INGLESE L3 NELLA SCUOLA MEDIA IN LINGUA ITALIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INGLESE L3 NELLA SCUOLA MEDIA IN LINGUA ITALIANA"

Transcript

1 NGLESE L3 NELLA SCUOLA MEDA N LNGUA TALANA PREMESSA L inserimento della lingua inglese nella scuola media di lingua italiana è dettato, innanzitutto, dalla convinzione che un educazione plurilingue - elemento di identità e caratteristica della cittadinanza europea - non può che avvantaggiare l allievo altoatesino sia da un punto di vista formativo, sia da un punto di vista strumentale. Saranno infatti favoriti, da una parte lo sviluppo cognitivo, l educazione linguistica ed il relativismo culturale, dall altra, l acquisizione di competenze spendibili nella società attuale. Va sottolineato, inoltre, che l inserimento della lingua inglese nella scuola media è in sintonia con le riflessioni contenute nel documento dei Saggi del marzo 1998 laddove, relativamente ai contenuti essenziali per la formazione di base, si afferma quanto segue: La capacità di proiettarsi nello spazio sempre più esteso della comunicazione e dell interscambio deve essere assicurata proponendo a tutti, fin dai primi anni di scuola, accanto all italiano come lingua madre per i più ( ma anche come lingua straniera per gli immigrati ), e, nelle aree di bilinguismo del nostro paese, alle lingue del luogo, l apprendimento e l uso di un inglese essenziale, finalizzato alla partecipazione attiva a situazioni di relazione interpersonale e ad ambienti di studio e di lavoro ormai sempre più frequenti ed ampi, che coinvolgono persone di altre nazionalità. Negli anni successivi, si introdurrà lo studio avanzato e culturalmente articolato di una o più lingue della comunità europea. (1) Le raccomandazioni dei Saggi sono state tenute presenti nella elaborazione del programma di lingua inglese della scuola media di lingua italiana, relativamente alla caratteristica di essenzialità, di sviluppo di una concreta competenza comunicativa e di selezione accurata dei domini linguistici. La lingua inglese non dovrà costituire un mero ampliamento dell'offerta formativa con l'aggiunta di una ulteriore disciplina all interno del monte ore già cospicuo - della scuola media, ma dovrà essere considerata una disciplina formativa legata al curricolo dell allievo e collegata con tutte le altre discipline, sulle quali dovrà avere una ricaduta positiva. (1) Le conoscenze fondamentali per l'apprendimento dei giovani nella scuola italiana nei prossimi decenni, materiali della Commissione dei Saggi, annali della P.., Studi e documenti, n.78, Roma -1997, p.86 A tal fine si richiama la necessità, da parte dell'insegnante, di considerare alcuni assi fondamentali quali: 1

2 una programmazione ed una didattica integrate delle lingue la trasversalità della lingua inglese nel curricolo l educazione al plurilinguismo la continuità didattica in area linguistica tra i diversi gradi di scuola il coinvolgimento attivo dell'alunno nel processo di apprendimento e lo sviluppo contestuale della sua autonomia la trasparenza degli obiettivi il nuovo ruolo del docente considerato non più mero trasmettitore di contenuti ma facilitatore di attività linguistiche basate sui bisogni di apprendimento dell'alunno e sul lavoro in coppia ed in piccolo gruppo una nuova concezione non più penalizzante dell'errore, che dovrà essere considerato elemento naturale del processo linguistico un processo di apprendimento/insegnamento arricchito dall utilizzo delle nuove tecnologie e da attività che permettano all'alunno di far emergere la sua creatività. 2

3 1. STRUTTURA DELL NSEGNAMENTO. Nell esercizio dell autonomia didattico-organizzativa, prevista dalla normativa vigente, le scuole possono articolare l insegnamento della lingua inglese ferma restando una quota triennale minima di ore, pari a 240 sulla base delle seguenti opzioni: A) Aumento di n. 3 ore settimanali, a partire dalla 1 a classe, per un monte ore triennale di 297 ore. n questo caso l orario settimanale degli alunni, vigente nella scuola media in lingua italiana (L.P. 6 dicembre 1983, n. 48), pari a 33 ore, aumenterebbe di 3 ore, per un totale di 36 ore settimanali. B) Pacchetto formativo di 297 ore, da distribuire nel triennio, ottenuto anche con la riduzione - nel triennio - di non più di 99 ore di italiano. n questo caso l orario settimanale degli alunni vigente nella scuola media in lingua italiana (L.P. 6 dicembre 1983, n. 48), pari a 33 ore, aumenterebbe di 2 ore, per un totale di 35 ore settimanali. C) Utilizzo della flessibilità del 15% per inserire l insegnamento della lingua inglese, riducendo, di conseguenza, l orario di altre discipline, fermo restando che il monte ore settimanale degli alunni non potrà essere inferiore a 33 ore settimanali, come da piano orario vigente, in base alla legge provinciale 6 dicembre 1983, n. 48. Per ciascuna delle tre ipotesi è possibile: Utilizzare forme di co-docenza, duttile e flessibile; Modulizzare l apprendimento. Per tutte le opzioni indicate si dovrà prevedere una valutazione periodica e finale sia per l orale che per lo scritto; la lingua inglese sarà oggetto d esame di Stato di licenza media sia come prova scritta, sia in sede di colloquio pluridisciplinare. 3

4 2. OBETTV, METODOLOGE, CONTENUT E VALUTAZONE. Coerentemente con quanto esplicitato in premessa, si postulano una serie di indicazioni metodologiche che ogni insegnante dovrà opportunamente adattare, in sede di programmazione educativo-didattica del consiglio di classe, alla realtà del gruppo classe. 2.1 Sviluppo della competenza linguistico-comunicativa. l docente svilupperà - fin dal primo anno di scuola - mediante l'uso costante della lingua inglese sia da parte sua sia da parte degli studenti, attività comunicative e strategie di ricezione, interazione e produzione, finalizzate all'acquisizione di una competenza linguistico-comunicativa che porti gli studenti a risultati precisi, concreti, misurabili e certificabili sul piano dell'uso linguistico. 2.2 Sviluppo della competenza metalinguistica. l docente di inglese - di concerto con i docenti di italiano e di tedesco - abituerà l'alunno alla riflessione sulla lingua attivando processi che favoriscano le abilità e le strategie più che gli aspetti formali. La riflessione sulla lingua - già richiamata in sede di programmi del '79 - permetterà all'alunno di scoprire autonomamente - attraverso un naturale processo di "apprendere ad apprendere" - le regolarità della lingua inglese. 2.3 Sviluppo della competenza interculturale. l docente di inglese dovrà essere consapevole del ruolo essenziale e strategico che l'apprendimento della lingua inglese può rivestire nella realtà altoatesina, connotata dalla presenza di due culture che si basano su regole, modelli, comportamenti differenti. L'introduzione della lingua inglese, infatti, dovrà facilitare lo sviluppo di un "saper fare culturale", di una competenza di ordine relazionale intesa sia come capacità di interpretare in maniera corretta e razionale altre realtà, sia come capacità di acquisire una condotta di vita responsabile e partecipativa. 2.4 l processo di apprendimento potrà avere - all'interno del normale curricolo - una articolazione modulare. Si intende, per modulo, una unità di apprendimento che indichi - con precisione - attività comunicative, competenze attese, strategie, metodi, strumenti da utilizzare, modalità e criteri di valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati. La verifica delle competenze acquisite al termine del modulo, per mezzo di descrittori in uscita, garantirà trasparenza, 4

5 comunicazione e facilità di certificazione al percorso formativo. Si possono prevedere moduli di tipo intensivo - distribuiti in un arco di tempo breve, paragonabili ad una o più unità didattiche - e moduli di tipo estensivo distribuiti in un arco di tempo più lungo, per esempio periodi di insegnamento. È da rilevare che tale strutturazione dei processi di apprendimento garantisce sia la flessibilità degli itinerari didattici rendendo possibile, ad esempio, il monitoraggio, l'immediata individuazione ed il recupero degli allievi che non sono riusciti ad acquisire gli obiettivi minimi fissati all'interno dei segmenti di apprendimento, sia una più agevole organizzazione delle classi per gruppi di livello e/o di interesse. Sarà opportuno che le competenze raggiunte dall'allievo siano periodicamente riportate in un documento che l'allievo stesso potrà compilare con l'aiuto dell'insegnante di inglese. Tale documento dovrebbe costituire un vero e proprio portfolio linguistico, secondo quanto previsto dal Consiglio d'europa che così lo definisce: "documento in cui gli allievi, in modo sistematico, registrano le loro esperienze ed i traguardi raggiunti in campo linguistico". 2.5 Co-docenza L'utilizzo strategico e flessibile di forme di co-docenza - disciplinata secondo quanto previsto dal D.M. n. 275 del 8 marzo opportunamente inserita ed articolata all'interno dei moduli di apprendimento potrà favorire: - l'integrazione e la sinergia fra i docenti dell'area linguistica e fra gli stessi ed i colleghi dell'area scientifica e delle educazioni, attraverso, per esempio, l'insegnamento veicolare della lingua inglese, di norma nella classe terza; - il monitoraggio sistematico delle prestazioni degli allievi da parte di uno dei docenti in co-docenza; - l'individualizzazione dell'insegnamento, dividendo - se rispondente ai bisogni degli allievi - la classe in due gruppi da alternare nella lezione successiva; - la riflessione sulla lingua e la cultura; - la interazione fra il docente titolare ed l'eventuale lettore di lingua. 2.6 Civiltà e cultura - Domini linguistici. Lo studio della civiltà non dovrà essere inteso come mero apprendimento nozionistico di elementi storici o geografici, ma come approfondimento di tutte quelle forme simboliche - arti, istituzioni, conoscenze - che costituiscono l'insieme degli strumenti di cui una cultura dispone per conservarsi, per affrontare situazioni nuove, per rinnovarsi e progredire. nscindibile, quindi, il nesso fra civiltà e cultura e fra cultura e linguaggio, in quanto la lingua e la cultura non sono separabili. La lingua, infatti, trasmette la cultura ed il docente di lingua 5

6 inglese è, pertanto, docente di cultura. L'allievo altoatesino, accostandosi alla civiltà ed alla cultura inglese ed anglofona, sarà avviato ad un tipo di lettura del "reale" che lo abituerà ad osservare, identificare, descrivere, paragonare i fenomeni e a costruire un sistema di deduzione culturale, superando stereotipi ed idee pregresse. Accanto ad elementi di civiltà quali, ad esempio, il sistema educativo, le istituzioni, i problemi sociali, dovranno essere affrontati, nel corso del triennio, alcuni domini linguistici - ampi ambiti d'uso della lingua - che costituiscono la fonte di situazioni, funzioni e nozioni a dimostrazione ulteriore del nesso inscindibile che esiste fra lingua e cultura. Domini linguistici: - personal identification: (name, address, telephone number, date and place of birth, age, nationality, origin, family, likes and dislikes) - House and home, environment (accommodation, rooms, region, flora and fauna, amenities) - Daily life (at home, at school, at work) - Free time, entertainment (leisure, hobbies and interests, entertainment, cinema theatre, sports, press) - Travel (public transport, private transport, holidays, accommodation, luggage, documents) - Relations with other people (social life, correspondence) - Health and bodycare (parts of the body, personal comfort, hygiene, ailments, accidents, medical services) - Shopping (shopping facilities, foodstuffs, clothes, household articles, prices) - Food and drink (types of food and drink) - Services (post, telephone, police, hospital, petrol station) - Weather (weather conditions) 6

7 2.7 tinerari di auto-apprendimento. n coerenza con la premessa, laddove si postula l'esigenza di coinvolgere attivamente l'alunno nel processo di apprendimento favorendo lo sviluppo contestuale della sua autonomia, si ritiene opportuno attivare presso ogni scuola media un'aula di autoapprendimento - adeguatamente attrezzata - finalizzata a sviluppare nell'allievo la capacità di organizzare il proprio tempo, operare scelte e riflessioni, delineare percorsi, procedere a forme di autovalutazione. l docente di inglese faciliterà l'autoapprendimento dello studente creando, ovvero indicando, materiali funzionali ai compiti richiesti all'alunno e proponendo sia attività di recupero in relazione ad assenze prolungate e a competenze non acquisite, sia approfondimenti e potenziamenti. L'autoapprendimento favorirà da una parte l'acquisizione di fiducia in sé da parte dell'alunno, dall'altra lo abituerà a considerare l'apprendimento come una modalità permanente della sua vita di cittadino. 2.8 Valutazione e verifica. Autovalutazione. La valutazione dell'alunno dovrà essere coerente sia con i criteri stabiliti nella scheda di valutazione, sia con i costrutti teorici di riferimento della scheda stessa che il docente di inglese dovrà tenere ben presenti in ogni momento della sua attività di insegnamento. n particolare, si sottolinea l'importanza che la valutazione sia considerata come processo globale, partecipato, finalizzato all'orientamento ed alla valorizzazione del soggetto. Tale processo dovrà esplicitare - in una logica di trasparenza e coinvolgimento dell'allievo - i livelli da raggiungere e le soglie di accettabilità. mportanza fondamentale rivestono, a tale riguardo, le operazioni di verifica che saranno effettuate dal docente. Tali operazioni, infatti, dovranno essere rigorosamente coerenti con i criteri fissati nella scheda di valutazione. n considerazione dell'importanza che assume l'individuazione di descrittori dei livelli di competenza comunicativa raggiunti dagli allievi si ritiene necessario offrire un vero e proprio repertorio di descrittori di competenza, desunto dal Quadro comune di riferimento del Consiglio d'europa e adattato alla particolare fascia d'età degli alunni che frequentano la scuola media. Le scale di descrittori sono presentate secondo una tripartizione che prevede: - attività comunicative - strategie - competenze linguistico-comunicative Le attività comunicative interessano la ricezione, l'interazione e la produzione. Le competenze linguistico-comunicative attengono alla sfera pragmatica (scioltezza nel parlato, flessibilità, coerenza, precisione) e linguistica 7

8 (estensione e controllo). Le strategie possono essere considerate la cerniera tra le competenze e le attività. Sono il mezzo utilizzato dallo studente per ottenere il massimo di efficacia del messaggio. È un vero e proprio repertorio che l'insegnante utilizzerà per la individuazione dei descrittori dei livelli di competenza comunicativa nel corso dei tre anni di scuola media. A fianco di ogni descrittore è stata indicata la classe in cui - presumibilmente - le attività comunicative, le strategie e le competenze di tipo linguistico comunicativo saranno opportunamente sviluppate. Tale repertorio costituisce, pertanto, una vera e propria matrice generativa di obiettivi e di coerenti prove di verifica per il docente, che potrà operare scelte funzionali ai bisogni linguistici degli alunni, in una logica di programmazione e progettazione di percorsi modulari. Tali scelte, in ogni caso, dovranno condurre l'allievo - alla fine del ciclo della scuola media - a conseguire il livello di autonomia linguistico-comunicativa sottoindicato: L'allievo comprende i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero, i domini linguistici affrontati nel corso del ciclo della scuola media, quando è esposto ad un linguaggio chiaro e standard. Sa affrontare situazioni che possono verificarsi mentre viaggia nel paese in cui si parla la lingua. È in grado di produrre un testo semplice relativo ad argomenti che siano familiari o di interesse personale. È in grado di descrivere esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze e ambizioni e spiegare brevemente le ragioni delle sue opinioni e dei suoi progetti. 8

9 3. ATTVTÀ D FORMAZONE A sostegno dell innovazione è prevista un articolata azione di formazione dei docenti di inglese L3, affinché introducano nelle pratiche didattiche ordinarie i suggerimenti raccolti nelle indicazioni metodologiche che accompagnano i programmi, anche al fine di facilitare il raccordo con le eventuali modifiche legate al riordino dei cicli. 9

10 REPERTORO D DESCRTTOR: ATTVTÀ COMUNCATVE Orale Scritto Orale Scritto Orale Comprensione orale globale Comprensione scritta nterazione orale globale nterazione scritta globale Produzione orale globale RCEZONE Ascolto come membro di un pubblico Ascolto di istruzioni Ascolto di dialoghi e testi registrati Ascolto di filastrocche, canzoni e film Lettura di corrispondenza Lettura per orientarsi Lettura per informazione Lettura di istruzioni NTERAZONE Comprensione nell interazione con parlante nativo con parlanti nativi Conversazione Discussione informale Ottenere beni e servizi Scambio di informazioni ntervistare ed essere intervistato Corrispondenza Note, messaggi, moduli PRODUZONE Scritto Produzione scritta globale Scrittura creativa Monologo assistito: descrizione di esperienze Annunci pubblici Parlare ad un pubblico 10

11 1. RCEZONE Orale Scritto Comprensione orale globale Comprensione scritta globale Ascolto come membro di un pubblico Ascolto di istruzioni Ascolto di dialoghi e testi registrati Ascolto di filastrocche, canzoni e film Lettura di corrispondenza Lettura per orientarsi Lettura per informazione Lettura di istruzioni 1.1 Ricezione Ascolto COMPRENSONE ORALE GLOBALE Capisce frasi ed espressioni relative ad aree di immediata priorità (es. informazioni elementari sulla famiglia, sugli acquisti, sulla geografia locale, sulla scuola) Comprende abbastanza per far fronte a bisogni immediati di tipo concreto se il discorso è articolato lentamente e chiaramente. Comprende un intervento orale se esso è accuratamente articolato e contiene lunghe pause che gli/le permettono di coglierne il senso. Comprende i punti principali di un discorso standard chiaro su argomenti familiari regolarmente incontrati al lavoro, a scuola, nel tempo libero ecc. Comprende informazioni dirette e fattuali su argomenti quotidiani o relativi alla scuola, identificando i messaggi generali e i dettagli specifici, se il discorso è chiaramente articolato in un accento familiare. ASCOLTO D ANNUNC E STRUZON Comprende istruzioni se date lentamente e attentamente e segue brevi e semplici istruzioni. Comprende semplici indicazioni relative a come andare da X a Y, a piedi o col trasporto pubblico. Coglie il punto principale in messaggi e annunci brevi, semplici e chiari. Segue istruzioni dettagliate. Comprende semplici informazioni tecniche, come le istruzioni operative per uso quotidiano. 11

12 ASCOLTO D REGSTRAZON Comprende ed estrae le informazioni essenziali da un breve testo registrato che verte su fatti quotidiani prevedibili esposti chiaramente e lentamente. Comprende i punti principali di semplice materiale registrato su argomenti familiari se esposti in modo relativamente chiaro e lentamente. Comprende il contenuto delle informazioni della maggioranza di materiali trasmessi o registrati su argomenti di interesse personale esposti in chiaro linguaggio standard. 1.2 Ricezione Lettura COMPRENSONE D LETTURA GLOBALE Comprende testi molto brevi, molto semplici, una singola frase per volta, cogliendo nomi familiari, parole e frasi basilari, rileggendoli se richiesto. Comprende testi brevi e semplici che contengono lessico di uso molto frequente, compreso un certo numero di termini internazionali condivisi. Comprende testi semplici e brevi su argomenti comuni di tipo concreto in un linguaggio quotidiano di largo uso relativo al contesto scolastico. Legge con un soddisfacente livello di comprensione testi pratici su argomenti relativi al suo campo di studio e ai suoi interessi. LETTURA D CORRSPONDENZA Comprende brevi e semplici messaggi su cartoline. Comprende brevi e semplici lettere personali. Comprende tipologie base di lettere e fax di routine (richiesta di informazioni, lettere di conferma ecc.) su argomenti familiari. Legge abbastanza bene la descrizione di avvenimenti, sentimenti e auguri in lettere personali su argomenti familiari. LETTURA PER ORENTARS Riconosce nomi, parole e frasi familiari su semplici cartelli nelle più comuni situazioni quotidiane. Comprende segnali e avvisi di uso quotidiano: in luoghi pubblici, come strade, ristoranti, stazioni ferroviarie, posti di lavoro, quali indicazioni, istruzioni e avvisi di pericolo. Sa collocare informazioni specifiche in elenchi appropriati e isolare le informazioni richieste (es. usare le pagine gialle per trovare un servizio o un prodotto). Sa trovare informazioni specifiche, prevedibili nel materiale di uso quotidiano, come pubblicità, prospetti, menù, elenchi e liste di riferimento, orari. 12

13 Sa trovare e capire informazioni rilevanti in materiale di uso quotidiano, come lettere, opuscoli e brevi documenti ufficiali. Sa leggere globalmente testi lunghi per trovare l informazione desiderata e raccogliere informazioni da parti diverse di un testo, o da diversi testi, per svolgere un preciso compito. LETTURA PER NFORMAZONE Sa cogliere il senso del contenuto di materiali informativi molto semplici e di brevi e facili descrizioni, specialmente se accompagnati da supporto visivo. Sa identificare informazioni specifiche in documenti scritti molto semplici, quali lettere, opuscoli e brevi articoli di giornale che descrivono avvenimenti. Sa riconoscere i punti significativi in articoli di giornale diretti, su argomenti familiari. Sa riconoscere la linea argomentativa nel modo in cui viene presentato l argomento (anche se non necessariamente in dettaglio). Sa identificare le principali conclusioni in testi apertamente argomentativi. LETTURA D STRUZON Sa eseguire delle indicazioni scritte brevi e semplici (es. vai da X a Y). Comprende semplici istruzioni su apparecchi che si usano nella vita quotidiana, come i telefoni pubblici Comprende i regolamenti, per esempio relativi alla sicurezza, se espressi in linguaggio semplice. Comprende semplici, dirette istruzioni scritte riguardanti un apparecchiatura tecnica. 2. NTERAZONE Orale nterazione orale globale Comprensione nell interazione: comprendere un interlocutore parlante nativo Conversazione Discussione informale Ottenere beni e servizi Scambio di informazioni ntervistare ed essere intervistati 13

14 Scritto Comprensione scritta globale Corrispondenza Note, messaggi, moduli 2.1 nterazione Parlato NTERAZONE ORALE GLOBALE È in grado di interagire in modo semplice, ma la comunicazione dipende interamente dalla ripetizione in modo più lento, dal ricomporre la frase e dalla correzione. Sa fare domande semplici e rispondere, sa prendere l iniziativa di parlare e rispondere a semplici affermazioni in ambiti di bisogno immediato o su argomenti molto familiari. È in grado di comunicare in attività semplici e di routine che richiedono un semplice e diretto scambio di informazioni su argomenti familiari o di routine che riguardano la scuola e il tempo libero. Sa gestire brevissimi dialoghi di tipo sociale, ma non è in grado, o riesce raramente, a comprendere abbastanza per mantenere la conversazione come vorrebbe lui/lei. È in grado di interagire con ragionevole disinvoltura nelle situazioni strutturate e in brevi conversazioni, purché l interlocutore aiuti se necessario. Sa gestire dialoghi di routine senza molto sforzo, sa fare domande e rispondere e scambiare idee e informazioni su argomenti familiari in situazioni quotidiane prevedibili. È in grado di utilizzare un ampia gamma di linguaggio semplice per trattare la maggior parte di situazioni che possono verificarsi in viaggio. Può intervenire, senza specifica preparazione, in conversazioni su argomenti familiari, esprimere opinioni personali e scambiare informazioni su argomenti che siano familiari, di interesse personale o pertinenti alla vita quotidiana (es. famiglia, passatempi, lavoro, viaggio e avvenimenti di attualità). COMPRENDERE UN PARLANTE NATVO Comprende domande e istruzioni rivoltegli/le lentamente e riesce a seguire indicazioni semplici e dirette. Comprende espressioni di vita quotidiana che mirano a soddisfare semplici bisogni di tipo concreto, espressegli/le direttamente in modo chiaro, lento e ripetuto da un interlocutore disponibile e comprensivo. Riesce a seguire ciò che gli/le viene detto lentamente e direttamente nella conversazione quotidiana, se l interlocutore 14

15 fa lo sforzo di farsi capire. Comprende generalmente un discorso chiaro, comune, su argomenti familiari che gli/le viene fatto, purché possa chiedere di ripetere e di riformulare la frase ogni tanto. Comprende abbastanza da poter condurre dei dialoghi di routine brevi e semplici senza sforzo. Riesce a seguire un discorso articolato diretto a lui/lei nella conversazione quotidiana, anche se chiederà qualche volta di ripetere parole o frasi particolari. COMPRENDERE L NTERAZONE TRA PARLANT NATV Riesce generalmente a identificare l argomento di discussione che viene esposto lentamente e chiaramente quando vi è presente. Riesce a seguire i punti principali di una discussione estesa che avviene in sua presenza, purché il discorso sia chiaramente articolato in una varietà linguistica standard. CONVERSAZONE Comprende espressioni di vita quotidiana che mirano a soddisfare semplici bisogni di tipo concreto, che gli/le vengono rivolte direttamente in modo chiaro, lento e ripetuto da un interlocutore disponibile e comprensivo. Sa chiedere alle persone come stanno e reagire appropriatamente alle informazioni che gli/le vengono date. Sa presentarsi/re e usare espressioni base di saluto e di commiato. Sa dire quello che gli/le piace o non gli/le piace. Sa fare e rispondere ad inviti e a scuse formali. Sa usare forme di cortesia semplici e quotidiane per salutare e rivolgersi agli altri. Sa interagire con ragionevole facilità in situazioni strutturate e brevi conversazioni, purché l altra persona lo/la aiuti se necessario. Sa dire come si sente in termini semplici e esprimere ringraziamento. È in grado di partecipare a brevi conversazioni in contesti di routine su argomenti di interesse. Comprende generalmente discorsi chiari, di tipo standard, a lui/lei rivolti, su argomenti familiari. È in grado di stabilire contatti sociali: saluti di benvenuto, di commiato, presentazioni, ringraziamenti. Sa esprimere e mostrare reazioni a sentimenti quali sorpresa, 15

16 felicità, tristezza, interesse e indifferenza. Riesce a mantenere una conversazione o discussione, ma può a volte essere difficile seguirlo/la quando prova a dire esattamente quello che vorrebbe. Riesce a seguire un discorso chiaramente articolato diretto a lui/lei nella conversazione quotidiana, sebbene debba a volte chiedere di ripetere qualche frase o parola particolare. È in grado di entrare in una conversazione estemporanea su argomenti familiari. DSCUSSONE NFORMALE (TRA AMC) Sa discutere su cosa fare, dove andare e prendere accordi per incontrarsi. Sa discutere su argomenti pratici quotidiani in un modo semplice quando gli/le vengono presentati lentamente e chiaramente. Sa esprimere il consenso o il disaccordo con gli altri. Sa fare e rispondere a proposte. Sa discutere su cosa fare la sera, nel fine settimana. Sa generalmente identificare l argomento di discussione se condotto in maniera lenta e chiara in sua presenza. È in grado di esprimere un idea, un opinione, accordo o disaccordo in modo educato. È in grado di esprimere le sue opinioni e le sue reazioni che riguardano soluzioni a problemi pratici o domande pratiche su dove andare, cosa fare, come organizzare qualcosa (es. un uscita).generalmente è in grado di seguire i punti principali di una discussione informale con amici, purché il discorso sia articolato chiaramente in una varietà linguistica standard. È in grado di paragonare e di evidenziare contrasti tra le alternative, discutendo su che cosa fare, dove andare, chi o che cosa scegliere ecc. È in grado di fare brevi commenti sui punti di vista degli altri. È in grado di seguire molto di ciò che viene detto in sua presenza su argomenti generali, purché l interlocutore eviti un uso eccessivo di espressioni idiomatiche e articoli le parole chiaramente. COOPERAZONE ORENTATA (discutere un documento, organizzare un incontro) È in grado di chiedere e dare cose alle persone. È in grado di comprendere domande e istruzioni rivoltegli/le attentamente e lentamente e di seguire brevi, semplici indicazioni. 16

17 e È in grado di comunicare in attività semplici e di routine usando frasi semplici per chiedere e fornire cose, per ottenere semplici informazioni e per discutere su cosa fare dopo. È in grado di indicare quando sta seguendo e se l interlocutore lo rende possibile, riesce a far capire quanto è necessario. È in grado di capire abbastanza per condurre semplici attività di routine senza un grande sforzo, chiedendo semplicemente che venga ripetuto ciò che non ha compreso. È in grado di invitare gli altri a dare il loro punto di vista su come procedere. Di solito è in grado di seguire quanto viene detto e, se necessario, sa ripetere parte di ciò che qualcuno ha detto per confermare la comprensione reciproca. È in grado di fare brevi commenti sui punti di vista degli altri. OTTENERE BEN E SERVZ Sa gestire numeri, quantità, costi e tempo. Sa chiedere per avere e sa dare cose alle persone. Sa ordinare un pasto. Sa fare semplici spese indicando cosa vuole e chiedendo il prezzo. Sa dare e ricevere informazioni sulle quantità, sui numeri e prezzi. Sa chiedere articoli e fare semplici transazioni nei negozi, uffici postali o banche. Sa ottenere brevi informazioni sui viaggi, sull uso del trasporto pubblico: autobus, treni e taxi, chiedere e dare indicazioni e comprare i biglietti. Sa chiedere e fornire a tutti beni e servizi. Sa ottenere tutte le informazioni necessarie da un ufficio di turismo, purché siano di natura diretta e non specializzata. SCAMBO D NFORMAZON Sa fare domande e rispondere su se stesso/a e su altri, sulla residenza, sulle conoscenze personali, sulle cose possedute. Sa fare domande semplici e rispondere, iniziare e rispondere ad affermazioni elementari in ambiti familiari o per soddisfare bisogni immediati. Sa comprendere istruzioni semplici espresse con cura e lentamente, seguire indicazioni brevi e semplici. Sa chiedere e fornire informazioni di tipo personale. Sa scambiare informazioni circa le attività del tempo libero. Sa scambiare informazioni elementari su ambiti familiari e di routine. 17

18 Sa destreggiarsi nella comunicazione in compiti semplici e diretti. Sa dare indicazioni semplici, es. spiegare come arrivare da qualche parte, le regole di un gioco. Sa fare domande e rispondere su passatempi e attività passate. Sa fare domande e rispondere su abitudini e routine. Sa comprendere a sufficienza per scambiare informazioni su argomenti familiari in situazioni quotidiane prevedibili. Sa indicare il tempo in frasi quali la settimana prossima, venerdì scorso, a novembre, alle tre. Sa ottenere informazioni più dettagliate. NTERVSTARE ED ESSERE NTERVSTAT Sa rispondere a domande semplici e dirette su aspetti personali, espresse lentamente e chiaramente in un linguaggio diretto e non idiomatico. Sa rispondere a semplici domande e reagire ad affermazioni elementari in un intervista. Sa farsi comprendere in un intervista e comunicare idee e informazioni in ambiti familiari, purché possa chiedere qualche chiarimento e gli/le sia dato aiuto per esprimere ciò che vuole. Sa usare un questionario per svolgere un intervista strutturata, seguito da qualche interazione spontanea. Sa prendere l iniziativa in un intervista o in una indagine (es. proporre un nuovo argomento), ma rimane molto dipendente dalla interazione dell interlocutore. Sa svolgere un intervista personale, controllando e confermando le informazioni, sebbene possa dover richiedere una ripetizione nel caso in cui l interlocutore parli troppo velocemente o troppo a lungo. Sa offrire informazioni concrete richieste in un intervista o in una indagine (es. descrivere i sintomi ad un medico), ma lo fa con una precisione approssimativa. 2.2 nterazione Scritto NTERAZONE SCRTTA - GLOBALE Sa chiedere o descrivere dettagli personali in forma scritta. Sa scrivere brevi e semplici appunti relativi ad argomenti in campi di bisogno immediato. 18

19 Sa scrivere lettere personali e appunti in cui si chiedono o si inviano semplici informazioni di immediato rilievo, rendendo visibili i punti che ritiene siano importanti. CORRSPONDENZA Sa scrivere semplici cartoline. Sa scrivere lettere personali convenzionali, es. per ringraziare. Sa scrivere lettere personali molto semplici esprimendo ringraziamenti e scuse. Sa scrivere lettere personali descrivendo esperienze, sentimenti e fatti con una certa accuratezza. Sa scrivere lettere personali fornendo notizie ed esprimendo pensieri su argomenti astratti o culturali, come musica e film. NOTE - MESSAGG - MODUL Sa scrivere numeri e date, il suo nome, nazionalità, indirizzo, età, data di nascita o di arrivo nel paese ecc., come un modulo di albergo. Sa scrivere un messaggio breve e semplice, purché possa chiedere di ripetere e riformulare. Sa scrivere note e messaggi relativi ad argomenti di ambiti di soddisfazione di bisogni immediati. Sa scrivere note agli amici, mettersi in contatto con la gente, gli insegnanti o altri che appartengono alla sua vita quotidiana. 3. PRODUZONE Orale Produzione orale globale Monologo assistito: descrizione di esperienze Annunci pubblici Parlare ad un pubblico Scritto Produzione scritta globale Scrittura creativa 3.1 Produzione - Orale PRODUZONE ORALE GLOBALE Sa produrre frasi semplici su luoghi e persone. Sa dare una semplice descrizione o presentazione di frasi semplici su persone, sulle condizioni di vita o di lavoro, routine quotidiane, su ciò che gli/le piace o che non gli/le piace ecc., quali una serie di frasi semplici collegate ad una lista. Sa produrre testi brevi costituiti da frasi correlate su aspetti quotidiani della propria vita, attività passate, interessi personali ed esperienze. Sa fare, in maniera abbastanza scorrevole, una descrizione diretta di una delle varietà di argomenti entro il suo campo di interesse, presentandolo come sequenza lineare di punti. MONOLOGO ASSSTTO: DESCRZONE D ESPERENZE Sa descrivere se stesso/a, cosa fa e dove abita. Sa descrivere gente, luoghi e proprietà in termini elementari. Sa descrivere la propria famiglia, le condizioni di vita, il retroterra culturale, il lavoro attuale o l ultimo lavoro svolto. Sa spiegare cosa gli/le piace o non gli/le piace in relazione a qualcosa. Sa usare un linguaggio descrittivo elementare per fare brevi affermazioni e paragonare oggetti e proprietà. Sa descrivere progetti ed accordi, abitudini e routine, attività passate ed esperienze personali. Sa fornire brevi descrizioni basilari di eventi ed attività. Sa descrivere gli aspetti quotidiani del proprio ambiente: es. gente, luoghi, esperienze di studio o di lavoro. 19

20 Sa raccontare una storia. Sa descrivere eventi, reali o immaginari. Sa raccontare la trama di un libro, un film e sa descrivere le sue reazioni. Sa riferire dettagli basilari su eventi imprevisti come per es. un incidente. ANNUNC PUBBLC Può fare brevi annunci mimati su argomenti di vita quotidiana i quali, pure viziati da intonazioni e accento non nativi, sono tuttavia chiaramente intellegibili. Può fare immediati annunci su argomenti familiari di interesse con una pronuncia chiaramente intelligibile. PARLARE AD UN PUBBLCO Sa leggere un brevissimo annuncio ripetuto in precedenza, per es. presentare un oratore, offrire un panino. Sa rispondere a domande in successione se può chiedere alcune ripetizioni e fruire di qualche aiuto nel formulare la risposta. Sa fare una breve presentazione basilare di argomenti familiari. Sa rispondere ad un numero limitato di domande in successione e sa fare una breve presentazione di un argomento pertinente al proprio vissuto quotidiano, dare spiegazioni in breve e ragioni per opzioni, piani, azioni. Sa fare una presentazione diretta preparata su argomenti familiari, che può essere seguita senza difficoltà per la maggior parte del tempo, nella quale i punti salienti sono spiegati con ragionevole precisione. Sa rispondere a domande in successione, ma potrebbe dover chiedere di ripeterle se il discorso è stato rapido. 3.2 Produzione - Scritto PRODUZONE SCRTTA GLOBALE Sa scrivere semplici frasi isolate. Sa scrivere una serie di frasi semplici legate con connettori come e, ma e perché. Sa scrivere direttamente testi collegati su una gamma di argomenti familiari entro il suo campo di interesse, unendo una serie di elementi più brevi in una sequenza lineare. SCRTTURA CREATVA Sa scrivere semplici frasi su se stesso/a o personaggi immaginari, sull abitazione e su varie attività. Sa scrivere semplici biografie immaginarie o componimenti brevi su persone. Sa scrivere una serie di frasi semplici sulla propria famiglia, sulle condizioni di vita, sul retroterra culturale, sul lavoro attuale o sull ultimo lavoro svolto. Sa scrivere brevi basilari descrizioni di eventi, esperienze personali e attività recenti. Sa scrivere sugli aspetti quotidiani del proprio ambiente, sulla gente, sui luoghi, sulle esperienze di lavoro e di studio con frasi connesse. Sa raccontare una storia. Sa descrivere un evento, un viaggio recente, reale o immaginario. Sa riferire su una esperienza fatta, descrivere sentimenti e reazioni in un testo semplice. Sa scrivere dettagliate descrizioni su una varietà di argomenti familiari nel suo campo d interesse. RELAZON E SAGG Sa scrivere brevi e semplici saggi su argomenti di interesse. 20

21 STRATEGE Pianificazione Esecuzione Valutazione Correzione RCEZONE NTERAZONE PRODUZONE dentificare indizi e fare deduzioni. Prendere la parola. Cooperare. Chiedere chiarimenti. Chiedere chiarimenti. Correzione della comunicazione. Ripetere (provare) Compensazione 1. Strategie di ricezione DENTFCARE NDZ E FARE DEDUZON (orale e scritto) È capace di utilizzare il senso generale di testi brevi o enunciati su argomenti di ogni giorno di tipo concreto per dedurre dal contesto il probabile significato di parole sconosciute. È capace di identificare dal contesto parole non familiari su argomenti relativi a campi di suo interesse. È capace di estrapolare dal contesto il significato di parole non note e di dedurre il significato della frase se conosce l argomento in discussione. 2. Strategie di interazione PRENDERE LA PAROLA È capace di attirare l attenzione. È capace di iniziare, sostenere e concludere una conversazione semplice con un solo interlocutore. È capace di usare semplici tecniche per iniziare, sostenere o terminare una breve conversazione. È capace di iniziare, sostenere e concludere una semplice conversazione con un interlocutore su argomenti familiari o di interesse personale. È capace di intervenire in una discussione su un argomento familiare, usando un espressione adatta per mantenere aperta la conversazione. COOPERARE È capace di indicare quando sta seguendo ciò che viene detto. È capace di ripetere parte di ciò che uno ha detto per confermare la reciproca comprensione. È capace di aiutare a mantenere lo sviluppo delle idee in corso. È capace di invitare altri nella discussione. CHEDERE PER AVERE CHARMENT È capace di chiedere chiarimenti su parole chiave o frasi non comprese utilizzando frasi stereotipate. È capace di dire di non aver seguito. È capace di chiedere a qualcuno di chiarire o elaborare quanto è stato appena detto. 21

22 3. Strategie di produzione PANFCAZONE È capace di ricavare dal suo repertorio linguistico una serie di frasi appropriate e di ripeterle. È capace di ripetere e ricercare nuove combinazioni ed espressioni, stimolando un feedback. COMPENSAZONE È capace di far capire la parola che vuole dire indicando (es. vorrei questo, per favore ). È capace di usare una parola inadeguata attinta dal suo repertorio e di usare gesti che chiariscono ciò che vuol dire. È capace di trasformare una parola della sua lingua in una parola straniera e chiedere conferma. È capace di usare una semplice parola volendo dare il significato di qualcosa di simile al concetto che intende esprimere e di invitare alla correzione. CONTROLLO E CORREZONE È capace di iniziare di nuovo, usando una tattica differente, quando la comunicazione si interrompe. È capace di chiedere conferma della correttezza di una forma usata. 22

23 COMPETENZA LNGUSTCO-COMUNCATVA Scioltezza nel parlato Flessibilità Coerenza Precisione PRAGMATCA LNGUSTCA ESTENSONE: estensione generale; estensione del lessico. CONTROLLO: accuratezza grammaticale; controllo del lessico; controllo fonologico; controllo ortografico. 1. PRAGMATCA SCOLTEZZA DEL PARLATO È in grado di produrre frasi molto brevi, isolate, già confezionate, con molte pause alla ricerca di espressioni utili ad articolare parole meno familiari e a correggere la comunicazione. È in grado di costruire frasi su argomenti familiari con sufficiente disinvoltura per gestire scambi brevi malgrado evidenti esitazioni e false partenze. È in grado di farsi capire in brevi interventi, sebbene vi siano evidenti pause, partenze false e riformulazioni. È in grado di continuare un discorso in modo comprensibile, anche se con pause per riflettere sugli aspetti grammaticali e lessicali e con evidenti correzioni, specialmente in situazioni di produzione libera. È in grado di esprimersi con relativa disinvoltura. Nonostante si manifestino alcuni problemi di formulazione, con pause e vicoli ciechi, è in grado di continuare in modo efficace senza aiuto. FLESSBLTA` È in grado di espandere frasi apprese attraverso una semplice ricombinazione dei loro elementi. È in grado di riutilizzare semplici frasi memorizzate tramite ripetizioni, in particolari circostanze, attraverso sostituzioni lessicali limitate. È in grado di utilizzare un ampia gamma di linguaggio semplice in modo flessibile per esprimere in gran parte ciò che vuole. COERENZA È in grado di unire parole o gruppi di parole con connettori semplici quali e oppure poi. È in grado di unire gruppi di parole con semplici connettori quali e, ma, perché. È in grado di usare i connettori più frequenti per unire semplici frasi al fine di raccontare una storia o descrivere qualcosa come una semplice elencazione di punti. È in grado di unire una serie di brevi, semplici elementi in una sequenza lineare e coesa. PRECSONE È in grado di comunicare ciò che vuole dire con un semplice e diretto scambio di informazioni limitate a questioni familiari e di routine. È in grado di esprimere il punto principale che vuole rendere comprensibile. È in grado di trasmettere una semplice e diretta informazione di rilevanza immediata, comunicando con successo il punto che ritiene più importante. È in grado di esprimere i punti principali di un idea o problema con giusta precisione. 23

24 2. LNGUSTCA ESTENSONE GENERALE Possiede una gamma elementare di espressioni concernenti dettagli personali e bisogni di tipo concreto. Possiede un repertorio limitato di brevi frasi memorizzate, che coprono situazioni prevedibili di sopravvivenza: in situazioni non di routine si notano frequenti interruzioni e incomprensioni. È in grado di usare frasi tipo e comunicare con frasi memorizzate, gruppi di poche parole e frasi fatte su se stesso/a e altri, su ciò che fanno, su luoghi, cose possedute, ecc. È in grado di produrre brevi espressioni d uso quotidiano per soddisfare semplici bisogni di tipo concreto: dettagli personali, routine, necessità e bisogni, richieste di informazioni. Possiede un repertorio linguistico di base che gli permette di trattare situazioni quotidiane di contenuti prevedibili, sebbene generalmente debba negoziare il messaggio e la ricerca di parole. Possiede un linguaggio sufficiente per cavarsela, con lessico adeguato ad esprimersi con qualche esitazione e circonlocuzioni su argomenti quali la famiglia, i passatempi e interessi, lavoro, viaggi e avvenimenti di attualità, ma alcune limitazioni lessicali causano ripetizioni e persino, a volte, difficoltà nella formulazione. Possiede una sufficiente gamma di linguaggio per descrivere situazioni non prevedibili, per spiegare i punti principali di un idea o i problemi con una certa precisione ed esprimere pensieri o argomenti astratti e culturali quali musica e film. CONTROLLO LESSCALE È in grado di controllare un repertorio ristretto relativo a bisogni concreti della vita di tutti i giorni. Mostra un buon controllo del lessico elementare, ma si possono manifestare gravi errori quando esprime pensieri più complessi o tratta argomenti e situazioni non familiari. CONTROLLO FONOLOGCO La pronuncia di un repertorio limitato di parole e frasi apprese, che può essere compresa con qualche sforzo da parte di nativi, viene usata con parlanti del suo gruppo linguistico. La pronuncia è generalmente abbastanza chiara da essere capita malgrado un notevole accento straniero, ma gli interlocutori di tanto in tanto chiedono di ripetere. La pronuncia è chiaramente comprensibile anche se un accento straniero è qualche volta evidente e occasionalmente viene usata in modo improprio e non corretto. CONTROLLO ORTOGRAFCO È capace di copiare parole familiari e brevi frasi per es. semplici segnali o istruzioni, nomi di oggetti usati ogni giorno, nomi di negozi e una serie di frasi usate giornalmente. È capace di nominare in ordine le lettere che compongono il suo indirizzo, la nazionalità ed altri dettagli personali. È capace di copiare brevi frasi riferite ad argomenti di tutti i giorni per es. la direzione per raggiungere un posto. È capace di scrivere con ragionevole accuratezza fonetica (ma non necessariamente con ortografia pienamente corretta) parole brevi che fanno parte del suo repertorio orale. È capace di produrre un breve testo scritto che generalmente è facilmente comprensibile. L ortografia, la punteggiatura e la pianificazione del testo sono abbastanza accurate da permetterne una lettura scorrevole per la maggior parte del tempo. 24

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato:

Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2. A cura degli Enti certificatori dell italiano L2. Hanno collaborato: 1 Sillabo di riferimento per i livelli di competenza in italiano L2: Livello A2 A cura degli Enti certificatori dell italiano L2 Hanno collaborato: Serena Ambroso, Massimo Arcangeli, Monica Barni, Giuliana

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue:

Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue: Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimento insegnamento valutazione Cap. 3 I Livelli comuni di riferimento 3.1 CRITERI PER I DESCRITTORI DEI LIVELLI COMUNI DI RIFERIMENTO Uno degli

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI Procedure e Strumentario per il riconoscimento dei crediti Prova sul Campo 2012 Il gruppo di lavoro Ricreare

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli