N. 03 Maggio 2014 EVENTO 5r per 5 Quartieri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 03 Maggio 2014 EVENTO 5r per 5 Quartieri"

Transcript

1 N. 03 Maggio 2014 EVENTO 5r per 5 Quartieri Dal 18 al 25 maggio i Laboratori di Quartiere di Gratosoglio, Mazzini, Molise Calvairate, Ponte Lambro e San Siro presentano la seconda edizione di 5Rper5quartieri Raccolgo, Riciclo, Riduco, Riuso, Rispetto, eventi per l ambiente e pratiche d uso e riuso nella città pubblica. Si tratta di un iniziativa promossa dal Servizio Contratti di Quartiere e Rigenerazione Urbana Assessorato Casa e Demanio del Comune di Milano, con l obiettivo di promuovere stili di vita sostenibili ponendo particolare attenzione alla cura degli spazi pubblici. Ogni quartiere sarà animato da una serie di iniziative: Laboratori informativi sulla raccolta differenziata, Sgomberiamo (ritiro straordinario di rifiuti ingombranti con la collaborazione di Amsa), azioni di riuso e permuta di oggetti, scambi di attività ed esperienze tra i cinque quartieri. La seconda edizione di 5Rper5quartieri propone anche un importante momento di riflessione sul tema Pratiche d uso e interventi di riuso nella città pubblica. Il seminario si svolgerà il 21 maggio, dalle 9,30 alle 13,30 presso il Centro Civico di via Parea a Ponte Lambro e vedrà la partecipazione di rappresentanti istituzionali del Comune di Milano, Torino e Bologna, oltre che docenti universitari, ricercatori, policy maker. Per il programma dettagliato si veda la pagina Facebook dedicata all evento 5Rper5quartieri oltre che il sito del Comune di Milano e dei cinque Laboratori di Quartiere.

2 Contratto di Quartiere Gratosoglio Incontri sull abitare alla Residenza Insieme Il progetto Residenza insieme che interessa l edificio di nuova costruzione di via Saponaro 1/A a locazione temporanea - meglio noto come Casa dei papà separati - è concepito all interno del Contratto di Quartiere II di Gratosoglio, come azione utile al fine di aprire il quartiere ai nuovi inquilini. L immobile di proprietà Aler Milano è composto da 40 bilocali arredati, da ampi spazi di servizio alla residenza, da una lavanderia comune e da una portineria. Gli appartamenti sono stati tutti assegnati tra il novembre 2012 ed il febbraio 2013, a seguito di pubblicazione di apposito Bando Aler per alloggi c.d. fuori ERP destinati a nuclei monogenitoriali separati con o senza figli, con l obiettivo di fornire una soluzione abitativa a canone calmierato di durata massima pari a 18 mesi rinnovabili una sola volta per pari tempo, a questa particolare categoria di inquilini - persone legalmente separate che, a causa di tale situazione hanno dovuto lasciare la casa coniugale trovandosi così ad affrontare una serie di criticità, non solo legate alla perdita dell abitazione, ma anche alla ridefinizione degli aspetti relazionali. Nelle condizioni contrattuali sottoscritte, gli inquilini hanno aderito anche al relativo percorso di accompagnamento tecnicosociale: il sopra citato progetto Residenza Insieme che, partito nel giugno 2013, si prefigge di seguire le famiglie, con l apporto di specifiche competenze professionali, durante tutto il primo periodo di permanenza nella Residenza attraverso la realizzazione di percorso di accompagnamento in grado di orientare e facilitare il passaggio ad una soluzione alloggiativa stabile alla scadenza del periodo di locazione. Il progetto, dato il suo carattere sperimentale e articolato, è governato da una Cabina di Regia composta dai referenti del Comune di Milano Direzione Centrale Casa - Servizio Contratti di Quartiere e Rigenerazione Urbana e Direzione Centrale Politiche Sociali e Cultura della Salute - Servizi per Adulti e Politiche per l Immigrazione, di Aler Ufficio Assegnazione Contratti Fuori Erp, di ASL Milano, del Laboratorio di Quartiere Gratosoglio e della incaricata Cooperativa Sociale Comunità Progetto. Il percorso verso l autonomia abitativa, concepisce e sviluppa attività rivolte ai nuclei famigliari che vengono svolte dagli educatori della Cooperativa Comunità Progetto tramite singoli colloqui finalizzati ad approfondire le situazioni sociali esistenti, i bisogni e le capacità individuali, nell ottica di affiancare e supportare anche le situazioni più complesse. In questo contesto il progetto garantisce anche l organizzazione di iniziative collettive, esito della fattiva collaborazione instaurata tra gli operatori del Laboratorio di Quartiere e quelli della Cooperativa Comunità Progetto, per presentare agli inquilini le varie opportunità di abitazione disponibili a Milano e nell hinterland, anche intermedie tra Edilizia Residenziale Sociale ed libero mercato, con l'obiettivo di offrire una panoramica all'interno della quale poter individuare quelle più adatte alle loro possibilità. La finalità alla quale si tende, in questo caso, è quella di ampliare l orizzonte rispetto alla edilizia residenziale pubblica tradizionale che non può, e non deve, essere ritenuta l unica soluzione perseguibile. Il puntuale lavoro di monitoraggio e ricerca svolto dagli operatori sui nuovi progetti di Housing Sociale, sulle loro tempistiche di attuazione e sulle modalità di partecipazione ai differenti bandi, è in grado invece di offrire agli inquilini tutte le informazioni e la documentazione utili a tal fine. Il primo Incontro sull'abitare si è tenuto nel dicembre 2013, è stato presentato, anche attraverso la consegna di materiale cartaceo, uno sguardo d'insieme sulle diverse tipologie di edilizia ad oggi esistenti, su alcuni interventi in corso di realizzazione e sulle relative possibilità di accesso alla casa: il canone sociale: il Bando generale di assegnazione con i requisiti e le modalità di accesso, anche con Bandi specifici ad hoc all'interno della stessa graduatoria; il canone moderato: le caratteristiche, i requisiti e le modalità di accesso, i progetti concreti della Cooperativa DAR Casa e della Fondazione Housing Sociale (con costi e tempi indicativi); il canone convenzionato: le caratteristiche, i requisiti e le modalità di accesso, i progetti concreti della Cooperativa SOLIDARNOSC in via Fratelli Zoia e della Fondazione Housing Sociale (con costi e tempi indicativi).

3 Contratto di Quartiere Mazzini Prendersi cura della casa pubblica: dalla casa agli spazi pubblici Il Laboratorio di Quartiere Mazzini dall'inizio dell'anno ha messo in campo delle azioni sperimentali di supporto agli inquilini delle case ERP, per cercare di migliorare la qualità abitativa sia degli spazi pubblici che di quelli privati ed andare incontro anche alle esigenze di manutenzione interna agli alloggi che è posta a carico del singolo inquilino. L Equipe del Laboratorio di Quartiere, composta da figure professionali con differente formazione psico-sociale (psicologi e sociologi) e tecnica (architetto), si è a tal fine arricchita di una nuova figura ossia da un operatore tuttofare denominato BricoLab in grado di effettuare su richiesta, piccoli interventi di manutenzione ordinaria (non specialistici) all interno degli alloggi ERP. E stato pertanto attivato un sopporto operativo-tecnico che, ponendo attenzione anche alle relazioni interpersonali, permetta agli inquilini, in modo particolare ai numerosi anziani soli, di risolvere in maniera veloce e soprattutto controllata, i piccoli problemi di manutenzione della propria casa superando così i disagi che derivano anche solo da un rubinetto che perde, da una luce che non si accende, da una porta che non chiude bene o da una tapparella che non scorre, il tutto nell ottica di facilitare il loro vivere quotidiano. Il 20 maggio, nell'ambito della seconda edizione delle 5R per 5 Quartieri, presso la sede del Laboratorio, verrà presentata alla cittadinanza questa nuova attività sperimentale e le modalità di realizzazione della stessa che è importante ricordare, saranno gestite e coordinate all interno del vigente Servizio di Accompagnamento Sociale del Contratto di Quartiere Mazzini. Inoltre, per eventuali ulteriori necessità di interventi di manutenzione ordinaria più gravosi e specialistici, è stato avviato in collaborazione con il Consiglio di Zona 4, anche un percorso esplorativo che, attraverso procedure trasparenti di selezione di artigiani qualificati, possa garantire alle famiglie modalità operative, tempi e costi calmierati. Per quanto riguarda invece la valorizzazione degli spazi pubblici, il Laboratorio ha promosso un percorso di sensibilizzazione e di accompagnamento verso la costituzione di un gruppo di cittadini volontari interessati alla preservazione ed alla cura di tali spazi comuni e disponibili a fare direttamente interventi di pulizia dei marciapiedi, di cura delle aiuole e/o dei giardini. Il 2 aprile scorso quindi è stata illustrata a tutti i residenti questa iniziativa denominata Il quartiere è casa nostra. Curiamolo insieme. Il quartiere ha risposto positivamente e già durante questo momento di confronto, un gruppo di quasi 20 persone, ha offerto il proprio contributo. Il Gruppo, durante il successivo incontro, ha stilato il calendario delle prime azioni in programma: per il 7 maggio pulizia della via Polesine e quella delle vie Omero e Dei Cinquecento per il giorno 24. Mentre il 18 maggio, durante la giornata inaugurale della seconda edizione dell evento 5R per 5 Quartieri tutto il gruppo sarà in piazza Gabrio Rosa, per presentarsi pubblicamente e per spiegare a tutti i presenti, desideri, obiettivi e aspettative. Questo neo-costituito gruppo di abitanti del quartiere è espressione della volontà e dell impegno che può portare ogni cittadino a sentirsi parte attiva e integrante del luogo in cui vive prendendosi direttamente cura di parte di quel contesto urbano. E l avvio di un percorso che si unisce a tanti altri che analogamente, sono stati attivati in diverse città e che testimoniano una nuova forma di libertà - solidale e responsabile - che ha come obiettivo non solo la tutela degli interessi privati, per quanto assolutamente rispettabili e legittimi, bensì la tutela dell'interesse della comunità seguendo i principi della nostra Costituzione ed in modo particolare quelli dell'articolo 118 per cui Stato, Regioni, Province, Città Metropolitane e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio della sussidiarietà".

4 Contratto di Quartiere Molise Calvairate Ricostruire la qualità dell abitare al Molise Calvairate La fase di criticità operativa che sta vivendo Aler Milano in questo periodo ha prodotto,purtroppo, l interruzione degli interventi di recupero edilizio attivati in quartiere che vedono coinvolti gli stabili di via Tommei, p.le Martini e piazza Insubria; questa situazione di stallo ha inevitabilmente rallentato anche il connesso processo di mobilità degli inquilini presenti negli edifici interessati dai lavori di manutenzione ed anche il trasferimento delle famiglie negli alloggi ristrutturati. In attesa che vengano individuate da parte degli organi competenti le più opportune azioni correttive atte a garantire la pronta ripresa dei cantieri e sappiamo che in questa direzione già si stanno congiuntamente e proficuamente attivando i responsabili del Comune di Milano, della Regione Lombardia e della stessa Aler si è convenuto di indirizzare alcune delle attività del Laboratorio di Quartiere verso la realizzazione di un lavoro capillare di ricerca e promozione di regole di buona convivenza. Riteniamo infatti che, con la collaborazione degli operatori sociali, dei volontari impegnati in quartiere e degli abitanti più sensibili, tale obiettivo possa essere perseguito e raggiunto anche nei contesti più difficili. Spesso si tratta di ricostruire una qualità dell abitare che le persone conoscono bene, che hanno vissuto, ma che oggi è soffocata da una percezione dominante di solitudine, sfiducia e paura. Il Laboratorio di Quartiere ha incontrato gli abitanti di alcuni cortili, mettendosi in ascolto delle loro sensazioni, dei pensieri, delle speranze e tanto spesso delle disillusioni che in questi ultimi anni hanno messo a dura prova le loro energie. Accanto alla segnalazione di problemi e al rimpianto di tempi passati più sereni quando si viveva più sicuri sono però emersi anche aspetti positivi: rapporti di amicizia, buoni rapporti di vicinato, affetto per il luogo in cui si è vissuto, piccoli spazi verdi mantenuti con cura e rispetto. I problemi comuni di insicurezza, solitudine, incuria sono affiancati da capacità e risorse personali e collettive che possono essere coltivate e valorizzate attraverso la presa in cura degli spazi comuni,la condivisione di momenti di socialità sulle panchine, la promozione di conoscenza reciproca che favorisca la solidarietà e lo scambio di piccoli favori. Nel corso dei prossimi mesi il Laboratorio di Quartiere porterà avanti azioni specifiche su questi tre livelli nella convinzione che i gesti concreti, anche piccoli, siano catalizzatori di civiltà, di attenzione e di rispetto verso l altro,nonché di convivenza non conflittuale, contribuendo a riportare nei quartieri pubblici un abitare di qualità. Ecco alcune delle iniziative in corso: - incontri tra inquilini per la condivisione delle storie di vita degli abitanti (in particolare sul rapporto anziani-stranierie/o pregiudizio benessere della collettività) in collaborazione con i Custodi Sociali,CPS di Viale Puglie e progetto Proviamoci assieme; - rafforzamento dei gruppi di socializzazione spontanei (anziani, stranieri, bambini)per individuare nei cortili portavoce locali sul tema ambiente/presa in cura dello spazio comune in collaborazione con i custodi ALER; - azione di prossimità incontra i Vigili di Quartiere, per affrontare le tematiche della sicurezza nei cortili e nel quartiere (diffusione e radicamento della campagna di prevenzione delle truffe agli anziani, promozione di percorsi educativi sul senso civico, altro).

5 Contratto di Quartiere Ponte Lambro Cambio casa, resto a Ponte Il Laboratorio di Quartiere e Aler Milano, a partire dalla fine del 2013, hanno attivato l azione sperimentale denominata CAMBIO CASA, RESTO A PONTE per incentivare le famiglie residenti nelle case di proprietà Aler di via Ucelli di Nemi civici 11-36, ad intraprendere un percorso di mobilità volontaria in diminuzione (da un alloggio grande ad uno più piccolo)con l obiettivo di: 1. razionalizzare l uso del patrimonio residenziale di proprietà pubblica promuovendo un importante cambiamento culturale che riaffermi la casa popolare come servizio di supporto alle famiglie anche in funzione di intervenute nuove o diverse esigenze delle stesse; 2. garantire il turn-over degli appartamenti liberando alloggi grandi (attualmente sottoutilizzati dagli occupanti) a favore di famiglie più numerose che sono in attesa di una casa di dimensioni adeguate; 3. offrire agli inquilini una soluzione abitativa più idonea al loro nucleo famigliare e con minori costi di locazione e di spese (riscaldamento, pulizie, manutenzione ordinaria, etc.) trattandosi di un alloggio più piccolo, senza perdere la relazione con il quartiere. L attivazione di questo percorso è stata possibile in quanto, tra gli obiettivi di riqualificazione del Contratto di Quartiere, è stato realizzato un intervento di frazionamento di alcuni grandi alloggi(quadrilocali di circa 90 mq) siti negli stabili di via Ucelli di Nemi 11-36, per ricavare alloggi più piccoli (bilocali di circa 45 mq, monolocali e trilocali). Dei nuovi alloggi così ottenuti, n. 20 bilocali sono stati messi a disposizione di questa mobilità volontaria per dare la possibilità agli stessi inquilini di via Ucelli di Nemi,di cambiare casa pur restando in quartiere. Spesso infatti il principale ostacolo al trasferimento è proprio il legame emotivo che la famiglia ha instaurato con il contesto urbano dove vive, con le reti di vicinato e di comunità che negli anni sono state costruite e,con gli spazi che frequenta. L iniziativa è stata quindi rivolta alle famiglie di 1 o 2 persone che vivono in alloggi grandi alle quali è stato offerto di trasferirsi in un bilocale appena ristrutturato. È stata avviata un attività di promozione e di sensibilizzazione mediante la diffusione di materiale illustrativo per consentire alle famiglie di valutare la proposta e di richiedere eventualmente, un incontro di approfondimento presso il Laboratorio di Quartiere. L attività di promozione è stata altresì supportata da un azione di diretto contatto telefonico con tutti i nuclei risultati idonei allo scopo (circa 60 famiglie) ed anche da una azione informativa sugli obiettivi dell iniziativa rivolta agli enti e i servizi che operano sul territorio. La seconda fase del lavoro ha visto lo svolgersi di incontri individuali con le famiglie interessate (circa 20) seguiti dalle visite ai nuovi alloggi. Solo dopo aver preso visione dell appartamento, la famiglia ha deciso se accettare (o rifiutare) la nuova sistemazione. E importante sottolineare che per agevolare il trasferimento nella nuova casa, Aler Milano si è fatta carico delle spese di trasloco e di allacciamento delle utenze (corrente elettrica, gas e telefono fisso). Ad oggi 5 nuclei famigliari hanno accettato il cambio in diminuzione, liberando così 5 quadrilocali che saranno assegnati ad altrettante famiglie numerose in lista di attesa. Inoltre, tale processo di mobilità ha avuto riscontri positivi anche dal punto di vista amministrativo in quanto è stato l'occasione, per alcuni nuclei, di sanare la propria situazione debitoria nei confronti di Aler. L azione nella sua fase sperimentale è alle battute finali. Per quanto riguarda i restanti alloggi frazionati ancora disponibili,prima di ricorrere alle procedure di assegnazione standard, si sta valutando l ipotesi di proseguire la fase sperimentale ampliandola anche una mobilità interna al quartiere (coinvolgendo anche altri stabili ERP) sempre nell ottica della razionalizzazione del bene pubblico e del miglioramento della qualità dell abitare da parte degli inquilini residenti.

6 Contratto di Quartiere San Siro Idee per abitare San Siro Il Laboratorio di Quartiere San Siro, nell ambito delle attività di accompagnamento sociale del Contratto di Quartiere II, ha promosso un percorso partecipativo che ha visto il coinvolgimento numerosi soggetti locali, sia gruppi ed associazioni che partecipano da tempo alle iniziative del CdQ, sia altre realtà di più recente adesione. L attenzione si è focalizzata sul tema dell abitare a San Siro che per il Laboratorio di Quartiere,significa operare e cercare di incidere non solo sulle condizioni di vita dentro le case e gli edifici, ma anche su tutto ciò che esiste all intorno:l insieme di servizi, opportunità, occasioni di conoscenza e scambio tra le persone di diverse fasce di età e di diverse provenienze culturali. Abitare San Siro per condividere proposte, riflettere su azioni fatte e su altre da attuare, con uno sguardo ampio: per una corretta gestione dei rifiuti, per una rispettosa convivenza nei cortili, per intrecciare conoscenze e promuovere momenti conviviali, per diffondere pratiche sportive, per favorire forme di mobilità sostenibile e per ricercare il buon uso degli spazi pubblici. Per approfondire tutto questo nel tardo pomeriggio del 21marzo scorso, presso la Scuola primaria Radice di Via Paravia 83, in coincidenza con l inizio della primavera, si è avviata una nuova stagione che rappresenta la crescita di un percorso iniziato nel 2013,che ha posto in essere diverse tappe: - una significativa raccolta di fotografie del quartiere; - un primo incontro il 3 giugno 2013; - la realizzazione di diversi momenti di confronto all interno del Laboratorio all interno dei quali è stato affrontato il tema del miglioramento della qualità della vita nel quadrilatero ERP e nel più ampio contesto di San Siro. Questo percorso, nell ottica di ricercare e rafforzare la capacità di fare cose utili per il quartiere, il 21 marzo si è concentrato su una serie di aree tematiche di intervento,la cui discussione è stata sollecitata dagli stessi partecipanti. L incontro è stato una reale occasione di coinvolgimento attivo dei residenti su 7 Idee per abitare San Siro : 1. Il quartiere pulito ; 2. Vivere e convivere nei cortili; 3. Spazi per incontrarsi, dialogare, fare; 4. Animazione nel quartiere; 5. Muoversi a San Siro; 6. Sport per tutti; 7. Giardini/orti autogestiti. Ogni tema ha avuto un suo spazio gestito da alcuni soggetti locali che si sono occupati di facilitare e animare il confronto. Le idee hanno preso il largo ed i partecipanti circa hanno avuto modo di conoscere tutte le proposte e di approfondire quelle di loro interesse, le persone hanno così iniziato a parlare, ad esporre anche le loro idee, sino a rendersi disponibili alla costruzione di azioni condivise. L iniziativa è stata supportata anche dalla realizzazione di uno spazio dedicato all'intrattenimento dei bambini e dall allestimento di un area buffet con cibi e sapori dal mondo. Una settantina di partecipanti attivi sono rimasti sino al termine dei lavori ed hanno votato" le idee emerse individuando alcune priorità di azione incentrate su: - orti e spazi verdi nei cortili per abbellire e adornare il quartiere; - spazi di convivialità dedicati agli adolescenti ed al rapporto tra le generazioni e le diverse culture; - momenti animativi come strumento per recuperare e rivitalizzare altri spazi aperti del quartiere. Dai partecipanti è stata anche espressa attenzione alla mobilità sostenibile (ciclabilità e pedonalità locale)e alla necessità di realizzare attività sportive, a partire dalla possibilità di utilizzo delle strutture e degli spazi già esistenti a tal fine a San Siro. Il percorso proseguirà per mantenere vive le positive relazioni attivate e per continuare a costruire insieme, passo passo,le azioni per Abitare San Siro.

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli