Mille Uno Bingo S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mille Uno Bingo S.p.A."

Transcript

1 Mille Uno Bingo S.p.A. Capitale Sociale: euro Sede Legale Via Galileo Galilei Silea (TV) Partita I.V.A. n Codice Fiscale n Iscrizione nel Registro delle Imprese di Treviso DOCUMENTO DI AMMISSIONE alla negoziazione degli strumenti finanziari denominati Mille Uno Bingo EUR3M+5,60% nov18 CALL EUR sul Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) del Mercato ExtraMOT gestito da Borsa Italiana Il prestito obbligazionario è emesso in regime di dematerializzazione ai sensi del D. Lgs. n.213/98 e successive modifiche e depositato presso Monte Titoli S.p.A. CONSOB E BORSA ITALIANA NON HANNO ESAMINATO NÉ APPROVATO IL CONTENUTO DI QUESTO DOCUMENTO DI AMMISSIONE 1

2 Sommario 1. Definizioni Persone responsabili Fattori di rischio relativi all Emittente Fattori di rischio connessi al settore in cui l Emittente opera Fattori di rischio relativi agli strumenti finanziari offerti Informazioni relative all Emittente Azionisti di riferimento Identità degli amministratori, dei revisori contabili, organi di amministrazione, di direzione e vigilanza Struttura organizzativa Informazioni finanziarie riguardanti le attività e le passività, la situazione finanziaria e i profitti e le perdite dell Emittente Ragioni dell offerta e impiego dei proventi Eventi recenti sostanzialmente rilevanti per la valutazione della solvibilità dell Emittente Regolamento del prestito obbligazionario Allegato 1 : Scheda sintetica condizioni definitive dell offerta Allegato 2: Bilancio dell Emittente relativo all esercizio chiuso al 31/12/ Allegato 3: Relazione del Collegio Sindacale sul Bilancio chiuso al 31/12/ Relazione della società di revisione 69 2

3 1. Definizioni Si riporta di seguito un elenco delle definizioni e dei termini utilizzati all interno del Documento di Ammissione. Tali definizioni e termini, salvo quanto diversamente specificato, hanno il significato di seguito indicato, essendo inteso che il medesimo significato si intenderà attribuito sia al singolare sia al plurale. AAMS si riferisce all Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, precedentemente Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato AWP indica la tipologia di slot machines caratterizzata da terminali o totem centralizzati con unica tipologia di gioco Borsa Italiana indica Borsa Italiana S.p.A., con sede legale in Milano, Piazza degli Affari n. 6. Cambio di Controllo (Change of Control) indica un cambiamento della compagine societaria di controllo dell'emittente ai sensi dell'art c.c. Clausola di cross default indica la clausola esistente nei contratti di finanziamento che prevede nel caso in cui sia dichiarata l'insolvenza per una obbligazione, che lo stato di insolvenza si estenda a tutti i rapporti posti in essere dall'intero Gruppo. Concessione indica l accordo di concessione e relativi diritti concessi dall AAMS per poter operare nel settore del bingo Data di Emissione indica il 15/11/2013 Data di Godimento indica il 15/11/2013, a partire dalla quale le Obbligazioni maturano il diritto a pagare gli interessi, nonché all esercizio dei diritti ad esse collegati Data di Rimborso Anticipato indica, in caso di rimborso anticipato, le date di rimborso anticipato a favore dell Emittente o dei Portatori ai sensi degli articolo e del Regolamento del Prestito Data di Scadenza indica la data in cui le Obbligazioni saranno completamente rimborsate, che sarà il 15/11/2018 Documento di Ammissione indica il presente documento di ammissione alla negoziazione delle Obbligazioni redatto secondo le linee guida indicate nel Regolamento del Mercato ExtraMOT. EBITDA termine anglosassone per indicare il Margine Operativo Lordo di un'impresa, inteso come il risultato della gestione ordinaria caratteristica, definito dalla differenza tra i ricavi e i costi operativi, esclusi gli ammortamenti, gli interessi passivi netti e le imposte Emittente indica Mille Uno Bingo S.p.A. Following Business Day Convention unadjusted indica il calendario dei giorni lavorativi bancari definito come TARGET2 3

4 Giorno Lavorativo indica qualsiasi giorno (esclusi il sabato e la domenica) in cui il Trans- pean Automated Real Time Gross Settlement Express Transfer System 2 (TARGET2) è operante per il regolamento di pagamenti in. Indebitamento Finanziario Lordo indica le poste passive di natura finanziaria (debiti finanziari e titoli di debito emessi dalla società) Indebitamento Finanziario Netto indica la differenza tra le poste passive di natura finanziaria (debiti finanziari e titoli di debito emessi dalla società) e quelle attive (disponibilità liquide e altre attività finanziarie presenti nell attivo) Interessi indica gli interessi trimestrali posticipati in misura variabile che l Emittente è tenuto a corrispondere in relazione alle Obbligazioni. Mercato ExtraMOT indica il sistema multilaterale di negoziazione delle obbligazioni organizzato e gestito da Borsa Italiana denominato Extramot. Monte Titoli indica Monte Titoli S.p.A. con sede legale in Milano, Piazza degli Affari, n.6 Obbligazioni indica le obbligazioni emesse da Mille Uno Bingo S.p.A. in numero massimo pari a 1.500, per un valore nominale pari ad ,00 (ventimila/00) ciascuna. Parametro di Riferimento Tasso EURIBOR ( Interbank Offered Rate) a 3 mesi determinato da EBF (Banking Federation of the pean Union) e da ACI (The Financial Market Association) rilevato il secondo giorno lavorativo precedente la prima Data di Pagamento del Periodo di interesse trimestrale, come di seguito definito. Periodo di Interesse indica il periodo compreso fra una Data di Pagamento (inclusa) e la successiva Data di Pagamento (esclusa), ovvero, limitatamente al primo periodo di interessi, il periodo compreso tra la Data di Godimento (inclusa) e la prima Data di Pagamento (esclusa), fermo restando che, laddove una Data di Pagamento venga a cadere in un giorno che non è un Giorno Lavorativo la stessa sarà posticipata al primo Giorno Lavorativo immediatamente successivo senza che tale spostamento comporti la spettanza di alcun importo aggiuntivo ai Portatori, ovvero lo spostamento delle successive Date di Pagamento (Following Business Day Convention unadjusted). Piano di Ammortamento : indica il prospetto che riporta, per ogni periodo di rimborso (trimestre), l importo delle rate (quota capitale), e il capitale residuo (parte di capitale che il debitore deve ancora versare). Per ulteriori informazioni a riguardo si faccia riferimento all Allegato 1 Scheda sintetica condizioni definitive dell offerta sezione Piano di ammortamento del prestito e il paragrafo (Modalità di ammortamento e relative procedure di rimborso). Portatori indica i soggetti titolari delle Obbligazioni. PREU indica il Prelievo Erariale Unico ovvero l imposta unica applicata al totale giocato del Bingo. Prezzo di Emissione indica il prezzo di emissione relativo a ciascuna Obbligazione pari ad ,00 (ventimila/00). Regolamento del Mercato ExtraMOT indica il regolamento di gestione e funzionamento del Mercato ExtraMOT emesso da Borsa Italiana, in vigore dall 8 giugno 2009 (come di volta in volta modificato e integrato). Regolamento delle Obbligazioni indica il regolamento delle Obbligazioni riportato nella sezione 13 (Regolamento del Prestito Obbligazionario) del presente Documento di Ammissione. 4

5 Segmento Professionale (ExtraMOT PRO) del Mercato ExtraMOT indica il segmento del Mercato ExtraMOT dove sono negoziati strumenti finanziari (incluse le obbligazioni emesse ai sensi degli artt e ss. del C.C.) e accessibile solo a investitori professionali. "Società Controllata", indica qualunque società sottoposta al controllo dell Emittente ai sensi dell art c.c.. Spread indica il margine applicato al parametro di riferimento pari al 5,60%. TARGET2 indica il Trans- pean Automated Real Time Gross Settlement Express Transfer System 2 (TARGET2) ovvero il sistema che consente, in tempo reale, alle banche centrali aderenti all'ue di effettuare pagamenti di importo rilevante in moneta unica. Tasso di Interesse indica il tasso di interesse variabile lordo annuo applicabile alle Obbligazioni pari al Parametro di riferimento in aggiunta ad uno spread di 5,60%. TUF indica il Decreto Legislativo n. 58 del 24 febbraio 1998, come successivamente modificato e/o integrato. VLT indica la tipologia di slot machines caratterizzata da terminali o totem multi gioco centralizzati con schermo touch screen. 5

6 2. Persone responsabili 2.1. Responsabili del Documento di Ammissione La responsabilità per i dati e le notizie contenuti nel presente Documento di Ammissione è assunta da Mille Uno Bingo S.p.A., con sede legale in Via Galileo Galilei n. 20 Silea (TV), in qualità di Emittente le obbligazioni ( l Emittente ) Dichiarazione di responsabilità Mille Uno Bingo S.p.A. in qualità di Emittente, dichiara che, avendo adottato tutta la ragionevole diligenza a tale scopo, le informazioni contenute nel Documento di Ammissione sono, per quanto a propria conoscenza, conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. 3. Fattori di rischio relativi all Emittente L Operazione descritta nel Documento di Ammissione presenta gli elementi di rischio tipici di un investimento in Titoli di debito ed Obbligazioni. Al fine di effettuare un corretto apprezzamento dell investimento, gli investitori sono invitati a valutare gli specifici fattori di rischio relativi all Emittente e al settore di attività in cui opera. I fattori di rischio descritti di seguito devono essere letti congiuntamente alle informazioni contenute nel Documento di Ammissione, ivi inclusi gli Allegati. Il verificarsi delle circostanze descritte in uno dei seguenti fattori di rischio potrebbe incidere negativamente sull attività e sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell'emittente e sulle sue prospettive, e gli obbligazionisti potrebbero perdere in tutto o in parte la remunerazione pattuita per il loro investimento ovvero il loro investimento. Tali effetti negativi sull Emittente e sulle Obbligazioni si potrebbero, inoltre, verificare qualora sopraggiungessero eventi, oggi non noti all Emittente e non prevedibili dalla stessa, tali da esporre l Emittente ad ulteriori rischi o incertezze ovvero qualora fattori di rischio oggi ritenuti non significativi lo divengano a causa di circostanze sopravvenute Rischi connessi all indebitamento L Emittente reperisce le proprie risorse finanziarie principalmente attraverso la liquidità generatasi attraverso la gestione operativa corrente. Per la natura del business in cui opera, la Società non ha particolari rischi di liquidità potendo comunque reperire fondi anche mediante il ricorso ad Istituti di Credito. La situazione debitoria verso il sistema bancario è la seguente: Fidi per cassa Situazione debitoria ( ) 31/12/ /06/2013 Concesso , ,00 Utilizzato , ,94 Mutuo chirografario , ,30 Fonte: Bilancio di Esercizio Fonte: Contabilità aziendale 6

7 L indebitamento finanziario a lungo termine da sistema creditizio risultante dalla situazione patrimoniale alla data del 30/09/2013 presenta un saldo nullo. Con riguardo ai rapporti debitori in essere verso i soci o altre parti correlate si rinvia alla sezione 3.8 (Rischi legati ai rapporti dell Emittente con parti correlate) 3.2. Rischi connessi al tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse cui è attualmente esposto l Emittente è originato prevalentemente dai debiti finanziari a breve e a medio lungo termine nei confronti del sistema bancario (si veda il paragrafo 3.1) e, soprattutto, nei confronti di altre società controllate e/o collegate appartenenti al gruppo (si veda il paragrafo 3.8). Trattandosi di debiti tipicamente a tasso variabile, l Emittente è esposta ad un rischio di cash flow, ossia di incremento degli oneri finanziari connessi a possibili aumenti dei tassi di mercato (con impatto sulla parte eccedente di debiti finanziari a tasso variabile rispetto ai crediti finanziari, anch essi a tasso variabile) Rischi connessi alla mancata riscossione dei crediti L Emittente presenta un ciclo finanziario caratterizzato dall incasso immediato del servizio erogato ed esposizione quasi nulla al rischio di credito commerciale. L Emittente tratta di norma solo con controparti note ed affidabili. Il saldo dei crediti viene monitorato nel corso dell esercizio in modo che l importo delle esposizioni a perdite non sia significativo. In caso di insolvenza della controparte, il rischio massimo è pari al valore di iscrizione a bilancio della corrispondente attività Rischi connessi al tasso di cambio Alla data del Documento di Ammissione non sussistono rischi connessi alle variazioni dei tassi di cambio che possano avere un impatto sulla situazione economico-patrimoniale e finanziaria dell Emittente. Attualmente l Emittente, operando principalmente in Italia con clienti nazionali, non è esposta a particolari rischi di cambio Rischi legali I rischi legali possono derivare da cause legali per dipendenze da gioco. Per presidiare tali rischi tuttavia l Emittente insieme all'agenzia delle Dogane e dei Monopoli (AAMS) contribuisce a diffondere il gioco legale e a proteggere i giocatori più vulnerabili promuovendo il Gioco Responsabile e sensibilizzando gli stessi clienti verso i rischi della dipendenza da gioco, prestando inoltre una particolare attenzione all interno dei locali ai soggetti maggiormente problematici Rischi legati alla concessione di fideiussioni Le concessioni per il gioco del Bingo richiedono il rilascio di consistenti fideiussioni (attualmente pari a euro per ogni concessione), in forma di garanzia bancaria o assicurativa, per il pagamento di danni o sanzioni da liquidare nel caso in cui non vi sia il rispetto della conformità agli obblighi previsti da una concessione. 7

8 Queste fideiussioni sono voci fuori bilancio. In passato le fideiussioni non sono state mai rivendicate, ma questi tipi di obbligazioni e sanzioni presentano un obbligo potenziale per sostanziali uscite di cassa. Nel caso di una violazione sostanziale degli obblighi sotto le nostre concessioni, i crediti derivanti dalle fideiussioni e il risarcimento del danno potrebbero singolarmente o nel loro insieme avere un effetto negativo sulla nostra attività, sulla condizione finanziaria e sui risultati operativi. Inoltre, ad ogni data di scadenza di una concessione, non vi è la certezza assoluta di essere in grado di rinnovare le fideiussioni in essere a pari condizioni o più favorevoli. Il prolungamento della durata delle fideiussioni esistenti potrebbe quindi in futuro essere più costoso. Al 30 settembre 2013, gli obblighi in essere dell Emittente nell'ambito della garanzia di AAMS sono pari a 3,61 milioni (per le sette concessioni bingo di cui è direttamente titolare), a cui si aggiungono 1,03 milioni connessi alle due fideiussioni in capo alla società print Srl, per la quale ha controgarantito la capogruppo Mille Uno Bingo. Si segnalano inoltre fideiussioni rilasciate dall Emittente in favore della controllata Casa SaS di Polo Enrico per un ammontare complessivo pari a 3,45 milioni Rischi legati alla dipendenza dell Emittente da alcune figure chiave e alla concentrazione delle deleghe in capo ad alcuni soggetti Le quote di possesso dell Emittente sono equamente divise tra il dott. Maschio Maurizio e il dott. Polo Enrico che sono al contempo membri del Consiglio di Amministrazione dell'emittente. Con delibera del 7 ottobre 2013, il Consiglio di Amministrazione dell'emittente ha delegato al dott. Maschio Maurizio e al dott. Polo Enrico tutti i poteri del Consiglio, inclusa la rappresentanza sociale, con esclusione delle attribuzioni espressamente riservate al Consiglio di Amministrazione dal codice civile e precisamente quelle concernenti l emissione di obbligazioni convertibili, la redazione del bilancio, l aumento del capitale sociale per delega, la convocazione dell assemblea per la riduzione del capitale sociale per perdite o al di sotto del minimo legale, la redazione del progetto di fusione e la redazione del progetto di scissione. Il successo dell Emittente dipende in misura significativa proprio dalla capacità manageriale e dalla conoscenza consolidata del settore da parte dei due soci che hanno contribuito (e tuttora contribuiscono) in maniera determinante allo sviluppo dell attività garantendo una prudenza gestionale ed una lungimiranza strategica per gli anni futuri. Tale conformazione societaria e modello di amministrazione determina una concentrazione in capo ai due soggetti delle funzioni di indirizzo ed operative dell Emittente. L Emittente per garantire la continuità dell attività aziendale e il prosieguo del progetto sviluppato dai due soci fondatori, in data 7 ottobre 2013 ha modificato il proprio statuto societario prevedendo in caso di morte di uno dei due soci, che ciascun Socio abbia il Diritto di Prelazione su tutte le Partecipazioni oggetto del trasferimento mortis causa in proporzione alla quota del capitale della Società da esso detenuta e con diritto di accrescimento, sino ad una quota massima per ciascun Socio pari al 2% del capitale sociale della Società (o in caso di Partecipazioni diverse da azioni, che dia diritto alla sottoscrizione di una quota massima per ciascun Socio pari al 2% del capitale sociale della Società) 3.8. Rischi legati ai rapporti dell Emittente con parti correlate Per quanto concerne i rapporti dell Emittente con le parti correlate, si segnala che non si registrano operazioni di particolare entità in grado di influire sul normale andamento aziendale. Si segnala che le operazioni con parti correlate alla data del 31/12/2012 sono così costituite: 8

9 Denominazione Crediti Debiti Costi Ricavi Note Controllate Comm.li/Altri Finanz.ri * Comm.li/Altri Finanz.ri * Servizi Altri Prestaz. Altri Rapporto di controllo Duemilauno Bingo Srl Controll. dirett. da Mille Uno Bingo S.p.A. Casa SaS Controll. dirett. da Mille Uno Bingo S.p.A. Tremilauno Srl (**) Controll. da Duemilauno Bingo S.r.l. Bingo King Srl (**) Controll. da Duemilauno Bingo S.r.l. Isola Verde Srl Controll. da Duemilauno Bingo S.r.l. Impresa Srl Controll. da CASA S.a.S. Totale controllate * I finanziamenti infragruppo (sia attivi che passivi) scadono tutti al 31/12/2020 e prevedono una remunerazione del tasso di interesse pari a Euribor 6m + 1% Valori al 31/12/2012 ** Nel bilancio d'esercizio al 31 dic 2012 i due finanziamenti in oggetto sono classificati nella voce "Debiti v/altri finanziatori" Per quanto riguarda le Società consolidate a Patrimonio Netto, al 31/12/2012 sono presenti i seguenti finanziamenti infragruppo: Denominazione Società Collegate Crediti Finanziari* Debiti Finanziari Rapporto di controllo Bingo Amico S.r.l Società partecipata al 50% da Mille Uno Bingo S.p.A. Imoco S.p.A Società partecipata al 50% da Tremilauno S.r.l. print S.r.l Società partecipata al 100% da Imoco S.p.A. Totale finanziamenti collegate * I finanziamenti infragrupppo scadono tutti al 31/12/2020 e hanno lo stesso tasso di interesse applicato, pari a Euribor 6m + 1% Valori al 31/12/2012 I contratti di finanziamento a medio termine non contengono impegni o covenant finanziari in capo alla Società debitrice. La Mille Uno Bingo S.p.A. dichiara che non ci sono clausole di cross default all'interno del Gruppo. Al solo fine informativo l Emittente specifica che nel corso del 2013 ha completamente rimborsato un prestito verso soci dell ammontare iniziale di euro concesso nell anno Al 30/09/2013 il saldo è nullo Rischi derivanti dall integrità del personale aziendale Le prospettive di business e il successo futuro dell Emittente si basano sull'integrità dei suoi dipendenti, dirigenti e della sicurezza dei sistemi informatici adottati al fine di attirare nuovi clienti e rispettare le normative vigenti. L Emittente si sforza di fissare elevati standard di integrità personale per i suoi dipendenti e mantenere uno standard di sicurezza elevato del sistema per i giochi che fornisce ai suoi clienti. La reputazione in questo senso è un fattore importante nei rapporti commerciali con le agenzie governative e i clienti stessi. Di conseguenza, la constatazione di un comportamento scorretto da parte dell Emittente, dei suoi dipendenti, di un'altra parte correlata, o di un difetto di sicurezza del sistema, o una denuncia di tali comportamenti che alteri la reputazione dell Emittente, potrebbe comportare una responsabilità civile o penale e avere un effetto negativo sulla sua attività. Nello specifico ciò può risolversi nella incapacità di mantenere o rinnovare le concessioni esistenti o ottenere nuove concessioni e licenze. La procedura di gara e l'aggiudicazione di concessioni da parte delle autorità pubbliche comportano rischi connessi a frode quali la corruzione dei funzionari coinvolti nel processo di gara. L Emittente può quindi essere soggetto a sanzioni civili e penali e subire danni di reputazione in conseguenza a tali eventi. Procedimenti e condanne, anche non definitive (cioè soggette a ulteriore appello), per tali reati possono impedirle di mantenere le concessioni aggiudicate o di partecipare a future gare d'appalto pubbliche per acquisire o rinnovare le concessioni. 9

10 La partecipazione o l'associazione dei suoi dipendenti a frodi, corruzione o concussione e altri reati commessi in relazione all attività esercitata potrebbero avere quindi un effetto negativo sui risultati operativi. In reazione a tali avvenimenti, AAMS potrebbe limitare o addirittura revocare le concessioni o adottare altre misure contro il business dell Emittente Rischi legati alle nuove acquisizioni L Emittente intende perseguire un obiettivo di crescita dimensionale incrementando il numero di sale bingo e relative concessioni in proprio possesso attraverso acquisizioni sul mercato. Il successo del piano strategico attraverso future acquisizioni dipende dalla capacità dell Emittente di identificare target di acquisizione idonei, dalla capacità di negoziare le transazioni a condizioni favorevoli, di ottenere le licenze e le autorizzazioni richieste, e, infine, completare tali acquisizioni e integrarle all interno del Gruppo. Tuttavia l Emittente a seguito di tali acquisizioni potrebbe non essere in grado di generare ulteriori flussi di cassa e la crescita attesa. Le valutazioni e le ipotesi riguardanti obiettivi di acquisizione possono rivelarsi inoltre inesatti, e sviluppi effettivi potrebbero differire significativamente dalle aspettative. L Emittente inoltre potrebbe non essere in grado di integrare con successo le acquisizioni e tale integrazione può richiedere maggiori investimenti di quanto ci si attenda, e potrebbe incorrere in passività potenziali sconosciute o impreviste rispetto ai clienti, dipendenti, fornitori, autorità di governo o altri soggetti. Il processo di integrazione delle acquisizioni può anche essere dannoso per l Emittente stesso, come conseguenza di imprevisti legali, normativi, contrattuali, difficoltà nel realizzare sinergie operative che permettano di mantenere la qualità dei servizi che storicamente l Emittente ha realizzato. 4. Fattori di rischio connessi al settore in cui l Emittente opera 4.1. Rischi normativi legati all attività Il settore in cui l Emittente opera è altamente regolamentato e, se non riuscisse a rispettare le leggi e i regolamenti applicabili, o se venissero introdotte leggi e normative più severe, i risultati finanziari potrebbero esserne influenzati negativamente. L'industria del gioco in Italia è fortemente regolamentato dalla Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (AAMS). AAMS determina, tra l'altro, (i) quali giochi possono essere esercitati e gli importi da applicare agli operatori, (ii) il livello di vincite che può essere assegnato, (iii) il numero dei punti di vendita e se una data concessione è esclusiva o disponibile a più concessionari e (iv) il livello minimo di servizio. I requisiti legali a cui l Emittente è soggetto potrebbero cambiare, e potrebbe diventare oggetto di una nuova legislazione. Per esempio, cambiamenti di leggi o regolamenti che hanno l'effetto di ridurre il corrispettivo pagato ai titolari di concessione o di aumentare il numero di licenze, autorizzazioni o concessioni rilasciati da AAMS ai concorrenti, potrebbe avere un effetto negativo sull attività, e i risultati economicofinanziari dell Emittente Rischi legati all immagine La cattiva percezione e pubblicità negativa che circonda l'industria del gioco potrebbe portare a una maggiore regolamentazione dei giochi che potrebbe influenzare negativamente la condizione finanziaria e i risultati operativi dell Emittente. 10

11 L'industria del gioco in Italia è stata recentemente esposta alla pubblicità collegata a temi come la dipendenza da gioco, il gioco da parte dei minori, la presenza di macchine da gioco in un gran numero di negozi e, i rischi legati al gioco online. Percezioni avverse o negative e altre preoccupazioni per quanto riguarda l'industria del gioco, anche se non direttamente connessi all attività dell Emittente, possono negativamente influenzare i risultati operativi dello stesso. Qualora infatti si sviluppasse la percezione che l'industria del gioco non riuscisse ad affrontare tali preoccupazioni in modo adeguato, la pressione politica e l opinione pubblica potrebbero richiedere una maggiore regolamentazione del settore, con conseguenti effetti negativi sulla redditività dell Emittente Rischi legati alla concorrenza L attività dell Emittente può essere influenzata negativamente dalla concorrenza di altri operatori. L'industria del gioco italiano è molto frammentata e la concorrenza è destinata a continuare e intensificarsi come conseguenza dell ingresso di nuovi operatori nel mercato e a causa degli operatori esistenti che migliorano ed ampliano la loro offerta di prodotti, tra cui il gioco online. Giochi e scommesse sono anche suscettibili alle tendenze dei consumatori e il miglioramento e l'ampliamento della offerta di prodotti da parte dei concorrenti può allontanare i clienti dai servizi di intrattenimento erogati dall Emittente e ridurne così la quota di mercato Rischi legati al cambiamento delle preferenze dei consumatori L attività dell Emittente dipende dal fascino che l offerta di gioco esercita sui clienti. L offerta di gioco infatti compete con varie altri luoghi di svago ed opportunità di gioco, così come altre forme di intrattenimento quali la televisione, internet, social media ed eventi live, e può pertanto perdere popolarità al confronto con nuove attività per il tempo libero o alla luce di altre attività di svago che diventino più popolari. La popolarità e l'accettazione del gioco è influenzato anche dai costumi sociali prevalenti e, cambiamenti nelle abitudini sociali potrebbero ridurre l accettazione del gioco come attività di svago. Si ritiene che il mercato dei giochi in Italia sia ormai maturo e potrebbe stabilizzarsi o leggermente diminuire nei prossimi anni. E quindi fondamentale che l Emittente sia in grado di offrire prodotti che continuino a piacere ai consumatori e non vi è garanzia che sia in grado di farlo. Non ci può essere infatti alcuna garanzia che non saranno introdotti in futuro nuove tipologie di gioco che offriranno payout più elevati del Bingo e delle slot machines (VLT e AWP) e questo potrebbe avere un effetto negativo sull attività esercitata dall Emittente. L'introduzione infatti di giochi con un payout superiore può attirare i clienti che in precedenza hanno giocato a giochi con un payout minore e quindi hanno generato margini maggiori per l Emittente Rischi legati al riposizionamento delle concessioni per il gioco del Bingo Sostanzialmente tutti i ricavi e proventi dell Emittente derivano da operazioni che richiedono concessioni di durata limitata. Secondo la legge italiana, è necessaria infatti una concessione per poter offrire servizi legati al gioco del Bingo e al momento l Emittente dispone di sette concessioni per tale tipologia di gioco. Attualmente è in corso una revisione dell assetto delle concessioni AAMS in corso di definizione da parte del Governo italiano che prevedrà il «riposizionamento» delle attuali concessioni nel gioco del Bingo (in scadenza tra fine 2013 e i primi mesi del 2014) ad un costo ancora non specificamente definito. 11

12 Sebbene l Emittente storicamente abbia saputo rinnovare le concessioni in oggetto, l eventuale mancato rinnovo o modifiche relative al costo e alla durata delle stesse potrebbero risolversi secondo condizioni meno favorevoli di quelle attuali. Per contro in una prospettiva di settore tali modifiche potrebbero presentare un opportunità di mercato per l Emittente e per gli operatori finanziariamente più solidi che potrebbero rilevare concessioni appartenenti a soggetti dotati di minori capacità per fronteggiare tale scenario Modifiche relative al regime fiscale e al calcolo del montepremi Modifiche alla tassazione o all' interpretazione o all'applicazione della normativa fiscale e al calcolo del montepremi (payout) potrebbero avere un effetto negativo sui risultati operativi dell Emittente. Le attività legate al gioco del bingo e le slot machines (AWP e VLT) sono sottoposte a imposte specifiche (PREU) che possono subire delle modifiche da parte dello Stato Italiano. Essendo la redditività dei singoli giochi determinata dal valore del totale giocato al netto del payout complessivo pagato ai giocatori e delle imposte dovute (pagate dall Emittente nel caso del bingo e dal concessionario di rete nel caso delle slot machines, in quanto l Emittente opera esclusivamente come gestore di sala ), un variazione dell aliquota fiscale del PREU (prelievo erariale unico) e/o del livello di payout obbligatorio ai giocatori potrebbe incidere in modo negativo sui risultati economici dello stesso. Si segnalano infatti variazioni intervenute sul PREU applicato al bingo (diminuzione dall 20% all 11% nel corso del 2009) e alle slot machines (aumento dal 2 % al 4 % nel 2012 e dal 4% al 5 % dal 1 gennaio 2013 per le VLT e, diminuzione dal 12,5 % del 2011 al 11,8% nel corso del 2012 con successivo aumento al 12,7 % a partire dal 1 gennaio 2013 per le AWP. L importo del montepremi del Bingo, calcolato sul totale giocato, è invece passato da un 54% al 60%, mentre il fondo premi speciali è passato da un 3% a un 6%. Anche il fondo bingo one è stato interessato da un incremento, passando da un 1% a un 4%. Al netto di tali decurtazioni il gestore della sala bingo percepisce quindi un compenso pari al 18% del valore delle cartelle vendute. A seguire una tabella di sintesi dei valori riportati. Rendimento netto del gioco del bingo: Destinatari Fino al 31/10/2009 Dal 01/11/2009 Note Montepremi 54% 60% Fondo premi speciali 3% 6% Fondo bingo one 1% 4% PR.E.U. 20% 11% Oneri di rete 4% 1% Concessionario (sala) 18,2% 18% Totali 100% 100% Premi Anticipo da versare all'acquisto Rendimento netto delle slot machines: 12

13 Slot machines Destinatari VLT AWP Payout effettivo 89% 76% PR.E.U. e canone di concessione 5,8% 12,7% Remunerazione netta* 5,2% 11,3% Totale 100% 100% * Remunerazione da ripartirsi in base ad accordi contrattuali tra concessionario di rete e gestore di sala I ricavi del gioco sono invece esenti dall applicazione dell Imposta sul Valore Aggiunto (IVA). L IVA pagata sulle forniture e sugli acquisti risulta perciò in gran parte indetraibile e rappresenta perciò un costo con impatto a conto economico. Variazioni del valore di tale aliquota (quale l aumento intervenuto nel corso del 2013 dal 21% al 22%) potrebbero quindi incidere sui risultati economici dell azienda Rischi connessi alla congiuntura economico-finanziaria L attività dell Emittente può essere influenzata dalla debolezza economica e dall incertezza politica presente in Italia oltre che dalla crisi economica presente a livello globale dal Nel corso dell ultimo biennio Standard and Poor s ha declassato il rating del debito di Italia da A a BBB + con un '' outlook negativo nel gennaio Nello stesso mese Fitch Ratings ha declassato la valutazione di credito a lungo termine di Italia da A + ad A con outlook negativo. Anche Moody ha declassato il rating del debito sovrano di Italia da ''A2'' a ''A3'' con un ''outlook negativo'' nel febbraio 2012, seguito da un ulteriore declassamento a Baa2 nel luglio 2012, considerando fragile la fiducia dei mercati e il deterioramento delle prospettive economiche a breve termine in Italia. Alla luce dell attuale permanere di incertezza politica, il 9 luglio 2013 Standard and Poor s ha ulteriormente declassato il rating del debito di Italia da BBB + a BBB con un outlook negativo stante la vulnerabilità dell Italia ai rischi di finanziamento esterni e le implicazioni negative che queste potrebbero avere per la crescita economica e le finanze pubbliche. Stante le pregresse e attuali condizioni macroeconomiche sopra elencate e, considerando che l Emittente opera solo in Italia, può quindi verificarsi l eventualità che possa essere più colpito dalla debolezza economica e dall incertezza politica rispetto a concorrenti operanti a livello internazionale. E' difficile determinare l'ampiezza e la durata dei problemi del mercato economico e finanziario dell'italia e dei loro potenziali effetti sulla domanda dei servizi offerti dall Emittente ma, la continuazione o l ulteriore peggioramento di queste condizioni finanziarie e macroeconomiche possono influenzare negativamente i risultati operativi dello stesso. L attività dell Emittente può essere infatti sensibile alla riduzione dei consumi discrezionali, che è a sua volta influenzata dalla congiuntura economica negativa. La contrazione e l'incertezza economica e le reazioni dei clienti economicamente indeboliti potrebbero causare un calo della domanda di intrattenimento nelle forme dei servizi di gioco offerte. Inoltre, i cambiamenti nella spesa per beni di consumo discrezionali possono essere guidati da fattori quali un mercato del lavoro instabile, un aumento delle imposte personali o un declino apparente o reale del reddito disponibile e della ricchezza dei consumatori con conseguente impatto negativo sulla redditività dell Emittente Rischi derivanti dal gioco illegale 13

14 Il gioco illegale può ridurre porzioni significative delle scommesse di gioco del settore regolamentato e influenzare negativamente il business dell Emittente. Una minaccia significativa per l'industria del gioco deriva da attività illegali, come gli AWP clandestini e, più in generale, tutte le forme di gioco che aggirano la regolamentazione pubblica, tra cui il gioco offshore. Tali attività illegali riducono così i volumi di gioco al di fuori dal settore regolamentato e la perdita di tali giocatori potrebbe quindi avere un sostanziale effetto negativo sull attività e i risultati operativi dell Emittente. 5. Fattori di rischio relativi agli strumenti finanziari offerti 5.1. Rischio di tasso L'investimento nel prestito proposto comporta i fattori di rischio mercato propri di un investimento in titoli obbligazionari a tasso variabile. Nello specifico l investimento nelle Obbligazioni della presente offerta si espone al rischio di variazione dei tassi di interesse sui mercati finanziari. Poiché il rendimento delle obbligazioni a tasso variabile dipende, in tutto o in parte, dall andamento di un Parametro di Riferimento (tasso EURIBOR a tre mesi) ad un eventuale andamento decrescente del valore del Parametro di Riferimento anche il rendimento delle obbligazioni sarà proporzionalmente decrescente. E possibile che il valore del Parametro di Riferimento possa ridursi fino a zero o possa ridurre il valore delle cedole variabili. In nessun caso, comunque, il tasso delle cedole variabili, potrà essere inferiore a zero a cui si deve aggiungere lo spread previsto dal regolamento del prestito obbligazionario Rischio relativo alla vendita delle Obbligazioni prima della scadenza Nel caso in cui l investitore volesse vendere le Obbligazioni prima della loro scadenza naturale, il prezzo di vendita sarà influenzato da diversi elementi, tra cui: - caratteristiche del mercato in cui i titoli verranno negoziati ( Rischio di Liquidità ); - variazione del merito creditizio dell Emittente ( Rischio di deterioramento del merito di credito dell Emittente ); - commissioni ed oneri Tali elementi, potranno determinare una riduzione del prezzo di mercato delle Obbligazioni anche al di sotto del Valore Nominale. Questo significa che, nel caso in cui l investitore vendesse le Obbligazioni prima della scadenza, potrebbe anche subire una rilevante perdita in conto capitale. Per contro, tali elementi non influenzano il valore di rimborso a scadenza, che rimane pari al 100% del Valore Nominale. Rischio liquidità È il rischio rappresentato dalla difficoltà o impossibilità per un investitore di vendere prontamente le Obbligazioni prima della loro scadenza naturale ad un prezzo in linea con il mercato, che potrebbe per altro essere inferiore al Prezzo di Emissione del Titolo. Per l emissione in oggetto è prevista la domanda di ammissione alle negoziazioni presso il segmento professionale del mercato non regolamentato (MTF) denominato ExtraMOT PRO senza il vincolo di uno Specialist che garantisca la liquidità. Pertanto l'investitore che intenda disinvestire le Obbligazioni prima della scadenza potrebbe incontrare difficoltà nel trovare una controparte e quindi nel liquidare l'investimento, con il conseguente rischio di ottenere un valore inferiore a quello di sottoscrizione. 14

15 Di conseguenza l investitore, nell elaborare la propria strategia finanziaria, dovrà avere consapevolezza che l orizzonte temporale dell investimento, pari alla durata delle Obbligazioni stesse all atto dell emissione, dovrà essere in linea con le sue future esigenze di liquidità. Inoltre, si segnala che ExtraMOT PRO è il segmento professionale del mercato ExtraMOT riservato solo agli investitori professionali, gli unici ammessi alle negoziazioni su tale mercato. Pertanto, gli Obbligazionisti diversi dagli investitori professionali non potranno avere accesso al mercato ExtraMOT PRO con conseguente limitazione delle opportunità di disinvestimento delle Obbligazioni. Rischio di deterioramento del merito di credito dell Emittente L investitore assume il rischio che l Emittente non sia in grado di far fronte alle proprie obbligazioni in relazione al pagamento di quanto dovuto in virtù delle Obbligazioni (per capitale e interessi). Acquistando le Obbligazioni, l investitore diventa un finanziatore dell Emittente ed acquista il diritto a percepire il pagamento di qualsiasi importo relativo ai Titoli nonché il rimborso del capitale investito come previsto dal regolamento del titolo e dalla Scheda sintetica condizioni definitive dell offerta (Allegato 1). Pertanto, le Obbligazioni sono soggette in generale al rischio che, in caso di liquidazione, l Emittente non sia in grado di pagare gli interessi o di rimborsare il capitale a scadenza. Le Obbligazioni infine possono deprezzarsi in caso di peggioramento della situazione finanziaria dell Emittente ovvero in caso di deterioramento del merito creditizio stesso. Non si può quindi escludere che i corsi dei titoli sul mercato secondario possano essere influenzati da un diverso apprezzamento del rischio Emittente. Commissioni ed oneri Nel caso in cui l investitore volesse vendere le Obbligazioni prima della loro scadenza naturale, l operazione potrebbe essere soggetta a commissioni o spese di intermediazione Rischio derivante dalle modifiche al regime fiscale Tutti gli oneri fiscali, presenti e futuri, che si applicano ai pagamenti effettuati ai sensi delle obbligazioni, sono ad esclusivo carico dell Investitore. Non vi è certezza che il regime fiscale applicabile alla data di approvazione del presente Documento di Ammissione o delle pertinenti Condizioni Definitive rimanga invariato durante la vita delle obbligazioni, con possibile effetto pregiudizievole sul rendimento netto atteso dall investitore Rischi relativi ai conflitti di interesse Rischio di confitto di interessi con soggetti coinvolti nell'operazione I soggetti a vario titolo coinvolti nell'emissione delle Obbligazioni MILLE UNO BINGO EUR3M+5,60% NOV18 CALL EUR possono avere, rispetto all'operazione, un interesse autonomo potenzialmente in conflitto con quello dell'investitore. Rischio di confitto di interessi legato alla negoziazione in conto proprio L Emittente potrebbe trovarsi in una situazione di conflitto di interessi anche quando lo stesso assumesse la veste di controparte diretta nel riacquisto delle Obbligazioni determinandone il prezzo Rischio correlato all assenza di rating delle Obbligazioni 15

16 Per i Titoli oggetto dell emissione non è prevista la richiesta di rating da parte dell Emittente. In assenza dell assegnazione di un rating alle Obbligazioni, non vi è disponibilità immediata di un indicatore sintetico rappresentativo della loro rischiosità Rischio connesso all'assenza di garanzia Le Obbligazioni non sono garantite da alcuna garanzia rilasciata dalla Società, sicché il rimborso del capitale ed il pagamento degli interessi sono garantiti unicamente dal patrimonio dell'emittente. Gli Obbligazionisti non hanno diritto di soddisfarsi con priorità rispetto ad altri creditori della Società in caso di fallimento o di liquidazione della Società, salvo quanto disposto ai paragrafi 13.8 e Pertanto, in caso di fallimento o di liquidazione della Società, gli Obbligazionisti dovranno concorrere con gli altri creditori chirografari della Società per il recupero del proprio investimento, eccezione fatta per i soci e le Società Controllate. 6. Informazioni relative all Emittente 6.1. Denominazione legale La denominazione legale dell Emittente è Mille Uno Bingo S.p.A Estremi di iscrizione nel Registro delle Imprese L Emittente ha sede a Silea (TV) ed è iscritta presso l Ufficio del Registro delle Imprese di Treviso al n nonché al n R.E.A., Partita IVA Domicilio e forma giuridica, legislazione in base alla quale opera l Emittente, paese di costituzione e sede sociale L Emittente è stata costituita in Italia originariamente con forma di Società a Responsabilità Limitata, successivamente trasformata in data 7/10/2013 in Società per Azioni con capitale sociale pari a euro. L Emittente ha sede sociale in Via Galileo Galilei n Silea (TV) Data di costituzione e durata dell Emittente Mille Uno Bingo S.p.A. è stata costituita in data 08/01/2001. La durata dell Emittente è fissata fino al 31/12/ Descrizione dell Emittente e dell attività La società Emittente opera nel settore del gaming in Italia dal 2001 ed in particolare nel comparto del gioco del Bingo, per il quale si caratterizza come leader a livello nazionale, e delle slot machine (AWP e VLT). L Emittente è capogruppo di un Gruppo di società titolari complessivamente di 29 sale bingo e di quattro sale giochi dedicate esclusivamente a slot machines di tipo AWP e VLT. La sola capogruppo gestisce direttamente 7 delle 29 sale bingo, con un totale giocato 2012 di 263 mln di (di cui 79 mln nel bingo e 184 mln nelle slot machine). Nel mese di settembre 2013 la capogruppo Mille Uno Bingo S.r.l. si è trasformata in società per azioni (S.p.a.) con capitale sociale pari a euro

17 Il gruppo è leader in Italia nel settore del Bingo e si pone in una posizione privilegiata e di forza per poter beneficiare delle opportunità che si genereranno dalla revisione dell assetto delle concessioni AAMS in corso di definizione da parte del Governo italiano. L Emittente in particolare presenta una situazione finanziaria solida e ha dimostrato di essere in grado di generare significativi flussi di cassa operativi (con una politica di progressivo rafforzamento patrimoniale, senza distribuzione di dividendi) Storia del Gruppo La storia del Gruppo si caratterizza per una costante crescita a partire dal Nasce Mille Uno Bingo srl e inizia la propria attività gestendo la sala di Zoppola (Pordenone) e Musile (Venezia). Nello stesso anno viene costituita anche Duemilauno Bingo srl, che inizia la propria attività acquisendo la concessione governativa per il gioco del Bingo nella sala di Rimini Mille Uno Bingo srl acquista il 50% di Bingo Amico srl, titolare della concessione di Treviso Quattromilauno Bingo srl acquista il 100% di Isola Verde srl, titolare della concessione bingo di Modena (nel 2012 Quattromilauno Bingo srl verrà poi incorporata per fusione nella Duemilauno Bingo srl). Bingo Amico srl acquista la sala di Lanciano Mille Uno Bingo Srl acquista il 50% delle quote di partecipazione in di AOG Srl, titolare delle concessioni di Roma San Paolo, Roma Aventino, Milano Washington, Milano Azzurro, Pavia, Arezzo e Torino. Nello stesso anno, Mille Uno Bingo srl fa ulteriori investimenti acquisendo anche le sale di Centallo, Cesano Maderno, Padova e di Roma Araldo. Bingo Amico srl acquista la sala di Conegliano Duemilauno Bingo srl acquista il 100% delle quote di partecipazione in Bingo King srl, titolare della concessione bingo di Genova. Tremilauno srl (società controllata al 100% da Duemilauno Bingo srl) acquista il 50% delle quote di partecipazione in Invest Gaming srl, titolare delle concessioni bingo di Trieste e di Mantova Mille Uno Bingo Srl acquista il 100% di Duemilauno Bingo Srl. Invest Gaming srl acquista le sale di Firenze e di Piacenza print Srl acquista le sale di Livorno e di Legnano print Srl acquista la sala di Sirmione e cede la sala di Livorno a Bingo Amico Srl. Mille Uno Bingo Srl si trasforma in Società Per Azioni. 17

18 Invest Gaming srl acquisisce il 100% delle quote di partecipazione in SE.DI.L Srl, titolare di tre sale bingo a Brescia, Verona e Loano Panoramica del settore Panoramica generale Il mercato del gaming in Italia include le modalità di gioco tradizionale e online, nonché le scommesse. Può essere articolato nei settori delle slot machine (AWP e VLT); scommesse sportive e di cavalli; giochi online; lotterie e bingo. Il mercato è regolato dall Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, precedentemente Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato ( AAMS ). In Italia il mercato del gaming è misurato da 3 indicatori importanti: SCOMMESSE (BET): totale delle scommesse giocate; GROSS GAMING REVENUE: scommesse meno il totale delle vincite; NET GAMING REVENUE: scommesse meno il tot totale delle vincite meno le tasse pagate. L Italia è il più grande mercato del gaming in pa con un GROSS GAMING REVENUE di 17 MLD nel Seguono la Gran Bretagna e l Irlanda ( 12,4 MLD), Francia ( 9,4 MLD), Germania ( 8,9 MLD). Il totale delle scommesse (BET) in Italia nel 2012 si è attestato sui 87,2 MLD. Il mercato del gaming italiano ha avuto un trend di rapida crescita a partire dal 2007, con un tasso annuo di crescita ( compound annual growth rate CAGR) che si attesta intorno al 16,1% nel periodo 2007/2012 per le scommesse (BET), del 5,2% per il GROSS GAMING REVENUE e del 10,3% per il NET GAMING REVENUE, contro un calo del PIL italiano, sui 6 anni di analisi, del 1,4%. Al 31 Dicembre * Scommesse ,10% crescita per anno - 14,80% 14,40% 12,10% 30,50% 9,60% - Gross Gaming Revenue ,20% crescita per anno - 12,50% 9,20% 5,10% 5,70% (5,50%) - Net Gaming Revenue ,30% crescita per anno - 15,60% 8,50% 11,60% 11,60% 4,60% - PIL reale Italia (1,4%) crescita per anno - (1,2%) (5,5%) 1,70% 0,40% (2,4%) - * con eccezione delle percentuali i dati sono presentati in milioni di Fonte: AAMS Fonte: Istat (per il PIL reale Italia dal 2007 al 2012) CAGR Isolando il 2012, il mercato generale del gaming in Italia ha subito una contrazione in termini di GROSS GAMING REVENUE (scommesse meno totale delle vincite). Ciò è dovuto a diversi fattori, tra i quali la maturità del mercato, la generale difficile congiuntura economica in Italia che ha impattato sul comportamento dei consumatori e sulle loro abitudini di spesa, l aumento dell obbligo legale nel payout sui giochi esistenti, l introduzione di nuovi giochi con più elevati payout (VLT e giochi online) e l aumento delle tasse da pagare all AAMS. In ogni caso esistono delle variazioni significative a livello di singolo segmento, con le lotterie e le scommesse sui cavalli che subiscono una significativa compressione, mentre i VLT e i giochi online ottengono una forte crescita (riflesso sul gross e net gaming revenue). 18

19 Lo Stato impone per legge un payout minimo (ossia la % di vincite obbligatorie sul totale del giocato) per tipologia di giochi. Tale payout ratio varia notevolmente a seconda del segmento, influenzando in maniera non marginale la migrazione negli ultimi anni di giocatori da giochi con payout minori verso giochi con più elevati payout, come VLT e giochi online. Segmento AWP 27,4 MLD 8,70 % 76% VLT 21,3 MLD 397,7%* 89% Bingo 1,70 MLD (0,6%) 71% Scommesse Sportive 2,80 MLD 7,70% 82% Scommesse sui cavalli 0,90 MLD (19,3%) 67% Giochi online 15,3 MLD 71% 95% Lotto: 66% Lotterie 17,8 MLD 2,20% SuperEnalotto: 44% * il CAGR delle VLT considera il periodo Fonte dati: AAMS 2012 Scommesse ( ) Scommesse '07 - '12 CAGR 2012 Vincite obbligatorie sul giocato (PAYOUT RATIO) Andamento delle scommesse (BET) Nella tabella a seguire è riportato l andamento delle scommesse (BET) dal 2007 al 2012: Al 31 Dicembre * CAGR Gaming Machines ,90% VLTs ,5%* AWPs ,70% Bingo (0,6%) Subtotale ,52% Giochi online % Giochi di abilità Altri giochi online e scommesse ,50% Scommesse (4,1%) Scommesse sportive ,70% Scommesse sui cavalli (19,3%) Lotterie ,20% Lotterie istantanee ,40% Lotto ,20% SuperEnalotto (1,5%) Totale mercato delle scommesse ,10% * CAGR per le VLT è calcolato sul periodo * con eccezione delle percentuali i dati sono presentati in milioni di Fonte: AAMS Scommesse (BET) Il giocato sul Bingo, pur mostrando oscillazioni in aumento e diminuzione nel corso degli anni, rimane abbastanza stabile rispetto al Considerando anche l evoluzione del settore delle gaming machines (VLT e AWP), la crescita media è del 20,5% con spostamento significativo delle quote di mercato dai sistemi AWP verso i sistemi VLT, a partire dal 2011, come conseguenza di un maggiore payout (89% contro il 76% delle AWP). Relativamente alle «net gaming revenues» (scommesse meno totale vincite pagate e tasse) a fronte di una crescita totale del settore del gaming pari al 10,3%, il sub-aggregato rappresentato dal bingo e dalle gaming machines ha registrato una crescita del 15,12%: 19

20 Net gaming revenue Al 31 Dicembre * CAGR Gaming Machines ,80% VLTs ,40% AWPs ,60% Bingo (0,8%) Subtotale ,12% Giochi online ,30% Giochi di abilità Altri giochi online e scommesse (5,1%) Scommesse (1,6%) Scommesse sportive (1,1%) Scommesse sui cavalli (2,4%) Lotterie ,70% Lotterie istantanee ,90% Lotto ,10% SuperEnalotto (0,8%) Totale mercato delle scommesse ,30% * CAGR per le VLT è calcolato sul periodo * con eccezione delle percentuali i dati sono presentati in milioni di Fonte: AAMS Aspetti fiscali connessi al settore dei giochi Nella tabella a seguire è riportato l ammontare delle tasse pagate in Italia nel settore dei giochi: Tasse pagate in Italia Al 31 Dicembre * CAGR Gaming Machines ,20% VLTs ,60% AWPs ,80% Bingo (14,2%) Subtotale ,36% Giochi online ,60% Giochi di abilità Altri giochi online e scommesse ,30% Scommesse (24,5%) Scommesse sportive (2,6%) Scommesse sui cavalli (41,6%) Lotterie (4,9%) Lotterie istantanee (1,8%) Lotto (8,9%) SuperEnalotto (3,5%) Totale mercato delle scommesse ,90% * CAGR per le VLT è calcolato sul periodo * con eccezione delle percentuali i dati sono presentati in milioni di Fonte: AAMS I gaming providers pagano le tasse sulle scommesse (BET) in un ammontare variabile a seconda del segmento. Nel 2012 le tasse, espresse come percentuale delle scommesse, si è attestato intorno al 4% per i VLT, 12% per gli AWP, 11% per il bingo, 5% per le scommesse sportive, 4% sulle scommesse sui cavalli, 19% per le lotterie. Mille Uno Bingo S.p.A. risulta «gaming provider» ai fini fiscali (versando quindi il PREU, «prelievo unico erariale») per il settore del bingo. Riguardo invece al settore delle Gaming Machines, il PREU è versato dal «concessionario di rete» che è proprietario delle macchine, mentre Mille Uno Bingo funge da «retailer» che espone le slot machines nei propri locali in cambio di una fee o una porzione di ricavi generati dal gioco. 20

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli