partecipa ad una vita più attiva. VIALOG MOBILE FLOCATH quick Sicuro, discreto e pronto per l uso ovunque COMPLETO DI LIQUIDO E DI GUAINA PROTETTIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "partecipa ad una vita più attiva. VIALOG MOBILE FLOCATH quick Sicuro, discreto e pronto per l uso ovunque COMPLETO DI LIQUIDO E DI GUAINA PROTETTIVA"

Transcript

1

2 FLOCATH quick Sicuro, discreto e pronto per l uso ovunque Utile foro tondo Grazie a questo foro la confezione può essere aperta facilmente - anche da chi sia impedito nei movimenti. Serve anche per appendere la confezione. Sacchetto del liquido incluso Al lavoro, in viaggio, nell attività sportiva o nel tempo libero, avete sempre disponibile la soluzione salina sterile per attivare il rivestimento idrofilo. Adesivo - con ottimo potere adesivo Vi permette di far aderire la confezione alla parete, in modo che le mani restino libere. Rivestimento idrofilo Questa esclusiva tecnologia di rivestimento garantisce eccellenti proprietà di scivolamento senza residuo alcuno nell uretra. Guaina protettiva igienica Il catetere può essere inserito in modo sicuro e igienico senza toccarlo direttamente con le mani. Dopo l inserimento la guaina protettiva può essere tirata indietro e usata come estensione del catetere. VIALOG MOBILE FLOCATH quick partecipa ad una vita più attiva. COMPLETO DI LIQUIDO E DI GUAINA PROTETTIVA FLOCATH quick con rivestimento idrofilo è un catetere ad una via con eccellenti proprietà di scivolamento, fabbricato in modo da essere pronto per l uso, e rendere così più semplice, confortevole e discreto l autocateterismo intermittente - dovunque vi troviate. IDEALE IN GIRO O A CASA FLOCATH quick può essere arrotolato fino a renderlo così piccolo da poter essere messo via passando inosservato. Quando serve il catetere, basta premere il sacchetto che contiene il liquido, nella parte superiore della confezione. La soluzione salina sterile viene rilasciata nella confezione, e attiva il rivestimento in 30 secondi. Via Torino, 5 Varedo (MI) Tel : Fax: Numero Verde Compila in ogni sua parte questo coupon e spediscilo in busta chiusa a: Teleflex Medical s.r.l. Via Torino, Varedo (MI) COGNOME NOME VIA CITTÁ CAP PR TEL. Desidero ricevere ulteriori informazioni Desidero ricevere campioni gratuiti CH CM Ogni informazione sarà considerata strettamente confidenziale. Tutte le informazioni saranno trattate secondo la legge n. 675/96 per la tutela dei dati personali. In qualsiasi momento potrà essere richiesta la cancellazione o l aggiornamento dei dati riportati. FIRMA

3 E' il trimestrale dell'associazione Paraplegici che opera dal 1980 con l'intento di favorire il reinserimento di chi ha perso l'uso delle gambe (o anche quello delle braccia) a seguito di una lesione al midollo spinale. Vuole evidenziare che la presenza di una carrozzina non deve impedire di ridiventare protagonisti della propria esistenza, pienamente inseriti nella vita sociale e produttiva. Si rivolge non solo ai para-tetraplegici, ma anche a tutti coloro che desiderano saperne di più di una realtà in cui ci si trova calati improvvisamente a seguito di traumi dovuti ad esempio ad incidenti stradali, sportivi, sul lavoro Per ricevere regolarmente Ruota Libera è sufficiente aderire all'associazione con il versamento annuale di una quota che parte da Euro 30,00 per i soci di diritto (persone disabili) e da euro 40,00 per i soci sostenitori sul c.c.p intestato a: Associazione Paraplegici - via Tarvisio, Milano Spedizione in Abb. Post. 45% - Trimestrale Anno 25 - n. 1/ Taxe percue - Tassa riscossa -Milano Associazione paraplegici "Tra e per medullolesi della Lombardia e delle altre regioni italiane" onlus Organizzazione non lucrativa di utilità sociale Via Tarvisio, Milano Tel (h ) - Fax c.c.postale n c.c. bancario presso Banca Popolare Emilia Romagna Ag. 6 Milano n CIN B ABI 5387 CAB 1605 Direttore Responsabile: Gabriella Furlani Comitato di redazione: Carlo Chelini, Giulio Colombo, Massimo Lui, Giordano Maderna, Giuseppe Reggio Hanno collaborato alla realizzazione di questo numero: Luigi Carrara, Piero Garavaglia, Irene Lucania, Terezinha Menezello, Michele Spinelli, Vincenzo Tavolaro, Dalmazio Zagni Autorizzazione: Tribunale di Milano n 20 del Progetto grafico: Luma Production srl - Milano Impaginazione e stampa: MEDIAPRINT s.r.l. - Milano Finito di stampare: fine Marzo La pubblicazione di articoli e disegni tratti da "Ruota Libera" deve necessariamente indicare la citazione della fonte.

4 IL NOSTRO AMBROGINO Il Comune di Milano ha riconosciuto il valore dell'impegno sociale della nostra associazione nei suoi primi 25 anni di vita. Nel corso di una solenne cerimonia tenutasi il 7 Dicembre 2005 presso il teatro Dal Verme, il Sindaco, Gabriele Albertini, ha consegnato al presidente della nostra Associazione, Giulio Colombo, l'attestato di Benemerenza civica con la seguente motivazione: "Nata nel 1980, l'associazione Lombarda Paraplegici opera con straordinaria efficacia sia in ambito sanitario sia sociale con interventi che spaziano dalla mobilità urbana all'inserimento lavorativo dei disabili, dai problemi terapeutici a quelli psicologici e sociali. La capacità e professionalità dei suoi volontari e operatori, la qualità dei suoi interventi, le hanno fatto meritare l'incondizionata stima delle strutture sanitarie operanti sul territorio." SABATO 13 MAGGIO 2006 ORE 10,30 SEDE DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE VIA TARVISIO 13 - MILANO L'Assemblea Generale dei Soci è un'occasione unica anche per utili confronti, per presentare proposte, segnalazioni, per fare nuove conoscenze, scoperte... NON PERDERE QUESTA OPPORTUNITA'! TI ASPETTIAMO! 4

5 OLTRE LE BARRIERE 2006: 25 ANNI DI IMPEGNO SOCIALE importante quanto averlo raggiunto. Per questo abbiamo voluto che l'appuntamento annuale con "Oltre le barriere" assumesse la forma dello spettacolo per il grande pubblico. Il progetto era sicuramente ambizioso e molto impegnativo in termini di risorse, economiche e umane, ma la bellissima serata del 29 gennaio al Teatro Dal Verme ci mentre alla direzione artistica di Livia Grossi va il merito di aver coinvolto e coordinato magistralmente musicisti del calibro di Enzo Iannacci, Vinicio Capossela, Gaetano Liguori e cabarettisti di successo come Claudio Batta, il duo De Angelis-Pozzoli, Walter Leonardi, affidando a Lucia Vasini il ruolo di conduttrice, trait d'union tra le L'attestato di benemerenza civica consegnatoci dal Sindaco di Milano lo scorso 7 dicembre ha ufficialmente riconosciuto il grande lavoro che da 25 anni l'associazione Paraplegici svolge con l'obiettivo di garantire alle persone in carrozzina pari opportunità in tutti i settori della vita sociale. Condividere questo traguardo con un evento specifico era per noi Enzo Iannacci ha mostrato che tutti - organizzatori, collaboratori, volontari, artisti e pubblico in sala - hanno saputo cogliere e tradurre il nostro sentimento in un appuntamento davvero speciale. La segreteria APL e l'associazione Atelier Spazio Xpò hanno lavorato in perfetta sinergia curando ogni singolo aspetto organizzativo dell'evento, largamente ripreso dalle principali testate giornalistiche, performance artistiche e la parte "istituzionale" del programma. Tra un'esibizione e l'altra sono stati ringraziati - con la consegna di un riconoscimento - istituzioni e soggetti pubblici e privati che hanno condiviso e ad oggi condividono il costante impegno dell'associazione Paraplegici. Sul palcoscenico dello splendido Teatro Dal Verme si sono avvicendati i "padri costituenti" (Luigi Carrara, Valeria Losito, il Dr. Pippo Veneziano 5

6 conoscendo le attività dell'associazione che storicamente e validamente a questa realtà rivolge le proprie energie. Il bilancio dei primi 25 anni di attività non poteva chiudersi in modo migliore. L'entusiasmo di oggi è quello di sempre, avvalorato dalla consapevolezza di avere le forze per crescere e realizzare grandi progetti. Vinicio Capossela e Lucia Vasini Giancarlo Bruno), i volontari rappresentati da Giuseppe Reggio, Lorenzo Galantino per i consulenti, Susanna Minghetti quale preziosissimo supporto sull'attività di formazione e la collaborazione su Ruota libera, Giuseppe Veneziano e Roberto Raimondi in rappresentanza dell'aiuto fornito fino allo scorso anno dall'obiezione di coscienza, Daniela Soave e Virginio Marchesi da sempre impegnati a favore dei paraplegici, il presidente della Cooperativa Geode che collabora con noi per la gestione del Centro di Mobilità. Per i nuovi progetti abbiamo invitato il Vice Direttore di Fiera Milano SpA che ci ha recentemente assegnato la gestione dell'accoglienza disabili presso il nuovo polo fieristico e il consigliere comunale Laura Molteni che ha incoraggiato la nostra volontà di dar vita a un centro diurno polifunzionale per persone disabili. Il pubblico, numerosissimo e caloroso, ha mostrato di apprezzare lo spettacolo offerto dagli artisti presenti e nel contempo ha preso contatto con la realtà della paraplegia - non ancora nota a tutti - Il duo De Angelis-Pozzoli 6

7 "Oltre le barriere 2006" Oltre le barriere è l'appuntamento annuale con l'opera di sensibilizzazione avviata nel 2003 in occasione dell'anno Europeo della Persona Disabile. E' un concetto che di volta in volta assume una veste differente e con cui ogni anno ribadiamo con forza il diffuso bisogno di superare qualunque tipo di barriera, fisica e psicologica, per favorire l'accessibilità e l'integrazione. L'edizione 2006 è stata interamente dedicata alla celebrazione del 25 anno di attività dell'associazione, con l'obiettivo di raccogliere fondi per l'apertura di un centro diurno polivalente nei locali adiacenti la sede. Ringraziamo tutti i protagonisti dell'iniziativa. Gli artisti: Lucia Vasini, Enzo Iannacci & Band, Vinicio Capossela, Gaetano Liguori, Giuseppe Veneziano, Claudio Batta, Walter Leonardi, Gianluca De Angelis e Gianmarco Pozzoli, Vincenzo Costantino Chinaski. Livia Grossi per la direzione artistica, Christian Gancitano (Associazione Atelier Spazio Xpò) per l'organizzazione, Silvia Pacciarini per l'ufficio stampa e la PSC per la campagna promozionale. Hanno sostenuto l'iniziativa: Ringraziamo inoltre Publitalia '80 per la donazione di apparecchiature per l'allestimento di un'aula multimediale per il centro diurno polivalente. 7

8 L'UNITA' SPINALE Presso l'ospedale di Negrar sono presenti tutte le specialità che concorrono al trattamento delle persone con lesione al midollo spinale Presso l'ospedale Classificato S.Cuore - Don Calabria di Negrar (cittadina dell'hinterland veronese situata al centro della zona vinicola della Valpolicella) l'attenzione alle problematiche della mielolesione risale ai primi anni '70, quando l'allora responsabile del Reparto di Riabilitazione, dr. Giorgio Salvi, iniziò ad accogliere pazienti con esiti di lesione midollare. Si trattava per lo più di soggetti con gravi lesioni da decubito, ancora considerate dai più alla stregua di una ineluttabile complicanza dell'immobilizzazione. Negli anni successivi, grazie alla stretta collaborazione con la vicina (circa 10 Km) Neurochirurgia di Verona, una delle più importanti dell'italia settentrionale per bacino di utenza e per mole di attività, il numero di mielolesi accolti presso la Riabilitazione di Negrar è progressivamente cresciuto. All'inizio degli anni 90 è stata formalizzata una convenzione tra gli Ospedali di Verona e di Negrar, con la quale si è giunti alla creazione di una vera e propria Unità Spinale Bipolare. La convenzione prevede la consulenza in fase acuta del Riabilitatore presso la Neurochirurgia e l'accesso programmato del Neurochirurgo presso il reparto riabilitativo. Il collegamento funzionale fra le due unità operative ha reso più agevoli il follow-up del mieloleso fin dalla fase acuta ed il trasferimento in tempi rapidi in ambiente riabilitativo. Presso l'ospedale di Negrar sono presenti tutte le specialità che concorrono al trattamento delle persone con lesione midollare (ortopedia, anestesia-rianimazione, diagnostica per immagini incluse TC, RM e medicina nucleare, neurologia con neurofisiologia, psicologia, ginecologia, urologia con andrologia ed urodinamica, endocrinologia, endoscopia, pneumologia, cardiologia, medicina fisica e riabilitazione, medicina interna, chirurgia plastica, chirurgia generale). L'Ospedale è dotato di eliporto. E' presente un servizio di Assistenza Sociale. L'Unità Spinale è inserita in un reparto di Riabilitazione Intensiva di terzo livello che comprende anche una Unità per Gravi Cerebrolesioni e una piccola sezione di Terapia Sub-intensiva (5 posti letto) presso la quale è possibile l'accoglimento dei pazienti più instabili e/o con necessità di prosecuzione della ventilazione meccanica. L'intero reparto è stato completamente ristrutturato qualche anno fa, sulla scorta del progetto realizzato da un architetto paraplegico, ed ha ottenuto la Certificazione ISO 9001:2000 BVQI il 14/11/2002. Nell'ambito del reparto di Riabilitazione Intensiva sono rappresentate competenze multidisciplinari (medicina interna, pneumologia, neurochirurgia, Settore mielolesi: la palestra del Servizio di Medicina Fisic neurologia, medicina fisica e riabilitazione, urodinamica). L'US dispone di 15 posti letto, dei quali a tutt'oggi solo dieci riconosciuti dalla Regione Veneto, in tre stanze a quattro letti, una a due letti e una ad un letto, tutte con servizi attrezzati. Sono presenti ambulatori di Neurofisiologia, Urodinamica e per la gestione della spasticità. L'US è integrata in un Dipartimento di Riabilitazione (che comprende un Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione, una Riabilitazione di 2 livello, una RSA riabilitativa ed una struttura di riabilitazione intensiva extraospedaliera, quest'ultima con sede a Verona). L'attività di riabilitazione è svolta nel reparto di degenza, in stretto collegamento funzionale col team 8

9 NEL VERONESE a e Riabilitazione assistenziale, e presso la palestra del Servizio di Riabilitazione, da una equipe di terapisti specializzati, sotto la guida di un responsabile Medico. Il progetto riabilitativo viene monitorato attraverso riunioni settimanali, cui partecipano operatori del reparto e del servizio. E' presente, su richiesta, uno psicologo specificamente dedicato. Un rappresentante dell'associazione veronese dei lesionati midollari (GALM) presta settimanalmente attività di consulenza. Il percorso riabilitativo prevede anche uscite terapeutiche, sia per l'espletamento di attività in piscina e altre attività sportive, che allo scopo di saggiare "sul campo" l'autonomia e le strategie adottate per il superamento delle barriere architettoniche. Il numero medio dei ricoveri per anno varia tra 50 e 60 pazienti. Ogni paziente viene monitorato nel suo percorso di recupero attraverso indicatori che annualmente vengono verificati allo scopo di pianificare l'attività globale e del singolo paziente. La tabella illustra alcuni indicatori utilizzati per pazienti del al primo ricovero riabilitativo. Presso l'unità Spinale di Negrar vengono ricoverati sia pazienti in fase immediatamente post-acuta ( i tempi medi di attesa fra evento acuto e accoglimento in US sono stati negli ultimi anni di circa 20 giorni ) sia mielolesi non recenti, in particolare per la gestione della spasticità ( impianto e follow-up di pompe per infusione intratecale), in collaborazione con il Servizio di Terapia Antalgica, e per il trattamento delle lesioni da decubito, in collaborazione con la Chirugia Plastica. Ospedale Classificato "Sacro Cuore - Don Calabria" Via Sempreboni, Negrar (Vr) Tel Fax Unità Gravi Cerebrolesioni - Unità Spinale Primario Dr. Gianfranco Rigoli Tel /3445/3921 Fax Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione Primario Dr. Renato Avesani Tel /3528/3914 N pazienti Età Intervallo evento- ricovero ( media) Durata ricovero (Media) F.I.M. ing ( media) F.I.M. usc. ( media) Delta F.I.M. (media) Traumatici gg 120,2 gg 66 99, Non traumatici 25 51,7 23,9 gg 88,3 gg 76 99,9 23,2 9

10 NUOVE FRONTIERE Evoluzione nel trattamento delle disfunzioni dell'area sacrale nelle mielolesioni Nel 1990, dalle pagine di Ruota Libera, veniva riportata una intervista al Professor Zanollo dopo il primo impianto in Italia di uno stimolatore delle radici sacrali, le radici nervose che sono responsabili del funzionamento di vescica, intestino e attività sessuale e procreativa, utile per ripristinare queste funzioni attraverso la corrente elettrica. A distanza di 16 anni è utile fare un punto sull'evoluzione in questo campo spiegando le attuali possibilità e l'evoluzione dei trattamenti, per i quali oggi esiste nell'unità Spinale Unipolare di Niguarda un servizio particolarmente dedicato. In generale le disfunzioni dell'area sacrale (così oggi piace definirle a chi scrive) rappresentano una problematica sia sotto il profilo della morbilità (frequenza di certe malattie in un determinato ambiente, n.d.r.), prevalentemente per quanto riguarda la disfunzione vescicosfinterica, a rischio per il mantenimento di una normale funzione renale, sia sotto il profilo dei problemi legati alla continenza. Un intervento precoce peraltro è stato in grado, negli ultimi decenni, di ridurre la morbilità e l'introduzione di metodiche nuove nel campo della riabilitazione permette di utilizzare il "potenziale residuo" dei pazienti. Remore psicologiche, vergogna, senso del pudore accomunano infatti le persone colpite da questi sintomi, spesso considerati erroneamente un malessere e che sicuramente rappresenta un forte ostacolo ad una corretta e serena vita sociale. L'incontinenza urinaria non è pericolosa per la salute se non nei casi più gravi quando, cioè, è associata ad un disturbo misto di continenza e di non svuotamento della vescica, ad immobilità e scarsa igiene del paziente. Sicuramente, pone dei forti limiti ai contatti sociali, all'attività lavorativa e alla vita sessuale, provocando disagio fisico e psicologico e suscitando sentimenti di imbarazzo e di vergogna. La tendenza a rimuovere il problema o a minimizzarlo rappresenta l'ostacolo principale a una cura tempestiva ed efficace. L'utilizzo della stimolazione elettrica in urologia in presenza di alterazioni della funzione vescicosfinterica rappresenta da molti anni un campo di notevole interesse per i risultati raggiunti in situazioni trattabili in altro modo, solo a mezzo di una chirurgia maggiore che non rispetta nel risultato tutti i presupposti che si pone un programma di tipo "funzionale". Il basso tratto urinario può essere idealizzato come un sistema idraulico formato da un serbatoio e da un condotto che devono garantire un riempimento a bassa pressione con una continenza garantita da una duplice funzione, del serbatoio per la sua adattabilità e l'assenza di contrazioni durante la fase di "immagazzinamento" e dei sistemi di chiusura capaci di avere una duplice attività sia tonica che fasica. Lo svuotamento altresì deve essere completo, sempre a bassa pressione. Qualsiasi situazione di origine neurologica è responsabile di disfunzioni dell'attività dell'area sacrale sia che si tratti di lesioni traumatiche del midollo spinale, sia Paziente con elettrodi per la stimolazione diretta delle radici sacrali e del pudendo, per controllare l'iperattività vescicale e per permettere uno svuotamento spontaneo vescicale. 10

11 DELLA RICERCA CLINICA che si tratti di malattie neurologiche congenite o acquisite. In presenza di un' alterazione funzionale, sia essa condizionante un disturbo di immagazzinamento che un disturbo di svuotamento della vescica, numerose sono oggi le metodiche di tipo riabilitativo che si basano sull' applicazione di corrente elettrica da una "porta di ingresso" al fine di modulare i sistemi di controllo. Descrizione delle metodiche Neuromodulazione sacrale: l'utilizzo di questa metodica ha rivoluzionato nell'ultimo decennio il trattamento delle disfunzioni del basso tratto urinario da neuropatia manifesta e non: si tratta dell'utilizzo di sistemi impiantabili (tipo pace maker) per la modulazione elettrica cronica delle radici sacrali al fine di ripristinare un controllo delle funzioni autonome. Rispetto all'approccio utilizzato in passato, l'attuale utilizzo di una metodica scarsamente invasiva, attuabile in anestesia locale con la possibilità di un lungo periodo di prova (impianto sacrale percutaneo), vede oggi una larga diffusione alla quale è necessario associare il contributo della valutazione neurofisiologica dei risultati con il raggiungimento di un' elevata percentuale di successo. Elettrostimolazione cronica del nervo pudendo: l'approccio sacrale in situazioni particolari può essere utilizzato localmente a livello del nervo pudendo con il vantaggio di una maggiore selettività in pazienti dove la neuropatia è prevalente in questo distretto. Dal giugno 2002, sulla base dell'evoluzione della tecnica di neuromodulazione sacrale e l'approccio sotto guida neurofisiologica, è stato definito un metodo percutaneo e miniinvasivo che trova il suo maggiore utilizzo nell'iperattività detrusoriale neurogena. Questo metodo è stato messo a punto su idea dei dottori Spinelli e Malaguti e al momento attuale vede già cinquanta pazienti con lesione midollare incompleta che hanno usufruito con successo della metodica. Tale approccio sta ottenendo largo consenso in campo neurourologico, colo-proctologico e nelle alterazioni della funzione erettile sia a livello nazionale che internazionale. Correzione dell'incontinenza urinaria a mezzo di protesi sfinteriche idrauliche impiantabili e di altri sistemi di correzione miniinvasivi. Utilizzo di farmaci a mezzo di somministrazione endovescicale con pompe da infusione per la modulazione della componente afferente (capsaicina, resiniferotossina, nocicettina) o per infiltrazione della vescica e dello sfintere (tossina botulinica). Tutta questa serie di trattamenti, che rappresentano attualmente quanto c'è di più avanzato nel campo della riabilitazione delle funzioni autonome e l'integrazione di personale dedicato, ha permesso di creare un Centro di elezione con indubbia afferenza da differenti ambiti: urologico, neurologico, chirurgico, riabilitativo in generale dove, al momento scarsa è l'attenzione per queste problematiche. L'unico vero problema di tipo pratico è che dall'istituzione del Servizio di Neurourologia a Niguarda le richieste sono cresciute in modo esponenziale con difficoltà a fare fronte a tutti quanti vogliono afferire. Per il nuovo anno è peraltro previsto un sensibile aumento delle risorse in termini di organico e di letti per i ricoveri. A lato di queste attività esiste una organizzazione di un follow-up ambulatoriale continuo dei pazienti al quale dal marzo 2005 si è affiancato un servizio di Andrologia dedicato non solo ai problemi di deficit dell'erezione ma anche a quelli di tipo riproduttivo. Dal settembre 2004 sono stati "arruolati" oltre 500 pazienti di cui il trenta per cento è stato sottoposto a trattamento con le metodiche descritte. Allo stato attuale il team è in progressiva crescita con lo scopo di soddisfare la richiesta che giunge da tutto il territorio nazionale. Il Centro di Neurourologia dell'unità Spinale Unipolare dell'a.o. Ospedale Niguarda Ca'Granda l'equipe: Michele Spinelli - Urologo Marco Citeri - Urologo Fabrizio Scroppo - Andrologo Silvia Malagutti - Neurofisiologa clinica Gessica Tarantola - Tecnica di neurofisiologia Per prenotazioni: Tel dalle ore alle ore dal lunedì al venerdì Michele Spinelli Centro di Neurologia - Unità Spinale - Ospedale di Niguarda - Milano 11

12 ALLA SCOPERTA Siamo in cerca di una natura selvaggia, di un mare cristallino, di musica, di colorate città coniali. La nostra scelta è caduta sul Brasile. Iniziamo da Rio de Janeiro, la Cidade Marvilhosa, e meravigliosa lo è davvero Prendiamo alloggio su una delle spiagge più conosciute del pianeta: Copacabana, cuore pulsante della città. L'atmosfera è frizzante, i chioschi sulla spiaggia ci invitano a gustare l'agua de coco (il succo di cocco) o a provare la bevanda nazionale: la caipirinhas, un cocktail di cachaça, zucchero di canna e lime. Ma lasciamo la spiaggia per andare a visitare uno dei simboli più famosi di Rio: il Cristo Redentore, che con le sue braccia aperte in un abbraccio, veglia sulla baia di Guanabara e sui suoi abitanti. La strada per arrivare in cima al Corcovado si inerpica tra boschi e colline attraverso il lussureggiante parco di Tijuca. Potrete arrivare fino in cima senza alcun problema, infatti, c'è una struttura dotata di rampe e ascensori che vi permetterà di vedere lo splendido panorama che spazia su tutta Rio. Proseguiamo verso la zona di Quinta da Boa Vista che ospita il tempio del calcio brasiliano, il Maracanà, che, con una capienza di 200 mila persone, è il più grande stadio del mondo. All'interno nel museo dello sport, sono esposte fotografie e divise dei campionissimi, tra cui la famosa maglia numero 10 di Pelé. La tifoseria, ci racconta la nostra guida (Pippo, un italiano che è a Rio da 25 anni) durante le partite si muove a ritmo di samba e non può far a meno di sentirsi coinvolto dalla passione dei brasiliani. Ma per captare fino in fondo l'energia dei cariocas dovete recarvi al Sambodromo, il luogo dove sfilano le varie scuole di samba, durante la celebrazione del Carnevale. È qui che inizia quel magico rituale, di musica, colori, corpi armonici che culmina nella frenesia, nell'esuberanza della festa, ma che è qualcosa di più, è un modo di vivere, di sentire, di muoversi. Le scuole di samba, infatti, non sono solo un passatempo, costituiscono uno stile di vita e una possibilità di riscatto, rappresentano, infatti, un luogo di ritrovo e di crescita che serve a sottrarre i meninos de rua, i bambini di strada, all'ambiente pericoloso e criminale delle favelas. Il problema della sicurezza è un aspetto importante della società brasiliana. Occorre, infatti, prestare sempre molta attenzione, evitando di addentrarsi in luoghi isolati e di portare con sé oggetti di valore: meglio lasciare biglietti aerei e passaporti nella cassaforte dell'hotel. È impossibile non accorgersi che, nel centro della città, accanto a edifici lussuosi, sopra resti di immondizia, sorgono le favelas (che significa letteralmente sopra le fave) un coacervo disordinato di case, a volte senza porte o finestre, dove mancano acqua, elettricità e dove il mobilio si riduce a una stuoia per dormire. La favela più grande di Rio è senza dubbio quella di Rocinha (circa 160 mila abitanti), qui un'italiana Barbara Olivi, ha avviato un progetto volto al recupero e reinserimento di bambini e adolescenti. Il sole sta ormai tramontando, non vogliamo perderci lo spettacolo della città che si prepara alla sera. Ci arrampichiamo su una postazione privilegiata: il Pan di Zucchero (completamente accessibile). Per raggiungere la sommità occorre prendere due funivie. La prima porta al Morro de Veduta panoramica di Rio de Janeiro Urca : resterete senza fiato vedendo la baia di Guanabara e la piccola spiaggia di Praia Vermelha. La seconda funivia arriva in cima al Pan di Zucchero: è il momento di rilassarsi, sorseggiare una cerveja (birra più leggera delle nostre) e aspettare nel chiarore dorato del tramonto, che le prime luci si accendano: solo allora vi sentirete tutt'uno con Rio e capirete perché, più di altre città, sa regalare così tante emozioni. Voliamo via da Rio per raggiungere Iguassù (che nella lingua degli indios Guaranì significa "dalle grandi acque"), località rinomata per le sue spettacolari cascate: 275 salti d'acqua, divisi tra Brasile e Argentina. Scegliamo l'unico albergo all'interno del Parco Nazionale di Iguassu, l'hotel Tropical 12

13 DEL BRASILE Das Cataratas, a poche centinaia di metri dalle cascate. Di fronte all'hotel scorrazzano i Quati, dei simpatici procioni golosi di cibo, che tenteranno di intrufolarsi nelle borse per rubare le provviste. Lo scenario è paradisiaco, l'acqua protagonista indiscussa, prorompe formando impetuosi scrosci con una forza e una potenza che ci lascia senza parole: il rumore dell'acqua ci ipnotizza, la solennità delle caterrate ci fa sentire piccoli. Dal lato brasiliano avrete il vantaggio di avere una visione d'insieme delle cascate, mentre da quello argentino potrete vederle più nel dettaglio. Entrambi i lati sono perfettamente accessibili. In Argentina il percorso prevede che prendiate un trenino su cui si può caricare la vostra carrozzina, e, arrivati alla prima fermata, ve ne forniranno un'altra più adatta per percorrere il tratto che vi porterà alla Garganta do diablo, la gola del diavolo, la più maestosa veduta dei giochi d'acqua. Anche nella nostra prossima tappa l'acqua rappresenta un aspetto fondamentale; andiamo, infatti, a Manaus sul Rio delle Amazzoni, punto di partenza per la scoperta della Foresta Amazzonica. Girando per la città si scorgono le vestigia che rimandano a un glorioso passato coloniale, quando la località prosperava per il commercio della gomma. Da non perdere il Teatro Amazonas in stile neoclassico e il mercato municipale, che si trova in un edificio art nouveau dove si possono acquistare pregiati oggetti dell'artigianato indigeno. Nel porto di Manaus, prendiamo un'imbarcazione per vedere l'incontro delle acque di due fiumi, che danno origine al Rio delle Amazzoni: il Rio Negro e il Rio Salimoes, che, a causa della loro diversa composizione chimica, di velocità e di temperatura, scorrono paralleli per diversi chilometri senza mescolare le loro acque. Siamo emozionati stiamo entrando in un luogo leggendario: la Foresta Amazzonica. Lungo il Rio delle Amazzoni ci imbattiamo nelle case galleggianti degli indios: ci stupisce la loro serenità, intravvediamo il sorriso dei bambini che si esibiscono in tuffi acrobatici, donne che lavano i panni nel fiume, fanciulle giovanissime che allattano neonati; la semplicità di un modo di vita che non conosce confini di spazio e tempo. La casa è la foresta che come una mamma premurosa fornisce nutrimento ai propri figlioli (banane, zucchero, cotone, gomma, pesce, erbe curative ) ma sa anche ammonirli mostrando loro i pericoli (animali pericolosi, malattie). Ci fermiamo a mangiare su una chiatta galleggiante, ci servono una bevanda dolciastra a base di guaranà. Per gli indigeni della regione amazzonica, il succo di guaranà è un elisir di lunga vita che migliora la circolazione sanguigna e produce un diffuso senso di benessere. Accanto al nostro punto di ristoro, troviamo degli indios che ci mostrano i loro lavori artigianali: cerbottane, teste di capi tribù Indios che vendono prodotti artigianali, in un mercatino nei pressi di Manaus, nella foresta amazzonica 13

14 Il compagno di Irene, a Iguassù, nel percorso per arrivare alle maestose cascate scolpite, dipinti di animali della foresta, denti di piranha, amache La sensazione di pace continua a pervaderci, la foresta si fa sempre più fitta mentre percorriamo i suoi canali tra liane e alberi tropicali. Il silenzio è totale, si ode solo il rumore dei macachi che si arrampicano sugli alberi, degli aironi che volano sull'acqua, del martin pescatore che agguanta la sua preda. Ultima tappa è lo stato di Bahia e la sua capitale Salvador. Questa città rappresenta le radici africane del Brasile, le sue tradizioni, l'anima nera della sua popolazione. Le tracce del passato riemergono ovunque, a partire dal centro della città: il Pelourinho (è preferibile raggiungerlo in macchina, infatti è poco accessibile a causa della pendenza del terreno), oggi animato quartiere dalle belle case dai colori pastello, ieri il luogo dove venivano torturati gli schiavi africani. E ancora la Capoeira, una danza acrobatica che veniva praticata dai neri soggiogati per allenarsi al combattimento e alla fuga. Gli strumenti che accompagnano la danza sono gli stessi, il battimani e il Berimbau (simile a una canna da pesca), che servivano, anche, ad avvisare dell'arrivo del padrone. Anche il Mercato Modelo il cui edificio ospita oggi un mercato coperto, dove si può acquistare il meglio dell'artigianato di Bahia, nel passato era il luogo dove venivano riuniti gli schiavi in attesa di essere venduti all'asta. Nelle vicinanze c'è il Solar do Unhao, che conteneva le senzalas (gli alloggi, spesso baracche, destinati ai servitori) e oggi sede di un ristorante panoramico sulla baia e di uno spettacolo folkloristico che include, oltre alla capoeira, anche una rievocazione dei candomblé. Questi riti, originari dell'africa, rappresentano un esempio di sincretismo religioso tra divinità pagane e cristiane. Le donne indossano ampie gonne di pizzo a ruota e cantano in lingua yoruba mentre gli uomini si dedicano alle percussioni creando coinvolgenti ritmi. Questa religione è ancora molto praticata e costituisce un aspetto importante della vita dei baianos (gli abitanti di Salvador). Salvador non solo appagherà la vostra vista ma stuzzicherà anche il vostro palato: la sua cucina, infatti, è tra le più rinomate del Paese. Abbiamo scelto di mangiare in uno dei ristorantini di mare che affollano la penisola di Itagipe, a nord della città. Per incominciare ordiniamo le acarajé, fritelle di fagioli scuri e gamberetti fritte nell'olio di dendè, le lambretas, vongole di grandi dimensioni e la moqueca, una saporita zuppa a base di frutti di mare. Per l'alloggio, invece, ci dirigiamo verso Itapua, un comune sul mare a circa 25 Km da Salvador presso il Sofitel, che ci garantisce il confort di un grand hotel senza problemi di accessibilità. Eccezione fatta per il ristorante centrale che ha un buffet sopraelevato raggiungibile solo con alcuni scalini. Per questo motivo abbiamo preferito l'altro ristorante dell'hotel, perfettamente accessibile, ubicato su un pontile di legno sopra un fiume. Siamo alla fine del nostro viaggio: il fatto di aver visto solo una piccola parte di questo paese immenso alimenta in noi la voglia di tornare arrivederci Brasile!! Indirizzi utili Dove Dormire Irene Lucania Rio de Janeiro Hotel Sofitel Rio Av.Atlantica 4240-Copacabana Tel Foz de Iguassù Hotel das Cataratas Nel parco nazionale di Iguassù Tel Manaus Hotel Tropical Tel Salvador de Bahia Hotel Sofitel Salvador Tel Tour operator: Brasil World: Tel Ente del turismo Brasiliano Piazza Navona 21-Roma Tel

15 Vi presentiamo una nuova Stella Creatori di Qualità I Villa del Conte (Padova) Italy - Via dell Artigianato II, 29 - Tel Fax wwww.offcarr.com -

16 NERO SU BIANCO E' stato recentemente pubblicato il primo libro di Cristian Baccano (vedi recensione a pag.36). Questa intervista intende svelare i retroscena di questo evento. Ruota libera: Ti conosco da diversi anni, dal tuo ritorno a casa dopo l'incidente che ti rese tetraplegico. Dopo una lunga "pausa di riflessione", ritornasti in pista e ti iscrivesti all'università. Decidere di scrivere un libro e di pubblicarlo non è da tutti, per me è stata una sorpresa scoprire che tu l'hai fatto. Perchè si decide di scrivere un libro, perchè tu l'hai deciso? Cosa ti sei proposto? Cristian Baccano: Sì in effetti, ma penso sia stato normale e comprensibile, dopo l'incidente ho preso una "pausa di riflessione" che è servita ad accettare la mia nuova vita, ma anche a maturare interiormente. Oltre a momenti di apatia, ho comunque cercato di impegnare il mio tempo con sempre nuovi interessi: la pittura, la lettura, il computer. In questo arco di tempo ho capito e meditato su molte cose che vedevo intorno a me. Ed è appunto il fatto di aver riflettuto su svariati temi, vicende, belle o brutte, che sono arrivato alla conclusione di voler mettere nero su bianco le mie emozioni, i miei valori. Difatti un'attenta lettura del mio libro, oltre alla vicenda che ha come protagonisti un gruppo di amici, svela un insieme di pensieri su varie tematiche: l'amore, l'amicizia, l'aborto, l'eutanasia, il dolore di un lutto... Principalmente con questo mio scritto non mi ero proposto nulla, salvo di tenerlo per me e basta, pensa che l'ho tenuto per quattro anni nel cassetto. Ruota libera: Quali le fasi della lavorazione? Cristian: La scorsa estate vedendo un annuncio su un quotidiano che selezionava opere letterarie di scrittori in erba, ho deciso quasi per gioco di inviare il manoscritto. A settembre, inaspettatamente, ho ricevuto la lettera della casa editrice che mi proponeva la pubblicazione. E così a dicembre è uscito il primo libro di Cristian Baccano. Ruota libera: Una volta ultimato lo scritto, cosa hai pensato? Hai raggiunto il tuo intento? Cristian: Non nascondo la grande soddisfazione quando finii di scriverlo per me e un certo timore quando mi resi conto che dopo la pubblicazione sarebbe diventato di tutti. Ma questo perchè sono sempre stato una persona riservata e gelosa delle mie cose. Ruota libera: Stai per affrontare una nuova fase della vita: lasci la tua casa, i tuoi genitori e vai a vivere da solo. Per una persona tetraplegica è un bel passo, complimenti. Se non sono indiscreta, come ti sei organizzato? La gestione della propria vita indipendente per un tetraplegico è sempre problematica. Cristian: Sì ho deciso da poco di andare a vivere da solo nel mio appartamento. I motivi sono quelli di qualunque altro ragazzo che arrivato a 30 anni sente la necessità di crearsi una sua casa con tutti i progetti che ne seguiranno. Dopo una settimana che mio padre era a casa fresco di pensione, mi è scattata la molla di questa decisione, dovevo fuggire!!! Ovviamente, io, devo tenere conto di una persona che pagando, stia con me e così ho dovuto entrare nel labirinto burocratico del comune, anche per chiedere il contributo finanziario che mi spetta per legge per pagare la persona. Parlo di labirinto, poichè sembra che l'assistente sociale (incaricata di valutare l'erogazione dei contributi) faccia di tutto per farmi stare a casa dei miei. Si sa, gente nelle mie condizioni è una spesa a fondo perduto per il Comune di Milano, città europea. Comunque sono convinto che alla fine riuscirò a realizzare il mio intento. 16

17

18 GLI AUSILI QUALI STRUM Negli anni più recenti si è assistito ad una grande crescita di interesse, da parte delle persone disabili e degli operatori della riabilitazione, nei confronti degli ausili tecnici che possono rendere possibile o migliorare l'autonomia nella vita quotidiana. Per chi è disabile alcune quotidiane e semplici attività possono presentare ostacoli di difficile soluzione e dunque bisogna accettare di essere aiutati: a volte questo aiuto viene da una persona vicina; in altre occasioni si ricorre a un oggetto presente sul mercato, ossia un ausilio tecnico. Nell'universo dinamico degli strumenti classificabili come ausili, è opportuno precisare la distinzione tra il concetto di ausilio e il concetto di ortesi, termine che indica apparecchiature che aumentano, migliorano o controllano l'operatività di parti del corpo compromesse, recuperandone la funzionalità. Resta vero il fatto che tra ortesi e ausili il confine non è sempre così ben definito: un apparecchio ortopedico per arti è una classica ortesi, mentre uno splint per afferrare gli oggetti con le mani è normalmente visto come ausilio. Le mani sono molto importanti nel trasformare le nostre idee in azioni e la capacità di afferrare e manipolare oggetti è una fondamentale conquista di autonomia. In alcuni casi è importante sfruttare la sensibilità; in altri la forza; in altri ancora occorre puntare sulla motilità oppure sulla stabilità delle articolazioni, o ancora sull'ampiezza dei movimenti. Tanti compiti risolti da una sola mano. Per questo motivo esistono in commercio molti oggetti diversi che aiutano chi ha difficoltà. In questo articolo faremo una panoramica su alcune soluzioni utili ad aggirare le problematiche legate alla prensione e che permettono di recuperare familiarità con le attività della vita quotidiana. Ausili per mangiare e bere Esistono diversi tipi di posate, con una vasta gamma di impugnature che facilitano la presa alle persone con limitati movimenti del polso e delle dita. Il manico ha in genere dimensioni maggiorate e la parte metallica può essere piegata a piacere (Foto1). Foto 1 Bicchieri e tazze di vari materiali sono dotati di maniglie ergonomiche per consentire una presa naturale ed evitare sforzi eccessivi sul polso. In alcuni modelli il beccuccio largo permette l'uso della cannuccia (Foto 2). Foto 2 Ausili per scrivere Esistono vari tipi di involucro, in PVC o in gomma piuma, che avvolgono penne e matite di dimensione standard per consentire una miglior presa e il controllo della scrittura (Foto 3). Foto 3 Quando si sceglie di acquistare uno strumento di uso domestico, occorre tenere presente che alcuni utili accorgimenti facilitano la prensione. Tali accorgimenti sono i seguenti: 18

19 ENTI PER L'AUTONOMIA una leva più lunga del normale una presa ingrandita maggior attrito alla prensione peso compatibile con la forza muscolare di chi li adopera Quando le funzioni di prensione vengono a mancare, è utile ricorrere ad ausili con caratteristiche dinamiche che consentono modifiche successive e graduali, in modo da facilitare sia l'apprendimento sia l'allenamento ad Foto 4 una specifica funzione. La facilità delle regolazioni e la particolare gamma di accessori, fa sì che queste ortesi si adattino tanto alle necessità della persona con emiplegia, quanto Foto 5 ai bisogni particolari di persone con lesioni midollari, per le quali si può realizzare un adattamento personalizzato con grande semplicità e praticità. Foto 6 Ortesi di elezione per i reparti di riabilitazione Se lo stesso ausilio deve essere utilizzato da persone diverse, è necessario poterlo personalizzare senza dover ricorrere a lavorazioni complesse, proprio perché possa adattarsi ad ogni necessità individuale. La flessibilità di queste ortesi permette di modificare lo schema patologico in modo graduale, rendendo molto semplice la regolazione per l'ergonomia e l'allineamento articolare, alleggerendo così i punti di pressione e le aree di appoggio (Foto 4). Basandosi su questi concetti, le ortesi dinamiche possono essere usate con molti accessori, i cui limiti sono solo nella fantasia degli utilizzatori e di coloro che li assistono. Si va dal facilitatore di polso e pollice (Foto 5), indicato per gli utenti con assenza di controllo del polso e delle dita dovuta a lesioni midollari e trauma Foto 7 cranico, al facilitatore dorsale (Foto 6), quando l'assenza di controllo è limitato alle dita, deficienza riscontrabile spesso nelle tetraparesi. Molto semplice e leggero è il posizionatore di matita (Foto 7), indicato per chi nelle dita ha poca forza. Non è possibile affrontare in modo esauriente un argomento così vasto quale quello delle soluzioni artigianali e personalizzate per l'autonomia. Ciò che è importante è comprendere l'approccio alla soluzione dei problemi pratici posti dalla disabilità, per la quale è fondalmentale che sia la persona disabile stessa a svolgere il ruolo di protagonista e progettista. Terezinha Menezello Fisioterapista 19

20 LA FAIP HA COMPIUTO VENT'ANNI Venerdì 16 dicembre 2005 presso l'hotel SHERATON di Firenze, si è tenuta una breve ma significativa cerimonia per ricordare i primi vent'anni di attività della FAIP (Federazione Associazioni Italiane Paraplegici). L'attuale Presidente Raffaele Goretti ha illustrato con un esauriente intervento, l'operato della Federazione ed i risultati ottenuti grazie anche all'impegno di coloro che l'hanno preceduto alla direzione di questa importante istituzione. Già nello scorso numero di Ruota libera ho avuto modo di spiegare come negli anni 80 erano nate parecchie associazioni regionali, ma soprattutto tra le persone ai vertici di tali associazioni era nato un costruttivo legame di stima e amicizia, premesse indispensabili per lanciare con buone probabilità di successo, l'idea della Federazione. La prima riunione della FAIP si tenne a Firenze l'8 giugno Con l'aiuto dell'amico Eugenio Marchesini di Verona, e del suo insostituibile giornale "L'Informatore" mi pare giusto ricordare i pionieri che erano con me in quella "storica" riunione: Salvatore Balistreri di Palermo Claudio Carra di Mantova Giuseppe Stefanoni di Verona Costanza Loni di Firenze Piergiorgio Maggiorotti di Torino Michele Jacontino di Roma Gian Annibale Rossi di Medelana di Roma Nicola Leviano di Torino. Naturalmente c'era anche il già citato Eugenio Marchesini, l'unico non paraplegico, che con la sua innata riservatezza e disponibilità è sempre stato presente a tutte le riunioni, prodigo di consigli, con lungimirante quanto umile saggezza, è diventato la memoria storica di mezzo secolo di paraplegia in Italia. Un ricordo particolare va al primo Presidente, Michele Jacontino di Roma, valente funzionario del Ministero della Sanità, quindi in posizione strategica per gli"interessi" della FAIP. Purtroppo è prematuramente mancato il 21 settembre del Gli succedettero nell'ordine il dott. Piergiorgio Maggiorotti di Torino, Rita Turissini di Udine e Raffaele Goretti, tuttora in carica al suo quarto mandato. In questi vent'anni, la FAIP ha svolto una notevole mole di lavoro per dare ai paraplegici italiani la possibilità di essere adeguatamente curati, quindi riabilitati e pronti per ritornare ad una vita attiva. Uno strumento importante per il raggiungimento di questi traguardi, sono le "linee guida" per la realizzazione delle Unità Spinali Unipolari. Grazie all'impegno della FAIP e alle 21 Associazioni che attualmente la compongono, è stato possibile portare a compimento 8 Unità Spinali Unipolari, tutte localizzate nel centro-nord d'italia e una in Sardegna, mentre restano totalmente sguarnite le Regioni del sud. Alle Associazioni Regionali spettano tuttavia i compiti non meno importanti di "occuparsi dei singoli" per la loro riqualificazione professionale, per il reinserimento, per la casa, per le barriere architettoniche, per i trasporti, per il tempo libero. A conclusione della giornata di Firenze alla presenza dei rappresentanti della Regione Toscana e del Sindaco di Firenze, ai "pionieri" è stata consegnata una targa ricordo, con la motivazione: "RICONOSCENZA E AMICIZIA" Luigi Carrara 20

21 Garantito 4 anni! Allestimenti Speciali Mobility Via Asti Mare, Vigliano D asti (AT) Tel.0141/ Fax 0141/ Webaddress: Acceleratore sopra o sotto il volante? Noi vi togliamo il dubbio, conglobandoli entrambi in un unica soluzione di guida. Kivi5, il nuovo acceleratore posto sotto il volante, azionabile anche da sopra mediante una o più alette molto discrete, si può utilizzare in cinque modi differenti. Da oggi è possibile condurre l auto cambiando impostazione di guida all' istante. Ecco come: Esercitando una leggera trazione che avvicina il cerchiello al volante. Premendo il cerchiello verso il basso con il pollice passante all interno del volante. Spingendo il cerchiello verso il basso con il dorso della mano, o estendendo le dita. Spingendo il cerchiello verso il basso con il pollice mentre il palmo della mano è appoggiato sulla leva freno. Il Kivi5 è l evoluzione del precedente acceleratore a cerchiello sotto il volante, ancora in produzione, che in otto anni ha pienamente soddisfatto i numerosi utenti che ci hanno scelto. Tutte le varie regolazioni ed opzioni del volante rimangono utilizzabili. La leva freno, morbidissima, è dotata, oltre ai pulsanti di clacson e blocco freno, di un interruttore che riduce del 50% l accelerazione data dal dispositivo, per una guida urbana con consumi di carburante più contenuti. L affidabiltà di questo prodotto è tale da meritare una copertura di garanzia di 4 anni. Spingendo il cerchiello verso il basso con l ausilio dell aletta posta sul volante. Disponiamo di vetture allestite per prove dinamiche Questa può essere premuta con il pollice o con l intero palmo della mano Installatori autorizzati di zona: TECNOAUTO Via Luogo Pio Muggio (Mi) Tel. e Fax 039/ FM ALLESTIMENTI Via Moncenisio Rozzano (MI) Tel. 02/ Fax 02/

22 FRENESIA DI CORRERE: Si corre con la testa, con il cuore e non certo con le gambe. Quando si è in pista, si gareggia alla pari: chi sale su un'auto da corsa dopo essere appena sceso da una carrozzina ha le stesse opportunità degli altri piloti. Ruota libera ha incontrato un pilota sportivo. Da alcuni mesi Vincenzo Tavolaro ricopre in una concessionaria d'automobili il ruolo di responsabile commerciale per tutto ciò che ha a che fare con gli ausili che permettono la guida e il trasporto ai disabili. Classe 1972, Vincenzo ha sempre avuto la passione per i motori, le moto e le automobili, e spesso si è divertito a prendere parte a gare di rally. Anche dopo l'incidente che nel 1999 lo ha costretto sulla carrozzina: "Naturalmente fin da giovane con i miei amici passavo i pomeriggi a smontare e rimontare i motorini che si cercava di far correre sempre più forte. Per un po' ho anche partecipato a campionati di corse per macchine radiocomandate: modellini di Porsche, e prima ancora Mercedes e Alfa. Un divertimento inizialmente meno costoso delle gare con auto vere che poi però ". Ma tu, Vincenzo, alle corse sulle automobili "vere" come ci sei arrivato? Non c'è nessuna differenza tra il Vincenzo che pilotava automobili prima dell'incidente e quello che ha ripreso la guida dopo "Ricordo che la mia prima "gara" si era svolta sul piazzale dell'iper di Varese, dove era stata allestita una gimcana che aveva visto impegnate auto di ogni genere, preparate e non, dove partecipavo con la mia auto quotidiana e cioè una bellissima 126 Fiat verde pisello. Nonostante la poca esperienza, con qualche errore di squadra in meno avrei potuto competere per la vittoria. Nel 1998 avevo poi deciso di saltare su una macchina da Rally per gareggiare, ma i costi un po' proibitivi mi portavano verso l'unica scelta fattibile. Per le gare di rally l'equipaggio è composto da un pilota e da un navigatore. Le spese da sostenere per un navigatore sono molto più contenute e così avevo deciso di seguire un corso adatto a svolgere quella mansione". Poi il 7 agosto 1999 l'incidente, in moto, mentre girava per divertimento e non nel corso di una competizione. La passione per le gare di automobilismo è però ormai scoppiata definitivamente e così Vincenzo anche se paraplegico non si lascia sfuggire l'occasione per riprovare l'ebbrezza della velocità: "Non c'è nessuna differenza tra il Vincenzo che pilotava automobili prima dell'incidente e quello che ha ripreso la guida dopo. Non ho mai avuto il minimo trauma o la minima paura che qualcosa di grave potesse ricapitarmi". E infatti i risultati si vedono: nel primo "Trofeo Volkswagen Cup" organizzato a Verona il 6 e 7 novembre 2001 si sfidano tanti 22

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli