CIRCOLARE SETTIMANALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE SETTIMANALE"

Transcript

1 CIRCOLARE SETTIMANALE NUMERO 16 DEL 24 APRILE 2014 LA SETTIMANA IN BREVE LE PRINCIPALI NOTIZIE FISCALI DELLA SETTIMANA Pagina 2 LE SCHEDE INFORMATIVE VIES, ISCRIZIONE ON LINE Dal 26 marzo 2014 è attivo sul sito internet dell'agenzia delle Entrate un nuovo servizio che permette ai titolari di partita Iva, abilitati ad Entratel o a Fisconline, di richiedere telematicamente l'iscrizione all'archivio VIES, senza dover più presentare l'apposita istanza all'ufficio, a mano o con raccomandata o attraverso Pec. Pagina 4 LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA "AGGIORNA" LA CARTELLA DI PAGAMENTO Con provvedimento direttoriale del 2 aprile 2014, l'agenzia delle Entrate ha disposto le modifiche alle "Avvertenze" che accompagnano le cartelle di pagamento, per aggiornare la sezione relativa alle modalità di presentazione del reclamo-mediazione e del ricorso a seguito delle novità apportate dalla Legge di Stabilità Pagina 7 CREDITO D'IMPOSTA PER I DANNEGGIATI DAL SISMA 2012 E' disponibile sul sito dell'agenzia delle entrate il modello, con le relative istruzioni e il software di compilazione, per richiedere il credito d'imposta per le imprese/lavoratori autonomi che hanno subito danni dal sisma del 2012 delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo. Pagina 10 AGGIORNAMENTO CONTINUO: IL SAPERE PER FARE DISABILI: AGEVOLAZIONI IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE Nella nostra consueta rubrica di aggiornamento, illustriamo quali agevolazioni spettano alle persone disabili ai fini IVA e di altre imposte indirette. Pagina 13 TABELLA RIEPILOGATIVA Pagina 23 PRASSI DELLA SETTIMANA LE RISOLUZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Una sintesi dei contenuti delle Risoluzioni dell Agenzia in ordine cronologico Pagina 26 I COMUNICATI STAMPA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Una sintesi dei contenuti dei Comunicati stampa dell Agenzia in ordine cronologico Pagina 27 SCADENZARIO SCADENZARIO BISETTIMANALE DAL AL Pagina 28

2 LA SETTIMANA IN BREVE Come annunciato, il Governo ha approvato venerdì 18 aprile il decreto legge sul taglio del cuneo fiscale, che prevede un aumento di circa 80 euro in busta paga per i lavoratori dipendenti. Il "bonus", che è strutturale e non una tantum, scatterà dalla busta paga relativa al mese di maggio Il beneficio degli 80 euro si avrà, più in particolare, per coloro che percepiscono un reddito tra e euro (circa 6 milioni di contribuenti). Se, invece, il reddito non supera i il beneficio è pari al 4% del reddito, mentre per chi guadagna più di euro il bonus decresce in modo proporzionale. I datori di lavoro, senza che il lavoratore presenti alcuna domanda, dovranno anticipare il bonus scomputandolo dalle ritenute e, nel caso in cui queste siano insufficienti, dai contributi per la differenza restante. Gli 80 euro sono esenti da contributi e da imposte, non confluiscono nell'imponibile del TFR, ma aumentano il netto della busta paga. Per ora, dal bonus sono esclusi gli incapienti (coloro che percepiscono meno di euro annui), per i quali il Governo si è impegnato a trovare "a breve" una soluzione in separata sede. Con il decreto legge, non viene solo previsto un taglio dell'irpef per i lavoratori dipendenti, m a parallelamente, nell'ottica della riduzione del cuneo fiscale, anche un taglio dell'irap del 10,2% per aziende e professionisti. Per effetto di tale taglio, l'aliquota Irap si riduce dello 0,4% (dal 3,9% al 3,5% per le aziende private ed i professionisti). Quest'anno, tuttavia, i benefici saranno dimezzati per effetto dell'acconto 2014 fissato al 3,7%. L'approvazione del decreto legge conferma, poi, l'aumento della tassazione delle rendite finanziarie (ad esclusione dei titoli di Stato), che passa dal 20% al 26% dal 1 luglio Il decreto sul taglio del cuneo fiscale contiene anche altre misure di diverso genere. Tra queste, l'anticipo al 31 marzo 2015 dell'avvio a regime della fatturazione elettronica obbligatoria nei confronti di tutte le Pubbliche Amministrazioni, comprese quelle locali, diverse da Ministeri, Agenzie fiscali ed enti di previdenza. Il decreto legge è atteso per oggi alla firma del Capo dello Stato, per poi essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Il 22 aprile era l'ultimo giorno utile per l'invio dei dati relativi alle operazioni rilevanti ai fini IVA effettuate nel 2013 ("spesometro") da parte dei contribuenti con liquidazione IVA diversa da quella mensile, cioè trimestrale o annuale (mentre per i contribuenti con liquidazione IVA mensile il termine era già scaduto lo scorso 10 aprile). Per coloro che non vi hanno provveduto nei termini, si apre ora la strada del ravvedimento operoso. Il termine per il ravvedimento è di un anno, che va calcolato a seconda delle differenti scadenze per l'invio (10 aprile o 22 aprile). In base all'articolo 21 del D.L. n. 78/2010 e secondo quanto indicato dalla circolare 24/E/2011 relativa allo spesometro: «L'omessa trasmissione della comunicazione, nonché l'invio della stessa con dati incompleti o non corrispondenti al vero, comporta l'applicazione della sanzione amministrativa da un minimo di 258 a un massimo di euro». Il contribuente può provvedere alla Riproduzione riservata Pag. 2

3 regolarizzazione attraverso l'istituto del ravvedimento operoso (articolo 13 del Dlgs 472/97) correggendo l'errore commesso entro un anno dalla sua scadenza originaria e versando una sanzione ridotta pari a un ottavo del minimo edittale, cioè un ottavo di 258 euro e, quindi, pari a 32,25 euro. A partire dal 23 aprile, artigiani e commercianti, accedendo al cassetto previdenziale dell'inps tramite Pin dell'inps, troveranno nella sezione "Posizione assicurativa - Dati del modello F24" il prospetto ed i modelli F24 precompilati per il versamento dei contributi dovuti per l'anno A breve, sarà poi resa disponibile anche la lettera in formato Pdf nella sezione "Comunicazione bidirezionale - Modelli F24" e sarà inviata un' di avviso agli iscritti ed ai loro delegati di cui risulta l'indirizzo di posta elettronica. Riproduzione riservata Pag. 3

4 INFORMAZIONE FISCALE OGGETTO: VIES, iscrizione on line Dal 26 marzo i soggetti già in possesso di partita Iva che vogliono iscriversi all'archivio VIES, possono farlo direttamente on line sul sito internet dell'agenzia delle entrate. Bastano pochi passaggi e la domanda di iscrizione viene direttamente inoltrata all'agenzia delle Entrate. Attenzione però che per utilizzare la nuova procedura servono le credenziali per l'accesso ai servizi telematici Fisconline o Entratel. In precedenza, invece, i soggetti già in possesso di partita Iva che intendevano iscriversi al VIES dovevano presentare apposita istanza all'ufficio- a mano, con raccomandata o via Pec. Si ricorda che la richiesta di inclusione nell'elenco VIES è necessaria per poter effettuare operazioni intracomunitarie, e che una volta effettuata la domanda l'agenzia ha 30 giorni di tempo per controllare la posizione del contribuente, e decidere se accettare l'inclusione o meno. Si ritiene utile riepilogare brevemente la disciplina bonus mobili alla luce delle recenti novità. LE MODALITA' DI ISCRIZIONE ALL'ARCHIVIO VIES L'OBBLIGO DI ISCRIZIONE AL VIES L art. 27 del decreto legge n. 78/2010 ha previsto un nuovo obbligo a carico dei soggetti che intendono effettuare operazioni intracomunitarie. Per questi operatori è infatti necessario ottenere una preventiva autorizzazione da parte dell Agenzia delle Entrate con successiva iscrizione nell archivio informatico dei soggetti Iva operanti in ambito comunitario (VIES = Vat Information Exchange System), qualora in possesso dei requisiti richiesti. SOGGETTI INTERESSATI MODALITA' L obbligo riguarda tutti i soggetti che esercitano attività impresa, arte o professione, nel territorio dello Stato, o vi istituiscono una stabile organizzazione. La richiesta può essere fatta anche dai soggetti non residenti che presentano la dichiarazione per l identificazione diretta ai fini Iva (modello ANR) o che si identificano tramite nomina di un rappresentante fiscale. La volontà di essere inseriti nel Vies si manifesta in modo diverso a seconda che il soggetto passivo Iva inizi l attività e debba pertanto presentare la dichiarazione di inizio attività, o sia già attivo. Nel primo caso la manifestazione di volontà va comunicata direttamente all Agenzia delle Entrate ovvero al Registro delle imprese, mediante la Comunicazione Unica con le seguenti modalità: Riproduzione riservata Pag. 4

5 Imprese individuali e Lavoratori autonomi Soggetti diversi dalle persone fisiche Enti non commerciali non soggetti passivi Iva mod. AA9 - Quadro I Operazioni Intracomunitarie mod. AA7- Quadro I Operazioni Intracomunitarie mod. AA7 - Quadro A Casella C Imprese individuali e Lavoratori autonomi Soggetti diversi dalle persone fisiche Enti non commerciali non soggetti passivi Iva Nel secondo caso, invece, è necessario presentare una specifica istanza indicando l ammontare presunto degli acquisti e delle cessioni in t ra U E. L istanza può essere presentata ad un qualsiasi Ufficio dell Agenzia delle Entrate (al Centro Operativo di Pescara per i soggetti non residenti che presentano la dichiarazione per l identificazione diretta ai fini IVA): direttamente; a mezzo raccomandata, allegando la fotocopia di un documento di identità del dichiarante; mediante PEC (Posta Elettronica Certificata). In tal caso all va allegata l istanza con la firma digitale oppure la copia per immagine della stessa firmata e una fotocopia di un documento di identità del dichiarante. Ora è disponibile sul sito internet dell Agenzia delle Entrate una nuova modalità per l'iscrizione al VIES da parte dei soggetti in possesso di partita Iva. L'ha reso noto la stessa Agenzia delle entrate con il Comunicato stampa del La nuova modalità on line richiede l'abilitazione ai servizi telematici Fisconline/Entratel; una volta effettuato l'accesso il soggetto interessato può inserire la propria partita IVA «candidata» a entrare nell elenco VIES, e una volta confermati i dati visualizzati, la richiesta di iscrizione viene inoltrata all Agenzia delle Entrate. I CONTROLLI Entro 30 giorni, l Agenzia delle Entrate provvede a verificare che i dati forniti siano completi ed esatti e a valutare i correlati fattori di rischio. In caso di esito: negativo, l ufficio provvede ad emettere motivato provvedimento di diniego che esclude l inserimento nell Archivio VIES; positivo il soggetto viene incluso nell archivio VIES a partire dal 31 giorno successivo a quello dell attribuzione della partita IVA o della ricezione dell istanza. Non è ancora operativo il minor termine di 15 giorni previsto all'art. 23 del disegno di legge n. 958/2013, alla data attuale infatti il citato ddl non è ancora stato convertito in legge. Successivamente all inserimento nel Vies, ed entro sei mesi dalla ricezione della dichiarazione di inizio attività o dell istanza, l'ufficio effettuare una serie di controlli più approfonditi quale completamento Riproduzione riservata Pag. 5

6 dell analisi svolta nei primi 30 giorni. O v e sussistano specifici profili di rischio, l ufficio provvede tempestivamente ad emettere un motivato provvedimento di revoca della inclusione del contribuente nell Archivio VIES. All adozione di un provvedimento di revoca deve seguire la tempestiva acquisizione dello stesso in Anagrafe Tributaria al fine di permettere il contestuale aggiornamento dell Archivio VIES e la disponibilità dell informazione agli operatori comunitari interessati. In ogni caso, la posizione dei contribuenti inclusi nel Vies è costantemente monitorata nel tempo. I provvedimenti di diniego e revoca sono impugnabili dinanzi alla Commissione tributaria territorialmente competente, entro 60 giorni dalla data di notificazione dell atto. Il soggetto interessato può verificare l avvenuta inclusione della propria posizione nell archivio Vies utilizzando il servizio di verifica online CANCELLAZIONE DAL VIES I soggetti, già inclusi nell Archivio VIES, per i quali viene meno la possibilità di porre in essere operazioni intra UE possono comunicare (in qualsiasi momento) la volontà di retrocedere dall opzione al fine di evitare di essere sottoposti agli specifici controlli che conseguono all inserimento della posizione nell Archivio VIES. Devono presentare, in tal caso, apposita istanza ad un qualsiasi ufficio dell Agenzia delle entrate o al Centro Operativo di Pescara nel caso di soggetti non residenti identificati ai sensi dell articolo 35-ter del Dpr 633/72. La C.M. 39/2011 fornisce in allegato un fac simile dell istanza di retrocessione. Riproduzione riservata Pag. 6

7 INFORMAZIONE FISCALE OGGETTO: La mediazione tributaria "aggiorna" la cartella di pagamento Con provvedimento direttoriale del 2 aprile 2014, l'agenzia delle Entrate ha disposto le modifiche alle "Avvertenze" che accompagnano le cartelle di pagamento e aggiornato la sezione relativa alle modalità di presentazione del reclamo-mediazione e del ricorso. L'aggiornamento si è reso necessario a seguito delle novità in tema di mediazione tributaria introdotte dalla Legge di Stabilità per il 2014 (Legge n. 147/2013), che ha modificato l articolo 17- bis del D. Lgs. n. 546/1992. In particolare, la presentazione del reclamo non è più condizione di "ammissibilità" del ricorso, ma di "procedibilità" dello stesso. Inoltre, la riscossione ed il pagamento delle somme dovute in base all atto impugnato sono sospesi automaticamente in pendenza del procedimento di mediazione. Infine, al termine dei 90 giorni dalla presentazione del reclamo per poter mediare, si applicano le stesse regole stabilite per i termini processuali, tra cui la sospensione feriale. L'AGGIORNAMENTO DELLE "AVVERTENZE" DELLA CARTELLA DI PAGAMENTO L'ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IN SINTESI CON LE NOVITA' SULLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA L'istituto definito reclamo e mediazione è uno strumento deflattivo del contenzioso tributario introdotto dall art. 39, comma 9, del D.L. n. 98/2011 (Manovra correttiva 2011), che ha inserito il nuovo art. 17-bis al D. Lgs. n. 546/92. Tale istituto obbliga il contribuente che intende proporre il ricorso a presentare preventivamente, per gli atti di valore non superiore a notificati dall Agenzia delle Entrate a decorrere dal 1 aprile 2012 (ovvero, per gli atti notificati dall'ex Agenzia del territorio dal 1 dicembre 2012), un istanza di reclamo (e, facoltativamente, di mediazione) alla competente Direzione provinciale/regionale delle Entrate. In sostanza, prima di presentare il ricorso in Commissione tributaria, il contribuente destinatario dell atto deve presentare un istanza di reclamo, entro 60 giorni dalla notifica dell avviso d accertamento (o altro atto impugnabile) alla direzione provinciale o regionale delle Entrate che lo ha emesso. L istanza deve contenere la richiesta di annullamento dell atto sulla base degli elementi che trovano posto nel ricorso e può contenere anche una proposta di mediazione. Una volta ricevuta la domanda, l Agenzia ha 90 giorni di tempo per decidere se accoglierla o formulare una proposta di mediazione. Se l accordo non viene raggiunto o l Amministrazione rifiuta l istanza, il contribuente ha 30 giorni di tempo per depositare il ricorso in Commissione tributaria, aprendo così la via al contenzioso. Riproduzione riservata Pag. 7

8 LE NOVITA' INTRODOTTE DALLA LEGGE DI STABILITA' 2014 (art. 1, comma 611, Legge n. 147/2013) La Legge di Stabilità 2014 (Legge n. 147/2013) ha modificato l articolo 17- bis del D. Lgs. n. 546/1992, apportando importanti novità all'istituto della mediazione tributaria. In particolare: per le controversie di valore non superiore a , se il contribuente intende proporre ricorso, è ora necessaria la preliminare presentazione del reclamo ai fini della "procedibilità" del ricorso stesso (in luogo della previgente "ammissibilità"); se il ricorso è presentato prima del decorso dei 90 giorni entro i quali può essere notificato il reclamo, l Agenzia delle Entrate, in sede di costituzione in giudizio, può eccepire l "improcedibilità" del ricorso e qualora la stessa sia rilevata dal Presidente, questi rinvia la trattazione al fine di consentire la mediazione; ai fini del computo del termine di 90 giorni, si tiene conto delle disposizioni relative ai termini processuali (inclusa la sospensione feriale degli stessi); l esito del procedimento rileva anche ai fini dei contributi previdenziali ed assistenziali la cui base imponibile è riconducibile a quella della imposte sui redditi; su di essi non sono comunque dovuti interessi e sanzioni; la riscossione ed il pagamento delle somme dovute in base all atto oggetto di reclamo sono sospesi fino alla data di decorrenza del termine per la costituzione in giudizio (30 giorni dalla proposizione del ricorso). Di fatto, la sospensione opera fino allo scadere dei 90 giorni dalla notifica del reclamo. In assenza di mediazione, sono comunque dovuti gli interessi. La sospensione non opera nel caso di improcedibilità. L'AGGIORNAMENTO DELLA CARTELLA DI PAGAMENTO Al fine di tenere conto di tali novità, con provvedimento direttoriale del 2 aprile 2014, l'agenzia delle Entrate ha disposto le modifiche alle "Avvertenze" che accompagnano le cartelle di pagamento, per aggiornare la sezione relativa alle modalità di presentazione del reclamo-mediazione e del ricorso. Si riporta qui di seguito uno stralcio del nuovo foglio "Avvertenze" della cartella di pagamento in cui sono indicate le previsioni del novellato art. 17-bis, D.Lgs. n. 546/1992: "PRESENTAZIONE DEL RECLAMO-MEDIAZIONE E DEL RICORSO Quando e come presentare istanza di reclamo-mediazione (art. 17-bis del Dlgs n. 546/1992) Per le controversie di valore non superiore a ,00 euro, relative ad atti emanati dagli Uffici Provinciali-Territorio a decorrere dal 1 dicembre 2012, il Contribuente deve presentare istanza di reclamomediazione al medesimo Ufficio che ha emanato l atto, altrimenti non potrà procedere con l eventuale ricorso alla Commissione tributaria. Infatti, al fine di prevenire le liti minori, che possono essere risolte senza ricorrere al giudice, il Dl n. 98/2011 ha introdotto l istituto del Riproduzione riservata Pag. 8

9 reclamo-mediazione, che garantisce al Contribuente tempi brevi e certi per ottenere una risposta dell Agenzia e, in caso di accordo, sanzioni ridotte al 40 per cento. La mancata presentazione dell istanza di reclamo-mediazione è causa di improcedibilità del ricorso alla Commissione tributaria. L istanza va presentata con le stesse modalità e nello stesso termine di 60 giorni dalla notifica della cartella previsti per il ricorso. In ogni caso, l istanza deve riportare il contenuto integrale del ricorso; infatti, trascorsi 90 giorni senza che sia stato notificato l accoglimento dell istanza o senza che sia stata conclusa la mediazione, il Contribuente può costituirsi in giudizio in Commissione tributaria provinciale depositando l istanza di reclamo-mediazione che vale come ricorso. All istanza deve essere allegata copia dei documenti che il Contribuente intende utilizzare nell eventuale giudizio avanti la Commissione tributaria provinciale. La presentazione dell istanza di reclamo-mediazione comporta la sospensione, per 90 giorni, della riscossione e del pagamento delle somme dovute in base all atto impugnato per consentire lo svolgimento del procedimento di mediazione. Decorsi 90 giorni, se non è stato notificato l accoglimento dell istanza o non è stata conclusa la mediazione, la sospensione viene meno e sono dovuti gli interessi maturati durante il periodo di sospensione del pagamento. La sospensione non si applica nel caso di improcedibilità del ricorso. Il termine di 90 giorni è sospeso dal 1 agosto al 15 settembre. N.B. Questa cartella di pagamento può essere oggetto di reclamomediazione solo per vizi riguardanti il ruolo e non per contestazioni relative a vizi propri della cartella." Riproduzione riservata Pag. 9

10 INFORMAZIONE FISCALE OGGETTO: Credito d'imposta per i danneggiati dal sisma 2012 Con il provvedimento dell'11 aprile 2014 l'agenzia delle Entrate ha reso note le modalità con cui richiedere il credito d'imposta per gli imprenditori e lavoratori autonomi danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio Il credito può essere richiesto per un valore pari al costo sostenuto per: ricostruire, ripristinare e sostituire attrezzature o macchinari utilizzati nell'attività d'impresa o di lavoro autonomo, e gli edifici che costituiscono la sede dell'azienda o dello studio professionale; realizzare il miglioramento sismico degli edifici. La misura del credito spettante a ciascun richiedente sarà determinata sulla base del rapporto tra l'ammontare delle risorse stanziate e quello del credito richiesto, e sarà resa nota con provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate. Il credito sarà utilizzabile solo in compensazione, da giorno successivo a quello di pubblicazione del provvedimento che determina la percentuale del credito attribuito. IL MODELLO PER LA RICHIESTA DEL CREDITO D'IMPOSTA PER I SOGGETTI DANNEGGIATI DAL SISMA DEL 20 E 29 MAGGIO 2012 SOGGETTI BENEFICIARI IL MODELLO PER LA RICHIESTA DEL CREDITO Possono fare richiesta del credito le imprese e i lavoratori autonomi che, alla data del 20/05/2012: avevano sede legale e operativa e svolgevano la loro attività in uno dei comuni interessati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 (nell'allegato 1 del decreto del Mef del 1 giugno 2012 è presente l'elenco dei comuni danneggiati); e che per effetto del sisma hanno subito: la distruzione o l'inagibilità dell'azienda/studio; la distruzione di attrezzature, macchinari o di impianti utilizzati per la loro attività. È necessario che il danno sia stato denunciato e verificato dall'autorità comunale e, nel caso di immobili oggetto di ordinanza di sgombero, ce il Comune abbia rilasciato il certificato che attesta la distruzione o l'inagibilità (totale o parziale). Possono fare richiesta anche le imprese ubicate nei territori interessati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012, per i costi relativi al miglioramento sismico degli edifici previsti dal d.l. 74/2012. Il modello di richiesta del credito, scaricabile gratuitamente sul sito dell'agenzia delle entrate, è composto: dal riquadro contenente i dati anagrafici del soggetto richiedente e Riproduzione riservata Pag. 10

11 dell'eventuale rappresentante firmatario; dal quadro A contenente i dati relativi ai costi agevolabili e al credito d'imposta richiesto. Nel riquadro "Dati del richiedente" occorre indicare, oltre al proprio codice fiscale, i seguenti dati: se persona fisica: cognome, nome, sesso, data di nascita, Comune di nascita e sigla della provincia (in caso di nascita all'estero nello spazio riservato al Comune va riportato lo Stato estero di nascita); se soggetto diverso da persona fisica: denominazione o ragione sociale. Il riquadro "Dati relativi al rappresentante firmatario della richiesta" va compilato solo se chi firma la richiesta è il rappresentante del richiedente. In tal caso occorre indicare: il codice fiscale della persona che firma la richiesta; il codice carica corrispondente (individuabile dalla tabella delle istruzioni ai modelli di dichiarazione Unico); il codice fiscale della società se la richiesta è presentata da una società per conto del richiedente; gli altri dati anagrafici richiesti. Il campo "Rinuncia totale a richiesta precedente" va barrato quando il richiedente intende rinunciare totalmente al credito richiesto. In tal caso il quadro A non va compilato. Nel riquadro "Sottoscrizione" va apposta la firma del richiedente. Il riquadro "Impegno alla presentazione telematica" è dedicato all'intermediario, che deve indicare il codice fiscale, la data dell'impegno alla presentazione telematica e la firma. Il quadro "A - Dati relativi ai costi agevolabili", è suddiviso in due sezioni: nella prima sezione bisogna indicare i costi sostenuti per la ricostruzione, ripristino o sostituzione dei beni distrutti o danneggiati, al netto di eventuali importi ricevuti a titolo di assicurazione o altro. In particolare al rigo A1 va riportato: alla colonna 1 l'anno in cui sono stati sostenuti i costi (si ricorda che sono agevolabili i costi sostenuti entro il ); alla colonna 2 il codice catastale del comune in cui si trovava il bene danneggiato; alle colonna 3, 4 e 5 l'ammontare dei costi sostenuti per la ricostruzione, ripristino o sostituzione dei beni distrutti o danneggiati e per la realizzazione degli interventi di miglioramento sismico. In particolare alla colonna 3 quelli relativi ai beni immobili, alla colonna 4 quelli relativi alle attrezzature macchinari ed impianti, e alla colonna 5 i costi di miglioramento sismico. Gli importi vanno espressi all'unità di euro. Nella sezione I vi sono 4 righi (da A1 a A4): va compilato un rigo per ogni anno e per ogni Comune. Se i righi non sono sufficienti occorre compilare altri moduli, riportando nell'apposita casella in alto a destra il numero progressivo; nella seconda sezione "Credito d'imposta richiesto", nelle colonne 1, 2 e 3 Riproduzione riservata Pag. 11

12 del rigo A5 va indicato l'ammontare complessivo dei costi in ciascun anno, indicati nelle colonne 3, 4 e 5 dei righi da A1 a A4 di tutti i moduli compilati. L'importo indicato nelle colonne 1, 2 e 3 costituisce l'ammontare del credito d'imposta di cui si chiede l'attribuzione. Nel caso in cui si voglia effettuare la rinuncia parziale del credito, nel quadro A bisogna indicare un ammontare del credito inferiore a quello indicato nella richiesta precedente. La domanda va presentata all'agenzia delle Entrate in via telematica, utilizzando i canali Entratel o Fisconline, attraverso gli intermediari abilitati o direttamente dagli interessati se in possesso dei codici di autenticazione, entro le seguenti scadenze: TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DAL 14 APRILE AL 30 per i costi sostenuti NELL'ANNO 2014 GIUGNO negli anni 2012 e 2013 Per i costi sostenuti nell'anno 2014 e per DAL 2 FEBBRAIO AL 30 quelli non indicati nelle NELL'ANNO 2015 APRILE eventuali richieste presentate in precedenza Per la trasmissione va utilizzato il software "Creditosisma2012", disponibile gratuitamente sul sito dell'agenzia delle entrate. Nel caso in cui ci si avvalga, per la trasmissione, degli intermediari abilitati, questi hanno l'obbligo di rilasciare al richiedente un esemplare cartaceo della domanda e una copia della comunicazione dell'agenzia delle Entrate che ne attesta l'avvenuto ricevimento, e che costituisce prova dell'avvenuta trasmissione. La domanda va sottoscritta sia dall'intermediario sia dal soggetto richiedente, e va conservata a cura di quest'ultimo per le schede ricevute entro il ; per le schede ricevute dal 1 luglio 2014 fino al termine di presentazione telematica del modello Unico PF Se il contribuente presenta più richieste nello stesso anno, si terrà valida l'ultima trasmessa nei termini. Una volta passata la scadenza per l'invio della domanda saranno prese in esame solo le richieste di rinuncia totale o parziale. Riproduzione riservata Pag. 12

13 SAPERE PER FARE DISABILI: AGEVOLAZIONI IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE INTRODUZIONE Dopo aver esaminato, nella nostra precedente rubrica, le agevolazioni previste per i disabili ai fini Irpef e come fruirne nel modello 730/2014 da presentare quest'anno, ci occupiamo in questa sede di analizzare le altre agevolazioni spettanti ai disabili ai fini Iva e delle altre imposte indirette. Si tratta, in particolare, di agevolazioni riguardanti: il settore auto; l'acquisto di ausili tecnici ed informatici; l'imposta sulle successioni e donazioni; la tassa sulle imbarcazioni. INDICE DELLE DOMANDE 1. Si applicano agevolazioni per l'acquisto di un veicolo da parte di un disabile? Se sì, per quali veicoli? 2. Sull'acquisto di un'auto da parte di un disabile, quale aliquota Iva si applica? 3. In quali casi si verifica la perdita dell'agevolazione dell'iva al 4% sull'acquisto di un'auto da parte di un disabile? E cosa comporta? 4. Perché un disabile possa fruire dell'aliquota Iva ridotta al 4% sull'acquisto di un veicolo, a quali adempimenti è tenuta l'impresa venditrice? 5. L'aliquota Iva al 4% sull'acquisto di un'auto da parte di un disabile è applicabile anche in caso di acquisizione in leasing? 6. Il disabile che ha acquistato un'auto, deve pagare il bollo auto ad essa relativo? 7. Il disabile che acquista un veicolo ed effettua il passaggio di proprietà, deve pagare l'imposta di trascrizione al PRA? 8. Quali documenti devono essere esibiti dal disabile per fruire delle agevolazioni per i veicoli a lui adibiti? Riproduzione riservata Pag. 13

14 9. Sono previste regole particolari per la fruizione delle agevolazioni da parte dei disabili con ridotte o impedite capacità motorie? 10. Quali documenti deve esibire il disabile con ridotte o impedite capacità motorie per fruire delle agevolazioni previste per i veicoli a lui adibiti? 11. Per l'acquisto di mezzi di ausilio da parte dei disabili, è prevista l'iva ridotta al 4%? 12. E' possibile per il disabile fruire dell'iva ridotta al 4% per l'acquisto di appositi sussidi tecnici e informatici? 13. E' possibile fruire dell'iva ridotta al 4% per l'acquisto di prodotti editoriali destinati a non vedenti? 14. La persona portatrice di handicap che eredita un immobile o altro diritto reale su di esso, deve versare l'imposta di successione e donazione? 15. La persona portatrice di handicap è esonerata dal pagamento della tassa sulle imbarcazioni? DOMANDE E RISPOSTE D.1 SI APPLICANO AGEVOLAZIONI PER L'ACQUISTO DI UN VEICOLO DA PARTE DI UN DISABILE? SE SÌ, PER QUALI VEICOLI? R.1 Il nostro ordinamento prevede diverse agevolazioni per i disabili con riguardo al settore auto, sia ai fini Irpef (detrazione 19%), che ai fini Iva (4%) e delle altre imposte connesse ai veicoli (esenzione dall'imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà, esenzione dal pagamento del bollo). Le agevolazioni sono riconosciute con riguardo ai seguenti veicoli: autovetture: veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo 9 posti compreso quello del conducente; autoveicoli per trasporto promiscuo: veicoli aventi una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 t o 4,5 t se a trazione elettrica o a batteria, destinati al trasporto di persone e di cose e capaci di contenere al massimo nove posti compreso quello del conducente; autoveicoli per trasporti specifici: veicoli destinati al trasporto di determinate cose o di persone in particolari condizioni, caratterizzati dall essere muniti permanentemente di speciali attrezzature relative a tale scopo; autocaravan: veicoli aventi una speciale carrozzeria ed attrezzati permanentemente per essere adibiti al trasporto e all alloggio di sette persone al massimo, compreso il conducente (per questo tipo di veicoli, è possibile fruire solo della detrazione Irpef del 19%); motocarrozzette: veicoli a tre ruote destinati al trasporto di persone, capaci di contenere al massimo quattro posti compreso quello del conducente ed equipaggiati di idonea carrozzeria (in questo caso, le agevolazioni non spettano per non vedenti e sordi); Riproduzione riservata Pag. 14

15 motoveicoli per trasporto promiscuo: veicoli a tre ruote destinati al trasporto di persone e cose, capaci di contenere al massimo quattro posti compreso quello del conducente (in questo caso, le agevolazioni non spettano per non vedenti e sordi); motoveicoli per trasporti specifici: veicoli a tre ruote destinati al trasporto di determinate cose o di persone in particolari condizioni e caratterizzati dall essere muniti permanentemente di speciali attrezzature relative a tale scopo (in questo caso, le agevolazioni non spettano per non vedenti e sordi). Non è agevolabile l acquisto di quadricicli leggeri, cioè delle minicar che possono essere condotte senza patente. D.2 SULL'ACQUISTO DI UN'AUTO DA PARTE DI UN DISABILE, QUALE ALIQUOTA IVA SI APPLICA? R.2 Sull acquisto di autovetture nuove o usate, aventi cilindrata fino a: centimetri cubici, se con motore a benzina; centimetri cubici, se con motore diesel; è applicabile l Iva al 4%, anziché al 22%. L Iva ridotta al 4% è applicabile anche: all acquisto contestuale di optional; alle prestazioni di adattamento di veicoli non adattati, già posseduti dal disabile (e anche se superiori ai citati limiti di cilindrata); alle cessioni di strumenti e accessori utilizzati per l adattamento. L aliquota agevolata si applica solo per gli acquisti effettuati direttamente dal disabile o dal familiare di cui egli è fiscalmente a carico (o per le prestazioni di adattamento effettuate nei loro confronti). Restano esclusi dall agevolazione, infatti, gli autoveicoli intestati ad altre persone, a società commerciali, cooperative, enti pubblici o privati (anche se specificamente destinati al trasporto di disabili). L Iva ridotta per l acquisto di veicoli si applica, senza limiti di valore, per una sola volta nel corso di 4 anni (decorrenti dalla data di acquisto). E possibile riottenere il beneficio per acquisti entro il quadriennio solo se il primo veicolo beneficiato è stato cancellato dal PRA, perché destinato alla demolizione. Il beneficio non spetta, invece, se il veicolo è stato cancellato dal PRA perché esportato all estero (circ. dell Agenzia delle Entrate n. 19/E/2012). D.3 IN QUALI CASI SI VERIFICA LA PERDITA DELL'AGEVOLAZIONE DELL'IVA AL 4% SULL'ACQUISTO DI UN'AUTO DA PARTE DI UN DISABILE? E COSA COMPORTA? R.3 Se il veicolo è ceduto prima che siano trascorsi 2 anni dall acquisto, va versata la differenza fra l imposta dovuta in assenza di agevolazioni (22%) e quella risultante dall applicazione delle agevolazioni stesse (4%). Riproduzione riservata Pag. 15

16 Un'eccezione si ha nel caso in cui il disabile, in seguito a mutate necessità legate al proprio handicap, cede il veicolo per acquistarne un altro su cui realizzare nuovi e diversi adattamenti. Un'altra eccezione riguarda l erede, che può cedere il veicolo ricevuto in eredità dalla persona disabile anche prima dei due anni dall acquisto con Iva al 4%, senza che questo comporti l obbligo di dover versare la differenza d imposta. D.4 PERCHÉ UN DISABILE POSSA FRUIRE DELL'ALIQUOTA IVA RIDOTTA AL 4% SULL'ACQUISTO DI UN VEICOLO, A QUALI ADEMPIMENTI È TENUTA L'IMPRESA VENDITRICE? R.4 L impresa che vende il veicolo con l aliquota Iva agevolata al disabile deve: emettere fattura con l indicazione, a seconda dei casi, che si tratta di operazione effettuata ai sensi della Legge n. 97/1986 e della Legge n. 449/1997, ovvero della Legge n. 342/2000 o della Legge n. 388/2000. Per le importazioni, gli estremi della Legge n. 97/1986 devono essere annotati sulla bolletta doganale; comunicare all Agenzia delle Entrate la data dell operazione, la targa del veicolo, i dati anagrafici e la residenza dell acquirente. La comunicazione va trasmessa all ufficio dell Agenzia territorialmente competente, in base alla residenza dell acquirente, entro 30 giorni dalla data della vendita o dell importazione. D.5 L'ALIQUOTA IVA AL 4% SULL'ACQUISTO DI UN'AUTO DA PARTE DI UN DISABILE È APPLICABILE ANCHE IN CASO DI ACQUISIZIONE IN LEASING? R.5 L agevolazione dell Iva ridotta al 4% è prevista anche in caso di acquisto del veicolo in leasing, a condizione, però, che il contratto di leasing sia di tipo traslativo. In sostanza, è indispensabile che dalle clausole contrattuali emerga la volontà delle parti di trasferire all utilizzatore la proprietà del veicolo, mediante il riscatto, da esercitarsi al termine della durata della locazione finanziaria. In questa ipotesi, come precisato dall Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 66/E del 20 giugno 2012, la società di leasing potrà applicare l aliquota agevolata sia sul prezzo di riscatto sia sui canoni di locazione finanziaria. Inoltre, per l applicazione dell Iva al 4% occorre che, al momento della stipula del contratto di leasing: il beneficiario fornisca alla società la documentazione prevista dalla legge per le agevolazioni per i disabili; esistano le altre condizioni prescritte dalla legge (per esempio, l annotazione sulla carta di circolazione degli eventuali adattamenti del veicolo). La società di leasing, a sua volta, dovrà comunicare all Agenzia delle Entrate i dati identificativi dell operazione. Dalla data di stipula del contratto decorre: il periodo di 4 anni nel corso del quale il beneficiario non può avvalersi nuovamente dell agevolazione; Riproduzione riservata Pag. 16

17 il periodo di 2 anni durante il quale egli deve mantenere la disponibilità del veicolo. Il mancato rispetto di quest ultima condizione è causa di decadenza dal beneficio (tranne l ipotesi in cui la cessione sia dovuta alla necessità di nuovi o diversi adattamenti del mezzo). D.6 IL DISABILE CHE HA ACQUISTATO UN'AUTO, DEVE PAGARE IL BOLLO AUTO AD ESSA RELATIVO? R.6 È possibile fruire dell'esonero dal pagamento del bollo (tassa automobilistica) per i veicoli dei disabili. L'esonero dal pagamento del bollo è ammesso nel rispetto dei limiti di cilindrata previsti per l applicazione dell aliquota Iva agevolata (2.000 centimetri cubici per le auto con motore a benzina e centimetri cubici per quelle diesel). L esenzione spetta sia quando l auto è intestata al disabile, sia quando l intestatario è un familiare del quale egli è fiscalmente a carico. Se il disabile possiede più veicoli, l esenzione spetta solo per uno di essi: egli stesso, al momento della presentazione della documentazione, indicherà la targa dell auto prescelta. Restano esclusi dall esenzione gli autoveicoli intestati ad altri soggetti, pubblici o privati (come enti locali, cooperative, società di trasporto, taxi polifunzionali, eccetera). L ufficio competente per la concessione dell esenzione è l ufficio tributi dell ente Regione. Nelle regioni in cui tali uffici non sono stati istituiti l interessato può rivolgersi all ufficio territoriale dell Agenzia delle Entrate. Per la gestione delle pratiche di esenzione alcune regioni si avvalgono dell Aci. Per fruire dell esenzione il disabile deve, solo per il primo anno, presentare all ufficio competente (o spedire per raccomandata A/R) la documentazione prevista per legge. I documenti vanno presentati entro 90 giorni dalla scadenza del termine entro cui andrebbe effettuato il pagamento. Una volta riconosciuta, l esenzione è valida anche per gli anni successivi, senza che l interessato ripresenti l istanza e invii nuovamente la documentazione. Tuttavia, dal momento in cui vengono meno le condizioni per avere diritto al beneficio (per esempio perché l auto viene venduta) l interessato deve comunicarlo allo stesso ufficio a cui era stata richiesta l esenzione. Gli uffici che ricevono l istanza trasmettono al sistema informativo dell Anagrafe tributaria i dati contenuti nella stessa (protocollo e data, codice fiscale del richiedente, targa e tipo di veicolo, eventuale codice fiscale del proprietario di cui il richiedente è fiscalmente a carico). Devono, inoltre, dare notizia agli interessati sia dell inserimento del veicolo tra quelli ammessi all esenzione sia dell eventuale non accoglimento dell istanza. Non è necessario esporre sull auto alcun avviso o contrassegno da cui emerga che per il mezzo non è dovuto il pagamento del bollo. Riproduzione riservata Pag. 17

18 D.7 IL DISABILE CHE ACQUISTA UN VEICOLO ED EFFETTUA IL PASSAGGIO DI PROPRIETÀ, DEVE PAGARE L'IMPOSTA DI TRASCRIZIONE AL PRA? R.7 I veicoli destinati al trasporto o alla guida di disabili, sono esentati dal pagamento dell imposta di trascrizione al PRA in occasione della registrazione dei passaggi di proprietà. L esenzione non è prevista per i veicoli dei non vedenti e dei sordi. Il beneficio è riconosciuto sia per la prima iscrizione al PRA di un auto nuova sia per la trascrizione di un passaggio riguardante un auto usata. L esenzione deve essere richiesta esclusivamente al PRA territorialmente competente e spetta anche in caso di intestazione del veicolo al familiare del quale il disabile è fiscalmente a carico. D.8 QUALI DOCUMENTI DEVONO ESSERE ESIBITI DAL DISABILE PER FRUIRE DELLE AGEVOLAZIONI PER I VEICOLI A LUI ADIBITI? R.8 I documenti che il disabile deve produrre quando non è necessario l adattamento del veicolo sono i seguenti: certificazione attestante la condizione di disabilità: per il non vedente e il sordo, occorre un certificato, rilasciato da una Commissione medica pubblica, che attesta la sua condizione; per il disabile psichico o mentale, è richiesto il verbale di accertamento dell handicap, emesso dalla Commissione medica presso l Asl, dal quale risulti che il soggetto si trova in situazione di handicap grave (art. 3, comma 3, della legge n. 104 del 1992), derivante da disabilità psichica; il certificato di attribuzione dell indennità di accompagnamento (legge n. 18/1980 e legge n. 508/1988), emesso dalla Commissione a ciò preposta (Commissione per l accertamento dell invalidità civile di cui alla legge n. 295/1990) per disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione, o pluriamputati, occorre il verbale di accertamento dell handicap, emesso dalla Commissione medica presso l Asl, dal quale risulti che il soggetto si trova in situazione di handicap grave (art. 3, comma 3, della legge n. 104 del 1992), derivante da patologie (comprese le pluriamputazioni) che comportano una limitazione permanente della deambulazione. Riguardo alla certificazione medica richiesta, con la circolare n. 21 del 23 aprile 2010, l Agenzia delle Entrate ha fornito utili precisazioni in merito. fotocopia dell ultima dichiarazione dei redditi, o autocertificazione; se il veicolo è intestato al familiare del disabile, dalla dichiarazione deve risultare che egli è fiscalmente a carico dell intestatario dell auto; (solo per usufruire dell Iva al 4%) dichiarazione sostitutiva di atto notorio, con cui si attesta che nei 4 anni precedenti alla data di acquisto non è stato acquistato un analogo veicolo agevolato. Per l acquisto entro il quadriennio occorre consegnare il certificato di cancellazione rilasciato dal pubblico registro automobilistico (PRA). Si precisa che, riguardo alle certificazioni delle persone con disabilità, il D.L. n. 5/2012 ha introdotto importanti semplificazioni. In particolare, è stato previsto che: Riproduzione riservata Pag. 18

19 i verbali di accertamento dell invalidità delle commissioni mediche devono riportare anche la sussistenza dei requisiti sanitari necessari per poter richiedere le agevolazioni fiscali relative ai veicoli (nonché per il rilascio del contrassegno invalidi); le attestazioni medico legali - indispensabili per usufruire delle agevolazioni fiscali - possono essere sostituite dal verbale della commissione medica. Tale verbale deve essere presentato in copia e accompagnato da una dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà sulla conformità all originale, resa dall interessato. Egli dovrà dichiarare, inoltre, che quanto attestato non è stato revocato, sospeso o modificato. D.9 SONO PREVISTE REGOLE PARTICOLARI PER LA FRUIZIONE DELLE AGEVOLAZIONI DA PARTE DEI DISABILI CON RIDOTTE O IMPEDITE CAPACITÀ MOTORIE? R.9 Per il disabile con ridotte o impedite capacità motorie (ma non affetto da grave limitazione alla capacità di deambulazione), il diritto alle agevolazioni (Irpef, Iva, bollo, imposta di trascrizione) è condizionato all adattamento del veicolo alla minorazione di tipo motorio di cui egli (anche se trasportato) è affetto. Non è necessario che il disabile fruisca dell indennità di accompagnamento. La natura motoria della disabilità deve essere esplicitamente annotata sul certificato rilasciato dalla commissione medica presso l Asl o da altre commissioni mediche pubbliche incaricate per il riconoscimento dell invalidità. Gli adattamenti devono sempre risultare dalla carta di circolazione e possono riguardare sia le modifiche ai comandi di guida, sia soltanto la carrozzeria o la sistemazione interna del veicolo, per mettere il disabile in condizione di accedervi. Per i disabili titolari di patente speciale si considera adattata anche l auto dotata di solo cambio automatico (o frizione automatica) di serie, purché prescritto dalla Commissione medica locale competente per l accertamento dell idoneità alla guida. A titolo esemplificativo, tra gli adattamenti alla carrozzeria da considerare idonei si elencano i seguenti: pedana sollevatrice ad azione meccanica/elettrica/idraulica; scivolo a scomparsa ad azione meccanica/elettrica/idraulica; braccio sollevatore ad azione meccanica/elettrica/idraulica; paranco ad azionamento meccanico/elettrico/idraulico; sedile scorrevole/girevole atto a facilitare l insediamento del disabile nell abitacolo; sistema di ancoraggio delle carrozzelle con annesso sistema di ritenuta del disabile (cinture di sicurezza) sportello scorrevole: altri adattamenti non elencati, purché vi sia un collegamento funzionale tra l handicap e la tipologia di adattamento. Per fruire dell Iva agevolata sugli acquisti (4%), il veicolo deve essere adattato alla ridotta capacità motoria del disabile prima dell acquisto (o perché così prodotto in serie o per effetto di modifiche fatte appositamente eseguire dallo stesso rivenditore). Inoltre, l Iva Riproduzione riservata Pag. 19

20 agevolata al 4% si applica anche per le prestazioni rese da officine per adattare i predetti veicoli, anche non nuovi di fabbrica, e per i relativi acquisti di accessori e strumenti. Non può essere considerato adattamento l allestimento di semplici accessori con funzione di optional, o l applicazione di dispositivi già previsti in sede di omologazione del veicolo, montabili in alternativa e su semplice richiesta dell acquirente. D.10 QUALI DOCUMENTI DEVE ESIBIRE IL DISABILE CON RIDOTTE O IMPEDITE CAPACITÀ MOTORIE PER FRUIRE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE PER I VEICOLI A LUI ADIBITI? R.10 Oltre ai documenti previsti in generale per i disabili, i disabili con ridotte o impedite capacità motorie (ma non affetti da grave limitazione alla capacità di deambulazione) devono presentare anche: fotocopia della patente di guida speciale o fotocopia del foglio rosa speciale (solo per i disabili che guidano); s o l o per l agevolazione Iva, in caso di prestazioni di servizi o per l acquisto di accessori, autodichiarazione dalla quale risulti che si tratta di disabilità comportante ridotte capacità motorie permanenti, come attestato dalla certificazione medica in possesso. Nella stessa dichiarazione si dovrà eventualmente precisare che il disabile è fiscalmente a carico dell acquirente o del committente (se ricorre questa ipotesi); fotocopia della carta di circolazione, da cui risulti che il veicolo dispone dei dispositivi prescritti per la conduzione di veicoli da parte di disabile titolare di patente speciale, oppure che il veicolo è adattato in funzione della minorazione fisico/motoria; copia della certificazione di handicap o di invalidità rilasciata da una Commissione pubblica deputata all accertamento di tali condizioni. In essa deve essere esplicitamente indicata la natura motoria della disabilità. D.11 PER L'ACQUISTO DI MEZZI DI AUSILIO DA PARTE DEI DISABILI, È PREVISTA L'IVA RIDOTTA AL 4%? R.11 Sì. In particolare, si applica l aliquota Iva agevolata del 4% (anziché quella ordinaria del 22%) per l acquisto di mezzi necessari all accompagnamento, alla deambulazione e al sollevamento dei disabili. Sono soggetti ad Iva agevolata del 4%, per esempio: servoscala e altri mezzi simili, che permettono ai soggetti con ridotte o impedite capacità motorie il superamento di barriere architettoniche (tra questi, anche le piattaforme elevatrici, se possiedono le specificità tecniche che le rendono idonee a garantire la mobilità dei disabili con ridotte o impedite capacità motorie); protesi e ausili per menomazioni di tipo funzionale permanenti (compresi pannoloni per incontinenti, traverse, letti e materassi ortopedici antidecubito e terapeutici, materassi ad aria collegati a compressore alternativo, cuscini jerico e cuscini antidecubito per sedie a rotelle o carrozzine da comodo, cateteri, eccetera); il disabile deve essere in possesso di idonea documentazione attestante il carattere permanente della menomazione; protesi dentarie, apparecchi di ortopedia e di oculistica; apparecchi per facilitare l audizione ai sordi; Riproduzione riservata Pag. 20

21 poltrone e veicoli simili, per inabili e minorati non deambulanti, anche con motore o altro meccanismo di propulsione; prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto aventi ad oggetto la realizzazione delle opere per il superamento o l eliminazione delle barriere architettoniche. D.12 E' POSSIBILE PER IL DISABILE FRUIRE DELL'IVA RIDOTTA AL 4% PER L'ACQUISTO DI APPOSITI SUSSIDI TECNICI E INFORMATICI? R.1 2 Sì. Oltre alla detrazione Irpef del 19%, si applica l aliquota Iva agevolata al 4% (anziché quella ordinaria del 22%) per l acquisto di sussidi tecnici e informatici rivolti a facilitare l autosufficienza e l integrazione dei portatori di handicap di cui all articolo 3 della legge n. 104/1992. Rientrano nel beneficio le apparecchiature ed i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, sia di comune reperibilità, sia appositamente fabbricati. E agevolato, per esempio, l acquisto di un fax, di un modem, di un computer, di un telefono a viva voce, eccetera. Deve trattarsi, comunque, di sussidi da utilizzare a beneficio di persone limitate da menomazioni permanenti di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio e per conseguire una delle seguenti finalità: facilitare: la comunicazione interpersonale; l elaborazione scritta o grafica; il controllo dell ambiente; l accesso all informazione e alla cultura; assistere la riabilitazione. Per fruire dell aliquota ridotta il disabile deve consegnare al venditore, prima dell acquisto, la seguente documentazione: specifica prescrizione rilasciata dal medico specialista dell Asl di appartenenza, dalla quale risulti il collegamento funzionale tra la menomazione e il sussidio tecnico e informatico; certificato, rilasciato dalla competente Asl, attestante l esistenza di una invalidità funzionale rientrante tra le quattro forme ammesse (motoria, visiva, uditiva o del linguaggio) e il carattere permanente della stessa. D.13 E' POSSIBILE FRUIRE DELL'IVA RIDOTTA AL 4% PER L'ACQUISTO DI PRODOTTI EDITORIALI DESTINATI A NON VEDENTI? R. 1 3 Sì. E' prevista l applicazione dell aliquota Iva del 4% per l acquisto di particolari prodotti editoriali destinati ad essere utilizzati da non vedenti o ipovedenti, anche se non acquistati direttamente da loro: giornali e notiziari, quotidiani, libri, periodici, ad esclusione dei giornali e dei periodici pornografici e dei cataloghi diversi da quelli di informazione libraria, realizzati sia in scrittura braille sia su supporti audiomagnetici. L agevolazione si estende alle prestazioni di composizione, legatoria e stampa dei prodotti editoriali, alle prestazioni di Riproduzione riservata Pag. 21

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f giugno 2010 orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma novembre 2011 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2.

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità ANNA MARIA DAPPORTO Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna Sono lieta di presentare la seconda edizione di questa guida informativa

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA NORMATIVA IN VIGORE A MAGGIO 2008 INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO Introduzione Il presente Testo Unico si propone di illustrare il quadro aggiornato delle varie situazioni in cui la normativa tributaria riconosce

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone. con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone. con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità 2010 TERESA MARZOCCHI Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna antonino gentile Direttore Regionale Agenzia Entrate Emilia-Romagna

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili

Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili Guida alle agevolazioni fiscali e ai contributi regionali per le persone disabili Collana le Relazioni 2013 Pubblicazione a cura di: Agenzia delle Entrate e Regione Piemonte Agenzia delle Entrate Direzione

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli