DISCIPLINARE TURISTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCIPLINARE TURISTICO"

Transcript

1 DISCIPLINARE TURISTICO per la regolamentazione di [Aziende vitivinicole e agricole, produttori, cantine, distillerie, cantine sociali, enoteche e botteghe del vino] 1

2 ART. 1 DENOMINAZIONE Il perimetro delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano è determinato dalla collocazione degli aderenti, che ricadono sui territori inclusi nella Provincia di Asti. ART. 2 LOGO E SUO UTILIZZO Le Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano sono rappresentati da un logo costituito da un elemento figurativo ed una scritta. Attraverso di esso si esplicitano graficamente e si legano le potenzialità turistiche della provincia di Asti alla sua importanza vitivinicola. Esso potrà essere utilizzato con grafica in positivo o grafica in negativo. L utilizzo del logo è concesso agli aderenti e servirà a contrassegnare tutte le attività di gestione, valorizzazione e promozione delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano, come definito dall Ente di Gestione delle stesse. ART. 3 COORDINAMENTO Allo scopo di coordinare l immagine delle Vie e tutti gli aderenti verrà costituito il Comitato Coordinatore delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. L obiettivo principale perseguito dal Comitato Coordinatore è quello di operare sempre nell interesse delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. Non potrà in alcun modo favorire particolarmente alcuna struttura o deliberare in modo non oggettivo. Esso avrà il compito di valutare i candidati e stabilire l entrata o l esclusione di coloro che non rispettino il presente disciplinare. Periodicamente il Comitato convocherà delle riunioni per gli aderenti ed effettuerà tramite mistery client delle visite alle strutture aderenti al progetto per verificarne la corretta applicazione dei requisiti di accoglienza dettati nel presente regolamento. ART. 4 GESTIONE Allo scopo di gestire le attività ed il funzionamento delle Vie verrà costituito un Ente di Gestione delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. L obiettivo principale perseguito dall Ente di Gestione è quello di operare sempre nell interesse delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. Non potrà in alcun modo favorire particolarmente alcuna struttura o deliberare 2

3 in modo non oggettivo. Tra i suoi incarichi vi saranno l individuazione degli indirizzi comuni sulla promozione istituzionale e di tutte le operazioni per rendere spendibile turisticamente il progetto delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. Esso stabilirà le eventuali nuove attività da intraprendere, il calendario degli appuntamenti e le tappe settimanali del Vino Bus. Inoltre sarà il soggetto con cui le strutture si relazioneranno per la liquidazione del corrispettivo delle degustazioni effettuate tramite Vino Pass e per l accordo di alcuni aspetti che devono essere dichiarati ogni anno. ART. 5 QUOTA ASSOCIATIVA Inizialmente nella fase di start up l adesione alle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano sarà completamente gratuita. Successivamente, dopo il primo anno di attività, potrà essere stabilita una quota partecipativa e le modalità di pagamento a cui dovranno attenersi tutti gli aderenti. ART. 6 DOMINIO INTERNET Nella fase di start up si prevede l implementazione del sito web di riferimento in cui verrà creata una pagina dedicata alla promozione delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano ed alla promocommercializzazione dei servizi Vino Pass e Vino Bus. Successivamente alla fase di start up, gli eventuali domini Internet diverranno patrimonio delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. ART. 7 ADERENTI, REQUISITI ED IMPEGNI I soggetti aderenti alle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano, a garanzia della qualità dell offerta turistica e per rispondere in modo ottimale alla specifica domanda del turismo enogastronomico e rurale, devono possedere i requisiti e rispettare gli impegni previsti dal presente disciplinare. Qualora il Comitato Coordinatore riscontrasse delle ripetute inadempienze al presente regolamento avrà il potere di stabilire l esclusione della struttura in difetto al fine di garantire la qualità turistica del progetto nell interesse delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. 3

4 Il disciplinare è rivolto alle seguenti categorie: 1. Aziende vitivinicole, produttori, cantine, distillerie, cantine sociali, enoteche e botteghe del vino ed eventuali altri operatori del settore; 2. Imprese turistico-ricettive quali agriturismi, alberghi e Bed&Breakfast. Durante la fase di start up non si esclude l ampliamento delle categorie dei possibili aderenti. 4

5 Aziende vitivinicole e agricole, produttori, cantine, distillerie, cantine sociali, enoteche e botteghe del vino ed eventuali altri operatori del settore. 1. I suddetti operatori del settore vitivinicolo, oltre a quelli previsti dalla normativa vigente, devono possedere i seguenti requisiti minimi: Ubicazione delle aziende in prossimità del perimetro delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano e della zona di produzione dei prodotti, oppure al di fuori della zona di produzione, nel caso di aziende associate di vinificazione o vinificazione ed imbottigliamento, purché possiedano un punto aziendale in prossimità del perimetro delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. Disponibilità di aree per la sosta temporanea dei visitatori in spazi aperti, ad esclusione delle aziende situate all interno dei centri storici. Disponibilità di ingresso od altro locale adibito a luogo di accoglienza degli ospiti che attendono per la visita. Disponibilità di servizi igienici aperti al pubblico. Ordine e pulizia dei locali secondo la normativa vigente. Disponibilità di uno spazio di degustazione idoneo. Disponibilità di apposita segnaletica collocata all ingresso dell azienda con indicazione del nome dell azienda, dei numeri di telefono, dell orario e dei giorni di apertura comunicati ogni anno all Ente di Gestione delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano, delle eventuali lingue straniere parlate, della possibilità di visite guidate. Indicazioni GPS per l identificazione della struttura. 5

6 2. Ai fini dell inserimento nelle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano le strutture suddette devono impegnarsi a: Esporre la mappa del territorio specifico delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano; tale mappa dovrà contenere almeno i percorsi e la localizzazione dell offerta enoturistica e turistica rurale complessiva, tramite simbologia annessa, delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. Effettuare degustazioni dei propri prodotti e/o di prodotti del territorio secondo la normativa vigente. Per la degustazione deve essere inoltre disponibile anche una scelta di tutte le tipologie di vino prodotte in azienda. Effettuare degustazioni per i turisti muniti di Vino Pass, che sarà nominativo e datato, vidimando la tessera con un bollino per degustazione, fino ad esaurimento. Tutti i bollini dovranno essere conservati e presentati all Ente di Gestione del servizio per la restituzione del corrispettivo in denaro (un bollino = una degustazione offerta = 0,60 cent/euro). Il Vino Pass non costituisce un offerta sostitutiva a quella già proposta dalla struttura ma rappresenta un complemento aggiuntivo. (rimandiamo al regolamento) Utilizzare per le degustazioni adeguate modalità di presentazione dei prodotti ed in particolare per il vino: i bicchieri di vetro dovranno essere di forma adatta, per gli alimenti non dovranno essere utilizzare stoviglie di plastica, vini e prodotti dovranno essere serviti da personale adeguatamente preparato alle degustazioni. Rispettare un orario di apertura al pubblico, corrispondente a quello concordato ogni anno con l Ente di Gestione delle Vie, nonché disponibilità, se la struttura lo permette, ad effettuare le visite alla cantina. Per il primo anno le strutture aderenti dovranno garantire l apertura continua dal lunedì alla domenica nei mesi da aprile ad ottobre compresi. Nel week end l apertura è obbligatoria dalle ore 11:30 alle 18:30. Affiggere in modo visibile nel locale di degustazione i prezzi dei prodotti in vendita ed eventualmente anche degli assaggi, corrispondenti a quelli comunicati all Ente di Gestione delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. Tali prezzi dovranno riferirsi all offerta proposta dalla struttura esclusa quella fruita tramite Vino Pass. Mettere a disposizione il materiale informativo sulle Vie dei Vini e dei Sapori 6

7 dell Astigiano approvato dall Ente di Gestione, in particolare sul territorio, sulla storia, sui prodotti tipici, sulla cultura ed il folclore locale ed averne almeno una conoscenza di base. Se si dispone della licenza, e rientra nelle caratteristiche della struttura, vendere prodotti di propria produzione e trasformazione. Se la struttura possiede le caratteristiche necessarie, organizzare viste guidate all azienda finalizzate alla conoscenza dei processi di lavorazione, in accordo con quanto stabilito dall Ente di Gestione. Partecipare obbligatoriamente anche con il proprio personale ai corsi di aggiornamento territoriale approvati dall Ente di Gestione, che puntino a sviluppare principalmente il tema dell accoglienza. Potranno essere proposti anche dei corsi legati alla multisensorialità per conferire valore aggiunto alla degustazione e all esperienza in cantina proposta ai visitatori. 7

8 3. Ai fini di una migliore qualificazione dell offerta enoturistica e senza alcun carattere di obbligatorietà vengono indicati: Accoglienza in azienda con un brindisi di benvenuto, che deve essere in aggiunta alla degustazione e non sostitutivo. Visita al vigneto (se rientra nelle caratteristiche della struttura). Avvalersi, qualora richiesto, di personale in grado di presentare i prodotti in lingua straniera, che sia proprio, reperito o messo a disposizione dall Ente di Gestione. Mettere a disposizione spazi, prodotti e risorse umane per attività didattiche come corsi di degustazione, cucina locale ed altro finalizzate alla conoscenza e promozione del patrimonio agroalimentare dei prodotti specifici delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano, organizzate o coordinate dall Ente di Gestione. Mettere a disposizione dei visitatori e/o dei clienti il registro delle presenze. Tali indicazioni, se possedute ed osservate, potranno essere segnalate in maniera adeguata tramite il materiale di accoglienza delle Vie dei Vini e dei Sapori dell Astigiano. Con la firma si dichiara di aver letto il presente disciplinare e di impegnarsi a rispettarlo in ogni sua nota. Data Firma 8

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI

LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 15-5-2001 - N. 44 3 PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI REGOLAMENTO REGIONALE 10 maggio 2001, n. 2 Istituzione delle Strade del vino e di altri prodotti

Dettagli

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA

DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA DISCIPLINARE DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DELLA PROVINCIA DI FERRARA #################### Art. 1 Caratteri generali della Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara Art. 2 Standard di

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO

REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO Approvato con deliberazione consiliare n 5 del 24 febbraio 2010 In vigore dal 17 marzo 2010 REGOLAMENTO PROVINCIALE DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 20 NOVEMBRE 2000, N. 21 SULLE STRADE DEL VINO CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VINO CERASUOLO DI VITTORIA: DAL BAROCCO AL LIBERTY DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento stabilisce le norme generali

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (APA/01/D-294AA) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge 27 luglio 1999, n. 268 "Disciplina delle Strade del Vino"; - il D.M. 12 luglio 2000 Fissazione degli standard minimi di

Dettagli

Associazione STRADA DEL RECIOTO E DEI VINI GAMBELLARA D.O.C.

Associazione STRADA DEL RECIOTO E DEI VINI GAMBELLARA D.O.C. Associazione STRADA DEL RECIOTO E DEI VINI GAMBELLARA D.O.C. Via Borgolecco 2 36053 - GAMBELLARA (VI) tel. fax 0444/444.183-1 - DISCIPLINARE per la costituzione, realizzazione e gestione della STRADA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G.

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G. REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE STRADA DEL VERMENTINO DI GALLURA D.O.C.G. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione a) Il presente Regolamento stabilisce le norme generali di funzionamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento stabilisce le norme generali di funzionamento dell Associazione senza scopo di lucro denominato

Dettagli

-- 2. ENOTECHE --3. AZIENDE DELLA RISTORAZIONE

-- 2. ENOTECHE --3. AZIENDE DELLA RISTORAZIONE ASSOCIAZIONE "STRADA DEL VINO E DEI SAPORI VAL DI MAZARA" R E G O L A M E N T O ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 CARATTERI GENERALI DELLA STRADA DEL VINO ART. 3 ADEGUAMENTO ALI STANDARD DI QUALITÀ ART.4 MODALITÀ

Dettagli

Disciplinare per la realizzazione e la gestione della Strada dell Olio Borghi e Castelli della Valdinievole

Disciplinare per la realizzazione e la gestione della Strada dell Olio Borghi e Castelli della Valdinievole Disciplinare per la realizzazione e la gestione della Strada dell Olio Borghi e Castelli della Valdinievole LEGENDA Art. 1 DESCRIZIONE DEI PRODOTTI VALORIZZATI DALLA STRADA Art. 2 NORME GENERALI Art. 3

Dettagli

Disciplinare per la Partecipazione e gestione della Strada dell olio e del vino del Montalbano Le colline di Leonardo

Disciplinare per la Partecipazione e gestione della Strada dell olio e del vino del Montalbano Le colline di Leonardo Disciplinare per la Partecipazione e gestione della Strada dell olio e del vino del Montalbano Le colline di Leonardo LEGENDA Art. 1 PRODOTTI VALORIZZATI DALLA STRADA Art. 2 NORME GENERALI Art. 3 STANDARDS

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI

REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI Comune di CUSANO MUTRI Provincia di Benevento REGOLAMENTO PER LA SAGRA DEI PRODOTTI TIPICI LOCALI 1 Art. 1 Il Comune di Cusano Mutri in collaborazione con la Pro Loco Cusanese organizza, annualmente, nel

Dettagli

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA

STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA DISCIPLINARE DI QUALITÀ DELLA STRADA DEL GUSTO NORD SARDEGNA INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. TIPOLOGIE DI AZIENDE AMMESSE NELL ITINERARIO...5 2. REQUISITI DI QUALITÀ... 6 2.1. AZIENDE, CONSORZI E COOPERATIVE

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA

REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA REGOLAMENTO ENOTECA LOCALE DELLA STRADA DEL VINO DELL ETNA Comune di Ragalna Approvato con deliberazione consiliare n. 13 del 28.03.2012. Pagina 1 Art. 1 1. È istituita l Enoteca locale della Strada del

Dettagli

Art. 3 Soci Art. 4 Ammissione

Art. 3 Soci Art. 4 Ammissione STATUTO Art. 1 Denominazione e Oggetto E costituita, ai sensi della legge 27 luglio 1999 n. 268, una Associazione volontaria senza scopo di lucro denominata Strada Reale dei Vini Torinesi, di seguito denominata

Dettagli

RURALITÀ MEDITERRANEA

RURALITÀ MEDITERRANEA RURALITÀ MEDITERRANEA REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Marchio Collettivo di Qualità delle imprese dei territori rurali del Mediterraneo GENERALITA ARTICOLO 1. Il Regolamento d uso definisce le condizioni

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI CALVI DELL UMBRIA PROVINCIA DI TERNI TELEFONO 0744/710119-710723 - FAX 0744/710159 - E-MAIL: COMUNECALVI@TISCALINET.IT ART. 1 Il Comune di Calvi dell Umbria, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI

Disciplinare Rete del Gusto ART.8 OBBLIGHI SPECIFICI PER LE SINGOLE CATEGORIE DI SOGGETTI ADERENTI INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 - DEFINIZIONI ART.3 SOGGETTI PROMOTORI E FINALITA ART.4 GESTIONE ART.5 MARCHIO ART.6 REQUISITI PER L ADESIONE ART.7 OBBLIGHI PER TUTTE LE IMPRESE ADERENTI ALLA RETE ART.8 OBBLIGHI

Dettagli

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI

DISTRETTO RURALE DI QUALITÀ SICANI Mod.6_E CHEK LIST AZIENDA AGRICOLA MULTIFUNZIONALE N. ordine dell Elenco richiedenti marchio collettivo DRQ Sicani Protocollo n. del / / Struttura ricettiva denominata: Sita in: Via Comune n. Iscr. C.C.IA.A.

Dettagli

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.)

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) PARTE OPERATIVA INDICE PARTE II VERBALI DI CONTROLLO SCHEDA PRINCIPALITA SCHEDA CLASSIFICAZIONE SCHEDA NATURA

Dettagli

FAQ - VINO a Taste of ITALY (EXPO 2015) ESPOSITORI INFORMAZIONI GENERALI

FAQ - VINO a Taste of ITALY (EXPO 2015) ESPOSITORI INFORMAZIONI GENERALI 1 FAQ - VINO a Taste of ITALY (EXPO 2015) ESPOSITORI INFORMAZIONI GENERALI Che cos è VINO a Taste of ITALY? VINO a Taste of ITALY è il padiglione dedicato al panorama vitivinicolo italiano presente all

Dettagli

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria

CARTA SERVIZI. YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria [ALLEGATO A] CARTA SERVIZI YouLiguria, Itinerari e turismo di qualità in Liguria Art. 1 Principi generali 1.1 Il sito internet realizzato da Confartigianato Liguria, si propone come portale interattivo

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA

BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA BANDO DI SELEZIONE INCUBATORE D IMPRESA Premessa Bergamo Sviluppo - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Bergamo - nell intento di supportare aspiranti e nuovi imprenditori nella progettazione

Dettagli

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge.

Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania. Dott. Paolo Romano SEDE. Oggetto: Trasmissione proposta di legge. / Prot.n. AI Presidente del Consiglio regionale della Campania Dott. Paolo Romano SEDE Oggetto: Trasmissione proposta di legge. Si trasmette, in allegato, Campana ad iniziativa Caldoro Presidente. la proposta

Dettagli

139 Strade dei vini e dei sapori; percorsi che attraversano il 15 per cento dei comuni turistici italiani;

139 Strade dei vini e dei sapori; percorsi che attraversano il 15 per cento dei comuni turistici italiani; L'enoturismo oggi, muove oltre 3,5 milioni di persone, con un indotto che, nel 2003, ha superato i 2,5 miliardi di euro; registrando una proiezione di crescita in termini di fatturato del 10% annuo. 139

Dettagli

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento

REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento Comune di Castro Provincia di Lecce REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO Castro La Perla del Salento (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.45 del 30.10.2013) Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE Approvato con delibera consiliare n. 26 del 4 maggio 2015 1 INDICE Art. 1 - Oggetto... Pag.

Dettagli

BARBERA IL GUSTO DEL TERRITORIO

BARBERA IL GUSTO DEL TERRITORIO Comunità delle Colline Tra Langa e Monferrato Comuni di Castagnole Delle Lanze Coazzolo Costigliole d Asti Montegrosso d Asti Via Roma, 05-14055 Costigliole d Asti (At) Tel. 0141.961850 26 aprile 5 maggio

Dettagli

MANIFESTAZIONE D INTERESSE

MANIFESTAZIONE D INTERESSE G.A.L. "Luoghi del Mito" s.c. a r.l. Sede: 74017 MOTTOLA (TA) Via M. D Azeglio, 13 Tel. 099.8866021 Tel./Fax 099.8865296 www.luoghidelmito.it e-mail: info@luoghidelmito.it Registro Imprese di Taranto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera di Consiglio n... del.. Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento

Dettagli

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI

Napoli, LHC, 1L. Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Consiglio Regionale (Iella Cani pan io Prot.n.29975/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI Al Presidente della VIII e li Commissione Consiliare Permanente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DEI COLLI DI FORLI E CESENA

REGOLAMENTO DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DEI COLLI DI FORLI E CESENA REGOLAMENTO DELLA STRADA DEI VINI E DEI SAPORI DEI COLLI DI FORLI E CESENA in attuazione della L.R. n. 23 del 07/04/00, e del Regolamento Regionale n.16 del 21/06/01 * * * DISCIPLINARE DEGLI STANDARD DI

Dettagli

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie

Disciplinare per il Marchio di Qualità del Parco delle Prealpi Giulie REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO DELLE PREALPI GIULIE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio di Qualità

Dettagli

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO

IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO IL DECALOGO DELL OSPITALITÀ ITALIANA RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO Revisione n. 2 25 novembre 2010 PREMESSA La cucina italiana è il frutto di un secolare processo storico della nostra società, da sempre

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMISSIONE E ATTIVITA'

REGOLAMENTO DI AMMISSIONE E ATTIVITA' REGOLAMENTO DI AMMISSIONE E ATTIVITA' 1. Regole di ammissione 2. Missione 3. Attività 4. Produttori SlowCooking Art. 1 REGOLE DI AMMISSIONE 1. Sono soci di SlowCooking tutte le persone fisiche maggiorenni,

Dettagli

ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA STATUTO

ITINERARI TURISTICI ENOGASTRONOMICI DELL EMILIA ROMAGNA STATUTO STATUTO Premessa La volontà di pervenire ad una Strada dei Vini e Sapori, trova la sua prima affermazione in numerosi documenti programmatici sia provinciali che comunali, spesso concordati con le associazioni

Dettagli

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana"

AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano. Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana AGROALIMENTARE E OSPITALITA. Percorsi di Qualità in Provincia di Oristano Il Marchio di Qualità Ospitalità Italiana" e Le Strade dei Tesori e del Gusto MARCHIO DI QUALITA OSPITALITA ITALIANA PER LE IMPRESE

Dettagli

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO ART. 1 Costituzione - Denominazione - Sede È costituito un Comitato civico cittadino denominato Centro Storico, di seguito chiamato anche

Dettagli

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER RILASCIO ABBONAMENTI ANNUALI PER SPAZI DI SOSTA AGEVOLATI RESIDENTI SENZA RISERVA DI POSTO AUTO (STALLI BLU).

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER RILASCIO ABBONAMENTI ANNUALI PER SPAZI DI SOSTA AGEVOLATI RESIDENTI SENZA RISERVA DI POSTO AUTO (STALLI BLU). COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER RILASCIO ABBONAMENTI ANNUALI PER SPAZI DI SOSTA AGEVOLATI RESIDENTI SENZA RISERVA DI POSTO AUTO (STALLI BLU). (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del

Dettagli

Federazione Ciclistica Italiana COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA

Federazione Ciclistica Italiana COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA Federazione Ciclistica Italiana COMMISSIONE NAZIONALE DIRETTORI DI CORSA E SICUREZZA NORME PER LO SVOLGIMENTO L ATTIVITA DEGLI ADDETTI ALLA SEGNALAZIONE AGGIUNTIVA (A.S.A.) (approvate dal Consiglio Federale

Dettagli

NOTA INFORMATIVA RIVOLTA A. SOCIETA DI CONSULENZA E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.lgs 81/08

NOTA INFORMATIVA RIVOLTA A. SOCIETA DI CONSULENZA E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.lgs 81/08 Via Agostino Depretis, 70 00184 Roma Tel. 06.48907020 Fax 06.48986050 Email: info@ebtl.it formazione@ebtl.it www.ebtl.it www.ebtlservizi.it NOTA INFORMATIVA RIVOLTA A SOCIETA DI CONSULENZA E FORMAZIONE

Dettagli

PROGETTO VINO E SAPORI FVG PROPOSTA DI ADESIONE AL PROGETTO REGIONALE DI OFFERTA RICETTIVA LEGATA ALL ENOTURISMO.

PROGETTO VINO E SAPORI FVG PROPOSTA DI ADESIONE AL PROGETTO REGIONALE DI OFFERTA RICETTIVA LEGATA ALL ENOTURISMO. PROGETTO VINO E SAPORI FVG PROPOSTA DI ADESIONE AL PROGETTO REGIONALE DI OFFERTA RICETTIVA LEGATA ALL ENOTURISMO. Nell ultimo anno la Regione Friuli Venezia Giulia, attraverso Turismo FVG, ha potenziato

Dettagli

SISTEMA DEI PRODUTTORI

SISTEMA DEI PRODUTTORI SCHEDA DI PARTECIPAZIONE AL PROGETTO 2014 TURISMO ENO-GASTRONOMICO DI QUALITA DELL EMILIA-ROMAGNA da inviare entro e non oltre il 30 luglio 2014 alla Camera di commercio di Reggio Emilia all indirizzo

Dettagli

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE

L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE L.R. n. 63/78 art. 50 (prestiti per la conduzione aziendale) ISTRUZIONI OPERATIVE PREMESSE La deliberazione della Giunta Regionale n. 30-7048 dell 8/10/2007 ha istituito, a partire dall 1/01/2008, un programma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4342 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Norme per la promozione delle attività turistiche legate al vino piemontese e istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO 05 GESTIONE DEL SETTORE VITIVINICOLO: TRASFORMAZIONE UVE

REGOLAMENTO 05 GESTIONE DEL SETTORE VITIVINICOLO: TRASFORMAZIONE UVE REGOLAMENTO 05 GESTIONE DEL SETTORE VITIVINICOLO: TRASFORMAZIONE UVE 1 31/10/2014 Variazione ruoli aziendali Rev Data Descizione Approvato Pagina 1 di 7 INDICE DEL REGOLAMENTO 1 Scopo 2 Campo di applicazione

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO EL CAPEL DE NAPOLEON DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Sommario Art. 1 Titolarità, denominazione ed uso del marchio Art. 2

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO

COMUNE DI PALAGIANO. Provincia di Taranto. Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO COMUNE DI PALAGIANO Provincia di Taranto Regolamento DEL MUSEO CIVICO NARRACENTRO Approvato con Delibera di C.C. n. 12 del 19 marzo 2012 ART. 1 Denominazione e sede Il Museo Civico di Palagiano denominato

Dettagli

REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO

REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO REGOLAMENTO MARCHIO COLLETTIVO PROBUL-PRODOTTI BUFALINI DI LOMBARDIA Art.1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Il MARCHIO può essere utilizzato dagli allevatori di Bufala Mediterranea Italiana che producono latte, carne

Dettagli

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n.,

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n., N.B.: Nel caso di invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) - la presente istanza e i relativi allegati dovranno essere trasmessi esclusivamente in formato PDF/A, al seguente indirizzo: protocollo@pec.cittametropolitanaroma.gov.it

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

Proposta di legge per l istituzione dell Enoteca regionale. Casa dei Vini di Calabria

Proposta di legge per l istituzione dell Enoteca regionale. Casa dei Vini di Calabria Seconda Commissione Proposta di legge per l istituzione dell Enoteca regionale Casa dei Vini di Calabria Testo unificato: - Proposta di legge n. 65/9^ di iniziativa dei Consiglieri regionali E. De Masi,

Dettagli

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE

CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE CLUB DI PRODOTTO SAPORI DI BASILICATA DOMANDA DI ADESIONE Il sottoscritto/a nato/a il residente a via in qualità di gestore/titolare dell esercizio ricettivo/ristorativo: ristorante agriturismo sotto l

Dettagli

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata STATUTO FEDERALBERGHI SIENA ASSOCIAZIONE SENESE ALBERGATORI Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata FEDERALBERGHI SIENA - ASSOCIAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como)

COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) COMUNE DI TREMEZZINA (Provincia di Como) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO A TITOLO ONEROSO. Testo approvato dal Commissario Prefettizio con i poteri del Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALL ANIMAZIONE DI PIAZZETTA PIACENZA PADIGLIONE ITALIA PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA CULTURALE, SCIENTIFICO, TURISTICO, SPORTIVO ED ENOGASTRONOMICO

Dettagli

COMUNE DI LAGLIO Provincia di Como REGOLAMENTO SPAZI DI SOSTA RISERVATI A TITOLO ONEROSO PER VEICOLI PRIVATI DEI SOLI RESIDENTI

COMUNE DI LAGLIO Provincia di Como REGOLAMENTO SPAZI DI SOSTA RISERVATI A TITOLO ONEROSO PER VEICOLI PRIVATI DEI SOLI RESIDENTI COMUNE DI LAGLIO Provincia di Como REGOLAMENTO SPAZI DI SOSTA RISERVATI A TITOLO ONEROSO PER VEICOLI PRIVATI DEI SOLI RESIDENTI 1 Regolamento Art.1 La riserva di spazi di sosta lungo strada per veicoli

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA. Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale.

COMUNE DI PISTOIA. Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale. COMUNE DI PISTOIA Settore : SERVIZIO RISORSE UMANE E TECNOLOGICHE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Identificativo Documento: 834176 NUMERO D ORDINE Registro Generale 298 del 16/02/2011 OGGETTO: ASSUNZIONE

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Comune di Grezzana (Verona) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI www.comune.grezzana.vr.it Indice Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 - Funzioni Art. 3 - Luogo della celebrazione

Dettagli

Art. 3 Art. 4 Art. 5

Art. 3 Art. 4 Art. 5 Regolamento disciplinante i requisiti, i criteri e le modalità per l ottenimento della qualifica di Fattoria didattica e/o sociale in attuazione dell articolo 23 della legge regionale 4 giugno 2004, n.

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione scolastica Scuola Elementare E.Fermi Approvato con deliberazione di C.C. n. 44 del 20.12.2005 e modificato con deliberazione

Dettagli

Comune di Salvirola Provincia di Cremona

Comune di Salvirola Provincia di Cremona Comune di Salvirola Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.7 del 31.03.2015) Indice Art. 1 - Oggetto e finalità del

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre:

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre: IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO Con l adesione al Patto mi impegno a: - Promuovere la cultura autodisciplinare e dell etica di mercato monitorando e garantendo la qualità dei servizi;

Dettagli

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio Tel/ 0884\550310-552435 Fax 559870 AL SINDACO

Dettagli

Circuito turistico integrato

Circuito turistico integrato ospiti di valore Circuito turistico integrato Terre di Siena Ospiti di Valore Codice di comportamento Art. 1 - Valori delle Terre di Siena Lo sviluppo economico delle Terre di Siena dipende dalla capacità

Dettagli

NZÈMMULA - Mercatino BIO e a Km 0 REGOLAMENTO

NZÈMMULA - Mercatino BIO e a Km 0 REGOLAMENTO NZÈMMULA - Mercatino BIO e a Km 0 REGOLAMENTO 1. OGGETTO E FINALITÀ NZÈMMULA - Mercatino BIO e a Km 0 - nasce dalla volontà dell Associazione Arci Futuro Belpasso e dell Associazione Pro Loco Belpasso

Dettagli

NORME PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALI Maestro Ugo Cibin della Banda Cittadina, Majorettes & Sbandieratori di Villa Estense

NORME PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALI Maestro Ugo Cibin della Banda Cittadina, Majorettes & Sbandieratori di Villa Estense NORME PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALI Maestro Ugo Cibin della Banda Cittadina, Majorettes & Sbandieratori di Villa Estense Articolo 1 Adozione del regolamento - L Assemblea dei Soci adotta il

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO. Le Radici del Vino COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Provincia di Pordenone REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO DI TERRITORIO Le Radici del Vino Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.88 del 08/10/2014 e modificato

Dettagli

Comune di San Polo dei Cavalieri

Comune di San Polo dei Cavalieri Comune di San Polo dei Cavalieri (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.5 del 4/2/2015 Indice Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

PROGETTO TUSCIA WELCOME

PROGETTO TUSCIA WELCOME PROGETTO TUSCIA WELCOME Valorizzazione e promozione del turismo integrato e sostenibile nella Tuscia Viterbese (Allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 96 del 24/03/2014) Art. 1 Progetto

Dettagli

Associazione Un Teatro a Rose

Associazione Un Teatro a Rose STATUTO DEL COORDINAMENTO TEATRALE MUSICALE CULTURALE Associazione Un Teatro a Rose ART. 1 DICHIARAZIONE COSTITUTIVA E costituito in data 31 Ottobre 2014 un coordinamento no profit, denominato Associazione

Dettagli

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014)

Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Nuove disposizioni in materia di formazione per gli utilizzatori professionali (DGR n. 2136 18/11/2014) Riccardo De Gobbi Sezione Agroambiente Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DI SICILIA

COMUNE DI CASTIGLIONE DI SICILIA COMUNE DI CASTIGLIONE DI SICILIA Provincia di Catania AVVISO PUBBLICO NATALE NEL BORGO Concorso I PRESEPI NEI QUARTIERI 2015 L Amministrazione Comunale, nell ambito della valorizzazione dei quartieri e

Dettagli

Schema di Disciplinare. Accesso e sosta camper/bus turistici nella città di Salerno nel periodo Luci d Artista

Schema di Disciplinare. Accesso e sosta camper/bus turistici nella città di Salerno nel periodo Luci d Artista Schema di Disciplinare Accesso e sosta camper/bus turistici nella città di Salerno nel periodo Luci d Artista Approvato con delibera di G.C. n. 333 del 31/10/2014 Art. 1 Zona a Traffico Limitato e Divieto

Dettagli

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale 19.5.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 20 159 Direzione Generale Sviluppo Economico Area di Coordinamento Politiche per lo Sviluppo Rurale Settore Foreste e Patrimonio Agro-Forestale

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO

COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO AGRIMERCATO DI S. AGOSTINO - Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 10.03.2015 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO CITTÀ DI ASTI Settore Lavori Pubblici ed Edilizia Pubblica Settore Cultura e Manifestazioni BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO 1. Soggetto banditore Il concorso

Dettagli

Bando di ammissione al Master di I IL RETTORE DECRETA

Bando di ammissione al Master di I IL RETTORE DECRETA Protocollo 20567-I/7 Data 02.09.2014 Rep. A.U.A. n. 315-2014 Area Intestazione Area Didattica, Servizi Agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Intestazione Settore Alta

Dettagli

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie

Regolamento del Marchio di Qualità del Parco naturale delle Prealpi Giulie DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE Art. 1 Uso e concessione del Marchio di Qualità Il presente Regolamento disciplina l uso e la concessione a terzi del Marchio di Qualità (di

Dettagli

Provincia di Siena Area Affari Generali G.A. REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

Provincia di Siena Area Affari Generali G.A. REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI SINALUNGA Provincia di Siena Area Affari Generali G.A. REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario n. 41 del 7/10/2013 Modificato

Dettagli

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive?

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive? ROMA CAPITALE - INFORMAZIONI VARIE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE FAQ 1. Cosa bisogna fare per avviare un'attività ricettiva? Per avviare un attività ricettiva si deve trasmettere, esclusivamente

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Filippo Lussana - Bergamo

Liceo Scientifico Statale Filippo Lussana - Bergamo Liceo Scientifico Statale Filippo Lussana - Bergamo REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI VISITE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E SOGGIORNI SPORTIVO-AMBIENTALI ART. 1 (Definizione) Le visite e

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica Modello di autocertificazione per la classificazione di Country House o Residenze di campagna pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina

Dettagli

Il negozio di Confagricoltura Veneto a Milano 28 Settembre 11 Ottobre 2015. Nuova proposta di partecipazione

Il negozio di Confagricoltura Veneto a Milano 28 Settembre 11 Ottobre 2015. Nuova proposta di partecipazione Il negozio di Confagricoltura Veneto a Milano 28 Settembre 11 Ottobre 2015 Nuova proposta di partecipazione In occasione di Expo 2015, Confagricoltura ha scelto per il suo fuori Expo una magnifica location

Dettagli

Comune di Lecce REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

Comune di Lecce REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Comune di Lecce REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 15 FEBBRAIO 2013 Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Art 2

Dettagli

ALLEGATO A. Criteri per la redazione del programma annuale di finanziamento per le Strade del Vino (L.R. 69/1996). 1. Disposizioni generali

ALLEGATO A. Criteri per la redazione del programma annuale di finanziamento per le Strade del Vino (L.R. 69/1996). 1. Disposizioni generali ALLEGATO A Criteri per la redazione del programma annuale di finanziamento per le Strade del Vino (L.R. 69/1996). 1. Disposizioni generali Il presente bando stabilisce i criteri per la redazione del programma

Dettagli

Concorso Miglior Sommelier d Italia 2009 Trofeo Guido Berlucchi riservato ai Sommelier Professionisti. Regolamento edizione 2009

Concorso Miglior Sommelier d Italia 2009 Trofeo Guido Berlucchi riservato ai Sommelier Professionisti. Regolamento edizione 2009 Concorso Miglior Sommelier d Italia 2009 Trofeo Guido Berlucchi riservato ai Sommelier Professionisti Regolamento edizione 2009 Art. 1 - Organizzazione e coordinamento Il Concorso, denominato "Miglior

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce. Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce. Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 3 del 23.01.2015 Articolo 1 Oggetto Il presente

Dettagli

Allegato al D.D.G. n. 1262 del 27/10/2010

Allegato al D.D.G. n. 1262 del 27/10/2010 Allegato al D.D.G. n. 1262 del 27/10/2010 DISPOSIZIONI PER L ACCREDITAMENTO E VERIFICHE DELLE AZIENDE O FATTORIE DIDATTICHE 1) Soggetti competenti La competenza in materia di accreditamento pubblico delle

Dettagli

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO

IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE E DI CONTROLLO DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO ISPETTIVA PRESSO GLI OPERATORI DELLA FILIERA (VITICOLTORI, VINIFICATORI, INTERMEDIARI ED IMBOTTIGLIATORI)

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL PROGETTO MOBILITA SOCIALE Art.1 Oggetto del Capitolato Il progetto di mobilità sociale è uno strumento necessario per poter superare l estrema

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli