Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Funzionigramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori"

Transcript

1 gramma delle Direzioni di Area della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010

2 Indice ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE DI AREA...6 CREDITI...6 CONTROLLI...7 PERSONALE...8 COORDINATORE DI MERCATO RETAIL...9 COORDINATORE DI MERCATO IMPRESE...10 COORDINATORE DI MERCATO PRIVATE...10 RESPONSABILE SEGMENTO PRIVATI...11 RESPONSABILE SEGMENTO SMALL BUSINESS...12 RESPONSABILE SEGMENTO IMPRESE...12 SPECIALISTA RISPARMIO, TUTELA E PREVIDENZA...14 SPECIALISTA E-BANKING...14 SPECIALISTA FINANZIAMENTI A PRIVATI...15 SPECIALISTA EURIZON CAPITAL...15 SPECIALISTA ENTI E RELAZIONI TERRITORIALI...15 SPECIALISTA AGRIVENTURE...17 SPECIALISTA TRADE ITALIA...17 SPECIALISTA TRADE ESTERO...17 SPECIALISTA FINANZA D IMPRESA...18 SPECIALISTA MEDIOCREDITO ITALIANO...18 SPECIALISTA PIANIFICAZIONE COMMERCIALE...19 SPECIALISTA ASSISTENZA OPERATIVA

3 Organigramma 3

4 Direzione di Area Direttore Generale Crediti Controlli Personale Specialisti funzionali: Pianificazione Commerciale, Assistenza Operativa Responsabile Segmento Privati Responsabile Segmento Small Business Responsabile Segmento Imprese Specialisti di prodotto - Privati Risparmio tutela e previdenza E banking Eurizon Capital Finanz a privati Specialisti di prodotto Small Business Agriventure Enti e Relazioni Territoriali Specialisti di prodotto - Imprese Trade Italia Trade Estero Finanza d Impresa Mediocredito Italiano Coordinatore di Mercato Retail (1) Coordinatore di Mercato Imprese (2) Coordinatore di Mercato Private (3) Filiali Base / Piccole Filiali Filiali / Base Medie / Piccole / Base Medie / Piccole / Medie Filiali Grandi Filiali Grandi Filiali Grandi Filiali Imprese Filiali Imprese Filiali Imprese (1) Esercita le proprie funzioni con riferimento alle Filiali Base, Piccole e Medie della Banca (2) Esercita le proprie funzioni con riferimento alle Filiali Imprese e ai Distaccamenti Imprese della Banca, nonché agli eventuali Moduli Imprese attivati all interno delle Filiali (3) Esercita le proprie funzioni con riferimento alle Filiali di Intesa Sanpaolo Private Banking e alla clientela Private eventualmente servita da altre Filiali della Banca Opera con riporto funzionale al Direttore Generale e con riporto gerarchico ad Intesa Sanpaolo Private Banking 4

5 gramma 5

6 Direttore di Area Assicurare la creazione di valore per il Gruppo garantendo il raggiungimento degli obiettivi di conto economico, l offerta di una gamma completa e competitiva di prodotti e servizi, nonché elevati livelli di servizio alla clientela Coordinare le risorse di competenza e le strutture territoriali, assicurando un efficace ed efficiente funzionamento delle stesse, nel rispetto delle strategie definite a livello di Direzione Regionale, Divisione e Gruppo. Fornire un contributo puntuale e tempestivo all analisi del territorio di riferimento e dei comportamenti dei principali competitor, raccordandosi con le competenti strutture di Direzione Regionale Contribuire alla definizione del budget e dei piani commerciali per le Filiali di competenza Assicurare il monitoraggio dei risultati individuando le azioni correttive per il conseguimento del budget Esercitare i poteri e le facoltà conferiti in coerenza con le direttive di Gruppo Curare le attività di concessione, gestione e monitoraggio del credito nell ambito delle autonomie assegnate Curare la gestione e lo sviluppo del personale, in accordo con le competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali e sulla base delle linee guida e dei piani approvati Indirizzare l operatività delle risorse delle unità societarizzate, operanti sul territorio con competenze specifiche sui relativi prodotti/servizi offerti Coordinare in via diretta l attività commerciale delle Filiali Grandi della Direzione di Area Definire, con il supporto dei Coordinatori di Mercato, i piani di azione per le situazioni critiche delle Filiali di competenza e garantire la realizzazione delle iniziative specifiche, favorendo, con il supporto dei Responsabili di Segmento, la corretta diffusione delle best practice e le sinergie fra segmenti e coordinamenti Gestire i tassi e le condizioni applicati alla clientela con riferimento alle operazioni eccedenti l autonomia delle Filiali di competenza, nei limiti delle deleghe definite Garantire, avvalendosi del supporto dell Unità dedicata, il recepimento delle linee guida definite in ambito controlli di linea per i rischi operativi e di credito, monitorandone il corretto svolgimento Presidiare le funzioni di rappresentanza sul territorio, contribuendo per quanto di competenza alla gestione delle relazioni anche con la clientela il cui rapporto commerciale è convenzionalmente attribuito ad altre funzioni/società del Gruppo. Al Direttore di Area riportano: Crediti Supportare il Direttore di Area nell analisi del credito, garantendo la tempestività di intervento, il mantenimento della qualità del credito e la corretta applicazione delle linee guida in materia creditizia, trasmesse dalla Direzione Regionale e dalle competenti strutture centrali Esaminare, valutare e autorizzare, nei limiti delle autonomie delegate, le proposte di credito inoltrate dalle Filiali 6

7 Contribuire alla diffusione delle competenze in materia creditizia presso le Filiali, anche attraverso interventi di consulenza specialistica e azioni formative e di aggiornamento Gestire i crediti problematici ed i crediti deteriorati, nei limiti delle autonomie delegate, attuando con immediatezza tutte le azioni reputate utili per la tutela del credito, con l obiettivo del recupero della relazione con il debitore e della definizione delle modalità di rientro, nel rispetto ed in coerenza con gli automatismi gestiti dagli applicativi di supporto e promuovendo/partecipando agli appositi Tavoli di discussione. Presidiare il rischio di credito promuovendo ogni azione utile alla salvaguardia della qualità dell attivo in coordinamento con le altre funzioni competenti, assicurando la coerenza tra le modalità operative di concessione e gestione del credito e le strategie creditizie definite a livello di Gruppo Monitorare l evoluzione della qualità del portafoglio crediti della Direzione di Area sulla base della reportistica prodotta dalle funzioni competenti e promuovere l attivazione degli opportuni interventi correttivi Prendere visione delle proposte predisposte dalle Filiali e rientranti nell ambito delle autonomie degli Organi superiori, esprimendo, se del caso, il proprio parere all Organo Deliberante Formulare, nei limiti delle autonomie delegate, i pareri di conformità sull assunzione, da parte delle Banche del Gruppo rientranti nel perimetro della Direzione di Area, dei rischi relativi a controparti rilevanti Assolvere alle esigenze di perizia ed alle altre attività tecniche per il credito fondiario, per quanto previsto dalla normativa vigente Deliberare, nei limiti delle autonomie delegate, l eventuale classificazione a Rischi in Osservazione, Incaglio o Sofferenza, fornendo adeguate istruzioni per la tutela dei rischi, nonché le proposte transattive per la gestione delle posizioni classificate ad Incaglio e Ristrutturato Valutare e definire, nei limiti delle autonomie delegate, le previsioni di perdita sui crediti incagliati e ristrutturati Assicurare l espletamento delle attività relative al passaggio delle posizioni a sofferenza, provvedendo al reperimento e all invio della documentazione prevista ed all inserimento della posizione in procedura Curare le attività relative all assegnazione delle posizioni in bonis/incaglio proposte dalle Filiali alle società di recupero Fornire alle Filiali consulenza specialistica, supporto per l interpretazione della normativa e chiarimenti sui processi del credito realizzando, laddove necessario, opportuni interventi di rafforzamento delle competenze creditizie. Il Responsabile Crediti di Direzione di Area riporta funzionalmente al Responsabile Crediti di Direzione Regionale; nell esercizio della propria funzione si avvale della collaborazione degli Specialisti Crediti di Area, nel presidio della qualità del credito. Gli Specialisti potranno deliberare per quanto di competenza e potranno essere incaricati della concessione del credito o della gestione del credito. Controlli Supportare il Direttore di Area nel presidio dei rischi secondo quanto normativamente previsto, effettuando specifici controlli di linea e monitorando l adempimento da parte delle Filiali delle relative attività di controllo. 7

8 Effettuare i controlli di linea sui rischi secondo quanto normativamente previsto (rischi operativi, di credito, di non conformità alle norme,...) in coordinamento con lo Specialista Controlli di Direzione Regionale e le altre strutture competenti Monitorare l adempimento da parte delle Filiali delle attività relative ai controlli di linea normativamente previsti e valutare la necessità di eseguire ulteriori verifiche sull operatività delle Filiali per il miglior presidio di problematiche particolari di rischio Assicurare il reporting verso il Direttore di Area, lo Specialista Controlli di Direzione Regionale e le altre strutture competenti in relazione alle attività di controllo Segnalare alle strutture competenti eventuali eventi pregiudizievoli emersi nell ambito dei controlli effettuati, al fine di porre in essere gli opportuni interventi Suggerire allo Specialista Controlli di Direzione Regionale eventuali modalità operative più efficienti per la realizzazione dei controlli Collaborare con il Direttore di Area per specifiche esigenze relative ai rischi normativamente previsti (rischi operativi, di credito, di non conformità alle norme,...) e per l approfondimento di situazioni critiche. Il Responsabile Controlli di Direzione di Area riporta funzionalmente allo Specialista Controlli di Direzione Regionale. Personale Supportare il Direttore di Area nella gestione del personale di competenza attraverso l attuazione degli interventi in materia di gestione e sviluppo al fine di accrescere il valore del capitale umano, in relazione al territorio di competenza, nel rispetto delle linee guida e delle politiche definite dalla Direzione Regionale e dalle competenti strutture centrali Assistere il Direttore di Area nelle attività di coordinamento delle risorse e nella formulazione/gestione del budget quali/quantitativo del personale, coordinandosi con la Direzione Regionale Garantire l espletamento delle attività amministrative inerenti alla gestione delle risorse e l aggiornamento del sistema di gestione del personale per quanto di competenza, fornendo in tali ambiti puntuale e tempestiva assistenza alle Filiali del territorio di riferimento. Garantire, coerentemente alle linee guida definite dalle competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali, la formulazione e la gestione dei piani annuali relativi al personale, la corretta attribuzione al personale delle attività previste per la figura professionale assegnata, il monitoraggio degli organici e la corretta gestione della mobilità aziendale finalizzata all ottimale copertura delle esigenze organizzative, nel rispetto delle norme contrattuali e aziendali Assicurare il presidio delle valutazioni e del sistema incentivante in coerenza con le linee guida tracciate dalle competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali Individuare il fabbisogno formativo e di sviluppo del personale, elaborando il piano formativo, in accordo con le competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali, e supportando le fasi amministrative relative alla gestione dei corsi di formazione Fungere da referente nei confronti delle competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali nelle fasi di selezione del personale, in base ai piani prestabiliti in sede di budget Supportare la Direzione Centrale nei rapporti correnti con gli Organismi Sindacali locali Presidiare il corretto esercizio dei diritti e delle agibilità sindacali ed assicurare, sulla base delle linee guida definite dalle competenti strutture centrali, la corretta applicazione della normativa in materia di accordi contrattuali per la gestione delle risorse 8

9 Interagire con le strutture competenti per assicurare lo svolgimento delle procedure disciplinari e delle attività inerenti al contenzioso del lavoro, nel rispetto delle indicazioni ricevute dalle competenti strutture centrali Curare il caricamento dei profili abilitativi aggiuntivi per l accesso alle procedure informatiche da parte del personale, valutando la coerenza delle richieste pervenute Presidiare l applicazione delle evoluzioni organizzative, garantendo il rispetto dei dimensionamenti previsti e la definizione del fabbisogno di risorse, in coordinamento con le competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali Collaborare con le competenti strutture centrali in relazione al corretto utilizzo degli spazi, interfacciandosi con gli Specialisti Assistenza Operativa per le segnalazioni di esigenze logistiche ed informatiche. Il Responsabile Personale di Direzione di Area riporta funzionalmente al Responsabile Personale di Direzione Regionale; nell esercizio della propria funzione si avvale della collaborazione degli Specialisti Personale di Area. Coordinatore di Mercato Retail Supportare il Direttore di Area nell attività di coordinamento commerciale delle Filiali rientranti nel perimetro di competenza, garantendone la visione commerciale d insieme Individuare le priorità di intervento verso le Filiali di competenza sulla base delle linee strategiche definite, delle aree di debolezza e dei punti di forza di ciascuna Filiale e delle esigenze espresse dalle stesse. Supportare il Direttore di Area nell applicazione delle strategie commerciali e delle iniziative di marketing definite a livello centrale, recependone le linee guida dal Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale Trasmettere al Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale le opportunità/proposte di sviluppo commerciale identificate presso le Filiali Identificare eventuali integrazioni locali al piano commerciale centrale, con il supporto dello Specialista Pianificazione Commerciale, individuando le priorità da comunicare alle singole Filiali di competenza Contribuire con i Direttori di Filiale all analisi dell andamento gestionale e commerciale ed all individuazione delle azioni migliorative Definire e condividere con i Direttori di Filiale, nell ambito degli incontri periodici in Filiale, un piano di azioni concrete per il raggiungimento degli obiettivi commerciali e reddituali, monitorandone l effettiva realizzazione Assicurare supporto e collaborazione ai Direttori di Filiale per favorirne la crescita professionale e l efficace interpretazione del ruolo Diffondere il metodo di lavoro e supportare i Direttori di Filiale nella sua applicazione, anche attraverso l individuazione delle best practice interne Attivare e coinvolgere i Responsabili di Segmento per le esigenze di approfondimento specialistico evidenziate dalle Filiali. Il Coordinatore di Mercato Retail esercita le proprie funzioni con riferimento alle Filiali Base, Piccole e Medie della Direzione di Area. 9

10 Coordinatore di Mercato Imprese Supportare il Direttore di Area nell attività di coordinamento commerciale delle Filiali rientranti nel perimetro di competenza, garantendone la visione commerciale d insieme Individuare le priorità di intervento verso le Filiali di competenza sulla base delle linee strategiche definite, delle aree di debolezza e dei punti di forza di ciascuna Filiale e delle esigenze espresse dalle stesse. Supportare il Direttore di Area nell applicazione delle strategie commerciali e delle iniziative di marketing definite a livello centrale, recependone le linee guida dal Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale Trasmettere al Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale le opportunità/proposte di sviluppo commerciale identificate presso le Filiali Identificare eventuali integrazioni locali al piano commerciale centrale, con il supporto dello Specialista Pianificazione Commerciale, individuando le priorità da comunicare alle singole Filiali di competenza Contribuire con i Direttori di Filiale all analisi dell andamento gestionale e commerciale ed all individuazione delle azioni migliorative Definire e condividere con i Direttori di Filiale, nell ambito degli incontri periodici in Filiale, un piano di azioni concrete per il raggiungimento degli obiettivi commerciali e reddituali, monitorandone l effettiva realizzazione Assicurare supporto e collaborazione ai Direttori di Filiale per favorirne la crescita professionale e l efficace interpretazione del ruolo Diffondere il metodo di lavoro e supportare i Direttori di Filiale nella sua applicazione, anche attraverso l individuazione delle best practice interne Attivare e coinvolgere i Responsabili di Segmento per le esigenze di approfondimento specialistico evidenziate dalle Filiali. Il Coordinatore di Mercato Imprese esercita le proprie funzioni con riferimento alle Filiali Imprese e ai Distaccamenti Imprese della Direzione di Area, nonché ai Moduli Imprese attivati all interno delle Filiali. Coordinatore di Mercato Private Supportare il Direttore di Area nell attività di coordinamento commerciale delle Filiali rientranti nel perimetro di competenza, garantendone la visione commerciale d insieme Individuare le priorità di intervento verso le Filiali di competenza sulla base delle linee strategiche definite, delle aree di debolezza e dei punti di forza di ciascuna Filiale e delle esigenze espresse dalle stesse. Supportare il Direttore di Area nell applicazione delle strategie commerciali e delle iniziative di marketing definite a livello centrale, recependone le linee guida dal Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale Trasmettere al Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale le opportunità/proposte di sviluppo commerciale identificate presso le Filiali 10

11 Identificare eventuali integrazioni locali al piano commerciale centrale, con il supporto dello Specialista Pianificazione Commerciale, individuando le priorità da comunicare alle singole Filiali di competenza Contribuire con i Direttori di Filiale all analisi dell andamento gestionale e commerciale ed all individuazione delle azioni migliorative Definire e condividere con i Direttori di Filiale, nell ambito degli incontri periodici in Filiale, un piano di azioni concrete per il raggiungimento degli obiettivi commerciali e reddituali, monitorandone l effettiva realizzazione Assicurare supporto e collaborazione ai Direttori di Filiale per favorirne la crescita professionale e l efficace interpretazione del ruolo Diffondere il metodo di lavoro e supportare i Direttori di Filiale nella sua applicazione, anche attraverso l individuazione delle best practice interne Il Coordinatore di Mercato Private esercita le proprie funzioni con riferimento alle Filiali di Intesa Sanpaolo Private Banking e alla clientela Private eventualmente servita da altre Filiali della Direzione di Area di competenza. Opera con riporto funzionale al Direttore di Area e con riporto gerarchico ad Intesa Sanpaolo Private Banking. Responsabile Segmento Privati Supportare il Direttore di Area nella corretta declinazione a livello locale delle linee guida, degli indirizzi e delle priorità di segmento ricevute dalla Direzione Marketing Privati della Divisione Banca dei Territori, ponendosi come centro di competenza sul segmento Privati Favorire la tempestiva realizzazione delle iniziative di segmento pianificate a livello centrale nel rispetto del principio del time to market. Interagire con il Responsabile del Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale per elaborare e condividere le iniziative specifiche sul territorio, tenendo conto dei trend economici e settoriali e del comportamento dei competitor sul territorio Allineare tempestivamente, in condivisione con il Direttore di Area, i Coordinatori di Mercato Retail sulle iniziative/priorità di segmento, sulle aree di miglioramento e relative azioni correttive Contribuire all aggiornamento tempestivo degli Specialisti di prodotto/canale a riporto funzionale relativamente alle politiche ed alle strategie di marketing (ad integrazione delle attività svolte dalle Direzioni Marketing/Società Prodotto) Interagire con il Coordinatore di Mercato Retail al fine di supportare le Filiali per l approfondimento delle tematiche specialistiche di competenza Coordinare le attività degli Specialisti di prodotto/canale e definire l agenda dei loro interventi sulle singole Filiali sulla base delle esigenze raccolte e delle priorità indicate dai Coordinatori di Mercato Retail. Il Responsabile Segmento Privati coordina funzionalmente gli Specialisti Risparmio Tutela e Previdenza, E-banking, Finanziamenti a Privati ed Eurizon Capital. 11

12 Responsabile Segmento Small Business Supportare il Direttore di Area nella corretta declinazione a livello locale delle linee guida, degli indirizzi e delle priorità di segmento ricevute dalla Direzione Marketing Small Business della Divisione Banca dei Territori, ponendosi come centro di competenza sul segmento Small Business Favorire la tempestiva realizzazione delle iniziative di segmento pianificate a livello centrale nel rispetto del principio del time to market. Interagire con il Responsabile del Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale per elaborare e condividere le iniziative specifiche sul territorio, tenendo conto dei trend economici e settoriali e del comportamento dei competitor sul territorio Allineare tempestivamente, in condivisione con il Direttore di Area, i Coordinatori di Mercato Small Business sulle iniziative/priorità di segmento, sulle aree di miglioramento e relative azioni correttive Contribuire all aggiornamento tempestivo degli Specialisti di prodotto/canale a riporto funzionale relativamente alle politiche ed alle strategie di marketing (ad integrazione delle attività svolte dalle Direzioni Marketing/Società Prodotto) Interagire con il Coordinatore di Mercato Retail al fine di supportare le Filiali per l approfondimento delle tematiche specialistiche di competenza Coordinare le attività degli Specialisti di prodotto/canale e definire l agenda dei loro interventi sulle singole Filiali sulla base delle esigenze raccolte e delle priorità indicate dai Coordinatori di Mercato Small Business Il Responsabile Segmento Small Business coordina funzionalmente gli Specialisti Enti e Relazioni Territoriali ed Agriventure. Responsabile Segmento Imprese Supportare il Direttore di Area nella corretta declinazione a livello locale delle linee guida, degli indirizzi e delle priorità di segmento ricevute dalla Direzione Marketing Imprese della Divisione Banca dei Territori, ponendosi come centro di competenza sul segmento Imprese Favorire la tempestiva realizzazione delle iniziative di segmento pianificate a livello centrale nel rispetto del principio del time to market. Interagire con il Responsabile del Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale per elaborare e condividere le iniziative specifiche sul territorio, tenendo conto dei trend economici e settoriali e del comportamento dei competitor sul territorio Allineare tempestivamente, in condivisione con il Direttore di Area, i Coordinatori di Mercato Imprese sulle iniziative/priorità di segmento, sulle aree di miglioramento e relative azioni correttive Contribuire all aggiornamento tempestivo degli Specialisti di prodotto/canale a riporto funzionale relativamente alle politiche ed alle strategie di marketing (ad integrazione delle attività svolte dalle Direzioni Marketing/Società Prodotto) Interagire con il Coordinatore di Mercato Imprese al fine di supportare le Filiali per l approfondimento delle tematiche specialistiche di competenza 12

13 Coordinare le attività degli Specialisti di prodotto/canale e definire l agenda dei loro interventi sulle singole Filiali sulla base delle esigenze raccolte e delle priorità indicate dai Coordinatori di Mercato Imprese. Il Responsabile Segmento Imprese coordina funzionalmente gli Specialisti Trade Italia, Trade Estero, Finanza d Impresa e Mediocredito Italiano. Specialisti Al Direttore di Area riportano i seguenti Specialisti, con la funzione di garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali/Filiali Imprese: Specialisti di prodotto/canale Privati: o Specialista Risparmio, Tutela e Previdenza o Specialista E-banking o Specialista Finanziamenti a privati o Specialista Eurizon Capital (opera con riporto gerarchico a Eurizon Capital). Anche al fine di favorirne il tempestivo aggiornamento, i suddetti Specialisti riportano funzionalmente al Responsabile Segmento Privati, in relazione al segmento di clientela prevalentemente servito. Specialisti di prodotto/canale Small Business: o Specialista Enti e Relazioni Territoriali o Specialista Agriventure (opera con riporto gerarchico ad Agriventure). Anche al fine di favorirne il tempestivo aggiornamento, i suddetti Specialisti riportano funzionalmente al Responsabile Segmento Small Business, in relazione al segmento di clientela prevalentemente servito. Specialisti di prodotto/canale Imprese: o Specialista Trade Italia o Specialista Trade Estero o Specialista Finanza d Impresa o Specialista Mediocredito Italiano (opera con riporto gerarchico a Mediocredito Italiano). Anche al fine di favorirne il tempestivo aggiornamento, i suddetti Specialisti riportano funzionalmente al Responsabile Segmento Imprese, in relazione al segmento di clientela prevalentemente servito. Specialisti funzionali: o Specialista Pianificazione Commerciale o Specialista Assistenza Operativa. Nel seguito vengono indicate le missioni/funzioni delle figure professionali sopra elencate. 13

14 Specialista Risparmio, Tutela e Previdenza Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali per quanto riguarda l offerta di prodotti e servizi di risparmio, di previdenza e tutela e degli strumenti finanziari, nonché i connessi aspetti normativi. Per i prodotti di asset management di Eurizon Capital, gli Specialisti Risparmio, Tutela e Previdenza collaborano con gli Specialisti Eurizon Capital. Recepire dalla Direzione Marketing Privati della Divisione Banca dei Territori le indicazioni sulle tematiche relative ai prodotti/servizi di competenza e garantirne la diffusione presso le Filiali, anche tramite il contributo a specifiche attività formative e di approfondimento Supportare Filiali/Gestori nello sviluppo commerciale dei prodotti/servizi di competenza, sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile Segmento Privati Realizzare, sulla base delle linee guida definite dal Coordinatore di Mercato Privati e con il coordinamento del Responsabile Segmento Privati, il piano degli interventi di supporto verso le Filiali Promuovere la diffusione dello scenario di mercato elaborato dalle competenti strutture centrali Identificare possibili miglioramenti/innovazioni in termini di servizi, prodotti e procedure sul mondo del risparmio e segnalarli alle strutture centrali competenti, in allineamento con il Coordinatore di Mercato Retail ed il Responsabile Segmento Privati Fornire consulenza tecnico/specialistica, anche attraverso specifiche attività informative e di approfondimento, al Desk Commerciale di Direzione Regionale riguardo ai prodotti/servizi di risparmio, tutela e previdenza. Specialista E-banking Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali per l offerta di prodotti/servizi transazionali, con particolare riferimento alle carte per quanto riguarda la clientela Privati ed ai POS per quanto riguarda la clientela Small Business, fornendo l assistenza ed il supporto nell ambito delle specifiche iniziative commerciali promosse dalle competenti strutture e nella fase di post vendita. Recepire dalla Direzione Marketing Privati e dalla Direzione Marketing Small Business della Divisione Banca dei Territori le indicazioni sulle tematiche relative ai prodotti/servizi transazionali di competenza, garantendone la diffusione presso le Filiali, anche tramite il contributo a specifiche attività formative e di approfondimento Garantire la diffusione dei prodotti riguardanti i canali diretti (Internet, Phone, Mobile, ATM) per la clientela Privati e Small Business, recependo dalla Direzione Presidio Qualità e Canali della Divisione Banca dei Territori i relativi dati e contenuti informativi Supportare Filiali/Gestori nello sviluppo commerciale dei prodotti/servizi di competenza, sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile Segmento Privati Realizzare, sulla base delle linee guida definite dal Coordinatore di Mercato Privati e con il coordinamento del Responsabile Segmento Privati, il piano degli interventi di supporto verso le Filiali 14

15 Identificare possibili miglioramenti/innovazioni in termini di servizi, prodotti e procedure nell ambito di competenza e segnalarli alle strutture centrali competenti, in allineamento con il Coordinatore di Mercato Retail ed il Responsabile Segmento Privati. Specialista Finanziamenti a privati Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali per quanto riguarda l offerta di prodotti e servizi di finanziamento a privati, fornendo l assistenza ed il supporto nell ambito delle specifiche iniziative commerciali promosse dalle competenti strutture. Recepire dalla Direzione Marketing Privati della Divisione Banca dei Territori le indicazioni sulle tematiche relative ai prodotti/servizi di competenza e garantirne la diffusione presso le Filiali, anche tramite il contributo a specifiche attività formative e di approfondimento Supportare Filiali/Gestori nello sviluppo commerciale dei prodotti/servizi di competenza, sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile Segmento Privati Realizzare, sulla base delle linee guida definite dal Coordinatore di Mercato Privati e con il coordinamento del Responsabile Segmento Privati, il piano degli interventi di supporto verso le Filiali Fornire consulenza alle Filiali per garantire, di concerto con le strutture centrali e sui prodotti di competenza, il costante aggiornamento a seguito dell'emanazione di provvedimenti di legge ovvero delle evoluzioni normative interne relative ai prodotti di finanziamento a privati Supportare, per gli aspetti tecnici connessi ai prodotti di competenza, il Direttore di Area nell'attivazione di convenzioni per la concessione di finanziamenti quali, ad esempio: o mutui con agevolazioni e/o con fondi terzi o mutui a valere su immobili oggetto di asta giudiziaria o mutui tramite accolli edilizi da costruttore Identificare possibili miglioramenti/innovazioni in termini di servizi, prodotti e procedure nell ambito di competenza e segnalarli alle strutture centrali competenti, in allineamento con il Coordinatore di Mercato Retail ed il Responsabile Segmento Privati. Specialista Eurizon Capital Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali per quanto riguarda l offerta di prodotti di risparmio gestito di Eurizon Capital, nonché dei connessi aspetti normativi, tramite l attivazione di specifiche iniziative informative e di approfondimento, fornendo assistenza tecnica e commerciale sui prodotti di competenza. Lo Specialista Eurizon Capital opera con riporto gerarchico a Eurizon Capital. Specialista Enti e Relazioni Territoriali Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali per quanto riguarda il mantenimento e lo sviluppo di rapporti con gli Enti Pubblici non gestiti da BIIS, Enti Pubblici gestiti da BIIS, 15

16 con riferimento alle esigenze di cassa e tesoreria, Confidi, Organizzazioni (Imprese, Corporate, Enti e Associazioni) con riferimento alle esigenze di servizi bancari per dipendenti e associati. Recepire dalle Direzioni Marketing della Divisione Banca dei Territori le indicazioni sulle tematiche relative ai rispettivi prodotti/servizi di competenza, garantendone la diffusione presso le Filiali, anche tramite il contributo a specifiche attività formative e di approfondimento Supportare Filiali/Gestori nello sviluppo commerciale dei prodotti/servizi di competenza, sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile Segmento Small Business Realizzare, sulla base delle linee guida definite dal Coordinatore di Mercato Retail e con il coordinamento del Responsabile Segmento Small Business, il piano degli interventi di supporto verso le Filiali Supportare il Direttore di Area, in accordo con il Coordinamento Marketing e Strategie Territoriali di Direzione Regionale, nella gestione e nello sviluppo delle relazioni sul territorio Predisporre, di concerto con la Direzione Marketing Small Business della Divisione Banca dei Territori, le offerte per il servizio di tesoreria/cassa e di incasso e pagamento a favore degli Enti, presidiando anche il bacino di clientela già acquisita, fornendo alle Filiali le indicazioni operative ed il necessario supporto normativo in coordinamento con la Direzione Centrale Operations di Rete di Intesa Sanpaolo Group Services per la corretta erogazione del servizio Fornire la consulenza ed il supporto necessario a sviluppare presso gli Enti di competenza l'informatizzazione dei flussi e l'innovazione dei servizi di tesoreria e di incasso e pagamento, in collaborazione ed in coordinamento con la Direzione Marketing Small Business della Divisione Banca dei Territori, provvedendo alla produzione di autocertificazione e documenti vari per la partecipazione a gare Fornire il supporto necessario alla stipula di accordi locali con Aziende, Enti ed Associazioni (inclusa la definizione di convenzioni per dipendenti) proposti dalle Filiali, in accordo con la Direzioni Marketing Privati e la Direzione Marketing Small Business della Divisione Banca dei Territori, con particolare riferimento alla valutazione ed alla definizione delle proposte Presidiare l andamento delle convenzioni stipulate e predisporre rapporti periodici, curandone la relativa finalizzazione Curare la gestione operativa degli accordi con i Consorzi di Garanzia Fidi (proposta, aggiornamento e manutenzione convenzioni, proposta e aggiornamento del pricing sui prodotti in convenzione, segnalazioni previste sulla consistenza, monitoraggio dati statistici, controllo plafond) e le Associazioni di Categoria, in accordo con le competenti strutture di Direzione Marketing Small Business e Direzione Marketing Imprese della Divisione Banca dei Territori a seconda della tipologia di Consorzio/Associazione (di emanazione industriale o artigiana/commerciale) Raccogliere dalle Filiali le proposte di iniziative di sponsorizzazione a livello locale per l approvazione del Direttore di Area, curandone successivamente la realizzazione seguendo le linee guida definite dalle competenti strutture centrali Segnalare al Direttore di Area le opportunità di partecipazione a convegni, congressi e manifestazioni varie. 16

17 Specialista Agriventure Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali per quanto riguarda l offerta alle filiere agroalimentari ed agroenergetiche e le incombenze tecniche inerenti al credito agrario. Lo Specialista Agriventure opera con riporto gerarchico ad Agriventure. Specialista Trade Italia Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali Imprese/Moduli Imprese per quanto riguarda l offerta di servizi di cash management e di prodotti/servizi di incasso e pagamento (compreso POS), con riferimento sia a canali tradizionali sia canali telematici innovativi Recepire dalla Direzione Marketing Imprese della Divisione Banca dei Territori le indicazioni sulle tematiche relative ai prodotti/servizi di competenza e garantirne la diffusione presso le Filiali, anche tramite il contributo a specifiche attività formative e di approfondimento Garantire la diffusione dei prodotti riguardanti i canali diretti per la clientela Imprese, recependo dalla Direzione Presidio Qualità e Canali della Divisione Banca dei Territori i relativi dati e contenuti informativi Supportare Filiali/Gestori Imprese nello sviluppo commerciale dei prodotti/servizi di competenza, sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile Segmento Imprese Realizzare, sulla base delle linee guida definite dal Coordinatore di Mercato Imprese e con il coordinamento del Responsabile Segmento Imprese, il piano degli interventi di supporto verso le Filiali Identificare possibili miglioramenti/innovazioni in termini di servizi, prodotti e procedure nell ambito di competenza e segnalarli alle strutture centrali competenti, in allineamento con il Coordinatore di Mercato Imprese/Responsabile Segmento Imprese. Specialista Trade Estero Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali relativamente all operatività estero della clientela, con particolare riferimento all offerta di prodotti/servizi con sottostanti transazioni internazionali (incluse le operazioni in cambi - spot e termine), ai regolamenti commerciali internazionali e le iniziative di utilizzo dei canali telematici innovativi. Recepire dalla Direzione Marketing Imprese della Divisione Banca dei Territori le indicazioni sulle tematiche relative ai prodotti/servizi di competenza, garantendone la diffusione presso le Filiali, anche tramite il contributo a specifiche attività formative e di approfondimento Garantire la diffusione dei prodotti erogati tramite canali telematici innovativi, con particolare riferimento ai servizi riferiti all operatività estero, recependo dalla Direzione Presidio Qualità e Canali della Divisione Banca dei Territori i relativi dati e contenuti informativi Supportare Filiali/Gestori nello sviluppo commerciale dei prodotti/servizi di competenza, sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile Segmento Imprese 17

18 Realizzare, sulla base delle linee guida definite dal Coordinatore di Mercato Imprese e con il coordinamento del Responsabile Segmento Imprese, il piano degli interventi di supporto verso le Filiali Supportare e fornire consulenza alle Filiali nella gestione, sia in fase di vendita che in fase di post-vendita, di operazioni ad elevata complessità, quali: o pagamenti ad alto ammontare o crediti documentari o garanzie o cash management/cash pooling internazionale o o prodotti strutturati e/o con copertura ECA all istruttoria di pratiche, con particolare riferimento alle Regole per la gestione degli embarghi Identificare possibili miglioramenti/innovazioni in termini di servizi, prodotti e procedure nell ambito di competenza e segnalarli alle strutture centrali competenti, in allineamento con il Coordinatore di Mercato Imprese/Responsabile Segmento Imprese. Specialista Finanza d Impresa Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali Imprese/Moduli Imprese per quanto riguarda l offerta di prodotti di copertura del rischio di mercato (derivati di tasso, di cambio e su materie prime) e prodotti di copertura dei rischi extra-gestionali (prodotti e servizi assicurativi). Recepire dalla Direzione Marketing Imprese della Divisione Banca dei Territori le indicazioni sulle tematiche relative ai prodotti/servizi di competenza, garantendone la diffusione presso le Filiali, anche tramite il contributo a specifiche attività formative e di approfondimento Supportare Filiali/Gestori nello sviluppo commerciale dei prodotti/servizi di competenza, sulla base degli indirizzi forniti dal Responsabile Segmento Imprese Realizzare, sulla base delle linee guida definite dal Coordinatore di Mercato Imprese e con il coordinamento del Responsabile Segmento Imprese, il piano degli interventi di supporto verso le Filiali Nello specifico ambito dei prodotti derivati, fornire assistenza alle Filiali per il perfezionamento di operazioni non gestite sugli applicativi di Filiale, interagendo con Banca IMI, e assicurare le attività di assistenza post-vendita Identificare possibili miglioramenti/innovazioni in termini di servizi, prodotti e procedure nell ambito di competenza e segnalarli alle strutture centrali competenti, in allineamento con il Coordinatore di Mercato Imprese/Responsabile Segmento Imprese. Specialista Mediocredito Italiano Garantire il supporto tecnico/specialistico alle Filiali Imprese/Moduli Imprese, per quanto riguarda l offerta di prodotti e servizi di Mediocredito Italiano. Lo Specialista Mediocredito Italiano opera con riporto gerarchico a Mediocredito Italiano. 18

19 Specialista Pianificazione Commerciale Supportare il Direttore di Area in materia di pianificazione commerciale, controllo di gestione e gestione di tassi e condizioni nell ambito delle autonomie assegnate, interfacciandosi con l Unità Pianificazione e Controllo di Gestione di Direzione Regionale Garantire le attività di monitoraggio, analisi ed interpretazione dei risultati a tutti i livelli, fornendo dati consuntivi ed analisi andamentali in relazione agli obiettivi prefissati, anche coordinandosi con le competenti strutture di Direzione Regionale. Presidiare il processo di formulazione del budget delle Filiali, compreso l iter di approvazione, secondo le metodologie ed i supporti forniti dalle competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali, garantendo supporto e assistenza al Direttore di Area ed alle Filiali nell individuazione, assegnazione e formalizzazione degli obiettivi, in coordinamento con la Direzione Regionale Supportare il Direttore di Area, in coordinamento con la Direzione Regionale e nel rispetto delle linee guida di Gruppo, nel raggiungimento degli obiettivi economici e commerciali, declinando i piani e le iniziative commerciali, analizzando i risultati conseguiti (tramite la reportistica messa a disposizione dalle competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali), valutando gli scostamenti rispetto agli obiettivi reddituali, commerciali e di spesa prefissati e collaborando con i Responsabili di Segmento e i Coordinatori di Mercato per l individuazione delle azioni più opportune Assistere le Filiali nella valutazione dell andamento economico ed operativo fornendo un supporto tecnico, metodologico e formativo per il corretto utilizzo degli strumenti rendicontativi Collaborare con le competenti strutture di Direzione Regionale e Centrali per la definizione del Piano Territoriale (nuove aperture, interventi di razionalizzazione, etc.), avvalendosi del supporto dell Unità Personale e degli Specialisti Assistenza Operativa Supportare il Direttore di Area nella gestione delle richieste di deroghe su tassi e condizioni provenienti dalle Filiali, nell ambito delle autonomie assegnate. Tali Specialisti riportano funzionalmente all Unità Pianificazione e Controllo di Gestione di Direzione Regionale. Specialista Assistenza Operativa Supportare il Direttore di Area, garantendo la corretta applicazione dei processi e delle normative vigenti con l obiettivo di assicurare un adeguato livello di servizio alla clientela e di efficienza operativa, nel rispetto degli indirizzi definiti dalla Direzione Centrale Operations di Rete di Intesa Sanpaolo Group Services e dalla Direzione Presidio Qualità e Canali della Divisione Banca dei Territori Presidiare il mantenimento del livello qualitativo e quantitativo delle risorse strumentali, garantendo al riguardo il supporto alle Filiali e all Area Fungere da referente Operational Risk Manager a supporto dell Operational Risk Manager Decentrato di riferimento per la raccolta, aggiornamento ed arricchimento degli eventi operativi, nonché per lo svolgimento del processo di Autodiagnosi, in coordinamento anche con lo Specialista Controlli di Direzione Regionale Assicurare l interfaccia con la funzione di continuità operativa della Direzione Centrale Organizzazione e Sicurezza di Intesa Sanpaolo Group Services. 19

20 Assicurare la corretta applicazione dei processi e delle normative aziendali vigenti, fornendo al riguardo il necessario supporto alle Filiali, anche attraverso periodiche visite in loco Supportare ed assistere le funzioni dell Area per tutte le problematiche procedurali e tecniche, al fine di massimizzare i livelli di efficienza ed efficacia, ponendosi come interfaccia nei confronti delle competenti strutture centrali per la segnalazione di disfunzioni o nuove esigenze Verificare la qualità del servizio operativo reso alla clientela ed individuare le azioni correttive per migliorare l efficienza e l efficacia dei processi Segnalare alle competenti strutture centrali le eventuali esigenze funzionali relative agli immobili/locali/impianti di pertinenza, fornendo gli elementi di valutazione per eventuali interventi tecnici e/o di allestimento Fungere da interfaccia con le competenti strutture centrali per quanto riguarda le dotazioni di sicurezza delle Filiali (allarmi, impianti di accesso) e fornire assistenza in relazione agli adempimenti conseguenti al verificarsi di eventi criminosi segnalati dalle Filiali Supportare le competenti funzioni dell Area per le attività inerenti all apertura di nuovi sportelli e per gli interventi di ampliamento e ristrutturazione di quelli in essere (locali, layout, forniture varie, monitoraggio funzionalità in fase di apertura) nonché sovrintendere la regolare e corretta installazione ed il funzionamento degli sportelli automatici Garantire il mantenimento del livello quali/quantitativo delle risorse strumentali dell Area sulla base delle linee guida definite dalle competenti strutture centrali Curare l aggiornamento in procedura ed il monitoraggio del rispetto dei massimali di cassa delle Filiali Fungere da referente operativo per la funzione di continuità operativa della Direzione Centrale Organizzazione e Sicurezza di Intesa Sanpaolo Group Services e provvedere al supporto delle attività di Business Continuity Management svolte dalle funzioni dell Area interessate per competenza Garantire l'attività di raccolta, inserimento a sistema e riconciliazione degli eventi operativi di competenza dell Area in modo completo ed esaustivo, supportando, ove necessario, l Operational Risk Manager decentrato di riferimento nell arricchimento dell informativa sui dati di perdita Supportare l Operational Risk Manager decentrato di riferimento nella valutazione del contesto operativo rispetto ai fattori di rischio, nell analisi ed inserimento a sistema delle informazioni rilevate, nella predisposizione dei report e di iniziative di revisione e analisi expost degli eventi di perdita Curare l iter autorizzativo per l imputazione di operazioni che comportano sacrifici economici al di fuori delle facoltà delegate alle Filiali Supportare le competenti strutture centrali per la gestione dei reclami, disguidi, controversie, assistendole nell esame delle anomalie segnalate. Tali Specialisti riportano funzionalmente alla Direzione Centrale Operations di Rete di Intesa Sanpaolo Group Services. 20

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

Direzione Marketing Small Business Missione

Direzione Marketing Small Business Missione Direzione Marketing Small Business Missione Soddisfare i bisogni della clientela Small Business 1, compresi gli Enti, attraverso un presidio integrato di segmento, prodotto e canale Definire un modello

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori

Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Funzionigrammi della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 Indice Divisione Banca dei Territori 3 Direzione Marketing Privati 6 Direzione Marketing Small Business 15 Direzione Marketing Imprese 23

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari

IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari Allegato al documento tecnico IFTS Settore Servizi Assicurativi e Finanziari ELENCO delle FIGURE PROFESSIONALI di RIFERIMENTO N 1 - Tecnico superiore per le operazioni di sportello nel settore dei servizi

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Regolamento delle Strutture

Regolamento delle Strutture Regolamento delle Strutture Aggiornamento: Dicembre 2010 1 INDICE BANCA PROSSIMA... 3 ORGANIGRAMMA... 5 AMMINISTRATORE DELEGATO... 7 DIRETTORE GENERALE... 8 COMITATI... 9 ATTIVITA COMUNI A TUTTE LE STRUTTURE

Dettagli

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MERCATO BUSINESS E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L attuale contesto economico e di mercato richiede l implementazione di un nuovo modello di presidio della clientela business e pubblica amministrazione finalizzato

Dettagli

Funzionigrammi delle Strutture

Funzionigrammi delle Strutture Funzionigrammi delle Strutture Indice del documento Divisione Banca dei Territori 3 Divisione Corporate e Investment Banking 25 Divisione Banche Estere 52 Finanza di Gruppo 58 Direzione Affari Societari

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ( BY INTERNAL AUDITING FACTORIT SPA ) SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI L azienda Factorit ha da qualche anno costituito una funzione di presidio del monitoraggio dei rischi aziendali strettamente connessi

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI

IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI IL NUOVO MODELLO ORGANIZZATIVO DELLE STRUTTURE COMMERCIALI TERRITORIALI 22 gennaio 2004 Posteitaliane 1 LINEE DI CONTESTO Negli anni passati è stato fatto un vigoroso sforzo per arricchire e diversificare

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI

RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI Con riferimento all Ordine di Servizio n 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E SERVIZI e ad attribuire

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Approfondimento. Controllo Interno

Approfondimento. Controllo Interno Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Approfondimento Controllo Interno Maggio 2013 Assetto Organizzativo Controllo Interno CONTROLLO INTERNO ASSICURAZIONE QUALITA DI AUDIT E SISTEMI ETICA DEL GOVERNO AZIENDALE

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna

Regolamento del processo di controllo. della rete di vendita esterna Regolamento del processo di controllo della rete di vendita esterna INDICE REGOLAMENTO DEL PROCESSO DI CONTROLLO DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3 1. PIANIFICAZIONE DELLA RETE DI VENDITA ESTERNA... 3

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE Con riferimento agli Ordini di Servizio n. 6 e 7 del 02.02.2015, si comunica che, con effetto immediato, le attività relative agli affari legislativi, precedentemente

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Software a cura della FinWin S.r.l. www.finwin.it. pag. 1 di 5

Software a cura della FinWin S.r.l. www.finwin.it. pag. 1 di 5 Software a cura della FinWin S.r.l. www.finwin.it pag. 1 di 5 INDICE Introduzione Pag. 3 Erogazioni proprie Pag. 4 Erogazioni plafonate Pag. 4 Vantaggi Pag. 5 pag. 2 di 5 1. INTRODUZIONE La Suite FinWin

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

CREDITO VALTELLINESE

CREDITO VALTELLINESE Il ruolo dell Internal Auditing nel Gruppo Bancario CREDITO VALTELLINESE Enrico Rossi Direzione Auditing di Gruppo - DELTAS S.p.A. La presentazione è stata realizzata da Credito Valtellinese ed è riservata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.3:2014

PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.3:2014 PRASSI DI RIFERIMENTO UNI/PdR 10.3:2014 Profili professionali presenti nelle banche commerciali - Requisiti di conoscenza, capacità e competenza - Area Credito Banking sector job profiles - Knowledge,

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 479/AD del 29 lug 2005 Direzione Risorse Umane e Organizzazione Principali logiche organizzative: La Direzione Risorse Umane e Organizzazione ridefinisce il proprio

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei

Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei Assistenza tecnica - Azioni per l avanzamento e verifica delle operazioni collegate alla qualità e quantità dei dati presenti nei sistemi informativi di monitoraggio della Regione Azioni di miglioramento:

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) PROCESSO DI VALUTAZIONE delle prestazioni (PERFORMANCE INDIVIDUALE) rese dal personale Il sistema di valutazione permanente intende promuovere, da un lato, il miglioramento della qualità delle prestazioni

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BANCA INTESA

PROFILI PROFESSIONALI BANCA INTESA PROFILI PROFESSIONALI BANCA INTESA Accordo Inquadramenti e ruoli chiave 31 Ottobre 2003 Pubblicato dal Coordinamento Nazionale ad uso degli iscritti PRESENTAZIONE Questa pubblicazione raccoglie e sintetizza

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo

INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA. L approccio e l offerta del nostro Gruppo INTESA SANPAOLO E LE RETI D IMPRESA L approccio e l offerta del nostro Gruppo Gli accordi con Confindustria Confindustria Piccola Industria L accordo, rinnovato lo scorso 1 marzo, richiama la rilevanza

Dettagli

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE 1 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello

ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello ORGANIGRAMMA AQP di 1 livello Amministratore Unico Costantino Unità Comunicazione e Relazioni Esterne Palumbo Direzione Tutela Giuridica e Compliance Martellino Direttore Generale Di Donna Unità Sicurezza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Il Rischio credito nei paesi a rischio

Il Rischio credito nei paesi a rischio Il Rischio credito nei paesi a rischio Il credito commerciale e il credit management Roberto Giancarlo Daverio Presidente ACMI ACMI nasce nel 1974 con sede a Milano Via Marcona, 49 In seguito si sono aggiunte

Dettagli

Banking & Financial Diploma Percorso base

Banking & Financial Diploma Percorso base Banking & Financial Diploma Sono oggi più di 3.000 i partecipanti che hanno conseguito l Attestato ABI di professionalità bancaria e finanziaria, con risultati eccellenti in termini di crescita personale

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA

COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 29 ottobre 2015 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. Scopo del documento... 3 1.2.

Dettagli

Reggio Emilia, 15 Aprile 2013 Ore 15:00

Reggio Emilia, 15 Aprile 2013 Ore 15:00 Reggio Emilia, 15 Aprile 2013 Ore 15:00 A cura del Dott. Tommaso Ciritella Intesa San Paolo Camera di Commercio di Reggio Emilia Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

Tecnico/a vendite. Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello

Tecnico/a vendite. Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello Tecnico/a vendite Ordinamento formativo dell apprendistato di II livello 1. Descrizione del profilo professionale 2. Requisiti di accesso 3. Durata dell apprendistato 4. Formazione formale 5. Quadro formativo

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Mario Fochi e Associati S.a.s. PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Presentazione del servizio Sede: TORINO Via Pietro

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

TESORERIA D IMPRESA ON LINE LA SOLUZIONE WEB PER LA GESTIONE FINANZIARIA

TESORERIA D IMPRESA ON LINE LA SOLUZIONE WEB PER LA GESTIONE FINANZIARIA TESORERIA D IMPRESA ON LINE LA SOLUZIONE WEB PER LA GESTIONE FINANZIARIA TESORERIA D IMPRESA ON LINE UNA SOLUZIONE INNOVATIVA E COMPLETA Tesoreria on line è l ambiente di lavoro che permette di convogliare

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 581/DGOL del 1 ago 2006 Direzione Generale Operativa Logistica

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 581/DGOL del 1 ago 2006 Direzione Generale Operativa Logistica Direzione Generale Operativa Logistica Il Direttore ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 581/DGOL del 1 ago 2006 Direzione Generale Operativa Logistica Principali logiche Con il presente OdSO viene ridefinito

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

!"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners

!#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi. & Partners !"#$%&'(&%)% Consulenza & Ser vizi & Partners Progettualità e cultura d impresa Nato nel 2002 da un idea del Dr. Luca Troisi, a seguito di una significativa esperienza personale maturata nel mondo della

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza

L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza L Infrastruttura CBI tra sicurezza ed efficienza Ivana Gargiulo Project Manager Standard e Architettura Consorzio CBI Milano, 14 ottobre 2013 Luogo, Data Evoluzione e ruolo del Consorzio CBI 1995 2001

Dettagli