emessa è stata compensata con riforestazione e tutela di un area boschiva in crescita in Costa Rica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "emessa è stata compensata con riforestazione e tutela di un area boschiva in crescita in Costa Rica. www.impattozero.it"

Transcript

1

2

3 Questo volume è stato prodotto a Impatto Zero La CO 2 emessa è stata compensata con riforestazione e tutela di un area boschiva in crescita in Costa Rica. Questa pubblicazione rispetta l ambiente anche attraverso l utilizzo di inchiostri e carta ad alta sostenibilità. Inchiostri ecologici che sostituiscono le sostanze chimiche tossiche con solventi organici, per garantire la sicurezza di operatori, lettori e proteggere l ecosistema. Carta Revive 50:50 white silk, carta patinata opaca certificata FSC da fonti miste contenenti il 50% di materia prima reciclata e il 50% di fibra vergine FSC, processo di sbiancatura senza utilizzo di cloro (PCF). Distribuita da Per informazioni e contatti: Banca Etruria - Società Cooperativa Via Calamandrei, Arezzo Vice Direzione Generale Governo e Risorse Servizio Comunicazione Tel /658

4

5 Caro Lettore, negli ultimi anni si sono fatte strada teorie dell economia internazionale che mettono in discussione il modello di una crescita economica unidimensionale, che non tiene conto delle risorse limitate del pianeta, e che non è accompagnata dalla riflessione su uno stile di fare impresa più sobrio e responsabile. Banca Etruria si pone in questo scenario con un percorso di responsabilità e traccia risposte in termini di capacità di creare valore economico e al contempo ispirarsi ai principi che si riflettono nel tessuto sociale come la solidità, la stabilità, il servizio e la presenza costante a fianco di imprese, associazioni, enti e famiglie. Per questo Banca Etruria si caratterizza nel territorio come una banca legata all economia reale e popolare. Legata all economia reale, perché è attenta ai bisogni sostanziali degli interlocutori, impegnandosi a conoscerli e interpretarli offrendo soluzioni concrete in favore di una visione coerente di lungo periodo. Popolare, perché oltre a seguire la vocazione mutualistica attraverso il sostegno ad iniziative di eccellenza che pongono al centro degli obiettivi e delle strategie le persone e la collettività, mantiene vivo il valore della partecipazione e della volontà di intervento del corpo sociale nelle scelte dell azienda. Capacità testimoniata dalle oltre persone, rappresentative di circa soci, che hanno partecipato all Assemblea dello scorso 3 aprile. Tutto questo fa parte della storia raccontata dalle pagine del Bilancio Sociale 2010, che rendiconta un altro anno vissuto responsabilmente. Da tredici anni infatti Banca Etruria dà rilievo al rapporto e al dialogo con i propri interlocutori pubblicando nel documento dati, informazioni e relazioni che danno corpo all identità dell azienda. Un impegno di trasparenza e di comunicazione valorizzato anche dall Associazione Italiana Financial Innovation che lo scorso anno ha assegnato a Banca Etruria il primo premio nella categoria Bilancio Sociale per il Rapporto Banche e Territorio, riconoscendo la reale volontà e capacità dell Istituto di rendere il Bilancio Sociale uno strumento corretto e completo di creazione di valore, rappresentando l utilità complessiva che la Banca, con la sua attività, genera per il sistema sociale, economico e territoriale di riferimento. Con questo spirito La invito a seguire il percorso di un altro anno di gestione responsabile della Banca attraverso le pagine del documento, illustrato con le tavole del pittore Andrea Facchini, presenti nel Calendario di Banca Etruria che celebra la ricorrenza dei 150 anni dell Unità d Italia con un logo tricolore dedicato all evento. L attenzione alla persona come principio base della cultura d impresa è confermata dalla scelta della linea grafica che, seguendo una tradizione ormai consolidata, vuole rappresentare in modo simbolico e evocativo il contenuto e il significato dei diversi capitoli. Buona lettura. DIRETTORE GENERALE Luca Bronchi 5

6

7 Indice Premessa metodologica 9 Identità aziendale 17 Rendiconto 45 Relazione di scambio sociale 55 Gli stakeholders: Risorse umane 57 Clienti 91 Soci 107 Fornitori 117 Societa, cultura e territorio 123 Istituzioni 145 Sistema di rilevazione 149 Proposta di miglioramento 163 Appendice: Tabella di applicazione del Global Reporting Initiative 166 Relazione del società di revisione 172

8 Roma, il Quirinale.

9 Premessa metodologica Descrive le regole seguite da Banca Etruria per redigere il proprio Bilancio Sociale, nel rispetto di una comunicazione chiara, trasparente e verificabile. Fornisce inoltre indicazioni sulla struttura del documento e sul processo di redazione.

10 Premessa metodologica Modello e principi di redazione Il Bilancio Sociale 2010 adotta il Modello di redazione del Bilancio Sociale per il settore del credito e la guida Il rendiconto agli stakeholder. Una guida per le banche predisposti dall Associazione Bancaria Italiana (ABI). Inoltre, per il secondo anno consecutivo, nella stesura del documento si è tenuto conto delle raccomandazioni proposte dal Global Reporting Iniziative GRI, G3 1, che oltre ad integrare le informazioni contenute nel Bilancio Sociale forniscono ulteriori elementi di comparazione e valutazione del documento anche a livello internazionale. Nella redazione del Bilancio Sociale si è tenuto conto dei lavori svolti all interno del Gruppo di lavoro dell Associazione Banche Popolari e della Commissione Tecnica per la responsabilità sociale di ABI ai quali la Banca prende parte dal In particolare i principi di redazione adottati sono tra gli altri: Comprensibilità, chiarezza ed intelleggibilità Per facilitare la consultazione del lettore, nell impostazione del documento si è scelto di bilanciare lo stile di comunicazione in modo da esporre le informazioni in modo chiaro e comprensibile, anche attraverso l utilizzo di colori diversi per le singole sezioni. Identificazione Banca Etruria descrive l assetto proprietario, di governo e la Missione assunta al fine di individuare con chiarezza le responsabilità connesse all applicazione dei valori dichiarati. Responsabilità Le diverse categorie di interlocutori (stakeholder) vengono individuate da Banca Etruria per conoscere a quali soggetti rendere conto degli effetti delle proprie scelte. Significatività e rilevanza, inclusività Nel documento sono rendicontate le informazioni e i dati che producono un effettivo ed apprezzabile impatto economico, sociale e ambientale per tutti gli stakeholder individuati. La metodologia di indagine e reporting è esplicitata in dettaglio per consentire di instaurare un dialogo aperto con tutti gli stakeholder. Competenza di periodo, periodicità, ricorrenza, omogeneità e comparabilità I dati e le informazioni riportate si riferiscono al periodo compreso tra il e il Dove è possibile è stato fatto il confronto con gli esercizi precedenti. Il perimetro di rendicontazione fa riferimento alla società Banca Popolare dell Etruria e del Lazio - Società Cooperativa. I dati finanziari presenti nella sezione Rendiconto sono gli stessi del Bilancio d esercizio. Verificabilità dell informazione I dati e le informazioni possono essere riscontrati con la documentazione aziendale (contabile o extra contabile) al fine di agevolare una rappresentazione completa e fedele delle attività comunicate. Misurabilità del grado di consenso dei soggetti interni ed esterni Nella gestione aziendale e indirettamente nel Bilancio Sociale Banca Etruria tiene conto delle indicazioni e del consenso espresso dagli interlocutori. 1 La tabella dell adesione di Banca Etruria al modello GRI, con il livello di applicazione raggiunto, è pubblicata in appendice al documento. 10

11 Attendibilità e autonomia delle terze parti Il Bilancio Sociale è stato sottoposto alla verifica da parte di un soggetto terzo indipendente (PricewaterhouseCoopers) secondo i principi e le indicazioni contenute nell international Standard on Assurance Engagement (ISAE 3000) dell international Auditing and Assurance Standard Board (IAASB). L attività è finalizzata alla verifica del rispetto dei principi di redazione esplicitati nella presente sezione del Bilancio. I risultati delle verifiche sono contenuti nell Attestazione di Conformità allegata al Bilancio. Struttura e contenuti Come negli ultimi anni, il documento permette un percorso di lettura veloce realizzato attraverso l evidenziazione delle parti salienti e delle novità di ogni capitolo realizzata con elementi grafici e di colore. Proseguendo in una tradizione che unisce i documenti pubblicati dal 2004 ad oggi, anche questa edizione del Bilancio Sociale è illustrata con grafica e immagini pensate per definire un percorso simbolico che esprima metaforicamente i concetti alla base di ciascun capitolo attraverso un approccio visivo e intuitivo. Il documento si articola nelle seguenti sezioni: Identità aziendale Approfondisce il profilo d impresa di Banca Etruria: dalla storia, alla missione, al contesto valoriale. Oltre ad illustrare l assetto istituzionale, organizzativo e commerciale dettagliando anche le linee guida relative al disegno strategico. Rendiconto Illustra come la ricchezza creata nel corso dell anno, in termini di valore aggiunto, è stata ripartita tra tutti i soggetti con cui la banca si relaziona. Relazione di scambio sociale Spiega per ciascuna categoria di stakeholder le specifiche modalità di relazione in termini quantitativi ed in modo discorsivo più ampio al fine di descrivere gli effetti delle iniziative realizzate da Banca Etruria in coerenza con una gestione d impresa socialmente responsabile. Sistema di rilevazione Raccoglie le aspettative degli interlocutori utili ad orientare le future scelte gestionali, verificando anche qual è il giudizio degli stessi sul comportamento tenuto dalla banca nei confronti della collettività. Proposta di miglioramento Indica tramite una serie di obiettivi il percorso che la banca si prefigge di seguire per continuare a svilupparsi in maniera integrata. Inoltre, all interno della sezione sono indicate le risposte alle proposte di miglioramento dichiarate nel bilancio sociale Attestazione di conformità Riporta i risultati delle verifiche svolte sul bilancio da un soggetto indipendente e specializzato sulla rispondenza di dati, informazioni e modello applicato. 11

12 Il progetto multistakeholder 2, partito nel 2005 e arrivato ad un traguardo importante con la pubblicazione della Carta dei Valori e Codice Etico, continua a guidare il processo di responsabilità sociale di Banca Etruria. Infatti nelle attività della Banca permane la volontà di realizzare una sempre maggiore diffusione dei valori e dei principi etici che la identificano, sia verso l interno, attraverso il coinvolgimento dei Dipendenti, sia verso l esterno, con il continuo aggiornamento di tutti gli stakeholder sul tema della crescita sostenibile sviluppato dalla Banca. Il progetto rimane filo conduttore del documento di Bilancio Sociale anche perché all interno del capitolo Relazione di Scambio Sociale, la prima pagina di ogni paragrafo che tratta ciascun stakeholder riporta prima in corsivo la relativa dichiarazione di valore presente già nel primo rapporto Sociale della Banca nel 1998 e successivamente l indicazione dei Valori e dei capitoli del Codice Etico che fanno riferimento a ciascuno degli interlocutori trattati. Consigli per la lettura una nota presente all inizio di ogni capitolo ne spiega e ne chiarisce la funzione informativa; quando non specificato, i dati, le informazioni e le attività illustrate sono riferite all esercizio 2010; all interno di ogni capitolo particolari elementi di novità rispetto all anno precedente sono evidenziati attraverso scelte grafiche e di colore. 2 Per la descrizione dettagliata del progetto vedi la pagina L impegno sociale all interno della sezione I nostri valori del sito 12

13 Gruppo di lavoro La Banca pubblica il Bilancio Sociale grazie alla collaborazione di un Gruppo di Lavoro interfunzionale costituito su volontà della Direzione Generale. Il coordinamento delle attività e la redazione del documento sono curati dalla Vice Direzione Generale Governo e Risorse che attraverso l operato del Servizio Comunicazione traduce le informazioni ed i dati raccolti dal Gruppo di Lavoro in un documento organico di comunicazione della responsabilità sociale d impresa della Banca, condiviso dal Comitato Etico. Le principali funzioni aziendali coinvolte sono: Direzione Risorse Umane Direzione Compliance Direzione Affari Societari Area Legale Area Finanza Vice Direzione Generale Governo e Risorse Servizio Comunicazione Direzione Buyer Area Organizzazione e Information Tecnology Area Pianificazione e Controllo di Gestione Area Marketing e Prodotti Area Mercato 13

14 Il processo di redazione del Bilancio Sociale da parte del Gruppo di Lavoro può essere rappresentato dallo schema di seguito riportato: Processo di redazione Direzione generale Soggetti esterni Gruppo di lavoro Progettazione Redazione Raccolta, elaborazione dati Verifica coerenze Assegnazione incarichi sogg. esterni Diffusione Autorizzazione Approvazione Certificazione Adesione al modello di redazione Progetto grafico Stampa Condivisione del documento Società di revisione Comitato etico La tempistica del processo di redazione e di diffusione A partire dagli ultimi due anni, il processo di redazione del Bilancio Sociale di Banca Etruria presenta una significativa novità per quanto riguarda la tempistica. Il fatto che le informazioni pubblicate nel documento di Bilancio Sociale fossero un ideale completamento e arricchimento dei dati contenuti nel Bilancio di esercizio è da sempre una solida convinzione di Banca Etruria, per questo è stato deciso di presentare insieme i due resoconti, anziché con una distanza temporale di alcuni mesi. Con questo fine tutto il gruppo di lavoro ha anticipato la propria attività di redazione, e i risultati del Bilancio Sociale 2010 sono stati presentati in anteprima ai Soci in occasione dell assemblea annuale del 3 aprile 2011, contemporaneamente al documento di Bilancio. Un segnale in più della ferma volontà di Banca Etruria di coinvolgere sempre il proprio corpo sociale nella condivisione sia dei risultati che delle linee guida dell Istituto. Infatti, a ulteriore testimonianza della stretta relazione tra le informazioni presenti nei due documenti e a conferma della volontà di diffusione dello stile Etruria di fare Banca, a partire dal 2009 è stato deciso di riunire i principali indicatori di sostenibilità in un apposito abstract allegato al Bilancio di Esercizio. 14

15 Attività di certificazione A partire dal 2007 Banca Etruria ha identificato in PricewaterhouseCoopers il partner che si occupa della revisione e successiva certificazione del Bilancio Sociale. Diffusione del bilancio sociale Il Gruppo di Lavoro cura anche la distribuzione del Bilancio Sociale ai soggetti sotto indicati con le seguenti modalità. Personale: una lettera del Direttore Generale accompagna l invio del documento a ciascun Dipendente. I concetti espressi nel Bilancio Sociale sono comunicati anche nell Intranet aziendale da animazioni appositamente realizzate. Inoltre il Bilancio Sociale nel corso dell anno è distribuito a tutti i nuovi assunti durante i corsi di formazione; Media: la Direzione Generale organizza una conferenza stampa per presentare e distribuire il documento ai giornalisti ed indirettamente al territorio servito. Un comunicato stampa viene diffuso alle testate nazionali ed inoltre il Bilancio Sociale è inviato personalmente ai giornalisti di settore; Soci: il documento con lettera di presentazione del Presidente è spedito personalmente a tutti i Soci che hanno partecipato all Assemblea annuale, per gli altri Soci il Bilancio Sociale è disponibile presso tutte le Filiali della Banca su richiesta e sul sito Clienti e Pubblico in generale: copie del Bilancio Sociale sono presenti in tutte le Filiali, vengono consegnate ai clienti Private e Corporate dai relativi gestori e spedite ai principali enti/ associazioni che hanno ricevuto elargizioni di beneficenza. Inoltre il documento è consultabile integralmente sul sito Controparti di mercato e Istituzioni: il documento è inviato ai contatti della Banca o su richiesta diretta. La rivista aziendale Etruria Oggi, distribuita in circa copie ai diversi stakeholder, e l allegato Etruria Oggi Informa, redatto direttamente dal Personale, sono due ulteriori strumenti che contribuiscono a diffondere l attenzione di Banca Etruria all ambito sociale. Nella rivista, infatti, sono spesso dedicati spazi alle tematiche generali della responsabilità sociale con contributi autorevoli dal mondo accademico e del giornalismo, mentre l allegato Etruria Oggi Informa dedica ogni anno alcune pagine alla nuova edizione del Bilancio Sociale e alla presentazione al pubblico del documento. 15

16 Gualdo Tadino, Rocca Flea.

17 Identità aziendale Dettaglia il profilo di Banca Etruria attraverso la descrizione del progetto aziendale, assetto organizzativo ed attività svolta in coerenza con la Carta dei Valori e Codice Etico.

18 Identità aziendale Storia 5 gennaio 1882 Fondazione BANCA MUTUA POPOLARE ARETINA 18 dicembre 1971 Costituzione BANCA POPOLARE DELL ETRURIA Fusione tra: Banca Mutua Popolare Aretina Banca Popolare Senese Banca Popolare della Provincia di Livorno 24 giugno 1972 Incorporazione Banca Popolare di Montepulciano (SI) 31 dicembre 1982 Incorporazione Banca Popolare di Pontevalleceppi (PG) 29 giugno 1985 Incorporazione Banca Popolare di Cagli (PU) 31 dicembre 1987 Incorporazione Banca Popolare di Gualdo Tadino (PG) 31 dicembre 1988 Costituzione BANCA POPOLARE DELL ETRURIA E DEL LAZIO Fusione tra: Banca Popolare dell Etruria Banca Popolare dell Alto Lazio (Costituita il 23 dicembre 1974 dalla fusione della Banca Federale di Amatrice, Banca Popolare Sabina di Poggio Mirteto e Casperia, Banca Mutua Popolare Maglianese, Banca Popolare di Civitavecchia) 31 marzo 1990 Incorporazione Banca Cooperativa di Capraia Montelupo e Vitolini 15 dicembre 1998 Quotazione del titolo Banca Popolare dell Etruria e del Lazio alla Borsa Italiana 9 settembre 1999 Inaugurato il Centro Direzionale in Via Calamandrei ad Arezzo 6 febbraio 2001 Registrato il marchio commerciale Banca Etruria 2 aprile 2001 Passaggio al Segmento Titoli con Alti Requisiti (STAR) di Borsa Italiana giugno 2005 aprile 2006 agosto 2006 Inizio dell indagine multistakeholders del progetto Diamo valore ai nostri valori Presentazione agli stakeholder della Carta dei Valori e del Codice Etico Banca Federico del Vecchio, storico Istituto della città di Firenze, entra a far parte del Gruppo Etruria 19 ottobre 2007 Giornata simbolo delle celebrazioni del 125 anniversario di Banca Etruria con partecipanti alla festa ad Arezzo e in tutte le 177 filiali 18

19 17 febbraio 2008 Approvato dall Assemblea straordinaria dei Soci il nuovo nome Gruppo Banca Etruria maggio 2008 luglio 2008 luglio 2009 giugno 2010 Attraverso la campagna Crescere è bello viene lanciata l operazione di Aumento di Capitale conclusa nel luglio 2008 Entra nel Gruppo Banca Etruria Banca Lecchese, nata come banca popolare a Lecco nel 1994 Presentazione del nuovo Piano Industriale con le direttrici strategiche per il Gruppo Banca Etruria fino al 2011 Presentato il Polo di Wealth Management del Gruppo Banca Etruria, costituito presso la Banca Federico del Vecchio al fine di sviluppare la raccolta indiretta attraverso l offerta di servizi specialistici alla clientela 19

20 Una storia nella storia: 13 anni di bilancio sociale 1998 Primo Rapporto Sociale pubblicato da Banca Etruria 2002 Primo Bilancio redatto secondo le direttive ABI Inaugurazione di una linea grafica evocativa in cui le immagini seguono un percorso simbolico che esprime metaforicamente i concetti alla base di ciascun capitolo attraverso un approccio visivo prettamente intuitivo, al fine di trasmettere le informazioni al lettore in maniera emozionale Collegamento del Bilancio Sociale con il progetto Diamo valore ai nostri valori e con l indagine multistakeholder che ha portato alla redazione della Carta di Valori e del Codice Etico di Banca Etruria Redazione di un Abstract di sostenibilità, contenente i principali indicatori del Bilancio Sociale, presentato unitamente all annuale Bilancio di Esercizio Dal Rapporto Sociale al Bilancio Sociale 20

21 Principali interventi di rilevanza sociale degli ultimi tre anni gennaio 2008 Per il terzo anno consecutivo in occasione del Natale viene promossa una raccolta fondi tra i Dipendenti, a fronte anche di un contributo di beneficenza della Banca. Viene sostenuto il progetto Fondazione per il Senegal, in favore di un centro di formazione e lavoro per bambini e ragazzi a Dakar, realizzato dalla Fondazione Fabrizio Meoni, che porta avanti i progetti avviati dal campione della Parig-Dakar prematuramente scomparso. 29 febbraio 2008 Parte il processo per l entrata nel Gruppo Banca Etruria della Banca Popolare Lecchese, nell ambito di un percorso di sviluppo sul territorio e nel rispetto dell identità. 18 marzo 2008 Nella Pieve di Santa Maria ad Arezzo Banca Etruria organizza per tutta la città il Concerto di Pasqua con il Maestro Bruno Canino accompagnato dall Etruria Chamber Orchestra. 12 maggio 2008 Banca Etruria è sponsor della Partita del Cuore giocata allo Stadio Olimpico di Roma tra la Nazionale Italiana Cantanti e il Golden Team 6 Unica, capitanato da Francesco Totti e con i grandi campioni dello sport, in favore della costituzione del Parco della Mistica, un campo della solidarietà e della legalità a Roma. 23 maggio 2008 Per il secondo anno Banca Etruria invita i figli di tutti i Dipendenti a trascorrere un pomeriggio al lavoro con i genitori, per la festa Famiglia Etruria, regalando ad ogni bambino un album da disegno con i pennarelli ed organizzando presso il Centro Direzionale un intrattenimento con spettacolo di mini-circo. maggio/giugno 2008 In collaborazione con le rispettive camere di Commercio o Associazioni di categoria sono stati organizzati convegni sul Corporate Banking Interbancario per trattare i temi legati ai nuovi obblighi di fatturazione elettronica, nelle città di Arezzo, Siena, Grosseto, Lecco. 17 giugno 2008 Presso la sala del Consiglio del Comune di Sansepolcro viene presentato il nuovo volume della collana Le Città Ritrovate, dal titolo La Valtiberina, viaggiatori stranieri fra il XIX e il XX Secolo. 4 ottobre 2008 Si rinnova l adesione alla VII giornata nazionale di Invito a Palazzo, promossa dall Associazione Bancaria Italiana per valorizzare i tesori di arredi e opere d arte presenti nelle sedi delle principali banche italiane. 28 ottobre 2008 Viene firmato un accordo con la Fondazione Toscana per la Prevenzione dell Usura, al fine di sostenere le famiglie che attraversano periodi di difficoltà, anche attraverso strumenti di microcredito. novembre 2008 Vengono consegnati a Banca Etruria il Premio Media Eye e il Premio Child Guardian Awards, due riconoscimenti significativi nel campo della Comunicazione, che premiano la campagna Crescere è bello realizzata in occasione dell aumento di capitale. 1 dicembre 2008 Diventa effettivo il passaggio a Banca Etruria delle 14 filiali acquistate da Unicredit, preceduto da un articolata operazione di formazione delle risorse e di adeguamento del layout interno degli ambienti. 23 dicembre 2008 Per la prima volta, alla tradizionale Festa di Natale che si svolge in contemporanea in tutte le filiali del Gruppo Banca Etruria sono invitati Soci e Clienti. Il brindisi e la consegna degli omaggi sono preceduti da un video di auguri del Presidente e del Direttore Generale. L iniziativa registra circa presenze nelle filiali del Gruppo. gennaio 2009 per il quarto anno consecutivo viene rinnovata l iniziativa di solidarietà che unisce al contributo della Banca la raccolta fondi tra i Dipendenti del Gruppo, in favore di Unicef, per interventi salvavita in Africa e per l organizzazione nelle scuole italiane di corsi di educazione ai 21

22 diritti dell infanzia. 21 febbraio 2009 inaugurata la grande mostra I Della Robbia Dialogo delle arti nel Rinascimento, promossa dalla Provincia di Arezzo e da Banca Etruria, che ha coinvolto l intera provincia di Arezzo con cinque itinerari territoriali. 17 aprile 2009 Banca Etruria è tra primi istituti di credito a garantire l accesso ai servizi di base alla popolazione dell Abruzzo colpita dal terremoto, inviando due filiali mobili in provincia di L Aquila. La Banca attiva inoltre iniziative di solidarietà, tra cui la disponibilità di un plafond di 30 mln di euro per i primi finanziamenti alle famiglie. aprile 2009 per la prima volta lo storico Giro Ciclistico della Toscana assegna il Trofeo Banca Etruria, come riconoscimento del sostegno dell Istituto alla manifestazione. 29 maggio 2009 per la festa Famiglia Etruria, circa 300 bambini, figli dei Dipendenti, sono stati invitati nelle filiali della Banca per trascorrere un pomeriggio con i genitori. Ogni bambino ha ricevuto il libretto della Dichiarazione dei Diritti dell Infanzia illustrata e spiegata dagli esperti Unicef. I bambini hanno potuto vedere in anteprima i Cartoni Etruria Oggi Informa Junior : una serie di storie animate con finalità didattiche prodotte da Banca Etruria per spiegare ai più piccoli gli elementi fondamentali dell attività creditizia. 17 giugno 2009 L attività della Banca in favore dell ambiente, tradotta anche nel sostegno alla qualità della vita delle comunità servite, ha meritato il riconoscimento al Green Globe Banking Award, primo premio italiano del settore bancario per i comportamenti eco-efficienti. 22 luglio 2009 Banca Etruria presenta alla stampa il nuovo sito internet completamente rinnovato nell ottica di una maggiore efficienza del servizio informativo e di semplicità di navigazione. 23 luglio 2009 viene presentato alla comunità finanziaria il nuovo Piano Industriale 2009/2011 che stabilisce le linee guida e gli obiettivi del Gruppo Banca Etruria. 24/27 settembre 2009 Banca Etruria sostiene la Fiera Artelibro di Bologna, la mostra mercato di libri d arte e del libro antico e di pregio, una delle manifestazioni più apprezzate in Italia nel settore. 3 ottobre 2009 per l ottavo anno consecutivo Banca Etruria aderisce ad Invito a Palazzo, la giornata di apertura delle banche promossa da ABI per permettere l accesso e la visibilità dei tesori d arte custoditi nelle sedi degli istituti di credito. ottobre 2009 Per promuovere l attenzione e un maggior livello di consapevolezza sulle tematiche di attualità economica, Banca Etruria ha organizzato incontri di formazione sullo Scudo Fiscale in favore dei professionisti, nelle città di Roma, Firenze, Viterbo, Rimini, Ancona, Livorno, Grosseto e Arezzo. Il 16 ottobre ad Arezzo ha organizzato il convegno Verso il futuro, sui temi del superamento della crisi finanziaria con la partecipazione del Presidente della Commissione Bilancio del Senato. 26 novembre 2009 Banca Etruria è stata premiata nelle due categorie Iniziative a sostegno dell educazione, istruzione e formazione e Tutela e protezione dell ambiente, in occasione della terza edizione del premio Banche e territorio organizzato da AIFIn - Associazione Italiana Financial Innovation. novembre 2009 viene inaugurata l aula Banca Etruria, della nuova scuola elementare costruita per oltre 300 bambini a Sullana, nel nord del Perù, in collaborazione con l Associazione Solidarietà in Buone Mani. 10 dicembre 2009 Banca Etruria riceve un riconoscimento agli European Excellence Awards, per il progetto Benvenuti in Banca Etruria volto ad accogliere Clienti e Dipendenti nel passaggio di 14 sportelli da Unicredit a fine

23 23 dicembre 2009 Si rinnova l appuntamento con Dipendenti, ex-dipendenti, Soci e Clienti per la Festa di Natale organizzata al Centro Direzionale e in tutte le filiali del Gruppo Banca Etruria. gennaio 2010 La tradizionale iniziativa di solidarietà tra i Dipendenti del Gruppo Banca Etruria è realizzata a favore dell Associazione Amici di Betlemme, per l adozione di una classe di bambini del Terra Sancta College. febbraio/aprile 2010 Per il quinto anno consecutivo Banca Etruria promuove una stagione di concerti di musica classica e da camera presso la Casa Museo di Ivan Bruschi, in collaborazione con l associazione Giovani Musicisti di Arezzo. aprile 2010 Banca Etruria conferma la vicinanza agli sport emergenti con un sostegno economico e l organizzazione di un evento per la stampa a cui partecipano i ragazzi di tutte le squadre e le discipline sponsorizzate. 27 aprile 2010 Banca Etruria perfeziona l accordo per l acquisto da parte di Anima Sgr di Etruria Fund Management CO, società di diritto lussemburghese dedicata all istituzione e alla gestione di fondi comuni d investimento. maggio 2010 Rinnovata la festa Famiglia Etruria con la partecipazione di oltre 300 bambini, figli dei Dipendenti, invitati nelle filiali della Banca per trascorrere un pomeriggio con i genitori. 30 giugno 2010 presso il Museo Nazionale del Bargello di Firenze viene presentata l attività del Polo di Wealth Management, struttura di riferimento per la gestione dei patrimoni finanziari della clientela del Gruppo Banca Etruria. giugno/settembre 2010 nella provincia di Grosseto Banca Etruria è vicina alle principali manifestazioni estive di promozione della cultura e delle caratteristiche enogastronomiche della zona, tra cui: Maremma wine shire e Maremma E, Scrittori da bere, Capalbio libri. settembre 2010 Prosegue il sostegno alla Fiera Artelibro di Bologna, la mostra mercato di libri d arte e del libro antico e di pregio, con l organizzazione di un convegno dedicato alla letteratura di viaggio. settembre 2010 Banca Etruria rinnova il sostegno al Festival della Persona organizzato ad Arezzo da Confartigianato Nazionale. 2 ottobre 2010 Oltre a Banca Etruria, per la prima volta anche Banca Federico del Vecchio partecipa ad Invito a Palazzo, la giornata di apertura delle banche promossa da ABI per permettere la visibilità dei tesori d arte custoditi nelle sedi degli istituti di credito. 19 ottobre 2010 Banca Etruria ospita la diciassettesima Convention nazionale dell Associazione Pianificazione e Controllo di Gestione nelle Banche, dedicata ai temi della nuova normativa di Basilea 3. novembre 2010 Banca Etruria lancia Oro Vero, il primo servizio di deposito di oro fisico in Italia. Lo strumento consente di acquistare lingotti d oro e di lasciarli in custodia nei caveau della Banca, con la possibilità di monetizzare in qualsiasi momento il controvalore detenuto. 30 novembre 2010 Il Bilancio Sociale di Banca Etruria vince il Premio AIfin, assegnato ogni anno dall Associazione Italiana Financial Innovation per progetti e attività degli Istituti di credito che valorizzano il rapporto banca-territorio. dicembre 2010 In occasione dei 150 anni dell Unità d Italia Banca Etruria presenta una declinazione del proprio logo con il tricolore, inserito nei nuovi calendari Inoltre viene pubblicato il cofanetto L Unità d Italia vista con gli occhi dell Occidente della Collana Le Città Ritrovate, dedicata ai luoghi in cui la Banca è presente. 23

24 Contesto di riferimento Banca Etruria nel 2010 Il peggioramento del quadro economico generale, cui si è assistito in seguito al lungo periodo di crisi economica iniziata con il fallimento di Lehman Brothers, ha manifestato in maniera diffusa i suoi effetti che si sono progressivamente trasferiti dai mercati finanziari all economia reale. L evolversi degli eventi ha creato una situazione di instabilità e di difficoltà che, per quanto riguarda in particolare il settore bancario, ha contribuito ad impoverire la qualità degli attivi della quasi totalità delle banche italiane ed internazionali. Le istituzioni finanziarie hanno registrato una crescita significativa dei crediti non performing e sono state indotte ad effettuare crescenti accantonamenti per fronteggiare il deterioramento delle proprie esposizioni. Allo stato attuale, le indicazioni che arrivano dalle agenzie specializzate non sono affatto confortanti e, pur lasciando intravedere timidi segnali di ripresa, non escludono il perdurare delle difficoltà. Se il 2009 ha rappresentato per certi versi l apice della crisi, nel 2010 solo parzialmente si sono allentati i suoi effetti con le inevitabili conseguenze sul sistema economico e finanziario; i tempi rapidi pronosticati inizialmente per la risoluzione della fase depressiva e l inizio della ripresa economica si sono col tempo sempre più dilatati e, ancora oggi, si intravedono solo timidi segnali di recupero che non sempre testimoniano reali cambiamenti di fronte. Nell ambito di tale scenario si sono mosse e si stanno muovendo le realtà bancarie italiane e, con esse, anche Banca Etruria che si trova a contrastare la stessa situazione: le difficoltà congiunturali hanno portato a far registrare un incremento delle esposizioni non performing anche nel Durante tutto il 2010, l orientamento dell Istituto, avvalorato dalla regolamentazione sulle politiche creditizie, ha puntato a riequilibrare la composizione del portafoglio crediti privilegiando una maggiore granularità degli impieghi per ridurre e limitare situazioni di concentrazione, potenzialmente più rischiose da gestire. Dall altra parte il contesto economico non ha giustificato l abbassamento della guardia e la politica delle coperture adottata dall Istituto è rimasta cauta, puntando a mantenere comunque elevato il coverage delle proprie esposizioni anche in ottica di un prossimo auspicabile termine dalla crisi. Nel 2010 infatti, la Banca, pur non raggiungendo i livelli dell anno precedente, ha rilevato accantonamenti significativi, di fatto commisurati ad una situazione congiunturale la cui precarietà non avrebbe giustificato ancora un cambio di direzione nella valutazione dei propri asset. Il delicato momento congiunturale ha avuto impatto anche nel determinare una riduzione dei tassi di mercato la cui dinamica ha influenzato l andamento del pricing di Banca Etruria con effetti significativi sul margine d interesse. Nonostante il delicato momento congiunturale l agenzia di rating Fitch, in sede di rinnovo annuale del suo giudizio, ha riconosciuto all Istituto alcune qualità distintive che hanno consentito a Banca Etruria di mantenere un buon giudizio pur in un contesto in cui l outlook risulta ancora negativo. La valutazione espressa dalla società di rating riconosce il forte legame alla regione d origine, lo spiccato radicamento territoriale, una struttura di portafoglio poco concentrata, il ridotto ed ormai modesto rischio di mercato e il beneficio di una base stabile di raccolta proveniente da clientela. 24

25 Diamo valore ai nostri valori: lo stile etruria si consolida Nel 2010 il progetto 3, che guida il percorso di responsabilità sociale di Banca Etruria dal 2005, ha trovato attuazione nello sviluppo della comunicazione interna, dedicata a tutti i dipendenti della Banca. In particolare, il magazine Stile Etruria è diventato una newsletter attraverso cui si comunicano messaggi e informazioni su eventi aziendali. Attraverso immagini, video e articoli Stile Etruria risponde alla volontà di consolidare la consapevolezza del legame tra i valori della Banca e la quotidianità del lavoro di ognuno, al fine di far crescere la responsabilità sociale complessiva dell azienda. I valori di Banca Etruria Come riportato nella Carta dei Valori e nel Codice Etico, a seguito delle indicazioni fornite dai Soci, Clienti, Fornitori e Dipendenti coinvolti nel progetto, i valori che meglio rappresentano Banca Etruria sono: Radicamento territoriale Banca Etruria affonda le sue radici in una precisa realtà territoriale che ne ha permeato fortemente l identità e la cultura d impresa. Col tempo questo legame si è consolidato intrecciando la realtà economica e istituzionale ad elementi sociali e culturali: ne ha tratto vigore il senso di localismo della banca, inteso come la capacità di rispondere alle esigenze specifiche della comunità, ai bisogni di soci, famiglie, imprese e professionisti. Per questo la politica aziendale resta saldamente ancorta alla volontà di crescere in continuità con le sue radici e tradizioni. Crescita del territorio Il radicamento territoriale e il localismo che contraddistinguono l identità di Banca Etruria sono alla base della predisposizione alla sua coscienza sociale. La volontà di partecipare alla promozione e alla valorizzazione economica, sociale e culturale della comunità si affianca alla convinzione della possibilità concreta di uno sviluppo sostenibile che tuteli il personale di Banca Etruria, i suoi soci, i clienti e gli stakeholder in generale. Già dal 1998 la banca pubblica annualmente il bilancio sociale dimostrando come le iniziative di sensibilità sociale e ambientale siano gestite con la stessa professionalità e tensione al risultato che Banca Etruria pone nella gestione d impresa. Centralità dei soci Una banca popolare si fonda su un rapporto di onestà professionale e sul dialogo proficuo con i soci. La costante opera di fidelizzazione dei clienti primari si traduce nella continua ricerca di soluzioni mirate a raggiungere gli obiettivi di crescita economica e aziendale attese dai soci. Per questo Banca Etruria stimola il confronto con i propri soci e ne massimizza il coinvolgimento, conscia che tale collaborazione rende possibile il successo della banca. 3 Per la descrizione dettagliata del progetto vedi la sezione I nostri valori del sito 25

26 Condivisione della cultura d impresa Banca Etruria si impegna a far crescere la propria organizzazione attraverso una cultura d impresa diffusa, capace di innovarsi di continuo per essere sempre competitiva nelle sfide che il futuro le proporrà. Investire sul proprio capitale umano e supportare la diffusione naturale di un forte senso di appartenenza alla banca - già oggi saldamente diffuso - sono le linee guida che la banca adotta per far crescere un impresa dalla precisa identità e dai valori condivisi. Flessibilità ed efficacia dei sistemi gestionali Banca Etruria s impegna a sviluppare e promuovere tutti quei sistemi gestionali che garantiscono la massima produttività ed efficacia, conservando la flessibilità che permette alla banca di rispondere in maniera reattiva alle esigenze dei propri clienti, fornitori e dipendenti. Valorizzazione delle risorse umane Da sempre Banca Etruria crede che una buona organizzazione e un corretto funzionamento del gruppo dipendano anche dal valore che viene attribuito alle persone che operano all interno dell azienda. Banca Etruria ritiene che il proprio capitale umano sia l elemento strategico più importante per lo sviluppo della banca e del suo business: per questo Banca Etruria dedica molta attenzione alla selezione delle risorse umane, ponendo attenzione ai principi di integrità, fiducia e lealtà nei confronti dei colleghi e dei clienti. La centralità del capitale umano è garante dell elevato livello di servizio di Banca Etruria: per questo la banca supporta costantemente la crescita formativa del proprio personale e l aggiornamento rispetto alle evoluzioni del mercato. Riferimento per i clienti Banca Etruria ama definirsi banca di casa e cioè la banca che desidera migliorare costantemente il rapporto con i propri clienti al fine di perfezionare l offerta ed elevare il livello di soddisfazione del cliente. Per Banca Etruria il cliente è qualcosa di più che un mercato di riferimento: è lo specchio che riflette i propri progressi e successi. Per questo Banca Etruria si impegna nella cura del servizio in tutti i suoi aspetti, dal personale, professionale e disponibile, ai sistemi gestionali garanti di sicurezza e riservatezza, alla comunicazione chiara e trasparente, allo sviluppo di un offerta attenta ai bisogni ed alle aspettative dei propri clienti e delle realtà in cui operano. 26

27 Professionalità Banca Etruria garantisce la qualità del suo operato tramite la chiarezza, la correttezza e la trasparenza dei sistemi di gestione e la professionalità di tutti coloro che lavorano e collaborano con la banca. Investendo sulla trasparenza delle relazioni, Banca Etruria intende incrementare l immagine di una banca dei valori che fa dell onestà professionale il proprio collante. Migliorarsi giorno dopo giorno deve essere l obiettivo di ciascuno, indipendentemente dal grado e dal ruolo ricoperto, per consentire uno sviluppo costante e duraturo all azienda nel suo insieme. Missione dalla carta dei valori: Banca Etruria si propone di rappresentare il motore della crescita del sistema economico e finanziario di cui si sente parte. Attraverso la tradizionale attività creditizia combinata all offerta di servizi finanziari innovativi, intende far evolvere il radicamento territoriale che la caratterizza in opportunità di business, così da costituire il riferimento su cui convergano l interesse degli stakeholders e lo sviluppo del territorio. 27

28 Assetto istituzionale Gruppo Banca Etruria Il Gruppo Banca Etruria è costituito da un insieme di società che operano sotto il coordinamento strategico ed organizzativo della capogruppo. Gli ambiti di operatività si estendono dal settore bancario, che costituisce il core business, a quello del leasing, assicurativo, del credito al consumo, immobiliare ed informatico. La struttura del Gruppo Banca Etruria al % 54,08% 83,8% 100% 49% 46% 100% 100% 100% 90% 5% La struttura del Gruppo riporta la modifica verificatasi nell ultimo trimestre del 2010 a seguito sia dell acquisto di alcune azioni di Banca Popolare Lecchese S.p.A., sia di un operazione di valorizzazione delle fabbriche prodotto, che ha portato alla cessione di alcune quote di partecipazione in Bancassurance Popolari S.p.A. e Bancassurance Popolari Danni S.p.A. A seguito della sottoscrizione di un successivo aumento di capitale di Bancassurance Popolari S.p.A. e delle operazioni di acquisto e ulteriore cessione di quote avvenute nel corso dell esercizio, attualmente Banca Etruria detiene l 83,8% della società. Inoltre, il 17 novembre 2009 Banca Etruria ha siglato un accordo preliminare per la cessione della controllata Etruria Fund Management Company S.A. a Bipiemme Gestioni SGR., che si è perfezionato il 27 aprile

29 Banca Federico del Vecchio S.p.A. - ha sede legale a Firenze, città nella quale costituisce il riferimento bancario per il Gruppo. È partecipata al 100% da Banca Etruria e può contare su una rete distributiva costituita da 8 filiali. A partire dal 2009 è stato costituito presso la Banca del Vecchio il Polo di Wealth Management, in un ottica di ottimizzazione industriale per la fornitura di servizi finanziari, con l obiettivo di concentrare tutte le attività del Gruppo in un unica struttura focalizzata, valorizzando nel contempo un brand molto noto in Firenze. Settore Finanziario e Bancario Banca Popolare Lecchese S.p.A. - con sede legale in Lecco, è entrata a far parte del Gruppo Banca Etruria nel Alle quattro filiali operative di Lecco, Oggiono, Monza e Mandello del Lario si è aggiunta nel novembre 2010 la filiale di Merate. Attualmente Banca Etruria detiene il 54,081% del capitale sociale della società. ConEtruria S.p.A. - con sede legale in Arezzo, è partecipata al 100% da Banca Etruria. Alla fine del 2010 ConEtruria SpA ha erogato finanziamenti per complessivi 198,6 mln di euro in corrispondenza di pratiche. Attualmente l attività della società riguarda il settore dei prestiti personali e garantiti ed il credito finalizzato. Nel corso del 2010 la società ha acquisito una quota di partecipazione pari al 9% di Società Intermedia Credito S.p.A., al fine di sviluppare una rete di vendita esterna, attraverso l utilizzo della rete di promotori di Intermedia Credito. Mecenate S.r.l. - costituita nel 2001 con sede legale ad Arezzo, partecipata per il 90% da Banca Etruria, per il 5% da ConEtruria e per il 5% da Finanziaria Italiana S.p.A. Iscritta nell elenco generale degli intermediari finanziari di cui all art. 106 D. Lgs. 385/93, è la società veicolo con la quale la Capo Gruppo Banca Etruria ha perfezionato tre operazioni di cartolarizzazione aventi ad oggetto mutui residenziali in bonis: la prima realizzata nel 2002 (chiusa nel mese di aprile 2009), la seconda nel corso del primo trimestre del 2007 e la terza è stata perfezionata nel mese di febbraio Una quarta operazione di cartolarizzazione è in corso di realizzazione. Etruria Leasing S.p.A. con sede legale a Firenze, partecipata per il 100% da Banca Etruria, opera nel comparto della locazione finanziaria e del leasing strumentale, automobilistico, immobiliare e navale, collocando i propri prodotti attraverso le reti del Gruppo Banca Etruria. Settore del Leasing 29

30 Società del Gruppo con funzioni strumentali Società collegate a Banca Etruria - altre controllate Etruria Informatica S.r.l. con sede legale a Arezzo, società strumentale partecipata al 100% da Banca Etruria. La Società ha incentrato la propria gestione su attività ed assistenza nell ambito di progetti specifici del Gruppo Banca Etruria e su rapporti progettuali con l outsourcer Cedacri SpA proseguendo nel riassetto dei servizi erogati nei confronti del partner. BancAssurance Popolari S.p.A. con sede legale a Arezzo, partecipata per l 83,8% da Banca Etruria, ha come scopo lo sviluppo dei prodotti di assicurazione vita per la clientela del Gruppo. Per supportare lo sviluppo della società, nel mese di febbraio 2011 è stato deliberato un aumento di capitale sociale per un ammontare di 6 mln. di euro, completato nel mese di maggio. BancAssurance Popolari Danni S.p.A. con sede legale ad Arezzo, partecipata per il 46% da Banca Etruria, per il 49% da Bancassurance Popolari S.p.A. e per il 5% da Intermedia Finance S.p.A., svolge la propria attività nel ramo assicurativo danni, attraverso la commercializzazione di coperture per infortuni, malattia, incendio e perdite pecuniarie. Oro Italia Trading S.p.A. - detenuta al 100% da Banca Etruria, è un operatore specializzato nel settore del commercio di metalli preziosi, e svolge la propria attività con l obiettivo di favorire l approvvigionamento e la distribuzione dei metalli nei distretti del comparto orafo-argentiero. Il servizio è rivolto a tutti gli operatori dei distretti orafi italiani, dove Banca Etruria già vanta una lunga e significativa esperienza; in particolare nelle piazze di Arezzo, Vicenza e Milano. Corporate governance Banca Etruria, Società quotata nel Segmento Titoli ad Alti Requisiti ed aderente al Codice di Autodisciplina, fin dal febbraio 2001 ha provveduto a recepire il nuovo Codice elaborato alla luce della best practice internazionale dal Comitato per la Corporate Governance istituito presso Borsa Italiana. Al fine di ottemperare ai requisiti di permanenza in STAR, l adesione rappresenta l espressione di un costante processo di autovalutazione del sistema di corporate governance i cui esiti sono stati resi noti da Banca Etruria nella Relazione sul Governo Societario Esercizio 2010 (disponibile sul sito web all indirizzo 30

31 Il segmento STAR Le Società a bassa e media capitalizzazione, solide e con buone prospettive, per essere ammesse allo STAR devono possedere i seguenti requisiti, tutti presenti in Banca Etruria: adottare le regole di governo societario previste dal Codice di Autodisciplina elaborato dalla Borsa Italiana S.p.A, in materia di indipendenza degli Amministratori (articolo 3), di costituzione e composizione dei Comitati di Controllo Interno (articolo 5), e di Remunerazione (articolo 7); nominare uno Specialista che svolga un attività di sostegno della liquidità del titolo e un attività informativa e di analisi sulla Società; nominare un soggetto interno professionalmente qualificato con l incarico di intrattenere i rapporti con gli investitori: l Investor Relator; pubblicare i dati trimestrali entro 45 giorni dal termine del trimestre; inviare alla Borsa Italiana S.p.A tutti i rendiconti in formato elettronico, rendere disponibili e pubblicare documenti e informativa sui fatti rilevanti sia in italiano che in inglese pubblicandoli anche sul sito Internet della società; aver adottato il modello di organizzazione, gestione e controllo previsto dall articolo 6 del decreto legislativo 231/2001; aver vietato con efficacia cogente ai componenti degli organi di amministrazione e di controllo, nonché ai soggetti che svolgono funzioni di direzione e ai dirigenti ai sensi del regolamento Consob n.11971/99 (c.d. internal dealing) l effettuazione direttamente o per interposta persona di operazioni di acquisto, vendita, sottoscrizione o scambio delle azioni o di strumenti finanziari ad esse collegate nei 15 giorni precedenti la riunione consiliare chiamata ad approvare i dati contabili di periodo. Il Consiglio di Amministrazione riveste il ruolo di guida nella determinazione degli indirizzi strategici della Società e nella vigilanza in ordine al raggiungimento degli stessi ed al generale monitoraggio dell attività aziendale. Esso è investito di tutti i poteri per l ordinaria e straordinaria amministrazione della Società, tranne quelli che spettano esclusivamente all Assemblea. L organo è composto da quindici componenti eletti dall Assemblea dei Soci attraverso il sistema del voto di lista (articolo 30 dello Statuto Sociale), che posseggono i requisiti di onorabilità e professionalità ed indipendenza previsti dalla normativa vigente. Banca Etruria ha attualmente un Comitato Esecutivo composto dal Presidente, dal Vice Presidente Vicario e da altri cinque Consiglieri. Al Comitato Esecutivo possono essere attribuite ampie deleghe per la gestione della Banca e l erogazione del credito, ferme restando le attribuzioni non delegabili dal Consiglio di Amministrazione ai sensi dello Statuto Sociale e della normativa primaria e secondaria vigente. Le decisioni assunte dal Comitato Esecutivo sono portate a conoscenza del Consiglio di Amministrazione nella sua prima riunione utile. Ugualmente vengono portate a conoscenza del Consiglio di Amministrazione le decisioni assunte dagli altri titolari dei poteri delegati. Il Direttore Generale di Banca Etruria esercita tutti i poteri per i quali è delegato dal Consiglio di Amministrazione ed in particolare delibera sulle operazioni di gestione corrente nei limiti e con le modalità stabilite sia dai Regolamenti Interni e Poteri Delegati, sia di volta in volta dal Consiglio 31

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012

Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Società e Servizi di IR Presentazione Istituzionale Ottobre 2012 Noi Siamo una società indipendente di consulenza specializzata in Investor Relations e Comunicazione d Impresa. Siamo una giovane realtà,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli