Agenda. Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire. L'impostazione funzionale della soluzione prescelta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenda. Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire. L'impostazione funzionale della soluzione prescelta"

Transcript

1 Il rischio di credito nella gestione della relazione con la clientela retail e small business: l'esperienza di Banca Carige Bruno Lavagna - Banca Carige Daniela Novello - Experian Scorex 2 Forum di aggiornamento tecnico APB Sestri Levante, 20 maggio 2003

2 Agenda Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire L'impostazione funzionale della soluzione prescelta Come conciliare il controllo del rischio con la relazione commerciale

3 Tendenze in atto Nell ambito del Sistema bancario, a prescindere da quanto previsto dal Nuovo Accordo di Basilea, è da tempo in atto: L utilizzo sempre più intenso delle tecnologie nelle diverse fasi del processo di gestione del credito La ricerca di una maggiore correlazione tra prezzo e rischio, mediante lo sviluppo del risk management La combinazione delle informazioni privilegiate sui prenditori e dei modelli quali-quantitativi adeguati a massimizzarne la valorizzazione La segmentazione della clientela, anche di quella che appartiene al mondo imprenditoriale La ricerca di risposte conformi al giudizio del mercato sul reddito prodotto e sulla rischiosità implicita nell attività svolta

4 Il rating interno Il rating interno consente di: dare ordine alle informazioni che la Banca ha sul cliente, aggiungendo valore alle conoscenze tradizionali; avere un giudizio ponderato sulla probabilità che si verifichino situazioni di insolvenza dell affidato (capacità di cogliere il rischio di controparte).

5 BIS 2 - Banche RISCHI complessità onerosità perdita di competitività per banche medio/piccole necessità di maggiore patrimonializzazione riconciliazione con fair value accounting (IAS) gestione del trade-off tra applicazione rigorosa (risk management view) ed esigenze commerciali (marketing view) OPPORTUNITA conoscenza nel continuo della rischiosità del portafoglio in bonis pricing corretto per il rischio gestione attiva dei rischi capacità valutativa rafforzata maggiore trasparenza sfruttamento competitivo del radicamento, diffusione, conoscenze, relazioni (minore probabilità di adverse selection) processo del credito più veloce ed efficiente introduzione del capital management gestione del lending in ottica di portafoglio

6 BIS 2 - Cliente RISCHI difficoltà nell accesso al credito aumento del costo del credito prociclicità spersonalizzazione del rapporto costi aggiuntivi OPPORTUNITA riduzione mispricing (sussidi incrociati) riduzione distorsioni allocative maggiore conoscenza reciproca, quindi più facile la fornitura di servizi innovativi aggiuntivi al credito benefici nel medio-lungo periodo della maggiore disponibilità di informazioni migliore segmentazione in base alla formula imprenditoriale ed ad esigenze finanziarie dotazione di organizzazioni più trasparenti, con maggiore attenzione agli aspetti amministrativi

7 La mission strategica del Gruppo Carige Conglomerato bancario, finanziario, previdenziale e assicurativo nazionale, con il fulcro in Liguria, ma con significative propaggini in tutta Italia dove si caratterizza per la particolare attenzione alla valorizzazione del rapporto con le realtà locali; di retail focalizzato sui segmenti delle famiglie, delle piccole e medie imprese, dei commercianti, degli artigiani e degli enti pubblici locali; universale, in termini di gamma dei prodotti e servizi offerti, sia dal lato dell attivo, sia dal lato del passivo; multicanale potendo contare su un sistema distributivo integrato; polo aggregante per altre realtà bancarie di piccola e media dimensione, con particolari caratteristiche localizzative, strutturali e gestionali.

8 Oltre 500 anni di storia della Banca Carige 1483 Beato Angelo da Chivasso fonda Monte di Pietà di Genova 1846 Costituzione della Cassa di Risparmio di Genova 1929 Fusione del Monte di Pietà nella Cassa di Risparmio di Genova 1967 Assunzione della denominazione Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 1991 Trasformazione in SpA e assunzione della denominazione Banca Carige 1992 Costituzione del Gruppo polifunzionale 1993 Costituzione della banca universale mediante fusione Gruppo 1994 Privatizzazione e capitalizzazione tramite OPS 1995 Quotazione in Borsa e interventi aggregativi su CR Savona 1996 Attribuzione del rating 1997 Acquisizione partecipazioni assicurative 1998 Aumento di capitale tramite OPS 1999 Internazionalizzazione e acquisizione BML e CRSV 2000 Acquisizione di 21 sportelli dal BdS 2001 Acquisizione di 61 sportelli da IntesaBci 2002 Acquisizione di 42 sportelli da Capitalia

9 Il Gruppo Carige oggi.è oggi un conglomerato bancario, finanziario, assicurativo e previdenziale, costituito da 4 banche, 2 compagnie assicurative, 3 società finanziarie e 4 società strumentali. Fondazione CR Genova e Imperia CDC EULIA CNCEP WestLB Gruppo El Monte Gefip Cattolica assicurativo Holding Assicurazioni La Basilese Altri azionisti 43,37% 11,02% 7,76% 5,90% 3,48% 2,28% 2,00% Banca Carige S.p.A. - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 24,19% 47,50% Frankfurter Bankgesellschaft AG 54,00% 95,90% Banca del Monte di Lucca S.p.A. Cassa di Risparmio di Savona S.p.A. Attività bancaria Attività fiduciaria Attività assicurativa Attività strumentali Attività finanziaria 71,93% 60,00% 89,18% 92,81% 100,00% 99,98% 90,00% 20,24% 20,00% Centro Fiduciario C.F. S.p.A. Argo Finance One S.r.l. Carige Assicurazioni S.p.A. Carige Vita Nuova S.p.A. Galeazzo S.r.l. 0,02% Columbus Carige Immobiliare S.p.A. Immobiliare Ettore Vernazza S.p.A. Eptaconsors S.p.A. 100,00% 100,00% Immobiliare Carisa S.r.l. Ligure Leasing S.p.A. Gruppo Banca Carige

10 Interventi sulla struttura organizzativa MACROSTRUTTURA consulenti corporate nelle Direzioni territoriali unità organizzativa per i controlli interni unità organizzativa per la finanza di impresa unità organizzativa per il recupero crediti SISTEMI GESTIONALI progetto Credit Risk Management per rating interni e modello di portafoglio scoring di accettazione per crediti a privati e quelli relativi alle microimprese (small business) incentivazione sui risultati economici corretti per il rischio reporting finalizzato RISORSE UMANE personale specializzato formazione

11 Progetto Credit Risk - Obiettivi (1) Revisionare il processo di credito Facilitare la condivisione delle informazioni e degli obiettivi da parte di più funzioni aziendali, con particolare riferimento agli strumenti per il controllo di gestione, del rischio e i controlli di 3 livello (internal auditing) Migliorare l efficacia dei controlli operativi e gestionali relativi al rischio di credito, anche in un ottica di gruppo Permettere una più corretta allocazione del capitale fra le varie business unit aziendali, in funzione di indicatori di redditività corretti per il rischio Recepire le direttive del Comitato di Basilea

12 Progetto Credit Risk - Obiettivi (2) Revisione del processo di credito, finalizzato a : Omogeneizzare i criteri valutativi con conseguente diffusione di una comune cultura del credito Accrescere l automazione nelle fasi di concessione / revisione con conseguente snellimento dei processi, riduzione dei tempi e della numerosità di pratiche da seguire e conseguente riduzione dei costi operativi Migliorare il monitoraggio permanente del portafoglio crediti ai fini di un più efficace indirizzo delle politiche d impiego della Banca Consentire la revisione dei poteri deliberativi con conseguente riduzione dei tempi di erogazione Favorire la determinazione di un pricing corretto dei prodotti del credito Supportare l evoluzione del sistema incentivante

13 La segmentazione della clientela SEGMENTAZIONE AMMINISTRATIVA FATTURATO ACCORDATO BANCA SEGMENTAZIONE PER IL RISCHIO FAMIGLIE Consumatrici Non rilevante Non rilevante PRIVATI FAMIGLIE Produttrici Non rilevante Non rilevante SMALL BUSINESS RETAIL N.D. oppure < 1 mil < > MICROIMPRESE SOCIETA non finanziarie mil Non rilevante PMI CORPORATE >100 mil Non rilevante LARGE CORPORATE

14 Utilizzo dei risultati DIREZIONE CREDITI PIANIFICAZIONE, CONTROLLO E RISK MANAGEMENT per rendere più efficace/efficiente il sistema di accettazione/rifiuto e di gestione andamentale (early warning) per impostare una pianificazione strategica -commerciale coerente con il profilo di rischio della clientela per garantire una visione omogenea tra processo di erogazione e gestione strategica del portafoglio crediti con gli strumenti di valutazione individuale per ottenere una misura omogenea di redditività aggiustata per il rischio tra le categorie di clientela per supportare il processo della pianificazione del credito per orientare le politiche di prezzo della rete e dei gestori corporate per valutare l adeguatezza economica degli accantonamenti per integrare le misure di rischio di credito con gli altri fattori di rischio, in modo da poterli aggregare in una unica misura di RAPM per misurare la performance delle diverse unità di business per supportare il processo di allocazione del capitale alle unità di business

15 QIS3: risultati studio di impatto I primi risultati dello studio di impatto non hanno evidenziato aggravi di assorbimento di capitale da parte del comparto PMI. Al contrario, sia per le PMI classificate come Corporate (fatturato >= 5 Mil. e/o accordato >= 1 Mil. ), sia per quelle inserite nel Retail (fatturato < 5 Mil. e accordato < 1 Mil. ), sembra evidenziarsi un risparmio di capitale. L avvertenza risiede però nell impatto, ancora in corso di valutazione, dell allargamento del concetto di default ai ritardi nei pagamenti oltre i 180 giorni (90 giorni in prospettiva).

16 Agenda Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire L'impostazione funzionale della soluzione prescelta Come conciliare il controllo del rischio con la relazione commerciale

17 Il processo di sorveglianza del portafoglio GESTIONE OPERATIVA Verifica della regolarita degli utilizzi Monitoraggio del lavoro Gestione delle eccezioni in essere SORVEGLIANZA SISTEMATICA Evidenziazione di anomalie in essere Revisione sistematica delle posizioni Revisione merito del credito GESTIONE ANDAMENTALE Classificazioni in funzione del comportamento atteso Gestione basata su regole precise Riduzione del costo del rischio

18 Il processo decisionale Lo scoring analizza mensilmente le informazioni della banca su tutti i clienti in portafoglio, discrimina con congruo anticipo (12 mesi) il deterioramento del profilo di rischio e propone la classificazione nella classe gestionale Basso rischio Rischio elevato Default SCORING VERDE (BO) SCORING GIALLO (IO) SCORING ROSSO (AR) Cliente a gestione ordinaria Cliente in osservazione Gestione andamentale Cliente a rientro

19 La gestione andamentale: strumenti Tipologia Attività Obiettivo Griglie di scoring andamentale Definizione Cattivo Cliente Costruzione modelli a livello conto e a livello cliente Calcolo della PD e del rating Probe SM Definizione variabili di alimentazione Implementazione modelli di scoring Applicazione strategie gestionali Procedura automatizzata per la gestione / monitoraggio del portafoglio

20 Il calcolo del rating Segmentazione portafoglio e definizione clienti Bad Determinazione dello score a livello cliente Individuazione della funzione di stima della PD Assegnazione delle classi di rating

21 Lo scoring andamentale Definizione dello scoring andamentale: Lo scoring andamentale è un particolare sistema di scoring che permette di ricalcolare lo score di un cliente nel corso del tempo, sulla base del suo comportamento più recente. Punto decisionale * Misura evento Informazione Evento Tempo * Nello scoring andamentale il punto decisionale è mobile

22 Definizione di cliente Bad Per sviluppare il modello di scoring è opportuno dividere il portafoglio in tre categorie: Clienti «Bad» (es. Incagli, Sofferenze allargate, Sconfinamenti o ritardi di pagamento superiori a 180 gg ) Clienti «Indeterminate» (es. Evidenze, ritardi di pagamento inferiori a 180 gg ) Clienti «Good» clienti senza irregolarità di rimborso

23 Importanza di una definizione stabile La stabilità di un modello di scoring dipende anche dalla stabilità della definizione di Buono/Cattivo con cui è sviluppato. La definizione di Buono/Cattivo data da Basilea sta cambiando importanza di una definizione stabile. Giusto trade-off tra potere discriminante e stabilità

24 Probe SM Retail Banking Solution H O S T Conti Correnti Conti di risparmio Carte di credito Prestiti personali Mutui Probe SM Cheque Accounts Probe SM Non-Cheque Accounts LIVELLO CONTO Aggregazione Probe SM LIVELLO CLIENTE

25 Esempio di distribuzione di rating Classe di rating Totale Clienti Defaul Rate (PD) Tassi di default a 12 mesi

26 La stima della PD Bad Rate 1 PD osservata PD Stimata Score Score = PD calcolata con la definizione di Default utilizzata per lo sviluppo del modello PD stimata= PD stimata attraverso una funzione che ha come input lo score e calcolata in base alla definizione di Default data da Basilea 1 Bad Rate=Numero clienti in Default/Numero Clienti (Default definito secondo Basilea)

27 Il concetto di Gruppo E molto importante valutare correttamente le interrelazioni tra differenti soggetti: la soluzione Probe RBS prevede a seguito della classificazione a livello cliente un ulteriore passaggio che va a considerare i collegamenti presenti. Definire il gruppo e il livello di collegamento di collegati Modificare la classificazione della capogruppo in funzione del comportamento dei singoli collegati Gestione coerente delle relazioni e massimizzazione della soddisfazione del cliente Intestazione Group ID NDG Livello Rossi & Bianchi snc Rossi Giovanni Bianchi Andrea Altaitalia Srl Altaitalia Srl Verdi Mario 4 5 3

28 La gestione delle cointestazioni Rapporto Ndg 1 XY 2 X 3 Y 4 XZ Rapporto Ndg 1 X 2 X 4 X 1 Y 3 Y 4 Z Numero rapporto e NDG intestatario Gestione delle cointestazioni tramite gli NDG dei cointestatari Rapporto Group ID NDG Livello 1 XY XY 0 2 XY X 1 3 XY Y 1 4 XY XZ 2 2 X X 0 1 X XY 1 4 X XZ 1 3 Y Y 0 1 Y XY 1 4 XZ XZ 0 2 XZ X 1 Gestione delle cointestazioni come gruppo

29 La soluzione Carige Pers.Fisica / DI / Professionista Cointestazioni Soc. Persone Soc. Capitali 0 -PF / DI - Cointestazione - Soc. Persone - Soc. Capitali 1 - Cointestazione in cui part PF - Cointestatari - Soci ill. Resp. - Soc. Persone - Altre cointestaz. - Cointestazioni - Garantiti 2 - Garantiti - Soc. Persone - Garantiti - Garantiti - Garante - Garante - Garante - Garante - Gruppo economico - Gruppo economico - Gruppo economico - Gruppo economico 3 - Coint. soci ill. resp. - SP di soci ill. resp. - Coint. soci ill. resp. - SP di soci ill. resp. - Garantiti soci ill. resp. - Garantiti soci ill. resp.

30 Il concetto di Gruppo nella determinazione delle segnalazioni La classificazione della capogruppo viene influenzata dalla classificazione del collegato a livello 1; l effetto provocato da ciascun cliente alla classificazione finale della capogruppo e funzione del livello di collegamento + RISCHIO RISCHIO Livello A rientro 9 In Osservazione In Bonis Livello 1 Nota:Esempio con 1 solo collegato

31 La determinazione delle segnalazioni Score a livello conto Regole migliorative: Saldi attivi Garanzie AR Score a livello cliente Customer Risk Grade Group Risk Grade Proposta di classificazione IO BO Bilanci Centrale Rischi Regole peggiorative: Contenzioso Eventi discriminanti

32 Agenda Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire L'impostazione funzionale della soluzione prescelta: Probe RBS Come conciliare il controllo del rischio con la relazione commerciale

33 Il sistema decisionale commerciale Movimentazione Conti Posizione a sistema Collegati SCORING REGOLE GESTIONE RELAZIONE COMMERCIALE RISCHIO POTENZIALITA CROSS SELLING PIANI OFFERTA

34 CROSS SELLING Il sistema decisionale commerciale POTENZIALITA PIANI OFFERTA RISCHIO

35 Segmentazione comportamentale: obiettivi Costruzione di indicatori di sintesi a valore aggiunto per il supporto decisionale alle politiche commerciali per il mercato privati ed imprese: suddividere i clienti sulla base del loro comportamento, in termini di prodotti posseduti e di utilizzo che ne viene fatto, attivare diversamente per ognuno dei segmenti individuati le leve a disposizione: le caratteristiche commerciali e di comunicazione dell offerta, valutare per ciascun gruppo di clienti i principali trend in termini di crescita ovvero calo di relazione.

36 I modelli di segmentazione Clientela Privata? Small Business Comportamento da privato Comportamento da impresa

37 INDEBITAMENTO contribuisce a discriminare i clienti possessori di prodotti di finanziamento da quelli che non ne hanno fatto richiesta alla banca. Esposizione media e debito residuo sui finanziamenti sono le variabili discriminanti dell asse. Segmentazione Privati I fattori di differenziazione del comportamento: ATTIVITA rappresenta l'attività del cliente sia in termini di frequenza del rapporto che di qualità dello stesso: ad attività elevata corrisponde un più completo utilizzo dei prodotti bancari DISPONIBILITA FINANZIARIA il secondo asse ben rappresenta la quantità dei mezzi a disposizione in termini di attività finanziarie generate (saldi su c/c, libretti e titoli) PROPENSIONE ALL INVESTIMENTO intesa nella forma di possesso e di attività nella compravendita di titoli nonché nella propensione a diversificare le proprio risorse nelle forme di investimento offerte

38 Segmentazione comportamentale privati - attivi B2 ATTIVITA E3 14 % - Piccoli conti 9 % - Risparmiatori fedeli TITOLI -ricchi B1 4 % - Inattivi GIACENZA MEDIA C E1 9 % - Risparmiatori tradizionali 17 % - Modesti risparmiatori D1 F 5 % - Risparmiatori benestanti + ricchi G A 4 % - Libretti morti 10 % - Piccoli conti dinamici D2 6 % - Consumatori + indebitati DEBITO E2 5 % - Moderni + attivi 4 % - Risparmiatori superagiati

39 Segmentazione Small Business I fattori di differenziazione del comportamento ATTIVITA Il primo asse fattoriale rappresenta l attività sia in termini di frequenza del rapporto che di qualità dello stesso. E questo infatti l asse che meglio individua i clienti che fanno un utilizzo occasionale dei prodotti e servizi Banca Carige UTILIZZI E l asse descrittivo dell attività del cliente in termini di utilizzo dei prodotti di affidamento GESTIONE LIQUIDITA /AFFIDAMENTO La contrapposizione tra chi utilizza Banca Carige per gestire la propria liquidità e chi utilizza prodotti di affidamento è ben rappresentata sul terzo asse

40 Segmentazione comportamentale Small Business AFFIDAMENTO % - Caro affidato 03 Debito residuo su mutui % - Lacunoso rapporto ATTIVITA 29 % - Adagio Importo movimenti creditori su C/C 02 Saldo positivo su C/C % - Notabili liguri 25 % - Buon inizio Utilizzato affidament i GESTIONE LIQUIDITA

41 Strategie a livello cliente e prodotto Individuazione della propensione di acquisto tramite il segmento comportamentale Individuazione del rischio tramite lo score Cross-selling su prodotti ad alta propensione e basso rischio Definizione di limiti di credito e di limiti ombra tramite lo score, gli utilizzi, la movimentazione avere Definizione di un piano di offerta per segmento che tenga conto di rischio e potenzialita commerciale

42 Integrazione di una visione commerciale nella gestione del credito Quali sono i vantaggi: Visione completa del comportamento della clientela nei confronti della Banca, Disponibilità di strumenti che possono aumentare l efficacia delle azioni commerciali sulla propria clientela ovvero migliorare la qualità del portafoglio crediti, L utilizzo degli strumenti disponibili singolarmente o in combinazione dipende dagli obiettivi che si pone la Banca in ogni particolare momento e dal loro inserimento in una strategia di più ampia portata, Massimizzazione della redditività derivante dalla relazione complessiva dei diversi segmenti.

43 Progetto Carige Definizione Good/Bad flag - campione di sviluppo Definizione files di alimentazione Attività Experian Scorex/Carige 1 Settimana 3 Settimane Definizione Livelli appartenenza gruppi 1 Settimana Definizione regole gestionali- specifiche funzionali 3 Settimane Attività Experian Scorex/Carige Costruzione dei files di alimentazione Attività Carige 3mesi Costruzione Modelli scoring Definizione classi di rating Attività Experian Scorex 4 Settimane 1 Settimana Costruzione sistema ProbeSM Test sistema ProbeSM Attività Experian Scorex 3 Settimane 1 Settimana Test accettazione ProbeSM Attività Carige 2 Settimane

44 Il rischio di credito nella gestione della relazione con la clientela retail e small business: l'esperienza di Banca Carige Bruno Lavagna - Banca Carige Daniela Novello - Experian Scorex 2 Forum di aggiornamento tecnico APB Sestri Levante, 20 maggio 2003

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa

Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa FEDERAZIONE DELLE COOPERATIVE RAIFFEISEN Le banche locali e di credito cooperativo in prospettiva: vigilanza europea ed evoluzione normativa Intervento di Carmelo Barbagallo Capo del Dipartimento di Vigilanza

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli