Agenda. Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire. L'impostazione funzionale della soluzione prescelta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenda. Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire. L'impostazione funzionale della soluzione prescelta"

Transcript

1 Il rischio di credito nella gestione della relazione con la clientela retail e small business: l'esperienza di Banca Carige Bruno Lavagna - Banca Carige Daniela Novello - Experian Scorex 2 Forum di aggiornamento tecnico APB Sestri Levante, 20 maggio 2003

2 Agenda Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire L'impostazione funzionale della soluzione prescelta Come conciliare il controllo del rischio con la relazione commerciale

3 Tendenze in atto Nell ambito del Sistema bancario, a prescindere da quanto previsto dal Nuovo Accordo di Basilea, è da tempo in atto: L utilizzo sempre più intenso delle tecnologie nelle diverse fasi del processo di gestione del credito La ricerca di una maggiore correlazione tra prezzo e rischio, mediante lo sviluppo del risk management La combinazione delle informazioni privilegiate sui prenditori e dei modelli quali-quantitativi adeguati a massimizzarne la valorizzazione La segmentazione della clientela, anche di quella che appartiene al mondo imprenditoriale La ricerca di risposte conformi al giudizio del mercato sul reddito prodotto e sulla rischiosità implicita nell attività svolta

4 Il rating interno Il rating interno consente di: dare ordine alle informazioni che la Banca ha sul cliente, aggiungendo valore alle conoscenze tradizionali; avere un giudizio ponderato sulla probabilità che si verifichino situazioni di insolvenza dell affidato (capacità di cogliere il rischio di controparte).

5 BIS 2 - Banche RISCHI complessità onerosità perdita di competitività per banche medio/piccole necessità di maggiore patrimonializzazione riconciliazione con fair value accounting (IAS) gestione del trade-off tra applicazione rigorosa (risk management view) ed esigenze commerciali (marketing view) OPPORTUNITA conoscenza nel continuo della rischiosità del portafoglio in bonis pricing corretto per il rischio gestione attiva dei rischi capacità valutativa rafforzata maggiore trasparenza sfruttamento competitivo del radicamento, diffusione, conoscenze, relazioni (minore probabilità di adverse selection) processo del credito più veloce ed efficiente introduzione del capital management gestione del lending in ottica di portafoglio

6 BIS 2 - Cliente RISCHI difficoltà nell accesso al credito aumento del costo del credito prociclicità spersonalizzazione del rapporto costi aggiuntivi OPPORTUNITA riduzione mispricing (sussidi incrociati) riduzione distorsioni allocative maggiore conoscenza reciproca, quindi più facile la fornitura di servizi innovativi aggiuntivi al credito benefici nel medio-lungo periodo della maggiore disponibilità di informazioni migliore segmentazione in base alla formula imprenditoriale ed ad esigenze finanziarie dotazione di organizzazioni più trasparenti, con maggiore attenzione agli aspetti amministrativi

7 La mission strategica del Gruppo Carige Conglomerato bancario, finanziario, previdenziale e assicurativo nazionale, con il fulcro in Liguria, ma con significative propaggini in tutta Italia dove si caratterizza per la particolare attenzione alla valorizzazione del rapporto con le realtà locali; di retail focalizzato sui segmenti delle famiglie, delle piccole e medie imprese, dei commercianti, degli artigiani e degli enti pubblici locali; universale, in termini di gamma dei prodotti e servizi offerti, sia dal lato dell attivo, sia dal lato del passivo; multicanale potendo contare su un sistema distributivo integrato; polo aggregante per altre realtà bancarie di piccola e media dimensione, con particolari caratteristiche localizzative, strutturali e gestionali.

8 Oltre 500 anni di storia della Banca Carige 1483 Beato Angelo da Chivasso fonda Monte di Pietà di Genova 1846 Costituzione della Cassa di Risparmio di Genova 1929 Fusione del Monte di Pietà nella Cassa di Risparmio di Genova 1967 Assunzione della denominazione Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 1991 Trasformazione in SpA e assunzione della denominazione Banca Carige 1992 Costituzione del Gruppo polifunzionale 1993 Costituzione della banca universale mediante fusione Gruppo 1994 Privatizzazione e capitalizzazione tramite OPS 1995 Quotazione in Borsa e interventi aggregativi su CR Savona 1996 Attribuzione del rating 1997 Acquisizione partecipazioni assicurative 1998 Aumento di capitale tramite OPS 1999 Internazionalizzazione e acquisizione BML e CRSV 2000 Acquisizione di 21 sportelli dal BdS 2001 Acquisizione di 61 sportelli da IntesaBci 2002 Acquisizione di 42 sportelli da Capitalia

9 Il Gruppo Carige oggi.è oggi un conglomerato bancario, finanziario, assicurativo e previdenziale, costituito da 4 banche, 2 compagnie assicurative, 3 società finanziarie e 4 società strumentali. Fondazione CR Genova e Imperia CDC EULIA CNCEP WestLB Gruppo El Monte Gefip Cattolica assicurativo Holding Assicurazioni La Basilese Altri azionisti 43,37% 11,02% 7,76% 5,90% 3,48% 2,28% 2,00% Banca Carige S.p.A. - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 24,19% 47,50% Frankfurter Bankgesellschaft AG 54,00% 95,90% Banca del Monte di Lucca S.p.A. Cassa di Risparmio di Savona S.p.A. Attività bancaria Attività fiduciaria Attività assicurativa Attività strumentali Attività finanziaria 71,93% 60,00% 89,18% 92,81% 100,00% 99,98% 90,00% 20,24% 20,00% Centro Fiduciario C.F. S.p.A. Argo Finance One S.r.l. Carige Assicurazioni S.p.A. Carige Vita Nuova S.p.A. Galeazzo S.r.l. 0,02% Columbus Carige Immobiliare S.p.A. Immobiliare Ettore Vernazza S.p.A. Eptaconsors S.p.A. 100,00% 100,00% Immobiliare Carisa S.r.l. Ligure Leasing S.p.A. Gruppo Banca Carige

10 Interventi sulla struttura organizzativa MACROSTRUTTURA consulenti corporate nelle Direzioni territoriali unità organizzativa per i controlli interni unità organizzativa per la finanza di impresa unità organizzativa per il recupero crediti SISTEMI GESTIONALI progetto Credit Risk Management per rating interni e modello di portafoglio scoring di accettazione per crediti a privati e quelli relativi alle microimprese (small business) incentivazione sui risultati economici corretti per il rischio reporting finalizzato RISORSE UMANE personale specializzato formazione

11 Progetto Credit Risk - Obiettivi (1) Revisionare il processo di credito Facilitare la condivisione delle informazioni e degli obiettivi da parte di più funzioni aziendali, con particolare riferimento agli strumenti per il controllo di gestione, del rischio e i controlli di 3 livello (internal auditing) Migliorare l efficacia dei controlli operativi e gestionali relativi al rischio di credito, anche in un ottica di gruppo Permettere una più corretta allocazione del capitale fra le varie business unit aziendali, in funzione di indicatori di redditività corretti per il rischio Recepire le direttive del Comitato di Basilea

12 Progetto Credit Risk - Obiettivi (2) Revisione del processo di credito, finalizzato a : Omogeneizzare i criteri valutativi con conseguente diffusione di una comune cultura del credito Accrescere l automazione nelle fasi di concessione / revisione con conseguente snellimento dei processi, riduzione dei tempi e della numerosità di pratiche da seguire e conseguente riduzione dei costi operativi Migliorare il monitoraggio permanente del portafoglio crediti ai fini di un più efficace indirizzo delle politiche d impiego della Banca Consentire la revisione dei poteri deliberativi con conseguente riduzione dei tempi di erogazione Favorire la determinazione di un pricing corretto dei prodotti del credito Supportare l evoluzione del sistema incentivante

13 La segmentazione della clientela SEGMENTAZIONE AMMINISTRATIVA FATTURATO ACCORDATO BANCA SEGMENTAZIONE PER IL RISCHIO FAMIGLIE Consumatrici Non rilevante Non rilevante PRIVATI FAMIGLIE Produttrici Non rilevante Non rilevante SMALL BUSINESS RETAIL N.D. oppure < 1 mil < > MICROIMPRESE SOCIETA non finanziarie mil Non rilevante PMI CORPORATE >100 mil Non rilevante LARGE CORPORATE

14 Utilizzo dei risultati DIREZIONE CREDITI PIANIFICAZIONE, CONTROLLO E RISK MANAGEMENT per rendere più efficace/efficiente il sistema di accettazione/rifiuto e di gestione andamentale (early warning) per impostare una pianificazione strategica -commerciale coerente con il profilo di rischio della clientela per garantire una visione omogenea tra processo di erogazione e gestione strategica del portafoglio crediti con gli strumenti di valutazione individuale per ottenere una misura omogenea di redditività aggiustata per il rischio tra le categorie di clientela per supportare il processo della pianificazione del credito per orientare le politiche di prezzo della rete e dei gestori corporate per valutare l adeguatezza economica degli accantonamenti per integrare le misure di rischio di credito con gli altri fattori di rischio, in modo da poterli aggregare in una unica misura di RAPM per misurare la performance delle diverse unità di business per supportare il processo di allocazione del capitale alle unità di business

15 QIS3: risultati studio di impatto I primi risultati dello studio di impatto non hanno evidenziato aggravi di assorbimento di capitale da parte del comparto PMI. Al contrario, sia per le PMI classificate come Corporate (fatturato >= 5 Mil. e/o accordato >= 1 Mil. ), sia per quelle inserite nel Retail (fatturato < 5 Mil. e accordato < 1 Mil. ), sembra evidenziarsi un risparmio di capitale. L avvertenza risiede però nell impatto, ancora in corso di valutazione, dell allargamento del concetto di default ai ritardi nei pagamenti oltre i 180 giorni (90 giorni in prospettiva).

16 Agenda Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire L'impostazione funzionale della soluzione prescelta Come conciliare il controllo del rischio con la relazione commerciale

17 Il processo di sorveglianza del portafoglio GESTIONE OPERATIVA Verifica della regolarita degli utilizzi Monitoraggio del lavoro Gestione delle eccezioni in essere SORVEGLIANZA SISTEMATICA Evidenziazione di anomalie in essere Revisione sistematica delle posizioni Revisione merito del credito GESTIONE ANDAMENTALE Classificazioni in funzione del comportamento atteso Gestione basata su regole precise Riduzione del costo del rischio

18 Il processo decisionale Lo scoring analizza mensilmente le informazioni della banca su tutti i clienti in portafoglio, discrimina con congruo anticipo (12 mesi) il deterioramento del profilo di rischio e propone la classificazione nella classe gestionale Basso rischio Rischio elevato Default SCORING VERDE (BO) SCORING GIALLO (IO) SCORING ROSSO (AR) Cliente a gestione ordinaria Cliente in osservazione Gestione andamentale Cliente a rientro

19 La gestione andamentale: strumenti Tipologia Attività Obiettivo Griglie di scoring andamentale Definizione Cattivo Cliente Costruzione modelli a livello conto e a livello cliente Calcolo della PD e del rating Probe SM Definizione variabili di alimentazione Implementazione modelli di scoring Applicazione strategie gestionali Procedura automatizzata per la gestione / monitoraggio del portafoglio

20 Il calcolo del rating Segmentazione portafoglio e definizione clienti Bad Determinazione dello score a livello cliente Individuazione della funzione di stima della PD Assegnazione delle classi di rating

21 Lo scoring andamentale Definizione dello scoring andamentale: Lo scoring andamentale è un particolare sistema di scoring che permette di ricalcolare lo score di un cliente nel corso del tempo, sulla base del suo comportamento più recente. Punto decisionale * Misura evento Informazione Evento Tempo * Nello scoring andamentale il punto decisionale è mobile

22 Definizione di cliente Bad Per sviluppare il modello di scoring è opportuno dividere il portafoglio in tre categorie: Clienti «Bad» (es. Incagli, Sofferenze allargate, Sconfinamenti o ritardi di pagamento superiori a 180 gg ) Clienti «Indeterminate» (es. Evidenze, ritardi di pagamento inferiori a 180 gg ) Clienti «Good» clienti senza irregolarità di rimborso

23 Importanza di una definizione stabile La stabilità di un modello di scoring dipende anche dalla stabilità della definizione di Buono/Cattivo con cui è sviluppato. La definizione di Buono/Cattivo data da Basilea sta cambiando importanza di una definizione stabile. Giusto trade-off tra potere discriminante e stabilità

24 Probe SM Retail Banking Solution H O S T Conti Correnti Conti di risparmio Carte di credito Prestiti personali Mutui Probe SM Cheque Accounts Probe SM Non-Cheque Accounts LIVELLO CONTO Aggregazione Probe SM LIVELLO CLIENTE

25 Esempio di distribuzione di rating Classe di rating Totale Clienti Defaul Rate (PD) Tassi di default a 12 mesi

26 La stima della PD Bad Rate 1 PD osservata PD Stimata Score Score = PD calcolata con la definizione di Default utilizzata per lo sviluppo del modello PD stimata= PD stimata attraverso una funzione che ha come input lo score e calcolata in base alla definizione di Default data da Basilea 1 Bad Rate=Numero clienti in Default/Numero Clienti (Default definito secondo Basilea)

27 Il concetto di Gruppo E molto importante valutare correttamente le interrelazioni tra differenti soggetti: la soluzione Probe RBS prevede a seguito della classificazione a livello cliente un ulteriore passaggio che va a considerare i collegamenti presenti. Definire il gruppo e il livello di collegamento di collegati Modificare la classificazione della capogruppo in funzione del comportamento dei singoli collegati Gestione coerente delle relazioni e massimizzazione della soddisfazione del cliente Intestazione Group ID NDG Livello Rossi & Bianchi snc Rossi Giovanni Bianchi Andrea Altaitalia Srl Altaitalia Srl Verdi Mario 4 5 3

28 La gestione delle cointestazioni Rapporto Ndg 1 XY 2 X 3 Y 4 XZ Rapporto Ndg 1 X 2 X 4 X 1 Y 3 Y 4 Z Numero rapporto e NDG intestatario Gestione delle cointestazioni tramite gli NDG dei cointestatari Rapporto Group ID NDG Livello 1 XY XY 0 2 XY X 1 3 XY Y 1 4 XY XZ 2 2 X X 0 1 X XY 1 4 X XZ 1 3 Y Y 0 1 Y XY 1 4 XZ XZ 0 2 XZ X 1 Gestione delle cointestazioni come gruppo

29 La soluzione Carige Pers.Fisica / DI / Professionista Cointestazioni Soc. Persone Soc. Capitali 0 -PF / DI - Cointestazione - Soc. Persone - Soc. Capitali 1 - Cointestazione in cui part PF - Cointestatari - Soci ill. Resp. - Soc. Persone - Altre cointestaz. - Cointestazioni - Garantiti 2 - Garantiti - Soc. Persone - Garantiti - Garantiti - Garante - Garante - Garante - Garante - Gruppo economico - Gruppo economico - Gruppo economico - Gruppo economico 3 - Coint. soci ill. resp. - SP di soci ill. resp. - Coint. soci ill. resp. - SP di soci ill. resp. - Garantiti soci ill. resp. - Garantiti soci ill. resp.

30 Il concetto di Gruppo nella determinazione delle segnalazioni La classificazione della capogruppo viene influenzata dalla classificazione del collegato a livello 1; l effetto provocato da ciascun cliente alla classificazione finale della capogruppo e funzione del livello di collegamento + RISCHIO RISCHIO Livello A rientro 9 In Osservazione In Bonis Livello 1 Nota:Esempio con 1 solo collegato

31 La determinazione delle segnalazioni Score a livello conto Regole migliorative: Saldi attivi Garanzie AR Score a livello cliente Customer Risk Grade Group Risk Grade Proposta di classificazione IO BO Bilanci Centrale Rischi Regole peggiorative: Contenzioso Eventi discriminanti

32 Agenda Banca Carige: il contesto, le motivazioni e gli obiettivi da perseguire L'impostazione funzionale della soluzione prescelta: Probe RBS Come conciliare il controllo del rischio con la relazione commerciale

33 Il sistema decisionale commerciale Movimentazione Conti Posizione a sistema Collegati SCORING REGOLE GESTIONE RELAZIONE COMMERCIALE RISCHIO POTENZIALITA CROSS SELLING PIANI OFFERTA

34 CROSS SELLING Il sistema decisionale commerciale POTENZIALITA PIANI OFFERTA RISCHIO

35 Segmentazione comportamentale: obiettivi Costruzione di indicatori di sintesi a valore aggiunto per il supporto decisionale alle politiche commerciali per il mercato privati ed imprese: suddividere i clienti sulla base del loro comportamento, in termini di prodotti posseduti e di utilizzo che ne viene fatto, attivare diversamente per ognuno dei segmenti individuati le leve a disposizione: le caratteristiche commerciali e di comunicazione dell offerta, valutare per ciascun gruppo di clienti i principali trend in termini di crescita ovvero calo di relazione.

36 I modelli di segmentazione Clientela Privata? Small Business Comportamento da privato Comportamento da impresa

37 INDEBITAMENTO contribuisce a discriminare i clienti possessori di prodotti di finanziamento da quelli che non ne hanno fatto richiesta alla banca. Esposizione media e debito residuo sui finanziamenti sono le variabili discriminanti dell asse. Segmentazione Privati I fattori di differenziazione del comportamento: ATTIVITA rappresenta l'attività del cliente sia in termini di frequenza del rapporto che di qualità dello stesso: ad attività elevata corrisponde un più completo utilizzo dei prodotti bancari DISPONIBILITA FINANZIARIA il secondo asse ben rappresenta la quantità dei mezzi a disposizione in termini di attività finanziarie generate (saldi su c/c, libretti e titoli) PROPENSIONE ALL INVESTIMENTO intesa nella forma di possesso e di attività nella compravendita di titoli nonché nella propensione a diversificare le proprio risorse nelle forme di investimento offerte

38 Segmentazione comportamentale privati - attivi B2 ATTIVITA E3 14 % - Piccoli conti 9 % - Risparmiatori fedeli TITOLI -ricchi B1 4 % - Inattivi GIACENZA MEDIA C E1 9 % - Risparmiatori tradizionali 17 % - Modesti risparmiatori D1 F 5 % - Risparmiatori benestanti + ricchi G A 4 % - Libretti morti 10 % - Piccoli conti dinamici D2 6 % - Consumatori + indebitati DEBITO E2 5 % - Moderni + attivi 4 % - Risparmiatori superagiati

39 Segmentazione Small Business I fattori di differenziazione del comportamento ATTIVITA Il primo asse fattoriale rappresenta l attività sia in termini di frequenza del rapporto che di qualità dello stesso. E questo infatti l asse che meglio individua i clienti che fanno un utilizzo occasionale dei prodotti e servizi Banca Carige UTILIZZI E l asse descrittivo dell attività del cliente in termini di utilizzo dei prodotti di affidamento GESTIONE LIQUIDITA /AFFIDAMENTO La contrapposizione tra chi utilizza Banca Carige per gestire la propria liquidità e chi utilizza prodotti di affidamento è ben rappresentata sul terzo asse

40 Segmentazione comportamentale Small Business AFFIDAMENTO % - Caro affidato 03 Debito residuo su mutui % - Lacunoso rapporto ATTIVITA 29 % - Adagio Importo movimenti creditori su C/C 02 Saldo positivo su C/C % - Notabili liguri 25 % - Buon inizio Utilizzato affidament i GESTIONE LIQUIDITA

41 Strategie a livello cliente e prodotto Individuazione della propensione di acquisto tramite il segmento comportamentale Individuazione del rischio tramite lo score Cross-selling su prodotti ad alta propensione e basso rischio Definizione di limiti di credito e di limiti ombra tramite lo score, gli utilizzi, la movimentazione avere Definizione di un piano di offerta per segmento che tenga conto di rischio e potenzialita commerciale

42 Integrazione di una visione commerciale nella gestione del credito Quali sono i vantaggi: Visione completa del comportamento della clientela nei confronti della Banca, Disponibilità di strumenti che possono aumentare l efficacia delle azioni commerciali sulla propria clientela ovvero migliorare la qualità del portafoglio crediti, L utilizzo degli strumenti disponibili singolarmente o in combinazione dipende dagli obiettivi che si pone la Banca in ogni particolare momento e dal loro inserimento in una strategia di più ampia portata, Massimizzazione della redditività derivante dalla relazione complessiva dei diversi segmenti.

43 Progetto Carige Definizione Good/Bad flag - campione di sviluppo Definizione files di alimentazione Attività Experian Scorex/Carige 1 Settimana 3 Settimane Definizione Livelli appartenenza gruppi 1 Settimana Definizione regole gestionali- specifiche funzionali 3 Settimane Attività Experian Scorex/Carige Costruzione dei files di alimentazione Attività Carige 3mesi Costruzione Modelli scoring Definizione classi di rating Attività Experian Scorex 4 Settimane 1 Settimana Costruzione sistema ProbeSM Test sistema ProbeSM Attività Experian Scorex 3 Settimane 1 Settimana Test accettazione ProbeSM Attività Carige 2 Settimane

44 Il rischio di credito nella gestione della relazione con la clientela retail e small business: l'esperienza di Banca Carige Bruno Lavagna - Banca Carige Daniela Novello - Experian Scorex 2 Forum di aggiornamento tecnico APB Sestri Levante, 20 maggio 2003

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

Il Gruppo Banca Carige

Il Gruppo Banca Carige Il Gruppo Banca Carige Le tappe del Gruppo Banca Carige Costituzione della Cassa di Risparmio di Genova Trasformazione della Banca in SpA. Privatizzazione e capitalizzazione tramite OPS Nasce Carige Vita

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO Luca Majocchi Credito Italiano Convegno annuale APB Vicenza, 23 giugno 2000 (1) OBIETTIVO Condividere alcuni spunti di riflessione sulla prospettiva

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

BANCA CARIGE. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Borsa e mercati finanziari. La comunicazione con gli investitori tra opportunità e vincoli

BANCA CARIGE. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Borsa e mercati finanziari. La comunicazione con gli investitori tra opportunità e vincoli BANCA CARIGE Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Borsa e mercati finanziari La comunicazione con gli investitori tra opportunità e vincoli L esperienza del Gruppo Carige Roberta Famà, Investor Relations

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

BANCA CARIGE. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Intervento del Direttore Generale, Alfredo Sanguinetto. alla conferenza SMALL BANKS THINK BIG

BANCA CARIGE. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Intervento del Direttore Generale, Alfredo Sanguinetto. alla conferenza SMALL BANKS THINK BIG -1- BANCA CARIGE Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Intervento del Direttore Generale, Alfredo Sanguinetto alla conferenza SMALL BANKS THINK BIG Milano, 8 Febbraio 2005 -2- Agenda Il progetto Carige:

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

Identificare i nuovi potenziali clienti e massimizzare la profittabilità di portafoglio

Identificare i nuovi potenziali clienti e massimizzare la profittabilità di portafoglio Identificare i nuovi potenziali clienti e massimizzare la profittabilità di portafoglio Serena Di Mattia, Simone Capecchi Roma, 14 dicembre 2004 Indice Il segmento Small Business Caratteristiche, specificità

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi

Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Evidenze e soluzioni per la valutazione del rischio di credito per i Confidi Letizia Sampoli Firenze, 26 febbraio 2015 Cerved è il più grande Information Provider in Italia e una delle principali agenzie

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.

CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO. CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A. BANCA CARIGE CARIGE: L EVOLUZIONE NEL RETAIL BANKING MANTENENDO LA TRADIZIONE DI SERVIZIO Molti canali ma un solo sportello CARLO ARZANI (Vice Direttore Generale Vicario - Banca Carige S.p.A.) Milano,

Dettagli

Logica di processo del CRCL

Logica di processo del CRCL Logica di processo del CRCL Definizione Caratteristiche Operazione Dati Anagrafici Reddituali Centrale Rischi Posizione Globale Credit Bureau Valutazione Preliminare Dettaglio Operazione Mutuo Credit Rating

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito interni e controllo del rischio di credito Fernando Metelli Banca Popolare di Milano Newfin Bocconi, 31 marzo 2004 1 1 - L ambiente in cui si sviluppa l applicazione di Basilea2 4,50% 4,00% 3,50% 3,00%

Dettagli

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato il modello distributivo integrato Cassa di Risparmio di Firenze - Banca CR Firenze, società per azioni quotata al listino ufficiale della Borsa Italiana dal luglio 2000, è la capogruppo del Gruppo Bancario

Dettagli

Come determinare redditività d impresa e solvibilità

Come determinare redditività d impresa e solvibilità Come determinare redditività d impresa e solvibilità Assolombarda, 13 marzo 2008 Cristina Soppelsa 1 Agenda Riclassificazione Interpretazione dei più significativi indici di redditività e di solvibilità

Dettagli

Validazione dei sistemi di rating

Validazione dei sistemi di rating Validazione dei sistemi di rating Aspetti di business e metodologici III Convention Aifirm Milano, 18 Ottobre 2002 Agenda Il contesto di riferimento Le implicazioni di business e di processo Le implicazioni

Dettagli

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi

Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Lettura ed interpretazione da parte dell ente segnalante dei dati contenuti nella Centrale dei Rischi Relatore: Alberto Bianchini Responsabile Marketing Aziende Credito Emiliano SpA I soggetti della CR

Dettagli

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009 PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009- Milano, 23 luglio 2009 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator Agenda Obiettivi e direttive strategiche Principali interventi Proiezioni

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo andrea@unibg.it Traccia di questa presentazione: Cos è il credit

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Nell attuale contesto competitivo, la conoscenza del cliente e dei suoi bisogni di servizi e prodotti bancari a 360 diventa fondamentale

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Prof. Jean-Marie BOUROCHE Direttore del Comitato Scientifico Internazionale CRIF Decision Solutions,

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Le implicazioni sul processo del credito

Le implicazioni sul processo del credito SETTEMBRE 2006 BASILEA 2 E LE SUE IMPLICAZIONI 9 Le implicazioni sul processo del credito Passiamo qui ad analizzare alcuni degli elementi principali della variazione nei rapporti banca-impresa alla luce

Dettagli

POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO DI CREDITO

POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO DI CREDITO Banca di Credito Cooperativo di S.Pietro in Vincio POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO DI CREDITO Esercizio 2011 INDICE 1 PREMESSA...3 2 POLITICHE DI RISCHIO...4 2.1 Rischio di Credito...4 2.2 Propensione

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Roberta Dalmaschio Gaia Cioci Convegno ABI - Agenda Il contesto congiunturale e la fiducia del cliente La fiducia è il requisito per un ritorno economico

Dettagli

Milano, Venerdì 9 Febbraio 2001 Giornata di studio su Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis. Torna alla prima pagina

Milano, Venerdì 9 Febbraio 2001 Giornata di studio su Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis. Torna alla prima pagina La soddisfazione del cliente a partire dalla gestione dinamica del suo ciclo di vita. La Customer Retention e il Progetto Valore Cliente della Banca Popolare FriulAdria Relatore: Maggiolo Ivan Servizio

Dettagli

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA

REGOLE REGOLE. Comunicazione. Economia reale e monetaria. Competenze. Concorrenza. Mercati creditizi e finanziari. Tecnologia BANCA IMPRESA 0 Economia reale e monetaria REGOLE REGOLE BANCA Concorrenza IMPRESA Comunicazione Competenze Mercati creditizi e finanziari Tecnologia 1 REGOLE.. IAS/IFRS BASILEA 2 2.. ASPETTI Autonomia Interdipendenza

Dettagli

Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento

Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento Il sistema di condivisione delle informazioni sulle abitudini di pagamento Alcune Premesse Un terzo delle risorse delle imprese servono per finanziare i clienti attraverso il credito commerciale. Quando

Dettagli

Come deve essere condotto il rapporto con le banche. a cura del Prof.Maurizio Berruti

Come deve essere condotto il rapporto con le banche. a cura del Prof.Maurizio Berruti Come deve essere condotto il rapporto con le banche a cura del Prof.Maurizio Berruti 1 Criteri per la valutazione del merito creditizio Ai fini della assegnazione del RATING le banche dovranno tener conto

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa

Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa Corporate Banking e Basilea 2: come cambia il rapporto banca-impresa prof. Stefano Caselli Università Bocconi Brescia, 10 ottobre 2006 Prof. Stefano Caselli - 10 ottobre 2006 1 I temi in agenda L inevitabile

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Un nuovo rapporto impresa/banca

Un nuovo rapporto impresa/banca Basilea 2: sfide e opportunità Un nuovo rapporto impresa/banca Cremona 19/12/06 Agenda Il rapporto Banca - Impresa Intesa Basilea Uno strumento di dialogo Basilea 2 in pratica Le principali aree di impatto

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management

Il rapporto Banca-Impresa: le nuove opportunità. Dipartimento di Economia & Management Il rapporto BancaImpresa: le nuove opportunità Dipartimento di Economia & Management AGENDA 1 L'evoluzione del rapporto BancaImpresa 2 Le garanzie "Istituzionali" SEI Consulting AGENDA 1 L'evoluzione del

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli