IL RECUPERO DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RECUPERO DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 IL RECUPERO DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ORDINE AVVOCATI BRESCIA, 11 giugno 2014, AGGIORNAMENTI DI DIRITTO AMMINISTRATIVO Avv. Antonio Donvito 1. IL DEBITORE PUBBLICO, i principi La soddisfazione dei creditori delle pubbliche amministrazioni pone due questioni collegate: l ampiezza della responsabilità patrimoniale della pubblica amministrazione e la tutela degli interessi pubblici, che giustificano l esistenza stessa delle pubbliche amministrazioni. La protezione dei diritti del creditore dello Stato e degli enti pubblici ha le sue radici negli artt. 24, 111, 113 Cost., nell art. 47 Carta diritti fondamentali dell Unione Europea, nell art. 6 Carta dei diritti fondamentali dell uomo (CEDU), che stabiliscono il diritto di ottenere quanto gli spetta, mediante la tutela giurisdizionale. In linea di principio, la pubblica amministrazione è un debitore come gli altri, alla quale si applica la disciplina civilistica della responsabilità patrimoniale, di cui agli artt e 2910 c.c., pur con significativi adeguamenti per la qualità del soggetto debitore. Le regole ordinarie si fondano sul presupposto che il patrimonio del debitore sia limitato, tanto che, secondo l art c.c., questi, da un lato, risponde con tutti i suoi beni presenti e futuri e, dall altro, vede sanzionate con misure conservative e cautelari le sue eventuali condotte distrattive. Se ne ricorrono le condizioni oggettive e soggettive, mentre il debitore privato può fallire o essere soggetto ad altre procedure concorsuali o para concorsuali (ndr. il procedimento per la crisi da sovraindebitamento), non così è per lo Stato ed alcuni enti pubblici. La questione dello Stato debitore, per molti anni di scarsa importanza pratica e di poco interesse per la scienza processuale, è esplosa tra la fine degli anni settanta e l inizio degli anni ottanta del secolo scorso. Fino a quel momento, la dottrina riteneva che i mezzi del processo esecutivo civile fossero inadeguati alla soddisfazione dei creditori, richiedendosi l adozione di provvedimenti amministrativi, negati al giudice ordinario per il divieto posto dall art. 4, c. 2, L. 20 marzo 1865, n. 2248, All. E (c.d. legge abolitrice del contenzioso amministrativo) 1. 1 VIRGA, La tutela giurisdizionale nei confronti della pubblica amministrazione, Milano, 1976, 151. Come noto l art. 4, co. 2, l. n. 2248/1865, All. E sancisce il divieto di revoca o modifica da parte del giudice ordinario dell atto amministrativo, in ossequio all idea ottocentesca delle divisione dei poteri. Non avendo rango costituzionale, tale divieto può essere derogato dalla legge, che può attribuire all autorità giudiziaria civile il potere di annullare provvedimenti amministrativi incidenti su diritti soggettivi. Il divieto posto dall art. 4 è circoscritto a provvedimenti di carattere costitutivo ed a quelle pronunce di condanna incidenti sulle potestà autoritative della pubblica amministrazione. La norma non impedisce al giudice civile, nelle materie di sua giurisdizione, di ordinare alla pubblica amministrazione un facere di carattere provvedimentale purchè si tratti di emanare un provvedimento vincolato, che l amministrazione aveva il dovere di adottare, in presenza dei presupposti previsti dalla legge (v. ZINGALES, Tutela giurisdizionale ordinaria, principio di separazione dei poteri e modelli di esecuzione delle sentenze civili di condanna nei confronti della pubblica amministrazione: aspetti problematici, in 1

2 In questo contesto, la responsabilità patrimoniale posta dall art c.c. del debitore pubblico, si riduce a pura formalità per l inesistenza di un diritto soggettivo del creditore all emissione del mandato di pagamento del suo credito, disponendo la pubblica amministrazione di un margine di discrezionalità circa il momento di emissione del mandato, sia in relazione alle previsioni di bilancio, che alle effettive disponibilità di cassa 2. Per non dire della tradizionale indisponibilità dei beni pubblici, inclusi i crediti dello Stato ed il denaro di cassa delle tesorerie, ritenuti beni destinati ad un pubblico servizio ex art. 828, u.c., c.c., per l orientamento che inibiva l esercizio di potestà pubbliche da parte del giudice ordinario (ndr. l assegnazione con ordinanza del denaro esistente nelle esattorie), vietato dal citato art Esclusi, quindi, i rimedi delle esecuzioni civili, il giudizio di ottemperanza era considerato il più adatto per ottenere il pagamento dei crediti verso la pubblica amministrazione, attraverso i provvedimenti del giudice amministrativo. La situazione si modifica a cavallo dei due decenni, come conseguenza dell aumento dell indebitamento pubblico, della maggiore attività di diritto privato svolta dalla pubblica amministrazione e delle sollecitazioni della dottrina, che, riprendendo le riflessioni di Sandulli del 1952, sosteneva la necessità di eseguire le sentenze civili di condanna dell amministrazione con i mezzi delle esecuzioni civili, previsti dal Libro III del codice di procedura civile 4. Il chiarimento arriva tra il 1979 ed il 1983 con due arresti della Cassazione, confermati nei principi dalla Corte costituzionale, che, afferma per la prima volta l ammissibilità della condanna della pubblica amministrazione all adempimento delle obbligazioni pecuniarie, l equiparazione della pubblica amministrazione al comune debitore dinanzi ad un ordine giudiziale di pagamento di somme di denaro ed il diritto del creditore di tutelarsi con l esecuzione forzata per espropriazione 5. 2 Cass. Sez. Un. 12 maggio 1971, n. 1352, in Giur. It., 1971, I, 1, 1392; nella pratica l espropriazione delle somme di denaro era difficile, perchè limitata alle sole poste attive di bilancio destinate a scopi di interesse generale, così attribuendo alla pubblica amministrazione il potere discrezionale di effettuare i pagamenti in maniera incontrollabile. Minoritario, ma autorevole ed antesignano di futuri sviluppi, è rimasto il pensiero di A. M. SANDULLI, secondo cui il pagamento era un atto dovuto e non discrezionale, interno al funzionamento organizzativo dell amministrazione, cfr. La posizione dei creditori pecuniari dello Stato, in Riv. trim. dir. pubbl., 1952, VIRGA, op. cit., 154; in giurisprudenza, v. Cass. 15 dicembre 1977, n. 3986, in Foro It., 1978, I, 2592, che affermava l impignorabilità dei crediti di un Comune verso la banca tesoriera e Cass. 2 giugno 1978, n. 2761, in Foro It., 1978, I, 1854, secondo cui il privato non vantava un diritto soggettivo all emissione del mandato di pagamento. 4 NIGRO, Giustizia amministrativa, Bologna, 1976, 211 e segg., per il quale il denaro come mezzo di pagamento assolutamente neutro non era suscettibile di avere una destinazione in senso proprio e tecnico. 5 Le sentenze che hanno cambiato radicalmente l orientamento sono state tre: Cass. Sez. Un. 13 luglio 1979, n. 4071, in Foro It., 1979, I, 1979, n. BARONE; in Giur. It., 1980, I, 1, 199, n. SANDULLI, e in Giust. civ., 1980, I, 1143, n. MORELLI, Il completamento della tutela dei creditori ex iudicato nei confronti di pubbliche amministrazioni nella forma dell azione esecutiva per espropriazione prevista dal codice di procedura civile; Cass. 8 novembre 1983, n. 6597, in Foro It., 1984, I, 462 e in Giur. It., 1984, I, 1, 1607; Corte Cost. 21 luglio 1981, n. 138, in Foro It., 1981, I, 2353 e in Giur.It., 1982, I, 1, 154, n. GRECO. 2

3 Con la sentenza delle sezioni unite n. 4071/79 (cit. in n. 5), la Cassazione stabilisce che la verifica della pignorabilità dei beni riguarda la possibilità di procedere all azione esecutiva, non il diritto del credito di promuoverla e tantomeno la giurisdizione del giudice ordinario. Con la successiva decisione n. 6597/1983, la Cassazione spiega che Stato ed enti pubblici sono tenuti al pagamento degli interessi di mora ai sensi dell art c.c., dal giorno della costituzione in mora e non dalla data di emissione del mandato di pagamento. La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 138/1981 (cit. in n. 5) delinea, infine, il quadro delle regole: 1. dinanzi ad una sentenza di condanna al pagamento di somme, la posizione della pubblica amministrazione non è diversa da quella del privato debitore, sicchè è esperibile nei suoi confronti l esecuzione forzata per espropriazione, 2. la pignorabilità o meno dei beni dello Stato e degli enti pubblici, si individua concretamente sulla base della natura o della destinazione loro conferita dalla legge, 3. l iscrizione delle poste attive, siano somme di denaro o crediti, purchè non di diritto pubblico, al bilancio dello Stato o dell ente ha rilevanza interna e non le attrae nell ambito dei beni patrimoniali indisponibili, nè paralizza l azione esecutiva, 4. rimane salva l ipotesi che determinate somme o crediti siano vincolati da apposita norma di legge al soddisfacimento di specifiche finalità pubbliche. Non si tratta allora di discutere della giurisdizione del giudice ordinario 6, ma di verificare come esercitare in concreto l azione esecutiva e su quali beni, sulla premessa che il pagamento dei debiti, sempre, ma soprattutto dopo una sentenza di condanna del giudice ordinario od amministrativo, è un atto dovuto, rispetto al quale non ci sono poteri discrezionali da esercitare. Concludendo, se la divisione tra i poteri dello Stato e la tutela della discrezionalità amministrativa non sono di ostacolo all azione esecutiva contro la pubblica amministrazione, considerata la responsabilità patrimoniale ex art c.c., la questione principale diventa quella della pignorabilità dei beni e cioè di quali beni possano essere espropriati in base agli artt. da 822 a 831 c.c. ed alle norme del Libro III del codice di procedura civile. In via di prima approssimazione, si può affermare che la sottrazione all azione esecutiva di un bene pubblico può derivare unicamente dalla legge o da un provvedimento amministrativo, che nella legge trovi fondamento, che lo destini ad un pubblico servizio, vincolandolo ad una attività istituzionale della pubblica amministrazione. Prima di esaminare i modi e le forme dell espropriazione forzata e, segnatamente, dell espropriazione presso terzi, è indispensabile trattare delle questioni preliminari dei beni pubblici, della tesoreria unica dello Stato e della procedura contabile del pagamento. 6 La giurisdizione del giudice civile resta negata nel settore residuale della responsabilità degli Stati esteri e degli enti parificati, come regolata dalla Convenzione delle Nazioni Unite sull immunità giurisdizionale degli Stati e dei loro beni di New York del 2 dicembre 2004, ratificata in Italia dalla l. 14 gennaio 2013, n. 5. In applicazione della Convenzione, la Corte internazionale di giustizia ha negato la giurisdizione in relazione alla domanda risarcitoria promossa nei confronti dello Stato straniero, con riguardo ad attività iure imperii (sent. 3 febbraio 2012, in Foro It., 2013, IV, 389 e Cass. 21 febbraio 2013, n. 4284, in Foro It., 2013, I, 2526 e Cass. pen. 9 agosto 2012, n , in Foro It., 2013, II, 493). 3

4 2. I BENI PUBBLICI La disciplina dei beni pubblici è ispirata al modello francese dal quale ha mutuato la distinzione tra beni sottratti alla circolazione privatistica e beni soggetti al diritto comune e dunque liberamente alienabili. La proprietà pubblica ha rilievo costituzionale grazie all art. 42 Cost., che proclama che «la proprietà è pubblica e privata», ponendo sullo stesso piano la proprietà dello Stato e degli enti pubblici e quella di diritto comune. La disciplina fondamentale in materia di beni pubblici è contenuta nel codice civile, negli artt. da 822 a 830. Le norme e la giurisprudenza hanno enucleato le caratteristiche necessarie per considerare un bene pubblico: una soggettiva, l appartenenza del bene ad un ente pubblico e l altra oggettiva, dipendente dalla funzione attribuita al bene. Come noto il codice civile distingue i beni in demaniali e patrimoniali indisponibili; accanto a questi lo Stato e gli enti pubblici posseggono i beni patrimoniali disponibili, che costituiscono la loro proprietà privata. Quanto alla distinzione tra beni demaniali e patrimoniali indisponibili, essa è ormai considerata un mero criterio classificatorio formale. 2.1.I beni demaniali I beni demaniali sono, per antica tradizione, i beni immobili degli enti pubblici territoriali: originariamente dello Stato, delle Provincie e dei Comuni; con l istituzione delle Regioni, del demanio regionale previsto dall art. 119 Cost. Sono demaniali i beni indicati dagli artt. 822 e 824 c.c. ovvero gli altri che la legge qualifichi tali. L elencazione fatta negli artt. 822 e 824 c.c., è stata estesa dalla giurisprudenza ai beni sostanzialmente assimilabili 7. Tra i beni demaniali, taluni appartengono in via esclusiva allo Stato o, eccezionalmente alle Regioni (ex art. 11, co. 3, l. 16 maggio 1970, n. 281): sono i beni che costituiscono il demanio necessario, composto dai beni del demanio marittimo, idrico e militare. Il demanio accidentale comprende beni che possono appartenere in proprietà a chiunque, ma che, se appartengono ad enti pubblici territoriali, acquistano carattere demaniale; l art. 822 c.c. annovera tra tali beni, le strade, le autostrade, le strade ferrate, gli acquedotti, gli immobili di interesse storico, archeologico ed artistico, le raccolte dei musei, delle pinacoteche e degli archivi, delle biblioteche ed infine i beni che dalla legge sono assoggetti al regime del demanio pubblico. 7 L oggettiva ricorrenza nel singolo bene immobile dei caratteri della demanialità è sufficiente a determinarla, indipendentemente dall intervento di atti ricognitivi o dall inclusione in elenchi o albi, v. Tar Campania, Napoli, 14 novembre 1995, n. 597, in T.A.R., 1996, I,

5 Il diritto dei beni demaniali costituisce una disciplina derogatoria alle regole del diritto di proprietà: l art. 823 c.c. stabilisce che i beni «sono inalienabili e non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi che li riguardano». Non sono suscettibili di trasferimento ad altri soggetti: non possono cioè formare oggetto di negozi giuridici di diritto privato, siano traslativi o costitutivi di diritti reali a favore di terzi 8 e la sanzione per i negozi posto in essere in violazione di tali norme è la nullità 9. Non potendo essere commerciati, i beni demaniali non possono costituire garanzia patrimoniale per i creditori dell ente ed essere suscettibili di esecuzione forzata 10, essere oggetto di ipoteca ex art c.c., essere espropriati per pubblica utilità 11, suscettibili di acquisto per usucapione e di possesso da parte di privati 12. La regola dell incommerciabilità si collega alla necessità di garantire la destinazione dei beni all interesse pubblico: per liberarsene, è necessario che il bene pubblico dismetta tale destinazione, possibile per i beni del demanio artificiale, che possono essere «sdemanializzati», impossibile per quelli del demanio naturale, la cui inalienabilità è pressochè assoluta. Ai sensi dell art. 823 c.c. «spetta all amministrazione la tutela dei beni che fanno parte del demanio pubblico. Essa ha facoltà di procedere in via amministrativa, sia di valersi dei mezzi ordinari a tutela della proprietà e del possesso». L amministrazione dispone quindi di poteri di autotutela, il che significa che può procedere direttamente in via amministrativa, irrogando sanzioni ed esercitando poteri di polizia demaniale I beni patrimoniali indisponibili Diversamente da quelli demaniali, i beni patrimoniali indisponibili possono appartenere a qualsiasi ente pubblico ed essere sia mobili, che immobili. Il codice civile se ne occupa agli artt. 826, che contiene un catalogo tipizzato di questi beni e 828, che ne stabilisce la caratteristica fondamentale: l essere vincolati ad una destinazione di pubblica utilità e il non poter essere distratti da tale destinazione se non nei modi stabiliti dalla legge. 8 La giurisprudenza è unanime nel ribadire questo principio, affermando che i beni demaniali e quelli patrimoniali indisponibili sono insuscettibili di essere oggetto di negozi di diritto privato e che il loro (eccezionale) uso può essere conferito ai privati solo da una concessione amministrativa, revocabile in ogni tempo, cfr. Tar Piemonte Torino, 1 settembre 2006, n La sanzione della nullità, già presente nel diritto romano, colpiva le vendite delle res extra commercium, v. PAOLO, Digesto, 50, 17, De divers. Regul., L art. 514 c.p.c. individua come beni impignorabili, quelli che sono tali per disposizione di legge: in questa categoria rientrano i beni demaniali e quelli del patrimonio indisponibile. 11 Cons. Stato, sez. IV, 15 dicembre 197; Tar Umbria, 21 maggio 1997, n A.M. SANDULLI, Manuale di diritto amministrativo, Napoli, 1984, 775; in giurisprudenza, v. Cons. Stato, 10 febbraio 1998, n. 148, in Foro Amm., 1998, 407; Tar Umbria 11 luglio 2011,

6 La destinazione pubblica può avere diversi oggetti a seconda dei servizi e delle funzioni assegnate all ente pubblico: sono, ad esempio, vincolati ad una funzione pubblica gli edifici destinati a sede di uffici pubblici con i loro arredi (art. 826, co. 3, c.c.), quelli costituenti la dotazione del Presidente della Repubblica, le caserme, gli armamenti, gli aerei e le navi militari (art. 826, co. 2, c.c.), insomma tutti i beni a destinazione pubblica. Fanno parte del patrimonio indisponibile i crediti c.d. di diritto pubblico, derivanti cioè dall esercizio di pubbliche potestà, perché destinati al conseguimento di scopi pubblici ed allo svolgimento di attività istituzionali, che costituiscono il presupposto del conferimento alla pubblica amministrazione del potere di esazione del credito, in primis, quelli tributari, per legge destinati a finalità pubbliche e, quindi, impignorabili: imposte, tasse e contributi ed anche quando della riscossione è delegato il concessionario 13. «Affinché un bene (ndr. anche il denaro ed i crediti) possa rivestire il carattere pubblico proprio dei beni patrimoniali indisponibili perché destinati ad un pubblico servizi ai sensi dell art. 826, co. 3, c.c., deve sussistere un doppio requisito: la manifestazione di volontà dell ente titolare del diritto reale pubblico e perciò un atto amministrativo da cui risulti la specifica volontà dell ente di destinare quel determinato bene ad un pubblico servizio e l effettiva ed attuale destinazione del bene al pubblico servizio» 14. Insomma, la destinazione opera come fatto produttivo di effetti e può essere accertato dall autorità giudiziaria ordinaria in caso di contestazione: una striscia di terreno diventa strada pubblica nel momento in cui iniziano i lavori per la sua costruzione e cessa di esserlo, quando viene esclusa dalla circolazione 15. Quanto al passaggio dei beni dal demanio al patrimonio, stabilisce l art. 829 c.c., che è di competenza dell autorità amministrativa, con provvedimento che ha natura semplicemente dichiarativa 16. La regola della inalienabilità non caratterizza i beni del patrimonio indisponibile: il dato rilevante è il divieto di distrarli dalla loro destinazione sancito dall art. 828, co. 2 c.c., pena la nullità del negozio per violazione della una norma imperativa 17. Analogamente ai beni demaniali, quelli patrimoniali indisponibili sono insuscettibili di usucapione 18 e di esecuzione forzata 19 ; quanto all espropriazione per pubblica utilità la giurisprudenza la ammette se l opera da realizzare sia volta a realizzare un interesse pubblico ritenuto prevalente Cass. 17 dicembre 2009, 26497; Cass. 26 luglio 2005, n ; Cass. 15 settembre 1995, n. 9727; per le somme incassate dagli agenti della riscossione, cfr. l art. 42, co. 7novies, d.l. 30 dicembre 2008, n. 207, conv. in l. 27 febbraio 2009, n. 14, che ne vieta l esecuzione forzata. 14 Cass. Sez. Un. 22 giugno 2004, n Cass. 9 aprile 1964, n. 811; per l esempio della strada, v. Cass. 30 agosto 2004, n Cass. 11 maggio 2009, n Cass. 22 gennaio 1991, n Ai sensi del combinato disposto degli artt. 830 e 822 c.c. i beni immobili del patrimonio indisponibile possono essere sottratti alla pubblica destinazione solo nei modi stabiliti dalla legge e non per effetto di usucapione da parte di terzi, cfr. Cass. 28 agosto 2002, n , in Giur. It., 2003,

7 2.3. I beni patrimoniali disponibili Il patrimonio disponibile è composto da beni, che non sono pubblici in senso stretto, ma mobili e immobili, corporali e incorporali - di proprietà privata dell ente pubblico, soggetti alle norme di diritto comune. Costituiscono beni patrimoniali disponibili i crediti ed il denaro di un amministrazione pubblica, inteso, quest ultimo, sia come numerario presente nella cassa dell ente, che come disponibilità liquida presso i conti di tesoreria. Da ricordare a questo riguardo, che, come già osservato nel 1, n. 5, l iscrizione a bilancio di determinate somme non produce di per sé vincolo di destinazione delle somme stesse. Per gli enti locali, il patrimonio disponibile è in netta crescita per effetto del c.d. federalismo demaniale: ai sensi dell art. 4, co. 1, d. lgs. 28 maggio 2010, n. 85 (emanato in attuazione dell art. 19, l. 5 maggio 2009, n. 42) i beni dello Stato, trasferiti con tutte le pertinenze, accessori, oneri e spese, salvo quanto previsto dall art. 111 c.p.c., entrano a far parte del patrimonio disponibile delle Province, delle città metropolitane e delle Regioni. I beni patrimoniali disponibili sono beni commerciabili, alienabili, usucapibili, soggetti ad esecuzione forzata. Una regola particolare si applica all alienazione dei beni del patrimonio disponibile: essa deve avvenire con asta pubblica o trattativa privata quando il valore dei beni non superi cinquanta milioni di lire 21. L asservimento ai fini espropriativi interessa, dunque, solo i beni rientranti nella categoria residuale del patrimonio disponibile, vale a dire tutti i beni per i quali sia esclusa un attuale ed effettiva destinazione a servizio pubblico, ad esempio, i beni concessi in godimento ai privati 22 oppure i beni incorporali, quali i diritti reali su cose altrui oppure i titoli di credito o le azioni di società di cui l ente sia azionista. In questa categoria, i beni più aggredibili dai creditori della pubblica amministrazione, con lo strumento del pignoramento presso terzi, sono i crediti di diritto privato, che nascono da situazioni nelle quali la pubblica amministrazione agisce secondo gli schemi negoziali di diritto comune e le somme di denaro degli enti pubblici detenute, secondo le regole di contabilità pubblica, da altri soggetti esercenti la funzione di cassiere o tesoriere. 19 Sono espropriabili solo i beni disponibili e non destinati ad uno specifico scopo pubblico (Cass. 17 dicembre 2009, n ); gli immobili appartenenti al patrimonio disponibile in quanto privi di destinazione a servizio pubblico, sono pignorabili, ma si sottraggono all esecuzione allorchè, pur in pendenza del processo esecutivo, ricevano quella destinazione, con conseguente passaggio nel patrimonio indisponibile (Cass. 6 agosto 1987, n. 6755, in Giur. It., 1988, I, 1, 788). 20 Cons. Stato Ad.Plen., 27 maggio 1983, n. 12, in Cons. St., 1983, I, La vendita dei beni immobili disponibili da parte dello Stato è regolata dalla l. 24 dicembre 1908, n. 783 e dal relativo regolamento di attuazione, il r.d. 17 giugno 1909, n. 454, art Cass. 5 ottobre 1994, n

8 Non è da escludere un futuro sviluppo dei procedimenti di espropriazione immobiliare, come si vedrà nel prossimo 2.4., trattando della privatizzazione del patrimonio pubblico. Quanto agli strumenti di tutela dei beni disponibili, l amministrazione è titolare dei mezzi ordinari posti a difesa della proprietà e del possesso regolati dal codice civile e non dei mezzi di autotutela amministrativi. La giurisdizione spetta al giudice ordinario Beni pubblici e privatizzazioni Negli ultimi venti anni tutte le leggi finanziarie dello Stato contengono disposizioni volte a favorire la razionalizzazione, la valorizzazione e la vendita dei beni pubblici. In generale, si tratta di norme che partono dalla ricognizione del patrimonio pubblico per giungere all alienazione dei beni non più funzionali all interesse pubblico. L oggetto dei programmi di privatizzazione è costituito esclusivamente dai beni immobili disponibili degli enti pubblici ovvero da beni per i quali sia venuto meno da parte dell amministrazione il vincolo di indisponibilità, con la degradazione a patrimonio disponibile. I modelli di privatizzazione del patrimonio pubblico, che oscillavano tra l alienazione diretta e la creazione di società per azioni, pubbliche e/o private, a cui veniva affidata la gestione di fondi istituiti con apporto di beni immobili, hanno adottato strumenti finanziari innovativi. Ad esempio, il d.l. 25 settembre 2001, n. 351, conv. in l. 23 novembre 2001, n. 410 ha previsto una generale cartolarizzazione dei beni pubblici, previa la loro ricognizione affidata all Agenzia del Demanio. Individuati con decreti dell Agenzia i beni del patrimonio disponibile, il decreto viene trascritto con gli effetti dell art. 2644, co. 2 c.c.: «seguita la trascrizione, non può avere effetto contro colui che ha trascritto alcuna trascrizione o iscrizione di diritti acquistati verso il suo autore, quantunque l acquisto risalga a data anteriore». I beni individuati con decreto possono essere trasferiti a titolo oneroso alle società veicolo, c.d. SCIP, Società Cartolarizzazione Immobili Pubblici, che hanno ad oggetto esclusivo la cartolarizzazione dei proventi derivanti dalle dismissioni. Il trasferimento avviene con decreto che produce il passaggio del bene al patrimonio disponibile (art. 3, co. 1, d.l. 351/2001 e art. 829, co. 1, c.c.). I beni trasferiti alle SCIP costituiscono un patrimonio separato, nel senso che sono sottoposti a precisi vincoli di utilizzo in relazione allo scopo, a cui sono destinati e nel contempo sono posti a garanzia di tale utilizzazione (art. 2, co. 2, d.l. cit.). 23 Cass. Sez. Un. 6 giugno 1997, n

9 Due sono gli effetti tipici connessi al concetto di patrimonio separato: la limitazione all utilizzabilità dei beni in quanto destinati a svolgere una determinata funzione e la riduzione dell ambito di responsabilità patrimoniale ex art c.c. Delle obbligazioni nei confronti dei portatori dei titoli e dei concedenti i finanziamenti risponde il patrimonio separato della società, ma su di esso non sono ammesse azioni esecutive da parte di creditori diversi dai portatori dei titoli emessi o dai finanziatori. La fase finale della cartolarizzazione prevede la vendita degli immobili da parte della società veicolo a terzi, con i conseguenti ricavi. La legge 410/01 (art. 4) prevede un ulteriore strumento per attuare le dismissioni: i fondi comuni di investimento immobiliare ad apporto pubblico. Lo schema è il seguente: il Ministro individua con decreto gli immobili pubblici da conferire, che diventano parte del patrimonio disponibile; i soggetti pubblici conferiscono i beni nel fondo in cambio di una quota; le quote sono collocate dalle società di gestione del risparmio (SGR) tra i risparmiatori, che le acquistano; il soggetto pubblico tramite la SGR riceve la liquidità derivante dalla collocazione delle quote; la SGR valorizza, gestisce e vende gli immobili e con il ricavato rimborsa agli investitori le quote del fondo. Concludendo, avendo come riferimento il creditore della pubblica amministrazione, non è da escludere, in una prospettiva di lungo periodo, che la privatizzazione del patrimonio pubblico aumenti il numero delle procedure espropriative immobiliari: la dismissione del patrimonio immobiliare degli enti pubblici, con la degradazione dei loro beni al patrimonio disponibile ha, infatti, come conseguenza l assoggettabilità ad esecuzione forzata. Quanto agli enti territoriali, il passaggio degli immobili delle Regioni, Province e Comuni al patrimonio disponibile avviene con l inserimento nel piano delle alienazioni e valorizzazioni,redatto dall organo di governo di ciascun ente ai sensi dell art. 58, d.l. 25 giugno 2008, n. 112, conv. in l. 6 agosto 2008, n In concreto, la possibilità di effettuare dei pignoramenti immobiliari vale solo per gli immobili dismessi appartenenti alle Regioni, Province, Comuni ed agli altri enti locali, in quanto, come osservato, per il patrimonio delle amministrazioni statali, la degradazione degli immobili nel patrimonio disponibile è correlata al loro contestuale trasferimento alla società di cartolarizzazione, con la previsione che i beni vanno a costituire un patrimonio separato da quello delle società (v. cit. art. 2, co. 2, l. 410/2001). 3. IL PAGAMENTO DEI CREDITI DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 3.1. Il procedimento di spesa L adempimento delle obbligazioni pecuniarie con il pagamento da parte dell amministrazione è parte di attività amministrativa, disciplinata dal diritto della contabilità pubblica. Principio cardine di questa disciplina è quello del bilancio preventivo, che opera nell ambito di tutte le amministrazioni pubbliche: esso stabilisce che tutte le spese devono trovare copertura in una previsione di bilancio. 9

10 La spesa è quindi legittima se trova corrispondenza e capienza nelle previsioni di bilancio dell ente: contabilmente, ogni fatto od atto produttivo di un obbligo di pagamento per l amministrazione dà luogo ad un procedimento di spesa. Il procedimento di spesa, norma interna, non è condizione per la liquidità ed esigibilità del credito verso la pubblica amministrazione, che ne prescinde totalmente 24, né incide sulla decorrenza degli interessi di mora. Secondo la giurisprudenza «il credito che l amministrazione è tenuta a soddisfare ad una data scadenza, pure in difetto di domanda, è produttivo di interessi dalla stessa scadenza, anche se manchi l impegno e l ordinazione della spesa e vi siano contestazioni sull an e sul quantum» 25. a) L impegno di spesa Il primo passo del procedimento è la determinazione della somma da pagare, compiuta dall ufficio di ragioneria dell ente, in relazione ad un obbligazione giuridicamente perfezionata, la determinazione del soggetto creditore e la ragione (atto, contratto, provvedimento, riconoscimento di debito, ecc ), a cui segue la costituzione del vincolo sulle previsioni di bilancio. Registrata la spesa sul capitolo di bilancio, le somme sono accantonate e rese indisponibili fino al momento del pagamento. b) La liquidazione della spesa L impegno di spesa crea un vincolo, ma non coincide col pagamento e non avvia ancora il procedimento di spesa: all impegno segue la fase della liquidazione, che si concretizza con l ordinazione del pagamento, attraverso gli uffici di tesoreria, che ricevono dei mandati di pagamento, di regola, evasi con bonifici bancari La cessione pro soluto dei crediti È un fatto che l istituzione dell euro introdotto col d. lgs. 24 giugno 1998, n. 213 abbia sottratto allo Stato debitore la tradizionale arma della svalutazione della moneta. A fronte della difficoltà cronica delle pubbliche amministrazioni di pagare regolarmente i propri debiti, il legislatore è intervenuto con provvedimenti di dubbia utilità, uno dei quali è rappresentato dalla disciplina della cessione dei crediti: l art. 13 della legge di stabilità per il 2012 (l. 12 novembre 2011, n. 183) 26 dispone che le Regioni e gli enti locali, al fine di consentire al creditore la cessione pro soluto a favore di banche o intermediari finanziari dei crediti vantati nei loro confronti, certificano, su istanza del creditore, che il credito sia certo, liquido ed esigibile. 24 Cass. Sez. Un. 8 giugno 1985, n Cons. Stato, Ad. Plen., 7 aprile 1981, n Ulteriori disposizioni in materia sono state date dall art. 13bis, d.l. 7 maggio 2012, n. 52, conv. in l. 6 luglio 2012, n

11 In attuazione di questa disposizione, sono stati emanati i dd. mm. 22 maggio e 25 giugno 2012, che hanno fissato il termine di sessanta giorni per il rilascio della certificazione, pena, in caso di ingiustificato rifiuto o ritardo, la nomina (su istanza del creditore) di un commissario ad acta, che dovrà provvedere entro 50 giorni. I crediti così certificati possono essere ceduti o compensati con i debiti per le somme iscritte a ruolo entro il 30 aprile 2012 per tributi erariali, regionali o locali, nonché per contributi previdenziali od assistenziali ovvero per entrate spettanti all amministrazione che ha rilasciato la certificazione. Due sono le critiche rivolte a questa disciplina, la prima di opportunità: quale vantaggio può avere per il creditore perseguire la strada della certificazione per poi arrivare alla cessione, considerati i suoi tempi lunghi, in confronto con quelli del procedimento ingiuntivo telematico, utilizzato dai principali uffici giudiziari? Il secondo, di convenienza economica: il risultato pratico della disciplina della cessione pro soluto, è quella di gravare ex lege il creditore, più che la pubblica amministrazione debitrice, di ulteriori costi, quali quelli della procedura di certificazione e della cessione del credito alle banche, oltre a quelli che ha già subito per l inadempimento Il programma di pagamento dei debiti della pubblica amministrazione Il problema del pagamento dei crediti dei privati è diventato più pressante dopo l attuazione della Direttiva 2000/35/CE, relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali. Il d. lgs. 9 novembre 2012, n. 192, ha modificato il d. lgs. 9 ottobre 2002, n. 231 sui termini di pagamento; in particolare, l art. 7 ha stabilito che «nelle transazioni commerciali in cui il debitore è una pubblica amministrazione è nulla la clausola avente ad oggetto la predeterminazione o la modifica della data di ricevimento della fattura». Il Governo questa volta ha affrontato il problema come si dovrebbe, approntando un piano di pagamenti e stanziando risorse a questo fine. Gli artt. 3 e 3bis, d.l. 8 aprile 2013, n. 35, conv. in l. 1 giugno 2013, n. 64, contengono «disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione», al 31 dicembre 2012, oltre a nuove norme in materia di certificazioni e cessione dei crediti. Al d.l. 35/2013, ha fatto seguito il d.l. 66/2014, che ha disposto una disciplina analoga per il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione maturati al 31 dicembre I pagamenti, che, secondo le notizie di stampa, riguardano circa il 20-30% dei debiti della pubblica amministrazione sono in corso. Ogni ulteriore commento è prematuro, se son rose.. 4. L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI 27 Per le Istruzioni per il completamento del pagamento dei debiti pregressi delle pubbliche amministrazioni verso i propri creditori, cfr. Circ. n. 18/5 giugno 2014 della Rag. Gen. Dello Stato. 11

12 Nonostante la tendenziale privatizzazione del patrimonio nella pubblica amministrazione, con il trasferimento nel patrimonio disponibile, apra prospettive di sviluppo alle procedure esecutive per espropriazione mobiliare ed immobiliare, l espropriazione dei crediti rimane tuttora la procedura esecutiva che consente la maggiore soddisfazione per il creditore L art. 14 d.l. 31 dicembre 1996, n. 669, conv. in l. 28 febbraio 1997, n. 30 Il termine per l adempimento spontaneo della pubblica amministrazione Dispone l art. 14, co. 1, d.l. 31 dicembre 1996, n. 669, che «le amministrazioni dello Stato e degli enti pubblici non economici completano le procedure per l esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali e dei lodi arbitrali aventi efficacia esecutiva e comportanti l obbligo di pagamento di somme di denaro entro il termine di centoventi giorni dalla notificazione del titolo esecutivo. Prima di tale termine il creditore non può procedere ad esecuzione forzata, né alla notifica di atto di precetto». L art. 14, co. 1, d.l. 669/96, che deroga alla regola generale di cui all art. 479, co. 3, c.p.c., non impedisce solo l esercizio dell azione esecutiva prima della decorrenza del termine dilatorio dei 120 giorni, ma anche la notificazione dell atto di precetto di cui all art. 480 c.p.c. Il riferimento all atto di precetto significa che mentre nei rapporti tra privati il creditore deve attendere dieci giorni dalla notificazione del precetto prima di avviare l azione esecutiva con la richiesta del pignoramento, nei confronti delle pubbliche amministrazioni il termine dei dieci giorni è preceduto da un altro termine dilatorio di 120. L art. 14, cit., non si giustifica per ragioni di natura processuale, ma considerata la fisiologica complessità del procedimento di contabilità pubblica di spesa - per la necessità di dare alla pubblica amministrazione uno spatium adimplendi, evitando il blocco dell attività amministrativa derivante da ripetuti pignoramenti. Il termine dilatorio, che costituisce una condizione di procedibilità dell esecuzione civile, ha superato la verifica di costituzionalità: secondo la Corte Costituzionale la norma contempera l interesse del privato alla realizzazione del suo diritto, con quello generale ad una ordinata gestione delle finanze pubbliche, risultando la responsabilità pubblica, non esclusa, ma disciplinata entro un ragionevole limite temporale, giustificato dalle particolari regole di contabilità e di tesoreria applicabili agli enti pubblici 28. Il riferimento agli enti pubblici non economici, ha tuttavia aperto ad una casistica giurisprudenziale che ha esteso l applicazione della norma anche ad enti non soggetti alle regole della contabilità pubblica, quali l ACI- Automobil Club d Italia 29, i Consorzi di Bacino istituiti per legge 30 e la Banca 28 Corte Cost. 23 aprile 1998, n. 142, in Foro It., 1999, I, Cass. 11 giugno 2003, n. 9352, che qualifica l ACI come ente pubblico non economico ed il Trib. Napoli 15 dicembre 2008, cit. in AULETTA (diretta da), Le espropriazioni presso terzi, R.ROSSI, L espropriazione presso terzi di crediti e cose della pubblica amministrazione, 346, n Ad esempio, il Consorzio Unico di bacino per le province di Caserta e Napoli, istituito per far fronte all emergenza rifiuti, dall art. 11, co. 8, d.l. 23 maggio 2008, n. 90, conv. in l. 14 luglio 2008, n. 123, è stato ritenuto dal Tribunale di Napoli ente pubblico non economico. 12

13 d Italia, considerata unanimamente dalla giurisprudenza ente pubblico non economico, sulla base della sua qualificazione come istituto di diritto pubblico ai sensi dell art. 20, r.d.l. 12 marzo 1936, n. 375 e dell art. 19, co. 2, l. 28 dicembre 2005, n Dal punto di vista oggettivo, il differimento dell azione esecutiva è circoscritto alla ricorrenza di due presupposti: i) la fonte del credito, rappresentata da un titolo giudiziale esecutivo o da un lodo arbitrale; ii) la natura pecuniara dell oggetto della prestazione. Quanto al primo presupposto, la conseguenza è che l art. 14 cit., insuscettibile di applicazione analogica o estensiva, non si applica ai titoli esecutivi stragiudiziali, in quanto per essi, l impegno di spesa con costituzione del vincolo sulla quota di uno stanziamento di un capitolo di bilancio dovrebbe essere già stato compiuto dall amministrazione al momento dell assunzione dell obbligo in via negoziale. Quanto al secondo, il termine dilatorio non si applica alle statuizioni di condanna della pubblica amministrazione ad una prestazione di natura diversa, di fare, di non fare, di consegna, di rilascio. L art. 14 cit. non si applica per la Cassazione al giudizio di ottemperanza, anche se la questione è tuttora controversa 32. Con un eccesso di formalismo, la Cassazione ha applicato il termine dilatorio anche all intervento nell esecuzione, in quanto l intervento è una delle possibili forme di esercizio dell azione esecutiva 33. Concludendo, dal punto di vista sistematico, il decorso del termine dei centoventi giorni è: presupposto di efficacia del titolo esecutivo, ope legis sospesa in pendenza del termine, requisito di validità del precetto 34, condizione di ammissibilità dell azione esecutiva. Dal punto di vista processuale, il difetto di ammissibilità dell azione esecutiva può emergere su impulso della pubblica amministrazione debitrice, con istanza al giudice ex art. 486 c.p.c. ovvero attraverso una formale opposizione all esecuzione ex art. 615 c.p.c., trattandosi di contestazione 31 Cass. Sez. Un. 24 settembre 2010, n ; Id. Sez. Un. 21 luglio 2006, n , in Foro It., 2007, I, 460 e Id. Sez. Un. 1 ottobre 2003, n , in Giur. It., 2004, Per l inapplicabilità del termine ex art. 14 al giudizio di ottemperanza, cfr. da ultimo, Cass. 24 settembre 2010, n e, per la rassegna dei contrastanti indirizzi, RAIOLA, Termine di grazia per i pagamenti delle pubbliche amministrazioni e giudizio di ottemperanza: l art. 14, d.l. n. 669 del 1996 alla prova della «esecuzione innanzi alla g.a.», in Riv. Esec. Forz., 2009, Cass. 18 aprile 2012, n L inosservanza del termine rende nullo il precetto intempestivamente intimato, v. Cass. 24 febbraio 2011, n

14 del diritto del creditore a procedere ad esecuzione forzata, promuovibile anche dopo l inizio dell esecuzione. 35 Nella prospettiva del giudice dell esecuzione, il rispetto del termine, quale condizione di ammissibilità dell azione, è oggetto di verifica ex officio, il cui esito negativo estingue il procedimento esecutivo 36. L ordinanza che rileva il vizio è a sua volta opponibile ai sensi dell art. 617 c.p.c. nei venti giorni successivi. Il luogo della notificazione degli atti esecutivi Dispone l art. 14, co. 1- bis, prima parte, d.l. cit., che «gli atti introduttivi del giudizio di cognizione, gli atti di precetto nonché gli atti di pignoramento e sequestro devono essere notificati a pena di nullità presso la struttura territoriale dell'ente pubblico nella cui circoscrizione risiedono i soggetti privati interessati (ndr. laddove possibile)e contenere i dati anagrafici dell'interessato, il codice fiscale ed il domicilio». Per le amministrazioni dello Stato, l atto di precetto si notifica ex artt. 480, ult. co. c.p.c. e 144 c.p.c., a pena di nullità, all ufficio amministrativo debitore. Da ricordare che nel processo esecutivo si applica l art. 479 c.p.c., che prevede la notificazione degli atti esecutivi alla parte personalmente 37. La notificazione del precetto e degli atti esecutivi non si effettua presso l Avvocatura dello Stato, competente per territorio ai sensi dell art. 11, r.d. 30 ottobre 1933, n. 1611, in quanto questa norma è ritenuta applicabile solo agli atti giudiziali. La competenza per territorio Nella procedura esecutiva presso terzi, la competenza per territorio spetta al giudice del luogo di residenza del terzo debitore, ai sensi dell art. 543, co. 2, n. 4 c.p.c. La regola sulla competenza subisce una deroga a favore degli enti previdenziali, il cui evidente scopo è quello di concentrare le procedure esecutive presso le sedi dei giudici che hanno emesso i decreti ingiuntivi di pagamento. Stabilisce, infatti, l art. 14, co. 1- bis, seconda parte, cit., che «il pignoramento di crediti di cui all'articolo 543 del codice di procedura civile promosso nei confronti di Enti ed Istituti esercenti forme di previdenza ed assistenza obbligatorie organizzati su base territoriale, deve essere instaurato, a pena di improcedibilità rilevabile d'ufficio, esclusivamente innanzi al giudice dell'esecuzione (della sede principale) del Tribunale nella cui circoscrizione ha sede l'ufficio giudiziario che ha emesso il provvedimento in forza del quale la procedura esecutiva è promossa». 35 L esperibilità del rimedio dell opposizione all esecuzione è orientamento consolidato della S.C.: ex multis, v. Cass. 23 febbraio 2010, n. 4357; Cass. 26 marzo 2009, n. 7360; per la giurisprudenza amministrativa, v. Tar Lazio, Roma 24 gennaio 2008, n Tar Lazio, Roma 531/2008 cit. 37 Cass. 19 dicembre 2003, n ; da segnalare l orientamento contrario, ma isolato di Cass. 28 febbraio 2007, n

15 Decadenza e perdita di efficacia del pignoramento presso terzi «Il pignoramento perde efficacia quando dal suo compimento è trascorso un anno senza che sia stata disposta l'assegnazione. L'ordinanza che dispone ai sensi dell'articolo 553 del codice di procedura civile l'assegnazione dei crediti in pagamento perde efficacia se il creditore procedente, entro il termine di un anno dalla data in cui è stata emessa, non provvede all'esazione delle somme assegnate» (art. 14, co. 1- bis, seconda parte, cit.). la norma introduce due limiti di efficacia nell ambito del procedimento esecutivo presso terzi contro gli enti pubblici, che si traducono in termini acceleratori posti a carico del creditore procedente: il primo prevede che l inefficacia del pignoramento se il giudice non abbia disposto l assegnazione dei crediti entro un anno dalla sua notificazione. È controverso se si tratti di un inefficacia rilevabile d ufficio dal giudice dell esecuzione o relativa, subordinata, quindi, all eccezione del debitore esecutato: in una visione sistematica delle esecuzioni contro la pubblica amministrazione, considerato che, come si vedrà infra, l eccezione di impignorabilità dei crediti della pubblica amministrazione, perché destinati a funzioni pubbliche essenziali, è rilevabile d ufficio, ritengo che lo sia anche questa eccezione Il secondo limite temporale dispone l inefficacia dell ordinanza di assegnazione dei crediti del giudice dell esecuzione, se il creditore procedente non abbia provveduto nell anno successivo ad esigere le somme od il credito assegnato. La norma parla di esazione delle somme assegnate, termine che pare indicare l avvio della procedura di riscossione, che coincide con la notificazione dell ordinanza di assegnazione delle somme al terzo pignorato: l ordinanza deve dunque essere notificata entro un anno dalla sua emissione, pena la perdita della sua efficacia I soggetti dell esecuzione presso terzi Il terzo pignorato ed il regime della tesoreria unica Il ruolo del terzo pignorato nelle espropriazione in danno degli enti pubblici è oggetto di una specifica disciplina legislativa. In questo contesto, particolare importanza riveste la disciplina relativa al sistema di c.d. tesoreria unica, istituito dalla l. 29 ottobre 1984, n. 720, più volte modificata. Il sistema è stato introdotto per porre un freno all indebitamento dello Stato: anziché finanziare gli enti sulla base del loro bilancio preventivo, il sistema della tesoreria unica permette di finanziare l ente dopo che ha speso le risorse che gli spettano e non prima. Il sistema si fonda su due pilastri: a) l accentramento in contabilità speciali aperte presso la tesoreria provinciale dello Stato servizio affidato ex lege alla Banca d Italia di tutti i fondi di pertinenza degli enti pubblici, sia derivanti da 15

16 entrate c.d. proprie (introiti tributari o derivanti da attività di diritto privato), che da entrate c.d. derivate (contributi e trasferimenti provenienti dal bilancio dello Stato o da altre pubbliche amministrazioni); b) l affidamento alla banca tesoriera o cassiera dell ente della gestione dei fondi giacenti in tesorerie provinciale e del compimento, quale organo esecutivo dell ente, delle operazioni di incasso e pagamento, a valere appunto sulle predette contabilità speciali. La tesoreria unica costituisce un sistema intrecciato nel quale la banca tesoriera dell ente pubblico opera in permanente coordinazione con la tesoreria provinciale. Il tesoriere dell ente pubblico conosce e controlla i flussi, le giacenze ed i saldi delle contabilità speciali. In questo modo: i) Le liquidità affluiscono presso la tesoreria provinciale, ii) L ente pubblico ha la disponibilità dei fondi giacenti presso le contabilità speciali, iii) Il tesoriere effettua i pagamenti come organo esecutivo dell ente, utilizzando le risorse detenute dalla tesoreria provinciale: il tesoriere riceve i mandati emessi dall ente, controlla la capienza degli stanziamenti di bilancio ed esegue le scritturazioni richiedendo alla tesoreria provinciale di imputare le operazioni sulle contabilità speciali, iv) La regolazione dei rapporti tra dare ed avere tra tesoriere dell ente e tesoreria provinciale avviene in stanza di compensazione, presso la tesoreria provinciale. Attualmente lo Stato e tutti gli enti pubblici operano obbligatoriamente col sistema della tesoreria unica. Sino al 31 dicembre 2014 il sistema della tesoreria unica si applica alle Regioni, ordinarie ed a statuto speciale, alle province autonome di Trento e Bolzano, agli enti locali di cui al d.lgs. 267/00, alle Asl, alle aziende ospedaliere, ai policlinici universitari, alle autorità portuali, alle aziende municipalizzate ai sensi dell art. 35, co. 8, d.l. 24 gennaio 2012, n. 1, conv. in l. 24 marzo 2012, n. 27 (per un elenco completo, rinvio alla tabella A allegata alla l. 720/1984). Quanto agli effetti del sistema sulla procedura esecutiva presso terzi, l art. 1- bis, l. 720/1984, ha testualmente attribuito al cassiere o alla banca tesoriera dell ente la funzione di terzo pignorato, nonostante, formalmente, non sia debitore dell ente pubblico esecutato, né depositario delle somme, che giacciono presso la tesoreria provinciale. Dispone, infatti, l art. 1- bis cit. che «co. 1. I pignoramenti ed i sequestri, a carico degli enti ed organismi pubblici ( ) delle somme affluite nelle contabilità speciali intestate ai predetti enti ed organismi pubblici si eseguono, secondo il procedimento disciplinato al capo III del titolo II del libro III del codice di procedura civile, con atto notificato all'azienda o istituto cassiere o tesoriere dell'ente od organismo contro il quale si procede, nonché al medesimo ente od organismo debitore. co. 2. Il cassiere o tesoriere assume la veste del terzo ai fini della dichiarazione di cui all'articolo 547 del codice di procedura civile e di ogni altro obbligo e responsabilità ed è tenuto a vincolare l'ammontare per cui si procede nelle contabilità speciali con annotazione nelle proprie scritture contabili». Il quadro normativo è completato dal co. 4- bis, del medesimo art. 1- bis, il quale vieta espressamente, a pena di nullità rilevabile anche d ufficio, i pignoramenti presso le sezioni di tesoreria dello Stato e le sezioni decentrate del banco posta, pignoramenti che, se per errore 16

17 notificati, non obbligano le tesorerie ad effettuare accantonamenti, né sospendono l'accreditamento di somme nelle contabilità intestate agli enti ed organismi pubblici. Per gli enti locali, anch essi soggetti alla disciplina della tesoreria unica, l art. 159, co. 1, TUEL, d. lgs. 18 agosto 2000, n. 267, riprende sostanzialmente il divieto dell art. 1- bis cit., stabilendo che non sono ammesse procedure di esecuzione e di espropriazione forzata nei confronti degli enti locali presso soggetti diversi dai rispettivi tesorieri: gli atti esecutivi eventualmente intrapresi non determinano vincoli sui beni oggetto della procedura espropriativa. In chiusura, stante l inderogabilità della disciplina sulla tesoreria unica, è inammissibile l eventuale espropriazione intrapresa contro un terzo, che non sia né banca tesoriera, né tesoreria provinciale L oggetto dell esecuzione presso terzi Il vincolo di impignorabilità Come rilevato nella trattazione dei beni pubblici, l azione esecutiva colpisce, nella quasi totalità, crediti pecuniari iure privatorum oppure somme di denaro già nella titolarità della pubblica amministrazione debitrice. Come osservato, sono beni impignorabili, perché facenti parte del patrimonio indisponibile, i crediti pecuniari di diritto pubblico, che derivano dall esercizio di pubbliche potestà.ciò che esclude dal pignoramento i crediti pecuniari è, pertanto, la loro destinazione a finalità pubbliche, che attribuisce alla pubblica amministrazione la titolarità del credito e la disciplina del rapporto. Quanto al denaro, bene disponibile e fungibile per eccellenza, perché possa concretarsi la sua destinazione a pubblico servizio con il suo assorbimento nel patrimonio indisponibile ex art. 826, ult. co., c.c., è necessaria un attività individualizzante e di vincolo, consentita solo ad un atto legislativo o regolamentare, che nel primo trovi la sua fonte 38. Anche se è difficile per il creditore provarlo, l efficacia del vincolo è condizionata dall effettivo utilizzo secondo gli scopi prestabiliti delle somme dichiarate indisponibili: l impignorabilità non opera, infatti, quando l ente distragga le somme e non le impieghi per le finalità pubbliche. Quanto all efficacia esterna della delibera di vincolo, essa, che deve essere notificata al tesoriere dell ente, è opponibile ai terzi creditori dalla data della sua adozione e continuerà ad esserlo solo se l ente pubblico nei pagamenti rispetterà l «ordine cronologico delle fatture». Questa regola costituisce il frutto di ripetute pronunce della Corte Costituzionale: la sentenza 29 giugno 1995, n subordinò l impignorabilità dei fondi delle Usl, oltre che all adozione di una delibera trimestrale di quantificazione, all emissione di mandati di pagamenti nel rispetto dell ordine cronologico delle fatture o delle delibere di spesa (con riferimento all art. 1, co. 5, d.l. 18 gennaio 1993, n. 9). 38 Corte Cost. 21 luglio 1981, n Corte Cost. 29 giugno 1995, n. 285, in Foro It., 1995, I,

18 La sentenza 18 agosto 2003, n. 2011, ritornò sull argomento, dichiarando incostituzionale la parte dell art. 159 TUEL (d. lgs. 18 agosto 2000, n. 267), che non menzionava l obbligo di rispettare l ordine cronologico delle fatture e degli impegni di spesa 40, con la conseguenza che: la sottrazione all esecuzione forzata è subordinata alle concorrenti condizioni: - che le pubbliche amministrazioni (ndr. le Regioni) con delibera semestrale, abbiano quantificato le somme necessarie alla soddisfazione di interessi pubblici specificamente individuati e - che nei pagamenti abbiano rispettato l ordine cronologico delle fatture e degli impegni di spesa. Dalla giurisprudenza della Corte Costituzionale si estraggono, dunque, i seguenti principi: a) la sottrazione all esecuzione forzata dei crediti e delle somme degli enti pubblici è soggetta a riserva di legge e dev essere stabilita da una norma o da un atto amministrativo, che alla legge si rifaccia; b) l impignorabilità dei crediti e delle somme è compatibile con le regole dell ordinamento, purché l ente pubblico: I) la subordinazione dell impignorabilità all adozione di una delibera che quantifichi le somme necessarie per soddisfare gli interessi pubblici specificamente individuati e la notifichi al tesoriere; II) il rispetto, da parte dell ente pubblico, dell ordine cronologico nei pagamenti delle fatture e degli impegni di spesa. L emersione del vincolo di impignorabilità ed i rimedi processuali È dovere del tesoriere, quale ausiliario del giudice, dichiarare se esistano presso di lui somme di cui è debitore verso l ente pubblico e quale ne sia la condizione in rapporto alla delibera di destinazione a lui notificata ed ai pagamenti successivi 41. Spetta al giudice dell esecuzione, anche d ufficio, accertare, in base alla documentazione depositata ed alle osservazioni del creditore procedente, se il pignoramento sia nullo per essere caduto su somme destinate in base alla delibera notificata al tesoriere ovvero se il vincolo di destinazione sia decaduto per l effettuazione di pagamenti in violazione dell ordine cronologico. Secondo la giurisprudenza della Cassazione (cit. n. 40) non ha rilevanza la comparizione o meno del debitore pubblico all udienza stabilita per la dichiarazione del terzo e che sollevi o meno questioni in ordine alla pignorabilità delle somme giacenti presso il tesoriere; tesoriere che ha l onere di dichiarare ogni fatto rilevante circa la pignorabilità ed al quale, in presenza di contestazioni da parte del creditore, il giudice può domandare la necessaria documentazione. Sul creditore non incombe la prova peraltro, difficilmente deducibile dell inosservanza dell ordine cronologico nei pagamenti, potendo limitarsi ad avanzare il sospetto della violazione del precetto. 40 Corte Cost. 18 giugno 2003, n. 211, in Foro It., 2003, I, Cass. 16 settembre 2008, n

19 È sulla base della dichiarazione e della documentazione presentata dal tesoriere che il giudice dell esecuzione riterrà esistenti le condizioni cui si ricollega l effetto dell impignorabilità e la conseguente nullità del pignoramento ovvero le riterrà inesistenti, facendo luogo all assegnazione dei crediti. Quanto ai rimedi utilizzabili dalle parti nell ambito dei procedimenti diretti alla realizzazione dei crediti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, la non pignorabilità dei crediti, in funzione della dichiarazione di nullità del pignoramento, può essere contestata dall amministrazione debitrice con l opposizione all esecuzione ex art. 615 c.p.c. Come osservato, l impignorabilità può essere anche rilevata d ufficio dal giudice ed in tal caso il provvedimento del giudice potrà essere impugnato con l opposizione agli atti esecutivi da parte del creditore procedente, ex art. 617 c.p.c. Parimenti la pubblica amministrazione potrà proporre l opposizione agli atti esecutivi avverso l ordinanza di assegnazione somme, che ritenesse illegittima 42. La stessa questione della pignorabilità dei crediti, se contestata dalla pubblica amministrazione ex art. 615 c.p.c. o dal creditore procedente ex art. 617 c.p.c. ha, dunque, un diverso trattamento processuale: nel primo caso gode del doppio grado di giurisdizione, nel secondo, è decisa in unico grado. Conseguenze della recente novella del procedimento di espropriazione presso terzi Le particolarità del procedimento esecutivo presso la pubblica amministrazione devono confrontarsi con le recenti modifiche al procedimento di espropriazione dei crediti introdotte dalla l. 24 dicembre 2012, n Per effetto della novella, avviato il procedimento con l atto di citazione e pignoramento presso terzi notificato dal creditore procedente, l oggetto dell esecuzione può essere determinato dalla dichiarazione stragiudiziale del terzo, debitor debitoris, ai sensi nel nuovo art. 547 c.p.c. Se non sorgono contestazioni, il giudice assegna il credito ai sensi dell art. 553 c.p.c.; se sorgono, le risolve, compiuti i necessari accertamenti, con ordinanza ai sensi dell art. 549 c.p.c. Se il terzo (ndr. il tesoriere) non compare all udienza stabilita, il credito pignorato si ha per riconosciuto e il giudice può assegnare il credito ai sensi dell art. 553 c.p.c., anche se assolutamente impignorabile. In questo rinnovato contesto, se l amministrazione non si oppone, la verifica della pignorabilità dei crediti e delle somme dell ufficio pubblico, è affidata esclusivamente all esercizio dei poteri ufficiosi del giudice Le contabilità speciali ed il pignoramento c.d. contabile Il pignoramento c.d. contabile è una procedura espropriativa, diversa dagli archetipi del codice di rito, prevista per le contabilità speciali delle Prefetture, delle Forze Armate, della Guardia di 42 Cass. 23 agosto 2011, n

20 Finanza, della Polizia di Stato, del Corpo dei Vigili del Fuoco, del Corpo della Polizia Penitenziaria, del Ministero dell Interno, del Ministero della Giustizia e della Direzione Nazionale Antimafia. Questo particolare pignoramento è disciplinato dall art. 1, d.l. 25 maggio 1994, n. 313, conv. in l. 22 luglio 1994, n Le contabilità speciali dello Stato Preliminare al commento dell istituto, è la definizione delle c.d. contabilità speciali. Le contabilità speciali istituite originariamente dall art. 585, r.d. 23 maggio 1924, n costituiscono un particolare sistema di decentramento della spesa, realizzato delegando un organo periferico dell amministrazione a provvedere autonomamente alle proprie necessità funzionali, per mezzo di fondi messi a sua disposizione, con accredito presso la sezione di tesoreria provinciale dello Stato. Esempio tipico nell amministrazione centrale dello Stato di contabilità speciale è quella del Cassiere del Ministero dell Interno, a cui fanno capo circa 103 contabilità speciali intestate ai Prefetti, ai Commissari delle Provincie autonome di Trento e Bolzano ed al Presidente della Regione Valle d Aosta. Le contabilità speciali sono analoghe al conto corrente bancario: si tratta di conti particolari accesi a favore delle amministrazioni, enti o funzionari pubblici, presso le Sezioni di tesoreria provinciale, utilizzabili dai beneficiari per effettuare pagamenti mediante l emissione di appositi capitoli di spesa. Le contabilità speciali devono essere preventivamente autorizzate dalla Direzione generale del Tesoro (art. 585, c. 2, Reg. contabilità pubblica). L art. 1, co. 1, l. 460/1994, in commento, riguarda soprattutto - le contabilità intestate a prefetti, corpi militari dello Stato e si effettuano a mezzo di funzionari delegati; presso ogni sezione provinciale di tesoreria è istituita una contabilità speciale a loro intestata ove affluiscono i versamenti autorizzati, con ordini di accredito mensili dell Amministrazione centrale del Tesoro. Gli ordini vengono eseguiti con l accredito dell importo nel conto di contabilità speciale. Per ogni ufficio o ente viene emesso mensilmente un ordinativo: quello per il pagamento dei fornitori o dei creditori è accreditato sul c/c postale dell ente. Gli ordini sono esigibili dai tesorieri degli enti stessi o dai responsabili di cassa, con emissione di quietanza; ogni qualvolta questi soggetti si recano presso la Tesoreria a riscuotere gli ordinativi, il funzionario responsabile compila il c.d. trittico, composto da matrice contabile, atto di riscossione o delegazione e avviso di riscossione. Riscossi i fondi concessi in conto anticipazioni, gli uffici beneficiati trasmettono alla Direzione del Tesoro una dichiarazione di ricevuta, contenente l indicazione della somma ricevuta, suddivisa per capitoli di spesa. Le contabilità sono speciali perché derogano alle regole ordinarie di gestione del denaro pubblico e non sono sottoposti alla legge ed al regolamento di contabilità generale dello Stato (R.D. 2440/

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

I beni pubblici. Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO. Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO -

I beni pubblici. Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO. Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO - Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO - I beni pubblici Prof. ssa Francesca DI LASCIO (dilascio@uniroma3.it) SOMMARIO: 1. BENI ED INTERESSI PUBBLICI;

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE

OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO E OPPOZISIONI ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 1 INDICE 1. PREMESSA 2. LE OPPOSIZIONI ALLE CARTELLE DI PAGAMENTO ED ALL ESECUZIONE ESATTORIALE 3. CONCLUSIONI PREMESSA 2

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

IL RIPRISTINO DEL SISTEMA DI TESORERIA UNICA PER GLI ENTI PUBBLICI TERRITORIALI: NORMATIVA E IMPATTI

IL RIPRISTINO DEL SISTEMA DI TESORERIA UNICA PER GLI ENTI PUBBLICI TERRITORIALI: NORMATIVA E IMPATTI IL RIPRISTINO DEL SISTEMA DI TESORERIA UNICA PER GLI ENTI PUBBLICI TERRITORIALI: NORMATIVA E IMPATTI 1. Premessa L art. 35 del D.L. n.1/2012 (Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015 CIRCOLARE N. 24/E R RrRrrr Direzione Centrale Pubblicità Immobiliare e Affari Legali Roma, 17 giugno 2015 OGGETTO: Tabelle degli atti soggetti a trascrizione o a iscrizione e delle domande di annotazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli