Dott. Campolunghi Davide. 7 febbraio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott. Campolunghi Davide. 7 febbraio 2012 www.studiocampolunghi.com 1"

Transcript

1 Dott. Campolunghi Davide 7 febbraio

2 Il patrimonio netto nelle società di capitali Il patrimonio netto è la differenza tra le attività e le passività di bilancio. Sul piano contabile, tale definizione origina dalla necessità di quadratura tra le sezioni Attivo e Passivo dello stato patrimoniale, secondo l identità: Attività = Passività + Patrimonio netto. Sul piano finanziario tale identità esprime invece il necessario bilanciamento tra gli impieghi o investimenti di mezzi monetari (Attività) e le fonti di tali mezzi monetari, distinte in capitale di terzi (Passività) e capitale proprio (Patrimonio netto). Rileggendo l identità al contrario, il patrimonio netto rappresenta, allora, l ammontare del capitale proprio, ossia quello apportato (in denaro o in natura) dalla proprietà o autogeneratosi nell'impresa. Tale capitale viene investito, insieme a quello di terzi, nelle attività patrimoniali. 7 febbraio

3 Il patrimonio netto nelle società di capitali Sempre dal punto di vista finanziario, il patrimonio netto esprime la misura contabile dei diritti patrimoniali della proprietà che potrebbero essere soddisfatti in via residuale attraverso le Attività, dopo che siano stati soddisfatti i diritti dei terzi creditori della società. Il patrimonio netto è dunque il capitale di rischio, la cui remunerazione e il cui rimborso devono essere postergati alla remunerazione ed al rimborso del capitale di credito. 7 febbraio

4 Il patrimonio netto nelle società di capitali Il patrimonio netto, quale valore differenziale fra attività e passività è, allora, un entità unitaria tuttavia, per esigenze contabili e giuridiche, viene suddiviso in voci distinte. Logica conseguenza di quanto appena affermato è che il patrimonio netto nel suo insieme non può essere oggetto di autonoma valutazione, ma solamente di analitica esposizione nella redazione del bilancio di esercizio. L art.2424 del Codice Civile detta la distinzione minimale fra le poste del patrimonio netto in bilancio. Oltre al capitale sociale, figurano le riserve, caratterizzate, secondo i dettami del Codice Civile, da diversi gradi di vincolo in termini di utilizzabilità e distribuibilità. 7 febbraio

5 Il patrimonio netto nelle società di capitali A) PATRIMONIO NETTO I II III IV V VI VII VIII IX Capitale sociale Riserva da sovrapprezzo azioni Riserve di rivalutazione Riserva legale Riserve statutarie Riserve per azioni proprie Altre riserve, distintamente indicate Utili (Perdite) portati a nuovo Utili (Perdite) dell esercizio 7 febbraio

6 Il patrimonio netto nelle società di capitali La dottrina suddivide idealmente le riserve comprese nel patrimonio netto in: Riserve di capitale: quelle prodotte da conferimenti (in denaro o natura) della proprietà; Riserve di utili: quelle prodotte da accantonamenti di utili generati dall attività societaria, effettuati mediante delibera di destinazione espressa o anche mediante semplice delibera di non distribuzione, nel caso degli utili a nuovo (per i quali manca una delibera di destinazione); Ulteriori indicazioni circa la composizione del patrimonio netto vanno riportate in nota integrativa, in base al disposto dell art.2427 del Codice civile. 7 febbraio

7 Il patrimonio netto nelle società di capitali Le informazioni minime relative al patrimonio netto, da riportare in nota integrativa, riguardano: 1. l'indicazione in modo analitico delle voci di patrimonio netto, con specificazione in appositi prospetti della loro origine, possibilità di utilizzazione e distribuibilità, nonché della loro avvenuta utilizzazione nei precedenti esercizi (n. 7-bis); 2. le variazioni intervenute nella consistenza delle singole voci, nonché le indicazioni sulla loro formazione e sul loro utilizzo (n. 4); 3. il numero e il valore nominale di ciascuna categoria di azioni della società e il numero e il valore nominale delle nuove azioni della società sottoscritte durante l'esercizio (n. 17); 4. le azioni di godimento, con specificazione del loro numero e dei diritti che esse attribuiscono (n. 18); 5. il numero e le caratteristiche degli altri strumenti finanziari emessi dalla società, con l'indicazione dei diritti patrimoniali e partecipativi che conferiscono e delle principali caratteristiche delle operazioni relative (n. 19); 6. l'illustrazione del valore e della tipologia dei beni e dei rapporti iuridici compresi in ciascun patrimonio destinato, ivi inclusi quelli apportati da terzi, dei criteri adottati per l'imputazione degli elementi comuni di costo e di ricavo, nonché il corrispondente regime di responsabilità (n. 20); 7. l'indicazione della destinazione dei proventi derivanti da uno specifico affare cui si è destinata parte del patrimonio di cui al terzo comma dell'art decies cod. civ. e dei vincoli sui beni strumentali destinati alla sua realizzazione (n. 21). 7 febbraio

8 Il patrimonio netto nelle società di capitali Nel caso di responsabilità illimitata della società per le obbligazioni contratte in relazione allo specifico affare, l'indicazione dell'impegno da ciò derivante deve risultare in calce allo stato patrimoniale e formare oggetto di valutazione secondo criteri illustrati nella nota integrativa (art septies, quarto comma). 7 febbraio

9 Il patrimonio netto nelle società di capitali La distinzione delle voci di patrimonio netto prevista dall'art Codice Civile impone una rigida distinzione tra le poste costituenti parte dello stesso (iscritte sotto la lett. A) e le diverse classi di passività (iscritte sotto le lettere B, C, D ed E). Tale distinzione è stata imposta dal Legislatore al fine di impedire l'utilizzo di poste dal significato ambiguo e l arbitrio nella collocazione delle stesse, fra le passività e il patrimonio netto. In tale ottica, una criticità è rappresentata della natura dei versamenti in denaro che i soci decidono di effettuare, anche senza procedere a formali aumenti del capitale sociale. 7 febbraio

10 I versamenti dei soci La necessità di procedere ad un analisi della natura dei versamenti effettuati dai soci nel corso degli esercizi è causata dalla circostanza che gli stessi possono alternativamente configurare veri e propri conferimenti a titolo di aumento di dotazione patrimoniale, oppure finanziamenti a titolo di capitale di credito, con implicito obbligo alla restituzione. Obbligo oggi calmierato nelle S.r.l., almeno in senso temporale, dall Art.2467 del Codice Civile. 7 febbraio

11 I versamenti dei soci In particolare si possono ipotizzare 4 tipologie di versamento dei soci: 1. Finanziamento soci I versamenti a titolo di finanziamento sono quelli per i quali la società ha obbligo di restituzione. Devono trovare collocazione in bilancio tra le passività, alla lett. D), punto 3). Non fa differenza la natura fruttifera o meno di tali debiti, né l'eventualità che i versamenti vengano effettuati da tutti i soci in misura proporzionale alle quote di partecipazione. L eventuale passaggio a capitale necessita della preventiva rinuncia espressa dei soci al diritto alla restituzione, anche in sede assembleare, trasformando così il finanziamento in apporto. Ha così natura di riserva di capitale quella che viene a essere costituita con la rinuncia al credito vantato dai soci, sia per partecipare alla copertura della perdita, sia per futuri aumenti di capitale. 7 febbraio

12 I versamenti dei soci 2. Versamenti a fondo perduto Effettuati dai soci quando, pur non procedendo a un formale aumento di capitale, decidono comunque di sopperire al fabbisogno di capitale di rischio con nuovi conferimenti, senza obbligo di restituzione dei versamenti effettuati. Si configurano come riserve di capitale, da collocare in bilancio all'interno del patrimonio netto, al punto VI I "Altre riserve", in voci denominate di solito "Versamenti in conto capitale", oppure "Versamenti a copertura perdite", se il conferimento è effettuato per coprire perdite di esercizio in corso di formazione o già definitive. Secondo dottrina maggioritaria i versamenti in conto capitale rappresentano dei fondi liberamente utilizzabili al pari delle riserve disponibili, con la conseguenza che anche l assemblea ordinaria può deliberarne un loro particolare utilizzo o addirittura la loro restituzione ai soci. Dottrina minoritaria ritiene, invece, che la restituzione degli stessi debba avvenire secondo le procedure e le limitazioni previste per la riduzione del capitale sociale. 7 febbraio

13 I versamenti dei soci 3. Versamenti in conto futuro aumento di capitale Sono quelli effettuati in via anticipata in funzione di un futuro aumento di capitale, non ancora deliberato dall assemblea straordinaria. Si tratta, pertanto, di riserve di capitale aventi uno specifico vincolo di destinazione, posto dai soci all atto del versamento stesso e, pertanto, indisponibili a qualsiasi altro utilizzo, se non dietro espressa volontà manifestata, anche in sede assembleare, dai soci che li hanno effettuati. L aumento di capitale effettuato con questi versamenti origina sempre un aumento a pagamento, che va quindi attribuito ai soli soci che hanno effettuato i versamenti ed in proporzione degli stessi, a differenza degli aumenti di capitale effettuati mediante versamenti a fondo perduto, che originano sempre un aumento gratuito, di cui beneficiano tutti i soci. Essendo finalizzati ad uno scopo ben preciso, se l aumento non viene successivamente deliberato, essi potranno essere restituiti ai rispettivi titolari, dopo apposita assemblea. Sul punto è necessario dire che, secondo parte della dottrina e della giurisprudenza, in tale caso nasce in capo alla società un vero e proprio obbligo alla loro restituzione con un conseguente problema di riqualificazione giuridica e contabile degli stessi nell ambito del bilancio. 7 febbraio

14 I versamenti dei soci 4. Versamenti in conto aumento di capitale Sono quelli effettuati in via anticipata in funzione di un aumento di capitale, la cui delibera dall assemblea straordinaria risulta già approvata, ma non ancora iscritta nel registro delle imprese. Si tratta, anche in questo caso, di riserve di capitale aventi uno specifico vincolo di destinazione, con conseguente indisponibilità a qualsiasi altro utilizzo, se non dietro espressa volontà manifestata, anche in sede assembleare, dai soci che li hanno effettuati. Producono sempre aumenti di capitale a pagamento, derivando da delibere di assemblea straordinaria già prese in tale senso. Essendo finalizzati ad uno scopo ben preciso, se l aumento non viene perfezionato secondo la procedura relativa, essi potranno essere restituiti ai rispettivi titolari, dopo apposita assemblea. 7 febbraio

15 I versamenti dei soci Risulta utile menzionare come recente giurisprudenza civile si sia orientata nel ritenere necessario, in caso di controversia, un accertamento, caso per caso, sia delle circostanze in cui sono stati effettuati i versamenti, sia delle loro effettive finalità attese o conseguite, anche se non dichiarate, procedendo quindi oltre la mera denominazione adoperata nelle scritture contabili della società. 7 febbraio

16 I vincoli delle riserve del patrimonio netto Le riserve del patrimonio netto si distinguono, inoltre, in base ai vincoli che ne limitano l impiego, sotto due distinti profili: 1. Disponibilità, intesa come possibilità di utilizzo nelle tre diverse destinazioni possibili (aumento del capitale, copertura perdite, distribuzione); 2. Distribuibilità, intesa come specifica possibilità di effettiva distribuzione ai soci; Si tratta di vincoli che possono colpire il primo o solo il secondo profilo, anche temporaneamente, e possono derivare dal regime giuridico proprio delle riserve o dalle decisioni dell'organo assembleare. Nelle tabelle seguenti viene sintetizzata la distinzione delle principali riserve secondo i vincoli imposti dal codice civile. 7 febbraio

17 I vincoli delle riserve del patrimonio netto Principali tipologie di riserve Possibilità di utilizzazione Aumento capitale s o Copertura perdite Distribuzione soci c i al e Riserva legale3 NO SÌ NO Riserva statutaria1 SÌ/NO SÌ/NO SÌ/NO Riserva straordinaria6 SÌ SÌ SÌ Riserva da rivalutazione monetaria2 SÌ SÌ SÌ Riserva da soprapprezzo azioni3 SÌ SÌ SÌ Riserva da conversione obbligazioni SÌ SÌ SÌ3-4 Versamento soci in c/aumento capitale SÌ N O NO Versamento soci in c/copertura perdite NO SI NO Versamento soci a fondo perduto5 SÌ SI SÌ 7 febbraio

18 I vincoli delle riserve del patrimonio netto 1Riserva statutaria Non è distribuibile la riserva statutaria, salvo che lo statuto, nel prevederne la costituzione, le abbia assegnato una funzione di conguaglio dividendi, ovvero che abbia previsto che detta riserva, una volta raggiunto un dato livello, debba necessariamente restare a disposizione dell assemblea. Al di fuori delle predette ipotesi, la distribuzione della riserva statutaria richiede una delibera in merito, da parte dell assemblea straordinaria. 2Riserve rivalutazione Le riserve di rivalutazione previste da leggi speciali si possono distribuire soltanto osservando la procedura imposta dall art Codice Civile, cc. 2 e 3. Note 3Riserva legale Non sono distribuibili la riserva legale e la parte della riserva da sovrapprezzo azioni corrispondente e sovrapprezzo azioni all ammontare mancante alla riserva legale per raggiungere 1/5 del capitale sociale (art Codice Civile). Le riserve assimilabili a quella da sovrapprezzo azioni (come, ad esempio, la riserva da conversione obbligazioni) sono distribuibili in conformità a quanto stabilito dall art Codice Civile. 4Obbligazioni 5Versamento soci Nel caso di emissione di obbligazioni, alla distribuzione delle riserve disponibili si applicano i limiti indicati dall art Codice Civile. La riserva versamento soci in conto capitale (a fondo perduto) è distribuibile in conformità alla disciplina di cui all art Codice Civile. Sono sempre distribuibili le riserve facoltative costituite con utili. 6Riserve facoltative La riserva da utili su cambi, ai sensi dell art Codice Civile, n. 8 bis, può essere distribuita solo dopo che l utile netto su cambi è stato realizzato. 7 febbraio

19 Destinazione dell utile d esercizio nelle società di capitali: Profili civilistici Nelle società di capitali, anche in sede di destinazione dell utile di esercizio, l autonomia decisionale dell assemblea ordinaria dei soci incontra alcune limitazioni poste dalla legge o dallo statuto sociale. L assemblea dei soci deve allora seguire un processo di analisi su tali possibili vincoli, per determinare l entità dell utile effettivamente disponibile e distribuibile. 7 febbraio

20 Destinazione dell utile d esercizio nelle società di capitali: Profili civilistici Utile d esercizio Risultato del bilancio di esercizio regolarmente approvato dall assemblea Utile disponibile Obbligo di rispetto dei vincoli legali e statutari di destinazione dell utile a specifiche riserve, prioritari alla scelta di altre destinazioni volontarie Destinazione dell utile disponibile Obbligo di rispetto dei divieti generali alla distribuzione di dividendi (che colpiscono non solo l utile d esercizio ma anche le riserve di utili pregressi, sommandosi, in quest ultimo caso, agli eventuali vincoli specifici per il tipo di riserva) 7 febbraio

21 Destinazione dell utile d esercizio nelle società di capitali: Profili civilistici Utile d esercizio Riserva legale Riserva plusvalori da fair value Riserva da utili per deroghe ai principi di redazione del bilancio Riserva per utili netti su cambi da valutazione Riserva per utili da plusvalori di partecipazioni valutate a p.n. Riserve statutarie eventuali Utile disponibile 7 febbraio

22 Destinazione dell utile d esercizio nelle società di capitali:profili civilistici Utile disponibile Distribuzione utile ai soci Accantonamento a riserve facoltative Riporto a nuovo esercizio 7 febbraio

23 Destinazione dell utile d esercizio nelle società di capitali: Profili civilistici Accantonamento a riserve facoltative Le riserve così costituite possono essere distribuite successivamente La distribuzione può essere decisa dall assemblea anche in sede differente dall approvazione del bilancio di esercizio In tal caso non devono risultare perdite tali da rendere inesistenti le riserve (bilancio infrannuale) Riporto a nuovo esercizio La destinazione viene rinviata all approvazione del bilancio dell esercizio successivo Distribuzione utile ai soci Verificata l assenza dei presupposti dei divieti generali alla distribuzione di dividendi 7 febbraio

24 La distribuzione di dividendi: Profili civilistici Dividendi possono essere composti da Riserve di utili pregressi Acconti di utili Utile dell esercizio Distribuzione deliberata dall assemblea ordinaria in qualsiasi momento Distribuzione deliberata dall organo amministrativo, normalmente con la pubblicazione della relazione finanziaria semestrale Distribuzione deliberata dall assemblea ordinaria in sede di approvazione del bilancio di esercizio Tranne le riserve vincolate da disposizioni di legge o statuto Consentiti solo alle società quotate, il cui bilancio è sottoposto per legge a revisione legale dei conti, secondo il regime previsto dalle leggi speciali per gli enti di interesse pubblico 7 febbraio

25 I principali divieti generali di distribuzione di dividendi: Utili e riserve disponibili alla distribuzione In caso di prestito obbligazionario, solo se l ammontare delle obbligazioni in circolazione sia inferiore al doppio della sommatoria del capitale sociale, della riserva legale e delle altre riserve disponibili In caso di perdite pregresse che abbiano intaccato il capitale sociale, è necessario prioritariamente reintegrare il capitale sociale o ridurlo in misura corrispondente In caso di utilizzo di riserva da rivalutazione a copertura di perdite pregresse, è necessario prioritariamente ricostituire la stessa o ridurla in misura corrispondente mediante delibera di assemblea straordinaria Nel caso in cui in bilancio figurino costi pluriennali non completamente ammortizzati, solo se presenti riserve disponibili per pari importo Art.2413 c.c. Art.2433 c.c. Art.13 L342/2000 Art.2426 c.c. Utili e riserve distribuibili 7 febbraio

26 La classificazione fiscale delle riserve Dal punto di vista fiscale, il TUIR opera una distinzione fra le varie riserve del patrimonio netto delle società di capitale, guardando sia se le provviste che le hanno formate hanno scontato l imposizione IRES in capo alla società, sia se, in caso di una loro distribuzione, generano o meno reddito in capo ai soci. Si distinguono così, in prima battuta, tre categorie di riserve: Riserve di capitale; Riserve di utili; Riserve in sospensione di imposta; 7 febbraio

27 La classificazione fiscale delle riserve Riserve di capitale Formate con apporti o provviste che non hanno prodotto imponibile IRES Se distribuite non generano reddito in capo ai soci Riserve di utili Formate con utili che hanno prodotto imponibile IRES Se distribuite generano reddito in capo ai soci Riserve in sospensione di imposta Formate con utili che, per particolari disposizioni agevolative, non hanno scontato imposizione IRES La sospensione dall imposizione perdura fino al realizzarsi delle condizioni previste, di volta in volta, dalle relative disposizioni agevolative 7 febbraio

28 Le norme fiscali per la distribuzione degli utili delle società di capitali: La ripartizione di somme in denaro o beni ai soci non costituisce distribuzione di utili, e quindi non è tassabile, se la ripartizione riguarda le cosiddette riserve di capitale Riserve costituite con sovrapprezzi di emissione di azioni o quote Riserve costituite con interessi di conguaglio per nuove sottoscrizioni Riserve costituite con versamenti fatti dai soci a fondo perduto o in conto capitale Riserve costituite con i saldi di rivalutazione monetaria esenti da imposta per particolari disposizioni del passato 7 febbraio

29 Le norme fiscali per la distribuzione degli utili delle società di capitali: Tuttavia, indipendentemente da quanto previsto dalla delibera di distribuzione, ai fini fiscali opera una presunzione di prioritaria distribuzione dell utile di esercizio e delle riserve di utili, ad eccezione di quelle in sospensione di imposta. Art. 47 comma 1 T.U.I.R. (utili da partecipazione - persone fisiche) Richiamato anche dall Art. 59 T.U.I.R. (dividendi redditi di impresa) 7 febbraio

30 Le norme fiscali per la distribuzione degli utili delle società di capitali: Presunzione art. 47 comma 1 T.U.I.R. Non opera per le riserve in sospensione Riserve da rivalutazioni non affrancate Riserve da contributi in conto capitale ex. Art. 55 T.U.I.R. ante riforma Riserve da condoni leggi 516/1982 e 413/1991 Particolari riserve formatesi in operazioni di conferimento o concentrazione (ad es. Avanzo di fusione o scissione) Riserva ex Art.70 comma 2 bis T.U.I.R. ante riforma (accantonamenti a fondi previdenza complementare) Non riguarda: l utilizzo di riserve per la copertura di perdite, l aumento gratuito di capitale, la riduzione del capitale esuberante e la distribuzione di utili conseguiti in regime di trasparenza ex art.115 e 116 T.U.I.R. Non ha effetto sulle riserve di utili non distribuibili (come evocato da autorevole dottrina, e da Assonime, circolare n.32/2004) tuttavia, la circolare Ag.Entrate 26/E/2004 indica non liberamente disponibili : Riserva legale fino a concorrenza del quinto del capitale sociale (ADC Milano n.c. 162/2006) Riserve acquisto azioni proprie Riserva da deroghe ex art c.c. comma 4 Riserve di utili su cambi da valutazione Riserve da plusvalenze da valutazione per metodo p.n. Riserve da rivalutazione ex legge 2/2009 senza riconoscimento fiscale? (secondo l Agenzia delle Entrate è una riserva di utili e, come tale, soggetta alla presunzione, circolare 22/E/2009 ma l art.15 c.18 dl 185/08 richiama espressamente l art.13 L.342/2000 che dispone la distribuzione con osservanza procedura art.2445 c.c.) 7 febbraio

31 Le norme fiscali per la distribuzione degli utili delle società di capitali: Inoltre, a partire dalle delibere di distribuzione aventi ad oggetto l utile dell esercizio in corso al 1 gennaio 2008 e successivi, i dividendi distribuiti (a prescindere dal fatto che siano composti dall utile d esercizio o da riserve di utili pregresse) si considerano prioritariamente formati con utili prodotti dalla società fino all esercizio in corso al 31 dicembre Art. 1 comma 2 D.M. 2 aprile febbraio

32 Le norme fiscali per la distribuzione degli utili delle società di capitali: Patrimonio netto con solo riserve di capitale senza utile d esercizio Non opera la presunzione art. 47 comma 1 T.U.I.R. Non opera la presunzione art. 1 comma 2 D.M. 2 aprile 2008 Patrimonio netto con riserve di capitale e riserve di utili e/o utile d esercizio opera la presunzione art. 47 comma 1 T.U.I.R. opera la presunzione art. 1 comma 2 D.M. 2 aprile 2008 È obbligatorio considerare fiscalmente distribuite le riserve di utili non in sospensione di imposta prima delle riserve di capitale Fra le riserve di utili si considerano distribuite per prime quelle composte da utili formatisi fino al 31/12/2007 Patrimonio netto con utile d esercizio e/o solo riserve di utili opera solo la presunzione art. 1 comma 2 D.M. 2 aprile 2008 Fra le riserve di utili si considerano distribuite per prime quelle composte da utili formatisi fino al 31/12/ febbraio

33 Le norme fiscali per la distribuzione degli utili delle società di capitali: La presunzione di prioritaria distribuzione fra le riserve di utili conseguiti fino al 31/12/2007 pone diversi problemi, sui quali l Agenzia delle Entrate non si è ancora espressa. Ciò poiché la prescrizione di cui al D.M. 2 aprile 2008 è stata introdotta dal Legislatore con minore attenzione sulla natura delle riserve rispetto a quella dell Art.47 T.U.I.R. 7 febbraio

34 Le norme fiscali per la distribuzione degli utili delle società di capitali: Questioni aperte e soluzioni interpretative Utilizzo di riserve di utili a copertura perdite Distribuzione riserve di utili e computo riserve indisponibili Distribuzione riserve di utili e compagine societaria Prioritariamente vengono consumate le riserve di utili prodotti dall esercizio 2008 in poi (circolare Ag.Entrate 8/E/2009) Ai soli fini della presunzione della distribuzione delle riserve di utili ante 2008, devono essere computate anche le riserve indisponibili (circolare Assonime 20/2010) In caso di presenza sia di soci qualificati che di soci non qualificati, la presunzione di distribuzione riserve di utili ante 2008 si applica solo ai soci qualificati (circolare Assonime 20/2010) 7 febbraio

35 ACE Aiuto alla Crescita Economica L art.1 del D.L. 201/2011 ha introdotto un incentivo alla capitalizzazione delle imprese (ACE aiuto alla crescita economica o Allowance for corporate equity), operativo già per l esercizio in corso al 31/12/2011. Il bonus consiste in una deduzione dal reddito di impresa (variazione in diminuzione a partire dal modello Unico 2012), pari al rendimento nozionale (fissato dalla legge al 3% per il triennio ) del nuovo capitale proprio apportato o autogeneratosi nell azienda. La variazione diminutiva ha effetto ai soli fini Ires, non essendo prevista alcuna riduzione del valore della produzione ai fini Irap. 7 febbraio

36 ACE i soggetti interessati L'agevolazione ACE si applica prioritariamente ai soggetti Ires. La norma cita le società di capitali (art. 73, co. 1, lett a, TUIR) e gli Enti commerciali (art. 73, co. 1, lett b, TUIR), mentre ne restano esclusi gli enti non commerciali, ancorché esercitino un'attività commerciale, in quanto non viene citata la lett c), dell art. 73, co.1, Tuir. Rientrano nell'agevolazione anche le società e gli enti commerciali esteri che abbiano in Italia una stabile organizzazione (art. 73, co.1, lett d), Tuir. In secondo battuta potranno applicare l'ace anche le imprese Irpef, individuali o società di persone, ma le modalità attuative verranno stabilite con un apposito decreto da emanarsi successivamente. 7 febbraio

37 ACE contenuto dell agevolazione In presenza di una tassazione Ires pari al 27,5%, si può dire che il vantaggio fiscale si traduce in un risparmio pari allo 0,825 dell'incremento patrimoniale, considerando il rendimento nozionale al 3%. Fatto 100 l'incremento del capitale proprio, 3 è la variazione diminutiva che, per 27,5%, genera appunto il dato di 0, incremento patrimoniale = 825 risparmio Ires 7 febbraio

38 ACE contenuto dell agevolazione La base di riferimento per determinare l incremento patrimoniale di ogni singolo esercizio è fissa e consiste nella misura del capitale proprio alla chiusura dell esercizio in corso al 31 dicembre La norma definisce chiaramente come capitale proprio, l ammontare del patrimonio netto risultante dal relativo bilancio di esercizio, al netto dell utile di periodo. 7 febbraio

39 L incremento del capitale proprio patrimonio netto relativo all esercizio in corso al Nuovo capitale proprio esercizi successivi Incremento capitale proprio esercizi successivi 7 febbraio

40 L incremento del capitale proprio Conferimenti in denaro Acquisti di partecipazioni in società controllate Acquisti di aziende o rami di azienda Accantonamenti a riserve disponibili Attribuzioni ai soci in danaro o in natura Nuovo capitale proprio 7 febbraio

41 Operazioni rilevanti ai fini ACE Operazioni che incrementano il capitale Conferimento in denaro dei soci Utile destinato a riserva Aumenti di capitale Versamenti in conto aumento di capitale o futuro aumento di capitale Versamenti a fondo perduto Rinunzie ai finanziamenti dei soci (in attesa di conferma) Versamento soci a copertura perdite (in attesa di conferma) Solo utile destinato a riserve disponibili. Rimangono escluse quindi, in particolare, le destinazioni a: Riserva valutazione partecipazioni a patrimonio netto Riserva acquisto azioni proprie Riserva utile su cambi da valutazione Utile da conferimento realizzativo per il conferente 7 febbraio

42 Operazioni rilevanti ai fini ACE Operazioni che decrementano il capitale Riduzione del capitale sociale esuberante Attribuzione ai soci di riserve Acquisti di partecipazioni in società controllate Acquisti di aziende Non rileva la riduzione del capitale per perdite Rilevano sia le attribuzioni in denaro che quelle in natura È indifferente la distinzione fra riserve di utili o di capitale Non rileva l utilizzo di riserve per copertura perdite 7 febbraio

43 Operazioni rilevanti ai fini ACE Momento di rilevanza delle operazioni Conferimenti in denaro Data di versamento L incremento va riproporzionato alla residua durata del periodo di imposta Conversione di prestiti obbligazionari in capitale Data in cui ha effetto la conversione L incremento va riproporzionato alla residua durata del periodo di imposta Rinunzia dei crediti dei soci Data dell atto di rinunzia L incremento va riproporzionato alla residua durata del periodo di imposta Destinazione dell utile a riserva disponibile Rileva la data della delibera l incremento ha efficacia dall inizio del periodo di imposta Operazioni che decrementano il capitale proprio Retroagiscono il loro effetto all inizio del periodo di imposta in cui si verificano 7 febbraio

44 Gli aspetti positivi dell Ace l'ace presenta, allora, il vantaggio di un calcolo progressivo nel tempo, per cui, perdurando nel tempo, l'incremento del capitale proprio genera ogni esercizio il risparmio sopra citato. Il risparmio è destinato ad incrementarsi ogni esercizio, in corrispondenza di nuovi incrementi del capitale proprio. Per le società di nuova costituzione, l intero patrimonio conferito in denaro risulta rilevante ai fini Ace. A fronte di incrementi rilevanti di capitale proprio, si potrebbe arrivare ad una totale detassazione del reddito imponibile. 7 febbraio

45 Gli aspetti positivi dell Ace E' evidente, inoltre, che si potrebbe avere anche casi in cui la variazione diminutiva supera il reddito di un determinato esercizio. In tal caso, il differenziale non utilizzato può essere riportato a nuovo negli esercizi successivi senza alcun limite temporale. Il riporto avrebbe effetto sulla fiscalità differita attiva, nel senso che la quota eccedente di rendimento nozionale ridurrà le imposte di esercizi successivi, il che dovrebbe legittimare l'iscrizione di imposta differite attive pari al 27,5% di detta quota di rendimento nozionale non utilizzata nell'esercizio. 7 febbraio

46 I punti deboli dell Ace Il decreto salva Italia prevede che l'aliquota del rendimento nozionale viene determinata con decreto del MEF, considerando il rendimento medio dei titoli obbligazionari pubblici, incrementati del 3%,a titolo di remunerazione del rischio d'impresa. Il concetto sottostante dovrebbe essere: se l'imprenditore avesse investito il proprio capitale in bond dello Stato, avrebbe conseguito un guadagno dal valore x, allora, per stimolarlo invece ad investire il capitale nella propria impresa, lo si remunera tre punti di interesse in più. Considerando il tasso medio attuale dei titoli di Stato dell ultimo triennio passato, aumentato del 3%, ci si attenderebbe un rendimento nozionale quantomeno oscillante tra l'7% e il 9%. In via transitoria, invece, il rendimento nozionale per i periodi d'imposta 2011, 2012 e 2013 è fissato con l'aliquota del 3%, il che, in pratica, vorrebbe dire che il rendimento medio dei titoli di Stato assunto a base della determinazione è pari a zero. Dato che il tasso attuale di remunerazione dei titoli di Stato è decisamente diverso da zero, l aliquota provvisoria si spiega solo con la solita necessità di valutare l'effettivo impatto dell'agevolazione sulle casse erariali. Per contro, però, il meccanismo premiale dell agevolazione viene depotenziato in modo rilevante. 7 febbraio

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione

Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione Rassegna stampa del 02 Febbraio 2009 Fonte Il sole 24 ore Lavoro. Le istruzioni per adeguarsi al nuovo obbligo utilizzando il calendario parzialmente o totalmente sfasato rispetto alla maturazione Il libro

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE

PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE OIC 2 PATRIMONI E FINANZIAMENTI DESTINATI AD UNO SPECIFICO AFFARE ottobre 2005 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) nasce dall esigenza, avvertita dalle principali parti

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Le modificazioni del capitale nominale senza modificazione del patrimonio netto (seconda parte)

Le modificazioni del capitale nominale senza modificazione del patrimonio netto (seconda parte) CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 140-2011/I Le modificazioni del capitale nominale senza modificazione del patrimonio netto (seconda parte) Approvato dalla Commissione studi d impresa il 14

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli