Indice. Diritto Privato Comparato. 2 di 13

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Diritto Privato Comparato. 2 di 13"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI DIRITTO PRIVATO COMPARATO LEZIONE IX I TITOLI DI CREDITO NEL DIRITTO COMPARATO PROF.SSA ANNAFLORA SICA

2 Indice 1 Due Contrapposte Aree I Titoli di Credito In Civil Law I Titoli di Credito In Common Law La Cambiale e L'assegno L'assegno Falsificato di 13

3 1 Due contrapposte aree Nella materia dei titoli di credito (negotiable instruments nella terminologia inglese, Wertpapiere in quella tedesca, effets de commerce in quella francese) bisogna distinguere fra due grandi aree: da un lato quella di common law, e dall'altro quella dei paesi di civil law che hanno aderito alle citate convenzioni di Ginevra del 1930 e del 1931 sulla cambiale e sull'assegno. Nella prima area vengono in considerazione, per la Gran Bretagna, il Bills of Exchange Act del 1882 e il Cheques Act del 1957 e, per gli Stati Uniti, il 3 dell'uniform Commercial Code (in precedenza il Negotiable Instruments Act del 1896), fra i quali esiste un alto grado di omogeneità ed ai quali si ispira il diritto dei negotiable instruments degli altri paesi di common law. Nella seconda area operano le leggi nazionali che si sono conformate alle citate convenzioni di diritto uniforme, ed alle quali la Gran Bretagna e gli Stati Uniti non aderirono per la profonda differenza dei principi informatori della materia nel diritto anglo-americano rispetto al diritto continentale e per il radicale mutamento delle abitudini e delle prassi del mondo degli affari che l'adesione avrebbe comportato. Bisogna anche avvertire che, nonostante le Convenzioni di diritto uniforme, il diritto dei paesi aderenti ad esse presenta sensibili differenze. Alcune erano autorizzate dalle stesse Convenzioni: per diversi punti, sui quali era stato impossibile raggiungere l'accordo, le Convenzioni concedono agli Stati aderenti le cosiddette «riserve», ossia di legiferare a propria discrezione. Ma anche sui punti concordati permangono differenze, dovute da un lato al fatto che i singoli legislatori nazionali hanno proceduto ciascuno a suo modo nell'opera di adattamento del proprio diritto ai principi uniformi e, d'altro lato, alla successiva interpretazione giurisprudenziale, che ha ulteriormente diversificato le soluzioni che i medesimi problemi ricevono nei vari ordinamenti nazionali. Si deve infine avvertire che sono negotiable instruments in Inghilterra ed effects de commerce in Francia solo la cambiale e l'assegno, mentre i titoli di credito italiani, i Wertpapiere tedeschi e i negotiable instruments americani compongono una più vasta categoria, cui appartengono anche i titoli di investimento (negli Stati Uniti securities) e i titoli rappresentativi di merci (negli Stati Uniti documents of title). 3 di 13

4 Tuttavia, solo in Germania e in Italia c'è una disciplina generale dei titoli di credito, oltre che una disciplina specifica dei singoli titoli, mentre nell'uniform commercial code degli Stati Uniti vengono ripetute norme analoghe per ogni specifica categoria. 4 di 13

5 2 I titoli di credito in civil law Per civil law come per common law una cambiale o un assegno sono, nella loro materialità, pezzi di carta e, dunque, beni mobili. L'intuizione che nel XVII sec. ha dato vita al titolo di credito risiede, nell'avere portato alle estreme conseguenze le natura del documento quale bene mobile: il diritto menzionato sul documento è incorporato, come si suol dire, nel documento quale bene mobile, e questo funziona come «veicolo» del diritto in esso menzionato, il quale circola, anziché secondo le regole di circolazione che gli sono proprie, secondo quelle che governano la circolazione dei beni mobili. Secondo le norme comuni sulla cessione del credito, l'efficacia di questa rispetto al debitore ceduto è subordinata alla notificazione della cessione stessa; e ciò ostacola le esigenze di semplice e rapida circolazione del credito. Ancora: la cessione trasmette il credito a titolo derivativo; è retta, quindi, dal principio per il quale l'avente causa non può acquistare diritti maggiori di quelli spettanti al dante causa. Perciò, il cessionario è esposto alle stesse eccezioni che il debitore ceduto avrebbe potuto opporre al cedente, e ciò rende insicura la cessione, rappresenta una remora alla circolazione del credito, crea diffidenza nel possibile cessionario. Le esigenze di semplicità, rapidità e sicurezza della circolazione del diritto sono soddisfatte, per il titolo di credito, dall'applicazione delle norme sulla circolazione dei beni mobili. La titolarità del diritto si acquista acquistando la proprietà di quel bene mobile che è il documento; e la proprietà dei beni mobili si può acquistare, oltre che a titolo derivativo, anche a titolo originario in forza del possesso di buona fede, secondo la nota regola «possesso vale titolo». Questa regola ha la funzione di rendere rapida e sicura la circolazione dei beni mobili, sollevando l'acquirente di buona fede, che abbia conseguito il possesso del bene (e la buona fede si presume fino a prova contraria), dal rischio che l'alienante non ne fosse il proprietario (o ne fosse, addirittura, il ladro). Applicata ai titoli di credito la regola comporta questa sequenza: 1) il conseguimento del possesso del titolo ne produce l'acquisto della proprietà a titolo originario e, dunque, indipendentemente dal fatto che ne fosse proprietario il precedente possessore; 5 di 13

6 2) l'acquisto della proprietà del titolo comporta l'acquisto della titolarità del diritto in esso menzionato, e ne comporta l'acquisto a titolo originario, superando così in radice i principi della cessione dei crediti. Di qui quel carattere del titolo di credito che è l'autonomia della posizione di ogni successivo possessore del titolo: il diritto menzionato nel titolo sorge, in capo a ciascuno di essi, come diritto autonomo rispetto a quello dei precedenti possessori. E impedito al debitore di opporre al possessore del titolo eccezioni fondate sui rapporti personali con i precedenti possessori (salva l'ipotesi, di cui si dirà fra breve, che vi sia stata collusione, fra l'attuale e il precedente possessore, a danno del debitore). Perciò, il debitore non può opporre al possessore del titolo l'eccezione di compensazione che avrebbe potuto opporre al precedente possessore; né può opporgli le cause di nullità o di annullabilità che investono il contratto di trasmissione del titolo nei successivi passaggi di proprietà che si collocano a monte dell'acquisto da parte dell'ultimo possessore. Non può neppure eccepire, se l'ultimo possessore è in buona fede, che- il precedente possessore aveva rubato il titolo o che aveva falsificato la firma di girata. Questo è un ordine di idee che può dirsi comune a tutti i paesi di civil law. Ma ecco un punto sul quale, nonostante la presenza di una norma uniforme, le soluzioni divergono. Le Convenzioni di Ginevra (art. 17 di quella sulla cambiale, art. 22 di quella sull'assegno) consentono al debitore di opporre al possessore del titolo le eccezioni fondate sui rapporti personali con i precedenti possessori solo se,nell'acquistare il titolo, il possessore ha ag: «scientemente» a danno del debitore. La formula adottata intendeva prendere posizione favore della tesi, preferita in Germania, c richiede la mera consapevolezza, da parte c possessore, del danno per il debitore (cfr. a 17 della legge sulle cambiali tedesca del giugno 1933), in contrasto con la regola vige te in common law ed in contrasto anche con quella vigente in precedenza nell'ordinamento tedesco (v. RG, 21 giugno 1919), che richiedeva l'intesa fraudolenta fra girante e giratario come nel caso della cosiddetta girata di cori do: il possessore, per evitare che il debitore opponga, ad esempio, una eccezione di compensazione, gira il titolo a persona compiacente, cui il debitore non possa opporre alcuna eccezione; oppure nel caso della operazione speculativa posta in essere da girante e giratario a danno del debitore: il giratario acquista titolo per un valore inferiore al suo importo profittando della situazione giuridica ne. quale il girante versa nei confronti del debitore, che può opporgli eccezioni basate sui soli rapporti personali. 6 di 13

7 La più estesa formula ginevrina sembra riferirsi alla mera conoscenza, da parte del giratario, dell'eccezione spettante al debite verso il girante, e rende applicabile la norma anche quando non si sia in presenza né di una girata di comodo (essendo il giratario effetti creditore del girante) né di una operazione speculativa (avendo il giratario pagato il vale commerciale del titolo). Ma in Italia si è verificato questo singolare fenomeno: l'art. 21 de legge sulla cambiale e l'art. 25 della legge sull'assegno usano l'avverbio «scientemente e l'art del codice civile, relativo ai titoli credito in genere, usa l'avverbio «intenzionalmente». Altre divisioni fra i paesi aderenti a Convenzioni di Ginevra si constatano su più generali principi: in materia, anzitutto, di trasferimento del titolo di credito a titolo derivativo. Ci sono paesi che accolgono, secondo modello tedesco, il principio per il quale contratto produce effetto traslativo della proprietà al momento della consegna, e paesi che seguono, secondo il modello francese, il principio del consenso traslativo. Con i primi non si ha motivo di dubitare che anche titoli di credito, al pari di ogni altro bene mobile, si trasferiscono al momento della consegna; nei secondi la dottrina si divide fra coloro che applicano il principio consensualistico anche ai titoli di credito, cosi diversificando la circolazione a titolo derivativo da quella a titolo originario, che richiede il conseguimento del possesso (Bigiavi), e coloro che ritengono che il contratto traslativo dei titoli di credito ne trasferisca la proprietà solo al momento della consegna, il solo consenso avendo effetti meramente obbligatori (cosi Cass., 18 settembre 1970, n. 1549). Una fattispecie emblematica e quella della doppia alienazione del titolo: A vende a B per atto scritto un titolo di credito, ma non glielo consegna; successivamente lo vende a C, e a questo lo consegna. Se alla fattispecie si applica il principio consensualistico C acquista la proprietà a titolo originario, solo se in buona fede al momento della consegna (ossia se ignora la precedente vendita da A a B). Se invece si applica il principio della consegna traslativa, C acquista la proprietà a titolo derivativo, anche se in mala fede (salva, in questo caso, l'azione di danni di B). La teoria che applica il principio consensualistico si imbatte in una difficoltà: non può spiegare come il proprietario non possessore del titolo possa vantare, nei confronti del debitore, un diritto autonomo rispetto ai precedenti portatori del documento, non essendo in grado di basare il proprio diritto su un titolo idoneo a procurargli un acquisto a titolo originario. 7 di 13

8 Anche le differenze intercorrenti fra i paesi che ammettono dichiarazioni astratte e paesi che pongono il requisito della causalità importano un diverso modo di concepire il titolo di credito. Valga un esempio relativo alla cambiale: il debitore ha emesso il titolo a fronte della obbligazione di pagare il prezzo di una vendita, ma il contratto di vendita è nullo. Al portatore del titolo, che lo abbia ricevuto dal primo venditore, il debitore non può opporre la nullità della vendita dalla quale trae origine l'obbligazione e, quindi, la mancanza di causa. In Germania, dove è ammesso il negozio giuridico astratto, non si esita a qualificare la promessa contenuta nel titolo di credito (la promessa dell'emittente un pagherò cambiario o un assegno circolare o la promessa risultante dall'accettazione della cambiale tratta) come un negozio unilaterale astratto (cfr. in questo senso RG 17 maggio 1939). Perciò i giuristi tedeschi spiegano con la regola «possesso vale titolo», ossia con l'acquisto del titolo a non domino, il fatto che possessore di buona fede non sia tenuto a restituire il titolo al suo Vero proprietario (Hueck/Canaris); ma giustificano delle eccezioni con il carattere astratto della promessa contenuta nel titolo. Questo non significa, tuttavia, che il diritto tedesco non conosca un rimedio per ovviare all'iniquità da ciò derivante, rappresentato dalle norme in materia di arricchimento senza causa (cfr. Baumbach/Hefermehl). Dove vige, invece, il principio di causalità la dottrina si divide. Alcuni parlano di una eccezionale ammissione, pur nell'ambito di sistemi retti dalla causalità di una dichiarazione astratta, e perciò ripetono la teoria tedesca, ma con la innovazione per cui un diritto astratto si può conseguire anche senza il possesso, in base al principio consensualistico. Altri elaborano una diversa ricostruzione, già presente nella dottrina tedesca dell'ottocento, e rilevano che non c'e alcun bisogno, per spiegare l'inopponibilità delle eccezioni, di parlare di promessa astratta. L'apparente fenomeno di astrazione dalla causa si verifica solo per effetto della circolazione del titolo: al primo prenditore debitore può ben opporre, trattandosi di eccezione a lui personale, la mancanza di causa nella emissione del titolo (nell'esempio, la nullità del contratto che ha dato luogo all'emissione della cambiale). Per questa dottrina la peculiarità del titolo di credito non sta nell'eccezionale ammissione di una promessa astratta, ma piuttosto nel fatto che il titolo circola secondo la legge di circolazione dei Beni mobili e che l'avente causa del destinatario della promessa acquista a titolo originario la proprietà del documento e, con essa, la titolarità del credito. 8 di 13

9 A ben guardare, la promessa cambiaria promessa di pagamento a persona determinata, non già promessa rivolta a chiunque si renda possessore del titolo. Il terzo possessore non e destinatario della promessa, bensì avente causa del promissario, ed appare incongruo riferire ad un carattere della promessa (qualificandola come materialmente astratta nei confronti del terzo possessore) un effetto giuridico che deriva invece dalla circolazione del titolo. L'eccezione non e tale rispetto al principio di causalità, ma piuttosto rispetto alle norme regolatrici della cessione dei crediti, qui resi suscettibili di acquisto a titolo originario. Insomma, il terzo possessore non esige dal debitore cambiario l'adempimento di una promessa, ma esercita un diritto da altri creato e da lui acquistato a titolo originario; titolo che lo rende immune da ogni eccezione che promittente avrebbe potuto opporre al promissario. 9 di 13

10 3 I titoli di credito in common law Nei paesi di common law il titolo di credito è un negotiable instrument: alla lettera, una scrittura trasferibile. Lo si definisce comunemente come il documento recante l'obbligazione di una determinata somma di danaro, la cui property passa mediante la mera consegna (delivery) o mediante la girata (endorsement) e la consegna. Anche là, come nell'area continentale, la sua essenza si coglie per differenza rispetto alla comune cessione dei crediti. Questa è un assignment (trasferimento) di choses in action, categoria vasta che comprende i diritti di credito e che si contrappone alle choses in possession, che sono i beni di civil law. La cessione dei crediti, ossia 1'assignment of choses in action è ammessa, ma con la notificazione al debitore ceduto, il quale può, come in civil law, opporre al cessionario tutte le eccezioni che avrebbe potuto opporre al cedente, secondo il fondamentale principio nemo dat quod non habet, che qui implica l'ulteriore principio «assignee takes subject all equities (eccezioni) that have matured at the time of notice to the debtor». Come dare vita al negotiable instrument, che superi i limiti propri della cessione dei crediti? Si tratta di passare dalla assignability alla negotiability delle choses in action, che prescinda dalla notifica al debitore e che renda il transferee immune dalle eccezioni opponibili al transferor, secondo il diverso principio per cui transferee does not take subject to equities, che deroghi alla regola nemo dat quod non habet. La risposta a questa domanda discende, in civil law, dalla affermata natura del titolo di credito quale cosa mobile, come tale suscettibile di acquisto a titolo originario, oppure discende dalla affermata natura della promessa cartolare quale promessa astratta. Nulla di simile è possibile nel diritto anglo-americano, giacché il common law ignora la regola «possesso vale titolo», ossia l'acquisto a titolo originario delle cose mobili, come ignora la promessa astratta. Sicché il titolo di credito si presenta come eccezione o deviazione dai principi propri del sistema giuridico, come anomalous instrument, creato dagli usi commerciali per soddisfare le specifiche esi- genze di sicurezza nella circolazione di questi instruments. Chi abbia conseguito in buona fede e a titolo oneroso (in good faith and for value) il possesso di un titolo di credito ne è holder in due course, portatore regolare del titolo, e può in quanto tale esigere dal debitore la prestazione in esso indicata, «sia egli o no proprietario del titolo», 10 di 13

11 in deroga al principio nemo dat quod non habet, anche se lo ha ricevuto da un non proprietario e senza che gli possano essere opposte le eccezioni opponibili ai precedenti portatori del titolo. Ciascun portatore del titolo si presume, fino a prova contraria, essere holder in due course. Ogni definizione corrente del negotiable instrument si completa con la precisazione che esso ha giuridica validità solo in forza di legge o di usi commerciali giudizialmente confermati. Perciò i negotiable instruments sono una figura non del judge made law, ma solo dello statutory law o del law merchant. E ciò contrappone anche sotto altro aspetto i titoli di credito in common law ed in civil law, giacché quest'ultimo conosce anche titoli di credito atipici, creati dall'autonomia privata. Si deve però avvertire che, di fatto, le distanze non sono sensibili: in Inghilterra e negli Stati Uniti gli usi bancari danno vita a sempre nuovi titoli di credito, legittimi perché basati sugli usi commerciali. La deroga al principio nemo dat quod non habet non è però altrettanto estesa quanto è estesa, in civil law, l'autonomia del diritto menzionato sul titolo di credito: al holder in due course è opponibile, oltre che l'eccezione di incapacità o di falsità della propria firma, anche l'eccezione di nullità dell'obbligazione, dovuta a violenza, illiceità del contratto, errore sui caratteri o sulle condizioni essenziali del titolo; e persino la girata con firma falsa impedisce al giratario di buona fede l'acquisto del diritto (sec. 24 Bills of Exchange Act, e 305 Uniform Commercial Code), mentre in civil law il debitore non può opporre al terzo giratario né l'illiceità del contratto, né i vizi della sua volontà nella sottoscrizione del titolo; inoltre, il portatore del titolo all'ordine si legittima sulla base di una serie continua di girate e, se è in buona fede, a nulla rileva che una di esse sia falsa. Il trasferimento della proprietà del titolo si basa sulla consegna, accompagnata dalla girata nei titoli all'ordine (sec. 21, 1, Bills of Exchan- ge Act, 3-201, 3, Uniform Commercial Code, dove la precisazione che «il trasferimento produce effetto solo quando la girata è eseguita e fino a quel momento non opera la presunzione che il possessore sia proprietario del titolo»). Sebbene in common law viga il principio consensualistico, nessuno sembra avere sostenuto che la property di un negotiable instrument possa essere trasferita prescindendo dalla consegna. 11 di 13

12 4 La cambiale e l'assegno Alcune particolarità della cambiale tratta (bili of exchange o draft), del pagherò cambiario (promissory note), dell'assegno bancario (cheque nella terminologia britannica, check in quella americana) meritano di essere segnalate. La cambiale può essere sia all'ordine (to order) sia al portatore (to bearer); è esente da imposta di bollo; non vale come titolo esecutivo, e il portatore insoddisfatto dovrà esercitare una ordinaria azione di cognizione nei confronti del debitore. Il pagamento non pu6 essere parziale; non è richiesto il protesto per mancata accettazione o per mancato pagamento. L'assegno bancario viene considerato come una sottospecie della cambiale tratta, contraddistinta dalla pagabilità, a vista e dalla quality professionale del trattario: tanto il Bills of Exchange Act inglese (sec. 73) quanto l'uniform Commercial Code americano ( 3-104) lo definiscono come «una cambiale tratta su un banchiere pagabile a vista». E si suole dire che oogni cheque e un bill of exchange, ma non ogni bill of exchange e uno cheque» (Chalmers), mentre in civil law cambiale e assegno sono figure del tutto distinte e contrapposte in base alla diversa funzione di strumento di credito e di mezzo di pagamento. L'emissione dell'assegno non richiede, come in diversi paesi continentali, l'esistenza della provvista: e a vuoto solo l'assegno non coperto al momento del pagamento (ma il punto forma oggetto di riserva anche nella Convenzione di Ginevra). L'assegno emesso con la clausola «not negotiable» non rende l'assegno intrasferibile, ma trasferibile con gli effetti di un assignment, ossia con gli effetti della cessione dei crediti. Per rendere l'assegno intrasferibile occorre aggiungere «only» dopo it nome del beneficiario (payee). 12 di 13

13 5 L'assegno falsificato In tutto il mondo sono frequenti i casi di pagamento, da parte della banca, di assegni con falsa firma di traenza o alterati nell'importo oppure di assegni non trasferibili presentati da falso prenditore, che trae in inganno il cassiere con documento d'identità, falsificato. Negli «anelli forti» del mondo bancario si e formata una regola che addossa alla banca il rischio del falso, salva la prova della colpa del correntista: cosi il Bill of Exchange Act inglese (sec. 24); così il codice svizzero delle obbligazioni (art. 1132); cosi l'uniform Commercial Code degli Stati Uniti ( 3-417, 4-207). Si è ragionato in termini di banca come impresa e del rischio del falso come rischio d'impresa, che la banca pu6 ripartire fra tutti i correntisti. Negli altri paesi dottrina e giurisprudenza sono divise, ma si pu6 constatare una evoluzione. Dapprima il rischio del falso veniva addossato al cliente, salva la prova della colpa del banchiere. Poi nuove regole, secondo i procedimenti proprie della formazione del diritto giurisprudenziale, sono emerse. Il terreno sul quale l'innovazione si manifesta e duplice: in primo luogo, quello del grado di diligenza richiesto al banchiere. Secondo l'indirizzo tradizionale si trattava della diligenza media; poi viene introdotto it concetto della diligenza dell'«accorto banchiere»; secondo terreno e quello dell'onere della prova. Secondo un primo indirizzo incombeva sul cliente l'onere di provare la colpa della banca, ma poi si introduce una presunzione di colpa della banca, sul presupposto che l'accorto banchiere e in grado di riconoscere un assegno falsificato, addossando cosi alla banca l'onere di provare che, per l'eccezionale abilità del falsario, il falso non era riconoscibile. Cosi in Italia Cass., 29 giugno 1981, n. 4209, e Cass., 9 maggio 1985, n 2885, che prendono posizione nei confronti dell'asserzione secondo la quale il solo interesse da proteggere e, nel caso del falso, i'interesse della banca; l'attenzione si sposta sulle esigenze di tutela del cliente; ma non solo di questo: risulta favorita, in una pin lungimirante prospettiva, la stessa banca, la quale subirà, occasionalmente, il rischio dei falsi in assegno, ma recupererà largamente la perdita con la pin fiduciosa e pin ampia messe di depositi e di conti correnti bancari. 13 di 13

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO I TITOLI DI CREDITO IN GENERALE (PARTE PRIMA) PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 PREMESSA ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE.

LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE. I TITOLI DI CREDITO IN GENERALE (PARTE SECONDA) PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE. -------------------------------------------------- 3 2 I TITOLI

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

D. Promesse unilaterali e titoli di credito.

D. Promesse unilaterali e titoli di credito. D. Promesse unilaterali e titoli di credito. a. Promesse unilaterali. 150. Tipicità o atipicità delle promesse unilaterali. La disciplina degli atti e dei fatti diversi dal contratto comprende: le promesse

Dettagli

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c.

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. 1 TITOLI DI CREDITO Norme primarie di riferimento: artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. [La disciplina unitaria del codice nasce dalla convinzione dell esistenza di una funzione economica caratteristica dei titoli

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE E AVALLO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L'ACCETTAZIONE

Dettagli

BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI

BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI MILANO - DOTT. A. GIUFFRE EDITORE - 1999 INDICE Premessa XIII Capitolo I CONSIDERAZIONI GENERALI SUI TITOLI DI CREDITO 1. La disciplina dei titoli

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: 1. 1. GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato

I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: 1. 1. GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato Parte Quarta I titoli di credito Capitolo Primo Lineamenti generali dei titoli di credito Sommario: 1. Generalità. - 2. Titoli impropri, di legittimazione e atipici. - 3. Eccezioni opponibili dal debitore

Dettagli

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano

Datio in solutum. di Leonardo Cipriano Datio in solutum di Leonardo Cipriano La datio in solutum (dazione in pagamento o prestazione in luogo dell'adempimento ex art. 1197, co. 1 c.c.) indica la "prestazione in luogo di adempimento", cioè la

Dettagli

Tratta e vaglia cambiario 1.

Tratta e vaglia cambiario 1. Tratta e vaglia cambiario 23 Tratta e vaglia cambiario 1. SOMMARIO 1. Tratta e vaglia cambiario: i requisiti essenziali. 2. Astrattezza e causa. 3. Falsità della firma e falsità della cambiale. 4. Le alterazioni

Dettagli

L'ASSEGNO NEGLI STATI UNITI D'AMERICA

L'ASSEGNO NEGLI STATI UNITI D'AMERICA L'ASSEGNO NEGLI STATI UNITI D'AMERICA Dott. Antonio di Meo, Consulente all Export Studio Di Meo, Padova Con il contributo di Avv. Charles R. Bernardini Studio Legale Ungaretti & Harris Chicago, Illinois

Dettagli

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI AZIONI CAMBIARIE E AZIONI EXTRACAMBIARIE PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE AZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Garanzie del creditore

Garanzie del creditore Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre GARANZIE DEL CREDITORE 799 Garanzie del creditore SOMMARIO Sez. 1 - Fideiussione... 5909 A. Conclusione della fideiussione... 5914 B. Funzionamento... 5965 C. Estinzione...

Dettagli

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE IX I TITOLI DI CREDITO PROF. VALENTINA SCOGNAMIGLIO Indice 1 I titoli di credito in generale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 3414 Protestabilità di assegni postali Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 3 luglio 2001 Con D.P.R. 14 marzo 2001, n. 144 (in G.U. n. 94 del 23

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di finanziamento e di hedging I prestiti sono concessi nell ambito di un predefinito rapporto di fido o di affidamento

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO N. 2617/2014 Ruolo gen. TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE SEZIONE LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO II Giudice del Lavoro dott. Carlo Mancuso all'odierna udienza ha pronunciato la seguente

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

LE CAMBIALI O EFFETTI ALLO SCONTO

LE CAMBIALI O EFFETTI ALLO SCONTO LE CAMBIALI O EFFETTI ALLO SCONTO L'impresa che riceve degli effetti in pagamento da parte di un cliente può optare per due soluzioni distinte: smobilizzare gli effetti, presentandoli allo sconto, in modo

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 191 ARGOMENTO VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 1. Traccia Tizio, dopo aver preso contatto con Caio, intenzionato ad acquistare un immobile, che crede di Tizio, ma che in realtà

Dettagli

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Il Protesto della cambiale e dell'assegno avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata / Partial or total reproduction

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

PROFILI BANCARI NELLA CIRCOLAZIONE DEI TITOLI DI CREDITO

PROFILI BANCARI NELLA CIRCOLAZIONE DEI TITOLI DI CREDITO PROFILI BANCARI NELLA CIRCOLAZIONE DEI TITOLI DI CREDITO Relatore: prof.ssa Maria COSTANZA straordinario di istituzioni di diritto privato nell Università di Parma Il discorso sul ruolo della Banca nella

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito]

TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito] TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito] Il titolo di credito costituisce uno strumento predisposto dal legislatore

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE)

COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE) COMMERCIAL PAPER (POLIZZA DI CREDITO COMMERCIALE) DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La polizza di credito identifica una particolare operazione che si concretizza mediante la circolazione di un complesso di

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

SILVIO PIERI - GENNARO TRIDICO LA CAMBIALE. Seconda edizione UTET

SILVIO PIERI - GENNARO TRIDICO LA CAMBIALE. Seconda edizione UTET SILVIO PIERI - GENNARO TRIDICO LA CAMBIALE Seconda edizione UTET INDICE Avvertenza Pag. XV PARTE PRIMA PREMESSE di SILVIO PIERI CAPITOLO PRIMO LE FONTI Legislazione Pag. 3 Bibliografia» 3 SOMMARIO: 1.

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre 2012 1 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi

INDICE SOMMARIO. Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Parte Prima LA CESSIONE DEL CREDITO di Giovanni Finazzi Capitolo Primo LA CESSIONE DI CREDITO E LA SUCCESSIONE DEL CESSIONARIO NEL DIRITTO CEDUTO 1. La cessione del credito nella sistematica del codice

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico

Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico Capitolo Ottavo La patologia del negozio giuridico Sommario: 1. Generalità. - 2. L inesistenza del negozio. - 3. L invalidità del negozio: nullità ed annullabilità. Fondamento. - 4. La nullità del negozio.

Dettagli

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono una traccia delle lezioni svolte. Possono servire per un

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie I prestiti bancari e altre operazioni di finanziamento I prestiti bancari - aspetti generali I prestiti bancari: sono eterogenei

Dettagli

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale

Ottobre 2015. Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Ottobre 2015 Cessione di crediti verso la PA: evoluzione normativa e giurisprudenziale Umberto Mauro e Chiara Borrazzo, Norton Rose Fulbright Studio Legale La disciplina della cessione dei crediti vantati

Dettagli

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo 62 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo correntista dell esecuzione di essi e, in genere, di tutti quegli atti esecutivi del mandato assunto, la cui notizia possa ragionevolmente

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO. G. Giappichelli Editore - Torino

Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO. G. Giappichelli Editore - Torino Roberto Calvo CONTRATTI E MERCATO G. Giappichelli Editore - Torino INDICE PARTE PRIMA I CONTRATTI DI SCAMBIO DI BENI E SERVIZI CAPITOLO I LA COMPRAVENDITA Sezione I - L'EFFETTO TRASLATIVO 3 1. La derogabilità

Dettagli

CAPITOLO I NOZIONE DI «ACQUISTO A NON DOMINO»

CAPITOLO I NOZIONE DI «ACQUISTO A NON DOMINO» INDICE SOMMARIO Introduzione... XI PARTE PRIMA NOZIONE E RATIO DELL ISTITUTO CAPITOLO I NOZIONE DI «ACQUISTO A NON DOMINO» 1. Nozione di acquisto a non domino... 3 2. Natura dell acquisto... 9 3. Acquisto

Dettagli

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA

www.studiofinpro.it SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA SULL ELEMENTO SOGGETTIVO DELL AZIONE REVOCATORIA ORDINARIA Art. 2901 c.c. Condizioni. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci

Dettagli

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Indivisibilità = necessaria unità e non frazionabilità dei diritti inerenti all azione effetti sul rapporto tra i comproprietari e la società (per i rapporti

Dettagli

del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni

del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) Capitolo 1: Scopo, campo d applicazione e definizioni Legge federale sui titoli contabili (Legge sui titoli contabili, LTCo) 957.1 del 3 ottobre 2008 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 98 capoverso

Dettagli

Assegni. e altri titoli di credito IMPRESA I31. Renato Votta

Assegni. e altri titoli di credito IMPRESA I31. Renato Votta I31 Estratto distribuito da Biblet IMPRESA STRUMENTI E TECNICHE FINANZIARIE Renato Votta Assegni e altri titoli di credito Nuove norme relative all utilizzo di contante, assegni e titoli al portatore (D.Lgs.

Dettagli

POSITION PAPER 01/2013

POSITION PAPER 01/2013 Risposta alla consultazione del MEF sul Regolamento ex art. 8, comma 7, lett. d), DL 13 maggio 2011,, n. 70, convertito con legge 12 luglio 2011, n. 106 gennaio 2013 POSITION PAPER 01/2013 Premessa Il

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO: CONSENSO E CAUSA CAPITOLO I SISTEMA FRANCESE

INDICE SOMMARIO. Parte I GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO: CONSENSO E CAUSA CAPITOLO I SISTEMA FRANCESE Parte I GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO: CONSENSO E CAUSA CAPITOLO I SISTEMA FRANCESE 1. La formula francese che riduce il contratto al consenso... 3 2. Divario tra la formula e il Codice... 6 3. Le categorie

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Estero: cassa valuta

FOGLIO INFORMATIVO Estero: cassa valuta INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO Estero: cassa valuta Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi e/o registri Iscritta all Albo delle Banche (n5350) e all Albo dei Gruppi bancari

Dettagli

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO)

BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) BREVI NOTE SULLA CESSIONE DELLE AZIONI REVOCATORIE (NELLA LIQUIDAZIONE DELL ATTIVO FALLIMENTARE E NEL CONCORDATO) di Giorgio Tarzia, Avvocato e Professore Sommario: 1. Premessa - 2. La salvaguardia dei

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE REGOLE PER IL RECUPERO DEI CREDITI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Azioni civili a Singapore Ai fini della proposizione dell atto di citazione devono sussistere i seguenti requisiti: a)

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

GARANZIA PURA E CONTRATTI DI RISCHIO

GARANZIA PURA E CONTRATTI DI RISCHIO IL DIRITTO DELLA BANCA E DELLA BORSA STUDI E DIBATTITI 37 PAOLOEFISIO CORRIAS GARANZIA PURA E CONTRATTI DI RISCHIO MILANO - DOTT. A. GIUFFRE EDITORE - 2006 INDICE CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI «GARANZIA

Dettagli

INDICE - SOMMARIO LA CAUSA DI GARANZIA E LA CESSIONE DEL CREDITO CAPITOLO I

INDICE - SOMMARIO LA CAUSA DI GARANZIA E LA CESSIONE DEL CREDITO CAPITOLO I INDICE - SOMMARIO CAPITOLO I LA CAUSA DI GARANZIA E LA CESSIONE DEL CREDITO 1. Introduzione. La cessione del credito in garanzia rientra tra le garanzie reali atipiche e si inserisce in un trend sovranazionale

Dettagli

OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: SENZA IL CONSENSO DEL CREDITORE NON SI PUO PAGARE CON ASSEGNI CIRCOLARI

OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: SENZA IL CONSENSO DEL CREDITORE NON SI PUO PAGARE CON ASSEGNI CIRCOLARI OBBLIGAZIONI PECUNIARIE: SENZA IL CONSENSO DEL CREDITORE NON SI PUO PAGARE CON ASSEGNI CIRCOLARI (nota a Cass. civile, III sez., sent. 29 aprile-10 giugno 2005, n. 12324) Con la sentenza n. 12324/2005

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE Prof. Pietro Samarelli La cessione di credito E l istituto giuridico mediante il quale il creditore originario viene sostituito da un altro soggetto,

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

PORTOGALLO. La tutela del credito ed il recupero del credito in Portogallo 1 LA TUTELA DEL CREDITO

PORTOGALLO. La tutela del credito ed il recupero del credito in Portogallo 1 LA TUTELA DEL CREDITO PORTOGALLO La tutela del credito ed il recupero del credito in Portogallo 1 LA TUTELA DEL CREDITO LA CONTRATTUALISTICA Nonostante possa essere vista come una burocrazia, la corretta contrattualistica rappresenta

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI

Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI Capitolo VII L ESPROPRIAZIONE PRESSO TERZI Rilievi introduttivi Oggetto dell'espropriazione presso terzi possono essere beni mobili o crediti appartenenti al debitore; i beni immobili di proprietà esclusiva

Dettagli

Capitolo 10 Z I finanziamenti «diretti» alle imprese

Capitolo 10 Z I finanziamenti «diretti» alle imprese Edizioni Simone - Vol. 38/3 Compendio di tecnica bancaria Capitolo 10 Z I finanziamenti «diretti» alle imprese Sommario Z 1. Strumenti di finanziamento diretto a breve termine, a titolo di capitale di

Dettagli

Le operazioni bancarie, l intermediazione finanziaria e i titoli di credito

Le operazioni bancarie, l intermediazione finanziaria e i titoli di credito N Oltreconfine 2 O S E Ripassare ed esercitarsi Percorso F Le operazioni bancarie, l intermediazione finanziaria e i titoli di credito Banca è il soggetto imprenditore a cui è riservata l'attività bancaria,

Dettagli

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI

GLI ASPETTI TRIBUTARI GLI ASPETTI TRIBUTARI DELLA CESSIONE DEL CREDITO DEL PROFESSIONISTA di Paolo Dal Monico (Dottore Commercialista in Vicenza) SOMMARIO: I Premessa; II. I.V.A.; III. Lavoratore autonomo che ha già emesso

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA AZIONI RAPPRESENTATE DA TITOLI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA DEI TITOLI AZIONARI: IL PROBLEMA

INDICE PARTE PRIMA AZIONI RAPPRESENTATE DA TITOLI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA DEI TITOLI AZIONARI: IL PROBLEMA ABBREVIAZIONI Xin INTRODUZIONE 1 PARTE PRIMA AZIONI RAPPRESENTATE DA TITOLI CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA DEI TITOLI AZIONARI: IL PROBLEMA 1. La funzione dei titoli azionari. I titoli azionari come «strumenti»

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette.

La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. La responsabilità nell esercizio delle professioni protette. Responsabilità professionale e contatto sociale. Dott. Mario Mauro Firenze, 11 aprile 2011 Abstract. Individuazione del problema. La violazione

Dettagli

Modulo 1: Introduzione alla Banca

Modulo 1: Introduzione alla Banca Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma

Dettagli

Le condizioni generali di contratto

Le condizioni generali di contratto Inserire testo Inserire testo Le condizioni generali di contratto Condizioni generali di contratto e clausole vessatorie: in particolare, la riserva di proprietà A cura dell Avv. Simona Cardillo CONDIZIONI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI IN TEMA DI IMPUGNAZIONE DEL TESTAMENTO OLOGRAFO

QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI IN TEMA DI IMPUGNAZIONE DEL TESTAMENTO OLOGRAFO Prof. Avv. Michele Sesta Ordinario nell' Università di Bologna Avvocato in Bologna www.studiosesta.it sesta@studiosesta.it Scuola Superiore di Studi Giuridici Bologna 6 aprile 2013 QUESTIONI SOSTANZIALI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO CODICE CIVILE - LIBRO SESTO/TITOLO IV TITOLO IV DELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 2907 ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE Alla tutela giurisdizionale

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. n 880 Salerno, lì 28 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 134/2014. Libera Professione. Conto corrente bancario cointestato: le sorti delle

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

Factoring Tour: Bologna

Factoring Tour: Bologna Factoring Tour: Bologna Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA Intervento di Massimo Lupi, avvocato del Foro di Milano STUDIO LEGALE Lupi

Dettagli

Lineamenti generali dei titoli di credito

Lineamenti generali dei titoli di credito Capitolo I Lineamenti generali dei titoli di credito SOMMARIO: 1. Origine e funzione economica dei titoli di credito. 2. Caratteri generali dei titoli di credito: incorporazione; autonomia; letteralità;

Dettagli

Indice sommario. Parte Prima Profili generali

Indice sommario. Parte Prima Profili generali Indice sommario Introduzione (di Vincenzo Cuffaro) XI Parte Prima Profili generali Capitolo I (di Antonio Di Biase) 3 Le disposizioni generali 1. La fideiussione: inquadramento generale. La «personalità»

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

1 di 5 16/01/2015 17:53

1 di 5 16/01/2015 17:53 1 di 5 16/01/2015 17:53 Fattura elettronica e semplificata: le precisazioni dell'agenzia Pratica Fiscale e Professionale, 21 / 2013, p. 31 Chiarimenti della circolare 12/E Fattura elettronica e semplificata:

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

LA CESSIONE DEL C-REDITO NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

LA CESSIONE DEL C-REDITO NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO STUDI E PUBBLICAZIONI DELLA RIVISTA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO E PROCESSUALE ---------46--------- ALBERTO MALATESTA LA CESSIONE DEL C-REDITO NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO CEDAM CASA EDITRICE

Dettagli

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art.

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. 1 Alle disposizioni contenute nel codice di commercio concernenti

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata

CODICE CIVILE. Libro Sesto Della tutela dei diritti. Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti. Capo II Dell'esecuzione forzata CODICE CIVILE Libro Sesto Della tutela dei diritti Titolo IV Della tutela giurisdizionale dei diritti Capo II Dell'esecuzione forzata Sezione I Dell'espropriazione 1 - Disposizioni generali Art. 2910.

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli