La moderna irroratrice in un quadro normativo e legislativo rinnovato per l'uso sostenibile degli agrofarmaci

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La moderna irroratrice in un quadro normativo e legislativo rinnovato per l'uso sostenibile degli agrofarmaci"

Transcript

1 La moderna irroratrice in un quadro normativo e legislativo rinnovato per l'uso sostenibile degli agrofarmaci Claudio Rizzi Daniel Bondesan C.T.T. FITOIATRIA Fondazione E. Mach-Istituto Agrario di S. Michele a/a

2 Bagnatura non vuol dire deposito

3 Efficacia di un trattamento distribuzione dose volume momento intervento Prodotto

4 MODALITA DI DISTRIBUZIONE Controllo ricamatori pre raccolta prova biologica Steward Taio 2008 Golden M9 sotto rete altezza pianta 3,6 m 4 3,5 danno II gen% 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 test assiale in basso assiale in torretta in torretta in alto basso alto

5 atomizzatore tradizionale d e p osito (m g /m 2) a lte zza (m ) m g /m 2 deriva e perdite a terra Dott Baldoino U. Padova

6 atomizzatore tradizionale irroratrice 1 (aziendale) vigneto 1 32% 37% 31% de riva distribuzione del deposito pe rdita a te rra de pos ito fogliare Dott Baldoino U. Padova

7 Atomizzatore a getto mirato d e p osito (m g /m 2) a lte zza (m ) m g /m 2 deriva e perdite a terra Dott Baldoino U. Padova

8 Atomizzatore a getto mirato irroratrice 5 (Caffini Synthesis) vigneto 1 21% 57% 22% de riva distribuzione del deposito pe rdita a te rra de pos ito fogliare Dott Baldoino U. Padova

9 Diffusori Convogliatori Torrette 9

10

11

12

13 13

14 Ugelli non fissi

15

16 A z. T o rres a ni : G ra zie a lla fo rm a e a lla ta g lia c o nte nuta la pa rte m edia na e a lta de lla pia nta può e s s ere fa c ilm e nte c o lpita.

17 A z. Z a m bia s i: Frutteto m o lto g ra nde, ra ppre s e nta a nc o ra il 30% della rea ltà fruttic o la trentina.

18 Parametri della coltura I pa ra m e tri della c o ltura s o no es s e nzia li pe r un c o rretto c a lc o lo della do s e di s o luzio ne da a pplic a re ( s ia vo lum e d a c qua c he g di pro do tto ). Az. Zambiasi Az.Torresani Altezza piante (m) Altezza fascia vegetativa (m) Larghezza della fascia vegetativa (m) ca Volume delle piante (m3/ha) Leaf area Index (LAI)

19 Parametri dell applicazione Az. Zambiasi Az. Torresani Albuz ATR 80 orange Albuz ATR 80 orange Numero di ugelli Pressione (bar) velocità di applicazione (km/h) Ugelli usati volume d acqua (l/ha) 3 concentrazioni L a c a libra zio ne de g li a to m izza to ri c o m e la m is ura zio ne de l vo lum e de lla pia nta s o no s ta te e ffe ttua te prim a di e ffe ttua re il tra tta m e nto c o n il tra c c ia nte. I l vo lum e di a pplic a zio ne us a to da T o rre s a ni rie ntra va ne l ra g e ra c c o m a nda to m a pe r l a z. Z a m bia s i i 1000l c a lc o la ti e ra no ba s s i.

20 Deposito e distribuzione del prodotto su foglie S i può no ta re il ba s s o de po s ito o tte nuto ne l frutte to de ll a z.z a m bia s i. Q ue s to do vuto a ll e le va to vo lum e de lle pia nte e a lle bra nc he s o tto c he no n ha nno pe rm e s s o a lle g o c c ie di a rriva re ne lla pa rte a lta de lla pia nta. L a dis tribuzio ne de l pro do tto no n è m o lto unifo rm e in e ntra m bie le a zie nde, s i può no ta re l a lto de po s ito ne lla pa rte ba s s a de lla pe rife ria.

21 Deposito e distribuzione del prodotto su frutti I l de po s ito s u frutti s e m bra e s s e re più unifo rm e ris pe tto a que llo de lle fo g lie pe r il frutte to de ll a z.t o rre s a ni. N e ll a z.z a m bia s i s i no ta l e no rm e diffe re nza di de po s ito fra la pa rte a lta e la pa rte ba s s a de lla pia nta s e m pre a c a us a de ll e le va to vo lum e de lle pia nte. I l tre nd di rinno vo de i frutte ti c he s ta a vve ne ndo in V a l di N o n a iute rà m o lto il m ig lio ra m e nto de lle a pplic a zio ne in fruttic o ltura.

22 Golden Delicious on M9

23 Distribuzione e deposito su frutti e foglie Golden M9 3,45 mt Settembre 2005

24 Media del deposito su foglia P e r l A z. T o rres a ni la m edia del depo s ito è a lta, per l A z. Z a m bia s i la m edia de l depo s ito ris ulta no n a c c e tta bile.

25 Per un trattamento efficace: prove di trattamenti biologiche e con traccianti: Performance sempre migliore con atomizzatori dotati di convogliatore a torretta Difficoltà di trattare in maniera uniforme e sufficiente con atomizzatori tradizionali assiali piante di taglia medio alta (4-6 m di altezza) Importante tarare e calibrare bene l atomizzatore in funzione delle dimensioni del frutteto volume di miscela da distribuire in funzione della vegetazione da trattare Taratura degli ugelli (e dell aria) in funzione di una bagnatura più uniforme possibile velocità di avanzamento adeguate: assiale non superare i 5 Km/h Conclusioni i risultati ottenuti mettono in luce le possibilità di migliorare l efficienza dei trattamenti e la salute dell ambiente grazie ad un uso oculato della tecnologia oggi disponibile nel settore della difesa delle colture. Problema della deriva!

26 LE NUOVE DIRETTIVE EUROPEE In essere dal dicembre 2009 DIRETTIVA 2009/128/CE DIRETTIVA MACCHINE 2009/127/CE Uso sostenibile dei Emendamento della PRODOTTI precedente 2006/42/CE FITOSANITARI relativa all impiego delle macchine irroratrici

27 TUNNEL

28 Ogni ugello presenta caratteristiche specifiche E importante la scelta dell ugello più adatto

29 DISPOSITIVI ANTIDERIVA Ugelli antideriva Ugello convenzionale Albuz ATR a turbolenza Ugello antideriva a fessura

30 SOLUZIONI COSTRUTTIVE Ugelli antideriva ad iniezione d aria Fonte: DEIAFA - Torino

31 Irroratrice a polverizzazione mista su Guyot U g e lli A T R m a r r o n e (g r a d o d i p o lv e r iz z a z io n e m o lto fine) e d u g e lli a n tid e r iv a A V I v e r d i s u P in o t g r ig io in f a s e d i in v a ia tu r a (Prove 2009, FEM Centro Trasferimento Tecnologico)

32 Confronto fra ugelli AVI e cono Albuz cone AVI

33 Qualità della distribuzione con AVI Alto Medio interno Medio periferia Basso

34 Deposito prodotto su foglie e frutti Gala 2005 Borgo (ng/cm 2 ) / (g/ha) Top Middle Bottom Mean Top Middle Fruit Bottom Mean Leaves Albuz AVI 8002 yellow ATR orange Aug

35 Confronto ugelli(avi) su Gala Borgo

36 Nozzles and nozzle characteristics Standard hollow cone nozzle Albuz ATR orange Flat fan injector nozzle Albuz AVI yellow Hollow cone injector nozzle Albuz TVI yellow Recommended pressure range 3 25 bar 3 7 bar 5 25 bar Spray angle Droplet spectra Fine Coarse Coarse Drift potential Elevated Very low Very low

37 Parametri operativi Macchina aziendale Albuz ATR orange Albuz AVI yellow Albuz TVI yellow Numero ugelli 2x6 2x6 2x6 Pressione 7 bar 7 bar 7 bar Portata ugello 1.20 l/min 1.19 l/min 1.20 l/min Velocità 6.82 km/h 6.66 km/h 6.40 km/h 362 l/ha 370 l/ha 386 l/ha Volume bagnatura

38 Caratteristiche frutteto Varietà: Lasa Volume vegetazione: 8042 m3/ha LAI: 1.40 (stimato) Dimensioni piante: altezza tot.: 3.2 m altezza chioma: 2.75 m spessore: 1.02 m sesto d impianto: 3.5 x 0.9 m Stadio vegetativo: (inizio raccolta)

39 Deposito su foglie Tracer deposit on leaves; Treatments Borgo Top Bottom Average Deposit on leaves (ng/cm2)/(g/ha) ATR standard hollow cone nozzle AVI flat fan injector nozzle TVI hollow cone injector nozzle Deposito con antideriva a ventaglio molto uniforme (base e cima piante) Deposito con ugelli a cono (standard ed antideriva) fino a 35 % più elevato nelle foglie in basso rispetto a quelle in alto Elevate differenze di deposito fra gli ugelli nella parte alta, ma molto simile nella parte basale delle piante deposito medio per gli ugelli antideriva a cono del 15 % più scarso rispetto ai getti a ventaglio (a causa delle differenze nella parte alta)

40 Deposito su frutti Tracer deposit on fruits; Treatments Borgo Top Bottom Average Deposit on fruits (ng/cm2)/(g/ha) ATR standard hollow cone nozzle AVI flat fan injector nozzle TVI hollow cone injector nozzle Deposito con antideriva a ventaglio molto uniforme (base e cima piante) Deposito con ugelli a cono (standard ed antideriva) fino al 15 % più elevato nei frutti in basso rispetto a quelli in alto Differenze di deposito per i diversi ugelli sui frutti meno pronunciate rispetto alle foglie nella parte alta. Nessuna differenza di deposito nella parte bassa

41 Problemi riscontrabili Possibili otturazioni degli orifizi con conseguente riduzione della portata erogata o mancata inclusione d aria nelle gocce

42

43

44 EFFICACIA DEI TRATTAMENTI CON UGELLI ANTIDERIVA Ticchiolatura: attacco su FRUTTI

45 La deriva in condizioni ottimali

46 Ugelli antideriva Buon deposito, ma scarsa uniformità di copertura (IBS, ecc.) Importante la vicinanza al bersaglio (torrette, no piante alte) Non tutti gli antideriva si adattano alle nostre esigenze Per massimizzare l efficacia ed il deposito utilizzare almeno 400 l/ha (3 4 conc.)

47

48 SPERIMENTAZIONE 2009 Obiettivi Individuazione di sistemi di riduzione della deriva che si adattino alla FRUTTICOLTURA TRENTINA Stima delle dispersioni durante un trattamento fitosanitario e fra diverse modalità di applicazione Valutazione dei miglioramenti ottenibili con dispositivi ANTIDERIVA (ugelli e convogliatori) Valutazione dei miglioramenti ottenibili attraverso la corretta regolazione dell attrezzatura impiegata

49 PROVA Borgo: macchine ed attrezzature utilizzate TE S I A C O N FR O N T O A Z IE N DA S PE R IM. S PAG OLLE 22 lug lio 2009 L a nc ia a m a no c o n ug ello a pia s trina U g elli A V I a d A N TIDE R IV A inc lus io ne d a ria V e lo c ità 6,5 K M /O R A U g elli A T R tra dizio na li V elo c ità 6,2 K M /O R A

50 Regolazione macchine impiegate Lancia a mano (30 bar) Volume distribuito 27 ettolitri/ha T o rre tta + 16 A L B U Z A T R (6 ba r) + A L T A po rta ta d a ria M is c ela 3,5 etto litri/h a = 4 c o nc. T o rretta + 16 A N T I D E R I V A (6,5 ba r) + A L T A po rta ta d a ria M is c ela 3,5 etto litri/h a = 4 c o nc. T o rretta + 16 A N T I D E R I V A (6,5 ba r) + B A S S A po rta ta d a ria

51 SCENARIO SPERIMENTALE caratteristiche del frutteto Var. GALA, su M9 Sesto: 3,5 x 0,9 m Età impianto: 10 anni Altezza piante: 3,5 4 m A Z IE N DA S PA G OLLE 22 lug lio 2009 ASSENZA DI VENTO!

52 Scenario sperimentale: disposizione dei captatori Aste di 6 m con captatori distanziati 1 m uno sopra l altro 3 RIPETIZIONI lungo il filare 1m 3m 5m Piastre Petri per rilevare i depositi a terra 10 m 15 m 18 m

53 R IS U LTA TI DE LLA 1 P R O VAA Z IE N DA S PAG OLLE a Curve di deriva 22 lug lio 2009

54 R IS U LTA TI DE LLA 1 PR OVA a A Z IE N DA S PA G OLLE 22 lug lio % -41% -83% OK!

55 CONCLUSIONI Dalle prime esperienze è emerso che: Ugelli antideriva e convogliatore a torretta consentono di contenere la deriva, ma per massimizzare la loro efficienza è necessario regolare adeguatamente la quantità di aria del ventilatore Resta inteso che le condizioni climatiche in cui si opera devono essere adeguate.

56 Da cosa dipende il successo di un trattamento Deveau J., Ministry of Agriculture Food and Rural Affairs, Ontario (2009)

57 RINGRAZIAMENTI Unità Fitoiatria:Dalpiaz Maurizio, Taler Marco, Baldessari Mario, Graziano Giuliani, Matteo Curzel, Gianluca Zadra, Livia Zanotelli, Elisa Zadra, Giulio Bortolini Azienda Sperimentale Spagolle De Bellat Azienda Sperimentale Maso Maiano Azienda Calliari Sergio Azienda Fattor Andrea Giovani tirocinanti dell Istituto

58 idrosensibili GrazieCartine dell attenzione

Scegliere e regolare le macchine per una corretta distribuzione in campo

Scegliere e regolare le macchine per una corretta distribuzione in campo Scegliere e regolare le macchine per una corretta distribuzione in campo Cristiano Baldoin Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali Università di Padova 1 Da dove nasce l esigenza di una normativa per

Dettagli

Scelte operative e regolazioni delle irroratrici per distribuire i prodotti fitosanitari rispettando l ambiente

Scelte operative e regolazioni delle irroratrici per distribuire i prodotti fitosanitari rispettando l ambiente Scelte operative e regolazioni delle irroratrici per distribuire i prodotti fitosanitari rispettando l ambiente Cristiano Baldoin Dip. Territorio e Sistemi Agroforestali Università di Padova 1 Perché la

Dettagli

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 CENTRO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO RIDUZIONE DELLA DERIVA ED EFFICACIA DEI TRATTAMENTI ESPERIENZE IN TRENTINO DANIEL BONDESAN & CLAUDIO RIZZI P.P.A. Forum Fitoiatrici Legnaro, 5 dicembre 2013 SPERIMENTAZIONE 2009 2013 Obiettivi Individuazione

Dettagli

LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE

LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE REGOLAZIONE NON CORRETTA NO SI CONSEGUENZE Sovra o sottodosaggi Zone non trattate Spreco di prodotto Inquinamento

Dettagli

Riduzione della deriva ed efficacia dei trattamenti Esperienze in vigneto ed in frutteto

Riduzione della deriva ed efficacia dei trattamenti Esperienze in vigneto ed in frutteto Forum Fitoiatrici Contenimento della deriva ed efficacia dei trattamenti fitosanitari Veneto Agricoltura, 5 Dicembre 2013 Riduzione della deriva ed efficacia dei trattamenti Esperienze in vigneto ed in

Dettagli

Nota Tecnica 1. Maria Corte Claudio Sonnati

Nota Tecnica 1. Maria Corte Claudio Sonnati Nota Tecnica 1 Corretta distribuzione degli agrofarmaci nel noccioleto. Adeguare il volume d acqua irrorato alle dimensioni volumetriche della chioma (TRV). La Direttiva Europea 2009/128/CE sull Uso sostenibile

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI: Innovazione, sicurezza, sostenibilità

APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI: Innovazione, sicurezza, sostenibilità APPLICAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI: Innovazione, sicurezza, sostenibilità condizioni operative condizioni ambientali attrezzatura operatore prodotto Tipo Ugelli Pressione Volume d acqua Target Pianta

Dettagli

LA REGOLAZIONE DELLE BARRE IRRORATRICI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE

LA REGOLAZIONE DELLE BARRE IRRORATRICI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE LA REGOLAZIONE DELLE BARRE IRRORATRICI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE Parametri e componenti sui quali si può intervenire Tipo di polverizzazione e trasporto delle gocce Tipo di

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DERIVA DEL PRODOTTO FITOSANITARIO E LE MISURE PER PREVENIRLA PREVISTE DALLA DIRETTIVA SULL USO USO SOSTENIBILE DEGLI AGROFARMACI

L IMPORTANZA DELLA DERIVA DEL PRODOTTO FITOSANITARIO E LE MISURE PER PREVENIRLA PREVISTE DALLA DIRETTIVA SULL USO USO SOSTENIBILE DEGLI AGROFARMACI La classificazione delle macchine irroratrici in funzione della deriva generata ROMA, 2 ottobre 2008 L IMPORTANZA DELLA DERIVA DEL PRODOTTO FITOSANITARIO E LE MISURE PER PREVENIRLA PREVISTE DALLA DIRETTIVA

Dettagli

SINTESI PROGETTO La corretta distribuzione degli agrofarmaci in corileto

SINTESI PROGETTO La corretta distribuzione degli agrofarmaci in corileto SINTESI PROGETTO La corretta distribuzione degli agrofarmaci in corileto Finalità del progetto L ottenimento di standard qualitativi elevati nelle produzioni corilicole passa attraverso una adeguata gestione

Dettagli

Macchine per la distribuzione dei fitofarmaci

Macchine per la distribuzione dei fitofarmaci Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Macchine per la distribuzione dei fitofarmaci Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari FITOFARMACI Formulazione Solidi Liquidi

Dettagli

Taratura irroratrici per risparmiare e tutelare l'ambiente. Cristiano Baldoin Università di Padova

Taratura irroratrici per risparmiare e tutelare l'ambiente. Cristiano Baldoin Università di Padova Taratura irroratrici per risparmiare e tutelare l'ambiente Cristiano Baldoin Università di Padova Importanza delle attrezzature per la distribuzione ai fini dell uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Dettagli

I CRITERI CHE REGOLANO LA DISTRIBUZIONE IL DIAGRAMMA DI DISTRIBUZIONE

I CRITERI CHE REGOLANO LA DISTRIBUZIONE IL DIAGRAMMA DI DISTRIBUZIONE I CRITERI CHE REGOLANO LA DISTRIBUZIONE IL DIAGRAMMA DI DISTRIBUZIONE - come si determina - i criteri di scelta - i parametri su quali intervenire per modificarlo IL DIAGRAMMA DI DISTRIBUZIONE COME SI

Dettagli

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le...

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le... 211 BILANCIO DI ESERCIZIO IN D IC E 2 IN D IC E G E N E R A L E I. R e la z io n e s u lla G e s tio n e II. S ta to p a tr im o n ia le e C o n to e c o n o m ic o III. N o ta in te g r a tiv a IV. R

Dettagli

Seminario. L'uso sostenibile delle irroratrici nei vigneti a tendone. Prof. Ing. Simone Pascuzzi

Seminario. L'uso sostenibile delle irroratrici nei vigneti a tendone. Prof. Ing. Simone Pascuzzi ARPTRA 4 luglio 2013 Agriturismo Lama S.Giorgio Seminario L'uso sostenibile delle irroratrici nei vigneti a tendone Prof. Ing. Simone Pascuzzi Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali Università

Dettagli

LA REGOLAZIONE (O TARATURA) DELLE MACCHINE IRRORATRICI

LA REGOLAZIONE (O TARATURA) DELLE MACCHINE IRRORATRICI LA REGOLAZIONE (O TARATURA) DELLE MACCHINE IRRORATRICI INDICE LA REGOLAZIONE DELLE MACCHINE IRRORATRICI REGOLAZIONE DELLE ATTREZZATURE PER COLTURE ERBACEE REGOLAZIONE DELLE ATTREZZATURE PER COLTURE ARBOREE

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n T E R A P IA IN U L IN IC A IN O P E D A L E T A R G E T G L IC E M IC I N E L P A Z IE N T E D IA B E T IC O D I T IP O 2 R IC O V E R A T O G li a n a lo g h i d e ll'in s u lin a C o n e g lia n o,

Dettagli

Le principali tipologie di ugelli. utilizzati nelle macchine irroratrici

Le principali tipologie di ugelli. utilizzati nelle macchine irroratrici Le principali tipologie di ugelli utilizzati nelle macchine irroratrici I CRITERI CHE REGOLANO LA DISTRIBUZIONE MODALITA DI FORMAZIONE E SCELTA DELLA DIMENSIONE DELLE GOCCE i sistemi di polverizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI POLIZIA RURALE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI POLIZIA RURALE Comuni dell Area della Denominazione Conegliano Valdobbiadene REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI POLIZIA RURALE Stralcio Sez. D Gestione e uso dei prodotti fitosanitari Approvato con Delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

IRRORATRICI PER COLTURE ARBOREE: CLASSIFICAZIONE

IRRORATRICI PER COLTURE ARBOREE: CLASSIFICAZIONE IRRORATRICI PER COLTURE ARBOREE: CLASSIFICAZIONE Polverizzazione per pressione e trasporto mediante energia cinetica: obsolete ma ancora presenti sul territorio; Polverizzazione per pressione e trasporto

Dettagli

Gruppo di distribuzione per colture arboree: ELI VOLPE

Gruppo di distribuzione per colture arboree: ELI VOLPE SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Gruppo di distribuzione per colture arboree: ELI VOLPE Centro prova: Ditta costruttrice: ELIVENT Srl

Dettagli

LA REGOLAZIONE DELLE BARRE IRRORATRICI: PARAMETRI E CRITERI D INTERVENTO

LA REGOLAZIONE DELLE BARRE IRRORATRICI: PARAMETRI E CRITERI D INTERVENTO LA REGOLAZIONE DELLE BARRE IRRORATRICI: PARAMETRI E CRITERI D INTERVENTO VANTAGGI DI UNA IRRORATRICE REGOLATA REGOLAZIONE o TARATURA Per regolazione di una macchina irroratrice si intende l adattamento

Dettagli

Come avviene la polverizzazione della miscela fitoiatrica

Come avviene la polverizzazione della miscela fitoiatrica SUSTAINABLE OPERATIONS IN FITOIATRIC TREATMENTS I COMPONENTI E I PRINCIPI CHE REGOLANO LA POLVERIZZAZIONE DELLA MISCELA FITOIATRICA E IL TRASPORTO DELLE GOCCE VERSO IL BERSAGLIO Come avviene la polverizzazione

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

DERIVA. Buone Pratiche Agricole per la mitigazione del rischio di deriva del prodotto fitosanitario

DERIVA. Buone Pratiche Agricole per la mitigazione del rischio di deriva del prodotto fitosanitario DERIVA Buone Pratiche Agricole per la mitigazione del rischio di deriva del prodotto fitosanitario COME CONTRIBUIRE ALLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO DELLE ACQUE DA AGROFARMACI GLI OBIETTIVI DI TOPPS

Dettagli

Linee guida per la regolazione (taratura) effettuata dall operatore professionale:

Linee guida per la regolazione (taratura) effettuata dall operatore professionale: Linee guida per la regolazione (taratura) effettuata dall operatore professionale: Irroratrici utilizzate per i trattamenti alle colture erbacee e per il diserbo delle colture arboree Documento prodotto

Dettagli

Modalità di distribuzione dei prodotti fitosanitari in zone ad elevata sensibilità ambientale

Modalità di distribuzione dei prodotti fitosanitari in zone ad elevata sensibilità ambientale Modalità di distribuzione dei prodotti fitosanitari in zone ad elevata sensibilità ambientale Cristiano Baldoin Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali Università di Padova 1 Da dove nasce l esigenza

Dettagli

LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI E CRITERI D INTERVENTO

LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI E CRITERI D INTERVENTO LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI E CRITERI D INTERVENTO PARAMETRI E COMPONENTI SU CUI POTER INTERVENIRE 1 PORTATA VENTILATORE VELOCITÀ DI AVANZAMENTO 4 5 VOLUME DISTRIBUITO PORTATA EROGATA

Dettagli

Corso di formazione e abilitazione per i tecnici addetti al controllo funzionale delle macchine irroratrici

Corso di formazione e abilitazione per i tecnici addetti al controllo funzionale delle macchine irroratrici Corso di formazione e abilitazione per i tecnici addetti al controllo funzionale delle macchine irroratrici 12-16 settembre 2011 I SISTEMI DI POLVERIZZAZIONE E LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI UGELLI COME AVVIENE

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

MACCHINE E TECNOLOGIE PER IL CONTENIMENTO DELLA DERIVA. Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino, ITALY

MACCHINE E TECNOLOGIE PER IL CONTENIMENTO DELLA DERIVA. Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino, ITALY MACCHINE E TECNOLOGIE PER IL CONTENIMENTO DELLA DERIVA Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino, ITALY E-mail: paolo.balsari@unito.it L IMPORTANZA DELLE MACCHINE IRRORATRICI SULLA POTENZIALE CONTAMINAZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DI DIVERSE TIPOLOGIE DI UGELLI PER LA DIFESA DELLA VITE IN TRENTINO

VALUTAZIONE DI DIVERSE TIPOLOGIE DI UGELLI PER LA DIFESA DELLA VITE IN TRENTINO ATTI Giornate Fitopatologiche, 2014, 1, 615-622 VALUTAZIONE DI DIVERSE TIPOLOGIE DI UGELLI PER LA DIFESA DELLA VITE IN TRENTINO D. BONDESAN 1, C. RIZZI 1, M. CURZEL 1, S. WOLF 2, F. LAZZARIN 3, R. BASSI

Dettagli

PERIODO DI APPLICAZIONE PRODOTTO FINALITA. (qualsiasi sale di rame: idrossido, ossicloruro, solfato ecc)

PERIODO DI APPLICAZIONE PRODOTTO FINALITA. (qualsiasi sale di rame: idrossido, ossicloruro, solfato ecc) Graziano Vittone CReSO Manta, 8 novembre 2011 INTERVENTI SU TUTTI GLI IMPIANTI DI ACTINIDIA IN AUTUNNO INVERNO PERIODO DI APPLICAZIONE PRODOTTO FINALITA DOPO LA RACCOLTA RAMEICI Protezione dei PEDUNCOLI

Dettagli

Basilea, Svizzera 3. Syngenta Crop Protection Italia, Application Technology Team, via Gallarate, 139, 20151, Milano

Basilea, Svizzera 3. Syngenta Crop Protection Italia, Application Technology Team, via Gallarate, 139, 20151, Milano ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 2, 119-128 VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI UGELLI ANTIDERIVA NELLA DIFESA DEL MELO IN TRENTINO D. BONDESAN 1, C. RIZZI 1, G. ANGELI 1., S. WOLF 2, R. WOHLHAUSER 2,

Dettagli

Verifica funzionale e taratura delle macchine per la distribuzione di fitofarmaci

Verifica funzionale e taratura delle macchine per la distribuzione di fitofarmaci DiSAA Divisione di Ingegneria Agraria FACOLTA DI SCIENZE AGRARIE E ALIMENTARI Verifica funzionale e taratura delle macchine per la Prof. Domenico Pessina, Dott. Davide Facchinetti In condizioni sfavorevoli,

Dettagli

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c -

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c - 1 7 D IC EM B RE 2 0 0 4 B OLLETTINO UF F IC IALE D ELLA REGIONE M ARC H E ANNO X X X V N. 1 3 3 Deliberazione n. 1408 del 23/11/2004. Lege 26/10/1995 n. 447, art. 2, commi 6, 7, 8 - D.P.C.M. 3 1/03 /1998.

Dettagli

Che cosa è il ruscellamento?

Che cosa è il ruscellamento? Che cosa è il ruscellamento? Slide 1/24 Il ruscellamento è il movimento dell acqua sulla superficie del terreno. Esso determina il trasporto di prodotti fitosanitari, elementi nutritivi e particelle solide

Dettagli

Linee guida per la regolazione (taratura) effettuata dall operatore professionale: Irroratrici utilizzate per i trattamenti alle colture arboree

Linee guida per la regolazione (taratura) effettuata dall operatore professionale: Irroratrici utilizzate per i trattamenti alle colture arboree Linee guida per la regolazione (taratura) effettuata dall operatore professionale: Irroratrici utilizzate per i trattamenti alle colture arboree Documento prodotto sulla base delle linee guida elaborate

Dettagli

La distribuzione a dose variabile e l iniezione diretta dei fitofarmaci

La distribuzione a dose variabile e l iniezione diretta dei fitofarmaci La distribuzione a dose variabile e l iniezione diretta dei fitofarmaci 1 Gianfranco Pergher - Dipartimento di Scienze agrarie, ambientali, alimentari e animali (Di4A) - Università di Udine schema dose

Dettagli

Come avviene la polverizzazione della miscela fitoiatrica

Come avviene la polverizzazione della miscela fitoiatrica I COMPONENTI E I PRINCIPI CHE REGOLANO LA POLVERIZZAZIONE DELLA MISCELA FITOIATRICA E IL TRASPORTO DELLE GOCCE VERSO IL BERSAGLIO Come avviene la polverizzazione della miscela fitoiatrica La funzione del

Dettagli

Mitigazione del rischio di deriva nei trattamenti fitoiatrici

Mitigazione del rischio di deriva nei trattamenti fitoiatrici Mitigazione del rischio di deriva nei trattamenti fitoiatrici 1 Gianfranco Pergher Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali Università degli Studi di Udine Agriest, 27 gennaio 2012 fitofarmaci e inquinamento

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo Dal Curare al Prendersi Cura Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo La cura& & nella mitologia Mentre C ura stava attraversando un certo fiume, vide del fango argilloso. Lo

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

Ugelli antideriva: prove pluriennali di efficacia e fitotossicità

Ugelli antideriva: prove pluriennali di efficacia e fitotossicità Le gocce di piccole dimensioni hanno un grande potenziale di deriva. Ugelli antideriva: prove pluriennali di efficacia e fitotossicità Parte 1 Werner Rizzolli, Alex Acler, Centro di Sperimentazione Agraria

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 46-001 UGELLO A FESSURA: SERIE: AG 1102 VERSIONE:

Dettagli

Ugelli antideriva: prove pluriennali di efficacia e fito tossicità

Ugelli antideriva: prove pluriennali di efficacia e fito tossicità Ugelli antideriva: prove pluriennali di efficacia e fito tossicità Parte 2 (insetticidi ed acaricidi) Werner Rizzolli, Alex Acler, Centro di Sperimentazione Agraria di Laimburg La prima parte di questo

Dettagli

Valutazione della deriva nei trattamenti antiparassitari: un confronto biennale di mezzi per la distribuzione.

Valutazione della deriva nei trattamenti antiparassitari: un confronto biennale di mezzi per la distribuzione. Valutazione della deriva nei trattamenti antiparassitari: un confronto biennale di mezzi per la distribuzione. M. Lorenzin, M. Comai*, C. Giaier, A. Betta** Laboratorio Provinciale di Igiene e Profilassi

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Cristiano Baldoin Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali Università

Dettagli

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di + P rogetto C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di B e llu n o A zio n i c o n g iu n te e s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità e n e rg e tic a e am bie n tale de l te rrito

Dettagli

Da Copenhagen a Cancun 2010: la roadmap delle Agende 21 Locali Italiane sui cambiamenti climatici

Da Copenhagen a Cancun 2010: la roadmap delle Agende 21 Locali Italiane sui cambiamenti climatici Da Copenhagen a Cancun 2010: la roadmap delle Agende 21 Locali Italiane sui cambiamenti climatici Eriuccio Nora, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Primo Seminario Formativo Milano, 4 febbraio

Dettagli

LE MACCHINE PER ESEGUIRE I TRATTAMENTI FITOSANITARI

LE MACCHINE PER ESEGUIRE I TRATTAMENTI FITOSANITARI LE MACCHINE PER ESEGUIRE I TRATTAMENTI FITOSANITARI INDICE PREMESSA LE TIPOLOGIE DI MACCHINE PRECAUZIONI GENERALI ANTIDERIVA I TRATTAMENTI CON I MEZZI AEREI 1 LE MACCHINE PER LA DISTRIBUZIONE DEI FITOFARMACI

Dettagli

Ugelli a cono vuoto VisiFlo

Ugelli a cono vuoto VisiFlo Ugelli a cono vuoto VisiFlo Eccellente per applicazioni per contatto di erbicidi, fungicidi ed insetticidi in postemergenza per garantire il raggiungimento del bersaglio da parte del getto di gocce finemente

Dettagli

Le nuove Direttive europee e le soluzioni tecniche individuate dal progetto TOPPS per una gestione sostenibile degli agrofarmaci

Le nuove Direttive europee e le soluzioni tecniche individuate dal progetto TOPPS per una gestione sostenibile degli agrofarmaci Le nuove Direttive europee e le soluzioni tecniche individuate dal progetto TOPPS per una gestione sostenibile degli agrofarmaci Paolo Marucco, Paolo Balsari DEIAFA Università di Torino, ITALY E-mail:

Dettagli

ULTERIORI INDAGINI SULL EFFICACIA DELLE APPLICAZIONI CON UGELLI AD INCLUSIONE D ARIA NELLA DIFESA DEL MELO IN TRENTINO

ULTERIORI INDAGINI SULL EFFICACIA DELLE APPLICAZIONI CON UGELLI AD INCLUSIONE D ARIA NELLA DIFESA DEL MELO IN TRENTINO ATTI Giornate Fitopatologiche, 2014, 1, 623-632 ULTERIORI INDAGINI SULL EFFICACIA DELLE APPLICAZIONI CON UGELLI AD INCLUSIONE D ARIA NELLA DIFESA DEL MELO IN TRENTINO D. BONDESAN 1, C. RIZZI 1, G. BORTOLINI

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 46-002 UGELLO A TURBOLENZA: SERIE: AG 1029 VERSIONE:

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ENTITÀ DELLA DERIVA E DI SOLUZIONI PER LA SUA MITIGAZIONE IN UNA REALTÀ VITICOLA E FRUTTICOLA DELL EMILIA ROMAGNA

VALUTAZIONE DELL ENTITÀ DELLA DERIVA E DI SOLUZIONI PER LA SUA MITIGAZIONE IN UNA REALTÀ VITICOLA E FRUTTICOLA DELL EMILIA ROMAGNA ATTI Giornate Fitopatologiche, 2014, 1, 591-600 VALUTAZIONE DELL ENTITÀ DELLA DERIVA E DI SOLUZIONI PER LA SUA MITIGAZIONE IN UNA REALTÀ VITICOLA E FRUTTICOLA DELL EMILIA ROMAGNA P. BALSARI 1, P. MARUCCO

Dettagli

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO VERBALE N. 2 DELLA GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ DELLA CN RUPAR-SPC, PER LA DURATA DI 48 MESI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA DI RILANCIO DEL CONFRONTO

Dettagli

ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 2,

ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 2, ATTI Giornate Fitopatologiche, 2012, 2, 109-118 STUDIO DI UNA METODOLOGIA PER LA MISURA DELLA DERIVA GENERATA DALLE IRRORATRICI PER LE COLTURE ARBOREE E PER LA LORO CLASSIFICAZIONE P. BALSARI, P. MARUCCO,

Dettagli

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico CENTRO INTEGRATO SERVIZI SCUOLA/TERRITORIO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 GRADO del Circondario Imolese Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

LA DIRETTIVA 2009/128/CE (distribuzione dei prodotti fitosanitari)

LA DIRETTIVA 2009/128/CE (distribuzione dei prodotti fitosanitari) Il controllo diagnostico funzionale e la taratura delle irroratrici in uso previsti dal Piano di Azione Nazionale Marco Rimediotti, Daniele Sarri, Marco Vieri UNIVERSITA DI FIRENZE GESAAF Gestione dei

Dettagli

De dic a to a P o ldina. una ba m bina da vve ro s pe c ia le. I.C. G. Ma rc o ni S c uo la P rim a ria Do n L. Mila ni - Ma nzo lino

De dic a to a P o ldina. una ba m bina da vve ro s pe c ia le. I.C. G. Ma rc o ni S c uo la P rim a ria Do n L. Mila ni - Ma nzo lino De dic a to a P o ldina una ba m bina da vve ro s pe c ia le I.C. G. Ma rc o ni S c uo la P rim a ria Do n L. Mila ni - Ma nzo lino -Autore Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM) Sezione

Dettagli

INNOVAZIONE, ambiente. dei PRODOTTI FITOSANITARI. giugno 2007 Legnaro - PD. giugno 2007 San Michele all Adige - TN. giugno 2007 Mollaro - TN

INNOVAZIONE, ambiente. dei PRODOTTI FITOSANITARI. giugno 2007 Legnaro - PD. giugno 2007 San Michele all Adige - TN. giugno 2007 Mollaro - TN PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ISTITUTO AGRARIO DI SAN MICHELE ALL ADIGE INIZIATIVE INTERREGIONALI e sicurezza per le macchine e le TECNICHE per la DISTRIBUZIONE dei PRODOTTI FITOSANITARI 12 giugno 2007

Dettagli

Il controllo funzionale e la regolazione delle macchine irroratrici

Il controllo funzionale e la regolazione delle macchine irroratrici Le nuove norme nell ambito degli agrofarmaci Il controllo funzionale e la regolazione delle macchine irroratrici Federico Spanna Regione Piemonte Settore Fitosanitario e Servizi tecnico-scientifici controlloirroratrici@regione.piemonte.it

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA S p o s e i n b i a n c o, s p o s e i n r o s s o. S o n o d u e i m m a g i n i d i m a t r i m o n i a s s a i u s u a l i c h

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

CORSO REGIONALE SUI PRODOTTI FITOSANITARI E LA TUTELA DELLA SALUTE NELL AMBITO DEL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SUI PRODOTTI FITOSANITARI E LA TUTELA DELLA SALUTE NELL AMBITO DEL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SUI PRODOTTI FITOSANITARI E LA TUTELA DELLA SALUTE NELL AMBITO DEL PIANO REGIONALE DI PREVENZIONE 26 OTTOBRE 9 NOVEMBRE 22 NOVEMBRE 2016 Sala A. Campedelli -AULSS 21 Ospedale Mater Salutis

Dettagli

Cognome Nome. Via / piazza n telefono. Cap Comune Provincia. Partita IVA codice CUAA. Marca Modello

Cognome Nome. Via / piazza n telefono. Cap Comune Provincia. Partita IVA codice CUAA. Marca Modello ALLEGATO 2 Identificativo controllo Anagrafica Codice fiscale Cognome Nome Via / piazza n telefono Cap Comune Provincia Partita IVA codice CUAA Sezione macchina irroratrice Marca Modello Telaio / matricola

Dettagli

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione C ONDIV IS ION E I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri Fem m inile M a s c hile U m ido S ec c o Freddo C a ldo P a s s ività A ttività C ons erva zione M uta m ento C ontra zio ne E

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 3/5 6.7 Gestire l irroratrice 6.7.1 Il controllo funzionale 6.7.2 Le manutenzioni 6.7.3 La regolazione File n. 13 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

Documento n. 3 Requisiti minimi delle attrezzature utilizzate per il controllo funzionale di macchine irroratrici in uso per colture erbacee

Documento n. 3 Requisiti minimi delle attrezzature utilizzate per il controllo funzionale di macchine irroratrici in uso per colture erbacee Documento n. 3 Requisiti minimi delle attrezzature utilizzate per il controllo funzionale di macchine irroratrici in uso per colture erbacee A cura del Gruppo di Lavoro Tecnico per il Concertamento Nazionale

Dettagli

Rispettare l l ambiente,, l l operatore e i consumatori nella distribuzione dei prodotti fitosanitari

Rispettare l l ambiente,, l l operatore e i consumatori nella distribuzione dei prodotti fitosanitari FACOLTA DI SCIENZE AGRARIE E ALIMENTARI Rispettare l l ambiente,, l l operatore e i consumatori nella Dott. Davide Facchinetti in collaborazione con La nostra agricoltura, detiene il record europeo di

Dettagli

ALBUZ CVI 110 1,5 0, ,0 0, ,5 0, ,0 0, ,5 0, ,0 0,

ALBUZ CVI 110 1,5 0, ,0 0, ,5 0, ,0 0, ,5 0, ,0 0, ALBUZ CVI 110 SPECIFICHE: Ugello in allumina e materiali plastici ad alta resistenza per tutti i tipi di trattamenti che prevedono l utilizzo di prodotti sistemici o a contatto e fertilizzanti liquidi.

Dettagli

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Quello che mancava. diserbaccia Istruzioni per l uso Revisione n. 6 del 17/03/2015 Caratteristiche generali 2 ugelli HYPRO antideriva con corpo porta inserto in acciaio inox e parte esterna in poliacetalico.

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DEI PRODOTTI FITOSANITARI UNIONE LOMBARDA DEI COMUNI DI PIADENA E DRIZZONA (Provincia di Cremona) REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Approvato con deliberazione n. 3 del 30/03/2010 dell Assemblea dell Unione Lombarda

Dettagli

COMUNE DI REVO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI REVO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI REVO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI PRODOTTI FITOSANITARI IN PROSSIMITA DI CENTRI ABITATI E DI ABITAZIONI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI E DELL AMBIENTE Approvato

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 4/5 6.8 Proteggere l ambiente 6.8.2 Misure di mitigazione del ruscellamento File n. 14 di 15 della raccolta Materiale didattico ad uso dei docenti impegnati

Dettagli

EFFETTI AGRONOMICI DELLA DERIVA (danni da fitotossicità alle colture limitrofe)

EFFETTI AGRONOMICI DELLA DERIVA (danni da fitotossicità alle colture limitrofe) Giornate formative dimostrative sulla riduzione del rischio di deriva e ruscellamento da agrofarmaci Gruppo di lavoro deriva Paolo Balsari, Paolo Marucco, Gianluca Oggero DiSAFA - Università di Torino

Dettagli

Effetti negativi della deriva. Le possibili misure di mitigazione della deriva. 1. Fattori ambientali

Effetti negativi della deriva. Le possibili misure di mitigazione della deriva. 1. Fattori ambientali Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità di gestione: Regione del Veneto Dipartimento Agricoltura

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia

Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Ministero della Giustizia 1. Che c os è? La Po sta Ele ttro nic a Ce rtific a ta (PEC) è un siste ma di po sta e le ttro nic a (c he utilizza i pro to c o lli sta nda rd de lla po sta e le ttro nic a tra dizio na le ) me dia nte

Dettagli

Il Progetto DERIVA: soluzioni tecniche e naturali sulla gestione della deriva

Il Progetto DERIVA: soluzioni tecniche e naturali sulla gestione della deriva Il Progetto DERIVA: soluzioni tecniche e naturali sulla gestione della deriva Giuseppe Zanin Cristiano Baldoin Dipartimento DAFNAE - Università di Padova Dipartimento TeSAF - Università di Padova Un importante

Dettagli

Irroratrice: Synthesis 800

Irroratrice: Synthesis 800 SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Irroratrice: Synthesis 800 (estensione: 05.132b Synthesis 600) Centro prova: Ditta costruttrice: CAFFINI

Dettagli

Un approcio digital alla sostenibilità

Un approcio digital alla sostenibilità ADAMA APP Un approcio digital alla sostenibilità Lo scenario legislativo Europeo per il settore agricolo è sempre più, complesso e articolato. La Direttiva 1282009 CE, tradottasi nel Piano di Azione Nazionale

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

DISTRIBUZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI ASSOCIAZIONE REGIONALE GRUPPI COLTIVATORI SVILUPPO del PIEMONTE Supplemento a Coldiretti Informa n. 7 del 12/03/2011 Dir. Amm. B. Rivarossa - Dir. Resp. M. Pellegrino - Poste Italiane - Spedizione in Abb.

Dettagli

SCELTA DEI VOLUMI NELL IRRORAZIONE DEL FRUTTETO CON MACCHINE AD AEROCONVEZIONE TRADIZIONALI E A TORRE

SCELTA DEI VOLUMI NELL IRRORAZIONE DEL FRUTTETO CON MACCHINE AD AEROCONVEZIONE TRADIZIONALI E A TORRE ATTI Giornate Fitopatologiche, 2000, 1, 245-250 SCELTA DEI VOLUMI NELL IRRORAZIONE DEL FRUTTETO CON MACCHINE AD AEROCONVEZIONE TRADIZIONALI E A TORRE G. ADE, F. PEZZI Dipartimento di Economia e Ingegneria

Dettagli

IL TRATTAMENTO ANTIPARASSITARIO alle Coltivazioni Agricole é..

IL TRATTAMENTO ANTIPARASSITARIO alle Coltivazioni Agricole é.. 13/03/2015 IL TRATTAMENTO ANTIPARASSITARIO alle Coltivazioni Agricole é.. L Attività tesa a proteggere le Culture Arboree ed Erbacee dai vari Parassiti e dalle Malattie. Il successo Tecnico ed Economico

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 23 febbraio 2017, n. 6-59/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 23 febbraio 2017, n. 6-59/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 23 febbraio 2017, n. 6-59/Leg Regolamento d'esecuzione dell'articolo 24, comma 1, della legge provinciale 30 dicembre 2015, n. 21 (legge di stabilità provinciale

Dettagli