Convenzione ICS-Lega Pro: L Istituto per il Credito Sportivo e le sue modalità operative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convenzione ICS-Lega Pro: L Istituto per il Credito Sportivo e le sue modalità operative"

Transcript

1 Convenzione ICS-Lega Pro: L Istituto per il Credito Sportivo e le sue modalità operative a cura di Eduardo Gugliotta Istituto per il Credito Sportivo Roma, 27 marzo 2011

2 Natura del Credito Sportivo Banca istituita con Legge 24 dicembre 1957, n L Istituto, banca pubblica ai sensi e per gli effetti dell articolo 151 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, è Ente di diritto pubblico con gestione autonoma. Enti fondatori Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

3 Altri Enti partecipanti Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. Assicurazioni Generali S.p.A. Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Dexia Crediop S.p.A. Intesa San Paolo S.p.A. UniCredit S.p.A. Banco di Sardegna S.p.A.

4 Ai sensi dell articolo 4, comma 14 della legge 24 dicembre 2003, n. 350, l'istituto opera nel settore del credito per lo sport e le attività culturali. In tali settori l Istituto esercita in via diretta o indiretta, nei limiti di legge: l attività bancaria ( ) esercitando il credito, sotto qualsiasi forma. Esercita ogni altra attività finanziaria ( ).

5 Rientrano pertanto nell ambito delle attività proprie dell Istituto il credito: per la costruzione, l'ampliamento, l'attrezzatura ed il miglioramento di impianti sportivi e/o strumentali all attività sportiva ivi compresa l acquisizione delle relative aree; per l'acquisto di immobili da destinare ad attività sportive o strumentali a queste; per la promozione della cultura sportiva; per la gestione degli impianti sportivi e la realizzazione di eventi sportivi; per finanziare iniziative di sostegno e sviluppo delle attività culturali; per l acquisto, la costruzione, la ristrutturazione ed il miglioramento di luoghi ed immobili destinati ad attività culturali o strumentali ad essa. L Istituto può finanziare ogni altra attività ed investimento connessi al settore dello sport e dei beni e delle attività culturali. ( )

6 Destinatari del credito secondo lo Statuto Comuni, Province e Regioni; Enti Pubblici; Coni Servizi S.p.A.; Federazioni Sportive Nazionali; Società, Associazioni Sportive, ed Enti di promozione sportiva riconosciute dal C.O.N.I., Società, Associazioni culturali; Enti di promozione culturale e dello spettacolo. Nonché ogni altro soggetto pubblico o privato che persegua anche indirettamente, finalità sportive, ricreative e di sviluppo dei beni e delle attività culturali. L Istituto indirizza le proprie attività creditizie e finanziarie prevalentemente nel settore dello sport.

7 Natura dei finanziamenti dell ICS all impiantistica sportiva Mutui di scopo che beneficiano di agevolazioni pubbliche e che obbligano l Istituto per il Credito Sportivo a verificare l effettivo utilizzo delle somme erogate per la realizzazione delle opere sportive alle quali erano state destinate. Fondo Speciale per contributi negli interessi sui mutui Fondo alimentato con il versamento da parte del C.O.N.I. dell aliquota del 2,45% calcolata sugli incassi lordi del concorso pronostici (Totocalcio, Totogol, ecc.).

8 Contributi negli interessi in base a Convenzioni Enti locali 0,70% Privati ed enti pubblici diversi dagli Enti Locali Contributo pari agli interessi di un mutuo all 1,00%

9 In fase di istruttoria, ai fini della concessione del contributo in conto interessi, è acquisito un parere in linea tecnico-sportiva sul progetto delle opere da realizzare, espresso dagli organi tecnici periferici e centrali del C.O.N.I.: CONI provinciale per i progetti di importo fino a ,80; Commissione Impianti Sportivi del CONI di Roma per i progetti di importo superiore a ,80. (E stato approvato un nuovo regolamento C.O.N.I. che riduce ulteriormente i tempi di emissione dei pareri e introduce procedure informatizzate).

10 Condizioni dei finanziamenti Enti locali Mutui a tasso fisso Mutui fino a 10 anni I.R.S. 7 anni + 1,20 p.% Mutui fino a 15 anni I.R.S. 10 anni + 1,65 p.% Mutui fino a 20 anni I.R.S. 12 anni + 1,70 p.% Mutui fino a 25 anni I.R.S. 15 anni + 1,90 p.% Mutui a tasso variabile Mutui fino a 10 anni Euribor 6 mesi ,30 p.% Mutui fino a 15 anni Euribor 6 mesi ,70 p.% Mutui fino a 20 anni Euribor 6 mesi ,75 p.% Mutui fino a 25 anni Euribor 6 mesi ,95 p.%

11 Condizioni dei finanziamenti Privati ed Enti pubblici diversi dagli enti locali Durata: di norma fino a 20 anni Mutui a tasso fisso I.R.S. di durata pari a quella del mutuo + spread Mutui a tasso variabile Euribor a 6 mesi + spread Lo spread viene determinato in base alla rischiosità dell operazione di mutuo (soggetto, tipo d intervento, garanzia offerta, durata del mutuo)

12 ENTI PUBBLICI TERRITORIALI Documentazione per la concessione: Domanda di mutuo; Relazione tecnica con quadro economico e computo metrico estimativo con visto CONI (progetto definitivo); Parere tecnico CONI provinciale o CIS Roma; Apposita certificazione a firma dei responsabili amministrativo e tecnico (approvazione progetto, rispetto limiti indebitamento e patto stabilità). Stipula del contratto di mutuo: Avviene secondo la forma giuridica della scrittura privata mediante scambio di corrispondenza ed è subordinata alla ricezione della determina dirigenziale di assunzione del mutuo. Erogazione: Di norma il 31 dicembre dell anno di stipula con possibilità di anticipazioni in preammortamento.

13 PRIVATI ED ENTI PUBBLICI DIVERSI DAGLI EE.LL. Documentazione per la concessione: Domanda di mutuo; Atto costitutivo e statuto vigente; Certificato d iscrizione nel registro delle persone giuridiche (se associazioni con personalità giuridica); Estratto del libro soci (se associazioni senza personalità giuridica); Bilanci approvati relativi agli ultimi tre esercizi, completi di nota integrativa, eventuali relazioni sulla gestione degli amministratori e del collegio sindacale, verbali di approvazione dell assemblea dei soci; Business plan dell investimento che contenga le seguenti informazioni: proiezione economico/finanziaria a medio lungo termine, organizzazione e struttura società, mercato di riferimento, descrizione e caratteristiche dell iniziativa; %

14 Segue documentazione per la concessione: Documento comprovante la disponibilità dell area interessata dall impianto da finanziare, di durata almeno pari a quella del mutuo; Parere favorevole CONI provinciale o CIS Roma Permesso di costruire (o altro provvedimento equivalente), ai sensi della normativa vigente in materia urbanistica; Progetto definitivo/esecutivo completo (disegni, relazione tecnica, quadro economico di spesa,con estremi del permesso di costruire (o altro provvedimento comunale autorizzativo equivalente ) e vistato dal CONI e munito di ogni altra autorizzazione prevista dalla legislazione vigente Documentazione relativa alle garanzie.

15 Perfezionamento ed erogazione del mutuo Contratto di mutuo in forma di atto pubblico condizionato al perfezionamento delle garanzie. Erogazioni su presentazione di S.A.L.. Atti di erogazione per scrittura privata o bonifico seguito da nota di quietanza. Atto di erogazione finale a saldo in forma di atto pubblico.

16 Le somme sono erogate previa acquisizione di Stati di Avanzamento Lavori predisposti dal direttore dei lavori, rivisti dall ufficio tecnico dell ICS che ne verifica la conformità al progetto presentato in fase istruttoria. Il nuovo regolamento C.O.N.I., prevede l intervento dei tecnici C.O.N.I. non più in sede di erogazione dei singoli SAL, ma solo una volta completate le opere in sede di verifica finale con un unico Parere per la verifica finale dei lavori. Tale parere inoltre essendo assimilato ad un collaudo rientra nelle spese tecniche finanziabili nel mutuo e quindi questo permette di non gravare in alcun modo sul richiedente.

17 Spesso i comuni e le province intervengono a sostegno dei concessionari/gestori anche fornendo la garanzia alle operazioni di mutuo contratte da questi: Art. 207, 3 co. TUEL (estratto) la garanzia fideiussoria può essere rilasciata anche a favore di terzi per l assunzione di mutui destinati alla realizzazione o alla ristrutturazione di opere a fini culturali, sociali o sportivi, su terreni di proprietà dell ente locale, purché siano sussistenti le seguenti condizioni:

18 il progetto sia stato approvato dall ente locale e sia stata stipulata una convenzione con il soggetto mutuatario che regoli la possibilità di utilizzo delle strutture in funzione delle esigenze della collettività locale; la struttura realizzata sia acquisita al patrimonio dell ente al termine della concessione; la convenzione regoli i rapporti tra ente locale e mutuatario nel caso di rinuncia di questi alla realizzazione o ristrutturazione dell opera. Il rilascio di garanzia fidejussoria da parte dell ente locale equivale ad un ipotesi d indebitamento: gli interessi annuali relativi alle operazioni garantite concorrono alla formazione del limite di cui all art. 204 e non possono impegnare più di un quinto di tale limite;

19 Linee Prodotto: Fino ad ,00 per acquisto di attrezzature sportive e/o strumentali o comunque connesse all esercizio dell attività sportiva, inclusa la realizzazione di lavori di manutenzione ordinaria/straordinaria di impianti sportivi o di sedi sociali o altri lavori di impiantistica. Tasso Fisso: IRS a 4 anni + 2,20% Tasso Variabile: Euribor 1 mese ,20%. La durata dell'ammortamento è da 18 mesi fino ad un massimo di 60 mesi (5 anni). Fideiussione personale (anche pro quota) dei soggetti attori/coinvolti nell'iniziativa; Eventuali altre garanzie

20 Investimenti per la realizzazione di interventi negli impianti sportivi che prevedono l utilizzo delle rinnovabili per la produzione di energia ed interventi di efficientamento energetico. IMPORTO FINANZIABILE: Senza limite. Fino ad un massimo di euro per mutui per impianti fotovoltaici garantititi solo da cessione del Credito (Conto Energia). Spese Finanziabili: Fino al 100% dell investimento compresa IVA (IVA esclusa per i soggetti che la possono recuperare) e spese sostenute per progettazione, studi di fattibilità e consulenza/audit energetico purché connessi all investimento; per impianti fotovoltaici anche validazione e verifica progetto da parte di società di fiducia dell ICS, polizza all risks contro i rischi diretti (danni atmosferici, furto, incendio ecc.) e indiretti (fermo impianto per danni assicurati).

21 Erogazione: in contanti in unica soluzione ovvero mediante somministrazioni parziali, di solito: 30% all ordine su presentazione fatture; 30% alla consegna del materiale su presentazione fatture; 40% su presentazione del certificato di collaudo finale dell impianto e subordinatamente al perfezionamento della cessione del credito (conto energia GSE). Contributi negli interessi: Enti Locali: 0,80% Privati: Contributo pari agli interessi di un mutuo all 1,20%

22 Mutuo Messa a Norma Lavori e/o acquisto attrezzature per adeguamento a normative statali, di altro soggetto della P.A., CONI e Federazioni sportive nazionali, di impianti esistenti: es. interventi previsti dal Piano di Sicurezza di cui al DM 61/1996, abbattimento barriere architettoniche, interventi previsti dal Decreto Pisanu del 6/6/2005 (sistemi videosorveglianza, sistemi emissione biglietti, locali per gestione sicurezza sala regia, centro gestione e controllo, operatività G.O.S. ecc.) Contributi negli interessi: Enti Locali: 0,80% Privati: Contributo pari agli interessi di un mutuo all 1,20%

23 Convenzioni e Protocolli d intesa trasferimento di funzioni in materia di impiantistica sportiva alle Regioni minore disponibilità di risorse per agevolazioni (calo concorsi pronostici) favorire una migliore pianificazione a livello territoriale degli interventi Sviluppo dello strumento delle Convenzioni e dei Protocolli d intesa utilizzo mirato delle agevolazioni pubbliche

24 Convenzioni e Protocolli d intesa numero plafond Regioni: ,00 Province: ,13 Comuni: ,13 Federazioni Sportive Nazionali: ,00 Enti di Promozione Sportiva e altri enti: ,00 Diocesi: ,00 Totale n ,26

25 NUOVO APPROCCIO DEL CREDITO SPORTIVO Ruolo centrale del Cliente Presenza capillare sul territorio Relazioni con i partner (CONI, UPI, ANCI, Federazioni, Regioni, Diocesi ecc.) Struttura commerciale dedicata Snellimento sistema procedure interne

26 COMITATO COMMERCIALE Direttore Generale SERVIZIO COMMERCIALE UFFICIO SUPPORTO COMMERCIALE MARKETING SVILUPPO RETE TERRITORIALE

27 ANCI UPI Regioni CONI Province Servizio Commerciale Federazioni Sportive Nazionali Comuni Enti di promozione sportiva Diocesi Associazioni di Categoria

28 REFERENTI COMMERCIALI DI ZONA Presidio efficace del territorio e sviluppo di relazioni con i partner; Contattare i partner sul territorio; Consolidare i rapporti in essere con i Partner; Ottenere i contatti dei potenziali clienti su segnalazione dei Partner; Creare sinergie operative e commerciali e pianificare progetti da realizzare congiuntamente; Verificare la possibilità e l opportunità di erogare corsi di formazione, organizzare work shop, convegni ecc

29 Referenti Commerciali di Zona

30 Referenti Commerciali di Zona VALLE D'AOSTA PIEMONTE (BI-NO-VB-VC) LOMBARDIA (CO-LC-SO-VA) GALLUCCI Gerardo -Tel LOMBARDIA (BG-BS-CR-LO-MI-MB-MN-PV) ROSA Silvia Enrica -Tel LIGURIA E PIEMONTE (AL-AT-CN-TO) FASANELLA Duccio Alberto - Tel

31 Referenti Commerciali di Zona TRENTINO ALTO ADIGE VENETO FRIULI VENEZIA GIULIA LENATO Roberto - Tel EMILIA ROMAGNA MASSAI Alessandro -Tel TOSCANA IACOBUCCI Elisabetta Maria -Tel

32 Referenti Commerciali di Zona MARCHE MARROCCHI Francesco -Tel UMBRIA VALERI Roberto -Tel ABRUZZO E MOLISE GENTILI Sergio -Tel

33 Referenti Commerciali di Zona CAMPANIA RANIERI Giuseppe -Tel SARDEGNA DE VITO Luca - Tel PUGLIA FUCCI Vincenzo - Tel

34 Referenti Commerciali di Zona CALABRIA BASILICATA SMERAGLIA Vincenzo - tel SICILIA ORIENTALE (ME, CT, SR, RG, EN) D ANTONI Gianluca - tel SICILIA OCCIDENTALE (PA, TP, CL, AG) MUSACCHIA Emma - tel

35 Sede Legale e Uffici : Via G. Vico, Roma Tel Fax Eduardo Gugliotta Tel

L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO PER LA PALLAVOLO La nuova Convenzione con la FIPAV

L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO PER LA PALLAVOLO La nuova Convenzione con la FIPAV L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO PER LA PALLAVOLO La nuova Convenzione con la FIPAV Modena, 8 giugno 2010 Vincenzo Lamorte Alessandro Massai Alessandro Bolis Natura del Credito Sportivo Banca istituita

Dettagli

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI Ancona 8/10/2010 Eduardo Gugliotta Il Mutuo Energetico - Supporto finanziario agli investimenti nelle Energie Rinnovabili Eduardo Gugliotta Natura

Dettagli

L Istituto per il Credito Sportivo la riduzione dei costi energetici negli impianti sportivi

L Istituto per il Credito Sportivo la riduzione dei costi energetici negli impianti sportivi Bastia Umbra 18/10/2013 Finanziare il patrimonio impiantistico L Istituto per il Credito Sportivo la riduzione dei costi energetici negli impianti sportivi Natura e finalità del Credito Sportivo Banca

Dettagli

Finanziamenti allo sport e alla cultura: l'istituto per il Credito Sportivo. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano

Finanziamenti allo sport e alla cultura: l'istituto per il Credito Sportivo. A cura di Carlo De Luca e Luca Savastano a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 519 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 25.11.2011 Categoria Agevolazioni Sottocategoria Varie Finanziamenti

Dettagli

IL MUTUO ENERGETICO Supporto finanziario agli investimenti nelle energie rinnovabili L impegno dell Istituto per il Credito Sportivo

IL MUTUO ENERGETICO Supporto finanziario agli investimenti nelle energie rinnovabili L impegno dell Istituto per il Credito Sportivo IL MUTUO ENERGETICO Supporto finanziario agli investimenti nelle energie rinnovabili L impegno dell Istituto per il Credito Sportivo A cura di Eduardo Gugliotta Responsabile Ufficio Commerciale Bari, 15

Dettagli

L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO UNA BANCA AL SERVIZIO DELLO SPORT. Eduardo Gugliotta 28 GIUGNO 2014

L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO UNA BANCA AL SERVIZIO DELLO SPORT. Eduardo Gugliotta 28 GIUGNO 2014 L ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO UNA BANCA AL SERVIZIO DELLO SPORT Eduardo Gugliotta 28 GIUGNO 2014 Istituto per il Credito Sportivo Natura dell Ente Banca: istituita con Legge 24 dicembre 1957, n. 1295

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

P R O T O C O L LO D I N T E S A

P R O T O C O L LO D I N T E S A Piano strategico della Provincia di Treviso P R O T O C O L LO D I N T E S A tra Provincia di treviso ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO C.o.n.i. comitato di treviso per la Concessione di mutui agevolati

Dettagli

Opportunità per il finanziamento dell efficientamento energetico negli impianti sportivi Eduardo Gugliotta

Opportunità per il finanziamento dell efficientamento energetico negli impianti sportivi Eduardo Gugliotta Opportunità per il finanziamento dell efficientamento energetico negli impianti sportivi Eduardo Gugliotta In 50 anni l ICS ha concesso circa 21.500 mutui per 6,5 miliardi di euro: 52% al Nord, 23% al

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Il Finanziamento del Credito Sportivo

Il Finanziamento del Credito Sportivo Una società di qualità: creare relazioni, comunicare, condividere la propria presenza sul territorio Il Finanziamento del Credito Sportivo Eduardo Gugliotta: Responsabile Supporto Commerciale e Marketing

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

ACCORDO PROGRAMMATICO

ACCORDO PROGRAMMATICO ACCORDO PROGRAMMATICO TRA PROVINCIA DI BENEVENTO ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO per l impiantistica sportiva Premesso che La Provincia di Benevento al fine di migliorare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Convenzione ICS-Lega Pro:

Convenzione ICS-Lega Pro: Convenzione ICS-Lega Pro: Anticipazioni finanziarie a cura Danilo D Antimi Istituto per il Credito Sportivo Roma, 27 marzo 2011 Convenzione ICS-Lega Pro: Nuove Opportunità di finanziamento a breve termine

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

a cura di Annalisa Tribisonna

a cura di Annalisa Tribisonna a cura di Annalisa Tribisonna Cosa finanzia l'ics L'Istituto per il Credito Sportivo eroga finanziamenti per la costruzione, l'ampliamento, l'attrezzatura ed il miglioramento di impianti sportivi, ivi

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Cordusio RMBS Securitisation S.r.l. Società con socio unico. sede legale in Piazzetta Monte, 1, 37121 Verona, Italia

Cordusio RMBS Securitisation S.r.l. Società con socio unico. sede legale in Piazzetta Monte, 1, 37121 Verona, Italia Cordusio RMBS Securitisation S.r.l. Società con socio unico sede legale in Piazzetta Monte, 1, 37121 Verona, Italia Capitale Sociale Euro 10.000,00 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese

Dettagli

Guida alla garanzia RSI/FEI

Guida alla garanzia RSI/FEI Guida alla garanzia RSI/FEI Ottobre 2013 Cos è il FEI? Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) è stato istituito con sede in Lussemburgo nel 1994 allo scopo di sostenere le piccole e medie imprese

Dettagli

Credito Sportivo. Linea Canottaggio

Credito Sportivo. Linea Canottaggio Credito Sportivo Linea Canottaggio E con vero entusiasmo che il Credito Sportivo ha iniziato un percorso di affiancamento alle Federazioni con la realizzazione di partnership operative attraverso le quali

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI PARMA E PIACENZA

CASSA DI RISPARMIO DI PARMA E PIACENZA CASSA DI RISPARMIO DI PARMA E PIACENZA Decorrenza: 17.11.2011 Linee di credito di breve termine Finanziamento a Breve termine Liquidità aziendale Apertura di credito in c/c Importo Max 200.000 Max 18 mesi

Dettagli

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Finalità ISMEA BANDO PER L INSEDIAMENTO DI GIOVANI IN AGRICOLTURA Sostenere le operazioni fondiarie riservate ai giovani che si insediano per la prima volta in aziende agricole in qualità di capo azienda.

Dettagli

Autorizzazioni temporanee

Autorizzazioni temporanee Autorizzazioni temporanee PIEMONTE Legge Regionale n. 38/2006, art. 10 1. In occasione di fiere, feste o altre riunioni straordinarie di persone, il comune può rilasciare autorizzazioni temporanee alla

Dettagli

CONVENZIONE ALLEANZA SPORTIVA ITALIANA L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO

CONVENZIONE ALLEANZA SPORTIVA ITALIANA L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO CONVENZIONE TRA LA ALLEANZA SPORTIVA ITALIANA E L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO CONVENZIONE TRA L'ALLEANZA SPO F! IVA ITALIANA E L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO Premesso che L'Alleanza Sportiva Italiana,

Dettagli

Scheda prodotto n.1 (rivalutazione e consolidamento passività)

Scheda prodotto n.1 (rivalutazione e consolidamento passività) Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia Confidi Commercio Pordenone: INTERVENTO A FRONTE RIVALUTAZIONE CESPITI 2009 Scheda prodotto n.1 (rivalutazione e consolidamento passività) OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA GIORNATA ENERGIA PULITA FIERA DEL LEVANTE BARI 18 SETTEMBRE 2008 + 117%! PRIMA.

IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA GIORNATA ENERGIA PULITA FIERA DEL LEVANTE BARI 18 SETTEMBRE 2008 + 117%! PRIMA. IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA Il mercato fotovoltaico italiano, rimasto per molto tempo al palo rispetto ad altri Paesi (come Germania, Giappone, Stati Uniti e Spagna), sta oggi finalmente emergendo

Dettagli

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE

D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE D.L. 35 e 102/2013 SBLOCCA DEBITI STATO DI ATTUAZIONE Aggiornamento del 29 novembre 2013 Debiti P.A.: pagati più di 16mld* A disposizione degli enti debitori l 89% delle risorse stanziate per il 2013 dai

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx LIBRARY C Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici Anno 20xx ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Il cinema e i cinema del prossimo futuro

Il cinema e i cinema del prossimo futuro Il cinema e i cinema del prossimo futuro Leggi regionali di sostegno alle strutture e alle attività del cinema (con esclusione dell adeguamento alla tecnologia digitale) LIGURIA Legge regionale 3 maggio

Dettagli

(ora ITALIA TURISMO SpA) DATA PRESENTAZIONE PROGETTO ESECUTIVO 14/11/05 con nota di integrazione del 22/01/06. Contratto di Programma

(ora ITALIA TURISMO SpA) DATA PRESENTAZIONE PROGETTO ESECUTIVO 14/11/05 con nota di integrazione del 22/01/06. Contratto di Programma REGIONE CALABRIA - SICILIA - PUGLIA COD. REGIONI 18-19 - 16 SCHEDA CONTRATTO DI PROGRAMMA MULTIREGIONALE AGGIORNATO AL 31/12/2007 (ora ITALIA TURISMO SPA) COD. RAG i dati sono espressi in Euro DENOMINAZIONE

Dettagli

Legge regionale 19 gennaio 2010, n.2 Tutela del patrimonio e dei valori storici, sociali e culturali delle Società di Mutuo Soccorso

Legge regionale 19 gennaio 2010, n.2 Tutela del patrimonio e dei valori storici, sociali e culturali delle Società di Mutuo Soccorso Legge regionale 19 gennaio 2010, n.2 Tutela del patrimonio e dei valori storici, sociali e culturali delle Società di Mutuo Soccorso ( B.U. REGIONE BASILICATA n. 3 del 19 gennaio 2010 ) Art. 1 Finalità

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA LEGA NAZIONALE DILETTANTI E L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO. premesso

CONVENZIONE TRA LA LEGA NAZIONALE DILETTANTI E L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO. premesso CONVENZIONE TRA LA LEGA NAZIONALE DILETTANTI E L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO Premesso che La Lega Nazionale Dilettanti, di seguito per brevità denominata "Lega ", domiciliata presso la propria sede

Dettagli

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO

CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO CAPITOLO 5 INDEBITAMENTO LIMITE DELLA SPESA PER INTERESSI La Legge di stabilità 2012 (articolo 8, comma 1, legge n. 183/2011) modifica le regole per il ricorso all indebitamento restringendo drasticamente

Dettagli

Confidi Abruzzo Banca dell Adriatico FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS

Confidi Abruzzo Banca dell Adriatico FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS Finanziamento a medio lungo termine finalizzato a sostenere ogni tipologia di investimento correlato all attività economica professionale della azienda Small Business.

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE GUIDA PRATICA ALLO SMOBILIZZO DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI Come funziona 2 LO SMOBILIZZO DEI CREDITI Le operazioni previste Condizioni economiche

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA

ENERGIA FOTOVOLTAICA ENERGIA FOTOVOLTAICA Quinto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.07.2012 - G.U. 10.07.2012 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici 3 Meccanismo di finanziamento

Dettagli

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA

L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA L anticipazione dei crediti certificati verso la PA Lo smobilizzo tramite Factor dei crediti certificati verso la PA G. Tuè Prodotti Servizi Aziende G. Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor Spa

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E......

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... (di seguito Istituto bancario) PER IL FINANZIAMENTO DELL AVVIO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVOMUTUO FOTOVOLTAICO A SOGGETTI PRIVATI ED ENTI PUBBLICI DIVERSI DA ENTI LOCALI

FOGLIO INFORMATIVOMUTUO FOTOVOLTAICO A SOGGETTI PRIVATI ED ENTI PUBBLICI DIVERSI DA ENTI LOCALI INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVOMUTUO FOTOVOLTAICO A SOGGETTI PRIVATI ED ENTI PUBBLICI DIVERSI DA ENTI LOCALI Istituto per il Credito Sportivo, Ente di Diritto Pubblico, costituito con legge

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE Definizioni Ai fini di quanto disciplinato dai presenti

Dettagli

IMPOSTE, TASSE E TREDICESIMA MENSILITA

IMPOSTE, TASSE E TREDICESIMA MENSILITA IMPOSTE, TASSE E TREDICESIMA MENSILITA Con l avvicinarsi della fine d anno, il Cofim, in collaborazione con le Banche convenzionate, mette come sempre a disposizione delle imprese linee di credito a breve

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto del Cofim per il 2003 spicca questa proposta innovativa, nata dall azione del Comitato per l Imprenditoria Femminile della provincia

Dettagli

lcs,, La Federazione Italiana Sport Equestri, di seguito per brevità denominata

lcs,, La Federazione Italiana Sport Equestri, di seguito per brevità denominata lcs,, ' ' ì'.,', 1l,i I l\'( ) CONVENZIONE TRA LA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI E L'ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO Premesso che La Federazione Italiana Sport Equestri, di seguito per brevità denominata

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

IMPORTO: fino ad Euro 500.000 per tutti gli investimenti, compresi gli acquisti di terreni.

IMPORTO: fino ad Euro 500.000 per tutti gli investimenti, compresi gli acquisti di terreni. INVESTIMENTI AZIENDALI A MEDIO-LUNGO TERMINE BENEFICIARI: imprese agricole di produzione FINALITA : investimenti di dotazione e miglioramento tra cui costruzione, ristrutturazione fabbricati strumentali,

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO OPERATIVITÀ A MEDIO/LUNGO TERMINE FINANZIAMENTI PER CONSOLIDAMENTO DI PASSIVITÀ A BREVE TERMINE Finalità: favorire il rafforzamento della struttura finanziaria aziendale attraverso la concessione di finanziamenti

Dettagli

CERTIFICATI DI DEPOSITO

CERTIFICATI DI DEPOSITO CERTIFICATI DI DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Confidi Abruzzo Banca dell Adriatico FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS

Confidi Abruzzo Banca dell Adriatico FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS FINANZIAMENTO PER INVESTIMENTI BUSINESS Finanziamento a medio lungo termine finalizzato a sostenere ogni tipologia di investimento correlato all attività economica professionale della azienda Small Business.

Dettagli

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa

Il Progetto di Confindustria per competere in rete. Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa Il Progetto di Confindustria per competere in rete Bologna 8 marzo 2014 Luca De Vita - RetImpresa La rete d impresa: Non ha: sovrastrutture (burocratiche e parapubbliche) Limiti territoriali Limiti settoriali

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

Tasso variabile: da 19 a 60 mesi Tasso fisso: 3 anni - 47 mesi - 5 anni

Tasso variabile: da 19 a 60 mesi Tasso fisso: 3 anni - 47 mesi - 5 anni Linea: Prodotto: Deutsche Bank PMI investimenti CHIROGRAFARIO Tipologia di intervento Beneficiari Importo Acquisto di macchine, attrezzature ed autoveicoli nuovi ovvero usati, posti al servizio dell'attività

Dettagli

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it

L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE. www.gsel.it L incentivazione del Fotovoltaico e il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice II GSE Gestore dei Servizi Elettrici L incentivazione del Fotovoltaico: : il conto energia Il Decreto 19 febbraio 2007 3 Il GSE

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge

Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità di enti locali decreto legge Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del Presidente, Matteo

Dettagli

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra:

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra: Oggetto: Convenzione tra il Comune di Capannori e la Banca del Monte di Lucca S.p.a. finalizzata alla concessione di finanziamenti agevolati sotto forma di contributo alle imprese Il giorno 9 luglio dell

Dettagli

AVVISO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE PARTE II N. 244 DEL 19 OTTOBRE 2006. Cordusio RMBS 3 UBCasa 1 S.r.l.

AVVISO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE PARTE II N. 244 DEL 19 OTTOBRE 2006. Cordusio RMBS 3 UBCasa 1 S.r.l. AVVISO PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE PARTE II N. 244 DEL 19 OTTOBRE 2006 Cordusio RMBS 3 UBCasa 1 S.r.l. (Società con socio unico) Iscritto all elenco generale di cui all art. 106 del decreto legislativo

Dettagli

Indagine sui mutui contratti dagli enti territoriali per il finanziamento degli investimenti Anno 2005

Indagine sui mutui contratti dagli enti territoriali per il finanziamento degli investimenti Anno 2005 Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Indagine sui mutui contratti dagli enti territoriali per il finanziamento degli investimenti Anno 2005 Maggio

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA 13 dicembre 2013 Siena www.ismea.it www.ismeaservizi.it I FONDI DI GARANZIA ISMEA Garanzia di ultima istanza dello Stato ISMEA Fondo di garanzia sussidiaria Fondo di garanzia

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato. Rientro Libero

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato. Rientro Libero Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

Collaborazione Intesa Sanpaolo e Legambiente su campagna Eternit Free

Collaborazione Intesa Sanpaolo e Legambiente su campagna Eternit Free Collaborazione Intesa Sanpaolo e Legambiente su campagna Eternit Free Luglio 2011 1 Contenuti. La campagna Eternit Free promossa da Legambiente I ritorni economici della sostituzione delle coperture in

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA SPA - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.07. 42 PRESTITO PERSONALE AGGIORNAMENTO AL 01/04/2012

BANCO DI SARDEGNA SPA - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.07. 42 PRESTITO PERSONALE AGGIORNAMENTO AL 01/04/2012 PRESTITO PERSONALE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. (Codice ABI 01015) Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

CAGLIARI 26 febbraio 2015

CAGLIARI 26 febbraio 2015 CAGLIARI 26 febbraio 2015 FondoSviluppo S.p.A Direttore Dr.ssa Silvia Rossi rossi.si@confcooperative.it ********************** FondoSviluppo rappresenta uno strumento formidabile in un momento come questo

Dettagli

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti

BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO FVG Liberi Professionisti OPERATIVITA A BREVE TERMINE I finanziamenti a breve termine sono regolati a tasso variabile, pari all Euribor maggiorato dei seguenti spread: Spread

Dettagli

CIRCOLARE CDP novembre 2000, n. 1240

CIRCOLARE CDP novembre 2000, n. 1240 CIRCOLARE CDP, n. 1240 Istruzioni per la concessione da parte della Cassa depositi e prestiti dei finanziamenti a valere sul fondo per la progettazione preliminare istituito ai sensi dell art. 4 della

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 53 di data 13 aprile 2015. Oggetto: Adesione al Protocollo promosso dalla Provincia autonoma di Trento per il sostegno dell accesso al credito dei fornitori della

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

AUMENTA IL TUO VANTAGGIO COMPETITIVO

AUMENTA IL TUO VANTAGGIO COMPETITIVO AUMENTA IL TUO VANTAGGIO COMPETITIVO non rimandare a domani ciò che puoi fare subito, utilizzando gli incentivi che la C.E., lo Stato, la Regione ti mettono a disposizione 8-9 SETTEMBRE 2008 1 Il servizio

Dettagli

tasso creditore: euribor 1 mese (media mese precedente) diminuito di punti 1,300 euribor 1 mese (media mese precedente) più punti 4,225 esente

tasso creditore: euribor 1 mese (media mese precedente) diminuito di punti 1,300 euribor 1 mese (media mese precedente) più punti 4,225 esente OFFERTA CONDIZIONI riservata ai medici iscritti e pensionati, dipendenti degli Ordini dei Medici, dei membri del Consiglio di Amministrazione e dei Sindaci Revisori nonché ai dipendenti dell ENPAM e della

Dettagli

Città di Portogruaro

Città di Portogruaro Città di Portogruaro Provincia di Venezia ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta N 16 Delibera N 47 del 03/04/2013 OGGETTO: Presa d atto del mancato pagamento della rata del mutuo

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 ENERGIA FOTOVOLTAICA Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 3 Meccanismo di finanziamento per il fotovoltaico Collana prodotta dal Servizio Pianificazione

Dettagli

Sistemi per il mondo che lavora

Sistemi per il mondo che lavora Sistemi per il mondo che lavora LA REALTÀ SISTEMI Sistemi, la dimensione economica. Fatturato in crescita costante: +6,1% nel 2012. Il fatturato relativo ai servizi rappresenta il 95% del fatturato totale,

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero. Piano Bilanciato Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Rientro Libero Piano Bilanciato Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto proposte dal Cofim per il 2003, sono ancora disponibili i finanziamenti per lo sviluppo della nuova impresa femminile: un iniziativa

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Finali Nazionali di Rugby Istituzioni scolastiche secondarie del I Ciclo (limitatamente alla scuola secondaria di I grado) e II Ciclo di Istruzione

Finali Nazionali di Rugby Istituzioni scolastiche secondarie del I Ciclo (limitatamente alla scuola secondaria di I grado) e II Ciclo di Istruzione Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport Ufficio per lo Sport Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015.

MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015. MODULO DI ADESIONE AL DISCIPLINARE PER LA GESTIONE OPERATIVA DEGLI PNEUMATICI FUORI USO (PFU) RELATIVO ALL ANNO 2015 Al Fondo per la gestione degli Pneumatici Fuori Uso (PFU) A: contratti@pec.pneumaticifuoriuso.it

Dettagli

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Che cos è Smart&Start Italia? Smart&Start Italia è l incentivo che supporta le start-up innovative che operano su tutto il territorio nazionale L obiettivo

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO GLI STRUMENTI FINANZIARI PER IL MERCATO DOMESTICO Pag. 2 Mutuo Impresa MULTIFASCE Pag. 3 Definizione e Beneficiari MULTIFASCE è la nuova linea di credito destinata alle aziende Corporate e Small business

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli