I fornitori sono considerati dalla Banca uno degli anelli più importanti della catena del valore della stessa, in quanto la qualità dei servizi offerti dipende strettamente dagli standard delle forniture ricevute. Per tale motivo la Banca ha da sempre considerato i fornitori veri partner aziendali, coi quali intrattenere un rapporto di collaborazione e interscambio reciproco basato su sentimenti di fiducia, affidabilità e correttezza. 7. Da sempre la Banca, per promuovere lo sviluppo sociale e culturale del territorio, interviene in favore della collettività in genere contribuendo in numerose iniziative a sostegno dell arte, della formazione, dello sport, e di diverse manifestazioni popolari, espressione della tradizione e della cultura locale. Di importanza rilevante risultano i contributi sotto forma di beneficenza. 13

13 il valore aggiunto LLa determinazione del Valore Aggiunto è ottenuta riclassificando opportunamente lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico in modo da evidenziare il processo di formazione della ricchezza creata dall attività aziendale e la sua distribuzione tra le varie categorie di interlocutori e portatori di interesse che, a vario titolo, hanno avuto un rapporto di interscambio con la Banca Popolare di Puglia e Basilicata, quali dipendenti, azionisti, fornitori, clienti, Enti Pubblici. Tale analisi è stata effettuata attraverso un attenta e rigorosa corrispondenza tra contabilità generale d esercizio e contabilità sociale, al fine di evidenziare la capacità della Banca di creare ricchezza e distribuirla tra i diversi stakeholder, nel rispetto dell economicità di gestione. - Formazione del Valore Aggiunto, che descrive il percorso che ha portato la Banca alla produzione del valore - Distribuzione del Valore Aggiunto tra i diversi portatori di interesse. Quest ultima parte rappresenta l anello di congiunzione tra i dati economico-finanziari e la rendicontazione sociale. La sezione risulta composta dalle seguenti parti: - Stato Patrimoniale riclassificato che, attraverso indicatori statistici e quantitativi, descrive il percorso seguito dalla Banca verso la produzione del valore. - Conto economico riclassificato per giungere alla determinazione del valore aggiunto. Il conto economico è riclassificato come differenza tra il valore della produzione e i costi della produzione. La produzione lorda è alimentata dai clienti affidati e dai clienti fruitori di servizi, dalle istituzioni creditizie e dal mercato mobiliare. Il costo della produzione è imputabile ai rapporti passivi con i depositanti e con le istituzioni creditizie, nonché ai rapporti con i fornitori; 15

14 Stato patrimoniale al 31/12/2002 VOCI (in migliaia di euro) ATTIVO Cassa e disponibilità Crediti Titoli non immobilizzati Immobilizzazioni Ratei, risconti ed altre attività PASSIVO Raccolta da clientela Debiti verso banche Ratei, risconti ed altre passività Fondi diversi Fondi a destinazione specifica Prestiti subordinati PATRIMONIO NETTO Capitale, Riserve e Fondo rischi Banc. Gen Utile di esercizio Conto Economico al 31/12/2002 CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO (in migliaia di euro) Var. % Interessi attivi e proventi assimilati (inclusi i dividienti) ,9 Interessi passivi e oneri assimilati ,8 MARGINE DI INTERESSE ,5 Profitti/perdite da operazioni finanziarie ,0 Commissioni, provvigioni, altri ricavi ,9 meno: commissioni passive ed altri oneri ,3 Totale ricavi e provvigioni da servizi ,8 MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ,4 Costi operativi ,6 RISULTATO LORDO DI GESTIONE ,6 Accantonamenti e rettifiche ,9 UTILE DELLE ATTIVITÀ ORDINARIE ,2 Proventi/Oneri straordinari ,9 UTILE PRIMA DELLE IMPOSTE ,2 Accontonamento a Fondo imposte e tasse ,5 UTILE NETTO D ESERCIZIO ,0 16

15 Formazione e distribuzione del valore aggiunto FORMAZIONE DEL VALORE AGGIUNTO VALORE DELLA PRODUZIONE LORDA interessi attivi: clientela banche mercato mobiliare dividendi e altri interessi commissioni attive e altri ricavi profitti da operazioni finanziarie COSTO DELLA PRODUZIONE interessi passivi: clientela banche/altri interessi commissioni passive e altri costi perdite da operazioni finanziarie spese amministrazione (al netto imposte indirette) altri oneri di gestione 0 0 rettifiche/riprese di valore sui crediti altri accantonamenti rettifiche di valore su immobilizzazioni finanziarie ,133 VALORE AGGIUNTO CARATTERISTICO LORDO Proventi straordinari oneri straordinari VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO Ammortamenti VALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO costo del lavoro imposte e tasse indirette RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE Variazioni del Fondo Rischi Bancari Generale 0 0 imposte e tasse dell esercizio RISULTATO DI ESERCIZIO

16 DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO Valore della produzione globale lorda Costo della produzione lorda VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO DESTINAZIONE SOCI dividendi distribuiti ai soci per compenso agli amministratori RISORSE UMANE costo lavoro FISCO imposte e tasse indirette imposte sul reddito d esercizio COLLETTIVITÀ/AMBIENTE beneficenza RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE Ammortamenti Accantonamenti a riserva legale e statutaria Variazione delle Riserve Patrimoniali 0 0 Le informazioni contenute nella tabella appena riportata fanno emergere un incremento del valore aggiunto rispetto all esercizio precedente del 5%, passando da 72,1 a 73,6 milioni di euro. Per l anno 2002 è stato prodotto un valore aggiunto pari a mln, che è stato ripartito come segue: - il 12,2% della ricchezza prodotta al rafforzamento patrimoniale; - il 9,6% ai soci,sotto forma di dividendo; - il 57,6% alle risorse umane, sotto forma di costo del lavoro; - il 20,3% al fisco, sotto forma di tasse ed imposte; - lo 0,4% alla collettività per scopi sociali. 18

17 Principali indicatori di gestione INDICI DI EFFICIENZA DEL PERSONALE (in migliaia di euro) impieghi clienti (al lordo delle svalutazioni e al netto delle sofferenze) / n medio dipendenti raccolta onerosa (escl. PCT) / n medio dipendenti raccolta globale / n medio dipendenti raccolta globale (escl. PCT) / n medio dipendenti spese per il personale / mg intermediaz. 39,7% 38,6% 39,2% 6 - cost income (costi oper.+ammortamenti / mg intermed.) 70,1% 71,3% 68,1% 7 (*) - margine intermediazione / n medio dipendenti 127,2 127,6 120,3 8 (*) - margine lordo / n medio dipendenti 38,0 36,7 31,6 9 (*) - valore aggiunto (ris. lordo gest. + costi pers.) / n medio dip. 88,6 85,9 78,7 10 (*) - costi personale / n medio dipendenti 50,6 49,3 47,1 INDICI PATRIMONIALI patrimonio netto / impieghi clienti 11,9% 14,0% 13,7% patrimonio netto / raccolta clienti 9,6% 10,1% 10,3% INDICATORI REDDITUALI Roe (utile netto / patr. netto a inizio anno) 6,7% 7,3% 6,2% Roa (mg lordo gestione / totale attivo) 1,3% 1,3% 1,2% Ricavi netti da serv. / mg interesse 48,6% 46,2% 46,3% Ricavi netti da serv. / mg intermediazione 32,7% 31,7% 31,8% (*) Nota: gli indici reddittuali sono calcolati sui dipendenti medi escludendo Capitalia 19

18 20

19 21

20 contabilità sociale I soci L Lo storico e solido legame con il territorio di riferimento della Banca è ben evidenziato dal numero di Soci che, al è cresciuto da a , mentre il numero di azioni è passato a ( nuove azioni in più rispetto al 2001). La collocazione geografica del Soci, distribuiti su tutto il territorio nazionale vede nettamente prevalere il territorio di insediamento principale, anche se sta crescendo il numero di Soci nelle zone in cui la Banca sta espandendo la propria presenza negli ultimi anni. Quasi la metà dei Soci possiede azioni della Banca da più di sei anni, a riprova della fiducia riposta nella solidità dell Istituto, della buona performance del titolo azionario in termini di dividendi (0.31 euro per azione nel 2000 e 0.34 nel 2001 e nel 2002) e del crescente valore dell azione in base al patrimonio. L attenzione che la banca pone nei confronti dei propri Soci trova inoltre manifestazione nella differenziazione dell offerta di prodotti e servizi ad essi dedicati. E previsto, infatti, un Pacchetto condizioni riservato ai Soci della Banca che copre i prodotti e servizi, quali conto corrente, credito personale, fiduciario e al consumo, mutui e servizi collaterali (custodia titoli, fondi comuni, carte di credito/debito). 23

21 I Soci, in virtù del loro status, beneficiano inoltre di una copertura assicurativa contro gli infortuni dei rischi professionali ed extraprofessionali che abbiano come conseguenza l invalidità permanente o il decesso. 24

22 Struttura della clientela I risultati della Banca nel 2002 hanno visto una crescita della raccolta globale del 14,5% su base annua, consolidando la tendenza alla polarizzazione verso forme tecniche di breve periodo. Nel complesso la raccolta globale si attesta sui milioni di euro circa. La dinamica per principale forma tecnica è così sintetizzabile. RACCOLTA Var. (dati in milioni di euro) Depositi a risparmio 458,9 429,3 6,9% Conti correnti 909,7 734,3 23,9% Raccolta in valuta 3,6 3,5 2,9% Operazioni pronti/termine 274,6 259,4 5,9% Debiti verso clientela 1.646, ,5 15,4% Prestiti obbligazionari 232,5 229,9 1,1% Prestiti obbligazionari subordinati 21,9 38,2-42,7% Certificati di deposito 186,9 194,3-3,8% Debiti rappr. da titoli e subordinati 441,3 462,4-4,6% Risparmio gestito (al valore di mercato) 715,8 549,1 30,4% Altra indiretta 1.098, ,8 7,0% Prodotti assicurativi 144,3 69,2 108,6% Raccolta indiretta 1.959, ,1 19,1% TOTALE COMPLESSIVO 4.047, ,0 14,5% L andamento della Raccolta clientela negli ultimi anni è evidenziata nel grafico seguente. 25

23 Per quanto riguarda gli impieghi, nel corso del 2002 si è registrato un incremento superiore al 25,5% su base annua (anche al netto delle operazioni di pronti termine attivi e delle sofferenze, la crescita supera comunque il 25%). L indice di rischio sofferenze nette/impieghi per la Banca è di circa l 1,6%, e ciò anche a seguito di un operazione di cartolarizzazione di crediti non performing. Il rapporto sofferenze/patrimonio di vigilanza si attesta su valori attorno al 17%. IMPIEGHI Var. (dati in milioni di euro) Portafoglio ,0% Conti correnti ,5% Mutui ,9% Altre sovvenzioni in Euro ,8% Operazioni pronti/termine ,0% Finanziamenti in valuta ,1% Sofferenze ,2% sofferenze - interessi di mora TOTALE ,5% L andamento degli Impieghi netti a clientela degli ultimi anni è descritto dal grafico seguente. Nella ripartizione della raccolta e degli impieghi per settori e branche di attività economica, gli impieghi sono al lordo delle rettifiche di valore e al netto dei depositi cauzionali e dei depositi presso il tesoro. La raccolta clientela è al netto delle obbligazioni (255 mil.) e dei pronti termine (275 mil.). Dall analisi della ripartizione della raccolta per settore economico si evince che la categoria più presente è quella rappresentata dalle famiglie (86%) e dalle società non finanziarie (10%), mentre tra le branche di attività economica spiccano il commercio (28%), l edilizia (17%) e gli altri servizi (27%). Per quanto riguarda gli impieghi, i settori economici verso i quali sono stati erogati la maggior parte dei finanziamenti sono le famiglie (60%) e le società non finanziarie (26%). Guardando alla distribuzione per ramo di attività economica, la controparte più significativa è, anche qui, quella rappresentata dal commercio (26%), dall edilizia (17%) e dagli altri servizi (20%). 26

24 impieghi % raccolta % TOTALE BRANCHE ,0% ,00% agricoltura ,0% ,5% altre industrie ,5% ,8% industria Meccanica ,5% ,5% industria alimentare ,7% ,2% industria tessile e abbigliamento ,3% ,7% edilizia ,7% ,2% commercio ,5% ,5% altri servizi ,6% ,5% TOTALE SETTORI ,0% ,00% amministrazioni pubbliche ,7% ,2% famiglie ,4% ,8% istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle fami ,5% ,3% resto del mondo 286 0,0% ,2% società finanziarie ,0% ,1% società non finanziarie ,4% ,3% unità non classificabili e non classificate 218 0,0% ,2% 27

25 Rapporti con la clientela La strategia commerciale e l ampliamento della rete distributiva hanno portato il numero dei clienti che intrattengono rapporti con la Banca a circa , con un incremento di oltre 21 mila clienti in un anno, pari a circa il 9%. La ripartizione per aree geografiche conferma il forte radicamento della Banca sul proprio territorio (Puglia e Basilicata), ma anche una crescente propensione al presidio di nuovi territori (Campania Molise, Lazio e Lombardia). Ripartizione clientela per area geografica BA BR FG TA LE MT PZ Altre Totale La quasi totalità dei clienti sono concentrati nella regione Puglia (85,5% del totale), mentre in Basilicata la Banca intrattiene rapporti con circa clienti (che rappresentano il 7% del totale). Nelle altre regioni, ed in particolare in Campania, Molise, Lazio e Lombardia, la Banca ha visto crescere la propria clientela, che rappresenta ormai il 7,5% del totale La disaggregazione della clientela per natura giuridica mette in luce una marcata concentrazione nel segmento persone fisiche (il 90% del totale) e una significativa concentrazione nel settore delle società (il 10% del totale). La restante clientela appartiene ai segmenti degli enti privati, istituti di credito ed enti pubblici. Ripartizione clientela per natura giuridica Persone fisiche Enti privati Banche 443 Enti pubblici 48 Società Totale La clientela per settore di attività economica esprime la vocazione della Banca verso il target famiglie consumatrici, che rappresentano l 88% del totale. Seguono i segmenti delle famiglie produttrici e delle imprese (rispettivamente il 7% e il 4% del totale). 28

26 Ripartizione della clientela per settore attività economica Famiglie consumatrici Famiglie produttrici Imprese Banche e finanziarie 556 Amministrazioni pubbliche 224 Altro Totale Infine, nella tabella a margine vengono riportati alcuni dati significativi sul numero dei rapporti della Banca Popolare di Puglia e Basilicata e le loro variazioni rispetto all anno precedente. Rapporti per tipologia di prodotto % cc ,7% dr + cd ,4% dossier titoli ,9% cassette sicurezza ,1% crediti firma ,8% carte di credito/debito ,6% assicurazioni ,8% 29

27 Le partecipazioni Da sempre la Banca Popolare di Puglia e Basilicata è impegnata a favorire e incentivare lo sviluppo economico-sociale del territorio di riferimento, attraverso la partecipazione nelle società che mirano a potenziare il processo evolutivo delle aree geografiche di Puglia e Basilicata, valorizzando e sostenendo i diversi settori economici, attraverso l imprenditoria locale e la crescita occupazionale. Di qui la presenza della Banca in aziende operanti nei Patti Territoriali nelle aree pugliesi e lucane (c.d. partecipazioni sociali ). Questa attenzione verso l economia locale è stata confermata nel 2002 con l acquisizione partecipativa nel Consorzio Terziario Avanzato di Taranto. La BPPB, inoltre, in virtù dell accordo commerciale a suo tempo concluso con il Gruppo Banca Popolare di Lodi, non solo partecipa al capitale di alcune società c.d. prodotto della BPL, ma è presente con propri esponenti negli organi consiliari. Tale accordo ha consentito e consente al nostro Istituto di presidiare il mercato con l offerta di prodotti e servizi innovativi e di qualità, in linea con le esigenze espresse dal mercato. Tra le altre operazioni avvenute nel corso dell esercizio, inoltre, si segnalano la cessione delle azioni della Banca Popolare del Levante a seguito dell OPA lanciata dalla Veneto Banca. Completano le tipologie partecipative le c.d. società strumentali di categoria del sistema bancario in generale, che hanno il compito di assistere le varie aree gestionali dell attività bancaria e parabancaria del nostro Istituto. 30

28 PARTECIPAZIONI BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA SOCIALI ACCORDO QUADRO B.P. LODI SOCIETÀ STRUMENTALI DI CATEGORIA ALTRE Patto Territoriale Area Metropolitana Bari SpA 5,20% Bipielle International UK L.t.d. 10,00% Istituto Centrale Banche Popolari SpA 0,27% Istituto Enciclopedia Banca e Borsa SpA 0,23% Patto Territoriale Polis Sud-Est Barese Scrl 0,34% Italfortune International Advisor S.A. 10,00% Servizi interbancari SpA 0,04% Cooperativa Luigi Luzzatti a r.l. 1,20% Taranto Sviluppo SpA 15,00% Bipielle ICT Spa 5,10% Euros SpA 2,50% Finpuglia Spa 0,15% L Uomo di Altamura 9,00% Bipiele Bank (Suisse) 5,00% Centrosim SpA 1,50% RI.TRI.MAT SpA 0,05% Murgia Sviluppo SpA 5,00% Banca Bipielle.Net SpA 1,67% Unione Fiduciaria SpA 0,79% PattodiFoggia Scpa 4,00% Bipielle Fondicri sgr SpA 0,83% Factorit SpA 0,16% PROMEM Sud-Est Spa 2,47% Efibanca SpA 0,50% Siteba SpA 0,13% Agenzia Occupazione e Sviluppo Area Nord Barese-Ofantina Scpa 2,30% Eurovita Assicurazioni SpA 0,27% Banca per il Leasing-Itealase SpA 0,14% Consorzio Sviluppo Conca Barese 1,50% SSB SpA 0,02% Patto Verde 1,00% Centrobanca SpA 0,01% CONSIAT SpA 0,50% Sia SpA 0,01% Consorzio terziario avanzato Taranto Scrl 1,25% S.W.I.F.T. s.c. 0,01% 31

29 Prodotti e servizi La Banca, durante il 2002, ha continuato a prestare una grande attenzione alla qualità dei prodotti e servizi offerti con l obiettivo di pervenire ad una sempre migliore fidelizzazione (customer retention) e soddisfazione della propria clientela (customer satisfaction), in particolare attraverso la personalizzazione di servizi ad elevato apporto consulenziale ed un sempre più adeguato sfruttamento delle nuove tecnologie. La necessità di comprendere le esigenze della clientela e i bisogni provenienti dal mercato dei privati, delle imprese e delle istituzioni ha spinto inoltre la Banca ad una continua attività di perfezionamento del proprio Sistema Informativo di Marketing, strumento di analisi di cui si avvalgono tutte le proprie unità commerciali. La gamma di prodotti e servizi della Banca presenta una ampia articolazione e si caratterizza per un elevato tasso di innovazione dell offerta rivolta ai diversi segmenti di clientela. PRINCIPALI LINEE DI PRODOTTI/SERVIZI BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA Per le famiglie e privati Il risparmio gestito I classici Utilities Banca on-line Conti personalizzati Carte di pagamento Finanziamenti Bancassicura GPM GPF Fondi Azionari Fondi Obbligazionari Fondi Bilanciati Fondi di Fondi SICAV Conto corrente ordinario Depositi a risparmio Titoli a custodia e in amm. Apertura di credito in C/C Emissione assegni circolari Per le aziende Investimenti in titoli Per gli enti pubblici e privati Telepass Family Viacard Domiciliazione Utenze Cassette di Sicurezza R.I.D. Addebito disposizioni ripetitive Ri.BA attive e passive MAV Cassa Continua ATM Bancomat Var. Banca on-line Credito Agrario Credito Artigiano Credito alle Imprese Leasing Factoring Finanziamento a m-l termine Servizi elettronici di pagamento Certificati di deposito Obbligazioni Pronti contro termine Titoli di Stato Azioni Servizio di Tesoreria La segmentazione del mercato e l offerta differenziata L approccio al mercato attraverso la strategia della segmentazione e dell offerta differenziata è stato, per la Banca Popolare di Puglia e Basilicata, uno strumento competitivo estremamente utile, sia per conseguire nuove quote sia per consolidare quelle esistenti. Il segmento Private Nell ambito dell offerta di prodotti per le famiglie sono state concepite, rispetto ai diversi target di clientela individuati, soluzioni mirate e continuativamente innovate sia in materia di conti e di depositi (Conto Adatto, Conto Omnibus, Risparmio 15-8, Libretto Jeans, Risparmio Amico), sia in materia di forme di finanziamento (Credito al consumo, Mutui ipotecari, Fido Studenti). Inoltre, dall esigenza di porre al centro dell attività della Banca la soddisfazione del Cliente attraverso la personalizzazione del rapporto è nato il Consulente Private Banking; si tratta di un servizio innovativo e avanzato in grado di soddisfare a pieno le esigenze finanziarie, assicurative e di investimento della clientela. Il Consulente private Banking consente al Cliente di avere in Banca un interlocutore in grado di comprenderne le aspettative e di analizzare le possibili forme di investimento coerenti con gli asset emergenti dal profilo personale, seguendone costantemente nel tempo la dinamica e le relative performances. La metodologia seguita nel processo di investimento parte dall identificazione degli obiettivi del Cliente: aspettative di rendimento, propensione al rischio, orizzonte temporale, necessità di liquidità legate a spese e investimenti programmati o potenziali. La scelta della strategia ed il processo ottimale di investimento sono così costruiti - con il supporto della Divisione Finanza - sulla base delle necessità e delle aspettative personali del Cliente e vengono definiti congiunta- 32

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli