Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori"

Transcript

1 Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori

2 Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata all interno dell Università, porta alla creazione di una nuova azienda tecnologica che entro un periodo di cinque anni si sviluppa con successo Quasi tutti gli attori finiranno per lavorare nella nuova azienda lasciando le loro posizioni di origine (molto spesso temporanee) in ambito universitario La nuova azienda e l Università condividono parte del rischio imprenditoriale e del possibile successo attraverso forme diverse di joint-venture (licensing esclusivo, finanziamento diretto, ecc.) Vittorio Palmieri 2

3 Spin-Off da Università: Verifica Preliminare Valutazione Personale Inizia con l inventario di te stesso e della tua situazione. Perché vuoi dare vita a un azienda? Quali capacità hai? Analisi di mercato Quando hai deciso di dare vita a un azienda, devi valutare la tua idea. Chi comprerà il tuo prodotto o servizio? Chi saranno i tuoi concorrenti? Proprietà Intellettuale Assicurati che possiedi o puoi ottenere i diritti della tua invenzione Devi anche stimare, a questo stadio, di quanto denaro hai bisogno per cominciare Vittorio Palmieri 3

4 Valutazione Personale Un imprenditore è una persona che abitualmente crea ed innova, per costruire qualcosa di valore riconosciuto, intorno a opportunità ben percepite: Fa una differenza significativa È creativo e innovativo Trova risorse e competenze richieste al fine di sfruttare l opportunità È determinato ad affrontare competizione ed avversità Gestisce cambiamenti e rischi Sa fare gruppo Dà priorità ai suoi clienti Crea ricchezza Independenc e 39% Main Personal Motivations Source: Oxford University Money 12% Challenge 30% Vittorio Palmieri 4 Other 19%

5 Analisi di Mercato La tua impresa è regolata dal Mercato Tagliare il tuo piano d impresa su ciò che il mercato comprerà è sempre una strategia migliore e di maggior successo rispetto a sviluppare un nuovo prodotto o servizio senza sapere precisamente chi lo consumerà e sperare che venga comprato perchè é buono Prima che le persone si rendano conto che hanno bisogno di un prodotto, spesso devi impiegare molto tempo (e denaro) a educarle sul perchè ne hanno bisogno Mentre prepari il piano di impresa e di marketing, prova ad anticipare il feedback che il mercato ti manderà e che ti può far cambiare direzione Vittorio Palmieri 5

6 Proprietà Intellettuale Quando fai ricerca in una Università, verifica che vi sia sufficiente chiarezza su chi avrà la proprietà intellettuale generata dal progetto di ricerca Assicurati che la tua invenzione non sia condivisa con altri, diversi dai tuoi collaboratori, o pubblicata prima che sia stato richiesto un brevetto Per valutare se la tua invenzione è nuova usa le informazioni sui brevetti disponibili nei database pubblici (es. ep.espacenet.com o Fai riferimento all Ufficio Trasferimento Tecnologico; esso valuterà con te la brevettabilità e l opportunità commerciale per la tua invenzione, incaricherà un professionista di redigere la bozza di richiesta di brevetto e si occuperà dell intero processo di richiesta Vittorio Palmieri 6

7 FAQ sui Brevetti Cosa è un brevetto? Un brevetto per un invenzione è concesso da un governo all inventore, e dà, per un tempo limitato, diritti volti al fine impedire ad altri di fare, usare o vendere l invenzione senza il permesso dell inventore. In cambio, la comunità viene a conoscenza di uno sviluppo tecnologico che alla fine potrà usare liberamente La mia invenzione è brevettabile? Perché una richiesta di brevetto abbia successo, la tua idea deve essere: nuova (non deve essere stata resa pubblica in alcun modo), inventiva (l invenzione non deve essere ovvia per qualcuno con una buona conoscenza del settore) e avere un utilità industriale. Il software è un caso speciale! Vittorio Palmieri 7

8 FAQ sui Brevetti (continua) Quanto costa? Una richiesta di brevetto all ufficio nazionale è molto economica ma redigere la bozza di una richiesta di brevetto è un compito complesso, svolto meglio da un agente specializzato. Il suo costo è di circa euro, a seconda della complessità dell invenzione. Il costo totale per ottenere brevetti in Europa, USA e Giappone normalmente eccede i euro e pertanto un finanziatore dovrebbe esser trovato quanto prima dopo la richiesta iniziale Quanto dura? La protezione garantita dal brevetto, se ottenuto, dura 20 anni dalla data della richiesta iniziale all ufficio nazionale brevetti ( priority date ). Vittorio Palmieri 8

9 Spin-Off da Università: Punti di Partenza Fai un piano di impresa Se cerchi finanziamenti esterni, un piano d impresa è necessario. Ma anche se ti finanzi da solo, un piano d impresa ti aiuta a definire di quanto denaro hai bisogno per partire, quello che devi fare, quando lo devi fare e verso dove ti stai dirigendo Trova i finanziamenti Trai vantaggio dei numerosi incentivi pubblici per giovani imprenditori e cerca facilitatori vicini a te (incubatori, ecc.) Cerca un Business Angel o un società di Venture Capital solo al momento giusto. Comincia con contributi personali, aiuto dalla famiglia, ecc. Vittorio Palmieri 9

10 Executive Summary Le domande seguenti devono trovare risposta in questa sezione del piano d impresa: Qual è l attività commerciale? Qual è l opportunità di business? Chi sono i clienti target e quale valore ricevono? Qual è il volume di mercato, quali sono i ritmi di crescita e i principali concorrenti? Quale impegno di cassa è necessario e quali sono le previsioni di profitto? Chi sono i membri del team di management? Quali sono le possibilità di uscita dall investimento per i potenziali investitori? Vittorio Palmieri 10

11 Modello di Business The Opportunity Solutions offered to customers Description of product and services The Market Assessing the external validity and consistency of the opportunity The Instruments and Resources Needed Assessing the internal validity and consistency of the opportunity MARKETING PLAN BUSINESS SYSTEM MANAGEMENT TEAM FINANCIAL RESOURCES The Risks The core assumptions Vittorio Palmieri 11

12 Mercato Quali sono l ampiezza e il potenziale di crescita dei segmenti target? Quali sono i driver di crescita nei vari segmenti di mercato? Quali percentuali di vendita l imprenditore si aspetta dai vari prodotti/servizi e/o segmenti di mercato? Come la nuova azienda raggiunge i suoi clienti? Che tipo di concorrenti esistono? Quanto è facile imitare il modello di business della nuova azienda? Quali sono le barriere all ingresso per i concorrenti? Vittorio Palmieri 12

13 Risorse Necessarie Come arriva l offerta ai clienti? Quali sono i target di vendita (per anno, per trimestre)? Di quali risorse (quantitative e qualitative) ha bisogno l imprenditore per creare i suoi prodotti/servizi? Quanto flessibile è l organizzazione? Quali esperienze o abilità ha il team che sono cruciali per il successo dell impresa? Quali esperienze o abilità mancano? Come trovarle? Quali sono i principali driver dei costi? Vittorio Palmieri 13

14 Finanziamenti I finanziamenti degli Spin-Off possono venire da varie fonti. Ciò che è appropriato in ogni caso specifico dipende da vari fattori: Lo stadio La grandezza L ammontare richiesto Company Growth Stages and Funding Sources Operating Margin Inception Growth Expansion Roll-Out Pilot-Test Founders Angel Investors IPO Acquisition Private Equity Funds Banks Venture Capital Funds Maturity Critical Period Time Vittorio Palmieri 14

15 Forme di Finanziamento Il pacchetto di finanziamenti può contenere varie forme. I due tipi principali sono azioni ("equity") e prestiti Le azioni rappresentano il capitale dell azienda, e di norma danno pieni diritti di voto. Comportano anche il rischio maggiore e potenzialmente la massima remunerazione, perché sono premiate in termini di dividendi dopo che tutti gli altri costi sono stati pagati I prestiti possono essere garantiti dai beni dell azienda. Essi vengono prima delle azioni nel rimborso del capitale. L interesse è a un tasso prefissato indipendentemente dai profitti o perdite dell azienda. Una miscela dei due tipi è spesso appropriata Vittorio Palmieri 15

16 Fonti di Finanziamento Azionario Fondatori e imprenditori Contribuiscono tutto quello che possono permettersi. Forniscono contributi di natura non-finanziaria (rinuncia al salario, locali in usufrutto, ecc.) Business Angel Investono tra e Euro Generano contatti commerciali utili Decidono rapidamente Venture Capitalist (Early Stage) Investono tra e Euro Forniscono valore aggiunto e non solo finanziamenti Decidono non molto velocemente, ma sono molto accurati nelle verifiche Vittorio Palmieri 16

17 Fonti di Finanziamento Debitorio Amici e famiglia Mettono tutto quello che possono investire Forniscono contributi di natura non-finanziaria (rinuncia al salario, locali in usufrutto, ecc.) Banche Investono tra e Euro Richiedono varie garanzie (ipoteche, ecc) Decidono lentamente Agenzie Pubbliche di finanziamento Investono tra e Euro Forniscono condizioni facilitate di prestito(bassi tassi d interesse) Decidono molto lentamente Vittorio Palmieri 17

18 A Quanto Deve Ammontare il Finanziamento? Cumulated Cash Flows Pay-back period Financing requirement Best case Base case Worst case Years I picchi negativi del flusso di cassa dell azienda indicano il finanziamento necessario durante l esecuzione del tuo piano d impresa Presenta tutte le maggiori ipotesi e risultati del piano finanziario all interno del tuo piano d impresa mettendo le tabelle principali in appendice Vittorio Palmieri 18

19 Valutazione 20 Pre- Money Valuation 10 New Investment 30 Post- Money Valuation Founder share 100% 67% New Investment Investor Share% = 100 Pr e MoneyValuation + New Investment 100 Investor Share% Pr e MoneyValuation = New Investment Investor Share% Gli investimenti azionari influenzano sempre la proprietà dei fondatori nell azienda Non vi è un modo unico per valutare un azienda. i tre metodi più usati sono: Valutazione a mezzo benchmark Stima attraverso multipli Metodo del Discounted Cash Flow (DCF) Vittorio Palmieri 19

20 Processo di Valutazione da Parte degli Investitori In media 6 piani d impresa su 1000 sono finanziati Il 5% dei documenti viene letto oltre l Executive Summary Il 10% delle proposte passa la selezione iniziale Il 10% delle pre-selezionate passa la due-diligence e riceve il finanziamento Parametri di Selezione: Team di Management Idea di Business Valutazione Introduzione Opportunità Selezione Iniziale Due-Diligence Negoziato Finanziamento Vittorio Palmieri 20

21 Caratteristiche di Società Imprenditoriali di Successo Un team di management efficace che lavori in maniera cooperativa e consista di persone selezionate in maniera da fornire un ampio ventaglio di conoscenze Un finanziamento appropriato Manager che prendono decisioni di business basate su di una chiara comprensione del mercato e della competizione, piuttosto che sul proprio amore verso il prodotto o servizio commercializzato Manager che seguono le migliori pratiche di business riconosciute, circondandosi di persone competenti e rimanendo aperti ai consigli ed alle idee altrui Imprenditori appassionati delle proprie aziende e capaci di comunicare il loro entusiasmo ai potenziali investitori, clienti e collaboratori Cortesia di NBIA Vittorio Palmieri 21

22 Otto Ragioni Fondamentali del Perché le Aziende Falliscono Inadeguata pianificazione del business Capitale iniziale insufficiente per il periodo di start-up e gli stadi di sviluppo, dovuto a pianificazione inadeguata Stima sbagliata delle richieste del mercato per il prodotto o servizio commercializzato Mancanza di capacità nel management Insuccesso nel selezionare e usare appropriati servizi professionali esterni Incapacità nel lanciare efficacemente sul mercato prodotti o servizi commercializzati Troppa dipendenza da un singolo individuo o da un particolare evento atteso Errore nella stima del capitale necessario a un impresa in crescita Cortesia di Collison Vittorio Palmieri 22

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Incubatori Tecnologici

Incubatori Tecnologici Incubatori Tecnologici Dal Laboratorio al Mercato Vittorio Palmieri 1 Cos è? L incubazione di impresa è un processo dinamico di sviluppo aziendale. Gli incubatori nutrono le giovani imprese, aiutandole

Dettagli

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup Giornata di formazione sui brevetti Brescia, 29 febbraio 2012 Università degli Studi di Brescia Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle

Dettagli

Business Planning Claudio Gigli

Business Planning Claudio Gigli Business Planning Claudio Gigli 23 SETTEMBRE 213 Obiettivi del seminario 1. Illustrare logica, contenuti, struttura di un business plan 2. Condividere 3 casi concreti 3. Affrontare con i partecipanti del

Dettagli

Fondazione Sicilian Venture Philanthropy Foundation. Scheda informativa

Fondazione Sicilian Venture Philanthropy Foundation. Scheda informativa Dati relativi al progetto 1. Informazioni generali Nome del progetto d impresa: Via: Cap:... Città:.. Sito web (se disponibile):. Persona referente: Posizione:.. Email: Telefono cellulare: Telefono fisso:

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo

IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo IL BUSINESS PLAN Cos è e come farlo di Riccardo Barni PARTE I SCOPO DEL BUSINESS PLAN 1. A COSA SERVE IL B. P. A determinare i progetti futuri A verificare il raggiungimento degli obiettivi A reperire

Dettagli

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione alla figura del Business Angel Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione Imprenditorialità: definizione

Dettagli

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net

Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011. Lorenzo Franchini www.italianangels.net Angels e gruppi di angels: ruolo e peculiarità Finanziare l innovazione 09 Settembre 2011 Lorenzo Franchini www.italianangels.net Tipologia di finanziamenti Friends & Family: 30k-100k; Seed Capital Angel

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

La Valutazione di una Start-up

La Valutazione di una Start-up La Valutazione di una Start-up I metodi di valutazione più utilizzati sono: Discounted Cash Flow e Multipli di Mercato, cui vanno applicati dei correttivi per riflettere le specificità della start-up All

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

STARTUP e Business Angels

STARTUP e Business Angels STARTUP e Business Angels IL NUOVO MODELLO IMPRENDITORIALE All opposto del modello imprenditoriale tradizionale italiano In molti casi lo startupper pianifica fin dall inizio di vendere la sua società

Dettagli

Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan

Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan Capitale di rischio: la ricerca del partner e la redazione del Business Plan di Giuseppe Rana e Guidalberto Gagliardi PricewaterhouseCoopers Transaction Services Nella prima fase del processo di investimento

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

UN LUOGO DOVE LE IDEE INCONTRANO CHI LE PUO REALIZZARE

UN LUOGO DOVE LE IDEE INCONTRANO CHI LE PUO REALIZZARE UN LUOGO DOVE LE IDEE INCONTRANO CHI LE PUO REALIZZARE L era di Internet Home banking Social network Lavoro collaborativo La situazione attuale nuovi concetti globalizzazione innovazione nuova organizzazione

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello

Il processo di Business Planning e il Business Plan. Vincenzo Corvello Il processo di Business Planning e il Business Plan Il problema del finanziamento Le fonti di finanziamento Fonti interne: Riserve di utile Capitale proprio Fonti esterne: Debito Prestiti Obbligazioni

Dettagli

Management Game 2011. Global Challenge Guida all uso

Management Game 2011. Global Challenge Guida all uso Management Game 2011 Global Challenge Guida all uso Indice LA BARRA DI NAVIGAZIONE ORIZZONTALE 3 LA HOME PAGE 4 CONDIZIONI DI MERCATO 5 DOMANDA 6 DOMANDA, MERCATO TOTALE E QUOTA DI MERCATO 7 PIANO DI PRODUZIONE

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

Business Plan. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

Business Plan. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Business Plan Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Business Plan - Premessa Idea Mission Pianificazione Strategia Business Plan A che cosa serve un Business Plan? Le forma del

Dettagli

Una finanza per la crescita delle imprese

Una finanza per la crescita delle imprese Una finanza per la crescita delle imprese L importanza di VC e PE. L Italia e il resto del mondo Laura Bottazzi Università di Bologna Q1. Quanto sono importanti (queste) fonti di finanziamento per la crescita

Dettagli

Programma degli incontri: INVESTITORI: COME VALUTANO E COSA CHIEDONO ALLA START-UP Imola, 15 aprile 2015 h. 15.00 18.30

Programma degli incontri: INVESTITORI: COME VALUTANO E COSA CHIEDONO ALLA START-UP Imola, 15 aprile 2015 h. 15.00 18.30 INNOVAMI Camp: scaling-up your business. Edizione 2015 Il percorso "Scaling-up your business" è orientato a formare e fare incontrare le start-up e i progetti di impresa del territorio con manager, imprese

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Non aspettare il momento opportuno, crealo. George Bernard Shaw

Non aspettare il momento opportuno, crealo. George Bernard Shaw Non aspettare il momento opportuno, crealo George Bernard Shaw AD Ad Concept nasce dall idea di Andrea Dell Orto di mettere a beneficio delle piccole e medie imprese, sotto forma di consulenza, le competenze

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Massimiliano Magrini. Giugno 2011. Provincia di Monza e della Brianza Camera di commercio di Monza e Brianza

Massimiliano Magrini. Giugno 2011. Provincia di Monza e della Brianza Camera di commercio di Monza e Brianza Massimiliano Magrini Giugno 2011 Provincia di Monza e della Brianza Camera di commercio di Monza e Brianza 2 3 Definizione Il venture capital èil finanziamento di aziende di recente costituzione tramite

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

Innovare per competere Come finanziare l innovazione

Innovare per competere Come finanziare l innovazione Innovare per competere Come finanziare l innovazione M. Szemere Cofiri S.p.A. Novara, 22 maggio 2003 Contenuti (1/2) 1. Il Gruppo Cofiri Attività di Cofiri Iniziative di Cofiri nel Venture Capital e nel

Dettagli

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan

BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO. CLaSEP - Simulazioni e Business Plan BUSINESS PLAN: IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO A cosa serve un Business Plan Il Business plan ha tre funzioni: 1. Per lo sviluppo della gestione aziendale: uno strumento di pianificazione e applicativo

Dettagli

LABORATORIO DI IMPRENDITORIALITÀ VENTURE CHALLENGE Edizione 2010

LABORATORIO DI IMPRENDITORIALITÀ VENTURE CHALLENGE Edizione 2010 LABORATORIO DI IMPRENDITORIALITÀ VENTURE CHALLENGE Edizione 2010 Venture challenge è un Laboratorio di formazione all imprenditorialità promosso in Ticino da USI, SUPSI e Centro Promozione Start-up nell

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi. Hanno una forte componente di R&S

Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi. Hanno una forte componente di R&S Imprese appena costituite o progetti d impresa (da non piu di 48 mesi) Operano in ambiti innovativi Hanno una forte componente di R&S Hanno intensi piani di crescita (3-5 anni) Necessitano di apporti di

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

PIANO COMPENSI CONLIGUS COMPENSATION PLAN 2.0

PIANO COMPENSI CONLIGUS COMPENSATION PLAN 2.0 CONLIGUS COMPENSATION PLAN 2.0 Fatturato totale in CV Conligus 10% L azienda paga fino al 100% delle azioni dei membri La comunità Conligus dipende dalla condivisione Condivisione dei profitti Puoi sviluppare

Dettagli

Venture Capital: esperienze dal fronte

Venture Capital: esperienze dal fronte Venture Capital: esperienze dal fronte 3 6 0 CAPITAL PARTNERS Investing in Innovation, full scale Massimiliano D Amico, 360 Capital Partners Cos è il Venture Capital? Il Venture Capital é strutturato con

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Il Comitato Tecnico Scientifico selezioneràle migliori idee imprenditoriali Accompagnamento

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

Come trovare gli investitori. Febbraio 2015- www.italianangels.net

Come trovare gli investitori. Febbraio 2015- www.italianangels.net Come trovare gli investitori Febbraio 2015- www.italianangels.net Cos è l angel investing L incontro tra: Business Angels (BAs); individui che contribuiscono tempo, competenze, contatti e denaro a startup

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario OPPORTUNITÀ E FUTURO Glossario A Acceleratore d impresa L acceleratore d impresa è una struttura di supporto alle start-up. Simile all incubatore, l acceleratore supporta le imprese nel passaggio dalla

Dettagli

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE MANUALE PRATICO SU E INDICE INTRODUZIONE 1. MARCHI: E 2. BREVETTI: E 3. DESIGN: E 4. COPYRIGHT: E 5. SEGRETO INDUSTRIALE: E Introduzione Ogni impresa, sia essa una start-up o un azienda consolidata, possiede

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano 1918: primo costruttore di motociclette del mondo - Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano Anni 50: quota di mercato del 60% Ingresso dei

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA Nicola Redi Cos è una banca? 26 maggio 2015 Università di Sassari 2 Una cassaforte 26 maggio 2015 Università di Sassari 3 Il tuo consulente

Dettagli

COMPANY PROFILE APRILE 2015

COMPANY PROFILE APRILE 2015 COMPANY PROFILE APRILE 2015 Executive Summary p. 2 Company Description p. 4 Market Overview p. 9 Business Model p. 13 Key Success Factors p. 29 1 EXECUTIVE SUMMARY EXECUTIV E SUMMARY Holding di partecipazioni

Dettagli

Regolamento Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15

Regolamento Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15 Regolamento Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15 Il Premio ROTARY STARTUP è promosso dal Rotary Club Distretto 2072 Emilia Romagna e San Marino. Il Premio ROTARY STARTUP Edizione 2014-15 (d ora in poi

Dettagli

Puntata precedente..16.12.2013!!!

Puntata precedente..16.12.2013!!! usiness Plan Puntata precedente..16.12.2013!!! Principi cardine della Cooperazione Una testa, un voto La partecipazione La natura mutualistica La natura non speculativa La porta aperta La solidarietà intergenerazionale

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati

Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati FINANZA PER LA CRESCITA GLI STRUMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE Private equity tra investitori istituzionali e capitali privati Alessandra Bechi Direttore Ufficio Tax & Legal e Affari Istituzionali Perugia,

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

CREAZIONE e GESTIONE d IMPRESA. FAI - Fare Impresa.... diamo forma alle Tue idee

CREAZIONE e GESTIONE d IMPRESA. FAI - Fare Impresa.... diamo forma alle Tue idee CREAZIONE e GESTIONE d IMPRESA FAI - Fare Impresa... diamo forma alle Tue idee FAI - Fare Impresa Vuoi creare una nuova impresa? All interno dell ambiente di apprendimento FA, scoprirai che FARE IMPRESA

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

PhD+ PISA - 24/4/2012

PhD+ PISA - 24/4/2012 PhD+ PISA - 24/4/2012 Gli investimenti di capitale di rischio informale dei Business Angels le caratteristiche del mercato italiano e le modalità operative Tomaso Marzotto Caotorta Segretario Generale

Dettagli

Partenza Mercato Utente Idea Concetto Valutazione. Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business?

Partenza Mercato Utente Idea Concetto Valutazione. Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business? Utente Chi sono gli utenti target del tuo concetto di business? Specifica da 3 a 5 diversi gruppi di utenti per il tuo concetto e fai una dettagliata descrizione di una persona per ciascun gruppo. Fai

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI.

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. 1 Private Equity e Venture Capital: una definizione Al contrario di quanto avviene negli USA, dove l attività di investimento nel capitale di rischio

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC

Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Tra IPO e Private Equity: l esperienza SPAC Franco Bertoletti, Dottore

Dettagli

Il più bel lavoro del mondo

Il più bel lavoro del mondo REGOLAMENTO CONCORSO ANNUALE Il più bel lavoro del mondo 3 edizione 2012-2013 ART 1 Definizione Il concorso "Il più bel lavoro del mondo" (di seguito indicato come "Concorso") è una competizione promossa

Dettagli

Business Plan, uno strumento imprescindibile per fare impresa Daniela Cervi Matteo Pellegrini Area Economico Finanziaria Legacoop Emilia Ovest

Business Plan, uno strumento imprescindibile per fare impresa Daniela Cervi Matteo Pellegrini Area Economico Finanziaria Legacoop Emilia Ovest Business Plan, uno strumento imprescindibile per fare impresa Daniela Cervi Matteo Pellegrini Area Economico Finanziaria Legacoop Emilia Ovest Pianificazione E decisivo sviluppare all interno delle imprese

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

La prima piattaforma di Social Network al mondo con un programma di Revenue Share.

La prima piattaforma di Social Network al mondo con un programma di Revenue Share. La prima piattaforma di Social Network al mondo con un programma di Revenue Share. L'idea di FutureNet 2012 Partenza di FutureNet 2014 Nuovo design 2015 FUTUREADPRO PARTE AD APRILE 2016 OTENZIALE DELL'ADVERTISING

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP

ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP ASPETTI LEGALI DELL INVESTIMENTO NELLE START - UP START UP PHASES EARLY STAGE 1 2 3 FASE Seed Start up First Stage Bisogno di Capitale per: Ricerca / Prototipo Sviluppo prodotto + Approccio mercato Produzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.3 Altre Tecniche di Valutazione Sommario della lezione Analisi degli investimenti Tecniche alternative Tasso

Dettagli

ACTION FOR INNOVATION AWARDS 2012. The future belongs to those who see possibilities before they become obvious

ACTION FOR INNOVATION AWARDS 2012. The future belongs to those who see possibilities before they become obvious ACTION FOR INNOVATION AWARDS 2012 The future belongs to those who see possibilities before they become obvious PRESENTAZIONE DELL INIZIATIVA L azione di Fast a sostegno dell innovazione e dell internazionalizzazione

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

START-UP INNOVATIVE. Un mix di Innovazione e Talento Giovanile per lo Sviluppo virtuoso di StartUp e PMI

START-UP INNOVATIVE. Un mix di Innovazione e Talento Giovanile per lo Sviluppo virtuoso di StartUp e PMI START-UP INNOVATIVE Un mix di Innovazione e Talento Giovanile per lo Sviluppo virtuoso di StartUp e PMI Il progetto mira a supportare in modo molto concreto StartUp, Studenti Universitari e PMI attraverso

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

AMMINISTRAZIONE MARKETING

AMMINISTRAZIONE MARKETING IL BUSINESS PLAN AMMINISTRAZIONE MARKETING PERSONALE PRODUZIONE QUALITÀ IL BUSINESS PLAN AMMINISTRAZIONE MARKETING PERSONALE PRODUZIONE QUALITÀ A COSA SERVE IL BUSINESS PLAN? IL BUSINESS PLAN È IL PROGETTO

Dettagli

Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study

Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study c è una rotta fuori dai porti sicuri? Le energie rinnovabili: il processo di investimento spiegato con un case study Simone Borla, Managing Partners Quercus Investment Partners LLP INFRASTRUTTURE SULLE

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

LA TUA GUIDA AL CROWDFUNDING KAPLAN

LA TUA GUIDA AL CROWDFUNDING KAPLAN LA TUA GUIDA AL CROWDFUNDING KAPLAN Create your site Share with Friends Collect Donations StartMeUp - Kaplan indiegogo.com/partners/kaplan StartMeUp è un progetto Kaplan International English ideato per

Dettagli

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity

La valutazione degli attivi nei fondi di private equity LA VALUTAZIONE DEGLI ATTIVI ILLIQUIDI DETENUTI DAGLI INTERMEDIARI FINANZIARI La valutazione degli attivi nei fondi di private equity Relatore: Daniele Monarca 12 Luglio 2012 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Management Game 2014. Global Challenge Guida all uso

Management Game 2014. Global Challenge Guida all uso Management Game 2014 Global Challenge Guida all uso Indice LA BARRA DI NAVIGAZIONE ORIZZONTALE 3 LA HOME PAGE 4 CONDIZIONI DI MERCATO 5 PARAMETRI 6 DOMANDA 7 DOMANDA, MERCATO TOTALE E QUOTA DI MERCATO

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity Inserire Crowd-funding Titolo Environment Park 26 settembre 2014 Rebecca Boasso Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio,

Dettagli

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 -

Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Dalla Business Idea al Business Plan - 1 - Elementi base per il Business Plan - 2 - Imprenditore = Persona Da che cosa partire? dalle persone Un buon gruppo di neoimprenditori migliorerà l idea a fronte

Dettagli

Da grande farò l imprenditore

Da grande farò l imprenditore Da grande farò l imprenditore Trasformare un idea innovativa in un impresa dott.ssa Katia Chiriatti La creazione di un impresa Inizia con un idea che può emergere dall esperienza, dal knowhow, oppure da

Dettagli

Accesso al credito e strumenti finanziari innovativi: le opportunità europee per le imprese

Accesso al credito e strumenti finanziari innovativi: le opportunità europee per le imprese Accesso al credito e strumenti finanziari innovativi: le opportunità europee per le imprese Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 18 Novembre 2015 www.iban.it Business Angel: definizione e caratteristiche

Dettagli

Social Seller. Michele Rispoli, Francesca Contin, Andrea Canova. Titolo della presentazione

Social Seller. Michele Rispoli, Francesca Contin, Andrea Canova. Titolo della presentazione Michele Rispoli, Francesca Contin, Andrea Canova L'inventore: dott. Michele Rispoli Sono Michele, ho 30 anni, sono laureato in Economia e gestione aziendale, indirizzo manageriale presso l'università di

Dettagli

Accompagnare le Start Up nel percorso di sviluppo: esperienze operative e spunti di riflessione Antonio Cavaliere Renato Montedoro

Accompagnare le Start Up nel percorso di sviluppo: esperienze operative e spunti di riflessione Antonio Cavaliere Renato Montedoro Accompagnare le Start Up nel percorso di sviluppo: esperienze operative e spunti di riflessione Antonio Cavaliere Renato Montedoro Napoli, 27 Marzo 2014 Le Start Up Innovative LA START UP INNOVATIVA Impresa

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli