HIGHLANDS INSTITUTE SCUOLA SECONDARIA II GRADO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HIGHLANDS INSTITUTE SCUOLA SECONDARIA II GRADO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 VENGA IL TUO REGNO! HIGHLANDS INSTITUTE SCUOLA SECONDARIA II GRADO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Fondazione Highlands Institute Viale della Scultura Roma Eur Tel Fax

2 MISSIONE Per una formazione di alta qualità culturale, aperta e polivalente. In stagione di profonde trasformazioni che interessano il sistema scolastico italiano, il Liceo Scientifico dell Highlands Institute costituisce la garanzia di un percorso formativo integrale di alta qualità, cioè di una preparazione finalizzata non solo all'acquisizione di nozioni e allo sviluppo di abilità specialistiche, ma primariamente alla maturazione di una forma mentis flessibile e aperta, capace di riflettere in profondità, di comprendere, impostare e risolvere questioni, di riconoscere e valutare la complessità dei problemi e delle scelte; in definitiva, capace di quell'ampiezza di pensiero che è patrimonio ed eredità peculiare della nostra civiltà e della tradizione liceale stessa. FINALITÀ Il Liceo Scientifico dell'highlands Institute è un corso paritario e pertanto: Definisce le discipline-attività dei curricoli e il relativo monte ore annuale nei termini previsti dagli ordinamenti e dalle disposizioni vigenti in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche. Rilascia un titolo di studio avente valore legale. È sede degli Esami di Stato. FINALITÀ FORMATIVE Far acquisire la coscienza della propria identità culturale, storica e religiosa mediante la riflessione critica sul patrimonio storico e sulla memoria culturale dell'umanità. Far acquisire il controllo critico della propria identità culturale, storica e religiosa come strumento per aprirsi a relazioni interpersonali sempre più ampie e costruttive. Educare all'appartenenza comunitaria come capacità di farsi carico delle responsabilità della convivenza. Educare all'esercizio della cittadinanza come richiesta e rispetto della legalità. Educare alla libera espressione di sé, come singoli e come gruppi, nel pieno rispetto delle finalità, delle regole e delle esigenze generali della comunità scolastica. FINALITÀ DIDATTICHE Sviluppare abilità trasversali al fine di acquisire capacità relazionali. Sviluppare la capacità di concretizzare le conoscenze e le abilità acquisite attraverso l'operatività. Sviluppare una forma mentis flessibile e aperta al cambiamento, orientata alla soluzione dei problemi e alla gestione delle informazioni. Sviluppare la capacità di accrescere autonomamente il sapere e l'attitudine all autovalutazione sistematica, nell'ottica del diritto allo studio, in senso lato, e dell'educazione permanente. Far acquisire competenze nell'uso delle nuove tecnologie.

3 II conseguimento di queste finalità è perseguito attraverso alcune linee metodologiche che caratterizzano le relazioni tra gli studenti e l Istituto: All'interno del processo di apprendimento è privilegiata 1'operatività dello studente. Nell attività di docenza viene favorito l'utilizzo delle nuove tecnologie. Viene promossa l autovalutazione degli studenti attraverso l'esplicitazione degli obiettivi didattici educativi. Si sollecita la responsabile collaborazione degli studenti attraverso la partecipazione agli organi collegiali. Vengono favorite l apertura e l'attenzione al mondo esterno attraverso: - Momenti di incontro, di dibattito e di approfondimento (anche con il supporto di esperti) su temi di particolare rilevanza e attualità. - Partecipazione a manifestazioni culturali, rappresentazioni teatrali, proiezioni cinematografiche, ecc. - visite guidate, viaggi di istruzione, soggiorni e scambi linguistico - culturali con istituzioni scolastiche di altre nazioni. CRITERI DI AMMISSIONE Conseguimento della Licenza della Scuola Secondaria di I Grado. Diploma di Liceo Scientifico. TITOLO CONSEGUITO PROSEGUIMENTO DEGLI STUDI Il Diploma conseguito presso il nostro Istituto da accesso a tutte le facoltà universitarie.

4 PIANO DI STUDI Discipline 1 BIENNIO 2 BIENNIO 5 ANNO Valutazioni Religione orali Italiano scritte-orali Latino scritte-orali Storia e geografia orali Filosofia orali Storia orali Inglese scritte-orali Spagnolo scritte-orali Matematica scritte-orali Fisica orali Scienze orali Disegno e Storia dell'arte orali Elem. Diritto orali Ed. Fisica pratiche Totale ore

5 LE SCELTE ORGANIZZATIVE ORGANIGRAMMA Rettrice Assistente Istruttrici Preside Coordinatrice Coordinatore Spirituale di Formazione Scuola Media di Formazione Amministrativo Integrale Cattolica Docenti Responsabile Personale ATA di Disciplina ORARIO DI RICEVIMENTO Rettrice Tutti i giorni Appuntamento Coordinatrici Tutti i giorni Appuntamento Istruttrici formazione umana Tutti i giorni Appuntamento Docenti Singola disponibilità Appuntamento Coordinatore amministrativo Appuntamento Per tutti gli appuntamenti ci si può rivolgere alla segreteria del settore, aperta, il lunedì ed il giovedì, dalle ore 8:00 alle ore 9:30 e dalle ore 15:30 alle ore 16:15; il martedì, il mercoledì ed il venerdì dalle ore 8:00 alle ore 9:30 e dalle ore 13:00 alle ore 14:00. Per appuntamenti con la Rettrice è possibile contattare la segreteria di direzione. La segreteria amministrativa (Cassa) è aperta tutti i giorni dalle ore 8:00 alle ore 12:00 ed il lunedì anche dalle ore 15:00 alle ore 16:00. Tutti i docenti della scuola, oltre a possedere i titoli richiesti dal Ministero per l insegnamento (siamo una scuola paritaria), condividono ed hanno fatto proprio il progetto educativo e sono impegnati in una formazione personale continua, sia sul versante didattico-psicologico, che su quello umano e spirituale. Nel settore operano, prevalentemente con docenti e famiglie, ma anche in attività particolari con i bambini, il Padre Cappellano e le Consacrate, che offrono la loro accoglienza ed assistenza spirituale e formativa. Ricevono per appuntamento (rivolgersi alla segreteria del settore).

6 STRUTTURE DISPONIBILI E SERVIZI Cappella Aula Magna Due campi di calcetto Due campi basket Due campi pallavolo Campo tennis Due palestre coperte Biblioteca Aula informatica multimediale Aula di musica Aula Audiovisivi Laboratorio di scienze Ambienti per animazione spirituale di gruppo Mensa Reception LA SETTIMANA CORTA Il Collegio dei Docenti ha deliberato l articolazione dell orario settimanale su 5 giorni (dal lunedì al venerdì) con una struttura-base della mattinata scolastica scandita in 6 lezioni. Cui si aggiungono 2 lezioni pomeridiane una volta a settimana per il biennio, due volte a settimana per il triennio. Le attività didattiche del rientro pomeridiano sono parte del tempo-scuola e, dunque, comportano, per gli studenti, l obbligo della frequenza.

7 ORARIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA II GRADO (BIENNIO) Giovedì 8:00-9:00 1 Lezione Lun - Mar - Mer - Ven 8:00-9:00 1 Lezione 9:00-9:55 2 Lezione 9:00-9:55 2 Lezione 9:55-10:50 3 Lezione 9:55-10:50 3 Lezione 10:50-11:05 Intervallo 10:50-11:05 Intervallo :00 4 Lezione :00 4 Lezione 12:00-13:00 5 Lezione 12:00-13:00 5 Lezione 13:00-14:00 6 Lezione 13:00-14:00 6 Lezione 14:00-14:40 Pranzo 14:40-15:35 7 Lezione 15:35-16:30 8 Lezione

8 ORARIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA II GRADO (TRIENNIO) Lun - Gio Mar - Mer - Ven 8:00-9:00 1 Lezione 8:00-9:00 1 Lezione 9:00-9:55 2 Lezione 9:00-9:55 2 Lezione 9:55-10:50 3 Lezione 9:55-10:50 3 Lezione 10:50-11:05 Intervallo 10:50-11:05 Intervallo :00 4 Lezione :00 4 Lezione 12:00-13:00 5 Lezione 12:00-13:00 5 Lezione 13:00-14:00 6 Lezione 13:00-14:00 6 Lezione 14:00-14:40 Pranzo 14:40-15:35 7 Lezione 15:35-16:30 8 Lezione RESPONSABILE DI DISCIPLINA In base a quanto previsto dall art.7, comma 4 del D.P.R. numero 122 del 22 Giugno 2009 recante il coordinamento delle norme vigenti e le modalità applicative in materia di valutazione degli alunni, l Highlands Institute istituisce la figura della Responsabile di Disciplina con la funzione di promuovere e coordinare tutte le attività volte alla valorizzazione dei comportamenti positivi, alla prevenzione degli atteggiamenti negativi, al coinvolgimento attivo dei genitori e degli alunni, tenendo conto di quanto previsto dal Regolamento d Istituto e dal Patto Educativo di Corresponsabilità e dalle specifiche esigenze della comunità scolastica e del territorio. La sua azione contribuirà a [ ] favorire negli studenti l acquisizione di una coscienza civile basata sulla consapevolezza che la libertà personale si realizza nell adempimento dei propri doveri, nella conoscenza dei propri diritti, nel rispetto dei diritti altrui e delle regole che governano la convivenza civile in generale e la vita scolastica in particolare.

9 PROGETTI DI PARTICOLARE RILEVANZA PROGETTI DISCIPLINARI Insegnamento della religione cattolica L'insegnamento della religione cattolica è organizzato nel seguente modo: Viene impartita settimanalmente una lezione di IRC dedicata allo svolgimento del programma ordinario previsto per la disciplina; Una seconda ora di lezione, riservata all'approfondimento e/o al dialogo (anche con l'eventuale supporto di esperti) su temi di cultura religiosa prospettati in chiave etica, antropologica e teologica si fa in copresenza con il docente d italiano- diritto- scienze (1 a e 2 a classe del liceo) e con i docenti d italiano- latino, storia-filosofia e storia dell arte (3 a, 4 a, 5 a classe del liceo). Area linguistica Attività extra in lingua inglese rispetto alla programmazione curricolare Le lezioni curricolari sono incentrate sulla pratica delle quattro abilità linguistiche, sullo sviluppo delle competenze comunicative, sul potenziamento della competenza lessicale degli studenti e su attività di comprensione testuale. Il percorso è integrato da lezioni extra (un ora a settimana) tenute da insegnante madrelingua che offrono un ulteriore possibilità di esercitarsi nella produzione (scritta e orale) e nella ricezione (scritta e orale) della lingua inglese. Sono previste anche attività guidate di recupero/potenziamento (gli studenti che vi parteciperanno saranno divisi in gruppi di lavoro in base alle loro competenze linguistiche) e di preparazione per il conseguimento dei livelli più avanzati delle certificazioni Cambridge. Inserimento di una seconda lingua comunitaria "spagnolo" È inserito lo studio di una seconda lingua comunitaria "spagnolo" per il primo biennio per due ore settimanali, di cui una in orario curriculare e una in orario extra curriculare facoltativa opzionale (con la possibilità del conseguimento della certificazione DELE). Area scientifica Potenziamento dello studio della Matematica In considerazione delle competenze vaste e articolate previste dal profilo in uscita dello studente del liceo scientifico, si è ritenuto di portare nel triennio l insegnamento della matematica da 4 a 5 lezioni settimanali. Progetto: Olimpiadi della matematica Tutte le classi del liceo partecipano verso la metà di novembre alle Gare di matematica, chiamata nella prima fase. Giochi di Archimede". Il Progetto Olimpiadi della matematica organizza in Italia gare di matematica per le scuole superiori da oltre 20 anni; le gare hanno la loro conclusione con la partecipazione della squadra italiana alle Olimpiadi internazionali di matematica. Il Progetto Olimpiadi opera in base a una convenzione fra il Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e l'unione Matematica Italiana, e si avvale della collaborazione della Scuola Normale Superiore di Pisa.

10 La parte culturale si articola, di consueto, nelle seguenti fasi: Giochi di Archimede: metà novembre (gare di tipo promozionale). Gare Provinciali di Selezione: data da definire (presumibilmente nel mese di febbraio 2011). Olimpiadi Nazionali della Matematica a Cesenatico: data da definire (presumibilmente nei primi giorni di maggio). Area artistico - letteraria Anticipo dello studio del Novecento in Italiano al quarto liceo Anticipare lo studio del Novecento, nelle sue peculiarità artistiche - letterarie, è un esigenza che nasce dall importanza di un secolo che ha visto un susseguirsi rapido e vario di ricerche ed esperienze, il cui studio non può restringersi nei pochi mesi dell ultimo anno di corso. Per gli studenti è una grande valenza formativa approfondire le conoscenze del contesto storico-culturale, nel quale affondano le loro radici, ed inoltre esplorare un universo artistico - letterario, di sicuro arduo nelle novità linguistico - estetiche, ma più riconoscibile perché più vicino, nei valori, nelle tematiche, nelle metodologie. Esso può stimolare i ragazzi di oggi, piuttosto inappetenti alla lettura, ad accostarsi al libro con maggiore interesse e offrire così l occasione per l allargamento dell orizzonte estetico linguistico, davvero importante per la loro formazione culturale ed umana. PROGETTI PER IL SUCCESSO FORMATIVO Orientamento Le attività di orientamento sono coordinate dall apposita Commissione Orientamento del Collegio dei docenti, il cui compito è curare e promuovere iniziative per: L orientamento in ingresso e l accoglienza (collegamento con la scuola media interna), come: - Redazione e revisione del materiale pubblicitario-informativo sui licei; - Presentazione del liceo agli alunni interni delle classi terze media ad opera di alcuni docenti e studenti dei corsi superiori; - Effettuazione di alcune lezioni e attività laboratoriali coordinate tra docenti della scuola secondaria di primo grado e dei licei per gli alunni interni delle classi seconde e terze, allo scopo di far loro conoscere i docenti e le strutture didattiche del liceo; - Presentazione del liceo a famiglie e alunni (interni ed esterni) delle classi delle terze medie che intendono richiedere l iscrizione al liceo. L invito sarà rivolto anche ai genitori degli alunni interni che attualmente frequentano la 2 a classe della scuola secondaria di primo grado; L orientamento in uscita (collegamento con l università), come: - servizio informativo rivolto agli studenti in merito alle iniziative di orientamento proposte presso le varie facoltà universitarie e la distribuzione del relativo materiale illustrativo; - L attivazione di iniziative culturali in sede e presso l UER.

11 Attività pomeridiane Nell ottica di un fattivo impegno per combattere la dispersione scolastica e per promuovere il successo formativo il Collegio dei docenti dei licei ha progettato l attivazione di interventi extracurriculari da realizzarsi in orario. Per questo si prevede: Rete permanente di sostegno (studio pomeridiano personalizzato). Secondo i turni stabiliti, i docenti attiveranno interventi per gli studenti di classi parallele per ripassi, esercitazioni, aiuto nell impostazione del metodo di studio (biennio), ripresa in forma diversa di argomenti affrontati durante le lezioni, prove simulate orali e scritte, attività di recupero per il superamento del "debito formativo". Interventi a favore delle eccellenze volti a offrire agli studenti più abili occasioni di ulteriore potenziamento del loro bagaglio culturale, delle loro competenze e capacità. Tali iniziative si configureranno come brevi corsi e/o seminari di approfondimento, anche con università statali, ore di laboratorio culturale, attività pluridisciplinari e i seguenti progetti: Progetto Caffè filosofico Il progetto Caffè filosofico coinvolge le classi del triennio liceale e si articola in una serie d incontri/dibattiti annuali di approfondimento diretti da esperti della disciplina (docenti universitari Dipartimento di Filosofia) sui temi cardine della storia della filosofia (il problema della conoscenza, la concezione dell anima, il concetto di libertà, ecc.) e in particolare su questioni etiche fondamentali e attuali (il tema dell Identità personale, questioni di bioetica, ecc.). Il progetto si propone di realizzare un autentica piattaforma comunicativa, capace di sollecitare l interesse e la motivazione dei ragazzi nei confronti delle tematiche filosofiche: una sorta di tavola rotonda aperta, accogliente, formativa ove i ragazzi possano prender parte attiva al dialogo filosofico e con - filosofare, guidati da adulti-esperti, sviluppando autonomamente, criticamente e responsabilmente il proprio punto di vista sulle questioni che riguardano e interessano l uomo in quanto persona che vive in un determinato contesto culturale e in un preciso momento storico e che dunque non può prescindere né dal confronto con le riflessioni delle epoche precedenti né dai problemi del proprio tempo. Progetto Archivio di stato Il progetto Archivio storico coinvolge le classi del triennio liceale attraverso visite e ricerche simulate in Archivio, dopo un opportuna e preliminare preparazione dei ragazzi sul concetto di archivio e di fonte da parte o dell insegnante e/o dell archivista. Il progetto si propone di stimolare nei ragazzi il piacere della ricerca e della scoperta, nella consapevolezza che i documenti conservati e consultati in Archivio sono testimonianze dirette delle persone che hanno vissuto in un preciso momento storico: la storia generale può essere contestualizzata e integrata con la storia locale. Ciò permetterà ai ragazzi di sviluppare un autentica coscienza storica che possa contribuire alla formazione integrale della loro persona e quindi della loro identità nazionale, europea, planetaria. Il progetto permette inoltre la realizzazione di una didattica attiva, il superamento del nozionismo e l acquisizione di una mentalità di ricerca. Elemento fondamentale è quindi la convergenza di scuola e territorio verso un progetto formativo comune.

12 PROGETTI PER L AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA Viaggi d istruzione e visite guidate. Possono essere organizzati in conformità a un piano annuale programmato e approvato dal consiglio di classe; - Un viaggio di istruzione all anno (di più giorni, e nel periodo indicato nel calendario) in località di interesse storico, artistico - culturale. Tali esperienze permettono di approfondire e integrare il percorso didattico, e costituiscono reali occasioni di apprendimento per gli studenti; - Alcune visite guidate (nell arco della giornata). - Non si effettuano viaggi di istruzione in periodi diversi da quello definito annualmente dal collegio docenti; - Non si effettuano viaggi di istruzione e visite guidate nell ultimo mese di lezione (maggio); La responsabilità dell organizzazione è sempre di un docente del consiglio di classe. Possono fungere da accompagnatori, condividendone le responsabilità, anche altri docenti del consiglio di classe e altri membri dell equipe formativa della scuola. Attività sportiva L organizzazione delle attività di educazione fisica (per gruppi interclasse maschili e femminili) prevede lo svolgimento di attività sportive culminanti nella Giornata dello Sport di Istituto e nella partecipazione a gare e tornei organizzati dalla scuola. È prevista la partecipazione ai Campionati Studenteschi, organizzati dalla Direzione Scolastica Regionale del Lazio ed è stata organizzata la squadra di calcio a 5 maschile che partecipa al campionato juniores della lega nazionale dilettanti. Attività musicale Durante i cinque anni di liceo, nel corso delle lezioni di inglese è previsto uno sguardo su artisti, fenomeni e contesti socioculturali legati alla popular music di origine angloamericana (blues, rhythm & blues, rock n roll, pop, rap) a partire dalla seconda metà del Novecento. Approfondimenti che offriranno lo spunto per organizzare performance dal vivo di alcuni dei brani musicali affrontati in classe. Corsi pomeridiani Nel corso dell anno scolastico vengono proposti agli studenti corsi pomeridiani finalizzati: Al conseguimento delle certificazioni europee sulle competenze linguistiche: Certificazione ESOL Cambridge First Certificate in English (livello B2 Vantage). Certificazione DELE Spagnolo. Alla preparazione agli esami (tenuti in sede) della patente europea informatica E.C.D.L.

13 LE SCELTE METODOLOGICO-DIDATTICHE METODOLOGIE E STRUMENTI A seconda della composizione della classe, delle esigenze della programmazione didattica e delle esigenze concrete di apprendimento degli alunni, i docenti adottano con flessibilità vari metodi di insegnamento, privilegiando comunque oltre alla lezione frontale le tecniche che maggiormente coinvolgono l alunno, e lo rendono coprotagonista con il docente, del suo apprendimento: lezione interattiva, problem solving, ricerche individuali e/o di gruppo, trattazioni pluridisciplinari, ecc. Gli strumenti utilizzati vanno da quelli tradizionali (libri di testo, appunti, fotocopie, dispense, ecc.) ai più moderni (apparecchiature multimediali; audiovisivi; laboratori di informatica, di lingue, di scienze, di fisica, di disegno; interventi di esperti). CRITERI GENERALI PER LA RILEVAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI (VERIFICHE) La verifica dell apprendimento è un processo continuo organicamente integrato nell attività didattica ed è funzionale al raggiungimento degli obiettivi didattici e formativi prefissati. I criteri prefissati per la somministrazione, la correzione e la misurazione delle prove scritte ed orali sono stabiliti collegialmente e coordinati a livello di dipartimenti disciplinari e consigli di classe. I docenti utilizzano differenti strumenti per la rilevazione degli apprendimenti sia nell orale che nello scritto, in relazione agli obiettivi che debbono essere verificati. TIPOLOGIA DELLE VERIFICHE Le prove scritte potranno essere strutturate, semistrutturate e non strutturate. Particolare cura viene data, fin dal biennio, alle nuove tipologie di verifica previste per le tre prove scritte dell Esame di Stato. Le prove scritte e le prove orali potranno avere durata e struttura variabile a seconda che siano impiegate per la verifica formativa (verifica e valutazione in itinere, per accertare che lo studente stia seguendo e procedendo nell apprendimento degli argomenti), o per la verifica sommativa (verifica e valutazione conclusiva di un unità didattica, di un modulo o di un certo segmento del percorso didattico, per accertare se lo studente abbia o no raggiunto i traguardi per lo sviluppo delle competenze previste e gli apprendimenti prefissati). Per le discipline orali è possibile e, talora, opportuno utilizzare anche prove ed esercitazioni scritte, purché queste non sostituiscano il colloquio orale e abbiano un peso equilibrato nella determinazione della valutazione periodica e finale. NUMERO DELLE VERIFICHE Le verifiche scritte ufficiali (compiti in classe) vengono tempestivamente programmate dai docenti e annotate sul giornale di classe. Il collegio docenti ha stabilito che di norma non si effettui più di una verifica scritta ufficiale (compito in classe) nella medesima mattinata scolastica. In ogni trimestre vengono somministrate, per ciascuna disciplina di studio, non meno di tre prove (sia per lo scritto che per l orale). Il tempo massimo stabilito tra la somministrazione della prova scritta e la restituzione della medesima corretta è di 15 giorni. Gli esiti delle prove scritte, corrette e classificate e quelli delle prove orali vengono di norma riportate sul Registro Personale del docente e sul libretto scolastico personale di ogni alunno e devono essere controfirmate da un genitore per presa visione. Lo studente ha cura di esibire tempestivamente al docente la firma di un genitore. Le verifiche scritte e corrette, corredate dal testo oggetto della prova, possono essere di

14 norma visionate dai genitori, non solo per ottemperare a quanto previsto dalla Legge 7 agosto 1990 n. 241 sulla trasparenza degli atti amministrativi ma soprattutto per rendere partecipi i genitori dei progressi e/o delle difficoltà di profitto degli alunni. CRITERI COMUNI PER LA FORMULAZIONE DEI GIUDIZI (MISURAZIONE E VALUTAZIONE) Il Collegio dei docenti ha concordato che le proposte di voto per la valutazione trimestrale e finale siano corredate da giudizi analitici riportati dai singoli docenti su un apposito statino di valutazione (che viene allegato ai verbali degli scrutini) ed espressi sulla base dei seguenti indicatori: Attenzione e partecipazione OSSERVAZIONI SISTEMATICHE-INDICATORI Impegno e affidabilità A = attento e partecipe B = attento e non partecipa C = si distrae Metodo di studio e lavoro A = autonomo ed efficace B = non sempre adeguato C = necessita di indicazioni A = responsabile e costante B = non costante e discontinuo C = scarso Comportamento sociale A = comportamento corretto e collaborativo B = integrazione non sempre completa e incostante rispetto delle regole C = Poco corretto e non collaborativo Inoltre, il Collegio Docenti ha concordato i seguenti criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli di apprendimento, nell intento di raggiungere la più ampia convergenza possibile nelle valutazioni dei docenti e dei consigli di classe. VOTO GIUDIZIO Nessuna risposta ai quesiti della verifica/impreparato. Obiettivi non raggiunti. Confusa e gravemente lacunosa la conoscenza delle informazioni, delle regole e della terminologia di base. Non è in grado di applicare né di comunicare. Obiettivi raggiunti in modo inadeguato. Conosce in maniera frammentaria e superficiale le informazioni, le regole e la terminologia di base. Commette gravi errori nell applicazione e nella comunicazione. Obiettivi raggiunti in modo frammentario Conosce e comprende in modo generale le informazioni, le regole e la terminologia di base che applica con difficoltà anche in situazioni note. Evidenzia carenze nella comunicazione. Obiettivi raggiunti in modo parziale Conosce e comprende le informazioni di base, le regole e la terminologia della

15 disciplina. Applica e comunica con sufficiente correttezza, in maniera autonoma, in situazioni note. Effettua semplici analisi e sintesi su argomenti e ambiti disciplinari diversi, ma deve essere guidato. Obiettivi raggiunti in modo minimale. Conosce e comprende le informazioni, le regole e la terminologia della disciplina. Applica anche in situazioni non note senza commettere errori gravi. È in grado di effettuare autonomamente analisi e sintesi semplici su argomenti e ambiti disciplinari diversi. Comunica in modo appropriato e organico. Obiettivi raggiunti in modo adeguato Conosce e comprende le informazioni, le regole e la terminologia della disciplina. Applica correttamente anche in situazioni non note. Sa collegare argomenti e ambiti disciplinari diversi usando in modo pertinente analisi e sintesi. Comunica in modo preciso ed esauriente. Obiettivi raggiunti in modo completo Possiede una conoscenza ampliata e una comprensione approfondita delle informazioni, delle regole e della terminologia della disciplina. Sa formulare valutazioni critiche documentali e trovare approcci personali su argomenti e problemi di ambiti disciplinari diversi; ha un ottima padronanza della lingua italiana e dei linguaggi disciplinari specifici. Obiettivi raggiunti in modo ampliato VALUTAZIONE PERIODICA E FINALE La valutazione periodica attesta il percorso formativo e di apprendimento che lo studente sta seguendo ed è espressa in un voto attribuito per la singola materia, in base a un giudizio brevemente motivato desunto dalle interrogazioni e dalle prove scritte, grafiche o pratiche, fatte a casa o a scuola, corrette e classificate durante il trimestre. Tale valutazione è formulata per ciascuno studente nel Registro di valutazione della classe, redatto da ogni docente per la/le disciplina/e di propria competenza, dove per ogni alunno sono indicati: Proposta del voto di profitto; Numero delle prove di verifica (distinte per l orale e lo scritto) somministrate all alunno/a nel corso del periodo considerato; Un giudizio di merito circa la partecipazione dell alunno/a alle attività didattiche, l impegno nello studio, il metodo di studio e il progresso rispetto ai livelli di partenza; La valutazione finale attesta gli esiti ultimi del percorso formativo e d apprendimento che lo studente ha compiuto nel corso dell anno ed esprime la valutazione collegiale del consiglio di classe circa l avvenuto o il mancato raggiungimento degli obiettivi formativi e didattici minimi indispensabili per l ammissione alla classe successiva. Tale valutazione s inserisce in un quadro unitario, in cui si delinea un vero e proprio giudizio di merito sulla diligenza, sul profitto e su tutti gli altri fattori che interessano l attività scolastica e lo sviluppo formativo dell allievo. Nella definizione di questo quadro unitario di giudizio, il Consiglio di classe considera la frequenza assidua e la partecipazione attiva alla vita della scuola come elementi positivi che concorrono alla valutazione favorevole del profitto dell alunno.

16 DEBITI FORMATIVI In caso di insufficienza in una o più discipline, rilevata in sede di scrutinio periodico, il Consiglio di classe convoca lo studente a corsi di recupero e/o fornisce materiale didattico e specifiche indicazioni per lo studio individuale guidato al consolidamento e/o al recupero dei mancati apprendimenti. Al termine dei suddetti interventi personalizzati sono previste delle verifiche di accertamento. Tali verifiche costituiscono occasione per definire forme di supporto volte al completamento del percorso di recupero e al raggiungimento di obiettivi formativi di più alto livello. I gruppi di studenti chiamati ad un corso di recupero possono essere formati da studenti della stessa classe o di classi parallele, purché con carenze omogenee. In sede di scrutinio finale secondo l O.M. 92/07 per gli studenti che presentano in una o più discipline valutazioni insufficienti, il Consiglio di classe, sulla base di criteri preventivamente stabiliti, procede ad una valutazione della possibilità dell alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto, propri delle discipline interessate entro il termine dell anno scolastico, mediante lo studio personale svolto autonomamente o attraverso la frequenza di appositi interventi di recupero. In tal caso, il Consiglio di classe rinvia la formulazione del giudizio finale (all albo dell istituto viene riportata la sola indicazione sospensione del giudizio ), comunica alle famiglie, per iscritto, i soli voti proposti nella disciplina o nelle discipline nelle quali lo studente non abbia raggiunto la sufficienza, gli interventi di recupero dei debiti formativi, le modalità e i tempi delle relative verifiche. Per gli alunni con sospensione di giudizio, dopo l effettuazione della verifica dei risultati degli interventi di recupero, si procederà all approvazione di tutti i voti in sede di integrazione dello scrutinio. La sola frequenza ai corsi di recupero non significa automaticamente il saldo dei debiti accumulati. CREDITI FORMATIVI E DIDATTICI (per gli studenti del triennio) Il Collegio dei docenti ritiene che in coerenza con il Progetto Educativo d Istituto che individua nella formazione integrale del giovane, in quanto persona, l obiettivo fondamentale di tutte le attività e iniziative formative promosse possano convergere nel comportamento tutte le esperienze effettuate al di fuori della scuola da cui può provenire un apporto alla formazione della persona e alla crescita umana, civile e culturale dello studente. In tale prospettiva, i consigli di classe del triennio possono riconoscere e accettare quali momenti formativi le esperienze effettuate dagli studenti in attività culturali, artistiche, sportive e ricreative, di volontariato, di solidarietà, di cooperazione, nella formazione professionale, nel lavoro, nell impegno in favore dell ambiente. La partecipazione assidua e costruttiva al dialogo educativo, alle eventuali aree di progetto e alle attività complementari e integrative proposte e organizzate dalla scuola ha riscontro nella valutazione finale favorendo la banda di oscillazione dei crediti. MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Nei Corsi Superiori dell Istituto Highlands sono operanti i seguenti organi collegiali: COLLEGIO DEI DOCENTI Composto da: - Preside, con funzioni di presidente. - Vicepreside. - Tutti i docenti dei licei.

17 All interno del Collegio si costituiscono, per mandato del Collegio medesimo, gruppi e commissioni per lo studio, il coordinamento, l organizzazione di attività o progetti specifici. Risultano attualmente costituiti ed operanti i seguenti gruppi e commissioni di lavoro: Valutazione del comportamento Cultura Gruppo di lavoro per la settimana flessibile P.O.F. Gruppo di studio per l'esame di Stato Orientamento Elaborazione di criteri per l attribuzione del voto di condotta e della relativa griglia dei descrittori di comportamento per ciascun voto. Raccolta e coordinamento di proposte di attività educative finalizzate a favorire l acquisizione di una coscienza civile basata sulla consapevolezza che la libertà personale si realizza nell adempimento dei propri doveri, nella conoscenza dei propri diritti, nel rispetto dei diritti altrui e delle regole che governano la convivenza civile in generale e la vita scolastica in particolare. Promozione e coordinamento di iniziative culturali (incontri, conferenze, approfondimenti, ecc.) in favore di studenti, genitori e docenti. Contatti con enti, istituzioni, personalità del mondo della cultura. Partecipazione degli studenti a rappresentazioni teatrali e concerti Progettazione e attuazione del progetto «settimana flessibile». Raccolta di proposte didattico-educative, revisione e stesura anno per anno del testo del P.O.F; Monitoraggio e valutazione delle scelte in attuazione dell autonomia scolastica; Partecipazione ad attività di aggiornamento e studio, promozione e coordinamento di iniziative relative alle riforme in atto nella scuola italiana (autonomia, parità, nuovo obbligo scolastico, riordino dei cicli, ecc.). Partecipazione ad attività di aggiornamento e studio, promozione e coordinamento di iniziative finalizzate a ottimizzare la preparazione degli studenti all Esame di Stato conclusivo degli studi superiori. Partecipazione ad attività di aggiornamento e studio, promozione e coordinamento di iniziative, diffusione di informazioni relative all orientamento in ingresso (collegamento tra scuola media e licei) e in uscita (collegamento tra licei e università).

18 CONSIGLIO DI CLASSE Composto da: - Preside, con funzioni di presidente (in caso di assenza può essere sostituito dal vicepreside o dal docente Coordinatore di classe). - Tutti i docenti della classe, di cui uno con funzioni di segretario. - Due rappresentanti dei genitori. - Due rappresentanti degli studenti. Si riunisce su convocazione del Preside - Con la sola presenza dei docenti, per la programmazione e la valutazione periodica e finale degli alunni. - Con la presenza della responsabile di disciplina nelle operazioni di attribuzione del voto di condotta. - Con la presenza dei rappresentanti dei genitori e degli studenti due volte all anno, nelle riunioni interquadrimestrali. CONSIGLIO D ISTITUTO Il Consiglio di istituto, nelle scuole paritarie con popolazione scolastica superiore a 500 alunni, è costituito dai seguenti membri: - N. 8 rappresentanti del personale insegnante; - N. 8 rappresentanti dei genitori degli alunni; - N. 2 rappresentanti degli alunni della Scuola Sec. Di 2 grado - N. 2 rappresentanti del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario; - Il direttore didattico e/o il preside; - Il Rettore; - Il Rappresentante legale (o altra persona nominata) del Gestore. ORGANO DI GARANZIA Composto da: - La Rettrice dell Istituto. - La Preside. - Due rappresentanti dei docenti. - Due rappresentanti dei genitori. COMITATO STUDENTESCO Eletto annualmente dai rappresentanti di classe degli studenti e rappresentativo di tutti gli studenti dei licei, è cosi composto: - Presidente. - Vicepresidente. - 2 studenti per ciascun liceo (uno per il biennio ed uno per il triennio). Il Comitato studentesco ha il compito di: - Sollecitare, proporre e sostenere le iniziative degli studenti in ambito religioso: (animazione, liturgia), culturale (incontri, conferenze), sociale (iniziative di solidarietà, volontariato), sportivo (gare, tornei), ricreativo (feste, manifestazioni). - Partecipare con propri rappresentanti alle attività promosse dall Istituto nelle sue diverse componenti.

19 - Organizzare un servizio di accoglienza in occasione di particolari avvenimenti previsti dal calendario di Istituto. - Garantire un efficace e continua comunicazione tra il Comitato studentesco e tutti i rappresentanti di classe degli studenti (tramite un opportuna programmazione di incontri). INTERAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA COOPERAZIONE EDUCATIVA SCUOLA - FAMIGLIA Consapevole del primato educativo dei genitori, l Istituto intende collaborare con le famiglie nel processo educativo e formativo dei ragazzi. Per questo: Fornisce loro il Piano dell Offerta Formativa come strumento di riferimento e di cooperazione, disponendosi al dialogo e a recepire tutte le indicazioni che possano aiutare la crescita degli studenti e migliorare la qualità della scuola. Offre loro lo Spazio genitori-servizio di consulenza psicologica, attivato in collaborazione con COSPES. Il servizio intende rispondere all esigenza dei genitori di incontrare una persona competente e disponibile che sappia ascoltare e condividere la preoccupazione, con cui confrontarsi e cercare le possibili soluzioni ai problemi tipici dell età evolutiva e delle relazioni tra genitori e figli. La psicologa è presente a scuola una volta al mese, secondo il calendario e l orario che vengono comunicati all inizio dell anno scolastico. È previsto un massimo di due incontri per ogni famiglia. Per usufruire, previo appuntamento, di questo servizio i genitori possono prenotarsi in Segreteria. COMUNICAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA Lo strumento ordinario di comunicazione tra scuola e famiglia è il libretto scolastico personale che lo studente è tenuto ad avere sempre con sé durante le giornate scolastiche. I genitori possono incontrare il Preside, il docente coordinatore di classe, i docenti e la responsabile di disciplina richiedendo un appuntamento alla Segreteria dei licei, nei periodi e secondo l orario settimanale di ricevimento comunicati all inizio dell anno scolastico. Il Preside, il coordinatore di classe, i docenti e la responsabile di disciplina hanno facoltà di richiedere un colloquio con le famiglie (mediante libretto scolastico, lettera o comunicazione telefonica della segreteria) ove ne ravvisino la necessità per ragioni di ordine educativo e/o didattico. Sono inoltre previsti: Un incontro all inizio dell anno scolastico con i docenti del Consiglio di classe per la presentazione degli estremi della programmazione didattico - educativa ai genitori e agli studenti. Due incontri di tutti i docenti con le famiglie, in orario pomeridiano, a termine del 1 e 3 bimestre dell anno scolastico. Tali incontri, previsti particolarmente per i genitori che, per impegni professionali, non possono accedere gli ordinari colloqui settimanali con i docenti si svolgono secondo una calendarizzazione fissata all inizio dell anno scolastico.

20 Alle famiglie degli studenti vengono trasmessi: Documento Gli esiti dei compiti in classe corretti e classificati Modalità di trasmissione Attraverso gli alunni La pagella del I trimestre Attraverso gli alunni Eventuali note disciplinari o di negligenza redatte sul giornale di classe. Eventuali provvedimenti disciplinari Attraverso la responsabile di disciplina o per comunicazione scritta dalla Presidenza spedita per posta ordinaria. Comunicazione scritta dalla Presidenza consegnata attraverso la responsabile di disciplina Comunicazione dell eventuale non ammissione alla classe successiva, dopo lo scrutinio finale Comunicazione scritta dalla Presidenza spedita per posta prioritaria/certificata.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli