TERESA ORILLO SIRRI Istituto Universitario Orientale di Napoli. La Lozana uno e due

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERESA ORILLO SIRRI Istituto Universitario Orientale di Napoli. La Lozana uno e due"

Transcript

1 TERESA ORILLO SIRRI Istituto Universitario Orientale di Napoli La Lozana uno e due MAESTRESALA. Señora, vos sois tal y haréis tales obras, que no por hija, mas por madre quedaréis de esta tierra. F. Delicado, La Lozana Andaluza Giusto trent'anni fa, nell'autunno del 1963, il poeta Rafael Alberti, esule a Roma, si aggirava fra sale, corridoi e scantinati della mitica e labirintica biblioteca di Babele. Arrivato dinanzi allo scaffale polveroso dove sono allineate le cinquecentine, Alberti non può resistere alla tentazione di sfilare l'unica copia esistente di un libro che, a prima lettura, appare piuttosto disinvolto, anzi francamente sbrigliato e umoroso per stile e contenuto, che solo da poco è stato attribuito a un presbitero cordovese, Francisco Delicado, il quale lo aveva dato alle stampe anonimamente, a Venezia, intorno al Il testo, in prosa dialogata, che oscilla fra il modulo romanzesco e il copione teatrale, piuttosto difficile da collocare in una griglia classificatoria di generi letterari, s'intitola Retrato de la Logana Andaluza 1. Lozana Andaluza è il nome di battaglia attribuito a una rampante e spregiudicata donzella, maestra nelle arti ruffianesche, esperta nella preparazione di filtri, pozioni e unguenti che, come molti altri spagnoli, fin dall'epoca del papa Borgia, è arrivata avventurosamente a Roma e qui, nel quartiere di Pozzo Bianco, si barcamena con estrema perizia nella promiscua e disincantata società romana del primo Cinquecento. Di Francisco Delgado o Delicado sappiamo ben poco: sembra che 1 L'unico esemplare conosciuto della princeps del Retrato de la Locana Andaluza è conservato alla Biblioteca Imperiale di Vienna. Una edizione fac-simile è stata curata da A. Pérez Gómez (Valencia, Tip. Moderna, 1950); cfr. inoltre, F. Delicado, Retrato de la logana andaluza, ed. critica a cura di B. M. Damiani e G. Allegra, Madrid, Porrúa Turanzas, 1975.

2 214 questo antico discepolo di Antonio de Nebrija sia arrivato a Roma con la speranza di ottenere un beneficio ecclesiastico; probabilmente lasciò la città papale dopo il sacco perpetrato dalla soldataglia di Carlo V, stabilendosi a Venezia. Comunque è certo che, come il suo compatriota Bartolomé de Torres Naharro, Delicado si muove con grande disinvoltura nell'ambiente in cui fa carriera la Lozana 2. Il sant'uomo, afflitto per molti anni dal mal francese 3 diventa, proprio in virtù dell'assidua frequentazione, il coscienzioso cronista del demi-monde che si agita in quella torre di Babele quale è la Roma papale, lo spregiudicato biografo delle cortigiane e l'acuto osservatore della folla di donnette, ruffiani e avventurieri di mezza tacca che le circondano. Con policromo espressionismo e sapida mescidanza di lingue e gerghi, il chierico Delicado mette a frutto le proprie esperienze in un "ritratto" al naturale della Lozana, reso più vigoroso da un disincanto di matrice celestinesca, da qualche guizzo picaresco che s'incrocia e si fonde con fremiti moraleggianti. Affascinato dall'atipico meccanismo narrativo 4 del Retrato, Rafael 2 Notizie biografiche sull'autore della Lozana in B. M. Damiani, Francisco Delicado, New York, Twayne Publishers, 1974; F. A. Ugolini, Nuovi dati intorno alla biografia di Francisco Delicado, desunta da una sua sconosciuta operetta, "Annali" della Facoltà di Lettere e filosofia dell'università di Perugia, XII ( ), pp ; cfr. inoltre, F. Delicado, La Lozana Andaluza, ed. J. del Val, Madrid, Taurus, 1967; id., La Lozana Andaluza, ed. B. M. Damiani, Madrid, Castalia, 1969; id., La Lozana Andaluza, ed. G. Allegra, Madrid, Taurus, 1983; id., La Lozana Andaluza, ed. C. Allaigre, Madrid, Cátedra, Tutte le citazioni sono tratte da questa ed. 3 Delicado sperimentò la cura basata sull'infuso di legno di guayaco, un albero americano; dopo questa esperienza scrisse in italiano il trattato El modo de adoperare el legno de India occidentale, pubblicato a Venezia nel Sui genera mixta e le opere ibride si sofferma C. Guillen nel capitolo dedicato ai generi letterari in L'uno e il molteplice. Introduzione alla letteratura comparata (ed. orig. 1985), Bologna, II Mulino, 1992; è noto che i formalisti russi hanno una visione dinamica del genere letterario: per J. Tynjanov è diffìcile esaminare il genere fuori dal contesto e dal passare del tempo che lo relativizza; il testo, afferma M. Corti in Principi della comunicazione letteraria, Milano, Bompiani, 1975, vive nella dinamica della storia ed è all'interno di questa dinamica "che la scelta di un genere da parte dello scrittore è già scelta di un certo modello interpretativo della realtà, sul piano sia

3 215 Alberti s'immerge nella lettura della struttura plurilingüe 5 che si snoda in una serie di capitoli, o meglio scene, legati dall'assidua presenza della Lozana e denominati mamotretos, forma lessicale in cui già si intravede il gioco semico di tono erotico e canagliesco che s'insinua in tutto il testo 6. E certamente la ricaduta narrativa dell'opera di Delicado viene esaltata dalla porosità e dalla polisemia dello statuto dialogico del discorso che assorbe, in un disegno mobile e asimmetrico, sia i reperti della inarrestabile iniziazione e ascesa della cortigiana in carriera, sia il complesso movimento dei personaggi, una sarabanda in cui s'introduce il narratore in carica, lo stesso clerico Delicado che, come ha notato Edward C. Riley, si comporta alla stregua di una straordinaria candid camera 7. tematico sia formale" (p. 153); H. R. Jauss in Esperienza estetica ed ermeneutica letteraria, (ed. orig. 1982), Bologna, II Mulino, , mette in evidenza l'aspettativa del lettore che porta lo scrittore verso la possibilità di trasgressioni dal genere. 5 Lo stesso Delicado afferma, nell'apologià aggiunta al testo della Lozana Andaluza, che il linguaggio dei suoi personaggi riflette le parlate che s'incrociavano nella Roma del tempo: "Y si quisieren reprehender que por qué no van muchas palabras en perfeta lengua castellana, digo que siendo andaluz y no letrado, y escribiendo para darme solacio y pasar mi fortuna, que en este tiempo el Señor me había dado, conformaba mi hablar al sonido de mis orejas, que es la lengua materna y su común hablar entre mujeres. Y si dicen por qué puse algunas palabras en italiano, púdelo hacer escribiendo en Italia [...] Si me dicen cómo alcancé a saber tantas particularidades, buenas o malas, digo que no es mucho escrebir una vez lo que vi hacer y decir tantas veces". C. Guillen, op. cit., p. 377, osserva che "i passi poliglotti di Lope de Vega, come prima quelli di Gil Vicente, Torres Naharro o Francisco Delicado, non sono altro che segni dell'ambito storico reale nel quale si muovevano gli scrittori della Spagna imperiale di allora". 6 Sulle anfibologie che costellano il testo della Lozana e sulla polisemia di mamotreto cfr. l'introduzione di C. Allaigre alla Lozana Andaluza, cit. 7 Afferma E. C. Riley in La teoria del romanzo in Cervantes (ed. orig. 1962), Bologna, II Mulino, 1988, p. 99, che un "procedimento, singolare per la sua epoca, è quello usato nel notevole romanzo rinascimentale La Lozana Andaluza di Francisco Delicado. L'autore introduce se stesso nell'opera non come un personaggio importante, né tantomeno come un semplice veicolo conduttore della storia, ma come una sorta di Isherwood del XVI secolo (una straordinaria candid camera), attivamente impegnata ad osservare e registrare quanto la prostituta Lozana dice e fa. Peraltro, non

4 216 Con una tecnica condivisa, fra altri, dall'arcipreste de Hita, Diego de San Pedro, Cervantes o Sigüenza y Góngora, Francisco Delicado s'insinua nel mondo finzionale da lui stesso creato ritagliandosi uno spazio metanarrativo, non nasconde i meccanismi della testualizzazione, richiama l'attenzione sull'artificio letterario, dialoga col lettore e con i personaggi così da rendere più labile il confine tra segno e realtà. Uscito dalla biblioteca, Rafael Alberti, in compagnia dei centoventicinque personaggi che fanno corona alla Lozana, ripercorre le viuzze di una Roma cinquecentesca cosmopolita, rintraccia le piazzette che Delicado aveva mostrato invase da trafficanti, soldati, preti e cortigiane. Col suo Ritratto pettegolo e disincantato l'indiscreto chierico porta una testimonianza e una legittimazione al dinamismo dei modelli culturali e del vivere quotidiano del proprio tempo, traducendoli in un registro orale che diventa estemporaneo e dissacrante esempio di un distillato picaresco, di sensuale vita vissuta. Sul caotico palcoscenico umano, il graffiante racconto chiacchierato di una commedia sociale reinventa un linguaggio espressivo, fantasioso, calcolatissimo, teso all'individuazione del mot juste, dell'espressionismo di stampo ironico e satirico. La scrittura di Delicado si preoccupa d'imporre all'ambiguità dell'immaginario la garanzia del reale (o almeno del verisimile) data dalla marca storicizzante. Ma è soprattutto il calcolato impiego della parola che offre al lettore una delle chiavi possibili per decifrare la suprema ambiguità racchiusa nell'apparente semplicità di questo Retrato che eleva a sistema un continuo gioco di contraddizioni rafforzato dalla stralunata funzionalità dei significanti. A livello profondo, dalle anse e dagli spessori del dialogo, Delicado fa emergere il pedigree del letterato detentorc della parola che gioca consapevolmente tutte le carte del mestiere, che sperimenta estrosamente l'eterodossia costruttiva di un trattato ad jocundum che sembra precorrere i Ragionamenti dell'aretino. sfrutta le possibilità di questo procedimento poiché la condotta di Lozana non è influenzata dal sapere (come invece sa) di essere il soggetto del 'ritratto' di Delicado".

5 217 In tal senso è il testo che balza in primo piano e, in quanto oggetto complesso e realtà problematica, si propone alla varietà interpretativa del lettore. Ciascuno può scegliere il proprio modo di leggere un'opera letteraria. A seconda delle attitudini e delle competenze, un lettore passa dal piacere puramente ricettivo all'impegno e al gusto costruttivo della partecipazione attiva che può arrivare fino alla effettiva ricreazione e riscrittura del testo 8. Quando il vivace Retrato proposto da Delicado si offre alla libera interpretazione del lettore Rafael Alberti, viene anche solleticata la libido costruttiva dell'alberti poeta e drammaturgo che è indotto a proporre un moderno punto di vista, a rendere una nuova testimonianza sugli amori e le avventure della Lozana. Il prestito letterario si trasforma in proprietà di Alberti, la memoria letteraria si riscatta in una memoria interna, in una proposta di continuità che fagocita il racconto-conversazione di Delicado. Così Alberti richiama in causa personaggi e intreccio affidandosi alla scrittura, visto che, nel suo caso, rimane azzerata la distanza fra le pulsioni date dalla lettura e la reinvenzione, fra la suggestione e l'attuarsi della forma. Lettura e scrittura si pongono, quindi, come le due facce, opposte ma complementari, della stessa medaglia. La lettura praticata da Alberti non solo esercita un potere demiurgico, mette in gioco la competenza che è in grado di riprodurre un testo infinite volte, ma instaura col testo di Delicado un rapporto più concreto e duraturo che rinnova, in un certo senso, l'atto dell'ormai proverbiale personaggio di Borges, quel Pierre Ménard desideroso di riscrivere, parola per parola, il capolavoro di Cervantes, ma con un senso arricchito o modificato dall'esperienza accumulata nel tempo. La pratica comunicativa del rifacimento, il virtuosismo della riscrittura e dell'imitazione appare ad Alberti, così come era stato per i raffinati letterati rinascimentali, un tramite per instaurare un dialogo fra 8 Sul rapporto tra il lettore e il testo cfr., tra altri, il volume curato da S. R. Suleiman e I. Crosman, The Reader in thè Text, Princeton, University Press, 1980; recentemente è ritornato sull'argomento U. Eco in Sei passeggiate nei boschi narrativi, Harvard University, Norton Lectures , Milano, Bompiani, 1994.

6 218 passato e presente, per riattualizzare l'enunciato dell'autore cinquecentesco, frequentatore di quelle "callejuelas donde se amontonaron los españoles en aquellos siglos en que creían que todo el mundo era suyo", e dove "deben estar vivos y en suspensos ecos y voces dichos en esa jerga estupenda y mezclada que oyó sin ruborizarse el buen cura español, porque todavía las costumbres nuevas no habían cerrado gazmoñamente las formas populares y desenvueltas del 'hablar común de la polida Andalucía' al barajarse con el romano" 9. Alberti si lascia soggiogare dalla molteplicità di piani e di sensi della Lozana Andaluza, poliedrico oggetto letterario che sfugge a una precisa etichetta. In un tentativo di classificazione del testo non ci aiuta il titolo posto da Delicado che sembra voler suggerire il genere della 'sembianza', del ritratto della donna, la Lozana, e della città di Roma eseguito alla maniera dei medaglioni rinascimentali ma con decise venature parodisticamente apologetiche. Del resto anche il titolo non sfugge al gioco polisemico ampiamente praticato dal malizioso ecclesiastico. Il bibliografo La Barrera incluse La Lozana Andaluza nel suo Catalogo sotto la rubrica di "novela dramática" e non mancò di puntualizzare che era "en extremo obscena". La plurivocità del testo ha concorso alla denominazione di "novela dialogada"; l'icasticità del racconto ha portato alla definizione di diario intimo o di "novela picaresca" 10. Menéndez Pelayo, piuttosto sconcertato, ha paragonato La Lozana Andaluza a una pellicola cinematografica in cui si muovono scompostamente figurine oscene che fanno smorfie e capriole e parlano una lingua franca, un miscuglio di lingue, di gerghi costellati di neologismi, di modi di dire e di proverbi che riflette il mondo ruffianesco e picaresco frequentato dalla Lozana u. 9 R. Alberti, Teatro, Buenos Aires, Losada, 1964, p. 9 dell'introduzione alla Lozana Andaluza; la versione scenica di Alberti è stata tradotta in Italia da D. Puccini, in Teatro di Rafael Alberti {Lo spauracchio. Il trifoglio fiorito. La Losana Andalusa), Milano, Mondadori, Una rassegna dei problemi testuali posti dall'opera di Delicado in B. M. Damiani "La Lozana Andaluza": Ensayo bibliografico II, "Quaderni ibero-americani", ( ), pp M. Menéndez Pelayo, Orígenes de la novela (IV), Madrid, C.S.I.C, 1962, p. 54.

7 219 Anche Alberti ha colto il carattere di opera cinematografica ante litteram nelle sequenze che compongono il Retrato: "La novela se desarrolla en diálogos esquemáticos, como saltarinas secuencias cinematográficas" u. Sulla sinopia data dal gioco dialogico che racchiude un effettivo potenziale drammatico, Alberti ricostruisce una riduzione scenica del testo cinquecentesco, "un retrato teatral, un reinvento para ser representado" n. Ha confessato Alberti che non è stata "tarea fácil para mi someter a tres actos de teatro este complicado y singularísimo libro de tan dificultosa lectura, retrato hecho tan a lo real y vivo, que si el lenguaje popular en que está escrito nos lo aleja, el realismo directo de su verdad social nos lo acerca y actualiza" 14. II testo teatrale che s'intitola, come il modello, La Lozana Andaluza 15, rientra nel quadro di una particolare espressione della letteratura 12 R. Alberti, op. cit., p. 10 dell'introduzione. 13 Ivi, p. 9. Aggiunge Alberti: "Al entrar en esta selva de gracia, frescura popular, abigarrado mundo y submundo de las mil maneras de ganarse la vida los españoles instalados en la ciudad papal, me sobrecogió el miedo de hacer perder a la Lozana su lozanía y que el retrato de la andaluza, al levantarse en una escena, no respondiese a la calidad que reclamaba de mí la antigüedad y prestigio de su talento". 14 Ivi, p. 12. " Nella traduzione del testo narrativo a testo teatrale, Alberti mette in scena 35 personaggi che agiscono negli anni tra il 1524 e il Nel passaggio al nuovo mezzo espressivo, la storia della Lozana viene divisa in tre atti, corredati di canzoni, ambientati a Roma, preceduti da un prologo che mette in scena la casa sivigliana della giovanissima Lozana (che in questa fase appare col suo vero nome di Aldonza). Il prologo riassume, in un dialogo serrato e pittoresco, le manovre della vecchia zia che fa incontrare il mercante genovese Diomede con la maliziosa Aldonza. La ragazza, ingannando la zia, scappa immediatamente con l'uomo che si è subito invaghito di lei. Quindi il prologo, come una sorta di flash back introduttivo, sintetizza le avventure della Lozana prima dell'arrivo a Roma. L'azione teatrale è animata dal colpo di scena della repentina fuga di Aldonza con Diomede e riassume i primi quattro mamotretos del testo di Delicado. Invece viene spostata, in un 'a parte' della Lozana, all'inizio del I atto, la breve relazione, degna di un romanzo bizantino, delle peripezie sofferte dalla protagonista prima di stabilirsi neh"'alma cibdad" di Roma. Nella trasformazione del modello diegetico in testo teatrale, le operazioni di selezione del materiale fanno registrare tagli ed ellissi rispetto al testo originario. L'accentuazione di una drammatizzazione già in nuce nell'opera di Delicado, conferma la dinamica di quei motivi fonda-

8 220 drammatica spagnola del Novecento definita "Teatro poetico". Dario Puccini, ha sottolineato in essa i colori e i sapori delle "farse di trivio e d'alcova, dove la lotta per sopravvivere si accompagna a una genuina spensieratezza, a una schietta, purissima carnalità, e dove la vita pare riassumersi nelle tinte cangianti dell'eterna commedia e dell'ineluttabile tragedia" 16. Nel rivivere sulla scena, la storia della Lozana Andaluza è vista come una sorta di work in progress dato dall'inserimento della smaliziata fanciulla nella sulfurea società romana su cui incombe l'onta e la rovina del sacco del 1527; ora ogni personaggio indossa di nuovo la propria maschera e allo spettatore si offrono l'arguta Lozana, maestra nelle arti e nei filtri di Venere, il voglioso servo e amante Rampín, i prelati sensuali e inuzzoliti, tutti metafore di una condizione e di un contesto. Naturalmente il discorso teatrale di Alberti realizzerà compiutamente i caratteri di copione, di comunicazione drammatica, diretta, mimetica, soltanto sul palcoscenico, nella messinscena di fronte al pubblico, con la mediazione degli attori e del regista. mentali, definiti 'legati' dal Tomasevskij (in Teoria della letteratura, ed. orig. 1928, Milano, Feltrinelli, 1978); tali motivi concorrono alla formazione dell'ossatura causale-temporale degli eventi. Non sono trascurati i motivi 'liberi', digressioni e descrizioni che rendono vivo e colorito il dialogo. Comunque l'operazione di condensazione del materiale narrativo porta a una gradevole semplificazione e a una sicura immediatezza che non perde d'occhio un modello comunicativo quale quello teatrale che si completa nel momento imprescindibile della transcodificazione e della realizzazione sulla scena. 16 D. Puccini, Introduzione a Teatro di R. Alberti, cit., p. 5. "Nel teatro osserva Puccini Alberti reca, come Lorca, molti elementi della sua vocazione lirica, ma con diverse prospettive. Infatti, se in Lorca vi è un implicito tentativo di restaurare la pura drammaticità e la emblematica dei sentimenti proprie del teatro del Secolo d'oro, in un contesto nuovo, che è stato caratterizzato con la formula deh'"amore impossibile", ovvero della sorda incomprensione e della dura staticità degli affetti; in Alberti, il modello ideale sembrerebbe piuttosto quello cinquecentesco, picaresco e a sfondo morale e sociale, che sta tra la Celestina e i pasos di Lope de Rueda, e l'innesto moderno è la scoperta di una continua mescolanza di tragico e comico, di sconforto e allegria, di dolorosa solitudine e di gioiosa solidarietà e fratellanza, che formerebbero il quadro o l'impasto di colori della vita d'ogni giorno dell'uomo contemporaneo..." (ivi, P- 4).

9 221 Ma la natura di opera teatrale in fieri si avvertiva fin dall'inizio del testo di Delicado, quando entrano in azione la Lozana e la zia ruffiana che tendono una trappola allo spasimante Diomede. Per struttura e procedimenti scenici questo episodio si potrebbe configurare anche come una anticipazione degli entremeses cervantini. Nella reinvenzione teatrale di Alberti, l'espressività della parola è rafforzata dalla dinamica e dalla mimica della vecchia che fa il suo ingresso in scena sbandierando un candido indumento intimo della nipote ". 17 Tenendo presente i caratteri della narrativa e del teatro (li riassume A. Serpieri in AA.W., Come comunica il teatro: dal testo alla scena, Milano, il Formichierc, 1978, p. 15: "la narrativa è istituzionalmente diegesi, contrapposta alla mimesi teatrale; è autosufficiente nella sua testualità; privilegia l'enunciato, e non l'enunciazione; non ha bisogno di un contesto pragmatico a cui fare riferimento; ha una assialità temporale prospettica, in genere rivolta al passato [...] Al contrario, il teatro è istituzionalmente legato al processo di enunciazione; ha bisogno di un contesto pragmatico; ha una assialità temporale sempre basata sul presente; il suo spazio è la deissi"), già nel prologo della Lozana di Alberti si riscontra lo stretto rapporto col II mamotreto di Delicado. Trascrivo qui, a titolo esemplificativo, il brano di Delicado seguito dal passo di Alberti: F. DELICADO Retrato de la Lozana Andaluza Responde la tía y prosigue Sobrina, más ha de los años treinta que yo no vi a vuestro padre, porque se fue niño, y después me dijeron que se casó por amores con vuestra madre, y en vos veo yo que vuestra madre era hermosa. LOZANA. Yo, señora? Pues más parezco a mi agüela que a mi señora madre, y por amor de mi agüela me llamaron a mí Aldonza, y si esta mi agüela vivía, sabía yo más que no sé, que ella me mostró guisar, que en su poder deprendí hacer fideos, empanadillas, alcuzcuzu con garbanzos, arroz entero, seco, graso, albondiguillas redondas y apretadas con culantro verde, que se conocían las que yo hacía entre ciento. Mira, señora tía, que su padre de mi padre decía: " Éstas son de mano de mi hija Aldonza!" Pues Adobado no hacía? Sobre que cuantos traperos había en la cal de la Heria querían provallo, y máxime cuando era un buen pecho de carnero. Y qué miel! Pensa, señora, que la teníamos de Adamuz, y zafrán de Peñafiel y lo mejor del Andalucía venía en casa d'esta mi agüela. Sabía hacer hojuelas, prestiños, rosquillas de alfajor, textones de cañamones y de ajonjolí, nuégados, xopaipas, hojaldres, hormigos torcidos con aceite, talvinas, zahinas y nabos sin tocino y con comino: col murciana con alcaravea, y "holla reposada no la comía tal ninguna barba". Pues boronía no sabía hacer?: por maravilla! Y cazuela de berenjenas mojíes en perfición; cazuela con su agico y comi-

10 222 Si avverte facilmente che le orme dell'arguto gioco letterario di Delicado sono ben nette, anzi rafforzate, nella scrittura teatrale di Alnico, y saborcico de vinagre, ésta hacía yo sin que me la vezasen. Rellenos, cuajarejos de cabritos, pepitorias y cabrito apedreado con limón ceutí. Y cazuelas de pescado cecial con oruga, y cazuelas moriscas por maravilla, y de otros pescados que sería luengo de contar. Letuarios de arrope para en casa, y de miel para presentar, como eran de membrillos, de cantueso, de uvas, de berenjenas, de nueces y de la flor del nogal, para tiempo de peste; de orégano y hierbabuena, para" quien pierde el apetito. Pues ollas en tiempo de ayuno? Éstas y las otras ponía yo tanta hemencia en ellas, que sobrepujaba a Platina, De voluptatibus, y Apicio Romano, De re coquinaria, y decía esta madre de mi madre: "Hija Aldonza, la holla sin cebolla es boda sin tamborín". Y si ella me viviera, por mi saber y limpieza (dejemos estar hermosura), me casaba, y no salía yo acá por tierras ajenas con mi madre, pues que quedé sin dote, que mi madre me dejó solamente una añora con su huerto, y saber tramar, y esta lanzadera para tejer cuando tenga premideras. TlA. Sobrina, esto que vos tenéis y lo que sabéis será dote para vos, y vuestra hermosura hallará ajuar cosido y sorcido, que no os tiene Dios olvidada, que aquel mercader que vino aquí ayer me dijo que, cuando torne, que va a Cáliz, me dará remedio para que vos seáis casada y honrada, mas querría él que supiésedes labrar. LOZANA. Señora tía, yo aquí traigo el alfiletero, mas ni tengo aguja ni alfiler, que dedal no faltaría para apretar, y por eso, señora tía, si vos queréis, yo le hablaré antes que se parta, porque no pierda mi ventura, siendo huérfana. R. ALBERTI La Lozana Andaluza TlA. Sobrina, va para más de treinta años que yo dejé de ver a tu padre, porque se fue de niño a Córdoba, y después me dijeron que casó por amores con tu madre, y en ti veo yo ahora que tu madre era hermosa. ALDONZA. Pues tengo que desengañarla, tía, que me parezco más a mi abuela que a mi señora madre, y que por amor de mi abuela a mí me llamaron Aldonza, y que si mi abuela viviera, sabría yo más cosas de las que ahora sé, pues ella me enseñó a guisar, aprendiendo a hacer fideos, empanadillas, arroz entero y seco, albondiguillas redondas y apretadas con culantrillo verde... Pues y adobado? Cómo sería que cuantos traperos había en el barrio lo querían probar, sobre todo cuando era un buen pecho de carnero. TfA. Calla, calla, sobrina! ALDONZA. Sabía también hacer hojuelas, rosquillas de alfajor, hojaldres, cazuela de berenjenas, rellenos, pepitorias y cabrito apedreado con limón de Ceuta, y cazuelas de todos los pescados. TÍA. Ay, sobrina, no sigas! ALDONZA. Pues y los dulces! Sabía prepararlos de arrope, de membrillo, de

11 223 berti che, con virtuosismo rinascimentale e barocco, intrattiene una fitta trama di rapporti col testo guida, ne fa una scrittura di secondo grado che sfrutta, in un consapevole gioco di rispecchiamenti, una vasta gamma delle diverse forme di intertestualità. Non si tratta naturalmente di un esperimento di clonazione, di una illusionistica sequenza di citazioni, di rimandi o, addirittura, di riappropriazione del palinsesto nelle forme e nei modi del plagio. Divenendo poco incisivo il peso dell'/mventio, nell'opera teatrale si ritagliano un margine più ampio le varianti nella disposino e new'elocutio 18. cantueso, de uvas, de nueces y de flor de nogal, para el riempo de peste; de orégano y hierba buena, para quien pierde el apetido... TlA. Ay, sobrina, que ya me entró sólo con escucharte! ALDONZA. Pues y las ollas para el tiempo de ayuno? ue no TtA. Q sigas te digo, muchacha! ALDONZA. Ay, señora tía! Si mi abuela viviera, por mi saber y mi limpieza ella me habría casado, y no hubiera yo tenido que salir a recorrer tantas tierras ajenas con mi madre, pues me quedé sin dote, ya que mi madre me dejó solamente un pobre huertecillo y una lanzadera para tejer... cuando tenga telar. TÍA. No te quejes, sobrina, que eso que tienes ya y todo lo que sabe de dulcería y guisos es una buena dote. Y luego, hija, tienes también lo principal: la hermosura y la gracia, con las que encontrarás ajuar cosido y zurcido. Además, además... Bueno, hay otra cosa. ALDONZA. Pronosticadora del futuro soy también, que lo aprendí en Granada cuando allí estuve con mi madre. Pero nada adivino, tía. TÍA. Piénsalo un poco, con los ojos cerrados. ALDONZA. (cerrándolos un momento). No puede dar con ello, tía. TÍA. Pues que ayer se presentó aquí uno que querría saber si eres crudo o asado. ALDONZA. Y me quiere probar sin haberme visto? TlA. Yo le hice tu retrato, hasta de aquellas partes encubiertas que son maravillas de mirar. ALDONZA. Habrá pensado que soy puta. TlA. Quita de ahí, sobrina! Él es un rico mercader, que pronto, se va a Genova, y desea casarse contigo a su regreso. Sabe ya bien que eres buena y honrada. Pero querría que supieses costura. ALDONZA. Señora tía, yo tengo aquí el alfiletero, pero no tengo aguja, ni dedal, ni alfiler, y por eso me gustaría, si usted quiere, hablarle antes de que se vaya, para no perder esta ocasión, ya que soy huérfana. 18 La drammaticità potenziale insita nel testo narrativo di Delicado ha solleci-

12 224 La riscrittura di Alberti passa attraverso una transcodificazione di genere letterario che consente un confronto delle variazioni di tagli o delle aggiunte con cui si mette a punto il gioco fra i due testi. Nel suo percorso a doppia corsia, lettura e invenzione, Alberti riutilizza intreccio e personaggi e, con pratica interdiscorsiva, si allarga a un meditato reimpiego del tessuto linguistico del testo di riferimento. Certamente il recupero di precisi contatti lessicali ed espressivi ribadisce la derivazione dalla fonte cinquecentesca caratterizzata da un dialogo ellittico, imprevedibile, ricco di slittamenti semantici che attingono di preferenza al registro ludico-erotico, gremito di forme lessicali che sfumano nella digressione paronimica e che, presumibilmente, erano facilmente decifrabili nel circuito comunicativo a cui apparteneva il presbitero spagnolo. In tal senso è agevole verificare, nel confronto con la riscrittura di Alberti, l'incidenza del divario epistemico tra il destinatario implicito e il destinatario reale, per cui l'autore allarga o restringe i limiti del suo repertorio di giochi espressivi a seconda del destinatario immaginato ". Con la Lozana teatrale rinasce una parola che si spoglia dell'eccesso di criptiche implicazioni allusive, si rivolge al potenziale spettatore moderno con un linguaggio più asciutto, colloquiale, lessicalmente comune, funzionale alla finalità performativa della finzione scenica. Il pervasivo discorso diretto che accompagna la mimica, la cinetica, la gestualità scenica accentua la densità semantica dei personaggi e del contesto sociale. Nel riscontro analitico appare evidente che i due testi sono diversamente bilanciati: si allarga la forbice tra le forme più dilatate e sfumate tato L. Imperiale che in El contexto dramático de la "Lozana Andaluza ", Potomac Maryland, Scripta Humanística, 1991, individua un punto di raccordo fra modello diegetico e testo teatrale nella lettura ad alta voce, corredata da pause espressive e da inflessioni particolari, oltre che da un sistema gestuale, diretta a un gruppo di uditori. La lettura drammatizzata di un testo era frequente nel XVI secolo: la stessa Lozana, nella finzione narrativa, si rivolge a Delicado pregandolo di leggerle la Celestina. 19 Cfr. C. Segre, Intrecci di voci. La polifonia nella letteratura del Novecento, Torino, Einaudi, 1991, p. 8.

13 225 dell'articolazione narrativa e i contorni più netti e incisivi della moderna codificazione teatrale. Ripercorrendo la favola della Lozana Andaluza, Alberti non sempre recupera il senso, il soprasenso e i doppi sensi del Retrato. Inoltre nelle serrate sequenze teatrali resta solo una debole eco dell'ampio apparato metatestuale e paratestuale attraverso il quale Delicado si sdoppia e, pagando un tributo all'usanza del suo tempo, semina allusioni e riflessioni caustiche e moraleggianti sui sette peccati capitali che hanno preso stabile dimora nella città dei papi: "Muchas fueron las libertades que yo me tomé, quitando tanto como añadí, para poder hacer aparecer a la Lozana sobre la escena..." ammette Alberti 20. L'ultima licenza Alberti se la prende modificando il finale della favola: la Lozana non conclude la propria carriera ritirandosi nell'isola di Lipari; nella nuova sembianza teatrale la donna resta a Roma dove assiste al sacco del 1627, quando solo il poderoso esercito delle cortigiane si salva dalla furia dell'esercito di Carlo V. "En resumen scrive Alberti son las muchas Lozanas de Roma las que detienen a los soldados imperiales. Los campos de pluma ganan la batalla a las batallas antes de que la peste haga su aparición para igualar a todos en la muerte" 21. Anche in Alberti ricompare un alito di mortificazione, di catastrofe e di morte punitiva che fa specchio alla vena di moralismo che pervade, con tratti più o meno accentuati, l'opera di Delicado. Nel serrato respiro teatrale tende a specializzarsi ancora di più, acquistando un plusvalore di senso, l'eterna dialettica fra vizio e virtù, norma e infrazione, amore e piacere, vita e morte. Nel 1978 Alberti compie un'altra escursione nel mondo della Lozana Andaluza: adattando il testo all'interno di una griglia poetica lo ri- R. Alberti, op. cit., p. 12. Ivi, p. 12.

14 226 duce a poema scenico, sessantatré versi presentati al Festival di Spoleto e intitolati in italiano, La puttana Andaluza La puttana andaluza è raccolta in R. Alberti, Roma, peligro para caminantes, , México, J. Mortiz, 1968, pp : Señora, la conozco. Dónde vive? Por Dios, que he visto esos dos ojos negros esas caderas anchas, esa forma de culear andando, esas dos tetas... Que la ofendí? Perdón. Tanta sonrisa, acompañada de tan claros dientes, prueba que no, señora... Es usted muda? Quiere que lo adivine? Buenos sapos, demonios y culebras volaron siempre de su boca... Vamos! Culo de Satanás, no me lo niegue! La puta de mi madre, qué osadía! Que no la he visto? No compraba usted, la otra mañana, nabos y cebollas, papas, lechugas, huevos y tomates, perejil y alcahuciles en la Piazza della Moretta? Cómo? Que es un invento mío? No estaba usted acaso la otra tarde en la chiesa española, Via de Monserrato, contemplando la tumba de Calixto III y su sobrino, aquel papa Alejandro que lidiaba toros y damas con el mismo arte, o tal vez sacudía flores de papel, que humillan más la lápida que esconde la osamenta del rey Alfonso XIII? Bueno, bueno por mi puede seguirse pudriendo donde está... Yo sólo quiero saber en dónde vive, si es la misma que hace ya más de cuatrocientos años se vino a Roma a ser jardín del hombre, el cono puto y el meneo airoso, desde el Campo de' Fiori hasta Sant'Angelo, curando el mal de Ñapóles

15 227 Per una necessaria tendenza alla schematizzazione, la riscrittura in versi rimane circoscritta al personaggio della Lozana, iperconnotata da una plebea e aggressiva avvenenza: occhi neri, sorriso chiaro e ardito, seno prorompente, andatura provocante. Anche questa Lozana in versi mette in luce una latente intenzione teatrale, un movimento verso una forma drammatica. Il poemetto, in effetti, si dipana seguendo la voce del locutore, lo stesso Alberti, che si rivolge a una moderna emula della Lozana, tentando d'intrecciare un dialogo malizioso con una procace popolana romana. Il monologo poetico ingloba sia la dialogicità sia l'azione che ad a la misma columna de Trajano y haciendo soñar al Tíber y temblar los puentes... Tendré que preguntarlo a los canónigos, al charlatán que miente en las esquinas, al trapero, al herrero, al carpintero, al que dora los santos y las vírgenes, al barbero, al cestero, al ebanista, a los gatos nocturnos que encandilan sus ojos en el mundo rincón de las basuras? Cómo se llama? Vamos! Me lo dice? Pienso que no ha podido, mi señora, cambiarse de nombre, que es el mismo que, desde León X a Giovanni XXIII, viene dando amor y gracia y júbilo y desplante a estas calles y vicoli de Roma. Lo dice? No lo dice? Ya que así me lo oculta, se lo diré yo entonces, pregonándolo como quien vende nardos y claveles, manzanas y limones, doradas, caracoles, bogavantes, frutas frescas del mar y de la tierra. Y se acabó el usted, señora mía! Te llamas como siempre y para siempre te seguirás llamando: la Lozana Andaluza.

16 228 essa è collegata. Infatti le risposte della giovane donna (i suoi invitanti dinieghi) non vengono riportate nel testo poetico, ma sono fatte intuire, sono riprese e commentate nelle battute dell'io che detiene la parola. Lo spazio poetico si allarga verso la teatralità con l'enunciazione connotata dall'insistito impiego dei deittici, dal susseguirsi di esclamazioni e interrogazioni, insomma tutta la gamma degli espedienti fatici e conativi propri dei testi teatrali 23. Ancora una volta, evocata dalla scrittura poetica di Rafael Alberti, ritorna a Roma l'aggressiva presenza e la sapida malizia della Lozana Andaluza, la Lozana numero tre, che continua ad aggirarsi per le strade e i vicoli, le piazze e i fondaci, i mercatini e le chiese della vecchia città dei papi, dei cardinali e dei chierici gaudenti, mantenendo sempre il suo fascino aggressivo e trasgressivo di gran madre di tutte le cortigiane. 23 Cfr. l'intervento di C. Segre, Teatralità e dialogismo nel Belli in Intrecci di voci, cit., pp

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO Ser / Estar In spagnolo esistono due forme per tradurre ese, sono ed che vanno usate a seconda del contesto. Ser infinitivo: participio: sido gerundio: siendo PRESENTE IMPERFECTO PERFECTO INDEFINIDO FUTURO

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012

GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 GRUPPO TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2011-2012 Che gibilée per quatter ghej! Con tutt el ben che te voeuri Il mercante di schiavi Qui si fa l Italia L ultimo arrivato e tutti sognano Chi la fa la spunti Chi

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Analisi del testo letterario 1

Analisi del testo letterario 1 Analisi del testo letterario 1 discipline Analisi del testo letterario 1 - Isabella Chiari 2 esempio 1 Promessi sposi (A. Manzoni) Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni

L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Presenta L'UOMO NEL DILUVIO uno spettacolo di Simone Amendola e Valerio Malorni Premio IN-BOX 2014 LA CRITICA Uno spettacolo intenso... L'eco del diluvio è dilagata in noi con il suo fragore incontenibile

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli