I MIEI PRIMI DIECI ANNI DI VITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I MIEI PRIMI DIECI ANNI DI VITA"

Transcript

1 I MIEI PRIMI DIECI ANNI DI VITA 1 Prologo Quella che vi propongo non è la storia della mia vita di attore, autore e capocomico, ma piuttosto un frammento della mia infanzia. Anzi è solo l'inizio, il prologo della mia avventura a partire dal tempo in cui mai mi sarebbe passato per il cervello che quello del teatrante sarebbe stato il mio mestiere definitivo. Ricordo che Bettelheim pediatra, autore di una rivoluzionaria teoria sulla formazione caratteriale ed intellettiva degli individui, diceva: Di un uomo basta che mi diate i primi sette anni della sua vita, lì c'è tutto, il resto tenetevelo pure. Io ho voluto esagerare: ve ne offro dieci più qualche puntata verso la maturità... credetemi, è già fin troppo! Dio: capo dei Capostazione. Tutto dipende da dove sei nato, diceva un grande saggio. E, per quanto mi riguarda, forse il saggio ci ha proprio azzeccato. Tanto per cominciare, io devo dire grazie a mia madre, che ha scelto di partorirmi a San Giano, quasi a ridosso del Lago Maggiore. Sotto la rocca si son scoperti reperti di un tempio romano dedicato a Giano bifronte, dio della guerra, ma guarda caso grande protettore dei fabulatores comicos. In verità non è stata mia madre a scegliere, ma le Ferrovie dello Stato che hanno deciso di spedire mio padre a prestare servizio in quella stazione. Sì, mio padre era un capostazione, se pure avventizio. La fermata di San Giano era così poco importante che spesso i macchinisti la sorpassavano senza manco accorgersene. Tanto che un giorno un viaggiatore, stanco di ritrovarsi scaricato alla fermata seguente, ha tirato il segnale d'allarme. Il treno si è

2 2 ingrippato dopo una lunga frenata arrestandosi nel bel mezzo di una galleria. Un "merci" che lo seguiva è franato addosso al treno bloccato. Non ci sono stati morti, per miracolo. Solo un ferito grave: il passeggero che aveva tirato l'allarme; infatti il disgraziato è stato picchiato da tutti gli altri viaggiatori, compresa una suora. Ma con l'arrivo di mio padre le cose alla stazione di San Giano sono cambiate all'istante. Felice Fo era uno che destava rispetto e soggezione. Quando si piazzava con il suo cappello rosso calcato fino agli occhi, ritto sulla rotaia, brandendo la bandiera da segnale, rossa anche quella, i treni si fermavano tutti... Tutti gli accelerati, s'intende, e anche gli omnibus... che poi in totale erano quattro. Io sono venuto al mondo fra un omnibus ed un "merci", in quella fermata sussidiaria a quattro passi dal lago (Antelacus, è scritto su un reperto romano). Erano le sette del mattino quando mi sono deciso a far capolino fra le gambe di mia madre. La donna che fungeva da levatrice mi ha tirato fuori e sollevato come fossi un pollo, per i piedi. Poi velocissima, mi ha assestato una gran pacca sulle natiche... ho urlato come un segnale d'allarme. In quell'istante transitava l'omnibus delle sei e mezza... che era naturalmente in ritardo. Mia madre ha sempre giurato che il mio vagito aveva superato di gran lunga il fischio della locomotiva. Dunque io ho visto la luce a San Giano per decisione unica delle Ferrovie dello Stato, ma lì son nato solo per l'anagrafe. In verità, per quanto mi riguarda sono venuto al mondo e ho preso coscienza a chilometri un po più in su, lungo la costa del Lago, a Pino Tronzano e qualche anno dopo a Porto Valtravaglia, sulla sponda magra del lago Maggiore. Entrambi sono stati i miei paesi delle meraviglie. I luoghi che mi hanno scatenato le fantasie più pazze e hanno determinato ogni mia scelta futura. Il

3 3 trasloco di tutta la famiglia era stato un'altra volta deciso dalla direzione delle EFFE-EFFE-ESSE-ESSE, compartimento di Milano. Milano! Mi ricordo che la prima volta che ci sono andato è stato con mio padre. Ero molto piccolo e lui doveva andarci per sostenere un esame da movimentista, sperava di venir promosso capostazione di seconda classe, livello C. Ma perché farsi accompagnare in quel viaggio da me, un bambino così piccolo? Ho sempre sospettato che mi volesse con sé per scaramanzia. Tutti in casa, compresi i parenti acquisiti, erano convinti che io portassi una fortuna sfacciata. Infatti io ero nato con la camicia, come si dice, cioè ero uscito tutto avvolto nella placenta di mia madre. Un segnale mitico di buon auspicio. Arrivati a Milano, poco prima di entrare nel grande hangar della Stazione Centrale, il treno ha cominciato a rallentare vistosamente... procedeva a passo d'uomo. Papà Felice - pa Fo, come lo chiamava mia madre - ha abbassato il finestrino e mi ha fatto sporgere fino a mezzo busto: "Guarda lassù" e mi indicava un ponte altissimo issato su centine d acciaio, sotto il quale transitavano tutti i convogli. Una enorme passerella zeppa di fari puntati in ogni direzione. Una serie di cabine di vetro, illuminate da lampade fortissime e colorate. Quella macchina fantastica era sorretta da piloni giganteschi. "Cos'è?" "È il centro operativo da dove si comanda il movimento di tutti i treni, compresi gli scambi e i semafori." In quel momento ero convinto: dentro quelle cabine di vetro, splendenti di luci, ci doveva essere di sicuro Dio, con tutti i Santi dei capostazione. Non avevo dubbi: il Padreterno non era altro che il direttore generale delle FF.SS. Era lui che organizzava tutto il movimento dei ferrovieri, lo spostarsi dei treni, progettava macchine e la nascita dei figli dei capostazione!

4 4 Ma torniamo al nostro trasloco da San Giano a Pino Tronzano. Nel primo trasloco dalla stazione di San Giano a quella di Pino, alla frontiera con la Svizzera, tutti i mobili della famiglia erano stati caricati su un vagone merci. Il viaggio non durava più di un ora e mezza. Mi aveva fatto molta impressione veder smontare i letti e gli armadi. Credevo li stessero spaccando a pezzi e così sono scoppiato in un pianto disperato. Mio padre mi aveva subito tranquillizzato: Vedrai che appena arrivati, li rimetteremo insieme! Ahimé, nel caricare la roba, la stufa di ghisa si era rovesciata dal vagone e si era sfasciata mia madre ha mandato un urlo straziante. Io l ho presa per mano e l ho confortata: Tranquilla, come arriviamo, il papà ri-incolla tutto! Oh, antica fiducia nei padri! Il vagone era stato agganciato al treno sul quale anche noi si era saliti. Quindi, come siamo arrivati a Pino Tronzano, hanno staccato il nostro vagone merci e aiutati da due facchini, mio padre e mia madre hanno cominciato a scaricare i pezzi da rimontare. Io ero letteralmente affascinato da quel posto: la stazione era più grande di quella dov ero nato noi si abitava sopra, al primo piano. Un centinaio di metri più sotto, a picco, c era il lago. Alle spalle montava una parete rocciosa, dentro la quale era scavata una strada che, disegnando un gran numero di tourniché, saliva fino al paese: una cinquantina di case abbarbicate quasi una sull altra come in un bassorilievo della Colonna Traiana. C era una torre antica, un campanile con sotto la pieve e un gran palazzo che ospitava il Municipio, la scuola e pure il pronto soccorso. I facchini e i miei non avevano ancora terminato lo scarico ed ecco che arriva il prete: veniva a darci il benvenuto e a

5 5 benedire la casa con le pareti intonacate di fresco. Con lui c era un chierichetto che mi ha portato subito a vedere dove, dietro la stazione, si trovava un gran recinto con alberi da frutto e molto terreno coltivato; c era anche un pollaio con un fracco di galline e delle gabbie basse con dentro i conigli. Il capostazione che c era prima di noi, non potendo portarseli tutti con sé, ne aveva lasciati gran parte in regalo ai nuovi arrivati che eravamo proprio noi oh, grazie! Il cantoniere guardia scambi, cioè l assistente di mio padre, ci avvertiva che purtroppo galline e conigli ogni tanto riuscivano a scappare fuori dal recinto, cosicché immancabilmente qualcuno di loro finiva sulle rotaie, proprio mentre arrivavano i treni. Ad ogni modo, le povere vittime ferroviarie - o almeno le loro appetitose spoglie - erano quasi sempre recuperabili : bastava decidere per lo spezzatino in umido, così nessuno s accorgeva della gran tranciata. Devo dire che raramente in casa nostra si riusciva a cucinare un pollo o un coniglio intero! Avrete già indovinato che quella nostra stazione si trovava completamente isolata: ci abitavamo solo noi e il cantoniere guardia scambi con sua moglie. Sotto, al fondo della scarpata, sulla scogliera in riva al lago si ergeva la caserma della Finanza con l attracco per una motovedetta e una piccola nave faro chiamata Torpedine. La notte c era un gran silenzio, salvo il batti-batti della pompa che pescava l acqua dal lago per riempire il grande serbatoio che avrebbe rifornito le locomotive in transito, da e per la Svizzera. Mi piaceva moltissimo quel pulsare sembrava il cuore della stazione: calmo e rassicurante. Un altro suono piacevole era quello dello scampanellio che annunciava l arrivo dei treni. Qualche volta il fischio di una locomotiva in manovra mi svegliava, ma subito tornavo ad addormentarmi beato. Posso ben dire d esser cresciuto con lo sferragliare delle ruote dei vagoni in testa,

6 6 con il cigolio delle frenate e nella memoria degli occhi i segnali di luce della torpedine, che sciabolavano sull acqua, cielo e montagne, infilandosi fra le persiane. Essendo noi proprio sulla frontiera c era sempre il problema dei contrabbandieri o dei disperati che tentavano di transitare nascosti nei vagoni merce. Ogni convoglio che facesse sosta veniva perquisito dalle guardie di Finanza e dai carabinieri. Spesso mi svegliavano i segnali dati con fischietti e le grida dei reparti di servizio. Sentivo i botti sferrati sulle fiancate dei vagoni, lo scorrere delle portiere e gli ordini di controllare meglio quel vagone o l altro appresso. Poi un segnale gridato: Tutto a posto!, ero rimasto teso per tutta l ispezione e adesso tiravo un gran fiato. Mi immaginavo sempre un uomo o un ragazzo appesi sotto un vagone che finalmente riuscivano a farla franca e passare di là. Mi riaddormentavo con un gran sospiro sorridendo. Eravamo nel I clandestini di transito erano spesso antifascisti perseguitati che cercavano di raggiungere Svizzera e Francia. Mi ricordo di una notte in cui grida, ordini e uno sparo mi hanno svegliato di soprassalto. Sono andato alla finestra e ho sbirciato di sotto: avevano catturato un clandestino e lo stavano portando giù, in caserma. L indomani ho visto che lo caricavano su un vagone diretto a Luino dove c erano le carceri. Più tardi mio padre mi aveva accennato a sto fatto dei clandestini politici; io ci avevo capito poco, ma quella scena m è rimasta nella memoria indelebile come un tampone scuro. Per incontrare ragazzini della mia età coi quali giocare mi toccava salire fino in paese. Era una scarpinata da gran fiatone si montava di almeno trecento metri letteralmente in verticale. Non è stato difficile far amicizia con quei ragazzini: stavano tutti aggrompiati nella piazzetta della chiesa ed erano piuttosto curiosi di conoscere un foresto come me.

7 7 Parlavano tutti in un dialetto duro, pieno di zeta al posto delle esse, alla maniera degli svizzeri, ma non strascicavano le vocali come nel Canton Ticino. Per saggiarmi, hanno organizzato subito un paio di scherzi piuttosto grevi: mi hanno gettato addosso uno straccio intriso di nafta a cui avevano dato fuoco, proprio nel momento in cui stavo facendo pipì giù dalla scarpata. Fu un miracolo se non mi è andato arrosto il pisello! Per seconda tastata mi hanno infilato nella saccoccia delle braghe un ramarro inviperito, facendosi un sacco di risate da soffocarsi nell assistere al mio sgomento espresso con salti, sgambettamenti e una capovolta che fortunatamente ha liberato il verdone detto ghez. Quei simpatici manigoldi erano quasi tutti figli di contrabbandieri e, particolare piuttosto surreale, il loro capo era il figlio del maresciallo dei carabinieri. In paese c erano anche due ragazzine figlie di finanzieri, ma i loro genitori non gradivano quella compagnia. Gli spalloni, così si chiamano i contrabbandieri che trasportano merce di qua e di là del confine, non avevano come unica professione quella legata al contrabbando. Quasi tutti allevavano capre e pecore, facevano gli spaccalegna e si occupavano di tirar su i muriccioli a secco per trattenere le balze dei campi e dei boschi che altrimenti ad ogni acquazzone sarebbero franati a valle. I finanzieri erano molto tolleranti: sapevano bene che quel faticare degli spalloni non portava loro gran ricchezza ogni tanto però arrivava l ordine di strizzarne qualcuno, tanto per dimostrare che stavano vispi, attenti che si meritavano quella paga da fame. Così ne beccavano un paio una tantum. A me sembrava che giocassero. Vedevo scendere giù alla stazione gli spalloni catturati non avevano ai polsi manco una catena, chiacchieravano con i finanzieri o coi carabinieri come stessero andando a bersi insieme un gotto.

8 8 Mi piaceva tanto andare intorno per i bricchi (così si chiamavano i crinali scoscesi), risalire i torrenti che, precipitando verso la valle, avevano scavato canali fondi arrivando spesso a traforare la roccia nel profondo così da bucare la montagna con orridi, solchi e gallerie. Certo, non ci andavo da solo zampettavo dietro ai ragazzini di Pino di due o tre anni più grandi di me. Il figlio del carabiniere aveva nove anni e, naturalmente, era il capo e la nostra giuda. A sentir lui conosceva ogni canalone, ogni anfratto di quel labirinto infatti, regolarmente ci perdevamo! Una volta ci ha tirati fuori un contrabbandiere che ci aveva sentito gridare, due di noi urlavano disperati. Il contrabbandiere ci è apparso dentro la luce di taglio che filtrava fra una sferzola buia del fosso, come la visione di un santo. Era lo zio di uno dei miei amici e, incredibile coincidenza, si chiamava Salvatore. Io, come vi dicevo, ero il più piccolo della banda perciò mi ha issato sulle sue spalle: di lassù guardavo con una certa alterigia i miei amici. Nella chiesetta di Tronzano c era un affresco che rappresentava il Santo gigante che traghetta il piccolo Gesù di là dal fiume e benedice. Di nascosto, velocissimo, ho abbozzato una piccola benedizione ridendo. Già blasfemo a quell età! Quando siamo arrivati in prossimità del paese, cominciava a far buio. Mia madre preoccupata era salita alla piazzetta di Pino e lì aveva incocciato nelle altre madri che a loro volta erano in attesa dei loro figli, ma non davano segni di angoscia alcuna, anzi, apparivano piuttosto tranquille avvezze com erano a quei ritardi. Infatti, come abbiamo raggiunto lo spiazzo, si sono mosse incontro ai loro ragazzini senza neanche proferire parola. Nessun commento, nessun rimprovero. Mia madre mi ha tirato giù dalle spalle del santo Salvatore, mi ha stretto fra le braccia

9 9 e mi ha chiesto: Hai avuto paura? e io, bugiardo: No mamma, mi sono divertito un sacco!. E lei, abbracciandomi stretto: Oh, come dici male le bugie pover testón mio! (Testón era l appellativo di tenerezza che la mamma mi rivolgeva in ogni occasione). Nel gruppo delle madri c era anche il maresciallo dei carabinieri che, a sua volta, non ha rimbrottato il figliolo lo spingeva solo davanti a sé. Scendendo lungo i tornanti che portano alla stazione, in braccio a mia madre mi sono apparsi, laggiù dove la strada disegnava un grande cerchio, il Maresciallo e il figlio sempre uno dietro l altro il padre sferrava ad ogni passo una gran pedata al ragazzino che zompava come un capretto! Dopo quell avventura, la mamma non vedeva certo di buon occhio che io me ne andassi a sguancia fra i bricchi con quella banda di piccoli landrou. Ma il vietarmelo brutalmente andava contro il suo modo d essere e quindi, sveglia com era, ha trovato uno scamocchio (espediente) di sicuro effetto: quando intuiva che di lì a qualche ora avrei cominciato a scalpitare per effetto del richiamo della foresta, stendeva sul tavolo di cucina una mazzetta di fogli bianchi, rovesciava una quantità di pastelli, matite colorate e, invitandomi all orgia, esclamava: Vai bel testón, spantégami una frappata di belle figure! E io, via che mi buttavo a spantegare colori sul foglio bianco, a rincorrere con giravolte di righe, immagini che montavano una dietro l altra come le avessi stampate nella memoria. Man mano che entravo nel gioco degli incastri e stendevo spazi, piani di colori, mi prendeva uno sballo d incanto. Di lì a poco capitava che arrivassero sotto il portico della stazione i miei piccoli compagni di scarpinata; mi davan la voce di sotto la finestra: Dario - mi avvertiva mia madre

10 10 allora - sono arrivati i tuoi barabba vuoi andare con loro? Doveva ripetermelo una seconda volta manco il fischio del treno mi riusciva di ascoltare tanto ero immerso a capofitto in quel foglio. Non ci vuoi proprio andare, me car testón? - mi ripeteva radiante mia madre - Vuoi che gli dica che non stai bene, che hai un po' di febbre? No, no - rispondevo io a stoppa-parola - se mi dai ammalato, dopo mi sfottono per una settimana: Ehi marcina! Dì che mi hanno portato in Svizzera al matrimonio di mia cugina Tulia. Al matrimonio? Ma com è possibile, Tullia ha poco più di dodici anni?! E va bene - rimediavo io - di che la sposa è sua sorella Noemi lei è già grande! Sì, ma sta per andar suora! E allora dì che ha buttato il velo per sposare il Capitano delle Guardie Svizzere! Le guardie del Papa?! Eh sì, una suora mica si può buttare via col primo che capita! La Svizzera affiorava spesso nei nostri discorsi a parte che proprio di là del lago, sulla sponda grassa del Canton Ticino ci stavano la sorella del babbo con il marito e le figlie, Tullia e Noemi. C era anche un altro cugino, il figlio maggiore, che rappresentava tutto quello che avrei voluto diventare da grande: Bruno si chiamava, era un campione del gioco del calcio portiere del Lugano, organista alla cattedrale di Lucerna, da poco era stato pure eletto rappresentante della Repubblica Elvetica presso il nostro governo a Roma e per finire aveva una fidanzata bellissima con la quale ogni tanto ci veniva a far visita. Il mio papà era il suo zio preferito avevano più o meno la

11 11 stessa età. Fra di loro parlavano di politica, ma lo facevano sottovoce e appena si scaldavano, tanto da non poter più controllare il tono, la mamma li invitava ad uscire: Andate a passeggiare giù fino al lago. Certi discorsi sottili sull acqua scivolano nel silenzio e i più grevi s affogano. Come Bruno e mio padre se ne erano usciti, io facevo di tutto per attirare l attenzione di Bedelià (così si chiamava la morosa di Bruno). Mi piaceva da impazzire con quel collo lungo, le mani morbide e le dita da Madonna e soprattutto quelle poppe tonde! Quando mi accoccolavo sulle sue ginocchia, mi sentivo tutto slanguire, le gote mi sparavano di rosso. Sì, lo ammetto: a me le donne, fin da quando sono venuto al mondo, mi sono subito piaciute da frullar via di testa! Se poi mi ritrovavo con una donna luminosa come Bedelià, con quell odore di fiori e frutta che spantegava dalla pelle Dio, che sbirolate! Fra le sue braccia io la annusavo con una golosia da drogato. Anche mia madre era bella e fresca come e forse ancor di più di Bedelià figurarsi, mi aveva partorito a soli diciannove anni! La mamma è fuori d ogni paragone il profumo di mia madre mi faceva venire l acquolina, la voglia di ciucciare, di impastarmi contro e dentro ogni sua curva o piccola conca. Nelle sue braccia non c era né vento, né calura. Il suo tepore scioglieva ogni paura: ero proprio nel ventre dell universo! Ma tornando a Bedelià, ogni volta che lei e Bruno ripartivano, me ne stavo triste e muto per una giornata intera. Se ne andavano col battello, li accompagnavamo giù all imbarcadero. Il loro viaggio era davvero breve: bastava attraversare il lago. Brissago era lì, di faccia. Restavo sulla passerella d attracco e seguivo il battello che sfumazzava e lasciava indietro una scia spumosa che s assottigliava man mano che quel barcozzo s allontanava

12 12 fino a rimpicciolire Ma non spariva mai: infatti lo vedevo attraccare sull altra sponda. Una volta il maresciallo della Finanza mi ha prestato il suo cannocchiale: come ci ho attaccato l occhio, mi sono visto venir contro il battello e l imbarcadero svizzero. C era anche Bedelià nell immagine poi ho puntato sulle case e i tetti: Beati loro - ho esclamato - che stanno dentro a tutta sta cioccolata e marzapane! Già perché, fin dal giorno in cui sono arrivato a Pino Tronzano, mi hanno fatto credere che di là, in Svizzera, tutto fosse di cioccolata, canditi, pasta di mandorle e strade di torrone! A spararmi sta frottola è stato per primo il radiotelegrafista della Stazione. Mi aveva offerto un quadretto di cioccolato e aveva aggiunto: Come è ingiusta la vita! Noi qui a spiluccare miseri pezzettini di cioccolata e loro, di là, sti svizzeri del cavolo ce ne hanno da buttare, perfino sui tetti! Sui tetti? faccio io. Sì, non li vedi tutti rossi scuri che sono hanno le tegole fatte col cacao pressato! Tegole di cioccolato?! Che fortunati! e ho mandato già una golata di saliva da ingolfarmi. Quel bastardo cacciaballe del telegrafo aveva passato voce al cantoniere, ai finanzieri e ai carabinieri tutti mi davano la baia con sta bufala della Svizzera cioccolatara. Proprio per questo - aggiungevano le carogne - quella si chiama sponda grassa. Se fai il bravo, vedrai che un giorno o l altro pa Fo ti ci porta. Ce l hai il passaporto? No? allora non ci potrai mai andare! Visto che ci ero cascato come un allocco in sta storia della sponda del Bengodi, anche mia madre per non deludermi stava al gioco: Quando la settimana ventura verrà a trovarci Bruno, vedrai che ce ne porterà un sacco di quella fondente!

13 13 Mio padre aveva avvertito subito il babbo di mio cugino, così quando arrivò Bruno per poco non sono svenuto: lui e la sua ragazza sono scesi dal battello e hanno passato la dogana. Io stavo con la mamma sul molo ed ho notato subito che il finanziere aveva ordinato a mio cugino e Bedelià di aprire due pacchi piuttosto voluminosi, ma non riuscivo a capire cosa contenessero. Il finanziere levando alta la voce li ha poi fatti passare commentando: Non sarebbe legale, ma per questa volta chiudiamo un occhio I due fidanzati arrivano finalmente sul molo: ero così emozionato e curioso di scoprire cosa ci fosse in quei due pacchi, che quasi non salutavo la splendida Bedelià. A casa, lassù nella stazione, finalmente si è scoperto l arcano: tolta la carta e tutto l imballaggio è apparsa una tegola, un coppo tutto di cioccolata! L ho staccata dal mio tetto - dice sottogamba Bruno - è per te, car testón, mangiatela tutta con comodo! Ero così stupefatto che non riuscivo manco a respirare: Posso dargli una leccata d assaggio? ho azzardato e tutti in coro: Ma certo! Lecca quanto ti pare. Viva la Svizzera! ha gridato la mamma. Un anno dopo finalmente mi è capitato di poter attraversare il lago per andare a Brissago. Avevo cinque anni scarsi. Ero emozionato come un grillo in primavera. Quando a dottrina il parroco di Pino ci parlava di Adamo ed Eva... del Paradiso terrestre con tutto quel ben di dio... io pensavo alla Svizzera, anzi, al Canton Ticino: là nell eden elvetico stavano gli eletti, qua da noi i peccatori... nel castigo eterno! Mia madre è stata molto cauta nel darmi la notizia del prossimo viaggio nella terra promessa: Forse... fra qualche giorno - diceva buttandola là - se rimettono in

14 14 servizio il battello... andiamo a Brissago dagli zii... forse.... Quella notte ho sognato che avevano di nuovo sospeso la traversata col battello: mio padre s era piazzato sull imbarcadero, fuori dalla grazia di Dio come gli succedeva nelle giornate grame, teneva addosso una coperta tutta ricamata (quella che stava nella nostra casa sul letto grande) e sollevate le braccia al cielo, manco fosse Mosè, sbraitava a tutta voce: Lago bastardo... spalancati e facci passare che la terra promessa ci aspetta! E trak, s alza un gran vento, bolle l acqua come in un gran paiolo e... miracolo: risucchiata dall aria, l acqua monta in cielo, si spacca in due, s apre il mar Rosso... pardon... il lago Maggiore! E noi, la famiglia al completo, seguiti da tutta la gente di Pino-Tronzano, Zenna, Maccagno, via che attraversiamo cantando... mentre le guardie di Finanza, disperate, minacciano: Fermi! Tornate indietro o spariamo! Senza passaporto e visto annesso non si attraversa! Nessuno ci fa caso... anche i contadini dei bricchi e i pastori attraversano con le vacche, con pecore e capre. No... le capre no... è proibito! urlano i carabinieri. Le capre, per tutta risposta, sparacchiano a raffica quei loro stronzetti tondi come biglie di bronzo e via sculettando felici. Ma un Sveglia! Sveglia! mi impedisce di terminare quel sogno fantastico. È la mamma: Siamo in ritardo, alzati che fra mezz ora arriva il battello! Sono così agitato che infilo le braghe al rovescio, due calze nello stesso piede, faccio cadere la tazza col caffelatte bollette sul gatto, dimentico di raccogliere i colori e i fogli da disegno nella mia sacca. Svelto, svelto...

15 15 Il battello lancia il suo segnale d attracco con la sirena. Uscendo dalla galleria la locomotiva fischia a sua volta, ansima la pompa del serbatoio d acqua della stazione. Ecco l attracco. Monta sulla passerella. Ci sei? - Tutti imbarcati? - Si salpa! Vado a prendere posto sulla prua. La mamma mi viene appresso e mi dice: Me car testón... ti devo dare una notizia non tanto bella. Quale notizia? chiedo io senza staccare gli occhi dalla costa svizzera che viene avanti a gran velocità. I tetti di Brissago - continua mia madre - non sono più di cioccolata. Cosaaa?! sbotto io disperato. Sì caro. Il governo svizzero li ha fatti cambiare in massa: ordine immediato per via che tutti i bambini tirando via i coppi per mangiarseli, hanno scoperchiato un fracco di tetti buchi dappertutto così, a ogni acquazzone, ecco che le case si allagavano. Tutti si beccavano raffreddori e polmoniti e soprattutto i bambini golosi stavano tutto il giorno con un mal di pancia da torcersi le budella! Ma come... il cioccolato non da mal di pancia! Dipende... se le tegole son vecchie, marce com erano quelle... Cioccolato marcio? Ma la tegola che mi ha portato Bruno non era vecchia! Perché era la tegola d una casa nuova. Meno male, allora almeno quel tetto s è salvato. No, purtroppo. Qualche notte fa i ladri l hanno rubato tutt intero. Sono scoppiato in un pianto disperato. Maledetti! - ho imprecato in silenzio - Dio maledica tutti i ladri di tetti di cioccolata fresca e gli faccia crollare addosso una montagna di cacao, marzapane e vaniglia bollente!

16 Ero proprio arrabbiato nero. All imbarcadero di Brissago ci erano venuti incontro la zia Maria, che non avevo mai visto, lo zio Francesco Repetti, le due cugine. Ero fuori dai gangheri che non li ho manco degnati di uno sguardo, nemmeno un ciao. Che gli è successo? ha chiesto preoccupata la zia Maria. La mamma ha fatto un cenno di soprassedere: Una tragedia, vi spiegherò poi. ha soffiato sottovoce. Sulla via di casa, siamo passati di fronte a una pasticceria: in vetrina erano esposti cumuli di stecche di cioccolata. Noemi, la cugina maggiore, ci aveva preceduti e ora stava uscendo con un enorme tocco di fondente. Quando me lo ha offerto io l ho accettato, ma l ho guardata severo e sprezzante come dire: Se credete di condirmi via con una beola di cacao secco, vi sbagliate di grosso!. La casa degli zii era in riva al lago; c era perfino una darsena con dentro una barca stretta e lunga: una jole. La mamma ed io eravamo stati sistemati in una stanza grande con il balcone. Accidenti che alloggio! Ho chiesto subito se si poteva andare in barca. A Pino ogni tanto mi facevano salire sulla motovedetta dei finanzieri, ma con quella jole era tutt altra cosa; dire che offrisse un equilibrio precario è dir poco: non potevi spostarti di un centimetro, che subito sballonzolava come impazzita. Mi ci hanno calato per primo; Tullia, sta scatenata pazza, è montata dentro di botto, con uno zompo che per poco non mi ritrovavo sbattuto fuori dalla barca. Salta dentro a piedi giunti anche l altra sorella: una gran sballonzolata! Cade fuori lei, la barca si rovescia e io mi ritrovo scaraventato in acqua a mia volta: Ma la miseria! Io ho solo cinque anni e non so nuotare! Per di più la jole, ribaltandosi, mi cade addosso e mi ritrovo in trappola dentro il guscio, come sotto a un coperchio. Mi sbatto, grido, bevo non so come ma, dal 16

17 17 di dentro, riesco ad attaccarmi alla traversa del sedile. Sento gridare Noemi: Dio! Il bambino dove è finito? E la sorella Sott acqua non c è. Vuoi vedere che è rimasto sotto conca, dentro il guscio? Salta in acqua anche lo zio insieme ribaltano la barca e HOP!, ritorno all aria, sempre abbrancato alla traversa del sedile. Tossisco come un motore ingolfato. Dio che vita dura in sta Svizzera! Quella notte ho sobbalzato non so quante volte nel letto per gli incubi. Meno male che stavo fra le braccia di mia madre che ad ogni sobbalzo mi sbaciucchiava e mi asciugava il sudore di cui ero tutto fradicio. Niente non è niente - mi tranquillizzava - Basta coi brutti sogni! Esci dall acqua, car testón, non c è più né lago né barche. Dormi! E invece, come mi riaddormentavo, a tormentone ecco spuntare acqua dappertutto: pioveva fitto, i torrenti erano gonfi e straripavano, l acqua del lago cresceva, montava fino a uscire oltre la riva su fino alla stazione e i treni sparivano travolti dalle onde. Mia madre fuggiva tenendomi in braccio, s arrampicava su per il sentiero scosceso che raggiunge Pino e poi sale verso Tronzano. Pa Fo ci veniva appresso reggendo sulla testa una gran tinozza in rame per il bagno che poteva servire come barca di salvataggio. Era un sogno quello che ripetevo spesso. Era una specie di diluvio universale. Il lago era ormai immenso come un mare noi si continuava a salire verso la più alta cima della catena del Limidario: era l ultima cima, quella della salvezza! L indomani, come mi sono svegliato, sul grande tavolo della cucina ho trovato una enorme scatola di colori a tempera, un mazzo di pennelli e dei cartoncini su cui dipingere. Non erano giocarelli da bambino, ma roba da professionisti, da pittori veri.

18 Sono per me? ho chiesto speranzoso. Sì! mi ha risposto ridendo lo zio. Quasi non lo riconoscevo: era vestito da soldato una divisa verde, con bordature rosse, stivali e un cappello con la visiera. Zio, vai alla guerra? No, è la mia divisa normale. Non lo sapevi? Io sono il maresciallo capo del Gendarmi del Comune! Mi accorgo solo adesso che ha una gran pistola nella fondina appesa alla cintura. E son tuoi anche quelli? così dicendo, punto il dito verso la parete sulla quale fan bella mostra un trombone e un fucile con il porta-cartucce. Sì, suono nella banda del corpo e questo è il mio fucile di ordinanza. Non toccarlo mai! Quindi afferra dal tavolo la scatola dei colori e rovescia tutti i tubetti sul tavolo: Guarda che meraviglia sono di gran marca: Le Frank. Quando ero bambino ho sempre sognato di avere delle tempere come queste. Sai, io ogni tanto dipingo ancora; hai mai provato a pitturare con colori e pennelli del genere? E così dicendo, spremendo tubetto per tubetto su un gran piatto, mi ha mostrato come si prepara la tavolozza. Ha intinto un pennello in una terra di Siena, mi ha consegnato il pennello, ha riempito una tazza d acqua e, ponendo sul tavolo un cartone, ha ordinato perentorio: Forza! Fammi vedere se sei davvero quel portento che dicono. C era da immaginarselo: emozionato com ero, ho spegasciato colore come capita, capita. La mia idea era di rappresentare l incidente del giorno prima con le cugine che cadono in acqua, la barca che si ribalta, io di sotto nel guscio che mi sbatto disperato. Invece, disastro su disastro, di quella storia non ci si riusciva a capire niente un gran papocchio senza senso. Alle mie spalle, s era formata un ammucchiata di spettatori: c era tutta la 18

19 19 famiglia, mamma compresa, e quattro colleghi gendarmi dello zio, anche loro in divisa con trombe e tromboni tutti che commentavano entusiasti il dipinto e la mia bravura: È un artista! Mai visto un mostro simile! Cos è l arca di Noè? No, è la battaglia navale dei Malpaga contro i Borromeo! Io ero più che convinto che stessero sbroffando elogi a raffica solo per farmi piacere, ma una dozzina di anno dopo, quando già frequentavo l Accademia di Brera, e sono tornato a trovare lo zio Trombone (così lo chiamavano tutti), mi è capitato di rivedere quel dipinto appeso su un muro, addirittura incorniciato. In quel momento mi sono reso conto che era davvero bellissimo: pareva un Kandinsky! Chissà che fotte mi sarei dato allora se ne fossi stato cosciente, ma - per fortuna e disgrazia insieme - il candore e la consapevolezza non abitano mai allo stesso tempo nella stessa persona. Ad ogni modo, quella prima settimana in Svizzera si è rivelata davvero indimenticabile: ero capitato proprio durante la festa dei Cantoni liberi. In piazza c era un vero assembramento di gente in costume: c erano quelli con gualdrappe ricamate d oro e azzurro che recitavano la parte dei duchi tiranni, dietro loro, in corteo, i guerrieri tedeschi, quindi le signore della nobiltà e per finire i patrioti ribelli con Guglielmo Tell e il suo ragazzino. In mezzo alla piazza, contro una parete decorata a bassorilievo a indicare un portale, veniva piazzato in piedi il bambino con una mela in testa. Guglielmo imbracciava una balestra, puntava verso il bimbo ed ecco una donna gridare: No, mio figlio no!! (era la madre, che naturalmente non aveva nessuna fiducia nella mira del marito Guglielmo). Quell urlo serviva, l ho capito anni dopo, a distrarre il pubblico per un attimo dal fissare il piccolo con la mela in capo. Approfittando di quel breve

20 20 spostamento d attenzione, il portale dinanzi al quale stava il bambino, girava su se stesso. Spariva quindi il bimbo vero e appariva un manichino con la stessa dimensione, costume e viso del piccolo protagonista. Solo gli scafati si accorgevano del trucco io a cinque anni non ero ancora scafato! Immediatamente Guglielmo Tell scoccava la freccia che infilzava la poma, urlo del popolo festante, fine del dramma. Ma cosa vuol dire? chiedevo io alla mamma che prima della rappresentazione aveva cercato di raccontarmi la sequenza dei fatti storici. È davvero una schifezza! - Esclamavo io indignato - Sempre noi piccoli ci dobbiamo andare di mezzo! Gesù bambino che nasce in una stalla puzzolente, con il tetto sfondato. Senza stufa né scaldino il fiato di un asino e una mucca e basta così. Erode, chissà perché, lo vuol morto e allora fa sgozzare tutti i bambini del paese manco fossero capretti. Il Padreterno, tanto per far prendere uno spavento al povero Isacco, ordina al padre di mozzargli la testa con una scure. Cosa me ne frega se poi ci ripensa: Alt! Fermi tutti, è stato uno scherzo uno scherzo da Dio! E adesso pure la mela su sto povero ragazzino svizzero, che se Tell sbaglia, gli sforacchia la testa. Lui, il piccolo è il vero eroe, ma nessuno si ricorda nemmeno come si chiami. Tutta la festa è solo per suo padre, sto incosciente che ha accettato la scommessa! A dir la verità, la mia indignazione è durata poco perché all istante ecco venire avanti la banda dei gendarmi a cavallo. M è sfuggito un grido di meraviglia. Fra i suonatori della banda c era anche mio zio, a cavallo pure lui, che pompava in quel trombone con delle spernacchiate che rimbombavano per tutta la piazza. Ero proprio orgoglioso: ai miei occhi, la reputazione dello zio gendarme era montata a dir poco alle stelle!

21 21 La mamma il giorno dopo ha dovuto tornare a Luino e Noemi, per consolarmi un po', mi ha portato con sé al Kinderheim dove lavorava come maestra d asilo. Mi sono ritrovato con una turba di ragazzini, tutti più o meno della mia età. Ma provenivano in massa dai Cantoni del Lemano, quindi svizzeri tedeschi non una parola d italiano. Ho cercato di comunicare in dialetto, ma mi guardavano come un deficiente! Ad un certo punto ci hanno portati tutti quanti in un salone dove faceva gran pompa di sé un organo. Alle tastiere stava seduto un donnone che pareva burro e panna. Ha cominciato a suonare. Appresso c era un altra donna che spingeva con i piedi sul mantice: appleappleapple un suono da cattedrale è uscito dalle canne. I bambini in coro hanno intonato un inno maestoso, la cui aria si ripeteva a crescere con piccole varianti. Intuito l andamento, mi sono inserito nel coro a mia volta dapprima sottovoce, poi, preso coraggio, a piena voce. Scimmiottavo anche le parole, fingendo di conoscerle a menadito: Antzen üt Schivvel mit nem lauben troi wirt chissà che bella storia stavo raccontando. Qualche giorno dopo, lo zio Trombone s è presentato nello spiazzo della casa a cavallo. Noemi con forza mi ha sollevato ponendomi in groppa all animale, anzi, quasi sul collo. Ero fuori di me dalla gioia! Vieni andiamo a Lugano da Bruno ci sta aspettando! Un ora di strada a cavallo, con lo zio gendarme che stralusso di meraviglia! Non si andava per strade normali, ma si tagliava per sentieri, lungo i campi, attraverso i boschi. Ad un certo punto, siamo stati quasi aggrediti da un nugolo di api: lo zio mi ha calzato in testa il suo cappello da gendarme, s è tolto la giacca e mi ha coperto le gambe: Infilaci sotto

22 22 anche le mani. Purtroppo hai una pelle così dolce che le api ci vanno a nozze! Ma sta Svizzera è tutto uno spavento, altro che paradiso terrestre! Per di più, il cavallo punzecchiato da quelle api fameliche s era imbizzarrito, ha sparato un nitrito da carica a lancia in resta, due scalciate e via al gran galoppo! Lo zio cercava di trattenerlo, ma chi tratteneva le api? Ci son venute appresso fin che hanno avuto fiato. Poi evidentemente sono scoppiate e il nostro campione ha cominciato a rallentare tenendo sempre il collo arcuato e trottando proprio da gran vincitore. Non avrei mai immaginato tanta festa da parte di mio cugino che mi stava aspettando davanti alla Chiesa con i suoi amici e Bedelià con tante altre ragazze. Quasi tutte splendide, ma - è inutile dirlo - al par di lei non c era nessun confronto! Perché si va in chiesa? chiedo io. È una chiesa molto speciale, dove si fanno concerti, ci sono anche dei musicisti italiani. Vieni te li presento, sono tutti fuoriusciti. Fuoriusciti? Che vuol dire? Significa che son scappati dall Italia per evitare di finire in prigione. Ah, come quelli che si nascondono nei vagoni in transito a Pino! Dei clandestini, insomma. Ecco, bravo! Gli stessi questi, in particolare, sono in gran parte anarchici. Certo, non sapevo cosa significasse anarchici e non c era manco il tempo di farmelo spiegare: eravamo in ritardo, bisognava dar inizio al concerto. Ho preso allora posto sul più bel seggio del mondo: le ginocchia di Bedelià e per schienale e poggiatesta avevo le sue zinne! Intanto i musicisti stavano approntando gli strumenti: Bruno s era seduto al pianoforte. C erano delle chitarre

23 23 grandi come un uomo (che si chiamavano contrabbasso) e delle grandi trombe ritorcinate, i sassofoni e poi tamburi con piatti e tamburelli di metalli, la batteria insomma e poi trombe più o meno simili a quelle della banda dei gendarmi. Fra i suonatori, c erano anche due neri con una strana chitarra e una donna col violino. Bedelià mi ha spiegato che quel violino si chiamava hot e la chitarra tonda ukulele. Quando mi vieni a trovare al di là del lago? le ho chiesto. Purtroppo sarà difficile. Il Governo fascista ha imposto al nostro di ritirare Bruno dall ambasciata per via delle sue idee un po' sovversive. Avrei voluto chiederle cosa significasse quel sovversive,ma continuava il concerto quindi, zitti e attenti. Non avevo mai ascoltato una musica come quella. All inizio mi è sembrata un po' fracassona, piena di strombazzate perfino stridule, come da pagliacci ma poi mi sono sorpreso a segnare il tempo battendo le mani. Veniva fuori una sgangherata armonia, ma mi piaceva. Come si chiama questa musica? ho chiesto a Bedelià. Jazz - mi ha risposto - e quest altro che sta per iniziare è invece un blues: ascolta, fra poco cantano. Infatti i due neri si son levati in piedi e hanno cominciato a tirar fuori una voce acuta da tromba e poi una tiritera ritmata agitando le braccia e accennando passi di danza. Anche la ragazza del violino s è unita al canto. A sua volta, Bruno ha tirato fuori una voce incredibilmente pastosa e gutturale, proprio da nero. Dopo un po l intera platea era coinvolta da quel canto, pian piano tutti quegli svizzeri così compassati sollevavano le braccia e le muovevano a imitazione di quanto stavano facendo i cantori ghospel sul transetto: battevano mani e piedi e ripetevano in coro i vari refrein. Io di certo non mi rendevo conto, ma in quel momento

24 24 stavo assistendo a una delle prime esibizioni di musica jazz e blues in Europa. Dicono che da bambini i nostri sensi siano sensibili come lastre fotografiche: ogni colore, ogni fremito di commozione resta inciso con inaspettata profondità e precisione. Quell evento avrebbe di fatto segnato il mio modo di ascoltar musica, non accentandola solo come sequenza di note e ritmi, ma soprattutto come gesto e azione collettiva di un rito. Quando, dopo una settimana, sono tornato alla stazione di Pino, mia madre si chiedeva cosa mi fosse successo. Continuavo a raccontare di quello che avevo visto: del mio canto in tedesco, del cavallo imbizzarrito dalle api, del concerto jazz e tentavo di rifare il verso a quei suoni muovendo braccia e gambe come un grillo. Me car testón, - diceva preoccupata mia madre non è che ti hanno drogato o fatto un accidente di fattura da tarantolati?! Acquietati, prendi un po di fiato e soprattutto non raccontare più a nessuno qui intorno dei fuoriusciti anarchici che suonavano e cantavano coi negri: è pericoloso! Eravamo nel 32: io avevo compiuto i sei anni e dovevo andare a scuola. Mio fratello Fulvio ne aveva due meno di me; a detta di tutti, dimostrava un intelligenza esagerata: aveva quattro anni e leggeva e scriveva come un ragazzino della seconda elementare. Per di più, se ne usciva con battute e osservazioni da lasciare interdetti. La scuola elementare di Pino non era molto prestigiosa: c erano solo le prime tre classi e per frequentare le altre due bisognava salire fino a Tronzano che stava a 600 metri di altezza. A Pino c era un unica maestra che insegnava a dieci bambini e sette femminucce.

25 25 Si chiamava Suor Maria, infatti era una suora di San Vincenzo con una cuffia bianca che si annodava sotto il mento. Per me, di sicuro, era come la Grande Madre Terra: ampia, maestosa, dolce e piena di tenerezze per ognuno. Non levava mai la voce né allungava una mano su di noi anche quando ci meritavamo gran pedate nel sedere. Io mi ci trovavo proprio d incanto con Madre Maria, oltretutto ero di certo il suo coccolo preferito, anche se non lo dava a vedere. Forse mi comportavo un po da ruffiano arrivando sempre lassù da lei con qualche fiore che coglievo strada facendo, lungo la scarpata. Un giorno sono arrivato addirittura con un coniglietto che avevo trovato fuori dal recinto, un altra volta ho esagerato: ho trascinato su addirittura un randagio brutto e sporco come un landrou. Suor Maria ogni volta mandava grida di gioia, festosa come una ragazzina non parliamo poi delle espressioni di meraviglia quando le mostravo uno dei miei dipinti; spesso mi incitava a disegnare e colorare in classe, coinvolgendo tutta la scolaresca. La nostra scuola aveva trovato asilo dentro l antico palazzo medievale del Municipio. Fuori, nei corridoi, stavano rinfrescando le decorazioni pittoriche. Dentro uno sgabuzzino, gli imbianchini avevano lasciato i barattoli con le vernici a tempera. Una bambina aveva portato in classe un paio di quelle tolle con relativi pennelli e s era messa a dipingere su un muro, nel frattempo Suor Maria era uscita per un attimo tutti noi ragazzini eravamo scandalizzati: Imbrattare in quel modo le pareti! Vedrai Suor Maria cosa ti dice appena torna! La suora entrava proprio in quell istante, ha osservato quella serie di sberleffi di colore e ha esclamato: Potrebbe essere un idea! Che ne dite di dipingere tutto lo stanzone?

26 26 L abbiamo guardata ammutoliti: Oh Dio, Suor Maria è andata fuori di testa! La ragazzina con un grido trionfante si è rigettata a spantegare colori sulla parete. Dopo un attimo, come formiche scatenate, eravamo addosso ai muri impugnando pennelli che intingevamo nei barattoli di cui avevamo fatto rapina. Quell inverno aveva nevicato più del solito. Per salire alla scuola si dovevano inforcare gli sci. Io e mio fratello Fulvio avevamo imparato a muoverci su quegli aggeggi abbastanza rapidamente. Non si trattava certo di sci come li intendiamo oggi: erano tappelle, cioè tavole di legno scolpite alla bella e meglio che si affrancavano agli scarponi con molle molto rudimentali. Non servivano a fare dello sport, ma soltanto a muoverci senza affondare nella neve. Le racchette erano bastoni di frassino con due cerchietti di vimini infilati sul fondo. Per riuscire a manovrare con quelle tappelle, bisognava possedere un bel talento: noi tutti in quella valle, dovevamo averne a dismisura giacché riuscivamo a lanciarci giù per certe scarpate da far mancare il fiato. Verso febbraio, nessuno se l aspettava, c è stata un altra tremenda nevicata che aveva superato il metro. I camion non transitavano più. Pure la ferrovia era bloccata: una slavina era franata proprio fra le due gallerie di Zenna e la neve intasava anche la via per Luino. Ci si muoveva solo con gli sci e con le slitte. Noi ragazzini non ci si rendeva conto di cosa volesse dire trovarsi completamente isolati; neanche per via lago si poteva raggiungere la costa svizzera o quella di Luino: tirava un vento di maestrale che sollevava onde da marenca tanto che la notte avanti il motoscafo della Finanza aveva perso gli ormeggi e, andando a sbattere contro gli scogli, s era inabissato.

27 27 Per noi era la pacchia: si sciava dappertutto, battaglie con le palle di neve e poi quell avventura di trovarci tagliati fuori ci faceva sentire come naufraghi su un isola deserta. Anche la gente della valle non era preoccupata più di tanto, un po di scorta nei tre o quattro negozi d alimentari c era ancora. Il macellaio inoltre poteva disporre di agnelli e capretti a volontà e soprattutto i contrabbandieri adesso avevano il via libera: i finanzieri di stanza sul confine infatti non erano in grado di muoversi con sufficiente agilità su quella neve, quindi se ne stavano in caserma e gli spalloni coi loro sci fatti in casa andavano e venivano con delle bricolle sulla schiena da affondare perfino la slitta di Babbo Natale con tutte le sue renne. Proprio in quella settimana è circolata la voce che il maresciallo che comandava il presidio dei carabinieri aveva ricevuto l ordine di lasciare il comando e di trasferirsi in altra località. Qualcuno gli aveva tirato il roccolo, come si dice. In poche parole, aveva mandato una lettera al comando di Luino, accusando il povero maresciallo di essere addirittura in combutta con i contrabbandieri e di chiudere un occhio davanti al continuo espatrio di sovversivi e delinquenti comuni braccati dalla giustizia. Una carognata ignobile. In paese tutti erano convinti che la frappata zozza gliel avesse tirata il tenente dei finanzieri. Altri erano certi che la spiata fosse partita dal vice capostazione che veniva da Maccagno tutti i giorni a dare il cambio a mio padre. Quello è un fascio fanatico. avvertiva sempre papà Attenti che ha le mosse di un serpente! Sì, ma deve stare attento anche lui! ribatteva il cantoniere Uno può anche scivolare sotto ad un treno, specie quando c è tutta sta neve! Di lì a qualche giorno, i cantonieri son riusciti a liberare la ferrovia dalla neve, anche un trattore con lo spazzaneve

28 28 era arrivato a ripulire la strada provinciale. Ci trovavamo di nuovo liberi peccato. Così ci c è stato il trasloco: il solito vagone coi mobili smontati, la solita stufa che scivolava giù andando a pezzi. La moglie del maresciallo era molto triste: abbracciava mia madre e tutte le donne del paese che erano scese a salutare. Anche il figlio del maresciallo, Nanni, il nostro capo di scarpignate e di giochi era triste e tratteneva a stento le lacrime. A mia volta sentivo un groppo allo stomaco da piegarmi in due. Ma io sapevo bene che di tutta quella famiglia chi mi sarebbe mancata di più sarebbe stata senz altro la sorellina di Nanni, Beatrice, mia compagna di banco a scuola con quegli occhi neri, grandi che mi rubava sempre le gomme mi pasticciava i disegni mi tingeva il naso con l inchiostro, ma poi, quando si tornava giù alla stazione, ci si teneva per mano e si scivolava finendo a rotolare insieme sul largo ciglio erboso della strada e ci si abbracciava ridendo. Spesso nel rotolare ci prendevamo delle botte pesanti, allora ci si aiutava l un l altra a tirarci in piedi. Io le cingevo la vita, per reggerla lei mi sbaciucchiava. Forse quegli incidenti li provocavamo apposta noi o forse erano addirittura finti! Ma adesso che Beatrice se ne va, con chi rotolerò io lungo la sgaladra a prato? Chi abbraccerò? Chi mi aiuterà a rimettermi in piedi? Gli anarchici van via All improvviso, con il primo viaggio del battello che riprendeva servizio, abbiamo visto arrivare Bruno. Era sceso senza Bedelià. Come mai? Abbracci, sbaciucchi io mi aspettavo almeno una stecca di cioccolata e invece, niente. Qui c è qualcosa che non

29 29 va! ho pensato subito. Lui e mio padre parlavano bisbigliando fitto. Poi l indomani mia madre mi ha preso in disparte e mi ha detto sottovoce: Car testón, il papà ha bisogno un grande favore da te: dobbiamo far arrivare una lettera a uno di quegli amici che tu hai conosciuto a Lugano ti ricordi in quella chiesa? Ah sì, dove suonavano e cantavano musiche da neri! Bravo! Tu devi andare con Bruno di là e io ti cucio una lettera sotto la maglia. A te i finanzieri non guardano di sicuro! Va bene. Non devi aver paura No, non ne avrò. E ho stretto le ginocchia una contro l altra per non far vedere che mi sbattevano per il tremore. Per tutta la traversata sul battello sono rimasto seduto sottocoperta. Vai di sopra con gli altri bambini! - Mi diceva il capo dei marinai Cos è, non ti senti bene? E io: No, è che star di sopra mi viene da vomitare. Soffro il mal di mare. E il marinaio: Peccato uno che sta sul lago e non può manco andare sul battello! Una volta di là, con una corriera, abbiamo raggiunto Brissago. Gli anarchici stavano facendo trasloco anche loro. Il governo italiano s era lamentato con quello svizzero per il fatto che permetteva a dei sovversivi di starsene proprio lì, affacciati alla frontiera: dovevano far fagotto, andarsene fuori dal Canton Ticino e anche dalla Svizzera. Così mio cugino era molto arrabbiato e l ho sentito dire: Bel Paese questo! Pulito, ordinato è proprio il cesso più pulito d Europa! Se la fanno sotto a ogni coglione che sbraga ordini! Dai loro discorsi sono venuto a scoprire che quella non era la prima volta in cui gli anarchici dovevano subire una

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e

UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI. adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e UN VIAGGIO NEL PAESE DELLE EMOZIONI adesso che abbiamo la strada ferrata in mezza giornata si viene e si va Il paese della RABBIA 1. Dove si sente la rabbia 2. Io mi arrabbio quando 3. Cosa mi aiuta 4.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA

VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO E. TOTI - Scuola statale dell Infanzia di Musile di Piave - A.S..2008-09 VENERDì 5 GIUGNO 2009 ALLE ORE 17 - PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA Siete invitati alla nostra festa che si

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Era come un periodo di prova per vedere se erano abbastanza bravi per fare i viaggiatori e siccome Yoel voleva tantissimo essere un bravo viaggiatore

Era come un periodo di prova per vedere se erano abbastanza bravi per fare i viaggiatori e siccome Yoel voleva tantissimo essere un bravo viaggiatore YOEL Si chiama Yoel. Ha sei anni, ne fa sette il 24 Luglio. E un leone, e la mamma gli dice sempre che il suo segno zodiacale rispecchia la sua anima. Lui non lo sa cosa vuol dire segno zodiacale ma il

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9

interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9 interni_benin.qxd 02/02/2007 9.52 Pagina 9 E dopo una settimana Judith ha detto: non puoi stare qui senza soldi e senza lavoro. Devi pagare il mangiare, il dormire. Devi lavorare. E per chi non ha documenti

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela

Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela Scuola dell infanzia Fornase Anno Scolastico 2007-08 Gruppo bambini di 5 anni Periodo gennaio-febbraio Ins. Gennari Manuela - osservare consapevolmente i fenomeni e le cose di ogni giorno - raccontare

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Borsa di studio/classe IV

Borsa di studio/classe IV 1 Borsa di studio/classe IV La storia va in fumetto Racconta la Storia di Clara dagli occhi grandi in un fumetto! 1. Riassumi la storia nelle scene che ti sembrano più importanti (per es. Clara che parla

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La Voce dei Bambini. Rosa Rita Formica

La Voce dei Bambini. Rosa Rita Formica La Voce dei Bambini Rosa Rita Formica Da tanti anni lavoro con i bambini come pedagogista nei laboratori creativi esperienziali di ascolto. Ho imparato solo nel tempo ad ascoltare la loro voce. Credo sia

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Era proprio destino che quell anno dal cielo cadessero

Dettagli

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje

Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje Non credevo alle Apparizioni di Medjugorje È il 5 giugno 1997. Mio padre da anni è molto malato, tanto da essere stato giudicato non operabile dai medici dell ospedale dove si è curato fino ad oggi. Il

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Storia di Equilibristi e difficili equilibri

Storia di Equilibristi e difficili equilibri Storia di Equilibristi e difficili equilibri Autore Patrizia Belluzzo Un attore girovaga tra il pubblico, cantando una canzoncina e salterellando. Si dirige verso il palco. Io, la mia mamma, il mio papà

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Autunno: storie L aquilone

Autunno: storie L aquilone Autunno: storie L aquilone In autunno c è un giorno speciale: dal mare comincia a soffiare un dolce vento, che si fa sempre più forte e va nelle città, nei paesi, nei boschi, alla ricerca degli aquiloni.

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

862 FINALE DI PARTITA di Dario Fo

862 FINALE DI PARTITA di Dario Fo 862 FINALE DI PARTITA di Dario Fo Che sono quegli scatoloni che stanno nell atrio? Un regalo. Un regalo per me? Per te, per me, per tutta la famiglia. Che sarebbe a dire? Quando l avrò montato lo scoprirai.

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Dario Fo - impaginato.corr 14-12-2007 9:22 Pagina 1

Dario Fo - impaginato.corr 14-12-2007 9:22 Pagina 1 Dario Fo - impaginato.corr 14-12-2007 9:22 Pagina 1 Dario Fo - impaginato.corr 14-12-2007 9:22 Pagina 2 Dario Fo - impaginato.corr 14-12-2007 9:22 Pagina 3 I Na rrato r i / Felt r inelli Dario Fo - impaginato.corr

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli