ISTITUTO DI BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIA AGRARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DI BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIA AGRARIA"

Transcript

1 AGROALIMENTARE Istituti di prevista afferenza Biologia e Biotecnologia Agraria Biometeorologia Genetica Vegetale Protezione delle Piante Scienze dell'alimentazione Scienze delle Produzioni Alimentari Sistema Produzione Animale in Ambiente Mediterraneo Virologia Vegetale

2

3 INDICE Dati Generali Missione Risorse umane Elenco del Personale Personale esterno partecipante Risorse finanziarie Prodotti della ricerca Elenco prodotti scientifici indicati per la valutazione del CIVR Principali collaborazioni Elenco dei Contratti Contratti attivi Contratti passivi Elenco delle principali attrezzature scientifiche Istituti con i quali si collabora Istituti CNR esecutori di moduli di attività di commessa coordinata dall Istituto Istituti CNR coordinatori di commesse di cui l Istituto è esecutore di moduli di attività Commesse 2005 Commesse 2006 Proposte di attività di ricerca spontanea a tema libero presentate Scheda di autovalutazione (attività 2005)

4

5 ISTITUTO DI BIOLOGIA E BIOTECNOLOGIA AGRARIA Missione ISTITUTI Aumentare le conoscenze sulle basi molecolari che regolano il funzionamento dei sistemi biologici di interesse agrario (piante, animali), a diverso livello di organizzazione (cellula, organismo), come base per programmi indirizzati ad un loro migliore e diversificato utilizzo e per un aumento della qualità delle produzioni. Direttore: Sede principale: Articolazione territoriale: Sito web dell'istituto: Dott Alcide Bertani Via Edoardo Bassini, Milano MI Lombardia Superficie immobile: XX mq c/o Facoltà di Agraria- via del Borghetto 80 Via del Borghetto, Pisa PI Toscana Superficie immobile: XX mq c/o CNR -Viale Marx 15/43 - Roma RM Lazio Superficie immobile: XX mq Risorse umane Risorse umane ricercatori anno tecnologi* associati di ricerca tecnici amministrativi totale personale A B C D E=A+B+C+D * Età media dei ricercatori : 1

6 Elenco del Personale (dati al 31/12/2005): Crisafi Ermanno Marsella Ennio Mazzola Salvatore Vallerga Silvana Badalamenti Fabio Cardellicchio Nicola Di Bitetto Massimiliano Domenici Paolo Genovese Lucrezia La Ferla Rosabruna Pastore Michele Pernice Giuseppe Ragonese Sergio Rinelli Paola Zaccone Renata Aiello Gemma Alabiso Giorgio Azzaro Filippo Bergamasco Alessandro Bonanno Angelo Bono Gioacchino Budillon Francesca Buonocunto Francesco Paolo Cannizzaro Leonardo Caroppo Carmela Caruso Gabriella Cavallo Rosa Anna Cecere Ester Cucco Andrea D'Anna Giovanni De Alteriis Giovanni Decembrini Franco Di Leo Antonella Esposito Eliana Fanelli Giovanni Ferraro Luciana Fiorentino Fabio Garofalo Germana liv. I Giacobbe Maria I Giordano Daniela I Giuliano Laura I Gristina Michele II Iakimov Mikhail II Iorio Marina II Leonardi Marcella II Lirer Fabrizio II Micale Valeria II Milia Alfonsa II Molisso Flavia II Monticelli Luis Salvador II Narracci Marcella II Patti Bernardo II Pelosi Nicola III Perilli Angelo III Petrocelli Antonella III Pipitone Carlo III Pipitone Vito III Porfido Sabina III Prato Ermelinda III Raspini Arturo III Rubino Fernando III Sacchi Marco III Saracino Orestina III Stabili Loredana III Tonielli Renato III Violante Crescenzo III Zappala' Giuseppe III Frisone Giovanni III Milillo Matteo III Montanaro Pasquale III Balestrieri Filippo III Campanella Nicola III Filippi Maria Iolanda III Giacalone Giacoma Rita III Irrera Gaetana III Maimone Giovanna liv. III Perdichizzi Francesco III Rizzo Pietro III Termine Giuseppa III Acquaviva Maria Immacolata III Angelino Antimo III Azzaro Maurizio III Badalucco Cinzia Vita III Cosenza Alessandro III Cusumano Salvatore III Di Stefano Giuseppe III Furnari Michele III Gancitano Salvatore III Giacovazzo Giuseppe III Giandomenico Santina III Giusto Giovan Battista III Ingrande Giovanna III Macripo' Cosimo Damiano III Milazzo Antonino III Norrito Giacomo III Pietropaolo Aniello III Rizzo Francesco III Sclafani Patricia III Scotto Di Vettimo Paolo III Sinacori Giuseppe III Annicchiarico Cristina III Armato Vincenzo III Coppola Marilena III De Martino Rosaria III Pinna Monica IV Corseri Giuseppe IV De Francesco Paolo IV Fama' Marcella V Iavarone Michele V Musella Stefania V Palmisano Maurizio V Soraci Francesco V De Palmis Vincenzo V liv. V V V VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VI VII VII VII VII VII VIII VIII VIII VIII VIII VIII VIII IX 2

7 Personale esterno partecipante Risorse umane che collaborano alla realizzazione delle attività anno ricercatori associati operanti al cnr assegnisti di ricerca dottorandi borsisti laureandi totale ASSEGNISTI Marco Archinti Alessandra Barbante BORSISTI Paola Cremonesi Maddalena De Virgilio Pietro Argeo Della Cristina Eva Maria Klein Alessio Lombardi Stefano Morandi Maria Cristina Stacchezzini DOTTORANDI Elena Baldoni Marzia Fileppi Elena Ponzoni SPECIALIZZANDI Chiara Vimercati 3

8 Risorse finanziarie Risorse utilizzate (full cost) attività coperte da fonti attività coperte da fonti totale interne esterne anno preventivo consuntivo preventivo consuntivo preventivo consuntivo G = F +risorse da A B C D E F esercizi precedenti valori in migliaia di euro Risorse gestite direttamente trasferimenti dal centro entrate da terzi totale anno preventivo consuntivo nell esercizio da esercizi precedenti preventivo consuntivo A B C D E F=B+D+E valori in migliaia di euro Indicatori finanziari anno Fondi Interni per ricercatore Fondi Totali per ricercatore Risorse esterne per ricercatore Fattore di amplificazione ,8 161,3 47,5 1, valori in migliaia di euro 4

9 Prodotti della ricerca anno Articolo su rivista Capitolo di libro Libro Brevetto Risultato di valutazione applicativa Progetto, composizione, disegno e design Performance, mostra ed esposizione Manufatto ed opera d'arte Elenco prodotti scientifici indicati dall Istituto per la valutazione del CIVR ARTICOLI ISI Giovannetti M. 1, Sbrana C. 1, Strani P. 2, Agnolucci M. 2, Rinaudo V. 2, Avio L.1 Genetic diversity of isolates of Glomus mosseae from different geographical areas detected by vegetative compatibility testing and biochemical and molecular analysis. APPLIED AND ENVIRONMENTAL MICROBIOLOGY Loreti E. 1, Yamaguchi J. 2, Alpi A. 3, Perata P. 4 Sugar modulation of a-amylase genes under anoxia ANNALS OF BOTANY Orsi A. 1, Sparvoli F. 1, Ceriotti A. 1 Role of individual disulfide bonds in the structural maturation of a low JOURNAL OF BIOLOGICAL CHEMISTRY Borgese N. 1, Colombo S. 2, Pedrazzini E. 3 The tale of tail-anchored proteins: coming from the cytosol and looking for a membrane JOURNAL OF CELL BIOLOGY Frugis G. 1, Giannino D. 1, Mele G. 1, Nicolodi C. 1, Chiappetta A. 2, Bitonti MB. 2, Innocenti AM. 2, Dewitte W. 3, Van Onckelen H. 3, Mariotti D. 1 Overexpression of KNAT1 in Lettuce Shifts Leaf Determinate Growth to a Shoot-like Indeterminate Growth Associated to an Accumulation of Isopentenyl-Type Cytokinins PLANT PHYSIOLOGY Frugis G 1, Chua NH. 2 Ubiquitin-mediated proteolysis in plant hormone signal transduction. TRENDS IN CELL BIOLOGY Giannino D. 1, Mele G. 1, Cozza R. 2, Bruno L. 2, Testone G. 1, Ticconi C. 1, Frugis G. 1, Bitonti MB. 2, Innocenti AM. 2, Mariotti D. 1 Isolation and characterization of a maintenance DNA-methyltransferase gene from peach (Prunus persica [L.] Batsch): transcript localization in vegetative and reproductive meristems of triple buds. JOURNAL OF EXPERIMENTAL BOTANY Foresti O.1, Frigerio L.2, Holkeri H.1, de Virgilio M.1, Vavassori S.1, and Vitale A.1 A phaseolin domain directly involved in trimer assembly is a BiP binding determinant PLANT CELL Della Croce C 1., Bronzetti G.,1 Cini M.,1 Caltavuturo L.,1 Poi G 5

10 Protective effect of lipoic acid against hydrogen peroxide in yeast cells TOXICOLOGY IN VITRO Locatelli F. 1, Manzocchi L.A. 1, Viotti A. 1, Genga A. 1 The nitrogen-induced recovery of a-zein gene expression in in vitro cultured opaque2 maize endosperms depends on the genetic background PHYSIOLOGIA PLANTARUM Cerolini S. 1, Maldjian A. 2, Pizzi F. 3 and Gliozzi T.M. 3 Changes in sperm quality and lipid composition during cryopreservation of boar semen. REPRODUCTION Gliozzi T.M. 1, Luzi F. 2 and Cerolini S. 2 Assessment of sperm viability in boar, rabbit and rooster: a modification of the fluorometric ethidium bromide exclusion procedure. THERIOGENOLOGY Lioi L. 1, Sparvoli F. 2, Galasso I. 2, Lanave C. 3, Bollini R. 2 Lectin-related resistance factors against bruchids evolved through a number of duplication events. THEORETICAL AND APPLIED GENETICS Gianì S. 1, Campanoni P. 1, and Breviario D. 1 A dual response on protein synthesis and degradation modulates tubulin level in rice cells treated with oryzalin. PLANTA Morello L.1, Bardini M.2, Sala F.2, and Breviario D.1 A long leader intron of the Ostub16 rice beta-tubulin gene is required for high level gene expression and can autonomously promote transcription both in vivo and in vitro. PLANT JOURNAL Locatelli F.1, Magnani E.1, Vighi C.1, Lanzanova C.1, Coraggio I.1 Inhibitory effect of myb7 uorf on downstream gene expression in homologous (rice) and heterologous (tobacco) systems PLANT MOLECULAR BIOLOGY Vitale A. 1 Physical methods PLANT MOLECULAR BIOLOGY Vitale A. 1 Uncovering secretory secrets: inhibition of endoplasmic reticulum (ER) glucosidases suggests a critical role for ER quality control in plant growth and development PLANT CELL Lord M.J. 1, Ceriotti A. 2, Roberts L.M. 1 ER Dislocation: Cdc48p/p97 Gets Into the AAAct CURRENT BIOLOGY Sturaro M. 1, Viotti A. 1 6

11 Methylation of the Opaque2 box in zein genes is parent dependent and affects O2 DNA binding activity, in vitro PLANT MOLECULAR BIOLOGY Sbrana C. 1, Agnolucci M. 2, Bedini S. 2, Lepera A. 2, Toffanin A. 3, Giovannetti M. 3, Nuti M. P. 3 Diversity of culturable bacterial populations associated to Tuber borchi ectomycorrhizas and their activity on T. borchii micelial growth. FEMS MICROBIOLOGY LETTERS Loreti E. 1,Vernieri P. 2, Alpi A. 2, Perata P.3 Repression of a-amylase activity by anoxia in grains of barley is independent of ethanol toxicity or action of abscissic acid PLANT BIOLOGY Reggiani R. 1, Laoreti P. 1 Lithium alters phosphoinositide signaling in rice roots under anoxia JOURNAL OF PLANT PHYSIOLOGY Mapelli, S. 1, Brambilla, I.1, Bertani, A.1 Free amino acids in walnut kernels and young seedlings TREE PHYSIOLOGY Boettcher, P.J. 1, Jairath, L. K. 2, VanRaden,P.M. 3 Evaluation of sire predicted transmitting abilities for evidence of x-chromosomal inheritance for dairy production traits. JOURNAL OF DAIRY SCIENCE Boettcher P.J Vision: The future of dairy cattle breeding from the academic perspective JOURNAL OF DAIRY SCIENCE Bordoni R. 1, Consolandi C. 1, Castiglioni B. 2, Busti E. 3, Bernardi LR. 3, Battaglia C. 3, De Bellis G. 1 Investigation of the multiple anchors approach in oligonucleotide microarray preparation using linear and stem-loop structured probes. NUCLEIC ACIDS RESEARCH Galasso I. 1. Distribution of highly repeated DNA sequences in species of the genus Lens Miller. GENOME BREVETTI Coraggio I. 1, Locatelli F. 1, Bracale M. 2, Vannini C. 2 Use of specific Myb genes for the manufacture of transgenic plants tolerant to biotic and abiotic stresses Zuo J.R. 1, Niu Q.W. 1, Frugis G. 2, Chua N.-H 1 Promotion of Somatic Embryogenesis in Plants by Wuschel Gene Expression Sturaro M. 1, Viotti A. 1, Mistrello G. 2, Falagiani P. 2, Roncarolo A. 2, Zanotta S. 2 7

12 Varianti di proteine allergeniche di Phleum pratense Sturaro M. 1, Viotti A. 1, Mistrello G. 2, Falagiani P. 2, Roncarolo A. 2, Zanotta S. 2 Varianti di proteine allergeniche del gruppo 2 di Dermatophagoides Sturaro M. 1, Viotti A. 1, Genga A. 1, Mistrello G. 2, Falagiani P. 2, Roncarolo A. 2 VARIANTI DELL ALLERGENE MAGGIORE Par j 2 di Parietaria judaica Nick Peter 1; Breviario Diego 2 HERBICIDE RESISTANT TRANSGENIC PLANTS WITH MUTATED ALPHA-TUBULIN RAPPORTI Cannata, F., Malvolti, M. E., Mapelli, S., Bertani A. Valutazione per la valorizzazione di "varietà-popolazioni" italiane di noce comune Bertani, A. Mapelli, S., Cannata, F., Malvolti, M. E. Aspetti di agrobiologia e sostenibilità dei sistemi produttivi di specie da legno pregiato: il modello della Juglans regia L. Breviario D Carte di identità genetico-molecolari a tutela della tipicità dei prodotti agricoli e di nicchia Breviario D EcoTUb : an ecologically safe selection system for transgenic crops based on modified plant-tubulin genes Breviario Diego; Giovanetti Alessandro TBP : un nuovo strumento per la rilevazione della diversità genetica nelle piante basata su sequenze funzionalmente rilevanti Breviario Diego La vigilanza genetica Breviario Diego Nuove tecniche di Ingegneria genetica Breviario Diego Sono l'artigiano delle molecole Giovannetti M., Avio L., Bedini S., Turrini A., Filippi C. Organizzazione di una collezione in situ di funghi micorrizici degli ecosistemi dunali finalizzata alla conservazione della loro diversitã genetica Nuti M.P., Sbrana C., Turrini A., Giovannetti M. Monitoraggio degli effetti di piante transgeniche sui microorganismi simbionti radicali L. Giorgetti, G. Martini, G. Luccarini, Nuti Ronchi V., C. Geri Cyto-histological and molecular study of how cell variants arising in oil palm cultures may affect regenerated plants Dutto M., Sala C. 8

13 Base di dati bibliografica delle monografie della Biblioteca dell'istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria - Sezione di Milano Reggiani R., Dutto M., Sala C., Sala E.,Bertani A. Banca dati bibliografica: Ibba pubblicazioni e IBV pubblicazioni Bertani A., Dutto M. Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria Bertani A., Dutto M. Brevetti sviluppati presso l'istituto Biosintesi Vegetali e l'istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria, periodo Bertani A., Dutto M. Patents RISULTATI PROGETTUALI Breviario D. 1, Gianì S. 1 Sequenze di DNA e geni di pianta depositati in banche dati internazionali Stefanini R. 2, De Vita P. 2, Sala C. 1 Ipertesto Documentazione Cerealicola. Ricerca, formazione e divulgazione: un sistema di conoscenze in agricoltura. RISULTATI VAL. APPLI. Pizzi F.1, Gandini G.2 Banca del seme delle razze suine locali italiane 9

14 Principali collaborazioni Altri Ministeri : MIPAF (Legge 449/97); MiPAF progetto Rifafert Consorzi: Consorzi internazionale PHASEOMICS Enti pubblici: Associazione Regionale Allevatori della Lombardia; Provincia Autonoma di Trento; Regione Lombardia EPR italiane: Istituti Sperimentali del MiPAF; Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte Liguria e Valle d'aosta; Istituto Sperimentale Italiano Lazzaro Spallanzani; convenzione CNR/Regioni per progetto Tuber EPR straniere: Institute Plant Biotechnology for Developing Countries (IPBO) MIUR: MIUR Privati: Lofarma s.p.a.; Resindion s.r.l.; Hutsman Tioxide s.p.a.; Elpzoo; Parco Tecnologico Padano; CARIPLO; Anafi UE: Reconbinant Pharmaceuticals from Plants for Human Health (Pharmaplant); Biosensors for Effective Environmental Protection (BEEP); Malaysian Palm Oil Board (MPOB) Università: Università degli Studi di Milano; Università della Tuscia; Università di Pavia; Università degli Studi Magna Graecia di Catanzaro; Università di Varese; Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant'Anna di Pisa; Università di Pisa; Università Sacro Cuore di Piacenza; University of Science and Technology, Korea; University of Warwick, UK; University of Leeds, UK; University of Cambridge, Glasgow University; Agricultural University of Norway ; Università di Losanne (Svizzera); University of Wisconsin (USA) 10

15 Elenco dei Contratti Contratti attivi LOFARMA S.P.A. Accertamento da contratto tra C.N.R.-I.B.B.A. e LOFARMA S.p.A. Ricerche riguardanti il clonaggio e la mutagenesi sito-specifica di geni codificanti per proteine allergeniche di interesse farmacologico - II rata MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Accertamento per l'incasso della prima rendicontazione del progetto con il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali denominato "R.I.F.A.F.E.R.T." il cui responsabile è il Dr. Paolo Leone EUROPEAN COMMUNITY Accertamento per incasso prima rata (40%) progetto con European Community denominato "Biochemical and genetic approaches to study biomolecular interactions in plants" il cui responsabile è il Dr. Alessandro Vitale Accertamento per incasso prima rata progetto con European Community denominato "Recombinant Pharmaceuticals from Plants for Human Health" il cui responsabile è il Dr. Alessandro Vitale Accertamento per entrata derivante da contratto ECOTUB stipulato con la Ccommissione Europea Fondazione Parco Tecnologico Padano Accertamento per convenzione tra C.N.R. - I.B.B.A. Sez. G.A. e F.P.T.P. (Anno 2003) Malaysian Palm Oil Board Accertamento per documenti amministrativi attivi Contratti passivi CLARA MARIA DELLA CROCE Contratto d'opera per "Studio degli effetti genotossici degli estratti di foglie e di olii essenziali di Citrus sp. e della variazione del pattern proteico indotti da stress abiotici e biotici" LABOSYSTEM S.r.l. Fornitura di Mobili da Laboratorio (banchi, cappe, armadi aspirati) per la nuova sede del C.N.R.-I.B.B.A. di Via Corti, 10 - Milano Smontaggio arredi tecnici da laboratorio del 5 e 6 piano di Via Bassini del C.N.R.-I.B.B.A. e trasferimento ai nuovi locali del 1 e 2 piano di Via Corti del C.N.R.-I.B.B.A. MANERBA S.p.A. Fornitura di mobili e arredi per l'ufficio 11

16 PIARDI TECNOLOGIE DEL FREDDO S.r.l. ORD.N.14/A3/04 DEL PIARDI TECNOLOGIE DEL FREDDO SRL - CASTENEDOLO -BS AHSI SPA ORD.N.10/A3/2002 DEL AHSI SPA- CORNATE D'ADDA -MI CAVALLO s.r.l. N. 1 Autoclave Systec V-75 Cod C - N. 1 Cestello cieco rifiuti C/Fori mm. 365H - N. 1 Raffredamento rapid cooling coil cod V - N. 1 Kit vuoto cod V N. 1 Stampante integrata cod V C.N.T. CONSORZIO NAZIONALE TRASLOCATORI Trasferimento dal V e VI piano di Via Bassini - Mialno, al piano interrato, I e II di Via Corti - Milano di strumenti, apparecchiature scientifiche, banchi lavoro, mobili ed arredi in genere, apparecchiature informatiche, vetrerie, reagenti, attrezzature varie ecc. APPLERA ITALIA ORD.N.16/A3/2004 DEL APPLIED BIOSYSTEMS - FIL..APPLERA EUROPE - MONZA- SCIENZE E TECNOLOGIE VETERINARIE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Trasferimento fondi in merito al Progetto di ricerca RIFAFERT di cui il Dr. Leone ne è il coordinatore incaricato del ricevimento e del versamento delle quote spettanti agli altri partners. Quota Parte a favore de "Dip. di Scienze e Tecnol. Veterinarie per la Sicurezza Alimen. - Univ. di Milano". SIEMENS FINANAZIARIA S.P.A. ORD.N.020/BIS/FIRB DAMIANI/05 DEL SIEMENS FINANZIARIA SPA - MILANO (PER RATA CONTR.LOCAZIONE N ) ORD.N.33/FIRB DAMIANI/04/BC/bis del SIEMENS FINANZIARIA SPA - MI - PER 3A RATA 2004 CANONE NOLEGGIO Ordine n. 008/BIS/ FIRBDANMIANI/02/03 del Siemens Fiananziaria S.p.A. ORD.N.010/BIS/FIRB DAMIANI/04 DEL SIEMENS FINANZIARIA SPA-MI CAVALLO Comm.GIUSEPPE S.N.C. di FELICE CAVALLO & C. ORD.N.02/FIRB/CORAGGIO 02-03/INV del CAVALLO COMM.G.-BUCCINASCO- MI Baldoni Elena II rinnovo contratto d'opera per "Analisi genomica e funzionale di pathways attivati dal fattore trascrizionali Osmyb4 di riso ed in risposta a stress abiotici". Rinnovo contratto d'opera per "Analisi genomica e funzionale di pathways attivati dal fattore trascrizionali Osmyb4 di riso ed in risposta a stress abiotici". Contratto d'opera per "Analisi genomica e funzionale di pathways attivati dal fattore trascrizionali Osmyb4 di riso ed in risposta a stress abiotici". 12

17 Ponzoni Elena II rinnovo contratto d'opera per "Identificazione di nuove componenti attivate nel reticolo endoplasmico della cellula vegetale in risposta a stress da accumulo di proteine non correttamente ripiegate". BIO S&T Inc. ORD.N.117/04A/RESINDION/03 DEL BIO S&T Inc., 5020 Fairway suite 220 Montreal Quebec H8T 188 Canada Klein Eva Maria Rinnovo contratto d'opera per "Interazioni con recettori e chaperones nella via di secrezione proteica delle cellule vegetali". EDIPLAN di Edi Cecchini EDIPLAN ORD. 90/B DEL 30/09/04 Università di Udine - Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Trasferimento fondi in merito al Progetto di ricerca RIFAFERT di cui il Dr. Leone ne è il coordinatore incaricato del ricevimento e del versamento delle quote spettanti agli altri partners. Quota Parte a favore de "Dip. di Scienze Agrarie e Ambientali - Università di Udine". ISTITUTO SPERIMENTALE PER LA NUTRIZIONE DELLE PIANTE Trasferimento fondi in merito al Progetto di ricerca RIFAFERT di cui il Dr. Leone ne è il coordinatore incaricato del ricevimento e del versamento delle quote spettanti agli altri partners. Quota Parte a favore de "Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante - Gorizia". 13

18 Elenco delle principali attrezzature scientifiche - Biophotometer Eppendorf - Camera temostatica KW - Centrifuga refrigerata Eppendorf - Citofotometro Leitz - Concentratore Eppendorf 5301 System - Imagemaster system VDS - Micromanipolatore Nicon - Microscopio - Microscopio Polyvar (Reichert-Jung)ottico, con fluorescenza e analisi di immagine - Microscopio ZEISS - Microscopio a fluorescenza Zeiss - Spettrofotometro - Thermocycler Eppendorf - Videocamera Leica - Videocamera Sony - apparati elettroforetici per proteomica - contatori a scintillazione per radioisotopi - depositore-lettore per microarrays - fitotroni per piante wt e transgeniche con sistemi di misura funzionalità delle piante - microscopi, rilevazione ed elaborazioni immagini - sistemi di separazione e quantificazione metaboliti (HPLC; FPLC; HPTLC; GC) - sistemi di trasformazione cellule vegetali e crescita in condizioni controllate - ultracentrifughe beckman e servall Istituti con i quali si collabora Istituti CNR esecutori di moduli di attività di commessa coordinata dall'istituto - Istituto di cristallografia Istituti CNR coordinatori di commesse di cui l'istituto è esecutore di moduli di attività - Istituto di cristallografia 14

19 Commesse 2005: Piano annuale 2005 Proteomica e microscopia subcellulare per lo studio dell'architettura e del funzionamento della cellula vegetale. Temi Tematiche di ricerca: Analisi confocale della struttura del reticolo endoplasmatico di transgenici per una proteina di membrana di tipo IV e per glutenine di frumento fuse alla green fluorescent protein. Analisi dei microtubuli e proteomica di: linee cellulari resistenti a composti antimitotici; comparti subcellulari e M. truncatula in risposta a sovraespressione di geni esogeni e/o stress. Studio delle modificazioni e localizzazioni subcellulari di proteine normali e mutate coinvolte nella regolazione trascrizionale e di proteine ad alta affinità di legame per chaperones molecolari. Stato dell'arte: Lo sviluppo di approcci high throughput per la caratterizzazione degli organismi ha consentito di acquisire conoscenze prima impensabili. In particolare, lanalisi del proteoma sta assumendo sempre più una dimensione funzionale, soprattutto per la possibilità di focalizzarsi su specifici tessuti e comparti cellulari. Un altro straordinario strumento di indagine per comprendere e conoscere le dinamiche strutturali e funzionali della cellula è oggi disponibile grazie agli enormi sviluppi delle tecniche di microscopia, in particolare la microscopia confocale. Azioni Attività in corso: I partecipanti hanno unesperienza consolidata nello studio della biologia cellulare, con particolare attenzione alla sintesi delle proteine del sistema di endomembrane, alla biogenesi degli organelli, allorganizzazione del citoscheletro, e nello studio dei meccanismi che presiedono alla modulazione dellespressione genica (regolazione trascrizionale e post-traduzionale). Nellambito di queste attività sono state acquisite competenze di biochimica, biologia cellulare e molecolare e microscopia che con il presente progetto si intende rafforzare e implementare. Azioni da svolgere e punti critici: Il presente progetto si propone di sviluppare e potenziare le nostre peculiari competenze di proteomica e microscopia. Per il conseguimento degli obiettivi proposti vi è lacquisto di strumentazione adeguata che consenta l'analisi delle diverse molecole e strutture di interesse. E altresì necessario il potenziamento dellattrezzatura per la separazione di proteine e lacquisto di software dedicati per l'analisi proteomica. Lacquisizione di una unità di personale è altresì auspicabile. Collaborazioni e committenti: IGV-CNR-Perugia; IGB-CNR-Napoli; ITB-CNRMilano, Università degli Studi di Firenze; Università degli Studi di Padova; Università degli Studi di Verona, CRA-Sezione di Bergamo; Università degli Studi di Milano: Istituto di scienze farmacologiche, DISMA; University of Warwick; Università di 15

20 Karlsruhe; Gruppo Europeo di lavoro sul citoscheletro; Università di Barcellona; Università di Marsiglia. Finalità Obiettivi: Obiettivi: sviluppo di proteomica e analisi confocale per lo studio di: architettura e composizione del reticolo endoplasmatico, basi molecolari e strutturali della resistenza ai composti antimitotici legate al citoscheletro, localizzazione subcellulare di proteine specifiche, effetto della sovraespressione in piante transgeniche di proteine a localizzazione nota o di un fattore trascrizionale implicato nell'aumentata tolleranza a stress. Competenze: microscopia confocale, biochimica delle proteine, biologia cellulare, trasformazioni genetiche. Risultati attesi nell'anno: Identificazione e caratterizzazione strutturale di componenti chiave per larchitettura e il funzionamento di comparti subcellulari in condizioni normali e in risposta a situazioni di stress. Individuazione di proteine la cui modulazione è implicata in risposte fisiologiche e regolative, in particolare identificazione di mutanti del citoscheletro e di domini regolativi di fattori trascrizionali e proteine del complesso trascrizionale. Lo sviluppo temporale sarà specifico delle varie attività, tuttavia le varie azioni si inquadreranno in progetti di valenza pluriennale. Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Conservazione delle risorse genetiche animali e valorizzazione delle loro produzioni Temi Tematiche di ricerca: Espressione genica per la qualità del latte e della carne suina Diagnosi aplotipo caseinico e associazione con fenotipi di significato economico nel bovino Diagnosi molecolare per identificazione di S. aureus nel latte Miglioramento qualità e conservazione del seme Studio fertilità in campo seme bovino Applicazione di finite mixture models a dati zootecnici transmission disequilibrium test in pedigree complessi Effetto inbreeding su caratteri riproduttivi in bovini Jersey EADGENE NoE Stato dell'arte: Il gruppo ha unattiva serie di interazioni tecniche e scientifiche basate su forti connessioni con studiosi universitari con i quali da anni sono in corso ricerche estremamente produttive e scientificamente qualificate. Le interazioni col mondo della ricerca universitaria sono estese a obiettivi diversi e coinvolgono anche altre istituzioni. Il gruppo ha infatti strette relazioni scientifiche anche con associazioni di allevatori attive sul campo e nellagroalimentare (Parco Tecnologico Padano). Azioni Attività in corso: Genoma animale e fenotipi di significato economico, in cui vengono esplorate le caratteristiche del genoma delle specie zootecniche. Riproduzione e conservazione genetica, in cui vengono studiati caratteri riproduttivi, lottimizzazione della funzionalità del materiale seminale e modellizzazioni di criobanche di materiale genetico Bioinformatica, in cui vengono analizzati dati molecolari e 16

21 quantitativi scaturiti dalle sperimentazioni in corso ed elaborate nuove modellizzazioni di gestione genetica Azioni da svolgere e punti critici: Vista linterdisciplinarità e la complessità dei problemi affrontati sarà necessario mantenere e aumentare un costante scambio di informazioni tra i ricercatori coinvolti aventi competenze complementari nella produzione ed analisi di dati riguardanti il settore zootecnico. Di cruciale importanza per gli sviluppi futuri sarà lacquisizione di una unità di personale tecnico e ricercatore specializzato. Collaborazioni e committenti: Dipartimento di Sicurezza Alimentare Università di Milano (VSA) Parco Tecnologico Padano (CERSA) Ente Lombardo Potenziamento Zootecnico Dipartimento di Patologia Animale, Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria, Università degli Studi di Milano Università di Piacenza Università della Tuscia University of Wisconsin Agricultural University of Norway ITB CNR ISPA - CNR EADGENE (Network of excellence) Finalità Obiettivi: Diagnostica molecolare per la qualità, tipicità e sicurezza dei prodotti Genetica delle caratteristiche qualitative delle carni destinate a trasformazione Genetica delle lattoproteine (proprietà nutrizionali) Valutazione della funzionalità degli spermatozoi Progettazione, ottimizzazione e gestione di criobanche del germoplasma animale Sviluppo di schemi di gestione della variabilità genetica Sistemi informativi per la valorizzazione delle risorse genetiche animali Competenze: genetica, biologia molecolare e cellulare, bioinformatica Risultati attesi nell'anno: Metodi molecolari per il riconoscimento di geni e marcatori per la qualità del latte e della carne. Strumenti diagnostici basati sullutilizzo di DNA chip. Creazione di banche delle risorse genetiche, metodiche di valutazione del materiale seminale, ottimizzazione delle tecniche riproduttive. Software per lanalisi filogenetica con utilizzo ottimale di informazioni eterogenee. Modelli e software per coespressione di geni sotto linfluenza di fattori esogeni. Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Biotecnologie agro-industriali per il miglioramento genetico, il rispetto dell'ambiente e la tutela dei prodotti, la produzione di proteine e metaboliti di interesse alimentare, salutistico e farmacologico. Temi Tematiche di ricerca: Approcci genetici e citogenetici per lo sviluppo di linee di fagiolo migliorate nutrizionalmente. Ottimizzazione della stabilità di vaccini in piante. Individuazione ed utilizzo di meccanismi di localizzazione subcellulare. Sviluppo di kits per la tipizzazione genetica. Trasformazione genetica con nuovi promotori e geni per la resistenza a stress. Cambiamenti metabolici indotti dalla transfezione del gene Myb4. Mutagenesi e produzione di proteine ipoallergeniche. Sviluppo di sistemi di espressione per la sintesi di immunotossine ricombinanti. 17

22 Stato dell'arte: ISTITUTI Le attuali tecniche danalisi genomica e biochimica permettono di accelerare e rendere più sicuri i processi di miglioramento genetico tradizionale e di caratterizzazione e tutela di genotipi vegetali. Le tecnologie di trasformazione genetica possono essere utilizzate per migliorare la qualità della produzione agricola e le sue interazioni con lambiente e per la produzione di molecole per uso industriale e biomedico, in modo economico, efficiente, sicuro e rispettose dellambiente. Azioni Attività in corso: A fini : nutrizionale (N), agronomico (A), metodologico (M), nutriceutico (NC), medico (MD). Miglioramento del fagiolo per proprietà nutrizionali dei semi (N). Produzione di nuove proteine vegetali più nutrienti (N). Produzione di piante più tolleranti agli stress e ai patogeni (A). Nuovi sistemi per il monitoraggio di varietà vegetali e isolamento nuovi promotori (M). Modulazione dellaccumulo di metaboliti secondari bioattivi (NC). Ingegneria cellulare per la produzione vaccini in piante (MD). Espressione di proteine di interesse farmacologico in sistemi eterologhi (MD). Azioni da svolgere e punti critici: I progetti potrebbero risultare ancor più competitivi qualora venisse acquisita strumentazione tecnologicamente più avanzata e si potesse contare su una realistica integrazione di personale ricercatore con esperienza in genetica e biotecnologia agraria e personale tecnico. Alcuni progetti ( produzione di vaccini, produzione di immunotossine a scopo farmacologico, sviluppo di kit diagnostici) incontreranno difficoltà tipiche della messa a punto di prototipi, per altro già sviluppati Collaborazioni e committenti: A livello nazionale con 7 Istituti CNR, 6 Istituti sperimentali o Enti di ricerca, 10 Università e 2 Industrie; da aggiungere 20 laboratori coinvolti in un progetto MIUR per la caratterizzazione delle risorse genetiche. A livello Internazionale con 10 Istituti di Ricerca o Università; 6 laboratori del progetto EU Biointeractions (www.unine.ch/bota/bioch/biointer.html) ; 30 laboratori del progetto EU Pharma-Planta (www.pharma-planta.org). Da aggiungere la presenza nel consorzio internazionale Phaseomics e nel gruppo di lavoro Internazionale sul citoscheletro. Finalità Obiettivi: Obiettivi : Migliorare la qualità del prodotto agricolo attraverso il breeding assistito e la produzione di piante transgeniche. Garantire unanalisi più accurata delle filiere utilizzando tecniche molecolari e caratterizzare le risorse genetiche. Utilizzare le piante geneticamente modificate per la produzione di proteine e altre molecole dinteresse agro- farmaceutico. Competenze : Genetica, citogenetica, biochimica, fisiologia, biologia cellulare e molecolare applicata alle piante, incroci e trasformazioni genetiche, coltivazioni in vitro e mutagenesi. Risultati attesi nell'anno: Dal 1 anno, con progressivo completamento alla fine del triennio, si prevedono: piante con maggiore resistenza agli stress; proteine da utilizzare come farmaci e vaccini ; metaboliti ad attività farmacologica Metodi per laccumulo di proteine eterologhe in piante transgeniche. Sistemi innovativi per la trasformazione a ridotto rischio genetico Nuove varietà di piante coltivate con ridotto accumulo di fattori antinutrizionali Proteine nutrizionalmente più favorevoli per gli animali monogastrici Nuovi marker e kit diagnostici per l'analisi di varietà 18

23 Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Basi Genetiche, Fisiologiche e Molecolari dello Sviluppo e Differenziamento di Specie Modello e di Interesse Agro-Alimentare in Risposta a Fattori Endogeni e Ambientali Temi Tematiche di ricerca: Caratterizzazione dei fattori di trascrizione KNOX in specie modello e di interesse agrario Risposta a stress da metalli pesanti Studio dei meccanismi di sviluppo, differenziamento e stadi meiotici Controllo della variabilità somaclonale durante la rigenerazione in vitro - Acquisizione e analisi dei parametri di sviluppo embrione/seme Studio della mutagenesi e dell'antimutagenesi con applicazione dei test più avanzati e costituzione di un servizio per la certificazione Stato dell'arte: La conoscenza dei determinanti genetici, fisiologici e ambientali che regolano laccrescimento e lo sviluppo di specie vegetali è diventato un tema di indagine importante per prevedere, controllare e modulare larchitettura della pianta a scopi produttivi. Poco è stato fatto su specie di interesse agrario per la incompleta, o assente, conoscenza dei genomi vegetali complessi. Il gruppo di Pisa è leader nazionale nello studio della mutagenesi di cellule eucariotiche. Azioni Attività in corso: Genomica e post-genomica di fattori di trascrizione importanti per lo sviluppo vegetale - Biotecnologie applicate per modificare la crescita, larchitettura e la produttività di specie di interesse agrario Sviluppo e stress: fattori biochimici e molecolari - Dinamica dei processi di sviluppo delle piante in vivo e in vitro in funzione di problematiche agroalimentari e ambientali - Valutazione dell'attività genotossica ed antimutagena di composti di interesse alimentare e ambientale Azioni da svolgere e punti critici: Reperimento di una sede adeguata per la sezione di Roma. Implementazione della strumentazione. Reperimento fondi per dottorati e contratti per personale giovane qualificato compreso il rientro dallestero di Post-doc con esperienza pluriennale nel settore. Collaborazioni e committenti: (Collaborazioni scientifiche in corso) Cons. Int. di Genom. Funz. e Proteom. (GFP), Università Roma1; Laboratoire de Biologie Cellulaire, INRA (F); Laboratory of Plant Molecular Biology, Rockefeller University, NY (US); Plant Gene Expression Center, USDA-UCLA, Albany, (US); Centro Interun. ESTree, Milano; Università della Calabria, Cosenza; Biochemistry and Genetics Dpt, University of Clemson, SC, US; Station de Recherches Agronomiques SRA INRA S Giuliano (Corsica), Cons. Istituto Nazionale Biostrutture e Biosintesi, Sassari. Finalità Obiettivi: Caratterizzazione funzionale e strutturale di fattori di trascrizione coinvolti nello sviluppo e differenziamento di organi vegetali in specie modello e di interesse agrario per il miglioramento della 19

24 produttività - Risposte adattative a stress in cellule eucariotiche: valutazione della tossicità di xenobiotici e selezione somaclonale in vitro di genotipi superiori non OGM Competenze: biologia molecolare, biochimica, fisiologia, colture in vitro, citologia ed istologia, genetica, mutagenesi. Risultati attesi nell'anno: Isolamento e studio funzionale-comparativo di fattori di trascrizione KNOX in erbacee e arboree in relazione allarchitettura della pianta e la produttività - Produzione, selezione e valorizzazione di genotipi superiori di erbacee e arboree mediante variazione somaclonale e ibridazione somatica interspecifica Determinazione dei meccanismi di mutagenesi e antimutagenesi in cellule eucariotiche - Servizio di analisi di mutagenesi per il monitoraggio dei prodotti agro-alimentarie e dellambiente Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Basi molecolari, fisiologiche e cellulari delle produzioni vegetali. Temi Tematiche di ricerca: Analisi del ruolo di introni, di fattori epigenetici e di specifici fattori trascrizionali nella espressione genica e/o nella regolazione del metabolismo. Analisi della risposta a stress abiotici, biotici e alla perturbazione delle maturazione strutturale delle proteine. Analisi dei fenomeni di ripiegamento, assemblaggio e degradazione delle proteine e dei meccanismi del loro smistamento alle membrane intracellulari e al vacuolo. Analisi molecolare, biologica e funzionale delle micorrize. Stato dell'arte: Negli ultimi decenni gli sviluppi della genetica molecolare, della fisiologia e della biologia cellulare hanno contribuito a definire i meccanismi molecolari che controllano le caratteristiche agronomiche e nutrizionali delle piante coltivate. Diversi centri di ricerca hanno avviato un'opera di integrazione fra il lavoro di caratterizzazione biochimica/fisiologica/cellulare e quello di miglioramento genetico delle piante coltivate. Azioni Attività in corso: I gruppi partecipanti hanno raggiunto una posizione di valenza internazionale in diversi settori fra i quali lo studio della espressione genica (struttura dei geni, analisi di regolatori trascrizionali e di determinanti epigenetici), della risposta agli stress (stress biotici, anossia ed altri stress abiotici, perturbazione del ripiegamento delle proteine), della maturazione strutturale e dello smistamento delle proteine nella via di secrezione e della interazioni pianta -rizosfera. Azioni da svolgere e punti critici: Gran parte delle competenze necessarie sono già state acquisite, ma lintroduzione di nuove tecnologie di analisi e di nuove strumentazioni potrebbe notevolmente incrementare le potenzialità del progetto. Sarà inoltre necessario garantire la disponibilità di opportune celle climatiche per la crescita delle piante. Per quanto riguarda le risorse umane ci preme rilevare la carenza di personale tecnico e la necessità di provvedere allacquisizione di nuove competenze, soprattutto nel settore della bioinformatica. 20

25 Collaborazioni e committenti: ISTITUTI Le attività si svolgeranno allinterno di una ampia rete di collaborazioni, coinvolgenti più di dieci diverse istituzioni italiane e straniere (dipartimenti universitari e enti di ricerca) e saranno in parte inquadrate nellambito di progetti nazionali e internazionali. Finalità Obiettivi: Obiettivi: i) caratterizzazione di fattori trascrizionali ed epigenetici che regolano lespressione genica ii) caratterizzazione del metabolismo e di fenomeni di trasduzione del segnale in piante sottoposte a stress iii) caratterizzazione dei meccanismi di maturazione strutturale e di smistamento delle proteine iv) caratterizzazione di funghi micorrizici in relazione ai processi di nutrizione delle piante. Competenze: genetica molecolare, analisi biochimica, espressione in sistemi eterologhi. Risultati attesi nell'anno: I risultati consisteranno principalmente nella caratterizzazione strutturale e funzionale di geni e di fattori proteici implicati nei cammini metabolici che influenzano le caratteristiche agronomiche delle piante o delle produzioni vegetali e nella caratterizzazione genetica e funzionale dei funghi micorrizici. Lo sviluppo temporale sarà specifico delle varie attività, ma in generale le varie azioni si inquadreranno in progetti di valenza pluriennale. Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Preconsuntivo 2005 Basi molecolari, fisiologiche e cellulari delle produzioni vegetali. Aggiornamento commento sui punti critici La situazione delle celle climatiche presso la sede di Milano è rimasta critica, ed è chiaro che l acquisizione di nuove celle richiederà uno sforzo economico notevole. La precarietà delle condizioni di crescita delle piante (scarsa superficie disponibile, frequente malfunzionamento chiaramente dovuto alla età delle strutture) ha creato grandi difficoltà. Il proseguimento di alcune attività potrebbe essere compromesso dalla mancanza di celle climatiche capaci di mantenere opportune condizioni di crescita per piante transgeniche e non transgeniche. Anche alcune attrezzature di base di laboratorio (es. ultracentrifuga) dovrebbero esser sostituite al più presto. Un altro fattore fortemente limitante le attività di ricerca è costituito dalla carenza di personale tecnico sia per la gestione dei servizi di base che per la organizzazione e gestione dei diversi laboratori coinvolti nello svolgimento delle attività che contribuiscono alla commessa. Il periodo di inattività legato al trasloco della sede di Milano ha inoltre influenzato negativamente lo sviluppo delle attività e ritardato l ottenimento di alcuni dei risultati previsti. 21

26 Collaborazioni ISTITUTI Le attività sono state svolte nell ambito di un ampia rete di collaborazioni nazionali e internazionali: Ente Nazionale Risi; Istituto Agrario S. Michele all'adige; C.R.A. Sanremo, Fiorenzuola D'Arda, Acireale; CNR: IVV Milano, IGV Napoli, ITB Milano, ICRM Milano, IBAF Porano; Scuola di Perfezionamento Sant Anna, Pisa; Dip. di Botanica, Università di Karlsruhe, Germania; Dept. of Biological Sciences, University of Warwick, U.K.; Russian Academy of Sciences, Inst. of Plant Physiology, Mosca, Russia; Bulgarian Academy of Sciences, Inst. of Plant Physiology, Sofia, Bulgaria; Dept. of Biology, University of California, San Diego, USA; Dip. di Agrobiologia e Agrochimica, Università della Tuscia, Viterbo; Dip. di Biologia delle Piante Agrarie, Univ. di Pisa; Dip. Ambiente Salute Sicurezza, Univ. dell'insubria; Dip. Scientifico e Tecnologico, Univ. di Verona; Dip. di Scienze Farmaceutiche, Univ. di Salerno; Dip. di Scienze e Tecnologie Agroambientali, Univ. di Bologna; Dip. di Ortoflorofrutticoltura, Univ. di Firenze; Univ. di Milano: Dip. di Biologia, Dip. di Scienze Precliniche, Dip. di Scienze Molecolari Agro-alimentari. Commento su eventuali scostamenti Lo sviluppo temporale di alcune attività è stato influenzato dal trasloco della sede di Milano ed alcune attività sono state rallentate da problemi tecnici alle attrezzature. Confronto tra risultati attesi e risultati conseguiti La commessa si proponeva di svolgere le seguenti attività: i) analisi del ruolo di introni, di fattori epigenetici e di specifici fattori trascrizionali nella espressione genica e/o nella regolazione del metabolismo ii) analisi della risposta a stress abiotici, biotici e alla perturbazione della maturazione strutturale delle proteine iii) analisi biochimica dei fenomeni di ripiegamento, assemblaggio e degradazione delle proteine e dei meccanismi del loro smistamento alle membrane intracellulari e al vacuolo. iv) analisi molecolare, biologica e funzionale delle simbiosi micorriziche. Come esposto in maggior dettaglio all'interno del modulo, le attività previste sono state generalmente svolte con successo conseguendo una serie di risultati che coprono nel loro complesso i seguenti settori: 1. Caratterizzazione di geni e di fattori proteici. 1A. Espressione genica 1B. Accumulo delle proteine 1C. Fisiologia dello stress 2. Biologia dei funghi micorrizici. Si ritiene quindi di poter affermare che, nei limiti posti delle incertezze intrinseche ad ogni attività sperimentale, non ci sono stati scostamenti significativi fra risultati previsti e conseguiti. Proteomica e microscopia subcellulare per lo studio dell'architettura e del funzionamento della cellula vegetale. Aggiornamento commento sui punti critici Il progetto si propone di sviluppare e potenziare preesistenti competenze di proteomica, di microscopia e di produrre strumenti biologici per indagini molecolari. La recente acquisizione del microscopio a fluorescenza darà un impulso agli studi sulla localizzazione di molte delle proteine oggetto di indagine, consentendo inoltre di effettuare analisi più dettagliate, mentre resta la necessità di potenziare la strumentazione per l'analisi proteomica. Collaborazioni Sono confermate le collaborazioni previste, si aggiunge una collaborazione col Laboratory of Plant Physiology and Biophysics University of Glasgow, UK 22

27 Commento su eventuali scostamenti ISTITUTI Un cambiamento di strategia consentirà di risolvere in modo adeguato le problematiche di clonaggio riscontrate nella produzione di vettori per la trasformazione mediata da agrobatterio (finalizzati a analisi della ruolo della polimerizzazione nella localizzazione subcellulare delle glutenine di frumento). Il parziale finanziamento ricevuto ha consentito solo l acquisizione del microscopio a fluorescenza, per altro non ancora consegnato all Istituto e i risultati conseguiti sono stati limitati anche dalla mancanza di adeguata strumentazione per proteomica e relativo software di analisi. Confronto tra risultati attesi e risultati conseguiti Sono state avviate le analisi proteomiche e di microscopia a livello cellulare e subcellulare. Si sono avuti parziali scostamenti rispetto ai risultati attesi. Per quanto concerne l analisi del ruolo della polimerizzazione nella localizzazione subcellulare delle glutenine di frumento si sono incontrate problematiche di clonaggio nella produzioni di vettori per la trasformazione mediata da agrobatterio. Non è ancora stata avviata l analisi del proteoma di piante wt o trasformate (con geni di riso codificanti per fattori trascrizionali di tipo Myb implicati nei meccanismi di tolleranza agli stress), nè è stata effettuata la comparazione fine dei profili 2D di proteine totali da reticoli endoplasmatici ottenuti da cotiledoni sottoposti o non a stress. Conservazione delle risorse genetiche animali e valorizzazione delle loro produzioni Aggiornamento commento sui punti critici Grazie al costante scambio di informazioni tra i ricercatori coinvolti nella commessa sono stati superati brillantemente i punti critici inizialmente identificati, in particolare per quanto riguarda l'interdisciplinarietà delle metodiche affrontate. Rimane tuttavia cruciale l'acquisizione di personale tecnico e ricercatore per potenziare l'attività della commessa. Collaborazioni Le collaborazioni avviate sono state consolidate nel corso del 2005 ed hanno portato alla presentazione congiunta di domande di finanziamento per futuri progetti. Inoltre durante l'anno sono state attivate collaborazioni con altre Istituzioni. Tra queste l'istituto di Ingegneria Agraria e il Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie dell'università degli Studi di Milano, ARAL Associazione Regionale Allevatori Lombardia, Associazione Italiana Allevatori Frisona Italiana - ANAFI, Istituto Sperimentale Italiano Lazzaro Spallanzani - Milano, Istituto di Chimica del riconoscimento molecolare - CNR Commento su eventuali scostamenti Nel complesso sono stati conseguiti tutti i risultati attesi; in aggiunta sono stati ottenuti altri risultati non previsti. Nel caso degli studi relativi ad Espressione genica per la qualità della carne suina ad esempio altri risultati sono stati: collezioni di tessuti (muscolo, fegato e pancreas), DNA e RNA da suini di diverse razze-dati relativi a caratteri qualitativi della carne in suini di diverse razze-messa a punto di protocolli di analisi dell'espressione differenziale. Inoltre prodotti collaterali conseguiti durante gli studi su Diagnosi molecolare per l identificazione di patogeni nel latte sono stati lo screening per la presenza di S.aureus in allevamenti delle principali province produttive lombarde e lo screening per la presenza di ceppi di S.aureus produttori di tossine e delle tossine stesse nei prodotti finiti pronti per il commercio. Nel 2005 il ricercatore Paul Boettcher ha iniziato un periodo di mobilità presso una prestigiosa organizzazione internazionale(iaea/fao-vienna).il ricercatore,che ha qualificate competenze nel settore della bioinformatica,ha comunque mantenuto stretti contatti con gli altri ricercatori consentendo la prosecuzione dei progetti avviati 23

28 Confronto tra risultati attesi e risultati conseguiti ISTITUTI Risultati ottenuti: Realizzazione di microarray per l'analisi dell'espressione genica nel suino per la qualità della carne-dna chip diagnostico per l'identificazione simultanea di 18 tra i principali polimorfismi lattoproteici bovini-diagnosi molecolare per l'identificazione di patogeni nel latte: i) messa a punto di metodi standardizzati per l'estrazione del DNA di S. aureus da latte ii) messa a punto di strumenti molecolari diagnostici per l'identificazione di S. aureus e di tossine stafilococciche nel latte-messa a punto di un software per valutare l'uso combinato di seme e embrioni per la creazione di banche delle risorse genetiche-valutazione della qualità del seme in razze suine locali- Ottimizzazione di metodi per valutare stato dell'acrosoma e integrità del DNA di spermatozoi nel bufalo-studio delle variazioni stagionali dello stato dell'acrosoma, dell'integrità di membrana e del DNA in spermatozoi di bufalo-definizione della concentrazione critica di spermatozoi nella dose di seme suino refrigerato-software per l'analisi filogenetica con utilizzo ottimale di informazioni eterogenee-modelli e software per coespressione di geni sotto l'influenza di fattori esogeni Basi Genetiche, Fisiologiche e Molecolari dello Sviluppo e Differenziamento di Specie Modello e di Interesse Agro-Alimentare in Risposta a Fattori Endogeni e Ambientali Aggiornamento commento sui punti critici Per quanto riguarda il reperimento di una sede adeguata per l Unità Organizzativa di Roma, il Direttore Generale e il Dott. Fiordiponti si sono personalmente impegnati a risolvere il nostro disagio entro pochi mesi mediante il trasferimento di un prefabbricato presso il CNR di Montelibretti, area di ricerca dove ci troviamo purtroppo ospiti in spazi sottodimensionati. La UO di Roma è inoltre in attesa di un implementazione della strumentazione. Per quanto riguarda il personale, abbiamo trovato fondi Europei per l assunzione di un ricercatore a tempo determinato (due anni) che sta rientrando dall estero ma continua ad essere necessario il reperimento di dottorati e borsisti e di personale da assumere per ripristinare un organico sufficiente. Presso l Unità Organizzativa di Pisa una unità di personale amministrativo è andata in pensione e un ricercatore di Pisa è venuto a mancare. Collaborazioni Consorzio Interdipartimentale di Genomica Funzionale e Proteomica (GFP), Università Roma1; Laboratoire de Biologie Cellulaire, INRA (F); Laboratory of Plant Molecular Biology, Rockefeller University, NY (US); Plant Gene Expression Center, USDA-UCLA, Albany, (US); Centro Interun. ESTree, Milano; Università della Calabria, Cosenza; Biochemistry and Genetics Dpt, University of Clemson, SC, US; Station de Recherches Agronomiques SRA INRA S Giuliano (Corsica), Cons. Istituto Nazionale Biostrutture e Biosintesi, Sassari. Le collaborazioni che riguardano la specie modello Arabidopsis thaliana dell UO di Roma con la Rockefeller University (US) sono state temporaneamente interrotte per l assenza di strutture adeguate (i.e. camere di crescita per le piante) e spazi per dottorandi e studenti. Commento su eventuali scostamenti Non ci sono stati scostamenti dalla pianificazione. Confronto tra risultati attesi e risultati conseguiti E' stata caratterizzata l espressione di cinque nuovi geni KNOX di Medicago truncatula. In arboree, sono stati clonati frammenti parziali e integrali dei trascritti di cinque geni KNOX di classe I e II in pesco, effettuata la mappatura genetica di due di essi e analizzata l espressione in meristemi e tessuti differenziati. Sono state identificate sequenze conservate, specifiche per la classe I e II dei KNOX, sia 24

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

Alimentazione umana e genetica

Alimentazione umana e genetica INTERVENTO DEL PROF. FRANCESCO SALA Professore ordinario di Botanica e di Biotecnologie Alimentazione umana e genetica CURRICULUM Francesco Sala, nato a Legnano (Mi) il 31.08.1938, si è laureato in Farmacia

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria (IBBA) Tuesday, October

Dettagli

I progetti AGER. Giorgia Spigno

I progetti AGER. Giorgia Spigno I progetti AGER Giorgia Spigno Università Cattolica del Sacro Cuore Istituto di Enologia e Ingegneria Agro-alimentare Via Emilia Parmense, 84 29122 Piacenza www.progettoager.it AGER «Agroalimentare e ricerca»

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it Le Biotecnologie La fine del XX secolo ha conosciuto un incredibile sviluppo della

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE FREDDI MARCELLA MONOENNIO CLASSE 5 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

Mercati di riferimento per le imprese science-based

Mercati di riferimento per le imprese science-based Mercati di riferimento per le imprese science-based 1 Tipologie di Imprese biotech Orientate alla ricerca Orientate allo sviluppo - Content companies - Platform companies - Service companies - Commodoty

Dettagli

Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare

Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare Le sfide dell'agricoltura sostenibile e la valorizzazione di un trademark: il Made in Italy agroalimentare Dipartimento Scienze Bio-Agroalimentari Direttore: Francesco Loreto e-mail: direttore.disba@cnr.it

Dettagli

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail:

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail: PRODUZIONI FORAGGERE Titolo del progetto Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale - BIOGESTECA Coordinatore del progetto Gian

Dettagli

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

09.50 Apertura dei lavori Roberto Chialva - Presidente Associazione Regionale Allevatori del Piemonte con il Patrocinio di: REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SALUZZO e con la partecipazione di: Università degli Studi di Torino Minori costi di produzione e maggior qualità del latte con i foraggi

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione

Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso di Laurea: Biotecnologie per la Qualità e la Sicurezza dell Alimentazione Corso: Biotecnologie genetiche vegetali (6 CFU) (5 CFU Lezioni + Laboratorio) Docente: Prof. Antonio Blanco email: antonio.blanco@uniba.it

Dettagli

MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI

MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI MAS -Marker Assisted Selection SELEZIONE ASSISTITA DA MARCATORI CHE COS E La Selezione Assistita da Marcatori (MAS, Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la selezione delle

Dettagli

BIOTECNOLOGIE UNIVERSITA DI UDINE. CORSO DI STUDIO in

BIOTECNOLOGIE UNIVERSITA DI UDINE. CORSO DI STUDIO in UNIVERSITA DI UDINE 1. DIPARTIMENTO DI CHIMICA, FISICA E AMBIENTE 2. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI 3. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE ED AMBIENTALI 4. DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali. UNIVPM - Ancona. www.agraria.univpm.it. Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - D3A Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali UNIVPM - Ancona www.agraria.univpm.it 1 Agricoltura Ambiente Alimenti IL DIPARTIMENTO DELLE TRE A (D3A) LE 3 A IN EUROPA A A A INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Gli OGM nell alimentazione animale: stato dell arte e prospettive future

Gli OGM nell alimentazione animale: stato dell arte e prospettive future VI Convegno Nazionale degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali sull alimentazione animale I 10 anni del C.Re.A.A.: un passo verso il futuro Roma, 11 giugno 2013 Ministero della Salute ILARIA CIABATTI

Dettagli

Tecniche di ingegneria genetica vegetale

Tecniche di ingegneria genetica vegetale Ingegneria genetica vegetale Tecniche di ingegneria genetica vegetale Prima di analizzare i possibili impatti sulla salute e sulla qualità dei prodotti costituiti o derivati da organismi geneticamente

Dettagli

SILA Sistema Integrato di Laboratori per l Ambiente

SILA Sistema Integrato di Laboratori per l Ambiente PIATTAFORMA TECNOLOGICA DI OMICA INTEGRATA (GENOMICA, PROTEOMICA, METABOLOMICA). Responsabili scientifici: Prof. Marcello Maggiolini Prof. Maria Beatrice Bitonti 0 La piattaforma tecnologica di OMICA

Dettagli

Bioelettricitàmicrobica

Bioelettricitàmicrobica Bioelettricitàmicrobica Anna Benedetti e Melania Migliore Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazione tra Pianta e Suolo CRA-RPS Roma, 29

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento Medicina molecolare e dello sviluppo PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento

Dettagli

Avvio della prima prova agronomica di canapa e lino in due diverse località della Regione Lombardia

Avvio della prima prova agronomica di canapa e lino in due diverse località della Regione Lombardia Progetto VeLiCa Avvio della prima prova agronomica di canapa e lino in due diverse località della Regione Lombardia I. Galasso, R. Reggiani, D. Breviario, M. Mattana, S. Mapelli CNR - Istituto di Biologia

Dettagli

Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali

Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali Associazione Giuseppe Dossetti Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali Roma, 21 Marzo 2013 Leonardo Santi Presidente Comitato Scientifico CNRB Presidente Onorario Comitato

Dettagli

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3)

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Progetto 2: Risorse biologiche e tecnologie innovative per lo sviluppo sostenibile del sistema agroalimentare (2008-2012) Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Sergio Mapelli

Dettagli

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Giovanni Piredda Santa Cristina Paulilatino (OR) 20 maggio 2009 www.sardegnaagricoltura.it/innovazionericerca

Dettagli

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani

FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani Il mondo degli animali è molto complesso ed affascinante ed offre

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 202-203. Per ulteriori informazioni si rimanda al numero telefonico : 032 660 63 Sig.ra Stefania Perasso. Corso

Dettagli

Sperimenta il BIOLAB

Sperimenta il BIOLAB Sperimenta il BIOLAB I numeri del BIOLAB Il Maserati porta annualmente al CusMiBio circa 200 alunni dalla 2^ alla 5^ Liceo Scientifico tecnologico per fare 2-3 laboratori di Genetica, Citologia e Biologia

Dettagli

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN GENETICA E GENOMICA La Missione. Ricerca e sviluppo a livello pilota e/o prototipale di processi/prodotti a base biologica, a forte contenuto innovativo e suscettibili di interesse per imprese industriali

Dettagli

Pianeta Vita. Acqua, sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale Mercoledì 6 Maggio 2015

Pianeta Vita. Acqua, sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale Mercoledì 6 Maggio 2015 Pianeta Vita Acqua, sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale Mercoledì 6 Maggio 2015 9:30 13.15 Sessione Mattutina La sicurezza alimentare da una prospettiva multidisciplinare Moderatore: Roberto

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento SCIENZE DELLA VITA PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento di Scienze della Vita

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DELL DOTT. MARIO TORIELLO

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DELL DOTT. MARIO TORIELLO CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DELL DOTT. MARIO TORIELLO Nome: Mario Toriello Luogo di nascita: Polla Data di nascita: 11/O8/1972 Residenza: Via Roma 60/C, Battipaglia- 84091 (Salerno) Nazionalità: Italiana

Dettagli

Pisa Pisa LE BIOTECNOLOGIE COME ELEMENTO DI SVILUPPO DELLA SOCIETA MODERNA

Pisa Pisa LE BIOTECNOLOGIE COME ELEMENTO DI SVILUPPO DELLA SOCIETA MODERNA * Comitato Nazionale Biosicurezza e Biotecnologie * * FINVACCHI * Università degli Studi Azienda Ospedale-Università Pisa Pisa LE BIOTECNOLOGIE COME ELEMENTO DI SVILUPPO DELLA SOCIETA MODERNA Conferenza

Dettagli

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE Università degli Studi di FIRENZE Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico 2012/2013 1 Premessa Denominazione

Dettagli

CONTRIBUTI DELLE MICROSCOPIE ALLO STUDIO DELLE COLTURE CELLULARI

CONTRIBUTI DELLE MICROSCOPIE ALLO STUDIO DELLE COLTURE CELLULARI CONTRIBUTI DELLE MICROSCOPIE ALLO STUDIO DELLE COLTURE CELLULARI Roma, 8-9 ottobre 2012 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (Aula Bovet) Convegno organizzato da ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (ISS) (Dipartimento

Dettagli

Scheda Progetto Codifica UTUS RIASS

Scheda Progetto Codifica UTUS RIASS Scheda Progetto Codifica UTUS RIASS Titolo progetto: Creazione di un Centro Grandi Apparecchiature (CGA) Referenti : prof. Domenico Lafiandra del Dipartimento DABAC-Dipartimento di Agrobiologia e Agrochimica

Dettagli

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA IL PROGETTO DI RICERCA Il progetto Applicazione di biotecnologie molecolari e microrganismi protecnologici per la caratterizzazione e valorizzazione delle filiere lattiero-casearia e prodotti da forno

Dettagli

SEZIONE SESTA FACOLTÀ DI AGRARIA ART. 1

SEZIONE SESTA FACOLTÀ DI AGRARIA ART. 1 SEZIONE SESTA FACOLTÀ DI AGRARIA ART. 1 Alla Facoltà di Agraria afferiscono i seguenti corsi di laurea specialistica: a) corso di laurea specialistica in Qualità e sicurezza alimentare b) corso di laurea

Dettagli

Cosa sono? Come? Perchè?

Cosa sono? Come? Perchè? Cosa sono? Un organismo vivente si definisce Geneticamente Modificato (OGM), secondo la legislazione nazionale e comunitaria, quando " il materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto

Dettagli

Curriculum vitae della Prof. Franca Tommasi. Dati anagrafici. Curriculum degli studi. Lingue conosciute Inglese, Francese

Curriculum vitae della Prof. Franca Tommasi. Dati anagrafici. Curriculum degli studi. Lingue conosciute Inglese, Francese Curriculum vitae della Prof. Franca Tommasi Dati anagrafici Nome : Franca Tommasi Residenza: via Elia del Re, 2, 70125 Bari Sposata con due figli Dipartimento di Biologia dell Università degli Studi di

Dettagli

Lezione II: i brevetti per invenzione e le esclusioni dalla brevettabilità

Lezione II: i brevetti per invenzione e le esclusioni dalla brevettabilità PROGETTO GEN HORT Lezione II: i brevetti per invenzione e le esclusioni dalla brevettabilità Stefano Borrini Società Italiana Brevetti La consulenza precedente al deposito In una università tre ricercatori

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE dipartimenti delle università e delle sottostrutture degli enti Salerno Informatica 1,49 78,9 Roma La Sapienza Informatica 1,39 68,8 Pavia Matematica F. Casorati 1,39 61,9 MEDIE Trieste SISSA *** n.d.

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Fondo Sociale Europeo MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE PUGLIA Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro

Dettagli

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA A CURA DELL UFFICIO STAMPA 1 MIPAAF: 21 milioni di euro per le biotecnologie sostenibili Si tratta di un piano articolato su tre anni gestito dal

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

PERCHE E UN OTTIMA SCELTA ISCRIVERSI AL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE DELLA FACOLTA DI SCIENZE Il Corso di Laurea triennale in

PERCHE E UN OTTIMA SCELTA ISCRIVERSI AL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE DELLA FACOLTA DI SCIENZE Il Corso di Laurea triennale in PERCHE E UN OTTIMA SCELTA ISCRIVERSI AL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN BIOTECNOLOGIE DELLA FACOLTA DI SCIENZE Il Corso di Laurea triennale in Biotecnologie offre una solida preparazione teorica e pratico

Dettagli

Servizi di Proprietà Intellettuale Chimica, Farmaceutica e Biotecnologia

Servizi di Proprietà Intellettuale Chimica, Farmaceutica e Biotecnologia Servizi di Proprietà Intellettuale Chimica, Farmaceutica e Biotecnologia Versione 1.0 Servizi alle imprese Siamo un gruppo di professionisti altamente qualificati molti di noi hanno esperienze in ambito

Dettagli

Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S.

Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico investiamo nel vostro futuro Alimenti, salute e sicurezza: il progetto Pl.A.S.S. Università di Foggia Il progetto

Dettagli

CONTRIBUTI DELLE MICROSCOPIE ALLO STUDIO DELLE COLTURE CELLULARI

CONTRIBUTI DELLE MICROSCOPIE ALLO STUDIO DELLE COLTURE CELLULARI Mod. S5 Rev. 2 del 02/04/2012, Pagina 1 di 6 CONTRIBUTI DELLE MICROSCOPIE ALLO STUDIO DELLE COLTURE CELLULARI Roma, 8-9 ottobre 2012 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (Aula Bovet) Convegno organizzato da ISTITUTO

Dettagli

l.aquilanti@univpm.it valentina.bernini@unipr.it giuseppe.blaiotta@unina.it BORIN Sara

l.aquilanti@univpm.it valentina.bernini@unipr.it giuseppe.blaiotta@unina.it BORIN Sara ALTIERI Clelia Università degli Studi di Foggia Via Napoli, 25-71100 Foggia Tel. 0881.589.235 Lab. 0881.589.219 Fax. 0881.740211. APONTE Maria Tel.. 081-2531111 AQUILANTI Lucia Via Brecce Bianche - 60131

Dettagli

La Fondazione Avantea

La Fondazione Avantea La Fondazione Avantea E stata fondata nel marzo 2010 dal Prof. Cesare Galli e dalla Dr.ssa Giovanna Lazzari con la dotazione in denaro associata al premio internazionale Simmet Prize for Assisted ReproducBon

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A.

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE DIPARTIMENTO PROPONENTE RIFERIMENTI DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO DI APPROVAZIONE DELL INIZIATIVA FORMATIVA (indicare, eventualmente,

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

Qualità del frutto: strategie molecolari per il monitoraggio dei geni coinvolti. Gaetano Perrotta

Qualità del frutto: strategie molecolari per il monitoraggio dei geni coinvolti. Gaetano Perrotta Qualità del frutto: strategie molecolari per il monitoraggio dei geni coinvolti Gaetano Perrotta Principali Caratteristiche del Frutto Elevata variabilità Forma Pigmentazione Consistenza Sapore/Aroma Elementi

Dettagli

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE Dipartimento di Scienze Biomolecolari Struttura Didattica di Biotecnologie Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE E-mail biotecnologie@uniurb.it Sito web www.uniurb.it/biotecnologie/ Attività Didattica Informazioni

Dettagli

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008 IMT ALTI STUDI LUCCA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI ASTROFISICA SPAZIALE ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA SEDE BOLOGNA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/OSSERVATORIO

Dettagli

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE Roma, 25 marzo 2003 Gruppo di lavoro misto CNBB-MIPAF: Protocolli tecnici per la sperimentazione in regime di sicurezza delle attività di ricerca e di sperimentazione riguardanti gli OGM in campo agricolo

Dettagli

Scuole di Specializzazione in Microbiologia e Virologia

Scuole di Specializzazione in Microbiologia e Virologia Scuole di Specializzazione in Microbiologia e Virologia Contatti e referenti in tutta Italia Le Scuole di specializzazione sono presenti su tutto il territorio nazionale,in alcuni casi sono state accorpate

Dettagli

agraria architettura economia Domande di Iscrizione anni successivi al I^ Passaggi C.d.S. e Passaggi di Ordinamento CODICE CORSO

agraria architettura economia Domande di Iscrizione anni successivi al I^ Passaggi C.d.S. e Passaggi di Ordinamento CODICE CORSO CLASSE CORSI DI LAUREA 2012 CODICE CORSO UNIVERSITA' PROVENIENZA Domande di Iscrizione anni successivi al I^ Passaggi C.d.S. e Passaggi di Ordinamento agraria L-25 Agroingegneria - interateneo con "Escuela

Dettagli

Massimo LABRA. Curriculum vitae

Massimo LABRA. Curriculum vitae Massimo LABRA Curriculum vitae Nato a Bollate (MI) il 18.10.1971, si diploma nel Giugno 1989 presso l Istituto Tecnico Statale con la qualifica di Tecnico di Laboratorio. Nel Mag. 96 si laurea in Scienze

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO

MASTER UNIVERSITARIO Con il patrocinio della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Cosenza, dal Comune di Reggio Calabria e dall ordine degli agronomi di Cosenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello IN

Dettagli

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca

Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca Dottorato di ricerca e Scuole di Dottorato in Italia Legge 3-7-1998 n 210 Decreto 30 aprile 1999, n 224 Regolamento in materia di dottorato di ricerca La formazione del dottore di ricerca, comprensiva

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 GENERALITA Classe di laurea di appartenenza LM-9, Biotecnologie sanitarie mediche e veterinarie Durata del corso

Dettagli

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n.

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. 7125 Acronimo: CoVAL Conservazione e valorizzazione di razze avicole

Dettagli

Allegato A) REGIONI: FRIULI-VENEZIA GIULIA / TRENTINO-ALTO ADIGE / VENETO

Allegato A) REGIONI: FRIULI-VENEZIA GIULIA / TRENTINO-ALTO ADIGE / VENETO Linea strategica: Dispositivi e sensori innovativi Tematica di lavoro: Proteine transmembrana e loro effetti sul trasporto cellulare, Scienze biologiche, Chimica e tecnologie farmaceutiche, Biotecnologie

Dettagli

Socio Onorario Autuori Francesco Università degli Studi Tor Vergata gruppo principale: gruppo secondario: settori ERC: parole chiave: sezione: LAB

Socio Onorario Autuori Francesco Università degli Studi Tor Vergata gruppo principale: gruppo secondario: settori ERC: parole chiave: sezione: LAB Socio Onorario Alberghina Lilia SYSBIO - Centro di Systems Biology Università degli Studi di Milano-Bicocca Piazza della Scienza 2, 20126 Milano (MI) BIOLOGIA COMPUTAZIONALE E DI SISTEMA LS2_13 Systems

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Nota: per le modalità concorsuali si prega cortesemente di fare sempre riferimento al Bando di Concorso A. A. 2005-2006 Parte A Informazioni generali Proposta d istituzione

Dettagli

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE CLASSE LM-9 Avvertenze per la compilazione:

Dettagli

Manifesto degli Studi Laurea Magistrale in BIOINFORMATICA a.a. 2012-2013

Manifesto degli Studi Laurea Magistrale in BIOINFORMATICA a.a. 2012-2013 1. Tabella degli insegnamenti Manifesto degli Studi Laurea Magistrale in BIOINFORMATICA a.a. 2012-2013 Insegnamento SSD CFU Risultati di apprendimento previsti Applicazioni Web per la Biomedicina MED/04

Dettagli

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER 1_CORSI_MASTER JB: 10-12-2012 8:35 Pagina 220 CORSI UNIVERSITARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - Dipartimento di Agraria Corso di Laurea in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche L-25 Obiettivi:

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

ALLEGATO ALL ACCORDO DI PROGETTO COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L UNIVERSITA DI SASSARI

ALLEGATO ALL ACCORDO DI PROGETTO COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L UNIVERSITA DI SASSARI COOPERAZIONE TRA IL CENTRO DI BIOTECNOLOGIA DELL UNIVERSITA EDUARDO MONDLANE E L Formazione e aggiornamento dei ricercatori del Centro di Biotecnologia dell Università Eduardo Mondlane di Maputo (AID 9397)

Dettagli

BIOTECNOLOGIE SOSTENIBILI PER L'AGRICOLTURA ITALIANA

BIOTECNOLOGIE SOSTENIBILI PER L'AGRICOLTURA ITALIANA BIOTECNOLOGIE SOSTENIBILI PER L'AGRICOLTURA ITALIANA Il miglioramento genetico vegetale rappresenta uno dei settori attraverso i quali è possibile aumentare competitività e sostenibilità del sistema agricolo

Dettagli

A che servono le piante transgeniche?

A che servono le piante transgeniche? A che servono le piante transgeniche? Ricerca di base Applicazioni Ricerca di base Favorire la comprensione e lo studio del ruolo fisiologico di molti geni Effetti correlati alla sovraespressione o alla

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail CARRERA PAOLA Nazionalità Data di nascita Codice fiscale italiana CRR PLA 57T45

Dettagli

FACOLTA' DI AGRARIA PROPEDEUTICITA' TRA INSEGNAMENTI NEI DIVERSI CORSI

FACOLTA' DI AGRARIA PROPEDEUTICITA' TRA INSEGNAMENTI NEI DIVERSI CORSI FACOLTA' DI AGRARIA PROPEDEUTICITA' TRA INSEGNAMENTI NEI DIVERSI CORSI DI LAUREATRIENNALI ISTITUITI AI SENSI DEL DM 509/1999 (ad esaurimento) SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI CHIMICA FONDAMENTI DI BIOLOGIA

Dettagli

X CONVEGNO NAZIONALE SULLA BIODIVERSITA

X CONVEGNO NAZIONALE SULLA BIODIVERSITA I Circolare X CONVEGNO NAZIONALE SULLA BIODIVERSITA Roma e Viterbo, 2-5 settembre 2014 Organizzazione a cura di: Centro Interuniversitario per le Ricerche, la Conservazione ed utilizzazione del Germoplasma

Dettagli

OLIMPIADI NEUROSCIENZE 2016 - ELENCO COORDINATORI LOCALI

OLIMPIADI NEUROSCIENZE 2016 - ELENCO COORDINATORI LOCALI OLIMPIADI NEUROSCIENZE 2016 - ELENCO COORDINATORI LOCALI REGIONE ISTITUZIONE COORDINATORE EMAIL INDIRIZZO ABRUZZO e Imaging, Università degli Studi di Chieti Prof. Maria Mariggiò Dr. Simone Guarnieri mariggio@unich.it

Dettagli

RIAPERTURA TERMINI ELENCO PROPOSTE INSERIMENTI MEDIANTE TIROCINIO. (durata 12 mesi) Dipartimento di Architettura

RIAPERTURA TERMINI ELENCO PROPOSTE INSERIMENTI MEDIANTE TIROCINIO. (durata 12 mesi) Dipartimento di Architettura ALLEGATO 1 RIAPERTURA TERMINI ELENCO PROPOSTE INSERIMENTI MEDIANTE TIROCINIO (durata 12 mesi) CODICE SELEZIONE TIR02 Dipartimento di Architettura Profilo : Specialista con competenze di base utili per

Dettagli

Biotecnologie vegetali e ricerca spaziale

Biotecnologie vegetali e ricerca spaziale Biotecnologie vegetali e ricerca spaziale Giorgio Morelli Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione MOF-Fondi 21 maggio 2004 Alcune piante per il sostentamento della vita nello spazio

Dettagli

1985 - Diplomato presso l'istituto Tecnico Agrario Statale G. Ferraris di Vercelli, nell'anno scolastico 1984-85 con la votazione di 60/60

1985 - Diplomato presso l'istituto Tecnico Agrario Statale G. Ferraris di Vercelli, nell'anno scolastico 1984-85 con la votazione di 60/60 Prof. Valerio Bronzo Professore Associato Confermato presso il Dipartimento di Scienze Veterinarie per la Salute, la Produzione Animale e la Sicurezza Alimentare della Facoltà di Medicina Veterinaria dell

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

Scienze Biotecnologiche

Scienze Biotecnologiche Scienze Biotecnologiche FACOLTÀ DI SCIENZE BIOTECNOLOGICHE www.biotec.uniba.it Presidenza Via G. Fanelli, 204-70125 Bari Preside: prof. Luigi Palmieri Tel. 080.5442408-2409-3701-3700; fax 080.5442411;

Dettagli

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A.

QCM. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER. della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. MASTER UNIVERSITARIO di II livello in QUALITY CONTROL MANAGER della filiera agroalimentare biologica e biotecnologica (60 CFU) A.A. 2011/2012 QCM Direttore Scientifico del Master Prof. Gaetano Ragno Dipartimento

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali

Programma di Tirocinio/Stage. Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli ecosistemi agrari e forestali Al Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 9010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Metodologie e modelli per la quantificazione delle emissioni di CO 2 dal suolo negli

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (Appartenente alla classe di laurea L-2 Biotecnologie) Titolo di ammissione Diploma di maturità. Durata 3 anni Modalità di accesso Il numero massimo di studenti iscrivibili

Dettagli

WP2-Efficienza d uso dei nutrienti minerali (e riduzione degli apporti di fertilizzanti al suolo)

WP2-Efficienza d uso dei nutrienti minerali (e riduzione degli apporti di fertilizzanti al suolo) WP2-Efficienza d uso dei nutrienti minerali (e riduzione degli apporti di fertilizzanti al suolo) Fabio Francesco Nocito, DiProVe - UNIMI Lodi, 8 giugno 2011 Elementi essenziali per le piante Macronutrienti:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario Indice dell'opera Prefazione Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Capitolo 2 DNA: il materiale genetico La ricerca del materiale genetico La composizione

Dettagli

PIANO ANNUALE 2007 Preliminare

PIANO ANNUALE 2007 Preliminare Consiglio Nazionale delle Ricerche PIANO ANNUALE 2007 Preliminare Agroalimentare Elenco dei Progetti: Sviluppo di biotecnologie avanzate per il sistema agroalimentare Risorse biologiche e tutela dell'agroecosistema

Dettagli