U.d. 1 Struttura e finalità della Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "U.d. 1 Struttura e finalità della Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, codce fscale Classe QUARTA Anno scolastco CORSO O.S.S. PROGRAMMAZIONE Drtto e Legslazone Socale MODULO 1: L ordnamento ammnstratvo dello Stato U.d. 1 Struttura e fnaltà della Pubblca Ammnstrazone Essere consapevol Conoscere la funzone Saper dstnguere del valore socale ammnstratva e le altre gl apparat della propra funzon eserctate dallo poltc da quell attvtà, Stato burocratc partecpando alla Conoscere prncp che vta cvle e regolano l azone Saper dstnguere culturale a lvello ammnstratva dvers prncp n locale e matera d azone svluppando l ammnstratva concetto d responsabltà Saper ndvduare ndvduale e rferment socale normatv de prncp dell azone ammnstratva compt d possedere ed abltà essenzal e d saper U.d. 2: Gl ent pubblc terrtoral Gestre azon d Conoscere gl ent pubblc Saper ndvduare nformazone e d terrtoral e l autonoma ad tratt salent orentamento ess attrbuta della rforma dell utente per costtuzonale del facltare Conoscere le funzon degl 2001 l accessbltà e la ent pubblc terrtoral fruzone autonoma Saper dstnguere de servz pubblc Conoscere l regme tra ent pubblc e prvat present gurdco che caratterzza gl terrtoral ed ent sul terrtoro ent pubblc non terrtoral pubblc non terrrtoral Saper ndvduare gl organ degl ent pubblc terrtoral e le loro funzon compt d possedere ed abltà essenzal e d saper Agenza Formatva Accredtata Dalla Regone Toscana Con Sstema D Qualtà Certfcato ISO

2 VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, codce fscale U.d. 3: L attvtà ammnstratva e mezz d tutela ne confront della Pubblca Ammnstrazone Applcare le ddattche al contesto socale e professonale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc. Conoscere gl element e caratter degl att ammnstratv Conoscere la dfferenza tra drtto soggettvo e nteressse legttmo Conoscere le caratterstche della gustza ammnstratva Saper dstnguere tra att d drtto pubblco e att d drtto prvato Saper dstnguere tra dvers provvedment ammnstratv Saper dstnguere tra gudce ordnaro e gudce ammnstratvo compt d possedere ed abltà essenzal e d saper MODULO 2: Il sstema ntegrato d ntervent e l funzonamento de servz assstenzal U.d. 1 Lo Stato socale e drtt della persona Gestre azon d Conoscere lo Stato socale e suo obettv Saper dstnguere nformazone e d dvers settor della orentamento dell'utente Conoscere l sstema della protezone socale protezone socale per facltare nel nostro ordnamento l'accessbltà e la fruzone autonoma de Sapere come sono tutelat drtt socal nella servz pubblc e prvat costtuzone e neg att nternazonal present sul terrtoro. Applcare le ddattche al contesto socale e professonale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc. Conoscere le caratterstche dell attvtà d volontarato Saper ndvduare le norme costtuzonal che costtuscono l fondamento dello Stato socale Saper ndvduare rferment normatv della tutela de drtt socal Saper ndvduare motv della crs dello Stato socale compt d possedere ed abltà essenzal e d saper U.D. 2 L attvtà e l organzzazone ammnstratva nel settore soco - assstenzale Agenza Formatva Accredtata Dalla Regone Toscana Con Sstema D Qualtà Certfcato ISO

3 VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, codce fscale Gestre azon d nformazone e d orentamento dell'utente per facltare l'accessbltà e la fruzone autonoma de servz pubblc e prvat present sul terrtoro. Applcare le ddattche al contesto socale e professonale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc. Conoscere l attvtà e l organzzazone ammnstratva nel settore soco-assstenzale Conoscere l sstema ntegrato de servz socal e la sua panfcazone Conoscere la rpartzone delle funzon e delle competenze tra soggett e gl organ prepost all assstenza Saper ndvduare l evoluzone normatva dell assstenza socale Saper ndvduare soggett del terzo settore che, all nterno del pluralsmo sttuzonale (pubblco e prvato), erogano prestazon socoassstenzal Saper ndvduare gl strument della programmazone de servz d assstenza socale, rservat agl ent pubblc terrtoral compt d possedere ed abltà essenzal e d saper U.d. 3: La scurezza socale nelle prestazon assstenzal Gestre azon d Conoscere soggett destnatar Saper nformazone e d delle prestazon assstenzal ndvduare la orentamento normatva d dell'utente per Conoscere le tpologe delle rfermento a facltare prestazon assstenzal tutela de l'accessbltà e la asscurate dallo Stato soggett a qual fruzone autonoma sono rvolte le de servz pubblc Conoscere requst che danno prestazon e prvat present sul drtto a rcevere prestazon assstenzal terrtoro. assstenzal Applcare le ddattche al contesto socale e professonale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas Saper le norme per rsolvere problematche n matera socoassstenzale Saper dstnguere le dverse tpologe d prestazon compt d possedere ed abltà essenzal e d saper Agenza Formatva Accredtata Dalla Regone Toscana Con Sstema D Qualtà Certfcato ISO

4 VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, codce fscale specfc problematc. assstenzal II QUADRIMESTRE MODULO 3: L organzzazone e le prestazon della prevdenza socale U.d. 1: Le asscurazon socal e l rapporto gurdco prevdenzale Gestre azon d Conoscere l evoluzone del sstema nformazone e d pensonstco orentamento dell'utente per facltare Conoscere l rapporto gurdco prevdenzale l'accessbltà e la e l suo funzonamento fruzone autonoma de servz pubblc e prvat Conoscere le asscurazon socal present sul terrtoro. Saper ndvduare rferment normatv delle rforme del sstema pensonstco Saper rconoscere soggett del rapporto gurdco prevdenzale Applcare le ddattche al contesto socale e professonale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc. Saper dstnguere dvers sstem d calcolo delle penson U.d. 2: Le prestazon prevdenzal Gestre azon d Conoscere le tpologe d prestazon Saper dstnguere le nformazone e d prevdenzal dverse forme d orentamento dell'utente prestazon per facltare Conoscere le prestazon prevdenzal contro l'accessbltà e la gl nfortun sul lavoro e le malatte Saper dstnguere le fruzone autonoma de professonal prestazon servz pubblc e prvat prevdenzal da quelle present sul terrtoro. assstenzal Applcare le ddattche al contesto socale e professonale Saper ndvduare benfcar e soggett erogator delle compt d possedere ed abltà essenzal e d saper Agenza Formatva Accredtata Dalla Regone Toscana Con Sstema D Qualtà Certfcato ISO

5 VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, codce fscale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc. prestazon Modulo 4: Legslazone santara, tutela della salute e dell ambente U.d. 1: La tutela della salute Gestre azon d nformazone e d orentamento dell'utente per facltare l'accessbltà e la fruzone autonoma de servz pubblc e prvat present sul terrtoro. Applcare le ddattche al contesto socale e professonale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc. Conoscere l contenuto del drtto alla tutela della salute Conoscere l evoluzone legslatva dell organzzazone santara Conoscere la struttura dell ammnstrazone santara Saper ndvduare lmt post all attvtà santara dello Stato Saper ndvduare rferment normatv relatv al drtto alla salute Saper ndvduare la pù ampa autonoma rconoscuta alle Regon n matera santara dalla rforma costtuzonale compt d possedere ed abltà essenzal e d saper U.d. 2: Il Servzo santaro nazonale e la sua organzzazone Gestre azon d nformazone e d orentamento dell'utente per facltare l'accessbltà e la fruzone autonoma de servz pubblc e prvat present sul terrtoro. Applcare le ddattche al contesto socale e professonale Conoscere l Servzo santaro nazonale e suo obettv Conoscere l funzonamento dell attuale organzzazone santara Conoscere la programmazone e la panfcazone del Servzo santaro nazonale Saper dentfcare prncp del Servzo santaro nazonale Saper ndvduare le font del fnanzamento del Servzo santaro nazonale Saper ndvduare le compt d possedere ed abltà essenzal e d saper Agenza Formatva Accredtata Dalla Regone Toscana Con Sstema D Qualtà Certfcato ISO

6 VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, codce fscale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc. caratterstche e gl organ delle ASL U.D. 3: Le prestazon santare, la tutela del malato e le Carte de drtt Gestre azon d Conoscere l sgnfcato d lvell essenzal d Saper ndvduaree le nformazone e d assstenza (L.E.A.) modaltà d erogazone orentamento sulle de lvell essenzal d modaltà d accesso e d Conoscere drtt che dervano assstenza utlzzo de servz dal prncpo d centraltà della persona socal e santar rvolt Saper dstnguere le a mnor, agl anzan, Conoscere le dverse tpologe d prestazon dverse prestazon a dversamente abl, a santare e d ntervent assstenzal santare dsoccupat, agl mmgrat present sul Conoscere la tutela de drtt del malato nelle Saper ndvduare la terrtoro, anche prncpal Carte de drtt normatva d attraverso la rcerca rfermento de autonoma d prncpal ntervent nformazon normatve, assstenzal (malatte strutture e soggett d mental, rfermento specfco. tosscodpendent, dsabl, ecc.) Applcare le ddattche al contesto socale e professonale n cu s trova ad operare, n partcolare saper dentfcare ed utlzzare le norme pertnent per la soluzone d cas specfc problematc compt d possedere ed abltà essenzal e d saper U.d. 4: La tutela dell ambente Conoscere prncp della tutela ambentale Contrbure a promuovere stl d vta rspettos delle norme genche, della corretta almentazone e della scurezza, a tutela del drtto alla salute e del Conoscere la tutela dalle dverse forme d nqunamento Saper dstnguere tra gene prvata e gene pubblca Saper la legslazone ambentale compt d possedere Agenza Formatva Accredtata Dalla Regone Toscana Con Sstema D Qualtà Certfcato ISO

7 VIA CHIANTIGIANA, 26/A VIA NICOLODI, codce fscale benessere delle persone Analzzare l rapporto tra salute, stl e contest del vvere, con partcolare attenzone alle condzon d scurezza e salubrtà degl ambent d lavoro e dell'gene almentare, a tutela del benessere generale delle persone Saper ndvduare crter per una corretta gestone de rfut ed abltà essenzal e d saper Agenza Formatva Accredtata Dalla Regone Toscana Con Sstema D Qualtà Certfcato ISO

Materia: DIRITTO ED ECONOMIA. Programmazione dei moduli didattici

Materia: DIRITTO ED ECONOMIA. Programmazione dei moduli didattici La verfca verrà utlzzata anche n funzone d stmolo per gl, sarà tenuto nel gusto conto l'mpegno e l progresso dell'alunno n tnere, ma con l'obettvo d arrvare a un lvello d preparazone mnma necessara. Saranno

Dettagli

Via Bernardino Ramazzini, ROMA. Tel Fax

Via Bernardino Ramazzini, ROMA. Tel Fax CROCE ROSSA ITALIANA C OMITATO REGIONALE LAZIO A TTIVITÀ PER L EMERGENZA - FORMAZIONE Va Bernardno Ramazzn, 31 00151 ROMA Tel.06-6533623 - 65795358 Fax.06-62298737 sor.lazo@cr.t Obettvo: formare all approcco

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. ! Istruzione e Fonnazione I. Capacità e competenze personali. Italiano. Cognome(i) I Nome(i) Fabiano Santo

Curriculum Vitae. Informazioni personali. ! Istruzione e Fonnazione I. Capacità e competenze personali. Italiano. Cognome(i) I Nome(i) Fabiano Santo Currculum Vtae nformazon personal Cognome() Nome() Cellulare XXX-XXXXXXXX E-mal XXXXXXXXXXXXXXXX\ Cttadnanza talana Data d nascta 02/1111956 Sesso Maschle! struzone e Fonnazone 1989 Prncpal tematche/competenza

Dettagli

Prot. n Giulianova, 15 ottobre 2018

Prot. n Giulianova, 15 ottobre 2018 Uffco d Pano Prot. n. 1143 Gulanova, 15 ottobre 2018 AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI A FAVORE DI PERSONE

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE FINANZIARIO 2015-2016-2017. Indice

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE FINANZIARIO 2015-2016-2017. Indice UNONE TERRE D CASTELL (Provincia di Modena) PANO ESECUTVO D GESTONE FNANZARO -- ndice Note generali Agenti Contabili Modello di richiesta variazione Peg/Bilancio Responsabilità Elenco ncarichi Note Generali

Dettagli

I Ministero della Giustizia nella. del Presidente f.t. del Tribunale. !per lo svolgimento di lavoro di pubblica utilità ai sensi degli artt. 54!

I Ministero della Giustizia nella. del Presidente f.t. del Tribunale. !per lo svolgimento di lavoro di pubblica utilità ai sensi degli artt. 54! -... ==r ~--... TRBUNALE d LECCO C9N~~N~9NE =_....-l l--.-.. _.... tra.---- ------'-1 -.-- ---~..--------- -------------- ---... --....... Mnstero della Gustza nella - persona -... del Presdente f.t. del

Dettagli

3. SOCIALE. 3.4 Politiche sociali per la famiglia e la persona

3. SOCIALE. 3.4 Politiche sociali per la famiglia e la persona 3. SOCIALE 3.4 Poltche socal per la famgla e la persona INDICE Inquadramento strategco..................... pag. 81 Rsorse mpegate........................ pag. 82-83 Prncpal opere pubblche e ntervent

Dettagli

DECRETO N. 4 in data

DECRETO N. 4 in data DECRETO N. 4 n data 3.4.2014 OGGETTO: Retrbuzone d rsultato per l Segretaro Comunale ex Art. 42 del Contratto Collettvo Nazonale d Lavoro de Segretar Comunal e Provncal 1998-2001 - Anno 2012. - IL SINDACO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Prot Ravenna, 12 OTTOBRE 2006

Prot Ravenna, 12 OTTOBRE 2006 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Uffco Scolastco Regonale per l Emla Romagna U.S.P. d Va S.Agata, 22 48100 RA Tel. 054433057 Fax 054432263 Prot. 6503, 12 OTTOBRE 2006 Oggetto: Rpartzone fond per attvtà

Dettagli

VIA SAN LORENZO 312lG PALERMO. Oggetto: Direttiva di ~roarammazione per le Politiche attive del Lavoro e per l'offerta

VIA SAN LORENZO 312lG PALERMO. Oggetto: Direttiva di ~roarammazione per le Politiche attive del Lavoro e per l'offerta PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO ASSESSORATO POLITICHE DEL LAVORO FORMAZIONE PROFESSIONALE - ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE -PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA - POLITICHE DI COESIONE ECONOMICA E SOCIALE

Dettagli

cjncà Calabria e Sicilia in collaborazione con CO.IN.FO. e Fondazione CRUI LA CONTABILITÀ ECONOMICOPATRIMOMALE NEGLI ATENEI: NORME, METODO, APPUCATIVI

cjncà Calabria e Sicilia in collaborazione con CO.IN.FO. e Fondazione CRUI LA CONTABILITÀ ECONOMICOPATRIMOMALE NEGLI ATENEI: NORME, METODO, APPUCATIVI cjncà n collaborazone con CO.IN.FO. e Fondazone CRUI LA CONTABILITÀ ECONOMICOPATRIMOMALE NEGLI ATENEI: NORME, METODO, APPUCATIVI Corso d formazone Unverstà degl Stud d Messna Messna, 14 e 15 aprle 2015

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Currculum Vtae Europass Informazon personal Nome()/Cognome() Indrzzo() Telefono() E-mal Cttadnanza ELEONORA PELLIZZONI Va Prossano, 11/a Verbana VB Italana Data d nascta 28/02/1984 Sesso Occupazone desderata/settore

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso d Economa Applcata a.a. 2007-08 II modulo 16 Lezone Programma 16 lezone Democraza rappresentatva e nformazone Rcaptolando L agenza e l mercato (Arrow, 1986) Lezone 16 2 Introduzone Governo e Parlamento

Dettagli

L articolo, realizzato a margine del seminario dello scorso 7 dicembre presso UniSapienza in Roma,

L articolo, realizzato a margine del seminario dello scorso 7 dicembre presso UniSapienza in Roma, I Modell, metod per una formazone effcace alla luce dell Accordo Stato Regon del 22/02/2012 Guseppe Palmsano Consulente azendale sulla scurezza ne luogh d lavoro - CSP/CSE L artcolo, realzzato a margne

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE OBIETTIVO CONVERGENZA PER LA SCUOLA, COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO. certificazion 94) -

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE OBIETTIVO CONVERGENZA PER LA SCUOLA, COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO. certificazion 94) - V Crcolo Ddattco SAN FRANCESCO D ASSISI Va Pompe, 5-700 ALTAMURA - tel. e fax 0803118881-080311959 C.F. 9450057079 - Sto web: www.quntocd.gov.t E-mal: baee18600e@struzone.t - PEC: BAEE18600E@pec.struzone.t

Dettagli

PROGETTO SCUOLA POPOLARE

PROGETTO SCUOLA POPOLARE SPIN TIME LABS & ICBIE Europa Onlus PROGETTO SCUOLA POPOLARE 1 P a g e 1. Introduzone 2. Obettv e fnaltà 3. I tutor del progetto 4. Modulo I. Sostegno scolastco. 5. Modulo II.- Corso d lngua talana 6.

Dettagli

Forense 391. (eccetto offerte già scontate) OCCASIONISSIMA! AA.VV. - Studi di storia e diritto in onore di Carlo Calisse voll.

Forense 391. (eccetto offerte già scontate) OCCASIONISSIMA! AA.VV. - Studi di storia e diritto in onore di Carlo Calisse voll. Forense inform@ 391 Sconto del 15% sulle pubblicazioni delle case editrici Cedam e psoa Su tutte le altre novità indicate nel presente bollettino sconto del 10% (eccetto offerte già scontate) OCCASONSSMA!

Dettagli

fs6iiàdél... RéspÒhsàbiledéllà-StruUUràii: 1...=Am.mifiistraiioh-eGéiiefàle[ _. ~ _. _ ~~ _ ~ ~ ~~ _! ~_

fs6iiàdél... RéspÒhsàbiledéllà-StruUUràii: 1...=Am.mifiistraiioh-eGéiiefàle[ _. ~ _. _ ~~ _ ~ ~ ~~ _! ~_ ~ M h. \. TRIBUNALE d LECCO......~-- CONVENZIONE.....- " - ~.~...--~--.-..-..~. -.......-.--.-L.-.-...~...- tra Il M~~!:~~~:~I~~~~!!~~~~IIa.E~~~~~a.9~1~~~~9~~!~!:!: - - - --..-.- - - ----- - -...- 1-..--...

Dettagli

Relatore: Fabio Fioretto

Relatore: Fabio Fioretto Relatore: Fabio Fioretto L ENTE NAZONALE D PREVDENZA ED ASSSTENZA DELLA PROFESSONE NFERMERSTCA ENPAP CON LA PRVATZZAZONE DEL 1994 LO STATO HA VOLUTO DELEGARE ALLE PROFESSON L ESERCZO DELLA TUTELA PREVDENZALE

Dettagli

FACOLTA MASTER UNIVERSITARI Livello CEEAU CENTRO ESP. IN ESPERTO IN EDUCAZIONE AMBIENTALE I EDUCAZIONE AMBIENTALE

FACOLTA MASTER UNIVERSITARI Livello CEEAU CENTRO ESP. IN ESPERTO IN EDUCAZIONE AMBIENTALE I EDUCAZIONE AMBIENTALE FACOLTA MASTER UNVERSTAR Livello CEEAU CENTRO ESP. N ESPERTO N EDUCAZONE AMBENTALE EDUCAZONE AMBENTALE PER LA SOSTENBLTÀ DEL TERRTORO Giunta CEA Uniba 03/06/2011 C.D.A.05/07/2011 FARMACA RADOFARMACA C.F.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI L'AQUILA Dipartimento di Scienze Umane

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI L'AQUILA Dipartimento di Scienze Umane AULA UNVERSTA' DEGL STUD D L'AQULA ORARO DEFNTVO LEZON - A.A 2017/2018 - semestre - (approvato CdD del 13/0/2017) - aggiornato al 30/10/2017 Eventuali variazioni vengono pubblicate mediante annotazione

Dettagli

CENTRO N EU ROLESI BONINO PULEJO IRCCS MESSINA

CENTRO N EU ROLESI BONINO PULEJO IRCCS MESSINA CENTRO N EU ROLESI BONINO PULEJO IRCCS MESSINA Isttuto d R covero e Cura a Carattere Scert6co REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI SOGGETTI DISABILI, A SEGUITO DI CONVENZIONE AI SENSI DELL ART. 11 DELLA

Dettagli

7/2/13 punto 4.7 Sistema di gestione) dell audit

7/2/13 punto 4.7 Sistema di gestione) dell audit RAPPORTO D AUDT N. del 3 novembre 2015 Pano d audt n.1 del 10 ottobre 2015 Responsable: dott. Gerardo Salvatore Composzone GA Audtor: Dott. Francesco Abenante Audtor: Dott.ssa Carla renza Obettvo generale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE

BILANCIO DI PREVISIONE _;::_ -,f. ~.;ç.. -:E- _~ -,ç. _:::- -~ -:E- ~:r- ~:.;... -~ _~ -~ -:f- -~.. ~ -~ _~ _~ -~ _~ -~ _~. _~ "~ :::: -~ _~ ~,~ -:E- -~ _~_ -~ _~ -~ _~ -~ -:ç. _~ -~. _~ _:;:_ -:ç. _~ -:ç. _~_ -~ _~ -~ -::;:-

Dettagli

Numero colloqui svolti nel 2016 Numero colloqui svolti nel 2017

Numero colloqui svolti nel 2016 Numero colloqui svolti nel 2017 ALLEGATO ALLA RELAZIONE SOCIALE ANNO 207 Numero colloqu svolt nel 206 Numero colloqu svolt nel 207 Mese Italan Straner Totale Colloqu Mese Italan Straner Totale Colloqu Gennao 9 4 23 Gennao 2 9 2 Febbrao

Dettagli

Manifesto degli Studi A. A. 2011/2012

Manifesto degli Studi A. A. 2011/2012 Manifesto degli Studi A. A. 011/01 Corsi di Laurea attivati ai sensi del Corso di Laurea in Pedagogia dell nfanzia (Classe L-19) Corso di Laurea nterclasse in Scienze della Formazione e Saperi Filosofici

Dettagli

Da compilare a cura del gestore

Da compilare a cura del gestore 1 DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE, STRUTTURA DEL SGS E SUA INTEGRAZIONE CON LA GESTIONE AZIENDALE Defnzone e dffusone del documento d Poltca d prevenzone degl ncdent rlevant Esstenza del Documento

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO

AZIENDA U.S.L. 9 di GROSSETO l AZENA U.S.L. 9 d GROSSETO Va Cmabue 109~581 GROSSETO ~ Tel. 0564/485111 485551 C. Fsc. P. va 315940536 ELBERAZONE o 1 1 5 - ~ 2O M~R. 2012 N...EL... OGGETTO: "Nota dell'assessore al rtto alla Salute

Dettagli

La finanza locale. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a Dott.ssa Simona Scabrosetti

La finanza locale. Corso di Scienza delle Finanze Cleam, classe 3 Università Bocconi a.a Dott.ssa Simona Scabrosetti La fnanza locale Corso d Scenza delle Fnanze Cleam, classe 3 Unverstà Boccon a.a. 2011-2012 Dott.ssa Smona Scabrosett Modaltà d fnanzamento degl ent decentrat Gl ent terrtoral possono fnanzars con: - trbut

Dettagli

ALLEGATO N. 7 AL PTPC COMUNE DI UMBERTIDE

ALLEGATO N. 7 AL PTPC COMUNE DI UMBERTIDE ALLEGATO N. 7 AL PTPC MODELLO N. 1 Al Segretaro Generale, Responsable Antcorruzone OGGETTO: dcharazone generale d conoscenza del Pano 2016-2018 d Prevenzone della Corruzone, del Programma trennale per

Dettagli

M a r ia S t e f a n ia PlPIA

M a r ia S t e f a n ia PlPIA M a r a S t e f a n a PlPA C u r r c u l u m V t a e nformazon personal Nome ndrzzo Cellulare Telefono Fax E-mal Mara Stefana Ppa Va Nunzo Morello 40 (studo legale) (+ 39) 3202743281 (+ 39) 091.6256125

Dettagli

REGIONEY ROMA 6 LAZIO ~ ------------~---

REGIONEY ROMA 6 LAZIO ~ ------------~--- +ASL REGONEY ROMA 6 LAZO ~ U.O.c. Formazone-Comuncazone Unta' Operatva Formazone Te!. 0693273839-390 l Fax 0693273919 f Q ~ () () _ 1_ 00 t L Protocollo no )J,J. ~..v del rj...1...a ~ 4 P ------------~---

Dettagli

b) Legge 31 maggio 1995, n Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato (ARTT. 1-4, 12-20, 23-25)... 29

b) Legge 31 maggio 1995, n Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato (ARTT. 1-4, 12-20, 23-25)... 29 Avvertenza alla XL edizione... Guida alla consultazione... Abbreviazioni principali... XV XV XV SEZONE PRMA LE NORME FONDAMENTAL COSTTUZONE RFORMA DEL SSTEMA D DRTTO NTERNAZONALE PRVATO 1. Costituzione

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

REGIONE I PIEMONTE CENTRO DI MONITORAGGIO SICUREZZA STRADALE. Progetto per la realizzazione di. un Sistema Informativo. deli Incidentalità Stradale in

REGIONE I PIEMONTE CENTRO DI MONITORAGGIO SICUREZZA STRADALE. Progetto per la realizzazione di. un Sistema Informativo. deli Incidentalità Stradale in Magqo 2008 Pemonte del ncdentaltà Stradale n un Sstema nformatvo Progetto per la realzzazone d CENTRO D MONTORAGGO SCUREZZA STRADALE PEMONTE REGONE r?,- O. V - - 3 l -. -. 25 3 1- V.E1 V a -. a 2 4 P!,104

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE ,., ' /' l Dott.ssa Francesca Store Medco Chrurgo Specahsta n M'fna L,gale, dolo Asscurazon CURRCULUM PROFESSONALE Dal 1 aprle a], Rnnovo ncarco lbero-professonale con l'azenda Ospedal ero 31 dcembre Unverstara

Dettagli

Ufficio di collegamento della Regione Friuli Venezia Giulia a Bruxelles (B)

Ufficio di collegamento della Regione Friuli Venezia Giulia a Bruxelles (B) Uffco d collegamento della Regone Frul Veneza Gula a Bruxelles (B) Regone Autonoma Frul Veneza Gula Cantone d Sarajevo Land Carnza Regone Istrana La Casa Comune, rue du Commerce, 49 1000 Bruxelles L Uffco

Dettagli

DI SAN MARCELLIN COMUNE. Importo. Riferimento normativo. Oggetto. Fondo Contratto Decentrato ^ CCNL 22/01/04 art. 31 -c. 2

DI SAN MARCELLIN COMUNE. Importo. Riferimento normativo. Oggetto. Fondo Contratto Decentrato ^ CCNL 22/01/04 art. 31 -c. 2 v COMUNE Fondo Contratto Decentrato ^ D SAN MARCELLN [Data nov-13ì Oggetto Rfermento normatvo mporto Totale delle rsorse d natura stable al 22.1.2004 CCNL 22/01/04 art. 31 -c. 2 COMUNE D SAN MARCELLNO

Dettagli

CronoControl Radio. Guida di avvio rapido per l'uso

CronoControl Radio. Guida di avvio rapido per l'uso CronoControl Rado Guda d avvo rapdo per l'uso COME USARE L APPARECCHIO COME USARE L APPARECCHIO 1 L'appareccho vene consegnato con seguent document: - Guda rapda all'uso, - Istruzon per l nstallatore,

Dettagli

Studio di fattibilità per la realizzazione della

Studio di fattibilità per la realizzazione della ntersstem Studo d fattbltà per la realzzazone della SEZIONE PRIMA LA SITUAZIONE ATTUALE Versone 1.9 19/12/2000 ntersstem Hanno redatto l presente documento: Marco De Rosa Roberto Govannn Sandra Gulan Gabrele

Dettagli

Progetti di Servizio Civile 2008

Progetti di Servizio Civile 2008 359 398 NZ0206 NZ02970 Denomnazone Ttolo Progetto Settore Area D Intervento d Roma Tre Il volontarato comunca La bbloteca per tutt 3 PROMOZION CULTURAL 5 Altro Servz alla organzzazone d volontarato D 0

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI L'AQUILA Dipartimento di Scienze Umane

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI L'AQUILA Dipartimento di Scienze Umane AULA ORARO DEFNTVO LEZON - A.A 2017/2018 - semestre - (approvato CdD del 13/0/2017) - aggiornato al 15/01/2018 Eventuali variazioni vengono pubblicate mediante annotazione nella presente tabella Corso

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALISMO DIFFERENZIATO E RISORSE FINANZIARIE

IL CONSIGLIO REGIONALISMO DIFFERENZIATO E RISORSE FINANZIARIE IL CONSIGLIO REGIONALISMO DIFFERENZIATO E RISORSE FINANZIARIE Polcy Paper Pano delle rcerche 2017 POLICY PAPER REGIONALISMO DIFFERENZIATO E RISORSE FINANZIARIE (GEN17009) NOVEMBRE 2017 1 Rcerca promossa

Dettagli

b) Legge 31 maggio 1995, n Riforma del sistema italiano di diritto internazionale

b) Legge 31 maggio 1995, n Riforma del sistema italiano di diritto internazionale Avvertenza alla XL edizione... Guida alla consultazione... Abbreviazioni principali... XV XV XV SEZONE PRMA LE NORME FONDAMENTAL COSTTUZONE RFORMA DEL SSTEMA D DRTTO NTERNAZONALE PRVATO 1. Costituzione

Dettagli

COMUNE DI AGRIGENTO. Settore 1 - Servizi Socio-assistenziali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

COMUNE DI AGRIGENTO. Settore 1 - Servizi Socio-assistenziali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI AGRIGENTO Settore 1 - Servz Soco-assstenzal " la nostra cvltà contro l pzzo e l'usura" DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE n. del Oggetto: Sub-mpegno e lqudazone rette d rcovero alla Socetà Cooperatva

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Pag. Avvertenza alla XXXVIII edizione... Guida alla consultazione... Abbreviazioni principali... SEZIONE PRIMA LE NORME FONDAMENTALI

INDICE SOMMARIO. Pag. Avvertenza alla XXXVIII edizione... Guida alla consultazione... Abbreviazioni principali... SEZIONE PRIMA LE NORME FONDAMENTALI Avvertenza alla XXXV edizione... Guida alla consultazione.... Abbreviazioni principali... XV XV XX SEZONE PRMA LE NORME FONDAMENTAL COSTTUZONE RFORMA DEL SSTEMA D DRTTO NTERNAZONALE PRVATO 1. Costituzione

Dettagli

Obiettivi Il concetto di Resilienza applicato ai territori rurali Una proposta p metodologica Un esempio: diversità e sviluppo

Obiettivi Il concetto di Resilienza applicato ai territori rurali Una proposta p metodologica Un esempio: diversità e sviluppo Obettv Il concetto d Reslenza applcato a terrtor rural Una proposta p metodologca Un esempo: dverstà e svluppo Concluson Interpretare terrtor rural come sstem soco-ecologc Analzzare le propretà della reslenza

Dettagli

AFOL MONZA BRIANZA _ ANNO A. Anagrafica Servizio

AFOL MONZA BRIANZA _ ANNO A. Anagrafica Servizio 1. Anagrafca Servzo MAPPATURA de SERVIZI che s occupano d INSERIMENTO LAVORATIVO per FASCE DEBOLI ENTI ACCREDITATI PRESENTI NEL CATALOGO DEL PIANO PROVINCIALE LIFT-2013 AFOL MONZA BRIANZA _ ANNO 2013 A.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI L'AQUILA Dipartimento di Scienze Umane

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI L'AQUILA Dipartimento di Scienze Umane ORARO DEFNTVO LEZON - A.A 2018/201 - semestre - (approvato CdD del 12/0/2018) - aggiornato al 13/12/2018 Eventuali variazioni vengono pubblicate mediante annotazione nella presente tabella Corso di Laurea

Dettagli

ALLEGATO 2. Org. e AV2

ALLEGATO 2. Org. e AV2 ALLEGATO 2 AV2 AREA Progetto Azone Costo bennale Org. e 1 -Supporto tecnco Staff - Fnaltà: garantre n manera effcace le attvtà d Staff del DDP Area Vasta rsorse ammnstratvo alle attvtà del n.2, come ndvduate

Dettagli

Manifesto degli Studi A. A. 2010/2011

Manifesto degli Studi A. A. 2010/2011 SCENZE DELLA FORMAZONE Manifesto degli Studi A. A. 010/011 Corsi di Laurea attivati ai sensi del D.M. 70/004 Laurea in Pedagogia dell nfanzia (Classe L-19) Laurea nterclasse in Scienze della Formazione

Dettagli

Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro 1

Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro 1 I I SISTEMI SISTEMI DI DI SORVEGLIANZA SORVEGLIANZA DELLE DELLE MALATTIE MALATTIE PROFESSIONALI PROFESSIONALI La La gestone gestone le le professonal professonal segnate segnate al al SPAL SPAL RE RE Dcembre

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

Prot.709 /a7 Messina, lì 18/02/2014

Prot.709 /a7 Messina, lì 18/02/2014 IV^ ISTITUTO COMPRENSIVO G. LEOPARDI Pazza Stella Mars Rone Mnssale 98125 MESSINA - Tel./Fax 0902935502 Cod.fscale 80006720835 - Cod.meccanografco MEIC86200B E-mal: mec86200b@struzone.t - mec86200b@pec.struzone.t

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITA AI SENSI DEGLI ARTT. 54 DEL D. L.VO 28 AGOSTO 2000, N. 274, ART.

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITA AI SENSI DEGLI ARTT. 54 DEL D. L.VO 28 AGOSTO 2000, N. 274, ART. I- I CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL LAVORO DI PUBBLICA UTILITA AI SENSI DEGLI ARTT. 54 DEL D. L.VO 28 AGOSTO 2000, N. 274, ART. 73 - COMMA QUINTO BIS - DPR 309190, ARTT. 186 E 187 C.D.S. E 2 DEL DECRETO

Dettagli

e government nnovazione Comune di Genova Genova un esperienza in comune Comune di Genova 30 marzo 2009 Genova, 16 Dicembre 2009

e government nnovazione Comune di Genova Genova un esperienza in comune Comune di Genova 30 marzo 2009 Genova, 16 Dicembre 2009 Comune d Genova Forum dell nnovazone nord est e government l nnovazone 30 marzo 2009 Genova 2001-2009 un esperenza n comune Genova, 16 Dcembre 2009 Agenda Forum dell nnovazone nord est Impuls : pan d e-government

Dettagli

Centri Estivi 2Ot5 AW!SO. 4.l Attività. 4. Modalità di attuazione. 3. Destinatari. 2. obiettlvi

Centri Estivi 2Ot5 AW!SO. 4.l Attività. 4. Modalità di attuazione. 3. Destinatari. 2. obiettlvi = 5 U rsùruùo d' Provdenza. Alest nza p l dp6.dent d Roma Caprlel6 AW!SO Centr Estv 2Ot5 1. Oggetto L 'lpa promuove numerose ìnzatve neì settor cultural, rcreatv, assstenzal e prevdenzal, atte a soddsfare

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi AGENZIA LAVORO

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi AGENZIA LAVORO REGIONE EMILIA-ROMAGNA Att ammnstratv AGENZIA LAVORO Atto del Drgente DETERMINAZIONE Num. 555 del 31/05/2018 BOLOGNA Proposta: DLV/2018/565 del 30/05/2018 Struttura proponente: SERVIZIO OPERAZIONI AREA

Dettagli

Federalismo Fiscale: legge delega e decreti attuativi

Federalismo Fiscale: legge delega e decreti attuativi Unverstà degl Stud d eruga Corso d Laurea Magstrale n Scenze della oltca e dell'ammnstrazone ederalsmo scale: legge delega e decret attuatv Enza Caruso Argoment trattat nella lezone Teora del federalsmo

Dettagli

Federarchitett i. Sindacato nazionale architetti liberi professionisti componente CONFEDERTECNICA

Federarchitett i. Sindacato nazionale architetti liberi professionisti componente CONFEDERTECNICA Federarchtett A TUTTI GLI ARCHITETTI E INGEGNERI ISCRITTI A FEDERARCHITETTI Loro ndrzz E per conoscenza: al Mnstero dello Svluppo Economco Alla c.a. del Mnstro Federca Gud Va Veneto 33 00187 Roma Al Mnstero

Dettagli

Il trasferimento del catasto ai Comuni: come superare le difficoltà e sviluppare strategie efficaci

Il trasferimento del catasto ai Comuni: come superare le difficoltà e sviluppare strategie efficaci l trasferimento del catasto ai Comuni: come superare le difficoltà e sviluppare strategie efficaci Fieraforum 27 Gennaio 2004 ASSSTENZA TECNCA AGL ENT LOCAL NELLE NUOVE FUNZON CATASTAL PRESENTAZONE STUDO

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE AI COMUNI SEDE DI IMPIANTI PER RIFIUTI URBANI L.R.

DIRETTIVE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE AI COMUNI SEDE DI IMPIANTI PER RIFIUTI URBANI L.R. REGIONE ABRUZZO ALLEGATO DIRETTIVE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE AI COMUNI SEDE DI IMPIANTI PER RIFIUTI URBANI L.R. 19.12.2007, n. 45 e s.m.. - art. 60 PREMESSA La L.R. 19.12.2007, n.

Dettagli

DELIBERAZIONE O G G E T T O

DELIBERAZIONE O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n6 del 16/01/2014 O G G E T T O Protocollo operatvo tra l Comando Provncale de Vgl del Fuoco d Vcenza e la Centrale Operatva

Dettagli

REGIONE CALABRIA 2 8 SET.2016

REGIONE CALABRIA 2 8 SET.2016 REGIONE CALABRIA DCA n/~04 del 2 8 SET.2016 Oggetto: Indvduazone delle Azende del SSR da sottoporre a Pano d Rentro trennal n attuazone art. 1c.526 L.208 del 28/12/2015 Approvazone tabella d requlbro dsavanzo

Dettagli

N. 4 tl DEL 18 WR. 2019

N. 4 tl DEL 18 WR. 2019 Delberazone n. del + N. 4 tl DEL 18 WR. 2019 Struttura proponente: V PROVVEDTORATO Oggetto: Affdament a sens dell'art. 36, comma 2, letto a) del D.Lgs. 50/2016 per la/orntura d materale rotesco alla dtta

Dettagli

DATI PERSONALI Data di nascita: 08/01/1968 Luogo di nascita: Residente a: Via Filippo De Grenet, 145 Pal. D2 Scala A RM

DATI PERSONALI Data di nascita: 08/01/1968 Luogo di nascita: Residente a: Via Filippo De Grenet, 145 Pal. D2 Scala A RM Currculum Vtae: BADESSA Govann C U R R I C U L U M V I T A E Govann Badessa DATI PERSONALI Data d nascta: 08/01/1968 Luogo d nascta: Messna Resdente a: Roma Indrzzo: Va Flppo De Grenet, 145 Pal. D2 Scala

Dettagli

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano

Il valore monetario del volontariato. Un esercizio sul caso napoletano Statstca & Socetà/Anno 2, N. 1/Lavoro, Economa, Fnanza 11 Il valore monetaro del volontarato. Un eserczo sul caso napoletano Marco Musella Drettore del Dpartmento d Scenze Poltche Unverstà degl Stud Federco

Dettagli

8.2 CORSO DI FORMAZIONE

8.2 CORSO DI FORMAZIONE SRVeSS Sstema d Rfermento Veneto per la Scurezza nelle Scuole La runone perodca 8.2 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 LA RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEI CORSI D ACQUA NEI CONSORZI DI BONIFICA

LA GESTIONE INTEGRATA DEI CORSI D ACQUA NEI CONSORZI DI BONIFICA LA GESTIONE INTEGRATA DEI CORSI D ACQUA NEI CONSORZI DI BONIFICA Verso un programma d ntervent nazonale per conugare le Drettve Alluvon e Acque Bologna 22 ottobre 2018 Meucco Bersell Segretaro generale

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

PROVINCIA DI AMBITO TERRITORIALE DI BUDGET DISPONIBILE I^ ANNUALITA' (2014)

PROVINCIA DI AMBITO TERRITORIALE DI BUDGET DISPONIBILE I^ ANNUALITA' (2014) R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA SERVIZIO PROGRAMMAZIONE SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Budget prma annualtà del Pano

Dettagli

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE E CLINICAL GOVERNANCE CORE-CURRICULUM L'ESPERIENZA DELL'AOU DI PADOVA

ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE E CLINICAL GOVERNANCE CORE-CURRICULUM L'ESPERIENZA DELL'AOU DI PADOVA 3a Conferenza Nazonale GIMBE Dall'Evdence-based Practce alla Clncal Governance ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE E CLINICAL GOVERNANCE CORE-CURRICULUM L'ESPERIENZA DELL'AOU DI PADOVA Mara Laura Chozza Responsable

Dettagli

Attività del Comitato per le Pari Opportunità dell INFN

Attività del Comitato per le Pari Opportunità dell INFN Attvtà del Comtato per le Par Opportuntà dell INFN Patrza Cenc INFN Sezone d Peruga Comtato per le Par Opportuntà dell INFN Congressno della Sezone INFN d Peruga - 16 maggo 2007 P. Cenc Comtato per le

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE 2013-2015. Linee di attività, obiettivi e risorse

COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE 2013-2015. Linee di attività, obiettivi e risorse COMUNE DI CRESPELLANO PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE - Lnee d attvtà, obettv e rsorse PIANO DEGLI OBIETTIVI DI GESTIONE : ARTICOLAZIONE PER FUNZIONI/SERVIZI/AREE T t o l F u n z o n 1 01 01 S e r v

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ CREATE

LE OPPORTUNITÀ CREATE SERVIZI PER LA FASCIA DI ETÀ 3-5 ANNI - Scuole dell nfanza L ESIGENZA RILEVATA Percors equlbrat d socalzzazone e d acquszone d abltà per bambn tra 3 e 6 ann. Il servzo è, d norma, aperto all'utenza dal

Dettagli

BANDO PER N. 18 BORSE DI COLLABORAZIONE DI STUDENTESSE E STUDENTI Bando n. 17 /2018 B.C. Presidenza. Il Preside

BANDO PER N. 18 BORSE DI COLLABORAZIONE DI STUDENTESSE E STUDENTI Bando n. 17 /2018 B.C. Presidenza. Il Preside Prot.2056 n. III/12 BANDO PER N. 18 BORSE DI COLLABORAZIONE DI STUDENTESSE E STUDENTI Bando n. 17 /2018 B.C. Presdenza Il Presde vsto vsto vsto vsto vsta l art. 11 del Decreto Legslatvo 29 marzo 2012 n.

Dettagli

AO Ordine Mauriziano - Programma Formativo schema dei corsi programmati. Pagina 1

AO Ordine Mauriziano - Programma Formativo schema dei corsi programmati. Pagina 1 AO Ordne Maurzano - Programma Formatvo 2011 - schema de cors programmat area tematca obettv regonal ttolo corso modaltà perodo n edzon cost azendal fnanzamento destnatar settore NOTE 2011 (preventvo) esterno

Dettagli

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato

Il progetto è articolato nelle seguenti fasi operative: Pianificazione operativa e organizzazione partenariato .NUMERO AZIONE 2. TITOLO AZIONE Progetto "PETTHERAPY'. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ II progetto ntende contrbure al mgloramento della qualtà della vta de pazent convolt e delle loro famgle attraverso attvtà,

Dettagli

COMUNE DI CASORIA Provincia di Napoli

COMUNE DI CASORIA Provincia di Napoli f r l l I n COMUNE DI CASORIA Provnca d Napol ' Cttà d (Iasora-Entrala m» n 14521 del 07/03/2013 15:13:50 ' cana,mr\man,, lllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll 145212018 DECRETO SINDACALE

Dettagli

IV Forum di informazione pubblica

IV Forum di informazione pubblica IV Forum d nformazone pubblca L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2007/60 RELATIVA ALLA VALUTAZIONE E ALLA GESTIONE DEI RISCHI ALLUVIONALI NEL DISTRETTO DEL FIUME PO Parma 14 novembre 2014 va Garbald, 75-43100

Dettagli

DIPARTIMNETO DI SCIENZE POLITICHE - ORARI DELLE LEZIONI - 2 SEMESTRE A.A. 2017/2018 LUNEDI

DIPARTIMNETO DI SCIENZE POLITICHE - ORARI DELLE LEZIONI - 2 SEMESTRE A.A. 2017/2018 LUNEDI DPARTMNETO D SCENZE - ORAR DELLE LEZON - 2 SEMESTRE A.A. 2017/2018 LUNED AMMNSTRATVO DEL LAVORO PRVATO BO AMMNSTRATVO DEL LAVORO DEL PRVATO EUROMEDTERRANE E BO (SCARANO) DE CONTRATTO DEL 0 BO (SCARANO)

Dettagli

Regione Umbria Assemblea legislativa

Regione Umbria Assemblea legislativa llll «TìT: Regone Umbra Assemblea legslatva X Att Conslar LEGISLATURA PROCESSI VERBALI DELLE SEDUTE DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA XXI Sessone Straordnara Delberazone n. 67 del 5 aprle 26 OGGETTO: LEGGE REGIONALE

Dettagli

Progetti di Servizio Civile 2008

Progetti di Servizio Civile 2008 Progett d Servzo Cvle 2 Codce nte Denomnazone nte Ttolo Progetto Settore Area D Intervento Rchest ffettv o NZ A.F.MA.L. NZ A.F.MA.L. 2 Dversabl:ntegrazone e promozone umana Obettvo: umanzzazone e promozone

Dettagli

Duranti Silvia. Ghezzi Leonardo. Sciclone Nicola

Duranti Silvia. Ghezzi Leonardo. Sciclone Nicola La fscalzzazone de trasferment regonal: una smulazone per la Toscana Durant Slva errett Clauda Ghezz Leonardo Ravagl Letza Scclone Ncola ederalsmo fscale: obettv Autonoma d entrata e d spesa e maggore

Dettagli

LEZIONE N.8. Introduzione ai MODELLI DI SIMULAZIONE ED OTTIMIZZAZIONE PER SISTEMI ENERGETICI

LEZIONE N.8. Introduzione ai MODELLI DI SIMULAZIONE ED OTTIMIZZAZIONE PER SISTEMI ENERGETICI LEZIONE N8 Introduzone a MODELLI DI SIMULZIONE ED OTTIMIZZZIONE PER SISTEMI ENERGETICI 1d 11 MODELLIZZZIONE DI DOMND ED OFFERT Dal 1973 gl stud su modell che ntendono rappresentare cosa può succedere nel

Dettagli

Provincia di Sondrio PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE AGGIORNATO PER L'ESERCIZIO 2010 P.E.G CON PRIMA VARIAZIONE

Provincia di Sondrio PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE AGGIORNATO PER L'ESERCIZIO 2010 P.E.G CON PRIMA VARIAZIONE Provincia di Sondrio PANO ESECUTVO D GESTONE AGGORNATO PER L'ESERCZO 00 P.E.G. 00 CON PRMA VARAZONE Codice Risorsa Cap/Art Risorsa TTOLO ENTRATE TRBUTARE MPOSTE 0000 0 0/0 MPOSTA PROVNCALE D TRASCRZONE

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO Esercizio Finanziario

BILANCIO CONSUNTIVO Esercizio Finanziario ORDNE DE MEDC CHRURGH E DEGL ODONTOATR DELLA PROVNCA D REGGO CALABRA BLANCO CONSUNTVO Esercizio Finanziario 5 USCTE 5/4/6 CAP. ART. DENOMNAZONE ARTCOLO MANDAT MPEGN Preventivo 5 Somme Pagate Somme da Pagare

Dettagli

INDICE SOMMARIO SEZIONE PRIMA LE NORME FONDAMENTALI I COSTITUZIONE RIFORMA DEL SISTEMA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

INDICE SOMMARIO SEZIONE PRIMA LE NORME FONDAMENTALI I COSTITUZIONE RIFORMA DEL SISTEMA DI DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Avvertenza alla XXXV edizione Guida alla consultazione Abbreviazioni principali XV XV XV SEZONE PRMA LE NORME FONDAMENTAL COSTTUZONE RFORMA DEL SSTEMA D DRTTO NTERNAZONALE PRVATO 1. Costituzione della

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE

CORSI DI FORMAZIONE CORS D FORMAZONE 2002 - L LOGOPEDSTA E L MPANTO COCLEARE 4 corso intensivo teorico-pratico in data 30-31 maggio e 1 giugno 2006 - GORNATA D STUDO SULLA DEGLUTOLOGA dal: 27/01/2006 al: 27/01/2006 in qualità

Dettagli

I PREINTESA SUL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATI VO PER IL

I PREINTESA SUL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATI VO PER IL PRENTESA SUL CONTRATTO COLLETTVO DECENTRATO NTEGRAT VO PER L tuflt,. PERSONALE DPENDENTE DEL COMPARTO PARTE ECONOMCA SOlLft1E. ANNO 2019 3 %/t/; l gorno 3 LÀ n_cobìpresso una sala dell Ammnstrazone provncale,

Dettagli

... ".. O M I S S I S...

... .. O M I S S I S... SAPENZA UNVERSTÀ D ROMA 6 GJU. 2015 Nell'anno duemlaqundc, addì 16 gugno alle ore 9.19, presso l Salone d rappresentanza, s è runto l, convocato con nota rettorale prot. n. 0040276 dell'11.06.2015 e ntegrato

Dettagli

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona

(TRECASTELLI) Provincia di Ancona Comune d CASTEL COLONNA Comune d MONTERADO Comune d RPE (TRECASTELL) Provnca d Ancona AWSO Con Legge della Regone Marche del 22 luglo 2013, n. 18, a decorrere dal 01 gennao 2014, e sttuto nella Provnca

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE Approvata wn delberazone del Consglo d Ammmlstrazone n. 45/2014 dd. 19.12 2014 & medlfcato oon delberaznone de\ Consglo s. Amrmmstrazîone n. 43/2016 dd. 14.11.2015 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE INDICE

Dettagli